Principi di architetture di rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi di architetture di rete"

Transcript

1 Principi di architetture di rete Prof. Fabrizio d Amore Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Principi di architetture di rete F. d Amore 1

2 Evoluzione delle architetture Anni 60. Solo mainframe Principi di architetture di rete F. d Amore 2

3 Architetture centralizzate basate su un unico sistema centrale detto host o mainframe architettura superata a causa della crescente complessità degli applicativi, che richiedono capacità di calcolo anche locali e notevoli cambiamenti nelle organizzazioni funzionali delle aziende terminale terminale terminale mainframe terminale terminale terminale Principi di architetture di rete F. d Amore 3

4 Architetture gerarchico-distribuite distribuzione dell'elaborazione e dati centralizzati distribuzione dell'elaborazione e dei dati (basi dati locali) secondo livelli funzionalmente gerarchici (il controllo è sempre da parte del sistema di livello superiore) distribuzione dell'elaborazione e dei dati con condivisione di basi dati locali anche tra sistemi di pari livello funzionale, allo scopo di facilitare operazioni trasversali Principi di architetture di rete F. d Amore 4

5 Schema logico 1º livello mainframe BD centrale minielaboratore BD locale personal computer terminale terminale terminale 2º livello architettura gerarchico-distribuita Principi di architetture di rete F. d Amore 5

6 Architetture a rete sistemi autonomi elaborazione distribuita applicazioni ripartite su più nodi, con comunicazione attraverso interfacce ben predefinite dati distribuiti Elaboratore + Basi Dati Elaboratore + Basi Dati Elaboratore + Basi Dati Elaboratore + Basi Dati Elaboratore + Basi Dati Elaboratore + Basi Dati colloquiano? Principi di architetture di rete F. d Amore 6

7 Applicazioni distribuite Struttura delle applicazioni: master/slave con gerarchia funzionale tra le componenti dell applicazione peer to peer componenti paritarie senza caratterizzarne le funzionalità client/server evoluzione delle architetture master/slave e peer to peer Principi di architetture di rete F. d Amore 7

8 Modello Master / Slave L assegnamento dei processi è unidirezionale dal master verso gli slave I computer slave offrono potenza di calcolo limitata per applicazioni locali come editing e validazione on-line Esempio: mainframe (come un IBM 30XX) con controllori a grappolo e terminali intelligenti Principi di architetture di rete F. d Amore 8

9 Modello peer to peer componenti indifferenziati possono sia chiedere sia fornire un servizio comunicazioni basate su scambi di messaggi esempio talk Principi di architetture di rete F. d Amore 9

10 Modello client / server (1) si distinguono le componenti di tipo client, che richiedono servizi, da quelle di tipo server che, offrono servizi schema generale di comunicazione per l ambito distribuito di norma, ma non obbligatoriamente, la parte client e la parte server risiedono su elaboratori distinti Principi di architetture di rete F. d Amore 10

11 Modello client / server (2) client e server sono autonomi e disaccoppiati, comunicano tramite interfacce ben definite e non conoscono la struttura interna dell altro un client può usufruire, simultaneamente o in tempi successivi, dei servizi di più server un server può servire più client Principi di architetture di rete F. d Amore 11

12 Modello client / server (3) Client Client Elaboratore + Applicativo Client Client Elaboratore + Applicativo Client Elaboratore + Applicativi Client e Server Client/Server Elaboratore + Applicativi Server Server Elaboratore + Applicativo Client Elaboratore + Applicativi Server Server Principi di architetture di rete F. d Amore 12

13 Vantaggi dell architettura client / server standardizzazione portabilità e riusabilità delle applicazioni connettività degli elaboratori ed interoperabilità delle applicazioni sistemi aperti maggiore produttività dell utente finale flessibilità e scalabilità dell infrastruttura di elaborazione minor costo di elaborazione downsizing utilizzo delle capacità elaborative locali dei client Principi di architetture di rete F. d Amore 13

14 Componenti di un applicazione interfaccia utente ciò che vede effettivamente l utente logica di presentazione interazione utente - interfaccia logica dell applicazione operatività cui è preposta logica dei dati la richiesta di dati e l accettazione dei risultati l integrità dei dati, cioè la validazione, la sicurezza e la completezza la gestione fisica dei dati, in termini di aggiornamenti e ricerche Principi di architetture di rete F. d Amore 14

15 esempi di sistemi client/server servizi di rete sistemi di posta elettronica World Wide Web SQLservers una qualunque API Principi di architetture di rete F. d Amore 15

16 Evoluzione architetture client / server preistoria: architettura centralizzata mainframe client/server 1ª generazione client/server 2ª generazione processi cooperativi dati distribuiti three-tier Principi di architetture di rete F. d Amore 16

17 client/server 1ª generazione presentazione lato client lato server logica applicazione dati Principi di architetture di rete F. d Amore 17

18 client/server 2ª generazione presentazione logica applicazione lato client lato server dati Principi di architetture di rete F. d Amore 18

19 processi cooperativi presentazione lato client lato server logica applicazione dati Principi di architetture di rete F. d Amore 19

20 dati distribuiti presentazione logica applicazione lato client lato server dati Principi di architetture di rete F. d Amore 20

21 three-tier architettura a tre livelli client server applicativo database comunicazioni basate su scambio di messaggi esempio: e-commerce client (browser + applet o ActiveX) server applicativo (httpd + servlet o cgi) DB Principi di architetture di rete F. d Amore 21

22 reti di calcolatori una rete è un insieme di calcolatori variamente interconnessi connessioni fisiche connessioni wireless l interconnessione è usata per lo scambio di informazioni spesso c è ridondanza di interconnessione varie tipologie di interconnessione che determinano le caratteristiche di trasmissione le distanze giocano un ruolo cruciale Principi di architetture di rete F. d Amore 22

23 area network per ragioni storiche ci si riferisce alle reti nel loro complesso con il termine area network wide area network (WAN) anche nota come rete geografica local area network (LAN) le area network nascono per condividere risorse hw/sw su un area prefissata Principi di architetture di rete F. d Amore 23

24 classificazione delle area network WAN LAN MAN MAN LAN LAN LAN LAN LAN Principi di architetture di rete F. d Amore 24

25 LAN connetteno dispositivi su distanze relativamente brevi 100 mt 1000 mt una LAN per edificio occasionalmente qualche eccezione amministrate da un unica organizzazione tecnologie Ethernet, Token Ring e loro evoluzioni alta velocità di trasferimento dati (fino a 1000 Mbps) Principi di architetture di rete F. d Amore 25

26 MAN distanze in ambito urbano alcune decine di km aggregano due o più LAN possono costituire la rete cittadina o rete civica metropolitana servizi base messaggistica condivisione dati alta velocità (fino a 600Mbps) fibra ottica mezzo telefonico Principi di architetture di rete F. d Amore 26

27 WAN dette anche reti geografiche senza limiti di estensione ambito nazionale, internazionale o intercontinentale integrano LAN e MAN anche eterogenee utilizzano il mezzo telefonico tecnologie ATM, Frame Relay e X.25 relativamente lente (da 2400bps a 2Mbps) Principi di architetture di rete F. d Amore 27

28 altre tipologie di reti (1) Storage Area Network (SAN) connessione di server a dispositivi di memorizzazione Principi di architetture di rete F. d Amore 28

29 altre tipologie di reti (2) Server Area Network (SAN) architettura symmetric multiprocessing (SMP) basata su una interconnessione commutata che non fa uso di bus le componenti dell SMP (p.es., memoria, processori, controller ecc.) comunicano attraverso il SAN Principi di architetture di rete F. d Amore 29

30 altre tipologie di reti (3) System Area Network (SAN) high-performance computer interconnessi ad alta velocità formando una cosiddetta configurazione a cluster architettura symmetric multiprocessing (SMP) Principi di architetture di rete F. d Amore 30

31 altre tipologie di reti (4) Small Area Network (SAN) usata per interconnettere circuiteria elettronica (circuiti integrati) Principi di architetture di rete F. d Amore 31

32 altre tipologie di reti (5) Personal Area Network (PAN) wearable computer (computer indossabili ) interconnessi con altri computer vicini sfruttano per la comunicazione la conduttività elettrica del corpo umano Desktop Area Network (DAN) variante dell architettura di von Neumann in cui al posto del bus si usa tecnologia di rete Principi di architetture di rete F. d Amore 32

33 altre tipologie di reti (6) Controller Area Network (CAN) bus per comunicazioni seriali per applicazioni real-time velocità fino a 1 Mbps eccellente resistenza agli errori sviluppato inizialmente nell ambito dell industria automobolistica Cluster Area Network (CAN) per la costruzione di computer con architetture parallele Principi di architetture di rete F. d Amore 33

34 tecnologie fisiche reti wired si utilizzano mezzi fisici che conducono segnali elettrici o ottici cavo coassiale twisted pair fibra ottica reti wireless si utilizza l etere segnali radio raggi di luce infrarossa Principi di architetture di rete F. d Amore 34

35 cavo coassiale (coax) contiene al suo centro un singolo conduttore di rame uno schermo di metallo intrecciato aiuta a bloccare le interferenze esterne uno strato di plastica garantisce l isolamento tra il centro del conduttore ed lo schermo di metallo Principi di architetture di rete F. d Amore 35

36 uso del coax simile al cavo che trasporta i segnali radio e TV può estendersi solo per distanze limitate a meno che non vengano utilizzati ripetitori che rigenerano il segnale periodicamente (repeater) difficile da utilizzare in spazi confinati, in quanto non può essere piegato troppo intorno ad angoli stretti soggetto a frequenti rotture meccaniche ai connettori altamente resistente all interferenza del segnale Principi di architetture di rete F. d Amore 36

37 twisted pair (TP) doppino telefonico (testato fino a 100 MHz) che garantisce velocita` dell'ordine dei 100 Mbps schermato (STP, Shielded Twisted Pair) non schermato (UTP, Unshielded Twisted Pair) su TP transita sia traffico digitale che traffico telefonico classico (analogico) mentre il coax permette cablaggi a catena, il TP connette solo da punto a punto (topologia a stella) UTP è oggi il più popolare tipo di cablatura usato nelle LAN Principi di architetture di rete F. d Amore 37

38 unshielded twisted pair (UTP) composto da quattro coppie di fili contenuti in un rivestimento isolante ogni coppia è intrecciata per eliminare l interferenza proveniente dalle altre coppie e da altre apparecchiature elettriche Principi di architetture di rete F. d Amore 38

39 shielded twisted pair (STP) in pratica, UTP provvisto di una schermatura Principi di architetture di rete F. d Amore 39

40 fibra ottica (1) consiste di una parte centrale in vetro circondata da parecchi strati di materiali protettivi utilizza segnali luminosi trasmessi sopra una sottile fibra in vetro trasmette luce anziché segnali elettrici, eliminando così il problema dell interferenza elettrica lavora su distanze maggiori rispetto a coax e a TP e a velocità più elevate Principi di architetture di rete F. d Amore 40

41 fibra ottica (2) maggiore affidabilità meno soggetta ad interferenze ed errori utilizzata come dorsale ad es., TP per collegamenti con Hub e router e fibra ottica per le dorsali interconnessione punto-punto configurazione stellata Principi di architetture di rete F. d Amore 41

42 wireless LAN usano segnali radio ad alta frequenza o raggi di luce infrarossa ogni computer deve avere un dispositivo che permette di spedire e ricevere i dati consentono a portatili e computer remoti di connettersi alla LAN utili negli edifici vecchi dove è difficoltoso o impossibile installare i cavi costose scarsa sicurezza e suscettibili alle interferenze più lente delle LAN che utilizzano la cablatura fisica Principi di architetture di rete F. d Amore 42

43 cablaggio di una LAN Principi di architetture di rete F. d Amore 43

44 hub ripetitore multiporta, detto anche concentratore ripetitore: rigenera un segnale che transita sulla la rete in modo da poter aumentare la distanza di trasmissione di tale segnale multiporta: il segnale viene replicato su tutte le porte ampliano la rete collegando LAN dello stesso tipo gli utenti collegati ad un hub o ad una serie di hub in cascata si trovano nello stesso segmento di rete e condividono la solita larghezza di banda Principi di architetture di rete F. d Amore 44

45 hub (2) Principi di architetture di rete F. d Amore 45

46 switch (1) collegano rami differenti, propagando il segnale solamente nel ramo del destinatario dividono la rete in sezioni più piccole e meno congestionate consentano di aumentare la dimensione di una LAN più veloci degli hub larghezza di banda non condivisa bensì dedicata Principi di architetture di rete F. d Amore 46

47 switch (2) Principi di architetture di rete F. d Amore 47

48 protocolli un protocollo è un insieme di regole che stabilisce le modalità di uso di un canale di comunicazione e non dimenticare bla bla bla PASSO! PASSO E CHIUDO! Principi di architetture di rete F. d Amore 48

49 architetture di comunicazione un host è generalmente un sistema che ospita hw/sw per collegarlo a una rete di trasmissione dati la comunicazione fra host viene di norma realizzata attraverso un sistema gerarchico di protocolli, che definisce l architettura di comunicazione ogni host è in grado di colloquiare con altri host della stessa classe spesso i protocolli sono descritti attraverso standard internazionali Principi di architetture di rete F. d Amore 49

50 modello ISO / OSI standard ISO e IEEE dal 1983 Open System Interconnection il sistema di comunicazione è suddiviso in strati ciascun strato esegue una funzione ben definita distingue fra tre ambienti ambiente di rete: protocolli e standard relativi alle differenti tipologie delle reti di comunicazione ambiente OSI: ambiente di rete + strati addizionali orientati all applicazione che consentono agli interlocutori di comunicare fra loro ambiente effettivo: ambiente OSI + software e servizi di una casa produttrice Principi di architetture di rete F. d Amore 50

51 strati del modello ISO / OSI Principi di architetture di rete F. d Amore 51

52 strati ISO / OSI (1) gli strati (o livelli) sono progettati per interfacciarsi solo con quelli adiacenti (soprastante e sottostante) ogni strato gestisce funzioni distinte indipendenti da quelle di tutti gli altri strati divisione dei sistemi di comunicazione la complessità di un intero sistema di comunicazioni viene suddivisa in semplici procedure Principi di architetture di rete F. d Amore 52

53 strati ISO / OSI (2) approccio denominato divide et impera l'attenzione dei progettisti viene rivolta alla soluzione dei problemi tipici di ciascun livello i quattro livelli più alti (ambiente OSI) sono stati progettati per consentire un accurata trasmissione dati tra processi i tre livelli più bassi (ambiente di rete) sono i responsabili dell'invio dei messaggi in rete Principi di architetture di rete F. d Amore 53

54 strati ISO / OSI (3) ambiente OSI ambiente di rete Principi di architetture di rete F. d Amore 54

55 strato AL rende trasparente alle applicazioni l intero sottosistema di comunicazione fornisce all interfaccia utente una gamma di servizi distribuiti su tutta la rete Principi di architetture di rete F. d Amore 55

56 servizi strato AL trasferimento file e posta elettronica identificazione per nome/indirizzo dei partner determinazione della disponibilità dell interlocutore verifica del permesso di comunicare accordo sui meccanismi di sicurezza autenticazione dell interlocutore selezione della disciplina di dialogo accordo sulla responsabilità per l individuazione degli errori identificazione di restrizioni sulla sintassi dei dati lista non esaustiva Principi di architetture di rete F. d Amore 56

57 strato PL servizi (sui dati) formato rappresentazioni astratte e di trasferimento crittografia e compressione Principi di architetture di rete F. d Amore 57

58 strato SL creazione e terminazione di un canale di comunicazione tra le due entità di protocollo di AL gestione dell interazione full/half duplex sincronizzazione definizione di punti di recupero registrazione (e segnalazione) degli errori solo errori di alto livello, ad esempio la mancanza di spazio su disco o di carta nella stampante Principi di architetture di rete F. d Amore 58

59 strato TL fornisce a SL un sistema di trasferimento dei messaggi indipendente dal tipo di rete sottostante offre cinque classi di servizi per compensare la variabile qualità del servizio (QOS) fornita dai diversi tipi di rete da funzionalità minime per la costituzione della connessione e il trasferimento dei dati al controllo di flusso e degli errori Principi di architetture di rete F. d Amore 59

60 livelli dell ambiente di rete ambiente di rete responsabili dell invio dei messaggi in rete controllano la trasmissione fisica delle informazioni e sono solitamente allocati fisicamente nella scheda di interfaccia di rete (Network Interface Card) oppure in un altro dispositivo Principi di architetture di rete F. d Amore 60

61 strato NL responsabile dell inserimento in rete delle informazioni verifica e invia messaggi in base al campo di indirizzo dell host correlato al routing processo che consiste nel trovare la via più breve ed efficiente per raggiungere la destinazione Principi di architetture di rete F. d Amore 61

62 strato LL responsabile della organizzazione dei dati provenienti dal livello fisico frame e pacchetti, composti dagli indirizzi di origine e destinazione dei messaggi, dai messaggi stessi e da informazioni di controllo richieste dai livelli successivi servizi con connessione e senza connessione (connectionless) nel caso con connessione effettua alcune operazioni di correzione tramite controlli ciclici di ridondanza (CRC), codici di correzione di errore (ECC) e checksum Principi di architetture di rete F. d Amore 62

63 strato PhL inserisce/rimuove le informazioni dai cavi di rete gestisce gli elementi fisici della comunicazione il tipo di connettore utilizzato, il numero di pin sul connettore, il tipo di cavo in uso e l'ampiezza di banda dei dati associato ai cavi di collegamento, ai connettori e alle proprietà del segnale elettrico Principi di architetture di rete F. d Amore 63

64 schema di trasmissione Principi di architetture di rete F. d Amore 64

65 riepilogo modello OSI Principi di architetture di rete F. d Amore 65

66 architetture di rete Principi di architetture di rete F. d Amore 66

67 interconnessione di reti Principi di architetture di rete F. d Amore 67

68 Internet Internet rete di reti eterogenee rete aperta modello base a cui si ispira la RUPA modello per le intranet Principi di architetture di rete F. d Amore 68

69 modello di interconnessione SUBNET 2 HOST AP AP TCP TCP IP IP N. N. A. A. ROUTER SUBNET SUBNET 1 SUBNET SUBNET 3. HOST ROUTER IP IP N.A. N.A.. HOST ROUTER IP IP N.A. N.A. ROUTER SUBNET SUBNET 1 SUBNET SUBNET 2 SUBNET SUBNET 3 HOST AP AP TCP TCP IP IP N.A. N.A. L interconnessione avviene utilizzando i protocolli TCP/IP, standard di fatto per la maggior parte delle reti, perfino all'interno delle aziende Principi di architetture di rete F. d Amore 69

70 Internet: diagramma temporale Principi di architetture di rete F. d Amore 70

71 crescita di Internet (1) Principi di architetture di rete F. d Amore 71

72 crescita di Internet (2) Principi di architetture di rete F. d Amore 72

73 diffusione del Web Principi di architetture di rete F. d Amore 73

74 storia di Internet un po di storia Principi di architetture di rete F. d Amore 74

75 ARPANET: inizia a crescere Principi di architetture di rete F. d Amore 75

76 ARPANET: 1980 Link satellita Principi di architetture di rete F. d Amore 76

77 Internet nel 1997 ulteriori notizie ISOC = Internet SOCiety Principi di architetture di rete F. d Amore 77

78 protocolli TCP / IP Application 5 Transport 4 Internetwork 3 Interfaccia di rete Tecnologie di sottorete Strati di sottorete 2 1 tre strati standard una interfaccia standard strati orientati alla rete liberi Principi di architetture di rete F. d Amore 78

79 indirizzi indirizzo di livello 4 identificativo (porta) (statico o dinamico) dell utente di livello 5 che ha chiesto servizio approssimativamente associato a un processo indirizzo di livello 3 identificativo di host (indirizzo IP) indirizzo di livello 2 identificativo di dispositivo di rete (es. scheda Ethernet) Principi di architetture di rete F. d Amore 79

80 Internet: architettura protocollare dati app dati TCP app dati TCP segment IPip TCP app dati IP datagram ETH IPip TCP app dati ETH Ethernet frame i dati sono trasmessi a pacchetto frame, trama datagramma segmento Principi di architetture di rete F. d Amore 80

81 servizi IP (Internet Protocol) consegna non garantita di pacchetti (datagrammi) a host destinatario protocollo senza connessione (connectionless) in caso di errori/problemi il datagramma viene perso ogni datagramma contiene gli identificativi dell host mittente e dell host destinatario la dimensione varia da 20B a 64KB Principi di architetture di rete F. d Amore 81

82 IP (trasmissione) riceve un pacchetto (segmento) dallo strato del trasporto inserisce intestazione (header) e crea datagramma applica algoritmo di routing invia il datagramma verso l opportuna interfaccia di rete chiedendo servizi a livello 2 Principi di architetture di rete F. d Amore 82

83 IP (ricezione) riceve datagramma dal livello sottostante analizza intestazione verifica la validità dell indirizzo IP e di tutto l header riconosce l utente di livello 4 a cui consegnare il pacchetto elimina header e consegna segmento all utente specificato Principi di architetture di rete F. d Amore 83

84 IP (router) riceve datagramma dal livello sottostante analizza intestazione controlla che la parte header non sia corrotta aggiorna header e crea datagramma applica algoritmo di routing invia il datagramma verso l opportuna interfaccia di rete chiedendo servizi a livello 2 Principi di architetture di rete F. d Amore 84

85 header IP (1) 1. Vers. = 4 (è già disponibile la versione 6) 2. HLEN = lunghezza header (min 20B, max 64B) 3. S.T. = servizi aggiuntivi (non usato) Principi di architetture di rete F. d Amore 85

86 header IP (2) 4. T.L. = dimensione datagramma (max 64KB) 5. Id. = identificatore univoco del datagramma 6. Flag = vari bit per gestire la frammentazione Principi di architetture di rete F. d Amore 86

87 header IP (3) 7. F.O. = offset, per gestire la frammentazione 8. TTL = n.ro max di hop ancora ammissibili per il pacchetto 9. Prot. = protocollo di liv. 4 che ha richiesto il servizio IP 10. H.C. = checksum dell header Principi di architetture di rete F. d Amore 87

88 header IP (4) 11. S. IP A. = indirizzo IP mittente 12. D. IP A. = indirizzo IP destinatario 13. Opt. = opzioni di inoltro (argomento avanzato) 14. PAD = riempitivo (per far iniziare i dati in corrispondenza di un indirizzo relativo multiplo di 32) Principi di architetture di rete F. d Amore 88

89 indirizzi IP sequenze di 32 bit descritti raggruppandoli in 4 gruppi di 8 bit ciascuno ciascun gruppo è un intero fra 0 e 255 i quattro interi si scrivono consecutivamente, separandoli con un punto (dotted notation) esempi esistono 2 32 = indirizzi IP differenti si assegnano alle interfacce di rete (un host con k interfacce può avere k indirizzi IP differenti assegnati ad esso) Principi di architetture di rete F. d Amore 89

90 classi di indirizzi IP classe A classe B classe C Principi di architetture di rete F. d Amore 90

91 indirizzi particolari Principi di architetture di rete F. d Amore 91

92 indirizzi IP privati alcuni indirizzi di classe A, B e C sono privati, ovvero non raggiungibili su Internet utili per configurare reti IP non interconnesse a Internet Principi di architetture di rete F. d Amore 92

93 IP statici e dinamici ogni host presente in una rete IP deve avere un indirizzo IP unico sulla rete gli host permanentemente connessi a una rete IP hanno spesso un indirizzo IP fissato (statico) gli host che di norma non sono collegati a una rete IP ricevono, sfruttando opportuni protocolli (SLIP, PPP, DHCP ecc.), un indirizzo IP in prestito (dinamico) che useranno per tutto il periodo di collegamento alla rete in situazioni più complesse più host possono condividere lo stesso indirizzo IP (tavole PAT), statico o dinamico Principi di architetture di rete F. d Amore 93

94 registrazione indirizzi IP università, enti di ricerca ed assimilati possono richiedere indirizzi IP al GARR (http://www.lir.garr.it) altre organizzazioni possono inoltrare domanda al CRCS (Commissione Reti e Calcolo Scientifico, MURST) per aver riconosciuto il diritto di registrazione tramite GARR contattare RIPE (http://www.ripe.net, Réseaux IP Européens) Principi di architetture di rete F. d Amore 94

95 protocollo ICMP Internet Control Message Protocol distinto da IP ma ad esso intimamente legato imbustato su IP con Prot. = 0X01 consente comunicazioni di servizio fra gli strati IP di differenti host è un puro protocollo di segnalazione utile nell analisi e monitoraggio della rete Principi di architetture di rete F. d Amore 95

96 codici ICMP Principi di architetture di rete F. d Amore 96

97 utilità basate su ICMP analisi dei percorsi host host traceroute, basata sull invio di datagrammi con TTL via via crescente verifica di raggiungibilità di un host ping, basata sull uso dei codici Echo Request (8) ed Echo Reply (0) Principi di architetture di rete F. d Amore 97

98 routing IP (1) il routing IP è quel processo che consente la consegna dei datagrammi quando mittente e destinatario non appartengono alla stessa rete IP in caso contrario il datagramma viene imbustato a livello 2 e direttamente inviato al destinatario Principi di architetture di rete F. d Amore 98

99 routing IP (2) i datagrammi emessi dall host mittente raggiungono il destinatario transitando attraversando uno o più router una tratta fra due router viene denominata hop un router è un dispositivo che, avendo più interfacce di rete, e ricevendo un datagramma su un interfaccia, ha la capacità di determinare se il destinatario appartiene a una delle reti cui il router partecipa o altrove nel primo caso il router invia direttamente a livello 2 il pacchetto a destinazione nel secondo il router invia il datagramma a un altro router (detto next hop ) Principi di architetture di rete F. d Amore 99

100 tabelle di routing destinazione distanza next hop i router instradano i datagrammi utilizzando apposite tabelle di routing una tabella di routing contiene un elenco di possibili destinazioni e, per ciascuna di esse, specifica l indirizzo IP cui instradare i datagrammi lì indirizzati se una destinazione non è presente nella tabella di routing, non è possibile per quel router instradare datagrammi per quella destinazione Principi di architetture di rete F. d Amore 100

101 tabelle di routing statiche e dinamiche tabelle statiche configurate staticamente sono utili nelle reti a collocazione periferica tabelle dinamiche calcolate e mantenute dai router utilizzando appositi protocolli di routing che specificano come e quando i router debbano scambiarsi informazioni per arrivare cooperando alla costruzione di nuove tabelle di routing protocolli di routing RIP e RIP2 (univ. Berkeley) IGRP e EIGRP (Cisco) OSPF (standard Internet) BGP (standard Internet) Principi di architetture di rete F. d Amore 101

102 servizi di livello 4 due protocolli a livello 4 TCP (Transmission Control Protocol), con connessione consegna affidabile dei segmenti recupero dall errore controllo di flusso UDP (User Datagram Protocol), connectioless non affidabile minima infrastruttura necessaria per sfruttare direttamente il livello IP Principi di architetture di rete F. d Amore 102

103 TCP consegna segmenti con servizi di controllo di flusso algoritmo della finestra scorrevole riordino segmenti i datagrammi possono seguire percorsi differenti e sorpassarsi controllo di errore tramite checksum ritrasmissione segmenti un sistema di conferme (ack) consente di accertare l avvenuta consegna senza errori servizi resi possibili dall operazione di apertura della connessione i due partner scambiano informazioni per rimanere sincronizzati al termine delle operazioni la connessione viene esplicitamente chiusa Principi di architetture di rete F. d Amore 103

104 header TCP (1) 1. D.P. = indirizzo di livello 4 del destinatario 2. S.P. = indirizzo di livello 4 del mittente 3. S.N. = posizione del segmento all interno del flusso (in byte) 4. A.N. = numero d ordine del prossimo byte che ci si aspetta ricevere 5. HLEN = dimensione header (in parole di 32 bit) Principi di architetture di rete F. d Amore 104

105 header TCP (2) 6. Reserv. = non usato 7. Contr. = sei flag di controllo 8. Wind. = numero di byte che possono essere trasmessi prima di un ACK Principi di architetture di rete F. d Amore 105

106 header TCP (3) 9. Checksum = checksum dell intero segmento 10. U.P. = presenza di dati urgenti (concetto definito a livello 5) 11. Opt. = opzioni (facoltative) 12. Padding = riempitivo (per far iniziare i dati in corrispondenza di un indirizzo relativo multiplo di 32) Principi di architetture di rete F. d Amore 106

107 flag di controllo urg: Urgent pointer field significant ack: Acknowledge field significant psh: Push function rst: Reset connection syn: Syncronize sequence number fin: No more data from sender Principi di architetture di rete F. d Amore 107

108 apertura connessione TCP consente di sincronizzare i numeri di sequenza fra client e server su tale base verranno garantiti i servizi aggiuntivi three-way handshake Principi di architetture di rete F. d Amore 108

109 chiusura connessione TCP three way handshake modificato per la chiusura se un partner chiude può accadere che l altro abbia ancora qualcosa da mandare la chiusura avviene esplicitamente su entrambi i lati Principi di architetture di rete F. d Amore 109

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute

I name server DNS. DNS: Domain Name System. Esempio di DNS. DNS: Root name server. DNS: queries ripetute DNS: Domain Name System I name DNS Persone: identificatori: CF, nome, Numero di Passaporto Host e router Internet: Indirizzo IP ( bit) - usato per instradare i pacchetti nome, per es., massimotto.diiie.unisa.it

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma Information and Communication Technology Base Esercitazione di laboratorio ultima revisione in data 30 aprile 2003 esercitazione 8 maggio 2003 Questa esercitazione ha lo

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Livello applicazione: Protocollo DNS

Livello applicazione: Protocollo DNS Livello applicazione: Protocollo DNS Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose and

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP

Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Introduzione alle reti e all architettura TCP/IP Indice dei contenuti: 1) Introduzione alle reti Topologia di Internet e topologie di rete I mezzi fisici Il software di rete: architetture a livelli Reti

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti

Cosa è lo spoofing. Cosa è lo spoofing. Argomenti. Spoofing conosciuti. Introduzione. Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti Introduzione Corso di Sistemi di Elaborazione: Sicurezza su Reti A.A. 2001/2002 Prof. A. De Santis A cura di: Angelo Celentano matr. 53/11544 Raffaele Pisapia matr. 53/10991 Mariangela Verrecchia matr.

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Internet,! i domini (.it) e! il Registro!

Internet,! i domini (.it) e! il Registro! Internet, i domini (.it) e il Registro Francesca Nicolini Stefania Fabbri La rete e il Domain Name System La rete ARPANET nel 1974 1 La rete e il Domain Name System (cont) Dalle origini a oggi: Rete sperimentale

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli