INDICE 1 REQUISITI GENERALI RIFERIMENTI PARTICOLARI TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 4

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 3 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 4"

Transcript

1 REGOLAMENTO PARTICOLARE CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL CORRUGATE FORMABILI CSST IN ACCIAIO INDICE 1 REQUISITI GENERALI RIFERIMENTI PARTICOLARI TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI REQUISITI DEI COMPONENTI E DEL SISTEMA DI TUBAZIONI GENERALITÀ PROVE TIPO (TT) PROVE DI RILASCIO DEL LOTTO (BRT) PROVE DI VERIFICA DEL PROCESSO (PVT) NUOVI COMPONENTI E MODIFICHE AI COMPONENTI O AL SISTEMA DI TUBAZIONI MATERIALI, CARATTERISTICHE E REQUISITI DEI COMPONENTI TUBI FORMABILI CSST RACCORDI ELEMENTI DI TENUTA ISOLANTE TERMICO PELLICOLA PROTETTIVA CAVO TRASMISSIONE DATI SUPPORTI DI FISSAGGIO CARATTERISTICHE E REQUISITI DEL SISTEMA TENUTA RESISTENZA ALLA PRESSIONE INTERNA RESISTENZA ALLA PIEGATURA RESISTENZA ALLO SCHIACCIAMENTO RESISTENZA ALL IMPATTO RESISTENZA ALLO SFILAMENTO RESISTENZA CHIMICA Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 1/18

2 7 MARCATURA ED ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MARCATURA DEI TUBI CSST MARCATURA DEI RACCORDI ISTRUZIONI ED AVVERTENZE DI MONTAGGIO VERSIONE DATA COMMENTI 00 Prima emissione Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 2/18

3 SOMMARIO La presente specifica tecnica definisce i requisiti dei materiali, dei componenti e dei sistemi di tubazioni a base di tubi corrugati formabili CSST (Corrugated Stainless Steel Tubing) in acciaio inossidabile per l utilizzo in impianti solari termici. 1 REQUISITI GENERALI I sistemi di tubazioni devono comprendere almeno i seguenti componenti: tubi CSST; raccordi con i relativi elementi di tenuta; isolante termico. I tubi CSST possono essere forniti già isolati, sotto forma di tubazione singola oppure abbinata (doppia) con o senza pellicola protettiva esterna e con o senza cavo di trasmissione dati. Nel caso le tubazioni non siano pre-isolate il fabbricante deve fornire un idoneo isolante termico da montare in sito a cura dell installatore. Nel caso il sistema di tubazioni sia anche idoneo per il trasporto di acqua destinata a consumo umano devono essere rispettati anche i requisiti della specifica tecnica SP33 relativi alla conformità al Decreto 6 aprile 2004, n. 174 del Ministero della Salute. 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI Decreto 6 aprile 2004, n. 174 Ministero della Salute - Regolamento concernente i materiali e gli oggetti che possono essere utilizzati negli impianti fissi di captazione, trattamento, adduzione e distribuzione delle acque destinate al consumo umano UNI EN Prodotti piani di acciai per recipienti a pressione - Parte 7: Acciai inossidabili UNI EN Acciai inossidabili - Parte 3: Condizioni tecniche di fornitura dei semilavorati, barre, vergella, filo, profilati e prodotti trasformati a freddo di acciaio resistente alla corrosione per impieghi generali UNI EN Prodotti metallici - Tipi di documenti di controllo UNI EN Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul filetto - Parte 1: Filettature esterne coniche e interne parallele - Dimensioni, tolleranze e designazione UNI EN Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul filetto - Parte 2: Filettature esterne coniche e interne coniche - Dimensioni, tolleranze e designazione UNI EN Rame e leghe di rame - Barre per torneria UNI EN Rame e leghe di rame - Prodotti per stampaggio lavorati e grezzi Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 3/18

4 UNI EN Classificazione al fuoco dei prodotti e degli elementi da costruzione - Parte 1: Classificazione in base ai risultati delle prove di reazione al fuoco UNI EN ISO Filettature di tubazioni per accoppiamento non a tenuta sul filetto - Dimensioni, tolleranze e designazione UNI EN ISO 8497 Isolamento termico - Determinazione delle proprietà di trasmissione termica in regime stazionario degli isolanti termici per tubazioni circolari UNI EN ISO 9001 : 2008 Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI BRT (Prove di rilascio del lotto - Batch Release Testing): prove effettuate dal fabbricante su un lotto di prodotto che devono essere completate soddisfacentemente prima che il lotto sia commercializzato. CSST (Corrugated Stainless Steel Tubing): tubazioni corrugate in acciaio inossidabile DN (dimensione nominale): designazione numerica per le dimensioni di un componente, diverso da un componente identificato dalla dimensione della filettatura, che è un numero convenientemente arrotondato, approssimativamente uguale alla dimensione costruttiva, in millimetri [mm]. PN (pressione nominale): interna ammissibile in bar di una tubazione per il trasporto di un fluido alla temperatura di 20 C. PVT (Prove di verifica del processo - Process Verification Testing): prove effettuate dal fabbricante a intervalli specificati per confermare che il processo produttivo continua ad essere in grado di produrre prodotti conformi alla specifica tecnica di riferimento. TT (Prove di tipo - Type Testing): prove eseguite per verificare che il prodotto soddisfi i requisiti specificati nella specifica tecnica di riferimento. : coefficiente diffusione del vapore acqueo. : conducibilità termica in W/m K. 4 REQUISITI DEI COMPONENTI E DEL SISTEMA DI TUBAZIONI 4.1 GENERALITÀ Il sistema di gestione aziendale del fabbricante deve essere certificato come conforme ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001 : 2008 da una parte terza accreditata. Nello scopo della certificazione deve essere specificata la produzione / fabbricazione di sistemi di tubazioni. I materiali, le caratteristiche ed requisiti dei componenti del sistema di tubazioni (tubi formabili CSST, raccordi, elementi di tenuta, isolante termico, pellicola protettiva, cavo trasmissione dati e supporti di fissaggio) sono specificati nel capito 5. Le caratteristiche e requisiti per il sistema di tubazioni sono specificati nel capitolo 6. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 4/18

5 Ai fini della verifica della conformità alla presente specifica tecnica le tubazioni devono essere provate in base ai materiali dei tubi CSST (vedere paragrafo 5.1) e dei raccordi (vedere paragrafo 5.2), ai gruppi dimensionali specificati nel prospetto 4.1 ed in base alla famiglia di raccorderia in funzione della tipologia degli elementi di tenuta utilizzati specificati nel prospetto 4.2. La verifica deve essere effettuata provando, come applicabile, per ogni materiale del tubo CSST ogni gruppo dimensionale del prospetto 4.1 e ogni famiglia di raccorderia del prospetto 4.2 utilizzabili. Prospetto 4.1 Gruppo dimensionale Dimensioni nominali Dimensione nominale preferenziale da sottoporre a prova G1 DN 12, DN 15 DN 12 G2 DN 20, DN 25, DN 32 DN 25 G3 DN 40, DN 50 DN 50 Prospetto 4.2 Famiglia di raccorderia Tipologia degli elementi di tenuta F1 tenuta metallo su metallo F2 tenuta mediante guarnizione piana F3 tenuta mediante O-ring F4 (*) tenuta mediante altre tipologie di guarnizioni (*) (*): una famiglia per ogni tipologia di guarnizione differente. Le provette da sottoporre a prova per la verifica della conformità devono essere costituite, come specificato nei metodi di analisi, da provette di tipo 1 (vedere figura 4.1) o di tipo 2 (vedere figura 4.2) costituite da tubi CSST e relativa raccorderia. Tutte le prove devono essere effettuate senza l eventuale isolamento termico esterno. Figura 4.1 A: raccordo di estremità Figura 4.2 Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 5/18

6 A: raccordo di estremità B: raccordo di unione La verifica della conformità dei sistemi di tubazioni alla presente specifica tecnica deve essere effettuata mediante: prove di tipo (TT); controllo della produzione da parte del fabbricante: - prove di rilascio del lotto (BRT), - prove di verifica del processo (PVT). Il fabbricante deve essere dotato di un laboratorio interno attrezzato con tutti gli strumenti di misura e tutte le apparecchiature di prova per effettuare le verifiche di cui al prospetto 4.3 con l esclusione delle prove di resistenza chimica che possono essere effettuate presso laboratori esterni. Le misurazioni e le prove devono essere effettuate utilizzando strumenti di misura ed apparecchiature di prove tarate a fronte di campioni primari con riferibilità al sistema internazionale di misura. Tutte le prove effettuate devono essere registrate su supporto cartaceo o informatizzato e tali registrazioni devono essere mantenute a cura del fabbricante per almeno dieci anni. 4.2 PROVE TIPO (TT) Le prove di tipo (TT: Type Testing) da eseguire per verificare inizialmente che il prodotto soddisfi i requisiti specificati nella presente specifica tecnica sono elencate nel prospetto 4.3 (per i gruppi dimensionali vedere il prospetto 4.1 e per le famiglie di raccordi vedere il prospetto 4.2). Prospetto 4.3 Prova Paragrafo Campionamento Aspetto e dimensioni 5.1 Tubi CSST: 1 / materiale / DN 5.2 Raccordi: 1 / materiale / DN / figura (*) Resistenza alla pressione interna / materiale / DN / famiglia Resistenza alla piegatura / materiale / DN Resistenza allo schiacciamento / materiale / DN / famiglia Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 6/18

7 Resistenza all impatto / materiale / DN / famiglia Resistenza allo sfilamento / materiale / DN / famiglia Resistenza chimica in ipoclorito di sodio / materiale / gruppo Resistenza chimica in acido cloridrico / materiale / gruppo Resistenza chimica in nebbia salina / materiale / gruppo (*): per figura si intende il tipo di raccordo (ad esempio: dado, nipplo maschio/femmina, nipplo maschio/maschio, nipplo femmina/femmina, tee, collettore a due vie, collettore a tre vie, raccordo di transizione, etc.) 4.3 PROVE DI RILASCIO DEL LOTTO (BRT) Per potere rilasciare un lotto di produzione devono essere state effettuate con esito conforme le prove specificate nel prospetto 4.4. Prospetto 4.4 Prova Paragrafo Frequenza minima annua Aspetto e dimensioni Tubi CSST: 3 / lotto Raccordi: 3 / lotto Elementi di tenuta: 3 / lotto Isolante termico: 3 / lotto Pellicola protettiva: 3 / lotto Cavo trasmissione dati Supporti di fissaggio Tenuta 6.1 Tubi CSST: 100% Resistenza alla pressione interna / metri di tubo CSST Resistenza alla piegatura / metri di tubo CSST Le verifiche di aspetto e dimensioni devono essere effettuate sui componenti tubi CSST, raccordi, elementi di tenuta ed isolante termico al termine delle loro produzione (se prodotti internamente) o al loro ricevimento (se prodotti esternamente). La prova di tenuta deve essere effettuata in fase di produzione sul 100% dei tubi prodotti. Le prove di resistenza alla pressione interna e di resistenza alla piegatura devono essere effettuate su di una provetta. Nel caso una prova dia esito non conforme devono essere provate ulteriori due provette con componenti dello stesso lotto di produzione; perché la prova possa considerarsi avere esito conforme entrambe le prove sulle due ulteriori provette devono dare esito conforme. In caso di non conformità rilevata su una delle prove BRT il lotto di produzione non può essere rilasciato ed il processo produttivo deve essere esaminato per eliminare le cause della non conformità Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 7/18

8 4.4 PROVE DI VERIFICA DEL PROCESSO (PVT) La continua conformità del processo produttivo deve essere verificata mediante l effettuazione delle prove specificate nel prospetto 4.5 (per i gruppi dimensionali vedere il prospetto 4.1 e per le famiglie di raccordi vedere il prospetto 4.2). Prospetto 4.5 Prova Paragrafo Frequenza minima Resistenza alla pressione interna / materiale / DN / famiglia Resistenza allo schiacciamento / anno / gruppo / famiglia Resistenza all impatto / anno / gruppo / famiglia Resistenza allo sfilamento / anno / gruppo / famiglia Resistenza chimica in ipoclorito di sodio / anno / gruppo Resistenza chimica in acido cloridrico / anno / gruppo Resistenza chimica in nebbia salina / anno / gruppo Le prove devono essere effettuate su di una provetta prelevando i componenti dal magazzino del prodotto finito. Nel caso una prova dia esito non conforme devono essere provati ulteriori due provette con componenti dello stesso lotto di produzione; perché la prova possa considerarsi avere esito conforme entrambe le prove sulle due ulteriori provette devono dare esito conforme. In caso di non conformità il processo produttivo deve essere esaminato per eliminare le cause della non conformità. 4.5 NUOVI COMPONENTI E MODIFICHE AI COMPONENTI O AL SISTEMA DI TUBAZIONI In caso di nuovi componenti del sistema di tubazioni (ad esempio tubi CSST di geometria differente, nuove figure di raccordi, nuove famiglie di raccorderia, etc.) e di modifiche significative ai componenti o al sistema di tubazioni devono essere effettuate o ripetute le prove di tipo applicabili elencate nel prospetto 4.3 (per i gruppi dimensionali vedere il prospetto 4.1 e per le famiglie di raccordi vedere il prospetto 4.2). Per modifiche significative si intendono: modifiche ai materiali dei componenti; modifiche alla geometria o alle dimensioni dei tubi CSST; modifiche ai sistemi di giunzione / tenuta della raccorderia. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 8/18

9 5 MATERIALI, CARATTERISTICHE E REQUISITI DEI COMPONENTI 5.1 TUBI FORMABILI CSST I tubi corrugati formabili CSST devono essere prodotti utilizzando uno dei seguenti tipi di acciaio inossidabile austenitico conforme alla norma UNI EN (la corrispondenza con la classificazione AISI è da intendersi come indicativa): X5CrNi18-10 (AISI 304); X2CrNi19-11 (AISI 304L); X5CrNiMo (AISI 316); X2CrNiMo (AISI 316L); X6CrNiTi18-10 (AISI 321); X6CrNiMoTi (AISI 316Ti). Per ogni lotto di fornitura, il fabbricante deve effettuare le analisi per verificare la composizione chimica delle strisce di acciaio utilizzate per la produzione dei tubi CSST o richiedere al fornitore un documento di controllo tipo 3.1 o superiore in conformità alla norma UNI EN Tali documenti devono essere conservati dal fabbricante per almeno dieci anni. Prospetto 5.1 Dimensione nominale DN Spessore minimo [mm] Le dimensioni nominali dei tubi CSST devono essere selezionate dal prospetto 5.1 dove è anche specificato lo spessore minimo. Tutte le dimensioni dei tubi CSST devono essere conformi ai disegni tecnici del fabbricante. DN 12 0,3 DN 15 0,3 DN 20 0,3 DN 25 0,3 DN 32 0,35 DN 40 0,35 DN 50 0,35 La verifica del diametro interno minimo deve essere effettuata utilizzando una sfera di diametro pari a (98 +0/-0,5)% della dimensione nominale DN in mm del tubo CSST facendola scorrere da un estremità all altra di uno spezzone di tubo CSST lungo almeno 500 mm. I tubi CSST non devono presentare difetti (ad esempio ammaccature o graffi superficiali) tali da compromettere la loro conformità ai requisiti della presente specifica tecnica. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 9/18

10 Le estremità dei tubi CSST devono essere tagliate perpendicolarmente al loro asse e, nel caso di tubi CSST con corrugazioni perpendicolari all asse del tubo il taglio deve essere effettuato al centro di due corrugazioni successive. Il fabbricante deve determinare le perdite di carico per ogni dimensione nominale DN (vedere anche il paragrafo 7.4). 5.2 RACCORDI I raccordi devono essere prodotti utilizzando o acciaio inossidabile conforme alla norma UNI EN oppure una lega di rame (ottone o bronzo) conforme alla norma UNI EN od alla norma UNI EN Per ogni lotto di fornitura, il fabbricante deve effettuare le analisi per verificare la composizione chimica delle barre di acciaio, di ottone o di bronzo utilizzate per la produzione dei raccordi o richiedere al fornitore un documento di controllo tipo 2.1 o superiore in conformità alla norma UNI EN Tali documenti devono essere conservati dal fabbricante per almeno dieci anni. La superficie dei raccordi in ottone o in bronzo può essere nichelata. Tutte le dimensioni dei raccordi devono essere conformi ai disegni tecnici del fabbricante. Il diametro interno minimo deve essere pari ad almeno il 98% della dimensione nominale DN in mm del tubo a cui il raccordo è destinato. La verifica del diametro interno minimo deve essere effettuata utilizzando una sfera di diametro pari a (98 +0/-0,5)% della dimensione nominale DN in mm del tubo CSST facendola scorrere da un estremità all altra del raccordo. Le filettature dei raccordi per il collegamento del sistema di tubazioni ad altri sistemi / apparecchiature devono essere conformi alla norma UNI EN ISO o alla norma UNI EN o alla norma UNI EN Possono essere adottati altri tipi di filettature solo se espressamente richieste dai clienti per sistemi / apparecchiature specifiche. I raccordi non devono presentare difetti (ad esempio graffi superficiali) tali da compromettere la loro conformità ai requisiti della presente specifica tecnica. 5.3 ELEMENTI DI TENUTA Gli eventuali elementi di tenuta destinati a venire a diretto contatto con il fluido termovettore trasportato dal sistema di tubazioni devono essere prodotti utilizzando materiali che siano chimicamente resistenti a miscele di acqua e glicoli e che conservino le proprie caratteristiche almeno fino a 200 C (ad esempio: fluoro-elastomeri FPM/FKM, fibre sintetiche, grafite, etc.) ISOLANTE TERMICO Il materiale utilizzato per il rivestimento dei tubi CSST deve essere un materiale termicamente isolante (ad esempio EPDM o NBR espansi) con le seguenti caratteristiche (vedere il paragrafo 7.4 per la loro dichiarazione): spessore del rivestimento isolante di almeno 13 mm; conducibilità termica a 40 C non superiore a 0,044 W/m K (metodo di analisi: UNI EN ISO 8497); coefficiente di diffusione del vapore acqueo non inferiore a 3000; resistenza alla temperatura in esercizio continuo compresa almeno tra -20 C e 150 C; Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 10/18

11 classe di reazione al fuoco E o migliore in conformità alla norma UNI EN Il materiale isolante può essere già posizionato sui tubi CSST oppure tale operazione può essere effettuata in sito dall installatore. Nel caso di tubazioni fornite già abbinate i due tubolari devono essere separabili senza rischio di danneggiare l isolante termico e l eventuale pellicola protettiva esterna. 5.5 PELLICOLA PROTETTIVA Se il materiale isolante termico è esternamente rivestito con un film protettivo in materiale plastico questo deve essere resistente ai raggi UV (nel caso di materiale poliolefinico questo può essere ottenuto mediante additivazione di nero-fumo) ed avere almeno le seguenti caratteristiche: resistenza a trazione longitudinale e trasversale: 20 N / 10 mm; allungamento percentuale a rottura longitudinale e trasversale: 1000%. 5.6 CAVO TRASMISSIONE DATI Il cavo di trasmissione dati, costituito da uno o più parti, deve essere avere almeno quattro poli ognuno di sezione non inferiore a 1 mm 2. Il cavo di trasmissione dati non può essere posizionato a diretto contatto con il tubo CSST. 5.7 SUPPORTI DI FISSAGGIO I supporti per lo staffaggio o ancoraggio delle tubazioni alle strutture dell edificio devono essere prodotti in materiale metallico resistente alla corrosione e tali da non causare il deterioramento del rivestimento esterno dei tubi CSST. 6 CARATTERISTICHE E REQUISITI DEL SISTEMA 6.1 TENUTA Quando mantenuto immerso in acqua per almeno 2 minuti e pressurizzato con aria a 2 bar 10%, il tubo CSST (in fase di produzione) o la provetta (al termine delle prove di cui ai paragrafi da 6.2 a 6.7) deve essere a tenuta ossia non deve essere osservata la formazione di bolle d aria (se l apparecchiatura di prova è dotata misuratore di perdite è ammessa una perdita non superiore a 10 cm 3 /h). 6.2 RESISTENZA ALLA PRESSIONE INTERNA Una provetta di tipo 1 immersa in acqua deve essere gradualmente pressurizzata con acqua fino alla pressione interna di almeno 30 bar. La pressione idrostatica deve essere mantenuta senza perdite e/o rotture per almeno 5 minuti e quindi scaricata. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 11/18

12 Dopo la prova di pressione deve essere verificata la tenuta della provetta come descritto nel paragrafo RESISTENZA ALLA PIEGATURA Una provetta di tipo 1 deve essere sottoposta a prova di resistenza alla piegatura come mostrato in figura 6.1. Figura 6.1 A: ingresso della pressione B: raccordo di estremità C: linea di saldatura del tubo CSST r: raggio del mandrino di cirvatura R: raggio di curvatura del tubo CSST Un estremità della provetta deve essere fissata all apparecchiatura di prova e l altra estremità deve essere portata nella posizione iniziale in modo che il tubo CSST sia a completo contatto per 90 con un mandrino di raggio r tale che il raggio di curvatura R del tubo CSST, misurato sul suo asse, abbia i valori indicati nel prospetto 6.1. Prospetto 6.1 Dimensione nominale DN Raggio di curvatura R del tubo CSST [mm] DN DN DN Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 12/18

13 DN DN DN DN L eventuale saldatura longitudinale del tubo CSST deve essere posizionata come mostrato in figura 6.1 e durante la prova la provetta deve essere pressurizzata con aria ad una pressione non inferiore a 0,5 bar. La provetta deve essere sottoposta a dieci cicli di piegatura di 180 con una frequenza compresa tra 5 e 15 cicli al minuto, il primo ciclo partendo dalla posizione alla posizione passando per la posizione, il secondo ciclo partendo dalla posizione alla posizione passando per la posizione, etc. Dopo i cicli di piegatura deve essere verificata la tenuta della provetta come descritto nel paragrafo RESISTENZA ALLO SCHIACCIAMENTO Una provetta di tipo 1 deve essere posizionata su un supporto rigido e quindi compressa applicando progressivamente, prima nella configurazione 1 (vedere figura 6.2) e poi nella configurazione 2 per entrambe le estremità (vedere figura 6.3), una forza di almeno 4000 N mediante un piatto rigido quadrato di lato pari a 150 mm e spigoli arrotondati con raggio di curvatura di 3 mm. L eventuale saldatura longitudinale del tubo CSST deve essere posizionata come mostrato nella figura 6.2 e la forza di compressione deve essere mantenuta per almeno 5 minuti e quindi scaricata. Figura 6.2 : configurazione 1 di prova : configurazione 2 di prova A: piatto di compressione B: saldatura del tubo CSST C: supporto rigido Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 13/18

14 Dopo le compressioni: il diametro interno minimo del tubo CSST e dei raccordi non deve essersi ridotto a meno dell 85% della dimensione nominale DN in mm. La verifica del diametro interno minimo deve essere effettuata utilizzando una sfera di diametro pari a (85 +0/-0,5)% della dimensione nominale DN in mm del tubo CSST facendola scorrere da un estremità all altra della provetta. deve essere verificata la tenuta della provetta come descritto nel paragrafo RESISTENZA ALL IMPATTO Una provetta di tipo 2 deve essere fissata alle estremità senza che sia sostenuta nella sua parte centrale e quindi sottoposta a prova di impatto mediante caduta di un percussore avente massa di ( ) g (vedere i dettagli in figura 6.3) prima nella configurazione 1 e poi nella configurazione 2 per entrambe le estremità (vedere figura 6.4). Nella configurazione 1 il raccordo centrale deve essere colpito dal percussore rilasciato da un altezza di (600 10) mm. Figura 6.3 Nella configurazione 2 entrambi i raccordi di estremità devono essere colpiti dal percussore rilasciato da un altezza di (300 10) mm. Dopo gli impatti deve essere verificata la tenuta della provetta come descritto nel paragrafo 6.1. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 14/18

15 Figura 6.4 : configurazione 1 di prova : configurazione 2 di prova A: percussore (vedere figura 6.4 per i dettagli) B: tubo guida del maglio 6.6 RESISTENZA ALLO SFILAMENTO Ad una provetta tipo 1 o di tipo 2 come applicabile alla tipologia di raccordi utilizzati deve essere gradualmente applicata una forza assiale di trazione F non inferiore a quanto indicato nel prospetto 6.2. La forza di trazione F deve essere mantenuta per almeno 10 minuti e quindi scaricata. Dopo la trazione deve essere verificata la tenuta della provetta come descritto nel paragrafo 6.1. Prospetto 6.2 Dimensione nominale DN Forza di trazione F [N] DN DN DN DN DN DN DN Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 15/18

16 6.7 RESISTENZA CHIMICA Prospetto 6.3 Una provetta di tipo 2 per ogni soluzione di prova deve essere conformata come mostrato in figura 6.5 con un raggio di curvatura R misurato sull asse centrale del tubo pari a quello specificato nel prospetto 6.3 ed immersa nelle soluzioni e con le modalità specificate nel prospetto 6.4. Raggio di curvatura Dimensione R del tubo CSST nominale DN [mm] DN DN DN DN DN DN DN Figura 6.5 R: raggio di curvatura del tubo CSST Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 16/18

17 Prospetto 6.4 Soluzione Ipoclorito di sodio al 9% vol. Acido cloridrico al 4% vol. Nebbia salina: (5 0,5)% in massa di cloruro di sodio in acqua distillata Modalità di prova Immersione a (20 1) C per 48 ore dell assemblaggio in 150 mm di soluzione (vedere figura 6.5) Immersione a (20 1) C per 48 ore dell assemblaggio in 150 mm di soluzione (vedere figura 6.5) Mantenimento dell assemblaggio nell apparecchiatura a (35 1) C per (96 1) ore regolando l intensità degli spruzzatori in modo che per ogni 80 cm 2 di superficie orizzontale siano raccolti (2 1) ml/h di soluzione Al termine del periodo di prova la provetta deve essere sciacquata con acqua de-ionizzata e la sua superficie deve essere ispezionata visivamente: non devono esserci segni di corrosione o rotture del tubo CSST o dei raccordi tali da compromettere un utilizzo sicuro del prodotto. Di seguito deve essere verificata la tenuta della provetta come descritto nel paragrafo MARCATURA ED ISTRUZIONI DI MONTAGGIO 7.1 MARCATURA DEI TUBI CSST Sui tubi CSST devono essere direttamente riportate almeno le seguenti informazioni: identificazione del fabbricante e/o nome commerciale; materiale del tubo CSST (ad esempio e/o AISI 304); dimensione nominale DN (ad esempio DN 20); pressione nominale PN (ad esempio PN 15); codice di rintracciabilità mediante il quale il fabbricante riesca a risalire al periodo di produzione, alla linea di produzione ed al lotto di materia prima utilizzata. 7.2 MARCATURA DEI RACCORDI Sui raccordi devono essere direttamente riportate almeno le seguenti informazioni: identificazione del fabbricante e/o nome commerciale; dimensione nominale DN del tubo CSST a cui il raccordo è destinato (ad esempio DN 20); codice di rintracciabilità mediante il quale il fabbricante riesca a risalire al periodo di produzione, alla linea di produzione ed al lotto di materia prima utilizzata. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 17/18

18 7.3 ISTRUZIONI ED AVVERTENZE DI MONTAGGIO Le tubazioni devono essere accompagnate (ad esempio mediante stampa sulla confezione o su un foglio all interno dell imballaggio) da almeno dalle seguenti informazioni: temperature di utilizzo in continuo; massima pressione di esercizio in continuo; spessore dell isolante termico; conducibilità termica a 40 C in W/m K dell isolante termico; coefficiente diffusione vapore acqueo dell isolante termico; classe di reazione al fuoco dell isolante termico; istruzioni ed avvertenze per il sicuro e corretto utilizzo del sistema di tubazioni; istruzioni per la separazione (per tubazioni abbinate), il taglio ed il fissaggio delle tubazioni. Il fabbricante deve dichiarare le perdite di carico per ogni dimensione nominale DN dei tubi CSST. Tali informazioni devono essere riportate sulla documentazione di accompagnamento della tubazione oppure in altro materiale tecnico / informativo cartaceo o informatizzato (ad esempio manuali tecnici, cataloghi, listini, sito internet, etc.) a disposizione degli installatori. La raccorderia deve essere accompagnata da almeno dalle seguenti informazioni: identificazione del fabbricante e/o nome commerciale; codice del raccordo; dimensione nominale DN (ad esempio DN 20); codifica della/e filettatura/e del raccordo (ad esempio ISO 228 G 3/4); coppia/e di serraggio in N m; campo di applicazione (ad esempio solare ); istruzioni per l assemblaggio ed il collegamento dei raccordi. Tali informazioni devono essere disponibili per ogni singola confezione destinata agli installatori ad esempio mediante stampa sulla confezione o su un foglio all interno della confezione. Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla rete e sul sito aziendale. 18/18

revisione data verifica approvazione Pagina 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14

revisione data verifica approvazione Pagina 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO TUBAZIONI CORRUGATE FORMABILI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO 0 07/10/2009 LTM CSI del 07/10/09 1 di 14 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ACQUA PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 9 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353

DEL MARCHIO BV SU TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO DOMESTICO E SIMILARE A NORMA UNI 11353 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS PER USO DOMESTICO E 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI

Dettagli

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA I & F BUREAU VERITAS ITALIA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BV SU GIUNTI ELASTICI IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS ED ACQUA REGOLAMENTO PARTICOLARE REGOLE PARTICOLARI PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO D USO DEL MARCHIO BUREAU

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10

revisione data verifica approvazione Pagina 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 2 di 10 PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER LA IN ACCIAIO INOSSIDABILE PER GAS 0 24/06/2011 LTM CSI del 07/07/2011 1 di 10 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI, DEFINIZIONI,

Dettagli

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua

Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 1 di 8 Specifiche tecniche Fornitura Tubazioni Gas Acqua Pag 2 di 8 OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente capitolato disciplina la fornitura di tubazioni in acciaio per la costruzione delle reti ed allacci

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione

INDICE. VERSIONE DATA COMMENTI 00 04/12/2013 Prima emissione PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 REGOLAMENTO PARTICOLARE LICENZA D USO DEL MARCHIO BV PER TUBI FOGNATURA E SCARICHI INTERRATI NON IN PRESSIONE A NORMA UNI : 2006 AD ACCRESCIUTA RESISTENZA AGLI ACIDI INDICE

Dettagli

Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007

Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007 Facile Economico Veloce pipegas Tubi Per Il Gas In Acciaio Inox Con rivestimento ondulato con standard europeo EN15266:2007 Conforme con EN 15266:2007 TUBI FLESSIBILI PER IMPIANTI DOMESTICI A GAS NATURALE

Dettagli

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge

Sicurezza al 300% con EMIFLEX. 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge Sicurezza al 300% con EMIFLEX 100% informati 100% qualità per il vostro lavoro 100% a norma di legge CHIARIMENTI TECNICI NORMATIVE GAS EMIFLEX è l azienda leader in Italia nella progettazione e produzione

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

K-FLEX SISTEMI SOLARI

K-FLEX SISTEMI SOLARI K-FLEX SISTEMI SOLARI IL SISTEMA COMPLETO PER IMPIANTI SANITARI A PANNELLI SOLARI FACILE E VELOCE DA INSTALLARE RESISTENTE AI RAGGI UV SPECIFICO PER SOLARE TERMICO L'ISOLANTE K-FLEX OFFRE UN AMPIA GAMMA

Dettagli

Tubi di Polietilene per Drenaggio

Tubi di Polietilene per Drenaggio CENTRALTUBI Tubi di Polietilene per Drenaggio - Drenaggio opere civili; - Drenaggio opere sportive; - Raccolta percolato; - Captazione biogas; - Reti di controllo. Listino n. 8/C - Giugno 2006 CENTRALTUBI

Dettagli

INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 2 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 3 4 MATERIALE... 4 5 TUBI...

INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 2 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 3 4 MATERIALE... 4 5 TUBI... REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE BV DI TUBI E RACCORDI IN PER LA DISTRIBUZIONE DELL'ACQUA IN INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 2 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 3 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI...

Dettagli

GIUNTO EASY-LOCK. Giunto stampato in polietilene alta densità PE100 con sistema d innesto a bicchiere :

GIUNTO EASY-LOCK. Giunto stampato in polietilene alta densità PE100 con sistema d innesto a bicchiere : Raccordi Easy-Lock Easy-Lock Fittings Sistemi completi in PE100 per reti tecnologiche Acqua e Gas SCHEDA TECNICA PRODOTTO TECHNICAL SHEET Rev. 1/00 del 01/06/2009 Pag. 1/1 Code Descrizione / Gruppo 003

Dettagli

Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni. RG Gomma S.r.l.

Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni. RG Gomma S.r.l. Assicurare la qualità nel lavoro Per sicurezza e prestazioni RG Gomma S.r.l. INDICE ORIGINE ------------------------------------------------- VALORI TECNICI -------------------------------------------

Dettagli

INDICE 1 REQUISITI GENERALI RIFERIMENTI PARTICOLARI TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 3

INDICE 1 REQUISITI GENERALI RIFERIMENTI PARTICOLARI TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 3 REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE DI ALLACCIAMENTO DI APPARECCHI A GAS PER USO INDICE 1 REQUISITI GENERALI... 2 2 RIFERIMENTI PARTICOLARI... 2 3 TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI ED ABBREVIAZIONI... 3

Dettagli

1/2 12 500 12 20,59 1/2 12 750 12 21,77 1/2 12 1000 12 23,44 1/2 12 1250 12 25,34 1/2 12 1500 12 26,93 1/2 12 2000 12 30,33 1/2 12 500 12 21,61

1/2 12 500 12 20,59 1/2 12 750 12 21,77 1/2 12 1000 12 23,44 1/2 12 1250 12 25,34 1/2 12 1500 12 26,93 1/2 12 2000 12 30,33 1/2 12 500 12 21,61 1 2 UNIRING Raccordi flessibili costruiti a norma UNI EN 14800. Tubo di sicurezza in metallo per uso con apparecchi domestici a gas naturale di tipo 2 dn.12, adatto per utilizzo in aree soggette a regolamentazione

Dettagli

Estratto della. Norma UNI TS 11278

Estratto della. Norma UNI TS 11278 Estratto della Norma UNI TS 11278 Estratto della NORMA UNI TS 11278 Maggio 2008 Camini/canali da fumo/condotti/canne fumarie metallici. Scelta e corretto utilizzo in funzione del tipo di applicazione e

Dettagli

BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1)

BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1) BULLONERIA ADATTA A PRECARICO (EN 14399-1) Descrizione e composizione delle norme EN 14399 sul serraggio controllato UNI EN 14399 parti da 1 a 10 Bulloneria strutturale ad alta resistenza a serraggio controllato

Dettagli

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE

IN GAS. Rubinetto a sfera per gas da incasso. Rubinetto a sfera per gas IN GAS: esempi di applicazione VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE IN GAS IN GAS Rubinetto a sfera per gas da incasso VALVOLA A SFERA CESTELLO DI ISPEZIONE DADI DI FISSAGGIO SEDI LATERALI CODOLI PER SALDATURA O-RINGS GUARNIZIONI METALLICHE ROSONE DI COPERTURA LEVA VITI

Dettagli

TUBIFLEX spa Strada Torino, 25 10043 Orbassano (TO) ITALY. Descrizione: Caratteristiche:

TUBIFLEX spa Strada Torino, 25 10043 Orbassano (TO) ITALY. Descrizione: Caratteristiche: Descrizione: Manichette flessibili di sicurezza con tubo in acciaio inossidabile conformi alla norma europea EN 14800 per il collegamento di apparecchi domestici che utilizzano combustibili gassosi. Caratteristiche:

Dettagli

PRESSFAR 1. DESCRIZIONE 2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155

PRESSFAR 1. DESCRIZIONE 2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE. Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155 ST.09.01.00 PRESSFAR Certificati N DW - 8511BS0157 DW - 8511BS0155 1. DESCRIZIONE I raccordi a pressare Pressfar per tubi multistrato sono utilizzabili per impianti di riscaldamento, raffrescamento ed

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO IDRICO FOGNANTE Il dimensionamento dei diametri delle tubazioni costituenti la rete è determinato tenendo conto del coefficiente di contemporaneità, dei diametri minimi delle

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 PER GAS COMBUSTIBILI SCHEDA TECNICA Requisiti fisico-meccanici I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per il trasporto di gas combustibili sono prodotti

Dettagli

Sicuro che i tubi che installi. siano 100% a norma? Con Emiteg Si! sei tutelato al 100%

Sicuro che i tubi che installi. siano 100% a norma? Con Emiteg Si! sei tutelato al 100% Interamente prodotto in Italia Sicuro che i tubi che installi siano 100% a norma? Con Emiteg Si! sei tutelato al 100% Leader in Gas, Water and Solar EMIFLEX è l azienda leader in Italia nella progettazione

Dettagli

Istruzioni per il montaggio

Istruzioni per il montaggio Istruzioni per il montaggio Indicazioni importanti sulle Istruzioni per il montaggio VOSS Per ottenere dai prodotti VOSS un rendimento ottimale e la massima sicurezza di funzionamento, è importante rispettare

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Acciaio 2 Acciaio Controlli Tre forme di controllo sono obbligatorie : IN STABILIMENTO DI PRODUZIONE.. da eseguirsi sui lotti di produzione NEI CENTRI DI TRASFORMAZIONE

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN MISURAZIONE DELLE PROPRIETA TECNOLOGICHE I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN Le proprietà tecnologiche dei materiali indagano la loro risposta alla lavorabilità ovvero forniscono indicazioni sulla risposta dei materiali

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita

Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita IN GAS DOPPIO IN GAS DOPPIO Rubinetto a sfera per gas da incasso con doppia uscita VALVOLA A SFERA CW 617 N UNI EN 5-4 CESTELLO DI ISPEZIONE Plastica DADI DI FISSAGGIO CW 6 N UNI EN 4 SEDI LATERALI P.T.F.E.

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

COLLETTORI CON FLUSSIMETRI

COLLETTORI CON FLUSSIMETRI ST.04.03.00 COLLETTORI CON FLUSSIMETRI 3972 3970 Art. 3970 Collettore componibile di mandata in ottone cromato. - Flussimetri e regolatori di portata - Attacchi intercambiabili per tubo rame, plastica

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE

P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE ASSISTE I CLIENTI IN TUTTO IL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DEL PRODOTTO DA COSTRUZIONE. Marcatura CE dei prodotti da costruzione: piccoli manufatti in calcestruzzo Mandato

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

02 Componenti per impianti solari pag.

02 Componenti per impianti solari pag. 02 02 Componenti per impianti solari pag. Miscelatore termostatico - Valvola di zona deviatrice - Raccordo 3 Pezzi 8 Gruppo solare 9 Valvola sfogo aria - Valvola di sicurezza - Disaeratore 62 Raccorderia

Dettagli

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE TI-P102-01 CH Ed. 4 IT - 2006 Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE Descrizione Le valvole 37D sono dei regolatori di temperatura a pilota per l utilizzo su applicazioni di scambio termico

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO

IMPIANTO ANTINCENDIO IMPIANTO ANTINCENDIO La scuola sarà dotata di impianto idrico antincendio per la protezione interna ossia la protezione contro l incendio che si ottiene mediante idranti a muro, installati in modo da consentire

Dettagli

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale.

Viega Megapress. Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Viega Megapress Il sistema a pressare per tubi di acciaio a parete normale. Descrizione sistema Impiego previsto Il sistema Megapress è adatto all impiego per impianti di riscaldamento, raffreddamento

Dettagli

Mammuth - Pompe di rilancio

Mammuth - Pompe di rilancio Mammuth - Pompe di rilancio GRUPPO DI DISTRIBUZIONE PER IMPIANTI A ZONA I gruppi di distribuzione e gestione di utenza di impianti a zone MAMMUTH serie 80, sono stati appositamente studiati per poter

Dettagli

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION)

STANDARD E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DENOMINAZIONE IMPIANTO O LAVORO (PLANT OR PROJECT DESCRIPTION) 18/06/00 Golinelli Massarenti Anzalone Revisione 1 31/01/006 Golinelli Massarenti Revisione 0 14/10/005 Polverini Ghedini Massarenti EMISSIONE REV. DATA (DATE) REDATTO (DRWN.BY) FUNZIONE O SERVIZIO (DEPARTMENT)

Dettagli

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE

VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE VERIFICHE SUI GIUNTI DI SALDATURA DI GEOMEMBRANE IN HDPE PER L IMPERMEABILIZZAZIONE DEL SUOLO DI DISCARICHE CONTROLLATE (ai sensi della Norma UNI 10567) La C.S.A. srl svolge le funzioni di Ente di Controllo

Dettagli

Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore

Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore del 15 aprile 2003 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti,

Dettagli

MANUALE PRATICO DELL INSTALLATORE EDIZIONE 2014. IMPIANTI SOLARI TERMICI con i tubi corrugati formabili CSST in acciaio inossidabile

MANUALE PRATICO DELL INSTALLATORE EDIZIONE 2014. IMPIANTI SOLARI TERMICI con i tubi corrugati formabili CSST in acciaio inossidabile MNULE PRTICO DELL INSTLLTORE EDIZIONE 2014 IMPINTI SOLRI TERMICI con i tubi corrugati formabili CSST in acciaio inossidabile Nella preparazione del presente manuale è stata posta ogni cura per offrire

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Sistema di tubazioni preisolate flessibili

Sistema di tubazioni preisolate flessibili Sistema di tubazioni preisolate flessibili A Division of Watts Water Technologies Inc. Fornitura in rotoli da max 100 metri Disponibile fascicolo tecnico con istruzioni di posa Primo in flessibilità Componenti

Dettagli

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO

TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO TUBI MULTISTRATO IN PE-X/AL/PE-X PER DISTRIBUZIONE SANITARIA, IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E DI RAFFRESCAMENTO R999 R999I SOMMARIO R999 1. IMPIEGO 2. CARATTERISTICHE TECNICHE 2. DATI TECNICI 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

+5 * Resistenza collettori solari

+5 * Resistenza collettori solari COLLETTORE SOLARE SKY PRO ADVANCED Codice Descrizione 101010401 Collettore solare SKY PRO 10 ADVANCED 101010402 Collettore solare SKY PRO 12 ADVANCED 101010403 Collettore solare SKY PRO 14 ADVANCED 101010404

Dettagli

pannelli solari A CURA DELLO S.T.A. KLOBEN

pannelli solari A CURA DELLO S.T.A. KLOBEN PANNELLI SOLARI Codice 101080181 1 Pannello solare 101080182 2 Pannelli solari 101080183 5 Pannelli solari 101080184 9 Pannelli solari - CERTIFICATO EN 12975 - CERTIFICAZIONE SOLAR KEYMARK - 5 ANNI DI

Dettagli

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT

Tubazioni preisolate TECNOTHERM. La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Tubazioni preisolate TECNOTHERM La nuova realtà. Tubazioni preverniciate TECNOCOAT Il Gruppo Amenduni Tubi Acciaio è l unica azienda del settore delle tubazioni preisolate da teleriscaldamento a produrre

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Collettori Solari Helio Plan 2.2

Collettori Solari Helio Plan 2.2 Collettori Solari Helio Plan 2.2 Istruzioni d installazione, uso e manutenzione Figura 1 Helio Plan 2.2 IT 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 Destinatari 3 Avvertenze generali 3 Caratteristiche generali 3 INFORMAZIONI

Dettagli

INSUL-TUBE SOLAR NT La nanotecnologia nel solare

INSUL-TUBE SOLAR NT La nanotecnologia nel solare INSUL-TUBE SOLAR NT La nanotecnologia nel solare NMC Italia S.r.l. soggetta a direzione e coordinamento di NMC International Sàrl 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) - Via Volta, 27/29 Tel.: +39 02.955454.1

Dettagli

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche

Sistema Multistrato Fluxo Gas. Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni domestiche FOGNATURA SANITARIO VENTILAZIONE SCARICO IDROSANITARIO RADIANTE ADDUZIONE RECUPERO Sistema Multistrato Fluxo Gas Sistema multistrato in PEX/AL/PEX per distribuzione di gas gpl o metano nelle abitazioni

Dettagli

Serie T15. Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F. Campi di applicazione. Regolazione. www.brandoni.it

Serie T15. Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F. Campi di applicazione. Regolazione. www.brandoni.it Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F Campi di applicazione ACQUA RISCALDAMENTO ACQUA POTABILE INDUSTRIA 230 I riduttori di pressione filettati F/F serie T15 sono adatti alla riduzione

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

le principali norme previste per il teleriscaldamento

le principali norme previste per il teleriscaldamento le principali norme previste per il teleriscaldamento UNI 10390:1994 Impianti di riduzione finale della pressione del gas naturale funzionanti con pressione a monte massima compresa tra 5 e 12 bar. Progettazione,

Dettagli

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN Scheda tecnica e manuale di montaggio RETE DI SICUREZZA ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN 1263-2 1 CARATTERISTICHE TECNICHE MATERIALE: POLIPROPILENE, stabilizzato ai raggi UV. COLORE:

Dettagli

Fognatura LISTINO N.12

Fognatura LISTINO N.12 Fognatura LISTINO N.12 BLU SEWER GREEN: il tubo ad elevate prestazioni per condotte fognarie e scarichi interrati non in pressione CERTIFICATI Realizzare prodotti in grado di combinare prestazioni Le caratteristiche

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

La presente specifica ha lo scopo di illustrare le caratteristiche del sistema in PPR AQUASYSTEM della società Georg Fischer +GF+

La presente specifica ha lo scopo di illustrare le caratteristiche del sistema in PPR AQUASYSTEM della società Georg Fischer +GF+ +GF+ AQUASYSTEM La presente specifica ha lo scopo di illustrare le caratteristiche del sistema in PPR AQUASYSTEM della società Georg Fischer +GF+ Indice Caratteristiche del sistema pag. 1 Avvertenze e

Dettagli

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012

SAFERALPS. Prg n 6782-103 28-02-2012 SAFERALPS Prg n 6782-103 28-02-2012 Study of the characteristics of the "via ferrata Analysis of the installation and maintenance techniques Similarities and differences in the Alps P1-Universität Salzburg

Dettagli

Omniplast Sabiana. La gamma comprende 6 diametri (60-80-110-125-160-200 mm) Canne Fumarie in PPs

Omniplast Sabiana. La gamma comprende 6 diametri (60-80-110-125-160-200 mm) Canne Fumarie in PPs Omniplast Sabiana Canne Fumarie in PPs Il sistema Omniplast Sabiana è un sistema progettato e realizzato espressamente per l evacuazione dei prodotti della combustione a bassa temperatura provenienti da

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

Tubi di rame SANCO e WICU per idrotermosanitari

Tubi di rame SANCO e WICU per idrotermosanitari Tubi di rame SANCO e WICU per idrotermosanitari La Società Il Gruppo Wieland Il gruppo Wieland, con sede ad Ulm, è uno dei leader mondiali nella produzione di semilavorati e prodotti speciali in rame

Dettagli

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA

TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA TUBI DI POLIETILENE ALTA DENSITA PE 100 SCHEDA TECNICA Tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100 per fluidi in pressione I tubi Unidelta di polietilene alta densità PE 100, realizzati con materia

Dettagli

S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI

S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI Tubi per applicazioni meccaniche S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI 1 2 S.p.A. SOCIETA ITALIANA COMMERCIO ACCIAI E METALLI Sede Legale e Uffici: Via P. Rondoni,1 20146 Milano Tel. 0039

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N.

RAPPORTO DI PROVA N. PAGINA : 1 DI 7 Tipo di prodotto Scatola di derivazione Modello T65304HT / morsetto 66CSM035-M Descrizione T65304HT Scatola di derivazione in lega di alluminio pressofuso, 253X217X93,morsettiera di collegamento

Dettagli

Fondamenti di Impianti e Logistica

Fondamenti di Impianti e Logistica Fondamenti di Impianti e Logistica Prof. Ing. Riccardo Melloni Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Tubazioni: elementi 1 Programma del Corso Tubazioni Impianti idrici Impianti pneumatici Scambiatori

Dettagli

Ente Nazionale Italiano di Unificazione

Ente Nazionale Italiano di Unificazione Ente Nazionale Italiano di Unificazione Il 965'1 E Voi. li N di Meccanica e settori correlati 2002 ISTITUTO UNIVERSITARIO ARCHITETTURA ---VENEZIA--- AREA SERVIZI BIBLIOGRAFICI E OOCUMENTALI BIBLIOTECA

Dettagli

EuroPex. Sede Commerciale e Stabilimento Via Vicenza, 45 31050 Vedelago (TV) Tel. 0423.400621 Fax 0423.401177

EuroPex. Sede Commerciale e Stabilimento Via Vicenza, 45 31050 Vedelago (TV) Tel. 0423.400621 Fax 0423.401177 EuroPex Ed. 01-15/12/2008 STUDIOVERDE Sede Commerciale e Stabilimento Via Vicenza, 45 31050 Vedelago (TV) Tel. 0423.400621 Fax 0423.401177 Sede Legale Via Barison, 12 35010 Onara (PD) info@zetaesse.it

Dettagli

Soluzioni flessibili per l isolamento di impianti solari termici

Soluzioni flessibili per l isolamento di impianti solari termici KAIFLEX SOLAR EPDM Soluzioni flessibili per l isolamento di impianti solari termici n KAIFLEX SOLAR EPDM n KAIFLEX SOLAR EPDM-CO n KAIFLEX SOLAR EPDMplus 2in2 VA e CU n KAIFLEX SOLAR EPDM Accessori KAIFLEX

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse.

- attraverso la qualificazione del Servizio Tecnico Centrale, con la procedura indicata nelle NTC stesse. C11.3 ACCIAIO C11.3.1 PRESCRIZIONI COMUNI A TUTTE LE TIPOLOGIE DI ACCIAIO C11.3.1.1 Controlli Le NTC prevedono che il controllo sugli acciai da costruzione sia obbligatorio e si effettui, con modalità

Dettagli

tec Pratico, Sicuro, Rame! La nuova definizione del tubo di rame. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. Q-tec SANCO INSIDE

tec Pratico, Sicuro, Rame! La nuova definizione del tubo di rame. Member of the KME Group [I] KME Italy S.p.A. Q-tec SANCO INSIDE tec SANCO INSIDE Pratico, Sicuro, Rame! La nuova definizione del tubo di rame. KME Italy S.p.A. Q-tec [I] Member of the KME Group Non esiste nulla, nel settore delle tubazioni domestiche, che si possa

Dettagli

COMPONENTI PER IMPIANTI SOLARI TERMICI

COMPONENTI PER IMPIANTI SOLARI TERMICI OMPONENTI PER IMPINTI SOLRI TERMII 2. VLVOL DI SIUREZZ SOLRFR rt. 2006 Valvola di sicurezza cromata per impianti solari. - Misura entrata: 1/2" femmina - Misura uscita: 3/4" femmina - Temperatura massima:

Dettagli

PRIGIONIERI PER SALDATURA

PRIGIONIERI PER SALDATURA PRIGIONIERI PER SALDATURA A SCARICA DI CONDENSATORI, AD ARCO CORTO E AD ARCO SOLLEVATO Industrie Forum Design Hannover SOYER Bolzenschweißtechnik 1.4301, 1.4303 1.4401, 1.4404 1.451, 1.4571 Z30.3-6 SLV

Dettagli

con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP

con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP con giunzione elettrosaldabile Tubazioni composite PE-ACCIAIO per collettori di scarico interrati attraversamenti rilevati SYSTEM GROUP 01.2015 SGS é la tubazione composita PE + acciaio in grandi diametri

Dettagli

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168)

MATERIA: meccanica applicata. (ore annuali 168) CLASSE: MATERIA: meccanica applicata 2^F m (ore annuali 168) Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro Regole di civile convivenza e rispetto. Obblighi e doveri in ambito lavorativo. Abilità Saper assumere

Dettagli

Diametro nominale (mm)80 100 110 120 130 140 150 160 180 200 220 250 300 35

Diametro nominale (mm)80 100 110 120 130 140 150 160 180 200 220 250 300 35 Sistema scarico fumi M ONOPARETE STABILE PS in acciaio inox AISI 31 Designazione EN 1856-2T200 - P1 - W - V2 - L50050 - O50 / T200 - P1 - W - V2 - L50060 - O50 Designazione EN 1856-2T600 - N1 - D - V2

Dettagli

La nostra filosofia al vostro servizio

La nostra filosofia al vostro servizio CPC Inox: dal 1976 una leadership inossidabile La nostra filosofia al vostro servizio CPC Inox oggi è azienda leader nella lavorazione dell acciaio inossidabile su scala nazionale ed internazionale, con

Dettagli

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico

BQ Press GAS per impianti gas per uso domestico BQ Press GAS in accoppiamento a tubi di rame conformi alla norma UNI 1057 nei diametri da 12 a 54 mm può essere utilizzato per la realizzazione di impianti a gas per usi domestici, non superiori la portata

Dettagli

AEROLINE T U B E S Y S T E M S. Tecnica di montaggio rapido rapida - semplice - sicura B A U M A N N G M B H

AEROLINE T U B E S Y S T E M S. Tecnica di montaggio rapido rapida - semplice - sicura B A U M A N N G M B H AEROLINE T U B E S Y S T E M S B A U M A N N G M B H Tecnica di montaggio rapido rapida - semplice - sicura AEROLINE Per la Baumann GmbH di Ulm la via è la meta: in continuo sviluppo di prodotti con cui

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell

I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione ferroviaria, filotranviaria e nell Pali rastremati Pali rastremati per linee di contatto Pali rastremati per gambe portali I pali rastremati senza saldatura sono prodotti mediante trafilatura a caldo e trovano applicazione nella trazione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE

ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE Mod. Val. 6 Rev. 05 del 28/08/2015 1/4 RELAZIONE TECNICA PER ATTIVITA' CONNESSA ALL'APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2010/35/UE DI BOMBOLE QUADRO A Protocollo UOT n del Produzione su commessa: QUADRO B FABBRICANTE

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

listino prezzi 2014 Multistrato

listino prezzi 2014 Multistrato listino prezzi 2014 Multistrato Tubi Multistrato PE-Xc/Al/PE-Xc 2 I Raccordi a pinzare 3-4-5-6 N D I C Collettori e cassette 7 Attrezzatura 8-9 Caratteristiche e vantaggi 10-11 E Dati tecnici 12 TUBI

Dettagli