REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni del.lo Stato.._.._.._.._.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni del.lo Stato.._.._.._.._."

Transcript

1 MOD. 122 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni del.lo Stato.._.._.._.._._ If II e Collegio per il controllo sulle entrate......_......_+ nell'adunanza del 2 ottobre 2014 * * *., Vi?ta lalegge 14 gennaio 1994, n. 20 ed, in particolare,!:~_~t. 3, comma 41 ai sensi del. quale la Corte dei conti svolge il cantrollo su.l!.~.. g~.- stioni delle amministrazioni pubbliche, verificandone la legittimita e la regolarita l ii funzionamento degli organi interni l nonche la corrispondenza dei. risultati dell'attivita amministrativa agli obiettivi stabiliti dallalegge, valutando comparativamente costi l modi e tempi. della svolgimento ~ li'azione amministrativa; vista la deliberazione della Sezione in adunanza plenaria n. 1j2013jG, con la quale e state approvato ii programma di controllo sulla gestiolle.per.i'esercizio 2013; vista la relazione del Consigliere istruttore, dott. Giovanni Coppola, gie e comunicazioni ne!i'alllbito.della Difes2(;..._.... J yi$ta.i'ordinanza in data 30 luglio 2014, con la quale i.1 Presidente.,._gella Sezione del controllo sullagestione delle Amministrazioni della Stato ha convocato il II il III e il Collegio per il control.lo sulle entrate per I'adunanza del 2ottobre 2014, al fine della pronuncia, ai sensi dell'art. 3,

2 MOD comma vista la nota n del 31 luglio 2014, con la.9uale il Servizio _.. acjunanze della Segreteria della Sezione ha trasmesso la relazion... e...:._..._..._ r......_ _... AI Ministero della difesa Stato iore della difesa - VI Rel?a~~~._..... AI Ministero della difesa - Organismo indipendente di valutazione della.. +-._...._....._..._....._ ~ _.. --._.- t.. AI Ministero dell'economia e delle finanze - Ie della Stato Dipartimento della Rag , preso atto della memoria trasmessa dal Ministero della difesa, Sta- r-.. _ -_..... _.... _-_..-_.._- -r~aggiore della difesa - VI rto in data 24 settembre 20 I udito il Cons. Giovanni CO.-."' r- comparsi: per il Ministero della difesa, Stato iore della difesa - VI Reparto: I I--:::-::::::~:::~~~::7~~ I:~:::~ ~~-~_~=J II Colonello Luciano VEROLLA; il Tenente Colonello Stefano DELUSSO; per il Min di valutazione della 1_~~f..qi.QJ9_Q_Ce :_ L Qer il M.inistero dell'economia e delle finanze :- Dipartimento della Ragio!,

3 MOD, Deri 21, generale della Stato: il dott. Valter PASTENA, Dirigente generale' DELIBERA la Relazione concernente " Interoperabilita: tecnologie e co- ORDINA!,<::b,~I21, J)I~,~~,Q!~, Q~Jl!J.~. r..cl.~~~e~~,~,,~'_~qi!21!:~lazione - ai sensi e "._..,,, dell'art. :3l cornllla6ldellalegge20/~4 COSI come modificato dall'art. 1 I 23 dicembre n. 266 finanziaria ,t! ; 2096) e dall'art. comma della 24 dicembre! siano trasmesse a cura della Segreteria della Sezione: ;., ~,,: aile Presidenze del Senato della bblica e della Camera dei ,,--,-f.-- _.....-r..-,-. Depu~+.. AI Ministero della difesa - Gabinetto del Ministro; t al AI Min della d Stato iore della difesa - VI Ministero dell'economia e delle finanze - Gabinetto del Ministro. L'Amministrazione interessata comunichera alia Corte e al Parlamentol entr~ sei mesi dalla data di ricevimento della presente relazione, -- "' _."_'~~._.~. <.~~.~_ ""~., c_.._ ~ ".~', ~'_ '. " '''. '''.'' ~'''» '''~'.,,,,''_''' ''_"" ". ~ ".",",,,,._._,,,,,.,,,.,,,,,.,.,,,. ~. _.~.,_"._'.. ~ '.,_. "." ~" ' ~", ' _'. ' '' '' * '"".'.,. H,".",, M.'''... _._.,~. ~ _..._ '. _._ _H,"'»_.,_~' ~ _ '. ' _.. ~._~._._,, ~ ". _"'~ ".'_ "'_ " " ' '''' '_' '''_''' '''' >'_'' ~_'.' '''_''N_ "._"',_,,. Ie misure consequenziali ai sensi e Ii effetti dell'art. 3, rgfl1"rll'l '-.9!ill""l~gg"e n. 20/1994, come modificato JZ2, del,la legge n. 266/2005. ". iorni dalla ricezione della relazio-..,' , net I'eventuale imento motivato

4 MOD lati.. ~<lj)r~~~d~jjq.~f'gj9d". " J:~_nit9_ r~l!g i9d_~_.~ 'il n. Qg_trE?J1l_es_s~~. _. _.$gd?lg. R~L _~.ff~j1l d_eji9.[l _:tl.9~u~ :Q : _J_;?_ 1 U.9IJg ~_~~'!L!1_:.J_?J.1( ~ I cor.:n pe-l.... _ d~j g~f~rtqgj. P.9r.Lg.r:D~lJ.tQ.? IJ Ire n d i CQ rl tq.ge n~x.9.. I.~. g~ II Q?~a ~()L.9QEb~. i.f!.. ()r ~- -t '--.-. _' clim= _~.k...i'!j_od a I i til <;:.QnJ~.!:!E.LLl~~!!l!!l i n l.?~.r:.9_~ 0 n i s.l2.9..rlo co n fo rm at~.~~~ vigenj;.~disciqlina.jjncloziaria e contabile. IL PRESIDENT:.,::E:.-..._ - ~\.' J9_<?~_~. r;;i() rg I 0 CLE IV!E_N~_ID...r.::../ ', l L.~:t,t \ ~ IL REL.6I9J~.E_ lcons, a~ni CO~PO ~. -~~~~ IL DIRIGENTE (Dott.ssa Luciana TROC<;;;Q_~n~ ~-~ ~..,e-=~~- ~c (b(

5 Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato "Interoperabilita: tecnologie e comunicazioni nell'ambito della Difesa" RELATORE Cons. Giovanni Coppola

6 Sintesi Cap. 1 - Profili strutturali Cap. 2 - Definizione di Interoperabilita Cap. 3 - DEFENSE INFORMATION INFRASTRUCTURE (DIl) Cap. 4 - I programmi finalizzati all'lnteroperabilita a Sistema comunicazioni satellitari a.l) SICRAL a.2) ATHENA FIDUS b) Rete numerica interforze RNI - Rete interforze fibra ottica nazionale RIFON Cap. 5 - I programmi gestionali a II sistema informativo logistico interforze (SILAD) b Protocollo informatico e PEC c Sistema informativo sanitario dell'amministrazione difesa (SISAD) d Sistema informativo del personale dell'amministrazione difesa (SIPAD) e Sistema banca dati unica stipendiale (BDUS) f Gestione patrimoniale demaniale della difesa - GEPADD (ex-budget) g Sistema informativ~ finanziario dell'amministrazione difesa (SIFAD) h Ammodernamento del sistema di comunicazione on line interna ed estern a (INTERN ET /INTRAN ET) della difesa i Virtualizzazione dei data center Concorsi on line m Porta di dominio della difesa (PdD) n Continuita operativa e disaster recovery della Difesa Foresta unica multi dominio (FUMD) p Carta multiservizi della difesa 2 (CMD-2) e relativa public key infrastructure q Progetto demateria lizzazione Conclusion i e Raccoma ndazioni

7 Sintesi Nella presente relazione e stata analizzata I'evoluzione tecnologica del sistema di comunicazione della Difesa, alia luce della necessita di completare ii processo teso alia realizzazione concreta dell'interoperabilita, intesa come la capacita di due 0 pill applicazioni, sistemi 0 reti di scambiare informazioni tra loro e di essere poi in grado di utilizzarle sia per Ie esigenze di carattere prettamente operativ~, sia per quelle connesse alia gestione amministrativa. In concreto, tale processo ha come obiettivo la realizzazione di un sistema unitario, che operi tramite sottosistemi tra lora compatibili, governato da una regia accentrata, cos] da essere in grado, tra I'altro, di intercettare in tempo reale la spesa periferica al fine di supportare gli organi di vertice, il controllo di gestione ed il controllo strategico nelle decisioni sull'impiego dei fondi e sulla valutazione dei risultati. In tale contesto, l'amministrazione della Difesa ha avviato dal 2009 un ambizioso processo che prevedeva la realizzazione di una "Infrastruttura evoluta e sicura" denominata "Defense Information Infrastructure" - DIl, sviluppando in contemporanea singoli progetti, alcuni dei quali particolarmente sofisticati ed onerosi. La complessita del programma e la progressiva riduzione delle risorse finanziarie disponibili hanno indotto la stessa ad optare per una sua rimodulazione, adottando un approccio improntato ad una logica di sviluppo incrementale - "a spirale" - mend complessa ed onerosa, da attuarsi tramite la realizzazione di una sequenza di moduli "auto-consistenti" e, in taluni casi, in grado di autofinanziarsi. L'indagine ha riguardato quindi il quadro complessivo degli interventi nell'ambito dell'evoluzione tecnologica e ha consentito di rilevare che la realizzazione della "rete" complessiva, pur con Ie perplessita espresse in relazione, costituisce un obiettivo effettivamente raggiunto, anche se da implementare ulteriormente nell'integrazione tra sistema satellitare (SICRAL ed Athena Fidus), terrestre (RIFON) e radio (RNI). In tale contesto e stata operata una distinzione tra I'informatica finalizzata alia gestione dei profili gestionali, in termini finanziari e, inqualche misura, economici, e quella finalizzata all'operativita militare, constatando che in questo ultimo ambito e state raggiunto un importante livello di realizzazione ed operativita, mentre ben diverse e 10 stato di attuazione dei sistemi gestionali, caratterizzati da un andamento "a macchia di leopardo", che non pug definirsi soddisfacente anche per Ie carenze progettuali che ne hanno contraddistinto I'evoluzione, imponendone spesso la reingegnerizzazione. Del resto, la base di partenza era data da una forte polverizzazione dei sistemi, diversi per Ie singole Forze Armate, da una logica contrattuale distribuita sui territorio, e da una contabilita non in grado di intercettare, in tempo reale, la spesa periferica. Aspetti questi che non sono ancora superati e che condizionano fortemente I'efficacia dei progetti in atto, pur sottolineandosi come talune "best practices" possano 3

8 accelerare il processo di condivisione e, come tali, quindi, costituiscano la linea da seguire, anche per i possibili risparmi. L'evoluzione dell'approccio metodologico, di cui si e fatto cenno, ha mostrato interessanti elementi di concretezza, supportati dalle risorse tecnologiche messe in campo, sia sotto il profilo del contributo fornito dalle elevate professionalita interne ed esterne all'amministrazione, sia sotto quello delle risorse hardware e software, con specifica rilevanza dei sistemi di dominio e di connessione tra reti che evidenziano un approccio oggi maggiormente mirato ad un'effettiva integrazione. Restano Ie perplessita relative alia pili volte auspicata realizzazione della concentrazione dei programmi gestionali, da realizzarsi tempestivamente al fine di intercettare in tempo reale la "spesa periferica" gestita tramite contabilita speciali, che costituisce tuttora una rilevante quota del bilancio della Difesa ed il cui iter non sembra ancora prossimo alia conclusione. Presenta aspetti di rilievo per la lora portata diffusiva, nella prospettiva dell'amministrazione digitale, il progetto della Carta Multiservizi della Difesa, gia operativo ed in evoluzione e quello di dematerializzazione documentale che mira alia creazione, a regime, del "documento digitale". II quadro complessivo che emerge dall'indagine non appare quindi omogeneo, per Ie ragioni indicate, anche perche pur essendo evidente 10 sforzo dell'amministrazione di portare a sistema i vari progetti neli'ottica della DIl, i medesimi sono nati in tempi diversi e con diverse ottiche e finalita, hanno avuto vicende spesso complesse che hanno messo in discussione la lora evoluzione e daranno risultati che non potranno essere allineati tra loro. La positivita riscontrata nei progetti per la connettivita e nella portata di quelli che possono effettivamente trovare una diffusione nella Pubblica Amministrazione, va rinvenuta, quindi, anche attraverso opportune reingegnerizzazioni, nei progetti gestionali ai quali, del resto, e affidata la reale governance del bilancio della Difesa. 4

9 Cap. 1 - Profili strutturali L'attivita del Ministero della Difesa va vista in rapporto ad un quadro strategico particolarmente complesso concentrato nella Missione "Difesa e Sicurezza del territorio". Le funzioni svolte nel Paese riguardano principalmente la difesa del territorio, Ie aree di interesse marittimo, gli spazi aerei nazionali e il concorso all'ordine pubblico; quelle fuori dai confini nazionali sono relative alia cooperazione internazionale che si esplica nei diversi contesti multilaterali (NATO-SHAPE etc.) e che ha trovato particolare espansione nelle missioni internazionali di peace-keeping, peace enforcement, etc.. Vanno poi considerati gli interventi in occasione delle pubbliche calamita e negli altri casi di straordinaria necessita e urgenza (concorso all'ordine pubblico, come nell'operazione "strade sicure" ed interventi emergenziali, come nell'operazione "strade pulite", ecc.) L'organizzazione del Ministero della difesa e quindi incentrata sui sostegno e supporto allo strumento militare, da qui la particolare configurazione dei vertici militari disegnata dalla Legge 18 febbraio 1997, n. 25, recante "Attribuzioni del Ministro della difesa, ristrutturazione dei vertici delle Forze armate e dell'amministrazione della difesa" ed ora dal d.lgs. 15 marzo 2010, n. 66 recante il "Codice dell'ordinamento militare", che vede il Capo di Stato Maggiore della difesa gerarchicamente sovraordinato ai Capi di Stato Maggiore di Forza armata e, per quanto attiene aile attribuzioni tecnico-operative, al Segretario Generale della difesa. L'attuale assetto organizzativo di questa Area deriva da un parziale riordino risalente al 2011 che ha riguardato in particolare la struttura del Segretariato Generale della difesa - Direzione nazionale degli armamenti, delle direzioni generali e degli uffici centrali del Ministero della difesa e che dovra, comunque, essere oggetto di aggiornamento sulla base dei contenuti della schema di regolamento attuativo di cui al D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n II Ministero della difesa concentra quindi sui Centro di responsabilita "Segretario Generale" la decisionalita di tutta I'area tecnico-amministrativa, alia quale si riconduce I'attivita di procurement per il potenziamento e I'ammodernamento degli armamenti, ma anche I'alta tecnologia che, nella logica dell'interoperabilita, ha rappresentato negli ultimi anni un investimento di grande importanza nello sviluppo dell'informatica per Ie comunicazioni, intendendosi per esse anche quelle aerospaziali. 5

10 MINISTERO DELLA DIFESA AREA TECH.ICO OPERATIVA AREA TECMICO AMMIMISTRATIVA Legenda: ~Dipendenza gerarchica - '- 'Oipendenza del SGO/OMA dal Ca, GMD per gli a"petti tecnici operat;vj - Um,tament.. ai compiti m,litari dell'arma de, carabinieri In tale contesto, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, che e il primo interlocutore del vertice politico, esercita il potere di indirizzo tecnico-operativo nei confronti dell'intera struttura esecutiva, con funzioni sostanzialmente riconducibili ad un rafforzato coordinamento dei vertici delle Forze armate al fine di raggiungere accordi 0 concertazioni fra i diversi elementi di organizzazione interessati alia realizzazione di programmi e obiettivi. Emerge quindi la complessita di tale Amministrazione particolarmente per il rapporto tra i vertici (Capo di Stato maggiore della Difesa, Segretario Generale e Capi di Stato Maggiore di Forza armata) e la divisione tra l'area Tecnico-operativa, alia quale fanno capo Ie quattro Forze armate (Esercito, Aeronautica militare, Marina militare ed Arma dei carabinieri) - che sono anche centri di responsabilita - e l'area Tecnico Amministrativa, della quale il Segretario Generale e attualmente unico centro di responsabilita ai fini della gestione del bilancio e, nel quadro della riorganizzazione del Ministero, anche sotto ii profilo ordinamentale, L'estesa distribuzione dei Comandi militari sui territorio nazionale nonche degli enti e stabilimenti ha sempre posto I'esigenza, al di la dell'informatica piu strettamente attinente aile funzioni militari, di realizzare un sistema completo realmente in grado di assicurare un controllo della spesa, in tempo reale. Del resto, non va sottovalutata I'estrema complessita gestionale delia Difesa che, al livelio di Forza armata, costituisce un contesto caratterizzato da peculiarita che 6

11 determinano la diversita dei sistemi informatici gestionali, che per la lora quantita e consistenza non sono approfonditi nella presente relazione. La Corte ha seguito costantemente, sia in sede di relazione sui rendiconto generale della Stato, che in quella del referto specifico sull'informatica pubblica, I'evoluzione tecnologica del sistema di comunicazione della Difesa sottolineando I'opportunita della realizzazione di un sistema unitario che superi la frammentazione di sistemi operativi non in grado di colloquiare tra lora e di una regia accentrata che sia in grado di intercettare la spesa periferica in tempo reale che possa effettivamente supportare r Vertici, il controllo di gestione ed il controllo strategico nelle decisioni sull'impiego dei fondi e la valutazione dei risultati. Nell'ambito dell'amministrazione della Difesa si deve rilevare come il problema del controllo della "spesa periferica", sostanzialmente gestita in "contabilita speciali", sia ancora assolutamente attuale, non sussistendo, al momento, un raccordo in tempo reale tra i gestori periferici ed il Sistema Informatico di Vertice. Anche I'integrazione, come si legge nelle specifiche dei progetti oggetto delle analisi della Corte, della stesso sistema con il SICOGE, che pure si ritiene un elemento fondamentale per la gestione del bilancio, risente ancora della mancanza di un ritorno, appunto, in tempi reali, degli esiti delle transazioni sui capitoli di bilancio, con la conseguenza di una non tempestiva conoscenza delle reali movimentazioni finanziarie effettuate da parte dell'amministrazione, tale da consentire un efficace controllo gestionale. In un contesto orientato alia spending review, che ha coinvolto in pieno, fin dall'inizio, la Difesa, la stessa deve poter contare su una forte selezione dei centri decisionali, anche al fine di disporre, in un tempo ragionevole, di una razionalizzazione delle procedure che, soprattutto nel procurement, sono spesso determinanti. Per quanto attiene all'informatica, oggetto della presente indagine, I'esigenza, pill volte sottolineata dalla Corte ed in precedenza evocata, di concentrare in un unico contesto decisionale di vertice la regia dei sistemi informatici della Difesa ha trovato la sua realizzazione nell'istituzione presso 10 Stato Maggiore della Difesa della D.G.RE.S.I.A.D. (Direzione generale Reparto Sistemi informativi dell'amministrazione della Difesa), che fa capo al VI Reparto della Stato Maggiore, al quale si rapporta il Comando C4IStar che si occupa dei sistemi tecnologici d'armamento in collegamento con la NATO e con il Segretariato Generale. Inoltre, in tale sistema e nell'ambito del Segretariato Generale, grande rilevanza ha TELEDIFE, la Direzione interforze dedicata aile telecomunicazioni aerospaziali la quale, dopo un'inopinata soppressione, fortemente criticata dalla Corte (cfr. Relazioni sui Rendiconto generale della Stato), avvenuta nel 2009, e stata nuovamente istituita con la denominazione parzialmente diversa di "Direzione informatica, Telematica e Tecnologie 7

12 Avanzate" (sempre resa nella sintesi "TELEDIFE") e chee stata oggetto della recente indagine della Sezione Centrale di controllo sulle gestioni delle Amministrazioni della Stato (Deliberazione n. 4j2012jG). Tale Direzione Generale si occupa di gran parte dell'interoperabilita, anzi, si puc> dire che essa stessa corrisponda ad una logica di interoperabilita, svolgendo funzioni di raccordo con tutti i Comandi e Ie Forze armate di riferimento. Per quanto attiene aile esigenze civili, va considerata, inoltre, la possibilita di esportare il modello, Ie architetture e Ie soluzioni tecnologiche anche ad altri Dicasteri (ad esempio: architetture orientate a servizi - SOA, uso della Carta Multiservizi della Difesa - CMD, etc.); in proposito, secondo quanto affermato dall'amministrazione, la stessa Digit PAl ha promosso I'adozione di tale modello anche presso altre Istituzioni. L'organigramma che segue evidenzia la struttura informatica complessiva nel contesto militare italiano:! CAPO 01 STATO MAGGIORE DELLA OIFESA "' BEll SMD~ 1= r~ll:a:jl COMANDOC4DIFESA 1= 1 - -,'. 7It""'-""'~-"""':=:-""-!!"!-i CERT DIFESA : FORCE I...""...,,,,,...""""",,.,..."""""... t J ( i eert I CERT CERT : ~ J f CERT ESERCITO ~~ MAR'NA_ ~ AfRONAUTICA : (OFeN) I I, ",.. II comando C41 (secondo I'acronimo NATO) costituisce il massimo organo tecnicooperativ~ in ambito Interforze; si tratta di una struttura unitaria, anche se e dislocata in diverse sedi e costituisce I'esempio concreto di un'integrazione che mira alia governance complessiva dei sistemi operativi. L' acronimo "C4I" indica come va a dispiegarsi la sua attivita per realizzare un processo integrato che si fondi su quattro funzioni determinanti: Comando, Controllo, Comunicazione ed Informatica (Computer System) La sua struttura risulta dallo schema che segue: 1 Agenzia per l'italia Digitale 8

13 II Comando C4I ha il compito di garantire il corretto funzionamento dei sistemi ICT 2 e dei servizi applicativi per Ie Forze armate e per l'area di Vertice Interforze (Stato Maggiore Difesa, Segretariato Generale Difesa, Direzioni Generali) come: SIV, SIV2, SISAD, SIPAD, Infogest, ecc. Inoltre deve assicurare i servizi di connettivita (RIFON, AERNI, DIFENET, InTRANET) e i servizi di Core delle Forze armate ( Foresta di dominio, Identity management). Di estrema importanza e poi il compito relativo alia gestione della sicurezza delle Reti e dei sistemi interforze, con la configurazione dei servizi e degli apparati di sicurezza, con il monitoraggio continuo dei flussi informatici, la valutazione dell 'incident handling e della vulnerability/risk assessment. La gestione della sicurezza riguarda specificatamente: il CERT (Computer Emergency Response Team) con funzioni di Technical Center per il coordinamento dei CERT del dominio Difesa. Esso segnala gli incidenti e la vulnerabilita dei sistemi informatici. II Comandante C4Difesa e responsabile della sicurezza informatica per 10 Stato Maggiore Difesa; la SOC (Security Operation Center) che fornisce servizi finalizzati alia sicurezza dei sistemi informatici della Difesa con il monitoraggio, in tempo reale, dei tentativi di intrusione. Un'ulteriore funzione svolta riguarda il supporto ai sistemi suddetti per i quali 10 stesso realizza una sorta di helpdesk. 2 Information Communication Technology: I'insieme dei metodi e delle tecnologie che realizzano i sistemi di trasmissione, ricezione ed elaborazione di informazioni (tecnologie digitali comprese). 9

14 Cap. 2 - Definizione di Interoperabilita Per interoperabilita si intende la capacita di due 0 piu sistemi, reti, mezzi, applicazioni 0 componenti di scambiare informazioni tra lore e di essere poi in grado di utilizzarle. In una societa tecnologicamente avanzata, caratterizzata da una crescente diversita di sistemi e di applicazioni, consente 10 sviluppo di sistemi globali, prevenendo gli effetti indesiderabili della frammentazione. L'interoperabilita di tipo tecnico attiene alia funzionalita di prodotti e impianti tecnologici, per esempio nelle telecomunicazioni, nei software, nei sistemi di calcolo 0 nell'impiego domestico di dispositivi informatizzati. II concetto di interoperabilita, comunemente intesa come la "Capacita di operare in sinergia nell'esecuzione dei compiti assegnati", trova una specificazione in campo militare e nel contesto NATO, nella "capacita delle forze dell'alieanza e, ove applicabile, delle forze dei Paesi Partner e di altri Paesi, di addestrarsi, esercitarsi e operare efficacemente assieme nell'esecuzione di missioni e di compiti assegnati" 3. II concetto di interoperabilita viene usato da anni nei vari consessi internazionali e nel corso della specifica Audizione tenutasi il 10 dicembre 2013 presso la sede operativa del Comando C4Istar e stata ribadita I'assoluta importanza della stesso che, dal punto di vista dell'attuazione, presenta livelli di operativita diversi: tra un ambiente classificato e uno non classificato, che puc contenere comunque dati sensibili: I'iterazione avviene tramite un diodo, che consente il traffico dati esclusivamente in una direzione; tra due ambiti dotati della stesso livello di classificazione, quali ad esempio un dominio nazionale e quello NATO, da attuarsi tramite leg: si tratta di un sistema che rende interfacciabili due domini consentendo lora di dialogare nello stesso livello di classifica; tra due reti, tramite un approccio multilevel, per la cui realizzazione sara necessario superare ritrosie da parte di numerosi attori di tale processo; II punto di arriv~ del concetto di interoperabilita e la realizzazione di un'unica rete. Le linee di sviluppo ad oggi adottate prevedono I'accelerazione della centralizzazione dei servizi di rete, da realizzarsi a livello interforze, tramite un procedimento definito di "federazione" dei singoli domini gia esistenti a livello di Forza Armata. 3 I fattori fondamentali dell'interoperabilita sono: Core ed Enhancement. II fattore Core consiste in una serie di elementi, indispensabili per la riuscita di ogni missione, quali: la terminologia, la dottrina, il format per la messaggistica, gli obiettivi comuni con Ie forze alleate, gli apparati crittografici e Ie frequenze, la codifica delle parti di ricambio. Gli elementi relativi al Core devono essere acquisiti prima di pianificare qualsiasi missione; se Ie forze in campo non raggiungessero un adeguato livello di interoperabilita in questi settori, la missione avrebbe elevate probabilita di fallire. II fattore enhancement, invece, consiste nella "uniformita" degli equipaggiamenti, dei materiali logistici, delle tecniche e delle procedure che contribuiscono ad aumentare I'efficacia di un'operazione. Un terzo fattore che influenza I'interoperabilita e I'addestramento comune e Ie esercitazioni. 10

15 Pill in dettaglio, al livello interforze compete I'erogazione di servizi quali I'antivirus e, pill in generale, la difesa "esterna" del sistema nel suo complesso, mentre aile singole Forze Armate continua a rimanere, tramite il propria CERT, la tutela dei singoli domini. Va sottolineato come la Corte abbia segnalato nel tempo l'importanza della ricerca di una uniformita nei sistemi operativi gestiti a livello di Forza armata, affinche vi fosse una concentrazione anche dei database e della fruibilita dei dati, con i necessari livelli di sicurezza e Ie conseguenti abilitazioni, oltre all'esigenza di creare una struttura informatica centralizzata alia quale fosse affidata la regia complessiva dell'information Technology (cosa questa, come si e vis to, adeguatamente realizzata). La gestione separata dei domini costituisce, al riguardo, un passe intermedio, ritenuto necessaria dali'amministrazione per preservare Ie specificita delle Forze armate, assicurando un elevato livello di comunicazione tra Ie stesse. In linea prospettica, I'obiettivo che l'amministrazione intende comunque raggiungere e quello di diventare il provider dei servizi di rete della Difesa realizzando la gestione diretta dei servizi e generando quindi risparmi rispetto all'acquisto degli stessi. Tale concetto e stato accettato dalle Forze armate in quanto riconosciuto pill conveniente e, al tempo stesso, queste ultime hanna rinunciato a gestire in termini completamente autonomi e non coordinati i propri siti, beneficiando di un doppio accesso fornito lora dal C4I, che assumera il ruolo di Internet provider. Per la realizzazione completa di tale programma e stato indicato un periodo necessaria di cinque anni. La Difesa, in un contesto che per tutte Ie pubbliche amministrazioni mira a realizzare un sistema a rete per Ie telecomunicazioni, rappresenta un unicum rispetto allo stato attuale e potrebbe costituire un modello e offrire servizi a tutta la Pubblica Amministrazione, offrendo soluzioni che consentano aile singole amministrazioni di rendersi autonome rispetto ai provider privati. In considerazione di quanto gia sottolineato e che viene ulteriormente esplicitato in Relazione, il primo profilo di cui va tenuto canto e che I'interoperabilita nella realizzazione dei vari progetti che hanna specifiche finalizzazioni e innanzitutto orientata agli aspetti operativi deli'amministrazione della Difesa, la quale, peraltro, si muove necessariamente sempre in un quadro di compatibilita con ii sistema della cooperazione internazionale che e particolarmente evoluta in sede NATO. Pertanto va fatta una distinzione, rispetto a tale contesto, tra I'informatica finalizzata alia gestione della "macchina" in termini finanziari ed in qualche misura economici e quella finalizzata all'operativita militare. Fin d'ora infatti va segnalato come la prima costituisca I'area che, ad avviso della Corte, ha dinanzi evidenti margini di sviluppo e miglioramento, laddove I'evoluzione della stesso approccio metodologico di cui si parla in seguito mostra interessanti elementi di 11

16 concretezza, fortemente supportati dalle risorse tecnologiche messe in campo, sia sotto il profilo delle elevate professionalita interne, sia sotto quello degli esperti tecnologici per I'hardware e per il software con specifica rilevanza dei sistemi di dominio e di connessione tra Reti che compongono un sistema caratterizzato da un approccio sempre piu integrato e dinamico. Cap. 3 - DEFENSE INFORMATION INFRASTRUCTURE (011) Dal 2009 l'amministrazione della Difesa, tenendo conto delle direttive NATO per 10 sviluppo dei sistemi C4, ha avviato un processo di realizzazione di una "Infrastruttura evoluta e sicura" denominata "Defense Information Infrastructure ( di seguito DIl)", la cui progettazione era iniziata nel 2005, in grado di rispondere efficacemente aile proprie esigenze di comunicazione e gestione condivisa delle informazioni, sia attuali che future, in ambito nazionale, alleato e di coalizione. Tale programma, ad avviso dell'amministrazione, ha perseguito, in primo luogo, I'obiettivo di una governance unitaria, ed e state sviluppato in esecuzione del progetto individuato nel documento chiamato Requisito Operativ~ Definitivo (ROD) - approvato dal Comitato di Valutazione Interforze dei Requisiti Operativi (COVIRO) il 20 giugno II programma, nella sua prima configurazione, appariva piuttosto ambizioso, tendendo a portare avanti contemporaneamente Ie varie componenti, alcune delle quali particolarmente sofisticate ed onerose (si cita il "soldato futuro") di cui si e parlato in sede di relazione sui Rendiconto Difesa. Da un lato, la complessita del programma e, dall'altro, la scarsita di risorse hanno indotto l'amministrazione ad optare per una rimodulazione della stesso, passando ad un approccio improntato ad una logica di sviluppo incrementale (cosiddetta "a spirale"), mend complessa ed onerosa, con la realizzazione di una sequenza di moduli "autoconsistenti". In tale ottica, l'amministrazione ha individuato I'esigenza di: provvedere all'evoluzione dell'infrastruttura di connettivita, realizzando una rete di trasporto, nei suoi livelli "fisico" e "Iogico"; stabilire Ie basi per una maggiore fruizione dei Servizi "Core"(CS) e "Functional"(FS)4; acquisire una maggiore capacita di protezione dell'infostruttura, dotandosi degli strumenti, software ed hardware, per garantire una maggiore sicurezza delle reti sia a livello Interforze, che di Forze armate. 4 Servizi forniti da un'infrastruttura informatica in maniera trasversale agli utenti, a prescindere dal lora ruolo nell'organizzazione ( , Dominio, Autenticazione, Identita, Telefonia Voip, Document Management, GIS, MMHS, etc.). 12

17 Diventa quindi importante, per la realizzazione del programma DIl, la definizione di moduli capacitivi auto-consistenti (building blocks), attraverso la cui implementazione adeguare e potenziare la struttura di Rete, in un'ottica di integrazione Interforze. In tale contesto vanno quindi inquadrate Ie attivita gia condotte, di alcune delle quali si trattera piu approfonditamente nei paragrafi che seguono. AI fine di offrire un quadro complessivo degli interventi che si riconducono al Programma integrato DIl, e importante indicare gli specifici programmi che sono proiettati all'integrazione che costituisce I'accezione concreta della interoperabilita. II sistema dell'interoperabilita della Difesa ha quale componente di rilievo il sistema satellitare SlCRAL, che si compone di un segmento spaziale e di un segmento terrestre con il compito di governare i satelliti e di gestire Ie comunicazioni. Con il satellite SICRAL 1, progettato nei primi anni '90 e lanciato nel febbraio 2001, la Difesa si e dotata di un assetto di telecomunicazioni che consente connessioni protette con ampia larghezza di banda e alta velocita, nonche collegamenti tattici a favore di utenti dotati di elevata mobilita. Successivamente sono stati lanciati altri due satelliti (SlCRAL 1B e SlCRAL2). Quest'ultimo e stato realizzato in collaborazione con la Difesa francese, insieme ad un altro programma I'ATHENA FIDUS. A fronte del ruolo che svolge il programma satellitare, fondamentale nel contesto delle telecomunicazioni con un adeguato livello di sicurezza, vanno considerate Ie due componenti "terrestri" che consentono di coprire efficacemente tutte Ie esigenze di comunicazione: la RIFON (Rete In Fibra attica Nazionale) e la RNI (Rete Numerica Interforze ) che dovranno essere ulteriormente integrate (Ie stesse sono gia fisicamente interconnesse nei cosiddetti Centri di Bacino), cosl da far assumere a quest'ultima un ruolo di "resilienza s " nei settori nei quali deve essere garantita la assoluta continuita del servizio. Sono poi da considerare Ie implementazioni nel settore della Cyber Defense Capability (CDC) in ambito Interforze, con tutti gli interventi mirati alia protezione dei dati e delle comunicazioni, come: il progetto Identity and Access Management (lam), per I'accesso sicuro ai Servizi non c\assificati offerti dalle strutture ICT; I'ammodernamento della Public Key Infrastructure (PKI) della Difesa, per I'adeguamento della struttura di emissione dei certificati di autenticazione e di firma ai nuovi standard normativi. Di rilevanza piu generale, tale da poter essere utilmente mutuate e potenzialmente fruite da altre Amministrazioni pubbliche, sono I progetti relativi all'evoluzione e all'adeguamento della Carta Multiservizi Difesa (CMD 2) e alia 5 In informatica con il termine resilienza si indica la capacitit di un sistema di adattarsi aile condizioni d'uso e di resistere all'usura in modo da garantire la disponibilitit dei servizi erogati; i contesti di riferimento sono quelli relativi alia business continuity e al disaster recovery. 13

18 dematerializzazione, che dovra avere un impatto importante sulla semplificazione dell'azione amministrativa, e dei quali si tratta in specifici paragrafi. Risponde invece alia piu volte affermata esigenza di integrare effettivamente i sistemi informativi con una regia unica il percorso che attualmente vede I'avvio della realizzazione di una nuova modalita di "federazione" dei "Domini" dell'area Interforze e delle Forze armate, con il progetto "Foresta Unica - Multi Dominio" (FUMD) al fine di elevare il livello di interoperabilita e la fruibilita dei Servizi "Core,,6 in un contesto di maggior sicurezza. Nella medesima ottica si colloca la centralizzazione dei Servizi di Sicurezza per gli utenti e per i sistemi (es. antivirus ed antispam). Per quanto riguarda I'aspetto della sicurezza, l'amministrazione ha ritenuto, come si e detto, non conveniente sui piano gestionale realizzare una struttura centralizzata, preferendo lasciare il governo della propria struttura di Dominio aile singole Forze armate, Ie quali dovranno, di conseguenza, completare Ie proprie strutture di sicurezza e gestire gli incidenti informatici all'interno del dominio di competenza. L'Amministrazione ha operato anche sulla formazione e sulla qualificazione del personale nel settore delle "Architetture di Rete", della "Cyber Security", delle "Service Oriented Architecture,,7 (SOA) e della "Virtualizzazione"s, ponendo Ie basi per la creazione di piattaforme di e-learning per I'autoapprendimento; per tali attivita non sono stati previsti ulteriori oneri. La rete complessiva della Difesa (DIFENET) vi ene, in base ai profili evidenziati ed agli interventi realizzati e programmati, riconfigurata al fine di supportare nel modo migliore i servizi essenziali per la Difesa e realizzare una reale interoperabilita a livello geografico locale tra Ie Reti delle Forze armate, con adeguate "aree di scambio dati" presso ciascun "Centro di Bacino" 9 della RIFON e della RNI, analogamente a quanto oggi esistente presso Roma (MAN della Capitale). Per quanto riguarda la fase esecutiva dei progetti, il quinquennio indicato dall'amministrazione quale arco temporale necessario perche il programma complessivo della DII assuma una fisionomia operativa matura, e legato all'elevato livello di prestazioni garantito dalla nuova rete che consentira la realizzazione di nuovi servizi applicativi che potranno essere erogati direttamente dalle Forze armate. 6 Progetto "Foresta Unica - Multi Dominio. 7 SOA: Service-Oriented Architecture, indica un'architettura software adatta a supportare I'uso di servizi Web per garantire I'interoperabilita e I'integrazione tra diversi sistemi. 8 Virtualizzazione: la creazione di una versione virtuale di una risorsa informatica normal mente fornita fisicamente (Server, Storage, Router, ecc.). 9 I Centri di bacino sana 26, distribuiti su tutta ii territaria nazianale. 14

19 Cap. 4 - I programmi finalizzati all'interoperabilita II quadro completo dell'interoperabilita della Difesa deve innanzitutto tener conto dei sistemi che garantiscono il livello delle comunicazioni, la lora massima estensione, la velocita di trasmissione dei dati e la lora sicurezza. Per tale ragione, si analizzano innanzitutto i programmi che, come si e gia detto, costituiscono il sistema integrato che consente la reale attuazione dell'interoperabilita ed, in ultima analisi, il disegno della OIl. L'evoluzione tecnologica ha, peraltro, indicato i due grandi contesti nei quali il livello di comunicazione si realizza in termini particolarmente elevati: il primo e quello delle comunicazioni satellitari, mentre il secondo e quello della "dorsale" terrestre, rappresentato dal RIFON che, come visto, si integra con la tecnologia Wi-Fi e con quella dei Ponti-Radio che fanno parte del RNI, che ha costituito un elemento fondamentale per Ie comunicazioni soprattutto in aree isolate e non facilmente raggiungibili. 4.a Sistema comunicazioni satellitari II sistema di comunicazioni satellitari, si basa sui SICRAL 10 (SICRAL 1 e SICRAL l/b gia in orbita, e SICRAL 2, in sostituzione del SICRAL 1, al termine della sua vita operativa) e sui progetto "dual use" militare e civile, costituito dal satellite ATHENA FIDUS ll da poco lanciato in orbita per I'inizio della sua missione operativa. Gli obiettivi perseguiti dall'amministrazione, con I programmi in discorso, sono mirati al mantenimento di una adeguata affidabilita complessiva del sistema, che permetta di operare con i dovuti margini di sicurezza 12 nello svolgimento di missioni critiche, anche protratte nel tempo, ail'ottimizzazione delle coperture e delle capacita disponibili attraverso il migliore sfruttamento delle risorse complessive dei sistemi, all'incremento della capacita trasmissiva totale per soddisfare Ie crescenti esigenze operative, soprattutto per quanto riguarda Ie attivita "Fuori Area" e la realizzazione di un reale coordinamento con i Dipartimenti e gli altri Dicasteri, nell'ambito di attivita del tipo disaster relief ed homeland security. 4.a.l) SICRAL Come si e gia accennato, I'intero sistema dell'interoperabilita della Difesa ha quale componente di rilievo il sistema satellitare SICRAL che e composto da due segmenti: - il segmento spaziale, che utilizza i satelliti; 10 Sistema Italiano per Ie Comunicazioni Riservate ed Allarmi. 11 Access on THeatres and European Nations for Allied forces - French Italian Dual Use Satellite. 12 Soddisfacimento del requisito per un assetto di comunicazione satellitare militare basato su un minima di due satelliti. <;t,,,,\..e 01 Co Tf: '" <u' 0.. u ',!II

20 - il segmento terrestre, che utilizza Ie stazioni terrestri (Ground Station) con il compito di governare i satelliti e gestire Ie comunicazioni. Con il satellite SICRAL 1, progettato nei primi anni '90 e lanciato nel febbraio 2001, la Difesa si e dotata di un assetto di telecomunicazioni che consente connessioni protette con am pia larghezza di banda e alta velocita, nonche collegamenti tattici a favore di utenti dotati di elevata mobilita. In seguito, l'amministrazione ha lanciato in orbita un secondo satellite, il SICRAL 1B, al fine di realizzare una integrazione ed una complementarieta tra i due strumenti, estendendo la rete di telecomunicazione nazionale nei vari contesti nei quali sono impiegate Ie unita delle Forze armate. La definizione di tale processo e stata prevista in due fasi: Fase 1 ( ) nel cui ambito e stata realizzata la messa in servizio di un secondo satellite, SICRAL 1B, in orbita geostazionaria, ad integrazione delle capacita gia rese disponibili dal predetto SICRAL 1 a partire dal 2001; Fase 2 ( ) da attuarsi tramite la messa in orbita di un satellite di nuova generazione denominato SICRAL 2, in grado di sostituire il SICRAL 1, che avrebbe dovuto concludere la sua vita operativa nel 2011, ma ad oggi ancora operante, grazie all'affinamento delle procedure che hanno consentito il mantenimento dello stesso nella posizione assegnata (station keeping) da parte del Centro di Gestione e Controllo della Difesa e per il quale e previsto un prolungamento della vita operativa fino al Nell'ambito della Fase 1 il satellite SICRAL 1B e state lanciato nell'aprile del Nell'ambito della Fase 2 l'italia ha avviato una cooperazione con la Francia su due programmi complementari e contestuali per quanto riguarda I tempi di realizzazione: SICRAL 2 e ATHENA FIDUS. Tale cooperazione ha reso possibile una significativa riduzione degji oneri a carico dell'amministrazione della Difesa e notevoli vantaggi di natura tecnico operativa sui piano della strategia industriale. I principali vantaggi ottenuti riguardano: I'acquisizione, con il programma ATHENA-FIDUS, di una capacita nelle bande di frequenza utilizzate in ambito NAT0 13 superiore a quella ottenibile con I'ipotesi iniziale di realizzazione di un solo satellite in ambito nazionale (SICRAL 2, operante in tutte Ie bande di frequenza UHF, SHF ed EHF/Ka estesa), con un minore impegno finanziario; la riduzione dei costi del programma SICRAL2, attraverso il quale si dovra assicurare la continuita nel tempo della costellazione militare SICRAL, in linea con l'esigenza Operativa SATCOM nazionale 14 ; 13 In particolare, la banda di frequenza EHF/Ka. 14 Si tratta di un accordo stipulato nell'ambito del programma NATO congiuntamente a Francia e Gran Bretagna, attraverso il quale vengono soddisfatti i requisiti operativi dell'alieanza Atlantica. 16

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Repubblica Italiana Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Bilancio e Tesoro- Ragioneria Generale della Regione Catania 18 Marzo 2008 REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna, nella persona dell Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 15/32

DELIBERAZIONE N. 15/32 Oggetto: Atto integrativo all Accordo di Programma per lo sviluppo della banda larga sul territorio della Regione Sardegna del 30.12.2009. Avvio del progetto Piano Nazionale Banda Larga Italia per l attuazione

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Laura Castellani

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Laura Castellani REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE E SISTEMA INFORMATIVO AREA DI COORDINAMENTO RETI DI GOVERNANCE DEL SISTEMA REGIONALE E INGEGNERIA DEI SISTEMI INFORMATIVI E DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa Il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella pubblica amministrazione Il Presidente del Consiglio di Stato PROTOCOLLO D INTESA Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera EasyCloud400 Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna Società del Gruppo Hera L opportunità Aumentare la flessibilità dell azienda in risposta ai cambiamenti dei mercati.

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

Il Controllo Strategico nella Regione Calabria

Il Controllo Strategico nella Regione Calabria Il Controllo Strategico nella Regione Calabria L introduzione della funzione di controllo strategico nella Regione Calabria si inquadra in un più ampio percorso di innovazione e cambiamento che l Ente

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

L anno duemilasei, addì ventisei del mese di luglio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00

L anno duemilasei, addì ventisei del mese di luglio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00 278 del 26 LUGLIO 2006 REP. N. 2027 1 OGGETTO: Progetti di potenziamento del sistema Informativo Comunale (S.I.C.) e della rete Civica Comunale. Provvedimenti per gli anni 2006-2007-2008. L anno duemilasei,

Dettagli

ALLEGATO B. Protocollo d intesa

ALLEGATO B. Protocollo d intesa Protocollo d intesa per la determinazione del valore del canone di locazione delle stazioni radio base finalizzate all erogazione del servizio di telefonia mobile ALLEGATO B Protocollo d intesa per la

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544

AUDIZIONE INFORMALE NELL AMBITO DELL ESAME CONGIUNTO DEI DDL 1110, 1410 E 1544 AUDIZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELL AEROSPAZIO, DIFESA E SICUREZZA () E DELL ASSOCIAZIONE PER I SERVIZI, LE APPLICAZIONI E LE TECNOLOGIE ICT PER LO SPAZIO () AUDIZIONE INFORMALE NELL

Dettagli

Ufficio V - Contabilità e Contratti IL DIRIGENTE

Ufficio V - Contabilità e Contratti IL DIRIGENTE Ufficio V - Contabilità e Contratti IL DIRIGENTE VISTO il decreto legislativo n. 163 del 2006, in materia di Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

NUMERO AFFARE 02926/2013

NUMERO AFFARE 02926/2013 Numero 03850/2013 e data 12/09/2013 Spedizione REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 luglio 2013 NUMERO AFFARE 02926/2013 OGGETTO:

Dettagli

PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE

PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE PROGETTO DI DEMATERIALIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DEL PERSONALE MILITARE Roma, 28 aprile 2016 Brig. Gen. Roberto SERNICOLA Direzione Generale per il Personale Militare - D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI NORME PER L UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE Assessore: Cosimo Durante Responsabile del Servizio: Luigi Tundo Ottobre 2001 1 INDICE DEI CONTENUTI

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA CONSORZIO DI REGIONE ED ENTI LOCALI 10125 - TORINO, VIA BELFIORE 23/C C.F.: 97639830013 Reg. Gen N. 146 Del 12 aprile 2013 Oggetto Affidamento al CSI Piemonte dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

DELIBERA N. 180/12/CONS

DELIBERA N. 180/12/CONS DELIBERA N. 180/12/CONS PIANO PROVVISORIO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE PER IL SERVIZIO RADIOFONICO DIGITALE NELLA REGIONE DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROGETTO PILOTA NELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI PROFESSIONALI DI CONSULENZA METODOLOGICA E ORGANIZZATIVA NELL AMBITO DEL PROGETTO Documento Versione Data di rilascio Capitolato tecnico 1.0 4 marzo 2013

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Situation AWare Security Operations Center (SAWSOC) Topic SEC-2012.2.5-1 Convergence of physical and cyber security. Relatore: Alberto Bianchi

Situation AWare Security Operations Center (SAWSOC) Topic SEC-2012.2.5-1 Convergence of physical and cyber security. Relatore: Alberto Bianchi Situation AWare Security Operations Center (SAWSOC) Relatore: Alberto Bianchi Topic SEC-2012.2.5-1 Convergence of physical and cyber security Coordinatrice di Progetto: Anna Maria Colla annamaria.colla@selexelsag.com

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE

PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE E IL COORDINAMENTO DELLA POLITICA ECONOMICA L Autorità Nazionale

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEL BILANCIO DELLO STATO Dott. Mauro Cernesi Scienza delle Finanze 1 Le funzioni del Bilancio pubblico Funzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 26.5.2015

DELIBERAZIONE N. 25/18 DEL 26.5.2015 Oggetto: Interventi a favore della istituzione di scuole civiche di musica, L.R. 15 ottobre 1997, n. 28. Programma 2014/2015. Modifiche ai criteri di cui all Allegato A della Delib.G.R. n. 41/3 del 15

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 27 settembre 2012 Regole tecniche per l'identificazione, anche in via telematica, del titolare della casella di posta elettronica certificata, ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli Sostegno metodologico alle valutazioni di convenienza economico-finanziaria della spesa infrastrutturale delle Amministrazioni Centrali: avvio dell iniziativa Roma 29 ottobre 2013 Collocazione istituzionale

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO. DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012

UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO. DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012 UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO VIA UGOLINI, 83 58017 PITIGLIANO (GR) SERVIZIO SEGRETERIA COPIA DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012 OGGETTO:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli