Corso Sistemi Telematici A SISTEMI DI GESTIONE DELLA REPUTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Sistemi Telematici A. 2006 SISTEMI DI GESTIONE DELLA REPUTAZIONE"

Transcript

1 Corso Sistemi Telematici A SISTEMI DI GESTIONE DELLA REPUTAZIONE Valerio Melani 9 Giugno /06/06 Valerio Melani 1

2 Introduzione Reputazione:opinione o immagine di qualcuno riguardo qualcosa La reputazione è uno dei meccanismi principali per la selezione di un partner Sistemi reputazionali:sistemi di aggregazione e computazione delle valutazioni fornite dagli utenti su dei partner I Sistemi reputazionali rappresentano e gestiscono la reputazione in un sistema telematico, distribuito e dinamico Scopo dei sistemi reputazionali:supporto per la creazione di legami fiduciari, stimolando la cooperazione fra agenti economici sparsi geograficamente (Internet) Esempi principali: ebay, elance, Slashdot, Epinions, Venere 06/06/06 Valerio Melani 2

3 Sistemi Reputazionali-1 Rating: Singola opinione sui risultati di una transazione Ratee: Soggetto valutato; Rater: Soggetto valutatore Collector: Raccoglie i rating dei raters Processor: Aggrega ed elabora i ratings Emitter: Pubblica la reputazione dei soggetti valutati 06/06/06 Valerio Melani 3

4 Sistemi Reputazionali-2 Sistemi reputazionali centralizzati / distribuiti: centralizzate quando esiste un unica entità processor, distribuite quando ne esistono più di una Sistemi reputazionali globali / locali: globali quando esiste un singolo valore reputazionale per agente, locali quando il valore reputazionale dipende dall agente che ha richiesto l informazione (Personalizzazione della reputazione) 06/06/06 Valerio Melani 4

5 Reputazione nel commercio elettronico Effetti emergenti dall implementazione dei sistemi reputazionali: Incrementa la fiducia fra le parti Diminuizione dei prezzi Malgrado non esistano reali incentivi, i feedbacks sono forniti oltre il 50% delle volte (ebay) Oltre ogni aspettativa ragionevole, i feedbacks sono quasi sempre positivi (ebay) I venditori con reputazione migliore vendono più facilmente i loro prodotti Dato che i sistemi reputazionali influenzano notevolmente il comportamento dei consumatori, sorge l esigenza di prevenire le truffe e comportamenti disonesti dei raters 06/06/06 Valerio Melani 5

6 Dimensioni della reputazione La reputazione è un concetto multidimensionale, che quindi presenta tante sfaccettature Dimensione cognitiva: distinzione fra immagine e reputazione, decisioni mentali sulla base di esse Dimensione individuale: giudizio sulla base delle esperienze dirette degli utenti Dimensione sociale: condivisione delle esperienze all interno di una comunità Dimensione ontologica: l opinione complessiva su una entità è il risultato del giudizio su vari aspetti della stessa Dimensione fiduciaria: influenza della reputazione nella formazione dei rapporti fiduciari 06/06/06 Valerio Melani 6

7 Dimensione cognitiva-1 Valutazione sociale:giudizio condiviso da una comunità di agenti, credenza valutativa sull utilità per raggiungere uno scopo Immagine: valutazione globale o media di un dato agente target Reputazione:(secondo la distinzione fatta da Paolucci) processo ed effetto della comunicazione di una valutazione senza la specificazione del valutatore Legame fra la nascita dell immagine e la diffusione della reputazione: L informazione viene acquisita all inizio dall esperienza L esperienza forma una immagine Può essere trasmessa l immagine (specificando il valutatore) o la reputazione (non specificando il valutatore) La presenza di reputazione su un dato target influenza successivamente il comportamento del target e del valutatore 06/06/06 Valerio Melani 7

8 Dimensione cognitiva-2 Tutto ciò rafforza l esito della prima esperienza e delle successive formazioni di immagini Abbiamo una immagine quando è specificata la sorgente dell informazione, altrimenti abbiamo una reputazione La differenza fondamentale è la responsabilità che emerge dalla trasmissione della valutazione Le performance del sistema reputazionale migliorano (in termini di velocità di diffusione delle informazioni) se si consente la diffusione di informazioni senza assunzione di responsabilità (es. REPAGE) 06/06/06 Valerio Melani 8

9 Dimensione cognitiva-3 Decisioni mentali sulla base delle immagini e reputazioni: Livello epistemico: accettazione della credenza fornita da una data immagine o essere d accordo con una data reputazione Livello pragmatico-strategico: utilizzo di una immagine per decidere se interagire o meno con il target Livello memetico: decisione se trasmettere o meno agli altri una propria credenza valutativa (o di altri) su un dato target Immagine e reputazione sono due oggetti distinti, entrambe riguardano le proprietà di un dato agente (attitudine ad avere un comportamento desiderabile), ma operano a due livelli diversi: l immagine è una credenza e la reputazione è una meta-credenza 06/06/06 Valerio Melani 9

10 Dimensione individuale Modella l interazione diretta tra il compratore e il venditore: La reputazione si forma attraverso le esperienze dirette degli utenti Viene preso in considerazione l esito effettivo di una transazione Dimensione sociale-1 Modella la reputazione nell ambito delle relazioni di gruppo: Un individuo eredita le reputazioni condivise dal proprio gruppo di appartenenza Esperienza degli altri membri come completamento dell esperienza personale 06/06/06 Valerio Melani 10

11 Dimensione sociale-2 Stereotipi: insiemi di caratteristiche, preferenze, gusti appartenenti ad un utente, individuabili attraverso la profilazione. Lo stereotipo modella un singolo aspetto dell utente Comunità: insieme di stereotipi che modellano l utente, uno stereotipo per ogni aspetto dell utente Raggruppamento degli utenti: 1) Attraverso il profilo utente vengono individuati gli stereotipi di appartenenza 2) Gli stereotipi identificano la comunità di appartenenza dell utente 3) Tramite tecniche di Collaborative Filtering vengono aggiornati gli stereotipi e comunità di appartenenza 4) Attraverso i raggruppamenti avviene la personalizzazione della reputazione; i profili reputazionali dei providers vengono presentati aggregando la dimensione individuale dell utente con la media pesata della reputazione proveniente dai membri del gruppo (Sistema Locale) 06/06/06 Valerio Melani 11

12 Dimensione sociale-3 Collaborative filtering: con questa tecnica il sistema invita gli utenti a valutare gli oggetti o a divulgare le loro preferenze e interessi, in modo da cercare correlazioni fra di essi, allo scopo di raccomandare nuovi elementi Gli utenti sono raggruppati in base alle opinioni che hanno espresso in passato In base alle congruenze trovate, il sistema decide quali utenti sono più simili I confronti sono sulla base di valutazioni di utenti diversi sugli stessi prodotti Scopi del Collaborative Filtering: 1) Calcolo delle affinità fra gli utenti per inserire gli stessi nelle comunità 2) Suggerimento liste di prodotti/servizi a cui possono essere interessati Problemi del Collaborative Filtering:Le relazioni fra i membri delle comunità sono ricavabili solo se hanno utilizzato lo stesso prodotto 06/06/06 Valerio Melani 12

13 Dimensione sociale-4 Collaborative Filtering e Trust Inferences: Per alleviare il problema della sparsità dei dati si possono utilizzare le Trust Inferences: ampliamento della rete fiduciaria utilizzando ogni esperienza comune che potrebbero avere gli utenti (formazione di una rete fiduciaria virtuale) Con il Collaborative Filtering tradizionale è possibile correlare soltanto gli utenti che hanno avuto esperienze in comune Utilizzando il principio di transitività della fiducia è possibile correlare utenti che non hanno mai avuto nessuna esperienza in comune I risultati migliori si hanno utilizzando solo 2 passi (2 HOP C.F.) 06/06/06 Valerio Melani 13

14 Dimensione ontologica La reputazione di un individuo / prodotto / servizio è composto da più aspetti: La reputazione non può essere composta da un singolo numero, è una quantità vettoriale che rappresenta ogni singolo aspetto dell utente La maggior parte dei Sistemi Reputazionali online (es. ebay) considera un solo aspetto (l affidabilità dell utente) non differenziando il ruolo compratore / venditore, sebbene i loro ruoli siano molto differenti e asimmetrici 06/06/06 Valerio Melani 14

15 Dimensione fiduciaria-1 La fiducia richiede la presenza di due soggetti: trustor e trustee Trustor: colui che si deve fidare del Trustee Interesse del Trustor: valutare l affidabilità del Trustee nel modo più corretto possibile Interesse del Trustee: dipingere l immagine di se stesso nel miglior modo possibile Due tipi di fiducia: 1) Reliability Trust: fiducia indipendente dal contesto, affidabilità percepita (in generale) di qualcuno / qualcosa a cui ci si deve affidare 2) Decision Trust: fiducia dipendente dal contesto, affidabilità percepita in una data situazione, dipende quindi dal rischio 06/06/06 Valerio Melani 15

16 Dimensione fiduciaria-2 Fiducia e Reputazione sono concetti collegati ma non sono la stessa cosa, infatti: 1) Il Trustor può avere fiducia nel Trustee per via della sua buona reputazione 2) Il Trustor può avere fiducia nel Trustee nonostante la sua cattiva reputazione 3) Il Trustor può non avere fiducia nel Trustee nonostante la sua buona reputazione 4) Il Trustor può non avere fiducia nel Trustee per via della sua cattiva reputazione Necessità di un adeguato livello di fiducia nel commercio elettronico: I ruoli dei compratori e dei venditori sono molto asimmetrici il rischio del venditore è limitato, il rischio del compratore è elevato 06/06/06 Valerio Melani 16

17 Dimensione fiduciaria-3 Costruzione della fiducia nel commercio elettronico 1) Il trustor non informato viene a conoscenza del provider 2) Prima di interagire con esso prevalgono i fattori estrinseci (marchio, reputazione, informazioni da terzi) 3) Dopo la prima interazione prevalgono i fattori intrinseci (esperienza personale) 4) Una buona esperienza incrementa il livello di fiducia, una cattiva può far cadere la fiducia sotto la soglia di acquisto 06/06/06 Valerio Melani 17

18 Sanzionamenti e Segnalazioni-1 I due ruoli affidati ai Sistemi Reputazionali Sanzionamento: punizione di comportamenti disonesti Segnalazione: informazione sulla bontà di un prodotto / servizio La progettazione dei due tipi di meccanismi è differente, ma talvolta il sistema li può avere entrambi Il sanzionamento affronta il problema fiduciario Moral Hazard (cooperazione compromessa da comportamenti opportunistici): l obiettivo è promuovere comportamenti onesti dei venditori La segnalazione affronta il problema fiduciario Adverse Selection (cooperazione compromessa dalle asimmetrie informative): l obiettivo è informare i consumatori sulla qualità dei prodotti / servizi 06/06/06 Valerio Melani 18

19 Sanzionamenti e Segnalazioni-2 In molti scenari pratici sono presenti simultaneamente i due problemi fiduciari, e i Sistemi Reputazionali dovrebbero affrontarli entrambi Esempio di Sistema tipo sanzionamento: ebay Esempi di Sistemi tipo segnalazione: Amazon e Epinions EBay: gli utenti non giudicano la qualità dei prodotti, ma l affidabilità di chi vende / compra Amazon: diffonde informazioni sulla qualità di libri, musica, cd, dvd, ecc. 06/06/06 Valerio Melani 19

20 ebay-1 Fondato nel 1995, attualmente è il più grande e conosciuto sito di commercio elettronico Compravendita tramite aste Guadagno di ebay: applicazione di una tariffa di inserzione proporzionale al prezzo d asta più percentuale sull oggetto venduto Oggetto venduto al migliore offerente Dopo la transazione venditori e compratori possono rilasciare un feedback (facoltativamente) Formato dei feedbacks: positivo(+1), neutro(0), negativo(-1) Punteggio di feedback: somma dei feedback di tutti gli utenti, più feedback da parte di un utente non possono variare il punteggio di feedback per più di (-1,+1) 06/06/06 Valerio Melani 20

21 ebay-2 Profilo reputazionale di un utente di ebay: Feedback score: feedback positivi meno feedback negativi Positive feedback: percentuale di feedback positivi rispetto i positivi più negativi Members who left positive: numero utenti che hanno rilasciato un feedback positivo Members who left negative: numero utenti che hanno rilasciato un feedback negativo All positive feedback receives: numero totale di feedback positivi, anche tutti quelli inviati dallo stesso utente 06/06/06 Valerio Melani 21

22 ebay-3 Sommario statistico:numero di rating positivi, negativi, neutro nell ultimo mese, 6 mesi, 12 mesi Bid retractions: numero di offerte ritirate negli ultimi 6 mesi Pregi di ebay: nonostante le persone non abbiano alcun incentivo a inviare feedback, più del 50% delle transazioni riceve un feedback I feedbacks sono quasi sempre positivi Il sistema reputazionale crea valore aggiunto, i compratori sono disposti a pagare l 8% in più per i venditori con alta reputazione Difetti di ebay: la reputazione non prende in considerazione il valore della transazione non viene fatta nessuna distinzione di giudizio fra compratori e venditori non esiste un meccanismo di ricerca dei feedbacks negativi, che essendo i più rari, sono i più significativi 06/06/06 Valerio Melani 22

23 ebay-4 Studi empirici e sperimentali, risultati: I profili reputazionali influenzano sia i prezzi che la probabilità di vendita; gli effetti non sono ben chiari e precisi ma in generale i venditori con punteggio di feedback più alto hanno maggior probabilità di vendita, e vendono a prezzi più alti Fra tutti i componenti del profilo reputazionale di un membro, quelli che influenzano maggiormente il comportamento dei consumatori sono: 1) numero complessivo di feedback positivi e negativi 2) numero di feedback negativi nell ultimo mese 06/06/06 Valerio Melani 23

24 Principali sistemi online-1 Sito Web Categoria Meccanismo di feedback Citysearch Turismo Gli utenti valutano ristoranti, bar, clubs, hotel e negozi. ebay Aste online Compratori e venditori si giudicano dopo ogni transazione. elance Servizi professionali Giudizi sui servizi e sui lavori realizzati dai professionisti. Epinions Opinioni su Gli utenti riportano prodotti/serv giudizi su izi prodotti/servizi; altri utenti giudicano l utilità dei giudizi. Formato dei feedback Valutazione da 1 a 10 su vari aspetti del servizio turistico; valutazione dei rating come utili/inutili. Valutazione positiva/ neutro/ negativa più un breve commento, il valutato può rispondere Valutazione da 1 a 5 più un commento, il valutato può rispondere Valutazione da 1 a 5 su vari aspetti dei prodotti/servizi; valutazione dei ratings come utili/ inutili. Formato del profilo reputazionale Media pesata dei ratings per ogni aspetto, in base ai ratings degli utenti; i commenti possono essere ordinati in base alla loro utilità. Somma dei ratings positivi, negativi e neutro ricevuti durante gli ultimi 6 mesi. Media dei ratings ricevuti negli ultimi 6 mesi Media dei ratings, percentuale dei lettori che hanno trovato utili i commenti. 06/06/06 Valerio Melani 24

25 Principali sistemi online-2 Sito Web Categoria Meccanismo di feedback Google Motore di ricerca Risultati delle ricerche ordinati in base a quanti siti contengono links ad esse [Brin et al. 1998]. Slashdot Forum di Forum in cui i discussione posting sono ordinati e filtrati in base ai ratings ricevuti dai lettori Venere Turismo Gli utenti valutano le strutture ricettive, hotels e appartamenti Amazon E-commerce Gli utenti valutano i prodotti acquistati (libri, cd, dvd) Formato dei feedback Una pagina web viene valutata in base a quanti links puntano ad essa, quanti links puntano ai links alla pagina, eccetera. Valutazioni e commenti. Valutazione da 1 a 5 su vari aspetti dell hotel / appartamento Valutazione da 1 a 5 sui prodotti (libri, cd, dvd), valutazione dei ratings come utili/ inutili Formato del profilo reputazionale Nessun profilo reputazionale pubblicato, l ordinamento è il solo indicatore di reputazione. Nessun profilo reputazionale pubblicato, l ordinamento è il solo indicatore di reputazione. Media dei rating, per ogni aspetto Media dei ratings 06/06/06 Valerio Melani 25

26 REGRET-1 Modello reputazionale a tre dimensioni: individuale, sociale e ontologica Misure reputazionali: Outcomes: esiti dei contratti Impressions: valutazione soggettiva fatta da un agente su un aspetto dell outcome Subjective reputation: reputazione su un dato target, personalizzata per un agente valutatore Dimensioni reputazionali: Individuale: reputazione soggettiva data dalle sole interazioni con il target Sociale: definito il gruppo B di appartenenza del compratore b ed il gruppo S di appartenenza del venditore s, la dimensione sociale definisce: 06/06/06 Valerio Melani 26

27 REGRET-2 1) reputazione soggettiva di b nei confronti del gruppo S 2) reputazione di gruppo di B nei confronti del venditore s 3) reputazione di gruppo di B nei confronti del gruppo S 4) reputazione complessiva, come media pesata fra la reputazione soggettiva individuale e le tre misure reputazionali di gruppo. Ontologica: 06/06/06 Valerio Melani 27

28 REPutation and image among limited autonomous partners: prende in considerazione la dimensione cognitiva della reputazione, basandosi sui concetti di immagine e reputazione Architettura a più livelli interconnessi Predicati del primo livello: Dimensione individuale Contract: contratto, accordo fra compratore e venditore Fulfillments: grado di soddisfazione della transazione Dimensione sociale Witness Reputation: reputazione del venditore (comunicata dal witness) Witness Image: immagine creduta dal witness (comunicata dal witness) Witness TPImage: immagine creduta da terzi (comunicata dal witness) REPAGE-1 06/06/06 Valerio Melani 28

29 Detectors del primo livello: REPAGE-2 Dimensione individuale Inferenza di un Outcome da un Contract e un Fulfillment Dimensione sociale Inferenza di una ValuedInfo da una Witness Information Predicati del secondo livello: Dimensione individuale Outcome: valutazione di come si è concluso il contratto Dimensione sociale ValuedInfo: valutazione di una Witness Information, in accordo alla credibilità della sorgente (utilizzando l immagine e reputazione della stessa) Detector del secondo livello: Inferenza delle immagini e reputazioni a partire dalle valutazioni 06/06/06 Valerio Melani 29

30 Predicati del terzo livello REPAGE-3 Una immagine o reputazione, prima di diventare tale passa una fase di latenza (immagine o reputazione candidata) Reputation Candidate Reputation Image Candidate Image Confirmation: bontà della precedente Witness Information, è simile ad un Outcome, dove il contratto è l informazione fornita dal testimone, sulla base ad esempio dell esperienza diretta Il peso della Confirmation è inferiore a quello del Outcome Detector del terzo livello Inferenza di certezza o dissonanza cognitiva dal calcolo delle immagini e reputazioni 06/06/06 Valerio Melani 30

31 REPAGE-4 Predicati del quarto livello Cognitive dissonance: contraddizione fra due pezzi di informazione che sono rilevanti per la formazione di un giudizio Certainly: conferma della valutazione del target Analizzatore migliora l accuratezza dei predicati cerca di risolvere le dissonanze cognitive, provando a produrre una situazione di certezza 06/06/06 Valerio Melani 31

32 Confronti Ebay REGRET REPAGE Dimensione individuale Si Si Si Dimensione sociale No Si Si Dimensione ontologica No Si No Dimensione cognitiva No No Si Personalizzazione No Si No Formato dei feedbacks Valutazione positiva/ neutro/ negativa Formato profilo reputazionale Somma dei ratings positivi, negativi e neutro ricevuti. Globale Valutazione su ogni aspetto del servizio con un voto fra 1 e +1 Giudizio su ogni aspetto del servizio e complessivo, attraverso medie pesate di reputazioni soggettive, utilizzando le dimensioni individuali, sociali e ontologiche. Locale Valutazione positiva/ negativa come gossip o come risultato interazione Immagine e Reputazione utilizzando algoritmi cognitivi. Globale 06/06/06 Valerio Melani 32

33 Sistemi Reputazionali Distribuiti Ogni agente possiede una propria base di memorizzazione e di elaborazione, e calcola i valori reputazionali dei partners con cui ha interagito e dei conoscenti aggregando tutte le informazioni disponibili. Meccanismi ispirati alle reti P2P Ognuno può comportarsi da venditore e da consumatore La maggior parte dei meccanismi studiati sono variazioni delle Referral Networks: ogni agente della rete P2P chiede le credenziali sun agente target ad un insieme di agenti vicini, i quali a loro volta chiedono ai loro vicini e così via. Le credenziali sono pesate in base alla fiducia che l agente ripone nel vicino 06/06/06 Valerio Melani 33

34 Progetto di meccanismi robusti Nel progetto di un nuovo Sistema Reputazionale vengono effettuate delle scelte sui seguenti aspetti: 1) Il meccanismo deve essere prevalentemente di sanctioning o di signaling? 2) Chi può inviare i feedback (compratori e/o venditori) 3) Granularità dei feedback (set dei possibili reports) 4) Lunghezza della history dei feedback 5) Formato dei profili reputazionali pubblicati 6) Politiche per il trattamento di feedback vuoti 7) Frequenza di aggiornamento dei profili reputazionali 8) Implementazione di meccanismi di protezione contro le truffe e reports disonesti 9) Implementazione di tecniche contro i cambi di identità a basso costo 06/06/06 Valerio Melani 34

35 Ebay: tre valori (positivo, neutro, negativo) Amazon: cinque valori (1-5) Granularità dei feedback Dellarocas ha studiato l impatto della granularità dei feedback sulla cooperazione fra compratori e venditori Sanctiong: l equilibrio che massimizza la cooperazione si realizza quando i reports sono suddivisi in due categorie (good/bad); punizione dopo un report negativo, premio dopo un report positivo Signaling: non è definito se la presenza di granularità più fine dei feedbacks influenza la cooperazione fra le parti Formato profili reputazionali History dei commenti Sommario statistico reports positivi e negativi Valutazione complessiva, come accumulazione o come media 06/06/06 Valerio Melani 35

36 Lunghezza history dei feedback Sanctioning: L efficienza massima introdotta dal meccanismo reputazionale è indipendente dalla lunghezza della history pubblicata; un meccanismo che pubblica l intera history è equivalente a quello che pubblica soltanto l ultimo feedback Nello scenario Moral Hazard lo scopo del meccanismo è minacciare i venditori con punizioni future se il profilo pubblico indica che hanno truffato. Il tempo durante il quale un rating persiste nel profilo influisce solo sulla durata della punizione futura, ma non sulla quantità totale di punizione. Con N=1 viene pagata tutta insieme, con N>1 viene pagata in più rate Signaling: Lo scopo del meccanismo è promuovere l apprendimento sociale, più informazione viene pubblicata e meglio è Sanctioning e Signaling insieme: La cooperazione del venditore è incentivata se viene pubblicata una certa quantità N>1 di feedback, pesando meno quelli passati 06/06/06 Valerio Melani 36

37 Trattamento feedback mancanti Nella maggior parte dei Sistemi Reputazionali online i feedback sono volontari, e ad ogni feedback è associato un costo in termini di tempo e di connessione ad internet Dellarocas propone di trattarli come feedback particolari, e dimostra che la scelta più efficiente è trattarli come feedback positivi Frequenza aggiornamento profili Nella maggior parte dei Sistemi Reputazionali online i profili sono aggiornati ad ogni inserimento di feedback. Nel caso del sanctioning non è la politica ottimale Si può incrementare il livello di cooperazione e l efficienza di mercato aggiornando il profilo ogni K transazioni, pubblicando il sommario statistico delle ultime K transazioni Pregi: Gli eventuali rating fasulli sono ammortizzati su K transazioni Difetti: Gli agenti possono essere incentivati a truffare, pagando le conseguenze soltanto K transazioni dopo 06/06/06 Valerio Melani 37

38 La manipolazione strategica I meccanismi reputazionali hanno una influenza sempre maggiore sul comportamento dei consumatori, ciò incentiva la manipolazione strategica dei feedback inviati Ballot stuffing: un venditore corrompe un gruppo di compratori affinchè lo giudichino con una votazione alta Bad mouthing: un venditore corrompe un gruppo di compratori affinche' giudichino male la concorrenza Discriminazione negativa: un venditore offre un buon servizio a tutti escluso una piccola fetta di compratori che viene discriminata Discriminazione positiva: un venditore offre eccezionalmente un servizio ottimo ad una piccola fetta di individui e un servizio medio ai restanti Cheap pseudonyms:possibilità di scomparire dal sistema reputazionale (eventualmente dopo aver truffato) e ricomparire nello stesso sistema con una nuova identità pulita Sybil attack: possibilità di ottenere più identità per intenti disonesti, ad esempio per il bad-mouthing ed il ballot-stuffing 06/06/06 Valerio Melani 38

39 Tecniche contro la falsa reputazione-1 Collaborative Filtering: clusterizzazione degli utenti per diminuire la probabilità di presenza di rating fasulli nel set utilizzato per il calcolo della reputazione Most Recent Rating:utilizzo unicamente dell ultimo rating di un compratore su un dato venditore, per impedire il flooding di rating fasulli da un dato compratore su un dato venditore Tecnica di Shapiro: utilizzo di una media pesata temporalmente dei rating, dove i più recenti hanno un peso maggiore rispetto i più vecchi; questa tecnica va utilizzata per seguire l evoluzione della qualità dei prodotti/servizi forniti dal provider Intermediario Fiduciario: utilizzo di un Intermediario Fiduciario che autentica i partecipanti nell'ambiente di scambio; Tale eventualmente può mascherare la vera identità dei partecipanti (anonimato controllato) Anonimato controllato: utilizzo di pseudonimi per mascherare la vera identità dei partecipanti al fine di proteggere il sistema dal badmouthing e dalla discriminazione negativa 06/06/06 Valerio Melani 39

40 Tecniche contro la falsa reputazione-2 Filtro mediano: utilizzo della mediana invece della media per calcolare la reputazione media; nel caso in cui i truffatori siano inferiori al 50% il sistema è protetto dal bad-mouthing e dal ballot-stuffing Filtro in frequenza: filtraggio degli utenti che hanno inviato rating al venditore troppo frequentemente; tale tecnica protegge dal flooding di malintenzionati, garantendo che la percentuale di rating fasulli non bloccati dal filtraggio non superi il doppio della percentuale di raters disonesti nell intera comunità Tassa di ingresso: per gli scenari di tipo Moral Hazard, in cui esiste il problema dei cheap pseudonyms, la soluzione ottimale è utilizzare un meccanismo binario che pubblica solo l ultimo rating del provider e che preveda una tassa di ingresso Strong Authentication: il problema dei cheap pseudonyms si risolve senza perdite di efficienza se è possibile usare una autenticazione forte, tramite l ausilio di autorità come le Camere di Commercio (Venditori), tramite la verifica del proprietario della carta di credito(e- Commerce) o l esibizione di documenti di identità presso strutture ricettive(turismo) 06/06/06 Valerio Melani 40

41 Criteri di comparazione-1 In generale è veramente difficile confrontare i sistemi reputazionali, in quanto spesso sono progettati ad hoc per un particolare contesto applicativo Per confrontare la bontà dei modelli è necessario utilizzare un Framework di simulazione: ambiente di simulazione in cui i sistemi si possono confrontare a parità di condizioni al contorno Passi per il confronto di diversi sistemi reputazionali: 1) Utilizzo di un framework di simulazione 2) Definizione dello scenario di interazione fra i vari tipi di agenti 3) Definizione dei criteri di comparazione, le metriche che misurano le performance del sistema 4) Confronto attraverso grafici e diagrammi delle metriche dei vari sistemi Reputation System Simulator (Schlosser): Framework che propone uno scenario semplice, uno spazio di agenti dove ognuno si può comportare sia da compratore che da venditore attraverso lo scambio di servizi/prodotti omogenei 06/06/06 Valerio Melani 41

42 Criteri di comparazione-2 Metriche proposte da Schlosser: Average Reputation (AR): il valore medio della reputazione, per ogni tipo di agente Reputation Bias (RB): deviazione della reputazione, differenza fra AR e la reputazione media corretta(calcolata con feedback corretti), per ogni tipo di agente Transaction Rate (TR): quantità di transazioni avvenute con successo rispetto le ultime 10, per ogni tipo di agente Profit (P): profitto medio, nelle ultime 10 transazioni, per ogni tipo di agente Strenght (S): resistenza contro l attacco di agenti ostili, percentuale critica di agenti ostili oltre la quale il sistema non garantisce più l affidabilità dei profili pubblicati 06/06/06 Valerio Melani 42

43 Criteri di comparazione-3 Tipi di agenti: Honest: agenti che effettuano solo transazioni buone; i rating sono sempre corretti Malicious: agenti che effettuano transazioni buone, neutrali e negative, a scelta; inviano sempre rating negativi Evil: agenti che provano a raccogliere una reputazione alta costruendo un gruppo in cui si conoscono l un l altro. Se un evil trova un altro evil si danno reciprocamente sempre un rating positivo. Dopo averne cercato uno, se non lo trova effettua una transazione neutrale e inviaun rating neutrale Selfish: agenti freeriders, si rifiutano di inviare rating agli agenti e effettuano transazioni neutrali o buone Disturbing: agenti che provano a raccogliere una reputazione alta facendo buone transazioni e rating corretti. Dopo che hanno raggiunto una reputazione alta cambiano comportamento e diventano malicious, finchè la loro reputazione non diventa bassa, scompaiono dal sistema e rientrano 06/06/06 Valerio Melani 43

44 Criteri di comparazione-4 06/06/06 Valerio Melani 44

45 Simulazione Simulazione di ebay con il framework di Schlosser: non è resistente contro la presenza di agenti disturbing resiste con la presenza fino al 50% di agenti evil resiste con la presenza fino al 60% di agenti malicious resiste con la presenza di oltre l 80% di agenti selfish Work in Progress: Modifica del Framework di Schlosser, distinzione fra agenti compratori e agenti venditori Simulazione del Sistema Reputazionale per KAMER Simulazione del Sistema Reputazionale per TISP 06/06/06 Valerio Melani 45

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

II 2004 Q U A D E R N I C O N S I P

II 2004 Q U A D E R N I C O N S I P Q U A D E R N I C O N S I P Ricerche, analisi, prospettive II 2004 Meccanismi reputazionali e mercati elettronici: problematiche economiche e possibili soluzioni per il public procurement Ricerche, analisi,

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura INTERNET AUCTIONS Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura Dati sull e-commerce (2005): oltre 135 milioni di persone hanno acquistato DVD e/o videogames; quasi 135 milioni hanno fatto

Dettagli

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura INTERNET AUCTIONS Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura E-commerce: i settori DVD e/o videogames; prenotazioni aeree; articoli di abbigliamento/accessori/scarpe; scaricare musica e/o

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente

MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI Commento per il docente MERCATO E FORMAZIONE DEI PREZZI 1 Aspetti generali 1.1 Tematica e contenuto Il presente modulo ha per tema la formazione dei prezzi nei mercati in generale e, più in particolare, nei mercati trasparenti

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni:

ASIMMETRIE INFORMATIVE. (Cap. 34 di Hey) Eppure si tratta di elementi piuttosto diffusi nella realtà di tutti i giorni: ASIMMETRIE INFORMATIVE (Cap. 34 di Hey) Tener conto delle asimmetrie informative consente di evidenziare alcuni importanti elementi che la teoria standard - assumendo informazione completa e simmetrica

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

Indagine NetComm GfK Eurisko 2009 Il consumatore e l e-commerce

Indagine NetComm GfK Eurisko 2009 Il consumatore e l e-commerce Indagine NetComm GfK Eurisko 2009 Il consumatore e l e-commerce Edmondo Lucchi Milano, 7 maggio 2009 1 Metodologia Due ricerche dedicate ai consumatori e al commercio elettronico: Scenario dell e-commerce

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Harika dà grande valore al diritto alla privacy dei propri utenti e fornisce, pertanto, questa dichiarazione

Harika dà grande valore al diritto alla privacy dei propri utenti e fornisce, pertanto, questa dichiarazione DICHIARAZIONE SULLA PRIVACY Harika dà grande valore al diritto alla privacy dei propri utenti e fornisce, pertanto, questa dichiarazione che disciplina la raccolta ed il trattamento dei dati personali

Dettagli

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE Vincenzo Auletta Università di Salerno ASTE Le aste (auctions) sono un altro importante ambito in cui possiamo applicare il framework della teoria dei giochi Come devo

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia.

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Stefano Papa Università di Teramo 1. L altruismo: Il gioco del dittatore. Il gioco del dittatore è il modello utilizzato per determinare l altruismo. Si

Dettagli

Informativa sulla privacy

Informativa sulla privacy Informativa sulla privacy Kelly Services, Inc. e le sue affiliate ("Kelly Services" o "Kelly") rispettano la vostra privacy e riconoscono i vostri diritti relativi ai dati personali che acquisisce da voi,

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2015 Dr. Antonio Piva 1 IL CONCETTO DEL CLICKSTREAM Tramite la navigazione in internet e i servizi utilizzati, resi disponibili

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE DISPENSA 5 Economia ed Organizzazione Aziendale INTRODUZIONE ALL ECONOMIA DELL ORGANIZZAZIONE 1 LA CRESCITA DELLE ORGANIZZAZIONI La teoria economica tradizionale: la teoria dei mercati la mano invisibile

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

cin>>c8 s.r.l. Analisi del Dominio Pagina 1 di 7 Analisi del Dominio

cin>>c8 s.r.l. Analisi del Dominio Pagina 1 di 7 Analisi del Dominio Analisi del Dominio Pagina 1 di 7 Analisi del Dominio Indice 1 - INTRODUZIONE... 3 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...3 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...3 1.3 - STORIA DEL DOCUMENTO...3 2 - SITUAZIONE ATTUALE

Dettagli

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA

Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Sandro Brusco (Stony Brook) Fausto Panunzi (Bocconi) INFORMAZIONE ASIMMETRICA Introduzione - 1 Una delle idee più importanti della teoria economica è che i mercati sotto alcune condizioni- allocano i beni

Dettagli

Vendere online. Andrea Marin. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO

Vendere online. Andrea Marin. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO a.a. 2013/2014 Section 1 Introduzione Parliamo di acquisti online quando a seguito

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup

Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup Sicurezza: credenziali, protocolli sicuri, virus, backup La sicurezza informatica Il tema della sicurezza informatica riguarda tutte le componenti del sistema informatico: l hardware, il software, i dati,

Dettagli

Guida ai certificati SSL User Guide

Guida ai certificati SSL User Guide Guida ai certificati SSL User Guide PROBLEMATICHE DEL WEB... 2 PRIVACY...3 AUTORIZZAZIONE/AUTENTICAZIONE...4 INTEGRITA DEI DATI...4 NON RIPUDIO...4 QUALI SONO I PRINCIPALI STRUMENTI UTILIZZATI PER GARANTIRE

Dettagli

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie Introduzione Informazioni sui cookie Politica sui cookie La maggior parte dei siti web che visitate utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, consentendo al sito di 'ricordarsi' di voi,

Dettagli

Problematiche correlate alla sicurezza informatica nel commercio elettronico

Problematiche correlate alla sicurezza informatica nel commercio elettronico Problematiche correlate alla sicurezza informatica nel commercio elettronico http://www.infosec.it info@infosec.it Relatore: Stefano Venturoli, General Manager Infosec Italian Cyberspace Law Conference

Dettagli

Elenco delle prestazioni Le offerte sono rivolte esclusivamente alle aziende.

Elenco delle prestazioni Le offerte sono rivolte esclusivamente alle aziende. Elenco delle prestazioni Le offerte sono rivolte esclusivamente alle aziende. Prestazioni dell adesione Manuale per i rivenditori online Sigillo di qualità e GaranziaTrusted Shops Sistema di raccolta delle

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Mercati elettronici. Dr. Stefano Burigat. Dipartimento di Matematica e Informatica. Università di Udine

Mercati elettronici. Dr. Stefano Burigat. Dipartimento di Matematica e Informatica. Università di Udine Mercati elettronici Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ruolo dei mercati Un mercato ha tre funzioni principali:

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi:

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION Tina Fasulo VERSO LA DIGITAL BRAND REPUTATION La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: Ciò che viene comunicato

Dettagli

Indice Introduzione...ix Capitolo 1 Acquistare su ebay...1

Indice Introduzione...ix Capitolo 1 Acquistare su ebay...1 Indice Introduzione... ix A chi si rivolge questo libro...x Prerequisiti...x Che cosa è un asta online...x Cosa è ebay e come funziona... xii Il sistema ebay... xiii Cosa significa diventare utente di

Dettagli

Moral hazard e incentivi

Moral hazard e incentivi Moral hazard e incentivi Da: Milgrom e Roberts Capitolo 6 1 Ricorda: Adverse selection. Informazione rilevante, acquisita prima o subito dopo l inizio della transazione, non viene trasmessa. Causa danno

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

CORSO GOOGLE ADWORDS

CORSO GOOGLE ADWORDS CORSO GOOGLE ADWORDS Corso: Google AdWords I concetti fondamentali del keyword e display advertising per imparare a creare e gestire campagne pubblicitarie Google AdWords in modo efficace. Argomenti del

Dettagli

Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi. prof.

Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi. prof. Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi prof.

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 5 Informazione, organizzazione e mercato Cap. 3 Ing. m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Informazioni visita IPZS 9.30 Appuntamento in via Salaria n. 712,

Dettagli

Cosa sapevamo ad oggi

Cosa sapevamo ad oggi #trivagoqualitytest Cosa sapevamo ad oggi 2 Il sistema delle recensioni ci dice come siamo percepiti nel mercato non solo Ci aiuta a posizionarci nei ranking dei portali Ci consente di lavorare sulla brand

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Uno standard per il processo KDD

Uno standard per il processo KDD Uno standard per il processo KDD Il modello CRISP-DM (Cross Industry Standard Process for Data Mining) è un prodotto neutrale definito da un consorzio di numerose società per la standardizzazione del processo

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo Distributed P2P Data Mining Autore: (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo A.A. 2005/2006 Il settore del Data Mining Distribuito (DDM): Data Mining: cuore del processo

Dettagli

Regole sulla privacy

Regole sulla privacy Regole sulla privacy Le Regole sulla Privacy disciplinano l uso e la protezione delle informazioni personali fornite dagli Utenti. Finalità Bfinder Italia offre un servizio di pubblicazione di informazioni

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 1 Edizione marzo / giugno 2015 La simulazione del trading su dati storici www.sapienzafinanziaria.com

Dettagli

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO SEZIONE 3. IL PROGETTO 3.1 Analisi di contesto Allo stato attuale le attività didattiche del Corso di laurea in Medicina e chirurgia sono strutturate in linea con il nuovo curriculum comunitario approvato

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Analisi dei Requisiti e Specifica

Analisi dei Requisiti e Specifica Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V2.1 Analisi dei Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Meccanismi di incentivazione basati su teoria dei giochi per lo spectrum sensing cooperativo

Meccanismi di incentivazione basati su teoria dei giochi per lo spectrum sensing cooperativo POLITECNICO DI MILANO Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dipartimento di Elettronica e Informazione Meccanismi di incentivazione basati su teoria dei giochi per lo spectrum sensing cooperativo AI

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Privacy e Criteri di Sicurezza

Privacy e Criteri di Sicurezza Privacy e Criteri di Sicurezza Il nostro impegno La sezione Privacy e Criteri di Sicurezza descrive come iforex (Cyprus) Limited ( iforex ) raccoglie i dati personali e come li mantiene, utilizza e divulga.

Dettagli

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE Italian Enterprises speaking (IES) Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE La Commissione europea sta pianificando l attuazione di alcune misure per migliorare i metodi di commercializzazione dei brevetti

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. Come rafforzare la fiducia dei visitatori del sito tramite i certificati SSL Extended Validation

DOCUMENTO TECNICO. Come rafforzare la fiducia dei visitatori del sito tramite i certificati SSL Extended Validation Come rafforzare la fiducia dei visitatori del sito tramite i certificati SSL Extended Validation SOMMARIO + L erosione della garanzia di identità 3 + Certificazione di identità affidabile 4 Internet Explorer

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile

Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile Charter A.I.S.E. per la pulizia sostenibile Guida alla verifica di ammissione al Charter (Versione 1.0, 23 maggio 2005) 1. Introduzione...2 2. Oggetto della verifica di ammissione...2 3. Come fornire le

Dettagli

COOKIES PRIVACY POLICY DI BANCA PROFILO

COOKIES PRIVACY POLICY DI BANCA PROFILO COOKIES PRIVACY POLICY DI BANCA PROFILO Indice e sommario del documento Premessa... 3 1. Cosa sono i Cookies... 4 2. Tipologie di Cookies... 4 3. Cookies di terze parti... 5 4. Privacy e Sicurezza sui

Dettagli

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie Introduzione Informazioni sui cookie Politica sui cookie La maggior parte dei siti web che visitate utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, consentendo al sito di 'ricordarsi' di voi,

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Internet marketing lez 2: domanda di mercato

Internet marketing lez 2: domanda di mercato Università di Pisa Master OS a.a. 2005/2006 Internet marketing lez 2: domanda di mercato Dott. Roberto Cucco cucco@ec.unipi.it Domanda di mercato Quantità di beni e servizi richiesti in un determinato

Dettagli

http://www.newsoftsrl.it

http://www.newsoftsrl.it Applicazione software per la Consulenza Finanziaria secondo la normativa MiFID http://www.newsoftsrl.it 1 MiFid Markets in Financial Instruments Directive MiFid e' la direttiva 2004/39/Ce relativa ai mercati

Dettagli

una (potenziale) realtà

una (potenziale) realtà Analisi IL DISTRETTO TICINESE DI SERVIZI FINANZIARI una (potenziale) realtà René Chopard Centro di Studi Bancari 75 Non potevamo mancare al consueto appuntamento di settembre con dati, statistiche e società

Dettagli

Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti

Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti Glossario servizi di Sicurezza Informatica offerti Copyright LaPSIX 2007 Glossario servizi offerti di sicurezza Informatica SINGLE SIGN-ON Il Single Sign-On prevede che la parte client di un sistema venga

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali:

Regole sulla Privacy. 3.2 La Società può raccogliere ed archiviare, tra gli altri, i seguenti i dati personali: Regole sulla Privacy Le presenti Regole sulla Privacy contengono le informazioni su come Golden Boy Technology & Innovation S.r.l. (di seguito, la Società) utilizza e protegge le informazioni personali

Dettagli

Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback.

Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback. Mini Guida Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback. Guida realizzata da Marco Misto. Sentitevi liberi di pubblicare GRATIS questa guida sul vostro sito a patto di non modificarne

Dettagli

Sistemi di Raccomandazione in Contesti Aziendali

Sistemi di Raccomandazione in Contesti Aziendali Sistemi di Raccomandazione in Contesti Aziendali Recommender system I sistemi di raccomandazione sono un tipo di sistema di filtraggio delle informazioni che mira a predire l interesse di un individuo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Documentazione di Sistema D. Lgs. 196/2003. PRIVACY POLICY PER IL SITO WEB www.algherohostel.com

Documentazione di Sistema D. Lgs. 196/2003. PRIVACY POLICY PER IL SITO WEB www.algherohostel.com PERCHE QUESTO AVVISO Pagina 5 In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli