REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni del.lo Stato.._.._.._.._.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni del.lo Stato.._.._.._.._."

Transcript

1 MOD. 122 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni del.lo Stato.._.._.._.._._ If II e Collegio per il controllo sulle entrate......_......_+ nell'adunanza del 2 ottobre 2014 * * *., Vi?ta lalegge 14 gennaio 1994, n. 20 ed, in particolare,!:~_~t. 3, comma 41 ai sensi del. quale la Corte dei conti svolge il cantrollo su.l!.~.. g~.- stioni delle amministrazioni pubbliche, verificandone la legittimita e la regolarita l ii funzionamento degli organi interni l nonche la corrispondenza dei. risultati dell'attivita amministrativa agli obiettivi stabiliti dallalegge, valutando comparativamente costi l modi e tempi. della svolgimento ~ li'azione amministrativa; vista la deliberazione della Sezione in adunanza plenaria n. 1j2013jG, con la quale e state approvato ii programma di controllo sulla gestiolle.per.i'esercizio 2013; vista la relazione del Consigliere istruttore, dott. Giovanni Coppola, gie e comunicazioni ne!i'alllbito.della Difes2(;..._.... J yi$ta.i'ordinanza in data 30 luglio 2014, con la quale i.1 Presidente.,._gella Sezione del controllo sullagestione delle Amministrazioni della Stato ha convocato il II il III e il Collegio per il control.lo sulle entrate per I'adunanza del 2ottobre 2014, al fine della pronuncia, ai sensi dell'art. 3,

2 MOD comma vista la nota n del 31 luglio 2014, con la.9uale il Servizio _.. acjunanze della Segreteria della Sezione ha trasmesso la relazion... e...:._..._..._ r......_ _... AI Ministero della difesa Stato iore della difesa - VI Rel?a~~~._..... AI Ministero della difesa - Organismo indipendente di valutazione della.. +-._...._....._..._....._ ~ _.. --._.- t.. AI Ministero dell'economia e delle finanze - Ie della Stato Dipartimento della Rag , preso atto della memoria trasmessa dal Ministero della difesa, Sta- r-.. _ -_..... _.... _-_..-_.._- -r~aggiore della difesa - VI rto in data 24 settembre 20 I udito il Cons. Giovanni CO.-."' r- comparsi: per il Ministero della difesa, Stato iore della difesa - VI Reparto: I I--:::-::::::~:::~~~::7~~ I:~:::~ ~~-~_~=J II Colonello Luciano VEROLLA; il Tenente Colonello Stefano DELUSSO; per il Min di valutazione della 1_~~f..qi.QJ9_Q_Ce :_ L Qer il M.inistero dell'economia e delle finanze :- Dipartimento della Ragio!,

3 MOD, Deri 21, generale della Stato: il dott. Valter PASTENA, Dirigente generale' DELIBERA la Relazione concernente " Interoperabilita: tecnologie e co- ORDINA!,<::b,~I21, J)I~,~~,Q!~, Q~Jl!J.~. r..cl.~~~e~~,~,,~'_~qi!21!:~lazione - ai sensi e "._..,,, dell'art. :3l cornllla6ldellalegge20/~4 COSI come modificato dall'art. 1 I 23 dicembre n. 266 finanziaria ,t! ; 2096) e dall'art. comma della 24 dicembre! siano trasmesse a cura della Segreteria della Sezione: ;., ~,,: aile Presidenze del Senato della bblica e della Camera dei ,,--,-f.-- _.....-r..-,-. Depu~+.. AI Ministero della difesa - Gabinetto del Ministro; t al AI Min della d Stato iore della difesa - VI Ministero dell'economia e delle finanze - Gabinetto del Ministro. L'Amministrazione interessata comunichera alia Corte e al Parlamentol entr~ sei mesi dalla data di ricevimento della presente relazione, -- "' _."_'~~._.~. <.~~.~_ ""~., c_.._ ~ ".~', ~'_ '. " '''. '''.'' ~'''» '''~'.,,,,''_''' ''_"" ". ~ ".",",,,,._._,,,,,.,,,.,,,,,.,.,,,. ~. _.~.,_"._'.. ~ '.,_. "." ~" ' ~", ' _'. ' '' '' * '"".'.,. H,".",, M.'''... _._.,~. ~ _..._ '. _._ _H,"'»_.,_~' ~ _ '. ' _.. ~._~._._,, ~ ". _"'~ ".'_ "'_ " " ' '''' '_' '''_''' '''' >'_'' ~_'.' '''_''N_ "._"',_,,. Ie misure consequenziali ai sensi e Ii effetti dell'art. 3, rgfl1"rll'l '-.9!ill""l~gg"e n. 20/1994, come modificato JZ2, del,la legge n. 266/2005. ". iorni dalla ricezione della relazio-..,' , net I'eventuale imento motivato

4 MOD lati.. ~<lj)r~~~d~jjq.~f'gj9d". " J:~_nit9_ r~l!g i9d_~_.~ 'il n. Qg_trE?J1l_es_s~~. _. _.$gd?lg. R~L _~.ff~j1l d_eji9.[l _:tl.9~u~ :Q : _J_;?_ 1 U.9IJg ~_~~'!L!1_:.J_?J.1( ~ I cor.:n pe-l.... _ d~j g~f~rtqgj. P.9r.Lg.r:D~lJ.tQ.? IJ Ire n d i CQ rl tq.ge n~x.9.. I.~. g~ II Q?~a ~()L.9QEb~. i.f!.. ()r ~- -t '--.-. _' clim= _~.k...i'!j_od a I i til <;:.QnJ~.!:!E.LLl~~!!l!!l i n l.?~.r:.9_~ 0 n i s.l2.9..rlo co n fo rm at~.~~~ vigenj;.~disciqlina.jjncloziaria e contabile. IL PRESIDENT:.,::E:.-..._ - ~\.' J9_<?~_~. r;;i() rg I 0 CLE IV!E_N~_ID...r.::../ ', l L.~:t,t \ ~ IL REL.6I9J~.E_ lcons, a~ni CO~PO ~. -~~~~ IL DIRIGENTE (Dott.ssa Luciana TROC<;;;Q_~n~ ~-~ ~..,e-=~~- ~c (b(

5 Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato "Interoperabilita: tecnologie e comunicazioni nell'ambito della Difesa" RELATORE Cons. Giovanni Coppola

6 Sintesi Cap. 1 - Profili strutturali Cap. 2 - Definizione di Interoperabilita Cap. 3 - DEFENSE INFORMATION INFRASTRUCTURE (DIl) Cap. 4 - I programmi finalizzati all'lnteroperabilita a Sistema comunicazioni satellitari a.l) SICRAL a.2) ATHENA FIDUS b) Rete numerica interforze RNI - Rete interforze fibra ottica nazionale RIFON Cap. 5 - I programmi gestionali a II sistema informativo logistico interforze (SILAD) b Protocollo informatico e PEC c Sistema informativo sanitario dell'amministrazione difesa (SISAD) d Sistema informativo del personale dell'amministrazione difesa (SIPAD) e Sistema banca dati unica stipendiale (BDUS) f Gestione patrimoniale demaniale della difesa - GEPADD (ex-budget) g Sistema informativ~ finanziario dell'amministrazione difesa (SIFAD) h Ammodernamento del sistema di comunicazione on line interna ed estern a (INTERN ET /INTRAN ET) della difesa i Virtualizzazione dei data center Concorsi on line m Porta di dominio della difesa (PdD) n Continuita operativa e disaster recovery della Difesa Foresta unica multi dominio (FUMD) p Carta multiservizi della difesa 2 (CMD-2) e relativa public key infrastructure q Progetto demateria lizzazione Conclusion i e Raccoma ndazioni

7 Sintesi Nella presente relazione e stata analizzata I'evoluzione tecnologica del sistema di comunicazione della Difesa, alia luce della necessita di completare ii processo teso alia realizzazione concreta dell'interoperabilita, intesa come la capacita di due 0 pill applicazioni, sistemi 0 reti di scambiare informazioni tra loro e di essere poi in grado di utilizzarle sia per Ie esigenze di carattere prettamente operativ~, sia per quelle connesse alia gestione amministrativa. In concreto, tale processo ha come obiettivo la realizzazione di un sistema unitario, che operi tramite sottosistemi tra lora compatibili, governato da una regia accentrata, cos] da essere in grado, tra I'altro, di intercettare in tempo reale la spesa periferica al fine di supportare gli organi di vertice, il controllo di gestione ed il controllo strategico nelle decisioni sull'impiego dei fondi e sulla valutazione dei risultati. In tale contesto, l'amministrazione della Difesa ha avviato dal 2009 un ambizioso processo che prevedeva la realizzazione di una "Infrastruttura evoluta e sicura" denominata "Defense Information Infrastructure" - DIl, sviluppando in contemporanea singoli progetti, alcuni dei quali particolarmente sofisticati ed onerosi. La complessita del programma e la progressiva riduzione delle risorse finanziarie disponibili hanno indotto la stessa ad optare per una sua rimodulazione, adottando un approccio improntato ad una logica di sviluppo incrementale - "a spirale" - mend complessa ed onerosa, da attuarsi tramite la realizzazione di una sequenza di moduli "auto-consistenti" e, in taluni casi, in grado di autofinanziarsi. L'indagine ha riguardato quindi il quadro complessivo degli interventi nell'ambito dell'evoluzione tecnologica e ha consentito di rilevare che la realizzazione della "rete" complessiva, pur con Ie perplessita espresse in relazione, costituisce un obiettivo effettivamente raggiunto, anche se da implementare ulteriormente nell'integrazione tra sistema satellitare (SICRAL ed Athena Fidus), terrestre (RIFON) e radio (RNI). In tale contesto e stata operata una distinzione tra I'informatica finalizzata alia gestione dei profili gestionali, in termini finanziari e, inqualche misura, economici, e quella finalizzata all'operativita militare, constatando che in questo ultimo ambito e state raggiunto un importante livello di realizzazione ed operativita, mentre ben diverse e 10 stato di attuazione dei sistemi gestionali, caratterizzati da un andamento "a macchia di leopardo", che non pug definirsi soddisfacente anche per Ie carenze progettuali che ne hanno contraddistinto I'evoluzione, imponendone spesso la reingegnerizzazione. Del resto, la base di partenza era data da una forte polverizzazione dei sistemi, diversi per Ie singole Forze Armate, da una logica contrattuale distribuita sui territorio, e da una contabilita non in grado di intercettare, in tempo reale, la spesa periferica. Aspetti questi che non sono ancora superati e che condizionano fortemente I'efficacia dei progetti in atto, pur sottolineandosi come talune "best practices" possano 3

8 accelerare il processo di condivisione e, come tali, quindi, costituiscano la linea da seguire, anche per i possibili risparmi. L'evoluzione dell'approccio metodologico, di cui si e fatto cenno, ha mostrato interessanti elementi di concretezza, supportati dalle risorse tecnologiche messe in campo, sia sotto il profilo del contributo fornito dalle elevate professionalita interne ed esterne all'amministrazione, sia sotto quello delle risorse hardware e software, con specifica rilevanza dei sistemi di dominio e di connessione tra reti che evidenziano un approccio oggi maggiormente mirato ad un'effettiva integrazione. Restano Ie perplessita relative alia pili volte auspicata realizzazione della concentrazione dei programmi gestionali, da realizzarsi tempestivamente al fine di intercettare in tempo reale la "spesa periferica" gestita tramite contabilita speciali, che costituisce tuttora una rilevante quota del bilancio della Difesa ed il cui iter non sembra ancora prossimo alia conclusione. Presenta aspetti di rilievo per la lora portata diffusiva, nella prospettiva dell'amministrazione digitale, il progetto della Carta Multiservizi della Difesa, gia operativo ed in evoluzione e quello di dematerializzazione documentale che mira alia creazione, a regime, del "documento digitale". II quadro complessivo che emerge dall'indagine non appare quindi omogeneo, per Ie ragioni indicate, anche perche pur essendo evidente 10 sforzo dell'amministrazione di portare a sistema i vari progetti neli'ottica della DIl, i medesimi sono nati in tempi diversi e con diverse ottiche e finalita, hanno avuto vicende spesso complesse che hanno messo in discussione la lora evoluzione e daranno risultati che non potranno essere allineati tra loro. La positivita riscontrata nei progetti per la connettivita e nella portata di quelli che possono effettivamente trovare una diffusione nella Pubblica Amministrazione, va rinvenuta, quindi, anche attraverso opportune reingegnerizzazioni, nei progetti gestionali ai quali, del resto, e affidata la reale governance del bilancio della Difesa. 4

9 Cap. 1 - Profili strutturali L'attivita del Ministero della Difesa va vista in rapporto ad un quadro strategico particolarmente complesso concentrato nella Missione "Difesa e Sicurezza del territorio". Le funzioni svolte nel Paese riguardano principalmente la difesa del territorio, Ie aree di interesse marittimo, gli spazi aerei nazionali e il concorso all'ordine pubblico; quelle fuori dai confini nazionali sono relative alia cooperazione internazionale che si esplica nei diversi contesti multilaterali (NATO-SHAPE etc.) e che ha trovato particolare espansione nelle missioni internazionali di peace-keeping, peace enforcement, etc.. Vanno poi considerati gli interventi in occasione delle pubbliche calamita e negli altri casi di straordinaria necessita e urgenza (concorso all'ordine pubblico, come nell'operazione "strade sicure" ed interventi emergenziali, come nell'operazione "strade pulite", ecc.) L'organizzazione del Ministero della difesa e quindi incentrata sui sostegno e supporto allo strumento militare, da qui la particolare configurazione dei vertici militari disegnata dalla Legge 18 febbraio 1997, n. 25, recante "Attribuzioni del Ministro della difesa, ristrutturazione dei vertici delle Forze armate e dell'amministrazione della difesa" ed ora dal d.lgs. 15 marzo 2010, n. 66 recante il "Codice dell'ordinamento militare", che vede il Capo di Stato Maggiore della difesa gerarchicamente sovraordinato ai Capi di Stato Maggiore di Forza armata e, per quanto attiene aile attribuzioni tecnico-operative, al Segretario Generale della difesa. L'attuale assetto organizzativo di questa Area deriva da un parziale riordino risalente al 2011 che ha riguardato in particolare la struttura del Segretariato Generale della difesa - Direzione nazionale degli armamenti, delle direzioni generali e degli uffici centrali del Ministero della difesa e che dovra, comunque, essere oggetto di aggiornamento sulla base dei contenuti della schema di regolamento attuativo di cui al D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n II Ministero della difesa concentra quindi sui Centro di responsabilita "Segretario Generale" la decisionalita di tutta I'area tecnico-amministrativa, alia quale si riconduce I'attivita di procurement per il potenziamento e I'ammodernamento degli armamenti, ma anche I'alta tecnologia che, nella logica dell'interoperabilita, ha rappresentato negli ultimi anni un investimento di grande importanza nello sviluppo dell'informatica per Ie comunicazioni, intendendosi per esse anche quelle aerospaziali. 5

10 MINISTERO DELLA DIFESA AREA TECH.ICO OPERATIVA AREA TECMICO AMMIMISTRATIVA Legenda: ~Dipendenza gerarchica - '- 'Oipendenza del SGO/OMA dal Ca, GMD per gli a"petti tecnici operat;vj - Um,tament.. ai compiti m,litari dell'arma de, carabinieri In tale contesto, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, che e il primo interlocutore del vertice politico, esercita il potere di indirizzo tecnico-operativo nei confronti dell'intera struttura esecutiva, con funzioni sostanzialmente riconducibili ad un rafforzato coordinamento dei vertici delle Forze armate al fine di raggiungere accordi 0 concertazioni fra i diversi elementi di organizzazione interessati alia realizzazione di programmi e obiettivi. Emerge quindi la complessita di tale Amministrazione particolarmente per il rapporto tra i vertici (Capo di Stato maggiore della Difesa, Segretario Generale e Capi di Stato Maggiore di Forza armata) e la divisione tra l'area Tecnico-operativa, alia quale fanno capo Ie quattro Forze armate (Esercito, Aeronautica militare, Marina militare ed Arma dei carabinieri) - che sono anche centri di responsabilita - e l'area Tecnico Amministrativa, della quale il Segretario Generale e attualmente unico centro di responsabilita ai fini della gestione del bilancio e, nel quadro della riorganizzazione del Ministero, anche sotto ii profilo ordinamentale, L'estesa distribuzione dei Comandi militari sui territorio nazionale nonche degli enti e stabilimenti ha sempre posto I'esigenza, al di la dell'informatica piu strettamente attinente aile funzioni militari, di realizzare un sistema completo realmente in grado di assicurare un controllo della spesa, in tempo reale. Del resto, non va sottovalutata I'estrema complessita gestionale delia Difesa che, al livelio di Forza armata, costituisce un contesto caratterizzato da peculiarita che 6

11 determinano la diversita dei sistemi informatici gestionali, che per la lora quantita e consistenza non sono approfonditi nella presente relazione. La Corte ha seguito costantemente, sia in sede di relazione sui rendiconto generale della Stato, che in quella del referto specifico sull'informatica pubblica, I'evoluzione tecnologica del sistema di comunicazione della Difesa sottolineando I'opportunita della realizzazione di un sistema unitario che superi la frammentazione di sistemi operativi non in grado di colloquiare tra lora e di una regia accentrata che sia in grado di intercettare la spesa periferica in tempo reale che possa effettivamente supportare r Vertici, il controllo di gestione ed il controllo strategico nelle decisioni sull'impiego dei fondi e la valutazione dei risultati. Nell'ambito dell'amministrazione della Difesa si deve rilevare come il problema del controllo della "spesa periferica", sostanzialmente gestita in "contabilita speciali", sia ancora assolutamente attuale, non sussistendo, al momento, un raccordo in tempo reale tra i gestori periferici ed il Sistema Informatico di Vertice. Anche I'integrazione, come si legge nelle specifiche dei progetti oggetto delle analisi della Corte, della stesso sistema con il SICOGE, che pure si ritiene un elemento fondamentale per la gestione del bilancio, risente ancora della mancanza di un ritorno, appunto, in tempi reali, degli esiti delle transazioni sui capitoli di bilancio, con la conseguenza di una non tempestiva conoscenza delle reali movimentazioni finanziarie effettuate da parte dell'amministrazione, tale da consentire un efficace controllo gestionale. In un contesto orientato alia spending review, che ha coinvolto in pieno, fin dall'inizio, la Difesa, la stessa deve poter contare su una forte selezione dei centri decisionali, anche al fine di disporre, in un tempo ragionevole, di una razionalizzazione delle procedure che, soprattutto nel procurement, sono spesso determinanti. Per quanto attiene all'informatica, oggetto della presente indagine, I'esigenza, pill volte sottolineata dalla Corte ed in precedenza evocata, di concentrare in un unico contesto decisionale di vertice la regia dei sistemi informatici della Difesa ha trovato la sua realizzazione nell'istituzione presso 10 Stato Maggiore della Difesa della D.G.RE.S.I.A.D. (Direzione generale Reparto Sistemi informativi dell'amministrazione della Difesa), che fa capo al VI Reparto della Stato Maggiore, al quale si rapporta il Comando C4IStar che si occupa dei sistemi tecnologici d'armamento in collegamento con la NATO e con il Segretariato Generale. Inoltre, in tale sistema e nell'ambito del Segretariato Generale, grande rilevanza ha TELEDIFE, la Direzione interforze dedicata aile telecomunicazioni aerospaziali la quale, dopo un'inopinata soppressione, fortemente criticata dalla Corte (cfr. Relazioni sui Rendiconto generale della Stato), avvenuta nel 2009, e stata nuovamente istituita con la denominazione parzialmente diversa di "Direzione informatica, Telematica e Tecnologie 7

12 Avanzate" (sempre resa nella sintesi "TELEDIFE") e chee stata oggetto della recente indagine della Sezione Centrale di controllo sulle gestioni delle Amministrazioni della Stato (Deliberazione n. 4j2012jG). Tale Direzione Generale si occupa di gran parte dell'interoperabilita, anzi, si puc> dire che essa stessa corrisponda ad una logica di interoperabilita, svolgendo funzioni di raccordo con tutti i Comandi e Ie Forze armate di riferimento. Per quanto attiene aile esigenze civili, va considerata, inoltre, la possibilita di esportare il modello, Ie architetture e Ie soluzioni tecnologiche anche ad altri Dicasteri (ad esempio: architetture orientate a servizi - SOA, uso della Carta Multiservizi della Difesa - CMD, etc.); in proposito, secondo quanto affermato dall'amministrazione, la stessa Digit PAl ha promosso I'adozione di tale modello anche presso altre Istituzioni. L'organigramma che segue evidenzia la struttura informatica complessiva nel contesto militare italiano:! CAPO 01 STATO MAGGIORE DELLA OIFESA "' BEll SMD~ 1= r~ll:a:jl COMANDOC4DIFESA 1= 1 - -,'. 7It""'-""'~-"""':=:-""-!!"!-i CERT DIFESA : FORCE I...""...,,,,,...""""",,.,..."""""... t J ( i eert I CERT CERT : ~ J f CERT ESERCITO ~~ MAR'NA_ ~ AfRONAUTICA : (OFeN) I I, ",.. II comando C41 (secondo I'acronimo NATO) costituisce il massimo organo tecnicooperativ~ in ambito Interforze; si tratta di una struttura unitaria, anche se e dislocata in diverse sedi e costituisce I'esempio concreto di un'integrazione che mira alia governance complessiva dei sistemi operativi. L' acronimo "C4I" indica come va a dispiegarsi la sua attivita per realizzare un processo integrato che si fondi su quattro funzioni determinanti: Comando, Controllo, Comunicazione ed Informatica (Computer System) La sua struttura risulta dallo schema che segue: 1 Agenzia per l'italia Digitale 8

13 II Comando C4I ha il compito di garantire il corretto funzionamento dei sistemi ICT 2 e dei servizi applicativi per Ie Forze armate e per l'area di Vertice Interforze (Stato Maggiore Difesa, Segretariato Generale Difesa, Direzioni Generali) come: SIV, SIV2, SISAD, SIPAD, Infogest, ecc. Inoltre deve assicurare i servizi di connettivita (RIFON, AERNI, DIFENET, InTRANET) e i servizi di Core delle Forze armate ( Foresta di dominio, Identity management). Di estrema importanza e poi il compito relativo alia gestione della sicurezza delle Reti e dei sistemi interforze, con la configurazione dei servizi e degli apparati di sicurezza, con il monitoraggio continuo dei flussi informatici, la valutazione dell 'incident handling e della vulnerability/risk assessment. La gestione della sicurezza riguarda specificatamente: il CERT (Computer Emergency Response Team) con funzioni di Technical Center per il coordinamento dei CERT del dominio Difesa. Esso segnala gli incidenti e la vulnerabilita dei sistemi informatici. II Comandante C4Difesa e responsabile della sicurezza informatica per 10 Stato Maggiore Difesa; la SOC (Security Operation Center) che fornisce servizi finalizzati alia sicurezza dei sistemi informatici della Difesa con il monitoraggio, in tempo reale, dei tentativi di intrusione. Un'ulteriore funzione svolta riguarda il supporto ai sistemi suddetti per i quali 10 stesso realizza una sorta di helpdesk. 2 Information Communication Technology: I'insieme dei metodi e delle tecnologie che realizzano i sistemi di trasmissione, ricezione ed elaborazione di informazioni (tecnologie digitali comprese). 9

14 Cap. 2 - Definizione di Interoperabilita Per interoperabilita si intende la capacita di due 0 piu sistemi, reti, mezzi, applicazioni 0 componenti di scambiare informazioni tra lore e di essere poi in grado di utilizzarle. In una societa tecnologicamente avanzata, caratterizzata da una crescente diversita di sistemi e di applicazioni, consente 10 sviluppo di sistemi globali, prevenendo gli effetti indesiderabili della frammentazione. L'interoperabilita di tipo tecnico attiene alia funzionalita di prodotti e impianti tecnologici, per esempio nelle telecomunicazioni, nei software, nei sistemi di calcolo 0 nell'impiego domestico di dispositivi informatizzati. II concetto di interoperabilita, comunemente intesa come la "Capacita di operare in sinergia nell'esecuzione dei compiti assegnati", trova una specificazione in campo militare e nel contesto NATO, nella "capacita delle forze dell'alieanza e, ove applicabile, delle forze dei Paesi Partner e di altri Paesi, di addestrarsi, esercitarsi e operare efficacemente assieme nell'esecuzione di missioni e di compiti assegnati" 3. II concetto di interoperabilita viene usato da anni nei vari consessi internazionali e nel corso della specifica Audizione tenutasi il 10 dicembre 2013 presso la sede operativa del Comando C4Istar e stata ribadita I'assoluta importanza della stesso che, dal punto di vista dell'attuazione, presenta livelli di operativita diversi: tra un ambiente classificato e uno non classificato, che puc contenere comunque dati sensibili: I'iterazione avviene tramite un diodo, che consente il traffico dati esclusivamente in una direzione; tra due ambiti dotati della stesso livello di classificazione, quali ad esempio un dominio nazionale e quello NATO, da attuarsi tramite leg: si tratta di un sistema che rende interfacciabili due domini consentendo lora di dialogare nello stesso livello di classifica; tra due reti, tramite un approccio multilevel, per la cui realizzazione sara necessario superare ritrosie da parte di numerosi attori di tale processo; II punto di arriv~ del concetto di interoperabilita e la realizzazione di un'unica rete. Le linee di sviluppo ad oggi adottate prevedono I'accelerazione della centralizzazione dei servizi di rete, da realizzarsi a livello interforze, tramite un procedimento definito di "federazione" dei singoli domini gia esistenti a livello di Forza Armata. 3 I fattori fondamentali dell'interoperabilita sono: Core ed Enhancement. II fattore Core consiste in una serie di elementi, indispensabili per la riuscita di ogni missione, quali: la terminologia, la dottrina, il format per la messaggistica, gli obiettivi comuni con Ie forze alleate, gli apparati crittografici e Ie frequenze, la codifica delle parti di ricambio. Gli elementi relativi al Core devono essere acquisiti prima di pianificare qualsiasi missione; se Ie forze in campo non raggiungessero un adeguato livello di interoperabilita in questi settori, la missione avrebbe elevate probabilita di fallire. II fattore enhancement, invece, consiste nella "uniformita" degli equipaggiamenti, dei materiali logistici, delle tecniche e delle procedure che contribuiscono ad aumentare I'efficacia di un'operazione. Un terzo fattore che influenza I'interoperabilita e I'addestramento comune e Ie esercitazioni. 10

15 Pill in dettaglio, al livello interforze compete I'erogazione di servizi quali I'antivirus e, pill in generale, la difesa "esterna" del sistema nel suo complesso, mentre aile singole Forze Armate continua a rimanere, tramite il propria CERT, la tutela dei singoli domini. Va sottolineato come la Corte abbia segnalato nel tempo l'importanza della ricerca di una uniformita nei sistemi operativi gestiti a livello di Forza armata, affinche vi fosse una concentrazione anche dei database e della fruibilita dei dati, con i necessari livelli di sicurezza e Ie conseguenti abilitazioni, oltre all'esigenza di creare una struttura informatica centralizzata alia quale fosse affidata la regia complessiva dell'information Technology (cosa questa, come si e vis to, adeguatamente realizzata). La gestione separata dei domini costituisce, al riguardo, un passe intermedio, ritenuto necessaria dali'amministrazione per preservare Ie specificita delle Forze armate, assicurando un elevato livello di comunicazione tra Ie stesse. In linea prospettica, I'obiettivo che l'amministrazione intende comunque raggiungere e quello di diventare il provider dei servizi di rete della Difesa realizzando la gestione diretta dei servizi e generando quindi risparmi rispetto all'acquisto degli stessi. Tale concetto e stato accettato dalle Forze armate in quanto riconosciuto pill conveniente e, al tempo stesso, queste ultime hanna rinunciato a gestire in termini completamente autonomi e non coordinati i propri siti, beneficiando di un doppio accesso fornito lora dal C4I, che assumera il ruolo di Internet provider. Per la realizzazione completa di tale programma e stato indicato un periodo necessaria di cinque anni. La Difesa, in un contesto che per tutte Ie pubbliche amministrazioni mira a realizzare un sistema a rete per Ie telecomunicazioni, rappresenta un unicum rispetto allo stato attuale e potrebbe costituire un modello e offrire servizi a tutta la Pubblica Amministrazione, offrendo soluzioni che consentano aile singole amministrazioni di rendersi autonome rispetto ai provider privati. In considerazione di quanto gia sottolineato e che viene ulteriormente esplicitato in Relazione, il primo profilo di cui va tenuto canto e che I'interoperabilita nella realizzazione dei vari progetti che hanna specifiche finalizzazioni e innanzitutto orientata agli aspetti operativi deli'amministrazione della Difesa, la quale, peraltro, si muove necessariamente sempre in un quadro di compatibilita con ii sistema della cooperazione internazionale che e particolarmente evoluta in sede NATO. Pertanto va fatta una distinzione, rispetto a tale contesto, tra I'informatica finalizzata alia gestione della "macchina" in termini finanziari ed in qualche misura economici e quella finalizzata all'operativita militare. Fin d'ora infatti va segnalato come la prima costituisca I'area che, ad avviso della Corte, ha dinanzi evidenti margini di sviluppo e miglioramento, laddove I'evoluzione della stesso approccio metodologico di cui si parla in seguito mostra interessanti elementi di 11

16 concretezza, fortemente supportati dalle risorse tecnologiche messe in campo, sia sotto il profilo delle elevate professionalita interne, sia sotto quello degli esperti tecnologici per I'hardware e per il software con specifica rilevanza dei sistemi di dominio e di connessione tra Reti che compongono un sistema caratterizzato da un approccio sempre piu integrato e dinamico. Cap. 3 - DEFENSE INFORMATION INFRASTRUCTURE (011) Dal 2009 l'amministrazione della Difesa, tenendo conto delle direttive NATO per 10 sviluppo dei sistemi C4, ha avviato un processo di realizzazione di una "Infrastruttura evoluta e sicura" denominata "Defense Information Infrastructure ( di seguito DIl)", la cui progettazione era iniziata nel 2005, in grado di rispondere efficacemente aile proprie esigenze di comunicazione e gestione condivisa delle informazioni, sia attuali che future, in ambito nazionale, alleato e di coalizione. Tale programma, ad avviso dell'amministrazione, ha perseguito, in primo luogo, I'obiettivo di una governance unitaria, ed e state sviluppato in esecuzione del progetto individuato nel documento chiamato Requisito Operativ~ Definitivo (ROD) - approvato dal Comitato di Valutazione Interforze dei Requisiti Operativi (COVIRO) il 20 giugno II programma, nella sua prima configurazione, appariva piuttosto ambizioso, tendendo a portare avanti contemporaneamente Ie varie componenti, alcune delle quali particolarmente sofisticate ed onerose (si cita il "soldato futuro") di cui si e parlato in sede di relazione sui Rendiconto Difesa. Da un lato, la complessita del programma e, dall'altro, la scarsita di risorse hanno indotto l'amministrazione ad optare per una rimodulazione della stesso, passando ad un approccio improntato ad una logica di sviluppo incrementale (cosiddetta "a spirale"), mend complessa ed onerosa, con la realizzazione di una sequenza di moduli "autoconsistenti". In tale ottica, l'amministrazione ha individuato I'esigenza di: provvedere all'evoluzione dell'infrastruttura di connettivita, realizzando una rete di trasporto, nei suoi livelli "fisico" e "Iogico"; stabilire Ie basi per una maggiore fruizione dei Servizi "Core"(CS) e "Functional"(FS)4; acquisire una maggiore capacita di protezione dell'infostruttura, dotandosi degli strumenti, software ed hardware, per garantire una maggiore sicurezza delle reti sia a livello Interforze, che di Forze armate. 4 Servizi forniti da un'infrastruttura informatica in maniera trasversale agli utenti, a prescindere dal lora ruolo nell'organizzazione ( , Dominio, Autenticazione, Identita, Telefonia Voip, Document Management, GIS, MMHS, etc.). 12

17 Diventa quindi importante, per la realizzazione del programma DIl, la definizione di moduli capacitivi auto-consistenti (building blocks), attraverso la cui implementazione adeguare e potenziare la struttura di Rete, in un'ottica di integrazione Interforze. In tale contesto vanno quindi inquadrate Ie attivita gia condotte, di alcune delle quali si trattera piu approfonditamente nei paragrafi che seguono. AI fine di offrire un quadro complessivo degli interventi che si riconducono al Programma integrato DIl, e importante indicare gli specifici programmi che sono proiettati all'integrazione che costituisce I'accezione concreta della interoperabilita. II sistema dell'interoperabilita della Difesa ha quale componente di rilievo il sistema satellitare SlCRAL, che si compone di un segmento spaziale e di un segmento terrestre con il compito di governare i satelliti e di gestire Ie comunicazioni. Con il satellite SICRAL 1, progettato nei primi anni '90 e lanciato nel febbraio 2001, la Difesa si e dotata di un assetto di telecomunicazioni che consente connessioni protette con ampia larghezza di banda e alta velocita, nonche collegamenti tattici a favore di utenti dotati di elevata mobilita. Successivamente sono stati lanciati altri due satelliti (SlCRAL 1B e SlCRAL2). Quest'ultimo e stato realizzato in collaborazione con la Difesa francese, insieme ad un altro programma I'ATHENA FIDUS. A fronte del ruolo che svolge il programma satellitare, fondamentale nel contesto delle telecomunicazioni con un adeguato livello di sicurezza, vanno considerate Ie due componenti "terrestri" che consentono di coprire efficacemente tutte Ie esigenze di comunicazione: la RIFON (Rete In Fibra attica Nazionale) e la RNI (Rete Numerica Interforze ) che dovranno essere ulteriormente integrate (Ie stesse sono gia fisicamente interconnesse nei cosiddetti Centri di Bacino), cosl da far assumere a quest'ultima un ruolo di "resilienza s " nei settori nei quali deve essere garantita la assoluta continuita del servizio. Sono poi da considerare Ie implementazioni nel settore della Cyber Defense Capability (CDC) in ambito Interforze, con tutti gli interventi mirati alia protezione dei dati e delle comunicazioni, come: il progetto Identity and Access Management (lam), per I'accesso sicuro ai Servizi non c\assificati offerti dalle strutture ICT; I'ammodernamento della Public Key Infrastructure (PKI) della Difesa, per I'adeguamento della struttura di emissione dei certificati di autenticazione e di firma ai nuovi standard normativi. Di rilevanza piu generale, tale da poter essere utilmente mutuate e potenzialmente fruite da altre Amministrazioni pubbliche, sono I progetti relativi all'evoluzione e all'adeguamento della Carta Multiservizi Difesa (CMD 2) e alia 5 In informatica con il termine resilienza si indica la capacitit di un sistema di adattarsi aile condizioni d'uso e di resistere all'usura in modo da garantire la disponibilitit dei servizi erogati; i contesti di riferimento sono quelli relativi alia business continuity e al disaster recovery. 13

18 dematerializzazione, che dovra avere un impatto importante sulla semplificazione dell'azione amministrativa, e dei quali si tratta in specifici paragrafi. Risponde invece alia piu volte affermata esigenza di integrare effettivamente i sistemi informativi con una regia unica il percorso che attualmente vede I'avvio della realizzazione di una nuova modalita di "federazione" dei "Domini" dell'area Interforze e delle Forze armate, con il progetto "Foresta Unica - Multi Dominio" (FUMD) al fine di elevare il livello di interoperabilita e la fruibilita dei Servizi "Core,,6 in un contesto di maggior sicurezza. Nella medesima ottica si colloca la centralizzazione dei Servizi di Sicurezza per gli utenti e per i sistemi (es. antivirus ed antispam). Per quanto riguarda I'aspetto della sicurezza, l'amministrazione ha ritenuto, come si e detto, non conveniente sui piano gestionale realizzare una struttura centralizzata, preferendo lasciare il governo della propria struttura di Dominio aile singole Forze armate, Ie quali dovranno, di conseguenza, completare Ie proprie strutture di sicurezza e gestire gli incidenti informatici all'interno del dominio di competenza. L'Amministrazione ha operato anche sulla formazione e sulla qualificazione del personale nel settore delle "Architetture di Rete", della "Cyber Security", delle "Service Oriented Architecture,,7 (SOA) e della "Virtualizzazione"s, ponendo Ie basi per la creazione di piattaforme di e-learning per I'autoapprendimento; per tali attivita non sono stati previsti ulteriori oneri. La rete complessiva della Difesa (DIFENET) vi ene, in base ai profili evidenziati ed agli interventi realizzati e programmati, riconfigurata al fine di supportare nel modo migliore i servizi essenziali per la Difesa e realizzare una reale interoperabilita a livello geografico locale tra Ie Reti delle Forze armate, con adeguate "aree di scambio dati" presso ciascun "Centro di Bacino" 9 della RIFON e della RNI, analogamente a quanto oggi esistente presso Roma (MAN della Capitale). Per quanto riguarda la fase esecutiva dei progetti, il quinquennio indicato dall'amministrazione quale arco temporale necessario perche il programma complessivo della DII assuma una fisionomia operativa matura, e legato all'elevato livello di prestazioni garantito dalla nuova rete che consentira la realizzazione di nuovi servizi applicativi che potranno essere erogati direttamente dalle Forze armate. 6 Progetto "Foresta Unica - Multi Dominio. 7 SOA: Service-Oriented Architecture, indica un'architettura software adatta a supportare I'uso di servizi Web per garantire I'interoperabilita e I'integrazione tra diversi sistemi. 8 Virtualizzazione: la creazione di una versione virtuale di una risorsa informatica normal mente fornita fisicamente (Server, Storage, Router, ecc.). 9 I Centri di bacino sana 26, distribuiti su tutta ii territaria nazianale. 14

19 Cap. 4 - I programmi finalizzati all'interoperabilita II quadro completo dell'interoperabilita della Difesa deve innanzitutto tener conto dei sistemi che garantiscono il livello delle comunicazioni, la lora massima estensione, la velocita di trasmissione dei dati e la lora sicurezza. Per tale ragione, si analizzano innanzitutto i programmi che, come si e gia detto, costituiscono il sistema integrato che consente la reale attuazione dell'interoperabilita ed, in ultima analisi, il disegno della OIl. L'evoluzione tecnologica ha, peraltro, indicato i due grandi contesti nei quali il livello di comunicazione si realizza in termini particolarmente elevati: il primo e quello delle comunicazioni satellitari, mentre il secondo e quello della "dorsale" terrestre, rappresentato dal RIFON che, come visto, si integra con la tecnologia Wi-Fi e con quella dei Ponti-Radio che fanno parte del RNI, che ha costituito un elemento fondamentale per Ie comunicazioni soprattutto in aree isolate e non facilmente raggiungibili. 4.a Sistema comunicazioni satellitari II sistema di comunicazioni satellitari, si basa sui SICRAL 10 (SICRAL 1 e SICRAL l/b gia in orbita, e SICRAL 2, in sostituzione del SICRAL 1, al termine della sua vita operativa) e sui progetto "dual use" militare e civile, costituito dal satellite ATHENA FIDUS ll da poco lanciato in orbita per I'inizio della sua missione operativa. Gli obiettivi perseguiti dall'amministrazione, con I programmi in discorso, sono mirati al mantenimento di una adeguata affidabilita complessiva del sistema, che permetta di operare con i dovuti margini di sicurezza 12 nello svolgimento di missioni critiche, anche protratte nel tempo, ail'ottimizzazione delle coperture e delle capacita disponibili attraverso il migliore sfruttamento delle risorse complessive dei sistemi, all'incremento della capacita trasmissiva totale per soddisfare Ie crescenti esigenze operative, soprattutto per quanto riguarda Ie attivita "Fuori Area" e la realizzazione di un reale coordinamento con i Dipartimenti e gli altri Dicasteri, nell'ambito di attivita del tipo disaster relief ed homeland security. 4.a.l) SICRAL Come si e gia accennato, I'intero sistema dell'interoperabilita della Difesa ha quale componente di rilievo il sistema satellitare SICRAL che e composto da due segmenti: - il segmento spaziale, che utilizza i satelliti; 10 Sistema Italiano per Ie Comunicazioni Riservate ed Allarmi. 11 Access on THeatres and European Nations for Allied forces - French Italian Dual Use Satellite. 12 Soddisfacimento del requisito per un assetto di comunicazione satellitare militare basato su un minima di due satelliti. <;t,,,,\..e 01 Co Tf: '" <u' 0.. u ',!II

20 - il segmento terrestre, che utilizza Ie stazioni terrestri (Ground Station) con il compito di governare i satelliti e gestire Ie comunicazioni. Con il satellite SICRAL 1, progettato nei primi anni '90 e lanciato nel febbraio 2001, la Difesa si e dotata di un assetto di telecomunicazioni che consente connessioni protette con am pia larghezza di banda e alta velocita, nonche collegamenti tattici a favore di utenti dotati di elevata mobilita. In seguito, l'amministrazione ha lanciato in orbita un secondo satellite, il SICRAL 1B, al fine di realizzare una integrazione ed una complementarieta tra i due strumenti, estendendo la rete di telecomunicazione nazionale nei vari contesti nei quali sono impiegate Ie unita delle Forze armate. La definizione di tale processo e stata prevista in due fasi: Fase 1 ( ) nel cui ambito e stata realizzata la messa in servizio di un secondo satellite, SICRAL 1B, in orbita geostazionaria, ad integrazione delle capacita gia rese disponibili dal predetto SICRAL 1 a partire dal 2001; Fase 2 ( ) da attuarsi tramite la messa in orbita di un satellite di nuova generazione denominato SICRAL 2, in grado di sostituire il SICRAL 1, che avrebbe dovuto concludere la sua vita operativa nel 2011, ma ad oggi ancora operante, grazie all'affinamento delle procedure che hanno consentito il mantenimento dello stesso nella posizione assegnata (station keeping) da parte del Centro di Gestione e Controllo della Difesa e per il quale e previsto un prolungamento della vita operativa fino al Nell'ambito della Fase 1 il satellite SICRAL 1B e state lanciato nell'aprile del Nell'ambito della Fase 2 l'italia ha avviato una cooperazione con la Francia su due programmi complementari e contestuali per quanto riguarda I tempi di realizzazione: SICRAL 2 e ATHENA FIDUS. Tale cooperazione ha reso possibile una significativa riduzione degji oneri a carico dell'amministrazione della Difesa e notevoli vantaggi di natura tecnico operativa sui piano della strategia industriale. I principali vantaggi ottenuti riguardano: I'acquisizione, con il programma ATHENA-FIDUS, di una capacita nelle bande di frequenza utilizzate in ambito NAT0 13 superiore a quella ottenibile con I'ipotesi iniziale di realizzazione di un solo satellite in ambito nazionale (SICRAL 2, operante in tutte Ie bande di frequenza UHF, SHF ed EHF/Ka estesa), con un minore impegno finanziario; la riduzione dei costi del programma SICRAL2, attraverso il quale si dovra assicurare la continuita nel tempo della costellazione militare SICRAL, in linea con l'esigenza Operativa SATCOM nazionale 14 ; 13 In particolare, la banda di frequenza EHF/Ka. 14 Si tratta di un accordo stipulato nell'ambito del programma NATO congiuntamente a Francia e Gran Bretagna, attraverso il quale vengono soddisfatti i requisiti operativi dell'alieanza Atlantica. 16

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli