L intervento del notaio nella circolazione dei beni a mezzo asta: dalla dismissione degli Enti pubblici all incarico di asta privata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L intervento del notaio nella circolazione dei beni a mezzo asta: dalla dismissione degli Enti pubblici all incarico di asta privata"

Transcript

1 Convegno di studio L intervento del notaio nella circolazione dei beni a mezzo asta: dalla dismissione degli Enti pubblici all incarico di asta privata RETE ASTE NOTARILI V. GUNNELLA G. IACONO

2 INDICE 1. CENNI INTRODUTTIVI SULLA PROCEDURA RETE ASTE NOTARILI (RAN) IL PROGETTO RETE ASTE NOTARILI (RAN) ATTORI DEL SISTEMA E RUOLI ASPETTI CARATTERIZZANTI IL SISTEMA RETE ASTE NOTARILI PROCESSI APPUNTI SU ALCUNE NORMATIVE DI RIFERIMENTO DELLE ASTE IMMOBILIARI... 12

3 1. CENNI INTRODUTTIVI SULLA PROCEDURA RETE ASTE NOTARILI (RAN) I metodi di individuazione competitiva e trasparente dei contraenti, nell ambito della circolazione dei beni, sono stati disciplinati dal nostro ordinamento, dapprima esclusivamente nella contrattazione con la pubblica amministrazione e, solo recentemente, nel processo civile. Il regio decreto 23 maggio 1924, n. 827 rappresenta ancora la principale fonte normativa in materia, occasionalmente integrata, negli ultimi anni, con norme in genere inserite in leggi finanziarie, volte a consentire la rapida liquidazione del patrimonio degli enti previdenziali (leggi n. 351 e n. 410/2001 e legge 311/2004). Sul fronte del processo civile si è intervenuti più di recente con provvedimenti che, a partire dalla legge sulla competitività, hanno progressivamente modificato le norme del libro III, titolo II, capo IV del codice di procedura civile (legge 80/2005 modificata dalla legge 263/2005) sino alla recentissima legge 24/2010 che ha digitalizzato la procedura delle esecuzioni. La procedura RAN segue la tendenza delineata da questi interventi normativi, volendo offrire uno strumento, basato su un sistema di regole e di processi che diano la massima affidabilità all utente finale, per raggiungere l obiettivo di estendere in modo molto più generale l utilizzo dell asta. Prima di esaminare in dettaglio gli aspetti dell organizzazione informatica della procedura RAN può essere utile una premessa sullo stato dell arte delle aste, dal punto di vista dell immaginario collettivo. Nel nostro paese, a differenza di quanto avviene nei paesi dell Europa nord occidentale e, storicamente, nei paesi anglosassoni, la vendita all asta è vista come uno strumento riservato a pochi; ci si figura che il partecipante debba essere dotato di una particolare competenza e contemporaneamente debba essere in grado di sopportare lo stress della sessione di incanto. Come diretta conseguenza di ciò l approccio iniziale è stato tendenzialmente speculativo: l interesse all asta è direttamente proporzionale alla presenza del c.d. affare, in assenza del quale diventa non appetibile sobbarcarsi le problematiche connesse alla partecipazione.

4 Negli ultimi anni è stato, però, avviato, anche se in maniera non omogenea, un processo di semplificazione e familiarizzazione delle aste tenute presso i tribunali, sia attraverso una più completa divulgazione delle informazioni attraverso internet, sia nominando i custodi per consentire le visite agli immobili, nonché consentendo procedure di accesso ai mutui bancari e delegando le aste presso notai e, dal 2006, presso avvocati e commercialisti (art. 534 bis cpc). Sull altro importante fronte delle aste immobiliari, cioè quello relativo alla dismissione degli immobili degli enti previdenziali e della cartolarizzazione degli stessi attraverso le società veicolo SCIP 1 e 2, si è senz altro registrata una più diffusa partecipazione anche se nell ultimo anno la percentuale delle aste concluse con successo è scesa dall originario 75% ad un più modesto 50%, ed il sistema è entrato in crisi. Resta il fatto che, sia nelle vendite presso i tribunali, che in quelle degli Enti, le aste hanno avuto successo quando il prezzo base d asta è stato accattivante, mentre negli altri casi si è spesso assistito ad aste deserte; non è un caso che l indisponibilità a fissare valori base d asta significativamente inferiori ai valori di mercato, abbia determinato l insuccesso di una iniziativa, peraltro condotta da un soggetto pubblico serio ed affidabile con un notevole investimento in termini di organizzazione e promozione: mi riferisco all iniziativa condotta nel 2007 dalla Borsa Immobiliare di Roma. Questo pregiudizio, che all estero non sembra esistere, può però essere sconfitto da un mutamento di cultura che parta dalle dismissioni pubbliche e dalle aste giudiziarie per arrivare a rendere familiare anche la vendita all asta tra privati. Un processo di mutamento culturale oggi non può prescindere dagli strumenti offerti dal web; tuttavia, mentre, in materia di vendita immobiliare, internet ha avuto un ruolo sempre maggiore nei processi organizzativi e divulgativi dell informazione, lo sviluppo delle gare attraverso la rete è stato molto scarso; in altri settori (ad esempio le gare per la fornitura di servizi per enti pubblici o privati), la conclusione di contratti attraverso reti internet e/o intranet ha avuto diffusione molto più significativa. Sul fronte delle aste immobiliari on line l Enel è stato il soggetto che più di ogni altro ha investito sul web sviluppando un processo di dismissione dei propri immobili, di tipo telematico con molte analogie con le aste del portale Ebay.

5 Attraverso il proprio portale (www.quickcasa.it), l Enel ha contribuito positivamente ad avviare questo processo di mutamento culturale, con riscontri molto interessanti in termini numerici di partecipazione alle aste on-line: sono stati alienati circa 1500 immobili in 9 anni e ciascuna asta è tuttora visibile on-line con le sue dinamiche. La procedura di asta scelta da Enel presentava tuttavia una debolezza strutturale: consentiva all aggiudicatario libera facoltà di recesso senza alcuna penale; veniva quindi indebolito uno dei principi essenziali di un asta: il principio di responsabilità dei soggetti che vi partecipano. La medesima debolezza è ravvisabile nella procedura di Ebay, che in Italia è attualmente circoscritta a beni mobili generalmente di valore modesto. Per tentare di ovviare a questa criticità Ebay ha introdotto un indice di affidabilità (Feedback) dei partecipanti; peraltro l utilizzo di nickname consente al partecipante divenuto inaffidabile di iscriversi sotto altra identità. Quest ultimo aspetto mette in luce un altro evidente problema delle aste on-line, ovvero, la riconoscibilità e l onorabilità dei partecipanti alla gara. Volendo introdurre metodi di vendita competitivi seri ed affidabili per la circolazione sia di beni immobili che di beni mobili registrati sarà sicuramente necessario sfruttare le potenzialità di internet ma, al tempo stesso dovranno essere individuate procedure atte a garantire responsabilità, affidabilità, consapevolezza, onorabilità degli attori, commerciabilità dei beni, trasparenza delle procedure; ove la procedura si affidata ad un pubblico ufficiale potrà essere coniugata anche l esigenza di compiere l adeguata verifica richiesta dalla normativa in materia di lotta al riciclaggio. Il sistema RAN persegue tutti questi obiettivi: - in termini di sicurezza, consentendo l accesso alla rete esclusivamente al notaio attraverso l autenticazione IAM (IBM Identity Access Management), e con l utilizzo della firma digitale; - in termini di trasparenza, moltiplicando i soggetti preposti (al classico notaio banditore sono stati aggiunti tutti i notai periferici che aderiscono al servizio) ed utilizzando meccanismi di trasmissione delle offerte sia digitali che cartacee, che danno le massime garanzie ad esempio circa la segretezza delle offerte e della generalità e del numero dei partecipanti sino alla scadenza del termine fissato dal bando; inoltre la possibilità di partecipare anche

6 alla fase dell incanto, non solo nella sede del notaio banditore, ma da un qualsiasi notaio periferico collegato al sistema, evita il rischio di qualunque forma di pressione o di turbativa d asta. - in termini di monitoraggio, affidando ad un notaio la verifica della legittimazione, dell onorabilità e dell affidabilità dei partecipanti; - in termini di sicurezza per l utente finale, imponendo l anticipazione della fasi di controllo della documentazione a corredo di ciascun lotto a prima della pubblicazione del bando, e offrendone la garanzia tipica dell intervento notarile; - in termini miglioramento della consapevolezza di tutti gli attori dell asta, che possono ricevere, attraverso il notaio banditore o il notaio periferico di propria fiducia, un corretto orientamento sul regolamento, sul bando d asta e su ogni fase successiva della procedura. Tipologie e caratteristiche delle Aste attualmente esistenti e possibilità di applicazione al sistema RAN TIPO ASTA APPLICAZIONE BANDITORE FAMILIARITA DEL PUBBLICO PRO/CONTRO PER IL VENDITORE PRO/CONTRO PER L ACQUIRENTE APPLICA- ZIONE RAN Asta senza Esecuzioni fallimenti Giudice o Notaio Diffidenza Pro: può essere Pro: sistema preferito Opzionale Incanto sequestri delegato, o (nell immaginario raggiunto un valore da acquirente (facoltativa prima della funzionari collettivo vige a superiore ai valori di consumatore finale riforma del c.p.c. legge volte il pregiudizio mercato anche in che non sopporta la 80/2005) che tale sistema presenza di un unico pressione Dismissioni enti possa essere partecipante; dell incanto. pubblici e privati manipolato per Contro: meno (L. n. 351 e n. favorire un Contro: rischio appeal da parte 410/2001; L.311/2004; partecipante scarsa partecipazione acquirente L.14/2009 art.43bis; all asta) o asta deserta speculatore che non R.D. 23 maggio 1924, vede i suoi n. 827 dell art. 73) concorrenti Asta con incanto Esecuzioni fallimenti Giudice o Notaio Elevata diffidenza Pro: efficace solo per Pro: Notevole appeal Opzionale sequestri delegato timore turbative e lotti estremamente acquirente (facoltativa prima della condizionamenti da appetibili speculatore riforma del c.p.c. parte degli Contro: risultato Contro: interesse L.80/2005) speculatori modesto non elevato da parte Dismissioni enti specialmente nel di altri acquirenti di pubblici e privati caso di pochi solito poco propensi (raramente ai sensi r.d. partecipanti ad affrontare l incanto 23 maggio 1924, n. 827 per la presenza dell art. 73 e ai sensi nutrita di partecipanti L.351/2001 e ss.) speculatori

7 TIPO ASTA APPLICAZIONE BANDITORE FAMILIARITA DEL PUBBLICO PRO/CONTRO PER IL VENDITORE PRO/CONTRO PER L ACQUIRENTE APPLICA- ZIONE RAN Asta in due fasi Esecuzioni fallimenti Giudice o Notaio, Affidabile Pro: massima Pro: acquirente può Principale (all asta può sequestri Avvocato o Procedura ritenuta valorizzazione del decidere di fare solo seguire l incanto) (prevista dal nuovo Commercialista più trasparente bene che può essere l offerta scritta se testo art. 569 c.p.c. delegato (art. 534 anche se lunga e/o venduto ad un buon ritiene di non aver come obbligatoria con bis c.p.c.) macchinosa valore anche con tempo o non gradire ordinanza il giudice unico partecipante di contrapporsi agli provvederà al vaglio Contro: rischio altri durante l incanto. delle offerte presentate scarsa partecipazione Contro: la possibilità e indica le modalità o asta deserta di vincere la gara ad dell eventuale un valore vicino alla successiva vendita con base d asta e più incanto per il caso in cui remota e ciò quella senza incanto scoraggia la non abbia luogo per partecipazione da mancanza di offerte, per parte di speculatori inefficacia o inadeguatezza delle stesse o per qualsiasi altra ragione ). Dismissioni enti pubblici e privati (nel caso di risultati ex equo ai sensi e ai sensi L.351/2001 e ss. ) Asta con incanto Dismissioni privati Delegato del Diffidenza rischio Pro: sistema che Pro: Notevole appeal Opzionale lungo portale soc. Enel servizi rappr. legale soc. perdita cauzione a premia solo aste con per tutti i tipi di clickcasa (sistema Enel servizi causa di clonazione immobili molto acquirenti Ebay) delle password di apprezzati dal Contro: alcuni accreditamento da mercato partecipanti non parte di terzi per Contro: risultato riescono a seguire turbare l asta con modesto nel caso di con continuità false offerte. aste con pochi l incanto lungo per cui Rischio partecipanti o non fanno le offerte a interposizione fittizia partecipanti poco rialzo di soggetti motivati.

8 2. IL PROGETTO RETE ASTE NOTARILI (RAN) Il sistema informatico RAN consente lo svolgimento di una delle seguenti tipologie di Asta: Tipo Offerta Digitale Cifrata Offerta Cartacea Fase Offerte al Rilancio Asta senza incanto SI SI MAI Asta con incanto Asta in due fasi (all asta può seguire l incanto) Asta con incanto lungo NO NO SEMPRE SI SI POSSIBILE SI SI SEMPRE Note L asta è aggiudicata alla migliore offerta pervenuta L offerta coincide con la base di Asta prevista nel disciplinare di asta. Tutti gli offerenti avranno acceso alla fase dei rilanci Il Notaio Banditore seleziona chi avrà accesso alla fase dei rilanci secondo il criterio definito nel disciplinare di asta Tutti gli offerenti avranno acceso alla fase dei rilanci 3. ATTORI DEL SISTEMA E RUOLI Venditore: Ente pubblico o privato che utilizza il sistema RAN per la dismissione/vendita del patrimonio (il sistema è compatibile sia con la normativa prevista dal codice di procedura civile in materia di esecuzioni immobiliari così come modif. dalla legge sulla competitività 35/2005 e 263/2005 e dalla legge sulla digitalizzazione della giustizia legge 24/2010, sia con l art.43 bis legge 14/2009 sulla dismissione degli enti previdenziali) Notaio banditore: è l arbitro dell intera procedura. Attraverso le proprie credenziali inserisce nel sistema tutte le informazioni previste, pubblica il bando, apre le offerte cartacee da lui pervenute e quelle digitali presenti sul sistema, dichiara aperta l eventuale fase dell incanto fino alla chiusura di tutta la procedura con la redazione del verbale d asta. Offerente: qualunque soggetto interessato a partecipare all asta che si sia abilitato presso il notaio banditore o periferico mediante la presentazione della cauzione, dei propri documenti d identità e la sottoscrizione del regolamento di gara.

9 Notaio periferico: ha il compito di accreditare gli offerenti, di ricevere le relative cauzioni, di consentire l effettuazione di un offerta digitale o di consegnare il modulo per effettuare un offerta cartacea. Svolge una funzione di familiarizzazione al sistema delle aste fornendo informazioni agli offerenti e consentendo loro di partecipare anche alla fase d incanto presso il suo studio. Notartel: gestore del sistema centrale informatico garantisce trasparenza e sicurezza e fornisce specifiche informative sul utilizzo del gestionale al notaio banditore e ai notai periferici nonché ad eventuali altri soggetti abilitati dai bandi di gara. 4. ASPETTI CARATTERIZZANTI IL SISTEMA RETE ASTE NOTARILI Il sistema della Rete Aste Notarili è progettato per rispondere ad elevati standard di qualità e sicurezza necessari a rendere l intera struttura affidabile. In particolare le principali caratteristiche del sistema Rete Aste Notarili sono: Sicurezza: o l accesso al Sistema è condizionato all autenticazione del notaio all apparato IAM (IBM Identity Access Management). o le offerte di acquisto possono essere prodotte in formato digitale. Tali offerte saranno rese segrete mediante un meccanismo di doppia cifratura realizzato attraverso i certificati digitali di cui sono dotati i notai. o Nei processi di registrazione di partecipazione all asta e nell aggiudicazione della stessa viene utilizzata la firma digitale da parte dei notai per garantirne il non ripudio. o Ogni documento che transita nel Sistema RAN viene conservato in maniera sicura attraverso l applicazione Conservazione a Norma. Ad esempio, al termine dell Asta il sistema RAN conserva a norma: Documenti relativi agli immobili costituenti il lotto immobiliare (es. certificazione notarile relativa allo stato ipocatastale del lotto, certificazione energetica, certificazione impianti a norma, relazione urbanistica, fotografie del bene, planimetrie del bene, eventuale perizia di stima, etc.). Il giornale delle attività eseguite durante i processi di asta (Log).

10 Tracciabilità: o Il Sistema RAN traccia le attività avvenute durante una sessione di asta, ad esempio: Partecipanti intervenuti. Tutte le offerte pervenute. Tutte le attività avvenute durante le fasi di incanto. Partecipanti ammessi alla fase di incanto. Basi d asta impostate. Rilanci effettuati da ciascun partecipante e riferimento temporale ad essi associati (marca temporale). Eventuali ex-aequo rilevati per ciascuna fase di incanto. Ultima offerta vincitrice della fase di incanto firmata digitalmente per garantirne il non ripudio. Verbale di Asta redatto dal Notaio banditore. Trasparenza: o Il Sistema RAN è realizzato per far coesistere le classiche offerte cartacee con le offerte digitali cifrate. L offerente potrà fare riferimento al notaio per la produzione di entrambe le tipologie di offerte. o La modalità di iscrizione degli offerenti e di presentazione delle offerte non consente la conoscibilità delle stesse agli altri attori del sistema fino al giorno previsto per l asta. o Ogni offerta di rilancio viene associato un riferimento temporale certo (marca temporale). o Particolare evidenza merita l offerta digitale ed il meccanismo di protezione implementato per garantirne la riservatezza. Infatti ogni offerta digitale viene protetta con due livelli di sicurezza: Cifratura interna: viene effettuata mediante l utilizzo del certificato (chiave pubblica) del notaio banditore. Solo lui sarà in grado di decifrare questo strato di protezione in quanto detentore dell unica chiave privata capace di rendere l offerta leggibile. Cifratura esterna: viene effettuata mediante l utilizzo del certificato (chiave pubblica) della Notartel S.p.A.. Questo strato di cifratura viene apposto sopra la cifratura interna esposta sopra. Notartel conserva le offerte digitali e sarà l unica in grado di rimuovere questo strato esterno di protezione.

11 Comunque per Notartel sarà impossibile visualizzare l offerta in chiaro in quanto protetta dalla cifra interna. Il Sistema RAN solo nel giorno ed all ora prevista per l asta renderà disponibili le offerte digitali per il notaio banditore rimuovendo automaticamente la cifratura esterna. 5. PROCESSI Di seguito vengono riportati sinteticamente i processi gestiti dal Sistema RAN: Costituzione del Lotto Immobiliare: o Verifica Preventiva: Ogni lotto immobiliare viene caricato nel Sistema RAN solo dopo esser stato corredato dei documenti che ne garantiscono la piena commerciabilità. o Inserimento Sicuro: il notaio è l unico soggetto abilitato all inserimento dei lotti immobiliari nel Sistema RAN. L inserimento può avvenire attraverso l autenticazione al sistema del Notaio singolo o mediante software esterni attraverso protocolli tecnici di interoperabilità. Registrazione dell'offerente: il notaio registrerà in RAN i dati relativi all offerente interessato all acquisizione di un Lotto Immobiliare. Solo il notaio potrà effettuare tale registrazione effettuando le seguenti attività: o Identificazione dell Offerente: inserimento nel sistema dei dati anagrafici e dei dati relativi al documento di identità necessari ad un identificazione certa del soggetto offerente. o Registrazione dei dati del Deposito Cauzionale: il notaio riporta i dati riguardanti il titolo che garantisce la consistenza della cauzione che deve essere depositata dal notaio fino al termine dell asta. o Produzione Offerta Digitale o Offerta Cartacea: il notaio fornisce gli strumenti per realizzare una offerta digitale cifrata all offerente oppure fornisce la modulistica ed i riferimenti necessari per la produzione di una offerta cartacea. Nel primo caso l acquisizione dell offerta al sistema RAN è automatica, nel secondo caso invece la trasmissione dell offerta al banditore sarà a cura dell offerente secondo le modalità previste nel disciplinare di asta di riferimento.

12 Tenuta dell Asta: o Fase di apertura delle Offerte: il giorno di esecuzione previsto per l asta, il notaio banditore procede con l apertura delle buste cartacee e digitali e ne registra i valori nel sistema. o Fase dell Incanto: qualora il disciplinare di asta lo preveda è possibile accedere alla fase dei rilanci. Il sistema RAN gestisce in tempo reale tutte le offerte di rilancio provenienti dai notai (periferici e banditore), creando in automatico la graduatoria delle offerte inserite a sistema. o Aggiudicazione: è la fase finale prevista per il sistema RAN. Il notaio Banditore aggiudica il lotto immobiliare al migliore offerente, redige il verbale di asta utilizzando anche le informazioni presentate dal sistema (rilanci effettuati, basi di asta impostate per le fase di incanto, etc..). Contestualmente tutta la documentazione di Asta viene trasmessa al sistema di Conservazione a Norma del Notariato che ne garantisce il mantenimento e l esibizione in un momento successivo.

13 6. APPUNTI SU ALCUNE NORMATIVE DI RIFERIMENTO DELLE ASTE IMMOBILIARI R.D. 23 maggio 1924, n. 827 dell art. 73, che testualmente prevede che l asta si tiene in uno dei seguenti modi: a. col metodo di estinzione di candela vergine; b. per mezzo di offerte segrete da confrontarsi poi col prezzo massimo o minimo prestabilito e indicato in una scheda segreta dall Amministrazione; c. per mezzo di offerte segrete da confrontarsi poi col prezzo base indicato nell avviso di gara Sistema applicato raramente da soggetti privati e generalmente dagli enti pubblici ad eccezione degli enti previdenziali i cui immobili sono stati oggetto di cartolarizzazioni per i quali sono state varate procedure ad hoc. LA RIFORMA DELLA PROCEDURA CIVILE La riforma del codice di procedura civile in materia di esecuzioni immobiliari è recentemente avvenuta attraverso la c.d. legge sulle competitività (d.l. 35/2005 convertito in l.80/2002 e in seguito modificato l.263/2005). Tale riforma derivante da anni di contributi provenienti dalla dottrina è stata predisposta per accelerare i tempi del sistema. Prima della riforma in l Italia aveva il primato negativo sulla durata media delle procedure esecutive con sette anni e mezzo contro i due anni del Portogallo i nove mesi della Germania e i quattro mesi della Finlandia. In particolare il primato negativo lo aveva il Tribunale di Taranto con dieci anni e mezzo mentre il Tribunale di Monza notoriamente il più efficiente quasi rispettava le medie europee con un anno e mezzo di durata media. I motivi di tali ritardi e della mancanza di una partecipazione più larga e diffusa da parte de cittadini sono stati identificati nei seguenti aspetti: 1) complessità della procedura e carenza di informazioni; 2) eccessive pressioni sui partecipanti alla gara durante l incanto (Turbative); 3) complessità e incertezza sull effettiva immissione nel possesso; 4) tempi stretti e difficoltà ad accedere ai finanziamenti bancari per l acquisto; La riforma della procedura con il cd decreto sulla competitività e con la recentssma legge 24/2010 sulla digitalizzazione della procedura è stata studiata per far fronte a tali problematiche.

14 Sul fronte delle informazioni vi è stata una risposta attraverso l introduzione della perizia riformata di cui all art.173-bis, disp att. c.p.c. e la pubblicità regolata con la pubblicazione almeno 45 gg prima della vendita sui quotidiani e sui siti internet. Sul fronte dell eliminazione delle turbative gli artt.569 e ss. c.p.c. hanno indicato in modo tassativo che la procedura di vendita avvenga partendo dall asta senza incanto con la conseguente segretezza delle offerte ed eliminato l aumento dopo l incanto, strumento spesso utilizzato per usi estorsivi o comunque regola che toglieva competitività alla fase dell incanto. In merito alla liberazione è stato introdotto l obbligo del provvedimento di liberazione da effettuarsi entro l aggiudicazione immediatamente esecutivo e non impugnabile. Infine in merito ai mutui l art.585 c.p.c. ha consentito l iscrizione dell ipoteca su bene altrui. Al fine di evitare la partecipazione a vuoto o lunghi rinvii sono state introdotte alcune norme quali quelle sui limiti alla conversione del pignoramento (art. 495 c.p.c.: prima che sia disposta la vendita ), sui limiti alla sospensione (art. 624-bis c.p.c.: fino a 20 giorni prima della scadenza del termine per il deposito delle offerte di acquisto o fino a 15 giorni prima dell incanto ), sul rinvio della vendita (art. 161-bis c.p.c.: solo con il consenso dei creditori e degli offerenti ) e sull eliminazione del deposito per le spese (artt. 569 e 580 c.p.c.); solo cauzione 10% LA DIGITALIZZAZIONE DELLA GIUSTIZIA (LEGGE 24/2010) L entrata in vigore, sabato 27 febbraio, della legge 24/2010 (disponibile in allegato) sembra essere uno dei primi passi per la modernizzazione della giustizia. L aspetto che più riguarda la materia delle aste è quello sulla cd digitalizzazione della giustizia delineata solo in grandi linee entro le quali entro sessanta giorni il Ministro di Grazia e Giustizia, dovrà emanare un decreto con le regole tecniche per l adozione dell informatica nei processi civile e penale. Oltre ad importanti innovazioni su alcune formalità (le notifiche e le comunicazioni dovranno essere fatte con la posta certificata: la notifica si intenderà perfezionata nel momento in cui il gestore rende disponibile il documento informatico nella casella Pec del destinatario) sembra che il giudice dell esecuzione potrà stabilire che tutte le operazioni siano effettuate con modalità telematiche: dal versamento della cauzione alla presentazione delle offerte, dallo svolgimento della gara tra gli offerenti all incanto fino al pagamento del prezzo. Tali modalità dovranno certamente essere introdotte nel rispetto della normativa sull antiriciclaggio e sull interposizione fittizia, nonché scontare problemi tecnico-pratici sulla valutazione da parte dei cittadini circa la sicurezza degli attuali sistemi informatici.

Acquisto all asta Un modo alternativo e sicuro di comprare casa

Acquisto all asta Un modo alternativo e sicuro di comprare casa Le Guide per il Cittadino Acquisto all asta Un modo alternativo e sicuro di comprare casa Consiglio Nazionale del Notariato Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica

Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Provincia di Milano Vademecum per Contratti in Modalità Elettronica Art. 11, comma 13, D.Lgs. 163/2006 Segretario Generale Diodora Valerino Staff Segretario Erminia Figini NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A. www.procedure.it Iscrizione al ReGIndE (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) tramite il Portale dei Servizi Telematici Vademecum operativo realizzato dalla società

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli