Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scuola di Dottorato in Scienze e Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione."

Transcript

1 T. ZOLZZI. Appunti del corso di Introduzione ll Anlisi Funzionle Scuol di Dottorto in Scienze e Tecnologie dell Informzione e dell Comuniczione. NOTA. L utore desider ringrzire le studentesse di dottorto, ingegneri Brbr Mzzrino e Silvi Siri, per ver preprto un versione preliminre degli ppunti. PRIMA PART SZION 1. MISURA DI LBSGU. L misur di Peno - Jordn in R N si definisce, per un fissto sottinsieme limitto A R N, pprossimndolo dll interno e dll esterno in misur medinte plurirettngoli, ovvero unioni finite di rettngoli senz punti interni comuni (1) T = {x R N : i x i b i, i = 1,..., N}. Qui x i indic l componente i-esim di x, mentre i, b i sono numeri ssegnti. Se questi due procedimenti di pprossimzione in misur convergono d uno stesso numero, llor A é per definizione misurbile secondo Peno - Jordn, e tle numero é per definizione l misur di Peno - Jordn di A. Si trtt di un estensione del metodo di definizione dell re del cerchio, o del volume di un sfer, in geometri elementre. L misur di Lebesgue m é un ssi mpi generlizzzione del concetto di misur in R N (lunghezz se N = 1, re se N = 2, volume se N = 3), che mntiene comunque un forte coerenz con l geometri elementre. Per definizione se T é un rettngolo come in (1), l su misur di Lebesgue é m(t ) = (b 1 1 )(b 2 2 )... (b N N ). Se A = T 1 T 2... T p é un plurirettngolo, unione finit dei rettngoli T i, senz punti interni comuni, llor l su misur di Lebesgue é m(a) = p m(t i ) i=1 d ccordo con l geometri elementre e l intuizione. Si conviene inoltre che l misur di Lebesgue dell insieme vuoto si. Cso prticolre: l misur di Lebesgue dell insieme formto d un solo punto é. 1

2 D qui in poi, l definizione dell misur di Lebesgue m cmbi nettmente rispetto quell di Peno - Jordn. Se A é un perto di R N llor per definizione m(a) = sup {m(t ) : T plurirettngolo A} mentre se K é un insieme chiuso e limitto, ovvero un comptto, di R N llor m(k) = inf {m(t ) : K T, T plurirettngolo }. Dunque tutti gli perti e tutti i comptti sono misurbili secondo Lebesgue (il che é flso per l misur di Peno - Jordn), e un perto puó nturlmente vere misur infinit. Se S é limitto, si definisce l misur intern di S come l su misur estern come sup {m(k) : K S, K comptto }, inf {m(a) : S A, A perto } ed S é detto misurbile (secondo Lebesgue) se l su misur intern ed estern coincidono, nel qul cso il loro vlore comune é per definizione m(s). Infine se S é non limitto, esso é detto misurbile se ogni S r = {x S : x r} lo é, r >, nel qul cso l misur di S é per definizione lim r + m(s r ). Indicheremo con M l clsse di tutti i sottinsiemi misurbili secondo Lebesgue di R N (vendo fissto l dimensione N). Quindi l misur di Lebesgue (N - dimensionle) m : M [, + ]. PROPRITÁ DLLA MISURA DI LBSGU 1) Sino A, B M, x R N llor nche l unione A B, l intersezione A B, l differenz A\B ed il trslto x + A sono misurbili. In reltá vle un proprietá ssi piú forte : se l successione A k M llor + k=1 A k M e + m( + k=1 A k) k=1 m(a k ) ovvero l proprietá di numerbile subdditivitá. Se inoltre gli A k sono disgiunti llor + (2) m( + k=1 A k) = 2 k=1 m(a k )

3 che esprime l proprietá di numerbile dditivitá dell misur di Lebesgue. In prticolre, d ccordo con l intuizione e l geometri, se A, B sono misurbili e disgiunti. m(a B) = m(a) + m(b) sempio. Si D l insieme dei punti del qudrto Q = {(x, y) : x 1, y 1} le cui coordinte x, y sono entrmbe numeri decimli. Dto che l insieme dei numeri decimli é numerbile (ovvero, si puó mettere in corrispondenz biunivoc con l insieme degli interi), nche D é un successione di punti P n, ciscuno dei quli é di misur null, pertnto dll (2) risult che D é misurbile Lebesgue di misur. Seguendo invece l definizione di re di Peno - Jordn, l misur intern di D é (nessun rettngolo di re positiv é contenuto in D), mentre quell estern é 1 (il piú piccolo plurirettngolo contenente D é Q). Quindi D non é misurbile secondo Peno - Jordn, e l misur di Peno - Jordn non é numerbilmente dditiv. 2) L misur di Lebesgue é monoton, ovvero A, B M, A B implicno m(a) m(b). Conseguenz dell numerbile subdditivitá é che ogni unione numerbile di insiemi di misur null é ncor di misur null. Si prov inoltre che ogni sottinsieme di un insieme di misur null é misurbile (ed ovvimente di misur null per l monotoni). 3) L misur di Lebesgue é coerente con quell di Peno - Jordn, nel senso che coincide con ess su tutte le figure dell geometri elementre. FUNZIONI MISURABILI. Sino M, f : R ssegnti. Allor l funzione f é misurbile secondo Lebesgue se st in M ogni insieme {x : f(x) t}, t R. Si ottiene un definizione equivlente imponendo l misurbilitá di ogni insieme definito dlle disuguglinze f(x) t, oppure f(x) < t, oppure f(x) > t. sempio. Si N = 1, e considerimo f : [, 1] R dt d f(x) = 2 se x é decimle, f(x) = 3 ltrimenti. A cus dell densitá nei reli si dei decimli, si dei numeri non decimli, segue che f é discontinu in ogni punto di [, 1]. D ltr prte l insieme dei punti dove f(x) t 3

4 risult essere l insieme vuoto se t < 2, i numeri decimli tr ed 1 se 2 t < 3, tutto [, 1] se t 3, in ogni cso quindi un insieme misurbile Lebesgue. Si conclude che f é misurbile. Dto che l insieme dei decimli, essendo numerbile, é di lunghezz null secondo Lebesgue, si us dire che f = 3 qusi ovunque in [, 1], nel senso che l insieme dei punti nei quli f non vle 3 é di misur zero. sercizio. Verificre che se f : R N R é continu, llor é misurbile Lebesgue. In effetti, se nel punto x risult f(x) < t llor per l permnenz del segno si h che f(y) < t per ogni y bbstnz vicino d x. Allor, per ogni t, l insieme dei punti x in cui f(x) < t é perto quindi misurbile, e ció prov l misurbilitá di f. sercizio. Dto l insieme A R N, l su funzione crtteristic indict spesso con 1 A é definit su tutto R N, vle 1 nei punti di A, vle fuori di A. Verificre che sono ftti equivlenti l misurbilitá dell funzione 1 A e l misurbilitá dell insieme A. sistono sottinsiemi di R N non misurbili Lebesgue (m é difficile produrne un esempio), ed esistono funzioni non misurbili Lebesgue, comunque tutte le funzioni che intervengono nelle ppliczioni i problemi dell ingegneri sono per lo meno misurbili. Si trtt di un nozione molto generle, che é inoltre notevolmente stbile. Inftti somme, prodotti, quozienti, mssimo e minimo tr due funzioni, sono misurbili se lo sono le funzioni su cui si oper. In generle l compost di due funzioni misurbili puó non esserlo, m se f é misurbile e g é continu, l compost g[f] é nch ess misurbile. Utilizzeremo l seguente nozione di convergenz per successioni di funzioni Si dice che f n, f : R, M. f n f qusi ovunque in se esiste G M, G, G di misur null tle che f n (x) f(x) per ogni x G. Allor si dimostr che se f n f qusi ovunque in e se ogni f n é misurbile, nche il limite q.o. f é misurbile. sercizio. Sino f n (x) = x n, x 1, n = 1, 2, 3,.... Verificre che f n converge qusi ovunque e trovrne il limite. SZION 2. INTGRAL DI LBSGU. É importnte generlizzre l integrle di Riemnn per lmeno due rgioni : per poter dr senso ll integrzione di funzioni discontinue, cos spesso impossibile con l integrle 4

5 di Riemnn, e per disporre di un teorem di pssggio l limite sotto il segno d integrle, che non richied l convergenz uniforme, l qule in molte ppliczioni é un proprietá troppo restrittiv. Si f : [, b] R un funzione limitt. L definizione di integrbilitá secondo Riemnn consider un (rbitrri) prtizione P individut di punti x = < x 1 < x 2 <... < x N 1 < x N = b, le ssoci le somme inferiore e superiore s (P ) = N 1 i= m i (x i+1 x i ), s (P ) = N 1 i= M i (x i+1 x i ) dove m i = inf {f(x) : x i x x i+1 }, M i = sup {f(x) : x i x x i+1 }, e vlut se, l tendere zero dell mssim lunghezz degli intervlli che costituiscono P, entrmbe s (P ), s (P ) convergono d uno stesso numero rele, che (nel cso) é per definizione l integrle di Riemnn b f(x)dx. É equivlente imporre il comportmento convergente delle somme di Cuchy dove ogni t i [x i, x i+1 ]. N 1 i= f(t i )(x i+1 x i ) Supponimo or che f si misurbile Lebesgue in [, b] e limitt q.o. Allor esistono costnti P, Q tli che P f(x) Q per q.o. x [, b]. L definizione di Lebesgue scmbi l sse x con l sse y. Ovvero consider prtizioni individute di punti y = P < y 1 < y 2 <... < y N 1 < y N = Q, gli insiemi certo misurbili (e disgiunti) e l corrispondente somm i = {x [, b] : y i f(x) < y i+1 }, i =,..., N 1, s( ) = N 1 i= y i m( i ). L funzione f é dett integrbile secondo Lebesgue in [, b] se s( ) converge d un numero rele l tendere zero dell mssim mpiezz degli intervlli di, nel qul cso tle numero é l integrle di Lebesgue di f su [, b], che indicheremo (per rgioni fr poco evidenti) con il solito simbolo b f(x)dx. 5

6 L definizione si generlizz come segue. Sino (fisst l dimensione) M di misur finit e g : un funzione costnte trtti, ovvero esistono insiemi misurbili disgiunti 1,..., k l cui unione coincide con, e numeri reli c 1,..., c k tli che g(x) = c i se x i, i = 1,..., k, nel qul cso l integrle di g é per definizione g dx = k c i m( i ). i=1 Si f misurbile e su. Allor per definizione fdx = sup { gdx : g costnte trtti, g f}. L definizione é nlog per domini di integrzione di misur infinit: in ogni cso f é integrbile su se fdx < +. Qust definizione coincide con quell sopr descritt se l dimensione N = 1: ogni funzione misurbile e limitt (e non negtiv) su un insieme di misur finit h un ben definito integrle di Lebesgue.( Ció é flso per l integrle di Riemnn, per l cui esistenz si richiede sufficiente continuitá dell integrndo.) Simmetric definizione si dá per funzioni negtive. Se poi f é misurbile e di segno rbitrrio, considerimo l prte positiv f + e quell negtiv f di f ovvero f + (x) = mx {f(x), }, f (x) = min {f(x), }, per cui f = f + + f. Allor f é integrbile se lo sono si f + si f, nel qul cso per definizione fdx = f + dx + f dx. PROPRITÁ DLL INTGRAL DI LBSGU Tutte le proprietá strutturli dell integrle di Riemnn vlgono per l integrle di Lebesgue. In prticolre esso é linere, dditivo, monotono (si rispetto l dominio di integrzione che rispetto ll integrndo). Inoltre se f é integrbile su, llor lo é su ogni suo sottinsieme misurbile. Inoltre l integrle trscur gli insiemi di misur zero (che ppunto per questo sono tlvolt detti trscurbili), come segue. 6

7 1) Se f é misurbile ed é di misur null, llor fdx =. 2) Se f é integrbile su e se g = f q.o. su, llor nche g é integrbile e risult fdx = gdx. sempio. Sino = [, 3], f(x) = se x é un numero decimle, f(x) = 2 ltrimenti. Tutte le somme inferiori di Riemnn vlgono, tutte quelle superiori vlgono 6, indipendentemente dll prtizione. Quindi f non é integrbile Riemnn. É peró integrbile Lebesgue essendo misurbile e limitt. Inoltre f = 2 qusi ovunque, le costnti sono integrbili Lebesgue su [, 3], llor dll precedente proprietá 2) segue che 3 fdx = 3 2dx = 6. Come per l misur, vle un proprietá piú forte dell dditivitá dell integrle ovvero: se f é integrbile sull unione disgiunt = + n=1 n degli insiemi misurbili n, llor + n=1 n fdx = + n=1 n fdx. L relzione tr integrle e misur é quell nturle: se é misurbile llor dx = 1 dx = m(). R N Inoltre l integrle di Lebesgue é ssolutmente continuo, nel senso che se f é integrbile su ed indichimo con G un generico sottinsieme misurbile di, llor lim m(g) fdx =. G L teori di Lebesgue é strettmente collegt ll ssolut integrbilitá, ovvero ll proprietá che si integrbile il modulo dell integrnd: in effetti vendosi f = f + f, e ricordndo l definizione di integrbilitá, si h il seguente Criterio di integrbilitá. Sino misurbile, f un funzione misurbile su. Allor sono ftti equivlenti: f é integrbile su ; f é integrbile su ; esiste g integrbile su tle che f(x) g(x) q.o. in. Infine, l integrle di Lebesgue é (spesso m non sempre) coerente con l integrle di Riemnn (differenze potendo dipendere dl ftto che l integrbilitá Riemnn non equivle ll 7

8 ssolut integrbilitá). Quindi se f é limitt e continu, eccetto un insieme di misur null, su misurbile Peno-Jordn, llor i due integrli di f su, nel senso di Lebesgue e di Riemnn, coincidono (per questo non li distinguimo livello di notzione). Per integrli impropri, il comportmento dell integrle di Lebesgue é nlogo quello di Riemnn se si trtt di funzioni ssolutmente integrbili. Cosí, d esempio, x(t) = 1/t, < t 1 non é integrbile in [, 1] né Riemnn, né Lebesgue. Anlogmente y(t) = 1/t 2 é integrbile Lebesgue in [1, + ). Invece sin(x)/x é integrbile Riemnn, m non Lebesgue, in [, + ) (perché l integrle di Riemnn + sin x /x dx = +.) Il risultto centrle é il seguente Teorem di convergenz domint. Sino M, f n : R un successione di funzioni misurbili, convergente qusi ovunque su d f. Supponimo inoltre che esist g integrbile su tle che f n (x) g(x) per qusi ogni x. Allor f é integrbile su e risult f n f dx per cui nche f n dx fdx. sercizio. Clcolre + lim e nx4 dx. n + D qunto detto prim, ogni f n (x) = e nx4, x, é integrbile si Riemnn, si Lebesgue. Cerchimo di pplicre il teorem di convergenz domint. Risult f n (x) qusi ovunque in [, + ), inoltre f n (x) e x4 ovunque e per ogni n. Quindi bbimo convergenz domint, dunque + lim e nx4 dx = n (lim f n )dx =.

9 Assegnto M (vendo fisst l dimensione N), indicheremo con L 1 () l clsse di tutte le funzioni reli che risultno integrbili secondo Lebesgue su, identificndo due funzioni f, g di L 1 () tli che f(x) = g(x) q.o. in. PRIMITIV D INTGRAL DI LBSGU Se y é continu nell intervllo [, b] llor sppimo che (3) x(t) = t y(s)ds, t b é un primitiv di y in tle intervllo, ovvero é derivbile in tutti i punti e l su derivt prim ẋ(t) = y(t) per ogni t in [, b]. Si desso y L 1 ([, b]). L formul (3) h perfettmente senso nche in questo cso, e definisce un funzione x che, cus dell ssolut continuitá dell integrle di Lebesgue, risult continu in [, b]. sempio. Sino =, b = 2, y(t) = 1 se t é numero decimle di [, 2], y(t) = 3 ltrimenti. Allor, essendo y(t) = 3 q.o., risult dll (2) x(t) = t per cui x é derivbile (ovunque) con derivt 3 ds = 3 t, t 2 ẋ(t) = 3 = y(t) per qusi ogni t [, 2]. sempio. Sino = 1, b = 1, y(t) = se 1 t <, y(t) = 4 ltrimenti. In questo cso dll (3) (che coinvolge l integrle di Riemnn soltnto) ottenimo x(t) = se 1 t, x(t) = 4 t ltrimenti, quindi stvolt x é qusi ovunque (m non ovunque) derivbile, e di nuovo risult ẋ(t) = y(t) per qusi ogni t [ 1, 1]. 9

10 Nei due precedenti esempi, l (2) clcol un primitiv qusi ovunque dell integrnd y, nel senso che vle q.o. il teorem fondmentle del clcolo integrle, cso prticolre del seguente Teorem. Se y L 1 ([, b]) llor x dt dll (3) risult continu, derivbile qusi ovunque in [, b] e si h ẋ(t) = y(t) per qusi ogni t [, b]. Le funzioni dell form (3) sono un clsse intermedi tr quelle continue e quelle con derivt prim continu, e si crtterizzno come segue. Definizione. L funzione x : [, b] R é ssolutmente continu in [, b] qundo é continu, é derivbile q.o. con derivt integrbile Lebesgue in [, b] e risult, per ogni p, q [, b] q p ẋ(t)dt = x(q) x(p). sercizio. Verificre che se x é continu in [, b] e derivbile qusi ovunque, llor ẋ é misurbile Lebesgue. (Suggerimento: utilizzre il ftto che limiti q.o. di funzioni misurbili sono misurbili). sercizio. Si x il grdino x(t) = se t <, x(t) = 1 se t >. Verificre che x é derivbile q.o. e che ẋ é integrbile (in qulunque intervllo). x é ssolutmente continu in [ 1, 1]? SZION 3. SOLUZIONI QUASI OVUNQU DI QUAZIONI DIFFRNZIALI OR- DINARI. Nell sezione precedente bbimo visto che, ssegnti y L 1 ([, b]), x R, esiste un unic funzione ssolutmente continu x in [, b] che risolve il problem i vlori inizili ẋ = y q.o. in [, b], x() = x. In bse ll (3) risult x(t) = x + t y(s)ds, t b. 1

11 L nlog estensione del concetto di soluzione di un problem i vlori inizili per un sistem di equzioni differenzili, nel qule l dinmic dipend in modo non necessrimente continuo dl tempo t, é l seguente. Si D un perto di R N e si f : [, b] D R N un funzione ssegnt. Diremo che l funzione x = x(t) R N é un soluzione di Crthéodory in [, b] del sistem differenzile ordinrio (4) ẋ(t) = f[t, x(t)] se x é ssolutmente continu in [, b], nel senso che lo é ogni su componente, se prende vlori in D e se verific (4) per qusi ogni t [, b]. Nturlmente (4) corrisponde l sistem differenzile di N equzioni in N incognite in form normle scritto in form sclre ẋ 1 = f 1 (t, x 1,..., x N ),..., ẋ N = f N (t, x 1,..., x N ) essendo x 1,..., x N le componenti dell incognit x ed f 1,..., f N quelle dell dinmic f. Le soluzioni clssiche di (4) corrispondono l cso che f si (lmeno) continu, e sono llor funzioni di clsse C 1 ([, b]) che verificno (4) ovunque. In tl cso ogni soluzione clssic di (4) é nche soluzione di Crthéodory. Per ottenere un teori del tutto nlog quell clssic, si considerno dinmiche f = f(t, x) che sino funzioni di Crthéodory, ovvero tli che ogni loro componente si misurbile Lebesgue rispetto t in [, b] per ogni x D, e continu su D rispetto d x per ogni t [, b]. Si prov llor che l funzione compost f[t, u(t)] é misurbile Lebesgue in [, b] se lo é l componente intern u (in prticolre se u é continu). Il seguente teorem stbilisce, in condizioni simili l cso clssico, l esistenz ed unicitá in grnde delle soluzioni di Crthéodory dei problemi i vlori inizili. Teorem. Sino f funzione di Crthéodory in [, b] R N, x R N un punto rbitrrimente fissto. Allor esiste un ed un sol soluzione di Crthéodory in [, b] del problem i vlori inizili (5) ẋ(t) = f[t, x(t)], x() = x condizione che esistno due funzioni A, B L 1 ([, b]) tli che f(t, x) A(t) x + B(t) per ogni x R N e per qusi ogni t [, b]; inoltre per ogni r > esist g L 1 ([, b]) tle che per ogni x, x R N con x r, x r si bbi f(t, x ) f(t, x ) g(t) x x. 11

12 Ovvimente, come nel cso clssico, ogni equzione differenzile sclre di ordine N puó esser scritt in modo equivlente come un sistem di primo ordine e di dimensione N, rientrndo quindi come cso prticolre in (4). sercizio. Verificre che (come nel cso clssico), ogni soluzione di (5) in [, b] soddisf l formul x(t) = x + t f[s, x(s)]ds, t b e vicevers, ovvero se x é ssolutmente continu in [, b] e verific l precedente formul integrle, llor risolve (5) nel senso di Crthéodory. Nel cso prticolre dei sistemi differenzili lineri ẋ = A(t)x + B(t) le ipotesi del precedente teorem sono verificte se l mtrice A, che é N N, ed il vettore B d N componenti hnno ogni loro elemento in L 1 ([, b]). L teori é del tutto nlog quell del cso clssico: il sistem omogeneo ssocito h N soluzioni linermente indipendenti che ne generno l integrle generle, vle il principio di sovrpposizione, l integrle generle del sistem si ottiene d quello dell omogeneo ggiungendovi un soluzione, che se A é costnte si puó ottenere in form di convoluzione, ecceter. sercizio. Trovre in form di convoluzione l soluzione del problem ÿ + y = f(t), y() = ẏ() = essendo f L 1 ([, T ]) un funzione ssegnt, T > fissto. L omogene ssocit, essendo coefficienti costnti (quindi continui) h le soluzioni clssiche C sin t + D cos t che ne rppresentno l integrle generle l vrire delle costnti reli C, D. Come nel cso clssico, che corrisponde ll ipotesi f continu, l funzione y(t) = t sin(t x)f(x)dx, t T é l soluzione richiest. Inftti si puó derivre sotto il segno di integrle (due volte) come nel cso clssico, ottenendo ÿ(t) = f(t) ẏ(t) = t t cos(t x)f(x)dx, t T, sin(t x)f(x)dx = f(t) y(t), q.o t (, T ) 12

13 il che permette di concludere che y é l soluzione. SZION 4. SPAZI DI BANACH. Si uno spzio vettorile rele o complesso : quindi su sono ben definiti l somm di due suoi elementi e l moltipliczione per uno sclre rele o complesso. Supponimo che su si inoltre definit un funzione vlori reli, che d ogni elemento x di ssoci un ben determinto numero, l norm di x, indict con x, soddisfcente le seguenti proprietá : per ogni x, y, R oppure C x ; x = se e solo se x = ; x = x ; x + y x + y ; quest ultim proprietá é l disuguglinz tringolre. In tl cso, con l norm si dice spzio normto rele oppure complesso. All nozione di norm corrisponde un nozione di distnz fr due punti x, y di, dt d x y, ed un nozione di convergenz. Diremo che l successione di punti x n x n u ovvero x n converge (fortemente) l punto u se x n u per n +. In uno spzio normto, come dirette conseguenze dell definizione vlgono i ftti seguenti. Supponimo che le due successioni di punti di e che l successione di sclri llor risult x n x, y n y n, x n + y n x + y, n x n x, x n x. Quindi le operzioni di somm, di prodotto per sclri e l norm sono tutte funzioni continue in. Due norme 1, 2 su uno stesso spzio vettorile si dicono equivlenti se esistono due costnti p, q tli che per ogni x risult x 1 p x 2 q x 1. 13

14 Due norme equivlenti inducono l stess nozione di convergenz: in effetti dll definizione segue direttmente che per un successione u n u n x 1 se e solo se u n x 2. sempio. Su = C 1 ([, b]), spzio linere delle funzioni reli u derivbili con derivt prim u continu sull intervllo chiuso e limitto [, b], considerimo le due norme u 1 = mx { u(x) : x b} + mx { u (x) : x b}, u 2 = u() + mx { u (x) : x b}. Ovvimente per ogni u si h u 2 u 1. Inoltre per ogni x [, b] bbimo d cui u(x) u() + x u (t) dt u() + (b ) mx { u (x) : x b}, u 1 (costnte) u 2 dove l costnte vle 1 + b. Dunque le due norme sono equivlenti. sempio. Su = C ([, 2]) spzio delle funzioni reli x = x(t) continue sull intervllo [, 2] considerimo le due norme Nturlmente per ogni x si h x 1 = mx { x(t) : t 2}, x 2 = 2 x(t) dt. x 2 2 x 1. Considerimo l successione di funzioni continue x n che vlgono zero ovunque eccetto che tr ed 2/n 2, dove il loro grfico é ftto d due segmenti, il primo congiungente (, ) con (1/n 2, n), l ltro congiungente (1/n 2, n) con (2/n 2, ). Allor risult per n + x n 2 mentre x 1 +. dunque le due norme non sono equivlenti. x 1 é piú forte di x 2 nel senso che l convergenz in tle norm, ovvero l convergenz uniforme, implic l convergenz rispetto x 2, ovvero l convergenz in medi integrle, m non vicevers. Se l integrle del modulo tende zero, non per questo il mssimo modulo dell integrndo deve tendere nch esso zero: nell esempio precedente, ddirittur tende +. L sfer unitri chius di uno spzio normto é l insieme dei punti u di tli che u 1. Sfer pert di centro x e rggio r é {u : x u < r}. 14

15 Se T é un sottinsieme di uno spzio normto diremo che T é limitto se esiste k > tle che x k per ogni x T, ovvero T é contenuto nell sfer di centro l origine e rggio k. Diremo che T é (fortemente) chiuso se per ogni successione di punti di T, convergente (fortemente) l limite u, nche u T. Infine T é perto se il suo complementre é chiuso, ovvero se per ogni punto x T esiste un sfer di centro x e rggio positivo contenut in T. Le definizioni qui sopr sono identiche quelle che conoscimo in R N. In effetti l nlisi funzionle h per oggetto principle l introduzione, negli spzi di funzioni, di un struttur (ottenut ttrverso l nozione di norm) che si in un certo senso simile quell che conoscimo in R N dotto per esempio dell norm euclide. Se un successione di punti di uno spzio normto converge, ovvero x n u, llor dll disuguglinz tringolre si h x n x k x n u + u x k e quindi (6) x n x k per n, k +. É di fondmentle importnz (tecnic) spere se nello spzio normto vle il vicevers, ovvero se dl ftto che si verific l (6) segu che l successione deve convergere. Se ció vviene si dice che lo spzio normto é completo, ovvero che é uno spzio di Bnch. I seguenti sono esempi importnti, e frequentemente utilizzti, di spzi di Bnch reli. 1) R N con le norme, se x é il vettore di componenti x 1,..., x N, N x 1 = x k ; x 2 = N x k 2 ; x = mx { x k : k = 1,..., N}. k=1 k=1 L norm euclide 2 é quell dell geometri elementre (rdice dell somm dei qudrti delle componenti del vettore). Le ltre due sono modi diversi di misurre l lunghezz di un vettore. Si dimostr che su R N tutte le norme sono equivlenti: quindi l nozione di convergenz di un successione di vettori é quell usule (componente per componente) in qulunque norm. sercizio. Disegnre le sfere unitrie di R 2 rispetto lle tre norme sopr definite, e verificre che (dlle inclusioni determinte nel disegno) segue l loro equivlenz. 15

16 2) C (K), K essendo un insieme comptto di R N, per esempio N = 1 e K = [, b], con l norm u = u = mx { u(x) : x K}. In questo cso l convergenz indott dll norm é quell uniforme su K. 3) C 1 ([, b]), spzio delle funzioni reli di un vribile, derivbili un volt con derivt continu in [, b], con l norm Un norm equivlente é u = mx { u(x) : x [, b]} + mx { u (x) : x [, b]}. u = u() + mx { u (x) : x [, b]}. L convergenz indott é quell uniforme in [, b] delle funzioni e delle loro derivte prime. Nel prossimo esempio, considerimo G misurbile secondo Lebesgue in R N, p 1 e l clsse delle funzioni u : G R tli che u p é integrbile secondo Lebesgue su G, quindi u è misurbile e u(x) p dx < +. G Segue dlle proprietá dell integrle che se v é misurbile e risult u(x) = v(x) q.o. in G, llor u(x) p dx = v(x) p dx < +. G G Ai fini dell integrzione u e v sono equivlenti. L clsse di tutte le funzioni u come sopr (modulo l equivlenz espress dll uguglinz qusi ovunque) si indic con 4) L p (G), che risult spzio di Bnch con l norm u = ( u(x) p dx) 1/p. G Lo spzio L 1 (G) é quello delle funzioni integrbili (Lebesgue) su G. L p (G) é uno spzio linere per ogni p 1. L convergenz indott dll norm di L p (G) é dett convergenz in medi di ordine p su G. Segue dl teorem di convergenz domint che se le funzioni u n sono misurbili in G, n = 1, 2,..., se u n (x) u(x) q.o. in G e se esiste z L p (G) tle che u n (x) z(x) q.o. in G 16

17 llor si h u n u in L p (G). Vle un przile vicevers: se u n u in L p (G) llor esiste un estrtt dll successione u n che converge q.o. d u su G. sercizio. Verificre che se l successione x n u in L 2 ([, b]) e se ogni elemento dell successione verific 2 x n (t) 3 qusi ovunque in [, b] llor nche il limite 2 u(t) 3 qusi ovunque in [, b]. Inftti d x n si puó estrrre un successione y n (t) u(t) q.o. in [, b], dunque fuori d un opportuno insieme di misur null (unione numerbile di insiemi di misur ) si h 2 y n (t) 3 e pssndo l limite per n + si ottiene l stess disuguglinz per l funzione limite u. H prticolre importnz come vedremo il cso p = 2, in corrispondenz del qule u v = ( [u(x) v(x)] 2 dx) 1/2 é lo scrto qudrtico medio che intercorre tr u e v. G Si G misurbile Lebesgue in R N, llor l funzione misurbile u : G R si dice essenzilmente limitt in G se esiste un costnte K tle che u(x) K per q.o. x G. L estremo inferiore di tli K mggiornti q.o. di u é per definizione u, e lo spzio delle funzioni essenzilmente limitte si indic con 5) L (G) che risult di Bnch con l precedente norm, l qule coincide su u con l norm uniforme precedentemente introdott se u é continu sul comptto G. sercizio. Verificre che se x C ([, b]) e l costnte k verificno llor x(t) k per ogni t. x(t) k per q.o. t [, b], In effetti se in qulche s [, b] risultsse x(s) > k, llor dll permnenz del segno si vrebbe x(t) > k per ogni t bbstnz vicino d s. Quindi l insieme dei punti in cui x(t) > k conterrebbe un intervllo di lunghezz positiv, mentre invece si trtt per ipotesi di un insieme di misur. Se G é di misur finit, llor bbimo che se 1 p q L (G) L q (G) L p (G) L 1 (G), inoltre se G é comptto bbimo nche che C (G) L (G). 17

18 In effetti se u é essenzilmente limitt in G llor lo é u p per ogni p e quindi é integrbile, mentre se (in un punto di G) risult u(x) + llor u p diverge tnto piú velocemente qunto piú grnde é p, per cui l condizione che risulti integrbile u p é tnto piú restrittiv qunto piú grnde é l esponente. Un proprietá importnte degli spzi L p é l seguente. Sino p > 1, q = p/(p 1) per cui 1/p + 1/q = 1. In tl cso q é detto l esponente coniugto di p. Allor se f L p (G), h L q (G) risult fh L 1 (G) ed inoltre fh dx ( f p dx) 1/p ( h q dx) 1/q G G G che é dett disuguglinz di Hölder. Notimo il cso prticolre p = q = 2: in tl cso l disuguglinz divent fh L 1 f L 2 h L 2. sercizio. Verificre che se f L (G), h L 1 (G) llor vle ncor l disuguglinz fh L 1 f L h L 1. In effetti si h che f(x) f q.o. per cui risult f(x)h(x) h(x) f L q.o. llor dl criterio di integrbilitá segue che fh L 1 (G), ed integrndo su G l ultim disuguglinz si ottiene l conclusione. Gli ultimi esempi di spzi di Bnch rigurdno gli spzi delle primitive (q.o.) di funzioni di L p. Si trtt di esempi (in un dimensione) di spzi di Sobolev. Dto p 1 indichimo con 6) W 1,p ([, b]) lo spzio delle funzioni ssolutmente continue u l cui derivt u L p ([, b]), normto con b b u = ( u p dx) 1/p + ( u p dx) 1/p ovvero l somm delle norme L p dell funzione e dell su derivt. L convergenz indott dll norm é quell uniforme delle funzioni ed in medi integrle di ordine p delle derivte prime. sercizio. Verificre che se u n W 1,2 ([, b]) e se u n in L 2 ([, b]), u n () llor u n uniformemente in [, b]. 18

19 (Suggerimento: utilizzre l disuguglinz di Hölder per mggiorre b 1 u n(t) dt; il clcolo é nche nell esempio di pg. 22.) sercizio. Verificre che un norm equivlente su W 1,2 ([, b]) si ottiene con b u = u() + ( u 2 dx) 1/2, oppure con b u = mx { u(x) : x b} + ( u 2 dx) 1/2. sercizio. Verificre che se x, y L 2 ([, b]) llor nche x + y L 2 ([, b]). Utilizzimo il criterio di integrbilitá. Certo x + y é misurbile come somm di funzioni misurbili, inoltre per q.o. t [, b] ( x(t) + y(t) ) 2 2[x(t) 2 + y(t) 2 ] dove il termine destr é integrbile come somm di funzioni integrbili, dunque dl criterio di integrbilitá nche il termine sinistr é integrbile, ovvero x + y L 2 ([, b]). 7) W 2,p ([, b]) é lo spzio delle funzioni u con derivt prim ssolutmente continu in [, b], l cui derivt second u L p ([, b]), con l norm u = somm delle norme L p di u, u, u. Si h un norm equivlente su W 2,p ([, b]) utilizzndo b u = u() + u () + ( u (x) p dx) 1/p. L convergenz é quell uniforme delle funzioni e delle derivte prime ssieme quell in medi di ordine p delle derivte seconde. In prticolre, segue che ogni funzione in W 2,p ([, b]) h derivt prim continu in [, b]. Le funzioni reli che sono ssolutmente continue in [, b] con derivt prim essenzilmente limitt in tle intervllo costituiscono nch esse lo spzio di Bnch 8) W 1, ([, b]) con l norm u = u() + norm in L di u. 19

20 Allor se u W 1, ([, b]) si h per qulche costnte k u (x) k q.o. in [, b] ed integrndo tr s e t punti fissti (comunque) in [, b] segue che quindi u é lipschitzin in [, b]. Risult, se 1 p q, u(t) u(s) k t s ; s, t [, b] C 2 ([, b]) C 1 ([, b]) W 1, ([, b]) W 1,q ([, b]) W 1,p ([, b]) C ([, b]). Inoltre si dimostr che ogni funzione lipschitzin é derivbile q.o. (con derivt essenzilmente limitt) per cui W 1, ([, b]) coincide con lo spzio delle funzioni lipschitzine in [, b]. SZION 5. SPAZI DI HILBRT. In R N é ben definito il prodotto sclre di due vettori x = (x 1,, x N ), y = (y 1,, y N ), che vle N x T y = x y = x k y k k=1 e che é collegto ll norm euclide dll formul x 2 = x T x. Possimo estendere questo tipo di struttur, bsto sull esistenz del prodotto sclre, come segue. Si H uno spzio vettorile su R oppure C. Un prodotto sclre su H é un funzione che d ogni coppi ordint x, y H ssoci un numero rele (se H é spzio vettorile su R) oppure un numero complesso (se H é spzio vettorile su C), che indicheremo con < x, y >, tle che lineritá : per ogni u, v H e per ogni, b sclri; simmetri se rele: simmetri coniugt se complesso : < u + bv, x >= < u, x > +b < v, x > < u, v >=< v, u > per ogni u, v H : < u, v >= < v, u > per ogni u, v H; 2

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di

temperatura; Trasporto di massa, calore e quantità di moto, relazioni di bilancio; La viscosità; Cenni di FISICA-TECNICA Ki Gllucci ki.gllucci@univq.i kgllucci@unie.i Progr del corso Dinic dei fluidi: Regii di oo; Moo szionrio di un fluido idele; Moo szionrio di un fluido rele; Il eore di Bernoulli; Perdie

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Spazi metrici e spazi topologici

Spazi metrici e spazi topologici Topologia 1 2007/2008 D. Dikranjan, UDINE Spazi metrici e spazi topologici D. Dikranjan L origine della topologia é dovuta a H. Poincaré, M. Fréchet e F. Hausdorff circa un secolo fa. Adesso questa disciplina

Dettagli