Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica"

Transcript

1 Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb

2 Informazioni Preliminari Tipo di documento: Redatto da: Informazioni del Documento Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Lorenzo Cantelli,Marco Cappelletti Codice Eventuale data inizio validità Data documento iniziale 09/05/2006 Rielaborazione: Davide Maninetti versione 1.0 Approvato da: Eventuale data fine validità Stato completo Data del documento 12/07/2011 INST_ORCL102010_SuSE 32_REL1.0.0 Responsabile della Distribuzione Oscar Bevoni Lista dei destinatari Personale Tecnico Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 2/44

3 Indice Informazioni Preliminari... 2 Informazioni del Documento...2 Indice Finalità del Documento Oggetto del documento Basi e riferimenti Vincoli e Responsabilità Criteri di riservatezza 6 2 Tipologie di installazione Installazione Base Installazione Media Installazione Avanzata Calcolo degli spazi complessivi database... Errore. Il segnalibro non è definito Specifiche requisiti congiunti Cedaf Responsabilità dell installazione e consegna al cliente Standard di Denominazione Istanza, Servizi, Dominio ed ORACLE_BASE Denominazione Istanza Denominazione Servizio di Connessione al Listener Denominazione Dominio Denominazione Directory Base di Installazione (ORACLE_BASE) 8 3 Oracle Standard su Red Hat AS3-AS Installazione dell ambiente software Installazione Base Standard su su Red Hat AS3-AS Installazione dell ambiente Creazione istanza orcl mediante wizard Ottimizzazione spazio Creazione Listener Lancio wizard di creazione istanza Installazione Media Standard su Red Hat AS3-AS4 36 Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 3/44

4 Ottimizzazione installazione (performance e mirroring) Ottimizzazione SGA Database Miglioramento fault-tollerance Procedure di backup automatico 38 Contenuto della cartella script Backup base ovvero logico tramite export database Backup avanzato ovvero fisico tramite copia datafile Rimozione istanza orcl Rimozione completa ambiente Disinstallazione guidata di Oracle Rimozione delle cartelle 44 4 Oracle Personal su Red Hat AS3-AS4Errore. Il segnalibro non è definito. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 4/44

5 1 Finalità del Documento 1.1 Oggetto del documento Obiettivo del presente documento è illustrare le soluzioni di configurazioni software sia lato client che server testati con esito positivo per l installazione dei moduli software della suite Sicraweb. Oltre a ciò sono forniti, per ciascuna di queste piattaforme, i pre-requisiti hardware/software minimi e consigliati per le varie configurazioni nel documento relativo. 1.2 Basi e riferimenti Al presente documento sono associati gli altri documenti tecnici riguardanti la suite Sicraweb ovvero: Configurazioni Software per Sistemi Sicraweb Illustra le varie configurazioni sia lato client che server sulle quali vengono eseguiti i test di compatibilità tecnologica per i vari moduli software della suite Sicraweb. Test Tecnologici Configurazioni SW Sicraweb, modulo (nome) Illustra le varie configurazioni sia lato client che server sulle quali sono stati eseguiti con esito positivo i test di compatibilità tecnologica per il relativo modulo software della suite Sicraweb. Prerequisiti HW/SW per Sistemi Sicraweb Illustra i prerequisiti hw/sw tipici per le varie configurazioni sia lato client che server sulle quali sono stati positivamente testati i vari moduli software della suite Sicraweb. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Illustra le modalità di installazione standard di Oracle relativi alle configurazioni software citate nel documento Architetture Server Standard per Sistemi Sicraweb e Configurazioni Software per Sistemi Sicraweb Architetture Standard per Sistemi Sicraweb Illustra alcune soluzioni di architetture di sistemi standard (rete, connettività, client, server ecc..) per varie tipologie di installazione sia in ambito LAN locale che WAN con vari livelli di servizio (classico, ASP) e con vari livelli di affidabilità di (piattaforme cluster ecc..). 1.3 Vincoli e Responsabilità Il presente documento intende essere una guida alle configurazioni hw/sw sulle quali i moduli software Sicraweb di Maggioli Spa sono stati testati con esito positivo presso i nostri laboratori. Stante la variabilità tecnica e di mercato degli ambienti software standard (sistemi operativi, database server ecc..) questo documento in sè non costituisce garanzia alcuna sui risultati tecnici e/o funzionali di ogni specifica installazione e/o cliente nè vincola in qualsiasi modo Maggioli Spa dall ottenimento di determinate prestazioni e/o funzionalità. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 5/44

6 1.4 Criteri di riservatezza Il presente documento contiene informazioni riservate di Maggioli Spa che non devono essere distribuite e/o divulgate all esterno dell azienda. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 6/44

7 2 Tipologie di installazione 2.1 Installazione Base Con il termine installazione Base ci si riferisce ad una installazione tipica per piccole realtà (sino a 15 utenti/connessioni) con installazione su unico disco (per default C:) 2.2 Installazione Media Con il termine installazione Media ci si riferisce ad una installazione tipica per medie realtà (da 15 a 50 utenti/connessioni) con installazione possibilmente su due dischi (per default C: e D). 2.3 Installazione Avanzata Stante la complessita di standardizzazione di situazione più articolate nel caso di situazioni con più di 50 utenti connessi contemporaneamente e/o con situazioni di dischi/partizioni che permettano la distribuzione dei datafile e/o per necessità di backup e/ tuning avanzato si rimanda ad uno studio apposito dell installazione da eseguirsi ad-hoc. In ogni caso nel capitolo relativo alle ottimizzazioni vengono proposte semplici soluzioni per migliorare la capacità fault-tollerant applicabili, se la configurazione hw/sw lo permette, in ogni tipo di installazione. 2.4 Specifiche requisiti Il capitolo in questione è presente nel documento: "SicraWeb-Requisiti HW xxxx.pdf", presente nel CD di installazione di sicraweb; si rimanda a questo per la relativa lettura. 2.5 Responsabilità dell installazione e consegna al cliente E importate sottolineare al cliente in fase di installazione ciò che viene installato e di cosa dovrà preoccuparsi per la sua corretta manutenzione e backup. Allo scopo esiste il documento apposito Relazione di Installazione Database che và compilato e lasciato al cliente. In tale modo non solo il cliente sarà a conoscenza delle operazioni che deve monitorare ma sarà ben chiaro che la manutenzione sistemistica dell installazione successiva all installazione sarà a suo carico a meno che non sia diversamente specificato da apposito contratto. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 7/44

8 2.7 Standard di Denominazione Istanza, Servizi, Dominio ed ORACLE_BASE Come descritto nei capitoli relativi si assumono i seguenti criteri standard di denominazione: Denominazione Istanza Come codice di istanza di default si mantiene il default Oracle ovvero orcl minuscolo.questo a meno che Oracle sia già installato ed una instanza orcl già presente nel server ; se così fosse si opta per installare un instanza dedicata alle applicazioni Maggioli denominata websol (in tal caso cambieranno anche le denominazioni dei servizi associati) Denominazione Servizio di Connessione al Listener Come codice di connessione di default si decide di avere un unica connessione per l intera istanza denominata come l istanza medesima ovvero orcl.world (oppure websol.world se l instanza orcl era già installata per altre applicazioni). L estensione.world esplicita il dominio di appartenenza dell istanza ed occorre verificare, come descritto nel capitolo relativo, che il dominio di default per il Net8 sia world Denominazione Dominio Come codice di dominio di default si mantiene il default Oracle ovvero world minuscolo; poiché la fase di installazione (a seconda se esista o meno un server DNS) può impostare come dominio di default quello eventualmente presente in rete si propone di verificarlo nel file sqlnet.ora secondo istruzioni al capitolo relativo. Tutto questo se Oracle non era già installato per altre applicazioni ed il domain name già definito; in tal caso si mantiene il domain name esistente ed a questo si adattano le denominazioni di servizio da creare per Sicraweb Denominazione Directory Base di Installazione (ORACLE_BASE) Come directory di installazione di default si mantiene il default Oracle ovvero Oracle con l iniziale capitalizzata; tale nome directory è preceduto dalla lettera del disco di installazione, per default C: ; in breve come standard per sistemi Windows si adotta Disco Installazione + \ + Oracle NOTA: In tutti i path che si riferiscono agli standard Oracle questo è l unico capitalizzato e non completamente in minuscolo. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 8/44

9 NOTA: Nel caso di installazioni Linux il formalismo Device Installazione + Oracle per default è opt/oracle ; nel caso di altri situazione e/o sistemi Unix si po quindi tradurre nello standard Nome Volume + / + oracle. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 9/44

10 3 Oracle Standard su Red Hat AS3-AS4 3.1 Installazione dell ambiente software NOTA : Questo capitolo descrive l installazione Oracle consistente nell installazione della versione base il nome commerciale di tale versione del database è 10g R2 Prerequisiti HW/SW Per l installazione in questione i prerequisiti minimi Oracle sono: Installazione Base: Almeno 512MByte di memoria ed almeno 6 Gbyte di disco libero File di swap approssimativamente doppio rispetto alla memoria installata. Con un minimo di 744 MB Consigliati almeno 1Gbyte di memoria ed almeno 12 Gbyte di disco libero File di swap approssimativamente doppio rispetto alla memoria installata. Con un minimo di 744 MB Installazione Media minimo: 1Gbyte di memoria ed almeno 6 Gbyte di disco libero File di swap approssimativamente doppio rispetto alla memoria installata. Il requisito minimo è di 744 MB consigliato spazio di almeno 12 Gbyte disponibile Software: Nota bene i files necessari all installazione si trovano in: SE su Red Hat AS3-ES3-AS4-ES4/Installazione Manuale Oracle su Red Hat AS3-ES3- AS4-ES4/ Durante l installazione del sistema operativo, creare una partizione disco sufficientemente estesa da contenere i file di database e il sistema oracle ovvero creare una partizione di almeno 12 GB con punto di mount /opt, alla seguente richiesta: Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 10/44

11 Selezionare Personalizzare i pacchetti da installare e premere Avanti. Aggiungere i pacchetti Editor in Applicazioni, installare gli strumenti di sviluppo software compresi gli strumenti per lo sviluppo del legacy software, installare l interfaccia grafica di default proposta. Procedere all installazione. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 11/44

12 Terminata l installazione, installare i seguenti pacchetti dai dischi della distribuzione Linux come utente root, e trascurare eventuali segnalazioni relative alla presenza dei pacchetti nel sistema operativo. Inserire il disco di installazione n 2 del sistema operativo e come utente root eseguire i comandi: mount /dev/cdrom cd /mnt/cdrom/redhat/rpms rpm -Uvh setarch i386.rpm rpm -Uvh openmotif i386.rpm cd /root e poi umount /dev/cdrom Inserire il disco 3 eseguire i comandi: mount /dev/cdrom cd /mnt/cdrom/redhat/rpms rpm -Uvh compat-libstdc i386.rpm rpm -Uvh compat-libstdc++-devel i386.rpm rpm -Uvh compat-db i386.rpm rpm -Uvh compat-gcc i386.rpm rpm -Uvh compat-gcc-c i386.rpm cd /root e poi umount /dev/cdrom Installare gli update del sistema operativo (necessario almeno l update 5 del sistema operativo RHEL AS 3 e almeno l update 2 per il sistema operativo RHEL AS4. Creare l'utente Oracle con i comandi: groupadd oinstall groupadd dba groupadd oper useradd -g oinstall -G dba oracle passwd oracle (Crea la password per l utente oracle,viene richiesta una password da digitare, inserirla). Assicurarsi che la macchina abbia gli indirizzi di rete impostati in modo statico e non tramite dhcp, inoltre assicurarsi che il nome macchina sia quello definitivo e che non verrà cambiato dopo l installazione del server Oracle. Controllare che il file /etc/hosts contenga un record con un nome full qualified per la macchina ovvero del tipo <Indirizzo IP> <nome della macchina compreso dominio> <nome macchina> Ad esempio, se la macchina si chiama database e il dominio di appartenenza è intlan e l indirizzo IP della macchina è dovrà essere presente la riga: Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 12/44

13 database.intlan database editare il file /etc/sysctl.conf e aggiungere alla fine i seguenti paramentri kernel.shmall = kernel.shmmax = kernel.shmmni = 4096 # semaphores: semmsl, semmns, semopm, semmni kernel.sem = fs.file-max = net.ipv4.ip_local_port_range = net.core.rmem_default = net.core.rmem_max = net.core.wmem_default = net.core.wmem_max = Lanciare il seguente comando per aggiornare i parameri di sistema. /sbin/sysctl -p Editare il file /etc/security/limits.conf Aggiungervi le seguenti righe prima della riga # End of file * soft nproc 2047 * hard nproc * soft nofile 1024 * hard nofile Aggiungere nel file /etc/pam.d/login se non esiste già session required /lib/security/pam_limits.so Creare la directory nella quale installare oracle e dare gli opportuni permessi: Cioè eseguire: mkdir -p /opt/oracle/app/product/ora10.2 chown -R oracle.oinstall /opt/oracle/ Editare il file /home/oracle/.bash_profile ed aggiungere alla fine del file quanto riportato sotto in grassetto. N.B. Se si sta utilizzando un editor grafico, aprire l editor di testo e digitare nella finestra di dialogo per l apertura del file tutto il percorso e il nome del file da aprire, non cercare il file nella cartella che lo contiene perché questo di norma non viene mostrato. Se invece si stà utilizzando la shell del terminale, il file.bash_profile nel sistema operativo Red Hat AS3 viene visualizzato nel terminale solo con il comando ls la # Impostazioni oracle TMP=/tmp; export TMP Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 13/44

14 TMPDIR=$TMP; export TMPDIR ORACLE_BASE=/opt/oracle/app; export ORACLE_BASE ORACLE_HOME=$ORACLE_BASE/product/ora10.2; export ORACLE_HOME ORACLE_SID=orcl; export ORACLE_SID ORACLE_TERM=xterm; export ORACLE_TERM PATH=/usr/sbin:$PATH; export PATH PATH=$ORACLE_HOME/bin:$PATH; export PATH LD_LIBRARY_PATH=$ORACLE_HOME/lib:/lib:/usr/lib; export LD_LIBRARY_PATH CLASSPATH=$ORACLE_HOME/JRE:$ORACLE_HOME/jlib:$ORACLE_HOME/r dbms/jlib; export CLASSPATH #LD_ASSUME_KERNEL=2.4.1; export LD_ASSUME_KERNEL if [ $USER = "oracle" ]; then if [ $SHELL = "/bin/ksh" ]; then ulimit -p ulimit -n else ulimit -u n fi fi Una volta salvato il file uscire dalla sessione dell'utente oracle con il comando exit 3.1 Installazione Base Standard su su Red Hat AS3-AS Installazione dell ambiente Bisogna in questa fase configurare l ambiente Oracle, installando tutti i programmi necessari alla successiva creazione e manutenzione dell instanza di database che come denominazione standard manterremo orcl (minuscolo). Se i files per l installazione si trovano su un CD o su un DVD, inserire quindi il disco di installazione Oracle Enterprise/Standard Edition, nel lettore. N.B. I files di installazione possono essere prelevati al seguente indirizzo: SE su Red Hat AS3-ES3-AS4-ES4/Installazione Manuale Oracle su Red Hat AS3-ES3- AS4-ES4/ Eseguire i seguenti comandi da terminale come utente root per copiare i file sul disco rigido del server. mount /media/dvd oppure mount /media/cdrom Eseguire la copia del file in /tmp (oppure in un altra directory che abbia abbastanza spazio, almeno 2 GB disponibili) cp /media/dvd/10201_database_linux32.zip /tmp oppure Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 14/44

15 cp /media/cdrom/10201_database_linux32.zip /tmp infine chmod 777 /tmp/10201_database_linux32.zip NOTA: A meno di diverse esigenze di progetto e/o commerciali la versione definita come standard per Sicraweb in linux è la versione Standard Edition per multi-utenza. Per piattaforma Linux, Oracle non ha rilasciato la versione Personal Edition, quindi quest ultima non è disponibile. Porre la massima attenzione a non installlare la versione Enterprise a causa degli eccessivi costi del modello di licensing. Loggarsi nella shell grafica con l utente oracle Cioè se si lavora sul server stesso iniziare una sessione grafica KDE usando l'utente oracle Aprire una shell di terminale: Cioè: Dal menù RedHat proposto. scegliere Avvia programma scrivere xterm nel dialogo Spostarsi nella directory /tmp (dove si trovano i file di installazione) cd /tmp eseguire il comando unzip 10201_database_linux32.zip sempre dalla shell dell utente oracle (grafica kde) dare il comando: Nella shell di terminale dare ora il comando: /tmp/database/runinstaller 1 Verrà mostrata la seguente immagine: 1 Se si stà utilizzando un emulatore o un client X utilizzare i comandi seguenti per eseguire l installazione da remoto. DISPLAY=<machine-name>:0.0; export DISPLAY e aggiungere il nome della macchina sul client che dovrà ricevere l'output grafico. Con il comando sull'xclient xhost +<indirizzoip della macchina server> Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 15/44

16 Cambiare Il Tipo di Installazione in Standard Edition Togliere il segno di spunta alla Creazione database iniziale E cambiare il Gruppo DBA UNIX in dba Ottenendo: Premere Avanti Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 16/44

17 Impostare il gruppo del sistema operativo su oinstall. Premere Avanti A Questo punto vengono lanciati i controlli per l installazione; procedere solo se si ottiene Risultato globale del controllo: Superato come mostrato nella figura seguente. Premere Avanti Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 17/44

18 Premere Installa Attendere Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 18/44

19 A questo punto: Dal menù RedHat scegliere Avvia programma scrivere xterm nel dialogo proposto. Nel nuovo terminale (#2) immettere il comando su root immettere la password di root e a questo punto lanciare i due script mostrati nella finestra di dialogo cioè dare i comandi: /opt/oracle/app/orainventory/orainstroot.sh /opt/oracle/app/product/10.2.0/root.sh Durante l esecuzione del secondo script rispondere con invio ad ogni richiesta, al termine tornare alla finestra di dialogo e premere OK Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 19/44

20 Prendere nota dei parametri riportati e premere Esci Confermare l uscita dal programma di installazione premendo Si Creazione istanza orcl mediante wizard Installato l ambiente Oracle effettuare le seguenti operazioni di ottimizzazione Ottimizzazione spazio Rimuovere il contenuto di $ORACLE_HOME/assistants/dbca/templates. Ovvero come utente oracle dalla shell lanciare il comando: rm $ORACLE_HOME/assistants/dbca/templates/* Rimuovere come utente root ogni file precedentemente scompattato nella cartella /tmp ed i files utilizzati per l installazione: rm rf /tmp/database rm -f /tmp/10201_database_linux32.zip Creazione Listener Lanciare come utente oracle il programma netca Cioè dalla shell di testo nell ambiente grafico dell utente oracle netca eseguire la configurazione del listener Selezionare la voce Configurazione del listener. Cliccare sul bottone Avanti. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 20/44

21 Selezionare la voce Aggiungi. Premere il bottone Avanti. Confermare il nome del listener (default LISTENER). Premere sul bottone Avanti per proseguire. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 21/44

22 Selezionare solo il protocollo TCP. Cliccare sul bottone Avanti per proseguire. Selezionare la voce Utilizzare il numero di porta standard Cliccare su Avanti per proseguire. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 22/44

23 Selezionare No alla richiesta di configurazione un altro listener. Cliccare sul bottone Avanti. Cliccare sul bottone Avanti per terminare la creazione del listener. Premere su fine Lancio wizard di creazione istanza Se presente nel CD di installazione di Sicraweb, il template per la versione di Oracle, copiarlo nella cartella $ORACLE_HOME/assistants/dbca/templates Ovvero dare ad esempio il comando con l utente oracle: cp /tmp/scripts/standard_sicraweb.dbt $ORACLE_HOME/assistants/dbca/templates Lanciare il database configurator assistant ovvero dare il comando dbca dalla linea di comando Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 23/44

24 Cliccare sul bottone Avanti per iniziare l autocomposizione. Selezionare la voce Creare un database. Cliccare sul bottone Avanti. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 24/44

25 Selezionare il modello Standard Sicraweb. Cliccare su Avanti. Indicare il nome del database globale ORCL ed il nome del sid ORCL. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 25/44

26 Maschera che permette di selezionare le funzioni avanzate di Oracle. Verificare che sia impostato il check per la gestione del database manager tramite Enterprise Manager, premere Avanti, Nella maschera seguente viene richiesto se utilizzare la stessa password per tutti gli utenti standard di oracle, sys e system,dbsnmp e SYSMAN, per congruità con gli standard delle versione 9i si utilizza una password identica per tutti gli utenti, qundi: systemsaga Una volta immesse le password premere avanti. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 26/44

27 Impostare come metodo di salvataggio dati il filesystem così come mostrato. Lasciare Utilizzare le posizioni dei file di database dal modello. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 27/44

28 Lasciare tutto di default come da figura e premere avanti Lasciare tutto di default come da figura premere Avanti. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 28/44

29 Nella finestra seguente non modificare le impostazioni a meno di disporre di una quantità di memoria sufficientemente elevata lasciare le impostazioni minime riportate. Premere sul tab Set di caratteri Controllare che il set di caratteri riportato sia come riportato in figura ovvero set di caratteri del database WE8ISO8859P15, e set di caratteri nazionali AL16UTF16. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 29/44

30 Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 30/44

31 Controllare nelle modalità di connessione che sia selezionato Modalità server dedicato. Premere Fine. Verrà lanciato il processo di creazione del database. In questa schermata è possibile creare il Database, ma anche un template e uno script per la ricreazione futura del database. Non sono necessari per l instalazione, ma se fossero spuntati non crea problemi all installazione. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 31/44

32 Premere OK ed attendere la creazione del database. Alla fine dell installazione prendere nota del link riportato nella finestra seguente e premere sul tasto Esci In questo caso Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 32/44

33 A questo punto vanno impostati i servizi di sistema perché possa venire attivato in automatico il database oracle. I passi seguenti vanno eseguiti come utente root. Bisogna modificare il file /etc/oratab modificare la riga orcl:/opt/oracle/product/ora10.2.0:n In orcl:/opt/oracle/product/ora10.2.0:y Modificare a questo punto il file /opt/oracle/app/product/ora10.2/bin/dbstart Andare alla riga n 78 e modificarla da ORACLE_HOME_LISTNER=/ade/vikrkuma_new/oracle in ORACLE_HOME_LISTNER=$ORACLE_HOME (C è un problema nell installer) Salvare il file Copiare il file oracle (presente nella cartella.\scripts Oracle su Red Hat AS3-ES3-AS4- ES4\startup del sito help) in /etc/init.d ovvero dare per esempio il comando: cp Scripts\ Oracle\ \ su\ Red\ Hat\ AS3-ES3-AS4-ES4/startup/oracle /etc/init.d oppure editare direttamente un nuovo file oracle in /etc/init.d e scriverci dentro: #!/bin/bash # # chkconfig: # description: Startup/Shutdown Oracle listener and instance ORA_HOME="/opt/oracle/app/product/ora10.2" ORA_OWNR="oracle" # if the executables do not exist -- display error if [! -f $ORA_HOME/bin/dbstart -o! -d $ORA_HOME ] then echo "Oracle startup: cannot start" exit 1 fi # depending on parameter -- startup, shutdown, restart # of the instance and listener or usage display case "$1" in start) # Oracle listener and instance startup echo -n "Starting Oracle: " su - $ORA_OWNR -c "$ORA_HOME/bin/lsnrctl start" su - $ORA_OWNR -c $ORA_HOME/bin/dbstart touch /var/lock/subsys/oracle echo "OK" ;; stop) # Oracle listener and instance shutdown echo -n "Shutdown Oracle: " su - $ORA_OWNR -c "$ORA_HOME/bin/lsnrctl stop" su - $ORA_OWNR -c $ORA_HOME/bin/dbshut rm -f /var/lock/subsys/oracle echo "OK" ;; reload restart) $0 stop $0 start ;; *) echo "Usage: $0 start stop restart reload" exit 1 esac exit 0 Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 33/44

34 una volta salvato il file sempre come utente root dare i comandi: chmod 755 /etc/init.d/oracle chkconfig --add oracle chkconfig oracle on riavviare il server e controllare che all avvio sia accessibile il database collegandosi con il comando sqlplus system/system come utente oracle Volendo utilizzare gli strumenti di amministrazione del database eseguire il comando, sempre utilizzando l account dell utente oracle: emctl start dbconsole questo permette di accedere all interfaccia web per la gestione del database (i valori necessari per la gestione vengono mostrati alla fine dell installazione come da immagine a pagina 29) A questo punto configurare le impostazioni di rete oracle: Sempre utilizzando l account dell utente Oracle dalla shell grafica lanciare il comando: netmgr da un terminale xterm Si otterrà: Espandere nodo Locale fino a LISTENER. Poi premere su Posizioni di Ascolto e scegliere Servizi di database come mostrato in figura. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 34/44

35 Premere su Aggiungi database Immetere i seguenti valori nei campi evidenziati in rosso N.B. tutti in MAIUSCOLO! Nome di database globale: Directory Oracle Home: SID: ORCL /opt/oracle/app/product/ora10.2 (/apps/oracle, /data/oracle) ORCL Premere File Salva configurazione di rete Passare quindi a Denominazione dei Servizi espanderlo e creare il servizio orcl se il sevizio è già presente lasciare tutto com è. Nome di servizio: orcl.world Nome host: Il nome della macchina o l indirizzo IP Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 35/44

36 Premere su File e premere Salva configurazione di rete. Uscire File esci. Dalla shell dell utente oracle dare il comando lsnrctl stop lsnrctl start si dovrà ottenere: The command completed successfully. 3.2 Installazione Media Standard su Red Hat AS3-AS4 L installazione media di Oracle è identica alla Installazione Base : varia solamente il template utilizzato per la creazione del database. Assicurarsi quindi di utilizzare il template corretto per installazione Media. Nota: i template di creazione istanza esistono in forma separata (Base e Media) sul sito maggioli sono disponibili al seguente indirizzo: d%20hat%20as3-es3-as4- ES4/Installazione%20Manuale%20Oracle% %20su%20Red%20Hat%20AS3- ES3-AS4-ES4/Scripts%20Oracle% %20su%20Red%20Hat%20AS3-ES3-AS4- ES4/ Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 36/44

37 3.3 Ottimizzazione installazione (performance e mirroring) Ottimizzazione SGA Database Considerare la ram disponibile utilizzando il comando free, cioè lanciare il comando free m (la m stà per MB) si ottiene un output del tipo: total used free shared buffers cached Mem: /+ buffers/cache: Swap: Considerare come RAM disponibile la somma di ram cached+ free Nel nostro caso = kbytes Definizioni: RD = RAM disponibile SP = Shared pool size RAMOR = Ram da allocare a Oracle DBBF = Database block buffers DBBS = Database block size (default 2*blocco Sistema Operativo = 2 * 4096 = 8192) Formula per calcolo parametri Ram da dedicare ad Oracle RAMOR = SP + DBBF RD / 2 = RAMOR RD / 2 = (SP + DBBF) Quindi SP = RAMOR DBBF Quindi DBBF = RAMOR - SP Es K / 2 = K da utilizzare per Oracle Ram da allocare per Oracle = K = byte = Parte fissa + parte variabile Parte fissa = shared pool (consigliato il valore di 80 Mb) 80 Mb shared pool (80MB*1024*1024 byte)= byte Rimangono byte. P.variabile (db_block_buffers) = rimanente ram / db_block_size (default 8192 byte) Es.: / 8192 = Nel parameter file init.ora: db_block_buffers = db_block_size = 8192 shared_pool_size = Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 37/44

38 3.3.2 Miglioramento fault-tollerance Considerare il sottosistema dischi del server. Se è presente un solo disco fisco con più partizioni non ha senso effettuare le operazioni che seguono. Se sono presenti più dischi fisici è auspicabile: Lo spostamento di 2 dei 4 control files su altro disco. La creazione di un nuovo membro per ogni gruppo di redolog su altro disco. 3.1 Procedure di backup automatico Come procedure di backup automatico intendiamo le procedure standard di backup che sono indipendenti dall applicazione installata (eseguono entrambe il backup completo del database) e che devono venire implementate assieme all installazione di Oracle medesimo. Vengono intesi due livelli di backup a seconda della tipologia dell installazione; nella modalità standard viene implementato il più semplice backup via export dell intero database mentre solo in casi più avanzati e, soprattutto, con l approvazione del cliente che ne dovrà gestire la manutenzione tecnica, il backup fisico consistente nella copia dei datafile medesimi. Mentre la modalità di backup base è sempre da implementare come metodo di selezione per comprendere se è possibile anche l installazione della modalità di backup avanzato occorre verificare con maggior precisione la disponibilità di spazio su disco che deve essere almeno n volte i volumi del database poiché ai volumi necessari per la export (sempre implementata) dovranno aggiungersi gli spazi necessari ad almeno una copia degli interi datafile. La verifica dello spazio fisico necessario è verificabile eseguendo almeno un backup completo (sia logico che fisico) e moltiplicando gli spazi allocati per il numero di cicli di backup che vengono impostati (per default 7). Naturalmente il tutto và adeguatamente (diciamo molto) aumentato per prevedere la naturale espansione dei datafile e dei relativi backup (sempre per il numero cicli impostato). Appare chiaro che contestualmente alla installazione delle procedure di backup occorre concordare con il cliente la presenza di un presidio tecnico sistemistico di primo livello per il monitoraggio degli spazi disco nell installazione. Difatti occorre che i backup così creati vengano archiviati (su tape od altro) altrimenti in caso di rotture del sistema dischi in ogni caso si può perdere completamente l installazione. In breve : La modalità di backup logico (da implementarsi sempre) permette una export automatica giornaliera dell intero database che può anche essere utilizzata per ricreare il database in un altra installazione e come manutenzione richiede solo la verifica degli spazi fisici necessari e l archiviazione dei backup effettuati. La modalità di backup fisico associato al backup logico permette in ogni caso il recupero completo sino all ultima transazione eseguita ma implica un presidio sistemistico di primo livello da parte del cliente stante i maggiori volumi richiesti. In ogni caso la procedura di backup và consegnata all utente informandolo di cosa, come e quando viene archiviato e, soprattutto, specificando che a tale backup và associato un backup su nastro e/o altro supporto esterno in modo da cautelarsi effettivamente da un eventuale problema al disco del server. Ovviamente tali procedure e relativa gestione sono specifiche dell installazione e vanno gestite dal personale preposto. Se si nota che tale presidio tecnico, almeno per la gestione dei backup, è inesistente e/o peggio manca tecnicamente il backup come procedura e/o dispositivo il cliente và informato e sensibilizzato in tal senso. Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb 38/44

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Informazioni Preliminari Tipo di documento: Informazioni del Documento Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb

Dettagli

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb

Dettagli

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica

Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Documentazione Tecnica Documentazione tecnica Standard di Installazione Oracle per Sistemi Sicraweb Informazioni Preliminari Tipo di documento: Redatto da: Informazioni del Documento Standard di Installazione Oracle per Sistemi

Dettagli

Oracle 9i sotto Fedora Core 3 - Installazione HOWTO

Oracle 9i sotto Fedora Core 3 - Installazione HOWTO Oracle 9i sotto Fedora Core 3 - Installazione HOWTO Gaurav Prasad gauravpd at gmail dot com Revision History 2005-06-27 Revision v1.0 2005-06-22 Revised by: MG For inclusion in TLDP: Completed XML article

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Ferdinando Agostinelli. Consulente e docente Oracle Database. Come installare ORACLE 12C in ambiente Linux/CENTOS 7

Ferdinando Agostinelli. Consulente e docente Oracle Database. Come installare ORACLE 12C in ambiente Linux/CENTOS 7 Ferdinando Agostinelli Consulente e docente Oracle Database Come installare ORACLE 12C in ambiente Linux/CENTOS 7 utilizzando una macchina virtuale VMWARE fa@easynet2003.it Aggiornato al 15/3/2015 Questo

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

DBMS ORACLE 9i I componenti del Database Server Oracle : Strutture di memoria Processi File fisici Directory principali: c:\oracle\admin\\pfile c:\oracle\ora92\database

Dettagli

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009

NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE. Giugno 2009 NOTE TECNICHE DI CONFIGURAZIONE Giugno 2009 INDICE Configurazioni 3 Configurazioni Windows Firewall.. 3 Configurazioni Permessi DCOM. 4 Installazione Sql Server 2005 9 Prerequisiti Software 7 Installazione

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0

AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 AXWIN6 QUICK INSTALL v.3.0 Procedura per l installazione di AxWin6 AxWin6 è un software basato su database Microsoft SQL Server 2008 R2. Il software è composto da AxCom: motore di comunicazione AxWin6

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Introduzione a Oracle 9i

Introduzione a Oracle 9i Introduzione a Oracle 9i Ing. Vincenzo Moscato - Overview sull architettura del DBMS Oracle 9i L architettura di Oracle 9i si basa sul classico paradigma di comunicazione client-server, in cui sono presenti

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Installazione di Ubuntu 10.04. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Installazione di Ubuntu 10.04 Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Operazioni preliminari Backup di tutti i dati dalla partizione Windows Deframmentazione di tutte le partizioni Windows (n volte...) Abilitare

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Indice REGIONE BASILICATA

Indice REGIONE BASILICATA REGI ONE BASI UFFICIO S. I. LICA R. S. TA Manuale Gestione Server Id Sistema APPROVAZIONI Redatto da: Approvato da: Data CONTROLLO DEL DOCUMENTO Autore Ing. Vincenzo Fiore VARIAZIONI Versione prec. Data

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

SICR@WEB MSSQL2005 PER SICR@WEB. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di MSSQL (e altre nozioni di base).

SICR@WEB MSSQL2005 PER SICR@WEB. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di MSSQL (e altre nozioni di base). SICR@WEB MSSQL2005 PER SICR@WEB Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di MSSQL (e altre nozioni di base). SICR@WEB PRIMA INSTALLAZIONE - MSSQL 2005 Revisioni Data Modifiche

Dettagli

Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server

Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server Nuovo server E-Shop: Guida alla installazione di Microsoft SQL Server La prima cosa da fare è installare SQL sul pc: se si vuole utilizzare SQL Server 2012 SP1 versione Express (gratuita), il link attuale

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Installazione SQL Server 2005 Express Edition

Installazione SQL Server 2005 Express Edition Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-6S4ALG7637 Data ultima modifica 25/08/2010 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione SQL Server 2005 Express Edition In giallo sono evidenziate le modifiche/integrazioni

Dettagli

maildocpro Manuale Installazione

maildocpro Manuale Installazione maildocpro Manuale Installazione versione 3.4 maildocpro Manuale Installazione - Versione 3.4 1 Indice Indice... 2 Creazione database... 3 Database: MAILDOCPRO... 3 Database: SILOGONWEB... 5 Configurazione

Dettagli

Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools

Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition With Tools Circolare CT-1010-0087, del 28/10/2010. Come Installare SQL Server 2008 R2 Express Edition sul server... 2 Introduzione... 2 Installazione

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

SISTEMA OPERATIVO WINDOWS

SISTEMA OPERATIVO WINDOWS SISTEMA OPERATIVO WINDOWS Per fare attivazione e necessario che che il comune abbia versione HH >= 05.00.00 DEFINIZIONE DELLA DIRECTORY DI log (dal server) Prima di creare la cartella di log e necessario

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

QUICK START GUIDE F640

QUICK START GUIDE F640 QUICK START GUIDE F640 Rev 1.0 PARAGRAFO ARGOMENTO PAGINA 1.1 Connessione dell apparato 3 1.2 Primo accesso all apparato 3 1.3 Configurazione parametri di rete 4 2 Gestioni condivisioni Windows 5 2.1 Impostazioni

Dettagli

FOXWave 1.0.0 Gestione gare ARDF IZ1FAL Secco Marco Sezione ARI BIELLA

FOXWave 1.0.0 Gestione gare ARDF IZ1FAL Secco Marco Sezione ARI BIELLA FOXWave 1.0.0 Gestione gare ARDF IZ1FAL Secco Marco Sezione ARI BIELLA Redatto da IZ1FAL Secco Marco Pagina 1 di 15 INDICE 1 1- INSTALLAZIONE... 3 1-1 Scaricare i pacchetti aggiornati... 3 1-2 Startup

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

REGIONE BASILICATA Sistema per la Gestione Unificata del Protocollo Informatico Manuale di installazione Vers. 3.0

REGIONE BASILICATA Sistema per la Gestione Unificata del Protocollo Informatico Manuale di installazione Vers. 3.0 0 REGIONE BASILICATA Sistema per la Gestione Unificata del Protocollo Informatico Manuale di installazione Vers. 3.0 CONTENUTI 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTO DEL CD DI INSTALLAZIONE... 2 3 INSTALLAZIONE...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

STANDARD DI DOCUMENTAZIONE MANUALE DI GESTIONE DEL SERVER

STANDARD DI DOCUMENTAZIONE MANUALE DI GESTIONE DEL SERVER Maggio 2003 Raccoglitore standard aziendali Standard documentazione STANDARD DI DOCUMENTAZIONE MANUALE DI GESTIONE DEL SERVER Versione 1.00 Data 26/05/2003 Maggio 2003 Raccoglitore standard aziendali Standard

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

Indice GAMMA. Guida utente

Indice GAMMA. Guida utente Indice GAMMA Schermata di benvenuto... 3 1.1.1 Connessione a SQL Server... 5 Uscita dalla procedura di installazione... 7 1.1.2 Aggiornamento DATABASE... 9 1.1.3 Aggiornamento CLIENT... 12 II Aggiornamento

Dettagli

Ubiquity getting started

Ubiquity getting started Introduzione Il documento descrive I passi fondamentali per il setup completo di una installazione Ubiquity Installazione dei componenti Creazione del dominio Associazione dei dispositivi al dominio Versione

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Sequenza di avvio di Linux:

Sequenza di avvio di Linux: Sequenza di avvio di Linux: Il BIOS esegue una serie di test ed inizializzazione di tutti i dispositivi del computer; quindi, carica in memoria il BOOT loader del sistema operativo e gli cede il controllo.

Dettagli

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output:

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output: CAPITOLO 5 LA SHELL BASH Pietro Buffa Con questo capitolo comincia il nostro viaggio nel mondo delle Command Line Interface (CLI), ovvero le interfacce testuali a linea di comando tipiche dei sistemi UNIX

Dettagli

Introduzione ai servizi di Linux

Introduzione ai servizi di Linux Introduzione ai servizi di Linux Premessa Adios è un interessante sistema operativo Linux basato sulla distribuzione Fedora Core 6 (ex Red Hat) distribuito come Live CD (con la possibilità di essere anche

Dettagli

Introduzione ad Oracle da http://escher07.altervista.org

Introduzione ad Oracle da http://escher07.altervista.org Introduzione ad Oracle da http://escher07.altervista.org Generalità Oracle è database più diffuso al mondo specie nella cosiddetta fascia alta, ovvero come database o datawarehouse server in sistemi gestionali

Dettagli

Manuale d uso Mercurio

Manuale d uso Mercurio Manuale d uso Mercurio SOMMARIO Pagina Capitolo 1 Caratteristiche e Funzionamento Capitolo 2 Vantaggi 3 3 Capitolo 3 Cosa Occorre Capitolo 4 Prerequisiti Hardware e Software Prerequisiti hardware Prerequisiti

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX

Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX Installazione di IBM SPSS Modeler 15 Batch per UNIX Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Batch versione 15. IBM SPSS Modeler La modalità batch offre le stesse funzionalità

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 12.5 for Windows Servers Guida rapida all'installazione 13897290 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione

Dettagli

Installazione di Windows XP Professional

Installazione di Windows XP Professional 35 12/6/2001, 5:50 PM 35 C A P I T O L O 2 Installazione di Windows XP Professional Lezione 1: Introduzione......................................... 37 Lezione 2: Installazione di Windows XP Professional

Dettagli

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete

Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Manuale per la configurazione di AziendaSoft in rete Data del manuale: 7/5/2013 Aggiornamento del manuale: 2.0 del 10/2/2014 Immagini tratte da Windows 7 Versione di AziendaSoft 7 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0 BACKUP APPLIANCE User guide Rev 1.0 1.1 Connessione dell apparato... 2 1.2 Primo accesso all appliance... 2 1.3 Configurazione parametri di rete... 4 1.4 Configurazione Server di posta in uscita... 5 1.5

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Introduzione SIGLA Ultimate e SIGLA Start Edition possono essere utilizzati solo se sono soddisfatti i seguenti prerequisiti: Microsoft.Net Framework 3.5 (consigliato

Dettagli

Installazione di GFI MailArchiver

Installazione di GFI MailArchiver Installazione di GFI MailArchiver Requisiti di sistema di GFI MailArchiver Windows 2000/2003 Server oppure Advanced Server. Microsoft Exchange Server 2000/2003 (il prodotto è installato sulla macchina

Dettagli

FileMaker Pro 13. Guida alla configurazione dell installazione in rete

FileMaker Pro 13. Guida alla configurazione dell installazione in rete FileMaker Pro 13 Guida alla configurazione dell installazione in rete 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti

Dettagli

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE LABORATORI DI INFORMATICA CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE Tutti i laboratori di informatica, come la gran parte delle postazioni LIM, sono stati convertiti

Dettagli

Dos: Guida ai comandi Dos

Dos: Guida ai comandi Dos Dos: Guida ai comandi Dos Nonostante oramai sembri vecchio e superato da tutti questi nuovi e potenti sistemi operativi, il buon vecchio Dos ancora oggi puo' risultare utile per tirare fuori le castagne

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per UNIX IBM SPSS Modeler Text Analytics Server può essere installato e configurato per essere eseguito su un computer su cui è in esecuzione

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text AnalyticsServer per Windows IBM SPSS Modeler Text Analytics Server può essere installato e configurato per essere eseguito su un computer su cui è in

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida alla configurazione dell installazione in rete

FileMaker Pro 12. Guida alla configurazione dell installazione in rete FileMaker Pro 12 Guida alla configurazione dell installazione in rete 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

SUSE Linux Enterprise Desktop 10

SUSE Linux Enterprise Desktop 10 SUSE Linux Enterprise Desktop 10 Riferimento ramarpido di installazione SP1 Novell SUSE Linux Enterprise Desktop 10 GUIDA RAPIDA Marzo 2007 www.novell.com SUSE Linux Enterprise Desktop Utilizzare i seguenti

Dettagli

www.aylook.com MANUALE UTENTE VMS (versione 1.0) pag. 1 di 25

www.aylook.com MANUALE UTENTE VMS (versione 1.0) pag. 1 di 25 MANUALE UTENTE VMS (versione 1.0) pag. 1 di 25 INDICE 1. PRESENTAZIONE SOFTWARE VMS... 3 2. PRIMO COLLEGAMENTO AL VMS... 3 3. LAYOUT DEL PROGRAMMA... 5 3.1 Tabs... 5 3.2 Toolbar... 6 3.3 Status bar...

Dettagli

CRYSTALIO2 IN RETE. NFS e Pixel Magic Systems CRYSTALIO2 VPS3800PRO INDICE 1. PREFAZIONE

CRYSTALIO2 IN RETE. NFS e Pixel Magic Systems CRYSTALIO2 VPS3800PRO INDICE 1. PREFAZIONE NFS e Pixel Magic Systems CRYSTALIO2 VPS3800PRO CRYSTALIO2 IN RETE di Lorenzo Zwerger INDICE 1. PREFAZIONE 2. APPARATI UTILIZZATI E LORO CONFIGURAZIONE a. PC b. ROUTER c. CRYSTALIO II 3. INSTALLAZIONE

Dettagli

CONFIGURAZIONE MINIMA

CONFIGURAZIONE MINIMA Computer Server di NOTE DI INSTALLAZIONE SUITE IPSOA NOTE DI INSTALLAZIONE...1 SUITE IPSOA...1 CONFIGURAZIONE MINIMA...1 STAMPANTI...3 COMPONENTI SOFTWARE...3 TIPOLOGIE DI INSTALLAZIONE...6 INSTALLAZIONE

Dettagli

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

Installazione e caratteristiche generali 1

Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione e caratteristiche generali 1 Installazione di SIGLA SIGLA viene fornito su un CDROM contenente la procedura d installazione. La procedura può essere installata eseguendo il programma SIGLASetup.exe

Dettagli

FAQ RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI

FAQ RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI FAQ RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI FAQ Su sistemi RedHat ho riscontrato problemi in STSCALCxx, nell esecuzione della runtime Java. In RedHat è necessario installare il pacchetto: compat-libstdc++-6.2-2.9.0.16.rpm

Dettagli

Guida di riferimento

Guida di riferimento Guida di riferimento 1 Premessa Agenda Sql è un programma di gestione appuntamenti, studiato per grandi volumi di introduzione contemporanei di dati. Può gestire un numero elevato di agende, mantenendo

Dettagli

SOMMARIO COSA SERVE... 2 PRIMA DI INIZIARE... 2 COME PROCEDERE LATO SERVER... 3 COME PROCEDERE LATO CLIENT... 3

SOMMARIO COSA SERVE... 2 PRIMA DI INIZIARE... 2 COME PROCEDERE LATO SERVER... 3 COME PROCEDERE LATO CLIENT... 3 SOMMARIO COSA SERVE... 2 PRIMA DI INIZIARE... 2 COME PROCEDERE LATO SERVER... 3 COME PROCEDERE LATO CLIENT... 3 OPERAZIONE DI CONVERSIONE DEI NOMI LATO SERVER... 5 SYBASE... 6 MS SQL... 8 ESECUZIONE DEL

Dettagli

Procedura Installazione TO.M.M.YS. 2013 con SQL 2008

Procedura Installazione TO.M.M.YS. 2013 con SQL 2008 Questa procedura illustra passo passo gli step da compiere per Installare il programma TO.M.M.YS. versione 2010 con il supporto di Microsoft SQL 2008. Sommario Controlli da effettuare prima dell installazione

Dettagli

CERTIFICATI DIGITALI. Manuale Utente

CERTIFICATI DIGITALI. Manuale Utente CERTIFICATI DIGITALI Procedure di installazione, rimozione, archiviazione Manuale Utente versione 1.0 pag. 1 pag. 2 di30 Sommario CERTIFICATI DIGITALI...1 Manuale Utente...1 Sommario...2 Introduzione...3

Dettagli

SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base).

SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL. Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base). SICR@WEB SICR@WEB - & POSTGRESQL Il presente documento comprende la procedura di prima installazione di Postgres (e altre nozioni di base). SICR@WEB PRIMA INSTALLAZIONE Revisioni Data Modifiche Versione

Dettagli

Di seguito riportiamo l'elenco dei componenti che devono risultare già installati prima di procedere con il caricamento di AGO Infinity:

Di seguito riportiamo l'elenco dei componenti che devono risultare già installati prima di procedere con il caricamento di AGO Infinity: Note di installazione v.02.08.04 Il le di installazione contiene il prodotto AGO Innity 2010 Edition, i le di congurazione per l'accesso al database (DBCong) e le Tabella Estimi Catastali e Tabella Nomenclature

Dettagli

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server Stampa da Windows 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g

Sommario. Oracle Database 10g (laboratorio) Grid computing. Oracle Database 10g. Concetti. Installazione Oracle Database 10g Sommario Oracle Database 10g (laboratorio) Dr. Daniele Barone Dr. Simone Grega 1 2 Oracle Database 10g Offre alte qualità del servizio: Performance; Scalabilità; Sicurezza; Affidabilità. Gestione autonoma

Dettagli

http://bcloud.brennercom.it/it/brennercom-b-cloud/applicazioni/26-0.html

http://bcloud.brennercom.it/it/brennercom-b-cloud/applicazioni/26-0.html b.backup Manuale Windows Questo manuale descrive le funzionalità di base del client b.backup illustra le operazioni necessarie per installare e attivare l applicazione, e spiega come eseguire un backup

Dettagli

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi

Reti Informatiche. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Ing. Domenico De Guglielmo. 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Reti Informatiche Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ing. Domenico De Guglielmo 2008 Vanessa Gardellin & Sara Lioba Volpi Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite

Dettagli

Amico EVO Manuale dell Installazione

Amico EVO Manuale dell Installazione Amico EVO Manuale dell Installazione Versione 1.0 del 14.05.2013 Manuale dell installazione di AMICO EVO rev. 1 del 18.05.2013 Pag. 1 Amico EVO è un software sviluppato in tecnologia NET Framework 4.0

Dettagli

Istruzioni Operative

Istruzioni Operative Soluzioni Paghe Gestionali d Impresa (ERP) Software Development E-Business Solutions ASP e Hosting System Integration e Networking Architetture Cluster Fornitura e Installazione Hardware Istruzioni Operative

Dettagli

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Pag. 1 di 42 Servizio di Posta elettronica Certificata Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Funzione 1 7-2-08 Firma 1)Direzione Sistemi 2)Direzione Tecnologie e Governo Elettronico

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive privato)

OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive privato) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) (campagnanorap@gmail.com) Miniguida n. 216 Ver. febbraio 2015 OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive

Dettagli

Lab 01 Sistemi Operativi

Lab 01 Sistemi Operativi Informatica Grafica Ingegneria Edile-Architettura a.a. 2010/2011 Lab 01 Sistemi Operativi Lab01 1 Obiettivi Durante l'esercitazione vedremo come il sistema operativo si occupa di gestire: 1. i processi

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-88NE8321850 Data ultima modifica 22/04/2011 Prodotto Tutti Modulo Tutti Oggetto Installazione di una nuova istanza di Sql Server Express 2008 R2 Prerequisiti

Dettagli

INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition

INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition Templ. 019.02 maggio 2006 1 PREFAZIONE... 2 2 INSTALLAZIONE DI MICROSOFT.NET FRAMEWORK 2.0... 2 3 INSTALLAZIONE DI SQL SERVER 2005 EXPRESS... 3 4

Dettagli

LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web. Guida all installazione del Software

LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web. Guida all installazione del Software LABORATORIO DI Tecnologie di Sviluppo per il Web Guida all installazione del Software Il Software da installare: 1) Ambiente di programmazione Java 2 Software Developement Kit v. 1.4 2) Server HTTP Apache

Dettagli

ThinMan 5.0 Remote Administrator

ThinMan 5.0 Remote Administrator ThinMan 5.0 Remote Administrator Manuale Utente ThinMan 5.0 - Remote Administrator Manuale Utente Versione: 1.01, Settembre 2007 Questo documento è stato prodotto da CompuMaster. Questo manuale, il software

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

Manuale di configurazione CONNECT GW

Manuale di configurazione CONNECT GW Modulo gateway FA00386-IT B A 2 10 Manuale di configurazione CONNECT GW INFORMAZIONI GENERALI Per connettere una o più automazioni al portale CAME Cloud o ad una rete locale dedicata e rendere possibile

Dettagli

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Prima Parte

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Prima Parte PRECORSO DI INFORMATICA Laboratorio Prima Parte ARGOMENTI DI OGGI Avviare Linux KDE e gli altri D.E. Bash Gestione file system Redirezione input/output Gestione dei processi Man Info Configurazione del

Dettagli

Convertitore PDF (WSO2PDF) Manuale Sistemista

Convertitore PDF (WSO2PDF) Manuale Sistemista Convertitore PDF (WSO2PDF) Manuale Sistemista Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1 Introduzione 3 2 Moduli dell applicazione 3 3 Installazione 4 3.1 Installazione da Setup Manager 4 3.2 Installazione da pacchetto

Dettagli

Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery. Guida introduttiva

Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery. Guida introduttiva Xerox EX8002 Print Server, Powered by Fiery Guida introduttiva 2009 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato

Dettagli