1. PREMESSA GENERALITA' Oggetto Principali norme di riferimento TIPOLOGIA DEI CAVI... 7

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. PREMESSA... 6 2. GENERALITA'... 6. 2.1. Oggetto... 6. 2.2. Principali norme di riferimento... 6 3. TIPOLOGIA DEI CAVI... 7"

Transcript

1

2 1. PREMESSA GENERALITA' Oggetto Principali norme di riferimento TIPOLOGIA DEI CAVI Struttura generale dei cavi Schema colori dei tubetti e delle fibre Marcatura guaina esterna e nastrino interno identificativo Cavi ottici con protezione metallica Cavi ottici con protezione dielettrica Cavi ottici resistenti al fuoco Cavi ottici dielettrici autoportanti per posa aerea CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE FIBRE OTTICHE Generalità Protezione primaria Cicli termici Raggio minimo di curvatura Caratteristiche geometriche Caratteristiche trasmissive delle fibre Lunghezza d onda di taglio (rif. G ) Perdita di curvatura (rif. G ) Dispersione cromatica (rif. G ) Coefficiente di attenuazione (rif. G ) CARATTERISTICHE DEI PRINCIPALI MATERIALI UTILIZZATI PER LA COSTRUZIONE DEI CAVI E RELATIVE PROVE di 44

3 5.1. Vetroresina Curva carico-allungamento Polibutilenetereftalato o equivalente per tubetti Carico di rottura Allungamento a rottura Invecchiamento Compatibilità con il tamponante Tamponante interno ed esterno ai tubetti Generalità Punto di goccia Penetrazione a freddo Assorbimento di idrogeno (solo per tamponante esterno) Guaina interna Compatibilità con il tamponante Nastro di acciaio corrugato Generalità Caratteristiche meccaniche Miscele per barriera anticorrosiva Guaina esterna Protezione meccanica dielettrica Massa Volumica Carico di rottura PROVE SUI CAVI FINITI Percussione ( Rif IEC E4) Schiacciamento (Rif IEC E3) Piegatura a freddo Corrosione della guaina di acciaio corrugato Propagazione dell'acqua (Rif IEC F 5B) Climatiche (Rif IEC F 1) di 44

4 6.7. Trazione (Rif IEC E1) Resistenza d'isolamento della protezione esterna dei cavi con guaina metallica Rigidità dielettrica della guaina esterna dei cavi con guaina metallica Caratteristiche geometriche e strutturali del cavo Indelebilità della marcatura Non propagazione dell'incendio Non propagazione della fiamma Densità del fumo Indice di tossicità Quantità di gas alogenidrici Resistenza al fuoco Prova di sparo per cavi aerei anticaccia Prova di resistenza contro i roditori Misure geometriche delle fibre del cavo Misura di attenuazione Misura di lunghezza d'onda di taglio Dispersione cromatica Andamento qualitativo dell'indice di rifrazione del nucleo delle fibre Misura spettrale di attenuazione LUNGHEZZA DELLE PEZZATURE - QUANTITÁ DI CAVO DA FORNIRE Lunghezza delle pezzature Quantità di fornitura SORVEGLIANZA LAVORAZIONI E PROVE di 44

5 8.1. Richiamo alle Norme Generali Prove di tipo (T): Prove di routine (R) Prove di accettazione (A): MOVIMENTAZIONE, IMMAGAZZINAMENTO, CONFEZIONE ED IMBALLAGGIO, CONSEGNE DELLE PEZZATURE DI CAVO, DOCUMENTAZIONE TECNICA Richiamo alle Norme Generali Diametro del tamburo per l avvolgimento del cavo Targa caratteristica della bobina di ALLEGATO 1 - FIGURE ALLEGATO 2 - TABELLE PROVE... 40

6 1. PREMESSA 6 di 44 La presente annulla e sostituisce la precedente edizione TT 528 Ed Specifiche tecniche per la fornitura di cavi ottici per telecomunicazione con guaina in acciaio saldato, con eventuale protezione esterna non propagante l incendio e a bassa emissione di fumi opachi e di gas tossici corrosivi. 2. GENERALITA' 2.1. Oggetto La presente Specifica Tecnica fornisce, unitamente alle Norme Tecniche Generali TT. 465 edizione in vigore, di seguito "Norme Generali", le prescrizioni relative alla costruzione, al collaudo e all'imballaggio di cavi per telecomunicazioni a fibre ottiche da utilizzare negli impianti ferroviari RFI Principali norme di riferimento [1] ITU-T G.650 Definition and test methods for the relevant parameters of single-mode fibres [2] ITU-T G.652 Characteristics of a single-mode optical fibre cable [3] IEC Optical fibres Part 1: Generic specification - General [4] IEC x Optical fibres Part 1-x: Measurement methods and test procedures [5] IEC Optical fibres Part 2: Product specifications [6] IEC Optical fibres Part 2-50: Product specifications Sectionale specification for class B single-mode fibres [7] IEC Optical fibre cables - Part 1-1: Generic specification General [8] IEC Optical fibre cables - Part 1-2: Generic specification - Basic optical cable test procedures [9] IEC Optical fibre cables - Part 3: Sectional specification - Outdoor cables [10] IEC Optical fibre cables - Part 3-10: Outdoor cables - Family specification for duct and directly buried optical telecommunication cables [11] IEC Optical fibre cables - Part 3-20: Outdoor cables - Family specification for optical self-supporting aerial telecommunication cables [12] CEI 20-36/4 Metodo di prova per la resistenza al fuoco di piccoli cavi non protetti (EN 50200) per l uso in circuiti di emergenza [13] CEI 20-36/2-5 Prove di resistenza al fuoco per cavi elettrici in condizioni di incendio Integrità del circuito Parte 25: Procedure e prescrizioni Cavi a fibre ottiche (IEC ) [14] TT 465 Norme Tecniche generali per la fornitura di cavi per telecomunicazioni

7 3. TIPOLOGIA DEI CAVI 7 di Struttura generale dei cavi La struttura dei cavi ottici oggetto della presente Specifica Tecnica può essere schematicamente suddivisa in due parti concentriche denominate rispettivamente nucleo ottico e struttura protettiva esterna, ciascuna costituita da più elementi componenti. Il nucleo ottico del cavo dovrà essere completamente dielettrico con fibre contenute in tubetti tamponati del tipo lasco (loose) cordati con tecnica SZ intorno ad un supporto centrale in vetroresina. L'insieme dei tubetti contenenti le fibre ottiche dovrà essere tamponato in modo tale da non permettere l'ingresso e la propagazione dell'acqua nel nucleo ottico. Il numero di fibre per tubetto dipende dalla potenzialità del cavo. Intorno al nucleo ottico dovrà essere realizzata una struttura protettiva a più strati, atta a sopportare le varie sollecitazioni a cui sarà sottoposto il cavo sia durante le operazioni di posa che durante il normale esercizio dell'impianto. La composizione della struttura protettiva è sensibilmente diversa per ciascuna tipologia di cavo, in funzione dell uso per il quale il cavo stesso è stato progettato. Nel successivi punti sono dettagliatamente riportati, per ogni tipologia di cavo, gli elementi componenti il cavo stesso. Con il termine LSZH (Low Smoke Zero Halogen) si fa riferimento a cavi non propaganti l incendio, a bassa emissione di fumi opachi, gas tossici e corrosivi così come definiti nella nelle Norme Tecniche TT465 con il termine antifiamma Schema colori dei tubetti e delle fibre La distinzione delle fibre ottiche cablate sarà effettuata mediante colorazione dei tubetti e delle fibre contenute nello stesso tubetto, secondo il seguente criterio: - Tubetto Pilota: colore rosso - Tubetto Direzionale: colore verde - Altri tubetti: colore bianco o naturale Colore delle fibre contenute nello stesso tubetto: - Fibra 1: bianco Fibra 3: rosa - Fibra 2: blu Fibra 4: arancio Nei casi dei cavi ad 8 e 16 fibre, l unica fibra o la prima fibra sarà naturale anziché bianca. La colorazione delle fibre ottiche dovrà essere realizzata con un sottilissimo strato di colore compatibile con i materiali del cavo, applicato sulla superficie esterna

8 della protezione primaria o mediante rivestimento primario colorato, stabile nel tempo e tale da non indurre alterazioni alle caratteristiche meccaniche e all'attenuazione delle fibre ottiche. Le colorazioni impiegate devono essere di composizione analoga a quella delle protezione primaria. Con riferimento alla testa esterna del cavo dovrà essere precisato il senso di rotazione delle fibre che dovrà essere lo stesso per tutte le pezzature costituenti la fornitura. 8 di Marcatura guaina esterna e nastrino interno identificativo a)marcatura guaina esterna Per ogni pezzatura verrà impressa sulla guaina più esterna, senza arrecare deformazioni apprezzabili, una marcatura ben visibile realizzata con tecnologia inkjet con inchiostro reticolato U.V. o con la tecnologia a nastrino che riporti: 1) Il nome del Fornitore, la sigla R.F.I., l anno di costruzione; 2) Il tipo di cavo (es. cavo ottico, cavo ottico LSZH, cavo ottico anticaccia, cavo ottico LSZH e anticaccia, cavo ottico resistente al fuoco) ed il numero totale di fibre; 3) sigla del cavo secondo quanto stabilito dalle norme CEI. Sulla guaina esterna dovrà inoltre essere realizzata anche una marcatura metrica progressiva. La sequenza dei valori riportati potrà iniziare da un valore diverso da zero. Nel caso dovessero verificarsi, durante il processo di lavorazione, inconvenienti tali da pregiudicare la funzionalità della marcatura il cavo potrà riportarne una seconda di colore diverso. La misura riportata dalla marcatura metrica è da intendersi indicativa e non farà fede per la determinazione della misura della lunghezza delle pezzature. b) nastrino interno All'interno del cavo sarà posto un nastrino di materiale sintetico sul quale sia riportato in modo indelebile: 1) Il nome del Fornitore; 2) L anno di fabbricazione; 3) I riferimenti che individuano la presente specifica tecnica (sigla e anno di emissione es. TT ).

9 3.4. Cavi ottici con protezione metallica 9 di 44 Nel presente paragrafo sono riportate le prescrizioni relative ai cavi ottici con guaina metallica riportati nella successiva tabella: Tipo cavo Sigla CEI 8 fibre con protezione metallica TOL8D 8 8(1SMR) T/EKH6E 16 fibre con protezione metallica TOL8D 16 8(2SMR) T/EKH6E 24 fibre con protezione metallica TOL8D 24 6(4SMR) T/EKH6E 32 fibre con protezione metallica TOL8D 32 8(4SMR) T/EKH6E 8 fibre LSZH con protezione metallica TOL8D 8 8(1SMR) T/EKH6M 16 fibre LSZH con protezione metallica TOL8D 16 8(2SMR) T/EKH6M 24 fibre LSZH con protezione metallica TOL8D 24 6(4SMR) T/EKH6M 32 fibre LSZH con protezione metallica TOL8D 32 8(4SMR) T/EKH6M I cavi con potenzialità 8 e 16 fibre, sia nella versione LSZH che nella versione normale, saranno di norma utilizzati esclusivamente per necessità derivanti da interventi di manutenzione su cavi esistenti di uguale potenzialità. Per quanto riguarda l impiego dei cavi con potenzialità 24 e 32 fibre si rimanda al Capitolato Tecnico TT 239 Ed. 86/ter come nel tempo modificato ed integrato.

10 10 di 44 Cavi con protezione metallica Caratteristiche costruttive Proprietà particolari - LSZH N fibre nel cavo Elemento centrale di supporto Dielettrico (vetroresina) Diametro nominale mm 3 Rivestimento secondario fibre Tubetti in polibutilenetereftalato (PBTF) o materiale di caratteristiche equivalenti, tamponati con grasso sintetico N tubetti con fibre/elementi riempitivi 8/0 8/0 6/2 8/0 8/0 8/0 6/2 8/0 N fibre in ciascun tubetto Cordatura tubetti Attorno all'elemento centrale di supporto con tecnica SZ Tamponamento esterno con grasso sintetico assorbitore d'idrogeno Fasciatura con nastro/i sintetici Guaina interna Polietilene nero Spessore medio e spessore nominale mm 0,9 Spessore minimo mm 0,8 Armatura dielettrica Titolo totale minimo dtex doppio strato di filati aramidici > Fasciatura con uno o più nastri sintetici Protezione meccanica Spessore nominale mm guaina di acciaio saldato corrugato 0,4 Diametro esterno nominale mm 14 Diametro nominale interno mm 10,7 Protezione anticorrosiva Miscela di tipo bituminoso nota (1) Guaina esterna Polietilene nero nota (2) Spessore medio e spessore nominale mm 2,9 Spessore minimo mm 2,5 nota (1) sintetica non propagante l'incendio, a bassa emissione di fumi opachi, gas tossici e corrosivi; nota (2) mescola termoplastica di tipo M di colore verde, non propagante l'incendio, a bassa emissione di fumi opachi, gas tossici e corrosivi. Caratteristiche dimensionali e meccaniche Diametro esterno: mm 21,5±2 Peso nominale (indicativo) kg/km Lunghezza nominale pezzatura Km Peso lordo (indicativo) Kg (bobina + cavo pezzatura nominale): Sforzo massimo di trazione N (allungamenti: cavo 0.3 % e fo 0.1 %) Raggio minimo di curvatura -dinamico (sotto sforzo) mm 420 -statico (permanente) mm 350 Resistenza allo schiacciamento fino a dan/10cm senza incremento residuo di atten.ne; fino a dan/10cm senza rottura fibre (atten. ne 10 db) Resistenza alla percussione fino a 15 N*m senza incremento residuo di attenuazione; fino a 30 N*m senza rottura fibre (atten. ne 10 db) Campo di temperatura: -esercizio C -25/+65 (variazione di attenuazione 0,05 db/km) -posa C -10/+50 -trasporto/immagazzinamento C -40/+70

11 3.5. Cavi ottici con protezione dielettrica 11 di 44 Nel presente paragrafo sono riportate le prescrizioni relative ai cavi ottici completamente dielettrici con protezione contro i roditori riportati nella successiva tabella: Tipo cavo Sigla CEI 24 fibre dielettrico TOL8D 24 6(4SMR) T/EBVN1E 32 fibre dielettrico TOL8D 32 8(4SMR) T/EBVN1E 24 fibre dielettrico LSZH TOL8D 24 6(4SMR) T/MBVN1M 32 fibre dielettrico LSZH TOL8D 32 8(4SMR) T/MBVN1M Per quanto riguarda l impiego dei cavi suddetti si rimanda al Capitolato Tecnico TT 239 Ed. 86/ter come nel tempo modificato ed integrato.

12 12 di 44 Cavi con protezione dielettrica Principali caratteristiche costruttive Proprietà particolari - LSZH N fibre nel cavo Elemento centrale di supporto Dielettrico (vetroresina) Diametro nominale mm 3 Rivestimento secondario fibre tubetti in polibutilenetereftalato (PBTF) o materiale di caratteristiche equivalenti, tamponati con grasso sintetico N tubetti con fibre/elementi riempitivi 6/2 8/0 6/2 8/0 N fibre in ciascun tubetto 4 Cordatura tubetti attorno all'elemento centrale di supporto con tecnica SZ Tamponamento esterno Con grasso sintetico Fasciatura Con nastro/i sintetici Guaina interna Polietilene nero nota (1) Spessore medio e spessore nominale mm 0,9 Spessore minimo mm 0,8 Protezione meccanica dielettrica termoplastica Spessore medio e spessore nominale mm 1,5 Spessore minimo mm 1,05 Diametro esterno nominale minimo mm 13 Armatura dielettrica e protezione roditori (filati + nastro) Doppio strato di filati di vetro > dtex Nastro di vetro 1 mm Guaina esterna Polietilene nero nota (1) Spessore medio e spessore nominale mm 1,8 Spessore minimo mm 1,6 nota (1): mescola termoplastica di tipo M di colore verde, non propagante l'incendio, a bassa emissione di fumi opachi, gas tossici e corrosivi. Principali caratteristiche dimensionali e meccaniche Diametro esterno: mm 21±2 Peso nominale (indicativo) kg/km Lunghezza nominale pezzatura Km Peso lordo (indicativo) Kg (bobina + cavo pezzatura nominale): Sforzo massimo di trazione N (allungamenti: cavo 0.5 % e fo 0.33 %) Raggio minimo di curvatura -dinamico (sotto sforzo) mm 280 -statico (permanente) mm 200 Resistenza allo schiacciamento fino a 750 dan/10cm senza incremento residuo di atten.ne fino a dan/10cm senza rottura fibre (atten. ne 10 db) Resistenza alla percussione fino a 15 N*m senza incremento residuo di attenuazione fino a 30 N*m senza rottura fibre (atten. ne 10 db) Resistenza ai roditori Classificazioni ammesse: A, B, C, Campo di temperatura: -esercizio C -25/+65 (variazione di attenuazione 0,05 db/km) -posa C -10/+50 -trasporto/immagazzinamento C -40/+70

13 3.6. Cavi ottici resistenti al fuoco (p.m.) 13 di 44

14 3.7. Cavi ottici dielettrici autoportanti per posa aerea Nel presente paragrafo sono riportate le prescrizioni relative ai cavi ottici completamente dielettrici autoportanti riportati nella successiva tabella. 14 di 44 Tipo cavo Sigla CEI 24 fibre dielettrico TOL8D 24 6(4SMR) T/EKE-S 32 fibre dielettrico TOL8D 32 8(4SMR) T/EKE-S 24 fibre dielettrico LSZH TOL8D 24 6(4SMR) T/MKM-S 32 fibre dielettrico LSZH TOL8D 32 8(4SMR) T/MKM-S 24 fibre dielettrico anticaccia TOL8D 24 6(4SMR) T/EN1KE-S 32 fibre dielettrico anticaccia TOL8D 32 8(4SMR) T/EN1KE-S 24 fibre dielettrico anticaccia LSZH TOL8D 24 6(4SMR) T/MN1KM-S 32 fibre dielettrico anticaccia LSZH TOL8D 32 8(4SMR) T/MN1KM-S L appaltatore è tenuto a dimensionare il cavo al fine di una sua utilizzazione in posa aerea con campate libere da 70m (senza sostegni intermedi) in ambiente ferroviario su sostegni TE e nuovi pali secondo quanto previsto dal capitolato tecnico TT239 Ed. 86/ter come nel tempo modificato ed integrato. Per quanto riguarda l impiego dei cavi suddetti si rimanda al Capitolato Tecnico TT 239 Ed. 86/ter come nel tempo modificato ed integrato.

15 15 di 44 Cavi dielettrici autoportanti per posa aerea Principali caratteristiche costruttive Anticaccia e Proprietà particolari - LSZH Anticaccia LSZH N fibre nel cavo Elemento centrale di supporto dielettrico (vetroresina) Diametro nominale mm 3 tubetti in polibutilenetereftalato (PBTF) o materiale di caratteristiche Rivestimento secondario fibre equivalenti, tamponati con grasso sintetico N tubetti con fibre/elementi riempitivi 6/2 8/0 6/2 8/0 6/2 8/0 6/2 8/0 N fibre in ciascun tubetto 4 Cordatura tubetti Attorno all'elemento centrale di supporto con tecnica SZ Tamponamento esterno con grasso sintetico Fasciatura con nastro/i sintetici Guaina interna polietilene nero nota (1) polietilene nero nota (1) Spessore medio mm 0,9 Spessore minimo mm 0,8 Protezione anticaccia Assente doppio nastro aramidico o materiale equivalente Armatura dielettrica Doppio strato di filati aramidici Titolo totale minimo dtex Dimensionato dall Appaltatore sulla base dei requisiti del capitolato tecnico TT 239 Ed. 86/ter e successive modifiche ed integrazioni Guaina esterna polietilene nero nota (1) polietilene nero nota (1) Spessore medio mm 1,5 Spessore minimo mm 1,2 nota (1): mescola termoplastica di tipo M di colore verde, non propagante l'incendio, a bassa emissione di fumi opachi, gas tossici e corrosivi. Caratteristiche dimensionali e meccaniche Diametro esterno: mm 14±0,5 16±0,5 Peso nominale (indicativo) kg/km Lunghezza nominale pezzatura Km Peso lordo (indicativo) Kg (bobina + cavo pezzatura nominale): Sforzo massimo di trazione N (allungamenti: f.o %) Raggio minimo di curvatura -dinamico (sotto sforzo) mm 300 -statico (permanente) mm 200 Resistenza allo schiacciamento Definito dall Appaltatore in funzione degli accessori di installazione, con un minimo garantito di: 100 dan/10cm senza incremento residuo di atten.ne 150 dan/10cm senza rottura fibre(atten. ne 10 db) Resistenza alla percussione fino a 5 N*m senza incremento residuo di attenuazione fino a 15 N*m senza rottura fibre (atten. ne 10 db) Prova di resistenza allo sparo - SI Campo di temperatura: -esercizio -posa -trasporto/immagazzinamento C C C -25/+65 (variazione di attenuazione 0,05 db/km) -10/+50-40/+70

16 16 di CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE FIBRE OTTICHE 4.1. Generalità Le fibre ottiche impiegate dovranno essere di tipo monomodale SMR (Single Mode Reduced) conformi alle prescrizioni delle norme ITU-T G.652 (valori di riferimento della Tabella 1/G.652 eccezione fatta per il raggio di curvatura minimo di cui ai successivi 4.4 e 4.6.2), IEC , IEC ed a quanto di seguito riportato. Deve essere fornita la certificazione di conformità a quanto sopra richiesto. Il materiale costituente il mantello e il nucleo delle fibre deve essere, rispettivamente, silice e silice drogata. Il profilo d'indice di rifrazione della fibra deve essere di tipo a gradino indicativamente riportato in figura 1.1. Deve essere garantita l'uniformità delle caratteristiche del vetro di tutte le fibre; in particolare la temperatura di rammollimento deve essere costante per garantire la qualità di eventuali giunzioni a fusione. Non sono ammesse giunzioni nelle singole pezzature di fibra fornita Protezione primaria La protezione primaria della fibra è costituita da un doppio strato di resina acrilica reticolata agli UV. Diametro esterno: -fibra non colorata 245 ± 10 μm -fibra colorata 250 ± 15 μm Errore di concentricità mantello/protezione primaria: 12.5 μm 4.3. Cicli termici Le variazioni di attenuazione per cicli di variazione termica da 25 C a +65 C, misurate a 1310 nm, dovranno risultare non superiori a 0,05 db/km Raggio minimo di curvatura Il raggio minimo di curvatura consentito della fibra con sola protezione primaria dovrà essere pari a 30 mm Caratteristiche geometriche 1) Diametro del campo modale a 1310 nm (rif. G ) 9.2 ± 0.4 μm 2) Diametro del mantello (rif. G ) 125± 1.0 μm 3) Errore di concentricità del nucleo (rif. G ) 0.8 μm 4) Non circolarità del mantello (rif. G ) 2.0%

17 4.6. Caratteristiche trasmissive delle fibre 17 di Lunghezza d onda di taglio (rif. G ) Lunghezza d'onda di taglio: λcc nm Lunghezza d'onda di taglio: λc Perdita di curvatura (rif. G ) Perdita per curvatura a 1550 nm: (100 spire di fibra su raggio pari a 30 mm) 0.5 db Dispersione cromatica (rif. G ) Dispersione cromatica: o nel campo nm - valore medio 3.1 ps/nm km - valore massimo 3.5ps/nm km o a 1550 nm: valore massimo 18 ps/nm km Lunghezza d'onda di dispersione nulla: 1312 ± 12 nm Pendenza alla lunghezza d'onda di dispersione nulla ps/nm 2 km Dispersione di polarizzazione: -fibra nuda 0.2 ps/ km -fibra cablata 0.5 ps/ km Coefficiente di attenuazione (rif. G ) Valore medio (db/km) Valore massimo (db/km) 1310 nm 0.37 (nota a) nm nm 0.40 (nota b) nm Picco a 1380 nm (a) riferito alle fibre della stessa posizione nell ambito di ciascun lotto; (b) attenuazione media calcolata per ogni fibra nella banda indicata. L'attenuazione deve essere uniformemente distribuita lungo la fibra. Non sono ammessi centri di diffusione. Eventuali punti di attenuazione concentrata non devono essere superiori a 0.05 db.

18 5. CARATTERISTICHE DEI PRINCIPALI MATERIALI UTILIZZATI PER LA COSTRUZIONE DEI CAVI E RELATIVE PROVE 18 di Vetroresina Curva carico-allungamento Sul campione in esame verrà effettuato con la macchina dinamometrica un primo ciclo di prova di carico fino ad un allungamento di almeno lo 0,5%, per ottenere l'assestamento del materiale. Sarà quindi portato a zero il valore del carico dopodiché si applicheranno carichi crescenti fino alla rottura. Sarà così rilevata la curva carico-allungamento dalla quale verrà ricavato il valore medio del modulo elastico relativamente alla zona lineare. Tale valore non dovrà essere inferiore a 40 GPa. I campioni devono essere prelevati da una pezzatura scartando la testa per almeno mezzo metro Polibutilenetereftalato o equivalente per tubetti Carico di rottura Il carico di rottura, rilevato conformemente alle metodologie contenute nelle Norme CEI 20-34/1-1, dovrà essere maggiore di 40 MPa con velocità di allontanamento dei morsetti pari a 25±5 mm/min. Sono ammesse anche velocità di 250 ± 50 mm/min, nel caso di risultati anomali o dubbi la prova va ripetuta alla velocità di 25 ± 5 mm/min Allungamento a rottura L'allungamento percentuale a rottura, rilevato sempre conformemente alle metodologie contenute nelle Norme CEI 20-34/1-1, dovrà essere maggiore del 100 % con velocità di allontanamento dei morsetti pari a 25 ± 5 mm/min. Sono ammesse anche velocità di 250 ± 50 mm/min ma nel caso di risultati anomali o dubbi la prova va ripetuta alla velocità di 25 ± 5 mm/min Invecchiamento L'invecchiamento sarà eseguito in atmosfera avente la composizione e la pressione dell'aria ambiente. I campioni di tubetti di lunghezza adeguata, saranno sospesi liberamente in una stufa ad aria calda con circolazione naturale ed ivi tenuti per 72 ore ad una temperatura di 100 ± 2 C; subito dopo subiranno un ciclo di riassestamento a temperatura di 20 ± 5 C e con umidità relativa compresa tra il 45% e 75%. Alla suddetta temperatura i campioni saranno avvolti accostati, per tre giri, su un

19 mandrino con diametro di mm 50 con velocità di avvolgimento di circa un giro al secondo. Dall'esame dei campioni ancora avvolti sul mandrino non dovranno essere riscontrate lesioni. 19 di Compatibilità con il tamponante Lo spezzone di cavo tamponato sarà sottoposto ad un trattamento di precondizionamento a 70 C per 7 giorni. Successivamente verrà mantenuto per 24 ore ad una temperatura di 20 ± 5 C in una atmosfera con umidità relativa compresa tra il 45% e il 75%. Dopo detto periodo i tubetti comprensivi di fibra saranno estratti dallo spezzone di cavo e avvolti separatamente per tre giri completi su di un mandrino con diametro di 50 mm formando delle spire adiacenti (secondo CEI 20-34/4-2). Dall'esame dei tubetti ancora avvolti sul mandrino non dovranno essere riscontrate lesioni Tamponante interno ed esterno ai tubetti Generalità Il tamponante, sia all'interno che all'esterno dei tubetti, non dovrà dare luogo ad azioni nocive sulle fibre e sulle guaine; quello usato per il tamponamento esterno dei tubetti dovrà essere attivato contro il pericolo dell'idrogeno per i tipi di cavo ove è previsto questo requisito Punto di goccia Il materiale non dovrà gocciolare a temperature inferiori o uguali a 75 C eseguendo la prova secondo la norma IEC Penetrazione a freddo La consistenza alla penetrazione del materiale in questione dovrà essere misurata in accordo con le norme ASTM D.217. Il valore così misurato dovrà essere maggiore di 5 millimetri ad una temperatura di esecuzione della prova pari a -30 C Assorbimento di idrogeno (solo per tamponante esterno) La prova dovrà essere eseguita sul campione di materia prima costituito da circa 12 g di grasso sintetico che sarà spalmato sulle superfici interne di un recipiente di vetro avente volume pari a 45 cm 3. Il recipiente sarà quindi collocato all'interno di un contenitore metallico, di volume pari a circa cm 3, a tenuta stagna e

20 sotto vuoto d'aria. Le condizioni di vuoto saranno mantenute per almeno 24 ore al termine delle quali sarà verificata l'assenza di perdite. A questo punto sarà introdotto idrogeno puro nel contenitore metallico fino a raggiungere una pressione di 70 mm di Hg (equivalente a circa 93 mbar). La prova di assorbimento verrà considerata superata se, passate 48 ore, la pressione dell'idrogeno all'interno del contenitore sarà scesa ad un valore inferiore a 4 mm di Hg (equivalente a circa 5 mbar). L'attrezzatura di prova è schematicamente riportata in figura di Guaina interna Valgono le Norme Generali (p.ti ) per le guaine interne in polietilene e le Norme Generali (p.ti ) per le guaine in mescola termoplastica di tipo M di colore verde a bassa emissione di fumi opachi e di gas tossici e corrosivi (LSZH). Entrambi i tipi di guaina (polietilene e LSZH) devono inoltre superare la prova di compatibilità di seguito riportata Compatibilità con il tamponante La prova sarà effettuata con gli stessi criteri indicati al punto delle Norme Generali, relativo alla resistenza agli olii; al posto dell'olio sarà utilizzato il tamponante esterno ai tubetti. L'immersione nel tamponante, portato a temperatura di 70 ± 2 C, avrà la durata 7 giorni. Alla fine del periodo d'immersione i provini, tolti dal tamponante, saranno leggermente asciugati e sospesi in aria a temperatura ambiente per almeno 16 ore. Al termine della prova si dovranno ottenere i seguenti valori: polietilene LSZH a) carico di rottura 10 Mpa 9 MPa b) allungamento a rottura 300 % 125 % 5.5. Nastro di acciaio corrugato Generalità La guaina di acciaio corrugato dovrà essere di spessore uniforme per tutta la sua lunghezza ed esente da discontinuità, difetti superficiali e giunti trasversali.

21 Durante tutta la fase di saldatura longitudinale, per ogni pezzatura di cavo, dovrà essere garantita l'uniformità e la continuità della tensione di alimentazione. 21 di Caratteristiche meccaniche Il nastro di acciaio dolce ricotto (non corrugato) dovrà avere le seguenti caratteristiche meccaniche: a) carico di rottura non maggiore di 360 MPa. b) carico di snervamento compreso tra 185 e 235 MPa. c) durezza Vickers (carico 30 N) compresa tra 90 e 105. Dette caratteristiche saranno rilevate con prove meccaniche in conformità con le norme DIN 50144/12.65 e DIN 50133/ Miscele per barriera anticorrosiva Sulla guaina di acciaio corrugato sarà applicata una barriera di miscela anticorrosiva la quale dovrà soddisfare le Norme Generali p.to Guaina esterna Valgono le Norme Generali (p.ti ) per le guaine interne in polietilene e le Norme Generali (p.ti ) per le guaine in mescola termoplastica di tipo M di colore verde a bassa emissione di fumi opachi e di gas tossici e corrosivi (LSZH). Inoltre, per i cavi aerei autoportanti la guaina esterna di tipo M deve resistere agli U.V. secondo quanto riportato nella Norma ASTM 2565/99, metodo A: dopo un trattamento di 500 ore a 60 C il decadimento delle caratteristiche meccaniche deve essere inferiore al 25% Protezione meccanica dielettrica Il materiale utilizzato per la realizzazione della protezione meccanica dielettrica deve soddisfare le seguenti prescrizioni Massa Volumica La densità rilevata conformemente alle metodologie contenute nelle Norme CEI 20-34/1-1, dovrà essere compresa tra 0.4 e 1,5 g/cm 3 per cavi LSZH e tra 0.4 e 1 g/cm 3 per gli altri cavi.

22 Carico di rottura Il carico di rottura, rilevato conformemente alle metodologie contenute nelle Norme CEI 20-34/1-1, dovrà essere maggiore di 5 MPa con velocità di allontanamento dei morsetti pari a 25±5 mm/min. Sono ammesse anche velocità di 250 ± 50 mm/min ma nel caso di risultati anomali o dubbi la prova va ripetuta alla velocità di 25 ± 5 mm/min. 22 di 44

23 6. PROVE SUI CAVI FINITI 23 di Percussione ( Rif IEC E4) La prova sarà effettuata sulla pezzatura campione giuntando preventivamente due a due le fibre sulla testa esterna; la rilevazione dei valori di attenuazione delle fibre avverrà dalla testa interna mediante il metodo "backscattering" a 1310 nm e a 1550 nm, come schematicamente illustrato in fig. 1.3 ed utilizzando l'apparecchiatura rappresentata in fig Detta apparecchiatura consiste in una massa battente di acciaio posta ad 1 m di altezza e vincolata ad una guida verticale terminante con pezzo intermedio di acciaio sotto cui sarà fissato il cavo in esame. La massa intermedia, di 100 g circa di peso, dovrà avere un diametro di 20 mm ed un raggio di curvatura, della superficie posta a contatto del cavo di 10 mm. La percussione sarà effettuata, a partire da 5 metri circa rispetto la testa esterna, con due diversi valori di energia potenziale come indicato per ciascuna tipologia di cavo nei par Ad ogni valore di energia saranno sottoposti alla prova 3 punti del cavo distanziati fra loro di circa 15 cm; i punti di applicazione saranno variati ad ogni incremento di energia. Prima e subito dopo ogni applicazione del carico sarà rilevata l'attenuazione delle fibre e sarà verificata la deformazione del cavo (è ammesso il ripristino della deformazione della guaina purché non si siano determinate lacerazioni della guaina esterna). La prova sarà ritenuta valida se fino a valori di energia pari al primo valore indicato nei par non si saranno manifestati incrementi permanenti di attenuazione e se fino a valori di energia pari al secondo valore indicato nei par gli incrementi permanenti di attenuazione non avranno superato i 10 db (valore assunto come indice di rottura fibra ). Verrà considerata significativa una variazione di attenuazione permanente, cioè dopo l'applicazione del carico e l'eventuale ripristino della deformazione della guaina, maggiore od uguale a 0,1 db (escludendo l'errore di riproducibilità dello strumento pari a 0,03 db).

24 24 di Schiacciamento (Rif IEC E3) La prova sarà effettuata su pezzatura campione giuntando preventivamente due a due le fibre sulla testa esterna; la rilevazione dei valori di attenuazione delle fibre avverrà sulle fibre della testa interna. La misura di attenuazione sarà effettuata mediante il metodo di "backscattering" a nm e 1550 nm, come schematicamente illustrato in fig. 1.3 ed utilizzando l'apparecchiatura indicativamente rappresentata in fig La prova sarà eseguita applicando, a partire da 5 metri circa rispetto la testa esterna, diversi valori di carico crescenti fino a raggiungere i valori indicati per ciascuna tipologia di cavo nei par , ritornando al valore di carico nullo prima dell'applicazione del carico successivo. Il punto di applicazione del carico sarà variato ad ogni incremento di carico. Verrà rilevata la variazione di attenuazione delle fibre sia durante che dopo l'applicazione di ogni carico, (è ammesso il ripristino della deformazione della guaina purché non si siano determinate lacerazioni della guaina esterna). La prova sarà ritenuta valida se fino al primo valore indicato nei par non si saranno manifestati incrementi permanenti di attenuazione e se fino al secondo valore indicato nei par gli incrementi permanenti di attenuazione non avranno superato i 10 db (valore assunto come indice di rottura fibra). Verrà considerata significativa una variazione di attenuazione permanente, cioè dopo la rimozione del carico e l'eventuale ripristino della deformazione della guaina, maggiore od uguale a 0.1 db (escludendo l'errore di riproducibilità dello strumento pari a 0.03 db) Piegatura a freddo La prova dovrà essere effettuata a temperatura ambiente ed a -15 C. I cavi completi dovranno avere proprietà meccaniche tali che sia possibile, senza nuocere alle fibre e alla guaina metallica, piegarli di 180 e successivamente svolgerli almeno 6 volte consecutive su un tamburo avente diametro pari al doppio del raggio minimo di curvatura specificato. Questa prova sarà effettuata utilizzando spezzoni di cavo di opportuna lunghezza (circa 3 metri), in modo che, durante la piegatura, lo spezzone stesso assuma la forma di un semicerchio prolungato da due parti diritte e che le piegature avvengano alternativamente in senso opposto. Dopo la prova si dovrà verificare, mediante il metodo "trasmitted power monitoring", che le fibre non abbiano subito rotture e che non ci sia incremento di attenuazione (misure effettuate a temperatura ambiente).

25 25 di Corrosione della guaina di acciaio corrugato Si sottoporranno preventivamente gli spezzoni di cavo alle prove di piegatura di cui al precedente punto 6.3, quindi si dovrà effettuare la prova di corrosione con le modalità riportate al par. 9.3 delle Norme Generali. Al termine della prova non si dovrà verificare alcun segno di corrosione, sulla guaina di acciaio, a più di 10 mm, in senso radiale, dalla periferia delle superfici inizialmente messe a nudo. Semplici alterazioni di colore in questa zone non dovranno essere interpretate come effetto di corrosione Propagazione dell'acqua (Rif IEC F 5B) La prova sarà effettuata su spezzoni di cavo (tamponato) di circa 3 metri di lunghezza con le modalità riportate nella specifica IEC F5. Il manicotto a tenuta per la immissione dell'acqua sarà applicato ad una testa del cavo interessando l'intera sezione (nel caso del cavo aereo sarà interessato alla prova solo il nucleo ottico comprendente la parte che va dal centro del cavo fino alla guaina interna compresa), anziché ad una finestra fatta sulle protezioni del nucleo, al fine di garantire una migliore uniformità della penetrazione dell'acqua sia all'interno dei tubetti di protezione delle fibre che tra nucleo ottico e protezione esterna. Dopo 24 h non sì dovranno rilevare gocciolamenti sull'altra testa dello spezzone Climatiche (Rif IEC F 1) Le prove saranno effettuate su pezzatura inserita opportunamente in camera climatica per circa 72 ore in modo da rendere massimo lo scambio termico con il cavo e consentire il raggiungimento dell'equilibrio termico. Dovrà essere verificata, tramite opportuna registrazione, l effettiva accensione della camera climatica per tutta la durata prevista per il raggiungimento dell equilibrio termico citato. L'attenuazione delle fibre a -25 C e +65 C sarà verificata mediante OTDR alla lunghezza d'onda di 1310 nm. I valori ricavati saranno confrontati con l'attenuazione a temperatura ambiente. La variazione di attenuazione nel campo di temperatura di prova dovrà essere contenuta nei limiti specificati al paragrafo 4.3. La misura di attenuazione dovrà essere eseguita in condizioni di regime termico della pezzatura di cavo dopo che la camera avrà raggiunto la temperatura desiderata.

26 26 di Trazione (Rif IEC E1) La prova sarà effettuata su pezzatura di cavo di opportuna lunghezza secondo lo schema riportato in figura 1.6. Saranno applicate forze crescenti, partendo da un precarico di opportuno valore (indicativamente N), necessario ad eliminare la curvatura dovuta al peso del cavo, con incrementi successivi di 500 N fino ad arrivare al valore massimo indicato nei par Durante l'applicazione delle forze dovrà essere assicurata la congruenza degli elementi costituenti il cavo. Per ogni valore di carico applicato saranno rilevate le seguenti caratteristiche: a) Allungamento geometrico del cavo L'allungamento geometrico del cavo sottoposto a trazione sarà valutato mediante confronto fra riferimenti mobili posti sulla guaina esterna del cavo e riferimenti fissi. L'allungamento corrispondente al massimo sforzo di trazione dovrà essere rispondente per ogni tipologia di cavo a quanto riportato nelle tabelle di cui ai paragrafi b) Allungamento effettivo delle fibre L'allungamento effettivo delle fibre nel cavo sarà valutato mediante il metodo della variazione di fase. Il metodo della variazione di fase consiste nel lanciare in fibra un segnale modulato sinusoidalmente e nel rilevare la fase alla fine della fibra stessa. Dal confronto dei valori di fase rilevati quando il cavo è sotto tiro e quando non è sottoposto ad alcun tiro, si ricava l'allungamento effettivo subito dalla fibra. L'allungamento corrispondente al massimo sforzo di trazione dovrà essere rispondente, per ogni tipologia di cavo, a quanto riportato nelle tabelle di cui ai paragrafi c) Variazione della attenuazione delle fibre. La variazione di attenuazione delle fibre sarà valutata con il metodo della potenza trasmessa o retrodiffusa alla lunghezza d'onda di nm e di 1550 nm. Non si dovranno riscontrare variazioni permanenti di attenuazione, nei limiti dell'errore di misura (tipicamente 0,1 db).

27 27 di Resistenza d'isolamento della protezione esterna dei cavi con guaina metallica Valgono le Norme Generali par con la seguente precisazione: il valore della resistenza d'isolamento misurato dovrà essere comunque superiore a 350 MΩ Km, nel caso di guaina in polietilene, e 40 MΩ Km, nel caso di guaina con mescola di tipo M Rigidità dielettrica della guaina esterna dei cavi con guaina metallica La verifica della rigidità dielettrica della guaina esterna di materiale termoplastico sarà eseguita secondo uno dei seguenti metodi: a) Prova in acqua Lo strato di materiale termoplastico dovrà sopportare, per 2 minuti primi senza danneggiamenti, una tensione alternata efficace di 3 kv o 4 kv in corrente continua applicata tra la guaina metallica e l'acqua nella quale il cavo sarà immerso durante la prova. b) Prova a secco Valgono le Norme Generali par b. La prova in acqua, in genere, verrà effettuata sulla stessa pezzatura utilizzata per la verifica di resistenza d'isolamento di cui al paragrafo Caratteristiche geometriche e strutturali del cavo Da una pezzatura si dovranno rilevare le caratteristiche dimensionali delle parti costituenti il cavo. I valori rilevati dovranno rispondere a quanto riportato nei par Indelebilità della marcatura La prova si effettuerà sulle marcature stampate sulla guaina esterna strofinando 10 volte con un batuffolo di cotone od un pezzo di stoffa imbevuto di acqua. Al termine della prova le marcature dovranno risultare ancora ben leggibili. Le pezzature di prova dovranno essere scelte a caso Non propagazione dell'incendio Valgono le Norme Generali par. 9.5.

28 6.13. Non propagazione della fiamma Valgono le Norme Generali par di Densità del fumo Valgono le Norme Generali par Indice di tossicità Valgono le Norme Generali par Quantità di gas alogenidrici Valgono le Norme Generali par Resistenza al fuoco (p.m.) Prova di sparo per cavi aerei anticaccia La prova di sparo deve essere effettuata su un campione di cavo di sufficiente lunghezza per essere disposto sul bersaglio come indicato nella figura Distanza di sparo : 20 m - Calibro del fucile : 12 - Diametro dei pallini di piombo: 2,1 mm. Il cavo disposto come nella figura 1.7 viene a formare quattro segmenti che sin indicheranno dall alto verso il basso 1, 2, 3, e 4. Nell esecuzione della prova devono essere effettuati almeno due spari (prima fucilata indirizzata tra i segmenti 1 e 2 e seconda fucilata indirizzata tra i segmenti 3 e 4 ). Per ritenere valida la prova devono comunque riscontrarsi almeno 10 impatti su ciascun segmento del cavo, pertanto dovranno essere effettuati ulteriori spari fino a raggiungere tale quantità di impatti. Al termine della prova devono essere esaminati tutti i punti di impatto sul cavo e deve essere effettuata la misura di attenuazione di tutte le fibre. La prova è superata se non si riscontrano variazioni di attenuazione rispetto ai valori prescritti, nei limiti dell'errore di misura (tipicamente 0,1 db), e se per ogni

29 impatto non si riscontra la perforazione della guaina interna. 29 di Prova di resistenza contro i roditori I roditori prima dell inizio della sessione di prova devono essere sottoposti ad un periodo di acclimatizzazione di 6 giorni nella gabbia che sarà utilizzata per la prova. La gabbia deve essere divisa in due parti in modo che una parte sia normalmente illuminata dalla luce ambiente, mentre la seconda parte completamente al buio. Le due parti devono essere comunicanti fra di loro mediante un foro circolare. Il cibo, dato che i roditori preferiscono stare al buio, sarà posto nella porzione della gabbia al buio sia durante il periodo di acclimatizzazione che nelle sessioni di prova; mentre i roditori avranno libero accesso all acqua in qualsiasi momento della prova. I roditori utilizzati devono essere d età non inferiore a 10 settimane delle seguenti specie: - rattus norvegicus - wistar rat - sprague dawley rat. Alla conclusione del periodo di acclimatizzazione viene eseguita la sessione di prova che consiste nel disporre uno o più campioni di cavo, in funzione della dimensione del foro d accesso alla parte buia, in modo da impedire l accesso dei roditori alla parte buia della gabbia attraverso il foro stesso; i roditori sono tenuti nella parte alla luce per la durata di 2 giorni. Nel caso di utilizzazione di più campioni per il blocco del foro, tali campioni devono essere distanziati sufficientemente per permettere il morso dei roditori. Il numero dei roditori nella gabbia deve essere di almeno due per campione di cavo, con un minimo complessivo di tre. Al termine i roditori saranno tolti dalla gabbia e saranno introdotti nuovi roditori, anch essi sottoposti alla procedura di acclimatizzazione, per sottoporre gli stessi campioni ad nuovo ciclo di aggressione per ulteriori 2 giorni. Al fine di valutare i danni causati dai roditori si dovrà considerare la seguente classificazione:

30 30 di 44 Indice A B C D E Definizione Guaina esterna non penetrata Guaina esterna penetrata e protezione contro i roditori senza danni Guaina esterna penetrata e protezione contro i roditori danneggiata ma non penetrata Guaina esterna e protezione contro i roditori penetrate, protezione meccanica interna danneggiata ma non penetrata Guaina esterna, protezione contro i roditori, protezione meccanica e guaina interna penetrate La prova di resistenza ai roditori è da considerarsi superata se, alla conclusione della prova, ciascuno dei campioni risulta classificabile con uno degli indici A, B o C della precedente tabella Misure geometriche delle fibre del cavo Le prove per la misura del: a) diametro del campo modale; b) diametro del mantello; c) errore di concentricità tra campo modale e mantello; d) errore di circolarità del mantello dovranno essere effettuate con le modalità previste nelle raccomandazioni ITU-T G.652 e G.650 ed i risultati dovranno essere rispondenti a quanto richiesto nel capitolo Misura di attenuazione La misura di attenuazione sarà effettuata: a) con la tecnica del taglio; b) con la tecnica di retrodiffusione per la valutazione della qualità intrinseca delle fibre. I valori rilevati dovranno essere rispondenti a quanto specificato al paragrafo In caso di contestazione il metodo del taglio costituirà il riferimento.

31 31 di Misura di lunghezza d'onda di taglio La prova sarà effettuata con le modalità previste nelle raccomandazioni ITU-T G.652 e G.650 ed i valori della lunghezza d'onda di taglio rilevati dovranno essere rispondenti a quanto specificato nel paragrafo Dispersione cromatica La prova sarà effettuata con le modalità previste nelle raccomandazioni ITU-T G.652 e G.650 ed i valori della dispersione cromatica ricavati dovranno rispondere a quanto specificato nel paragrafo Andamento qualitativo dell'indice di rifrazione del nucleo delle fibre La prova sarà effettuata con le modalità previste nelle raccomandazioni ITU-T G.652 e G.650 e l'andamento qualitativo dell'indice di rifrazione rilevato dovrà rispondere a quanto specificato nel paragrafo Misura spettrale di attenuazione La prova sarà effettuata con le modalità previste nelle raccomandazioni ITU-T G.652 e G.650 e l'andamento dell attenuazione nello spettro di lunghezza d'onda dovrà rispondere a quanto specificato nel paragrafo

32 7. LUNGHEZZA DELLE PEZZATURE - QUANTITÁ DI CAVO DA FORNIRE 32 di Lunghezza delle pezzature Le lunghezze nominali delle pezzature sono riportate per ciascun cavo nelle rispettive tabelle di cui ai punti Le tolleranze ammesse sulle lunghezze nominali delle pezzature da fornire, salvo diverse disposizioni date con l'ordinazione, sono le seguenti: o ± 40 m per lunghezza nominale di m; o ± 80 m per lunghezza nominale di m. E ammessa la fornitura di pezzature più corte rispetto a quelle minime consentite dalle citate tolleranze, comunque non inferiori a 500 m (per lotto di fornitura di pezzature da 2.100) e metri (per lotto di fornitura di pezzature da 4.000), con un limite di quantità non superiore al 7% delle pezzature ordinate e non inferiore a Quantità di fornitura La quantità totale di cavo da fornire sarà stabilita nell'ordinazione; non saranno ammesse tolleranze in difetto, mentre potranno essere accettate eccedenze non superiori all'1%. Il cavo utilizzato per tutte le prove non sarà conteggiato nel quantitativo ordinato, ma sarà a carico del Fornitore.

33 8. SORVEGLIANZA LAVORAZIONI E PROVE 33 di Richiamo alle Norme Generali Valgono le Norme Generali par. 12 tenendo presente quanto segue: Prove di tipo (T): L'elenco delle prove di tipo da eseguire sui cavi oggetto della presente Specifica è riportato nelle Tabelle 2.1/a e 2.1/b in cui è indicato il numero dei campioni sul quali eseguire le prove, i valori limite e i riferimenti normativi Prove di routine (R) L'elenco delle prove di routine da eseguire è riportato nella Tabella 2.2 in cui è indicato il numero dei campioni sul quali eseguire le prove, i valori limite e i riferimenti normativi Prove di accettazione (A): L'elenco delle prove di accettazione da eseguire sui cavi oggetto della presente Specifica è riportato nella Tabella 2.3 in cui è indicato il numero dei campioni sui quali eseguire le prove, i valori limite e i riferimenti normativi. Le prove di accettazione saranno eseguite su lotti di collaudo costituiti da 20 pezzature ciascuno. Quando le pezzature presentate al collaudo saranno in numero inferiore a 20, esse costituiranno, nel loro insieme, un solo lotto.

34 9. MOVIMENTAZIONE, IMMAGAZZINAMENTO, CONFEZIONE ED IMBALLAGGIO, CONSEGNE DELLE PEZZATURE DI CAVO, DOCUMENTAZIONE TECNICA 34 di Richiamo alle Norme Generali Valgono le Norme Generali par. 13 tenendo presente quanto segue: Diametro del tamburo per l avvolgimento del cavo Il tamburo della bobina sul quale è avvolto il cavo dovrà avere un diametro minimo pari ad almeno 30 volte il diametro del cavo Targa caratteristica della bobina Sulla targa della bobina dovranno essere riportati i seguenti dati: 1) Il nome del Fornitore; 2) Il tipo di cavo (es. cavo ottico, cavo ottico LSZH, cavo ottico anticaccia, cavo ottico resistente al fuoco) e numero totale di fibre; 3) sigla del cavo secondo quanto stabilito dalle norme CEI; 4) lunghezza della pezzatura e tara delle bobine; 5) I riferimenti che individuano la presente specifica tecnica (sigla e anno di emissione es. TT ). Le bobine di cavo ottico LSZH e di cavo ottico resistente al fuoco dovranno rispettivamente recare su un fianco la scritta "CAVO OTTICO LSZH" e "CAVO OTTICO RESISTENTE AL FUOCO", realizzata con vernice rossa e con caratteri aventi altezza non inferiore a 5 cm.

VDA BROADBUSINESS ULTERIORI LOTTI FUNZIONALI ALLEGATO T2 - SPECIFICHE TECNICHE FIBRA OTTICA POR/FESR 2007/2013 ASSE: AZIONE: ATTIVITÀ:

VDA BROADBUSINESS ULTERIORI LOTTI FUNZIONALI ALLEGATO T2 - SPECIFICHE TECNICHE FIBRA OTTICA POR/FESR 2007/2013 ASSE: AZIONE: ATTIVITÀ: ALLEGATO T2 - SPECIFICHE TECNICHE FIBRA OTTICA POR/FESR 2007/2013 ASSE: AZIONE: ATTIVITÀ: III - PROMOZIONE DELLE ICT POTENZIAMENTO, RAZIONALIZZAZIONE E SVILUPPO DELL'INFRASTRUTTURAZIONE DI TELECOMUNICAZIONE

Dettagli

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION Indice 1. Generale... 1 2. Caratteristiche della fibra ottica SM-R, in accordo a ITU-T Recommendation G.652... 2 3. Caratteristiche della fibra ottica SM-NZD, in accordo a ITU-T Recommendation G.655...

Dettagli

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION

SPECIFICA TECNICA TECHNICAL SPECIFICATION Indice 1. Generale... 1 2. Caratteristiche della fibra ottica SM-R, in accordo a ITU-T Recommendation G.652... 2 3. Caratteristiche della fibra ottica SM-NZD, in accordo a ITU-T Recommendation G.655...

Dettagli

Specifica Tecnica CAVI IN FIBRA OTTICA CON STRUTTURA LOOSE TUBE E RIVESTIMENTO DIELETTRICO A TUBETTI DA 12 FIBRE. Abstract

Specifica Tecnica CAVI IN FIBRA OTTICA CON STRUTTURA LOOSE TUBE E RIVESTIMENTO DIELETTRICO A TUBETTI DA 12 FIBRE. Abstract Specifica Tecnica CAVI IN FIBRA OTTICA CON STRUTTURA LOOSE TUBE E RIVESTIMENTO DIELETTRICO A TUBETTI DA 12 FIBRE Abstract Questo documento contiene le Specifiche Tecniche dei cavi in fibra ottica con dielettrico

Dettagli

CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free

CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free CAVO IN FIBRA OTTICA A 12 FIBRE tipo VDE: A-BQ(BN)H 1x12 E9/125 - gel free Immagine puramente indicativa Codice AER-EWN 35 99 04 Caratteristiche costruttive Cavo in fibra ottica del tipo VDE - A-BQ(BN)H

Dettagli

Cavi fibra ottica CAVI FO

Cavi fibra ottica CAVI FO CAVI FO Cavi fibra ottica Il primo componente dei sistemi di cablaggio ottico è il cavo. La scelta del tipo di cavo è fondamentale e va effettuata considerando le caratteristiche di costruzione l applicazione

Dettagli

Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber

Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber 1. Oggetto della fornitura L appalto in questione ha per oggetto la realizzazione

Dettagli

Système de FO Sistema FO SOMMAIRE / INDICE

Système de FO Sistema FO SOMMAIRE / INDICE SOMMAIRE / INDICE SOMMAIRE / INDICE... 2 LISTE DES FIGURES / INDICE DELLE FIGURE... 2 RESUME/RIASSUNTO... 3 1. INTRODUZIONE... 4 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 4 3. GLOSSARIO... 4 4. I CAVI IN FIBRA OTTICA...

Dettagli

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling

Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling Cavi energia e segnalamento Cables for energy transmission and signaling CAVI CMANDI E SEGNALAMENT F-300/500V CAVI PE CMANDI E SEGNALAMENT ISLATI E GUAINATI IN PVC NPI 2x0,50 5,8 2x1,00 6,6 3x0,50 6 3x1,00

Dettagli

per impianti interni e per centrali

per impianti interni e per centrali Cavi telefonici non schermati TR /R e schermati TR /HR per impianti interni e per centrali L'impiego di cavi telefonici di normale produzione per impianti interni e per centrali non offre sufficienti garanzie

Dettagli

CAVI OTTICI A TUBETTI PER IMPIEGO IN RETE DI TRASPORTO E ACCESSO IN TELECOM ITALIA (C.T.777) Presentato da: Nicola Ferrari

CAVI OTTICI A TUBETTI PER IMPIEGO IN RETE DI TRASPORTO E ACCESSO IN TELECOM ITALIA (C.T.777) Presentato da: Nicola Ferrari CAVI OTTICI A TUBETTI PER IMPIEGO IN RETE DI TRASPORTO E ACCESSO IN TELECOM ITALIA (C.T.777) Presentato da: Nicola Ferrari CAVI CONFORMI A NORMA EN 187105 posa sotterranea: i cavi sono costituiti da nucleo

Dettagli

22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164.

22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164. Guida CEI: 306-22 22 per l applicazione della Legge 11 novembre 2014, n 164. Esempio schematico di predisposizione di un infrastruttura un infrastruttura multiservizio in edifici multi-unità multi immobiliari

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20)

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. Marco Fontana. (Membro CEI Comitato Tecnico 20) CONNESSIONE E CAVI Scelta dei tipi di cavi, sigle di designazione e comportamento al fuoco Marco Fontana (Membro CEI Comitato Tecnico 20) 1 Per quanto riguarda le connessioni, cioè la rete di collegamento

Dettagli

Cavi chainflex. Cavi in fibra ottica* Informazioni cavi in fibra ottica 156 CFLK** PUR 12,5-20/ +70 10 5 20 158 CFLG.2H

Cavi chainflex. Cavi in fibra ottica* Informazioni cavi in fibra ottica 156 CFLK** PUR 12,5-20/ +70 10 5 20 158 CFLG.2H Cavi chainflex avi in fibra ottica Cavi chainflex Informazioni cavi in fibra ottica 156 CFLK** PUR 12,5-20/ +70 10 5 20 158 CFLG.2H Rivestimento esterno Cavi in fibra ottica* Schermatura Raggi di curvatura

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIREZIONE SETTORE DISTRIBUZIONE GAS DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 0/06/2010 Golinelli Morgagni Sami Revisione 3 03/05/200 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 2 31/01/2006 Golinelli Massarenti Revisione 1 20/06/2005 Martinelli Ghedini Massarenti Revisione 0 15/09/200

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA

INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA INTRODUZIONE: PERDITE IN FIBRA OTTICA Il nucleo (o core ) di una fibra ottica è costituito da vetro ad elevatissima purezza, dal momento che la luce deve attraversare migliaia di metri di vetro del nucleo.

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici

IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA. Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici IL TRASPORTO E LA DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Livelli di tensione, linee elettriche cabine di trasformazione MT/BT cavi elettrici www.webalice.it/s.pollini 2 www.webalice.it/s.pollini 3 Componenti

Dettagli

NT-4. Norma Tecnica DI MISURAZIONE DI CAVI IN FIBRE OTTICHE. Abstract

NT-4. Norma Tecnica DI MISURAZIONE DI CAVI IN FIBRE OTTICHE. Abstract NT-4 Norma Tecnica DI MISURAZIONE DI CAVI IN FIBRE OTTICHE Abstract Questo documento definisce le misure da effettuare per la verifica tecnica delle tratte di rete in fibra ottica al fine di verificarne

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS

Cavi Tecsun INTEGRATED CABLING SOLUTIONS Cavi Tecsun technergy INTEGRATED CABLING SOLUTIONS TM TECSUN Chi siamo Tecsun µ Il gruppo Prysmian è tra i leader mondiali nel settore dei cavi per l energia e per le telecomunicazioni e vanta un forte

Dettagli

Riscaldatori a cartuccia

Riscaldatori a cartuccia Riscaldatori a cartuccia Cartuccia Pg01 di 14 2011-01 E.M.P. Srl - Italy - www.emp.it Riscaldatori a cartuccia HD Alta densità di potenza Descrizione La tecnologia costruttiva dei riscaldatori a cartuccia

Dettagli

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE

www.rodacciai.it PROVA DI TRAZIONE L 0 = 5.65 S 0 PROVE MECCANICHE PROVA DI TRAZIONE La prova, eseguita a temperatura ambiente o più raramente a temperature superiori o inferiori, consiste nel sottoporre una provetta a rottura per mezzo di uno sforzo di trazione generato

Dettagli

CAVI OTTICI PER LA CONNESSIONE DI EDIFICI

CAVI OTTICI PER LA CONNESSIONE DI EDIFICI Ref. NT6774 rev. 1 Date : 02/12/2009 Author : GR Approved by : RB Code FTL1/GM Cavi ottici con protezione secondaria a tubetto centrale tamponato, filati di vetro, guaina esterna LSOH. TOL1 n 1(n TF)T/V1M

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli

Nuovo collegamento Linee MT San Ermete-Coltano

Nuovo collegamento Linee MT San Ermete-Coltano Enel Distribuzione SpA Zona di Pisa Nuovo collegamento Linee MT San Ermete-Coltano Relazione tecnica Estratto planimetrico Estratto satellitare Estratto di mappa catastale Sezioni di scavo Foto Pratica

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

Normative BS British Standard Institution

Normative BS British Standard Institution Normative BS British Standard Institution BS 6425-1 Method of determination of amount of halogen acid gas evolved during combustion of polymeric materials taken from cables BS 6425-2 Determination of degree

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

Cavi Trasmissione Dati

Cavi Trasmissione Dati Indice Gr. Merc. Cavi Trasmissione Dati Descrizione Pagina Catalogo 421 FIBRA OTTICA 9/125 (OS1) LSZH F0002 FIBRA MONOMODALE 9/125 (OS1) 2 FIBRE LSZH 072 F0003 FIBRA MONOMODALE 9/125 (OS1) 4 FIBRE LSZH

Dettagli

L'ENEL Distribuzione S.p.A. - Divisione Infrastrutture e Reti - Sviluppo Rete Toscana e Umbria - con sede in Firenze, Via Quintino Sella, 81,

L'ENEL Distribuzione S.p.A. - Divisione Infrastrutture e Reti - Sviluppo Rete Toscana e Umbria - con sede in Firenze, Via Quintino Sella, 81, Infrastrutture e Reti Macro Area Territoriale Centro Sviluppo Rete Toscana e Umbria 00040 Pomezia RM - Casella Postale 229 - Via Spoleto sn F +39 02 39652855 eneldistribuzione@pec.enel.it Firenze DIS/MAT/CE/DTR-TOU/SVR/PLA

Dettagli

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N )

C.U.P. D61H13001010001 N ELABORATO (DOCUMENT N ) 0.1 Dic_201 C. I.M. M.B. Progetto esecutivo REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK D) APPROVATO (APPR D) DESCRIZIONE (DESCRIPTION) INGEGNERIA ENERGIA - PROGETTAZIONE

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA Tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per fluidi in pressione I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100, realizzati con materia

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

INTERVENTI di MANUTENZIONE ORDINARIA

INTERVENTI di MANUTENZIONE ORDINARIA Comune di Corsico (MI) CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 2 INTERVENTI di MANUTENZIONE ORDINARIA Rif. Art. 20.1 L elenco seguente comprende le attività minime di manutenzione Ordinaria richieste per l attuazione

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT

CAVI IN FIBRA OTTICA. Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT CAVI IN FIBRA OTTICA Fibra ottica tipo LOOSE Fibra ottica tipo LOOSE ARMATA Fibra ottica tipo TIGHT Fibra OTTICA tipo LOOSE Per posa esterna/interna Cavi per trasmissione dati in fibra ottica OM1 OM2 OM3

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

U N C U O R E T E C N I C O P U L S A N E L L A N O S T R A A Z I E N D A

U N C U O R E T E C N I C O P U L S A N E L L A N O S T R A A Z I E N D A TECNIKABEL è impegnata in una costante innovazione del prodotto per ottenere un vantaggio competitivo concentrandosi sulla ricerca e sviluppo U N C U O R E T E C N I C O P U L S A N E L L A N O S T R A

Dettagli

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE Fonte: G.B.D. spa 30 Parametri a normadi Paolo Grisoni La definizione di alcune importanti norme europee hanno completamente ridefinito gli standard per i sistemi di scarico dei prodotti della combustione

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA Requisiti fisico-meccanici I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per il trasporto di gas combustibili sono prodotti

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Collegamenti saldati Procedimenti di saldatura Sorgente termica che produce alta temperatura in modo localizzato Fusione del materiale base più il materiale di apporto

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA PROVA DI TRAZIONE (UNI EN ISO 6892-1) 1 INDICE TENSIONE INTERNA E DEFORMAZIONE PROVA DI TRAZIONE E NOMATIVA DIAGRAMMA SFORZO-DEFORMAZIONE RISULTATI DELLA PROVA DEFORMAZIONI REALI, ELASTICITA, TENACITA

Dettagli

I cavi in media tensione

I cavi in media tensione I cavi in media tensione di Gianluigi Saveri Pubblicato il 22/03/2010 Aggiornato al: 01/03/2010 1 Generalità Un cavo elettrico (fig. 1) è essenzialmente costituito da uno o più conduttori isolati con continuità,

Dettagli

EUROGRATE GRIGLIATI EUROGRATE PROFILI E VETRORESINA

EUROGRATE GRIGLIATI EUROGRATE PROFILI E VETRORESINA EUROG EUROGRATE GRIGLIATI EUROGRATE PROFILI E strutture IN VETRORESINA CARATTERISTICHE I profili strutturali sono realizzati con processo di pultrusione, (polimerizzazione a caldo di un profilo tirato

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

--- durezza --- trazione -- resilienza

--- durezza --- trazione -- resilienza Proprietà meccaniche Necessità di conoscere il comportamento meccanico di un certo componente di una certa forma in una certa applicazione prove di laboratorio analisi del comportamento del componente

Dettagli

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

DIVISIONE DISTRIBUZIONE FLUIDI DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 01/11/008 Golinelli Massarenti Morgagni Revisione 1 18/06/007 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 0 0/07/003 Emissione REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT) CONTROL. (CHCK

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

Guida alla specifica di sistemi di regolazione per turbine idrauliche

Guida alla specifica di sistemi di regolazione per turbine idrauliche CEI EN 61362 Guida alla specifica di sistemi di regolazione per turbine idrauliche CEI EN 50149 Applicazioni ferroviarie - Installazioni fisse - Prescrizioni particolari per apparecchiature a corrente

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 Il presente documento è di proprietà intellettuale della società ENEL DISTRIBUZIONE S.p.A. ; ogni riproduzione o divulgazione dello stesso dovrà avvenire con la preventiva

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO. Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Trattasi di un impianto elettrico da installarsi per il completamento del Recupero dell ex Convento San Domenico in Martina Franca, in Corso Umberto Via Metastasio, inteso

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici.

02/10/2015. Cavi a Fibre Ottiche. Light and Progress run together. Le fibre Ottiche offrono benefici unici. Cavi a Fibre Ottiche Ampia gamma di costruzioni, materiali e armature Conformità alle norme internazionali Approvazioni DNV/ABS/Warrington Costruzioni personalizzate Possono essere usati con conduttori

Dettagli

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012 SAFERALPS Prg n 6782-103 28-02-2012 Study of the characteristics of the "via ferrata Analysis of the installation and maintenance techniques Similarities and differences in the Alps P1-Universität Salzburg

Dettagli

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione per i quadri elettrici di bassa tensione Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 28/02/2005 di Gianfranco Ceresini Sta per terminare la stagione dei quadri AS e ANS che ha caratterizzato l'ultimo decennio.

Dettagli

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04

APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 APPOGGI NEOARM APPOGGI NEOARM B04 DESCRIZIONE PRODOTTO La serie Neoarm è una linea di apparecchi d appoggio strutturali in elastomero armato, costituiti cioè da un blocco in elastomero nel quale sono inseriti

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature

iglidur V400: Resistenza chimica e alle alte temperature iglidur : Resistenza chimica e alle alte temperature Produzione standard a magazzino Eccellente resistenza all usura anche con alberi teneri e temperature fino a +200 C Ottima resistenza agli agenti chimici

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Certificato CSQ n.9122 ASLB Servizio Impiantistica e Sicurezza Lavoro Responsabile: Ing. Basilio A. Sertori 24125 Bergamo Via

Dettagli

Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni. RG Gomma S.r.l.

Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni. RG Gomma S.r.l. Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni RG Gomma S.r.l. INDICE ORIGINE ------------------------------------------------- VALORI TECNICI -------------------------------------------

Dettagli

1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie.

1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie. L) TRATTAMENTO TERMICO DEI METALLI 1037. Elenco dei trattamenti termici e delle lavorazioni ausiliarie. Per trattamenti termici si intendono tutti quei cicli termici previsti dalla tabella UNI 3354/70

Dettagli

Comune di Sovico Concessione per la l affidamento del servizio di pubblica illuminazione - Capitolato speciale

Comune di Sovico Concessione per la l affidamento del servizio di pubblica illuminazione - Capitolato speciale Comune di Sovico (MB) CAPITOLATO SPECIALE ALLEGATO 4 PROVE TECNICHE E ILLUMINOTECNICHE rif. art. 25 L elenco seguente comprende le attività minime di esecuzione delle prove tecniche ed illuminotecniche

Dettagli

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto

ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto Procedura aperta per la fornitura di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. ALLEGATO TECNICO A5 al Capitolato Speciale d Appalto CONTENITORE 360 LITRI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI

Dettagli

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell Pali rastremati Pali rastremati per linee di contatto Pali rastremati per gambe portali I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici

Guida per l installazione degli impianti fotovoltaici Prescrizioni di prevenzione incendi per attività ove sono installati pannelli fotovoltaici 1 CONTENUTI DELLA GUIDA PREMESSA CAMPO DI APPLICAZIONE REQUISITI TECNICI CARATTERISTICHE DOCUMENTAZIONE VERIFICHE

Dettagli

ALLEGATO B Specifiche tecniche

ALLEGATO B Specifiche tecniche C.I.G.: 459214451B Oggetto: Fornitura biglietti di esazione pedaggio. ALLEGATO B Specifiche tecniche Il Responsabile Esazione Luca Vincenzi Redatto in data: settembre 2012 Pagina 1 di 9 Sommario 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3ª Divisione

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3ª Divisione MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3ª Divisione SPECIFICHE TECNICHE Per la provvista di: Denominazione materiale Materassi (monoblocco e a molle

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali

DIREZIONE GENERALE Unità Organizzativa a Progetto per la gestione delle attività negoziali nell ambito del PON e dei Progetti Regionali P.O.N. Ricerca & Competitività 2007-2013 per le Regioni della Convergenza. PONa3_00053 finanziato a valere sull Asse I - Sostegno ai mutamenti strutturali. Obiettivo operativo 4.1.1.4 Potenziamento delle

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm

Dimensioni. Dati tecnici. Dati generali Funzione di un elemento di commutazione Contatto NC NAMUR Distanza di comando misura s n 2 mm Dimensioni M12x1 4 17 32 35 0102 LED Codifica PEPPERL+FUCHS NCB2-12GM35-N0 Caratteristiche Linea comfort 2 mm allineato Applicabile fino a SIL 2 secondo IEC 61508 Allacciamento Schema elettrico N / N0

Dettagli

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG)

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) RELAZIONE DI VALUTAZIONE PREVISIONALE CAMPO ELETTRICO E MAGNETICO

Dettagli

Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore)

Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore) Scheda Tecnica Edizione 29.09.2011 Sarnavap 500E EN 13984 Sarnavap 500E Strato di controllo del vapore (Barriera/Freno al Vapore) Costruzioni Descrizione Prodotto Impieghi Sarnavap 500E è una barriera/freno

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Dalla ricerca Onduline una proposta innovativa

Dalla ricerca Onduline una proposta innovativa Dalla ricerca Onduline una proposta innovativa Ricerca ed evoluzione tecnologica sono elementi essenziali per il Gruppo Onduline - leader mondiale nella produzione e commercializzazione di lastre fibrobituminose

Dettagli