Guida dell'utente. Modulo opzionale grande e software per l'unidrive. Codice prodotto: Versione numero: 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida dell'utente. Modulo opzionale grande e software per l'unidrive. Codice prodotto: 0460-0067 Versione numero: 2"

Transcript

1 Guida dell'utente Modulo opzionale grande e software per l'unidrive Codice prodotto: Versione numero: 2

2 Informazioni sulla sicurezza Le persone addette alla supervisione e all'installazione o alla manutenzione dell'impianto elettrico di un convertitore e/o di un'unità opzionale esterna devono possedere una qualifica professionale e una competenza specifiche. A tal fine, il personale incaricato di tali operazioni deve essere messo nelle condizioni di potere studiare attentamente questa Guida dell'utente prima di iniziare il ciclo di lavoro e, se necessario, di discuterne con i propri responsabili. Le tensioni presenti nell'azionamento e nelle unità opzionali esterne possono provocare gravi scosse elettriche ed essere mortali. La funzione di Stop dell'azionamento non interrompe le tensioni pericolose dai terminali dell'azionamento e dell'unità opzionale. Interrompere l'alimentazione di rete prima di procedere a qualsiasi intervento di servizio. Seguire le istruzioni di installazione. Per eventuali domande o dubbi, rivolgersi al fornitore dell'apparecchiatura. Al proprietario o all'utilizzatore spetta la responsabilità di assicurare che sia l'installazione dell'azionamento e di qualsiasi unità esterna opzionale, sia il modo in cui ne viene gestito il funzionamento e la manutenzione siano conformi ai requisiti previsti dalla Legge sulle condizioni di sicurezza e di igiene sul lavoro nel Regno Unito e alla legislazione, regolamenti e codici di comportamento pertinenti in vigore nel Regno Unito e in altri paesi. Il software dell'azionamento può contenere una funzionalità opzionale di avviamento automatico. Qualora sia attivata la suddetta funzionalità, occorre adottare tutte le misure precauzionali necessarie al fine di eliminare il rischio di lesioni per il personale durante interventi vicino o sul motore, oppure sulle apparecchiature da esso azionate, nonché di evitare danni ad attrezzature, utenti e operatori. Gli ingressi di Arresto e di Avviamento dell'azionamento non devono essere considerati sufficienti al fine dell'incolumità del personale. Se un pericolo per la sicurezza è associato a un avvio imprevisto dell'azionamento, occorre installare un dispositivo asservito di blocco per evitare che il motore possa essere messo in funzione involontariamente.

3 Informazioni generali Il costruttore declina ogni responsabilità derivante da inadeguata, negligente o non corretta installazione o regolazione dei parametri opzionali di funzionamento dell'apparecchiatura, nonché da errato adattamento del convertitore a velocità variabile al motore. Si ritiene che, al momento della stampa, il contenuto della presente Guida dell'utente sia corretto. Fedele alla politica intrapresa di continuo sviluppo e miglioramento, il costruttore si riserva il diritto di modificare, senza preavviso, le specifiche o le prestazioni del prodotto, o il contenuto della Guida dell'utente. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questa Guida può essere riprodotta o trasmessa sotto nessuna forma né con alcun mezzo elettrico o meccanico, compresi la fotocopia, la registrazione o qualsiasi sistema di immagazzinamento o di recupero delle informazioni, senza autorizzazione scritta dell'editore. Copyright Settembre 2000 Control Techniques Drives Ltd Autore: CT SSPD Creato da AH, PB Codice di pubblicazione: 70ni2 Data di pubblicazione: Settembre 2000 Versione SW: File system V2.6.0 e successivi.

4 Indice 1 Introduzione Generalità Memoria Requisiti del PC Dati tecnici per l' Conoscenza di informatica dell'utente Installazione Procedura di installazione Configurazione del sistema Guida introduttiva Introduzione Esempio di programma DPL Creazione di un file DPL mediante l'uso del DPL Toolkit Programmazione DPL Intestazioni dei programmi Commenti Variabili Parametri Operatori Task e programmazione in tempo reale Istruzioni e funzioni Ottimizzazione dei programmi Puntatori dei parametri Definizione di alias (costanti) 4-18

5 5 DPL Toolkit Generalità del DPL Toolkit Gestione dei file Modifica di un programma Applicazione di stili Compilazione ed esecuzione di un programma Come scaricare un programma Escuzione di un programma Funzionalità di monitoraggio e di debugging del programma Comunicazioni seriali Introduzione Collegamenti dell'hardware Comunicazioni ANSI Modi delle comunicazioni seriali Istruzioni ANSI Esempio di istruzioni ANSI Riferimento Task Istruzioni e funzioni 7-5

6 8 Funzioni Parametri del PLC Introduzione Fronti dell'encoder Posizione Abilitazione del controllore della posizione Valori predefiniti e di reset Descrizione dei parametri Diagrammi della logica Albero elettrico Funzione camma Commutazione del riferimento Unità temporizzatore/contatore Porte degli ingressi/uscite digitali Memoria non volatile Uso della porta RS232 per le comunicazioni da azionamento ad azionamento Funzioni di diagnostica Errori in fase di esecuzione Codici di allarme in fase di esecuzione Messaggi di errore del compilatore Gestione avanzata degli errori Parametri Parametri di impostazione dell' Parametri virtuali Modi della porta RS Parametri di uso generale 10-12

7 1 Introduzione Su un azionamento a velocità variabile come l'unidrive, le funzioni di sincronizzazione necessarie per il funzionamento corretto delle apparecchiature elettriche vengono eseguite in tempo reale dal suo stesso microprocessore. Ciò comporta però una riduzione della flessibilità del convertitore in quanto limita il microprocessore nei momenti in cui sta effettuando altre operazioni. Al fine di aumentare al massimo questa flessibilità, è possibile utilizzare un altro processore per l'esecuzione di programmi specifici per alcune applicazioni. Questo secondo microprocessore è l', il cui software può essere programmato per adattare facilmente il convertitore alle applicazioni. 1.1 Generalità L' è un microcomputer compatto integrato in un modulo opzionale grande che può essere installato facilmente negli Unidrive di qualunque taglia. Abbinato al DPL Toolkit, l' consente al programmatore di scrivere il software, oppure di utilizzare programmi già esistenti per incrementare la flessibilità di un Unidrive. DPL Toolkit (interfaccia Windows(tm)) Il DPL Toolkit, contenuto in due dischetti, è un programma che gira sotto le versioni 3.1x e 95 di Windows(tm) Microsoft(r). I programmi per l' vengono scritti su un PC host che utilizza il DPL Toolkit. L' impiega un linguaggio di programmazione di alto livello chiamato DPL (Drive Programming Language), per molti aspetti simile al BASIC. Il DPL è un programma compilato che permette all' di operare ad alta velocità. Il DPL Toolkit viene impiegato per scrivere, compilare e scaricare un programma DPL in un. Il Toolkit comprende inoltre una serie completa di funzionalità di debugging che rende possibile lo sviluppo e la verifica passo per passo del programma DPL. Il collegamento fra l' e il PC host viene realizzato mediante un cavo RS232 per comunicazioni seriali. Tale cavo deve essere utilizzato unicamente in fase di elaborazione, prova ed esecuzione del programma e può pertanto essere scollegato dopo che quest'ultimo è stato correttamente caricato. Issue code: 70ni2 Introduzione 1-1

8 collegato a un computer host mediante un cavo seriale 1.2 Memoria Il programma compilato per l' e il programma sorgente creato dall'utente vengono registrati nella memoria non volatile EEPROM nella scheda dell'. Questo tipo di memoria consente di caricare i programmi attraverso la porta seriale. Le versioni dei programmi possono essere facilmente aggiornate senza rimuovere circuiti integrati né utilizzare speciali apparecchiature di programmazione. Il sistema di archiviazione dell' consente di memorizzarvi unicamente un programma per volta. Il programma compilato può essere memorizzato insieme al codice DPL sorgente, consentendo così al tecnico del sito di leggere detto programma registrato nell' anche se il software non si trova sul PC host (se non è richiesta, questa opzione può essere disattivata). 1.3 Requisiti del PC Qui di seguito sono indicati i requisiti minimi per il DPL Toolkit: PC 386SX AT IBM compatibile, Windows(tm) 3.1, 4Mb RAM, DOS 5 Si raccomanda l'impiego di un PC 486 con 8MB RAM 1-2 Introduzione Issue code: 70ni2

9 1.4 Dati tecnici per l' Processore Intel bit RISC 96kb di memoria programma utente 8kb di RAM utente Clock di 16 MHz RS232 per la programmazione (ATIBM compatibile) RS485 per comunicazioni seriali permanenti 1.5 Conoscenza di informatica dell'utente La presente Guida dell'utente presume che l'utente abbia almeno una conoscenza base del programma Windows(tm) di Microsoft(r). Per le informazioni specifiche riguardanti l'esecuzione di operazioni in Windows(tm), fare riferimento alla Guida dell'utente Windows. Issue code: 70ni2 Introduzione 1-3

10 1-4 Introduzione Issue code: 70ni2

11 2 Installazione Avvertenza Le tensioni utilizzate nell'azionamento possono provocare gravi scosse elettriche ed essere anche mortali. La funzione di Stop dell'azionamento non interrompe le tensioni pericolose dall'azionamento stesso o dalla macchina comandata. C.A. all'azionamento almeno 15 minuti prima di procedere alla rimozione di ripari o all'esecuzione di interventi di servizio. 2.1 Procedura di installazione Ubicazione dell' nell'unidrive Per l'inserimento di un modulo opzionale grande nell'azionamento, fare riferimento alla Guida Unidrive dell'utente. Issue code: 70ni2 Installazione 2-1

12 2.2 Configurazione del sistema Connessioni del PC host Porta RS232 La porta seriale RS232, che costituisce un collegamento dedicato al PC host, richiede un connettore femmina a 9 vie di tipo D. Normalmente, sono disponibili sul mercato cavi già confezionati per le comunicazioni seriali RS232. Nella tabella qui sotto sono indicate le connessioni minime richieste fra l' e un connettore a 9 e a 25 poli di porta COM. N. polo connettore a 9 poli N. polo connettore a 25 poli La porta RS232 deve essere utilizzata esclusivamente per la messa in servizio in quanto non è compreso il suo isolamento né la protezione. Per la connessione a un PC host, attenersi alle istruzioni seguenti: 1 Quando si inserisce la spina, accertarsi che non si sia formata una carica elettrostatica. 2 Utilizzando un cavo di lunghezza non superiore a 3 metri, collegare un cavo RS232 alla porta seriale RS232 sull' e a quella seriale per le comunicazioni situata sul PC host. Installazione del DPL Toolkit nel PC host Seguire una delle procedure riportate sotto: Windows 3.1 Il DPL Toolkit richiede una memoria di computer non inferiore a 4Mb. Tale memoria può essere RAM oppure virtuale. La memoria virtuale può essere impostata nella sezione 386 avanzato del Pannello di controllo di Windows. 1 Avviare Microsoft Windows 2 Inserire il disco 1 del DPL Toolkit nel drive A: del PC host. 3 Nel Program Manager di Windows, selezionare File nella barra dei menu e poi Run. 4 Digitare A:\SETUP. 5 Fare clic su 2-2 Installazione Issue code: 70ni2

13 Windows 95 1 Inserire il disco 1 del DPL Toolkit nel drive A: del PC host. 2 Nel menu, selezionare Run... 3 Digitare A:\SETUP. 4 Fare clic su Scaricamento del file System L' è sprovvisto di software di sistema precaricato. La prima operazione consiste pertanto nel programmare tale software mediante l'uso del DPL Toolkit. Seguire la procedura riportata sotto: 1 Collegare il cavo delle comunicazioni seriali all'. 2 Applicare alimentazione in C.A. all'azionamento. 3 Nel Program Manager di Windows 3.xx, oppure nel menu Avvio di Windows 95, fare clic su: Viene visualizzata la finestra DPL Toolkit, nella cui parte superiore si trova una barra dei menu e una degli strumenti. 4 Se la porta seriale del PC host non è la COM1, aprire il menu Projects (Progetti) e selezionare Configure (Configura). Nel menu a discesa che viene visualizzato, selezionare Comport, dopodiché compare un ulteriore menu a discesa in cui si può scegliere la porta per comunicazioni richiesta. 5 Fare clic su (Open Task Manager) (Apri manager delle applicazioni). Dopo alcuni istanti, viene visualizzata la finestra di dialogo DPL Task Manager. Issue code: 70ni2 Installazione 2-3

14 Qualora la finestra di dialogo non appaia e tutti i pulsanti della barra strumenti inferiore siano ombreggiati, cioè inattivi, è possibile che il collegamento delle comunicazioni seriali all' non sia stato effettuato correttamente. Controllare che il cavo di collegamento non presenti anomalie e che venga utilizzata la porta COM corretta. 6 Fare clic su, dopodiché viene visualizzata la finestra di dialogo File Viewer. Nei pannelli sul lato sinistro della finestra di dialogo, l'utente può selezionare il percorso e i nomi dei file.sys. Nota I file di sistema sono contenuti nella directory MD29GUI\BIN\SYS. 2-4 Installazione Issue code: 70ni2

15 7 Selezionare il percorso corretto dei file di sistema richiesti. Fare doppio clic sul file.sys specificato nella tabella seguente: Convertitore provvisto di Interbus S oppure di Profibus DP provvisto di ModBus Plus provvisto di CTNet File OS.SYS IBSPROFI.SYS MBPLUS.SYS NET.SYS Viene visualizzata la finestra di dialogo Programmer. 8 Fare clic su (compare la spia verde). A questo punto, il file di sistema è già caricato nell'. Issue code: 70ni2 Installazione 2-5

16 2-6 Installazione Issue code: 70ni2

17 3 Guida introduttiva 3.1 Introduzione In questo capitolo vengono descritti gli elementi fondamentali della programmazione DPL e i metodi utilizzati per creare, compilare ed eseguire un programma esemplificativo mediante il DPL Toolkit. Qui sotto viene riportato un esempio di un piccolo programma DPL, seguito dalle spiegazioni delle istruzioni del programma stesso. Ricordare che nella presente Guida dell'utente e nei programmi DPL, i numeri dei parametri vengono preceduti da #, cioè dal simbolo di numero (ad esempio, il parametro 1.21 sarà indicato con #1.21). 3.2 Esempio di programma DPL Il programma DPL descritto qui di seguito è chiamato Sawtooth, in quanto applica un ciclo ripetitivo, composto da un aumento lineare della richiesta di velocità seguito da una riduzione istantanea a zero, come mostrato nel diagramma seguente. Ciclo ripetitivo prodotto dal programma Sawtooth Issue code: 70ni2 Guida introduttiva 3-1

18 Start #1.21 = 0 Is #1.21 < 1000? Yes #1.21=# No Diagramma di flusso del programma Sawtooth Istruzioni del programma $TITLE Sawtooth $VERSION $DRIVE Unidrive $AUTHOR MyName $COMPANY MyCo //Nota: questo è un commento. BACKGROUND{ Top: #1.21=0 DOWHILE#1.21<1000 #1.21=# LOOP GOTOTop } 3-2 Guida introduttiva Issue code: 70ni2

19 Spiegazione del programma esemplificativo $TITLE Sawtooth La prima riga di un programma deve essere $TITLE nome del programma. Tale nome può essere composto da un massimo di 64 caratteri. $VERSION La seconda riga è $VERSION numero. Tale numero può essere composto da un massimo di 8 caratteri. Il formato raccomandato è $VERSION Gli aggiornamenti possono così essere facilmente indicati aumentando l'ultima cifra, ad esempio Per modifiche importanti del programma, si cambierà invece il numero inserendo 2.0.0, 3.00, ecc. $DRIVE Unidrive La terza riga è $DRIVE nome dell'azionamento e serve per informare il compilatore di quale azionamento è installato (poiché il DPL Toolkit può essere utilizzato con l' e con l'md29, occorre inserire il nome corretto). $AUTHOR MyName $COMPANY MyCo La quarta e la quinta riga servono invece per specificare l'autore del programma e il nome dell'azienda. Nota Il programma sarà compilato unicamente se queste righe vengono incluse. //Nota: questo è un commento. Il programma ignora le righe di commento che possono essere inserite in qualunque punto di un programma. I commenti devono sempre essere preceduti da una doppia barra [//] oppure da un punto e virgola [;]. I commenti sono utili per inserire descrizioni, oppure per fornire spiegazioni utili all'utente o al programmatore. BACKGROUND{ BACKGROUND è un tipo di task (ogni codice eseguibile deve essere contenuto in un task). Esistono vari tipi di task destinati a definire la priorità del codice e a consentire a blocchi di codice di essere eseguiti con basi dei tempi diverse. Il task BACKGROUND è un task a esecuzione libera che può essere confrontato, ad esempio, con il modo in cui un PLC esegue un programma. Per le informazioni dettagliate sui task, leggere Programmazione in tempo reale nel Capitolo 4 Programmazione DPL. Top: Top: è un'etichetta che contrassegna una posizione assoluta nel programma. Un'etichetta deve sempre essere seguita da due punti [:]. Un'etichetta definisce la destinazione di un enunciato GOTO e può essere indicata con qualsiasi nome (ad es. mylabel). Issue code: 70ni2 Guida introduttiva 3-3

20 #1.21=0 L'espressione con l'hash (#) accede ai parametri dell'azionamento. In questo caso, il parametro è l'1.21 (cioè menu 1, parametro 21) ed è associato a un riferimento della velocità preimpostato su zero. DO WHILE #1.21<1000 DO WHILE è un enunciato iterativo. In questo esempio, tale enunciato fornisce al programma l'istruzione di ripetere il successivo blocco di codice quando il valore del parametro 1.21 è inferiore a #1.21=# Questa riga aggiunge il valore 1 al parametro A ogni esecuzione di tale comando, viene aggiunto 1 al valore del parametro. LOOP LOOP è l'espressione finale dell'istruzione DO WHILE. LOOP dice al programma di ritornare alla riga DO WHILE e di controllare che l'istruzione DO WHILE continui a essere vera. Quando il valore di #1.21 = 1000, l'enunciato DO WHILE #1.21 < 1000 diventa falso. Le istruzioni fra DO WHILE e LOOP cessano di essere ripetute e il programma passa alla riga successiva dopo il comando LOOP. GOTO Top: GOTO è un'istruzione di controllo del flusso. In questo caso, tale istruzione dice al programma di andare all'etichetta Top: e ciò determina l'esecuzione continuata del programma. Nota Il nome dell'etichetta deve essere specificato utilizzando il segno dei due punti [:]. } Closing brace Le istruzioni contenute fra parentesi graffe appartengono al task definito. Le graffe di chiusura sono associate a quelle di apertura. In questo esempio, le graffe di apertura e di chiusura sono associate al task BACKGROUND. 3-4 Guida introduttiva Issue code: 70ni2

21 3.3 Creazione di un file DPL mediante l'uso del DPL Toolkit In questa sezione viene illustrato come scrivere, compilare e scaricare il programma DPL esemplificativo per l'unidrive. Apertura del DPL Toolkit Nel Program Manager di Windows 3.xx, oppure nel menu Avvio di Windows 95, fare clic su: Viene visualizzata la finestra DPL Toolkit. Nella parte superiore della finestra si trovano la barra dei menu e quella degli strumenti. Creazione di un file 1 Fare clic su oppure aprire il menu File e selezionare New. 2 Inserire il programma seguente esattamente come viene mostrato, utilizzando il tasto Tab per fare rientrare le righe. $TITLE Sawtooth $VERSION $DRIVE Unidrive $AUTHOR MyName $COMPANY MyCo //Nota: questo è un commento. BACKGROUND{ Top: #1.21=0 DO WHILE #1.21<1000 #1.21=# LOOP GOTO Top } 3 Aprire il menu File e selezionare Save As... dopodiché compare la finestra di dialogo Save File As. Issue code: 70ni2 Guida introduttiva 3-5

22 4 Nella lista Folders:, selezionare la directory Projects. Nella casella di testo File name:, digitare SAWTOOTH.DPL. 5 Fare clic su. A questo punto, il file è stato salvato. Il programma è pronto per la compilazione nel codice macchina. Nota importante DPL devono essere salvati come file.dpl. Qualora questa operazione non venga eseguita, il programma non potrà essere compilato nel codice macchina. Solo la versione salvata del programma viene compilata. Compilazione del programma Il DPL Toolkit contiene un compilatore che converte i programmi DPL dal formato testo nel formato binario del codice macchina leggibile dall'. Il compilatore converte il file.dpl in un file binario con estensione.bin. Seguire la procedura descritta qui sotto. 1 Fare clic su sulla destra della barra degli strumenti, dopodiché viene visualizzata la finestra di dialogo Compile Guida introduttiva Issue code: 70ni2

23 2 Se occorre scaricare il file sorgente DPL nell', accertarsi che la casella di controllo Embed DPL Source Code sia selezionata. Questa funzione consente che il programma sia nuovamente letto dal PC in tempi successivi (ad esempio, nel caso in cui la copia su computer venga persa). Se invece il file sorgente DPL non deve essere scaricato, assicurarsi che la casella di controllo non sia selezionata. Alla successiva visualizzazione della finestra di dialogo Compile..., la casella di controllo mantiene l'ultima impostazione. (Le altre opzioni della finestra di dialogo vengono descritte in Compilazione ed esecuzione di programmi nel Capitolo 5 DPL Toolkit.) 3 Fare clic su Connessione all' 4 Per alcuni secondi, appare la finestra Compilation, di cui non è tuttavia necessario leggerne il contenuto. 5 A questo punto, il programma è stato compilato ed è pronto per essere scaricato nell'. Se invece viene visualizzata la finestra Build errors in cui sono mostrati errori, correggere gli errori di battitura nel programma e ripetere la compilazione (i messaggi di errore sono descritti nel Capitolo 9, Funzioni diagnostiche). A questo punto, occorre attivare le comunicazioni dal PC host all' al fine di scaricare il file compilato. Seguire la procedura descritta sotto: Fare clic su, dopodiché si apre il Task Manager con la barra degli strumenti Task Manager visualizzata sotto quella degli strumenti standard. Issue code: 70ni2 Guida introduttiva 3-7

24 Nota Se tutti i pulsanti della barra degli strumenti inferiore compaiono ombreggiati, questo significa che non è stato possibile attivare le comunicazioni con l'. Verificare che l'alimentazione in C.A. all'azionamento sia applicata e che il cavo delle comunicazioni seriali sia correttamente inserito. Scaricamento del programma 1 Nella barra degli strumenti Task Manager, fare clic su, dopodiché viene visualizzata la finestra di dialogo Programmer. 2 Nella finestra di dialogo Programmer, fare clic su (compare la spia verde). A questo punto, i file SAWTOOTH.BIN e SAWTOOTH.DPL vengono scaricati nell'. La procedura di scaricamento viene completata nel giro di pochi secondi. Nota Nell' non può esservi più di un programma compilato (cioè un file.bin). Un programma che venga scaricato nell' sovrascriverà pertanto quello esistente. 3-8 Guida introduttiva Issue code: 70ni2

25 Esecuzione del programma Avvertenza Il programma Sawtooth modifica rapidamente il parametro di riferimento della velocità dell'azionamento. Per sicurezza, accertarsi che quest'ultimo sia disabilitato prima di eseguire il programma. Nella barra degli strumenti Task Manager, fare clic su Il valore del parametro Riferimento velocità #1.21 nell'azionamento cambierà. Ricordare che non è possibile osservare l'andamento di rampa in quanto il programma modifica il valore del parametro a una velocità maggiore di quella di aggiornamento del display. Issue code: 70ni2 Guida introduttiva 3-9

26 3-10 Guida introduttiva Issue code: 70ni2

27 4 Programmazione DPL Nel presente capitolo vengono spiegate le seguenti parti di un programma DPL: Intestazioni del programma Commenti Variabili Parametri Task Subroutine definite dall'utente Istruzioni La spiegazione è seguita da una sezione sul metodo di ottimizzazione dei programmi DPL. 4.1 Intestazioni dei programmi Titolo del programma Un programma DPL deve iniziare con cinque intestazioni inserite nell'ordine corretto indicato qui sotto: Titolo del programma Versione del programma Nome dell'azionamento Nome dell'autore Nome dell'azienda Ogni intestazione di programma deve essere contenuta in una singola riga di istruzione del programma. Sintassi $TITLE Titolo programma La riga $TITLE Titolo programma è riservata al programmatore. ad es. $TITLE Sawtooth generator Lunghezza massima: 64 caratteri Versione del programma Sintassi $VERSION Numero versione La riga $VERSION Numero versione è riservata al programmatore. Per il numero della versione, si raccomanda di adottare il formato seguente: $VERSION Gli aggiornamenti di minore importanza possono essere indicati aumentando di un'unità l'ultima cifra del numero, ad esempio 1.0.2, mentre per quelli più cospicui si può incrementare la prima cifra, ad esempio Lunghezza massima: 8 caratteri Issue code: 70ni2 Programmazione DPL 4-1

28 Nome dell'azionamento Sintassi $DRIVE Nome azionamento Nella riga $DRIVE Nome azionamento deve essere specificato il tipo di convertitore, in quanto il DPL Toolkit può essere impiegato con vari modelli di azionamento. Questa intestazione di programma assicura che il programma venga compilato correttamente per il modulo opzionale e per l'azionamento. Nota Nel caso in cui venga inserito il nome di un azionamento diverso, è possibile che il programma non venga compilato compilato, oppure si verifica l'errore in fase di esecuzione 53 quando il programma viene scaricato nell'. Nome dell'autore Sintassi $AUTHOR Nome autore Nome azienda La riga $AUTHOR Nome autore serve al programmatore. Lunghezza massima: 64 caratteri Sintassi $COMPANY Nome azienda La riga $COMPANY Nome azienda è riservata al programmatore. Lunghezza massima: 64 caratteri Esempi di intestazioni di programma $TITLE Sawtooth $VERSION $DRIVE Unidrive $AUTHOR A.H. $COMPANY Control Techniques 4-2 Programmazione DPL Issue code: 70ni2

29 4.2 Commenti Esempio 4.3 Variabili Variabili base I commenti vengono inseriti esclusivamente per fornire informazioni e spiegazioni e, al pari dei comandi REM, non agiscono sul programma. I commenti iniziano con una doppia barra [//] oppure con un punto e virgola [;] e possono essere inseriti in una propria riga o alla fine delle righe di istruzione. Un commento termina alla fine della riga. //Questa riga contiene un commento, che termina alla fine della riga stessa. //Se il commento continua nella riga successiva, occorre inserire una //doppia barra all'inizio di detta riga. Esistono due tipi di variabili base, come indicato qui di seguito: Variabile intera (INT) Variabile in virgola mobile (FLOAT) Variabili intere Variabili in virgola mobile Le variabili intere vengono indicate inserendo il simbolo % dopo il nome della variabile e sono rappresentate internamente da un numero complemento a 32 bit a base due, che fornisce un campo decimali di Le variabili in virgola mobile, sprovviste di simbolo, sono numeri (64 bit) in doppia precisione IEEE che forniscono un campo di circa 1,7976 x Accesso alle variabili All'interno di un programma, tutte le variabili sono globali (cioè sono accessibili e modificabili da parte di qualsiasi task). (Non vi sono variabili locali.) Indirizzamento dei bit delle variabili Per tutte le variabili e gli array interi (vedere sotto), è consentito eseguire l'indirizzamento dei bit. Questo significa che ciascun bit binario della variabile può essere letto o scritto separatamente. L'indirizzamento dei bit si ottiene aggiungendo.n al termine del nome della variabile, dove n è il numero del bit a cui accedere. Esempio flags%.3 = 1 ;imposta i bit dal 3 all'1 IF flags%.5 = 1 THEN... ;controlla il bit 5 Issue code: 70ni2 Programmazione DPL 4-3

30 Assegnazione di nomi alle convenzioni Il primo carattere di una variabile deve essere una lettera, mentre quelli successivi possono comprendere lettere, numeri e il carattere di sottolineatura (_) ed essere disposti in qualsiasi ordine. I nomi delle variabili sono sensibili alle maiuscole e alle minuscole (ad esempio il nome della variabile speed% non è lo stesso di SPEED%). Uso preferito delle variabili Array Array dinamici Si raccomanda che le variabili intere vengano utilizzate ove possibile, in quanto le operazioni vengono eseguite molto più velocemente che con le variabili in virgola mobile. Gli array sono elenchi di variabili dello stesso tipo (intere o in virgola mobile) sotto lo stesso nome. Ricordare che sono unicamente consentiti array monodimensionali. Ogni elemento (componente singolo) di un array è infatti una variabile separata. Un elemento diventa accessibile da parte di un programma specificando il nome dell'array e inserendo quindi il numero di detto elemento fra parentesi quadre [ ] dopo il nome dell'array. Qui di seguito sono indicate le due forme base di array: Gli array dinamici possono essere impostati e modificati mediante i programmi DPL. Un array dinamico deve contenere variabili intere o in virgola mobile, ma non di entrambi i tipi. Per un array dinamico, occorre dapprima specificarlo utilizzando l'istruzione DIM (normalmente nel task Initial), quindi immettere il numero di elementi fra parentesi quadre dopo il nome della variabile. Gli array dinamici vengono inseriti negli 8kB di memoria volatile dell' che limitano la dimensione massima dell'array. Esempio DIM myarray%[20] ;Array intero composto da 20 elementi DIM array2[30] ;Array in virgola mobile composto da 30 elementi Gli elementi di un array sono numerati come segue: Da 0 a [numero di elementi] - 1 Dall'esempio di un array intero riportato sopra, il primo elemento di myarray%[] è: myarray%[0] L'ultimo elemento è invece: myarray%[19] 4-4 Programmazione DPL Issue code: 70ni2

31 Array costanti Gli array costanti devono contenere valori fissi predefiniti che non possono essere cambiati dal programma DPL quando questo viene eseguito. I valori degli array costanti vengono definiti nel programma DPL utilizzando una sezione speciale chiamata CONST (tale sezione viene digitata esattamente nello stesso modo di un task). In un array costante possono essere definiti unicamente valori interi. Il vantaggio di usare un array costante consiste nel fatto che questo si trova nei 96kB di memoria dell', consentendo all'array di essere limitato nelle sue dimensioni unicamente dalla quantità di spazio disponibile del programma nell', non dagli 8kB di RAM. Lo spazio del programma viene usato per memorizzare il programma DPL compilato, i dati dell'array costante e, come opzione, il file DPL stesso. Esempio CONST c_array% { 100, 1500, 500, 0, -400, , -100, 0 } Questo esempio definisce un array chiamato c_array%[] array%[], contenente nove elementi. Ricordare che il valore di ogni elemento può essere separato da una virgola o da una nuova riga. 4.4 Parametri I parametri utilizzati sono di due tipi: Parametri dell'azionamento Parametri virtuali (Vedere il Capitolo 10 Parametri.) I parametri sono indicati dal simbolo # (hash) e sono accessibili mediante un formato x,y, dove x rappresenta il menu e y il parametro nel menu. Ad esempio, al parametro p7.05 si può accedere immettendo #07.05, mentre per il parametro p18.01 si deve inserire # Gli zero iniziali del parametro possono essere omessi, ad esempio #7.5 equivale a digitare # I parametri sono inoltre accessibili indirettamente attraverso una variabile intera per indicare il numero del parametro. Per informazioni più dettagliate, vedere Puntatori dei parametri più avanti nel presente capitolo. Issue code: 70ni2 Programmazione DPL 4-5

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA

POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria MECCANICA Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA ACCESSO ALL AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE Microsoft Visual C++ è sufficiente cliccare sul pulsante di Windows,

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione di WinEMTLite...3 3. Descrizione generale del programma...3 4. Impostazione dei parametri di connessione...4 5. Interrogazione tramite protocollo nativo...6

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

Guida dell utilizzatore

Guida dell utilizzatore I Software di gestione dei dati musicali Data Manager 6.0 Guida dell utilizzatore Usare questo manuale unitamente alla Guida dell utilizzatore fornita con lo strumento. DM6-I-1A Indice Introduzione...4

Dettagli

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima

Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Lezione 4 Introduzione a Microsoft Excel Parte Prima Cenni preliminari... 1 Elementi sullo schermo... 2 Creazione di una cartella di lavoro... 3 Utilizzo di celle e intervalli... 3 Gestione della cartella

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

Device Storage Manager Manuale di riferimento

Device Storage Manager Manuale di riferimento Device Storage Manager Manuale di riferimento Copyright e marchi di fabbrica Copyright 2003 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Non è consentito riprodurre, adattare o tradurre la presente pubblicazione

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI CON INGRESSI IN CODICE BINARIO DISP XXXB Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza

Dettagli

Quantum Blue Reader QB Soft

Quantum Blue Reader QB Soft Quantum Blue Reader QB Soft Manuale dell utente V02; 08/2013 BÜHLMANN LABORATORIES AG Baselstrasse 55 CH - 4124 Schönenbuch, Switzerland Tel.: +41 61 487 1212 Fax: +41 61 487 1234 info@buhlmannlabs.ch

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

GB informazioni e freeware

GB informazioni e freeware GB informazioni e freeware Informazioni per PC, internet, software, freeware e tutorial Home Programmi Informazioni Passatempo Siti utili Aggiornamenti sito News Posizione nel sito : Home >> Informazioni

Dettagli

Software EasyKool. Istruzioni per l'uso

Software EasyKool. Istruzioni per l'uso Software EasyKool Istruzioni per l'uso 2 1 Indice 1 Indice 1 Indice... 3 1.1. In questo manuale... 5 2 Descrizione delle prestazioni... 5 2.1. Utilizzo... 5 2.2. Requisiti di sistema... 6 3 Prima di utilizzare

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Manuale di installazione e dell utente

Manuale di installazione e dell utente Manuale di installazione e dell utente 16 bit, per Windows 3.1 ii Informazioni sul copyright Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata o tradotta in

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Versione 4.0 Personalizzazione per Mago.Net

Versione 4.0 Personalizzazione per Mago.Net Manuale Utente Versione 4.0 Personalizzazione per Mago.Net Copyright 2004-2005 Tutti i diritti riservati Rev. 2.01 del 19/09/2003 Importazione Listini Fornitore Ver. 2.60.40 e successive Importazione

Dettagli

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti.

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti. SOFTWARE PER CENTRALI FENICE Software_Fenice_1.2.0 12/09/2012 Questo Software permette all'installatore di programmare le centrali della serie Fenice, di aggiornare i firmware dei vari componenti del sistema

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Informazioni generali... 3 1.1 Requisiti di sistema...

Dettagli

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione Grazie per il vostro recente acquisto di SartoCollect. Il software SartoCollect vi consentirà di importare direttamente i dati del vostro

Dettagli

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)-

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- Nella cartella SIMATIC, a cui si accede dal menù di AVVIO, è contenuta la cartella STEP 7- Micro/Win32.Questa contiene a sua volta l icona

Dettagli

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Usare le formule e le funzioni Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Costruire formule in Excel Per gli utenti di altri programmi di foglio di calcolo, come ad esempio Lotus 1-2-3,

Dettagli

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva...

L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... L AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE TURBO PASCAL... 2 LE COMPONENTI DELL AMBIENTE DI SVILUPPO... 2 La barra dei menu... 2 Il desktop o finestra attiva... 4 La linea di stato... 4 Uso delle caselle di dialogo...

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 16D Manuale d uso Note Rel.: 1.2 Gennaio 2001 Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. MS-DOS e WINDOWS sono

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente. Samsung IPP1.1 Software

STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente. Samsung IPP1.1 Software STAMPANTE LASER SAMSUNG Guida dell utente Samsung IPP1.1 Software SOMMARIO Introduzione... 1 Definizione di IPP?... 1 Definizione di Samsung IPP Software?... 1 Installazione... 2 Requisiti di sistema...

Dettagli

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO

Rel.2.0 MANUALE UTENTE SOFTWARE DI MONITORAGGIO E. Ver 2.0.0 CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO PS Remote Control Rel.2.0 Ver 2.0.0 SOFTWARE DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DI UNA RETE DI RILEVATORI DI FUMO MANUALE UTENTE di Angrilli Ing. Davide Via Iseo, n.4/b 65010 Spoltore (PE) Tel/fax 0854972260

Dettagli

COMPATIBILE WINDOWS VISTA

COMPATIBILE WINDOWS VISTA MANUALE D USO CORIS ZERO7 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA / 7 / 8 Versione 1.1.0.5 Manuale RTS WPOS1 INDICE MANUALE D USO...1 CORIS...1 ZERO7 e compatibili...1 INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA...

Dettagli

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD SCRIVERE TESTO Per scrivere del semplice testo con il computer, si può tranquillamente usare i programmi che vengono installati insieme al sistema operativo. Su Windows troviamo BLOCCO NOTE e WORDPAD.

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

Ambiente di sviluppo per applicazioni custom Atomic. Atomic - 22 marzo 2007 Pagina 1 di 20.

Ambiente di sviluppo per applicazioni custom Atomic. Atomic - 22 marzo 2007 Pagina 1 di 20. Ambiente di sviluppo per applicazioni custom Atomic Atomic - 22 marzo 2007 Pagina 1 di 20. Introduzione Atomic è un micro-linguaggio di programmazione sviluppato per la famiglia di azionamenti full digital

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Aggiornamento, backup e ripristino del software

Aggiornamento, backup e ripristino del software Aggiornamento, backup e ripristino del software Guida per l utente Copyright 2007 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows è un marchio registrato negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Le

Dettagli

FORMULE: Operatori matematici

FORMULE: Operatori matematici Formule e funzioni FORMULE Le formule sono necessarie per eseguire calcoli utilizzando i valori presenti nelle celle di un foglio di lavoro. Una formula inizia col segno uguale (=). La formula deve essere

Dettagli

TouchPad e tastiera. Numero di parte del documento: 409918-061. Questa guida descrive il TouchPad e la tastiera. Maggio 2006

TouchPad e tastiera. Numero di parte del documento: 409918-061. Questa guida descrive il TouchPad e la tastiera. Maggio 2006 TouchPad e tastiera Numero di parte del documento: 409918-061 Maggio 2006 Questa guida descrive il TouchPad e la tastiera. Sommario 1 TouchPad Uso del TouchPad.............................. 1 1 Uso di

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte I)

Corso di Visual Basic (Parte I) Corso di Visual Basic (Parte I) Come muovere i primi passi con Microsoft Visual Basic, lo strumento da molti considerato ideale per la realizzazione di applicazioni di piccola e media entità in ambiente

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

DUEMMEGI. ISD Interfaccia per Scambio Dati. Manuale d Uso SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

DUEMMEGI. ISD Interfaccia per Scambio Dati. Manuale d Uso SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE DUEMMEGI SISTEMI DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISD Interfaccia per Scambio Dati Manuale d Uso DUEMMEGI s.r.l. - Via Longhena, 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Rel.: 1.0 Contatto ISD - Manuale

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 Il software descritto nel presente documento

Dettagli

FormatChecker for Microsoft Word

FormatChecker for Microsoft Word FormatChecker for Microsoft Word 2006 STAR AG Tutti i diritti riservati. L'uso dei testi e delle immagini senza previa autorizzazione scritta di STAR AG non è consentito ai sensi della legge sul diritto

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED

GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED GUIDA ALL UTILIZZO DI MICROSOFT EXCEL 2000 GUIDA PRATICA ALLA CONFIGURAZIONE ED ALL UTILIZZO DEL FOGLIO ELETTRONICO MICROSOFT EXCEL 2000 A CURA DI FABIO SOLARINO dott. Fabio Solarino -- Servizio web della

Dettagli

IL LADDER DIAGRAM. OMRON Electronics SpA

IL LADDER DIAGRAM. OMRON Electronics SpA IL LADDER DIAGRAM 1 Concetti base, regole di stesura del programma e linguaggio equivalente in lista istruzioni 2 Ladder Diagram Contatto Contatto Normalmente Normalmente Aperto Aperto Uscita Contatto

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2010 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2010 Il software descritto nel presente documento viene

Dettagli

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso.

Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. Software Rowan Key Manager C400RKM rel.4.xx / C350RKM rel.2.xx Istruzioni per l uso. -Introduzione. Il software consente, tramite opportuna interfaccia USB Rowan C426S, di leggere e scrivere i dati presenti

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 Il software descritto nel presente documento

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel

Esercitazione. Fig. B.1 L ambiente di lavoro Exel Esercitazione Exel: il foglio di lavoro B.1 Introduzione Exel è un applicazione che serve per la gestione dei fogli di calcolo. Questo programma fa parte del pacchetto OFFICE. Le applicazioni di Office

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

Manuale utente. Software Content Manager per HP ipaq 310 Series Travel Companion. Italiano Dicembre 2007. Part number: 467721-061

Manuale utente. Software Content Manager per HP ipaq 310 Series Travel Companion. Italiano Dicembre 2007. Part number: 467721-061 Manuale utente Software Content Manager per HP ipaq 310 Series Travel Companion Italiano Dicembre 2007 Part number: 467721-061 Copyright Note legali Il prodotto e le informazioni riportate nel presente

Dettagli

Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium)

Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium) Manuale Driver Maker (Plug-in per ECM Titanium) Introduzione Questo manuale contiene una spiegazione completa del plug-in Driver Maker, che è un componente aggiuntivo sviluppato per ECM Titanium, il software

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

Software di controllo dell accesso. Manuale utente. Aritech. per MS Windows

Software di controllo dell accesso. Manuale utente. Aritech. per MS Windows Aritech Software di controllo dell accesso Manuale utente per MS Windows MS Windows, Windows e Microsoft sono marchi commerciali di Microsoft Corporation Indice Configurazione manuali...3 Struttura del

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Altiris Carbon Copy. Guida dell'utente

Altiris Carbon Copy. Guida dell'utente Altiris Carbon Copy Guida dell'utente Avviso Le informazioni contenute in questa Guida sono soggette a modifiche senza preavviso. LA ALTIRIS, INC. DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ PER EVENTUALI OMISSIONI O

Dettagli

SLDLP GALAXY GOLD - PROGRAMMA DI TELE-ASSISTENZA

SLDLP GALAXY GOLD - PROGRAMMA DI TELE-ASSISTENZA PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it SLDLP GALAXY GOLD - PROGRAMMA DI TELE-ASSISTENZA

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Manuale programmazione ISO

Manuale programmazione ISO DOCUMENTAZIONE PER L UTENTE Manuale programmazione ISO SIDAC S.r.L 21017 Samarate (Varese) Via Acquedotto, 111 E_Mail info@sidaccnc.it Tel. 0331.22.30.19 r.a. Fax. 0331.22.30.78 1 Ver. 1.0 - Aggiornamento

Dettagli

Indice. Pagina. Introduzione... 3. Mettere in servizio il pannello operatore... 8. Passi fondamentali... 12. Testare il progetto...

Indice. Pagina. Introduzione... 3. Mettere in servizio il pannello operatore... 8. Passi fondamentali... 12. Testare il progetto... Progettazione di sistemi basati su Windows Indice Indice Pagina Introduzione... 3 Mettere in servizio il pannello operatore... 8 Passi fondamentali... 12 Testare il progetto... 20 Estendere il progetto

Dettagli

mail: info@biomassimpianti.com Tel. ++39-02.4453223 Fax ++39-02.48402025 I 20090 Trezzano s/n (MI) Via M. Pagano, 28 TITOLO Pag. 1

mail: info@biomassimpianti.com Tel. ++39-02.4453223 Fax ++39-02.48402025 I 20090 Trezzano s/n (MI) Via M. Pagano, 28 TITOLO Pag. 1 TITOLO Pag. 1 N.T. D01/LINK V1.0 SOFTWARE MJK-LINK PER UNITÀ PERIFERICHE DI TRASMISSIONE DATI MJK 795 di pag. 16 SOFTWARE DI COMUNICAZIONE E SUPERVISIONE PER UNITÀ PERIFERICHE DI TRASMISSIONE DATI 795

Dettagli

Manuale dell utente. InCD. ahead

Manuale dell utente. InCD. ahead Manuale dell utente InCD ahead Indice 1 Informazioni su InCD...1 1.1 Cos è InCD?...1 1.2 Requisiti per l uso di InCD...1 1.3 Aggiornamenti...2 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...2 2 Installazione...3

Dettagli

Registratore Temperature

Registratore Temperature Manuale d Istruzioni Registratore Temperature Modello TH10 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore di Temperature. Questo registratore misura e memorizza fino a 32,000 letture

Dettagli

Datalogger Grafico Aiuto Software

Datalogger Grafico Aiuto Software Datalogger Grafico Aiuto Software Versione 2.0, 7 Agosto 2007 Per ulteriori informazioni consultare il manuale d'uso incluso nel disco programma in dotazione. INDICE Installazione del software grafico.

Dettagli

Utilità plotter da taglio Summa

Utilità plotter da taglio Summa Utilità plotter da taglio Summa 1 Utilità plotter da taglio Nelle righe seguenti sono descritte le utilità che possono essere installate con questo programma: 1. Plug-in per CorelDraw (dalla versione 11

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso RICOH TotalFlow Print Manager Guida rapida alle Istruzioni per l'uso Guida rapida Version 3.0.0 Per le informazioni non presenti in questo manuale, fare riferimento alla Guida del prodotto in uso. Leggere

Dettagli

Interfaccia software per pc

Interfaccia software per pc Interfaccia software per pc Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto un prodotto Esse-ti Questo prodotto è stato progettato appositamente per facilitare l'utente nelle attività telefoniche quotidiane.

Dettagli

Disciplina informatica Uso di Excel

Disciplina informatica Uso di Excel Disciplina informatica Uso di Excel Mario Gentili Definizione Il foglio elettronico, conosciuto anche come foglio di calcolo, è una griglia di caselle all interno delle quali possono essere inseriti non

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente Numero riferimento: 20120101 Edizione: marzo 2012 2 Avvisi legali Copyright 2012 Hewlett-Packard Development Company,

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

LabelShop 8. Manuale dell amministratore. Admin Guide

LabelShop 8. Manuale dell amministratore. Admin Guide LabelShop 8 Manuale dell amministratore Admin Guide Guida per l amministratore DOC-OEMCS8-GA-IT-02/03/06 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere

Dettagli

Guida operativa di EMP Monitor

Guida operativa di EMP Monitor Guida operativa di EMP Monitor Significato dei simboli utilizzati 1 Attenzione Indica una situazione che può provocare lesioni o danni al proiettore. Suggerimento Indica informazioni relative a un argomento

Dettagli

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11.

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11. Sommario 1. SOMMARIO... 3 1. Guida introduttiva... 3 2. L ACCESSO... 3 1. MASCHERA PRINCIPALE... 4 1.1 Codice... 4 1.2 Marca... 4 1.3 Descrizione... 4 1.4 Descrizione 2... 4 1.5 Taglia o Confezione...

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Aurora Communicator. Utilità di monitoraggio per Inverter Aurora. Manuale dell utente

Aurora Communicator. Utilità di monitoraggio per Inverter Aurora. Manuale dell utente Aurora Communicator Utilità di monitoraggio per Inverter Aurora Manuale dell utente Data versione autore note 22/11/10 2.4 Nocentini Lorenzo Nota for Windows Sette Il presente lavoro non è pubblicato,

Dettagli

Software Comfort x35 Professional. Manuale di istruzioni. testo x35 Professional

Software Comfort x35 Professional. Manuale di istruzioni. testo x35 Professional Software Comfort x35 Professional Manuale di istruzioni it testo x35 Professional Accordo di licenza Si tratta di un contratto, che vincola legalmente il cliente, inteso come utente finale, e la Testo.

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Guida all installazione

Guida all installazione Guida all installazione Introduzione ScanRouter V2 Lite è un server consegna che può consegnare i documenti letti da uno scanner o consegnati da DeskTopBinder V2 a una determinata destinazione attraverso

Dettagli

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Gaetano D Aquila Sommario Cosa è un foglio elettronico Caratteristiche di Microsoft Excel Inserimento e manipolazione dei dati Il formato dei dati

Dettagli

TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. versione 6.xx

TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE. versione 6.xx TELEBOX 328 INTERFACCIA TELEFONICA PER SECURBOX 368 MANUALE DI PROGRAMMAZIONE versione 6.xx INDICE 1.1 INTRODUZIONE 2.1 STRUTTURA 2.2 CARATTERISTICHE 2.3 INFORMAZIONI PRELIMINARI 3.1 NUMERI TELEFONICI

Dettagli

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente

Samsung Drive Manager Manuale per l'utente Samsung Drive Manager Manuale per l'utente I contenuti di questo manuale sono soggetti a modifica senza preavviso. Se non diversamente specificato, le aziende, i nomi e i dati utilizzati in questi esempi

Dettagli

NetSpot Console Manuale dell'utente

NetSpot Console Manuale dell'utente NetSpot Console Manuale dell'utente NetSpot Console Prefazione Questo manuale contiene le descrizioni di tutte le funzioni e delle istruzioni operative per NetSpot Console. Si consiglia di leggerlo con

Dettagli

Server USB Manuale dell'utente

Server USB Manuale dell'utente Server USB Manuale dell'utente - 1 - Copyright 2010Informazioni sul copyright Copyright 2010. Tutti i diritti riservati. Disclaimer Incorporated non è responsabile per errori tecnici o editoriali od omissioni

Dettagli

Istruzioni per l uso Display grafico per SINEAX CAM

Istruzioni per l uso Display grafico per SINEAX CAM Istruzioni per l uso Display grafico per SINEAX CAM CAM Display Bi 162 602 06.10 Camille Bauer AG Aargauerstrasse 7 CH-5610 Wohlen / Svizzera Telefono +41 56 618 21 11 Fax +41 56 618 35 35 e-mail: info@camillebauer.com

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

CREAZIONE O AGGIORNAMENTO DI UN PROFILO UTENTE

CREAZIONE O AGGIORNAMENTO DI UN PROFILO UTENTE SCHEDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Benvenuti in Dragon NaturallySpeaking 11. Per la versione aggiornata del Manuale dell utente e di altre risorse, visitare il sito Web all indirizzo http://italy.nuance.com/support/userguides.asp

Dettagli