Dalla nascita delle prime civiltà. alla caduta del Impero romano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla nascita delle prime civiltà. alla caduta del Impero romano"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute Colella Anna Dalla nascita delle prime civiltà. alla caduta del Impero romano

2 INDICE Le fonti storiche pag. 3 Come si studia un popolo pag. 4 La Civiltà dei fiumi: I Sumeri pag. 9 I Babilonesi pag. 20 Gli Assiri pag. 24 La civiltà degli Egizi pag. 29 La civiltà degli Ebrei pag. 48 La civiltà dei Fenici pag. 57 La civiltà dei Cretesi pag. 65 La civiltà dei Greci pag. 70 La civiltà degli Etruschi pag. 88 Le civiltà Italiche pag. 93 La civiltà Romana pag. 101 La civiltà Cinese pag. 186 La civiltà Indiana pag

3 La STORIA lo Storico Cerca Studia Confronta le FONTI Orali (racconti, interviste) Scritte (libri, giornali ) Visive (disegni, foto, graffiti) Materiali (reperti: vasi, lance) 3

4 COME SI STUDIA LA VITA DI UN POPOLO QUANDO? In quale periodo DOVE? In quale ambiente COME VIVEVANO Quale lavoro facevano per vivere Come erano le case CHE COSA SAPEVANO La scuola La scrittura 4

5 CHE COSA SAPEVANO FARE Come costruivano gli oggetti Le invenzioni COME ERANO ORGANIZZATI In quali gruppi era divisa la società IN CHE COSA CREDEVANO La religione Con tutte queste informazioni si ricostruisce una civiltà 5

6 NASCITA DELLE PRIME CIVILTÀ Gli uomini erano NOMADI poi sono diventati SEDENTARI scoperta dell agricoltura e dell allevamento Gli uomini si fermarono VICINO AI FIUMI perché - terreno più fertile - più facile irrigare i campi - possibilità di pescare - via di comunicazione tra i villaggi 6

7 LE CITTÀ NASCITA DEI VILLAGGI I villaggi diventarono CITTÀ La CITTÀ - era grande; - aveva molti abitanti; - ogni abitante aveva un solo lavoro (contadino, artigiano, mercante); - aveva un mercato per scambiare prodotti; - era comandata da: RE Il Re era considerato un Dio. 7

8 LA MESOPOTAMIA Nella grande regione dell Asia MESOPOTAMIA (terra tra due fiumi) Tigri Eufrate si stabilirono tre popolazioni SUMERI BABILONESI ASSIRI 8

9 LA CIVILTÁ DEI SUMERI QUANDO? DOVE? In Mesopotamia (attuale IRAQ) vicino ai fiumi Tigri ed Eufrate. 9

10 CHE COSA SAPEVANO FARE I Sumeri vivevano in villaggi vicino ai fiumi; erano BRAVI AGRICOLTORI costruirono canali e dighe per irrigare i campi per controllare l acqua nei canali Coltivavano: cereali frumento, orzo ortaggi cipolle legumi lenticchie piselli fave piante da frutto fichi meli peri mandorli 10

11 impararono ad usare l aratro Allevavano: buoi asini capre maiali BRAVI ARTIGIANI Lavoravano il legno, il rame e il bronzo le pietre dure per costruire utensili da lavoro per fare gioielli I Sumeri inventarono il mattone d argilla. Con i mattoni costruivano case e ponti. 11

12 BRAVI VIAGGIATORI inventarono la ruota Con i carri potevano trasportare merci molto più pesanti. inventarono le vele per rendere più veloci le barche 12

13 BRAVI COMMERCIANTI furono i primi ad usare le bilance e il denaro. Il primo tipo di denaro = barre d argento sulle quali era inciso il peso COME VIVEVANO Le città sumere erano città-stato città indipendenti con leggi diverse e un proprio esercito (soldati) comandate da un RE La più grande città era UR. Le città-stato erano spesso in lotta tra loro. 13

14 COME ERANO ORGANIZZATI L ORGANIZZAZIONE SOCIALE RE SACERDOTI NOBILI GUERRIERI nelle città U O ARTIGIANI COMMERCIANTI M (falegnami, scultori, orefici) I N I L I B E R I SCRIBI (conoscevano la scrittura) 14

15 nei villaggi circostanti CONTADINI PASTORI SCHIAVI = prigionieri di guerra o contadini poveri CHE COSA SAPEVANO LA SCRITTURA (PRIMA) pittogrammi (disegni di oggetti) SCRITTURA (DOPO) cuneiforme (segni a forma di cuneo) I segni venivano incisi su tavolette d argilla con una cannuccia dalla punta triangolare, lo stilo. 15

16 CON L INVENZIONE DELLA SCRITTURA INIZIA LA STORIA LA SCUOLA Era frequentata, dai 6 fino 18 anni, dai figli delle famiglie più ricche che potevano pagare i maestri. Si imparava a leggere, a scrivere e si studiava la matematica, la musica, la botanica (studio delle piante), ecc Le uniche persone che sapevano scrivere erano gli scribi. 16

17 IN CHE COSA CREDEVANO LA RELIGIONE I SUMERI erano POLITEISTI. (adoravano molti dei) In ogni città costruivano la ZIQQURAT (casa del Dio) Nel tempio c era anche un granaio, il mercato e la scuola. Piramide a gradoni 17

18 PERCHÉ FU INVENTATA LA SCRITTURA? Osserva la copia di queste FONTI. Sono REPERTI ARCHEOLOGICI che risalgono al 4 Millennio a.c. TAVOLETTA TAVOLETTA SIGILLO rappresenta rappresenta per timbrare le merci raccolti e bestiame accordo di lavoro (contratto) I mercanti e i marinai, durante i loro viaggi, incontravano gente di tutti i paesi e avevano bisogno di capirsi con gli altri. Era necessario registrare le spese e i guadagni e fare gli elenchi delle merci. Ecco un esempio: disegno realizzato da uno storico. 18

19 Non tutti i popoli usavano la scrittura nello stesso periodo, ma incontrandosi si scambiarono oltre che le MERCI anche le loro IDEE. Osserva le riproduzioni di questi alfabeti: Secondo te, esiste qualche rassomiglianza con il nostro modo di scrittura? Quali sono le lettere che assomigliano di più alle nostre? 19

20 I BABILONESI QUANDO? DOVE? In Mesopotamia (attuale IRAQ) vicino alle foci dei fiumi Tigri ed Eufrate. Verso il 2000 a.c. il popolo dei BABILONESI sottomise i Sumeri. Nacque,così, l impero babilonese, comandato dal re Hammurabi. 20

21 Babilonia era una grande e bella città costruita sul fiume Eufrate; aveva templi, viali e giardini pensili, cioè giardini costruiti su terrazze. I babilonesi, per irrigare i giardini pensili, inventarono macchine idrauliche che sollevavano l acqua del fiume fin su le terrazze. porta di Ishtar 21

22 LA TORRE DI BABELE Ziqqurat formata da torri poste una sull altra dalla più grande alla più piccola. In cima c era il tempio dedicato al Dio protettore della città. Ecco, come un pittore del 500 immaginò la costruzione della torre di Babilonia. I Babilonesi avevano una via sotterranea scavata sotto il fiume che metteva in comunicazione i palazzi reali; così i nobili potevano incontrarsi senza passare tra i poveri. 22

23 IL CODICE DI HAMMURABI Codice di Hammurabi raccolte di leggi scritte (regole valide per tutti e che portarono in Mesopotamia, ordine pace e giustizia) Hammurabi aspetta che il dio del sole e della giustizia gli detti le leggi. 23

24 LA CIVILTÁ DEGLI ASSIRI QUANDO? DOVE? In Mesopotamia (attuale IRAQ) vicino alle foci del fiume Tigri. CHI? Popolo di guerrieri che nel 1100 a.c. conquistarono le terre dei babilonesi. COME VIVEVANO Gli Assiri vivevano in grandi città. La loro città più importante era Ninive. 24

25 I VESTITI Le donne e gli uomini poveri portavano tuniche corte di lana e sandali. Mettevano sui capelli una fascia. Gli uomini portavano una barba corta. Gli uomini ricchi portavano una tunica con un mantello di lana. Gli uomini avevano barbe lunghe. Amavano i gioielli d oro. Gli Assiri mangiavano cereali legumi cipolle pesce formaggi cavallette frutta e usavano il miele per dolcificare i cibi. Bevevano birra e vino 25

26 CHE COSA SAPEVANO FARE Gli Assiri erano AGRICOLTORI Coltivavano: cereali frutta verdura olivi pianta del cotone ARTIGIANI lavoravano il ferro costruivano armi: frecce, coltelli, lance vanghe, aratri Allevavano: bovini ovini cammelli cavalli per trasportare merci usati dai soldati 26

27 LA GUERRA E L ESERCITO L esercito era forte e i guerrieri erano tanti. Durante le guerre usavano armi di ferro, carri, e i soldati erano protetti dalle corazze e dagli elmi. CHE COSA SAPEVANO LINGUE E SCRITTURE lingua assira scrittura cuneiforme scrivevano su tavolette d argilla con una cannuccia di legno 27

28 LA BIBLIOTECA DEL RE Il re fece costruire nella città di Ninive una grande biblioteca. Su tavolette d argilla gli scribi scrissero la storia dei popoli della Mesopotamia. IN CHE COSA CREDEVANO ASSUR E GLI ALTRI DEI Gli Assiri erano POLITEISTI (adoravano tanti dei) il più importante era Assur (dio del Sole); gli dei avevano forme umane 28

29 LA CIVILTÁ DEGLI EGIZI QUANDO? La civiltà egizia durò migliaia di anni DOVE? In Egitto, nell Africa del Nord, lungo il territorio bagnato dal fiume Nilo. IN QUALE AMBIENTE L Egitto è un territorio circondato da due deserti: deserto libico deserto orientale Il Nilo è un fiume molto lungo che scorre tra questi due deserti e sfocia (si tuffa) nel mar Mediterraneo. La presenza del Nilo, tra questi due deserti, rendeva molto fertili le zone che si trovavano vicino al fiume. Il Nilo fu, quindi, per gli Egizi molto importante. LE PIENE DEL NILO 29

30 NILO INONDAZIONI In alcuni mesi dell anno, a causa delle tanti piogge, il Nilo inondava tutta la pianura. TERRE FERTILI Quando le acque diminuivano e il fiume rientrava, sul terreno rimaneva il LIMO fango nero che rendeva i campi molto fertili. costruzioni di - canali - argini - dighe per fermare le inondazioni 30

31 CHE COSA SAPEVANO FARE L ANTICO REGNO L Egitto era diviso in due zone: Regno del BASSO EGITTO (vicino al mare) Era sviluppato l artigianato: fabbricavano gioielli vasi statue Regno dell ALTO EGITTO (vicino alla sorgente del fiume) Era sviluppata l agricoltura e le tecniche di irrigazione la lavorazione dei metalli, soprattutto oro la tessitura Coltivavano: cereali: grano, orzo ortaggi legumi viti alberi da frutta Allevavano: bovini pecore capre asini oche api I due regni si unirono in un unico Stato governato da un re chiamato FARAONE. 31

32 COME VIVEVANO I VILLAGGI E LE CITTÁ Lungo il fiume sorgevano importanti città (Menfi, Tebe) Le case e il palazzo del re-faraone erano costruiti con mattoni fatti d argilla e paglia tritata. I templi, invece, erano fatti in pietra. Il popolo viveva in piccole case con due o tre stanze. Il tetto piatto serviva come terrazza, dove le famiglie si riunivano e i bambini giocavano. Nelle stanze c erano letti, sedie e stuoie di paglia intrecciata. Nella stessa casa vivevano anche i nonni e i nipoti. Le donne preparavano i cibi, facevano il pane e sapevano conservare la frutta in vasi di terracotta. 32

33 Dall altra parte del fiume, di fronte alla città, sorgevano le necropoli cimiteri e tombe dei re CHE COSA MANGIAVANO Gli Egizi mangiavano pane e zuppe di cereali, carne pesce formaggio verdure Usavano il miele per addolcire i cibi Bevevano birra latte e vino. Usavano l olio per condire i cibi. 33

34 COME SI VESTIVANO Gli Egizi usavano abiti di colore bianco di lino. Gli uomini portavano un gonnellino e le donne vestivano con una tunica lunga. Tutti portavano la parrucca specie durante le feste. 34

35 CHE COSA SAPEVANO SCUOLA Solo i figli (maschi) dei ricchi andavano a scuola nel tempio, perché potevano pagare il maestro. imparavano i geroglifici la matematica erano segni che rappresentavano animali, piante, armi, oggetti, uomini; era molto difficile da imparare e la conoscevano solo gli scribi. 35

36 Gli Egizi scrivevano su tavole di argilla e sul papiro. I figli degli artigiani imparavano il lavoro dai padri. TEMPO LIBERO I bambini giocavano con palle di legno o di cuoio imbottite con piume. bambole in legno trottola 36

37 COME ERANO ORGANIZZATI LA SOCIETÀ Venivano scelti dal faraone ed erano Ricchissimi. 37

38 IL FARAONE - era il capo del popolo - era il padrone di tutto - era considerato un dio - era il capo anche dei sacerdoti e dell esercito comandava fino alla morte, poi gli succedeva il maggiore dei figli maschi. Vestiva abiti preziosi teneva in mano uno scettro ricurvo e una frusta; in testa portava una doppia corona rossa (che rappresentava il Basso Egitto) e bianca (che rappresentava l Alto Egitto). 38

39 IN CHE COSA CREDEVANO LA RELIGIONE Gli Egizi erano POLITEISTI cioè adoravano molti dei AMON-RA ISIDE ANUBI il dio sole la dea luna il dio sciacallo (aveva creato il mondo (dea della fertilità e (era protettore ed era il padre di tutti gli dei la vita) dei morti) 39

40 adoravano anche gli animali il dio gatto il dio falco la dea leonessa i gatti avevano salvato era il signore del cielo era la dea della guerra i granai dell Egitto dall invasione dei topi. IL TEMPIO TEMPIO (casa degli dei) vivevano i sacerdoti. 40

41 LE PIRAMIDI tombe dei Faraoni La PIRAMIDE di CHEOPE La SFINGE All interno della piramide c erano lunghe gallerie che portavano fino alla stanza dove veniva deposto il sarcofago (insieme a gioielli, cibo e ricchezze). 41

42 COME COSTRUIVANO LE PIRAMIDI? Chi lavorava? - Tutti gli uomini (contadini, architetti, ingegneri, scribi) ma soprattutto gli schiavi. Quanto tempo impiegavano? - tanti anni. Per costruire la Piramide di Cheope impiegarono 30 anni e lavorarono più di uomini. Come facevano? I blocchi di pietra venivano posti a strati uno sopra l altro; per sollevarli si costruivano delle rampe di sabbia e fango; man mano che la piramide si innalzava la rampa saliva a spirale. Alla fine la sabbia veniva tolta. 42

43 43

44 LA VITA OLTRE LA MORTE Gli Egizi credevano che dopo la morte ci fosse un altra vita, solo però, se il corpo si fosse conservato. IMBALSAMAZIONE era costosa era riservata ai Faraoni e ai nobili - dal corpo venivano tolti il cervello e gli organi interni, tranne il cuore. - il corpo veniva riempito con mirra (olio) ed altre spezie; ricucito e deposto nel sale. - poi veniva avvolto nelle bende = MUMMIA - la mummia veniva deposta nel sarcofago 44

45 ESPANSIONE MILITARE degli Egizi verso la Nubia e verso l Asia fino ai confini della Mesopotamia conquista della Siria 1. gli Hittiti provenienti dal nord (Asia Minore) vennero fermati a Quadesh nel 1275 L Egitto fu conquistato: 2. - dai Pe rsiani nel 525 a.c da Alessandro Magno nel 332 a.c dai Romani nel 31 a.c. 45

46 L Egitto durante l antico Impero L Egitto verso il 1850 a.c. Massima estensione Sotto Tutmosi III 46

47 L Egitto durante l antico Impero L Egitto verso il 1850 a.c. Massima estensione Sotto Tutmosi III ORDINE CRONOLOGICO 47

48 LA CIVILTÁ DEGLI EBREI QUANDO? 2000 a.c a.c a.c a.c. 500 a.c d.c. Abramo Mosè Regno d Israele decadenza diaspora DOVE? Provenienti dalla Mesopotamia, vicino a Ur, andarono poi a vivere in Palestina. EGITTO IN QUALE AMBIENTE La Palestina è una striscia di terra pianeggiante che si estende lungo la costa del mar Mediterraneo. Essa è attraversata dal fiume Giordano. 48

49 COME VIVEVANO Gli Ebrei vivevano in villaggi circondati da mura; le case erano piccole, senza mobili, solo stuoie per dormire. La città più importante era Gerusalemme dove c era il palazzo del re e il tempio CHE COSA SAPEVANO FARE Gli Ebrei coltivavano allevavano cereali: frumento, orzo cavalli legumi: fave e lenticchie buoi per i lavori viti cammelli faticosi olivi asini alberi da frutto pecore per la carne, capre il latte, la lana Usavano l aratro trainati da animali 49

50 COME ERANO ORGANIZZATI LA FAMIGLIA E LA TRIBÚ PATRIARCA (capo della famiglia l uomo più vecchio) moglie e era proprietà del padre o del marito figli zii cugini nonni vivevano in case vicine Ogni famiglia apparteneva ad una TRIBÙ. 12 tribù formavano il Regno d Israele RE comandato dal S O C I E T Á CITTADINI LIBERI STRANIERI SCHIAVI (prigionieri di guerra) facevano i lavori più pesant 50

51 CHE COSA SAPEVANO LA SCUOLA La scuola: era nelle sinagoghe; era frequentata solo dai maschi; i maestri si chiamavano Rabbini; i bambini imparavano a leggere, scrivere e a recitare i racconti della Bibbia. conoscevano la SCRITTURA ALFABETICA Nell alfabeto le lettere erano solo consonanti; Scrivevano su fogli di papiro che si arrotolavano intorno a due bastoncini. rotoli della Torah 51

52 IN CHE COSA CREDEVANO LA RELIGIONE Gli EBREI erano monoteisti ( credevano ad un solo Dio) si riunivano nelle sinagoghe a pregare e a leggere la Bibbia (libro sacro) vi erano scritte le leggi e le regole di comportamento da rispettare nella vita quotidiana (la famiglia, il cibo, l abbigliamento). Il candelabro a 7 bracci, illuminava la cassa che custodiva i Dieci Comandamenti, cioè le tavole della Legge che Mosè aveva ricevuto da Dio. 52

53 Gli EBREI Popolo nomade guidato da Abramo (patriarca = capo) Nel 1850 a.c. li condusse in Palestina, la Terra Promessa. Per le continue invasioni e per la carestia (povertà) furono costretti a migrare in Egitto. In Egitto rimasero 500 anni e furono ridotti in schiavitù. 53

54 Nel 1250 a.c. Mosè ricondusse gli Ebrei nella Terra Promessa (la Palestina); lì si unirono e formarono il Regno d Israele con capitale Gerusalemme. La Palestina fu invasa successivamente: dagli Assiri; dai Babilonesi; dai Persiani; dai Greci; dai Romani; Nel 70 d.c. gli Ebrei furono costretti a lasciare la propria terra e si dispersero in tutto il mondo (la diaspora). 54

55 55

56 56

57 LA CIVILTÁ DEI FENICI QUANDO? 2000 a.c. 814 a.c. 627a.C. fondazione di declino Cartagine conquista degli Assiri DOVE? In ASIA MINORE (nell attuale LIBANO) IN QUALE AMBIENTE In una stretta striscia di terra posta tra le montagne del Libano e il mar Mediterraneo. terra non adatta all agricoltura ( perché montuosa) e povera di minerali (cioè non avevano materiali utili per costruire armi) terra ricca di alberi di cedro costruirono grosse navi esportavano legname in altri Paesi del Mediterraneo 57

58 CHE COSA SAPEVANO FARE I Fenici erano bravi NAVIGATORI cercavano nuove terre da coltivare con i tronchi di cedro, costruirono NAVI DA GUERRA NAVI MERCANTILI - avevano forma allungata; - erano più larghe; - erano veloci; - trasportavano carichi pesanti; - venivano protette da soldati armati; viaggiavano di notte osservando la stella polare (nord) usavano l ancora per ormeggiare le navi 58

59 erano bravi COMMERCIANTI compravano e rivendevano tanti tipi di merci: - l argento dalla Spagna - l oro e il ferro del mar Nero - l olio e il vino dalle isole del Mediterraneo Per sviluppare i loro commerci, i Fenici avevano bisogno di luoghi dove arrivare con le navi, depositare le merci, rifornirsi d acqua e cibo. fondarono, quindi le COLONIE (città) abitavano artigiani, sul Mediterraneo mercanti, soldati fenici e ospitavano le navi fenicie di passaggio. Città di: Cagliari Palermo Malaga Cartagine Tebe Stato: Italia Italia Spagna Tunisia Grecia (Africa) 59

60 erano bravi ARTIGIANI I prodotti fenici - Vetro colorato trasparente - oggetti in oro, argento, avorio, ceramica La porpora si otteneva da un mollusco: il murice, che secerne da una ghiandola una goccia di liquido rosso. Ogni mollusco poteva dare una - stoffe tinte con la porpora sola goccia di colorante perciò ne servivano quantità enormi per tingere un solo velo. Era molto costosa. 60

61 CHE COSA SAPEVANO inventarono l ALFABETO FENICIO un alfabeto formato da 22 lettere tutte consonanti. Ad ogni lettera corrispondeva un suono. COME VIVEVANO VILLAGGI, CITTÁ, COLONIE I Fenici vivevano in villaggi città difese colonie da alte mura. lontane città sul mare Mediterraneo comandate dal re delle città fenicie. In queste città c erano magazzini dove i commercianti lasciavano le merci. 61

62 COME ERANO ORGANIZZATI LE CITTÀ-STATO I Fenici costruirono molte città Ogni città aveva un proprio Re e non si unirono mai in un unico Stato. IN CHE COSA CREDEVANO LA RELIGIONE I Fenici erano POLITEISTI adoravano molti dei legati ai fenomeni della Natura dio Baal (dio del vento e della pioggia) dea Ashtart (dea della maternità e della fertilità della Terra) 62

63 La Fenicia subì il dominio di Egizi, Assiri, Persiani, Greci,Romani. Verso il 600 a.c. iniziò il suo declino. 63

64 La Fenicia subì il dominio di Egizi, Assiri, Persiani, Greci,Romani. Verso il 600 a.c. iniziò il suo declino. 64

65 65

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015

INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 INFORM-AC FESTA DELLA PACE 2015 Il mese di gennaio da sempre rappresenta il cuore dell Iniziativa di Carità nel percorso formativo dell Acr, una traduzione concreta - a misura dei bambini e ragazzi attraverso

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562

Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969 80785696 718753 76 2=1,414213562 mathematica [mentis] rubrica di cultura matematica a cura del CIRPU resp. scient. Prof. Italo Di Feo La radice 2 di Qualche cenno storico e una finestra sulle medie. 1,41421356 23730950 48801688 72420969

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro è divenuta indipendente dal 1960, eppure la sua storia e la sua cultura risalgono a circa 12000 anni

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli