RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI"

Transcript

1 ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE DI CITTADINO ITALIANO MAGGIORENNE INDAGATO /10006 PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato o identificato con altro mezzo in Custodi - Se l identificazione viene effettuata con altro mezzo e non con fotosegnalazione modificare la dicitura ( es. l identificazione è stata effettuata mediante l esibizione del documento d identità.. ) ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE VU in alternativa al doc , a firma Agente di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T c/o Custodi - trattandosi di cittadino italiano cancellare la dicitura e/o art. 6 comma 4 D.L.vo n ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE G in alternativa al doc o 10037, a firma Ufficiale di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, sostituire il sottoscritto operante con personale dipendente, Agente se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, avendo cura di spuntare da utilizzare solo modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n del caso NOTIZIA DI se Compilazione modello ottico per trasmissione c.n.r. se non si è proceduto ad atti garantiti (perquisizioni sequestri etc.). In caso di atti garantiti, sequestri e/o perquisizioni la notizia di reato dovrà essere trasmessa entro 48 ore e deve essere compilato il doc ( ) MASCHERINA PER LA PROCURA. Pagina 1/13 04/06/2008

2 /FERMO DI CITTADINO ITALIANO MAGGIORENNE trattandosi di arresto/fermo non è necessario formalizzare il verbale di accompagnamento in ufficio DROGA CARCERAZ gli arrestati o fermati vanno fotosegnalati anche se in possesso di documenti se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T c/o Custodi, avendo cura di spuntare. gli arrestati o fermati vanno fotosegnalati anche se in possesso di documenti da utilizzare solo gli arrestati o fermati vanno perquisiti modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n VERBALE DI OBBLIGATORIO (380 c.p.p.) oppure VERBALE DI FACOLTATIVO (381 c.p.p.) in assenza di flagranza, se sussistono gravi indizi di colpevolezza per reati indicati nell art. 384 c.p.p., nonchè pericolo di fuga, in luogo del verbale di arresto redigere: VERBALE DI FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO SCHEDA SINTETICA ALCOOL/TOSSICODIPENDENZE da compilare in caso di arrestato o fermato alcool o tossicodipendente in caso di esecuzione ordine di carcerazione sostituire il verbale di arresto, doc o con: VERBALE D ESECUZIONE ORDINE DI CARCERAZIONE e la notizia di reato, doc , con: COMUNICAZIONE DI AVVENUTA ESECUZIONE ORDINANZA DI CARCERAZIONE AVVISO DI AL PM con l indicazione degli adempimenti ex artt. 386 e 387 c.p.p. (avviso al difensore ed ai familiari), indicando la data e l ora dell udienza di convalida dell arresto solo se la competenza è del Tribunale Monocratico e la data dell udienza di convalida viene stabilita dal P.M. AVVISO DI FERMO AL P.M. con l indicazione degli adempimenti ex artt. 386 e 387 c.p.p., avviso al difensore ed ai familiari. Pagina 2/13 04/06/2008

3 10028 CITAZIONI 10001/ NOTIZIA DI se disposte dal PM TRADUZIONE DI ARRESTATO ALLE CAMERE DI SICUREZZA in caso di udienza di convalida dell arresto disposta per il giorno seguente c/o aule direttissime del Tribunale - allegare copia verbale di arresto) oppure attenendosi alle disposizioni del P.M. TRADUZIONE DI ARRESTATO / FERMATO AL CARCERE in caso di udienza di convalida dell arresto in carcere disposta dal P.M. o di fermo di indiziato di delitto di cui all art. 384 c.p.p, in quest ultimo caso sostituire la dicitura arresto con fermo - allegare copia verbale di arresto/fermo RITIRO ARRESTATO DALLA QUESTURA in caso di udienza di convalida dell arresto - da effettuarsi il giorno seguente- Tribunale Monocratico TRADUZIONE CONDANNATO AL CARCERE dopo udienza di convalida arresto allegare copia verbale di arresto e ordinanza custodia cautelare. N.B. In caso di sequestro di sostanze stupefacenti inviare la richiesta di analisi quali-quantitativa, previo accordo telefonico, data l urgenza, alla Questura di Milano Laboratorio Chimico del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica oppure, all Agenzia delle Dogane -Laboratorio Chimico via Marco Bruto n. 14 Milano - DOCUMENTO N , (DROGA) modificando l intestazione, a secondo dei casi, con Questura o Agenzia delle Dogane. N.B. In caso di arresto di competenza del Tribunale Monocratico all atto della presentazione in aula dell arrestato per la convalida dell arresto, l I.D. deve fornire l esito della comparazione delle impronte e l elenco dei precedenti ex pretorili (o almeno di quelli di polizia) ed eventualmente l esito delle analisi quali-quantitative dell eventuale sostanza stupefacente in sequestro. Devono essere predisposti 3 fascicoli: uno per il PM (con tutti gli originali); uno per il Giudice (con tutti i verbali delle operazioni compiute, consegnare copia della c.n.r. al giudice solo se la richiede) ed uno per l Ufficio Protocollo (con la copia di tutto). Dopo l udienza, prima dell archiviazione presso l Ufficio Protocollo, consegnare il fascicolo all Ufficio Verbali per compilazione S.D.I. In caso di arresto di competenza del Tribunale Collegiale o se il P.M. non dispone la convalida dell arresto il giorno seguente, bastano 2 fascicoli, l originale del quale DEVE essere trasmesso al mattino seguente all arresto, entro le ore 09,00, direttamente nella segreteria del PM di turno esterno al quale si è comunicato l avvenuto arresto, la copia di tutto consegnata all Ufficio Protocollo, previa compilazione S.D.I. da parte dell Ufficio Verbali. In ogni caso deve essere immediatamente trasmesso via fax il verbale di arresto all ufficio del P.M. di turno ed alla C.O. ( ) Redatto I.D. Paolo Pizzero I.P.M. Paolo De Feo I.D. Massimo Cuzzoni CORPO POLIZIA MUNICIPALE MILANO REPARTO RADIO MOBILE Pagina 3/13 04/06/2008

4 ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE DI CITTADINO STRANIERO MAGGIORENNE INDAGATO PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato o identificato con altro mezzo in Custodi - Se l identificazione viene effettuata con altro mezzo e non con fotosegnalazione modificare la dicitura ( es. l identificazione è stata effettuata mediante l esibizione del documento d identità.. ) ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE VU in alternativa al doc , a firma Agente di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE G in alternativa al doc o 10037, a firma Ufficiale di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T c/o Custodi., sostituire il sottoscritto operante con personale dipendente Agente. se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. avendo cura di spuntare anche le caselle relative alla comparazione urgente delle impronte ed al controllo precedenti da utilizzare solo RAPPORTO ALLA QUESTURA VU documento da compilarsi in alternativa al doc (a firma dell Agente di P.G) solo negli orari in cui l Ufficio Immigrazione della Questura è aperto, per il contestuale accompagnamento dello straniero in Questura. negli orari di apertura dell Ufficio Immigrazione RAPPORTO ALLA QUESTURA G documento da compilarsi in alternativa al doc ,( a firma dell Ufficiale di P.G) solo negli orari in cui l Ufficio Immigrazione della Questura è aperto, per il contestuale accompagnamento dello straniero in Questura.- Aggiungere a video che è stata data notizia dell accompagnamento al P.M. negli orari di apertura dell Ufficio Immigrazione INVITO A PRESENTARSI documento da compilarsi solo negli orari in cui l Ufficio Immigrazione è chiuso - indicare che in caso di inottemperanza la parte sarà punita ai sensi dell art. 650 c.p., (in alternativa a quanto indicato sul verbale art. 15 TULPS da indicare solo per stranieri non indagati) negli orari di chiusura dell Ufficio Immigrazione PIETRO CUSTODI TRASMISSIONE INVITO ALLA QUESTURA anche se l accompagnamento è stato effettuato da personale di altra Zona o Sezione la trasmissione alla Questura di questo documento spetta al Reparto, pertanto trasmettere questo documento con allegate copie degli altri documenti relativi all accompagnamento, nonché copia dell invito a presentarsi in Questura, all Ufficio Protocollo del Reparto, per l inoltro alla Questura. -fare una copia in più per l Uff. Protocollo del Reparto Pagina 4/13 04/06/2008

5 modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n NOTIZIA DI Compilazione modello ottico per trasmissione c.n.r se non si è proceduto ad atti garantiti (perquisizioni sequestri etc.). In caso di atti garantiti, sequestri e/o perquisizioni la notizia di reato dovrà essere trasmessa entro 48 ore e deve essere compilato il doc ( ) MASCHERINA PER LA PROCURA. Redatto I.D. Paolo Pizzero I.P.M. Paolo De Feo I.D. Massimo Cuzzoni CORPO POLIZIA MUNICIPALE MILANO REPARTO RADIO MOBILE Pagina 5/13 04/06/2008

6 / FERMO DI CITTADINO STRANIERO MAGGIORENNE trattandosi di arresto / fermo non è necessario formalizzare il verbale di accompagnamento in ufficio. DI DROGA CARCERAZ se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T c/o Custodi, avendo cura di spuntare da utilizzare solo modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n VERBALE DI OBBLIGATORIO (380 c.p.p.) oppure VERBALE DI FACOLTATIVO (381 c.p.p.) in assenza di flagranza, se sussistono gravi indizi di colpevolezza per reati indicati nell art. 384 c.p.p., nonché pericolo di fuga, in luogo del verbale di arresto redigere: VERBALE DI FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO SCHEDA SINTETICA ALCOOL/TOSSICODIPENDENZE da compilare in caso di arrestato o fermato alcool o tossicodipendente in caso di esecuzione ordine di carcerazione sostituire il verbale di arresto, doc o con: VERBALE D ESECUZIONE ORDINE DI CARCERAZIONE e la notizia di reato, doc o 10006, con: COMUNICAZIONE DI AVVENUTA ESECUZIONE ORDINANZA DI CARCERAZIONE AVVISO DI AL PM con l indicazione degli adempimenti ex artt. 386 e 387 c.p.p. (avviso al difensore ed ai familiari), indicando la data e l ora dell udienza di convalida dell arresto solo se la competenza è del Tribunale Monocratico AVVISO DI FERMO AL P.M. con l indicazione degli adempimenti ex artt. 386 e 387 c.p.p., avviso al difensore ed ai familiari. Pagina 6/13 04/06/2008

7 CITAZIONI NOTIZIA DI se disposte dal PM TRADUZIONE DI ARRESTATO ALLE CAMERE DI SICUREZZA in caso di udienza di convalida dell arresto disposta per il giorno seguente c/o aule direttissime del Tribunale - allegare copia verbale di arresto oppure attenendosi alle disposizioni del P.M. TRADUZIONE DI ARRESTATO / FERMATO AL CARCERE in caso di udienza di convalida dell arresto in carcere disposta dal P.M. o di fermo di indiziato di delitto di cui all art. 384 c.p.p, in quest ultimo caso sostituire la dicitura arresto con fermo - allegare copia verbale di arresto/fermo RITIRO ARRESTATO DALLA QUESTURA in caso di udienza di convalida dell arresto da effettuarsi il giorno seguente- Tribunale Monocratico TRADUZIONE CONDANNATO AL CARCERE dopo udienza di convalida arresto allegare copia verbale di arresto e ordinanza custodia cautelare. N.B. In caso di sequestro di sostanze stupefacenti inviare la richiesta di analisi quali-quantitativa, previo accordo telefonico, data l urgenza, alla Questura di Milano Laboratorio Chimico del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, oppure all Agenzia delle Dogane -Laboratorio Chimico via Marco Bruto n. 14 Milano - DOCUMENTO N (DROGA), modificando l intestazione a secondo dei casi, con Questura o Agenzia delle Dogane. N.B. In caso di arresto di competenza del Tribunale Monocratico all atto della presentazione in aula dell arrestato per la convalida dell arresto, l I.D. deve fornire l esito della comparazione delle impronte e l elenco dei precedenti ex pretorili (o almeno di quelli di polizia) ed eventualmente l esito delle analisi quali-quantitative dell eventuale sostanza stupefacente in sequestro. Devono essere predisposti 3 fascicoli: uno per il PM (con tutti gli originali); uno per il Giudice (con tutti i verbali delle operazioni compiute) ed uno per l Ufficio Protocollo (con la copia di tutto). Dopo l udienza, prima dell archiviazione presso l Ufficio Protocollo, consegnare il fascicolo all Ufficio Verbali per compilazione S.D.I. In caso di arresto di competenza del Tribunale Collegiale o se il P.M. non dispone la convalida dell arresto il giorno seguente, bastano 2 fascicoli, l originale del quale DEVE essere trasmesso al mattino seguente all arresto, entro le ore 09,00, direttamente nella segreteria del PM di turno esterno al quale si è comunicato l avvenuto arresto, la copia di tutto consegnata all Ufficio Protocollo, previa compilazione S.D.I. da parte dell Ufficio Verbali. In ogni caso deve essere immediatamente trasmesso via fax il verbale di arresto all ufficio del P.M. di turno ed alla C.O. ( ) Redatto I.D. Paolo Pizzero I.P.M. Paolo De Feo I.D. Massimo Cuzzoni CORPO POLIZIA MUNICIPALE MILANO REPARTO RADIO MOBILE Pagina 7/13 04/06/2008

8 ACCOMPAGNAMENTO DI CITTADINO ITALIANO MINORENNE INDAGATO PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato o identificato con altro mezzo in Custodi - Se l identificazione viene effettuata con altro mezzo e non con fotosegnalazione modificare la dicitura ( es. l identificazione è stata effettuata mediante l esibizione del documento d identità.. ) ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE VU in alternativa al doc , a firma Agente di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T c/o Custodi ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE G in alternativa al doc o 10037, a firma Ufficiale di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, sostituire il sottoscritto operante con personale dipendente Agente... se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, avendo cura di spuntare RICHIESTA ESAME RADIOLOGICO PER L ETA se necessario e autorizzato dal P.M. da utilizzare solo modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n se indagato imputabile (> 14 anni) /10006 VERBALE DI AFFIDAMENTO IN CUSTODIA DI MINORE INDAGATO se non disposto diversamente dal P.M. NOTIZIA DI I minori infraquattordicenni non sono imputabili e pertanto non possono essere sottoposti a rilievi fotosegnaletici, il P.M. Tribunale Minori di norma dispone i soli rilievi fotografici (attenersi comunque alle disposizioni impartite dal P.M.) non verbalizzare identificazione, dichiarazione domicilio e nomina difensore). Redatto I.D. Paolo Pizzero; I.P.M. Paolo De Feo; I.D. Massimo Cuzzoni CORPO POLIZIA MUNICIPALE MILANO REPARTO RADIO MOBILE Pagina 8/13 04/06/2008

9 DI MINORENNE ITALIANO N.B. L DEL MINORENNE E SEMPRE FACOLTATIVO ED E PREVISTO SOLO PER I REATI PER I QUALI E PREVISTA LA CUSTODIA CAUTELARE (artt. 16 e 23 D.P.R n. 448) trattandosi di arresto non è necessario formalizzare il verbale di accompagnamento in ufficio se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, avendo cura di spuntare RICHIESTA ESAME RADIOLOGICO PER L ETA DI se necessario e autorizzato dal P.M.. da utilizzare solo modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n VERBALE DI MINORENNI VERBALE DI NOTIZIA DI AL P.M. con adempimenti art. 18 D.P.R. 448/88 obbligo di dare immediata notizia all esercente la potestà di genitore sul minore. NOTIZIA DI TRADUZIONE DI ARRESTATO MINORENNE AL CARCERE LE N.B. In caso di sequestro di sostanze stupefacenti inviare la richiesta di analisi quali-quantitativa, previo accordo telefonico, data l urgenza, alla Questura di Milano Laboratorio Chimico del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica oppure, all Agenzia delle Dogane -Laboratorio Chimico via Marco Bruto n. 14 Milano - DOCUMENTO N , modificando l intestazione a secondo dei casi, con Questura o Agenzia delle Dogane. In caso di competenza del Tribunale per i Minorenni bastano 2 fascicoli, l originale del quale DEVE essere trasmesso al mattina seguente all arresto entro le ore 09,00 direttamente nella segreteria del PM c/o Tribunale Minori al quale è stato comunicato l arresto. Pagina 9/13 04/06/2008

10 In ogni caso deve essere trasmesso via fax il verbale di arresto al P.M. e alla C.O. ( ) ACCOMPAGNAMENTO DI STRANIERO MINORENNE INDAGATO N.B. L ART. 6 COMMA 3 DEL D.L.VO 286/98 NON SI APPLICA AI MINORENNI PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato o identificato con altro mezzo in Custodi - Se l identificazione viene effettuata con altro mezzo e non con fotosegnalazione modificare la dicitura ( es. l identificazione è stata effettuata mediante l esibizione del documento d identità... ) ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE VU in alternativa al doc , a firma Agente di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T c/o Custodi - cancellare la dicitura e/o art. 6 comma 4 D.L.vo n. 286 ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE G in alternativa al doc o 10037, a firma Ufficiale di P.G., se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, sostituire il sottoscritto operante con personale dipendente Agente se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, avendo cura di spuntare RICHIESTA ESAME RADIOLOGICO PER L ETA se necessario e autorizzato dal P.M. da utilizzare solo modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n se indagato imputabile (> 14 anni) VERBALE DI AFFIDAMENTO IN CUSTODIA DI MINORE INDAGATO se non disposto diversamente dal P.M.. Pagina 10/13 04/06/2008

11 10006 NOTIZIA DI I minori infraquattordicenni non sono imputabili e pertanto non possono essere sottoposti a rilievi fotosegnaletici, il P.M. Tribunale Minori di norma dispone i soli rilievi fotografici (attenersi comunque alle disposizioni impartite dal P.M.), non verbalizzare identificazione, dichiarazione domicilio, nomina difensore. Redatto I.D. Paolo Pizzero I.P.M. Paolo De Feo I.D. Massimo Cuzzoni CORPO POLIZIA MUNICIPALE MILANO REPARTO RADIO MOBILE Pagina 11/13 04/06/2008

12 DI MINORENNE STRANIERO N.B. L DEL MINORENNE E SEMPRE FACOLTATIVO ED E PREVISTO SOLO PER I REATI PER I QUALI E PREVISTA LA CUSTODIA CAUTELARE (artt. 16 e 23 D.P.R n. 448) trattandosi di arresto non è necessario formalizzare il verbale di accompagnamento in ufficio se fotosegnalato in Questura in assenza operatore F.D.T. c/o Custodi, avendo cura di spuntare RICHIESTA ESAME RADIOLOGICO PER L ETA DI se necessario e autorizzato dal P.M.. da utilizzare solo modificare ammissione al patrocinio a spese dello Stato L n. 217 con art. 76 D.L.vo n VERBALE DI MINORENNI VERBALE DI NOTIZIA DI AL P.M. con adempimenti art. 18 D.P.R. 448/88 obbligo di dare immediata notizia all esercente la potestà di genitore sul minore. NOTIZIA DI TRADUZIONE DI ARRESTATO MINORENNE AL CARCERE LE N.B. In caso di sequestro di sostanze stupefacenti inviare la richiesta di analisi quali-quantitativa, previo accordo telefonico, data l urgenza, alla Questura di Milano Laboratorio Chimico del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica oppure, all Agenzia delle Dogane -Laboratorio Chimico via Marco Bruto n. 14 Milano - DOCUMENTO N , modificando l intestazione a secondo dei casi, con Questura o Agenzia delle Dogane. In caso di competenza del Tribunale per i Minorenni bastano 2 fascicoli, l originale del quale DEVE essere trasmesso al mattina seguente all arresto entro le ore 09,00 direttamente nella segreteria del PM c/o Tribunale Minori al quale è stato comunicato l arresto. In ogni caso deve essere trasmesso via fax il verbale di arresto al P.M. e alla C.O. ( ) Pagina 12/13 04/06/2008

13 ACCOMPAGNAMENTO DI STRANIERO MAGGIORENNE CLANDESTINO NON INDAGATO art. 6 comma 4 D.L.vo 286/98 se non ha commesso reati non è possibile fotosegnalarlo Presso il Reparto in Questura, anche in presenza operatore F.D.T. c/o Custodi, avendo cura di spuntare ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE VU cancellare la dicitura art. 349 c.p.p e/o - RAPPORTO ALLA QUESTURA VU documento da compilarsi in alternativa al doc (a firma dell Agente di P.G) solo negli orari in cui l Ufficio Immigrazione della Questura è aperto, per il contestuale accompagnamento dello straniero in Questura. negli orari di apertura dell Ufficio Immigrazione RAPPORTO ALLA QUESTURA G documento da compilarsi in alternativa al doc ,( a firma dell Ufficiale di P.G) solo negli orari in cui l Ufficio Immigrazione della Questura è aperto, per il contestuale accompagnamento dello straniero in Questura.- Aggiungere a video che è stata data notizia dell accompagnamento al P.M. negli orari di apertura dell Ufficio Immigrazione INVITO A PRESENTARSI documento da compilarsi solo negli orari in cui l Ufficio Immigrazione è chiuso indicare che in caso di inottemperanza che la parte sarà punita ai sensi dell art. 15 TULPS negli orari di chiusura dell Ufficio Immigrazione PIETRO CUSTODI TRASMISSIONE INVITO ALLA QUESTURA anche se l accompagnamento è stato effettuato da personale di altra Zona o Sezione la trasmissione alla Questura di questo documento spetta al Reparto, pertanto trasmettere questo documento con allegate copie degli altri documenti relativi all accompagnamento, nonché copia dell invito a presentarsi in Questura, all Ufficio Protocollo del Reparto, per l inoltro alla Questura. - fare una copia in più per l Uff. Protocollo del Reparto Redatto I.D. Paolo Pizzero I.P.M. Paolo De Feo I.D. Massimo Cuzzoni CORPO POLIZIA MUNICIPALE MILANO REPARTO RADIO MOBILE Pagina 13/13 04/06/2008

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Atti di polizia giudiziaria

Atti di polizia giudiziaria Atti di polizia giudiziaria moduli con note ed approfondimenti a cura di Luigi Cardarello* con la collaborazione di Michele De Simone** *direttore dell Ufficio studi della scuola allievi agenti di Peschiera

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI MILANO

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI MILANO PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI MILANO DIRETTIVE PER I SERVIZI DI POLIZIA GIUDIZIARIA INDICE Premessa COME COMPORTASI QUANDO SI OPERA NEI CONFRONTI DI UN MINORE a) Età del

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90.

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90. STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90 Caso pratico Individuo trovato in possesso di un piccolo quantitativo

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Poliziamunicipale.it- Riproduzione vietata. Le schede operative LA DISCIPLINA OPERATIVA NEI CONFRONTI DI MINORENNI

Poliziamunicipale.it- Riproduzione vietata. Le schede operative LA DISCIPLINA OPERATIVA NEI CONFRONTI DI MINORENNI Le schede operative di D aniele Ruggeri e Robert o Curat i LA DISCIPLINA OPERATIVA NEI CONFRONTI DI MINORENNI Vademecum operativo delle procedure ed adempimenti in caso di minore indagato o ritrovato La

Dettagli

Art. 73 D.P.R. 309/90 (Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti)

Art. 73 D.P.R. 309/90 (Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti) Con la legge 49/2006 ed il successivo decreto del Ministero della Salute emanato di concerto con il Ministero della Giustizia dell 11.04.2006 è stato modificato il D.P.R. 309/90 ed introdotto un limite

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

Minori e sostanze stupefacenti o psicotrope

Minori e sostanze stupefacenti o psicotrope attualità di Andrea Girella* Minori e sostanze stupefacenti o psicotrope La condizione psicologica del consumatore-minorenne, delicata in virtù della minore capacità di autocontrollo e consapevolezza dei

Dettagli

La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. polizia municipale. Normativa, casi pratici, modulistica. Mar c o Ma s s a v e l l i

La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. polizia municipale. Normativa, casi pratici, modulistica. Mar c o Ma s s a v e l l i Mar c o Ma s s a v e l l i La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. Il ruolo della polizia municipale Normativa, casi pratici, modulistica Aggiornato con la Legge 22 maggio 2015, n. 68 Il testo

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

ARRESTO IN FLAGRANZA FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO GIUDIZIO DIRETTISSIMO

ARRESTO IN FLAGRANZA FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO GIUDIZIO DIRETTISSIMO Questioni pratiche. ARRESTO IN FLAGRANZA FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO GIUDIZIO DIRETTISSIMO 390 comma 1 cpp. Competenza funzionale ed inderogabile per materia e territorio del giudice del luogo dell arresto/fermo,

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Falsi documentali: alcune note operative. Il problema dei falsi documentali investe ormai molte nostre realtà anche piccole: basta leggere sui giornali che numerose patenti e documenti

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni

COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni COMUNICAZIONE ORGANIZZATIVA n. 46.1/AD del 14 nov 2007 Procedura Tutela Legale del personale aziendale vittima di aggressioni Con la presente Comunicazione Organizzativa vengono definite le modalità operative

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA/IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE I/II SEZIONE PENALE. (proc. pen. n. R.G.N.G., n. R.G.Dib.

TRIBUNALE DI BOLOGNA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA/IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE I/II SEZIONE PENALE. (proc. pen. n. R.G.N.G., n. R.G.Dib. IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA/IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE (proc. pen. n. R.G.N.G., n. R.G.Dib.) Istanza di liquidazione degli onorari e delle spese ai sensi dell'art.82 D.P.R. 115/02 Il sottoscritto avv.

Dettagli

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione.

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. CIRCOLARE n. 16 26 luglio 2012 GDV/fp Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. Con nota dello scorso

Dettagli

La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività

La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività La Polizia Giudiziaria: Compiti Funzioni Attività ART. 55 cpp 1. La polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori,

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. La documentazione degli atti di p.g. in materia di spaccio e traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope

GUARDIA DI FINANZA. La documentazione degli atti di p.g. in materia di spaccio e traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope GUARDIA DI FINANZA La documentazione degli atti di p.g. in materia di spaccio e traffico di sostanze stupefacenti e psicotrope Trento, 14 aprile 2015 1 INDICE 1. Analisi di alcune tipologie di atti (perquisizione,

Dettagli

straordinaria e ristrutturazione edilizia degli edifici all interno dei cimiteri periferici (APP. 18/15) (CIG: 5493219BB6)

straordinaria e ristrutturazione edilizia degli edifici all interno dei cimiteri periferici (APP. 18/15) (CIG: 5493219BB6) marca da bollo Allegato n. 1 Modulo domanda di partecipazione Da inserire nella busta 1 recante la dicitura Documentazione Spett.le Comune di Pisa Il sottoscritto Nato a il in qualità di legale rappresentante

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO

Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO SOMMARIO Prefazione... Premessa... Elenco delle principali abbreviazioni... VII XV XIX CAPITOLO 1 di ALESSANDRO TRINCI L EVOLUZIONE STORICA E L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DEL GIUDIZIO DIRETTISSIMO 1. I

Dettagli

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115

TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 TRIBUNALE DI VICENZA UFFICIO (1) Istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato ex D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 Il sottoscritto/a prov. il cittadinanza residente in (via) n. CAP Città prov. professione

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE DEI CITTADINI STRANIERI DA PARTE DELLE FORZE DI POLIZIA E IL DIVIETO DELL USO DELLA FORZA PER I RILIEVI FOTO- DATTILOSCOPICI

L IDENTIFICAZIONE DEI CITTADINI STRANIERI DA PARTE DELLE FORZE DI POLIZIA E IL DIVIETO DELL USO DELLA FORZA PER I RILIEVI FOTO- DATTILOSCOPICI L IDENTIFICAZIONE DEI CITTADINI STRANIERI DA PARTE DELLE FORZE DI POLIZIA E IL DIVIETO DELL USO DELLA FORZA PER I RILIEVI FOTO- DATTILOSCOPICI Scheda pratica (aggiornamento al 14 dicembre 2014) Premessa

Dettagli

BRACCIALETTO ELETTRONICO

BRACCIALETTO ELETTRONICO BRACCIALETTO ELETTRONICO La copertura normativa Il cosiddetto Braccialetto elettronico trova piena copertura normativa come Sistema per il controllo elettronico delle persone sottoposte alla misura degli

Dettagli

Indice CAPITOLO PRIMO. Atti a iniziativa della polizia giudiziaria

Indice CAPITOLO PRIMO. Atti a iniziativa della polizia giudiziaria Indice Introduzione........................................ p. 11 CAPITOLO PRIMO Atti a iniziativa della polizia giudiziaria Art. 347 c.p.p. Obbligo di riferire la notizia del reato........» 13 Art. 348

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

VIGILANZA EDILIZIA. Nucleo Edilizio Polizia Municipale VERONA. Comune di Bovolone VR- 29 gennaio 2015

VIGILANZA EDILIZIA. Nucleo Edilizio Polizia Municipale VERONA. Comune di Bovolone VR- 29 gennaio 2015 Nucleo Edilizio Polizia Municipale VERONA Comune di Bovolone VR- 29 gennaio 2015 scaturisce da: INIZIATIVA pattugliamento del territorio ESPOSTO del privato cittadino RELAZIONI DI SERVIZIO COLLEGHI Individuazione

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Teramo

PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Teramo Si presenta qui il Protocollo per l identificazione e l approccio alle possibili vittime di tratta elaborato congiuntamente dalla Procura di Teramo, dall Associazione On the Road, dall Ufficio Immigrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA. Cronologico atti da espletare

ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA. Cronologico atti da espletare ARTT. 186/187 C.d.S. - NORMALI CONTROLLI SU STRADA Cronologico atti da espletare 1. Fermare i veicoli da sottoporre a controllo nei modi previsti dalla Legge; 2. farsi consegnare i documenti di guida del

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE ALLEGATO AL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 10 del

Dettagli

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Il sottoscritto nato il a in qualità di legale rappresentante dello studio associato ovvero di titolare dello studio professionale/ditta

Dettagli

Provincia di Bologna Servizio Amministrativo Pianificazione Territoriale e Trasporti Via Zamboni n.13 40126 Bologna

Provincia di Bologna Servizio Amministrativo Pianificazione Territoriale e Trasporti Via Zamboni n.13 40126 Bologna Provincia di Bologna Servizio Amministrativo Pianificazione Territoriale e Trasporti Via Zamboni n.13 40126 Bologna BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALL ESAME PER IL CONSEGUIMENTO

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Roma, 8 aprile 2010 Cap. Sergio Tirrò Roma, 8 aprile 2010 Cap. Sergio Tirrò La verbalizzazione Legge di depenalizzazione 24/11/1981 nr. 689 Modifiche al sistema

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI VENEZIA INDICAZIONI E DIRETTIVE ALLA POLIZIA GIUDIZIARIA DEL VENETO

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI VENEZIA INDICAZIONI E DIRETTIVE ALLA POLIZIA GIUDIZIARIA DEL VENETO PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE PER I MINORENNI VENEZIA N. 976/2003 di prot. Venezia Mestre, 29 luglio 2003 INDICAZIONI E DIRETTIVE ALLA POLIZIA GIUDIZIARIA DEL VENETO IL PROCURATORE DELLA

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Servizio 335 telematico

Servizio 335 telematico Servizio 335 telematico art.335 c.p.p. registro delle notizie di reato 3. Ad esclusione dei casi in cui si procede per uno dei delitti di cui all'art.407, comma 2, lettera a), le iscrizioni previste ai

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Aspetti formali e sostanziali degli atti di Polizia Giudiziaria Annotazioni e Verbali

Aspetti formali e sostanziali degli atti di Polizia Giudiziaria Annotazioni e Verbali ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE POLIZIA LOCALE D ITALIA (Riconoscimento Ministero LL.PP. Decreto n. 651/93 - G.U. 18/12/93 n. 296) (Riconoscimento Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione

Dettagli

La gestionedella cartella sanitaria e di rischio ai sensi del dlgs 81/08. HSR Resnati spa

La gestionedella cartella sanitaria e di rischio ai sensi del dlgs 81/08. HSR Resnati spa La gestionedella cartella sanitaria e di rischio ai sensi del dlgs 81/08 HSR Resnati spa dott. Rino Donghi 29 novembre 2008 Premessa Il dlgs 81/08 del 29 aprile 08, in particolare agli artt. 25, 38 e 41,

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI DELLA GUARDIA DI FINANZA MODULISTICA OPERATIVA EDIZIONE 2007 Per uso esclusivo dei frequentatori SCUOLA ISPETTORI E SOVRINTENDENTI DELLA GUARDIA DI FINANZA MODULISTICA

Dettagli

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA Le linee guida che sono qui definite costituiscono il frutto di alcuni incontri sollecitati dal Presidente del Tribunale di Milano tra giudici penali dell'ufficio,

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Esente da bollo ai sensi dell art. 37 - DPR 445/2000 OGGETTO: DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI FORNITORI E DEI PRESTATORI DI SERVIZI DI FIDUCIA

Esente da bollo ai sensi dell art. 37 - DPR 445/2000 OGGETTO: DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI FORNITORI E DEI PRESTATORI DI SERVIZI DI FIDUCIA Esente da bollo ai sensi dell art. 37 - DPR 445/2000 Spett.le Comunità Montana Alento Montestella Via Roma,1 palazzo Cagnano. 84050 Laureana Cilento (SA) Tel 0974 850511 fax 0974832498 Pec :posta@pec.alento-montestella.sa.it

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

DIRETTIVA DIRIGENZIALE OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - DISTRETTO SCOLASTICO N. 27 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO G. Rodari 80024 CARDITO (NA) - Via Prampolini - Tel. 081 8313317 Cod.Fiscale: 80103720639-Cod.Meccanog. NAEE 118005 e-mail naee118005@istruzione.it

Dettagli

APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE APERTURA DI LOCALI PER L ESERCIZIO DI SALE GIOCHI (art. 86 T.U.L.P.S). NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE Il rilascio della licenza per l apertura di una sala giochi è subordinato ad un procedimento così distinto:

Dettagli

Data aggiornamento: 16 gennaio 2014

Data aggiornamento: 16 gennaio 2014 Adempimenti al Registro Imprese previsti dalla Legge Fallimentare e normative ad essa collegate in capo al Curatore Fallimentare ai Commissari e Liquidatori Giudiziali Data aggiornamento: 16 gennaio 2014

Dettagli

ISCRIZIONE A RUOLO. 1) Richiedere l ordinazione del sigillo al Consiglio Notarile (all. A)

ISCRIZIONE A RUOLO. 1) Richiedere l ordinazione del sigillo al Consiglio Notarile (all. A) ISCRIZIONE A RUOLO I NOTAI DI PRIMA NOMINA, ENTRO 90 GIORNI DALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL DECRETO DI NOMINA SULLA GAZZETTA UFFICIALE SOTTO PENA DI DECADENZA, DEVONO: 1) Richiedere l ordinazione del sigillo

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 Con l entrata in vigore della riforma del processo esecutivo ex D.L. 132/2014, limitatamente agli aspetti pratici e in attesa di

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR

ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR ALLEGATO 2 DICHIARAZIONE CUMULATIVA AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL DPR 445/2000 (Nel caso di concorrenti costituiti da imprese associate temporaneamente o consorziate in Consorzio Ordinario - o da associarsi

Dettagli

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo Prefettura di Reggio Calabria Ufficio territoriale del Governo LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI Per minore straniero non accompagnato si intende il minorenne non avente

Dettagli

Servizio 335 telematico

Servizio 335 telematico Servizio 335 telematico art.335 c.p.p. registro delle notizie di reato 3. Ad esclusione dei casi in cui si procede per uno dei delitti di cui all'art.407, comma 2, lettera a), le iscrizioni previste ai

Dettagli

Questionario n. 3 Tecnica di Polizia Giudiziaria

Questionario n. 3 Tecnica di Polizia Giudiziaria Questionario n. 3 Tecnica di Polizia Giudiziaria Sezione I La tecnica delle perquisizioni personali e locali 1) Che cos è una perquisizione? A) atto di coercizione che consiste in una misura cautelare

Dettagli

Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria.

Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria. Tutela degli animali: applicazione pratica delle normative per gli organi di Polizia Giudiziaria. Seriate 28 febbraio 2013 con il patrocinio degli assessorati al commercio e all ambiente ambiente del Comune

Dettagli

COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Area Tecnica - Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni

COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Area Tecnica - Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni MOD. A bis Modulo Dichiarazioni relative al possesso dei requisiti di ordine generale da compilarsi da parte di ciascuna impresa consorziata individuata dal Consorzio quale esecutrice di lavori/servizi/forniture

Dettagli

CIRCOLARE N.106/14-15

CIRCOLARE N.106/14-15 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO TIVOLI 1-TIVOLI CENTRO VIA DEL COLLEGIO 2-00019 TIVOLI (RM) TEL 0774-312194-314549

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

PROCEDURA C.E.D. Pag. 1 di 5

PROCEDURA C.E.D. Pag. 1 di 5 PROCEDURA C.E.D. Pag. 1 di 5 PROCEDURA PER RICHIESTA PER ATTIVAZIONE CED Gentile Signore, Di seguito le indichiamo la procedura necessaria per l attivazione di un Centro Elaborazione Dati che faciliterà

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Sara Cunteri Dottore Commercialista

Sara Cunteri Dottore Commercialista Sara Cunteri Dottore Commercialista TRIBUNALE DI MILANO Sezione fallimentare R.G. 149/2013 FALLIMENTO CARPENTERIA DELL'ADDA Giudice Delegato: dott. Guido Macripò Professionista delegato alla vendita e

Dettagli

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO

IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO PCT Istruzioni per l uso IL PCT: PROCESSO CIVILE TELEMATICO 12 novembre 2014 Brescia 1 Cosa è cambiato con il PCT Aspetti positivi: I documenti sono consultabili da qualsiasi postazione; Si è sempre aggiornati

Dettagli

Entro sei mesi dalla data di effettuazione delle prove scritte

Entro sei mesi dalla data di effettuazione delle prove scritte Nome Procedimento Descriz_procedimento termine del procedimento Assunzione di personale tramite bando di concorso esterno Assunzione appartenenti a categorie protette 1^ fase: Il procedimento ha inizio

Dettagli

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE

e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco SEDE Alle Direzioni Centrali LORO SEDI All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. LORO SEDI Ai Comandi provinciali VV.F. LORO SEDI Agli Uffici di diretta collaborazione del

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

FA ISTANZA. di ammissione alla procedura negoziata per l affidamento dei lavori in oggetto specificati;

FA ISTANZA. di ammissione alla procedura negoziata per l affidamento dei lavori in oggetto specificati; ALLEGATO N. 1 Marca da bollo 14,62 OGGETTO: Procedura aperta per l affidamento in concessione del diritto d uso delle coperture per La realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici presso gli edifici

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA)

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Rep.n / Quietanza n del (Diritti d istruttoria) Protocollo Generale del Comune AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino (Modello

Dettagli

Timbro Comando. marca... Modello... Targa... telaio...

Timbro Comando. marca... Modello... Targa... telaio... VERBALE di sequestro amministrativo e affidamento in custodia giudiziale al custode acquirente del sottonotato veicolo per guida sotto l influenza di alcool/stupefacenti : marca... Modello... Targa.....

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Valore Prassi VERONA PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI - PARTE PRIMA - 1) Art. 474 c.p.c.: titolo esecutivo. 1.a) Le scritture private autenticate vanno integralmente trascritte nell atto di precetto.

Dettagli

Paolo Mascagni 21-06-14

Paolo Mascagni 21-06-14 Paolo Mascagni 21-06-14 EVENTI LESIVI DA CAUSA LAVORATIVA INFORTUNIO Evento avvenuto per causa violenta (concentrata nel tempo), in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un inabilità permanente

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI MONDOLFO PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI MONDOLFO PROVINCIA DI PESARO E URBINO SETTORE 8^ POLIZIA LOCALE ED ATTIVITA PRODUTTIVE BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N.2 AUTORIZZAZIONI PER IL SERVIZIO NOLEGGIO CON CONDUCENTE CON VEICOLO

Dettagli

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156

Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Legge Simeone-Saraceni del 27 maggio 1998 n. 156 Art. 1 Esecuzione delle pene detentive 1. L'articolo 656 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente: "Art. 656 (Esecuzione delle pene detentive).

Dettagli

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Legge 12 novembre 2004, n. 271 Gazzetta Ufficiale 13 novembre 2004, n. 267 Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni

Dettagli

GIARDINO SCOTTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA ESTIVA ANNO 2015.

GIARDINO SCOTTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA ESTIVA ANNO 2015. Allegato B Modulo delle Dichiarazioni (da inserire nella busta n. 1 Documentazione amministrativa) Al Comune di Pisa Direzione Cultura e Turismo Coordinamento Interventi sul Litorale OGGETTO: AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

Comune di Roccamonfina

Comune di Roccamonfina Comune di Roccamonfina Provincia di Caserta Prot. 403 / 64 - UT AREA TECNICA AVVISO PUBBLICO AGGIORNAMENTO ELENCO DITTE E IMPRESE DI FIDUCIA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI SERVIZI FORNITURE IL RESPONSABILE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento sulla riscossione delle contravvenzioni al codice della strada

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento sulla riscossione delle contravvenzioni al codice della strada PROVINCIA DI ROMA Regolamento sulla riscossione delle contravvenzioni al codice della strada Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 25 del 25 luglio 2011 ART. 1 Oggetto e scopo del regolamento.

Dettagli

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Protocollo Settore Provveditorato Magazzino Generale Tel. 095-7436337 fax 095-7435571 Oggetto: Acquisto Reagenti

Dettagli

CORTE DI APPELLO PALERMO

CORTE DI APPELLO PALERMO CORTE DI APPELLO PALERMO LIQUIDAZIONI SPESE DI GIUSTIZIA - ISTANZA WEB A partire dal 18 luglio 2014 è attivo il Sistema web Liquidazioni Spese di Giustizia realizzato per consentire ai beneficiari di pagamenti

Dettagli