ECG in Medicina Generale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECG in Medicina Generale"

Transcript

1 ECG in Medicina Generale Dott. Fausto Torelli REGGIO EMILIA 13/02/2013

2 Processo decisionale nel setting della medicina generale Anamnesi e esame obiettivo. Test diagnostici. Integrazione di dati clinici e test eseguiti. Valutazione dei rischi/benefici e del costo/efficacia delle indagini richieste.

3 Anamnesi e esame obiettivo Resta il cardine di ogni approccio diagnostico anche in una disciplina come quella cardiologica che sembra essersi arricchita di tecnologia diagnostica e interventistica sofisticata. Occorre ricordare sempre che i dati anamnestici e obiettivi devono dialogare nel processo diagnostico e non procedere per schemi. Spesso siamo tentati a sovrastimare le patologie più rare. Raramente esistono test normali che escludono o patologici che confermano una diagnosi.

4 Test diagnostici Quasi mai esistono test con un profilo di risposta ai nostri quesiti perfetto. Esistono test considerati Gold Standard relativamente alla diagnosi di alcune malattie, ma anche in tal caso sarà il profilo clinico del paziente a guidare e ad inserire tali test nel processo decisionale.

5 Alcune riflessioni utili Probabilità PRE-TEST nel nostro paziente: legata strettamente alla prevalenza della malattia in una popolazione di pazienti simili al nostro. Ogni Test è caratterizzato da una sensibilità e specificità relativa alla diagnosi di una determinata malattia, che non dipende dalla prevalenza della malattia ma sicuramente è influenzata dalla popolazione a cui viene somministrato.

6 e ancora. Sensibilità : percentuale di test positivi tra coloro con malattia. Specificità : percentuale di test negativi tra coloro con assenza di malattia. Spesso i test non sono positivo/negativo, bianco/nero, ma vi è un continuum di alterazioni che vanno pesate clinicamente. Il test deve essere potenzialmente utile e cioè aggiungere dati e elementi funzionali al processo decisionale.

7 e ancora La probabilità pre-test influenza la probabilità posttest di malattia. Un aumento di sensibilità di un test influenza, abbasandola, la specificità del test stesso.

8

9 UTILITA DELL ESAME? Un Test può essere utile se modifica la probabilità pretest o se induce una nuova strategia terapeutica il test deve modificare l atteggiamento diagnostico e/o terapeutico verso il paziente

10 ANALISI COSTO-EFFICACIA? Test più accurati e costosi che non conducono ad esiti clinici migliori, non sono utili. Il test deve aggiungere informazioni indipendenti da quelle ottenibili con anamnesi, esame obiettivo ed esami meno costosi

11 Come il paziente meglio curato non è necessariamente quello che prende più farmaci, così la diagnosi migliore non è necessariamente quella effettuata con il maggior numero di test servizi servizi ricevuti non ricevuti servizi necessari A B servizi non necessari C D A e D = appropriatezza B = sottoutilizzo C = sovrautilizzo Ogni test rappresenta un costo, un rischio e un ipotesi diagnostica e dunque ogni test non necessario o non giustificato è un test di troppo

12 Appropriatezza Concetto molto utilizzato nella gestione sanitaria e cioè nella scelta inerente l erogazione di una prestazione (strutture che erogano, tempi adeguati, sostenibilità dei costi ecc.) Ugualmente importante nella scelta quotidiana di sottoporre il nostro paziente ad accertamenti strumentali Le nostre richieste saranno appropriate se dettate da forti linee guida e se rispondono ai requisiti di utilità e costo/efficacia

13 e a proposito di APPROPRIATEZZA PATOLOGICO..non è sempre appropriato NORMALE..non è sempre inappropriato Ma..APPROPRIATO è sempre UTILE? Chi prescrive non compra Chi compra non paga Chi paga non prescrive

14 Test diagnostici di cui ci occuperemo ECG ECG da sforzo ECG dinamico

15 Brevi cenni di storia e posizionamento degli elettrodi

16 Vie di conduzione dello stimolo

17 Inizio della depolarizzazione atriale a partenza dal NS

18 contrazione atriale

19 Onda P normale (0,25 mv 120 ms)

20 depolarizzazione ventricolare

21 QRS normale (<100ms )

22 ripolarizzazione ventricolare

23 carta millimetrata

24 deflessioni posite e negative

25 Asse elettrico

26 la registrazione a 12 derivazioni

27

28

29 Paziente asintomatico con anomalie ECG a riposo?? Nel corso di uno screening per altri motivi, un paziente in apparente buona salute esegue il controllo. Non giustificato eseguire un ECG in pazienti asintomatici al solo scopo di identificare patologie c.v. ignote. Alcune società scientifiche propongono tale pratica in categorie di persone selezionate. Due tipi di anomalie si possono riscontrare: a) del ritmo o della conduzione b) della struttura o funzione cardiaca.

30

31 Bradicardia sinusale e Tachicardia sinusale Aritmia sinusale respiratoria Bradicardia sinusale : < 60 bpm Tachicardia sinusale : > 100 bpm Aritmia sinusale : intervallo R-R non costante e sensibile alle fasi del respiro con aumento di frequenza in inspirazione.

32

33

34 Ritmo atriale ectopico : bradi o tachiritmico Ritmo giunzionale : bradi o tachiritmico

35 BESV e BEV isolati o in rapporto bi o trigemino BESV si riscontrano con maggior frequenza in pazienti che sviluppano aritmie atriali tipo fa. BEV originano frequentemente dal tratto di efflusso del VD e in assenza di cardiopatia sottostante hanno prognosi buona. In caso di cardiopatia, la prognosi è quella della cardiopatia aggravata dal rischio aritmico. E più importante la frequenza dell extrasistolia e il polimorfismo, oltre la genesi da sforzo fisico, a parità di gravità della patologia di base.

36

37 BAV di 1 grado PQ >200 ms Attenzione all uso di BBloccanti CA ant. non diidropiridinici, digossina, antiaritmici

38 BAV di 2 grado Tipo Mobitz 1 e Mobitz 2 Mobitz 1 con BBranca = blocco bifascicolare, valutare PM Mobitz 2 possibile blocco infranodale, valutare PM

39 BAV di 3 grado Raro, legato spesso a episodi sincopali. Vi è dissociazione tra atrio e ventricolo con frequenza atriale generalmente più accelerata

40 TSV, Fibrillazione e Fluttter atriale Fibrillazione : aritmia desincronizzata atriale, primitiva, isolata o secondaria, con possibilità di evoluzione verso tachicardiomiopatia Flutter : spesso origina da microcircuito di rientro a livello atriale dx. TSV : parossistica o persistente

41

42

43 PR corto con o senza onda delta ECG a tipo WPW con onda delta, PR <100 ms e QRS > 100 ms Sindrome di WPW con episodi di TSV Lieve aumento del rischio di morte improvvisa legato agli episodi tachiaritmici Indicazione a SEF in tutti i sintomatici Indicazione a SEF negli asintomatici con attività a rischio Se la via accessoria è a dx >>>ECO per escludere M. di Ebstein Controllo a breve dopo ablazione. S. di Lown-Ganong-Levine da accelerata conduzione a livello del NAV

44

45

46 Deviazione assiale e emiblocchi anteriori e posteriori sx Deviazione assiale e EASx : asse elettrico tra -30 (- 45 ) e -90 e QRS < 120 ms. Associato a lieve aumento di mortalità CV. Necessita di attenzione ai fattori di rischio o patologie associate. Deviazione assiale e EPDx : tra +90 e +180 e QRS < 120 ms.

47

48 Blocco di branca dx completo e incompleto QRS > 120 ms o < 120 se incompleto con RsR in V1 0,3 1,4 % della popolazione generale Nei giovani un aspetto rsr può essere normale e non significare disturbo di conduzione. Nelle forme non collegate a patologie sottostanti è dubbia una prognosi peggiore. Nei blocchi bifascicolari e trifascicolari la progressione, in assenza di altre patologie è rara.

49

50 Blocco di branca sx QRS > 120 ms e asse diretto a sx. Associato a incremento della mortalità. Va sempre indagata una patologia sottostante. Solo in caso di esclusione si può non procedere a un FU della condizione.

51

52 Blocco bifascicolare (BBDx e EASx)

53 I blocchi bi e trifascicolari Spesso sono caratterizzati da BBDx + EAS o raramente EPS. Anche il BBSx può essere considerato un bifascicolare. Se si associa un BAV di 1 si passa a trifascicolare. L evoluzione verso un BAV totale è incerta, importanti sono i sintomi bradiaritmici

54 QT lungo Il tratto QT va corretto per la frequenza e si parla di QTc Valori normali del QTc < 390 ms nell uomo e 410 nella donna. Valori patologici > 450 nell uomo e 460 nella donna. Valori intermedi configurano un moderato aumento del tratto QT. Sindrome del QT lungo congenita è fortunatamente rara e comporta un rischio di morte improvvisa e di torsione di punta. In caso di storia di morte improvvisa, sordità, epilessia e episodi sincopali da sforzo occorre sempre ricercarla. In caso di diagnosi andranno indagati i parenti di 1 grado.

55 Spesso osserviamo dei moderati aumenti del QTc legati a trattamenti farmacologici che possono agire o prolungando direttamente il tratto QT o inibendo ilmetabolismo di farmaci che prolungano il QT.

56 Effetto farmacologico sul tratto QT

57 Onda Q patologica o non Patologica : => 40 ms, profonda in almeno due derivazione contigue. Onde Q inferiori non sono sempre patologiche come piccole Q nelle precordiali sx. Mai patologica isolata in III e avr Il controllo Ecografico serve a volte a dirimere il dubbio. Significato analogo ha la lenta progressione della R da V1 a V6

58

59 Ipertrofia ventricolare sx (IVS) Non vi è sempre stretta correlazione tra IVS all ECG e all ECO. Sicuramente correla con un aumentato rischio di eventi e di morte cardiovascolare. Cause più frequenti l ipertensione arteriosa, SA, Cardiopatia dilatativa,cardiopatia ipertrofica e raramente WPW.

60

61 Ipertrofia ventricolare dx R s in V1 e deviazione dx dell asse elettrico. Coesiste sempre una patologia cardiopolmonare alla base, acquisita o congenita e quindi è indicato eseguire controlli ulteriori strumentali.

62 Diffusi bassi voltaggi del QRS Occorre che il QRS sia < 0,7 mv nelle periferiche e < 1 mv nelle precordiali Cause più frequenti : versamento pericardico, cardiomiopatie infiltrative (amiloidosi), BPCO, ipotiroidismo, obesità grave, anasarca. Occorre sottoporre a screening i pazienti.

63 Anomalie del tratto ST-T Sottolivellamento ST Sopralivellamento ST, concavo, convesso. T negative, bifasiche. Tali alterazioni, spesso evocate nella diagnosi di patologia ischemica, non necessariamente sono sicuramente diagnostiche e pertanto necessitano di ulteriori accertamenti

64

65

66 In sintesi

67 Possibili anomalie all ECG degli atleti IVS e IVD BBDx incompleto Anomalie del tratto ST e onda T Bradicardia sinusale e giunzionale Aritmia respiratoria spiccata BAV 1 e 2 tipo Mobitz 1 Diagnosi differenziale con cardiopatia ipertrofica

68

69 Per concludere questo escursus

70 Non esistono sicure e forti evidenze a favore di strategie decisionali a fronte di inaspettate anomalie ecgrafiche nel nostro paziente asintomatico. Solo per la FA, soprattutto per quanto riguarda la profilassi antitromboembolica, sono state redatte. IMPORTANTISSIMO E SEMPRE CALARE NELLA CLINICA IL DATO STRUMENTALE, ANDANDO ALLA RICERCA DI SINTOMI NON RIFERITI SPONTANEAMENTE ( episodi presincopali, dispnea da sforzo, corrispettivi anginosi, ecc.)

71 Diagnosi di ischemia da sforzo Test ergometrico Eco - stress Scintigrafia miocardica con test provocativo

72 ECG DA SFORZO Differenze uomo/donna Falsi positivi sono più comuni nelle donne Falsi negativi sono più comuni negli uomini Qual è la % di rischio? Complicanze gravi (IMA/aritmie minacciose) 0,05% ( 5 : ) Morte 0,01 % ( 1 : )

73 Parametri ergometrici da considerare nella valutazione di un test ergometrico 1) la durata dell esercizio 2) il tempo alla soglia ischemica e il tempo all angina 3) il doppio prodotto alla soglia ischemica (bpm x mmhg) 4) il comportamento della pressione arteriosa 5) la durata delle alterazioni ischemiche o del dolore in fase di recupero 6) l entità massima del sottoslivellamento di ST 7) un sopraslivellamento di ST in sede non di necrosi 8) il motivo per la interruzione dello sforzo

74 Duke Treadmill Score (uneven( lines, elderly?)

75 Criteri di DIAMOND pazienti clinicamente a basso rischio non devono essere sottoposti a nessun test. pazienti clinicamente ad alto rischio devono essere inviati direttamente allo studio emodinamico pazienti a rischio intermedio si giovano di una stratificazione del rischio mediante metodiche non invasive erogate in ordine logico

76 Sintesi dell Appropriatezza all uso del test ergometrico raccomandazioni di classe I Screening: - Nessuna indicazione in classe I Dolore toracico - sospetta cardiopatia ischemica: - Pazienti con sospetto di sindrome coronarica acuta non confermato dopo osservazione breve. - Pazienti con dolore toracico tipico per angina. Pazienti con cardiopatia ischemica nota: - Stratificazione del rischio. - Definizione di un programma di riabilitazione e di training. - Rivalutazione dopo variazioni del quadro clinico. Postinfarto: - Stratificazione precoce del rischio (prima della dimissione) o dopo entro il primo mese. - Definizione del programma di riabilitazione. Dopo procedure: - Controlli programmati dopo angioplastica coronarica con o senza stent (primo a 3-8 settimane e secondo a 3-6 mesi) o alla ripresa dei sintomi. - Controlli programmati dopo bypass aortocoronarico (primo a 3-8 settimane e secondo a 3-6 mesi) o alla ripresa dei sintomi. Valutazione preoperatoria per interventi non cardiaci: - Nessuna indicazione Valvulopatia: - Nessuna indicazione Ipertensione arteriosa: - Nessuna indicazione Portatori di pacemaker: - Nessuna indicazione Insufficienza cardiaca (possibilmente con valutazione cardiorespiratoria): - Timing per il trapianto. - Ricerca di ischemia in scompenso cardiaco di incerta eziologia. Aritmie: - A scopo diagnostico in presenza di: sincopi, presincopi, palpitazioni tutte correlate allo sforzo.

77

78

79 ECGD Holter L utilizzo dell ecg dinamico prevalentemente è rivolto a: sincope valutazione rischio aritmico valutazione efficacia terapia antiaritmica ricerca ischemia altro (heart rate variability; dispersione del QT..)

80 Sintesi dell Appropriatezza all uso dell ECG dinamico (Holter) Raccomandazioni di classe I ARITMIE Valutazione di sintomi che possono essere correlati con aritmie: - Episodi di cardiopalmo inspiegati, prolungati e/o frequenti. Valutazione del rischio aritmico in pazienti con o senza sintomi correlabili ad aritmie: - Cardiomiopatia ipertrofica con o senza sintomi. - Postinfarto con disfunzione ventricolare sinistra (frazione di eiezione <40%). - Cardiomiopatia dilatativa con disfunzione ventricolare sinistra e sintomi suggestivi per aritmie. - Prolasso valvolare mitralico complicato e sintomatico. Valutazione dell efficacia della terapia antiaritmica: - Nessuna indicazione ISCHEMIA Ricerca di ischemia in presenza di dolore toracico: - Angina variante accertata o sospetta. Ricerca di ischemia in soggetti asintomatici: - Nessuna indicazione. Ricerca di ischemia in soggetti con cardiopatia nota. - Nessuna indicazione Ricerca di ischemia a fini prognostici. - Nessuna indicazione. PACEMAKER E CARDIOVERTITORE-DEFIBRILLATORE - Nessuna indicazione.

81

82

83 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La corretta esecuzione della registrazione ECGrafica Il corretto settaggio dell elettrocardiografo elettrocardiografo La corretta identificazione del paziente

84 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La registrazione ECGrafica Errato posizionamento delle periferiche

85 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La registrazione ECGrafica Errato posizionamento delle precordiali

86 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La Registrazione ECGrafica L onda P è normalmente negativa in avr

87 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La Tipologia del Paziente Artefatti dovuti a tremore muscolari. (paziente con M. di Parkinson), che mimano una Tachicardia Ventricolare.

88 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La corretta identificazione del paziente destrocardia o L ECG mostra una marcata deviazione assiale dx del QRS e dell onda P Destrocardia con Situs Inversus periferiche invertite? (negativa in DI avl, positiva in avr) bassi voltaggi della R nelle precordiali sx da V4 a V6. Onda P negativa in D1 e avl

89 Minimaster di elettrocardiografia Varianti di normalità del. Sopraslivellamento del tratto ST

90 Minimaster di elettrocardiografia Sopra-ST ST senza alcun significato patologico.. Il 90% circa dei soggetti giovani presenta una Sopra-ST ST da 1 a 3 mm in una o più derivazioni precordiali. Il questi casi, il tratto ST si presenta concavo concavo.

91 Minimaster di elettrocardiografia Early Repolarizzation. incisura sul punto J in V4. In questi casi il tratto ST si presenta concavo. concavo,, e l onda T e relativamente alta.

92 Minimaster di elettrocardiografia Variante di normalità caratterizzata da onda. T difasica. In questi casi l intervallo QT tende ad essere corto ed il tratto ST convesso convesso.

93 Minimaster di elettrocardiografia Pattern di Sopra-ST ST riscontrabili in. diverse condizioni cliniche.

94 Minimaster di elettrocardiografia Sopra-ST ST in paziente con Ipertrofia. Ipertrofia Ventricolare Sinistra

95 Minimaster di elettrocardiografia La corretta identificazione del paziente LVH in un atleta LVH Patologica Da notare il pattern nelle precordiali

96 Minimaster di elettrocardiografia Sopra-ST ST in paziente con Blocco. Blocco Completo di Branca Sinistra

97 Minimaster di elettrocardiografia Sopra-ST ST in paziente Pericardite Acuta. Acuta si osserva Sopra-ST ST anche nelle precordiali, in D2 e depressione dell intervallo PR.

98 Minimaster di elettrocardiografia Sopra-ST ST in paziente con Iperkaliemia. Iperkaliemia L onda T in V3 è alta, stretta, appuntita.

99 Minimaster di elettrocardiografia IMA Antero Settale. Settale

100 Minimaster di elettrocardiografia IMA Antero Settale e. BBDx

101 Minimaster di elettrocardiografia Paziente con Sindrome di Brugada. di Brugada si osserva un pattern rsr' ' ed un Sopra-ST ST solamente in V1 e V2.

102 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Varianti cliniche ed ECG Questo caso illustra i profondi cambiamenti ECGrafici che si possono riscontrare in pazienti con emorragia cerebrale e che possono portare ad una errata diagnosi di IMA

103 Minimaster di elettrocardiografia L ECG mostra onde T negative profonde e simmetriche in tutte le derivazioni. Questo reperto è tipico dell onda T neurologica. Difatti a distanza di 15 dall esecuzione di questo tracciato il paziente ha sviluppato: emiplegia sinistra, deviazione della rima buccale e retroversione e oculare. A giustificazione di ciò è stato suggerita l ipotesi l che la corteccia insulare dx giochi un ruolo fondamentale nella genesi della T neuologica attraverso la sua regolazione del sistema autonomico cardiovascolare

104 Minimaster di elettrocardiografia IMA inferiore? A causa dell inversione dei ventricoli, anche la branca sx e la dx del sistema di conduzione, risultano essere invertite, determinando un attivazione del setto che va da dx a sx. Avremoquindi onde Q nelle derivazioni dx (D2 e D3), che saranno assenti nelle precordiali sx (V5-V6).

105 Minimaster di elettrocardiografia Assenza di progressione dell onda R, bassi voltaggi in tutte le precordiali, in un pz che si presenta in PS con dolore toracico persistente e dispnea. IMA Anteriore o Destrocardia? PNX

106 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. L identificazione del paziente In avr è evidente un onda R terminale piuttosto accentuata. Questo rilievo ha una sensibilità dell 83% e una specificità del 63% per la diagnosi di: intossicazione da triciclici. La durata del QRS risulta essere correlata con il rischio di convulsioni ed artmie. <100msec prognosi favorevole >100 <160mesc rischio moderato >160msec rischio elevato

107 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. 61aa si presenta in PS asintomatico Caso Clinico

108 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Si esegue un confronto con un precedente ECG Caso Clinico

109 Minimaster di elettrocardiografia Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Caso Clinico L inversione delle periferiche gamba sx-braccio sx ha provocato la comparsa di un onda T negativa inferiore. avr e tutte le precordiali non sono alterate dall errore tecnico. avl saràmostrata come avf e viceversa. DIII risulterà essere capovolta.

110 Grazie della pazienza mostrata

Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG.

Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La corretta esecuzione della registrazione ECGrafica Il corretto settaggio dell elettrocardiografo

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia per la sopravvivenza (del Medico di Medicina Generale) ISBN 88-8412-023-3 Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Interpretazione dell ECG in 5 minuti

Interpretazione dell ECG in 5 minuti Interpretazione dell ECG in 5 minuti L elettrocardiogramma è uno degli esami che vengono più spesso praticati nelle strutture sanitarie e consente di andare ad esplorare l attività elettrica del cuore

Dettagli

Elettrocardiogramma e

Elettrocardiogramma e FORMAZIONE CONTINUA ASL MONZA E BRIANZA FONDAMENTI INTRODUTTIVI ALL ESECUZIONE E ALL INTERPRETAZIONE DELL ECG BASALE E DELL ECG DINAMICO Dott.ssa Maria Grazia Gorgoglione 13 novembre 2014 Elettrocardiogramma

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

Ischemia, lesione e infarto

Ischemia, lesione e infarto 12 Ischemia, lesione e infarto 192 Rapida e accurata interpretazione dell ECG Il muscolo cardiaco deve ricevere un apporto ematico sufficiente tramite la propria rete di vasi arteriosi, denominati arterie

Dettagli

CORSO DI ECG PER IP. 12/04/11 Corso ECG 1

CORSO DI ECG PER IP. 12/04/11 Corso ECG 1 CORSO DI ECG PER IP 12/04/11 Corso ECG 1 B1 1.0 Cenni di EF 12/04/11 Corso ECG 2 Diapositiva 2 B1 inizio BIBLIOAL; 14/12/2007 Cellula: cariche el. 12/04/11 Corso ECG 3 Joni dentro e fuori 12/04/11 Corso

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo?

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Una gran parte della popolazione giovanile partecipa ad attività sportive ricreazionali o competitive Una regolare attività

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione

PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT. Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Congresso Nazionale IRC Napoli 6-7 Giugno 2008 PREVENZIONE DELLE MORTI IMPROVVISE NEL GIOVANE E NELLO SPORT Sessione interattiva: ruolo dell elettrocardiografia nella diagnosi e prevenzione Gianluca Gonzi

Dettagli

Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale

Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale Corso di elettrocardiografia lezione N 1 5 Maggio 2011 Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale Dr. M. Zuccarello Dr.

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA

DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA 2 categorie principali 1)Disturbi del ritmo - Troppo lento o veloce (tachicardie o bradicardie) - origine anomala del battito cardiaco

Dettagli

www.slidetube.it b. ELETTROCARDIOGRAMMA

www.slidetube.it b. ELETTROCARDIOGRAMMA b. ELETTROCARDIOGRAMMA Le fibrocellule miocardiche sono polarizzate in condizioni di riposo, cioè possiedono una elettronegatività sulla faccia interna della membrana cellulare, mentre la faccia esterna

Dettagli

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi

APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA. MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi APPROPRIATEZZA IN ECOCARDIOGRAFIA MARIA CUONZO Cardiologia UTIC AUSL BA Terlizzi SOGGETTO CON CMD NOTA IN COMPENSO PREGRESSO DOLORE TORACICO Quale esame stato richiesto con appropriatezza? SOGGETTO CON

Dettagli

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O.C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O.C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. Francesco De Luca, Agata Privitera U.O.C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com U.O.C. Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CT Ingrandimento

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

TEST NON INVASIVI NELLA STRATIFICAZIONE DEL RISCHIO ARITMICO Novara, 14 gennaio 2011 C.P.S. Laura Valzi PATOLOGIE - IMA in fase sub-acuta (dopo stabilizzazione i della cicatrice, a 2-4 settimane dall evento

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE Ospedale san Giovanni Battista di Torino L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE cpsi Mazzini Diana cpsi Bonanno Vita s.c. cardiologia ospedaliera dott. Marra s.c. cardiologia universitaria prof. Gaita Il cuore:

Dettagli

Vademecum per l esecuzione dell ECG

Vademecum per l esecuzione dell ECG Vademecum per l esecuzione dell ECG a cura di tutor infermiera Roberta Gasperoni tutor infermiera Cinzia Bucci Coordinatrice Monica Lagrotteria 1 ECG L ECG standard è rappresentato dalla registrazione

Dettagli

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre A. Einstein Esecuzione di un tracciato elettrocardiografico a 12 derivate 08 ottobre 2011 Scopo della giornata Aggiornare i partecipanti all

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare L ElettroCardioGramma Anno accademico 2007-2008 1 L ElettroCardioGramma L elettrocardiogramma (ECG) è la registrazione alla superficie del

Dettagli

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del VDx Manifestazioni cliniche

Dettagli

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L.

Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Quanto serve classificare dal punto di vista eziologico e prognostico i pazienti con scompenso cardiaco? Se serve, come si fa? Dr.ssa L. Scelsi Unità Scompenso Cardiaco e Trapianti Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

IL DOLORE TORACICO E LA DIAGNOSI IN ETA PEDIATRICA: Significato e gestione clinica fra Ospedale e Territorio

IL DOLORE TORACICO E LA DIAGNOSI IN ETA PEDIATRICA: Significato e gestione clinica fra Ospedale e Territorio Convegno Problematiche di Cardiologia Pediatrica nella Gestione integrata fra Ospedale e Territorio 26 Ottobre 2006 Sala Convegni Fiera di Pordenone IL DOLORE TORACICO E LA DIAGNOSI IN ETA PEDIATRICA:

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG

GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG cardiaco_3 Generazione e conduzione dell eccitamento cardiaco Il sincronismo di contrazione delle cellule miocardiche deriva da: - zone con attività

Dettagli

Dott. Giovanni Ferrari

Dott. Giovanni Ferrari Manifestazioni cardiache delle malattie neurologiche acute Comobrain Ottobre 2009 Dott. Giovanni Ferrari Dimensioni del problema George Khechinashvili, 2002 Analisi multivariata della mortalità

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

Corso teorico pratico di elettrocardiografia

Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso teorico pratico di elettrocardiografia Corso base per l interpretazione dell ECG nella pratica clinica I Edizione Responsabile Scientifico Alfredo De Nardo 30 novembre e 1 Dicembre 2012 Vibo Valentia

Dettagli

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana 1 ASSE ELETTRICO CARDIACO Nella diagnostica è importante valutare l orientamento del vettore elettrico ventricolare (asse elettrico cardiaco), che dà un indicazione

Dettagli

INTERPRETAZIONE DELL ECG

INTERPRETAZIONE DELL ECG INTERPRETAZIONE DELL ECG METODO PER OLIGOFRENICI DEL GIUNTA Il metodo per OLIGOFRENICI sviluppato dal Prof. Riccardo GIUNTA, è rivolto, con amore, a tutti i vari Sergio Coglionazzo che frequentano la Facoltà

Dettagli

Diagnostica Strumentale in Cardiologia

Diagnostica Strumentale in Cardiologia Diagnostica Strumentale in Cardiologia Dr.ssa Sabina Gallina ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) ECG BASALE ECG da STRESS ECG secondo HOLTER ELETTROCARDIOGRAMMA BASALE L Elettrocardiogramma (ECG) clinico rappresenta

Dettagli

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 4 http://www.hackmed.org

hystamina@hackmed.org John Hampton - CAPITOLO 4 http://www.hackmed.org CAPITOLO 4 ANOMALIE DELL'ONDA P, QRS E T Quando si interpreta un ECG, si analizza prima di tutto il ritmo e la frequenza. Poi bisogna porsi le seguenti domande, sempre nello stesso ordine: 1. Ci sono delle

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Novi Ligure, 10-11 Dicembre 2007 CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Gabriele Zaccone Laura Giorcelli L ELETTROCARDIOGRAMMA Laura GIORCELLI L ECG Significato Esecuzione Interpretazione

Dettagli

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare Nodo seno atriale Nodo atrioventricolare Da Silverthorn, Human Physiology 1 1 Depolarizzazione atriale 2 2 Depolarizzazione del setto 3 Depolarizzazione del ventricolo 3 Da Silverthorn, Human Physiology

Dettagli

Elettrologia. www.slidetube.it

Elettrologia. www.slidetube.it Elettrologia ECG : STORIA Sin dal XIX secolo è stato accertato che il cuore genera elettricità. I potenziali elettrici del cuore sono la somma di minime quantità di elettricità generata dalle cellule cardiache

Dettagli

Un Caso di Aritmia. Dr. Ermanno Dametto. Convegno. Problematiche di Cardiologia Pediatrica nella Gestione integrata fra Ospedale e Territorio

Un Caso di Aritmia. Dr. Ermanno Dametto. Convegno. Problematiche di Cardiologia Pediatrica nella Gestione integrata fra Ospedale e Territorio Convegno Problematiche di Cardiologia Pediatrica nella Gestione integrata fra Ospedale e Territorio 26/10/06 Sala Convegni Fiera di Pordenone Un Caso di Aritmia Dr. Ermanno Dametto U.O.Cardiologia-A.R.C.

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

INDICE. Volume 1. n Direzione di un vettore sul piano orizzontale 37. n Onde 1 n Carta dell elettrocardiografo 2 n Derivazioni 3

INDICE. Volume 1. n Direzione di un vettore sul piano orizzontale 37. n Onde 1 n Carta dell elettrocardiografo 2 n Derivazioni 3 INDICE Volume 1 PREMESSA CAPITOLO 1 COMINCIAMO A DARCI DEL TU CON L ELETTROCARDIOGRAMMA 1 n Onde 1 n Carta dell elettrocardiografo 2 n Derivazioni 3 Perché dodici? 3 n Elenco e classificazione delle derivazioni

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA CORSO INFERMIERI 30 NOVEMBRE - 2013 ENNA DR LUIGI RUSSO COME PUOI DESCRIVERE A PAROLE L ANATOMIA DEL CUORE SENZA RIEMPIRE UN LIBRO INTERO? ANCORA, PIU DETTAGLI SCRIVI,

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA

IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA come essere un bravo infermiere senza fare il medico Inf. Paola Arseni UOC di Medicina Interna SO Poggiardo Palazzo della Cultura Poggiardo12 Ottobre 2013 L ECG

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org

HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org ARITMOLOGIA Bradiaritmie ALTERAZIONI DELLA CONDUZIONE SA: -spesso associate ad amiloidosi senili e a malattie che determinano infiltrazione del miocardio

Dettagli

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE

APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE APPROPRIATEZZA CLINICA, TECNOLOGICA E STRUTTURALE NELL ASSISTENZA ALLE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE I CENTRI CARDIOVASCOLARI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI INTEGRATA G.P. Cornalba Accessibilità Efficienza

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Corso di elettrocardiografia essenziale Napoli Novembre 2004 ANMCO SIC GISE SIMEU SIS 118 ECG 12 derivazioni preospedaliero Il personale, chiamato ad intervenire nei casi di pazienti con sospetta SCA,

Dettagli

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/

IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ IL DOLORE TORACICO Presentazioni di Dolore Taracico Acuto al Pronto Soccorso http://www.cardionet.it/scientifico/approfondimento/dolore_toracico/ A cura del Dott. Sergio Fasullo DTA CON ALTERAZIONI ECG

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali. Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma

Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali. Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma infermieri impaginato 2 7-09-2009 15:11 Pagina 21 Sezione 2 Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali Ida Ginosa Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma

Dettagli

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Dr. Ruggero Tomei Divisione Clinicizzata di Cardiologia Direttore Prof. Corrado Vassanelli SDR Del QT corto Si caratterizza per la presenza sull ecg di base

Dettagli

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE Paolo Donateo per conto dello Steering Committee degllo studio ISSUE 2 (vedi appendice) Centro Aritmologico, Dipartimento di

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA MALATTIE dell APPARATO CARDIO-VASCOLARE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL CARDIOPATICO ALLA GUIDA La letteratura internazionale fornisce indicazioni secondo le quali la maggior

Dettagli

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco

Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Progetto regionale: Migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con scompenso cardiaco Risultati La validazione e stime di occorrenza Il campione selezionato Totale SDO sospette Totale SDO campionate

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE. www.fisiokinesiterapia.biz

LE ARITMIE CARDIACHE. www.fisiokinesiterapia.biz LE ARITMIE CARDIACHE www.fisiokinesiterapia.biz Nel cuore si trovano due tipi di cellule: Miocellule: cellule muscolari striate unite allo loro estremità dai dischi intercalari, che hanno una bassissima

Dettagli

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache Dott. Eliezer Joseph Tassone Valvulopatie: l entità del problema Incremento del numero di persone appartenenti alle fasce di età più avanzata

Dettagli

PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA

PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA Nicola Propato INDICE INTRODUZIONE... 3 ELEMENTI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA... 5 L ELETTROCARDIOGRAMMA.... 9 LEGGERE UN ELETTROCARDIOGRAMMA.... 15 ELETTROCARDIOGRAMMA E MALATTIE....

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

L implemento della prevenzione per il controllo di disturbi letali provocati da patologie o anomalie cardiache congenite

L implemento della prevenzione per il controllo di disturbi letali provocati da patologie o anomalie cardiache congenite L implemento della prevenzione per il controllo di disturbi letali provocati da patologie o anomalie cardiache congenite Francesco Fedele, Maria Chiara Gatto, Alessandra Cinque Dipartimento di Scienze

Dettagli

Il monitoraggio ECG prolungato

Il monitoraggio ECG prolungato Il monitoraggio ECG prolungato dr. Claudio Peila S.C. Cardiologia ASL TO3 Pinerolo To LA SINCOPE: DALLE LINEE GUIDA ALLA PRATICA CLINICA: Per una gestione condivisa ospedale-territorio 30 marzo 2012 2009

Dettagli

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici Prima parte Test elettrocardiografici 1 Elettrocardiogramma... 3 Introduzione... 3 Basi dell elettrocardiogramma... 3 Applicazioni cliniche dell ECG... 3 Ingrandimenti delle camere cardiache... 4 Disturbi

Dettagli

Le malattie cardiovascolari includevano. IMA fatale e non fatale, bypass aorto coronarico o procedure di angioplastica, stroke con o senza decesso.

Le malattie cardiovascolari includevano. IMA fatale e non fatale, bypass aorto coronarico o procedure di angioplastica, stroke con o senza decesso. [Numero 13 - Articolo 3. Aprile 2007] Alterazioni elettocardiografiche maggiori e minori in donne asintomatiche: correlazione con rischio di eventi cardiovascolari e mortalità Titolo originale: "Major

Dettagli

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi Fabrizio Ammirati UOC Cardiologia GB Grassi ASL RM D Ostia Roma Introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA PIANO DI ADDESTRAMENTO PROFESSIONALIZZANTE A.A.

Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA PIANO DI ADDESTRAMENTO PROFESSIONALIZZANTE A.A. Università degli Studi di Pavia SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN CARDIOLOGIA Direttore: Prof. Peter J. Tel: 0382.0367 Fax:0382.03002 e-mail: peter.schwartz@unipv.it Segreteria: Elisa Scarparo Tel: 0382.26061

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

Sezione 1. Cenni di elettrofisiologia. Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco

Sezione 1. Cenni di elettrofisiologia. Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco Sezione 1 Cenni di elettrofisiologia Ida Ginosa Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco Il primo contatto con un elettrocardiogramma ci pone di fronte ad un

Dettagli

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare.

L attività meccanica atriale è inefficacie e viene a mancare il contributo atriale al riempimento ventricolare. Fibrillazione Atriale : Difficile identificazione delle Onde P in un tracciato con complessi ventricolari ad intervalli variabili. Intervallo RR variabile. Onda P sostituita da due o più ondulazioni (

Dettagli

Aggiornamenti Scientifici FADOI

Aggiornamenti Scientifici FADOI Sintesi delle linee guida AIAC (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) Franco Giada 1, Giuseppe Inama 2, Manuel Bertaglia 3, Claudio Pedrinazzi 2, Michele Gulizia 4, Renato Pietro Ricci

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia

Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia Riabilitazione dopo intervento di cardiochirurgia L obiettivo ultimo della riabilitazione cardiologica Recuperare e mantenere al livello più elevato possibile le condizioni fisiologiche, psicologiche,

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

Elettrocardiografia clinica deduttiva

Elettrocardiografia clinica deduttiva I Congresso Nazionale Elettrocardiografia clinica deduttiva Presidente Pietro Delise Presidente Onorario Eligio Piccolo Primo Annuncio Conegliano 6-7 Novembre 2009 Teatro Accademia L elettrocardiogramma

Dettagli

Algoritmo Philips per le 12 derivazioni Guida Medica

Algoritmo Philips per le 12 derivazioni Guida Medica Algoritmo Philips per le 12 derivazioni Guida Medica Avvertenza Note sull edizione Numero di pubblicazione M5000-91005 Prima Edizione Copyright 2003 Koninklijke Philips Electronics N.V. Tutti i diritti

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari

Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Disturbi di conduzione atrio-ventricolari Blocco atrio-ventricolare di I grado 1. Frequenza: 55/min 2. Ritmo: sinusale 3. Conduzione: blocco atrio ventricolare di I grado, PQ 0.32 sec 4. Ripolarizzazione:

Dettagli

10 Congresso Nazionale

10 Congresso Nazionale 10 Congresso Nazionale medico - infermieristico MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto L ecografia nell arresto cardiaco Adele Borghi Cardiologia Pediatrica

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

WPW ASINTOMATICO NEL BAMBINO: ABLARE

WPW ASINTOMATICO NEL BAMBINO: ABLARE FABRIZIO DRAGO Responsabile U.O.C. di Aritmologia/ Sincope Unit DMCCP,Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Palidoro (RM) WPW ASINTOMATICO NEL BAMBINO: ABLARE Un po di storia Il termine Sindrome di Wolff-Parkinson-White

Dettagli

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM Gian Piero Carboni Il Prof Gian Piero Carboni lavora presso il Policlinico Universitario sin dalla sua fondazione risalente a primi

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

IL PROLASSO DELLA MITRALE

IL PROLASSO DELLA MITRALE IL PROLASSO DELLA MITRALE In collaborazione con ANMCO - Lazio L A V O R I A M O I N S I E M E P E R D I F E N D E R E I L T U O C U O R E IL PROLASSO DELLA MITRALE Copertina e illustrazioni a cura degli

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini

ARITMIE CARDIACHE. Prof. Carlo Guglielmini ARITMIE CARDIACHE Prof. Carlo Guglielmini ARITMIA CARDIACA Definizione Alterazione della frequenza, o della regolarità, o della sede di origine dello stimolo cardiaco e/o disturbo di conduzione dello stimolo

Dettagli

ANOMALIE DELLA CONDUZIONE

ANOMALIE DELLA CONDUZIONE ANOMALIE DELLA CONDUZIONE Sistema di conduzione Il sistema di conduzione cardiaco è costituito da fibrocellule dotate della capacità di depolarizzarsi spontaneamente. E formato dal nodo seno-atriale, localizzato

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli