Grano tenero, grano duro e orzo: qualità nel complesso discreta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Grano tenero, grano duro e orzo: qualità nel complesso discreta"

Transcript

1 In Emilia Romagna si conferma nel 2003 una consistente dinamica varietale Grano tenero, grano duro e orzo: qualità nel complesso discreta di C. Corticelli (1), A. Ferraresi (1), M. Marchesini (1), B. Silvi Antonini (1), E. Mattioli Valle (1), L. Molendini (1), L. Roversi (1), S. Ciuffoli (1), M. Tabarroni (1), A. Villani (2), G. Avoni (2), A. De Montis (3), L. Mazza (4), M. Zuppiroli (5) Soft wheat s, hard wheat s and barley: the quality is generally good La qualità del raccolto 2003 ha avuto una variabilità di risultati nelle diverse aree monitorate, dovuta prevalentemente all andamento meteorologico dell annata, caratterizzato dalla siccità e dalle elevate temperature del periodo primaverile-estivo. I risultati qualitativi non hanno subito grosse penalizzazioni. indagine sulla qualità del frumento tenero, duro e orzo che presenta i risultati relativi al raccolto 2003 in Emilia Romagna, è stato finanziato dalla Regione E- milia Romagna, dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Bologna, attraverso la Società Produttori Sementi, propria Società Strumentale, e coordinato dell Associazione Interprofessionale Cerealicola (ASS.IN.CER.). Questo monitoraggio, il nono consecutivo per il frumento tenero (l ottavo per il frumento duro, e il settimo per l orzo), realizzato da ASS.IN.CER. con la collaborazione di altri enti e strutture, è stato condotto secondo la metodologia definita dal Dipartimento di E- conomia - Sezione di Economia A- groalimentare dell Università degli Studi di Parma che ha anche fornito gli elenchi delle aziende da campionare. Alla raccolta dei campioni e delle schede che li accompagnavano hanno concorso, oltre ad ASS.IN.CER., altre organizzazioni (Consorzi Agrari Provinciali ed Interprovinciali, Federazione Nazionale Commercianti prodotti per l agricoltura - COMPAG). Sui campioni così raccolti e successivamente preparati da ASS.IN.CER., sono state realizzate le analisi qualitative previste dal protocollo da parte dei laboratori di AGER - Borsa Merci di Bologna e del CONASE di Conselice (RA). In totale sono state monitorate 337 a- ziende e analizzati 507 campioni: 370 di frumento tenero, 73 di frumento duro, 64 di orzo. Le aree monitorate sono le seguenti: Zona A: Pianura romagnola - Comprende le aree di pianura della provincia di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e l area di pianura del Comprensorio imolese (BO). Zona B: Pianura deltizia - Comprende la provincia di Ferrara con esclusione dei comuni a occidente di Ferrara. Zona C: Pianura centrale emiliana - Comprende la pianura delle province di Bologna (escluso l imolese), Modena ed i comuni ferraresi non compresi nella zona B. Zona D: Pianura occidentale emiliana - Comprende la pianura delle province di Reggio Emilia, Parma e Piacenza. Zona E: Collina romagnola - Comprende l area collinare delle province di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna e Bologna. Zona F: Collina emiliana - Comprende l area collinare delle province di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza. 41

2 L andamento meteorologico Nonostante le avverse condizioni climatiche del periodo autunnale, caratterizzate da piogge abbondanti, abbiano ritardato le operazioni colturali di preparazione del letto di semina, per il frumento tenero e duro, l operazione di semina è avvenuta in generale nei tempi previsti. In alcuni casi, le elevate precipitazioni verificatesi da novembre a gennaio hanno danneggiato lo sviluppo vegetativo del frumento e dell orzo. Le basse temperature dei mesi invernali non hanno determinato particolari danni da freddo. La gelata verificatasi in aprile può avere influito negativamente sulla fertilità delle spighette. Le elevate temperature dei mesi di maggio e giugno hanno condizionato negativamente la fase di accumulo e, conseguentemente, la potenzialità produttiva del frumento tenero e duro, mentre non ci sono stati danni nel caso dell orzo. Orzo Grafico n.1 Il panorama varietale Anche quest anno la varietà maggiormente coltivata rimane Baraka con una superficie pari al 40,3% di quella regionale; seguono Federal, Amillis e Duchess; Federal non ha subito variazioni di rilievo (da 10,1% a 10,3%), mentre Amillis e Duchess sono aumentati in modo consistente rispetto al Express ha subito una notevole riduzione (da 15% a 4.8%); Aliseo, Siberia, Prosa e Arda sono generalmente diminuiti. Marjorie e Sonora sono aumentati. (Grafico n. 1) Considerando l andamento negli anni delle principali varietà coltivate nella Regione, rileviamo una dinamica varietale molto consistente: dal 1998 al 2003 Baraka risultata la varietà maggiormente coltivata, dimostrando un costante e continuo aumento, con un lieve calo soltanto nel 2001; quest anno occupa una superficie maggiore rispetto a tutti gli anni monitorati; Pilastro è caratterizzato da un andamento abbastanza variabile, con un deciso calo nel 1999, un incremento consistente nel 2000 nel 2001, infine un ulteriore calo nel 2002 e 2003; Express ha mantenuto valori abbastanza costanti nei diversi anni considerati, calando in modo consistente nel I risultati delle analisi qualitative Prima di procedere all esame puntuale dei dati dell annata in corso, è interessante osservare l andamento di alcuni dei parametri più significativi negli anni monitorati ed effettuare un confronto tra le varietà distiche e polistiche. Tale confronto, realizzato sulla base dei risultati medi regionali per ciascun anno monitorato, è basato sui seguenti parametri: Proteine: la riduzione del contenuto proteico in termini percentuali, non è da attribuire all andamento meteorologico negativo, che non ha influenzato particolarmente questa coltura, quanto più probabilmente all aumento del peso semi, del peso ettolitrico e dei calibri. I valori più elevati nel 2000 sono causati dai fenomeni di allettamento che hanno determinato una maggiore percentuale di semi striminziti e un conseguente aumento del tenore proteico, sempre in termini percentuali. Peso semi: per entrambi i gruppi (distici e polistici) il parametro in esame fa rilevare valori inferiori del peso semi nel 1999, un aumento nel 2000 ed un successivo calo nel 2001 e 2002, probabilmente a causa dei problemi già evidenziati (allettamenti e problemi fitopatologici). La riduzione è più accentuata nei polistici, probabilmente per l assenza della varietà Nikel nel Quest anno, le migliori condizioni climatiche verificatesi soprattutto nella fase di riempimento della cariosside, hanno determinato un aumento del peso semi sia per i distici sia per i polistici. Calibri: l andamento meteorologico negativo (allettamenti) verificatosi nel 1999 ha causato, per tutte le varietà, una sensibile riduzione del- 43

3 la percentuale delle cariossidi con calibro maggiore di 2,5 mm; si è registrata una lieve riduzione del valore anche nel 2001 e Quest anno i valori sono aumentati (proporzionalmente alle caratteristiche intrinseche dei due gruppi), poiché la minore altezza della pianta e conseguentemente l assenza di allettamento, ed il ridotto accestimento hanno determinato una spiga con semi più grossi e numerosi. Peso specifico apparente: l andamento dell ultimo triennio è abbastanza costante, con valori più elevati per gli orzi distici, che confermano la maggiore uniformità del seme dei distici rispetto ai polistici; i polistici fanno registrare una riduzione più accentuata del parametro nel 2002, (probabilmente a causa dell assenza di Nikel), mentre quest anno si rileva un aumento, determinato dall andamento meteorologico positivo già illustrato. Relativamente ai dati forniti quest anno, vengono mostrati i seguenti risultati: Distici Hanno evidenziato un peso ettolitrico ottimo, un peso semi e un valore dei calibri elevato; valori proteici nella media per queste varietà. Polistici Hanno evidenziato un peso ettolitrico simile a quello degli orzi distici, un buon peso semi e un valore dei calibri abbastanza elevato. Il valore delle proteine non è particolarmente alto ma nella media per queste varietà. Conclusioni Il panorama delle varietà coltivate: anche per il 2003 il monitoraggio della qualità dell orzo ha evidenziato una dinamica varietale molto consistente. Gli aspetti qualitativi - I risultati qualitativi si possono considerare complessivamente ottimi con risultati mediamente superiori rispetto ai precedenti anni monitorati. Frumento duro Il panorama varietale Nel 2003 la varietà maggiormente coltivata è Neodur con una superficie pari al 37,2% di quella regionale e non più Baio che ha fatto registrare una diminuzione consistente rispetto allo scorso anno (da a 19,5% a 1,6%). Seguono nell ordine S. Carlo, Duilio e Orobel; S.Carlo ha più che raddoppiato la propria superficie ( da 7,4% a 19,4%), mentre Duilio e Orobel sono diminuiti rispettivamente da 16% a 12,5 e da 13,4% a 8,6%. Vitron e Vitromax sono aumentati. Latino e Creso sono diminuiti notevolmente. (Grafico n. 2) Se consideriamo l andamento negli anni delle principali varietà coltivate nella regione, rileviamo una dinamica varietale molto consistente: dal 1996 al 2003 Neodur è risultata tra le varietà più coltivate; quest anno occupa una superficie maggiore rispetto a tutti gli anni monitorati; Duilio è caratterizzato da un andamento abbastanza variabile, con cali nel 1997 e 1999, incrementi consistenti nel 2000 e 2001 ed infine un Grafico n.2 ulteriore calo negli ultimi due anni; Appio, che nel 1997 era la terza varietà maggiormente coltivata, è calata progressivamente. S. Carlo è diminuito dal 1999 al 2001, ma è aumentato molto nell ultimo biennio; quest anno è la seconda varietà maggiormente coltivata (19,4% dopo Neodur con il 37,2). Baio è aumentato in modo consistente dal 2000 al 2002, ed è calato nel I risultati delle analisi qualitative Prima di procedere all esame puntuale dei dati dell annata in corso, è interessante osservare l andamento e il confronto di alcuni dei parametri più significativi negli anni monitorati. Questo andamento è stato realizzato in base ai risultati medi regionali per ciascun anno monitorato, ed è stato realizzato sui seguenti parametri: Proteine: quest anno il dato medio è sostanzialmente basso, 12,8%, appena superiore soltanto al valore registrato nel 1997 (12,6%), elemento riscontrato anche nelle altre regioni italiane. I valori più elevati registrati nel 1998, 1999 e nel 2000 sono più alti per la presenza di semi piccoli e striminziti. 45

4 Grafico n.3 Peso semi e Peso Specifico Apparente: quest anno si rilevano valori buoni per il Peso semi. L andamento meteorologico non particolarmente positivo ha determinato negli anni 1999 e 2000 valori leggermente più bassi del Peso semi. Il fenomeno è confermato anche dai valori più bassi del peso ettolitrico per l anno 1999 (77,2 g mentre negli altri anni monitorati è sempre stato maggiore a 80 g) Relativamente ai dati forniti quest anno, vengono mostrati i seguenti risultati: Il peso ettolitrico e il peso semi sono molto buoni per tutte le varietà. Il tenore proteico è buono per S. Carlo e Neodur, medio per Duilio, e al limite dell accettabilità (norma UNI 10709) per Orobel che presenta anche elevati valori di bianconatura. L elevata percentuale di semi volpati (valore medio tra i più elevati negli anni monitorati) presentata da Neodur e Orobel è un elemento negativo da evidenziare. Si rilevano, invece, valori elevati dell Indice di giallo per tutte le varietà indicate e valori medi per Duilio. I valori dell Indice di glutine confermano l elevata qualità di S. Carlo e la minore qualità di Neodur. Complessivamente, i dati dimostrano che S. Carlo è la varietà con i migliori risultati per peso ettolitrico, proteine, indice di glutine e con la percentuale più bassa di semi bianconati e volpati. Conclusioni Il panorama delle varietà coltivate: il monitoraggio della qualità del frumento duro ha evidenziato anche nel 2003 una dinamica varietale molto consistente. Gli aspetti qualitativi: i risultati qualitativi relativi alle caratteristiche merceologiche si possono complessivamente migliori rispetto ai risultati ottenuti per quelle tecnologiche. Frumento tenero Il panorama varietale Anche nel 2003, la varietà maggiormente coltivata è Mieti con una superficie pari a 26,0 %, maggiore rispetto al 2002 (18,4%). Dopo Mieti, a seguire ritroviamo Serio e Nobel, che insieme alla prima occupano il 49,5 % della superficie regionale. Serio è diminuito rispetto al 2002 (da 15,8% a 10,3%), mentre Nobel è aumentato (da 8,3% a 10,3%). Centauro ha pressoché dimezzato la propria superficie (da 11,2% a 5,3%). Vaiolet è lievemente diminuita (da 4,8% a 4,5%). Sagittario non ha subito variazioni. Bolero è aumentato. Isengrain e Guadalupe sono diminuiti in modo consistente. (Grafico n. 3) Considerando l andamento negli anni delle principali varietà coltivate rileviamo una dinamica varietale consistente, in particolare: 1) Centauro è risultata la varietà maggiormente coltivata dal 1995 al 1998, mentre nel 1999 è stato superato da Mieti e nel 2000 da Serio; nell ultimo triennio ha ulteriormente ridotto la propria superficie facendo registrare un lieve aumento nel ) Mieti ha mostrato un costante e progressivo aumento fino al 1999, un lieve calo nel 2000 ed un aumento nel 2003, confermandosi nuovamente la varietà maggiormente coltivata. 3) Serio ha avuto un costante e progressivo aumento fino al 2001, è stata la varietà maggiormente coltivata nel 2000 e nel 2001, mentre nell ultimo biennio è stata superata da Mieti. 4) Nobel, la seconda varietà maggiormente coltivata negli anni 1995, 1996 e 1998, è calata fino al 2001 e lievemente aumentata nell ultimo biennio. I risultati delle analisi qualitative Mieti: varietà di tipo panificabile a tessitura medium, conferma mediamente tali caratteristiche, evidenziando un buon peso ettolitrico e valori complessivamente discreti per tutti i parametri considerati. Relativamente alle singole zone, la Pianura Romagnola, la Pianura Centrale Emiliana e la Pianura Deltizia 47

5 hanno fatto registrare buoni risultati, anche se nella Pianura Deltizia si evidenziano valori più bassi per l Indice di Sedimentazione in SDS. Nella Pianura Occidentale Emiliana sono stati rilevati valori elevati per il contenuto proteico e per l Indice di sedimentazione in SDS, anche se l hardness è più prossimo a quello di una varietà a tessitura hard. Nella Pedecollina Romagnola si registrano valori leggermente più bassi per il contenuto proteico. Serio: varietà di tipo panificabile a tessitura della cariosside medium ; conferma mediamente le caratteristiche della classe di appartenenza, evidenziando un buon peso ettolitrico. Gli altri valori sono complessivamente soddisfacenti, anche se l hardness è abbastanza elevato per una varietà a tessitura medium. Relativamente alle singole zone le migliori caratteristiche qualitative sono state registrate nella Pianura Centrale Emiliana. Nella Pedecollina Romagnola sono stati rilevati valori elevati relativamente al contenuto proteico e al peso semi, anche se l hardness è prossimo a quello di una varietà hard. Nella Pianura Romagnola sono stati rilevati valori mediamente più bassi per il Peso Ettolitrico; nella Pianura Deltizia per l Indice di Sedimentazione in SDS e nella Pedecollina Emiliana per il contenuto proteico e per l indice W. Nobel: varietà di tipo panificabile a tessitura soft ; conferma mediamente tali caratteristiche, anche se il valore dell hardness è più prossimo a quello di una varietà a tessitura medium. Relativamente alle singole zone le migliori caratteristiche qualitative sono state registrate nella Pianura Centrale Emiliana. Nella Pedecollina Romagnola si segnalano valori più elevati del Peso Ettolitrico e dell Indice di Sedimentazione in SDS. Centauro: è una varietà di tipo panificabile a tessitura soft che ha fornito risultati complessivamente soddisfacenti. Le zone che hanno fatto registrare le caratteristiche qualitative migliori sono la Pianura Centrale Emiliana e la Pianura Occidentale Emiliana. La Pianura Romagnola mostra valori più elevati per il Peso semi, mentre nella Pianura Deltizia si registrano valori più bassi per il contenuto proteico e per l Indice di Sedimentazione in SDS. Vaiolet: frumento panificabile a tessitura hard, in linea con le caratteristiche qualitative della classe di appartenenza. Relativamente alle singole zone, nella Pianura Deltizia si segnalano valori elevati per il contenuto proteico e per il peso semi; nella Pianura Centrale Emiliana valori più elevati dell Indice di Sedimentazione in SDS. Nella Pianura Occidentale Emiliana si segnalano valori del peso semi e del contenuto proteico leggermente inferiori. Sagittario: frumento di forza a tessitura medium che conferma mediamente queste caratteristiche, anche se mostra un contenuto proteico non particolarmente alto e un valore di hardness abbastanza elevato. Nelle singole zone: si segnalano valori più elevati nella Pianura Romagnola relativamente a proteine, Indice di Sedimentazione in SDS e Peso semi, e valori più bassi per gli stessi parametri nella Pedecollina Romagnola. Conclusioni Il panorama delle varietà coltivate : il monitoraggio della qualità del frumento tenero ci ha consentito di valutare, quantificandola, l offerta varietale nelle differenti classi, una offerta che estremamente differenziata in funzione delle aree produttive cui si fa riferimento. Si conferma quindi, come negli anni precedenti, una consistente dinamica varietale. Gli aspetti qualitativi: la qualità del raccolto 2003 risulta complessivamente discreta anche se si è rilevata una variabilità dei risultati nelle diverse a- ree monitorate, dovuta prevalentemente all andamento meteorologico dell annata, caratterizzato dalla siccità e dalle elevate temperature del periodo primaverile - estivo. In particolare, le caratteristiche qualitative del frumento tenero raccolto nel 2003 presentano, rispetto ai valori medi varietali ottenuti nei precedenti monitoraggi, buoni pesi ettolitrici e del peso semi in linea con le medie varietali; in particolare il peso ettolitrico è sempre maggiore di 77, ad eccezione di Eureka. I contenuti proteici sono leggermente inferiori, sia rispetto alle medie varietali sia rispetto all anno precedente mentre l Indice di sedimentazione in SDS ha dato risultati generalmente in linea con le medie varietali. La durezza del seme è mediamente in linea con le caratteristiche varietali, anche se più elevato in alcuni casi; per quanto riguarda l indice di Hagberg non si sono verificati fenomeni di pregerminazione. I dati alveografici sono mediamente in linea con le medie varietali. (1) Associazione Interprofessionale Cerealicola (ASSINCER) (2) AGER - Borsa Merci di Bologna (3) Società Produttori Sementi (BO) (4) Consorzio Nazionale Sementi (CONASE) (5) Istituto di Economia Agraria e Forestale - Università degli Studi di Parma. Relazione presentata a GranoItalia il 26 settembre scorso a Bologna. 49

6 Dati relativi agli investimenti - Campagna 2003/2004 La competitività della filiera di grano duro nazionale di Carla Donnini - Resp. Nazionale Ufficio seminativi della CIA Hard wheat s competition in Italy Il tavolo interprofessionale diventato ufficiale lo scorso maggio, ha contribuito a migliorare le norme previste dalla riforma PAC per il grano duro, riuscendo a contenere, per le aziende agricole che coltivano grano duro nelle zone tradizionali, le conseguenze negative derivanti dalla riduzione dell aiuto supplementare. ella campagna 2003/2004, secondo i dati AGEA delle domande PAC, le colture (Cerealicole Oleaginose Proteiche) seminate in Italia hanno interessato circa aziende che hanno investito una superficie complessiva di circa ettari. Pertanto, la superficie ammissibile ai pagamenti dei singoli produttori non sarà ridotta, considerato che anche lo stabilizzatore finanziario è stato usufruito per il 95,11%. Il cereale principe Il grano duro conferma la sua posizione di cereale principe, infatti risultano coltivati ettari pari al 39,71% del totale (di cui con aiuto supplementare delle zone tradizionali ha e ha delle zone non tradizionali. Anche quest anno, quindi si verificherà una riduzione conseguente al supero della SMG di ettari; in particolare le regioni che subiranno una notevole riduzione dell aiuto supplementare sono: l Umbria (-50,90%), la Sardegna (-23,67%), la Toscana (-20,83%), le Marche (-15,06%) il Lazio (-13,54%). La Puglia e la Sicilia subiranno una riduzione minima, infatti l aiuto spettante risulta rispettivamente di 340,38 6/ha e 340,49 6/ha. La produzione si è attestata a circa tonnellate registrando un calo di circa l 8% rispetto alla scorsa campagna. Dai numeri predetti si evince che il grano duro non può non mantenere il suo primato, ma dalle prospettive e dalle conseguenti sfide derivanti dall applicazione della nuova PAC è indispensabile puntare sul miglioramento di 4 punti cardine, senza i quali sarà difficile competere con un mercato sempre più allargato. I quattro punti cardine 1. Una maggiore aggregazione dell offerta; 2. Il miglioramento della qualità; 3. Lo stoccaggio differenziato in base a parametri qualitativi richiesti dal mercato; 4. Il riconoscimento economico della qualità. Valorizzare il comparto Gli strumenti volti a valorizzare il comparto del grano duro sono già stati individuati ed, in parte, avviati: 1. la costituzione di un polo unitario cerealicolo fortemente voluto dalle Organizzazioni professionali agricole, dalle centrali cooperative e da Assocap che ha fatto nascere il 13 febbraio 2003, dalla confluenza di alcune U- nioni già riconosciute (Uiaprof e Unisol), l Unione seminativi, il cui statuto è già stato approvato dal MIPAF; 51

7 2. l avvio ufficiale, dal mese di maggio 2003, di un tavolo interprofessionale finalizzato alla costituzione di un organismo interprofessionale per la valorizzazione della filiera del frumento tenero e duro nazionale. Principali scopi ed obiettivi dell Unione seminativi Le cooperative, associazioni e Consorzi agrari soci dell Unione, in tutto 41, sono presenti in tutte le regioni interessate ai seminativi. Scopi dell Unione sono: di indirizzo e coordinamento, di promozione e di realizzazione di servizi volti a favorire il miglioramento della qualità e a valorizzare le produzioni di cereali e proteoleaginose. In questi primi mesi di attività l Unione seminativi si è maggiormente dedicata all accreditamento presso le Istituzioni pubbliche ed ha implementato collaborazioni con Enti pubblici ed Istituti di ricerca già esistenti (Ismea e ISC). L Unione, inoltre, negli anni passati, come Uiaprof, ha già realizzato una serie di interventi finalizzati al miglioramento qualitativo delle produzioni e ad un più efficace raccordo di filiera attraverso l attuazione di due progetti (SRAI1 e SRAI2) attraverso i quali è stata creata una rete di laboratori di a- nalisi veloci che ha consentito di migliorare il livello di conoscenza della qualità del grano prodotto. Ora l Unione seminativi, con l allargamento della base sociale, è diventata maggiormente rappresentativa a livello nazionale sia in termini di quantità ma anche di prodotti e, per questo motivo, ha presentato al MIPAF un terzo progetto, denominato Rete qualità seminativi. Rete qualità seminativi Il progetto intende: ampliare e potenziare la rete di rilevazione rapida della qualità dei cereali stoccati, in particolare per il grano duro; mettere in rete le strutture nuove socie dell Unione, già in possesso della strumentazione idonea; estendere la rete ad altri cereali commercializzati dai soci, in particolare mais e frumento tenero; accrescere la quantità di prodotto o- mogeneo, differenziato sulla base delle caratteristiche qualitative maggiormente richieste dal mercato; accrescere la finalizzazione delle informazioni gestite nella rete a supporto del miglioramento della qualità delle produzioni e della loro commercializzazione. Ruolo del tavolo interprofessionale Il tavolo interprofessionale è stato costituito principalmente per individuare gli interessi comuni agli operatori agricoli ed industriali, in particolare per concordare le azioni volte a salvaguardare la produzione nazionale di frumento, assicurando un adeguato reddito per tutti i soggetti della filiera. Certamente, questo tavolo, nell ambito del quale sono stati istituzionalizzati i rapporti con l industria molitoria, ha contribuito a migliorare le norme previste dalla Riforma della PAC per il grano duro, riuscendo a contenere, per le aziende agricole che coltivano grano duro nelle zone tradizionali, le conseguenze negative derivanti dalla riduzione dell aiuto supplementare. Organismo interprofessionale Ora, però, è giunto il momento di rafforzare il tavolo interprofessionale trasformandolo in un Organismo interprofessionale e di avviare le a- zioni utili per ottenere il riconoscimento ai sensi di quanto previsto nel D.L.228/01 e nel decreto interministeriale. L Organismo interprofessionale dovrà: promuovere gli accordi interprofessionali nazionali, intesi come accordi quadro; supportare la conclusione di accordi contrattuali di bacino, attraverso anche la sottoscrizione di contratti di coltivazione e vendita volti a riconoscere valore aggiunto alla qualità delle produzioni; monitorare l effettiva applicazione degli accordi tramite la creazione dei necessari supporti operativi; favorire l attuazione di protocolli di coltivazione per migliorare la qualità nelle commodities sia in termini di parametri intrinsechi alla coltura sia in termini di qualità dei servizi (campionamento, analisi, stoccaggio differenziato); favorire la trasparenza del mercato attraverso interventi ad hoc che migliorino i rapporti contrattuali, un esempio per tutti: la revisione del metodo di formazione del listino delle Borse merci nazionali. Il futuro della PAC La politica agricola dei prossimi anni non è più intesa come un mero approvvigionamento dei mercati ma è tesa ad espandere il ruolo multifunzionale dell agricoltura che avrà, sempre più, funzioni mirate a: 1. realizzare produzioni di qualità secondo le esigenze del mercato; 2. adottare comportamenti di coltivazione rispettosi dell ambiente; 3. garantire la sicurezza alimentare dei consumatori. È indubbio, quindi, che è di vitale importanza, nello scenario futuro, favorire la competitività dell impresa agricola, introducendo tutte le misure volte a sostenerne il reddito. Relazione presentata a GranoItalia il 25 settembre scorso a Bologna. 52

Costi di produzione e redditività del mais

Costi di produzione e redditività del mais SEMINARIO Bologna il 3 dicembre 2012 Costi di produzione e redditività del mais Quanto costa produrre latte e mais in emilia-romagna? La competitività di queste filiere Renato Canestrale, Valeria Altamura

Dettagli

Legenda Schede Orzo. Ritmo di sviluppo. Avversità colturali e climatiche. Patogeni

Legenda Schede Orzo. Ritmo di sviluppo. Avversità colturali e climatiche. Patogeni Legenda Schede Orzo Le prove di confronto varietale In ogni scheda è riportato l anno di inserimento della cultivar nella rete regionale. In particolare: In osservazione dal indica l anno del primo raccolto.

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Disciplinari di Produzione per conseguire

Disciplinari di Produzione per conseguire Pag. 2 Centri di Ritiro Il recupero dei prezzi importante stimolo per le semine autunnali 2012! Come sempre, per fare le giuste scelte, conviene raccordarsi alla Struttura Organizzata che avrà il compito

Dettagli

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009)

Mercato Italiano GRANO TENERO. Obiettivo. Andamento dei prezzi nazionali ed esteri. del grano tenero (2009-2010) 14-2010. del grano tenero (2009) Obiettivo 14-2010 in collaborazione con Mercato Italiano GRANO TENERO Il panorama generale del mercato nazionale può essere definito leggermente migliore: il ridursi della disponibilità di prodotto nazionale

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Newsletter n. 30 febbraio 2010

Newsletter n. 30 febbraio 2010 Newsletter n. 30 febbraio 2010 In evidenza Sembra che la costante dei mercati di frumento, mais e soia sia la costanza! La costanza dei prezzi, ormai stabilizzatisi a circa 140-150 euro sia per il frumento

Dettagli

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica

Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli. Analisi tecnico economica Valutazione di diversi atteggiamenti imprenditoriali agricoli Analisi tecnico economica 1 Metodo di calcolo utilizzato Inserimento di tutti i dati tecnico-economici al 2006 Azienda 30 ha 3 percorsi: PSR,

Dettagli

GRAFICI MEDIE II SEMESTRE 2015 PERUGIA BOLOGNA BORSA MERCI TELEMATICA

GRAFICI MEDIE II SEMESTRE 2015 PERUGIA BOLOGNA BORSA MERCI TELEMATICA GRAFICI MEDIE II SEMESTRE PERUGIA BOLOGNA BORSA MERCI TELEMATICA Grafico 1 Frumenti Teneri Fino 140,000 120,000 80,000 60,000 PG Fino (p.s. 80 e oltre kg/hl glutine di buona qualità, c.e. 1%, umidità 13%)

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

Risultati vegeto produttivi di ibridi di mais e varietà di frumento a diversi livelli di

Risultati vegeto produttivi di ibridi di mais e varietà di frumento a diversi livelli di Risultati vegeto produttivi di ibridi di mais e varietà di frumento a diversi livelli di concimazioneazotatanei azotata nei quattro terreni prevalenti della provincia di Ferrara Sandro Bolognesi Ai Azienda

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

2012/2013. Pagina 1 di 11. Loro sedi. Agli uffici interessati Sede LA DIREZIONE

2012/2013. Pagina 1 di 11. Loro sedi. Agli uffici interessati Sede LA DIREZIONE Pagina 1 di 11 Circolare n. 7 / 2012 Alle Ns. Rappresentanze Loro sedi Agli uffici interessati Sede In un mondo di mercati sempre piu ampi e articolati,leggi piu specifiche richiedono un analisi approfondita

Dettagli

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel EIMA International, Bologna 7-11 Novembre 2012 PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta Colture erbacee oleaginose: potenzialità produttive di brassicacee e girasole, meccanizzazione

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005 Foto di copertina: Cantiere

Dettagli

catalogo 2014 PRONTI PER UN NUOVO RACCOLTO

catalogo 2014 PRONTI PER UN NUOVO RACCOLTO CATALOGO VARIETALE CEREALI 2014 catalogo 2014 PRONTI PER UN NUOVO RACCOLTO SE IL 2013 ha segnato il primo anno di produzione integrata dei cereali riprodotti e commercializzati dal nuovo Consorzio Agrario

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE

1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. CONSIDERAZIONI DI CARATTERE GENERALE Il Fondo di Riassicurazione istituito dall art. 127 comma 3 della Legge 388 del 2000, avendo come attività esclusiva la riassicurazione chiude il bilancio 2011 entro

Dettagli

GUIDA ALL AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

GUIDA ALL AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI GUIDA ALL AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI L AGRICOLTURA NELLA PROVINCIA DI TRAPANI COLTIVAZIONI AGRARIE... 4 VITE E VINO... 5 Uva da vino... 6 Vino... 7 INDICE CEREALI... 8 Frumento duro... 9 Avena...

Dettagli

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH

&$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH &$5$77(5,67,&+( '(, 352'87725, &$/$%5(6, ', 2/,2 ', 2/,9$ /HD]LHQGHROLYLFROH L olivicoltura in Calabria vanta tradizioni secolari ed oggi rappresenta una delle risorse economiche più rilevanti della regione.

Dettagli

Prezzi in ripresa 2,7% per il grano tenero, 25% ma è presto per gioire 170

Prezzi in ripresa 2,7% per il grano tenero, 25% ma è presto per gioire 170 speciale grano tenero situazione attuale e previsioni per il 2011 Grano tenero 2010 Prezzi in ripresa 2,7% per il grano tenero, 25% ma è presto per gioire 170 la produzione italiana sul totale europeo

Dettagli

set-07 mag-08 mag-07 gen-08 gen-07 2. Il mercato mondiale dei cereali nel medio periodo

set-07 mag-08 mag-07 gen-08 gen-07 2. Il mercato mondiale dei cereali nel medio periodo Marzo 2011 1. Introduzione... 1 2. Il mercato mondiale dei cereali nel medio periodo... 1 3. Le recenti dinamiche internazionali... 3 4. I riflessi sul mercato nazionale... 5 5. Uno scenario possibile

Dettagli

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento GranItalia Aula Magna della Facoltà di Agraria Università di Bologna, 1 ottobre 2010 La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento Industria sementiera e innovazione varietale. La collaborazione

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano Semine 2012 Con le semine del 2012 si è completata la vecchia riforma: tutti gli aiuti accoppiati sono stati

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

Roma - 14 Aprile 2011. La Ricerca genetica. come fattore di sviluppo per l Agricoltura

Roma - 14 Aprile 2011. La Ricerca genetica. come fattore di sviluppo per l Agricoltura Roma - 14 Aprile 2011 La Ricerca genetica come fattore di sviluppo per l Agricoltura «Come le imprese sementiere si interfacciano tra ricerca e mercato» L innovazione varietale l innovazione è l unico

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 12 luglio 2013 16 luglio 2013 Powered by Aretè s.r.l.

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 12 luglio 2013 16 luglio 2013 Powered by Aretè s.r.l. Numero ventotto 19 luglio 2013 Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 12 luglio 2013 16 luglio 2013 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero ANB HOLDING: Attribuite

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100)

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100) Il mercato della frutta in Italia Nelle ultime settimane il mercato della frutta è stato contraddistinto dai prodotti tipici del periodo estivo ed in particolare: pesche, nettarine, percoche, albicocche,

Dettagli

MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO

MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO MAIS, SOIA E FRUMENTO NEL VENETO: DAL CAMPO AL MERCATO In collaborazione con Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Verona Dipartimento Territorio e

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti Chi siamo Fruttagel è un consorzio cooperativo, il cui scopo è dare valore a tutti gli stadi della filiera agroindustriale. A monte vi è il socio produttore, o il fornitore, che viene assistito per garantire

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELL ISPETTORATO CENTRALE DELLA TUTELA DELLA QUALITÀ E REPRESSIONE FRODI DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE E REPRESSIONE FRODI PROGRAMMA DI CONTROLLO SULLA

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Raccomandazione varietale di erba medica per i sistemi biologici italiani Descrizione estesa del risultato Il comparto biologico riconosce un ruolo fondamentale all'erba

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 5 al 16 maggio 2014 20 maggio 2014. Numero venti 23 maggio 2014 Numero venti 23 maggio 2014 In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli - pag. 1 Colza: indicazioni relative alla fase di raccolta - pagg. 2/3 Unionzucchero/CGBI:

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale Filippo Arfini, Michele Donati(Uniparma) Annalisa Zezza (INEA) U.O Economia ANCONA, 26-27 SETTEMBRE 2013 Unità Operativa

Dettagli

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2009

L assicurazione agricola agevolata in Italia. I risultati della campagna 2009 L assicurazione agricola agevolata in Italia I risultati della campagna 2009 Agosto 2010 Studio annuale sulle assicurazioni agricole agevolate Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Egidio

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Siviglia, 18-20 settembre, 2013 Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Il mercato Le criticità Le prospettive internazionali Le strategie PROSPETTIVE DELLA PRODUZIONE ITALIANA

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia

Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia Sintesi dell intervento di Lecce la Posizione Cia sulla Riforma Pac P.Cornacchia La Cia ha più volte espresso la sua posizione sulla Riforma della Pac e sul documento base presentato dalla Commissione

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna ottobre 2012 SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 1.1 La descrizione del campione... 1 2. L INDAGINE SULLE VENDITE PER

Dettagli

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Il Divulgatore N.1-2/ 2003 Il censimento dell'agricoltura Dati e tendenze della realtà bolognese Ristrutturazioni in corso A livello regionale Bologna vanta un primato in termini di superficie destinata

Dettagli

Documento programmatico Settore CEREALICOLO

Documento programmatico Settore CEREALICOLO Documento programmatico Settore CEREALICOLO La cooperativa è un'associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici, sociali e culturali comuni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari

Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari Le attività dell Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari L Ispettorato è organo di

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Commercio con l estero e consumi in Italia

Commercio con l estero e consumi in Italia Commercio con l estero e consumi in Italia Secondo i dati presenti nella banca dati Coeweb (Istat), l import/export nazionale di Piante vive e prodotti della floricoltura (escluse le merci al di sotto

Dettagli

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia

MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia MONTAGNA DATI DI SINTESI AGRICOLTURA E FORESTE Regione Lombardia DATI DI CONTESTO Il territorio Il territorio regionale, pari a 23.862 kmq, è caratterizzato da una compresenza di aree montuose (40,5%)

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali

Emilia Romagna. Dati regionali. Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Osservatorio dei consumi I Analisi dei mercati con focus regionali Emilia Romagna Tra le regioni del Nord l economia dell Emilia Romagna ha evidenziato la più ampia fl essione nel 2012, effetto della nuova

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI

CARATTERISTICHE STRUTTURALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRICOLE DELLA FILIERA DELLE PIANTE OFFICINALI Corrado Ievoli Università del Molise www.ismea.it www.ismeaservizi.it ROMA 17/07/2013 L APPROCCIO E LE FONTI STATISTICHE

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

del dollaro. In Italia il mercato del seme nazionale appare stabile, con prezzi partenza fra 345 e 350 sul pronto.

del dollaro. In Italia il mercato del seme nazionale appare stabile, con prezzi partenza fra 345 e 350 sul pronto. Numero dodici 18 novembre 2011 In questo numero Comunicato Stampa - primo bilancio di Sada srl, società commerciale di ANB pag.1/2 Assemblee dei bieticoltori incontri recenti a Carbonara di Po (MN) e Cenaia

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE AZIENDA AGRARIA ANNO 2016

RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE AZIENDA AGRARIA ANNO 2016 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO F.LLI AGOSTI Viale F.lli Agosti, 7 01022 BAGNOREGIO (VT) 0761/780877 vtta020006@istruzione.it-

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Ezio Castiglione Responsabile Scientifico Giovanni Razeto Redazione Michele Pennucci, Massimiliano Crociani, Alessio Almoto La ricerca è stata eseguita

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità

Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità Presentazione Filiera Agricola Biologica IRIS DALLE PRODUZIONI AGRICOLE ALLA TRASFORMAZIONE Un modello di economia solidale Con principi di mutualità ed autogesione IL PROGETTO IRIS E UN PROGETTO DI ECONOMIA

Dettagli

Politica Agricola Comune (PAC)

Politica Agricola Comune (PAC) Politica Agricola Comune (PAC) La Politica Agricola Comune (PAC) rappresenta l'insieme delle regole che l'unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015

Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo. Incontro con la stampa. Bologna, 5 giugno 2015 Illustrazione dei dati di Bilancio al 31 dicembre 2014 e dei piani strategici del Gruppo Incontro con la stampa Bologna, 5 giugno 2015 COPROB rappresenta il sogno del Sen. Giovanni Bersani che nel 1962

Dettagli

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI DECRETO MINISTERIALE 162 del 12/01/2015 Decreto relativo alla SEMPLIFICAZIONE della gestione della

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra

Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra Il decalogo per la coltivazione sostenibile dell orzo distico da birra 1 Introduzione 2 SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA La sostenibilità è la capacità di produrre beni ed alimenti in modo economicamente vantaggioso

Dettagli

FUTURO FERTILE IN TOSCANA

FUTURO FERTILE IN TOSCANA Numero ventidue 8 giugno 2012 FUTURO FERTILE IN TOSCANA Nelle scorse settimane è stata costituita la società Futuro Fertile Toscana soc. cons. a r.l.: una formula per valorizzare le produzioni agricole

Dettagli

Progetto. PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica

Progetto. PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica Progetto PASTA ALIMENTARE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA: confronto varietale e prove di pastificazione per attivare una filiera specifica Finanziamento: Regione Marche Bando Ricerca e Sperimentazione L.R. 37/99

Dettagli

I progetti AGER. Giorgia Spigno

I progetti AGER. Giorgia Spigno I progetti AGER Giorgia Spigno Università Cattolica del Sacro Cuore Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-alimentare Via Emilia Parmense, 84 29122 Piacenza www.progettoager.it AGER «Agroalimentare e ricerca»

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Il Nuovo Giornale di Modena Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo,

Dettagli