COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA"

Transcript

1 COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA Anno VII N 2 Luglio 2002 Iscrizione n 276 del presso il Tribunale di Verbania Spedizione in Abbonamento Postale art. 2 comma 20/c legge 662/96 - D.C./D.C.I./Novara

2 NOTIZIARIO Sommario Piazza d onore per il VCO Il nuovo logo del Consiglio Nazionale pag. 3 Antonio Rabbini, intuito e genialità di un grande geodeta pag. 4 Non è tutta colpa della natura pag. 6 Decentramento del catasto ai comuni pag. 7 I consigli per registrare il vostro sito pag. 9 Geoweb un passo in più pag. 10 Informazioni dal mondo del CAD pag. 11 Tremonti bis Agevolazioni per i professionisti pag. 12 Commissione scuola pag. 13 Interessi per il ritardato pagamento delle parcelle pag. 14 Notizie pag. 15 La nostra biblioteca e l Albo professionale pag. 16 In copertina: ripresa aerea dell evento alluvionale ottobre Verbania Pallanza - LEICA R5 - autorizzazione DPR 367 del Un importante direttiva della Cassa Oggetto: iscrizione alla gestione separata INPS La Cassa, com è noto, ha da tempo iniziato un attività di verifica per i geometri che hanno deciso di non iscriversi alla Cassa facendo valere quale altra forma di previdenza obbligatoria la loro iscrizione alla gestione separata INPS istituita con l art.2 comma 26 della legge 335/1995. Al riguardo si ricorda che, ai sensi della vigenze normativa, gli iscritti all Albo che esercitano le attività relative alla professione non possono essere legittimamente iscritti alla data gestione separata, essendo obbligatoriamente tenuti alla contribuzione in favore della Cassa professionale di previdenza. In effetti, dalla verifica è emerso che in molti casi l illegittima appartenenza a tale gestione ha comportato l elusione degli obblighi iscrittivi e contributivi nei confronti di questa Cassa. Si rappresenta pertanto l opportunità di informare i geometri sulle responsabilità derivanti da una iscrizione illegittima e di accertarsi ai fini della verifica sopra citata, che sia stata precisata nei moduli CG 12/13 (da comunicare tempestivamente alla Cassa) l eventuale iscrizione alla predetta gestione separata INPS. Dal Consiglio Nazionale Geometri Oggetto: competenza agrotecnici in materia catastale. Circ. N. 1/prot. C/10941 Agenzia del Territorio. Iniziative del CNG a difesa della Categoria Come noto, la Circolare n. 1 del 7 febbraio 2002 prot. C/10941 dell Agenzia del Territorio - Direzione Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare - recependo il parere dell Avvocatura Generale dello Stato sulla legittimità delle competenze in materia catastale da attribuire agli agrotecnici, ha esteso la facoltà di redigere ai sensi dell art. 145, comma 96, L. 388/2000 gli atti d aggiornamento, di cui all art. 8 della L. 679/69 e artt. 5 e 7 del DPR 650/72, anche ai predetti professionisti. In data 15/2/2002, questo Consiglio Nazionale ha tempestivamente incaricato il Prof. Pace di acquisire quanto espresso dall Avvocatura nonché di esprimere un proprio parere in merito per le opportune controdeduzioni. Avendo il legale prospettato la soluzione d impugnare direttamente la circolare suddetta, poiché palesemente illegittima, il Consiglio Nazionale ha deliberato di inoltrare una diffida all Ing. Carlo Cannafoglia, quale firmatario della circolare censurata, a non applicare e/o dare esecuzione alla stessa, nonché di desistere da eventuali reiterazioni della circolare medesima. CASSA Numero verde dal lunedì al venerdì TORNEO NAZIONALE DI TENNIS A SQUADRE PER GEOMETRI Arezzo, settembre Il regolamento e il programma sono disponibili presso il Collegio. PROROGA DEI TESTI UNICI Prorogata al 1 Gennaio 2003 l entrata in vigore di: Testo Unico in materia di edilizia, decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo Unico in materia di espropriazioni per pubblica utilità, decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 (Decreto Legge 20 giugno 2002, n. 122) 2

3 Luglio 2002 Un nuovo logo per il Consiglio Nazionale: Zolla al secondo posto Piazza d onore per il VCO È con orgoglio che vi proponiamo il logo che si è aggiudicato il 2 posto al CONCORSO NAZIONALE PER LA CREAZIONE LOGO DEL CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI. Perché con orgoglio? Perché, come potete vedere nella riproduzione a lato, il logo è frutto dell ingegno e della fantasia del nostro presidente, geom. Settimo Zolla. La foto riporta il momento della premiazione avvenuta a Roma il 12 giugno 2002 presso la sede del Consiglio Nazionale Geometri. Il motto e tema ispiratore del logo era Viva i Geometri Europeisti ed Operatori a 360 nel nostro Paese e mi sembra che, pur nelle ridotte sue dimensioni, il geom. Zolla sia riuscito a inserire tutto ciò, in modo armonico, elegante ed essenziale al tempo stesso. Complimenti ancora Presidente, da tutti noi. G I S N O C O I L N A Z G E O M E T R I O N A L E I Da sinistra: Geometra SETTIMO ZOLLA 2 classificato, geometra DIEGO POLIZIO 3 classificato, geometra PIERO PANUNZI presidente del Consiglio Nazionale, geometra MAURIZIO CITRO 1 Classificato 42 CONGRESSO NAZIONALE DEI GEOMETRI IL GEOMETRA, PROFESSIONE EUROPEA. RINNOVAMENTO NELLA TRADIZIONE. Si terrà a Venezia nei giorni dal 23 al 28 settembre 2002 presso il Cenacolo Palladiano della Fondazione Cini con sede nell Isola di San Giorgio Maggiore Nel corso della manifestazione verranno trattate tematiche inerenti alle attività professionali tradizionali oltre a quelle emergenti. Le quote di iscrizione sono state definite in 80 per gli iscritti all Albo, 50 per gli iscritti fino a trent anni di età e iscrizione gratuita per i praticanti e per gli iscritti che hanno superato i settantacinque anni di età. Per ulteriori informazioni relative alla quota d iscrizione e per la scheda di prenotazione alberghiera, con l elenco degli alberghi individuati per il soggiorno, rivolgersi in Collegio. 3

4 NOTIZIARIO Geomatica Antonio Rabbini, intuito e genialità di un grande geodeta senza aspirare alla formazione di un vero Catasto probante, che non si potrebbe ottenere senza formalità e procedimenti giudiziari lunghi e dispendiosi, si volle giungere al rilevamento dell esatta posizione e configurazione delle linee divisorie dei Comuni, delle proprietà e dei singoli appezzamenti, eseguito in modo che, mediante un numero sufficiente di punti trigonometrici esattamente determinati e conservati sul terreno, e coll aiuto delle quote numeriche registrate in appositi quaderni, si potesse in ogni tempo riconoscere la posizione giusta delle linee anzidette e ristabilirle in caso di perimento 1 Queste poche righe, che sembrano estratte da un manuale di cartografia numerica moderno, sono frutto della genialità di un grande geomatico: Antonio Rabbini, geometra piemontese ottocentesco. Procediamo però come richiede l importanza del personaggio. Antonio Rabbini era nato a Magliano d Alba (ora Alfieri) nel Iniziò a lavorare a 16 anni sotto la guida di un famoso geometra piemontese, Andrea Gatti, che aveva avuto l incarico dal Comune di Torino di redigere il nuovo catasto della città. Rabbini cominciò quindi a lavorare nel 1823 quale praticante ; poi, nel 1826, come caposquadra e collaboratore rilevando infine nel 1831, al decesso del titolare Gatti, gli impegni professionali del defunto maestro nei confronti della Città di Torino, garantendo i debiti di questo. Dopo tale data, Rabbini trovò aperta una fortunata carriera professionale che proseguì, dopo il 1845, in una carriera prestigiosa nell amministrazione finanziaria dello Stato (inteso ovviamente Regno di Sardegna, di Cipro..ecc. ) quale Direttore Generale della catastazione generale ed uniforme delle provincie di terraferma 2 Nella nostra Regione il cognome Rabbini è da sempre, seppur senza ragione giuridica ma con grande riconoscimento storico, 3 abbinato al catasto ottocentesco, quello precedente il Nuovo Catasto Terreni, il c.d. Catasto Rabbini. Nella nostra zona, in particolare nei Circondari di Ossola e Pallanza, le operazioni di rilievo avevano ricoperto nel 1865 rispettivamente il 72.4% e 84.8% 4 dei territori di competenza, a soli 10 anni dall inizio delle operazioni avviate con la Legge n. 914 del 4 giugno 1855, voluta da Cavour. Il prodotto fornito dai topografi di Rabbini, la mappa e i dati censuari, sono noti forse a tutti, ma quali erano le tecniche, i metodi, le operazioni topografiche utilizzate dal Rabbini? Vi consiglio vivamente, nel caso vi troviate a Torino con un ora di tempo libero, di visitare l Archivio di Stato, Sala Mappe, dove potrete visionare il fondo Carte Rabbini e trovare il citato Cenni sulle varie.. AST/123 che contiene il manuale pratico del perfetto geometra catastale cavouriano. È impossibile in questo piccolo spazio citare e approfondire quanto Rabbini prescriveva ai propri collaboratori, ne indicherò solo i passi fondamentali. Alle preliminari operazioni di triangolazione di I^ e II^ categoria, seguivano le operazioni di campagna del rilevamento parcellare: si notificava all autorità locale l inizio delle operazioni e quindi si spedivano ai proprietari interessati le convocazione per definire i limiti delle proprietà, che venivano determinati con ricognizione preventiva, disegnando sommariamente le particelle. Il vero rilievo particellare avveniva in due modi: a) con tavoletta pretoriana per le zone difficili, quindi con intersezione grafica diretta, b) con rilievo diretto di tutti i vertici delle particelle per allineamenti appoggiati alle reti principali. Per alcuni Comuni il Sistema di Riferimento adottato era locale, ossia l origine delle coordinate coincideva in genere con il campanile del capoluogo (il punto 1 ) e gli assi erano costituiti dalla perpendicolare per l asse X=EST e dalla meridiana per l asse Y=NORD. Sui fogli di mappa era poi tracciato il reticolato, innovazione introdotta da Rabbini e poi persa nel N.C.T., con grande danno per la stabilità cartacea della mappa, il quale riporta le informazioni cartesiane soltanto sulla parametratura del foglio. Monografia Termini trigonometrici del Comune Archivio Comune di Oggebbio AS Verbania-n.58 1 Da Cenni sulle varie vicende cui andò soggetta l operazione catastale nelle antiche provincie continentali del Regno Note spiegative intorno al sistema adottato per la medesima Torino, Stamperia Reale, 1862, p.7 Archivio di Stato di Torino, Carte Rabbini, Estimo dei terreni censiti e non censiti, n.123 in seguito denominata AST/ L.914 del 4 giugno Dovrebbe essere Catasto del Regno di Sardegna dello Stato in Terraferma la denominazione corretta del c.d. Catasto Rabbini. 4 A.S.T. - Atti del Parlamento Piemontese: Nono rendiconto, 1865, p

5 Luglio 2002 L impressione che si ha guardando un foglio catastale Rabbini, se confrontato con altri cessati catasti 5 contemporanei o precedenti, è di notevole chiarezza, rigore metodologico, quasi scarno ma di notevole dettaglio e precisione, se si considera che il rilievo, come detto, avveniva per allineamenti! Addirittura, osservando il libro figurato 6, con riportati gli esatti allineamenti eseguiti e le misure rilevate sul terreno, si ha l impressione di entrare veramente nel futuro della cartografia numerica, dove oggi, grazie all evoluzione tecnologica, un punto è definito in modo univoco dalle sole tre coordinate riferite ad un Sistema addirittura geocentrico, mentre per il Rabbini erano le relazioni spaziali con l intorno che ne avrebbero consentito il ristabilimento. La genialità e la lungimiranza di Rabbini subirono però un duro colpo a causa di una Patria che aveva cambiato estensione e centro propulsore, tanto che apparì ormai limitato il catasto piemontese a fronte di una necessaria catastazione generale. Difatto il Catasto Rabbini non ebbe seguito e non fu attuato 7, restando in ogni caso, per quasi cento anni, l unico riferimento cartografico di dettaglio del territorio piemontese. Il genio di Rabbini meritava però un riconoscimento a livello internazionale: nel 1862, all Esposizione di Londra, Rabbini fu premiato per ottime mappe catastali e per l uso della fotografia per la riduzione delle mappe. Che cosa si era inventato il Rabbini? Trovandosi di fronte al notevole problema di riprodurre, riducendone la scala, i grandi fogli del catasto 8, aveva contattato un fotografo, un certo Francesco Chiapella di Torino, e con lui aveva approntato un metodo di riproduzione, riduzione e stampa dei fogli 9. A titolo di esempio, per riprodurre e ridurre un foglio di mappa per mezzo del pantografo occorrevano, senza considerare la perdita di precisione e gli errori accidentali, almeno 15 giorni, mentre in due anni di lavoro fotografico, vennero riprodotte 1014 mappe originali stampandone copie. Che genio quel Rabbini! Renato Locarni, geometra 5Per la nostra zona: il settecentesco Censimento Universale del Ducato di Milano - Catasto Teresiano o di Maria Teresa dove il Direttore Generale Gian Giacomo Marinoni era piu pittore che topografo, il libro figurato in cui sono conservate le quote numeriche rilevate sul terreno e dove sono indicate tutte le operazioni occorrenti per il ristabilimento dei limiti dei beni-fondi AST/123, p. 20 n.13^. 7 Ispezione Compartimentale Del Catasto Di Torino comunicazione prot.561 del Archivio Storico del comune di San Bernardino Verbano. 8Questi avevano dimensione di metri 2 * 1,32 nelle scale 1: Alfonso Bogge Antonio Rabbini, il catasto cavouriano del 1855 e l uso della fotografia per la riduzione della mappe. Macugnaga, frazione Pestarena, Mappa Rabbini del

6 Eventi meteorici NOTIZIARIO Non è tutta colpa della natura Tipiche ostruzioni d alveo Segni premonitori Frana per mancato drenaggio Gli eventi meteorici del Maggio 2002 hanno nuovamente messo in ginocchio il Piemonte ed in particolare, per quanto ci riguarda, le provincie di Novara e Verbania. Infatti le piogge torrenziali del mese di maggio hanno innescato in più Comuni frane di varie dimensioni, dal piccolo dissesto lungo le strade a crolli di versanti su vaste aree. La frequenza di eventi meteorici così intensi è ormai elevata, si pensi agli eventi alluvionali 1993, 1996, 2000, 2002, ma è lecito chiedersi se gli effetti così disastrosi per l economia e le urbanizzazioni siano davvero solo imputabili alla fragilità intrinseca del nostro territorio, connessa ad eventi meteorici eccezionali, o se non ci sia in tutto ciò una componente antropica rilevante. Se si analizzano in dettaglio i dissesti si osserva infatti come le cause principali o concorrenti con i fenomeni eccezionali siano da ricercare in una totale mancanza di rispetto ed attenzione per il territorio. Così spesso si osserva che ad innescare le frane sui versanti sono: 1) acque meteoriche concentrate raccolte a monte e non recapitate sino a corsi d acqua o comunque a recapiti idonei, ma lasciate defluire a metà versante, 2) i boschi non più puliti e con tagli regolamentati, in cui le piante, troppo alte e filiformi, sventagliando per il vento forte si sradicano creando una fenditura nel terreno all interno della quale penetra l acqua che, scavando, innesca il processo franoso, 3) i mancati drenaggi (le antiche rogge) che, non più puliti e del tutto cancellati, non fungono più da vie d acqua e le acque meteoriche, o saturano il terreno appesantendolo e quindi innescando il dissesto, o scorrono in superficie con elevata capacità erosiva creando i presupposti per i successivi dissesti, 4) i depositi abusivi di macerie e resti vegetali, frequentemente lasciati sui cigli dei versanti o sulle sponde dei torrenti, che privi di consistenza e senza contenimenti al piede vengono agevolmente intaccati dalle acque di scolo, 5) le piene dei corsi d acqua che, non puliti dai sedimenti e soprattutto dalla vegetazione e dai numerosi rifiuti, assumono carattere torrentizio ad elevata capacità erosiva asportando il piede delle sponde e dei versanti ad esse prospicienti. Quando il dissesto franoso si verifica lungo un versante al cui piede scorre un corso d acqua il pericolo per le aree urbanizzate diventa ancora più elevato. Normalmente infatti i centri urbani sorgono sui conoidi di deiezione di questi torrenti o vengono attraversati dal corso stesso: in entrambi i casi l elevato trasporto solido del torrente in piena fa sì che le sezioni di deflusso dei tombini e talora dei ponti non siano più in grado di smaltire le portate afferenti provocando danni ormai ben noti. A solo titolo esemplificativo si ricordi l alluvione che colpì Omegna nel 1996 con le tragiche conseguenze o l evento franoso recentemente occorso a Nebbiuno, fortunatamente senza danni a cose o persone, ma comunque significativo di quanto sopra esposto. Non esiste una soluzione definitiva per questa situazione, ma è forse possibile mitigare il rischio spingendo le Amministrazioni pubbliche affinché pongano maggiore attenzione al loro territorio facendo rispettare i regolamenti di Piano regolatore ormai sempre più specifici e restrittivi, imponendo ai privati la manutenzione delle proprietà boschive (eventualmente anche incentivandoli), richiedendo ai professionisti che operano sul territorio una cura particolare proprio nella regimazione delle acque sia laddove vi sono in previsione nuove edificazioni sia dove si recuperano aree già esistenti. Sembrano osservazioni ovvie, ma per esperienza so che spesso l azione dell acqua viene sottovalutata o del tutto ignorata, salvo poi pentirsene quando il maltempo infierisce in modo devastante. A corredo di queste brevi note vi sono alcune fotografie che ritengo siano esplicative di quanto esposto e che si commentano da sole. Geom. Paolo Longoni 6

7 Luglio 2002 Catasto Decentramento del catasto ai Comuni L ormai cronica inefficienza del Catasto, unita alla dimostrata incapacità delle passate e dell attuale Amministrazione di recuperarla, ha creato la necessità di un ripensamento generale di tutto il sistema. È sicuramente un ambizioso e ormai necessario obiettivo, totalmente condiviso dai Geometri liberi professionisti che però non ravvisano in questo progetto di decentramento lo strumento che possa realizzarlo. Il Decreto Legislativo 112 del conferisce ai Comuni tre distinte funzioni catastali: conservazione, utilizzazione ed aggiornamento; fra queste, l unica da noi condivisibile è la utilizzazione, poiché la necessità primaria dei Comuni non è, come si è voluto far sembrare, la gestione del Catasto stesso, bensì l accesso ai suoi dati. I Comuni infatti hanno necessità di poter disporre di dati censuari completi ed esatti al servizio dell impostazione fiscale locale (ICI) e di una cartografia digitale aggiornata ed attendibile da impiegarsi in applicazioni SIT (Sistemi Informativi Territoriali) e/o come supporto alla redazione dei Piani Regolatori. È in questo contesto che vogliamo evidenziare e denunciare alcuni aspetti del decentramento che potrebbero produrre danni irreparabili. Abbiamo l impressione che per l ennesima volta la parte tecnica dell argomento sia stata affrontata in modo superficiale. Fondamentalmente non riusciamo a capire perché nell ottica di un Catasto fortemente informatizzato e collegato telematicamente a tutti gli operatori il medesimo Catasto debba dotarsi di più personale e sedi di prima. Da sempre, in Italia, il Catasto è considerato uno strumento fiscale di secondaria importanza che, volutamente e velatamente, dev essere caratterizzato da approssimazione e disfunzioni varie, si pensi ad esempio all iniquità dei valori catastali dei fabbricati ed al risvolto che essa ha sugli introiti erariali e sull elusione fiscale. Finalmente, da alcuni anni, siamo testimoni però di una accelerazione finalizzata alla riforma del sistema, orientata al recupero del lavoro arretrato inevaso, alla modernizzazione delle procedure ed al riesame dei sistemi di stima e attribuzione delle rendite. Purtroppo tale attività, anche in questa occasione, è stata condotta con leggerezza e senza il necessario supporto finanziario; infatti ravvisiamo da una parte la Direzione Centrale che programma con grande fermento nuove procedure finalizzate all ottimizzazione del servizio e dall altra la Agenzie del Territorio Provinciali che, prive di mezzi, risultano essere incapaci di rispettare le direttive emanate. Il recupero dell arretrato, per esempio, viene indicato dalla Dirigenza dell Agenzia del Territorio come completamente attuato, purtroppo la realtà dei fatti è che negli scantinati di numerosi Uffici Provinciali (in particolare quello di Verbania), vi sono ancora migliaia di pratiche da evadere e che l ipotesi di un vero recupero necessiterebbe di ben altre risorse. Per potere fare fronte alle pressanti richieste dell Amministrazione Centrale, le Agenzie Provinciali dovrebbero essere sottoposte ad importanti incrementi di personale qualificato, di dotazioni informatiche e di risorse finanziarie in genere. Si pensi inoltre che per l attuazione di questo progetto di decentramento sono previsti lunghi periodi di affiancamento degli attuali funzionari catastali, nel ruolo di insegnanti, ai futuri tecnici erariali comunali. In questo scenario, l aggiunta di altre incombenze a carico delle scarse risorse umane attuali, può solo farci immaginare il collasso dell intera struttura. Analizziamo di seguito, in modo più dettagliato, i motivi per i quali nutriamo grandi preoccupazioni. Per quanto attiene al Catasto Fabbricati, la nostra perplessità è legata alla concreta possibilità che Comuni limitrofi, analizzando un fabbricato di pari peculiarità e identiche caratteristiche, potrebbero adottare criteri di attribuzione delle rendite catastali opposti. Si pensi ad esempio al Sindaco del Comune A, che per ottenere maggiori consensi, tenda ad attribuire rendite basse ed al Sindaco del Comune B, che per ottenere maggiori introiti ICI, tenda invece ad attribuire rendite alte. È ovvio che in questo modo, gli 7 interessi locali metterebbero a rischio il principio di equità fiscale. Per quanto attiene invece al Catasto Terreni, la nostra preoccupazione risulta essere più pesante ed è doveroso denunciare alcuni aspetti che fino ad oggi purtroppo non hanno ricevuto la necessaria attenzione. Ricordiamo che il Catasto, oltre ad essere lo strumento di gestione fiscale del patrimonio immobiliare, è anche soprattutto un ORGANO CARTOGRA- FICO DELLO STATO e che nel mondo intero le cartografie nazionali vengono gestite da Enti Centrali, dotati di competenze specifiche in scienze ben distinte quali la cartografia, la geodesia, la tipometria, la topografia e la fotogrammetria. È impensabile quindi, che la gestione del patrimonio cartografico debba essere demandata ad una miriade di Enti eterogenei, non qualificati e soprattutto a personale privo di formazione adeguata e di esperienza mirata. A questo proposito risulta essere assai preoccupante il progetto di formazione del nuovo personale. Affiancare infatti, per pochi mesi, un Funzionario catastale ad un Tecnico dotato di tutt altra preparazione e pretendere che quest ultimo possa poi gestire con semplicità una materia che richiede formazione specifica ed esperienza pluriennale, ci sembra una eccessiva forzatura ed una semplificazione inaccettabile. Questo modo di gestire la cartografia potrebbe essere tollerabile nel solo caso in cui l obiettivo esplicito prefissato fosse quello di ottenere una mappa largamente approssimativa, tipicamente finalizzata alle sole applicazioni SIT (sistemi Informativi Territoriali). Che tale assurdo indirizzo sia purtroppo quello attuale è dimostrato dall intenzione di adottare un economico formato numerico per la gestione di una cartografia raster-vector che non può assolutamente soddisfare le vere esigenze catastali. A questo proposito va ricordato che, rispetto alle applicazioni SIT, sono ben altre le finalità primarie della mappa, si pensi ad esempio, oltre agli aspetti (segue a pag. 8)

8 NOTIZIARIO Val Strona, Forno, Mappa Maria Teresa del 1722 censuari, agli aspetti di diritto legati all individuazione dei confini di proprietà, quando la mappa riveste primaria importanza metrica nei casi di controversie e diventa l unico elemento su sui basare la stesura di perizie giudiziarie. Immaginiamo anche quelle attività tecniche legate ai progetti di grandi opere lineari (strade, ferrovie, canali, fiumi, ecc.) dove le cartografie rivestono fondamentale importanza. Come potrebbero poi, i tecnici incaricati, organizzare in modo logico il proprio lavoro se non ci fosse un unico interlocutore cartografico? Grande preoccupazione deriva anche dall aspetto interpretativo delle norme che ogni singolo Ufficio di fatto può esercitare. Già oggi, con le sedi delle Agenzie diffuse secondo il criterio Provinciale, nessuna Direzione Tecnica Nazionale o Compartimentale è mai riuscita ad unificare le procedure fra Agenzia e Agenzia, producendo così enormi difficoltà all utenza che opera in più sedi (è infatti diffuso il detto che ogni Catasto sia una Repubblica Autonoma ). Altro grave aspetto di tipo funzionale ed economico riguarda ancora i liberi professionisti, che frequentano un solo Ufficio Provinciale, riescono attualmente ad ottimizzare i tempi e di conseguenza unificare i costi relativi a più pratiche su più Comuni. Nell ottica di questa forma di decentramento, con il moltiplicarsi delle sedi, si moltiplicherebbero di conseguenza anche gli oneri di gestione, che ovviamente verrebbero nuovamente riversati sul cittadino. Ricordiamo che negli anni 80 si iniziò a parlare della modernizzazione della cartografia catastale e si avviarono i progetti che dettavano le regole di un moderno aggiornamento. La procedura varata nel 1988, che di fatto comportò anche, e comporta tutt oggi, un onere elevato per i singoli cittadini (a causa della complessità delle operazioni che hanno reso necessario l incremento dei costi e degli oneri professionali per la redazione delle pratiche), era il primo passo nella giusta direzione. Peccato che contestualmente, l amministrazione stessa, non abbia portato a compimento i doveri che le competevano: recupero dell arretrato, vettorizzazione delle mappe cartacee, integrazione delle misure mancanti alla rete dei punti fiduciali, realizzazione della rete dei punti GPS, rigido controllo degli atti di aggiornamento presentati dai professionisti, calcolo delle coordinate definitive dei capisaldi, ecc. L Amministrazione ha quindi, già da oltre 10 anni, imposto ai cittadini un impegno economico gravoso; trascurando però i propri doveri, vanificando l intera revisione del sistema. Ricordiamo inoltre che la cartografia è un bene della collettività costruito ed aggiornato nel tempo con immense profuzioni di energie, denaro e competenze. Attuare questo progetto di decentramento equivarrebbe alla inconcepibile distruzione di un patrimonio collettivo. In sintesi, quindi, riteniamo che: 1) a prescindere dall attuazione del decentramento, tutti i dati e le cartografie catastali debbano essere oggetto di seria revisione finalizzata all ottenimento di una banca dati aggiornata e completa, fruibile da chiunque intenda collegarsi telepaticamente dalla propria sede. 2) il decentramento del Catasto ai Comuni debba essere inteso come decentramento delle sole funzioni di consultazione e accesso diretto alla banca dati censuaria e della cartografia presso terminale informatici fisicamente posti nelle sedi comunali. In particolare, evidenziamo che la cartografia debba essere disponibile ed accessibile in via telematica e direttamente utilizzabili anche per applicazioni specifiche quali i SIT e la realizzazione dei Piani Regolatori. 3) la funzione di conservazione debba rimanere alla Agenzie del Territorio debitamente riviste, riqualificate ed investite di rinnovata seria competenza. 4) l aggiornamento, da sempre a cura dei liberi professionisti, debba essere esercitato dagli stessi in via telematica. DENUNCIAMO QUINDI: che questo progetto, così configurato, produrrà uno sperpero di denaro pubblico mascherato da una finta operazione di decentramento. l impressione che l Amministrazione attuale voglia in realtà mascherare e frazionare capillarmente l attuale banca dati disastrata scaricandosi così di un grande peso; si noti che gli ignari Comuni sono stati informati solo marginalmente dal grave problema. che è necessario rivisitare il Decreto Legislativo n. 112 del e dirottare le risorse finanziarie previste sull Agenzia del Territorio, affinché provveda alla trasformazione dell attuale situazione catastale precaria ed imprecisa in una situazione tecnologicamente avanzata, moderna, efficace, completa ed esatta. che è necessario, nelle scelte politiche riguardanti la materia catastale, prendere in considerazione le opinioni ed i suggerimenti dei Geometri liberi professionisti, poiché da sempre in tale settore sono in prima linea e sicuramente fra i più profondi conoscitori dell argomento. In vista della prossima gestione telematica delle procedure, la completa inutilità di sedi decentrate. Da Il Geometra della Provincia Granda n. 1/2002 8

9 Luglio 2002 Internet I consigli per registrare il vostro sito Negli ultimi tempi si è assistito anche nel nostro Paese ad una crescita notevole della registrazione di domini. Si è così passati, in poco tempo, dai fastidiosi nomi lunghi (ad esempio: ai più semplici domini di secondo livello (ad esempio: Un dominio è l attribuzione di un nome mnemonico a un numero IP, che sta per Internet Protocol: ad esempio Ricordare il nome di un sito piuttosto che il suo identificativo IP è più facile. Il nome del dominio può contenere da 3 a 63 caratteri, spazi esclusi. I caratteri possono contenere cifre (ad esempio: e trattini (alti e bassi). Più corto è il nome e più facile sarà ricordarlo e digitarlo senza errori. La liberalizzazione dei domini.it (si ricorda che fino a due anni fa era consentito solo ai possessori di partita IVA la registrazione di un solo dominio mentre i privati non potevano farlo) ha curiosamente fatto crescere anche la registrazione di domini da parte di utenze italiane con suffissi diversi da.it. Spesso accade, infatti, che si richieda la registrazione dello stesso dominio in almeno tre versioni, ad esempio e in modo da essere facilmente rintracciabili anche da coloro che, sebbene non conoscano il suffisso, possano raggiungerci conoscendo solo il nome. La crescita delle registrazioni è stata incentivata anche da altri fattori. Primo, fra tutti, la caduta dei prezzi. Si è passati dall acquisto di un dominio per centinaia di mila Lire ai pochi Euro di oggi. Un altro dato da tenere presente è sicuramente la crescita dei navigatori Internet e delle stesse aziende presenti nella grande Rete. Insomma, in un solo biennio si è assistito ad una vera trasformazione dei siti Internet non solo nella concezione grafica e del contenuto, ma anche nei loro nomi. Spesso i nomi dei domini sono frutto del nome dell azienda, della categoria merceologica alla quale appartengono o della fantasia. Oggi, un azienda che non abbia un sito Internet sembra non poter competere con la concorrenza perché denota una scarsa propensione all innovazione: un nome a dominio rappresenta un biglietto da visita per chi vuole comunicare ai clienti la propria modernità e il proprio adattamento ai tempi che cambiano. LE ESTENSIONI DEI DOMINI Le estensioni di un dominio sono le lettere precedute dal punto (.) che segue il nome scelto. Ad esempio il dominio è formato da che è comune a tutti i domini, dal nome scelto dall utente (in questo caso mariorossi ) e dall estensione.it che rappresenta la tipologia o l ubicazione geografica del sito. Fino a poco tempo fa, alle estensioni del domini geografici legati al Paese di provenienza (.it per l Italia,.fr per la Francia, e così via) si contrapponeva.com, per le aziende,.net (per le attività di Internet) e il.org per le organizzazioni. Visto il gran numero di registrazioni, si è reso indispensabile procedere con la creazione di nuove estensioni. Questo perché un dominio è unico e, quindi, dopo la registrazione non potrà esistere nessun sito che possa avere un nome identico al nostro. Accanto alle estensioni suddette, da poco tempo ne sono comparse di nuove: in particolare.biz e.info. Si tratta delle prime estensioni autorizzate dall I- CANN (Internet Corporation of Assigned Names and Numbers), il nuovo ente preposto all assegnazione. Queste due estensioni sono alla portata di aziende e privati che vogliono un alternativa al.com che rappresenta il suffisso più utilizzato in assoluto. Accanto a queste estensioni ne sono sorte altre non autorizzate dall ICANN. È un servizio presentato, ad esempio, da New.net (www.new.net) e consiste nel reindirizzamento dei domini. In pratica, sono state create 21 nuove estensioni non ufficiali solo per l Italia (ad esempio.ditta,.famiglia,.turismo) e un numero cospicuo per il resto del mondo. Per l utilizzo di domini con queste estensioni sono necessari alcuni particolari accorgimenti descritti nei siti partner di New.net, come ad esempio NetZero e Juno. In sostanza, il dominio ufficioso viene convertito automaticamente in un dominio ufficiale dal provider o dal browser (mediante plug-in), senza che il navigatore se ne accorga. SE SI CAMBIA IL PROVIDER E una volta registrato il dominio, cosa si deve fare in caso di cambio del provider? È sufficiente richiedere un trasferimento di dominio. Di solito, ad un nome di dominio corrispondono anche indirizzi e- mail. Ad esempio, al dominio segue l dove info sta per il nome scelto dall utente e mariorossi.ti (il nome che si trova subito dopo il ) rappresenta il dominio. COME SI REGISTRA UN DOMINIO.IT Fino ai 14 gennaio di quest anno erano attivi presso la Naming Authority Italiana (www.nic.it) ben domini. Per registrare un dominio è preferibile affidarsi ad uno dei tanti provider che mettono a disposizione le procedure on-line. A differenza delle altre estensioni, i domini.it hanno bisogno di più tempo perché la registrazione sia conclusa. Dipende dal NIC (a volte ci sono più richieste rispetto al normale e si è costretti ad aspettare qualche giorno) ma anche dal gestore al quale avete affidato la registrazione e, soprattutto, dalla procedura che è completamente diversa dalle altre. Di solito le registrazioni non superano i 2 o 3 giorni lavorativi, ma può capitare che i tempi si dilatino. Per i domini.it è richiesta una lettera di responsabilità, detta LAR, che va inviata al NIC all indirizzo che si trova nel sito stesso. Nella maggior parte dei casi i domini vengono acquistati con pagamento on- line (carta di credito) ma ci sono dei gestori che accettano anche altre forme di pagamento come il bonifico bancario o il conto corrente postale. L altra strada per acquistare i domini è quella di utilizzare direttamente il sito del NIC. La procedura appare più macchinosa e il prezzo è più esoso rispetto alle offerte che si trovano in Rete. (da PC OPEN) 9

10 NOTIZIARIO Tanti servizi in rete Geoweb un passo in più Geoweb nasce da una iniziativa del Consiglio Nazionale Geometri e dalla Sogei, allo scopo di sviluppare e diffondere servizi telematici rivolti ai geometri. Offrendo ai propri abbonati una rete Intranet 1 attraverso la quale, in modo sicuro e dedicato, è possibile ottenere immediatamente informazioni e certificati, utilizzare il servizio di posta elettronica e navigare in Internet senza bisogno di abbonarsi ad altri gestori, Geoweb si pone un passo più avanti di molte altre società che offrono banche dati professionali. Il cavallo di battaglia è certamente l interazione che esiste con l Agenzia del Territorio: il tecnico può accedere ai servizi di visure catastali e di ispezioni ipotecarie comodamente seduto davanti al suo computer, 24 ore su 24, senza più l assillo di estenuanti code agli sportelli, ottenendo visure catastali stampate da Geoweb che hanno la stessa valenza di quelle stampate dal Catasto e possono pertanto essere liberamente usate. Inoltre, nei cantieri di Geoweb sta nascendo un altro nuovo servizio: quello della trasmissione telematica degli atti catastali (Docfa e Pregeo), la cui disponibilità verrà data non appena lo stesso sarà attivato dal Dipartimento del Territorio. Complessivamente Geoweb offre al geometra, oltre alla consultazione della banca dati catastale (Catasto Terreni e Catasto Fabbricati), le ispezione ipotecarie grazie all accesso alle banche dati delle Conservatorie, il servizio di posta elettronica, la rassegna stampa (con consultazione delle testate dei primi dieci quotidiani nazionali, degli articoli riguardanti i temi del Catasto, degli articoli riguardanti gli albi professionali e degli articoli riguardanti la sicurezza), un valido sistema per monitorare i costi dei servizi a pagamento erogati ed un servizio Help Desk con operatore per risolvere velocemente i problemi connessi a Geoweb. Da non dimenticare poi una serie di servizi minori ma pur sempre importanti quali: possibilità di pubblicare il proprio curriculum sul sito, di ricercare e/o offrire opportunità di lavoro, forum su tematiche specifiche, attività di formazione nel settore informatico e telematico, attività di analisi, studio, ricerca e consulenza sulle materie di interesse della categoria dei geometri e collegamenti ad altri siti interessanti. Naturalmente tutto ciò è riservato ai geometri abbonati: per maggiori informazioni sulle tariffe applicate è possibile consultare l apposita sezione Modalità di adesione. Per chi invece avesse ancora qualche dubbio, consiglio di visitare la sezione Faq, nella quale vengono pubblicate le risposte alle domande più frequenti. Geoval: riaperti i termini per aderire L Assemblea dell Associazione Esperti Valutatori (GEOVAL) ha approvato una mozione per la quale è possibile aderire all Associazione stessa, in qualità di socio fondatore, entro il 31 ottobre Durante l Assemblea infatti, si è constatato che non tutti i Collegi d Italia avevano pubblicizzato l iniziativa della costituzione della associazione Esperti Valutatori. Quindi moltissimi colleghi, interessati ad aderirvi fin dalla prima ora, non essendo a conoscenza delle procedure e delle modalità per farlo, né in certi casi, addirittura degli scopi e delle finalità dell Associazione, sono stati inconsciamente esclusi da questa possibilità. Ora la mozione dell assemblea dei soci fondatori, ha riaperto i termini, per cui tutti i Geometri interessati, potranno iscriversi in qualità di socio fondatore, fino al 31 ottobre 2002, utilizzando l apposito modulo. La quota d iscrizione è di _ 103,29 e va versata attraverso bonifico bancario presso la Cassa di Risparmio di Ferrara, con le seguenti coordinate bancarie: c/c 246/6 Cassa di Risparmio di Ferrara S.p.A - sede di Roma Piazza della Madonna di Loreto, 24 ABI CAB Nel merito, il nostro Consiglio Nazionale ha inviato a tutti i Collegi una circolare apposita, con allegato il modulo per l iscrizione ed un breve sunto delle motivazioni e dei vantaggi che i nostri estimatori potranno trarre da GEOVAL. Lo Statuto e il modulo di iscrizione sono disponibili presso il Collegio. Il sito Da Il Geometra ligure n. 3/ Intranet: sistema di collegamento in rete realizzato con i protocolli di internet ma riservato alle comunicazioni all interno di un azienda o di un gruppo di aziende. Sito web interessante Vi segnaliamo l indirizzo web da dove scaricare liberamente l utilità Freeware UTC. Un Cad topografico che calcola nuovi punti secondo i più diffusi schemi di lavoro e che consente di trasferire facilmente i dati dal Pregeo ad AutoCAD. 10

11 Luglio 2002 Notiziario CAD Informazioni dal mondo del CAD Con questo numero nasce una nuova rubrica, IL NOTIZIARIO CAD, con il preciso scopo di fornire qualche interessante informazione, consiglio, trucco sul mondo del Project Design e ciò che gli sta attorno. Diventare bravi ad utilizzare un sistema CAD non è semplice, ci vuole esperienza, conoscenza ed anche flessibilità ad adeguarsi alla continua evoluzione dei softwares. Lo sviluppo di Internet ci ha permesso di attingere una innumerevole quantità di informazioni, che se da un lato aiutano l acquisizione di dati, dall altro richiedono tempo, denaro e pazienza per la loro ricerca, sempre che sappiamo dove andare a cercarle! Ho pensato quindi di dedicare un angolino di questo Notiziario per fornire dei semplici flash informativi, proprio sull uso del CAD, software di progettazione e designazione, con eventualmente la possibilità di approfondirli insieme. A questo punto sento il dovere di fare una piccola introduzione. Il termine CAD (acronimo di Computer Aided Design, letteralmente Designazione Assistita dal Calcolatore ) sta ad indicare tutte quelle applicazioni (software, codici o procedure) che grazie all ausilio del computer ci permettono di realizzare qualsiasi tipo di progetto, nei campi più disparati, dall architettonico all ingegneristico, dall elettronico all ambientale, etc. Uno tra i più importanti e diffusi sistemi CAD è senza dubbio Autocad. Autocad è nato come un tavolo da disegno digitale e, come tutti i softwares, in questi ultimi anni ha subito un notevole sviluppo, sia come veste grafica (quindi più facilità nel suo utilizzo), sia come potenza di gestione dei dati, velocità di rigenerazione delle geometrie e rendering (per non andare troppo nel complicato!). Questo gli ha permesso di divenire un vero e proprio motore grafico standard; infatti le sue estensioni dwg dxf etc sono parte integrante di qualsiasi pacchetto cad sul mercato, anche dei più sofisticati modellatori tridimensionali, quali Catia, Alias, Pro Engineer,Think Design, etc. Autocad è un programma vettoriale, il che sta a significare che tutte le geometrie che si disegnano vengono trattate dal computer come vettori e curve matematiche. Per fare un esempio, se si disegna una semplice linea, per il computer questo è un vettore; non è possibile cancellarne un pezzettino con lo strumento gomma, ma bisogna operare 11 un taglio della linea in due segmenti per poi selezionare il segmento che non serve ed eliminarlo. Il lavoro di designazione si basa fondamentalmente sull utilizzo di primitive grafiche, quali la linea, il cerchio, l arco, i poligoni, le ellissi, i retini, e sull utilizzo di strumenti di modifica e di editazione quali taglia, copia, sposta, ruota, raccorda, congiungi, modifica. (segue a pag. 12)

12 NOTIZIARIO La base matematica delle primitive grafiche è di primaria importanza in quanto ogni oggetto che viene visualizzato a schermo viene interpretato dal computer come una serie di dati memorizzati in un data base, e proprio da questa base noi possiamo cancellare o ripristinare un determinato elemento disegnato e recuperarne informazioni come lunghezza, angolo, perimetro, area. AutoCAD è anche dotato di un proprio linguaggio di programmazione chiamato Autolisp che permette ai più bravi e volenterosi di realizzare piccole utilities, nonché a veri e propri sviluppatori di realizzare applicativi verticali quali ad esempio AutoCAD Map, oppure AutoArchitect, che permettono al tavolo virtuale di arricchirsi e, soprattutto, specializzarsi in un determinato settore. Ciò che ha fatto sì che tali sistemi CAD si diffondessero così rapidamente è senza dubbio la rapidità e la facilità con le quali è possibile creare e modificare un disegno. Essere competitivi nel mondo del lavoro, continuando ad usare i metodi di produzione tradizionali (tecnigrafo), è veramente impensabile. Il mondo del lavoro richiede sempre di più una maggiore precisione, qualità e velocità di esecuzione, tre caratteristiche che possono coesistere solo se si utilizzano con disinvoltura gli strumenti che la tecnologia odierna ci mette a disposizione. In questa rubrica saranno contenuti suggerimenti e informazioni dati anche dai lettori stessi, che potranno scrivermi tramite l riportato in fondo all articolo, per consentire a chiunque intendesse avvicinarsi al mondo del Cad di farsene un idea e a coloro che già lo utilizzano di mettere a servizio degli altri le proprie conoscenze, insomma, come si dice in gergo, realizzare una open source del CAD, a servizio dei geometri del VCO. Arrivederci alla prossima puntata. Geom. Ivano Giuliano Agevolazioni per i professionisti Tremonti-bis Solo i lavoratori autonomi che sono possessori di reddito derivante dall esercizio di arti e professioni possono beneficiare delle agevolazioni della Tremonti-bis. È questo il primo chiarimento contenuto nella circolare 90/2001. Rimangono esclusi gli altri soggetti indicati nel comma 2 dell articolo 49 del Testo unico delle imposte sui redditi, che pur non essendo lavoratori autonomi veri e propri sono possessori di reddito di lavoro atono: inventori, autori, soci fondatori o promotori di Spa o Srl, associati in partecipazione, con apporto di solo lavoro e così via. TREMONTI INVESTIMENTI Anche i lavoratori autonomi devono fare il calcolo che consente di stabilire se, e di quanto, hanno superato il limite della media del quadriennio precedente: più precisamente la media del quinquennio precedente con esclusione dell anno con investimenti netti più alti. Se l attività è iniziata da meno di un quinquennio, si farà riferimento alla media del biennio, del triennio e così via. Se l attività è iniziata nel 2001, purché entro l entrata in vigore della legge, e cioè tra pochi giorni, tutti gli investimenti netti 2001 e 2002 sono agevolati: infatti, il 2001 non ha precedenti e il 2002 ha solo precedente (2001) che può essere escluso essendo un precedente con più alti investimenti. L investimento va preso al netto delle cessioni di beni potenzialmente agevolati, anche se le cessioni per i lavoratori autonomi non rilevano ai fini delle imposte dirette. I BENI Tra i beni agevolati rilevano non solo i mobili e le macchini d ufficio, ma anche gli immobili, il software e gli automezzi. Non gli oggetti d arte, d antiquario o da collezione, identificati in base alla tabella prevista dall art. 36 del Decreto legge 41/95. IL SOFTWARE Rientra tra gli investimenti il software applicativo acquisito con contratto di sviluppo, anche se acquistato a titolo di licenza d uso. Non sono ovviamente agevolati i canoni di manutenzione del software. L AUTOMEZZO L ammontare dell investimento è pari al valore fiscalmente rilevante: lire. Naturalmente l agevolazione si riduce al 50%, cioè a lire: che in termine d imposta (da 2 a 4 milioni) si riduce ulteriormente; sempre che negli anni precedente non vi siano stati investimenti (cosa pressoché impossibile) e non si riduca ulteriormente l ammontare agevolato. L IMMOBILE È necessario che si tratti di un immobile classificato A/10 e che vi sia l utilizzazione diretta. Il concetto di immobile strumentale per natura (A/10, B, C, D) non utilizzato direttamente non vale per il lavoratore autonomo, essendo prevista questa strumentalità solo per le imprese. La circolare precisa che si può trattare di un immobile non nuovo, ma ristrutturato, a condizione che il costo della ristrutturazione sia superiore a quello di acquisto. È questa una strana condizione, perché la ristrutturazione costa mediante 1/1,5 milioni al metro quadrato. Quindi, o si è comprata una catapecchia, per meno di 1/1,5 milioni al metro quadrato, o l immobile deve essere nuovo. Su questo punto della circolare, bisogna comunque ritornare perché forse non sono stati fatti bene i conti. Era più opportuno fare riferimento al tipo di concessione edilizia, senza contare che se si tratta di immobili vincolati delle Belle arti, il problema si accentua. Si ha di fatto l esclusione di tutti gli immobili situati nel centro delle grandi città dove non esiste il nuovo ad uffici. TREMONTI FORMAZIONE Nel costo non va contato il tempo del professionista, ma solo quello dei dipendenti docenti e discendenti. Se si paga l asilo nido ai figli, di età inferiore ai tre anni, dei dipendenti, l importo è agevolato. Tutte le spese sostenute sono agevolate, senza alcun riferimento a quelle sostenute negli anni precedenti. MOMENTO DELL INVESTIMENTO Beni ammortizzabili: consegna di beni; leasing, consegna dei beni; immobili, atto traslativo; spese di formazione, cassa; beni non superiori al milione, si deve ritenere cassa, anche se la circolare non tratta questo punto. Da Il Trabucco n

13 Luglio 2002 Commissione Scuola Esami di maturità Sono in corso gli esami di maturità per l anno scolastico Per i geometri le prove scritte si sono svolte nei giorni 19,20 e 24 giugno, mentre la prova orale inizierà all Istituto Ferrini di Verbania il giorno 28 giugno e all Istituto Einaudi di Domodossola il giorno 27 giugno. I candidati che hanno partecipato agli esami sono n. 28 all Istituto Ferrini di Verbania dei quali 26 hanno ottenuto il diploma e 24 all Istituto Einaudi di Domodossola tutti diplomati. Riportiamo il testo del compito di tecnologia delle costruzioni: Su un terreno di forma rettangolare, delle dimensioni di metri 80x60, adiacente per il lato più lungo ad una strada di interesse locale, progettare un edificio da adibire ad officina di riparazione per autoveicoli, capace di ospitare al suo interno non meno di sei veicoli contemporaneamente con annesso locale per deposito ricambi, uffici gestionali e servizi igienici e spogliatoi. Le distanze minime dai confini saranno non inferiori a mt 5,00 con un indice di fabbricazione pari a 0,5 m 3 /m 2. Sono richiesti: planimetria in scala adeguata del lotto con indicazione della sistemazione esterna; pianta dell officina; un prospetto; una sezione significativa; una relazione tecnica che illustri i criteri ispiratori della progettazione. Corso per geometra esperto Si è concluso con gli esami finali il Corso di Formazione Superiore per Geometra Esperto in Pianificazione e Sviluppo delle Aree Turistiche che si è tenuto presso l Istituto Ferrini di Verbania per la durata di 1800 ore pari a tre semestri. Il tema di esame scelto da tutti i nove candidati è il seguente: Il proprietario di una struttura turistico-ricettiva intende dotarla di una piscina di circa m 10 x 25 da realizzarsi su l area pertinenziale senza interrompere la propria attività alberghiera. Per soddisfare tale esigenza ha affidato a un tecnico di fiducia la relativa progettazione dell opera. Il candidato descriva quali attività devono essere predisposte al fine dell applicazione del D.Lgs. 494/96 e D.Lgs. 528/99, con particolare riferimento alle varie figure professionali che intervengono nelle varie fasi che accompagnano la progettazione e l esecuzione dei lavori. In seguito ai risultati della prova scritta e del colloquio orale tutti i candidati geometri sono stati ritenuti idonei con il seguente voto finale. ANTONINI DAMIANO 79/100 BARTOLOTTA GIOVANNI 78/100 CERUTTI LORENZO 76/100 FARACI ALESSIO 96/100 GROSSI OMAR 98/100 MARIGONDA FULVIO 90/100 MINOGGIO IVAN 87/100 SAVOINI ALESSANDRO 62/100 TRAMONTANO ILARIA 87/100 La commissione esaminatrice era composta dal Professor Giulio Mondini dell Università di Torino, dai geometri Luigi Borghini e Maurizio Sanavio del Collegio Geometri, dal Professor Flavio Manini dell Istituto Ferrini e dall Architetto Vittorio Brignardello dell Ufficio Tecnico del Comune di Verbania. INCARICHI PROFESSIONALI PER OPERE PUBBLICHE Molti professionisti che ricevono o concorrono per incarichi professionali da pubbliche amministrazioni attinenti la legge 109/94 (Merloni) hanno dubbi sull applicazione delle tariffe professionali. Infatti si chiedono se devono applicare quella di categoria o quella pubblicata con D.M. del 4 aprile Deve essere chiaro che per le opere pubbliche riguardanti l applicazione della legge 109/94 i corrispettivi tariffari sono quelli previsti nel decreto ministeriale 4 aprile 2001, riportati sulla G.U. n. 96, serie generale, del 26 aprile 2001, rettificata nella titolazione con decreto del ministero della giustizia pubblicato a pag. 71 della G.U., serie generale n. 128 del 5 giugno 2001 che richiama l art. 17, comma 14-bis della legge 11 febbraio 1994 n. 109 e successive modifiche. La rettifica si è resa necessaria perché: La titolazione del D.M. 4 aprile 2001 indicava erroneamente aggiornamento degli onorari spettanti agli ingegneri e agli architetti, mentre invece riguarda tutte le categorie che intervengono nelle attività di progettazione e nelle altre attività conseguenti come era nello spirito della legge 109/94. Quindi fino a quando non verrà disposto diversamente, le tariffe da applicare per i lavori pubblici della legge 109/94 sono quelle citate dal D.M. 4 aprile

14 Parcelle NOTIZIARIO Interessi di mora per il ritardato pagamento delle parcelle L articolo 15 della Legge , n. 144 stabilisce che il pagamento a saldo della specifica deve farsi non oltre i 60 giorni dalla consegna della stessa. Anni Data di decorrenza Tasso% settembre aprile 4, aprile giugno agosto marzo aprile gennaio aprile settembre 6, marzo dicembre maggio settembre febbraio febbraio marzo ottobre giugno agosto settembre ottobre dicembre settembre marzo agosto aprile Anni Data di decorrenza Tasso% febbraio maggio settembre gennaio novembre marzo aprile maggio marzo agosto agosto marzo marzo maggio maggio dicembre luglio luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre febbraio aprile maggip giugno Dopo di che, sulle somme dovute e non pagate, decorrono a favore del professionista e a carico del committente, gli interessi legali ragguagliati al tasso ufficiale di sconto stabilito dalla Banca d Italia. Si riportano le variazioni del tasso ufficiale di sconto, a partire dall anno Anni Data di decorrenza Tasso% 6 luglio settembre ottobre febbraio maggio agosto febbraio maggio luglio ottobre gennaio giugno dicembre aprile ottobre dicembre dicembre aprile novembre febbraio marzo maggio giugno settembre ottobre 4.75 Progettazione stradale: nuova normativa e disciplina Importanti innovazioni in materia di progettazione stradale sono state approvate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Le nuove norme sono state emanate secondo quanto previsto dall art. 13 comma 1 del Nuovo Codice della Strada. È la prima volta che prescrizioni tecniche, norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, oltre modo redatte ed elaborate avendo come principio guida la sicurezza, diventano un obbligo di legge. Il decreto è stato firmato il 5 novembre 2001 da parte del ministro alle Infrastrutture Pietro Lunari e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale supplemento ordinario n. 3 del 4 gennaio Le norme sono importanti perché si applicano per la costruzione di nuovi tronchi stradali e per l adeguamento di tronchi stradali esistenti. Il documento tecnico emanato persegue, anche attraverso la corretta progettazione dell asse e della sezione stradale, le finalità relative alla riduzione dell inquinamento acustico ed atmosferico. La Gazzetta Ufficiale è disponibile in Collegio. 14

15 Luglio 2002 Libretto-Casa Prosegue, con alterne vicende, la questione dei fascicoli di fabbricato che molti comuni hanno istituito o tentato di istituire negli ultimi anni. Ricordiamo che i tentativi di approvare una legge nazionale al riguardo sono finora falliti soprattutto per la vivace opposizione della Confedilizia e di altre associazioni di categoria, le quali contestano utilità e costi della iniziativa, che a loro dire non costituisce uno strumento utile a monitorare effettivamente lo stato dei fabbricati per arginare il degrado, e quindi per evitare il ripetersi di alcuni catastrofici crolli avvenuti in passato. Ciò premesso, gli aggiornamenti più recenti riguardano il comune di Foggia, la cui iniziativa è stata bocciata dal Tar della Puglia. Viceversa, almeno al momento, il Tar del Lazio, con recentissima decisione, ha confermato il via-libera al comune di Roma, antesignano del libretto-casa, nella capitale ci si avvia ormai alla fase operativa. Infatti, le scadenze dei termini entro i quali i proprietari di immobili dovranno dotare gli edifici di un libretto-casa per la descrizione delle condizioni del fabbricato ai fini della sicurezza sono: entro il 2002 per gli edifici costruiti prima del 1939; entro il 2004 per le case realizzate dal 1940 al 1971; entro il 2008 per gli immobili più recenti. Per la redazione del libretto è necessario l intervento di un tecnico professionista. Il costo medio a carico dei proprietari, punto sul quale sono in corso vivaci polemiche locali, dovrebbe aggirarsi intorno agli euro 250 per appartamento. E previsto tuttavia un contributo comunale, sotto forma di incentivo pari al 30% del costo, e di sconti ICI. NOTIZIARIO COLLEGIO DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA Anno VII - N 2 - Luglio 2002 Iscrizione n. 276 del 10 ottobre 1996 presso il Tribunale di Verbania Sede: C.so Sempione, Gravellona Toce (VB) Tel / Fax Sito: Direttore Responsabile: Franco Gemelli Direttore: Settimo Zolla Comitato di Redazione: Pier Paolo Maffioli, Giovanni Metelli, Paolo Longoni, Claudio Perletti, Luigi Borghini, Elisabetta Piazza Impaginazione: Nuova Immagine, C.so Marconi, Gravellona Toce (VB) - Tel / Fax Stampa: Fovana & Caccia, Via XX Settembre, Gravellona Toce (VB) - Tel AGENZIA DEL DEMANIO Oggetto: variazioni catastali su beni appartenenti allo Stato Demanio e Patrimonio L Agenzia del Demanio comunica che gli atti presentati da professionisti incaricati, a qualsiasi titolo, ad effettuare variazioni catastali nello stato dei beni Patrimoniali e del Demanio dello Stato, dovranno essere accompagnati dal nulla osta prodotto da questa Agenzia del Demanio a titolo di proprietà. Saranno soggetti al nulla osta preventivo, da parte di questa Agenzia, le seguenti variazioni catastali: Denunce di Variazioni al Catasto Fabbricati Denunce di Nuove Costruzioni al Catasto Fabbricati Denunce di variazioni nello stato e nelle colture dei terreni al Catasto Terreni (variazioni di coltura, frazionamenti, tipi mappali etc.) Volture catastali. Inoltre, in attesa che venga definito l ufficio di competenza, tutti i rapporti sono attualmente da intrattenere con la sezione di Novara, Corso Cavallotti n. 27 Telefono 0321/ Fax 0321/ AGGIORNAMENTO INDICE ISTAT (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ) Gli indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati relativi ai singoli mesi del 2001 e 2002 e le loro variazioni rispetto agli indici relativi al corrispondente mese dell anno precedente e di due anni precedenti risultano: Anni e mesi Variazioni percentuali rispetto Indici al corrispondente periodo (base 1995 dell anno di due anni = 100) precedente precedenti 2001 Maggio 115,1 3,0 5,4 Giugno 115,3 2,9 5,6 Luglio 115,3 2,7 5,4 Agosto 115,3 2,7 5,4 Settembre 115,4 2,6 5,2 Ottobre 115,7 2,6 5,3 Novembre 115,9 2,3 5,1 Dicembre 116,0 2,3 5,1 Media 115, Gennaio 116,5 2,3 5,4 Febbraio 116,9 2,3 5,3 Marzo 117,2 2,4 5,3 Aprile 117,5 2,4 5,5 Maggio 117,7 2,3 5,4 15

16 NOTIZIARIO La nostra a biblioteca TESTI: Decreti Legislativi n. 494/96 e n. 528/99: Come applicare le norme per la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili. Nuova Edizione 2000 INAIL Le attività del tecnico per l autorità giudiziaria Giuffrè Editore Le opere provvisionali nell emergenza sismica Servizio Sismico Nazionale Disegno e Progettazione LA TOPOGRAFIA Vol Del Bianco Editore Introduzione all Ingegneria antisismica Il Sole 24 ore Enciclopedia pratica per progettare e costruire Hoeply Editore Manuale di Prevenzione Incendi Il Sole 24 ore Il Manuale del Geometra Hoeply Editore Regolo Sicurezza Micro Software Editore 300 problemi di Topografia in Excel S.C.S. Editrice Il recupero degli edifici rurali nella provincia di Asti Regione Piemonte e Provincia di Asti Il recupero dell edilizia rurale Esperienze in Emilia Romagna Minerva Edizioni Censimento relativo alle emergenze a carattere monumentale ed ambientale nei Comuni ricadenti in tutto e in parte all interno dei Parchi naturali nazionali e regionali Sdemanializzazione e Valutazione d Impatto Ambientale dalla sdemanializzazione e dalla V.I.A.: prospettive sociali, economiche e professionali Convegno Nazionale Geometri PERIODICI: Italia Oggi Consulente Immobiliare Il Sole 24 ore Gazzetta Ufficiale Serie Generale Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Normativa Tecnica Rivista del Consulente Tecnico Maggioli Editore Albo Professionale dei Geometri Cancellazioni per decesso 25 Marzo 2002: n 86 GALLI FELICE. Registro o dei Praticanti COGNOME E NOME N DATA RESIDENZA ISCRIZ. DECORRENZA NUOVE ISCRIZIONI 2002 TADINI CARLO S. Bernardino Verbano MARGAROLI MARCO Malesco MOTETTA ALBERTO Pallanzeno BRACUTO GIANNI Verbania PRATI SIMONE Domodossola LEONARDI FABIO Domodossola MENEGHIN ALESSIA Verbania COGNOME E NOME N DATA RESIDENZA ISCRIZ. DECORRENZA TERMINE BIENNIO VANGELISTA ANDREA S. Maurizio d Opaglio BARTOLOTTA GIOVANNI Stresa 16

CIRCOLARE N. 3/2006. Direzioni Centrali, Consiglieri, Direzioni Regionali e Uffici Provinciali. Roma, 11 aprile 2006 Firmato: Mario Picardi

CIRCOLARE N. 3/2006. Direzioni Centrali, Consiglieri, Direzioni Regionali e Uffici Provinciali. Roma, 11 aprile 2006 Firmato: Mario Picardi CIRCOLARE N. 3/2006 PROT. N. 28334 ENTE EMITTENTE: Direzione dell Agenzia OGGETTO: Nuovi termini per l accatastamento delle unità immobiliari urbane, ai sensi dell art. 34-quinquies, comma 2, del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 2. N pagine complessive:10 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente

CIRCOLARE N. 2. N pagine complessive:10 L originale cartaceo firmato è archiviato presso l Ente emittente CIRCOLARE N. 2 PROT. N 3135 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: Direzione Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare Attivazione del servizio di trasmissione telematica del modello unico

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazione della Giunta Comunitaria N 48 Reg. Data 17/09/2012 OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO DI CONSULTAZIONE TELEMATICA CATASTALE PRESSO LO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO DI QUESTA COMUNITA MONTANA.APPROVAZIONE

Dettagli

TABELLE DEGLI STANDARD

TABELLE DEGLI STANDARD TABELLE DEGLI STANDARD Accessibilità ai servizi capillarità 106 Uffici Territoriali, oltre 5500 sportelli telematici collegati al PRA Utilizzo effettivo Accessibilità virtuale ed interattività Con l adozione

Dettagli

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Decreto del ministero dello Sviluppo economico 21 marzo 2013 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 luglio 2013 n.

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D

L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D Art. 13, comma 3, DL n. 201/2011 Art. 5, comma 3, D.Lgs. n. 504/92 DM 18.4.2013 Circolari MEF 18.5.2012, n. 3/DF e 23.5.2013, n. 2/DF Sentenza Corte Cassazione 9.2.2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali.

CIRCOLARE N. 12. Dipartimento per le Politiche Fiscali. PROT. n UDA/2890 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: CIRCOLARE N. 12 Direzione Agenzia del Territorio. Introduzione dell euro nelle procedure gestite dall Agenzia del Territorio. DESTINATARI: Agenzia del Territorio:

Dettagli

A.R.N.A.S. GARIBALDI CATANIA SETTORE TECNICO PATRIMONIALE AVVISO PUBBLICO

A.R.N.A.S. GARIBALDI CATANIA SETTORE TECNICO PATRIMONIALE AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO per la costituzione dell albo dei collaudatori per l affidamento degli incarichi di collaudo, il cui importo stimato sia inferiore ad 100.000,00 (I.V.A. esclusa), degli interventi aventi

Dettagli

Comitato dei Collegi dei Geometri della Regione Emilia-Romagna

Comitato dei Collegi dei Geometri della Regione Emilia-Romagna Comitato dei Collegi dei Geometri della Regione Emilia-Romagna Tariffa per prestazioni Topografiche e Catastali Predisposta dalla Commissione Regionale Topografia e Catasto Adottata dal Collegio dei Geometri

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2014/5266 Approvazione del modello per la richiesta di attribuzione del credito d imposta per i soggetti danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 (articolo 67-octies del decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello Studio n. 15-2013/I ha illustrato le modalità di pubblicazione

Dettagli

Modalità operative per la redazione degli atti di aggiornamento con la nuova procedura Pregeo 10 ver. 10.6.0, durante il periodo della

Modalità operative per la redazione degli atti di aggiornamento con la nuova procedura Pregeo 10 ver. 10.6.0, durante il periodo della Modalità operative per la redazione degli atti di aggiornamento con la nuova procedura Pregeo 10 ver. 10.6.0, durante il periodo della sperimentazione Premessa Come è noto, l attuale procedura Pregeo 10

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET

Servizi on-line per le Aziende e i Consulenti disponibili su web INTERNET Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale Organizzazione Servizi on-line per le Aziende

Dettagli

Libro unico del lavoro: istruzioni Inail in materia di vidimazione Nevio Bianchi Consulente del lavoro in Roma

Libro unico del lavoro: istruzioni Inail in materia di vidimazione Nevio Bianchi Consulente del lavoro in Roma Articoli Libro unico del lavoro: istruzioni Inail in materia di vidimazione Nevio Bianchi Consulente del lavoro in Roma 32 Dopo la pubblicazione da parte del Ministero del lavoro del «Vademecum» 5 dicembre

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI

CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI CONSIGLIO NAZIONALE GEOMETRI PRESSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA (Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2007) Regolamento per la formazione continua SOMMARIO Introduzione Pagina 3 Titolo I Disposizioni generali

Dettagli

Schema di regolamento comunale

Schema di regolamento comunale Schema di regolamento comunale Regolamento per l applicazione della maggiorazione tributaria a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili comunali (art. 14, comma 13, del D.L. 201/2011) SOMMARIO

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

STYLE DA GUERRINO srl Via Roma, 41 62010 Montecosaro Scalo (MC) PI: 00152300430 www.guerrinostyle.it WWW.GUERINOSTYLE.IT

STYLE DA GUERRINO srl Via Roma, 41 62010 Montecosaro Scalo (MC) PI: 00152300430 www.guerrinostyle.it WWW.GUERINOSTYLE.IT WWW.GUERINOSTYLE.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Versione aggiornata alla Dichiarazione dei diritti in internet 14 luglio 2015 Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente

Legge di Stabilità. agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente MAP Legge di Stabilità: nuove agevolazioni commisurate al valore ISEE e semplificazioni per i dati del conto corrente A cura di Cecilia Rabagliati Dottore Commercialista e Revisore contabile in Cuneo La

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

Regione. Nome e Cognome (di seguito. Denominato soggetto autorizzato ) codice fiscale. Nato/a il. Residente in (comune,provincia,indirizzo)

Regione. Nome e Cognome (di seguito. Denominato soggetto autorizzato ) codice fiscale. Nato/a il. Residente in (comune,provincia,indirizzo) CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE DELLE TASSE AUTOMOBILISTICHE DA PARTE DEI SOGGETTI AUTORIZZATI AI SENSI DELLA LEGGE N.264/1991 PER CONTO DELLA Spett.le Regione Nome e Cognome

Dettagli

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message.

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message. REALIZZAZIONE DI UNA RETE GPS PER LA FORMAZIONE DI UN DATUM GEODETICO LOCALE E TRASFORMAZIONI DI COORDINATE PER APPLICAZIONI CARTOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Il progetto nasce

Dettagli

Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008. Nota di chiarimento. Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali

Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008. Nota di chiarimento. Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008 Nota di chiarimento Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali Ad integrazione di quanto già inoltrato da ANCI in data 25 agosto 2008 a tutti i Comuni italiani

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Quando nel 2004, come CNVVF siamo stati chiamati a partecipare alla stesura del Testo Unitario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA

Con la presente scrittura privata di convenzione da valere ad ogni effetto di legge TRA Convenzione fra il Comune di MONASTIER DI TREVISO e la Sezione di Polizia Giudiziaria della PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO il TRIBUNALE di Treviso per l accesso in consultazione alla banca dati anagrafica

Dettagli

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 20/05/1988, N. 034 Norme per la prevenzione dei rischi da valanga. da Art. 1 ad Art. 22 Art. 1 Finalita' della legge 1. La presente

Dettagli

CIRCOLARE n. 1 / 2006

CIRCOLARE n. 1 / 2006 CIRCOLARE n. 1 / 2006 PROT. n 326 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DC Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare. Ulteriori chiarimenti per la corretta attuazione dell art. 1, comma 336, della

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

Terreni con contestuale aggiornamento della mappa e dell archivio censuario. Circolare di accompagnamento alla procedura Pregeo 10 versione 10.6.0..

Terreni con contestuale aggiornamento della mappa e dell archivio censuario. Circolare di accompagnamento alla procedura Pregeo 10 versione 10.6.0.. CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Catasto e Cartografia Roma, 29 dicembre 2014 Allegati: 1 OGGETTO: Approvazione automatica degli atti di aggiornamento del Catasto Terreni con contestuale aggiornamento

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

OGGETTO: Disposizioni relative al settore dell autotrasporto merci su

OGGETTO: Disposizioni relative al settore dell autotrasporto merci su Prot. n. F69/RNS Bologna, 24 Aprile 2012 OGGETTO: Disposizioni relative al settore dell autotrasporto merci su strada. Decreto Legge n. 5 /2012 Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica. RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Roma, 30 settembre 2003 Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Dettagli

SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO COMUNE di MARTELLAGO SCHEDE DI BUDGET 2012 SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO SERVIZI Urp, Protocollo, Centralino e Messi (19) Dott.ssa Sonia Pattaro Responsabile Bilancio di previsione

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CELLASHIRLEY.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

2) Senatore BARBOLINI:

2) Senatore BARBOLINI: Oggetto: Audizione del Direttore dell Agenzia del Territorio dinanzi alla VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato della Repubblica. Ulteriori elementi informativi. Come noto, in data 26 maggio 2009,

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.

Pratiche edilizie on line PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005. PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03. PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE VIRTUAL BACK-OFFICE FEBBRAIO 2005 PIM-MUT-RUPAR-2005-02-03.DOC Pagina 1 di 30 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE

CONVENZIONE TRA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA UNICA DEL TERRITORIO FERRARESE CONVENZIONE TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FERRARA - CONSORZIO GENERALE DI BONIFICA DELLA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA - REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA GEOGRAFICA

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 19/2012 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Dal 9 maggio 2012 Cambio di residenza in tempo reale I facsimile

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

WiseImage: il target. Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage

WiseImage: il target. Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage WiseImage: il target Questo documento si propone di fornire un indicazione di quali siano i clienti ai quali si rivolge la soluzione WiseImage WiseImage: il target Il target Il recupero dei disegni tecnici

Dettagli

Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN

Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN L attribuzione del prefisso ISBN e i servizi dell Agenzia ISBN sono erogati alle condizioni di cui al presente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012

PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 PROCEDURE INTERNE PER L APPLICAZIONE DELLA COMMISSIONE ISTRUTTORIA VELOCE (C.I.V.) AI SENSI DEL D.M. n. 644/2012 Delibera CdA del 01.08.2012 Aggiornamento del 22 Gennaio 2014 INDICE PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Foglio Informativo AnSe

Foglio Informativo AnSe Foglio Informativo AnSe Anno 2013 - Numero 2 27 febbraio 2013 Anno13 - Numero 2013 ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125-00198 ROMA Tel. 0683057390-0683057422 Fax 0683057440

Dettagli

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato.

Le informazioni contenute nel sito sono prodotte da WEB-X, se non diversamente indicato. Disclaimer L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito l Utente ), del contenuto del presente Disclaimer.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Ufficio provinciale di Modena Banca Dati Integrata

Ufficio provinciale di Modena Banca Dati Integrata Ufficio provinciale di Modena Banca Dati Integrata Attività 2009-2010 Modena, 7 aprile 2010 Pasquale Carafa Agenzia del Territorio - Ufficio provinciale di Modena I temi della presentazione I processi

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.CASATASSO.COM NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT

WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT WWW.BERTINIASSICURAZIONI.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza

Dettagli

DELL AGRONOMO-FORESTALE.

DELL AGRONOMO-FORESTALE. ORDINE DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE. IL CATASTO E LA PROFESSIONE DELL AGRONOMO-FORESTALE. A cura del: Dr.Agr. Michele

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.SITGROUP.IT

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.SITGROUP.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY WWW.SITGROUP.IT Vers.1/2013 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le attività

Dettagli

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE

ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE DECRETO BERSANI E LIBERE PROFESSIONI ABOLIRE I MINIMI TARIFFARI O ABOLIRE GLI STUDI DI SETTORE Il decreto legge n. 223 del 04 luglio 2006 (in G.U. n. 153 del 04/07/2006) ha determinato la giusta reazione

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

3 Workshop del Catasto Centro Congressi Interbrennero 10 giugno 2011

3 Workshop del Catasto Centro Congressi Interbrennero 10 giugno 2011 Immobili non dichiarati al CATASTO FABBRICATI 3 Workshop del Catasto Centro Congressi Interbrennero 10 giugno 2011 La ricerca degli edifici e unità non dichiarate al Catasto è stata prevista, a livello

Dettagli

Newsletter. Notiziario settimanale 9-15 giugno 2003. Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti. E-government: il punto dei Garanti europei

Newsletter. Notiziario settimanale 9-15 giugno 2003. Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti. E-government: il punto dei Garanti europei Newsletter Notiziario settimanale Versione ottimizzata per la stampa Schede telefoniche attivate ad insaputa dei clienti E-government: il punto dei Garanti europei 1 Newsletter 2003 IL GARANTE DENUNCIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

CATASTO INCENDI. ai sensi dell'art. 10 della L. 21/11/2000, n. 353 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

CATASTO INCENDI. ai sensi dell'art. 10 della L. 21/11/2000, n. 353 RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA CATASTO INCENDI ai sensi dell'art. 10 della L. 21/11/2000, n. 353 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Il riferimento normativo

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, con sede in Roma,

Dettagli

LAVORO INCENDI QUALITA' LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248

LAVORO INCENDI QUALITA' LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248 LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248 DEL 4 AGOSTO 2006) Art. 36 bis ( pacchetto-sicurezza ) (Misure urgenti per il contrasto del lavoro nero e per la promozione della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

CIRCOLARE TEMATICA CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI COMUNE di NOVARA Assessorato all Edilizia Privata e Commercio Assessore dr. Giovanni RIZZO Servizio Gestione Sviluppo del Territorio e dell Economia - Ufficio S.I.T. Dirigente arch. Roberto Stampini Funzionario

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE VIABILITA' STRADALE Espropriazione Proposta nr. 91 del 19/08/2014 - Determinazione nr. 2223 del 19/08/2014 OGGETTO: Lavori di realizzazione della Circonvallazione

Dettagli

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA L INPS: a) con la circolare n. 32 del 26 febbraio scorso (allegato 1) ha: - comunicato che, dal corrente anno, assolverà all obbligo

Dettagli

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014)

Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso. (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) N. 195 del 10.07.2014 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Bonus macchinari: nuovo credito d imposta del 15% di quanto speso (Art. 19 DL n. 91 del 24.06.2014) Con il DL n. 91 del 24.06.2014 pubblicato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

BANDO PER UNA BORSA LAVORO in memoria di FRANCO LOISE

BANDO PER UNA BORSA LAVORO in memoria di FRANCO LOISE UNIVERSITA DELLA CALABRIA Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche BANDO PER UNA BORSA LAVORO in memoria di FRANCO LOISE L Associazione FRANCO LOISE Onlus, in collaborazione con il Dipartimento di

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici

REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana Servizio Lavori Pubblici REGIONE PUGLIA Area Politiche per l ambiente, le reti, la qualità urbana AOO_064_06/07/2010-0063622 CIRCOLARE ESPLICATIVA da pubblicarsi sul B.U.R.P. e sul sito internet www.regione.puglia.it area tematica

Dettagli

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI Informativa sul trattamento dei dati personali ex ar t. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 Il D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito più brevemente il

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

Collaborazione con www.abctribe.com Il p2p della formazione

Collaborazione con www.abctribe.com Il p2p della formazione www.abctribe.com Via G. Pezzotti, 2 20141 MILANO Tel 02-89054136 Fac 02-89054147 E-mail info@abctribe.com Collaborazione con www.abctribe.com Il p2p della formazione Collaboratore locale Io sottoscritto/a..

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA N. 105 DEL 8 GIUGNO 2006 PROT. N. 42877 modificata dalla PROCEDURA OPERATIVA N. 106 DEL 16 GIUGNO 2006 PROT. N.

PROCEDURA OPERATIVA N. 105 DEL 8 GIUGNO 2006 PROT. N. 42877 modificata dalla PROCEDURA OPERATIVA N. 106 DEL 16 GIUGNO 2006 PROT. N. PROCEDURA OPERATIVA N. 105 DEL 8 GIUGNO 2006 PROT. N. 42877 modificata dalla PROCEDURA OPERATIVA N. 106 DEL 16 GIUGNO 2006 PROT. N. 45067 Gestione del servizio di trasmissione telematica del modello unico

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI

RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI TRATTAMENTO FISCALE OBBLIGO DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ DI VIGILANZA MODULISTICA Art. 143, c. 3, lett. a) D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Artt. 20, 22

Dettagli

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE

Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE Privacy Policy INTRODUZIONE GENERALE La presente Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito di proprietà di Consorzio dei Commercianti del Centro Commerciale di Padova, in

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI di Ivrea-Pinerolo-Torino

ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI di Ivrea-Pinerolo-Torino Torino, 25 gennaio 2005 NUOVA FIRMA DIGITALE TESSERINO DI ISCRIZIONE ALL ORDINE CON CERTIFICATO DI RUOLO POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Consigliere Delegato: Luca Tarditi Care Colleghe, cari Colleghi, Vi

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli