La geo-economia del cyberspazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La geo-economia del cyberspazio"

Transcript

1 Università Cattolica del Sacro Cuore CENTRO DI RICERCHE IN ANALISI ECONOMICA E SVILUPPO ECONOMICO INTERNAZIONALE La geo-economia del cyberspazio Globalizzazione reale e globalizzazione digitale Mario A. Maggioni e Teodora E. Uberti V&PU N I V E R S I T À

2 Università Cattolica del Sacro Cuore CENTRO DI RICERCHE IN ANALISI ECONOMICA E SVILUPPO ECONOMICO INTERNAZIONALE La geo-economia del cyberspazio Globalizzazione reale e globalizzazione digitale Mario A. Maggioni e Teodora E. Uberti Marzo 2004 V&PU N I V E R S I T À

3 Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n. 633 ovvero dall accordo stipulato tra Siae, Aie, Sns e Cna, Confartigianato, Casa, Claai, Confcommercio, Confesercenti il 18 dicembre Le riproduzioni ad uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, via delle Erbe, n. 2, Milano, telefax: , Mario A. Maggioni e Teodora E. Uberti ISBN

4 INDICE Introduzione 5 1. Globalizzazione reale e digitale: flussi di beni e flussi di informazioni 6 2. Globalizzazione reale e digitale: il campione di analisi I Paesi Gli indicatori relazionali: esportazioni di beni e di informazioni digitali Le esportazioni di beni ad alta tecnologia e a tecnologia medio-bassa Le esportazioni di informazioni e contenuti digitali: i collegamenti ipertestuali Gli indicatori attribuzionali di sviluppo, di apertura e infrastrutturali Gli anni Alcuni elementi di Analisi Reticolare Globalizzazione reale e digitale: un analisi reticolare Le procedure reticolari di aggregazione Le reti della globalizzazione reale: alcune evidenze empiriche Le reti della globalizzazione reale: i settori ad alta tecnologia Le reti della globalizzazione reale: i settori a tecnologia medio-bassa 36 3

5 4.3. Le reti della globalizzazione digitale: alcune evidenze empiriche Globalizzazione reale e digitale a confronto Globalizzazione reale e digitale: un analisi statistica Gli indicatori di sviluppo Gli indicatori di apertura Gli indicatori infrastrutturali : una mappa del cyberspazio Conclusioni 61 Riferimenti bibliografici 64 Appendice: Il campione di paesi 68 Elenco quaderni CRANEC 71 4

6 Introduzione * In questo lavoro analizziamo il fenomeno della globalizzazione, cioè la crescente integrazione fra i paesi del globo, ed in particolare ci soffermiamo su due aspetti che la caratterizzano, l aspetto reale e l aspetto digitale, cercando di cogliere eventuali complementarietà. La recente ondata della globalizzazione, che ha avuto inizio dopo la seconda guerra mondiale, si è caratterizzata, tra le altre cose, per la diffusione delle moderne tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT). Questa diffusione tecnologica ha progressivamente agevolato gli scambi di idee (o conoscenza codificata), oltre a quelli più tradizionali di beni e di capitali. Per analizzare questo complesso fenomeno si possono utilizzare metodologie tradizionali, come l analisi di indicatori attribuzionali, cioè caratteristiche peculiari di ogni economia, oppure metodologie strutturali, basate sull analisi degli indicatori relazionali, che individuano origini e destinazioni dei flussi di beni, di capitali, di conoscenza codificata e di persone. In questo lavoro, al fine di cogliere i diversi aspetti della globalizzazione, utilizziamo entrambi i metodi di analisi. Dunque è necessario individuare degli indicatori adeguati. Il lavoro si articola in due parti. Nella prima parte ci soffermeremo sulle motivazioni che ci hanno spinto ad analizzare congiuntamente dati relazionali e attribuzionali per descrivere il fenomeno della globalizzazione Ṅella seconda parte, dopo aver descritto il campione di analisi, esporremo i risultati delle analisi reticolare e statistica * Questa lavoro è parte di una più ampia ricerca cofinanziata dal MIUR su Globalizzazione, livelli di Governo e net economy (contr _008). Una versione precedente di questo lavoro è stata presentata al convegno Tesi sulla globalizzazione. Si ringraziano i partecipanti per l utile discussione. Il lavoro è frutto di intensa collaborazione, tuttavia i paragrafi 1, 5 e 7 sono attribuibili a M. A. Maggioni e i paragrafi 2, 3, 4 e 6 sono attribuibili a T. E. Uberti. 5

7 degli aspetti reale e digitale della globalizzazione con particolare riferimento alle dinamiche di convergenza e divergenza fra paesi e gruppi di paesi, e proporremo un analisi comparativa, evidenziandone analogie e differenze. 1. Globalizzazione reale e digitale: flussi di beni e flussi di informazioni In questo lavoro studiamo il fenomeno della globalizzazione principalmente attraverso metodologie strutturali (quali l analisi reticolare), che si basano sull utilizzo di dati relazionali, dunque relativi alla relazione tra due unità di indagine, anziché di dati attribuzionali, relativi ad ogni singola unità di indagine. Questa metodologia che è stata applicata precedentemente dagli autori a diversi ambiti di indagine, quali: distretti industriali e politiche per lo sviluppo locale (Maggioni, 1994); sistemi regionali (Maggioni, Miglierina, 1995) e nazionali di innovazione (Leoncini, Maggioni, Montresor, 1996); commercio internazionale (Uberti 1998); internet ed il www (Uberti, 2003) è sembrata attagliarsi perfettamente allo studio di un fenomeno quale quello della globalizzazione in cui l aspetto relazionale costituisce la caratteristica fondamentale del fenomeno, come si evince dall autorevole citazione riportata di seguito: per globalizzazione si intende la crescente interdipendenza e integrazione economica tra paesi di tutto il pianeta attraverso l aumento del volume e della varietà nelle transazioni di capitali, beni, servizi e attraverso la più rapida e ampia diffusione della tecnologia (IMF, 1997, nostra traduzione e corsivi). La globalizzazione si definisce dunque come un fenomeno intrinsecamente relazionale in cui le metodologie di analisi di tipo attributivo in cui il valore di una variabile relativa ad una certa osservazione viene assunto come indipendente dal valore della stessa variabile relativa ad un altra osservazione, mal si prestano alla bisogna ed in cui, al contrario, le metodologie di analisi di tipo relazionale colgono il punto essenziale del fenomeno in esame. 6

8 Non solo ma si può sinteticamente affermare che l approccio strutturale-relazionale: 1) definisce ogni unità di indagine come facente parte di un sistema che ne condiziona le scelte e le azioni; 2) evidenzia l esistenza di una struttura stratificata all interno del sistema, in cui esistono ruoli e posizioni diverse; 3) garantisce la contemporanea analisi delle performance relazionali della singola unità e del sistema nel suo complesso; 4) permette lo studio di similarità strutturali e funzionali fra singoli componenti del sistema. Non solo, un fondamentale contributo sulla storia della globalizzazione (Baldwin e Martin, 1999) sottolinea come, pur non essendo un fenomeno nuovo, l attuale fase della globalizzazione (il cui inizio è comunemente identificato nel secondo dopoguerra) abbia nella riduzione dei costi di comunicazione internazionale, e nel conseguente aumento delle comunicazioni internazionali stesse, il proprio tratto distintivo. Per questo motivo lo studio più recente della globalizzazione come fenomeno socio-economico complesso si è sempre più intersecato con il tema del digital divide definito come una frattura fra individui, famiglie, imprese ed aree geografiche rispetto sia, in generale, all opportunità di accedere alle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICTs), sia in particolare all uso di Internet (OECD, 2001, p. 5) che sempre più viene indicato contemporaneamente come una delle maggiori sfide della corrente ondata della globalizzazione ed una delle maggiori opportunità per lo sviluppo della parte meno avanzata del pianeta. Per questo motivo, accanto ad un analisi di stampo tradizionale, che misura gli effetti della globalizzazione in termini di dinamiche di convergenza/divergenza attraverso la variazione di indici medi e di dispersione della distribuzione statistica (di variabili economiche, umane e tecnologiche) abbiamo voluto misurare la struttura e le variazioni della struttura (cioè l evoluzione) dei flussi internazionali di beni e di informazioni. L utilizzo congiunto dell analisi dei flussi di beni in settori manifatturieri e dei flussi informativi (misurati attraverso la 7

9 proxy degli hyperlinks fra pagine web con domini differenti, come verrà specificato nel paragrafo 2.2.2) ci permetterà di cogliere i due aspetti complementari (quello reale e quello virtuale) della globalizzazione. Inoltre la possibile scomposizione dei flussi commerciali secondo il livello tecnologico ci ha permesso di studiare se la diversa correlazione esistente fra flussi di informazione e flussi di commercio internazionale fosse dovuta ad un motivo di origine tecnologica. L ipotesi da verificare prevedeva che il commercio di beni ad alta tecnologia richieda un flusso di informazioni complementari sia relative al momento precedente l acquisto (informazioni sul prezzo, le caratteristiche e la qualità del bene), sia relative al momento successivo all acquisto (informazioni circa il funzionamento, la manutenzione, l upgrading del prodotto, l acquisto di beni e servizi accessori). Infine abbiamo voluto verificare se, limitatamente al nostro campione (che è fortemente condizionato dalla ridotta disponibilità di dati virtuali per la maggior parte dei paesi a basso reddito), l accesso alla rete degli scambi di informazioni e la posizione gerarchica all interno di questa rete era correlata non solo alla posizione gerarchica all interno della rete degli scambi commerciali ma anche alla misura più semplice (anche se rozza e imprecisa) di sviluppo economico: il reddito medio pro capite. 2. Globalizzazione reale e digitale: il campione di analisi In questo lavoro abbiamo focalizzato l analisi su un campione di paesi rappresentativo del sistema economico mondiale, e per cogliere l evoluzione di questo fenomeno entrambe le analisi sono state condotte per un arco temporale di 25 anni. Nei prossimi sotto paragrafi descriveremo il campione dei paesi, gli indicatori utilizzati e le caratteristiche congiunturali degli anni considerati. 8

10 2.1. I Paesi Il campione di analisi è costituito da circa 40 paesi (tabella 1 in Appendice) e include tutti gli attuali membri dell OECD più altre economie caratterizzate da forte interscambio commerciale con i paesi OECD e che, per questo motivo, sono compresi nel database Bilateral Trade dell OECD, utilizzato per gli studi reticolari. Nel campione OECD sono incluse tutte le economie occidentali ed i paesi membri aggiuntisi a partire dalla metà degli anni 90 (Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Ungheria, Polonia, Corea del Sud e Messico). Fra i paesi non membri dell OECD sono incluse economie classificate a vario modo nelle statistiche internazionali: le economie del miracolo economico del Sud-Est asiatico, le cosiddette tigri asiatiche di prima generazione (Hong Kong, Singapore, Taiwan e Corea del Sud) e di seconda generazione (Indonesia, Malesia, Filippine e Tailandia); paesi demograficamente simili, ma molto differenti dal punto di vista economico, istituzionale e sociale (Cina, Brasile ed India). Infine è stata inclusa l Argentina, un economia che nel corso dei venticinque anni analizzati ha vissuto ondate di crescita alterne, culminate con la recente crisi finanziaria. Il campione non include, a causa della mancanza di statistiche complete, gli stati nati in seguito alla dissoluzione dell Unione Sovietica, i paesi del continente africano e i paesi produttori di petrolio. Quindi parlare di globalizzazione con un campione di paesi così limitato potrebbe sembrare azzardato, ma in realtà questi paesi costituiscono un campione molto rappresentativo del sistema economico mondiale: nel 1998 questi paesi producevano circa il 90% del PIL mondiale, le esportazioni provenienti da questi paesi costituivano l 88% delle e- sportazioni mondiali e il 66% della popolazione mondiale viveva in queste nazioni (World Bank, 2000a, 2000b). Anche rispetto alla diffusione di Internet, questo campione è molto rappresentativo. Nel 1998 quasi il 50% degli Internet hosts 1 apparteneva a domini generici nazionali per e- 1 Con il termine Internet host si intende un computer che ha un collegamen- 9

11 sempio.it,.de,.fr attribuibili ai paesi del nostro campione 2, ed il restante 50% era registrato con domini generici, quali.com,.net,.org,.int (anch essi inclusi nella nostra analisi sulla globalizzazione digitale). Inoltre nel 1998 più del 90% delle persone online in tutto il mondo risiedeva nei paesi qui inclusi (Nua, 2002). Pertanto possiamo ragionevolmente avanzare l'ipotesi che un analisi condotta limitatamente a questi paesi permetta di studiare una parte considerevole degli scambi internazionali di beni e di informazioni, e quindi di trarre importanti conclusioni relative all aspetto reale e digitale della crescente integrazione economica, e quindi della globalizzazione Gli indicatori relazionali: esportazioni di beni e di informazioni digitali Come è stato già sottolineato nel primo paragrafo, il fenomeno della globalizzazione è caratterizzato da una complessa struttura di relazioni internazionali che coinvolge flussi di beni e prodotti finali, flussi di fattori di produzione e, recentemente, flussi di informazioni e conoscenza codificata. Quindi per cogliere questo aspetto relazionale della globalizzazione è stato scelto uno strumento di analisi adeguato, l analisi reticolare 3, in grado di analizzare la struttura relazionale di fenomeni complessi, quali appunto la globalizzazione. Un applicazione reticolare non descrive le caratteristiche attribuzionali del commercio internazionale, come per e- to attivo ad Internet, cioè i computer in cui risiedono le informazioni digitali trasmesse dal www. 2 È indispensabile ricordare che il dominio di una pagina web non indica inequivocabilmente la localizzazione geografica dell host. Per esempio un dominio.it, sebbene registrato con un dominio italiano, potrebbe essere localizzato ovunque, negli Stati Uniti come in Germania. Dunque gli Internet hosts non costituiscono una misura esaustiva del digital divide ma devono essere considerati congiuntamente ad altre statistiche (Minges, 2000; Uberti e Maggioni, 2004). 3 Per la spiegazione di alcuni elementi di Analisi Reticolare si veda il paragrafo 3. 10

12 sempio il grado di apertura commerciale di un paese, ma esamina la struttura detta rete delle interdipendenze commerciali individuando i paesi fonte e destinazione degli scambi commerciali, e quindi il grado di dipendenza commerciale, o meno, di un paese rispetto ad altre economie. Per condurre l analisi reticolare dell aspetto reale della globalizzazione sono stati individuati come indicatori relazionali le esportazioni bilaterali nei settori dei beni ad alta tecnologia e dei beni a tecnologia medio-bassa. Similmente per analizzare l aspetto digitale della globalizzazione sono stati utilizzati i flussi bilaterali di informazione digitale, misurati attraverso i collegamenti ipertestuali (o Internet hyperlinks), proxy delle esportazioni di informazioni e contenuti digitali Le esportazioni di beni ad alta tecnologia e a tecnologia medio-bassa L attuale ondata di globalizzazione si distingue per la diffusione delle ICT, quindi abbiamo focalizzato l analisi della globalizzazione reale su due macro settori manifatturieri che si differenziano per il grado di innovazione, misurata come intensità di spesa in ricerca e sviluppo (R&S). Come definito dall OECD (1986) i settori ad alta tecnologia sono quelli in cui percentuale di spesa in R&S sul totale delle vendite è superiore al 3% (Oecd, 1986). Dunque seguendo questa definizione, rientrano nel settore ad alta tecnologia il settore farmaceutico (3522, ISIC Rev. 2), il settore dei computer (3825, ISIC Rev. 2), il settore delle attrezzature per la comunicazione (3832, ISIC Rev. 2) e il settore aerospaziale (3845, ISIC Rev. 2) (tabella 1) 4. 4 In questo lavoro non è stato inserito il settore delle strumentazioni scientifiche a causa della classificazione dei dati sulle esportazioni bilaterali (ISIC, Rev. 2), ma è ragionevole concludere che i settori high-tech inclusi costituiscano una buona percentuale del settore high-tech più in generale. 11

13 Tabella 1. I settori ad alta tecnologia e a tecnologia medio-bassa Codice ISIC Rev. 2 Descrizione del Settore Settore ad alta tecnologia (high tech) 3522 Prodotti farmaceutici 3825 Macchinari per l ufficio e computer 3832 Attrezzature per le telecomunicazioni 3845 Prodotti aerospaziali Settore a tecnologia medio-bassa (low and middle high-tech) 31 Alimentare, Bevande e Tabacco 32 Tessile, Abbigliamento e Pelli 33 Prodotti di legno e Arredi 34 Carta, prodotti per la carta e per la stampa escluso 3522 Prodotti chimici esclusi i prodotti farmaceutici Prodotti raffinati dal petrolio Prodotti di gomma e plastica 36 Prodotti minerali non metallici 371 Ferro e acciaio 372 Materiali metallici non ferrosi 381 Prodotti di metallo 382 escluso 3825 Macchinari non elettrici 383 escluso 3832 Macchinari elettrici 3841 Costruzione di navi e riparazione 3843 Autovetture Altre attrezzature per il trasporto 380 Altri prodotti di metallo 39 Altri prodotti manifatturieri Fonte: Bilateral Trade Database, 1996 e

14 Le esportazioni bilaterali del settore dei beni a tecnologia medio-bassa sono state ottenute sommando le esportazioni bilaterali nei settori manifatturieri di prodotti a media e bassa tecnologia, secondo la classificazione ISIC Rev. 2 (tabella 1) Le esportazioni di informazioni e contenuti digitali: i collegamenti ipertestuali Un indicatore relazionale simile alle esportazioni di beni, ma riconducibile all aspetto digitale della globalizzazione, è rappresentato dai collegamenti ipertestuali (Internet hyperlinks). Per comprendere il significato di questo indicatore è indispensabile descrivere brevemente il funzionamento di Internet, o meglio della sua interfaccia virtuale, il world wide web (www). Risultato dall evoluzione dello spazio virtuale ideato da Tim Barnes-Lee, l attuale www è una complessa e dinamica rete costituita da pagine web e dai collegamenti ipertestuali che agevolano il passaggio da una pagina all altra con un semplice click. La presenza di un collegamento ipertestuale in un pagina Figura 1. Collegamenti ipertestuali e flussi di informazioni Università Ricerca Flusso di informazione News Students Siti web della pubblica istruzione all estero Stati Uniti The US department of education Collegamento ipertestuale Parents Teachers 13

15 web facilita la navigazione e costituisce un importante indicatore relativo al mercato delle informazioni digitali, permettendo di distinguere tra produttori e consumatori di informazione digitale. Come è esemplificato nella figura 1 in una pagina web del sito italiano della Pubblica Istruzione (il cui indirizzo termina con il dominio generico nazionale.it) è contenuto un collegamento ipertestuale alla pagina web del sito della Pubblica Istruzione statunitense, il cui indirizzo termina con il dominio generico riservato agli organismi del governo degli Stati Uniti,.gov. La presenza di questo collegamento ipertestuale non solo agevola la visualizzazione del sito, senza ulteriori ricerche, ma rappresenta un flusso direzionato di informazione e contenuti digitali che segue la direzione opposta di quella del collegamento ipertestuale, cioè dal sito statunitense a quello italiano. È dunque possibile trarre tre importanti conclusioni circa l interpretazione della presenza di un collegamento. In primo luogo la presenza di un collegamento ipertestuale indica l esistenza di un flusso potenziale di informazioni digitali; in secondo luogo il collegamento ipertestuale rimanda ad un sito di interesse, e quindi ne segnala la capacità di creare informazioni e contenuti digitali. Infine, sebbene non sia possibile geo-localizzare un Internet host, come ricordato nella nota 2, è comunque credibile ritenere che una pagina web con un dominio nazionale sia attribuibile ad un paese. Generalizzando, dunque, si può interpretare la presenza di un collegamento ipertestuale non solo come un flusso di informazioni tra pagine web, ma come un flusso di informazioni tra paesi. Nonostante la natura relazionale e direzionale degli Internet hyperlinks sia indiscutibile, si potrebbe criticare il loro utilizzo come proxy dei flussi di informazione e contenuti digitali. Il costo di inserire un nuovo collegamento ipertestuale in una pagina web è praticamente nullo, infatti aggiungere una stringa di ipertesto richiede pochi secondi, quindi ha un costo monetario trascurabile. In realtà esiste un vincolo di bilancio virtuale dettato dalla necessità di tener conto della chiarezza dei contenuti di una pagina web. Secondo alcuni criteri di web design, nell implementare una pagina web si deve tener conto della sua leggibilità, e un numero indeterminato di collegamen- 14

16 ti ipertestuali costituisce un forte limite che non migliora, ma anzi peggiora, la chiarezza e l efficacia del messaggio digitale contenuto (Lynch e Horton, 2002). Naturalmente, dato che il www è una rete eterogenea, continuamente rinnovata grazie alla creatività dei suoi implementatori, non esistono regole fisse alle quali è indispensabile attenersi per apportare il proprio contributo al www. Però è altrettanto plausibile pensare che, nell implementare una pagina web, il suo ideatore agisca tenendo conto della leggibilità, e quindi non inserisca una quantità illimitata di collegamenti i- pertestuali che appesantirebbero inutilmente la sua pagina. Non a caso le uniche pagine web che contengono una quantità innumerevole di collegamenti ipertestuali sono i motori di ricerca, la cui finalità è diversa rispetto a quella delle pagine web: mentre queste ultime offrono contenuti digitali, i primi forniscono un servizio per la ricerca di tali contenuti digitali. Dunque un collegamento ipertestuale è un pulsante che facilita la rapida visualizzazione delle informazioni e dei contenuti digitali, ma rappresenta anche una proxy dei flussi di informazione tra pagine web, e generalizzando fra paesi. Con le tecnologie e gli algoritmi di ricerca disponibili attualmente è possibile rilevare esclusivamente la presenza o meno di un Internet hyperlink. Diversamente per cogliere la portata effettiva di un collegamento ipertestuale sarebbe interessante misurare quante volte un collegamento viene cliccato, e quindi effettivamente importato il contenuto informativo. In un analisi come questa sarebbe altresì interessante individuare i collegamenti ipertestuali intermedi che favoriscono il collegamento tra le pagine web, per individuare i paesi intermediari nei flussi di informazione. Purtroppo attualmente non è possibile registrare queste statistiche, e per ora si deve limitare l analisi alla rilevazione della presenza, o meno, di collegamento, rilevando il potenziale flusso di informazioni e contenuti informativi. Una misura alternativa, per alcuni versi più rappresentativa ed accurata dei flussi di informazione, potrebbe essere costituita dai flussi di posta elettronica fra utenti di Internet. Ma la trattazione di questi dati è molto delicata in quanto il loro monitoraggio potrebbe costituire una violazione della privacy, minandone la tutela. 15

17 Tenendo ben presente tutti questi elementi, è possibile concludere che i collegamenti ipertestuali rappresentano una proxy adeguata dei flussi di informazione digitale e, una volta individuati i domini principali nazionali associati agli stati, è possibile interpretare tali flussi di informazioni come esportazioni di informazioni e contenuti digitali tra paesi. Diversamente dalle statistiche commerciali, a causa della continua evoluzione e complessità del web non ci sono istituzioni che raccolgono queste statistiche, quindi per analizzare la struttura dei collegamenti ipertestuali sono state condotte alcune weblink survey online servendosi di un popolare motore di ricerca 5, Altavista. Dato lo scopo di questo lavoro sono stati individuati i collegamenti ipertestuali tra i domini principali nazionali dei paesi del campione e domini principali generici,.com,.net,.org e.int Gli indicatori attribuzionali di sviluppo, di apertura e infrastrutturali Come più volte ricordato per analizzare un fenomeno così complesso come la globalizzazione è indispensabile individuare, oltre alle caratteristiche relazionali, anche le caratteristiche attributive dei singoli paesi. Per l analisi statistica sono stati considerati alcuni indicatori che si possono classificare come indicatori di sviluppo, indicatori di apertura ed indicatori infrastrutturali. Gli indicatori economici tradizionali, primo fra tutti il PIL ed il PIL pro capite, non sono esaustivi del benessere e dello sviluppo di paese. Quindi in questa analisi, oltre al PIL pro capite, è stata considerata anche una misura più completa dello sviluppo economico, il PIL pro capite espresso in parità di potere d acquisto (ppa), che viene calcolato tenendo costanti i prezzi relativi dei paesi, e quindi riflette la capacità reale del 5 Per maggiori dettagli sulla procedura seguita per condurre questa ricerca si veda Cioleck, 2001; Thelwall e Smith, 2002; Uberti,

18 paese di produrre ricchezza in un dato periodo di tempo (un anno). Variabile Tabella 2. Gli indicatori Indicatori sviluppo Anni analizzati PIL pro capite ($ correnti internazionali) 1975; 1983; 1993; 1998 PNL pro capite, PPA 1975; 1983; 1993; 1998 Attesa di vita alla nascita (anni) 1972; 1982; 1992; 1998 Mortalità infantile (ogni nati vivi) 1970; 1980; 1990; 1998 HDI 1975; 1985; 1990; 1995 Indicatori di apertura Commercio (% del PIL), 1973; 1983; 1993; 1997 IDE (% del PIL, PPA) 1975; 1983; 1993; 1998 Centralità esterna ed interna nel commercio del 1973; 1983; 1993; 1998 settore high-tech Centralità esterna ed interna nel commercio del 1973; 1983; 1993; 1998 settore low and middle high-tech Centralità esterna ed interna rispetto agli 1993; 1998; 2002 Internet hyperlinks Telefonate internazionali in uscita 1975; 1983; 1993; 1998 Indicatori infrastrutturali Personal computers (ogni 1000 abitanti) 1988; 1993; 1998 Linee telefoniche (ogni 1000 abitanti) 1975; 1983; 1993; 1998 Internet hosts (ogni abitanti) 1994; 1995; 1996; 1997; 1998 Fonte: World Bank (2000a; 2000b), Bilateral Trade Database (1996; 2000), UNSD (1997; 2002); Altavista (2002). Tra gli indicatori di sviluppo sociale sono stati inclusi l attesa di vita alla nascita, il tasso di mortalità infantile e l indice di sviluppo umano, HDI (Human Development Index). L HDI tiene conto di più dimensioni socio-economiche 6 e rap- 6 In particolare il HDI è calcolato come media di tre indicatori: l indicatore economico, che riflette standard di vita accettabili e calcolato in termini di PIL pro capite in PPA; l indicatore dell istruzione che riflette il tasso di al- 17

19 presenta una misura esaustiva dello sviluppo socio-economico di un paese. Tra gli indicatori di apertura sono stati inclusi: l indicatore di apertura o interdipendenza commerciale (cioè il rapporto tra la somma di esportazioni ed importazioni ed il PIL), che indica l intensità commerciale complessiva di un paese; l apertura, o interdipendenza, rispetto ai flussi di investimento all estero calcolata come quota dei investimenti in entrata ed in uscita rispetto al PIL; l apertura reticolare reale elaborata rispetto alla centralità esterna ed interna delle esportazioni nei settori ad alta tecnologia, delle esportazioni nel settore a medio-bassa tecnologia; l apertura reticolare digitale, cioè la centralità, basata sul grado esterno ed interno, nelle reti dei collegamenti ipertestuali, e l apertura delle comunicazioni, misurata in termini di minuti di telefonate internazionali in uscita. Infine sono stati considerati alcuni indicatori infrastrutturali che rispecchiano la disponibilità di un infrastruttura tecnologica adeguata per lo sviluppo delle moderne tecnologie ed includono i personal computer, la disponibilità di linee telefoniche e la diffusione degli Internet hosts Gli anni Volendo analizzare l evoluzione del processo di globalizzazione, entrambe le analisi sono state condotte su un arco temporale di 25 anni, dall inizio degli anni 70 sino alla fine degli anni 90, anni accomunati da spinte verso l integrazione internazionale e regionale e dalla diffusione delle moderne tecnologie, ma distinti per importanti caratteristiche congiunturali. Nell analisi reticolare abbiamo focalizzato l attenzione sulle esportazioni di beni nei settori di beni ad alta e mediobassa tecnologia per quattro anni: il 1973, il 1983, il 1993 ed il La scelta di tali anni non è stata casuale ma dettata da peculiari caratteristiche economiche e tecnologiche. fabetizzazione e di istruzione, calcolato rispetto al tasso di istruzione adulta ed il tasso di iscrizione alle scuole primarie, secondarie e università; e l indicatore dell attesa di vita calcolato rispetto agli anni di attesa di vita alla nascita (UNDP, 2001). 18

20 Il 1973 è l anno immediatamente successivo alla prima crisi petrolifera, e segna l inizio di un periodo di recessione; il 1983 è caratterizzato dalla crisi del debito internazionale dei paesi in via di sviluppo, subisce le conseguenze della seconda crisi petrolifera, e potrebbe essere classificato come la gola del processo di recessione economica. Negli anni 90 si diffondono, soprattutto negli Stati Uniti, le nuove tecnologie dell informazione e comunicazione ed il 1993 coincide con l inizio della ripresa economica dopo un periodo di crescita rallentata. Infine il 1998 prelude al grande boom delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione e corona l inizio della crescita economica degli Stati Uniti, che durerà ininterrottamente sino all estate del Data la recente diffusione dell utilizzo commerciale di Internet, datata nei primi anni 90, è stato possibile realizzare l analisi reticolare dei collegamenti ipertestuali limitatamente agli anni 1993 e Inoltre grazie alla procedura seguita per individuare i collegamenti ipertestuali (weblink survey online), è stato possibile estendere l analisi reticolare ad un anno più recente, il La scelta di condurre un analisi relativa a quattro rilevazioni annuali, piuttosto che su medie decennali, è stata fatta proprio per cogliere la struttura e l evoluzione del commercio internazionale e tenere conto degli shock esogeni e dell'andamento ciclico e congiunturale dell'economia mondiale. Similmente l analisi statistica è stata svolta secondo un criterio temporale speculare rispetto alla precedente analisi ma compatibilmente con la disponibilità dei dati, così come evidenziato nella tabella Alcuni elementi di Analisi Reticolare L'Analisi Reticolare è un metodo di indagine scientifica che utilizza in modo complementare alcuni concetti della teoria dei grafi, alcuni indici sociometrici, modelli matematici e statistici per analizzare, secondo un approccio olistico, la struttura 19

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006

Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition. Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Education at a Glance: OECD Indicators - 2006 Edition Summary in Italian Uno sguardo sull Educazione: Gli indicatori dell OCSE Edizione 2006 Riassunto in italiano Uno sguardo sull educazione fornisce agli

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta Capitolo XIII. I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione 05 Prezzi 983-1100 Indice dei prezzi alla produzione e all importazione Neuchâtel, 2011 Che cos è l indice dei prezzi alla produzione e all importazione? L indice dei prezzi alla produzione (IPP) misura

Dettagli

è Conoscenza più Servizio più Prodotti

è Conoscenza più Servizio più Prodotti è Conoscenza più Servizio più Prodotti Regolazione e controllo del vapore e dei fluidi industriali CONOSCENZA Quasi un secolo di esperienza a disposizione dei clienti 35 centri di formazione ed addestramento

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9

Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 Rapporto UNICEF Bambini e adolescenti ai margini, Innocenti Report Card 9 PREMESSA Le analisi dell'innocenti Report Card 9 coprono una gamma limitata ma significativa di indicatori del benessere dell'infanzia

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. Economie di scala e commercio internazionale. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 15/3/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione Le teorie di Ricardo ed HO spiegano il commercio

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Scenari internazionali: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Scenari internazionali: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa premessa export strategia necessaria fatturato interno ed estero dell industria italiana indice mercato estero dal 2009

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer

Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Osservatorio SosTariffe.it ADSL Consumer Le tariffe per l abbonamento ADSL in Europa: analisi su prezzi e velocità proposti dai principali Provider europei INDICE p. 1 1. Le tariffe ADSL in Europa e in

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21. Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 21 Rimini, 18 novembre 2014 Macroeconomia 319 I mercati finanziari e reali in economia aperta Macroeconomia 320 1 I

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS

Economia Politica. Grazia Graziosi DEAMS Economia Politica Grazia Graziosi DEAMS Macroeconomia: un quadro generale Macroeconomia versus microeconomia La microeconomia studia il comportamento degli individui e delle imprese nei singoli mercati:

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007

Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 Osservatorio sui dati contabili delle imprese del commercio e dei servizi di vicinato: dati relativi al IV trimestre 2007 a cura di Ascom e Confesercenti Ricerca effettuata da Paolo Vaglio (Ceris-Cnr)

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA

IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA IL NUOVO SISTEMA DI PRODUZIONE DELLE STATISTICHE SUGLI SCAMBI CON L ESTERO DI GAS NATURALE ED ENERGIA ELETTRICA Quadro generale I manuali internazionali ed i regolamenti statistici comunitari individuano

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Perché si compra nei paesi a basso costo

Perché si compra nei paesi a basso costo Perché si compra nei paesi a basso costo I grafici seguenti sono basati su una ricerca condotta da Accenture presso 3 responsabili degli acquisti in una vasta gamma di settori industriali in Europa e Stati

Dettagli

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

Il capitale umano per il XXI secolo

Il capitale umano per il XXI secolo Il capitale umano per il XXI secolo Ignazio Visco Vice Direttore Generale Banca d Italia Bari, 8 aprile 2011 Le forze della demografia In Italia forte invecchiamento della popolazione, riflesso di calo

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003. Overview. OECD Communications Outlook : 2003 Edition Nota di sintesi PROSPETTIVE DELLE COMUNICAZIONE DELL OCSE : EDIZIONE 2003 Overview OECD Communications Outlook : 2003 Edition Prospettive delle comunicazioni dell'ocse : Edizione 2003 Le note di sintesi

Dettagli

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni!

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! Sensori induttivi miniaturizzati Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! AZIENDA Grazie alla sua visione per l innovazione e la valorizzazione tecnologica, Contrinex continua a fissare nuovi standard

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli