CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHE COS È IL COLORE? Colore - X 10 Y 8 Z 35"

Transcript

1 CHE COS È IL COLORE? Il colore nasce dalla luce. La luce che colpisce un oggetto viene parzialmente assorbita a seconda del colore. La parte non assorbita viene riflessa e trasmessa ai recettori cromatici all interno dell occhio umano. Questi ultimi trasformano la luce assorbita in impulsi che percorrono le vie nervose fino a raggiungere il cervello, dove vengono interpretati: nasce così un impressione cromatica. Dal punto di vista prettamente biologico il colore si genera pertanto nell occhio dell osservatore e costituisce un impressione sensoriale. A proposito di impressione sensoriale: ciascun individuo "percepisce" il colore in modo differente. Tale fenomeno non è riconducibile solamente al fatto che non esistono mai due occhi uguali tra loro. Anche l interpretazione del colore varia infatti da individuo ad individuo. Perfino la stessa persona può percepire differentemente il colore in momenti diversi ed in base allo stato d animo. Il colore stesso può pertanto generare sensazioni differenti. Alcuni individui percepiscono i colori a prescindere dalla luce. È questo ad esempio il caso di una particolare forma di sinestesia, la percezione uditiva dei colori, che consente di abbinare suoni, armonie o musica a determinati colori: solitamente i suoni più alti a tonalità chiare, quelli bassi a tonalità scure. Colore - X 10 Y 8 Z 35 Luce Occhio Cervello 1

2 COME SI DEFINISCE UN COLORE? Per definire un colore si ricorre a tre parametri: il tono cromatico, anche detto tinta, la saturazione (o croma) e la luminosità. Tali valori consentono di caratterizzare ciascun colore in considerazione del tipo di luce. Punto di partenza è la colorimetria. Diversi toni cromatici vengono disposti in senso orario all interno di una ruota dei colori o ruota cromatica partendo dal giallo e passando per l arancione, il rosso, il viola, il blu, l indaco ed il verde e ritornando infine al giallo. La luminosità consente di distinguere tra toni cromatici più scuri e più chiari. Quando la saturazione di un tono cromatico diminuisce, quest ultimo è meno brillante. Se invece la saturazione corrisponde al valore zero si parla di colore acromatico. A seconda della luminosità il nero, il bianco e tutti i toni di grigio tra essi compresi sono pertanto colori acromatici. Colore - X 12 Y 19 Z 20 Luminosità Chroma Tono 2

3 COME SI FA A STANDARDIZZARE LA DESCRIZIONE DEL COLORE? Senza luce non esiste il colore. La luce percepibile dall occhio umano è costituita da radiazioni elettromagnetiche caratterizzate da lunghezze d onda comprese circa tra 400nm (violetto) e 700nm (rosso). Quando la radiazione luminosa colpisce un oggetto colorato la luce incidente viene parzialmente assorbita, mentre la restante parte viene riflessa. Nel caso di un oggetto rosso, ad esempio, è principalmente la parte rossa dello spettro visibile ad essere riflessa; il resto viene assorbito e trasformato in calore. La colorimetria utilizza la percentuale della luce incidente che è stata riflessa (%R) compresa nell'intervallo del visibile ( nm) per descrivere il colore dell'oggetto. Applicazioni particolari quali la misurazione della fluorescenza, del bianco ed i colori mimetici prendono in considerazione anche le radiazioni UV ( nm) e NIR ( nm). Ciascun oggetto colorato viene pertanto definito da una curva di riflettanza, similmente alle impronte digitali nell uomo. Quando le funzioni dell'osservatore standard sono combinate con la funzione di distribuzione spettrale SPD dell'illuminante e la curva di riflessione spettrale dell'oggetto, si ottiene un set di tre valori (i valori di Tristimolo) che rappresentano il colore percepito dell'oggetto. Colore - X 25 Y 31 Z 68 Illuminanti standard Oggetto Colorato Valori Tristimolo Osservatori Standard 3

4 A COSA SERVONO GLI SPAZI COLORE? Immaginatevi di voler acquistare una partita di magliette in una particolare gradazione di verde e di dover descrivere per telefono al fornitore l esatto colore che deve produrre. Pensate davvero che le magliette saranno del colore giusto? Molto probabilmente no. Abbiamo quindi bisogno di utilizzare dei modelli chiamati appunto spazi colore - che consentano di descrivere e classificare in modo inequivocabile ciascun colore. Per anni si è tentato di trovare uno spazio cromatico facilmente interpretabile ed equidistante in tutti i settori cromatici, con la conseguente comparsa di svariati sistemi. Qui di seguito vengono citati i principali sistemi di cui si serve la colorimetria moderna. Per caratterizzare i colori si è fatto ricorso in principio ai valori di tristimolo CIE X, Y, Z. Si è soliti descrivere la grandezza X come lo stimolo a cui è sottoposto l'osservatore nella regione rossa del visibile, Y quella verde e Z quella blu. Il valore di tristimolo Y rispecchia inoltre con altrettanta efficacia l impressione di luminosità. E' utile visualizzare i valori di croma e di tinta (Chroma e Tono) in un diagramma a luminosità costante. Per realizzare tale tipo di grafico le coordinate di cromaticità CIE x e y, calcolate a partire dai valori di tristimolo, sono riportate su un diagramma cartesiano con assi x e y. Il sistema cromatico CIE L*a*b* costituisce un miglioramento dello spazio CIE X,Y,Z. In tale spazio colore vengono derivate, a partire dai valori di tristimolo CIE, tre coordinate identificate dalle lettere L* (luminosità), a* (asse verde-rosso), b* (asse giallo-blu). In alternativa è possibile descrivere il colore per mezzo delle coordinate equivalenti L* (luminosità), C* (croma/saturazione) e h (tonalità/tono cromatico). Il valore della luminosità L* può essere compreso tra 0 = nero e 100 = bianco. Valori +a* positivi rappresentano toni cromatici rossi, valori -a* negativi rappresentano invece toni verdi. Valori +b* positivi rappresentano toni cromatici gialli, valori -b* negativi rappresentano invece toni blu. Il valore della saturazione (C*) è prossimo a 0 per i toni pressoché acromatici ed aumenta con l'aumentare della brillantezza. Il valore di h compie una circonferenza in senso antiorario partendo dal rosso e formando un angolo di 0 con il semiasse positivo di a*, passando per il giallo a 90, attraverso il verde a 180 ed il blu a 270 e quindi tornando al rosso per una rotazione completa. Per esempio un arancione chiaro e brillante potrebbe pertanto essere espresso dai valori L*= 70; C* = 56,6; h=45 o L*= 70; +a*= 40; +b*= 40. Di seguito sono riportate le immagini illustrative 4

5 Colore - X 11 Y 18 Z 17 CIE 1931 Schema Cromatico Spazio CIELAB Coordinate CIELAB 5

6 CHE COS È IL METAMERISMO? Ciascuno di noi conosce il fenomeno per cui un oggetto colorato osservato sotto una determinata sorgente di luce come la luce diurna, presenta un colore diverso da quello visto sotto un altra sorgente come ad esempio la luce di una lampadina ad incandescenza. Tale mutamento cromatico, caratteristico di quasi tutti gli oggetti colorati, viene spesso erroneamente definito metamerismo. Ma che cos è in realtà il metamerismo? Il metamerismo può essere spiegato in termini di variazioni dei valori di tristimolo (X,Y e Z), che quantificano la percezione del colore. Due campioni sono uguali sotto una determinata sorgente di luce quando i relativi valori XYZ sono identici per quel particolare illuminante. Tale condizione è sempre soddisfatta sotto tutti gli illuminanti nel caso di campioni identici caratterizzati da curve di riflettanza uguali. I campioni metamerici presentano invece curve di riflettanza diverse. Ne consegue che tali campioni possono avere valori di tristimolo XYZ uguali sotto un certo illuminante ed apparire uguali, ma al mutare dell' illuminante, valori XYZ diversi ed apparire dunque diversi fra loro. Colore - X 63 Y 62 Z 14 Diurna Luce Artificiale 6

7 CHE COSA SONO LE DIFFERENZE CROMATICHE? Numerose industrie che eseguono processi di tintura devono consegnare prodotti dello stesso colore ed aspetto, riducendo al minimo eventuali differenze rispetto all originale o allo standard. Nella pratica è impossibile riprodurre il colore di un prodotto con una precisione assoluta. All'interno del medesimo campione si possono avere differenze cromatiche minime spesso non percepibili ad occhio nudo. E' dunque auspicabile un metodo di quantificazione numerica di tali differenze. Colore - X 28 Y 42 Z 15 Referenza Campione Differenza Colore = DE* 7

8 CHE COSA SONO LE TOLLERANZE CROMATICHE? Sebbene nessuna coppia di campioni presenti valori cromatici identici al 100%, i fornitori sono tenuti a consegnare prodotti caratterizzati da una precisione cromatica in grado di soddisfare le esigenze di qualità dell acquirente. È inoltre noto che la percezione umana del colore è estremamente soggettiva. Per tale motivo è importante che fornitori ed acquirenti concordino con l ausilio della colorimetria tolleranze cromatiche, ovvero differenze di colore massime nel cui range i prodotti vengano comunque accettati. È possibile stabilire tolleranze di colore all interno di tutti i sistemi cromatici, p.es. nel sistema CIE xyy o nel più diffuso sistema CIE L*a*b*. Lo svantaggio dei sistemi tradizionali consiste tuttavia nel fatto che questi ultimi non sono equidistanti sul piano visivo. Che cosa vuol dire? Nell ambito del sistema CIE L*a*b* si potrebbe per esempio stabilire che per tutti i colori venga accettata una differenza cromatica massima di DE*=1. Confrontando diverse coppie di campioni colorati contraddistinte da una differenza di colore misurata pari a DE*=1 si constaterà tuttavia che de*=1 rappresenta una differenza cromatica decisamente accettabile per toni di giallo o verde brillanti, mentre corrisponde ad un altro colore inaccettabile- nel caso di colori acromatici o grigi. La medesima differenza matematica pari a 1 non rispecchia pertanto la nostra sensazione visiva. Per evitare di dover stabilire tolleranze cromatiche per ciascun colore all interno del sistema CIE L*a*b* sono state elaborate numerose nuove formule di tolleranza che consentono di correggere il deficit di equidistanza del sistema stesso. Attualmente, le formule di tolleranza maggiormente diffuse e pubblicate sono la formula CMC e la CIE 94, sebbene vengano sempre più spesso sostituite da trasformazioni più recenti, come p.es. la DIN99 o la CIE La necessità di correggere il sistema CIE L*a*b* ha ad esempio indotto la catena di negozi Marks & Spencer a mettere a punto una formula di tolleranza propria (M&S89) ed ad imporne l applicazione ai fornitori. Colore - X 46 Y 45 Z 7 Tolleranze Rettangolari Tolleranze Cilindriche Tolleranze di Accettabilità 8

9 CHE COS È UNO SPETTROFOTOMETRO? Gli spettrofotometri sono utilizzati per determinare la curva di riflessione spettrale di un oggetto. L'oggetto della misura è solitamente illuminato con una luce artificiale che riproduce la luce diurna. La luce riflessa dall'oggetto è convogliata ad un monocromatore (analizzatore di spettro). Un reticolo di diffrazione all'interno del monocromatore scompone la luce riflessa dal campione nelle sue singole lunghezze d'onda comprese fra 360 e 700 nanometri (nm). L'intensità della luce riflessa alle singole lunghezze d'onda è misurata da una batteria di fotodiodi per determinare il fattore di riflessione spettrale dell'oggetto (R%). Il software elabora questi dati mostrando sul computer i valori di riflessione spettrale con un passo di 5 o 10 nm o in maniera grafica per mezzo delle cosiddette curve di riflettanza. Colore - X 43 Y 36 Z 7 Sorgente di luce Monocromatore Risultato di una misura colorimetrica 9

10 CHE COS È LA MESCOLANZA CROMATICA? Si distinguono due principali tipi di mescolanza cromatica: la mescolanza cromatica additiva e quella sottrattiva. La legge di Mescolanza Cromatica Additiva fu usata per la prima volta nel 1860 da Maxwell. Il termine additivo intende sottolineare come sia possibile produrre qualsiasi colore mescolando in proporzioni diverse luci di colore rosso, verde e blu (R, G, B: Red, Green, Blue). Se infatti si mescolano in misura uguale le tre luci rossa, verde e blu si otterrà luce bianca. La mescolanza cromatica additiva trova impiego soprattutto nei settori dell elaborazione elettronica di mmagini e della tecnologia televisiva dove fosfori luminosi rossi, verdi e blu sono disposti sullo schermo. I minuscoli punti luminosi variamente colorati non sono distinguibili singolarmente e l'osservatore percepisce un colore dovuto ad una una mescolanza cromatica additiva. Coloranti e pigmenti sono generalmente usati per colorare i materiali. Se si mescolano in misura uguale sostanze coloranti dei tre colori primari ciano, magenta e giallo (C, M, Y: Cyan, Magenta, Yellow) si otterrà il colore nero. Si parla in questo caso di mescolanza cromatica sottrattiva perché coloranti e pigmenti assorbono parte della luce incidente e dunque la sottraggono dalla luce riflessa. Aggiungendo del colorante il materiale diviene più scuro. La mescolanza cromatica sottrattiva viene impiegata per la riproduzione del colore nei settori della fotografia e della stampa, nonché per colorare materiali quali stoffe, plastica, carta o vetro. Colore - X 59 Y 55 Z 10 Miscela additiva Miscela sottrattiva 10

11 CHE COS È IL BIANCO? Anche il bianco è a tutti gli effetti un colore. Anche se acromatico il bianco può essere misurato colorimetricamente. Il bianco ideale dovrebbe riflettere nello spettro compreso tra 400 e 700 nm la totalità della luce incidente. Un "bianco ideale" siffatto è tuttavia un'entità puramente teorica. Il solfato di bario, in passato uno standard di bianco ampiamente diffuso, è contraddistinto da una riflettanza media pari "appena" al 98% nello spettro visibile. La "bianchezza", ovvero il grado di bianco di un materiale, rappresenta un criterio di qualità per numerosi materiali tipicamente bianchi, quali la carta o i tessuti. La bianchezza di un materiale può avvicinarsi molto ad un bianco ideale per mezzo di un candeggio che permetta la distruzione dei pigmenti colorati che assorbono la luce. Tuttavia per ottenere un bianco "splendente" si ricorre a sbiancanti ottici. Questi ultimi, presenti anche in prodotti comunemente utilizzati nella vita di tutti i giorni, come ad esempio detersivi o dentifrici, hanno la proprietà di assorbire la radiazione luminosa nello spettro UV (< 400 nm) non percebile ad occhio nudo e di restituirla quindi come luce supplementare nel range spettrale visibile dall occhio umano (compreso fra 400 e 700 nm). I materiali sottoposti a trattamento con sbiancanti ottici sono pertanto in grado di raggiungere valori di riflettanza >100% e risultano dunque di un bianco "splendente". In colorimetria si ricorre solitamente ad un unico valore per quantificare il grado di bianco di un campione. Sebbene a tale scopo vengano utilizzate diverse formule, come il grado di bianco CIE, Berger o Ganz-Griesser, tutte le valutazioni del bianco condotte su materiali sottoposti a trattamento con sbiancanti ottici dipendono direttamente dall energia UV della sorgente luminosa dello strumento di misura. Fluorescenza Colore - X 22 Y 17 Z 9 "Bianco" curve di R% effetto alla riflettanza 11

12 CHE COS È LA GEOMETRIA DI MISURAZIONE? Il colore percepito di un campione dipende anche dall angolo di incidenza della luce e da quello di osservazione. Tali aspetti vanno considerati e definiti anche nell ambito della tecnica di misurazione e degli spettrofotometri impiegati. Si parla pertanto della geometria di misurazione applicata nello spettrofotometro. In spettrofotometria si distingue principalmente in illuminazione diffusa (d) prodotta da una lampada flash e da una sfera di integrazione e illuminazione diretta ad un preciso angolo di incidenza (ad esempio 0 oppure 45 ). La riflettanza viene sempre misurata con un determinato angolo di osservazione- 0, 8 o 45. Diverse geometrie di misurazione sono state sviluppate per le diverse applicazioni. L industria della carta ricorre solitamente ad una geometria di misurazione d/0 mentre il settore tessile e plastico a quella d/8. L industria grafica preferisce l'uso di una geometria 0/45 o 45/0. 0/45 and the 45 /0 Diffuse/8 e diffuse/0 Colore - X 40 Y 26 Z 21 Geometrie Geometrie 12

13 QUALI FATTORI INFLUENZANO LA MISURAZIONE DEL COLORE? I moderni spettrofotometri sono strumenti di misurazione ad alta precisione, in grado di fornire risultati estremamente affidabili e sempre riproducibili. Uno strumento di misura non si lascia trarre in inganno, diversamente da quanto spesso accade all occhio umano. Osservate la figura sopra per rendervi conto dell'effetto dello sfondo su due rettangoli grigi di identico colore. Nonostante l elevata precisione degli spettrofotometri la misura del colore può essere influenzata negativamente da fattori quali temperatura, umidità e preparazione dei campioni. Temperatura e umidità dei campioni devono essere dunque controllate ed è necessario mettere a punto una procedura di preparazione dei campioni riproducibile per evitare errori di misura. Ciò implica quindi un condizionamento dei campioni prima della misura alla temperatura e grado di umidità costante. La figura a destra mostra come una differenza di temperatura di 10 C possa far variare il colore di un campione significativamente. Colore - X 13 Y 10 Z 22 Influenza del contorno 13

IL COLORE Principi tecnici

IL COLORE Principi tecnici IL COLORE Principi tecnici ECSA Emanuele Centonze SA - Via Luigi Favre 16-6828 Balerna T. 091.695 88 00 - F. 091.695 88 02 - www.ecsa.ch - shop.ecsa.ch Cos'è il colore? Il colore nasce dalla luce: la luce

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Capitolo II. La Luce

Capitolo II. La Luce Capitolo II La Luce Che cos è la luce. Dato che la parole fotografia deriva dal greco photo grafia che significa disegnare con la luce, analizziamo innanzi tutto che cos è la luce. La luce è una forma

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

Colori delle leghe d oro

Colori delle leghe d oro Colori delle leghe d oro 1. Introduzione La definizione del colore della superficie di un prodotto finito di una lega d oro è in genere molto difficile, ed ha senso solo se riferita ad una serie di campioni

Dettagli

APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE

APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE APPROFONDIMENTI: IL COLORE DEGLI ALIMENTI E LA SUA MISURAZIONE Marco Riva, DISTAM, Università di Milano, via Celoria 2 20133 Milano marco.riva@unimi.it Indice: pag. 1.1 Il colore; 2 1.2 Attributi percettivi

Dettagli

MONOGRAFIE Manuale di Qualità

MONOGRAFIE Manuale di Qualità Controllo qualità in offset Per la valutazione della qualità di stampa per lungo tempo non è esistita alcuna scala di misura. Mentre altri settori dell industria producono in base a valori prestabiliti

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi 2 Principi Generali della Fotografia LE MISURAZIONI DELLA LUCE 3 LA LUCE QUALE ENERGIA MISURABILE Abbiamo visto che la luce è una forma

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB

Teoria del colore. Sintesi Cromatica Additiva RGB Teoria del colore A partire da tre colori Rosso, Verde, Blu è possibile generare tutta la rimanente scala cromatica mescolando con le dovute percentuali questa terna di riferimento. Si immagini di proiettare

Dettagli

C=1.44. densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore

C=1.44. densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore C=1.44 k=1.45 M=1.41 Y=.76 densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore di Mike Ruff (Chief Technology Officer di Nazdar Consulting Services) Trentasette anni di attività e consulenza

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta Modelli di colore Un tocco di blu non guasta Obiettivi Come faccio a rappresentare i colori in una immagine? Per formati immagine raster e vettoriali Come specificare che il mare della mia foto è di colore

Dettagli

Il laboratorio di prova per le verifiche energetico-ambientali di sistemi di illuminazione "CORVO"

Il laboratorio di prova per le verifiche energetico-ambientali di sistemi di illuminazione CORVO Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA Di SISTEMA ELETTRICO Il laboratorio di prova per le verifiche energetico-ambientali di sistemi di illuminazione

Dettagli

Guida alla qualità del colore

Guida alla qualità del colore Pagina 1 di 7 Guida alla qualità del colore Nella presente guida vengono descritte le opzioni disponibili sulla stampante per la regolazione e la personalizzazione della resa del colore. Menu Qualità Modalità

Dettagli

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi 2008 Esperimento Esperimento Albedo Albedo Massimo Massimo Bosetti Bosetti Referente Museo scientifico Tridentino di Scienze Museo Tridentino di Scienze Naturali, Naturali Laboratorio di Laboratorio di

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI asdf LA CODIFICA DELLE IMMAGINI 3 March 2012 Premessa L'articolo che segue vuole essere, senza alcuna pretesa di rigore scientifico e di precisione assoluta, in quanto non ne possiedo le competenze, una

Dettagli

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI.

All interno dei colori primari e secondari, abbiamo tre coppie di colori detti COMPLEMENTARI. Teoria del colore La teoria dei colori Gli oggetti e gli ambienti che ci circondano sono in gran parte colorati. Ciò dipende dal fatto che la luce si diffonde attraverso onde di diversa lunghezza: ad ogni

Dettagli

presenta il Datacolor Check II Webinar tenuto da Leonardo Gullo 24 Marzo 2011

presenta il Datacolor Check II Webinar tenuto da Leonardo Gullo 24 Marzo 2011 presenta il Datacolor Check II Webinar tenuto da Leonardo Gullo 24 Marzo 2011 Spettrofotometro portatile a sfera d/8 per il controllo qualità del colore Standard x Standard Tono verde Tono rosso Dotazioni

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini IL COLORE PARTE 2 Gabriele Guarnieri Sommario Spazi colore percettivamente uniformi 1 Spazi colore percettivamente uniformi:

Dettagli

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto

Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto Noi vediamo gli oggetti, perché la luce emessa dalla sorgente arriva all oggetto e si diffonde in tutte le direzioni poi la luce che l oggetto rimanda indietro arriva ai nostri occhi. Dipende da: SI PROPAGA

Dettagli

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale INFORMATICA Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale A.A. 2014/2015 II ANNO II SEMESTRE 2 CFU CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

Dettagli

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico G.ANTONIOLI, F.FERMI, C.OLEARI, R.REVERBERI Università di Parma e INFM-Unità di Ricerca di Parma, Dipartimento di Fisica, Parco Area delle Scienze

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

La scienza delle immagini a colori e dei CCD

La scienza delle immagini a colori e dei CCD INTRODUZIONE SULLE IMMAGINI A COLORI IMMAGINI A COLORI La scienza delle immagini a colori e dei CCD autore: Daniel Duggan traduzione e adattamento Alessandra Zanazzi Pag 1 di 6 Questo progetto è stato

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Lavorare con il colore nelle immagini digitali L uso dei colori nella visione computerizzata e nella computer grafica implica l incorrere in determinate problematiche

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

La stampa, le stampanti, i colori: quale resa grafica?

La stampa, le stampanti, i colori: quale resa grafica? La stampa, le stampanti, i colori: quale resa grafica? I colori ottenuti con le stampanti Fatta eccezione per i plotter a penna, le stampanti per la grafica computerizzata sono dispositivi raster che producono

Dettagli

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce

ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce ARTE del COLORE Data: Venerdì, 15 febbraio @ 10:21:19 CET Argomento: Educazione alle Tecniche della Luce I colori primari Il disco di Newton L'armonia I colori complementari I colori secondari I colori

Dettagli

Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini

Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini G. Capizzi Circuiti e Algoritmi per la Elaborazione delle Immagini DIEES Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi Università di Catania Indice 1 Percezione delle Immagini................................

Dettagli

Guida Colore. Luce e colore. 1. Che cosa è il colore? 2. Lo spettro dei colori

Guida Colore. Luce e colore. 1. Che cosa è il colore? 2. Lo spettro dei colori Guida Colore Luce e colore 1. Che cosa è il colore? 2. Lo spettro dei colori 3. Colore diretto e colore riflesso 4. I tre colori primari della miscelazione additiva 5. I tre colori primari della miscelazione

Dettagli

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari

LA TEORIA DEL COLORE. Colori Primari. Colori Secondari. Colori Terziari LA TEORIA DEL COLORE Alcune nozioni di teoria del colore sono necessarie per chi si dedica al lavoro creativo del Patchwork. Esse servono per acquisire sempre maggior sicurezza nel decidere l effetto che

Dettagli

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce

Colori e Arcobaleno. La composizione della luce Colori e Arcobaleno Noi vediamo grazie alla luce, ma che cosa sono tutti i colori che ci circondano? La luce del Sole è proprio bianca come la vediamo? Come si forma l arcobaleno? Perché il cielo è azzurro?

Dettagli

Top-Dye. Formulazione e correzione nuovi colori per la tintura dei prodotti tessili

Top-Dye. Formulazione e correzione nuovi colori per la tintura dei prodotti tessili Top-Dye Formulazione e correzione nuovi colori per la tintura dei prodotti tessili Top-Dye La realizzazione dei nuovi colori e la riproduzione di colori già esistenti in natura o su di un qualsiasi supporto

Dettagli

Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali

Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali Oltre il visibile: La fotografia Multispettrale nella Diagnostica per i Beni Culturali Marcello Melis e Matteo Miccoli Marcello.melis@profilocolore.it Matteo.miccoli@profilocolore.it 1/20 Il colore nell'arte

Dettagli

Forza ai Colori. aniva

Forza ai Colori. aniva Forza ai Colori. aniva Premessa aniva consente la stampa di immagini, partendo dai dati di immagine, a livello della stampa fotografica. Oltre agli inchiostri per la stampa offset, a questo fine occorre

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione

Alessandro Farini: Dispense di Illuminotecnica per le scienze della visione Capitolo 1 Radiazione elettromagnetica e occhio In questo capitolo prendiamo in considerazione alcune grandezze fondamentali riguardanti l illuminazione e alcuni concetti legati alla visione umana che

Dettagli

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA

I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA - I.1 - I - FOTOMETRIA E COLORIMETRIA 1. L intensità della luce Nello studio dell ottica geometrica ci si interessa soltanto della direzione dei raggi luminosi. Nello studio della fotometria ci si occupa

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

Top-Paint. Formulazione, correzione e controllo qualità dei nuovi colori per l industria dei prodotti verniciati

Top-Paint. Formulazione, correzione e controllo qualità dei nuovi colori per l industria dei prodotti verniciati Top-Paint Formulazione, correzione e controllo qualità dei nuovi colori per l industria dei prodotti verniciati Top-Paint La qualità della riproduzione di un nuovo colore è oggi una delle esigenze più

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite di oggetti o di particolari di essi, troppo piccoli per

Dettagli

Analisi ottica dei dipinti in falso colore.

Analisi ottica dei dipinti in falso colore. Analisi ottica dei dipinti in falso colore. Questa tecnica di analisi, denominata anche infrarosso colore è utilizzato dal restauratore o dallo storico dell Arte per individuare sul dipinto zone che hanno

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Codifica delle immagini 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Nuovi toner HP ColorSphere

Nuovi toner HP ColorSphere Nuovi toner HP ColorSphere Nuove tecnologie e una speciale formulazione, frutto di oltre 20 anni di impegno nell'innovazione, garantiscono ai clienti HP risultati ottimali nella stampa laser a colori Troppo

Dettagli

Elaborazione digitale delle immagini

Elaborazione digitale delle immagini Elaborazione digitale delle immagini Dal Dizionario: rappresentazione, imitazione di un oggetto o di una cosa; descrizione grafica o visiva di oggetti o cose; qualcosa introdotto o rappresentare qualcos

Dettagli

Stampa TIPOGRAFICA molto in breve Il processo di stampa risale a metà del I secolo D.C. con la Dinastia Tang in Cina attraverso pannelli di legno

Stampa TIPOGRAFICA molto in breve Il processo di stampa risale a metà del I secolo D.C. con la Dinastia Tang in Cina attraverso pannelli di legno 1 2 Stampa TIPOGRAFICA molto in breve Il processo di stampa risale a metà del I secolo D.C. con la Dinastia Tang in Cina attraverso pannelli di legno impressi. Dal 1300 venne introdotta in Europa per stampare

Dettagli

E 4. La correzione del colore. Schede tecniche. Verifica della tonalità

E 4. La correzione del colore. Schede tecniche. Verifica della tonalità Verifica della tonalità Per eseguire una verniciatura di ripristino a regola d arte, ci si può avvicinare alla tonalità del colore della vettura correggendo la tinta o con la tecnica della sfumatura e

Dettagli

La perfetta gestione del colore.

La perfetta gestione del colore. La perfetta gestione del colore. Trovare la tinta giusta. Il bianco non sempre è bianco, e il rosso non sempre è rosso. La vastissima varietà di colori e sfumature, rende la ricerca della giusta tinta

Dettagli

Corso di Visione Artificiale. Radiometria. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Radiometria. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Radiometria Samuel Rota Bulò Come vediamo? Teorie della visione Teoria emissionista Teoria emissionista (o visione tattile ): l'occhio emette un fascio di raggi che, viaggiando

Dettagli

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO

TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO TRASMISSIONE DEL CALORE PER IRRAGGIAMENTO Scambio termico per irraggiamento L irraggiamento, dopo la conduzione e la convezione, è il terzo modo in cui i corpi possono scambiare calore. Tale fenomeno non

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

grandezze illuminotecniche

grandezze illuminotecniche Grandezze fotometriche Flusso luminoso caratteristica propria delle sorgenti luminose; Lezioni di illuminotecnica grandezze illuminotecniche ntensità luminosa lluminamento Luminanza caratteristica propria

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini CENNI DI FOTOMETRIA E ILLUMINOTECNICA Fotometria Motivazione: Dare una misura dell intensità luminosa che rispecchi il funzionamento

Dettagli

Corso di Grafica Computazionale

Corso di Grafica Computazionale Corso di Grafica Computazionale Premesse Teoriche Docente: Massimiliano Corsini Laurea Specialistica in Ing. Informatica Università degli Studi di Siena Overview Premesse Teoriche Mini-ripasso geometria

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Codifica delle immagini 2000-2007 P. L. Montessoro - D. Pierattoni (cfr.la nota di copyright alla

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Corso di Elaborazione Elettronica di Immagini IL COLORE PARTE 1 Gabriele Guarnieri Sommario Percezione e acquisizione del colore 1 Percezione e acquisizione del colore

Dettagli

Publishing & Editing Immagini

Publishing & Editing Immagini Publishing & Editing Immagini Un'immagine digitale è la rappresentazione numerica di una immagine bidimensionale. La rappresentazione può essere di tipo vettoriale oppure raster (altrimenti detta bitmap);

Dettagli

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce Esperimento 1: Dispersione della luce Materiali e strumenti: Occhiali speciali, luce Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

3restituzione - stereoscopia

3restituzione - stereoscopia 3restituzione - stereoscopia La condizione che deve essere verificata perché si realizzi l orientamento esterno è la complanarità dei raggi omologhi Perché i raggi omologhi si intersechino devono essere

Dettagli

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI

Corrado Malanga ARCHETIPI E NUMERI Corrado Malanga Nel precedente lavoro ho parlato degli archetipi, ne ho fornito le definizioni ed ho descritto cosa i suddetti archetipi siano, come funzionino e perché siano legati ad alcuni numeri e

Dettagli

FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI. A cura di Mauro Minetti

FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI. A cura di Mauro Minetti FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI Aprile 2005 A cura di Mauro Minetti INDICE CAPITOLI 1) PREMESSA 2) MONITOR E PROFILO COLORE 3) CALIBRAZIONE

Dettagli

APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD

APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD Circolo Fotografico Borgosesia Via Angelo Ottone n 42/44-13011 Borgosesia (VC) www.fotoborgosesia.it presenta APPUNTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEI DISPLAY LCD PER UNA MIGLIORE VISUALIZZAZIONE IN FOTORITOCCO

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Garantire la coerenza dei colori delle stampe

Garantire la coerenza dei colori delle stampe Garantire la coerenza dei colori delle stampe Introduzione Il monitor: una finestra sul colore Le stampanti a getto d'inchiostro sono dispositivi RGB Gestione colore e stampa in Nikon ViewNX Gestione colore

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: angelo.nicolosi@unict.it Le immagini digitali scansione di fotografie esistenti

Dettagli

CARTA SERVIZI COME PROTEGGERE GLI OCCHI DALLE RADIAZIONI SOLARI NOCIVE OCCHIALI DA SOLE SU MISURA

CARTA SERVIZI COME PROTEGGERE GLI OCCHI DALLE RADIAZIONI SOLARI NOCIVE OCCHIALI DA SOLE SU MISURA CARTA SERVIZI COME PROTEGGERE GLI OCCHI DALLE RADIAZIONI SOLARI NOCIVE OCCHIALI DA SOLE SU MISURA INDICE LE RADIAZIONI SOLARI pag. 4 GLI OCCHIALI DA SOLE SU MISURA pag. 7 ALTRE TIPOLOGIE DI OCCHIALI PROTETTIVI

Dettagli

Arte e immagine: il colore.

Arte e immagine: il colore. Ultimo ambito della trattazione programmata è il colore. La vastità del contenuto e la necessità di fornire agli alunni materiale visivo a colori rende onerosa la produzione di schede didattiche, che per

Dettagli

RICONDIZIONAMENTO E GESTIONE DI DIVISE AD ALTA VISIBILITA D.P.I.

RICONDIZIONAMENTO E GESTIONE DI DIVISE AD ALTA VISIBILITA D.P.I. RELAZIONE SU ESPLETAMENTO DEL S ERVIZIO DI RICONDIZIONAMENTO E GESTIONE DI DIVISE AD ALTA VISIBILITA D.P.I. Pregiandoci sottoporre alla Vs. cortese attenzione quanto in oggetto, ci preme sottolineare che

Dettagli

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI Corso di Misure Meccaniche Termiche e Collaudi 5 anno - Ingegneria Meccanica Politecnico di Bari prof. Domenico Laforgia ing. Giuseppe Starace TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI In questa trattazione si farà

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Software di correzione colore per immagini digitali

Software di correzione colore per immagini digitali ver. 2.0 Software di correzione colore per immagini digitali Manuale d uso - Windows Bilancia automaticamente il colore delle tue immagini - sperimenta la differenza! Un must per tutti i fotografi digitali!

Dettagli

IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 31-38

IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 31-38 TSRR IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 31-38 Studio mediante spettroscopia in riflettanza non invasiva dei pigmenti utilizzati dal pittore Federico Zandomeneghi sul dipinto Bastimento allo scalo (Galleria d Arte

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Rappresentazione delle informazioni Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Sommario Scenario Web Nozioni di grafica on-line Principali programmi di grafica web Realizzazione di banner e layout per il web 2 Risorse online Sito

Dettagli

Hermann von Helmholtz e la nascita della colorimetria psicofisica

Hermann von Helmholtz e la nascita della colorimetria psicofisica Hermann von Helmholtz e la nascita della colorimetria psicofisica 1821-1894 Medico e fisiologo tedesco dell Ottocento Scienza della visione del colore Fisica Geometria Idrodinamica Elettrodinamica Lavori

Dettagli

Manuale Pratico di Serigrafia. Highlight

Manuale Pratico di Serigrafia. Highlight Highlight www.axpsrl.com - www.cplfabbrika.com Separazione colori Una qualsiasi immagine o un qualsiasi disegno per poter essere realizzato in serigrafia necessita di essere elaborato al fine di ricavare

Dettagli

BYK-mac. Controllo totale del colore delle finiture ad effetto. Design ergonomico e operazioni semplici. Letture affidabili in ogni momento

BYK-mac. Controllo totale del colore delle finiture ad effetto. Design ergonomico e operazioni semplici. Letture affidabili in ogni momento BYK-mac Controllo totale del colore delle L'aspetto delle è influenzato dai diversi angoli di osservazione e dalle condizioni di illuminazione. A parte il flop chiaro-scuro e il viraggio del colore, si

Dettagli

- A.1 - MANUALE DI OTTICA. per la classe prima (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano

- A.1 - MANUALE DI OTTICA. per la classe prima (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano - A.1 - MANUALE DI OTTICA per la classe prima (professionale) a cura dei docenti dell'iis G.Galilei - Milano Agosto 2010 - A.2 - - A.3-1. La luce Siamo abituati a vivere come immersi in un mondo di luce,

Dettagli

FILTRI BROAD-BAND E NARROW-BAND

FILTRI BROAD-BAND E NARROW-BAND FILTRI BROAD-BAND E NARROW-BAND Hα B y FWHM Filtro a banda larga Filtro a banda media Filtro a banda stretta BG39 + Filtro Bessell V GG495 f = 0 f 0 (λ )T ( λ) R( λ) S (λ )d λ Il flusso di energia misurato

Dettagli

Il Linguaggio visuale

Il Linguaggio visuale 1 Il punto Il punto è il più elementare elemento visivo. Nel linguaggio visuale il punto è concreto: lo vediamo emergere dal fondo, possiamo identificarlo, dargli dimensione e significato. La forma e la

Dettagli

DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA

DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA L obiettivo di questa esperienza è quello di studiare la cinetica della reazione tra una soluzione acida di

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Potere Risolutivo di un microscopio ottico composto

Potere Risolutivo di un microscopio ottico composto Potere Risolutivo di un microscopio ottico composto Il massimo potere risolutivo di un microscopio ottico composto e' di 0.2 µm con luce di illuminazione del preparato blu.per migliorare il contrasto (attenuazione

Dettagli

Introduzione alle fibre ottiche

Introduzione alle fibre ottiche Introduzione alle fibre ottiche Struttura delle fibre ottiche Una fibra ottica è sostanzialmente un cilindro (solitamente in vetro) con una parte centrale, detta core, con un indice di rifrazione superiore

Dettagli

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni La codifica delle Immagini Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori, infatti

Dettagli