Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci"

Transcript

1 Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015

2 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa sezione due problemi logici sulle classi, ai quali rispondono due teoremi che sono alla base di una delle branche della logica matematica: la teoria degli insiemi. I presupposti di questi problemi sono: l uso della concezione classica delle proposizioni (concezione estensionale, bivalente, aspaziale e atemporale) e della concezione classica delle dimostrazioni e delle refutazioni, dei connettivi e dei quantificatori; la considerazione della relazione binaria di appartennza, con la quale si formano proposizioni della forma a appartiene a b (o anche a è elemento di b), rappresentata da a b in cui il primo argomento della relazione è quello che precede appartiene e il secondo è quello che segue appartiene ; la negazione di una proposizione a b è rappresentata da a / b ; la decisione di ritenere che ciò che può essere primo argomento della relazione di appartenenza è un oggetto (e le lettere minuscole x, y, z,... saranno usate come variabili per oggetti); la decisione di ritenere che ciò che può essere secondo argomento della relazione di appartenenza è una classe ( e le lettere maiuscole X, Y, Z,... saranno usate come variabili per classi); l accettazione del principio di estensionalità (due classi sono uguali quando hanno gli stessi elementi), ossia si assume che X = Y x(x X x Y ) l accettazione del principio di comprensione (ad ogni proprietà corrisponde una classe, la classe - unica, per il principio di estensionalità, degli oggetti che hanno quella proprietà), ossia si assume che P X x(x X P (x)). Questi presupposti sono largamente accettati nella pratica della ricerca matematica. A proposito della concezione classica delle proposizioni e dei connettivi, adotteremo in questo volume una concezione della negazione delle proposizioni che è ispirata dalla logica lineare. Preferiamo trattare la negazione di una proposizione, non tanto e non solo come l applicazione del connettivo negazione a quella proposizione, quanto come la proposizione che è il duale della proposizione data, la proposizione guardata dall altro punto di vista ; e in particolare vedere la dimostrazione di una proposizione come la refutazione della sua negazione, e la refutazione di una proposizione come la dimostrazione della sua negazione Tutte le classi sono insiemi? Risposta negativa. L avvio della teoria assiomatica degli insiemi Chiamiamo insiemi le classi che sono oggetti, ossia che possono appartenere a qualche classe; dunque la proprietà essere un insieme è una proprieà sulle classi; le classi che non sono insiemi sono chiamate spesso classi proprie. E confrontiamo il concetto di insieme e quello di classe. È innanzitutto evidente che sono vere le seguenti proposizioni 2

3 ogni insieme è una classe, e dunque il concetto di insieme è incluso nel concetto di classe; ci sono insiemi, ossia esistono classi che sono insiemi, esistono classi che possono appartenere come elementi a qualche classe, e dunque la proprietà di essere una classe non è vuota. La prima proposizione è vera per la definizione di insieme, e la verità della seconda proposizione è data dal fatto che altrimenti dovremmo rigettare tutta quella parte della matematica - e della conoscenza - nella quale con successo alcune classi sono considerate come oggetti e cioè come elementi di qualche classe. Viene naturale e legittimo, quando un concetto non vuoto è incluso in un altro, domandarsi se vale anche l inverso. In questo caso, nel rapporto tra insiemi e classi, è legittimo e naturale domandarsi se sia vero l inverso della prima proposizione, e dunque porsi il problema seguente. Problema 1. Tutte le classi sono insiemi? Credere che valga l inverso di un inclusione valida è spesso (come in questo caso) collegato ad un desiderio di semplificazione che può rivelarsi però inaccettabile. La risposta negativa al problema tutte le classi sono insiemi? è data dal teorema seguente, la cui dimostrazione piuttosto facile si basa sul fatto che trattiamo le classi usando i principi della logica classica e i principi di estensionalità e di comprensione: Teorema 1 (Teorema dell esistenza di classi che non sono insiemi; Antinomia di Russell). Ci sono classi che non sono insiemi Dimostrazione. Si consideri la proprietà di essere una classe che non appartiene a se stessa, dunque la proprietà espressa da x / x. Per il principio di comprensione esiste una classe che ha come elementi tutte le cose x per le quali vale x / x, e per il principio di estensionalità tale classe è unica: la chiamiamo a, e dunque per a vale x(x a x / x). Questa classe a non è un insieme: infatti, dall ipotesi che a sia un insieme si ricava una falsità (se a è un insieme e dunque una cosa, deve valere a a a / a che in logica classica è una proposizione falsa). È chiaro che questa risposta negativa al problema 1 comporta che anche la classe totale, la classe di tutti gli insiemi, non sia un insieme: infatti,è naturale pensare che le parti di una classe che è insieme devono essere insiemi, e la classe degli insiemi che non sono elementi di se stessi è una parte della classe totale. La teoria assiomatica degli insiemi può essere vista come la teoria nella quale ci si limita a considerare soltanto le classi per le quali si può assumere senza arrivare a una falsità l ipotesi che siano oggetti, ossia che possano appartenere a qualche classe; dunque solo quelle classi che non sono un controesempio al problema 1. È questa la via giusta da seguire dopo la scoperta del teorema 1? Potremo discutere su tale questione una volta che verrà presentata adeguatamente questa teoria Tutti gli insiemi infiniti sono equipotenti? Risposta negativa. L avvio della teoria dei cardinali transfiniti. Consideriamo: la suddivisione degli insiemi in insiemi finiti e insiemi infiniti, ossia la suddivisione degli insiemi sulla base di due interessanti proprietà delle quali ciascuna è negazione dell altra; la relazione di equipotenza tra insiemi (due insiemi X e Y si dicono equipotenti quando X ha tanti elementi quanti Y ). 3

4 Supponiamo inoltre:. di accettare l esistenza di insiemi finiti e di insiemi infiniti, di specificare la relazione intuitiva di equipotenza come segue: X è equipotente a Y se e soltanto se esiste una corrispondenza biunivoca (ossia, una funzione totale, iniettiva e suriettiva) da X a Y. Si noti che l esistenza di una funzione f totale e iniettiva da un insieme X a un insieme Y assicura che Y non può avere meno elementi di X poiché la funzione f deve mandare elementi diversi di X in elementi diversi di Y, mentre l esistenza di una funzione f totale e suriettiva da X a Y assicura che Y non ha più elementi di X poiché ogni elemento di Y è raggiunto da questa funzione f. La prima scoperta che si fa quando si considerano gli insiemi infiniti è proprio quella che - mentre l aggiunta di qualcosa ad un insieme finito X produce ancora un insieme finito che però non è più equipotente ad X - aggiungendo elementi, anche infiniti elementi, ad un insieme infinito X si ottiene ancora un insieme che è equipotente ad X; e questa scoperta porta a congetturare che fra gli insiemi infiniti non ci sia più modo di distinguere tra insiemi equipotenti ed insiemi non equipotenti. Possiamo quindi domandarci se questa congettura sia fondata, ossia a porre il problema seguente: Problema 2. Tutti gli insiemi infiniti sono equipotenti? Non è necessario - per la formulazione di questo problema - fornire una particolare definizione delle proprietà essere un insieme finito e essere un insieme infinito. È sufficiente avere una definizione di insieme finito e di insieme infinito, compatibile con tutto quanto abbiamo indicato nelle premesse. La risposta negativa al problema 2 costituisce uno dei primi grandi teoremi della logica matematica, e la sua dimostrazione può essere fatta sia mostrando due insiemi infiniti che non sono equipotenti (ad esempio, l insieme dei numeri reali compresi tra 0 e 1, e l insieme dei numeri naturali) oppure in una maniera veramente logica mostrando come trovare coppie di insiemi infiniti non equipotenti. Teorema 2 (Teorema dell esistenza di infinità non equipotenti; Cantor). Esistono insiemi infiniti che non sono equipotenti. Dimostrazione. Si mostra come, dato un qualunque insieme X, debba esistere anche un insieme Y tale che c è una funzione totale iniettiva da X a Y ma non c è alcuna funzione totale suriettiva da X a Y, ossia un insieme Y non equipotente ad X; e dunque se X è infinito allora anche Y lo è) (poiché c è una funzione totale iniettiva da X a Y ) e i due insiemi infiniti non sono equipotenti. Dato un insieme X, l insieme Y che deve esistere è l insieme di tutte le parti di X, denotato da (X). La funzione totale iniettiva da X a (X) è la funzione che ad ogni elemento x di X associa il suo singoletto x che è una parte di X e dunque un elemento di (X). Per stabilire che non esiste alcuna funzione totale iniettiva e suriettiva da X a (X) si mostra come - ogniqualvolta viene data una funzione totale ed iniettiva da X a (X) - essa non è suriettiva. Sia f una funzione totale ed iniettiva da X a (X). Si consideri l insieme a = [x x X x / f(x)] che è una parte di X e dunque un elemento di (X). f non è suriettiva poiché non c è alcun elemento z di X tale che f(z) = a: altrimenti, poiché vale z a z / f(z), varrebbe anche z a z / a che è una proposizione falsa. La risposta data dal teorema 2 ha aperto la strada allo studio dei livelli di infinità, ossia allo studio dei cardinali transfiniti, della aritmetica transfinita e di alcuni importanti problemi che essa produce in maniera naturale quando si considerano tipici insiemi matematici; fra essi spicca il seguente problema, noto come problema del continuo. 4

5 Problema 3. L infinità dei numeri reali costituisce la più piccola infinità dopo quella dell insieme dei numeri naturali? La risposta a questo problema è ancora ignota. Si sa soltanto quanto espresso dal teorema seguente. Teorema 3 (Indipendenza del problema del continuo dagli assiomi della teoria assiomatica degli insiemi di Zermelo-Fraenkel; Gödel e Cohen). Sia la risposta positiva che quella negativa al problema 3 sono compatibili (non sono in contraddizione) con gli assiomi della teoria assiomatica degli insiemi di Zermelo-Fraenkel. Dimostrazione. Disponibile nei manuali di teoria assiomatica degli insiemi. 0.2 Problemi logici basilari su macchine e programmi Esponiamo in questa sezione due problemi logici che riguardano il tema del calcolo meccanico, ossia sul concetto logico di macchina e sul concetto logico di programma, e che sono basilari perché connessi alla nascita e allo sviluppo di un altra branca della logica matematica: la teoria della calcolabilità, o teoria della recursione. I presupposti di questi problemi sono: la considerazione del concetto intuitivo di funzione da un insieme X ad un insieme Y (qualcosa che, applicata ad un elemento di X per il quale a funzione è definita, associa a tale oggetto un elemento di Y ) la rigorizzazione del concetto di funzione da un insieme X ad un insieme Y, fornita entro la teoria degli insiemi (un sottoinsieme del prodotto cartesiano di X e Y, in cui non ci sono coppie ordinate diverse con la prima componente uguale; idealmente il sottoinsieme del prodotto cartesiano di X e Y costituito dalle coppie ordinate formate da un elemento di X per il quale la funzione è definita e dall elemento di Y che la funzione associa a tale oggetto) la considerazione del concetto intuitivo di funzione calcolabile (una funzione che possiede una programma per essere calcolata, una funzione che può essere calcolata da una macchina), e dunque della propriet à di essere calcolabile che si può attribuire alle funzioni; la rigorizzazione del concetto di funzione calcolabile da numeri naturali a numeri naturali, e dunque della proprietà di essere calcolabile sulla classe delle funzioni da numeri naturali a numeri naturali, cos ì come è fornita in uno delle tre maniere equivalenti scoperte all inizio della teoria della calcolabilità (calcolabile da una Macchina di Turing, rappresentabile come un termine del λ - calcolo, funzione ricorsiva parziale); la tesi di Church, ossia la tesi che ogni funzione calcolabile da numeri naturali a numeri naturali sia anche calcolabile da una Macchina di Turing, che costituisce la tesi secondo cui il concetto intuitivo di funzione calcolabile da numeri naturali a numeri naturali può esser ovunque rimpiazzato da quello rigorizzato; la possibilità di codificare ciascuna funzione calcolabile g mediante un numero naturale g, una possibilità stabilita rigorosamente per le funzioni calcolabili da numeri a numeri quando si assume la tesi di Church ossia quando si assume la definizione rigorosa di funzione calcolabile; la considerazione del concetto intuitivo di problema risolvibile - ossia, di problema per il quale esiste un programma che lo risolve - e della rigorizzazione di tale concetto, ossia il concetto di problema risolvibile da una Macchina di Turing - ossia di problema per il qual esiste una Macchina di Turing che lo risolve; 5

6 la considerazione di due classi di programmi: i programmi deterministici, che possono essere eseguiti da una sola macchina o da un solo agente senza dover compiere alcuna scelta (e quindi programmi che non contengono istruzioni che dicono di svolgere atti diversi in una stessa situazione), i programmi non-deterministici, che richiedono di essere eseguiti da più agenti o da una sola macchina o da un solo agente che sia in grado di compiere scelte (perché contengono istruzioni che dicono di svolgere atti diversi in una stessa situazione) la considerazione che la tesi di Church si riferisce a Macchine di Turing deterministiche, ossia a Macchin di Turing che hanno un programma deterministico Tutte le funzioni sono calcolabili? Risposta negativa. L avvio della teoria della calcolabilità È evidente - anche senza alcuna rigorizzazione dei concetti di funzione e di funzione calcolabile - che esistono funzioni che sono calcolabili, ossia funzioni che hanno un programma di calcolo, funzioni che possono essere calcolate da una macchina. Viene quindi naturale porsi il problema seguente: Problema 4. Tutte le funzioni sono calcolabili? La risposta a questo problema potrebbe essere banalmente positiva, se si sottintende che ogni funzione sia data da una procedura di calcolo: ma è proprio questa concezione di funzione che viene superata - per ragioni connesse allo sviluppo della matematica - dalla rigorizzazione insiemistica del concetto di funzione. Cos`ì, dato il concetto insiemistico di funzione, non `è affatto evidente che ogni per ogni funzione debba esserci un programma che la calcola, una macchina che la calcola. Questo problema diviene quindi non banale quando si assume la nozione insiemistica di funzione e si assume la tesi di Church, ossia la definizione rigorosa di funzione calcolabile da numeri naturali a numeri naturali. La risposta negativa a questo problema è fornita dal seguente teorema che mostra come - partendo dalle funzioni calcolabili da numeri naturali a numeri naturali, e assumendo tutte ciò che abbiamo indicato come premessa a questa sezione - si possa definire una funzione da numeri naturali a numeri naturali che non è più calcolabile. Teorema 4 (Teorema dell esistenza di funzioni non calcolabili; Turing). Esistono funzioni che non sono calcolabili, e tali funzioni possono essere definite. Dimostrazione. Se ci si limita a dimostrare che esistono funzioni non calcolabili senza mostrane una non calcolabile, basta riflettere che l insieme delle funzioni da numeri naturali a numeri naturali ha una cardinalità infinita superiore a quella dei numeri naturali, mentre l insieme delle funzioni calcolabili ha una cardinalità pari a quella dei numeri naturali (poiché ogni programma può essere codificato da un numero naturale). Se si vuol anche mostrare un esempio di funzione non calcolabile, si può considerare la seguente funzione totale f da numeri naturali a numeri naturali, così definita: se g è una funzione calcolabile e g( g ) è definita, allora f( g ) = g( g ) + 1 altrimenti (ossia se m non è codice di una funzione calcolabile oppure se m = g per una funzione calcolabile g ma g( g ) non è definita), f(m) = 0 6

7 La funzione f non è calcolabile: se lo fosse, essa avrebbe un codice f, f( f ) sarebbe definita perché f è totale, e si avrebbe allora che f( f ) = f( f ) + 1, ossia una falsità. Questo teorema, che stabilisce i limiti della calcolabilità, è alla base concettuale e storica della teoria della calcolabilità (essa ha senso perchè ci sono funzioni non calcolabili) e dell informatica. In particolare, il teorema 4 stabilisce che non è calcolabile la funzione h che, data una funzione calcolabile g e un numero naturale m, assegna valore 1 se g(m) è definita (ossia se la macchina che calcola g partendo da m si fermerà raggiungendo il risultato) e valore 0 se g(m) non è definita (ossia se la macchina che calcola g partendo da m non si fermerà mai), cioé non è calcolabile la funzione che risolve il cosiddetto problema della fermata delle macchine di calcolo. Infatti, altrimenti sarebbe calcolabile anche la funzione f considerata nella dimostrazione del teorema 4 poichè la proprietà che g( g ) è definita sarebbe rimpiazzata da h( g ) = 1 e la proprietà g( g ) non è definita sarebbe rimpiazzata da h( g ) = P = N P? I problemi risolvibili in tempo polinomiale e in maniera non deterministica possono essere risolti anche in maniera deterministica e in tempo polinomiale? Un problema che è la riproposizione moderna di un antico problema logico, ed è ancora aperto. Si tratta di un problema intorno ai problemi risolvibili, e nasce dall attenzione a come si risolvono i problemi. Si ricordi che i programmi che possono essere eseguiti da una sola macchina, senza compiere scelte, sono quelli deterministici; i programmi non deterministici esigono per la loro esecuzione la presenza di più macchine. Innanzitutto, si cerca di mettere a confronto i problemi che possono essere risolti mediante programmi deterministici e i problemi che possono essere risolti mediante programmi non-deterministici. È evidente che ogni problema che è risolvibile con un programma deterministico può anche essere risolto con un programma non-deterministico (introducendo istruzioni superflue che contengono scelte!). E l inverso? Ossia, si può fare a meno del non-determinismo nella risoluzione dei problemi? Si tratta di una questione logica che - sia pure in termini diversi - è stata considerata anche in tempi antichi. Ebbene, assumendo la tesi di Church, questo antico problema logico riceve immediatamente una risposta positiva: tutti i problemi che sono risolvibili in maniera non-deterministica sono risolvibili - sotto la tesi di Church - da una Macchina di Turing la quale ha un programma deterministico, e dunque sono risolvibili in maniera deterministica. Ma il problema diventa non banale quando il confronto tra problemi risolvibili mediante programmi deterministici e problemi risolvibili mediante programmi non-deterministici viene fatto non entro la classe dei problemi risolvibili (cioè i problemi per i quali esiste un programma che li risolve) ma entro una classe più ristretta, quella dei programmi fattibili. Intuitivamente, un problema è fattibili quando esiste un programma che riesce a risolvere il problema in tempo ragionevole, in un numero non troppo grande di passi. Rigorosamente, i problemi fattibili sono quelli risolvibili in tempo polinomiale, ossia i problemi per i quali esiste un programma che li risolve in tempo polinomiale, un programmi cioé in cui il numero dei passi necessari per trovare l output dipende in modo polinomiale dall input del programma stesso (ad esempio, un programma che per trovare l output partendo da un input n hanno bisogno di al massimo m n passi per un certo intero m). Saranno pertanto considerati non fattibili i problemi risolvibili in tempo esponenziale, ossia i problemi per i quali esistono solo programmi in cui il numero di passi per trovare l output cresce in modo esponenziale in dipendenza dell input (ad esempio, i programmi che per trovare l output in dipendenza da un input n hanno bisogno di 2 n passi). 7

8 All interno della classe dei problemi fattibili, ossia dei problemi eseguibili in tempo polinomiale, si distinguono due classi: la classe P, ossia la classe dei problemi che si possono risolvere in maniera deterministica, oltre che in tempo polinomiale; si tratta di problemi che possono essere risolti da una sola macchina; la classe N P, ossia la classe dei problemi che si possono risolvere in maniera non-deterministica ma sempre in tempo polinomiale; in sostanza, si tratta di problemi che si risolvono richiedendo la presenza di più macchine. È facile ed immediato rendersi conto che P è inclusa entro NP : ciò che può essere risolto da una sola macchina può essere risolto da più macchine senza uscire dalla classe dei problemi risolvibili in tempo polinomiale. L inverso costituisce il problema seguente: Problema 5. La classe NP è inclusa nella classe P? Se la risposta a questo problema fosse positiva, si avrebbe che P = NP. Se la risposta a questo problema fosse negativa, si avrebbe che P NP. Quale delle due risposte è vera? Alla data di oggi non c è alcuna dimostrazione della risposta positiva, e nessuna dimostrazione della risposta negativa. Dunque, il problema è ancora aperto. La soluzione di questo problema darà un notevole contributo alla chiarificaziuone del rapporto tra determinismo e non-determinismo nella computazione, e intorno alla necessità o meno della presenza di più macchine nella computazione perché essa si svolga in tempo polinomiale, ossia perchè essa sia fattibile. 8

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

INFINITO & CARDINALITÀ

INFINITO & CARDINALITÀ SAPIENZA - UNIVERSITÀ DI ROMA TFA-A059 Didattica della Matematica II INFINITO & CARDINALITÀ A cura di: Andrei Catalioto Docente: Prof. Paolo Piccinni ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Il Paradosso del Hotel Infinito

Dettagli

Le parole dell informatica: modello di calcolo, complessità e trattabilità

Le parole dell informatica: modello di calcolo, complessità e trattabilità Le parole dell informatica: modello di calcolo, complessità e trattabilità Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Ciclo di seminari su un Vocabolario

Dettagli

Fondamenti di Informatica II

Fondamenti di Informatica II Fondamenti di Informatica II Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Introduzione, A.A. 2009/2010 1/8

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ

G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ G. Pareschi GENERALITÀ SULLE FUNZIONI. CARDINALITÀ 1. Definizione di funzione Definizione 1.1. Siano X e Y due insiemi. Una funzione f da X a Y è un sottoinsieme del prodotto cartesiano: f X Y, tale che

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá

Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) Algebre di Boole. 1. Definizione e proprietá Appunti di LOGICA MATEMATICA (a.a.2009-2010; A.Ursini) [# Aii [10 pagine]] Algebre di Boole Un algebra di Boole è una struttura 1. Definizione e proprietá B =< B,,, ν, 0, 1 > in cui B è un insieme non

Dettagli

Fondamenti dei linguaggi di programmazione

Fondamenti dei linguaggi di programmazione Fondamenti dei linguaggi di programmazione Aniello Murano Università degli Studi di Napoli Federico II 1 Riassunto delle lezioni precedenti Prima Lezione: Introduzione e motivazioni del corso; Sintassi

Dettagli

Considero 2x e sostituisco elemento del dominio con x, 2(-3)=6, oppure e il doppio?

Considero 2x e sostituisco elemento del dominio con x, 2(-3)=6, oppure e il doppio? Avvertenza: Le domande e a volte le risposte, sono tratte dal corpo del messaggio delle mails in cui non si ha a disposizione un editor matematico e quindi presentano una simbologia non corretta, ma comprensibile

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 Scopo: Stimare l onere computazionale per risolvere problemi di ottimizzazione e di altra natura

Dettagli

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni

Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alcune nozioni preliminari di teoria elementare di insiemi e funzioni Alberto Pinto Corso di Matematica - NUCT 1 Insiemi 1.1 Generalità Diamo la definizione di insieme secondo Georg Cantor, matematico

Dettagli

La macchina universale

La macchina universale La macchina universale Una immediata conseguenza della dimostrazione è la seguente Corollario il linguaggio L H = {M (w) M rappresenta una macchina di Turing che si ferma con input w} sull alfabeto {0,1}*

Dettagli

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE

APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE pag. 131 Appendice: Nozioni base e varie G. Gerla APPENDICE NOZIONI BASE E VARIE 1. Funzioni e relazioni di equivalenza Questi appunti sono rivolti a persone che abbiano già una conoscenza elementare della

Dettagli

I Insiemi e funzioni

I Insiemi e funzioni I Insiemi e funzioni 1. INSIEMI ED OPERAZIONI SU DI ESSI 1.1. Insiemi Dal punto di vista intuitivo, il concetto di insieme può essere fatto corrispondere all atto mentale mediante il quale associamo alcuni

Dettagli

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008. Parte 1: NOZIONI DI BASE

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008. Parte 1: NOZIONI DI BASE Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2007 2008 Parte 1: NOZIONI DI BASE 1 Indice 1 Nozioni introduttive 3 1.1 Insiemi..................................... 3 1.2 Operazioni tra insiemi.............................

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) ALGEBRA \ INSIEMISTICA \ TEORIA DEGLI INSIEMI (1) Un insieme è una collezione di oggetti. Il concetto di insieme è un concetto primitivo. Deve esistere un criterio chiaro, preciso, non ambiguo, inequivocabile,

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1

APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 APPUNTI DEL CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 Gino Tironi Stesura provvisoria del 24 settembre, 2007. ii Indice 1 Insiemi e logica 1 1.1 Preliminari......................................... 1 1.2 Cenni di

Dettagli

Corso di Calcolo Numerico

Corso di Calcolo Numerico Corso di Calcolo Numerico Dott.ssa M.C. De Bonis Università degli Studi della Basilicata, Potenza Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Sistemi di Numerazione Sistema decimale La

Dettagli

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009

Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009 Dispense del corso di ALGEBRA 1 a.a. 2008 2009 2 Indice I INSIEMI E NUMERI 5 1 Insiemi e applicazioni 7 1.1 Insiemi..................................... 7 1.2 Operazioni tra insiemi.............................

Dettagli

1. PRIME PROPRIETÀ 2

1. PRIME PROPRIETÀ 2 RELAZIONI 1. Prime proprietà Il significato comune del concetto di relazione è facilmente intuibile: due elementi sono in relazione se c è un legame tra loro descritto da una certa proprietà; ad esempio,

Dettagli

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Liceo Scientifico Statale P. Paleocapa, Rovigo XX Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica 19 marzo 2010 Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Prof.

Dettagli

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2)

Algebra e Geometria. Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Algebra e Geometria Ingegneria Meccanica e dei Materiali Sez (2) Ingegneria dell Automazione Industriale Sez (2) Traccia delle lezioni che saranno svolte nell anno accademico 2012/13 I seguenti appunti

Dettagli

Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá

Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá 1 Differenti nozioni di calcolabilitá (che seguono da differenti modelli di calcolo) portano a definire la stessa classe di funzioni. Le tecniche di simulazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi

Appendice A. Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Appendice A Il sistema assiomatico di Zermelo per la teoria degli insiemi Ernest Zermelo (1871-1953) rilevò che la presenza delle antinomie poteva essere collegata ad un insufficiente definizione del concetto

Dettagli

Insiemi e funzioni. Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. Università degli Studi di Bari

Insiemi e funzioni. Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. Università degli Studi di Bari Insiemi e funzioni Lorenzo Pisani Facoltà di Scienze Mm.Ff.Nn. Università degli Studi di Bari ottobre 2007 Indice 1 Insiemi 3 1.1 Inclusione............................... 5 1.2 Famiglie di insiemi..........................

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Sistema binario e logica C è un legame tra i numeri binari (0,1) e la logica, ossia la disciplina che si occupa del ragionamento

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali LOGICA E TEORIA DEGLI INSIEMI

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali LOGICA E TEORIA DEGLI INSIEMI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali LOGICA E TEORIA DEGLI INSIEMI Prof. Marco Degiovanni Anno Accademico 2015/2016 Indice 1 La teoria degli insiemi

Dettagli

1 Insiemi e terminologia

1 Insiemi e terminologia 1 Insiemi e terminologia Assumeremo come intuitiva la nozione di insieme e ne utilizzeremo il linguaggio come strumento per studiare collezioni di oggetti. Gli Insiemi sono generalmente indicati con le

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Napoli Federico II. Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Anno Accademico 2009/2010 Appunti di Calcolabilità e Complessità Lezione 9: Introduzione alle logiche

Dettagli

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia

G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia G. Pareschi RELAZIONI. RELAZIONI DI EQUIVALENZA. 1. Definizione e terminologia Definizione 1.1 Relazione. Dati due insiemi A e B un sottoisieme R A B è detto una relazione binaria tra A e B. Se A = B allora

Dettagli

Insiemi con un operazione

Insiemi con un operazione Capitolo 3 Insiemi con un operazione 3.1 Gruppoidi, semigruppi, monoidi Definizione 309 Un operazione binaria su un insieme G è una funzione: f : G G G Quindi, un operazione binaria f su un insieme G è

Dettagli

Relazioni insiemistiche

Relazioni insiemistiche G.Gorni 1993/94 Relazioni insiemistiche 1. Coppie ordinate. Se è vero che un insieme è un elenco di elementi, si può pensare di usarlo come strumento di registrazione. Si parte da. Se la prima informazione

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti

LOGICA DEI PREDICATI. Introduzione. Predicati e termini individuali. Termini individuali semplici e composti Introduzione LOGICA DEI PREDICATI Corso di Intelligenza Artificiale A.A. 2009/2010 Prof. Ing. Fabio Roli La logica dei predicati, o logica del primo ordine (LPO) considera schemi proposizionali composti

Dettagli

Introduzione al concetto di algoritmo

Introduzione al concetto di algoritmo Dario Palladino 1 Introduzione al concetto di algoritmo Con il recente enorme sviluppo delle discipline informatiche e l uso sempre più diffuso dei calcolatori, il concetto di algoritmo ha assunto un ruolo

Dettagli

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà :

RELAZIONI BINARIE. Proprietà delle relazioni Data una relazione R, definita in un insieme non vuoto U, si hanno le seguenti proprietà : RELAZIONI INARIE Dati due insiemi non vuoti, A detto dominio e detto codominio, eventualmente coincidenti, si chiama relazione binaria (o corrispondenza) di A in, e si indica con f : A, (oppure R ) una

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA I

Corso di Laurea in Matematica. Dispense del corso di ALGEBRA I Corso di Laurea in Matematica Dispense del corso di ALGEBRA I a.a. 2012 2013 2 Cos è l anima?. Al negativo è facile da definire: per l appunto ciò che si affretta a rintanarsi quando sente parlare di serie

Dettagli

Lezione 1. Gli Insiemi. La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme:

Lezione 1. Gli Insiemi. La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme: Lezione 1 Gli Insiemi La nozione di insieme viene spesso utilizzata nella vita di tutti i giorni; si parla dell insieme: degli iscritti ad un corso di laurea delle stelle in cielo dei punti di un piano

Dettagli

STRUTTURE ALGEBRICHE

STRUTTURE ALGEBRICHE STRUTTURE ALGEBRICHE Operazioni in un insieme Sia A un insieme non vuoto; una funzione f : A A A si dice operazione binaria (o semplicemente operazione), oppure legge di composizione interna. Per definizione

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. 1) Dimostrare che l insieme. non è ricorsivo. Soluzione: Definiamo l insieme

ESERCIZI SVOLTI. 1) Dimostrare che l insieme. non è ricorsivo. Soluzione: Definiamo l insieme ESERCIZI SVOLTI 1) Dimostrare che l insieme Allora notiamo che π non è vuoto perché la funzione ovunque divergente appartiene all insieme avendo per dominio l insieme. Inoltre π non coincide con l insieme

Dettagli

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive

2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive 2 Progetto e realizzazione di funzioni ricorsive Il procedimento costruttivo dato dal teorema di ricorsione suggerisce due fatti importanti. Una buona definizione ricorsiva deve essere tale da garantire

Dettagli

Tipologie di macchine di Turing

Tipologie di macchine di Turing Tipologie di macchine di Turing - Macchina di Turing standard - Macchina di Turing con un nastro illimitato in una sola direzione - Macchina di Turing multinastro - Macchina di Turing non deterministica

Dettagli

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey

Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey Due dimostrazioni alternative nella teoria di Ramsey 28 Marzo 2007 Introduzione Teoria di Ramsey: sezione della matematica a metà tra la combinatoria e la teoria degli insiemi. La questione tipica è quella

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Parte 6. Applicazioni lineari

Parte 6. Applicazioni lineari Parte 6 Applicazioni lineari A Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Applicazioni fra insiemi, 2 Applicazioni lineari tra spazi vettoriali, 2 3 Applicazioni lineari da R n a R

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

L interesse nella macchina di Turing

L interesse nella macchina di Turing Aniello Murano Macchina di Turing universale e problema della fermata 6 Lezione n. Parole chiave: Universal Turing machine Corso di Laurea: Informatica Codice: Email Docente: murano@ na.infn.it A.A. 2008-2009

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA. Prof. Angelo Bozza

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA. Prof. Angelo Bozza LICEO SCIENTIFICO STATALE A. GRAMSCI - IVREA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE 1^F - S.A. PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA Prof. Angelo Bozza FINALITA SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA E DIDATTICI Le finalità

Dettagli

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI

Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI Capitolo I STRUTTURE ALGEBRICHE ELEMENTARI In matematica, per semplificare la stesura di un testo, si fa ricorso ad un linguaggio specifico. In questo capitolo vengono fornite in maniera sintetica le nozioni

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy

Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Tecniche avanzate di sintesi di algoritmi: Programmazione dinamica Algoritmi greedy Dr Maria Federico Programmazione dinamica Solitamente usata per risolvere problemi di ottimizzazione il problema ammette

Dettagli

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio

Lezioni di Geometria e Algebra. Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio Lezioni di Geometria e Algebra Fulvio Bisi, Francesco Bonsante, Sonia Brivio CAPITOLO 0 Preliminari.. Insiemistica e logica Il presente Capitolo introduttivo ha lo scopo di ripassare alcuni argomenti

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Il principio di induzione e i numeri naturali.

Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione e i numeri naturali. Il principio di induzione è un potente strumento di dimostrazione, al quale si ricorre ogni volta che si debba dimostrare una proprietà in un numero infinito

Dettagli

Se ad ogni elemento di A la relazione R associa un solo elemento di B, allora essa prende il nome di applicazione (funzione) di A in B.

Se ad ogni elemento di A la relazione R associa un solo elemento di B, allora essa prende il nome di applicazione (funzione) di A in B. 6. APPLICAZIONI o FUNZIONI Dati due insiemi A e B, sia R A B una relazione di A in B. Fissato un elemento x A può capitare che ad esso la relazione R associ un solo elemento di B, o che ne associ più di

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

Modellazione delle preferenze

Modellazione delle preferenze Modellazione delle preferenze Roberto Cordone 1 1 Sono debitore delle dispense di B. Simeone e F. Patrone Sistemazione assiomatica Dato un insieme non vuoto di impatti F, esprimere una preferenza fra due

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T3 1-Sottoprogrammi 1 Prerequisiti Tecnica top-down Programmazione elementare 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è utilizzare la metodologia di progettazione top-down

Dettagli

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi

x u v(p(x, fx) q(u, v)), e poi 0.1. Skolemizzazione. Ogni enunciato F (o insieme di enunciati Γ) è equisoddisfacibile ad un enunciato universale (o insieme di enunciati universali) in un linguaggio estensione del linguaggio di F (di

Dettagli

Programma precorso di matematica

Programma precorso di matematica Programma precorso di matematica a.a. 015/16 Quello che segue è il programma dettagliato del precorso. Si fa riferimento al testo [MPB] E. Acerbi, G. Buttazzo: Matematica Preuniversitaria di Base, Pitagora

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Funzioni. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Funzioni Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

1.1. Spazi metrici completi

1.1. Spazi metrici completi SPAZI METRICI: COMPLETEZZA E COMPATTEZZA Note informali dalle lezioni 1.1. Spazi metrici completi La nozione di convergenza di successioni è centrale nello studio degli spazi metrici. In particolare è

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella CAPITOLO 1 Introduzione Per poter seguire un corso universitario di matematica, uno studente,

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

Appunti di Complementi di Matematica. Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio)

Appunti di Complementi di Matematica. Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio) Appunti di Complementi di Matematica Jacobo Pejsachowicz (a cura di Nathan Quadrio) 1 Indice 1 Cenni della teoria degli insiemi 4 1.1 Classi ed insiemi........................... 4 1.2 Operazioni fra gli

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Capitolo 9 Esponenziali e logaritmi... Capitolo 0 Funzioni circolari 0. Descrizione di fenomeni periodici Tra le funzioni elementari ne esistono due atte a descrivere fenomeni che si ripetono periodicamente

Dettagli

Corso di Matematica per la Chimica

Corso di Matematica per la Chimica Dott.ssa Maria Carmela De Bonis a.a. 203-4 I sistemi lineari Generalità sui sistemi lineari Molti problemi dell ingegneria, della fisica, della chimica, dell informatica e dell economia, si modellizzano

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Complessità computazionale degli algoritmi

Complessità computazionale degli algoritmi Complessità computazionale degli algoritmi Lezione n. 3.bis I precursori dei calcolatore Calcolatore di Rodi o di Andikithira 65 a.c. Blaise Pascale pascalina XVII secolo Gottfried Leibniz Joseph Jacquard

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali

1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali 1 Applicazioni Lineari tra Spazi Vettoriali Definizione 1 (Applicazioni lineari) Si chiama applicazione lineare una applicazione tra uno spazio vettoriale ed uno spazio vettoriale sul campo tale che "!$%!

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Fondamenti dell Informatica: Linguaggi Formali, Calcolabilità e Complessità

Fondamenti dell Informatica: Linguaggi Formali, Calcolabilità e Complessità Dispense per il corso di Dicembre 2001 Giugno 2014 Fondamenti dell Informatica: Linguaggi Formali, Calcolabilità e Complessità Agostino Dovier Dipartimento di Matematica ed Informatica Università degli

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Problemi computazionali

Problemi computazionali Problemi computazionali Intrattabilità e classi computazionali Decidibilità e Trattabilità Problemi decidibili possono richiedere tempi di risoluzione elevati: Torri di Hanoi Decidibilità e Trattabilità

Dettagli

Prodotto libero di gruppi

Prodotto libero di gruppi Prodotto libero di gruppi 24 aprile 2014 Siano (A 1, +) e (A 2, +) gruppi abeliani. Sul prodotto cartesiano A 1 A 2 definiamo l operazione (x 1, y 1 ) + (x 2, y 2 ) := (x 1 + x 2, y 1 + y 2 ). Provvisto

Dettagli

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari

Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Versione ottobre novembre 2008 Lezioni di Algebra Lineare III. Applicazioni lineari e matrici Struttura algebrica delle soluzioni dei sistemi lineari Contenuto 1. Applicazioni lineari 2. L insieme delle

Dettagli

Programma di Matematica

Programma di Matematica Programma di Matematica Modulo 1. Topologia in R 2. Funzioni in R 3. Limite e continuità di una funzione Unità didattiche Struttura algebrica di R Insiemi reali limitati e illimitati Intorno di un punto

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Varianti Macchine di Turing

Varianti Macchine di Turing Varianti Macchine di Turing Esistono definizioni alternative di macchina di Turing. Chiamate Varianti. Tra queste vedremo: MdT a più nastri e MdT non deterministiche. Mostriamo: tutte le varianti ragionevoli

Dettagli

Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1

Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1 Indecidibilità, indefinibilità e incompletezza. 1 Possiamo ora trattare unitariamente alcuni dei principali risultati negativi della logica: il teorema di Church sull'indecidibilità della logica, il teorema

Dettagli

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006

Matematica Discreta. Gianfranco Niesi. Appunti per il corso di. C.S. in Informatica. Dipartimento di Matematica A.A. 2005-2006 Appunti per il corso di Matematica Discreta C.S. in Informatica UNIVERSITÀ DI GENOVA A.A. 2005-2006 Gianfranco Niesi Dipartimento di Matematica URL: http://www.dima.unige.it/ niesi 4 ottobre 2005 2 Indice

Dettagli

Corrispondenze e relazioni - Complementi

Corrispondenze e relazioni - Complementi PRODOTTO CARTESIANO Nell elencare gli elementi di un insieme, l ordine non ha alcuna importanza; ma ci sono situazioni in cui l ordine con cui si indicano gli elementi è fondamentale. La partita Milan

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli