REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIREZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE E METODO E DEL PERSONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIREZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE E METODO E DEL PERSONALE"

Transcript

1 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DIREZIONE GENERALE DELL ORGANIZZAZIONE E METODO E DEL PERSONALE ANNO XLII 2 marzo 2005 Numero 1/2005 NOTIZIARIO UFFICIALE DEL PERSONALE REGIONALE EDIZIONE STRAORDINARIA Raccolta quesiti relativi alla selezione interna per titoli ed esami per l accesso al livello economico iniziale della Categoria D dell Amministrazione regionale (D.A. 592/P del 17 giugno 2003 e successive modificazioni)

2 Regione autonoma della Sardegna Selezione interna per titoli ed esami per l'accesso al livello economico iniziale della categoria D dell'amministrazione regionale. Pagina 1 di 89

3 Parte generale Parte generale 400 Materia: Disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa: Capo I, Capo II (escluse le sezioni II, III, V, VI e VIII), Capo III, Capo V e Capo VI del D.P.R. 28 dicembre 2000 n D1 Numero : 82 1 ) CON QUALE TERMINE IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DEFINISCE L'ATTESTAZIONE, DA PARTE DI UN PUBBLICO UFFICIALE, CHE UNA SOTTOSCRIZIONE È STATA APPOSTA IN SUA PRESENZA, PREVIO ACCERTAMENTO DELL'IDENTITÀ DELLA PERSONA CHE SOTTOSCRIVE? 2 ) QUALI TIPI DI ATTI POSSONO ESSERE DEFINITI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI AI SENSI DEL D.P.R. 445/200: 3 ) CON QUALE TERMINE IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DEFINISCE IL DOCUMENTO RILASCIATO DA UNA AMMINISTRAZIONE PUBBLICA AVENTE FUNZIONE DI RICOGNIZIONE, RIPRODUZIONE E PARTECIPAZIONE A TERZI DI STATI, QUALITÀ PERSONALI E FATTI CONTENUTI IN ALBI, ELENCHI O REGISTRI PUBBLICI? 4 ) IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DEFINISCE L'ATTESTAZIONE UFFICIALE DELLA LEGALE QUALITÀ DI CHI HA APPOSTO LA PROPRIA FIRMA SOPRA ATTI, CERTIFICATI, COPIE ED ESTRATTI, NONCHÉ DELL'AUTENTICITÀ DELLA FIRMA STESSA 5 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, PER DOCUMENTO DI IDENTITÀ ELETTRONICO SI INTENDE: 6 ) AI FINI DEL D.P.R. NR 445/2000, PER DOCUMENTO INFORMATICO SI INTENDE: 7 ) I CITTADINI DI STATI NON APPARTENENTI ALL UNIONE EUROPEA POSSONO UTILIZZARE LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE PREVISTE DALL ORDINAMENTO ITALIANO? 8 ) LE DISPOSIZIONI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA SI APPLICANO ANCHE ALLE PERSONE GIURIDICHE? 9 ) IN QUALE CASO LE DISPOSIZIONI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA SI APPLICANO ANCHE ALLE ASSOCIAZIONI ED AI COMITATI? 10 ) IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA STABILISCE CHE, IN CASO DI IMPEDIMENTO ALLA SOTTOSCRIZIONE, LA DICHIARAZIONE È RACCOLTA: 11 ) SE L'INTERESSATO È SOGGETTO ALLA POTESTÀ DEI GENITORI, LE DICHIARAZIONI E I DOCUMENTI DI CUI AL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA SONO SOTTOSCRITTI: 12 ) SE L'INTERESSATO È SOGGETTO A CURATELA, DA CHI SONO SOTTOSCRITTI I DOCUMENTI DI CUI AL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA? Pagina 2 di 89

4 Parte generale 13 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, CON LA RIPRODUZIONE SU QUALI MEZZI O SUPPORTI LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ED I PRIVATI HANNO LA FACOLTÀ DI SOSTITUIRE, A TUTTI GLI EFFETTI, I DOCUMENTI DEI PROPRI ARCHIVI? 14 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, GLI ATTI PUBBLICI E LE CERTIFICAZIONI POSSONO CONTENERE ABBREVIAZIONI ED ESPRESSIONI IN LINGUA STRANIERA? 15 ) IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA STABILISCE CHE TUTTE LE ISTANZE DA PRESENTARE AGLI ESERCENTI DI PUBBLICI SERVIZI: 16 ) SONO VALIDE LE ISTANZE E LE DICHIARAZIONI DA PRESENTARE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, INVIATE PER VIA TELEMATICA? 17 ) LE ISTANZE E LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETÀ DA PRODURRE AGLI ORGANI DELLA AMMINISTRAZIONE PUBBLICA SONO SOTTOSCRITTE DALL'INTERESSATO: 18 ) IN QUALI CASI, A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, LE ISTANZE DA PRESENTARE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE POSSONO ESSERE INVIATE ANCHE PER FAX E VIA TELEMATICA? 19 ) È SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE LA SOTTOSCRIZIONE DELLE DOMANDE PER LA PARTECIPAZIONE A SELEZIONI PER L'ASSUNZIONE, A QUALSIASI TITOLO, NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI? 20 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, LA SOTTOSCRIZIONE DELLE DOMANDE PER LA PARTECIPAZIONE AD ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DI ABILITAZIONI, DIPLOMI O TITOLI CULTURALI: 21 ) A INORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, LE CERTIFICAZIONI CONTESTUALI: 22 ) IN QUALI CASI I CERTIFICATI RILASCIATI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ATTESTANTI STATI, QUALITÀ PERSONALI E FATTI NON SOGGETTI A MODIFICAZIONI HANNO VALIDITÀ ILLIMITATA? 23 ) QUALE VALIDITÀ TEMPORALE HANNO LE CERTIFICAZIONI RILASCIATE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ATTESTANTI STATI, QUALITÀ PERSONALI E FATTI SOGGETTI A MODIFICAZIONI? 24 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, I CERTIFICATI ANAGRAFICI DEVONO ESSERE AMMESSI DAI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ANCHE OLTRE I TERMINI DI VALIDITÀ: 25 ) IN QUALI CASI LE CERTIFICAZIONI DELLO STATO CIVILE SONO AMMESSE DAGLI ESERCENTI DI PUBBLICI SERVIZI ANCHE OLTRE I TERMINI DI VALIDITÀ? 26 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, GLI ESTRATTI E LE COPIE INTEGRALI DEGLI ATTI DI STATO CIVILE SONO AMMESSI DAI GESTORI O ESERCENTI DI PUBBLICI SERVIZI ANCHE OLTRE I TERMINI DI VALIDITÀ: 27 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, LE CERTIFICAZIONI DELLO STATO CIVILE SONO AMMESSE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ANCHE OLTRE I TERMINI DI VALIDITÀ: Pagina 3 di 89

5 Parte generale 28 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, QUANDO È NECESSARIO, CON QUALI MODALITÀ SONO ACQUISITE DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI GLI ESTRATTI DEGLI ATTI DI STATO CIVILE? 29 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, I DATI RELATIVI A COGNOME E NOME ATTESTATI IN DOCUMENTI D'IDENTITÀ O DI RICONOSCIMENTO IN CORSO DI VALIDITÀ POSSONO ESSERE COMPROVATI: 30 ) I DATI RELATIVI A COGNOME, NOME, LUOGO E DATA DI NASCITA, CITTADINANZA, RESIDENZA E STATO CIVILE ATTESTATI IN DOCUMENTI D IDENTITÀ POSSONO ESSERE COMPROVATI MEDIANTE ESIBIZIONE DEI DOCUMENTI MEDESIMI ANCHE SE QUESTI NON SIANO IN CORSO DI VALIDITÀ? 31 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, I DATI RELATIVI A LUOGO E DATA DI NASCITA ATTESTATI IN DOCUMENTI D'IDENTITÀ O DI RICONOSCIMENTO IN CORSO DI VALIDITÀ POSSONO ESSERECOMPROVATI: 32 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, I DATI RELATIVI ALLA CITTADINANZA ATTESTATI IN DOCUMENTI D'IDENTITÀ O DI RICONOSCIMENTO IN CORSO DI VALIDITÀ POSSONO ESSERE COMPROVATI: 33 ) POSSONO ESSERE OGGETTO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA LE SITUAZIONI RELATIVE ALL ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI MILITARI, IVI COMPRESE QUELLE ATTESTATE NEL FOGLIO MATRICOLARE DELLO STATO DI SERVIZIO? 34 ) È AMMESSA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA CERTIFICAZIONE ATTESTANTE UN DECESSO? 35 ) IN QUALI CASI IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA CONSENTE CHE I DATI RELATIVI ALLO STATO DI DISOCCUPAZIONE POSSONO ESSERE COMPROVATI MEDIANTE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI? 36 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, IN QUALI CASI È AMMESSA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PER CERTIFICARE DI NON AVER RIPORTATO CONDANNE PENALI? 37 ) È AMMESSA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PER CERTIFICARE DI APPARTENERE AD UN ORDINE PROFESSIONALE? 38 ) IN QUALI CASI I DATI RELATIVI ALLA SITUAZIONE REDDITUALE POSSONO ESSERE COMPROVATI MEDIANTE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI? 39 ) AI FINI DEL RILASCIO DEL DUPLICATO, LO SMARRIMENTO DEI DOCUMENTI ATTESTANTI STATI E QUALITÀ PERSONALI PUÒ ESSERE COMPROVATO DALLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL INTERESSATO? 40 ) IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA STABILISCE CHE I MODULI NECESSARI PER LA REDAZIONE DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DEVONO ESSERE: 41 ) CHE VALIDITÀ TEMPORALE HANNO LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE? 42 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, I CERTIFICATI MEDICI, SANITARI E VETERINARI POSSONO ESSERE SOSTITUITI DA ALTRO DOCUMENTO? Pagina 4 di 89

6 Parte generale 43 ) IN QUALI CASI LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PROCEDENTI POSSONO EFFETTUARE CONTROLLI SULLA VERIDICITÀ DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE? 44 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, QUALORA LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE PRESENTINO IRREGOLARITÀ RILEVABILI D UFFICIO MA NON COSTITUENTI FALSITÀ: 45 ) QUALE TIPI DI RESPONSABILITÀ GRAVA SUI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI CHE HANNO EMANATO ATTI CONSEGUENTI A FALSE DICHIARAZIONI O FALSI DOCUMENTI PRODOTTI DALL INTERESSATO? 46 ) QUANDO L'EMANAZIONE DI ATTI AMMINISTRATIVI SIA CONSEGUENZA DI FALSE DICHIARAZIONI O DI DOCUMENTI FALSI O CONTENENTI DATI NON PIÙ RISPONDENTI A VERITÀ, PRODOTTI DALL'INTERESSATO O DA TERZI, LE PUBBLICHE AMINISRAZIONI ED I LORO DIPENDENTI: 47 ) QUALE TIPO DI VIOLAZIONE COSTITUISCE LA MANCATA ACCETTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE O ATTO DI NOTORIETÀ, RESA A NORMA DELLE DISPOSIZIONI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA? 48 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, L ESIBIZIONE DI UN ATTO CONTENENTE DATI CONSAPEVOLMENTE NON PIÙ CORRISPONDENTI AL VERO: 49 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, L ESIBIZIONE DI UN ATTO CONTENENTE DATI CONSAPEVOLMENTE NON PIÙ CORRISPONDENTI AL VERO: 50 ) Il Documento Informatico è definito dall art.1 del D.P.R. 445/2000? 51 ) Il segretario comunale, ai sensi dell'art. 18 del D.P.R. 445/2000, può autenticare copia di un documento 52 ) Ai sensi dell art. 74 D.P.R. 445/2000, il rifiuto di accettare l attestazione di cittadinanza italiana mediante un documento di riconoscimento da parte del dipendente, costituisce violazione dei doveri d ufficio: 53 ) Ai sensi dell Art. 49 DPR 445/2000, il certificato veterinario può essere sostituito da altro documento? 54 ) IL DOCUMENTO D IDENTITÀ ELETTRONICO, DISCIPLINATO DAL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, PUÒ CONTENERE: 55 ) IN QUALI CASI È SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE LA SOTTOSCRIZIONE DELLE DOMANDE PER LA PARTECIPAZIONE A SELEZIONI PER L'ASSUNZIONE, A QUALSIASI TITOLO, NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI O AD ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DI TITOLI CULTURALI? 56 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, CHE TIPO DI ILLECITO COSTITUISCE L ESIBIZIONE DI UN ATTO CONTENENTE DATI CONSAPEVOLMENTE NON PIÙ CORRISPONDENTI AL VERO? 57 ) COME SI DEFINISCE IL DOCUMENTO RILASCIATO SU SUPPORTO TELEMATICO PER CONSENTIRE L ACCESSO PER VIA TELEMATICA AI SERVIZI EROGATI DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE? Pagina 5 di 89

7 Parte generale 58 ) I DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SONO ESENTI DA RESPONSABILITÀ PER GLI ATTI AMMINISTRATIVI EMANATI IN CONSEGUENZA DI FALSE DICHIARAZIONI PRODOTTE DALL'INTERESSATO O DA TERZI? 59 ) LE NORME CONTENUTE NEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA RELATIVE ALL IMPEDIMENTO ALLA SOTTOSCRIZIONE O ALLA DICHIARAZIONE, SI APPLICANO ANCHE IN MATERIA DI DICHIARAZIONI FISCALI? 60 ) QUALORA L INTERESSATO DEBBA PRESENTARE ALLE AMMINISTRAZIONI COPIA AUTENTICA DI UN DOCUMENTO, L AUTENTICAZIONE DELLA COPIA: 61 ) È OBBLIGATORIA L INDICAZIONE DELLO STATO CIVILE NEI DOCUMENTI D IDENTITÀ? 62 ) I CERTIFICATI RILASCIATI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ATTESTANTI STATI E, QUALITÀ PERSONALI HANNO VALIDITÀ: 63 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, LE AMMINISTRAZIONI CHE DETENGONO NEI PROPRI ARCHIVI LE INFORMAZIONI ED I DATI CONTENUTI NELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE, SI DEFINISCONO: 64 ) PUÒ ESSERE COMPROVATO MEDIANTE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE IL FATTO DI NON TROVARSI IN STATO DI LIQUIDAZIONE O DI FALLIMENTO? 65 ) A NORMA DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, I CERTIFICATI DI CONFORMITÀ CE, DI MARCHI O BREVETTI, POSSONO ESSERE SOSTITUITI DA ALTRO DOCUMENTO? 66 ) LE NORME DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DISCIPLINANO ANCHE LA PRODUZIONE DI ATTI E DOCUMENTI AI PRIVATI? 67 ) LA CARTA D IDENTITÀ SU SUPPORTO CARTACEO PUÒ ESSERE RINNOVATA A DECORRERE: 68 ) IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA STABILISCE CHE LE DICHIARAZIONI DA PRESENTARE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, INVIATE PER VIA TELEMATICA, SONO VALIDE: 69 ) AI SENSI DEL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA, LE AMMINISTRAZIONI CHE RICEVONO LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONE O DI ATTO DI NOTORIETÀ, SI DEFINISCONO: 70 ) LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ CHE ATTESTA LA CONFORMITÀ ALL ORIGINALE DI UNA COPIA DI UN DOCUMENTO RILASCIATO DA UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PUÒ ESSERE APPOSTA IN CALCE ALLA COPIA STESSA? 71 ) I SOGGETTI INTERESSATI HANNO L OBBLIGO DI UTILIZZARE I MODULI NECESSARI PER LA REDAZIONE DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE PREDISPOSTI DALLE SINGOLE AMMINISTRAZIONI? 72 ) I TITOLI DI ABILITAZIONE RILASCIATI AL TERMINE DI CORSI DI FORMAZIONE O DI PROCEDIMENTI AUTORIZZATORI ALL ESERCIZIO DI DETERMINATE ATTIVITÀ, SONO DENOMINATI, RISPETTIVAMENTE: Pagina 6 di 89

8 Parte generale 73 ) NEL CASO IN CUI, ALL'ATTO DELLA PRESENTAZIONE DI UN'ISTANZA, SIA RICHIESTA L'ESIBIZIONE DI UN DOCUMENTO DI IDENTITÀ O DI RICONOSCIMENTO, I GESTORI O ESERCENTI DI PUBBLICI SERVIZI: 74 ) LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETÀ RESA NELL INTERESSE PROPRIO DEL DICHIARANTE, PUÒ RIGUARDARE ANCHE STATI, QUALITÀ PERSONALI E FATTI RELATIVI AD ALTRI SOGGETTI? 75 ) LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PROCEDENTI EFFETTUANO CONTROLLI SULLA VERIDICITÀ DELLE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE: 76 ) NON COSTITUISCE VIOLAZIONE DEI DOVERI D UFFICIO DEL DIPENDENTE DI UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PREVISTA DAL TESTO UNICO NR.445/2000: 77 ) CON QUALE TERMINE IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DEFINISCE I GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI CHE RICEVONO, NEI RAPPORTI CON L UTENZA, LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETÀ? 78 ) IN QUALI CASI I DATI RELATIVI ALLO STATO DI DISOCCUPAZIONE POSSONO ESSERE COMPROVATI MEDIANTE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONI? 79 ) LE AMMINISTRAZIONI CERTIFICANTI SONO TENUTE A CONSENTIRE ALLE AMMINISTRAZIONI PROCEDENTI LA CONSULTAZIONE PER VIA TELEMATICA DEI LORO ARCHIVI INFORMATICI? 80 ) LA CARTA D IDENTITÀ ELETTRONICA DEVE NECESSARIAMENTE CONTENERE: 81 ) LE COPIE AUTENTICHE DI ATTI O DOCUMENTI POSSONO ESSERE PRODOTTE IN LUOGO DELL ORIGINALE? 82 ) IL TESTO UNICO IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DEFINISCE: Pagina 7 di 89

9 Parte generale Materia: L.R. 13 novembre 1998 n. 31, concernente "Disciplina del personale regionale e dell'organizzazione degli uffici della Regione" e successive modificazioni. (escluso il titolo VII) D2 Numero : ) Ai sensi dell'art.46 della L.R. Sardegna n.31/98 l'amministrazione e gli enti possono costituire rapporti da lavoro a tempo parziale? 2 ) Ai sensi dell'art.36 della L.R. Sardegna n.31/98, con quale atto il dipendente può essere adibito a mansioni proprie della qualifica immediatamente superiore a quella di appartenenza? 3 ) Ai sensi della L.R. 13/11/1998, n. 31, la contrattazione collettiva per il personale dell'amministrazione regionale e degli enti può essere: 4 ) La contrattazione collettiva per il personale dell'amministrazione regionale e degli enti su quali materie si può svolgere: 5 ) In quanti comparti di contrattazione è strutturato ii personale dell'amministrazione regionale e degli enti: 6 ) Nell'ambito della contrattazione, per il personale del Corpo forestale e di vigilanza ambientale sono stabilite discipline distinte nell'ambito del contratto di comparto? 7 ) I dirigenti dell'amministrazione regionale costituiscono una autonoma e separata area di contrattazione all'interno del comparto? 8 ) Come viene disciplinata la durata dei contratti collettivi del personale dell'amministrazione regionale? 9 ) Nella contrattazione collettiva, la Regione è rappresentata: 10 ) Da chi è nominato il Comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, nell'ambito dei contratti collettivi regionali: 11 ) Da quanti membri è composto il Comitato che rappresenta la Regione sarda, nell'ambito della negoziazione dei contratti collettivi regionali: 12 ) I membri del Comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, possono rivestire incarichi pubblici elettivi o avere cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali? 13 ) I membri del Comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, possono essere dipendenti, in servizio o in quiescenza, dell'amministrazione regionale o degli enti? 14 ) Il Comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, adotta le sue deliberazione: 15 ) Per le attività di segreteria, il Comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, si avvale: 16 ) Il Comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, nell'espletamento della sua attività, può avvalersi: Pagina 8 di 89

10 Parte generale 17 ) Il comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda ammette alla contrattazione collettiva regionale le organizzazioni sindacali che abbiano rispettivamente, nel comparto o nella separata area di contrattazione per la dirigenza, una rappresentatività: 18 ) Come viene determinata la rappresentatività delle organizzazioni sindacali, ammesse dal comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda alla contrattazione collettiva regionale, nel comparto o nella separata area di contrattazione per la dirigenza: 19 ) Quale è una condizione per essere ammessi, dal comitato per la rappresentanza negoziale della Regione sarda, alle trattative contrattuali, nel comparto o nella separata area di contrattazione per la dirigenza: 20 ) Come viene determitato l'ammontare massimo delle risorse finanziarie da destinare alla contrattazione collettiva: 21 ) Qual è uno dei casi per l'assegnazione temporanea a mansioni superiori del dipendente dell'amministrazione regionale: 22 ) Su quale bilancio grava la spesa per gli oneri contrattuali del personale dell'amministrazione regionale e degli enti, della Regione Sardegna: 23 ) Una volta che i contratti collettivi per il personale dell'amministrazione regionale, sono stati sottoscritti, a chi compete ripartire ed assegnare le somme occorrenti per la copertura dei costi contrattuali: 24 ) Il comitato per la rappresentanza negoziale della Regione, nello svolgimento delle trattative è tenuto: 25 ) Nell'ambito della contrattazione collettiva il comitato per la rappresentanza negoziale della Regione, è competente autonomo nel definire le linee generli della contrattazione? 26 ) Per la realizzazione del controllo interno di gestione è istituito un ufficio che opera in posizione di autonomia; presso quale struttura opera? 27 ) Quali, tra quelli sotto elencati, sono compiti dell'ufficio designato ad effettuare il controllo interno di gestione? 28 ) Al fine di garantire pari opportunità per l'accesso al lavoro e per il trattamento sul lavoro, l'amministrazione regionale e gli enti, quanti posti riservano a ciascuno dei sessi, salva motivata impossibilità, nella formazione degli elenchi per la composizione delle commissioni di concorso? 29 ) Alla direzione dell'ufficio del controllo interno di gestione dell'amministrazione regionale è preposta una commissione composta da tre esperti di indiscussa autonomia professionale, estranei all'amministrazione ed agli enti, uno dei quali è con la funzione di presidente. Da chi è nominata? 30 ) Se richiesto dal dirigente dell'unità organizzativa cui è addetto e senza che ciò implichi variazioni nel trattamento economico, il prestatore di lavoro può essere adibito a svolgere compiti specifici non prevalenti della qualifica superiore, ovvero, occasionalmente e ove possibile con criteri di rotazione, compiti o mansioni della qualifica immediatamente inferiore? 31 ) Se l'utilizzazione del dipendente, per lo svolgimento di mansioni superiori, è disposta per sopperire a vacanza di posto in organico, devono essere avviate le procedure per la copertura del posto vacante? Pagina 9 di 89

11 Parte generale 32 ) Possono essere adottati provvedimenti di variazione provvisoria della dotazione organica delle direzioni generali, ferma restando la dotazione organica complessiva dell'amministrazione regionale? 33 ) Chi adotta i provvedimenti di variazione provvisoria delle dotazioni organiche dell'amministrazione regionale? 34 ) Il dipendente dell'amministrazione regionale può svolgere incarichi temporanei a favore di soggetti pubblici o assumere cariche in società non aventi fine di lucro? 35 ) L'Amministrazione regionale e gli enti si possono conferire ai propri dipendenti incarichi, non compresi nei compiti e doveri d'ufficio? 36 ) Il dipendente dell'amministrazione regionale, a tempo parziale, può esercitare attività commerciali, industriali o professionali ovvero assumere impieghi alle dipendenze di soggetti pubblici o privati? 37 ) Salvo quanto previsto dagli artt. 22 e 44 della L.R. 31/98, la tipologia e l'entità delle infrazioni disciplinari e delle relative sanzioni sono definite: 38 ) Quale provvedimento disciplinare può essere adottato, nei confronti del dipendente dell'amministrazione regionale, senza avergli preventivamente contestato per iscritto l'addebito ed averlo sentito in sua difesa: 39 ) Quale percentuale di posti è riservata, nei concorsi pubblici per l'accesso al lavoro in qualifiche funzionali non dirigenziali, al personale di ruolo dell'amministrazione regionale e degli enti in possesso del titolo di studio richiesto per l'accesso dall'esterno per la qualifica per la quale si concorre e con almeno tre anni di servizio: 40 ) Come si concretizza il rapporto di lavoro e l'assunzione in servizio, del dipendente dell'ammnistrazione regionale e degli enti: 41 ) Come sono disciplinati i rapporti sindacali e gli istituti della partecipazione delle rappresentanze sindacali: 42 ) Nel caso di particolari esigenze speciali, per le quali non sia disponibile personale con la specifica competenza professionale richiesta all'interno dell'amministrazione regionale o degli enti, in quale modo sarà risolvibile il problema: 43 ) Il dirigente che deve applicare la sanzione disciplinare, a chi deve darne contestualmente comunicazione: 44 ) Quando l'applicazione della sanzione disciplinare è rimessa alla competenza della direzione generale competente in materia di personale, chi deve contestare l'addebito al dipendente, istruire il procedimento disciplinare e applicare la sanzione: 45 ) Quale dei seguenti non è un criterio di organizzazione stabilito dalla L.R. n.31/98? 46 ) Ai sensi della L.R. n.31/98 da cosa sono regolati i rapporti sindacali? 47 ) Quale delle seguenti non è una finalità del controllo interno di gestione previste dalla L.R. n.31/98? Pagina 10 di 89

12 Parte generale 48 ) Chi è preposto alla direzione dell'ufficio del controllo interno di gestione ai sensi della L.R. n.31/98? 49 ) Mediante quale strumento l'amministrazione e gli enti curano l'ottimale distribuzione delle risorse umane ai sensi della L.R. n.31/98? 50 ) Entro quanti giorni dall'approvazione del bilancio, la Giunta regionale, il Presidente e gli Assessori competenti provvedono a definire gli obiettivi e i programmi da attuare indicando le scale di priorità? 51 ) Quali categorie di personale dipendente sono escluse dall'applicazione della L.R. n.31/98? 52 ) A chi spetta l'adozione degli atti e provvedimenti amministrativi ai sensi dell'art.8 della L.R. n.31/98? 53 ) L'ufficio per il controllo interno di gestione, ai sensi dell'art. 10 della L.R. n.31/98 : 54 ) In quale settore devono avere competenza gli esperti preposti alla direzione dell'ufficio del controllo interno di gestione? 55 ) Ai sensi della L.R. n.31/98, l'amministrazione può ricorrere a processi di mobilità: 56 ) Le leggi regionali che introducano discipline del rapporto di lavoro, ai sensi dell'art.2 della L.R. n.31/98, possono essere derogate da successivi contratti collettivi? 57 ) La direzione politica, ai sensi della L.R. n.31/98 spetta: 58 ) Chi definisce le scale di priorità nella gestione delle risorse ai sensi dell'art.9 della L.R. n.31/98? 59 ) Chi determina le risorse finanziarie da destinare alle diverse finalità ai sensi dell'art.9 della L.R. n.31/98? 60 ) Quando acquistano efficacia gli atti di organizzazione di carattere generale ai sensi dell'art.2 della L.R. n.31/98? 61 ) Quando l'amministrazione e gli enti possono erogare trattamenti economici accessori ai sensi dell'art.6 della L.R. n.31/98? 62 ) In che misura l'amministrazione e gli enti devono garantire la partecipazione delle proprie dipendenti ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale ai sensi dell'art. 7 della L.R. n.31/98? 63 ) Coloro che rivestono cariche pubbliche elettive possono essere nominati nella commissione di direzione del servizio di controllo di gestione ai sensi dell'art.11 della L.R. n.31/98? 64 ) Ai sensi dell'art.44 della L.R. n.31/98 il dipendente dell'amministrazione può esercitare attività commerciali? 65 ) Entro quanti giorni deve essere contestato l'addebito ai dipendenti ai sensi dell'art.50 della L.R. n.31/98? 66 ) Entro quanti giorni dal ricevimento della contestazione il dipendente può chiedere di essere sentito a sua difesa ai sensi dell'art.50 della L.R. n.31/98? Pagina 11 di 89

13 Parte generale 67 ) Chi provvede ad erogare la sanzione non avente effetti economici ai sensi dell'art.50 della L.R. n.31/98? 68 ) Chi provvede ad erogare la sanzione avente effetti economici ai sensi dell'art.50 della L.R. n.31/98? 69 ) Quale è il termine massimo di differimento per l'esecuzione della sanzione previsto dall'art.50 della L.R. n.31/98? 70 ) Quali soggetti possono essere assunti mediante chiamata numerica degli iscritti nelle apposite liste di collocamento? 71 ) Mediante quali modalità avviene l'assunzione agli impieghi ai sensi dell'art.52 L.R. 31/98 per le qualifiche per le quali è richiesto il solo requisito della scuola dell'obbligo 72 ) Mediante quali modalità avviene l'assunzione agli impieghi ai sensi dell'art.52 L.R. 31/98 per le qualifiche per le quali è richiesto il diploma di scuola media superiore 73 ) Mediante quali modalità avviene l'assunzione agli impieghi ai sensi dell'art.52 L.R. 31/98 per le qualifiche per le quali è richiesto il diploma di laurea 74 ) Qual è il limite di età per l'accesso agli impieghi regionali ai sensi dell'art.53 della L.R. n.31/98? 75 ) I bandi di concorso per l'accesso nell'amministrazione regionale e negli enti ai sensi dell'art.53 della L.R. n.31/98 devono obbligatoriamente prevedere 'l'accertamento della conoscenza dell'uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e di almeno una lingua straniera? 76 ) Come si provvede alle assunzioni per concorso del personale dell'amministrazione e degli enti ai sensi dell'art.54 della L.R. n.31/98? 77 ) Nelle procedure di concorso per le assunzioni del personale dell'amministrazione e degli enti, ai sensi dell'art.54 della L.R. n.31/98, si possono utilizzare prove preselettive? 78 ) Per quanto tempo restano efficaci le graduatorie di merito previste dall'art.54 comma 4 della L.R. n.31/98? 79 ) Quale è il periodo minimo di permanenza nella sede di prima destinazione per i vincitori di concorso ai sensi dell'art.54 della L.R. n.31/98? 80 ) Quale percentuale di posti è riservata al personale interno nei concorsi per qualifiche non dirigenziali ai sensi dell'art.56 della L.R. n.31/98? 81 ) Con quale atto si costituisce il rapporto di lavoro ai sensi dell'art.57 della L.R. n.31/98? 82 ) Ai sensi dell'art.34 della L.R. n.31/98 il trattamento economico fondamentale dei dipendenti dell'amministrazione regionale è definito: 83 ) Ai sensi dell'art.34 della L.R. n.31/98, i contratti collettivi definiscono trattamenti accessori collegati: 84 ) Ai sensi dell'art.34 della L.R. n.31/98, i contratti collettivi definiscono trattamenti accessori collegati: Pagina 12 di 89

14 Parte generale 85 ) Ai sensi dell'art.34 della L.R. n.31/98, i contratti collettivi definiscono trattamenti accessori collegati: 86 ) Ai sensi dell'art.35 della L.R. n.31/98 il prestatore di lavoro deve essere adibito: 87 ) Ai sensi dell'art.44 della L.R. n.31/98 non è richiesta autorizzazione per: 88 ) Ai sensi dell'art.44 della L.R. n.31/98 non è richiesta autorizzazione per: 89 ) Ai sensi dell'art.44 della L.R. n.31/98 non è richiesta autorizzazione per: 90 ) Ai sensi dell'art.44 della L.R. n.31/98 non è richiesta autorizzazione per: 91 ) Ai sensi dell'art.34 della L.R. 31/98, il trattamento economico accessorio è definito: 92 ) Ai sensi dell'art.36 della L.R.31/98, l'esercizio temporaneo di mansioni superiori: 93 ) Ai sensi dell'art.39 della L.R.31/98 sono possibili trasferimenti di personale da una direzione generale all'altra? 94 ) Ai sensi dell'art.40 della L.R.31/98, l'amministrazione regionale è autorizzata a disporre il comando di proprio personale di ruolo: 95 ) Ai sensi dell'art.41 della L.R.31/98, è ammesso il distacco di personale dell'amministrazione e degli Enti presso altre amministrazioni? 96 ) Ai sensi dell'art.42 della L.R.31/98, i dipendenti dell'amministrazione e degli Enti cui sia stato conferito da un altro ente pubblico un incarico di funzione dirigenziale 97 ) Ai sensi dell'art.44 della L.R.31/98, il dipendente può esercitare attività commerciali, industriali o professionali? 98 ) Ai sensi dell'art.45 della L.R.31/98, il dipendente a tempo parziale può esercitare attività commerciali, industriali o professionali? 99 ) Ai sensi dell'art.46 della L.R.31/98, l'amministrazione e gli Enti possono costituire rapporti di lavoro a tempo parziale, relativamente a tutti i profili professionali delle diverse qualifiche professionali? 100 ) Ai sensi dell'art.47 della L.R.31/98, l'amministrazione e gli Enti possono fare ricorso a professionisti esterni? 101 ) Ai sensi dell'art.50 della L.R.31/98, quale organo è competente ad applicare le sanzioni disciplinari? 102 ) Ai sensi dell'art.52, comma 1, lett.a) della L.R.31/98, l'assunzione agli impieghi nell'amministrazione e negli Enti avviene: 103 ) Ai sensi dellart.54 della L.R.31/98, quanto tempo restano efficaci le graduatorie concorsuali dalla data della loro pubblicazione sul Bollettino Ufficiale? Pagina 13 di 89

15 Parte generale 104 ) Ai sensi dell'art.55 della L.R.31/98, può far parte di Commissioni giudicatrici di concorso chi sia rappresentante di organismi sindacali o sia stato designato da associazioni professionali? 105 ) Ai sensi dell'art.57 della L.R.31/98 il rapporto di lavoro si costituisce: 106 ) Ai sensi dell'art.50 della L.R. n.31/98 i termini per la contestazione dell'addebito e l'applicazione della sanzione sono: 107 ) Come è organizzata la Regione Sardegna ai sensi della L.R. 31/98? 108 ) Secondo il disposto della L.R. 31/98 le direzioni generali della Regione Sardegna sono: 109 ) Secondo il disposto della L.R. 31/98 i servizi della Regione Sardegna sono: 110 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n. 31/98, i servizi possono essere articolati in ulteriori unità organizzative? 111 ) Quali dei seguenti non è un criterio cui devono rispondere i servizi della Regione Sardegna in base alla L.R. 31/98? 112 ) Quale qualifica funzionale deve avere il soggetto preposto ai servizi della Regione Sardegna secondo il disposto della L.R. 31/98? 113 ) Quale qualifica funzionale deve avere il soggetto preposto alle direzioni generali della Regione Sardegna secondo il disposto della L.R. 31/98? 114 ) Quale qualifica funzionale deve avere il soggetto preposto alle ulteriori unità organizzative in cui sono articolati i servizi della Regione Sardegna secondo il disposto della L.R. 31/98? 115 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n. 31/98, i servizi e le loro articolazioni organizzative devono rispondere al criterio di organicità della struttura per attività omogenee e complementari? 116 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n. 31/98, i servizi e le loro articolazioni organizzative devono rispondere al criterio di rilevanza, sotto il profilo qualitativo, delle attività svolte e delle risorse umane e materiali assegnate? 117 ) Con quale atto si provvede all'istituzione delle direzioni generali previste dalla L. r. Sardegna n.31/98? 118 ) Con quale atto si provvede all'istituzione dei servizi previsti dalla L. r. Sardegna n.31/98? 119 ) Con quale atto si provvede all'istituzione delle ulteriori articolazioni organizzative dei servizi previste dalla L. r. Sardegna n.31/98? 120 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n.31/98, non possono essere istituite articolazioni: 121 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n.31/98, i decreti istitutivi dei servizi e delle loro articolazioni organizzative:: 122 ) Ai sensi della L.R. Sardegna n.31/98, le dotazioni organiche di ciascuna direzione generale, distinte per qualifiche funzionali e profili professionali, e quella complessiva del ruolo unico dell'amministrazione sono definite con periodicità: Pagina 14 di 89

16 Parte generale 123 ) Ai sensi della L.R. Sardegna n.31/98, con quale atto vengono definite le dotazioni organiche di ciascuna direzione generale, distinte per qualifiche funzionali e profili professionali, e quella complessiva del ruolo unico dell'amministrazione? 124 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n.31/98 come viene effettuata la rilevazione dei carichi di lavoro? 125 ) In base alla L.R. Sardegna n.31/98 la media delle quantità di atti o di operazioni prodotti in ciascuno degli anni presi in considerazione è un elemento di riferimento per la rilevazione dei carichi di lavoro? 126 ) In base alla L.R. Sardegna n.31/98 i tempi standard di esecuzione delle attività sono un elemento di riferimento per la rilevazione dei carichi di lavoro? 127 ) Secondo il disposto della L.R. Sardegna n.31/98, con quale cadenza gli enti procedono alla revisione delle proprie strutture organizzative e delle dotazioni organiche? 128 ) Qualora un ente non proceda contestualmente all'amministrazione alla revisione delle proprie strutture organizzative e dotazioni organiche e all'attuazione dei conseguenti processi di mobilità, l'assessore competente in materia di personale, previa fissazione di un termine entro cui provvedere: 129 ) Qual' è il termine minimo che l'assessore competente in materia di personale deve concedere ad un ente qualora quest'ultimo non proceda contestualmente all'amministrazione alla revisione delle proprie strutture organizzative e dotazioni organiche e all'attuazione dei conseguenti processi di mobilità prima di prendere i provvedimenti previsti dalla L.R. Sardegna n. 31/98? 130 ) Contestualmente alla proposta di bilancio annuale la Giunta regionale presenta al Consiglio una relazione sullo stato e i costi dell'organizzazione amministrativa regionale, con particolare riferimento, ai sensi della L.r. Sardegna n.31/98, per l'amministrazione e gli enti a istituzione, accorpamento e soppressione dei servizi e delle loro articolazioni organizzative? 131 ) Ai sensi dell'art.21 della L.R. Sardegna n. 31/98, la dirigenza è ordinata: 132 ) Da quale organo vengono adottati gli eventuali provvedimenti sanzionatori nei confronti dei dirigenti della Regione Sardegna? 133 ) Il dirigente ispettore può provvedere, ai sensi della L.R. Sardegna n.31/98, alle inchieste e alle ispezioni di carattere straordinario che si renda necessario effettuare in determinati uffici dell'amministrazione? 134 ) Mediante quale atto sono conferite le funzioni di direttore generale ai sensi della L.R. Sardegna n.31/98? 135 ) Ai sensi della L.R. Sardegna n.31/98, i decreti di attribuzione delle funzioni dirigenziali sono pubblicati: 136 ) Secondo il disposto della L.R. sardegna n. 31/98 le funzioni di direttore generale possono essere conferite anche a persone estranee all'amministrazione? Pagina 15 di 89

17 Parte generale Materia: L.R. 15 luglio 1986 n. 47 concernente "Norme sul diritto di accesso ai documenti amministrativi della Regione sarda" come modificata dall'art. 20 della L.R. 13/11/98 n. 31 e dall'art. 2 della L.R. 24 aprile 2001 n. 6. D3 Numero : 32 1 ) AL FINE DI REALIZZARE IL PRINCIPIO DI IMPARZIALITÀ E TRASPARENZA CUI DEVE ESSERE ISPIRATA L ATTIVITTÀ AMMINISTRATIVA DELLA REGIONE SARDEGNA: 2 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, È ASSICURATO IL DIRITTO DI ACCESSO A TUTTI I CITTADINI ANCHE AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DEGLI ENTI PUBBLICI? 3 ) LA NORMATIVA STABILITA DALLA L.R. 47/86 IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI, SI APPLICA: 4 ) LA NORMATIVA STABILITA DALLA L.R. 47/86 IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI, SI APPLICA AD OGNI RAPPRESENTAZIONE DI QUALUNQUE SPECIE DEL CONTENUTO DEGLI ATTI PREVISTI DALLA LEGGE? 5 ) IN BASE ALLE NORME SUL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELLA REGIONE SARDEGNA, IN QUALI CASI PUÒ ESSERE ESCLUSO IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI? 6 ) IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI, DISCIPLINATO DALLA DELLA L.R. 47/86, È ESERCITATO: 7 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, IN QUALI CASI, NELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO, LA VISURA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI È GRATUITA? 8 ) NELL ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO, DISCIPLINATO DALLA L.R. 47/86, IL RILASCIO DI COPIA DEI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI È : 9 ) L ART. 4 DELLA LEGGE REGIONALE 47/86 DISPONE, TRA L ALTRO: 10 ) LA L.R. 47/86 IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PREVEDE ESPRESSAMENTE IPOTESI IN CUI LA RICHIESTA DI ACCESSO SIA PRESENTATA IN FORMA ORALE? 11 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, L AMMINISTRAZIONE PUÒ LIMITARE IL DIRITTO DI ACCESSO A DOCUMENTI AMMINISTRATIVI? 12 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, IN QUALE MODO L AMMINISTRAZIONE PUÒ RIFIUTARE IL DIRITTO DI ACCESSO A DOCUMENTI AMMINISTRATIVI? 13 ) IL PROVVEDIMENTO CON CUI L AMMINISTRAZIONE PROCEDENTE RIFIUTA L ACCESSO A DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DEVE ESSERE EMESSO, AI SENSI DELLA L.R. 47/86: 14 ) IL PROVVEDIMENTO CON CUI L AMMINISTRAZIONE PROCEDENTE DIFFERISCE L ACCESSO A DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DEVE ESSERE EMESSO, AI SENSI DELLA L.R. 47/86: 15 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, I DOCUMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE DEVONO ESSERE RESI NOTI NEI SITI INTERNET DELLA REGIONE? Pagina 16 di 89

18 Parte generale 16 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, TUTTI I DOCUMENTI DEGLI ENTI STRUMENTALI REGIONALI SONO OBBLIGATORIAMENTE RESI NOTI NEI RISPETTIVI SITI INTERNET? 17 ) QUALE UFFICIO REGIONALE COORDINA LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI PER LE RELAZIONI CON IL PUBBLICO ISTITUITI PRESSO I DIVERSI RAMI DELL AMMINISTRAZIONE, PRESSO L AZIENDA DELLE FORESTE E PRESSO GLI ENTI? 18 ) QUALE ORGANISMO CONTROLLA L OSSERVANZA E L APPLICAZIONE DELLA L.R. 47/86? 19 ) LA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PREPOSTA AL CONTROLLO DELL APPLICAZIONE DELLA L.R. 47/86 EFFETTUA LA PRESCRITTA RELAZIONE OGNI: 20 ) IN QUALE MODO È PUBBLICATA LA PRESCRITTA RELAZIONE EFFETTUATA DALLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PREPOSTA AL CONTROLLO DELL APPLICAZIONE DELLA L.R. 47/86? 21 ) I CITTADINI POSSONO COMUNICARE DIRETTAMENTE ALLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PREPOSTA AL CONTROLLO DELL APPLICAZIONE DELLA L.R. 47/86,OSSERVAZIONI E RECLAMI IN ORDINE AL MODO DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE STESSA? 22 ) LE AMMINISTRAZIONI INTERESSATE DEVONO COMUNICARE ALLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE PREPOSTA AL CONTROLLO DELL APPLICAZIONE DELLA L.R. 47/86 LE INFORMAZIONI DA ESSA RICHIESTE ENTRO: 23 ) QUALE ORGANO È DEPUTATO A DESIGNARE APPOSITI UFFICI E PREDISPORRE LE ATTREZZATURE PER CONSENTIRE AGLI AVENTI TITOLO L ESTRAZIONE TOTALE O PARZIALE DI COPIE DI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI AI SENSI DELLA L.R. 47/86? 24 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, LE CATEGORIE DEGLI ATTI DI CUI È ESCLUSA LA CONOSCIBILITÀ SONO INDIVIDUATE: 25 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, QUALE SOGGETTO RILASCIA COPIE DI ATTI E DOCUMENTI DI UFFICIO NEI CASI NON VIETATI DALLA LEGGE? 26 ) AI SENSI DELLA L.R. 47/86, IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI PUÒ ESSERE ESERCITATO ANCHE NEGLI UFFICI PERIFERICI DELL AMMINISTRAZIONE? 27 ) Le direttive, i programmi, le istruzioni, le circolari e tutti gli altri atti che riguardano, in generale, l'organizzazione, le funzioni, gli obiettivi, i procedimenti delle Amministrazioni di cui all'art. 1 della L.R. 15/7/1986 n. 47, ogni altro documento con cui viene determinata l'interpretazione di norme giuridiche ovvero si dettano disposizioni per l'applicazione di esse, è previsto che siano raccolte presso: 28 ) Qual è il soggetto delegato al cotrollo dell'osservanza e l'applicazione della legge regionale sulle "Norme sul diritto di accesso ai documenti amministrativi della Regione Sarda" 15 luglio 1986, n. 47: 29 ) E' prevista la divulgazione nei siti Internet della Regione autonoma della Sardegna e degli enti, dell'attività nonché i documenti della Giunta regionale, della Direzione generale della Presidenza della Giunta, degli Assessorati nonché degli enti strumentali e delle aziende regionali? 30 ) I cittadini, a quale organismo possono direttamente comunicare osservazioni e reclami in ordine al modo di applicazione della legge regionale sulle "Norme sul diritto di accesso ai documenti amministrativi della Regione Sarda" 15 luglio 1986, n. 47? Pagina 17 di 89

19 Parte generale 31 ) Con quale atto, sentita la Commissione consiliare permanente competente in materia di diritti civili, possono essere individuate le categorie di atti delle quali è esclusa la conoscibilità ai sensi dell'art. 3 della legge regionale sulle "Norme sul diritto di accesso ai documenti amministrativi della Regione Sarda" 15 luglio 1986, n. 47? 32 ) Chi è preposto al rilascio di copie ed estratti di atti e documenti di ufficio nei casi non vietati dalle leggi ed assiste, anche personalmente alla visura dei predetti documenti? Pagina 18 di 89

20 Parte generale Materia: L.R. 22 agosto 1990 n. 40, concernente "Norme sui rapporti tra i cittadini e l'amministrazione della Regione Sardegna nello svolgimento dell'attività amministrativa" come integrata dall'art. 17, comma 2, della L.R. 19/10/1993 n. 51. D4 Numero : 45 1 ) LA LEGGE REGIONALE NR.40/90 SI APPLICA: 2 ) IN CHE MODO DEVE SVOLGERSI L ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA, AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR.40/90? 3 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR.40/90, QUANDO SONO PRESCRITTE FORME PROCEDIMENTALI, IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO È VINCOLATO: 4 ) POSSONO ESSERE PREVISTI, NELL AZIONE AMMINISTRATIVA REGIONALE, ADEMPIMENTI ULTERIORI RISPETTO A QUELLI STABILITI DALLA LEGGE NR.40/90? 5 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR.40/90, L AMMINISTRAZIONE REGIONALE DEVE OBBLIGATORIAMENTECONCLUDERE IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO MEDIANTE L EMANAZIONE DI UN ATTO ESTERNO SINDACABILE DAGLI INTERESSATI: 6 ) IN BASE AL PRINCIPIO DELLA DOVEROSITÀ DELL AZIONE AMMINISTRATIVA, SANCITA DALLA LEGGE REGIONALE NR.40/90, IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DEVE CONCLUDERSI: 7 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, L ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA REGIONALE È RETTA DAL PRINCIPIO DI: 8 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, OGNI ATTO AMMINISTRATIVO SCRITTO DEVE ESSERE SEMPRE MOTIVATO? 9 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, LA MOTIVAZIONE DI UN ATTO AMMINISTRATIVO DEVE INDICARE: 10 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, È SEMPRE RICHIESTA LA MOTIVAZIONE SE LE RAGIONI DELLA DECISIONE DI UN ATTO AMMINISTRATIVO RISULTANO DA ALTRO ATTO AMMINISTRATIVO? 11 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, IN QUALI CASI SONO CONSIDERATE IMPLICITE LE RAGIONI DI UN ATTO AMMINISTRATIVO TANTO DA POTERNE OMETTERE LA MOTIVAZIONE? 12 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, SE È OMESSA LA MOTIVAZIONE DI UN ATTO AMMINISTRATIVO IN QUANTO LE RAGIONI DELLA DECISIONE RISULTANO DA ALTRO ATTO AMMINISTRATIVO: 13 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, IN QUALI CASI L AMMINISTRAZIONE REGIONALE, NELL AMBITO DI UN PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO, PUÒ FAVORIRE LA CONCLUSIONE DI ACCORDI CON GLI INTERESSATI? 14 ) AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE NR. 40/90, QUALE ORGANO PROVVEDE ALLA CONDUZIONE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO? Pagina 19 di 89

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Generali Art. 2 Oggetto del Regolamento Art. 3 Diritto di informazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA REGOLAMENTO SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI CAPO I DEFINIZIONE DI ACCESSO E DI DOCUMENTO AMMINISTRATIVO ART.1 Fonti e finalità 1. Il

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421;

Visto l'art. 2, comma 1, lettera mm), della legge 23 ottobre 1992, n. 421; Decreto Legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 (Gazz. Uff. 20 febbraio 1993, n. 42) Norme in materia di sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche, a norma dell'art. 2, comma 1, lettera

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli

COMUNE DI NAPOLI. Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli COMUNE DI NAPOLI Testo Coordinato del regolamento per l accesso agli atti e ai documenti del Comune di Napoli (approvato con delibera di Consiglio comunale n. 238 del 10.7.02) TITOLO I Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi

Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi Comune di Lendinara Regolamento sul diritto di accesso agli atti e documenti amministrativi ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 96 DEL 29.11.2007 ESECUTIVA A TERMINI DI LEGGE. Dopo l esecutività

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558 All. 6 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI NARNI Art. 1 Oggetto 1. Il presente codice di comportamento integra e specifica le previsioni di cui al D.P.R. 16.4.2013, n. 62 Regolamento recante

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli