COMUNE DI SAN PIETRO A MAIDA (Provincia di Catanzaro)

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAN PIETRO A MAIDA (Provincia di Catanzaro)"

Transcript

1 COMUNE DI SAN PIETRO A MAIDA (Provincia di Catanzaro) Delibera N 135 Del 12/11/2010 Copia Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: RICORSO STRAORDINARIO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AUTORIZZAZIONE AL SINDACO A PRESENTARE MEMORIA DIFENSIVA. L anno 2010 il giorno dodici del mese di novembre dalle ore 16,45 a seguire, nella sala delle adunanze del Comune di San Pietro a Maida, appositamente convocata, la Giunta Comunale si è riunita con la presenza dei signori: ASSESSORI PRESENTI ASSENTI PIETRO PUTAME Sindaco X SEBASTIANO SENESE Vice Sindaco X DE SANDO BRUNO Assessore X CALISTO FRANCESCO Assessore X PROCOPIO FRANCESCO Assessore X AZZARITO LORETTA Assessore X MELITO GIOVANDOMENICO Assessore X Partecipa il Segretario Comunale verbalizzante Dott.ssa Rosetta Cefalà. Il Sindaco, constatato che gli intervenuti sono in numero legale, dichiara aperta la riunione ed invita i convocati a deliberare sull oggetto sopraindicato.

2 LA GIUNTA COMUNALE Premesso che in data veniva notificato al Comune di San Pietro a Maida, ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica, ricorrente D Agostino Natalina Francesca, avverso provvedimento di accoglimento della D.I.A. in sanatoria presentata dalla Sig.ra D Agostino Caterina relativa ai lavori eseguiti nel garage posto al piano terra del fabbricato sito in Vico V P.A. Sgrò, individuato catastalmente al foglio 13, particella 1036 sub 4 e 5; Rilevato che le argomentazioni contenute nel ricorso presentano motivi di perplessità in ordine al contenuto nonchè ai tempi ed alle formalità di presentazione del ricorso; Esaminata la bozza di memoria difensiva predisposta dagli uffici comunali e ritenuto di autorizzare la resistenza dell Amministrazione comunale avverso il ricorso presentato sulla base delle argomentazioni contenute nell atto difensivo; Rilevata l opportunità di mantenere il ricorso nell ambito della procedura di ricorso amministrativo straordinario e di non richiedere, mediante opposizione di cui all articolo 10 del citato D.P.R. 1199/71 come integrata dal dispositivo della sentenza della Corte costituzionale 9-29 luglio 1982, n. 148, la trasposizione del ricorso in sede giurisdizionale in quanto: a) il procedimento in sede di ricorso straordinario presenta il vantaggio che è esaminato con maggiore semplicità procedurale in un unico grado di giudizio; b) tale procedimento non comporta la necessità della difesa tecnica prevista per i procedimenti giurisdizionali e, quindi, consente un risparmio di spesa; Ritenuto di autorizzare il Sindaco a presentare le difese, sulla base della memoria che viene allegata quale parte sostanziale ed integrante del presente provvedimento, secondo le procedure previste dal D.P.R , n (Semplificazione dei procedimenti in materia di ricorsi amministrativi) con ogni più ampia facoltà di integrare gli atti difensivi in sede di ricorso straordinario; Attesa la propria competenza ai sensi dell articolo 48 D.Leg.vo 267/2000; Ritenuto di procedere con urgenza al fine di trasmettere con massima sollecitudine tutta la pratica al ministro competente secondo il disposto dell articolo 9, 3 del citato D.P.R. 1199/71 unitamente alle difese dell amministrazione in modo da rendere maggiormente spedito e completo il contradditorio; Visto il parere favorevole espresso, sotto il profilo della regolarità tecnico-amministrativa, ex art. 49 D.Lg.vo, dal segretario comunale in sostituzione del Responsabile dell Area Amministrativa; Dato atto che il presente provvedimento non comporta impegno di spesa e non necessita, pertanto, del parere di regolarità contabile e dell attestazione di copertura finanziaria; ad unanimità di voti espressi nelle forme di legge DELIBERA

3 1. di autorizzare l Amministrazione di resistere al ricorso straordinario di cui in narrativa mediante la presentazione della memoria difensiva allegata al presente provvedimento quale parte sostanziale ed integrante; 2. di autorizzare il Sindaco alla sottoscrizione e presentazione della memoria difensiva di cui al punto precedente, della documentazione da produrre ai fini istruttori e di ogni altro atto utile nell ambito del procedimento che si rendesse necessario (in caso di richiesta da parte dell organo competente per l istruttoria) od opportuno per la migliore difesa dell Amministrazione comunale; 3. di dare atto che il presente provvedimento non comporta impegno di spesa; 4. di comunicare ai capigruppo consiliari copia del presente atto, ai sensi e nei tempi previsti dall art. 51, comma 3 della L.R. 1/1993 e s.m. come modificato dall art. 11 della L.R. 10/1998; 5. di informare che, ai sensi dell art. 5 della L.R. 13/1993, avverso alla presente deliberazione è ammesso ricorso amministrativo entro il periodo di pubblicazione (art. 52 L.R. 1/1993 e s.m.), ricorso giurisdizionale al Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento entro 60 giorni dalla data di scadenza del termine di pubblicazione (art. 2 lett. b) L. 1034/1971), o, in alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla data di scadenza del termine di pubblicazione (art. 8 D.P.R. 1199/1971); 6. di dichiarare il presente provvedimento immediatamente eseguibile.

4 COMUNE DI SAN PIETRO A MAIDA Provincia di Catanzaro Proposta di deliberazione per: Giunta Comunale Consiglio Comunale Oggetto: RICORSO STRAORDINARIO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AUTORIZZAZIONE AL SINDACO A PRESENTARE MEMORIA DIFENSIVA.. PARERI AI SENSI DELL ART. 49 comma 1 del D.Lgs 267/2000 PARERE DI REGOLARITA TECNICA-AMMINISTRATIVA Visto, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica-amministrativa della deliberazione sopra indicata. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO F.F. PARERE DI REGOLARITA CONTABILE Visto, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità contabile della deliberazione sopra indicata. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO NON DOVUTO

5 Comune di San Pietro a Maida (Provincia di Catanzaro) Del che il presente verbale che viene letto, approvato e sottoscritto come segue: IL SINDACO F.to Dott. Pietro Putame F.to Dott.ssa Rosetta Cefalà Rep. Pubbl. n. Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d Ufficio, Che la presente deliberazione: A T T E S T A E stata affissa all Albo Pretorio Comunale per quindici giorni consecutivi a partire dal come previsto dall art. 124, comma 1, D.Lgs 18/08/2000 n 267; E stata comunicata, con lettera n.7600 in data , ai signori capigruppo consiliari; F.to Dott.ssa Rosetta Cefalà Il sottoscritto inoltre A T T E S T A che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il giorno perché dichiarata immediatamente eseguibile (art. 134, comma 4, D.Lgs 18/08/2000 n. 267); perché decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (art. 134, comma 3, D.Lgs 18/08/2000 n. 267). E copia conforme all originale da servire per uso amministrativo. Dalla residenza municipale li