Corso Sistemi Telematici A SISTEMI DI GESTIONE DELLA REPUTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Sistemi Telematici A. 2006 SISTEMI DI GESTIONE DELLA REPUTAZIONE"

Transcript

1 Corso Sistemi Telematici A SISTEMI DI GESTIONE DELLA REPUTAZIONE Valerio Melani 9 Giugno /06/06 Valerio Melani 1

2 Introduzione Reputazione:opinione o immagine di qualcuno riguardo qualcosa La reputazione è uno dei meccanismi principali per la selezione di un partner Sistemi reputazionali:sistemi di aggregazione e computazione delle valutazioni fornite dagli utenti su dei partner I Sistemi reputazionali rappresentano e gestiscono la reputazione in un sistema telematico, distribuito e dinamico Scopo dei sistemi reputazionali:supporto per la creazione di legami fiduciari, stimolando la cooperazione fra agenti economici sparsi geograficamente (Internet) Esempi principali: ebay, elance, Slashdot, Epinions, Venere 06/06/06 Valerio Melani 2

3 Sistemi Reputazionali-1 Rating: Singola opinione sui risultati di una transazione Ratee: Soggetto valutato; Rater: Soggetto valutatore Collector: Raccoglie i rating dei raters Processor: Aggrega ed elabora i ratings Emitter: Pubblica la reputazione dei soggetti valutati 06/06/06 Valerio Melani 3

4 Sistemi Reputazionali-2 Sistemi reputazionali centralizzati / distribuiti: centralizzate quando esiste un unica entità processor, distribuite quando ne esistono più di una Sistemi reputazionali globali / locali: globali quando esiste un singolo valore reputazionale per agente, locali quando il valore reputazionale dipende dall agente che ha richiesto l informazione (Personalizzazione della reputazione) 06/06/06 Valerio Melani 4

5 Reputazione nel commercio elettronico Effetti emergenti dall implementazione dei sistemi reputazionali: Incrementa la fiducia fra le parti Diminuizione dei prezzi Malgrado non esistano reali incentivi, i feedbacks sono forniti oltre il 50% delle volte (ebay) Oltre ogni aspettativa ragionevole, i feedbacks sono quasi sempre positivi (ebay) I venditori con reputazione migliore vendono più facilmente i loro prodotti Dato che i sistemi reputazionali influenzano notevolmente il comportamento dei consumatori, sorge l esigenza di prevenire le truffe e comportamenti disonesti dei raters 06/06/06 Valerio Melani 5

6 Dimensioni della reputazione La reputazione è un concetto multidimensionale, che quindi presenta tante sfaccettature Dimensione cognitiva: distinzione fra immagine e reputazione, decisioni mentali sulla base di esse Dimensione individuale: giudizio sulla base delle esperienze dirette degli utenti Dimensione sociale: condivisione delle esperienze all interno di una comunità Dimensione ontologica: l opinione complessiva su una entità è il risultato del giudizio su vari aspetti della stessa Dimensione fiduciaria: influenza della reputazione nella formazione dei rapporti fiduciari 06/06/06 Valerio Melani 6

7 Dimensione cognitiva-1 Valutazione sociale:giudizio condiviso da una comunità di agenti, credenza valutativa sull utilità per raggiungere uno scopo Immagine: valutazione globale o media di un dato agente target Reputazione:(secondo la distinzione fatta da Paolucci) processo ed effetto della comunicazione di una valutazione senza la specificazione del valutatore Legame fra la nascita dell immagine e la diffusione della reputazione: L informazione viene acquisita all inizio dall esperienza L esperienza forma una immagine Può essere trasmessa l immagine (specificando il valutatore) o la reputazione (non specificando il valutatore) La presenza di reputazione su un dato target influenza successivamente il comportamento del target e del valutatore 06/06/06 Valerio Melani 7

8 Dimensione cognitiva-2 Tutto ciò rafforza l esito della prima esperienza e delle successive formazioni di immagini Abbiamo una immagine quando è specificata la sorgente dell informazione, altrimenti abbiamo una reputazione La differenza fondamentale è la responsabilità che emerge dalla trasmissione della valutazione Le performance del sistema reputazionale migliorano (in termini di velocità di diffusione delle informazioni) se si consente la diffusione di informazioni senza assunzione di responsabilità (es. REPAGE) 06/06/06 Valerio Melani 8

9 Dimensione cognitiva-3 Decisioni mentali sulla base delle immagini e reputazioni: Livello epistemico: accettazione della credenza fornita da una data immagine o essere d accordo con una data reputazione Livello pragmatico-strategico: utilizzo di una immagine per decidere se interagire o meno con il target Livello memetico: decisione se trasmettere o meno agli altri una propria credenza valutativa (o di altri) su un dato target Immagine e reputazione sono due oggetti distinti, entrambe riguardano le proprietà di un dato agente (attitudine ad avere un comportamento desiderabile), ma operano a due livelli diversi: l immagine è una credenza e la reputazione è una meta-credenza 06/06/06 Valerio Melani 9

10 Dimensione individuale Modella l interazione diretta tra il compratore e il venditore: La reputazione si forma attraverso le esperienze dirette degli utenti Viene preso in considerazione l esito effettivo di una transazione Dimensione sociale-1 Modella la reputazione nell ambito delle relazioni di gruppo: Un individuo eredita le reputazioni condivise dal proprio gruppo di appartenenza Esperienza degli altri membri come completamento dell esperienza personale 06/06/06 Valerio Melani 10

11 Dimensione sociale-2 Stereotipi: insiemi di caratteristiche, preferenze, gusti appartenenti ad un utente, individuabili attraverso la profilazione. Lo stereotipo modella un singolo aspetto dell utente Comunità: insieme di stereotipi che modellano l utente, uno stereotipo per ogni aspetto dell utente Raggruppamento degli utenti: 1) Attraverso il profilo utente vengono individuati gli stereotipi di appartenenza 2) Gli stereotipi identificano la comunità di appartenenza dell utente 3) Tramite tecniche di Collaborative Filtering vengono aggiornati gli stereotipi e comunità di appartenenza 4) Attraverso i raggruppamenti avviene la personalizzazione della reputazione; i profili reputazionali dei providers vengono presentati aggregando la dimensione individuale dell utente con la media pesata della reputazione proveniente dai membri del gruppo (Sistema Locale) 06/06/06 Valerio Melani 11

12 Dimensione sociale-3 Collaborative filtering: con questa tecnica il sistema invita gli utenti a valutare gli oggetti o a divulgare le loro preferenze e interessi, in modo da cercare correlazioni fra di essi, allo scopo di raccomandare nuovi elementi Gli utenti sono raggruppati in base alle opinioni che hanno espresso in passato In base alle congruenze trovate, il sistema decide quali utenti sono più simili I confronti sono sulla base di valutazioni di utenti diversi sugli stessi prodotti Scopi del Collaborative Filtering: 1) Calcolo delle affinità fra gli utenti per inserire gli stessi nelle comunità 2) Suggerimento liste di prodotti/servizi a cui possono essere interessati Problemi del Collaborative Filtering:Le relazioni fra i membri delle comunità sono ricavabili solo se hanno utilizzato lo stesso prodotto 06/06/06 Valerio Melani 12

13 Dimensione sociale-4 Collaborative Filtering e Trust Inferences: Per alleviare il problema della sparsità dei dati si possono utilizzare le Trust Inferences: ampliamento della rete fiduciaria utilizzando ogni esperienza comune che potrebbero avere gli utenti (formazione di una rete fiduciaria virtuale) Con il Collaborative Filtering tradizionale è possibile correlare soltanto gli utenti che hanno avuto esperienze in comune Utilizzando il principio di transitività della fiducia è possibile correlare utenti che non hanno mai avuto nessuna esperienza in comune I risultati migliori si hanno utilizzando solo 2 passi (2 HOP C.F.) 06/06/06 Valerio Melani 13

14 Dimensione ontologica La reputazione di un individuo / prodotto / servizio è composto da più aspetti: La reputazione non può essere composta da un singolo numero, è una quantità vettoriale che rappresenta ogni singolo aspetto dell utente La maggior parte dei Sistemi Reputazionali online (es. ebay) considera un solo aspetto (l affidabilità dell utente) non differenziando il ruolo compratore / venditore, sebbene i loro ruoli siano molto differenti e asimmetrici 06/06/06 Valerio Melani 14

15 Dimensione fiduciaria-1 La fiducia richiede la presenza di due soggetti: trustor e trustee Trustor: colui che si deve fidare del Trustee Interesse del Trustor: valutare l affidabilità del Trustee nel modo più corretto possibile Interesse del Trustee: dipingere l immagine di se stesso nel miglior modo possibile Due tipi di fiducia: 1) Reliability Trust: fiducia indipendente dal contesto, affidabilità percepita (in generale) di qualcuno / qualcosa a cui ci si deve affidare 2) Decision Trust: fiducia dipendente dal contesto, affidabilità percepita in una data situazione, dipende quindi dal rischio 06/06/06 Valerio Melani 15

16 Dimensione fiduciaria-2 Fiducia e Reputazione sono concetti collegati ma non sono la stessa cosa, infatti: 1) Il Trustor può avere fiducia nel Trustee per via della sua buona reputazione 2) Il Trustor può avere fiducia nel Trustee nonostante la sua cattiva reputazione 3) Il Trustor può non avere fiducia nel Trustee nonostante la sua buona reputazione 4) Il Trustor può non avere fiducia nel Trustee per via della sua cattiva reputazione Necessità di un adeguato livello di fiducia nel commercio elettronico: I ruoli dei compratori e dei venditori sono molto asimmetrici il rischio del venditore è limitato, il rischio del compratore è elevato 06/06/06 Valerio Melani 16

17 Dimensione fiduciaria-3 Costruzione della fiducia nel commercio elettronico 1) Il trustor non informato viene a conoscenza del provider 2) Prima di interagire con esso prevalgono i fattori estrinseci (marchio, reputazione, informazioni da terzi) 3) Dopo la prima interazione prevalgono i fattori intrinseci (esperienza personale) 4) Una buona esperienza incrementa il livello di fiducia, una cattiva può far cadere la fiducia sotto la soglia di acquisto 06/06/06 Valerio Melani 17

18 Sanzionamenti e Segnalazioni-1 I due ruoli affidati ai Sistemi Reputazionali Sanzionamento: punizione di comportamenti disonesti Segnalazione: informazione sulla bontà di un prodotto / servizio La progettazione dei due tipi di meccanismi è differente, ma talvolta il sistema li può avere entrambi Il sanzionamento affronta il problema fiduciario Moral Hazard (cooperazione compromessa da comportamenti opportunistici): l obiettivo è promuovere comportamenti onesti dei venditori La segnalazione affronta il problema fiduciario Adverse Selection (cooperazione compromessa dalle asimmetrie informative): l obiettivo è informare i consumatori sulla qualità dei prodotti / servizi 06/06/06 Valerio Melani 18

19 Sanzionamenti e Segnalazioni-2 In molti scenari pratici sono presenti simultaneamente i due problemi fiduciari, e i Sistemi Reputazionali dovrebbero affrontarli entrambi Esempio di Sistema tipo sanzionamento: ebay Esempi di Sistemi tipo segnalazione: Amazon e Epinions EBay: gli utenti non giudicano la qualità dei prodotti, ma l affidabilità di chi vende / compra Amazon: diffonde informazioni sulla qualità di libri, musica, cd, dvd, ecc. 06/06/06 Valerio Melani 19

20 ebay-1 Fondato nel 1995, attualmente è il più grande e conosciuto sito di commercio elettronico Compravendita tramite aste Guadagno di ebay: applicazione di una tariffa di inserzione proporzionale al prezzo d asta più percentuale sull oggetto venduto Oggetto venduto al migliore offerente Dopo la transazione venditori e compratori possono rilasciare un feedback (facoltativamente) Formato dei feedbacks: positivo(+1), neutro(0), negativo(-1) Punteggio di feedback: somma dei feedback di tutti gli utenti, più feedback da parte di un utente non possono variare il punteggio di feedback per più di (-1,+1) 06/06/06 Valerio Melani 20

21 ebay-2 Profilo reputazionale di un utente di ebay: Feedback score: feedback positivi meno feedback negativi Positive feedback: percentuale di feedback positivi rispetto i positivi più negativi Members who left positive: numero utenti che hanno rilasciato un feedback positivo Members who left negative: numero utenti che hanno rilasciato un feedback negativo All positive feedback receives: numero totale di feedback positivi, anche tutti quelli inviati dallo stesso utente 06/06/06 Valerio Melani 21

22 ebay-3 Sommario statistico:numero di rating positivi, negativi, neutro nell ultimo mese, 6 mesi, 12 mesi Bid retractions: numero di offerte ritirate negli ultimi 6 mesi Pregi di ebay: nonostante le persone non abbiano alcun incentivo a inviare feedback, più del 50% delle transazioni riceve un feedback I feedbacks sono quasi sempre positivi Il sistema reputazionale crea valore aggiunto, i compratori sono disposti a pagare l 8% in più per i venditori con alta reputazione Difetti di ebay: la reputazione non prende in considerazione il valore della transazione non viene fatta nessuna distinzione di giudizio fra compratori e venditori non esiste un meccanismo di ricerca dei feedbacks negativi, che essendo i più rari, sono i più significativi 06/06/06 Valerio Melani 22

23 ebay-4 Studi empirici e sperimentali, risultati: I profili reputazionali influenzano sia i prezzi che la probabilità di vendita; gli effetti non sono ben chiari e precisi ma in generale i venditori con punteggio di feedback più alto hanno maggior probabilità di vendita, e vendono a prezzi più alti Fra tutti i componenti del profilo reputazionale di un membro, quelli che influenzano maggiormente il comportamento dei consumatori sono: 1) numero complessivo di feedback positivi e negativi 2) numero di feedback negativi nell ultimo mese 06/06/06 Valerio Melani 23

24 Principali sistemi online-1 Sito Web Categoria Meccanismo di feedback Citysearch Turismo Gli utenti valutano ristoranti, bar, clubs, hotel e negozi. ebay Aste online Compratori e venditori si giudicano dopo ogni transazione. elance Servizi professionali Giudizi sui servizi e sui lavori realizzati dai professionisti. Epinions Opinioni su Gli utenti riportano prodotti/serv giudizi su izi prodotti/servizi; altri utenti giudicano l utilità dei giudizi. Formato dei feedback Valutazione da 1 a 10 su vari aspetti del servizio turistico; valutazione dei rating come utili/inutili. Valutazione positiva/ neutro/ negativa più un breve commento, il valutato può rispondere Valutazione da 1 a 5 più un commento, il valutato può rispondere Valutazione da 1 a 5 su vari aspetti dei prodotti/servizi; valutazione dei ratings come utili/ inutili. Formato del profilo reputazionale Media pesata dei ratings per ogni aspetto, in base ai ratings degli utenti; i commenti possono essere ordinati in base alla loro utilità. Somma dei ratings positivi, negativi e neutro ricevuti durante gli ultimi 6 mesi. Media dei ratings ricevuti negli ultimi 6 mesi Media dei ratings, percentuale dei lettori che hanno trovato utili i commenti. 06/06/06 Valerio Melani 24

25 Principali sistemi online-2 Sito Web Categoria Meccanismo di feedback Google Motore di ricerca Risultati delle ricerche ordinati in base a quanti siti contengono links ad esse [Brin et al. 1998]. Slashdot Forum di Forum in cui i discussione posting sono ordinati e filtrati in base ai ratings ricevuti dai lettori Venere Turismo Gli utenti valutano le strutture ricettive, hotels e appartamenti Amazon E-commerce Gli utenti valutano i prodotti acquistati (libri, cd, dvd) Formato dei feedback Una pagina web viene valutata in base a quanti links puntano ad essa, quanti links puntano ai links alla pagina, eccetera. Valutazioni e commenti. Valutazione da 1 a 5 su vari aspetti dell hotel / appartamento Valutazione da 1 a 5 sui prodotti (libri, cd, dvd), valutazione dei ratings come utili/ inutili Formato del profilo reputazionale Nessun profilo reputazionale pubblicato, l ordinamento è il solo indicatore di reputazione. Nessun profilo reputazionale pubblicato, l ordinamento è il solo indicatore di reputazione. Media dei rating, per ogni aspetto Media dei ratings 06/06/06 Valerio Melani 25

26 REGRET-1 Modello reputazionale a tre dimensioni: individuale, sociale e ontologica Misure reputazionali: Outcomes: esiti dei contratti Impressions: valutazione soggettiva fatta da un agente su un aspetto dell outcome Subjective reputation: reputazione su un dato target, personalizzata per un agente valutatore Dimensioni reputazionali: Individuale: reputazione soggettiva data dalle sole interazioni con il target Sociale: definito il gruppo B di appartenenza del compratore b ed il gruppo S di appartenenza del venditore s, la dimensione sociale definisce: 06/06/06 Valerio Melani 26

27 REGRET-2 1) reputazione soggettiva di b nei confronti del gruppo S 2) reputazione di gruppo di B nei confronti del venditore s 3) reputazione di gruppo di B nei confronti del gruppo S 4) reputazione complessiva, come media pesata fra la reputazione soggettiva individuale e le tre misure reputazionali di gruppo. Ontologica: 06/06/06 Valerio Melani 27

28 REPutation and image among limited autonomous partners: prende in considerazione la dimensione cognitiva della reputazione, basandosi sui concetti di immagine e reputazione Architettura a più livelli interconnessi Predicati del primo livello: Dimensione individuale Contract: contratto, accordo fra compratore e venditore Fulfillments: grado di soddisfazione della transazione Dimensione sociale Witness Reputation: reputazione del venditore (comunicata dal witness) Witness Image: immagine creduta dal witness (comunicata dal witness) Witness TPImage: immagine creduta da terzi (comunicata dal witness) REPAGE-1 06/06/06 Valerio Melani 28

29 Detectors del primo livello: REPAGE-2 Dimensione individuale Inferenza di un Outcome da un Contract e un Fulfillment Dimensione sociale Inferenza di una ValuedInfo da una Witness Information Predicati del secondo livello: Dimensione individuale Outcome: valutazione di come si è concluso il contratto Dimensione sociale ValuedInfo: valutazione di una Witness Information, in accordo alla credibilità della sorgente (utilizzando l immagine e reputazione della stessa) Detector del secondo livello: Inferenza delle immagini e reputazioni a partire dalle valutazioni 06/06/06 Valerio Melani 29

30 Predicati del terzo livello REPAGE-3 Una immagine o reputazione, prima di diventare tale passa una fase di latenza (immagine o reputazione candidata) Reputation Candidate Reputation Image Candidate Image Confirmation: bontà della precedente Witness Information, è simile ad un Outcome, dove il contratto è l informazione fornita dal testimone, sulla base ad esempio dell esperienza diretta Il peso della Confirmation è inferiore a quello del Outcome Detector del terzo livello Inferenza di certezza o dissonanza cognitiva dal calcolo delle immagini e reputazioni 06/06/06 Valerio Melani 30

31 REPAGE-4 Predicati del quarto livello Cognitive dissonance: contraddizione fra due pezzi di informazione che sono rilevanti per la formazione di un giudizio Certainly: conferma della valutazione del target Analizzatore migliora l accuratezza dei predicati cerca di risolvere le dissonanze cognitive, provando a produrre una situazione di certezza 06/06/06 Valerio Melani 31

32 Confronti Ebay REGRET REPAGE Dimensione individuale Si Si Si Dimensione sociale No Si Si Dimensione ontologica No Si No Dimensione cognitiva No No Si Personalizzazione No Si No Formato dei feedbacks Valutazione positiva/ neutro/ negativa Formato profilo reputazionale Somma dei ratings positivi, negativi e neutro ricevuti. Globale Valutazione su ogni aspetto del servizio con un voto fra 1 e +1 Giudizio su ogni aspetto del servizio e complessivo, attraverso medie pesate di reputazioni soggettive, utilizzando le dimensioni individuali, sociali e ontologiche. Locale Valutazione positiva/ negativa come gossip o come risultato interazione Immagine e Reputazione utilizzando algoritmi cognitivi. Globale 06/06/06 Valerio Melani 32

33 Sistemi Reputazionali Distribuiti Ogni agente possiede una propria base di memorizzazione e di elaborazione, e calcola i valori reputazionali dei partners con cui ha interagito e dei conoscenti aggregando tutte le informazioni disponibili. Meccanismi ispirati alle reti P2P Ognuno può comportarsi da venditore e da consumatore La maggior parte dei meccanismi studiati sono variazioni delle Referral Networks: ogni agente della rete P2P chiede le credenziali sun agente target ad un insieme di agenti vicini, i quali a loro volta chiedono ai loro vicini e così via. Le credenziali sono pesate in base alla fiducia che l agente ripone nel vicino 06/06/06 Valerio Melani 33

34 Progetto di meccanismi robusti Nel progetto di un nuovo Sistema Reputazionale vengono effettuate delle scelte sui seguenti aspetti: 1) Il meccanismo deve essere prevalentemente di sanctioning o di signaling? 2) Chi può inviare i feedback (compratori e/o venditori) 3) Granularità dei feedback (set dei possibili reports) 4) Lunghezza della history dei feedback 5) Formato dei profili reputazionali pubblicati 6) Politiche per il trattamento di feedback vuoti 7) Frequenza di aggiornamento dei profili reputazionali 8) Implementazione di meccanismi di protezione contro le truffe e reports disonesti 9) Implementazione di tecniche contro i cambi di identità a basso costo 06/06/06 Valerio Melani 34

35 Ebay: tre valori (positivo, neutro, negativo) Amazon: cinque valori (1-5) Granularità dei feedback Dellarocas ha studiato l impatto della granularità dei feedback sulla cooperazione fra compratori e venditori Sanctiong: l equilibrio che massimizza la cooperazione si realizza quando i reports sono suddivisi in due categorie (good/bad); punizione dopo un report negativo, premio dopo un report positivo Signaling: non è definito se la presenza di granularità più fine dei feedbacks influenza la cooperazione fra le parti Formato profili reputazionali History dei commenti Sommario statistico reports positivi e negativi Valutazione complessiva, come accumulazione o come media 06/06/06 Valerio Melani 35

36 Lunghezza history dei feedback Sanctioning: L efficienza massima introdotta dal meccanismo reputazionale è indipendente dalla lunghezza della history pubblicata; un meccanismo che pubblica l intera history è equivalente a quello che pubblica soltanto l ultimo feedback Nello scenario Moral Hazard lo scopo del meccanismo è minacciare i venditori con punizioni future se il profilo pubblico indica che hanno truffato. Il tempo durante il quale un rating persiste nel profilo influisce solo sulla durata della punizione futura, ma non sulla quantità totale di punizione. Con N=1 viene pagata tutta insieme, con N>1 viene pagata in più rate Signaling: Lo scopo del meccanismo è promuovere l apprendimento sociale, più informazione viene pubblicata e meglio è Sanctioning e Signaling insieme: La cooperazione del venditore è incentivata se viene pubblicata una certa quantità N>1 di feedback, pesando meno quelli passati 06/06/06 Valerio Melani 36

37 Trattamento feedback mancanti Nella maggior parte dei Sistemi Reputazionali online i feedback sono volontari, e ad ogni feedback è associato un costo in termini di tempo e di connessione ad internet Dellarocas propone di trattarli come feedback particolari, e dimostra che la scelta più efficiente è trattarli come feedback positivi Frequenza aggiornamento profili Nella maggior parte dei Sistemi Reputazionali online i profili sono aggiornati ad ogni inserimento di feedback. Nel caso del sanctioning non è la politica ottimale Si può incrementare il livello di cooperazione e l efficienza di mercato aggiornando il profilo ogni K transazioni, pubblicando il sommario statistico delle ultime K transazioni Pregi: Gli eventuali rating fasulli sono ammortizzati su K transazioni Difetti: Gli agenti possono essere incentivati a truffare, pagando le conseguenze soltanto K transazioni dopo 06/06/06 Valerio Melani 37

38 La manipolazione strategica I meccanismi reputazionali hanno una influenza sempre maggiore sul comportamento dei consumatori, ciò incentiva la manipolazione strategica dei feedback inviati Ballot stuffing: un venditore corrompe un gruppo di compratori affinchè lo giudichino con una votazione alta Bad mouthing: un venditore corrompe un gruppo di compratori affinche' giudichino male la concorrenza Discriminazione negativa: un venditore offre un buon servizio a tutti escluso una piccola fetta di compratori che viene discriminata Discriminazione positiva: un venditore offre eccezionalmente un servizio ottimo ad una piccola fetta di individui e un servizio medio ai restanti Cheap pseudonyms:possibilità di scomparire dal sistema reputazionale (eventualmente dopo aver truffato) e ricomparire nello stesso sistema con una nuova identità pulita Sybil attack: possibilità di ottenere più identità per intenti disonesti, ad esempio per il bad-mouthing ed il ballot-stuffing 06/06/06 Valerio Melani 38

39 Tecniche contro la falsa reputazione-1 Collaborative Filtering: clusterizzazione degli utenti per diminuire la probabilità di presenza di rating fasulli nel set utilizzato per il calcolo della reputazione Most Recent Rating:utilizzo unicamente dell ultimo rating di un compratore su un dato venditore, per impedire il flooding di rating fasulli da un dato compratore su un dato venditore Tecnica di Shapiro: utilizzo di una media pesata temporalmente dei rating, dove i più recenti hanno un peso maggiore rispetto i più vecchi; questa tecnica va utilizzata per seguire l evoluzione della qualità dei prodotti/servizi forniti dal provider Intermediario Fiduciario: utilizzo di un Intermediario Fiduciario che autentica i partecipanti nell'ambiente di scambio; Tale eventualmente può mascherare la vera identità dei partecipanti (anonimato controllato) Anonimato controllato: utilizzo di pseudonimi per mascherare la vera identità dei partecipanti al fine di proteggere il sistema dal badmouthing e dalla discriminazione negativa 06/06/06 Valerio Melani 39

40 Tecniche contro la falsa reputazione-2 Filtro mediano: utilizzo della mediana invece della media per calcolare la reputazione media; nel caso in cui i truffatori siano inferiori al 50% il sistema è protetto dal bad-mouthing e dal ballot-stuffing Filtro in frequenza: filtraggio degli utenti che hanno inviato rating al venditore troppo frequentemente; tale tecnica protegge dal flooding di malintenzionati, garantendo che la percentuale di rating fasulli non bloccati dal filtraggio non superi il doppio della percentuale di raters disonesti nell intera comunità Tassa di ingresso: per gli scenari di tipo Moral Hazard, in cui esiste il problema dei cheap pseudonyms, la soluzione ottimale è utilizzare un meccanismo binario che pubblica solo l ultimo rating del provider e che preveda una tassa di ingresso Strong Authentication: il problema dei cheap pseudonyms si risolve senza perdite di efficienza se è possibile usare una autenticazione forte, tramite l ausilio di autorità come le Camere di Commercio (Venditori), tramite la verifica del proprietario della carta di credito(e- Commerce) o l esibizione di documenti di identità presso strutture ricettive(turismo) 06/06/06 Valerio Melani 40

41 Criteri di comparazione-1 In generale è veramente difficile confrontare i sistemi reputazionali, in quanto spesso sono progettati ad hoc per un particolare contesto applicativo Per confrontare la bontà dei modelli è necessario utilizzare un Framework di simulazione: ambiente di simulazione in cui i sistemi si possono confrontare a parità di condizioni al contorno Passi per il confronto di diversi sistemi reputazionali: 1) Utilizzo di un framework di simulazione 2) Definizione dello scenario di interazione fra i vari tipi di agenti 3) Definizione dei criteri di comparazione, le metriche che misurano le performance del sistema 4) Confronto attraverso grafici e diagrammi delle metriche dei vari sistemi Reputation System Simulator (Schlosser): Framework che propone uno scenario semplice, uno spazio di agenti dove ognuno si può comportare sia da compratore che da venditore attraverso lo scambio di servizi/prodotti omogenei 06/06/06 Valerio Melani 41

42 Criteri di comparazione-2 Metriche proposte da Schlosser: Average Reputation (AR): il valore medio della reputazione, per ogni tipo di agente Reputation Bias (RB): deviazione della reputazione, differenza fra AR e la reputazione media corretta(calcolata con feedback corretti), per ogni tipo di agente Transaction Rate (TR): quantità di transazioni avvenute con successo rispetto le ultime 10, per ogni tipo di agente Profit (P): profitto medio, nelle ultime 10 transazioni, per ogni tipo di agente Strenght (S): resistenza contro l attacco di agenti ostili, percentuale critica di agenti ostili oltre la quale il sistema non garantisce più l affidabilità dei profili pubblicati 06/06/06 Valerio Melani 42

43 Criteri di comparazione-3 Tipi di agenti: Honest: agenti che effettuano solo transazioni buone; i rating sono sempre corretti Malicious: agenti che effettuano transazioni buone, neutrali e negative, a scelta; inviano sempre rating negativi Evil: agenti che provano a raccogliere una reputazione alta costruendo un gruppo in cui si conoscono l un l altro. Se un evil trova un altro evil si danno reciprocamente sempre un rating positivo. Dopo averne cercato uno, se non lo trova effettua una transazione neutrale e inviaun rating neutrale Selfish: agenti freeriders, si rifiutano di inviare rating agli agenti e effettuano transazioni neutrali o buone Disturbing: agenti che provano a raccogliere una reputazione alta facendo buone transazioni e rating corretti. Dopo che hanno raggiunto una reputazione alta cambiano comportamento e diventano malicious, finchè la loro reputazione non diventa bassa, scompaiono dal sistema e rientrano 06/06/06 Valerio Melani 43

44 Criteri di comparazione-4 06/06/06 Valerio Melani 44

45 Simulazione Simulazione di ebay con il framework di Schlosser: non è resistente contro la presenza di agenti disturbing resiste con la presenza fino al 50% di agenti evil resiste con la presenza fino al 60% di agenti malicious resiste con la presenza di oltre l 80% di agenti selfish Work in Progress: Modifica del Framework di Schlosser, distinzione fra agenti compratori e agenti venditori Simulazione del Sistema Reputazionale per KAMER Simulazione del Sistema Reputazionale per TISP 06/06/06 Valerio Melani 45

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Politica economica: Lezione 16

Politica economica: Lezione 16 Politica economica: Lezione 16 II canale: M - Z Crediti: 9 Corsi di laurea: Nuovo Ordinamento (DM. 270) Vecchio ordinamento (DM. 590) Politica Economica - Luca Salvatici 1 Tipi di beni Beni di ricerca

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

cin>>c8 s.r.l. Analisi del Dominio Pagina 1 di 7 Analisi del Dominio

cin>>c8 s.r.l. Analisi del Dominio Pagina 1 di 7 Analisi del Dominio Analisi del Dominio Pagina 1 di 7 Analisi del Dominio Indice 1 - INTRODUZIONE... 3 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...3 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...3 1.3 - STORIA DEL DOCUMENTO...3 2 - SITUAZIONE ATTUALE

Dettagli

Vendere online. Andrea Marin. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO

Vendere online. Andrea Marin. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO a.a. 2013/2014 Section 1 Introduzione Parliamo di acquisti online quando a seguito

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 7: Informazione incompleta Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative

Rischio, assicurazione e asimmetrie informative Rischio, assicurazione e asimmetrie informative RISCHIO Nei mercati reali non c è perfetta certezza e informazione La presenza di rischio modifica le condizioni di scelta degli individui Si crea una divergenza

Dettagli

Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback.

Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback. Mini Guida Come valutare un acquirente o un venditore su ebay: i feedback. Guida realizzata da Marco Misto. Sentitevi liberi di pubblicare GRATIS questa guida sul vostro sito a patto di non modificarne

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Protezione e sicurezza dei vostri dati personali

Protezione e sicurezza dei vostri dati personali Protezione e sicurezza dei vostri dati personali Vi preghiamo di leggere attentamente le seguenti informazioni, per comprendere il modo in cui Travelex gestisce i vostri dati personali. Creando un profilo,

Dettagli

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura INTERNET AUCTIONS Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura Dati sull e-commerce (2005): oltre 135 milioni di persone hanno acquistato DVD e/o videogames; quasi 135 milioni hanno fatto

Dettagli

LA QUALITÀ DELLE FORNITURE

LA QUALITÀ DELLE FORNITURE GUIDA PER IL FORNITORE Pag. 1/1 01/03/2008 DROPSA S.p.A. La Qualità delle Forniture GUIDA PER IL FORNITORE GUIDA PER IL FORNITORE Pag. 2/2 01/03/2008 CONTENUTO Pag. 0 INDICE 2 1. Introduzione al concetto

Dettagli

Politica Economica Istituzioni e Efficienza

Politica Economica Istituzioni e Efficienza Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Economia dell Informazione. Cap. 12

Economia dell Informazione. Cap. 12 Economia dell Informazione Cap. 12 Informazione completa Significa che non esistono gap informativi rispetto a nessuna delle situazioni connesse agli scambi: sui beni disponibili, sui loro prezzi, sulla

Dettagli

Indice Introduzione...ix Capitolo 1 Acquistare su ebay...1

Indice Introduzione...ix Capitolo 1 Acquistare su ebay...1 Indice Introduzione... ix A chi si rivolge questo libro...x Prerequisiti...x Che cosa è un asta online...x Cosa è ebay e come funziona... xii Il sistema ebay... xiii Cosa significa diventare utente di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie

Politica sui cookie. Introduzione Informazioni sui cookie Introduzione Informazioni sui cookie Politica sui cookie La maggior parte dei siti web che visitate utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente, consentendo al sito di 'ricordarsi' di voi,

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 1 Edizione marzo / giugno 2015 La simulazione del trading su dati storici www.sapienzafinanziaria.com

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO

TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO Proposte Corsi OFFERTA I contenuti sono stati sviluppati per rispondere ai fabbisogni formativi specifici per poter realizzare piani

Dettagli

Informazioni di identificazione personali

Informazioni di identificazione personali Questa Privacy Policy disciplina il modo in cui GIANGI SRL raccoglie, utilizza, conserva e divulga le informazioni raccolte dagli utenti (ciascuno, un Utente ) del sito web www.mamasunpesaro.it ( Sito

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO

Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO Codice di comportamento per il corretto svolgimento dell attività di Analisi Finanziaria CAPO I: ADEMPIMENTI DELL ANALISTA FINANZIARIO 1 Definizione di analista finanziario Ai fini del presente Codice

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

Mercati elettronici. Dr. Stefano Burigat. Dipartimento di Matematica e Informatica. Università di Udine

Mercati elettronici. Dr. Stefano Burigat. Dipartimento di Matematica e Informatica. Università di Udine Mercati elettronici Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ruolo dei mercati Un mercato ha tre funzioni principali:

Dettagli

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura

INTERNET AUCTIONS. Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura INTERNET AUCTIONS Aspetti istituzionali ed una introduzione alla letteratura E-commerce: i settori DVD e/o videogames; prenotazioni aeree; articoli di abbigliamento/accessori/scarpe; scaricare musica e/o

Dettagli

Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension. Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013

Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension. Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013 Groundbreaking Innovative Financing of Training in a European Dimension Sintesi del Documento Modello finale GIFTED Maggio 2013 N. Riferimento Progetto 517624-LLP-1-2011-1-AT-GRUNDTVIG-GMP Workpackage

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Plus500UK Limited. Politica di tutela della privacy

Plus500UK Limited. Politica di tutela della privacy Plus500UK Limited Politica di tutela della privacy Politica di tutela della privacy Informativa sulla Privacy di Plus500 La nostra priorità è proteggere la privacy e tutelare le informazioni personali

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

I mercati a due versanti

I mercati a due versanti Mercati a due versanti: definizione I mercati a due versanti Grazie ad Elisa Colorito I mercati a due versanti (o two-sided markets) sono mercati caratterizzati dalla presenza di una piattaforma, gestita

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi. prof.

Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi. prof. Operatore Informatico Giuridico Informatica Giuridica di Base A.A 2003/2004 I Semestre Appendice:: Spunti sulla sicurezza e Internet Materiale fuori programma dedicato rigorosamente solo ai curiosi prof.

Dettagli

Gestione WEB Viaggi e Turismo

Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 1 di 11 Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 2 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DI IN.TOUR...4 3. FUNZIONALITA E STRUTTURA SOFTWARE E HARDWARE...6 4. STRUTTURA E CONTENUTI

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE Italian Enterprises speaking (IES) Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE La Commissione europea sta pianificando l attuazione di alcune misure per migliorare i metodi di commercializzazione dei brevetti

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 Problemi del Coordinamento 3 Coordinamento Un coordinamento consiste in accordo preventivo con il quale 2 o più attori uniscono i propri

Dettagli

Esternalità. Capitolo 10. Harcourt, Inc. items and derived items copyright 2001 by Harcourt, Inc. Efficienza e fallimenti di mercato

Esternalità. Capitolo 10. Harcourt, Inc. items and derived items copyright 2001 by Harcourt, Inc. Efficienza e fallimenti di mercato Esternalità Capitolo 10 Efficienza e fallimenti di mercato La mano invisibile di Adam Smith fa sì che consumatori e venditori, guidati dal proprio interesse, siano portati a massimizzare il benessere totale

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Volagratis: un partner unico per poter offrire ai vostri clienti tutti i voli esistenti sul mercato

Volagratis: un partner unico per poter offrire ai vostri clienti tutti i voli esistenti sul mercato Volagratis: un partner unico per poter offrire ai vostri clienti tutti i voli esistenti sul mercato 1 La nostra soluzione 2 Le nostre proposte di comunicazione 1 CHI SIAMO Viaggiare ha un progetto altamente

Dettagli

La valutazione critica. Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione. Università degli Studi di Padova.

La valutazione critica. Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione. Università degli Studi di Padova. La valutazione critica Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Università degli Studi di Padova Lucia Mason Prof.ssa ordinaria di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Proposta

Dettagli

POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI

POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI POLITICA SULLA PRIVACY RACCOLTA E UTILIZZO DEI DATI PERSONALI I Dati Personali sono informazioni che ti identificano, come per esempio il tuo nome, l'indirizzo di mail o di posta. Il sito non raccoglie

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI ELABORAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO FORMAZIONE DIRIGENTI E DOCENTI Premessa La Campagna Straordinaria rivolta alle Scuole ha previsto anche la realizzazione di interventi formativi rivolti a docenti

Dettagli

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo

Distributed P2P Data Mining. Autore: Elia Gaglio (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo Distributed P2P Data Mining Autore: (matricola n 809477) Corso di Sistemi Distribuiti Prof.ssa Simonetta Balsamo A.A. 2005/2006 Il settore del Data Mining Distribuito (DDM): Data Mining: cuore del processo

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO ti invita ad essere CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO L associazione Charm in Italy nasce con l intento di donare nuova linfa al mercato turistico ricettivo

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero energetico

RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero energetico UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Volagratis: un partner unico per poter offrire ai vostri clienti tutti i voli a basso costo

Volagratis: un partner unico per poter offrire ai vostri clienti tutti i voli a basso costo Volagratis: un partner unico per poter offrire ai vostri clienti tutti i voli a basso costo 1 2 La nostra soluzione Le nostre proposte di partnership 1 CHI SIAMO Viaggiare ha un progetto altamente innovativo

Dettagli

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari

Il marketing dei servizi. La gestione degli intermediari Il marketing dei servizi La gestione degli intermediari Gli intermediari nei servizi: canali diretti Le imprese di servizi distribuiscono la propria offerta in alcuni casi direttamente, in altri casi si

Dettagli

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it

Marketing relazionale e email marketing. Massimo Bosi. Presidente. www.moreco.it Marketing relazionale e email marketing Massimo Bosi Presidente www.moreco.it Il Consumatore Cambia IL CONSUMATORE CAMBIA I consumatori sono always on Esiste un overload di messaggi TO DO conoscere a fondo

Dettagli

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia.

Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Come misurare altruismo, reciprocità e fiducia. Stefano Papa Università di Teramo 1. L altruismo: Il gioco del dittatore. Il gioco del dittatore è il modello utilizzato per determinare l altruismo. Si

Dettagli

POLITICA PRIVACY DEL SITO

POLITICA PRIVACY DEL SITO POLITICA PRIVACY DEL SITO Nella presente informativa, resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo

IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo LA STRATEGIA DI POSIZIONAMENTO ON-LINE IL POSIZIONAMENTO ON-LINE: Come vogliamo collocare il prodotto/servizio nel sistema di percezioni degli utenti rispetto alle varie alternative di scelta percepite

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala

La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala La condivisione del rischio e la sua ripartizione su ampia scala 1 ARGOMENTI DI QUESTA LEZIONE Questa lezione propone esplora due problemi fondamentali: Se esiste un rischio in una transazione chi lo deve

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Qualità e asimmetria informativa. Ogni scarafone è bello a mama sua (Pino Daniele)

Qualità e asimmetria informativa. Ogni scarafone è bello a mama sua (Pino Daniele) Qualità e asimmetria informativa Ogni scarafone è bello a mama sua (Pino Daniele) Economia dei Network Agroalimentari AA 2015-2016 Qualità di un prodotto alimentare È costituita da un insieme di caratteristiche

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli