Requisiti Funzionali. Requisiti funzionali con Use Case del sistema informativo dell Assemblea regionale. Capitolato tecnico Allegato 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Requisiti Funzionali. Requisiti funzionali con Use Case del sistema informativo dell Assemblea regionale. Capitolato tecnico Allegato 3"

Transcript

1 Capitolato tecnico Allegato 3 Requisiti Funzionali Requisiti funzionali con Use Case del sistema informativo dell Assemblea regionale Versione: definitiva Data: 4 agosto 2008 Numero pagine: 383

2 INDICE dei CONTENUTI 1. INTRODUZIONE SCOPO DEL DOCUMENTO DOCUMENTI DI RIFERIMENTO OBIETTIVO DELL ATTIVITÀ ACRONIMI, ABBREVIAZIONI E DEFINIZIONI STRUTTURA DEL DOCUMENTO ARCHITETTURA DEL NUOVO SI DEL CRV ATTORI LISTA DEGLI USE CASE USE CASE DIAGRAM LISTA DEI BUSINESS OBJECTS Procedimenti Istituzionali Procedimenti Amministrativi interni SERVIZI E FUNZIONALITÀ DI BUSINESS Servizi di Presentazione Servizi di Orchestrazione Servizi Applicativi Servizi di Sicurezza Servizi di Gestione IT WORKFLOW DEI PROCESSI DEL CRV Gestione delle Attività di decisione legislativa, amministrativa, consultiva e di indirizzo Amministrazione interna: Gestione Procedimenti Amministrativi Gestione delle attività istituzionali della Difesa civica regionale Sviluppo e gestione del sistema informativo Missioni Consiglieri Gestione della Qualità COMPONENTI FUNZIONALI CARATTERISTICHE E ASSUNZIONI GENERALI REQUISITI SPECIALI/COMUNI Performance Sicurezza Capacità e scalabilità Requisito di integrazione con gli attuali Technology Infrastructure Services COMPONENTE FUNZIONALE DI ORCHESTRAZIONE DEI PROCESSI E WORKFLOW WFMS Breve Descrizione Descrizione degli Attori Use Case Gestione dei processi del CRV Use Case Monitoring dei processi ESB Breve descrizione Descrizione degli Attori...91 Requisiti funzionali con Use Case pag. 2 di 383

3 Use Case di Integrazione con le componenti applicative COMPONENTE FUNZIONALE DMS NUOVO DMS Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Estrai documento Use Case Estrai template Use Case Trasforma documento Use Case ArchiviaDoc Use Case PubblicaDoc Use Case Versionamento Use Case Cerca documento NUOVO PROTOCOLLO INFORMATICO Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Acquisizione documento Use Case Protocollazione documento Use Case Annullamento o modifica protocollo Use Case Reportistica di protocollo Note ed osservazioni COMPONENTE FUNZIONALE PORTALE INTERNO NUOVO SWAP Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Login/logout Use Case Personalizzazione Use Case Pubblica Use Case Gestione task Use Case Gestione accesso sistemi interni/esterni Use Case Amministrazione Use Case Cerca NUOVO AGIS Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Organizza seduta Use Case Formalizza convocazione Use Case Inserisce avvenimenti NUOVO INDIRIZZARIO Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Aggiorna indirizzi Use Case Gestisci indirizzari di gruppo Use Case Ricerca e consultazione Use Case Crea indirizzario personalizzato GESTIONE NOMINE Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Gestione enti Use Case Gestione cariche Use Case Gestione candidature Requisiti funzionali con Use Case pag. 3 di 383

4 Use Case Gestione nomine Use Case Report Note ed osservazioni COMPONENTE FUNZIONALE CERTIFICAZIONE IDENTITÀ FIRMA DIGITALE Breve descrizione PEC COMPONENTE FUNZIONALE GESTIONE ACCESSI IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Access control Use Case Identity administration Use Case Provisioning/Deprovisioning Use Case Auditing & reporting Requisiti speciali COMPONENTE FUNZIONALE ERP NUOVO ERP Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Gestione della Formazione del Personale Use Case Pianificazione della formazione Use Case Erogazione della formazione Use Case Amministrazione del personale Use Case Gestione economato e Utenze Tecniche Use Case Amministrazione consiglieri Use Case Programmazione delle risorse finanziarie Use Case Gestione delle risorse finanziarie BF85 - Gestione dei Programmi Operativi: disponibilità a sistema delle schede di programma e del budget assegnato Use Case Controllo delle risorse finanziarie WINRAP Breve descrizione Descrizione degli attori Use Case Rilevazione presenze PRESENZE CONSIGLIERI Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Gestione anagrafica Consiglieri Use Case Riepilogo assenze individuali Note ed osservazioni MISSIONI CONSIGLIERI Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Integrazione anagrafica Consiglieri Use Case inserimento spese missioni Note ed osservazioni PEDAGGI AUTOSTRADALI Breve descrizione Requisiti funzionali con Use Case pag. 4 di 383

5 Descrizione degli Attori Use Case Integrazione anagrafica Consiglieri Use Case Popolamento data base pedaggi Note ed osservazioni GESTIONE INVENTARIO Breve descrizione Descrizione degli attori Use Case Gestione acquisti Use Case Gestione beni e servizi Use Case Gestione magazzino Use Case Gestione fornitori Use Case Gestione sedi, impianti, servizi logistici ed ausiliari FINANZIAMENTO GRUPPI CONSILIARI Breve descrizione Descrizione degli attori Use Case Finanziamento dei gruppi consigliari CONTABILITÀ GRUPPI CONSILIARI Breve descrizione Descrizione degli attori Use Case Contabilità dei gruppi consigliari COMPONENTE FUNZIONALE PORTALE WEB SITO DEL CONSIGLIO Breve descrizione Descrizione degli attori Use Case Cerca Use Case Amministrazione Use Case Accesso al portale web Use Case Accesso componenti applicative SITO DEL PRESIDENTE NUOVO COMMISSIONI SITO GRUPPI CONSIGLIARI RISULTATI ELETTORALI CREL ISO TERZO VENETO COMPONENTE FUNZIONALE MEDIA CENTER WEBTV Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Accesso Web TV Use Case Cerca USE CASE Gestione / pubblicazione audio/video Use Case Gestione della diretta VIDEOTECA NUOVA DIATECA Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Accesso fotogallery Use Case Accesso archivio Use Case Gestione archivio Requisiti funzionali con Use Case pag. 5 di 383

6 Use Case Gestione fotogallery STREAMING DIRETTE FASTPRESS ALEXANDRIE COMPONENTE FUNZIONALE CRUSCOTTO GESTIONALE SUPERVISIONE E CONTROLLO Breve descrizione Descrizione degli Attori Use Case Visualizza report Use Case Crea report Use Case Profilatura utenti COMPONENTE FUNZIONALE SISTEMI ESTERNI GIUNTA REGIONALE I Sistemi Informativi della Giunta I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi dell Assessorato alla Sanità COMPONENTE FUNZIONALE STRUMENTI DI COLLABORAZIONE ALLEGATI A - GESTIONE NOMINE Allegato A1 Scheda Ente Allegato A2 Scheda Carica Allegato A3 Scheda Anagrafica Allegato A4 Scheda Candidatura Allegato A5 Scheda Nomina B ENTERPRISE ARCHITECT Allegato B1 Business Objects Allegato B2 Information services Allegato B3 Workflow Allegato B4 Information component Requisiti funzionali con Use Case pag. 6 di 383

7 INDICE delle TABELLE Tabella 1-1- Documenti di Riferimento...12 Tabella 1-2: Acronimi...16 Tabella 3-1: Tabella degli Attori del SI...22 Tabella 3-2: Lista degli Use Case contenuti nel documento...24 Tabella 3-3: Simboli della metodologia Use Case...26 Tabella 3-4: Operazioni di provisioning richieste da DABS UP...74 Tabella 3-5: Operazioni di provisioning effettuate da UPRAGS...74 Tabella 3-6: Operazioni di provisioning effettuate da UCSI-UGST...75 Tabella 4-1: Requisiti di Performance...82 Tabella 4-2: Stima della Capacità del SI del CRV...83 Tabella 4-3: Lista dei Servizi Tecnologici di riferimento...85 Tabella 14-1: Elenco Flussi verso Giunta Regionale Requisiti funzionali con Use Case pag. 7 di 383

8 INDICE delle FIGURE Figura 3-1: Architettura a servizi del nuovo SI (modello logico)...18 Figura 3-2: Macro aree funzionali...20 Figura 3-3: Schematizzazione dell'utilizzo degli Use Case...25 Figura 3-4: Diagrammi UML utlizzati...26 Figura 3-5: Overview delle viste UML...27 Figura 3-6: Class Diagram - Tipologie di Procedimenti Istituzionali...28 Figura 3-7: Diagram delle principali entità dei Procedimenti Istituzionali...30 Figura 3-8: Diagramma di stato dei Procedimento Istituzionali...31 Figura 3-9: Diagramma di stato della Pratica in Commissione...33 Figura 3-10: Diagramma dello stato Esame in Corso della Pratica in Commissione...34 Figura 3-11: Class diagram dei procedimenti amministrativi interni...35 Figura 3-12: Elenco dei Servizi di business del nuovo SI del CRV...36 Figura 3-13: Le BF dei Servizi di Presentazione...37 Figura 3-14: Le BF dei Servizi di Orchestrazione...38 Figura 3-15: I servizi applicativi...39 Figura 3-16: Le BF di Gestione Documentale dei Servizi Applicativi...40 Figura 3-17: Le BF di Gestione Risorse dei Servizi applicativi...41 Figura 3-18: Le BF del Cruscotto dei Servizi applicativi...42 Figura 3-19: le BF degli Strumenti di Collaborazione dei Servizi applicativi...42 Figura 3-20: Le BF di Certificazione delle Identità dei Servizi applicativi...43 Figura 3-21: Le BF dell'integrazione con i Partner dei Servizi applicativi...43 Figura 3-22: Le BF dei Servizi specializzati relativi ai Servizi applicativi...44 Figura 3-23: Le BF del Servizi di Sicurezza...45 Figura 3-24: Le BF dei Servizi di gestione IT...45 Figura 3-25: Struttura del Workflow di Gestione di decisione legislativa, amministrativa, consultiva e di indirizzo...47 Figura 3-26: Activty Diagram del processo P Figura 3-27: AD della fase di Assegnazione...50 Figura 3-28: AD della fase Istruttoria in Commissione...52 Figura 3-29: AD della fase Esame in aula...54 Figura 3-30: AD della fase Gestione Nomine...55 Figura 3-31: AD della Pubblicazione Avvisi...56 Figura 3-32: AD della Ricezione Candidature delle Nomine...57 Requisiti funzionali con Use Case pag. 8 di 383

9 Figura 3-33: AD dell'integrazione Proposte...58 Figura 3-34: AD della Nomina in via sostitutiva...59 Figura 3-35: AD della Comunicazione delle Nomine...60 Figura 3-36: AD di Gestione di Delibere e Decreti...63 Figura 3-37: AD di Valutazione della Delibera o Decreto dai Componenti dell UP...65 Figura 3-38: AD di Verifica contabile della Delibera o Decreto dal Servizio Ragioneria del DABS...66 Figura 3-39: AD di Esame delle proposte di delibera in Ufficio di presidenza...67 Figura 3-40: AD delle attività Istituzionali della Difesa Civica Regionale...69 Figura 3-41: Gestione delle richieste...71 Figura 3-42: Sviluppo/fornitura di hardware, software, servizi di rete e applicativi...73 Figura 3-43: Architettura Funzionale del nuovo SI...78 Figura 5-1: Use Case principale della componente di WfMS...86 Figura 5-2: Use Case di integrazione dell'esb con le componenti applicative...92 Figura 6-1: Use Case Nuovo DMS...94 Figura 6-2: Use Case della componente Nuovo Protocollo Informatico Figura 6-3: Use Case Acquisizione Documento Figura 6-4: Use Case Protocollazioe Dcumento Figura 6-5: Use Case Annullamento/Modifica Protocollo Figura 7-1: Componente Portale Interno Figura 7-2: Esempio pagina Iniziale del nuovo Portale Interno Figura 7-3: Use Case Nuovo SWAP Figura 7-4: Use Case Nuovo Indirizzario Figura 7-5: Class Diagram della componente Gestione Nomine Figura 7-6: Use Case della componente Gestione Nomine Figura 7-7: Use Case Gestione Enti Figura 7-8: Use Case Gestione Cariche Figura 7-9: Use Case Gestione Candidature Figura 8-1: Use Case della componente Firma Digitale Figura 9-1: Use Case IAM Figura 9-2: Use Case Access Control Figura 9-3: Use Case Identità Administration Figura 10-1: Use Case Gestione della componente Nuovo ERP Figura 10-2: Use Case Gestione della Formazione del Personale Figura 10-3: Use Case Amministrazione del personale dipendente Figura 10-4: Use Case Gestione Consiglieri ed Ex Requisiti funzionali con Use Case pag. 9 di 383

10 Figura 10-5: Use Case Gestione delle Risorse Finanziarie Figura 10-6: Use Case Controllo delle Risorse Finanziarie Figura 10-7: Use Case Rilevazione Presenze Figura 10-8: Use Case della componente Presenze Consiglieri Figura 10-9: Use Case della componente Missioni Consiglieri Figura 10-10: Use Case della componente Pedaggi Autostradali Figura 10-11: Use Case Finanziamento Gruppi Figura 10-12: Use Case Contabilità Gruppi Figura 11-1: Componente Portale Web Figura 11-2: Use Case Portale Web Figura 12-1: Componente Media Center Figura 12-2: Use Case WebTV Figura 12-3: Use Case Nuova Diateca Figura 13-1: Use Case della componente Cruscotto Gestionale Figura 14-1: Schematizzazione flussi da e verso la GR Requisiti funzionali con Use Case pag. 10 di 383

11 1. INTRODUZIONE Il presente documento ha lo scopo di illustrare il risultato dell attività di analisi ed elaborazione dei requisiti funzionali del Nuovo Sistema Informativo del Consiglio Regionale del Veneto (di seguito CRV) da parte del team di Capgemini Italia S.p.A. (di seguito Capgemini), cui è stato affidato l incarico della conduzione del suddetto servizio di analisi funzionale. In accordo con la proposta tecnica presentata da Capgemini in data 2 febbraio 2008, la suddetta attività di analisi funzionale è stata strutturata nelle due macrofasi di seguito sintetizzate. Fase 1 L attività di analisi funzionale, svolta in accordo alla metodologia di studio proposta, si conclude con la consegna della bozza del relativo Documento dei Requisiti Funzionali. Durante lo svolgimento di questa fase, sono state effettuate una serie di interviste che hanno coinvolto i gruppi di utenti opportunamente individuati dal CRV, con lo scopo di validare la completezza dei requisiti e produrre un quadro d insieme dei processi, sia dal punto di vista di business che di Information Technology. Fase 2 Questa fase si conclude con la consegna della versione definitiva del Documento dei Requisiti Funzionali. Anche in questa fase sono previsti incontri e interviste di revisione e di condivisione con i gruppi individuati SCOPO DEL DOCUMENTO Il documento dei Requisiti Funzionali con Use Case fornisce i dettagli delle funzionalità principali che dovranno essere presenti nel nuovo sistema informativo del Consiglio Regionale del Veneto. La finalità di questo documento è di: Stabilire una base comune tra il cliente ed il fornitore su cosa il sw prodotto deve essere almeno in grado di fare. Ridurre lo sforzo di realizzazione grazie all interazione tra gli utenti finali e gli analisti ed alla formalizzazione dei requisiti utente. Fornire una base da cui partire per la stima dei costi e della pianificazione delle attività di progetto. Fornire una base di riferimento per la stesura dei test di validazione e verifica e per la stessa accettazione del sistema finale. Serve come base di partenza per eventuali evoluzioni successive del prodotto finale DOCUMENTI DI RIFERIMENTO I documenti citati nella tabella seguente saranno usati da Capgemini come riferimento per il rispetto degli obblighi e dei requisiti di progetto descritti nel presente documento. Requisiti funzionali con Use Case pag. 11 di 383

12 Rif.to Nome [CRV 1] Vademecum del Consigliere Regionale - VIII Legislatura, 1^ Edizione - maggio 2005 [CRV 2] [CRV 3] [CRV 4] Documentazione del Sistema di Qualità Procedure e istruzioni operative a documentazione dei processi primari e dei processi di supporto. Sviluppo e Ammodernamento del sistema informativo dell Assemblea regionale Studio di fattibilità Capitolato speciale d oneri per l affidamento di un servizio di analisi ed elaborazione dei requisiti funzionali per il nuovo sistema informativo del Consiglio regionale del Veneto Tabella 1-1- Documenti di Riferimento 1.3. OBIETTIVO DELL ATTIVITÀ Le attività previste ed eseguite durante le fasi del progetto, sono state modulate ed organizzate in modo da perseguire l obiettivo principale assegnato al progetto, vale a dire, descrivere per ogni funzionalità quali sono gli scenari principali di utilizzo da parte dei vari attori nell esecuzione dei gruppi di attività afferenti ai singoli attori stessi. Nel loro insieme queste funzioni descrivono il comportamento del sistema o di una sua componente. A tal fine sono stati analizzati, con gli attori coinvolti nelle singole attività, i processi principali, ed i relativi strumenti informatici utilizzati, che sono alla base delle attività ordinarie e straordinarie del CRV, con lo scopo di: condividere i dettagli delle singole attività previste dai processi stessi e rilevare le funzionalità utilizzate in relazione alle singole componenti del SI del CRV; evidenziare le relazioni trasversali tra le unità, in un ottica cliente-fornitore; validare i requisiti espressi nelle attività precedenti e verificare l esistenza di nuovi requisiti, eventualmente sopravvenuti dopo la stesura del suddetto documento, sia in termini di strumenti informatici presenti ma da arricchire, che in termini di strumenti informatici ritenuti necessari ma attualmente assenti; tracciare l utilizzo che, attualmente, le varie unità organizzative fanno degli strumenti informatici a disposizione. I dettagli del calendario di interviste e dei soggetti incontrati sono contenuti nella sezione Allegati. Requisiti funzionali con Use Case pag. 12 di 383

13 1.4. ACRONIMI, ABBREVIAZIONI E DEFINIZIONI Nella tabella seguente sono indicati, in ordine alfabetico, i significati e le relative descrizioni agli acronimi e alle abbreviazioni utilizzate nel presente documento. Non sono invece riportate quelle abbreviazioni considerate di significato non ambiguo nel settore dell Information Technology (quali, ad esempio CD, Mb, RAM, Hz, Gb, etc.) e, per quelle relative al contesto informativo del Consiglio Regionale del Veneto, non è riportata la descrizione. Acronimo Abbreviazione Significato Descrizione AGIS Agenda Istituzionale Servizio che consente di gestire e condividere il calendario di tutte le sedute del Consiglio Regionale BA Business Actor Rappresenta una persona o un entità che interagisce in qualche maniera con il sistema. Definisce il ruolo che un utente o un altro sistema durante l interazione con il sistema. BF Business Functionality Funzionalità di business BP Brown Paper Rappresentazione grafica di un processo di business. L insieme di attività necessarie per definire, BPM Business Process ottimizzare, monitorare e integrare i processi aziendali, Management al fine di creare un processo orientato a rendere efficiente ed efficace il business dell azienda BUR Bollettino Ufficiale della Regione Veneto Costituisce strumento legale di conoscenza delle leggi e dei regolamenti della Regione e degli atti in esso pubblicati CRV Consiglio Regionale del Veneto Organo legislativo della Regione del Veneto DAL Direzione Assistenza Legislativa DB Data Base Strumento di gestione e archiviazione dei dati. DBMS Data Base Management System Sistema di gestione di un Data Base. DDL Disegno Di Legge DM Document Management Gestione documentale; rappresenta l insieme delle attività necessarie per archiviare i documenti, controllar-ne gli accessi e il loro versionamento. DMS DMZ DRAI ESB ETL Document Management System DeMilitarized Zone Direzione Regionale Rapporti e Attività Istituzionali Enterprise Service Bus Extraction, Trasformation, Loading Sistema di supporto alle attività di gestione documentale. Zona perimetrale di una rete di un sistema informativo in cui sono presenti le risorse raggiungibili direttamente dagli utenti esterni senza che ciò comprometta la sicurezza della zona interna del sistema. Struttura dell apparato tecnico-burocratico del Consiglio regionale che si occupa, in tutte le sue articolazioni, delle attività di core dell istituzione Infrastruttura software che fornisce servizi di supporto ad architetture SOA complesse Processo di estrazione, trasformazione e caricamento dei dati in un sistema di analisi dei dati. Requisiti funzionali con Use Case pag. 13 di 383

14 Acronimo Abbreviazione FD FG GDT Significato Firma Digitale Focus Group Gestione Documentazione Tecnica Giunta Regionale Hyper Text Markup Language Hyper Text Transfer Protocol Descrizione Gruppo di focalizzazione per approfondire un argomento. GR HTML Linguaggio usato per descrivere i documenti ipertestuali disponibili nel Web. HTTP Protocollo di trasferimento di un ipertesto, utilizzato per la trasmissione di informazioni sul Web. HW Hardware Parte fisica di un personal computer. IAF Integrated Architecture Struttura integrata di supporto alla progettazione di una Framework un architettura di un sistema, proprietaria Capgemini. IAM Identity and Access Componente che consente la gestione delle Identità e Management degli Accessi. Information and Convergenza fra informatica e telematica per la ICT Communication trasmissione dell informazione; tali tecnologie Technology comprendono le reti, l architettura e la multimedialità. INT Interpellanza IRC Interrogazioni in commissione IRI Interrogazioni a Risposta Immediata IRO Interrogazioni a Risposta Orale IRS Interrogazioni a Risposta Scritta IS Information System Sistema Informativo IT Information Technology Sinonimo di ICT LAN Local Area Network Identifica una rete locale che consente di far comunicare fra loro computer e stampanti LDAP Lightweight Directory Protocollo standard di accesso ai servizi presenti Access Protocoll all interno di una repository di informazioni. MOZ Mozioni NOM Nomine ODG Ordine del Giorno OS Operating System Programma responsabile del diretto controllo e gestione dell hardware che costituisce un computer e delle operazioni di base. OU PAGR PDA PDiv PDL Unità Organizzativa Pareri alla Giunta Regionale Proposte di Provvedimento Amministrativo Progetti diversi Progetto di Legge Requisiti funzionali con Use Case pag. 14 di 383

15 Acronimo Abbreviazione PDLS PDR PEC PM PMS PPA PREG PRS REGI REND RIS RR SLA SMS SOA SSO SW SWAP TI TT UAI UAP Significato Proposte di Legge Statale Proposte di Regolamento Posta Elettronica Certficata Project Management Proposte di modifica dello Statuto Provvedimento di presa d atto Proposte di Regolamento Regionale Proposte di Revisione dello Statuto Proposte di Regolamento del Consiglio Rendicontazioni Risoluzioni Relazioni e rendicontazioni Service Level Agreement Short Message Service Service Oriented Architecture Single Sign On Software Single Web Access Point Technology Infrastructure Trouble Ticketing Ufficio Atti Istituzionali Ufficio Archivio e Protocollo Descrizione Pianificazione, esecuzione e monitoraggio di un progetto, inteso come insieme di attività di durata finita nel tempo. Strumenti contrattuali, attraverso i quali si definiscono le metriche di servizio che devono essere rispettate da un fornitore (sia esso interno o esterno all azienda). Indica un breve messaggio di testo inviato da un telefono cellulare ad un altro Architettura software atta a supportare l uso di servizi in modo da consentire l utilizzo delle singole applicazioni come componenti del processo di business Sistema di autenticazione che consente all utente di autenticarsi una sola volta e di accedere a tutte le risorse informatiche alle quali è abilitato. Programma o un insieme di programmi in grado di funzionare su un elaboratore. Applicazione interna del CRV, che consente l accesso alle applicazioni (portale interno del CRV). Infrastruttura tecnologica, identifica l insieme delle risorse hardware, di rete e software di base presenti. Sistema di gestione delle richieste di intervento per malfunzionamenti. Servizio che cura la gestione dei flussi documentali del Consiglio regionale relativi agli Atti Istituzionali. Fa capo alla Direzione DRAI Servizio che cura la gestione dei flussi documentali del Consiglio regionale. Fa capo alla Requisiti funzionali con Use Case pag. 15 di 383

16 Acronimo Abbreviazione Significato Descrizione Direzione DRAI UC Use Case I Casi d Uso forniscono un insieme di possibili scenari di interazione tra sistemi e utenti in un determinato ambiente e per specifici obiettivi. I Casi d Uso organizzano i requisiti funzionali degli scenari. UCSI Unità Complessa Sistema Informativo UML Unified Modelling Linguaggio di modellazione e specifica di sistemi Language applicativi Unità di Progetto, UPRAGS Ristrutturazione, Attivazione, Gestione, Sedi VAS Value Added Services Servizi a valore aggiunto VPN Virtual Private Network Rete privata instaurata tra soggetti che utilizzano un sistema di trasmissione pubblico e condiviso. WBS Work Breakdown Struttura analitica del progetto, identifica l insieme Structure delle attività in cui è possibile decomporre un progetto WF WorkFlow Insieme di processi cooperanti fra difra loro che consistono in una o più attività, ognuna delle quali rappresenta un lavoro da svolgere per giungere a un obiettivo comune. WFMS WorkFlow Management System Sostiene l organizzazione del processo di lavoro mediante l utilizzo di software specifici. Tabella 1-2: Acronimi Requisiti funzionali con Use Case pag. 16 di 383

17 2. STRUTTURA DEL DOCUMENTO Il presente documento è stato strutturato in relazione ai risultati attesi dal CRV, sulla base di quanto specificato nella sezione relativa all articolo 4 del documento [CRV 4]. In particolare: il capitolo 1 è la sezione introduttiva, contenente scopo del documento, l ambito e le tabelle delle definizioni/abbreviazioni; il capitolo 2 contiene la sezione descrittiva, con la spiegazione della struttura del documento; il capitolo 3 contiene la sezione di sintesi dell architettura di riferimento del nuovo SI; dove sono descritte le componenti applicative, le principali tipologie di informazioni trattate dal SI e le loro relazioni; il capitolo 4 contiene la sezione relativa ai requisiti speciali e/o comuni alle differenti componenti applicative del SI; con la descrizione dei: requisiti non funzionali (quali performance, scalabilità, portabilità, ecc.) comuni alle differenti componenti applicative; eventuali requisiti speciali; i capitoli 5, 6, 7, 8, 9,10, 11, 12, 13, 14 e 15 descrivono le sezioni relative alla descrizione dei requisiti funzionali delle singole componenti applicative del SI Orchestratore e Workflow; DMS; Portale Interno; Certificazione identità; ERP; Cruscotto Gestionale; Portale; Sistemi Esterni (Interazione Giunta); Multimedia (o Media Center); evidenziando per ogni funzionalità della singola componente quali sono: gli scenari di utilizzo della componente, sia gli scenari base che gli eventuali scenari alternativi; le funzionalità principali della componente stessa e la descrizione del loro comportamento (dati in input, dati in output, logica realizzata dalla funzionalità, ecc.); l ultima sezione contiene gli allegati con le informazioni riferite negli altri capitoli del documento. Requisiti funzionali con Use Case pag. 17 di 383

18 3. ARCHITETTURA DEL NUOVO SI DEL CRV Il programma di ammodernamento del Sistema Informativo (SI) intrapreso dal Consiglio Regionale del Veneto ha prodotto come risultato una proposta di reingegnerizzazione dello stesso. Parti essenziali di questo programma sono state le fasi di raccolta dei requisiti interni e di assessment architetturale [CRV 3]. L esecuzione della fase di assessment architetturale ha portato all individuazione di un nuovo assetto architetturale idoneo a soddisfare i requisiti tecnologico-applicativi, strategici ed utente. Lo schema seguente è la sintesi delle attività finora eseguite in questo programma e rappresenta la proposta per una nuova architettura funzionale per il sistema informativo del CRV utilizzando il paradigma SO [CRV 3]. La suddetta architettura è caratterizzata dalla presenza di un elemento di integrazione in grado di comporre ed orchestrare servizi elementari, con interfacce standardizzate, aventi lo scopo di realizzare le funzionalità applicative richieste dall organizzazione. Figura 3-1: Architettura a servizi del nuovo SI (modello logico) Requisiti funzionali con Use Case pag. 18 di 383

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità Capitolato tecnico Allegato 2 Studio di fattibilità Sviluppo e ammodernamento del sistema informativo dell Assemblea regionale Versione: definitiva Data: 4 agosto 2008 Numero pagine: 105 INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Analisi funzionale della Business Intelligence

Analisi funzionale della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino

OPENSUE. Sportello Edilizia. Stringi la mano al cittadino OPENSUE Sportello Edilizia Stringi la mano al cittadino 2 OPENSUE Sportello Edilizia Il DPR n. 380/2001 impone a tutte le amministrazioni comunali di provvedere a costituire lo Sportello unico per l edilizia

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica 1 CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica Federica Ronchetti Bologna, 14 giugno 2013 2 Il contesto di riferimento (1/2) Le attività

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza

FORUM P.A. 2005. Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza FORUM P.A. 2005 Scenari di knowledge management nella P. A.: Strumenti, Soluzioni ed Esperienze per la Condivisione della Conoscenza Master PA mercoledì 11/05/05 L esperienza di Sviluppo Italia per l automazione

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DOCUVISION DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE 0 SOMMARIO TARGET DOCUVISION 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE 4 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI MODULI 5 LOGICA OPERATIVA MODULO DOCUVISION 6 LOGICA OPERATIVA DELLE FUNZIONALITA WORKFLOW 7 GESTIONE DOCUMENTI

Dettagli

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB

CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB ITIL e PMBOK Service management and project management a confronto CMDBuild Significato di una soluzione open source per la gestione del CMDB Firenze 1 luglio 2009 Il sistema CMDBuild è una applicazione

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

*AGEFor. Applicativo GEstionale per le attività Formative

*AGEFor. Applicativo GEstionale per le attività Formative * Applicativo GEstionale per le attività Formative Semplice da utilizzare, completo nelle funzionalità, basato su una tecnologia solida ed affidabile Scopri di più... Flessibile, dinamico e facile da utilizzare,

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Contact Center Manuale CC_Contact Center

Contact Center Manuale CC_Contact Center Contact Center Manuale CC_Contact Center Revisione del 05/11/2008 INDICE 1. FUNZIONALITÀ DEL MODULO CONTACT CENTER... 3 1.1 Modalità di interfaccia con il Contact Center... 3 Livelli di servizio... 4 1.2

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL Progetto IQuEL Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze TITOLO Parma, 8 Aprile 2009 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1

Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Pag. 1 di 9 Software a supporto della Gestione amministrativa dello Sportello Unico Versione 2.1 Interventi sul software RE V. REDAZIONE VERIFICHE ED APPROVAZIONI CONTROLLO APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 9 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione

ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA. Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione ORGANISMO INTERMEDIO - PROVINCIA DI MATERA Area Politiche Attive del Lavoro e Formazione Allegato B CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO E LA DEFINIZIONE DEL CAMPIONE DELLE OPERAZIONI DA

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML 9 CASO DI STUDIO CON APPLICAZIONE DI UML...2 9.1 IL CASO DI STUDIO...2 9.1.1 Il sistema attuale...2 9.2 IL PROBLEM STATEMENT...3 9.2.1 Formulazione del Problem statement per il caso proposto...3 9.3 USE

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Requisiti della Business Intelligence

Requisiti della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA PIATTAFORMA SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLE DINAMICHE ASSOCIATIVE La piattaforma SmartPlanner è una piattaforma software multitasking erogata in modalità SaaS,

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

Sistema Pagamenti del SSR

Sistema Pagamenti del SSR Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale Utente Versione 1.2 del 15/01/2014 Sommario Sistema Pagamenti del SSR Utente del sistema di fatturazione regionale Manuale

Dettagli

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007

Stefano Bucci Technology Director Sales Consulting. Roma, 23 Maggio 2007 L Information Technology a supporto delle ALI: Come coniugare un modello di crescita sostenibile con le irrinuciabili caratteristiche di integrazione, sicurezza ed elevata disponibilità di un Centro Servizi

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Roma, 24 luglio 2014 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Pubblichiamo di seguito un documento dell Agenzia per l Italia Digitale (AGID) che illustra le principali caratteristiche del passaggio alla fatturazione

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO Divisione Supporto alla Ricerca Scientifica e al Trasferimento Tecnologico MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO DI COSTITUZIONE DI SPIN OFF E START UP ACCADEMICI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Fasi

Dettagli

Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione

Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione Reingegnerizzazione dei sistemi documentari e knowledge management Paola Montironi Quadro di riferimento

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo Pag. 1 di 41 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo INDICE Pag. 2 di 41 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA... 4 3. FUNZIONE BACHECA... 8 4. GESTIONE TIROCINANTI...

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia BANDO ACQUISIZIONI Prodotti Software ALLEGATO 6.3 Capitolato Tecnico Piattaforma per l Analisi e la Progettazione di alto livello del Software Allegato 6.3: capitolato tecnico Pag. 1 1 Ambiente di Analisi

Dettagli

VALUTAZIONE PRESTAZIONI del PERSONALE NEL SETTORE BANCARIO

VALUTAZIONE PRESTAZIONI del PERSONALE NEL SETTORE BANCARIO VALUTAZIONE PRESTAZIONI del PERSONALE NEL SETTORE BANCARIO Modelli e strumenti Il software H1 Hrms a supporto Valutazione Prestazioni del personale nel settore bancario dicembre 2010 gennaio 2011 pag.

Dettagli

Gi obiettivi del progetto, già richiamati nel testo della convenzione, sono riportati di seguito in forma sintetica:

Gi obiettivi del progetto, già richiamati nel testo della convenzione, sono riportati di seguito in forma sintetica: ALLEGATO A 1. Inquadramento PROPOSTA PROGETTUALE Il progetto ha come obiettivo principale la definizione ed esecuzione di tutte le attività necessarie alla costituzione del RUC (Registro Unico dei Controlli)

Dettagli

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza.

Conservazione Sostitutiva. Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Conservazione Sostitutiva Verso l amministrazione digitale, in tutta sicurezza. Paperless office Recenti ricerche hanno stimato che ogni euro investito nella migrazione di sistemi tradizionali verso tecnologie

Dettagli

TARGET DEL PRODOTTO DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE

TARGET DEL PRODOTTO DOCUVISION WORKFLOW DIGITALE PRESENTAZIONE 2 TARGET DEL PRODOTTO CHE COSA E Docuvision Workflow Digitale è uno strumento studiato per: la gestione elettronica dei documenti, acquisiti trami- te scanner, clipboard o file (disco, supporto

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

Misurazione, analisi e miglioramento

Misurazione, analisi e miglioramento Pagina 1 di 8 Manualle Qualliità Misurazione, analisi e miglioramento INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

GLOBAL TICKET MANAGEMENT. La soluzione verticale per la gestione del servizio di assistenza

GLOBAL TICKET MANAGEMENT. La soluzione verticale per la gestione del servizio di assistenza GLOBAL TICKET MANAGEMENT La soluzione verticale per la gestione del servizio di assistenza Sommario Overview... 2 Capabilities... 2 Il Processo... 3 Caricamento Anagrafiche... 4 Gestione Contratto... 7

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

Fattura elettronica. verso la. Pubblica Amministrazione

Fattura elettronica. verso la. Pubblica Amministrazione Fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione SCENARIO DI RIFERIMENTO Quadro Normativo Tempistiche Attori e mercato Zucchetti: ipotesi implementative QUADRO NORMATIVO Due nuovi decreti regolamentano

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Protocollazione della corrispondenza. 18 Novembre 2014 Matteo Arosio Dedagroup ICT Network

Protocollazione della corrispondenza. 18 Novembre 2014 Matteo Arosio Dedagroup ICT Network Protocollazione della corrispondenza 18 Novembre 2014 Matteo Arosio Dedagroup ICT Network 2 Agenda Il progetto per l implementazione del sistema di protocollo e gestone documentale presso Commerfin Il

Dettagli

Manuale Operativo OPEN DESK. Scrivania Virtuale COD. PRODOTTO D.9.3

Manuale Operativo OPEN DESK. Scrivania Virtuale COD. PRODOTTO D.9.3 Manuale Operativo OPEN DESK Scrivania Virtuale COD. PRODOTTO D.9.3 Indice Prodotto... 3 Contesto... 3 Caratteristiche Funzionali... 3 Parametrizzazione... 4 Profilazione... 4 Descrizione Funzionalità...

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICA A TION FRAMEWORK APPLICA I N F I N I T Y Z U C C H E T T I INFINITY APPLICATION FRAMEWORK Infinity Application Framework Una nuova e diversa interpretazione delle soluzioni applicative aziendali Infinity Application Framework

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Servizio di IT Asset Inventory e Management

Servizio di IT Asset Inventory e Management Servizio di IT Asset Inventory e Management Dexit S.r.l. Sede legale: via G. Gilli, 2-38121 Trento (TN) Tel. 0461/020500 Fax 0461/020599 Cap.Soc. Euro 700.000,00 - Codice Fiscale, P.IVA, Registro Imprese

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE Pur perdurando il momento di profondo riordino dell assetto organizzativo e delle attività dell

Dettagli

RRF Reply Reporting Framework

RRF Reply Reporting Framework RRF Reply Reporting Framework Introduzione L incremento dei servizi erogati nel campo delle telecomunicazioni implica la necessità di effettuare analisi short-term e long-term finalizzate a tenere sotto

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 1 di 38 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo GESTIONE PROGETTO FORMATIVO Pag. 2 di 38 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili trasformazioni L organigramma nelle scuole I meccanismi

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 21 novembre 2014, n. 2427 Piano Operativo Sistema Informativo per il monitoraggio della spesa del Servizio Sanitario Regionale. Approvazione. L Assessore al Welfare,

Dettagli

Politica per la Sicurezza

Politica per la Sicurezza Codice CODIN-ISO27001-POL-01-B Tipo Politica Progetto Certificazione ISO 27001 Cliente CODIN S.p.A. Autore Direttore Tecnico Data 14 ottobre 2014 Revisione Resp. SGSI Approvazione Direttore Generale Stato

Dettagli

Equitalia spa Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia delle entrate, 49% Inps), incaricata dell attività di riscossione nazionale dei tributi. Il suo fine è di contribuire

Dettagli