PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Ins.Boni Serenella

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Ins.Boni Serenella"

Transcript

1 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria B.Lugli - Classe 2- sez. C Ins.Boni Serenella Discipline: Italiano, storia, geografia, arte e immagine, musica, scienze motorie, religione cattolica. N di alunni 21, di cui 11 maschi e 10 femmine. Presentazione della classe Livello cognitivo Comportamento Socializzazione Impegno Metodo di Lavoro Attenzione Medio basso click qui click qui Non costante Discretamente autonomo Non costante Casi particolari Cognome e nome Motivazione a. difficoltà di apprendimento b. difficoltà linguistiche c. disturbi comportamentali d. difficoltà nell acquisizione di abilità logicomatematiche Cause 1. ritmi di apprendimento lenti 2. difficoltà nei processi logici 3. gravi lacune nella preparazione 4. scarsa motivazione allo studio 5. svantaggio socio culturale 6. difficoltà nella manualità 7. difficoltà di attenzione

2 1. a, b, c, d 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 2. a, b, c, d 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 Fasce di Livello individuate sulla base di: lavori e/o produzioni prove di ingresso griglie di osservazione predisposte dall insegnante informazioni fornite dalla Scuola. Parametri di valutazione Padronanza e competenza Articolazione e sviluppo Qualità della comunicazione Alunni N. ELENCO pienamente raggiunto: Ha una conoscenza completa ed approfondita e sa applicarla a situazioni nuove. Rielabora in modo personale le conoscenze e si esprime con un linguaggio ricco e appropriato. 4 raggiunto: Ha una conoscenza abbastanza sicura e, in genere, è in grado di procedere alle applicazioni. Assimila le conoscenze e si esprime con un linguaggio corretto 13 parzialmente raggiunto: Ha una conoscenza essenziale ed è in grado di procedere alle applicazioni solo se guidato/a. Acquisisce le conoscenze in modo a volte mnemonico e si esprime con un linguaggio non sempre corretto. 4 non raggiunto: ha una conoscenza parziale e lacunosa e, anche se guidato/a, rivela difficoltà nelle applicazioni. Acquisisce le conoscenze in modo disorganico e si esprime con un linguaggio impreciso e frammentario.oscenza ntario.

3 ITALIANO Unità di apprendimento Unità di apprendimanto Obiettivi di apprendimento conoscenze abilità Tempi 1 ASCOLTARE a) Ascoltare e comprendere comunicazioni e testi narrati. -Forme essenziali della comunicazione orale: tratti prosodici, morfologia e sintassi di base. -Lessico adeguato. a) ascoltare e comprendere richieste, istruzioni e regole comunicate oralmente; b) avvalersi di tutte le anticipazioni del testo per mantenere l attenzione, orientarsi nella comprensione, porsi in modo attivo nell ascolto; c) ascoltare e comprendere le letture dell insegnante e riconoscerne la funzione (descrivere, narrare, regolare...) e gli elementi essenziali (personaggi, luoghi, tempo); d) comprendere parole poco familiari all interno di contesti comunicativi poco conosciuti. 2 PARLARE a) Produrre brevi testi orali. b) Partecipare adeguatamente alle conversazioni. -Forme essenziali della comunicazione orale: tratti prosodici, morfologia e sintassi di base. -Lessico adeguato. -Segni di punteggiatura debole e del discorso diretto all interno di una comunicazione orale. a) interagire nello scambio comunicativo in modo adeguato alla situazione rispettando le regole stabilite: alzare la mano, successione cronologica... ; b) produrre brevi testi orali di tipo narrativo, descrittivo e regolativo. 3- LEGGERE a) Utilizzare diverse tecniche di lettura. -Tratti prosodici: intensità, velocità, ritmo, timbro e modalità di traduzione degli a) utilizzare forme di lettura diverse, funzionali allo scopo, ad alta voce,

4 4 - SCRIVERE b) Leggere, comprendere e memorizzare testi. a) Pianificare, produrre e correggere testi di vario tipo. stessi nello scritto. -Tecniche di memorizzazione. -Osservare e descrivere azioni, processi, accadimenti, proprietà...e collocarli nel tempo presente, passato, futuro. silenziosa per ricerca, per piacere...; b) leggere e comprendere testi di diverso genere riconoscendone la funzione (descrivere, narrare, regolare...) e individuandone gli elementi essenziali (personaggi, luoghi, tempi); c) memorizzare brevi testi poetici. a) produrre semplici testi scritti descrittivi, narrativi e regolativi; b) raccogliere idee per la scrittura attraverso la lettura del reale, il recupero in memoria, l invenzione; c) pianificare semplici testi scritti distinguendo le idee essenziali dalle superflue e scegliendo le idee in base a destinatario e scopo; d) utilizzare semplici strategie di autocorrezione. 5 RIFLETTERE SULLA LINGUA a)rispettare le convenzioni ortografiche conosciute. b) Individuare gli elementi essenziali della frase (sintattici e morfologici). - Convenzioni ortografiche. - Segni di punteggiatura. -Le parti variabili del discorso (nome, articolo, aggettivo, verbo). - Concetto di frase (semplice, complessa, nucleare). a) scrivere rispettando le principali convenzioni ortografiche conosciute; b) utilizzare correttamente i segni di punteggiatura; c) riconoscere all interno del discorso la funzione dell articolo, del nome, delle azioni e degli aggettivi qualificativi distinguendone le principali caratteristiche morfologiche; d) individuare ed utilizzare la frase semplice e/o complessa.

5 Unità di apprendimento 1 ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI Obiettivi di apprendimento a) Rappresentare graficamente e verbalmente le attività, i fatti vissuti e narrati, definire durate temporali e conoscere la funzione e l'uso degli strumenti convenzionali per la misurazione del tempo. STORIA conoscenze abilità Tempi - Indicatori temporali. - Successione e contemporaneità delle azioni e delle situazioni. - Concetto di durata e valutazione della durata delle azioni. - Il tempo. a) applicare in modo appropriato gli indicatori temporali, anche in successione; b) riordinare gli eventi in successione logica e analizzare situazioni di concomitanza spaziale e di contemporaneità; c) organizzare il lavoro scolastico utilizzando il diario; d) distinguere e riconoscere il tempo storico da quello meteorologico; b) Riconoscere relazioni di successione e di contemporaneità, cicli temporali. - Ciclicità dei fenomeni temporali e loro durata (ripasso mesi- stagioni). - Concetto di periodizzazione. - Le fonti a) utilizzare strumenti convenzionali per la misurazione del tempo e per la periodizzazione; b) riconoscere un documento come fonte storica.

6 2 USO DEI DOCUMENTI a) Individuare le tracce e usarle come fonti per ricavare conoscenze sul passato personale, familiare e della comunità di appartenenza. - Rapporti di causalità tra fatti e situazioni. - Trasformazioni di uomini, oggetti, ambienti connesse al trascorrere del tempo a) individuare a livello sociale relazioni di causa e effetto e formulare ipotesi sugli effetti possibili di una causa; b) osservare e confrontare oggetti e persone di oggi con quelle del passato. 3- PRODUZIONE a) Rappresentare conoscenze e concetti appresi mediante grafismi, racconti orali, disegni - I documenti. - Le fonti - Le testimonianze. a) individuare riconoscere i documenti storici; b) osservare e confrontare i tipi di fonte; c) raccogliere testimonianze su vissuti propri e altrui.

7 Unità di apprendimento UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1. L'ORIENTAMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO a) Muoversi consapevolmente nello spazio circostante, sapendosi orientare attraverso punti di riferimento e utilizzando gli indicatori topologici ( sopra, sotto, avanti,dietro, sinistra, destra, ecc ). GEOGRAFIA CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI - Punti di riferimento non convenzionali. - Rapporto tra realtà geografica e sua rappresentazione. - Confini e regioni. - Reticolo. L'alunno sa: a) riconoscere l importanza di punti di riferimento; b) individuare i punti di riferimento negli ambienti di vita che permettono di localizzare oggetti o persone in uno spazio; c) individuare la propria posizione nello spazio vissuto rispetto a diversi punti di riferimento (gli altri, gli oggetti) e utilizzare i nessi topologici; d) descrivere graficamente utilizzando indicatori topologici, gli spostamenti propri e di altri elementi nello spazio vissuto; e) leggere semplici rappresentazioni iconografiche utilizzando il reticolo e le rispettive coordinate; f) rappresentare graficamente posizioni di oggetti e persone utilizzando una simbologia convenzionale (il reticolo e le coordinate). I QUADRIMESTRE

8 UNITÀ DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI 2. IL LINGUAGGIO DELLA GEOGRAFICITÀ a) Rappresentare in prospettiva verticale ( visione dall alto ) oggetti e ambienti noti (pianta dell aula, di una stanza della propria casa, ecc ) e rappresentare percorsi esperiti nello spazio circostante. b) Leggere e interpretare la pianta dello spazio noto basandosi su punti di riferimento fissi. - Percorsi e mappe. - Simbologia non convenzionale. - Comportamenti adeguati alla tutela degli spazi vissuti. L'alunno sa: a) riconoscere e leggere vari percorsi. b) effettuare, descrivere e rappresentare percorsi utilizzando correttamente gli indicatori spaziali, c) tracciare percorsi; d) leggere e utilizzare semplici mappe; e) rappresentare oggetti e ambienti noti ( aula, casa,scuola, ecc ) visti dall alto; f) acquisire il concetto di pianta e rappresentarla graficamente in modo semplice; g) ridurre e ingrandire elementi di uno spazio rappresentati in pianta; h) leggere semplici rappresentazioni iconiche e cartografiche utilizzando la legenda; i) individuare comportamenti adeguati agli spazi vissuti. I QUADRIMESTRE

9 UNITÀ DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI 3. IL PAESAGGIO a) Esplorare il territorio circostante attraverso l approccio senso percettivo e l osservazione diretta. b) Individuare gli elementi fisici e antropici che caratterizzano i diversi tipi di paesaggio. c) Conoscere e descrivere gli elementi fisici e antropici che caratterizzano l ambiente di vita. - Elementi fisici e antropici, fissi e mobili del paesaggio. - Comportamenti adeguati alla tutela degli spazi vissuti. L'alunno sa: a) distinguere elementi fisici e antropici; b) riconoscere la presenza di paesaggi / ambienti diversi; c) mettere in relazione paesaggi con i rispettivi elementi; d) classificare gli elementi che caratterizzano gli ambienti; e) riconoscere nel proprio ambiente gli aspetti naturali,fisici e antropici; f) comprendere che l uomo per soddisfare certi bisogni deve modificare l ambiente; g) individuare comportamenti adeguati agli spazi vissuti. II QUADRIMESTRE

10 ARTE E IMMAGINE Unità di apprendimento Unità di apprendimanto Obiettivi di apprendimento conoscenze abilità Tempi 1ESPRIMERSI COMUNICARE E a) Elaborare produzioni personali; b) Guardare immagini descrivendo verbalmente le impressioni suscitate. a) Percepire e descrivere il messaggio visivo a) riconoscere e usare gli elementi del linguaggio visivo: il segno, la linea, il colore, lo spazio; b) Utilizzare tecniche grafiche e pittoriche. 2 CONOSCERE I LINGUAGGI DELLE IMMAGINI E LE TECNICHE ESPRESSIVE. c) Osservare con consapevolezza; d) riconoscere in un'immagine linee, colori, forme e relazioni spaziali. a) Guardare e osservare con consapevolezza un immagine e gli oggetti presenti nell ambiente descrivendone gli elementi. a) Usare gli elementi del linguaggio visivo per stabilire relazioni tra i personaggi e l ambiente; b) relazionarsi nello spazio, c) utilizzare diverse tecniche e materiali. 3 OSSERVARE, COMPRENDERE E APPREZZARE LE OPERE D ARTE a) Conoscere forme d arte e produzioni artigianali. a) Descrivere ciò che vede in un' opera d'arte esprimendo le proprie sensazioni, emozioni e riflessioni. d) manipolare materiali plastici (creta) a fini espressivi; e) leggere e/o produrre una breve storia a fumetti.

11 Unità di apprendimento MUSICA Unità di apprendimanto 1.LA PRODUZIONE Obiettivi di apprendimento a) Eseguire individualmente e/o in gruppo semplici brani vocali e strumentali in relazione ai diversi parametri sonori (altezza, intensità, timbro, durata) collegandosi alla gestualità e al movimento. conoscenze abilità Tempi -Parametri del suono: timbro, intensità, durata, altezza, ritmo. -Strumentario didattico (piccole percussioni) e/o oggetti di uso comune. - Giochi musicali con l uso del corpo e della voce. -Poesie, fiabe e filastrocche da sonorizzare. - Canti di vario genere. - usare lo strumentario didattico e gli oggetti di uso comune per produrre e creare fatti sonori; - interpretare i parametri del suono con il linguaggio corporeo, vocale e grafico-pittorico; - recitare filastrocche e poesie modulando la voce in riferimento ai parametri del suono; - adattare i movimenti del corpo alla musica e alle sue variazioni di tempo; - costruire semplici strumenti musicali; - eseguire semplici ritmi con gli strumenti realizzati; - eseguire semplici canti in coro e individualmente, sotto direzione gestuale, controllando il fiato e la respirazione. b) Usare forme di notazione analogica. -Codice gestuale e simbolizzazione non convenzionale. - inventare un codice gestuale in relazione all intensità, altezza e timbro; - rappresentare i parametri del suono con sistemi di simbolizzazione non convenzionale.

12 2 LA PERCEZIONE a)discriminare ed elaborare eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento al timbro, intensità, altezza e durata. -Suoni/rumori della realtà acustica circostante. -Materiale sonoro vario. -Fiaba didascalica di Prokof ev Pierino e il lupo. - ricercare e classificare i suoni/rumori della realtà acustica circostante secondo la fonte, la distanza, la provenienza spaziale; - utilizzare e analizzare il materiale sonoro per: riconoscere il contrasto silenzio/suono, forte/piano, grave/acuto, lungo/corto; - individuare e associare strumenti musicali e temi ai personaggi della composizione Pierino e il lupo. Tutto l'anno b) Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi e strutturali di un brano musicale, traducendoli con parola, azione motoria e segno grafico. -Brani musicali di differenti repertori (musiche, canti, filastrocche, sigle televisive ) proprie dei vissuti dei bambini. -Produzioni di Walt Disney ( Fantasia e cartoni animati). - sviluppare le capacità di ascoltare un brano musicale per favorire la concentrazione e l attenzione; - riconoscere all interno di un brano ciò che è stato ripetuto e ciò che è variato (strofa, ritornello, ostinato); - scoprire i significati espressivi della musica e analizzare quali sentimenti il compositore abbia voluto comunicare (scelta degli strumenti, velocità della musica, crescendo ); - percepire e interpretare a livello corporeo - gestuale e grafico le caratteristiche formali di un brano; - analizzare come la musica contribuisca all impatto emotivo visionando celebri produzioni di Walt Disney.

13 Unità di apprendimento UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1- PADRONEGGIARE ABILITÀ MOTORIE DI BASE IN SITUAZIONI DIVERSE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO a) Coordinare e utilizzare diversi schemi motori combinati fra loro. b) Esprimersi attraverso il movimento e la gestualità. c) Muoversi con scioltezza, destrezza, disinvoltura e ritmo. d) Conoscere e utilizzare in modo corretto e appropriato gli attrezzi e gli spazi di attività. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI -Le parti del proprio corpo. -Le percezioni sensoriali. -Relazioni spazio-temporali. -Linguaggio del corpo. -Schemi motori e posture. -Il movimento e il ritmo. L'alunno sa: a) scoprire, percepire ed interiorizzare le parti del proprio corpo; b) riconoscere, differenziare, ricordare e nominare differenti percezioni sensoriali; c) acquisire la capacità di spostarsi agevolmente nelle varie direzioni; d) camminare, strisciare,rotolare, correre, saltare; e) muoversi nello spazio coordinando il proprio spostamento con gli altri e con gli attrezzi presenti; f) muoversi secondo un ritmo; g) comprendere il linguaggio dei gesti; h) riconoscere la relazione spaziale sinistradestra in relazione a se stessi e ad altri riferimenti; i) variare gli schemi motori in funzione di parametri di spazio, tempo; j) comprendere i limiti di utilizzo dello spazio palestra in relazione alla propria e altrui sicurezza.

14 UNITÀ DI APPRENDIMENTO PARTECIPARE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO E DI SPORT, RISPETTANDONE LE REGOLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO a) Conoscere ed applicare correttamente modalità esecutive di giochi motori e a squadre. CONOSCENZE ABILITÀ TEMPI -Regole e fair play. -Comportamenti corretti. -Il movimento e il ritmo. -Giochi di squadra. -Giochi popolari. -Giochi organizzati sotto forma di gare. L'alunno sa: a) partecipare ai giochi rispettando regole e indicazioni; b) ascoltare ed eseguire le consegne impartite; c) cooperare all interno del gruppo; d) interagire positivamente con gli altri valorizzando le diversità.

15 Religione Unità di apprendimento Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Tempi 1 DIO CREATORE E PADRE Riflettere su Dio Creatore e Padre. Comprendere che tutte le persone del mondo hanno uguale dignità e valore. Riconosce nella Bibbia il libro sacro per Ebrei e Cristiani. Confrontare la propria esperienza religiosa con quella degli altri.. Ambito DIO E L UOMO - la definizione di storia della salvezza; - l elemento caratterizzante la storia della salvezza è l Alleanza di Dio Padre con l uomo; - l alleanza come patto di amicizia; - san Francesco e il rispetto del creato; LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI - alcune pagine bibliche fondamentali, tra cui i racconti della creazione. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO - Nello stupore, nella meraviglia e nella gratitudine, è sempre Dio a prendere l iniziativa e a parlare agli uomini. VALORI ETICI E RELIGIOSI - Atteggiamenti di rispetto nei confronti di Dio, degli altri e dell ambiente; - Scoprire nell ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio come Creatore e Padre. - Comprendere, attraverso i racconti biblici delle origini, che il mondo è opera di Dio, affidato alla responsabilità dell uomo. - Ricostruire le principali tappe della storia della salvezza, anche attraverso figure significative. I Quadrimestre 2 GESU E I VANGELI DELL INFANZIA Riconoscere il significato cristiano del Natale. Conoscere i brani biblici del Natale e dell infanzia di Gesù. Conoscere la famiglia di Gesù e comprendere la bellezza di avere una famiglia. Ambito DIO E L UOMO - Il calendario dell Avvento e/o la corona dell Avvento; - i segni della festa del Natale; - Gesù è l Emmanuele, il Dio con noi; - il significato cristiano della nascita di Gesù. - nella preghiera l uomo si apre al dialogo con Dio e riconosce nel Padre nostro il modello di ogni preghiera cristiana. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI - episodi chiave dei racconti evangelici. - Cogliere i segni cristiani del Natale. - Cogliere, attraverso alcune pagine evangeliche, come Gesù viene incontro alle attese di perdono e di pace, di giustizia e di vita eterna. I Quadrimestre

16 3 GESU E LA SUA MISSIONE 4 LA CHIESA Riflettere sugli elementi fondamentali della vita di Gesù. Riconoscere i Vangeli come testo sacro specifico dei cristiani. Riflettere sugli elementi fondamentali della vita di Gesù e collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni e all ambiente in cui l alunno vive Riconoscere il significato cristiano della Pasqua. Distinguere la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconoscere nella Bibbia un documento fondamentale della cultura occidentale. Identificare la Chiesa come comunità di coloro che credono in Gesù Cristo e cercano di IL LINGUAGGIO RELIGIOSO - i segni cristiani del Natale. VALORI ETICI E RELIGIOSI - La nascita e la vita di Gesù sono segni dell amore e dell amicizia di Dio per gli uomini; - la morale cristiana si fonda sul comandamento dell amore di Dio e del prossimo. Ambito DIO E L UOMO - Gesù racconta le parabole; - Gesù fa miracoli; - Gesù insegna ad amare e dona la vita per amore; - gli eventi principali della Pasqua di Gesù; - il significato cristiano della Pasqua di Gesù; - le celebrazioni e le tradizioni cristiane di Pasqua. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI - Alcuni episodi chiave dei racconti evangelici. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO - I segni cristiani della Pasqua. VALORI ETICI E RELIGIOSI - la morale cristiana si fonda sul comandamento dell amore di Dio e del prossimo. Ambito DIO E L UOMO - Per i cristiani lo Spirito Santo anima la chiesa e la sua missine nel mondo; - i simboli dello Spirito Santo; - le caratteristiche principali della missione degli apostoli; - la vita delle prime comunità cristiane e l organizzazione della Chiesa; - la domenica: giorno del Signore e Pasqua della - Descrivere l ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi. - Identificare tra le espressioni delle religioni la preghiera e, nel Padre nostro, la specificità della preghiera cristiana. - Cogliere, attraverso alcune pagine evangeliche, come Gesù viene incontro alle attese di perdono e di pace, di giustizia e di vita eterna. - Cogliere i segni cristiani della Pasqua. - Cogliere, attraverso alcune pagine degli Atti degli Apostoli, la vita della Chiesa delle origini. - Riconoscere la Chiesa come famiglia di Dio che fa memoria di Gesù e del II Quadrimestre II Quadrimestre

17 mettere in pratica il suo insegnamento. Conoscere il messaggio che la Chiesa si impegna a diffondere nel mondo. Riconoscere l impegno della comunità cristiana nel porre alle basi della convivenza umana, la giustizia e la carità. Cogliere il valore specifico del Battesimo. settimana; - i sacramenti: il Battesimo. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI - Alcuni episodi chiave dei racconti evangelici. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO - Il significato di gesti cristiani come espressione di religiosità. VALORI ETICI E RELIGIOSI - La morale cristiana si fonda sul comandamento dell amore di Dio e del prossimo; suo messaggio. - Riconoscere nella fede e nei sacramenti dell iniziazione cristiana (battesimo, confermazione, eucaristia) gli elementi che costituiscono la comunità cristiana.

18 Metodi Lezione frontale Lezione interattiva Lezione circolare Lavoro di gruppo Lavoro individualizzato Apprendimento cooperativo Lavoro a coppie altro: Strumenti Libri di testo Sussidi multimediali Testi didattici di supporto Sussidi specifici di laboratorio Schede predisposte dall insegnante altro: Sussidi audiovisivi Unità di lavoro pluri/multi/interdisciplinari EDUCAZIONE AMBIENTALE TUTTO L ANNO Tempi TUTTO L ANNO TUTTO L ANNO

19 Valutazione Parametri per la valutazione diagnostica e sommativa Padronanza e competenza Articolazione e sviluppo Qualità della comunicazione 10: Grado di padronanza e articolazione superiore al 95% Ha una conoscenza completa ed approfondita e sa applicarla a situazioni nuove. Rielabora in modo personale le conoscenze e si esprime con un linguaggio ricco e appropriato. 9: Grado di padronanza e articolazione dall'85% al 94% Ha una conoscenza completa e sa applicarla a situazioni analoghe in modo autonomo. Assimila le conoscenze con sicurezza e si esprime con un linguaggio chiaro e corretto. 8: Grado di padronanza e articolazione dal 76% all' 84% Ha una conoscenza sicura e sa, in genere, applicarla a situazioni analoghe. Assimila le conoscenze e si esprime con un linguaggio chiaro. 7: Grado di padronanza e articolazione dal 67% al 75% Ha una conoscenza abbastanza sicura e, in genere, è in grado di procedere alle applicazioni. Assimila le conoscenze e si esprime con un linguaggio corretto ma semplice. 6: Grado di padronanza e articolazione dal 60% al 66% Ha una conoscenza essenziale ed è in grado di procedere alle applicazioni se guidato/a. Acquisisce le conoscenze in modo a volte mnemonico e si esprime con un linguaggio sufficientemente corretto. 5: Ha una conoscenza parziale e lacunosa e, anche se guidato/a, rivela notevoli difficoltà nelle applicazioni. Acquisisce le conoscenze in modo disorganico e si esprime con un linguaggio impreciso e frammentario.

20 Valutazione a. tests oggettivi ( prove strutturate individuali) b. lavoro di gruppo c. mappe concettuali d. interrogazioni e. produzione scritta f. produzione grafica g. interrogazioni di gruppo h. discussione circolare i. j. k. l. Iniziale a, b, c, d, e, f, g, h, i, j, k, l Formativa (in itinere) a, b, c, d, e, f, g, h, i, j, k, l Sommativa a, b, c, d, e, f, g, h, i, j, k, l Sommativa (diagnostica + formativa) giudizio globale del 1 quadrimestre e di fine anno

21 Progetti teatro musica danza educazione alla salute intercultura educazione alla legalità recupero/rinforzo/approfondimento educazione ambientale continuità Frutta nelle scuole CEA: Lo stagno Urbani COOP: Mille gocce di oro blu Calcinelli, 30 ottobre 2013 L insegnante Boni Serenella

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria B.Lugli - Classe 4 sez. A. Ins.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria B.Lugli - Classe 4 sez. A. Ins. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria B.Lugli - Classe 4 sez. A Discipline: Storia, musica. Ins.Boni Serenella N di alunni19, di cui 11 maschi e8 femmine.

Dettagli

Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore

Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore Disciplina/e Musica scienze motorie N di alunni 23, di cui 14 maschi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 Scuola Sec.di 1 grado Classe 1 - sez. BM Disciplina MUSICA Ins. Diego Leone Cremonese N di alunni 17, di cui 9maschi e 8 femmine.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA TRAGUARDI 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, COMUNICARE ORALMENTE ED ESPRIMERE GIUDIZI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA 2 LEGGERE,

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AREA SOVRADISCIPLINARE LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA LINGUA ITALIANA Obiettivi

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ MOTORIE E SPORTIVE Narrare esperienze personali ed i contenuti di brevi racconti rispettando l'ordine logico e cronologico. Acquisire le prime regole di lettura e scrittura.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria)

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria) Premessa L I.R.C. si inserisce nel progetto educativo-didattico della scuola come disciplina cha valorizza l aspetto storico-culturale della religione cattolica e non come una catechesi, pertanto rientra

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Partecipa a semplici scambi comunicativi con compagni e insegnanti rispettando il turno Ascolta e coglie il senso di semplici testi orali Legge e comprende semplici testi Scrive semplici testi legati all

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE

OBIETTIVI FORMATIVI E DELLE COMPETENZE E DELLE MONOENNIO ITALIANO monoennio 1. saper ascoltare interlocutori in contesti diversi 2. saper comunicare oralmente 3. acquisire la tecnica della lettura 4. acquisire la tecnica della scrittura a)

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA PROGRAMMAZIONE DI CLASSE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE SECONDA ITALIANO ASCOLTO E PARLATO partecipa a scambi comunicativi rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA VIRGO CARMELI PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE 2015/16 CLASSE PRIMA ITALIANO

SCUOLA PRIMARIA VIRGO CARMELI PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE 2015/16 CLASSE PRIMA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA VIRGO CARMELI PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER COMPETENZE 2015/16 CLASSE PRIMA ITALIANO ASCOLTARE E PARLARE - Assumere un atteggiamento adeguato all ascolto. - Ascoltare gli altri in modo attento

Dettagli

Scuola Primaria A. Cocchetti PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSE II

Scuola Primaria A. Cocchetti PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSE II Scuola Primaria A. Cocchetti PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSE II 1 ITALIANO Anno Scolastico 2015/2016 A. Ascoltare e parlare. A1. Interagire nello scambio comunicativo in modo adeguato alla situazione A2.

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 UDA N. 2 Unità di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA A.S ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI ROBBIO - SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni ed insegnanti, attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Si esprime

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY ISTITUTO COMPRENSIVO DI PRAY PIANI DI STUDIO - SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO ANNO ( 3 anni di età ) CAMPI PERCORSI OPERATIVI DI LABORATORIO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IL SÈ E L ALTRO Le grandi domande, il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica Obiettivi formativi Obiettivi specifici Attività Metodi Verifiche Riflessione guidata. Dio e l uomo operative.. 1. Comprendere

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3.zA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3.zA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CLASSE 3.zA LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTARE E PARLARE 2. LEGGERE 3. SCRIVERE 4. RIFLETTERE SULLA LINGUA 1. Interagire in una conversazioni formulando domande e dando risposte pertinenti

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF 1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI Allegato al POF a.s. 2013/2014 Profilo formativo della classe prima competenze riferite agli strumenti culturali Comunicare per iscritto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA di SAN MARTINO IN BELISETO, POZZAGLIO e CORTE DEI FRATI PROGETTO di RELIGIONE (anni 3) NELLA CASA DI GESU MOTIVAZIONE: Maestra Maria

Dettagli

PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO

PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO OBIETTIVI MINIMI 1. ASCOLTARE/PARLARE: Ascoltare e comprendere testi orali di diverso tipo. Esprimersi oralmente in modo corretto (e pertinente), producendo testi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli