Trasmissione a mezzo fax e/o

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasmissione a mezzo fax e/o e-mail"

Transcript

1 Spett.le Manutencoop Facility Management S.p.A. c.a. Dott. Guido Maria Dealessi c.a. Dott. Claudio Levorato Manutencoop Private Sector Solution S.p.A. c.a. Dott. Stefano Donati c.a. Dott. Simone D Auria Telecom Italia S.p.A. c.a. Dott. Onofrio Capogrosso c.a. Dott. Domenico Cipolletta c.a. Dott. Eduardo Perone Ministero Lavoro e Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro fax: 06/ OO.SS Nazionali e Territoriali SLC CGIL Segreteria Nazionale FISTEL CISL Segreteria Nazionale UILCOM UIL Segreteria Nazionale UGL Telecomunicazioni Segreteria Nazionale SLC CGIL Segreteria Territoriale FISTEL CISL Segreteria Territoriale UILCOM UIL Segreteria Nazionale UGL Telecomunicazioni Segreteria Territoriale SNATER Segreteria @: UIR fax: 06/85546 A.N.L.E. Trasmissione a mezzo fax e/o 1

2 c.a. Dott. Partito Democratico Matteo Filippo Marianna : Davide : Movimento 5 Stelle On. Gessica Carmen : - Presa - Piazza LAGABBIA quinta colonna L osservatore Romano Il resto del carlino La nazione Oggetto: Manutencoop Private Sector Solution S.p.A. Commessa Telecom Procedura di Licenziamento Collettivo legge 223/91. Inviamo il documento in allegato, redatto dai lavoratori di Manutencoop Private Sector Solution S.p.A. assegnati alla gestione della Commessa Telecom Italia, ex dipendenti della stessa Telecom coinvolti nel 2004, loro malgrado, a Cessione di Ramo d Azienda ed ora in Cassa Integrazione, ma con la prospettiva di essere definitivamente licenziati. Con il citato documento si vuole portare all attenzione delle aziende in indirizzo, delle rappresentanze datoriali, sindacali e politiche e dell opinione pubblica, la strategia del lavoro attuata da Manutencoop, con l avallo di Telecom Italia, che ha avuto esclusivamente l obiettivo di espellere i lavoratori ex Telecom dall Azienda. 2

3 I LAVORATORI MPSS EX TELECOM MANUTENCOOP SCRIVE L EPILOGO DEI LAVORATORI MPSS DEL FACILITY EX TELECOM Il presente documento viene redatto dai lavoratori di MPSS - Manutencoop Private Sector Solutions lavoratori ex Telecom assegnati alla lavorazione dell appalto dei servizi di facility di Telecom, per denunciare la politica lavorativa praticata dalla soc. MPSS sotto la regia ed il coordinamento della sua capogruppo Manutencoop Facility Management S.p.A. (in seguito chiamata MFM) il gigante italiano della cooperazione, operante nel facility, ai danni dei lavoratori citati, in una delle sue controllate, allo scopo di espellere centinaia di lavoratori e così migliorare la sua efficienza, i suoi risultati ed i suoi bilanci aziendali. Noi lavoratori di MPSS ex Telecom avviati dall azienda sulla strada del licenziamento attraverso il ricorso alla legge 223/91, dichiariamo alla MFM e alla MPSS, alla Telecom e alle OO.SS. che siamo fermamente decisi a lottare per: difendere il nostro posto di lavoro; difendere il nostro diritto al lavoro; riprenderci le attività della nostra commessa Telecom, sottrattaci per garantire lavoro e carriere ai lavoratori della capogruppo MFM; riprenderci le responsabilità di coordinamento, controllo e d interfacciamento sottratte ai Responsabili di Aree Operative, Facility Manager e Building Manager; riprenderci l interfaccia con il Cliente Telecom, per le attività manutentive/adeguative, sottratte ai lavoratori MPSS ex Telecom e affidate a personale MFM per la loro riqualificazione; riprenderci da MFM la nuova commessa Telecom appositamente rinnovata a 28 milioni di euro per assicurare il proseguimento del lavoro agli ex Telecom; Per inquadrare compiutamente l agonia lavorativa dei lavoratori iniziata con il gruppo Telecom 10 anni fa, la grave crisi in cui versano e la cancellazione di ogni possibilità lavorativa futura, è necessario ripercorre sinteticamente alcuni passaggi pianificati e realizzati, ripartendo dalle cessioni di ramo di azienda con cui la Telecom S.p.A. ha ceduto centinaia di lavoratori, il loro arrivo nella soc. MP Facility S.p.A. (dal denominazione sociale variata in Manutencoop Private Sector Solutions S.p.A.), la nascita e l evoluzione di MP Facility prima e MP Sector poi, fino alle ultime modificazioni e decisioni. In origine, tutti i lavoratori MPSS oggetto delle attenzioni di espulsione della società erano ex dipendenti del gruppo Telecom. Dopo la scalata a debito della Telecom effettuata dalla Pirelli al prezzo di decine di miliardi di euro, per il nuovo azionista Pirelli è esplosa la necessità di rimborsare il debito e pagare gli interessi. La soluzione più elementare ed immediata è stata quella di aumentare i dividendi agli azionisti (leggi Pirelli e Tronchetti Provera). Occorreva ridurre i costi o incrementare i ricavi (più impegnativo) così da aumentare gli utili da distribuire in dividendi a Pirelli. Il nuovo padrone pensò bene di tagliare gli investimenti e ridurre il costo del lavoro anche scaricando migliaia di lavoratori con studiate cessioni di ramo d azienda con annessi i relativi lavoratori. A parte i progetti economico/ finanziari e i risultati attesi dimostratisi puri sogni riempiti di errori, il gruppo Telecom - facilitato dalla modifica dell art c.c. - procedeva così alla riduzione del costo del lavoro riducendo gli organici come sopradetto, grazie alle opache cessioni di ramo d azienda e di lavoratori alla ex MP Facility attuale MPSS. 3

4 Le cessioni erano effettuate in data per i lavoratori del facility di TIM, IT Telecom e Finsiel alla riesumata Emsa Servizi S.p.A.(100% Telecom) e poi da questa, in data nuova cessione a Facility; sempre in data veniva ceduto il ramo di azienda ed i lavoratori del facility di Telecom. In contropartita della cessione di ramo e dei lavoratori ad Emsa, in data Telecom Italia Mobile assegnava a Emsa un contratto di appalto per la fornitura e la gestione di servizi integrati immobiliari e di funzionamento del valore annuo di euro 38,5 aggiornabili e della durata di anni 5 rinnovabili in ulteriori 5 anni, con il fine non dichiarato di voler garantire ai suoi ex dipendenti ceduti il proseguimento del rapporto di lavoro ed un reddito per 10 anni nella nuova società cessionaria. A luglio 2004 Pirelli (azionista di maggioranza di Telecom ) e Manutencoop Facility Management S.p.A. costituivano la joint venture paritetica al 50% MP Facility S.p.A. per gestire gli immobili del Gruppo Telecom Italia, un vasto patrimonio distribuito a rete sul territorio nazionale. Vedremo che MP Facility costituirà il contenitore entro il quale racchiudere rami di azienda e lavoratori ritenuti in sovrannumero dal gruppo Telecom, sempre dietro importanti contropartite in appalti per enne anni, che alla scadenza giustificheranno MPSS a cassa integrare e licenziare gli ex lavoratori Telecom ancora rimasti. Il Gruppo MFM- Manutencoop Facility Management la capogruppo della MP Facility - nostra attuale società - nasce nel dicembre 2003, a seguito del conferimento da parte della Manutencoop Società Cooperativa (MSC) del proprio ramo di azienda focalizzato nei servizi di facility management, oltre che di alcune partecipazioni in società attive nello stesso settore: BSM-Building Service Management S.r.l., MCB S.p.A., Gico System S.r.l., Archimede 1 S.p.A., ed altre piccole società e consorzi. Manutencoop Facility Management S.p.A ha raccolto l eredità di una parte importante della cooperativa, la ex divisione servizi integrati. Nel dicembre 2008, MFM acquisisce da Pirelli Real Estate e Intesa Sanpaolo la Pirelli RE Integrated Facility Management S.p.A., capogruppo di società specializzate nel settore dei servizi di Facility e Project Management. Con l acquisto diventa proprietaria anche dell altro 50% di MP Facility. A questo punto è importante soffermarsi su MCB S,p.A. in quanto, già agli inizi degli anni 2000 seppur con dimensioni ed affari ridotti - costituiva un vero pioniere nel segmento del facility management per le imprese a rete e di fatto l attività di facility del gruppo nasce come MCB. Dal 1 gennaio 2010 MCB (controllata da Manutencoop) viene fusa per incorporazione in MP Facility S.p.A la società del Gruppo Manutencoop costituita nel 2004per gestire gli immobili del Gruppo Telecom Italia, un vasto patrimonio distribuito a rete sul territorio nazionale e pertanto del tutto affine al core business dell allora MCB. La fusione di MCB in MP Facility comportava l aggregazione dei lavoratori delle due società, che svolgevano come detto le stesse attività di gestione immobili su commesse diverse: gli ex Telecom per le commesse pubbliche (Telecom) e gli ex MCB per quelle private ( banche etc ). Richiamata la provenienza dei lavoratori MP Facility, e gli ex MCB alle commesse di privati, osserviamo che la nuova realtà così determinata, suggeriva alla capogruppo Manutencoop Facility Management S.p.A. una strumentale riorganizzazione da realizzare con nuovi modelli organizzativi, casse integrazioni, mobilità, incentivazioni all esodo e di fatto il trasferimento alla capogruppo MFM ed ai lavoratori ex MCB delle responsabilità fino ad allora attribuite ai lavoratori ex Telecom. Anche le interfaccia con il Cliente Telecom, per le attività manutentive/adeguative, non sono le 133 dipendenti MPSS che lavorano sulla commessa, bensì personale MFM, come dimostrato dalla modifica software all applicativo CRM di Telecom Italia interfacciato direttamente con quello Manutencoop MP2, in modo che gli interventi richiesti dal cliente Telecom Italia venivano acquisiti e lavorati direttamente da MFM. L attuale organizzazione prevede nei 4

5 ruoli di responsabili personale già con la medesima qualifica in MFM, quindi con lo stesso ruolo in ambedue le società, svuotando così i lavoratori della sola MPSS dei ruoli più qualificanti. Osserviamo che i dipendenti di MCB saranno privilegiati e garantiti, forse anche perché dipendenti storici e probabilmente erano o sono tutti soci della Manutencoop cooperativa posta al vertice della piramide e del controllo. Sempre dal 1 gennaio 2010 è avvenuta la fusione in Manutencoop Facility Management delle società Altair IFM S.p.A. (già Pirelli RE Integrated Facility Management S.p.A.) e Teckal S.p.A. Dal MP Facility ha modificato la denominazione sociale in MPSS. Manutencoop Private Sector Solutions S.p.A., società alla quale appartengono i lavoratori della presente vertenza, è la società del Gruppo specializzata nel facility per aziende private con articolazione a rete (filiali bancarie, catene di negozi, sedi operative) e si occupa della gestione in outsourcing dell intero patrimonio immobiliare del Gruppo Telecom Italia. E dichiarato ufficialmente prima ancora di tutte le riorganizzazioni ed accordi sindacali che la gestione del patrimonio Telecom viene effettuata in outsourcing e che la MPSS gestisce il facility di privati a rete. Comunque sia, nelle more delle cessioni di ramo di azienda effettuati da Telecom molti lavoratori si erano appellati al Giudice sostenendo la inefficacia e/o la illegittimità della cessione del proprio rapporto di lavoro a Emsa e/o a MP Facility per inapplicabilità alla fattispecie della disciplina recata dall art c.c., altri avevano rinunciato a proporre azioni legali ed in alcuni casi addirittura a ritirare le azioni già avviate, soltanto dietro richieste, promesse e pressioni della Emsa prima, e MP Facility dopo. Altri ancora avevano rinunciato per tranquillità, per non affrontare spese legali, o perché credevano nella nuova società cooperativa. In molti casi i Tribunali hanno riconosciuto la fondatezza delle denunce, dichiarata la nullità della cessione del contratto di lavoro a Emsa e/o MP Facility e confermata la prosecuzione del rapporto di lavoro nella Telecom, e condannata la stessa Telecom a reintegrare nel posto di lavoro i lavoratori ceduti illegittimamente. Telecom procede alla riammissione nei propri quadri dei lavoratori reintegrati dal Giudice soltanto dopo il passaggio in giudicato delle sentenze (leggi Cassazione) per cui ancora oggi ci sono molti lavoratori nella attuale MPSS vincitori nel 2^ grado di giudizio, che attendono la sentenza definitiva per essere reintegrati. Riprendiamo l oggetto della attuale vertenza illustrando le attività e le procedure sindacali avviate dall azienda quasi in contemporanea alle ultime fusioni e incorporazioni. Primo passo o atto ufficiale è l incontro sindacale all UIR Unione Industriali di Roma del MP Facility S.p.A. ha illustrato in perfetto stile dottrinario o politichese - le linee guida del nuovo piano industriale, consistenti nell abbandono della logica della commessa monocliente ed in altri obiettivi legati alla gestione del portafoglio clienti, al posizionamento sul mercato ed al controllo più accurato della performance lavorativa. Nel contesto del processo di riorganizzazione del Gruppo Manutencoop, viene realizzata la nuova struttura operativa CLIENTI A RETE risultante dalla riorganizzazione delle precedenti strutture presenti in vari settori aziendali ; essa è stata societarizzata in MP Facility S.p.A. e concentra tutte le attività svolte in precedenza nei vari segmenti territoriali. Tralasciati i fini dichiarati in un burocratese tale da non lasciare spazi alla comprensione di ciò che si andava realizzando, si richiamano due dei principali obiettivi della riorganizzazione riallocazione del nuovo perimetro - eliminazione delle sovrapposizioni delle attività e delle responsabilità. 5

6 Tali obiettivi, a nostro parere creano le premesse e anticipano il modo e la volontà di come migliorare efficienza, produttività e risultati aziendali, eliminando le figure che dopo le ultime acquisizioni (leggi MCB) si sovrapponevano o duplicavano. Di fatto dovevano essere eliminati i lavoratori ex Telecom (lavoratori mono commessa) che svolgevano la stessa attività di gestione immobili dei lavoratori di MCB, assegnando loro le attività e la parte più qualificata di coordinamento. Infatti, a corollario di quanto dichiarato, l Azienda comunicava che l attuazione del programma di riorganizzazione comportava il sorgere di insaturazioni di personale. Le OO.SS. richiedevano all azienda di ricorrere agli ammortizzatori sociali, la quale accoglieva immediatamente la proposta in quanto perno e snodo del suo piano industriale e di riorganizzazione strutturale. Veniva concordata la CIGS per un massimo di n. 130 lavoratori a zero ore per 24 mesi a rotazione a partire dal 1^ febbraio 2011 ed un programma di formazione e riqualificazione professionale da svolgersi nel biennio di cassa con il fine di preparare il cambiamento dei ruoli e dell approccio lavorativo. Il tutto era completato dalla gestione degli esuberi con la mobilità per un massimo di 85 persone, dimissioni incentivate, trasferimenti volontari e ricollocazione in ambito extra M.P. Facility. Così, in applicazione degli accordi sottoscritti con verbale del e documento MP Facility alle OO.SS. del , sono stati collocati in CIGS a zero ore i 130 lavoratori individuati dall azienda senza comunicare e/o applicare alcun criterio di scelta. Manutencoop ha proseguito il suo piano, attuando un processo di integrazione e concentrazione delle attività prestate al cliente Telecom, affidando le attività ad altri lavoratori, sia di MPSS che della capogruppo Manutencop a questi ultimi principalmente quelli di coordinamento e controllo, i più qualificanti, a loro dire giustificato dalla necessità di una maggiore focalizzazione sul servizio reso a Telecom e da una migliore efficacia nella gestione della commessa. L abbandono della mono commessa Telecom e l obiettivo di utilizzare il personale su più commesse o clienti, invece di migliorare la professionalità e le possibilità di tutti i lavoratori, compresi quelli ex Telecom, ha consentito artatamente all azienda di trasferire a lavoratori del gruppo storico di Manutencoop gli ex MCB, le attività delle commesse Telecom, l accentramento delle attività in una unica struttura operativa Manutencoop e la conseguente sottrazione di attività delle commesse a chi le aveva sempre svolte. Approfittando dell assenza dei lavoratori ex Telecom cassaintegrati, sono state trasferite attività delle commesse Telecom fin ad allora sempre da loro svolte, per affidarle per sempre a Responsabili e lavoratori Manutencoop, attuando una vera e propria spoliazione delle attività dei lavoratori MPSS ex Telecom, che nel tempo doveva giustificare la mancanza di attività e la loro messa in mobilità. Dal 2010 ci sono state più riorganizzazioni o ristrutturazioni, che hanno sempre perseguito l obiettivo di trasferire attività, specialmente le più qualificanti, da MPSS a MCB o Manutencoop, anche quelle del personale building. Dopo due anni di Cassa integrazione, ecco il tentativo di collocare in mobilità i lavoratori cassintegrati, per l azienda giustificato dal persistere della riduzione delle commesse. La mobilitazione dei lavoratori e la richiesta di misure alternative ha avviato la solidarietà difensiva al 20% per il periodo / interessando come solito malgrado le richieste di rotazione - i soli lavoratori di MPSS commesse Telecom. Rientrati in azienda, causa la riorganizzazione e la spoliazione come sopradetto, ci siamo trovati alcuni con minori e meno qualificate attività, altri senza alcuna attività da gestire ed altri ancora ricollocati in attività anche totalmente diverse da quelle svolte in precedenza. 6

7 Siamo andati avanti per qualche mese, credendo di aver superato il momento più brutto, invece in data MPSS ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per riduzione di personale, legge 223/91 per n. 133 lavoratori operanti sul territorio nazionale nella commessa Telecom scadente il , alla quale procedura i lavoratori e le OO.SS. si sono fermamente opposti. Nelle more della discussione sulla CIGS, Telecom ha assegnato a MPSS una nuova commessa del valore di euro 28 milioni, per consentire ai suoi ex lavoratori Telecom ceduti ed ancora impegnati sulla commessa Telecom a stralcio e sulla nuova commessa, di poter continuare a svolgere il proprio lavoro eliminando o riducendo i motivi che potevano sollecitare la mobilità. Buon senso e correttezza avrebbero voluto che Manutencoop rivisitasse la procedura di ammortizzatori sociali in corso, e restituisse le attività anche a chi ne era stato privato, ma di contro, la società ha invitato quei pochi lavoratori ex Telecom ancora impegnati sulle commesse Telecom, a trasferire a lavoratori di Manutencoop le attività fino a quel momento da loro svolte, escludendo anche gli ultimi mohicani definitivamente dal processo produttivo. Si sono aperti in sede ministeriale gli incontri congiunti Azienda Sindacati previsti dalla procedure 223/91 e MPSS ha proposto di richiedere l impegno di Telecom a ricollocare n. 43 lavoratori MPSS presso i nuovi aggiudicatari di commesse Telecom nelle regioni ove MPSS aveva perso totalmente l appalto. I restanti 90 lavoratori si sarebbero dovuti collocare in una newco con tutte le commesse MPSS del mondo TLC, oppure in attività di data entry da parte di Telecom attraverso un ciclo di ammortizzatori sociali per la formazione del personale sulle diversificate attività appaltate da Telecom. All incontro del 30 dicembre 2013 è intervenuta Telecom che si è dichiarata disponibile ad impegnarsi per fare assorbire dai nuovi assegnatari delle commesse i 43 lavoratori in discussione, ma si è detta altresì indisponibile per riassegnare a MPSS altre attività, vista la politica di reinternalizzazione in atto alla Telecom. Tanto più che la stessa si considera del tutto esente da responsabilità nei confronti delle vicende provocate dalle sue precedenti esternalizzazioni. In mancanza di impegni concreti e a procedura 223 quasi scaduta le OO.SS. con la disponibilità del Ministero del Lavoro, avevano pensato a ulteriori 6 mesi di Cassa integrazione, per maturare il reale coinvolgimento di Telecom e predisporre un piano con MPSS per la piena occupazione del personale ex Telecom sulla ridotta acquisita commessa. Su queste ipotesi in data 7 gennaio 2014 si sono svolte in tutta Italia le assemblee del personale MPSS ex Telecom, ma malgrado la presenza di mozioni presentate dai lavoratori con la richiesta di Cassa integrazione a rotazione per tutti i lavoratori di MPSS, la comunicazione dei criteri di scelta del personale, sono state approvate le proposte sindacali, in particolar modo la concessione della cassa per 6 mesi. Nel successivo incontro MPSS- Telecom e OO.SS. tenutosi l 8 gennaio 2014 al Ministero del Lavoro del quale non abbiamo un verbale o un documento sindacale, veniva concessa la Cassa in deroga a n. 116 lavoratori fino al 7 febbraio 2014 in modo da raggiungere nel quinquennio il periodo massimo di 36 mesi previsti per la concessione della CIGS e l assegnazione ad altre commesse o ad altre sedi di lavoro di n.15 lavoratori. I numeri non sono stati ufficializzati in modo trasparente ma sono stati ricavati da noi lavoratori dalla lista ufficiale del personale in forza sulla commessa Telecom, suddivisa per aree territoriali. Nel frattempo dall apertura della procedura 2 lavoratori avevano dato le dimissioni. MPSS si impegnava a erogare a ogni lavoratore in cassa una integrazione mensile di euro 300, per il mese concordato e per i futuri mesi di cassa in deroga che potranno essere ancora concessi. Inoltre si impegnava ad anticipare l indennità di cassa dovuta dall INPS. L azienda si impegnava esplicitamente ad utilizzare il residuo mese di CIGS per esplorare tutte le possibilità alternative e trovare le soluzioni più morbide e meno traumatiche nel superamento delle difficoltà aziendali. Complessivamente non ci sono stati risultati concreti ma solo promesse. Inoltre, seppur soddisfatti per i 15 lavoratori cancellati dalla procedura di CIGS e riutilizzati su altre sedi ed attività, denunciamo il 7

8 comportamento discrezionale ed antisindacale praticato dall azienda nella individuazione dei lavoratori da salvare, che ci risulta effettuata senza informazione o accordo sindacale alcuno. Restano inconciliabili le posizioni di MPSS e di Telecom che si addebitano vicendevolmente le responsabilità della crisi attuale. MPSS richiede alla Telecom aumenti di commesse per garantire il lavoro ai suoi ex dipendenti, e nel contempo attribuisce alla politica di reinternalizzazioni delle attività della Telecom l effetto delle diminuite assegnazioni di attività. Da parte sua, Telecom, non si ritiene responsabile dell attuale situazione per aver ceduto i rami di azienda del facility ed i suoi lavoratori, non ritiene possibile un aumento delle commesse, valuta che il nuovo appalto sia sufficiente per garantire il proseguimento dell attività ai suoi ex dipendenti, non intende ipotizzare un loro reinserimento nei propri quadri aziendali, ma è disponibile soltanto a favorire il ricollocamento presso i nuovi aggiudicatari della commessa Telecom di n. 43 lavoratori impiegati nelle regioni dove MPSS ha totalmente perso la commessa. Noi lavoratori di MPSS in cassa, riteniamo che gli esuberi di personale di MPSS siano la conseguenza delle esternalizzazioni effettuate dal gruppo Telecom Italia nel 2004 e dell interesse di Manutencoop all acquisto di rami di azienda e dei lavoratori con essa ceduti, esclusivamente per acquisire gli appalti di facility di una grande azienda come Telecom e così allargare il perimetro della attività della società allora priva di una massa critica di ordini e di fatturato. Ripercorsi i più significativi passaggi aziendali e lavorativi, con particolare riferimento alle ultime decisioni sul come migliorare i conti aziendali dopo le preparatorie riorganizzazioni della MFM, ed in vista della pianificata quotazione della società capogruppo (la solleciteranno senz altro i fondi di investimento e di private equity già soci della Manutencoop Facility Management), rifiutiamo l utilizzo della cassa in deroga come ammortizzatore sociale provvisorio, finalizzato ai licenziamenti collettivi. Rammentiamo all azienda che siamo indisponibili ad accettare la mobilità legge 223/91 per il forte impatto sociale che comporterebbe sulla nostra vita in un momento di così grave crisi economica, che ben difficilmente ci consentirebbe di sperare in altre opportunità di lavoro. Sorprende che certe operazioni effettuate sulla pelle dei lavoratori siano pianificate e realizzate da una società cooperativa la cui Mission pone al centro della sua azione la valorizzazione e la tutela del lavoro stesso, non certo solo il lavoro dei suoi soci lavoratori. La MFM orgogliosamente oggi rappresenta il principale operatore italiano nel settore dell Integrated Facility Management e uno dei principali player a livello europeo, con ricavi consolidati pari a oltre 1,1 miliardi di euro. Per questo, riteniamo che i principali attori del sistema produttivo ed industriale italiano debbano coraggiosamente e solidaristicamente farsi carico delle situazioni, sostenere gli impegni e i sacrifici necessari, partecipare in prima persona al rilancio della crescita, dell economia e dell occupazione. Soltanto con questo operare si adempie un preciso dovere etico e sociale e si contribuisce realmente al superamento delle attuali difficoltà di tutto il Paese, non certo con le azioni mirate ad irrigare il proprio orticello con l acqua della collettività. I LAVORATORI MPSS EX TELECOM Roma, 28/01/2014 8

COMUNICATO TELECOM IL GIUDICE DI ROMA. FISTel UILCOM UGL

COMUNICATO TELECOM IL GIUDICE DI ROMA. FISTel UILCOM UGL FISTel CISL UILCOM UIL UGL TELECOMUNICAZIONI Roma 21 Dicembre 2015 COMUNICATO TELECOM IL GIUDICE DI ROMA RIGETTA L ART. 28 DELLA SLC CGIL CONTRO GLI ACCORDI! CADONO TUTTE LE STRUMENTALIZZAZIONI DELLA CGIL

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI!

Comunicato ai lavoratori e-utile FERIE NO! FERIE. SI! FERIE NO! FERIE. SI! Veniamo a conoscenza che i Responsabili OGGI stanno obbligando le proprie risorse a pianificare entro fine anno il residuo ferie arretrato. Gli stessi Responsabili IERI hanno negato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

Outsourcing: un nuovo servizio

Outsourcing: un nuovo servizio Outsourcing: un nuovo servizio Ottobre 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

UIL Credito Esattorie e Assicurazioni RSA DI ROMA DI BANCA FIDEURAM

UIL Credito Esattorie e Assicurazioni RSA DI ROMA DI BANCA FIDEURAM NUMERO 1 - ANNO 1 Gennaio 2006 Supplemento di Bankooonote AUT.TRIB.TORINO n 3697/86 PERIODICO DI INFORMAZIONE a cura della UILCA/UIL Roma di Banca Fideuram. Comunicazione Sindacale, stampato in proprio

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. E' presente il Direttore di Leggo. Premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. E' presente il Direttore di Leggo. Premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 24 ottobre 2011 nella sede della Fieg in Roma si sono incontrati il rappresentante della Soc. Leggo S.p.a., assistita dalla Fieg, e il CdR di LEGGO assistito dalla FNSI e dalle Associazioni

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

www.studiopolato.com

www.studiopolato.com www.studiopolato.com Dal 2000 Studio Polato, specializzato nella consulenza del lavoro, opera nel settore dell amministrazione del personale e della consulenza in materia giuslavoristica. Offre servizi

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso:

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso: ACCORDO QUADRO Premesso: o che coerentemente con quanto previsto dal piano industriale 2006-2009 al fine di proseguire e dare ulteriore impulso alla costante crescita conseguita negli ultimi anni, il Gruppo

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

Spettabili: FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI TORINO FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI PAVIA FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI LIVORNO

Spettabili: FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI TORINO FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI PAVIA FILT CGIL FIT CISL UILTRASPORTI LIVORNO 10128 Torino, via Fanti 17 Telefono 011/57181 Telefax 011/544634 http://www.ui.torino.it Codice Fiscale 80082190010 Torino, 12 aprile 2013 Spettabili: TORINO PAVIA LIVORNO Prot. n. 1304 - SIND/vr/fp Oggetto:

Dettagli

Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare

Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare La partnership Ribes e Nomisma Ribes ha avviato nel corso del 2010 la predisposizione di un nuovo Piano Industriale con l obiettivo

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni http://www.julienews.it/notizia/istruzione-e-lavoro/sciopero-per-il-mancato-rinnovo-delccnl-delle-telecomunicazioni/277635_istruzione-e-lavoro_7.html Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013 COMUNICATO STAMPA Ecosuntek S.p.A. - Approvazione del Progetto di Bilancio dell esercizio e del Bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di Ecosuntek S.p.A. approva

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

tra in relazione: si conviene quanto segue:

tra in relazione: si conviene quanto segue: Addì 26 giugno 2009, in Roma tra Alitalia - CAI e le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl-TA in relazione: ai confronti avviati nel trimestre in corso ed alle questioni emerse

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. Il 15 aprile 2009, in Roma

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. Il 15 aprile 2009, in Roma CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA Il 15 aprile 2009, in Roma tra ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA, CONFINDUSTRIA, CGIL,

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. tra. premesso che VERBALE DI ACCORDO Il giorno 22 aprile 2010, in Siena tra Banca CR Firenze S.p.A. (di seguito CRF) Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito BMPS) e le sottoscritte Organizzazioni Sindacali premesso

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori.

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Sindacato Lavoratori Comunicazione Roma, 12 Gennaio 2015 Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Lo Scenario

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 aprile 2013

COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 aprile 2013 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 aprile 2013 Proposto all assemblea un dividendo unitario di 0,45 per azione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa via Venezia, 26-48121 RAVENNA RA Tel./fax 0544219377 e-mail: info@villaggioglobale.ra.it - web: www.villaggioglobale.ra.it REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010 Premessa

Dettagli

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art.

RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. RELAZIONE SUI RISULTATI CONSEGUITI DAL PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DETENUTE DAL COMUNE DI SALERNO (art. 1, comma 612 della Legge 190/2014) 31 marzo 2016 PREMESSA

Dettagli

SLIDES Edizione I pubblicato il 19 aprile 2013 Gianluca Spolverato

SLIDES Edizione I pubblicato il 19 aprile 2013 Gianluca Spolverato SLIDES Edizione I pubblicato il 19 aprile 2013 Gianluca Spolverato GESTIRE UNA MOBILITÀ IN CONTESTI DI CRISI vademecum VADEMECUM E LINEE GUIDA 1. COSA FARE PRIMA DI APRIRE UNA PROCEDURA DI MOBILITÀ. 2.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012

DELIBERAZIONE N. 50/24 DEL 21.12.2012 Oggetto: Interventi a favore del sistema cooperativistico regionale. - Modifica parziale della Delib.G.R. n. 23/2 del 29.5.2012. POR FSE 2007-2013. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione

Dettagli

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL.

LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. LA VERA STORIA( ASSURDA E INFINITA) DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA EX DIPENDENTI DEGLI EE.LL. ( OVVERO UGUAGLIANZA NELLA DISUGUAGLIANZA), LEGGE 124/99 - ART.8 TRASFERIMENTO DI PERSONALE SCOLASTICO A.T.A.

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

tutto ciò premesso si conviene che: Articolo 1 Articolo 2

tutto ciò premesso si conviene che: Articolo 1 Articolo 2 Protocollo per le Relazioni sindacali del Gruppo Banco Popolare di Verona e Novara In Milano, il giorno 24 aprile 2002 le seguenti Società: facenti parte del Gruppo bancario Popolare di Verona - Banca

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI

Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI Prot. n. 9045 C14 d Torino, 12 agosto 2010 Circ. Reg. n. 250 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Regione Piemonte LORO SEDI OGGETTO:Adempimenti amministrativo-contabili da effettuare in riferimento

Dettagli

Approvata la Relazione di gestione al 31 dicembre 2015 del Fondo immobiliare Investietico:

Approvata la Relazione di gestione al 31 dicembre 2015 del Fondo immobiliare Investietico: Comunicato Stampa Press Release Milano, 29 febbraio 2016 Approvata la Relazione di gestione al 31 dicembre 2015 del Fondo immobiliare Investietico: Il valore complessivo netto (NAV) del Fondo è pari ad

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Il giorno 27 04 2004, presso l Assessorato del Lavoro, si è svolto un

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

Finanziati e coccolati

Finanziati e coccolati House And Money Il mercato dei finanziamenti Il lungo periodo recessivo ha impattato sul sistema bancario determinando un restringimento delle politiche di credito e quindi una maggiore difficoltà da parte

Dettagli

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte)

Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) Reddito d esercizio e Capitale di funzionamento (I parte) 1 REDDITO flusso di ricchezza che, in un definito arco temporale di vita dell impresa, per effetto della gestione,! incrementa il valore del capitale

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

COMUNICATO SINDACALE TELECOM: DOPO APPROFONDIMENTI INFORMATIVI CONFERMATO GIUDIZIO NEGATIVO. CONVOCATO COORDINAMENTO NAZIONALE RSU

COMUNICATO SINDACALE TELECOM: DOPO APPROFONDIMENTI INFORMATIVI CONFERMATO GIUDIZIO NEGATIVO. CONVOCATO COORDINAMENTO NAZIONALE RSU SLC - CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione FISTel - CISL Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni UILCOM - UIL Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione Roma, 25 Maggio 2010 COMUNICATO

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.08/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Contributi per interventi finalizzati

Dettagli

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA.

CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. CONVENZIONE IN TEMA DI ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA, ANCHE IN DEROGA. In data 27 Febbraio 2008 in Milano: Tra ABI/Commissione Regionale Lombardia ASSOLOMBARDA

Dettagli

Credito Emiliano SpA

Credito Emiliano SpA Credito Emiliano SpA RELAZIONE ILLUSTRATIVA del Consiglio di Amministrazione di Credito Emiliano per l Assemblea convocata per deliberare sulla proposta di autorizzazione all acquisto di azioni proprie

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Assicurazione dei Crediti Difendiamo il valore dei vostri crediti.

Assicurazione dei Crediti Difendiamo il valore dei vostri crediti. Assicurazione dei Crediti Difendiamo il valore dei vostri crediti. Per navigare al sicuro verso il futuro. Perché Atradius Perché Atradius nasce dall esperienza consolidata di un gruppo mondiale. Perché

Dettagli

L n u n o u v o a fil i o l s o of o ia i de d l l fare ConfimeAttiva

L n u n o u v o a fil i o l s o of o ia i de d l l fare ConfimeAttiva La nuova filosofia del fare ConfimeAttiva LA MISSION Fornire alle PMI associate tutti i possibili strumenti avanzati tali da consentire al sistema economico imprenditoriale di affrontare la sfida col mercato

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 In data 21 Dicembre 2009, alle ore 10.30, presso la Sala Riunioni dell A.S.L.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti.

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta all ordine del giorno della Assemblea ordinaria degli azionisti IPI S.p.A. (Art.3 - DM 5 novembre 1998 n 437) O o o o O Proposta di distribuzione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 19 del 08 aprile 2002 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 marzo 2002 - Deliberazione n. 1079 - Area Generale di Coordinamento Att. Soc. - Ass.

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Provincia- Revisione della disciplina delle funzioni

Provincia- Revisione della disciplina delle funzioni Provincia- Revisione della disciplina delle funzioni L art. 1, comma 86, della l. n. 56/2014 ha elencato le funzioni fondamentali delle Province non comprendendo tra queste il servizio idrico integrato;

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

ACCORDO ATTUATIVO PREVENZIONE INAIL-CGIL-CISL-UIL. Intervento: Dr. Francesco PICCI Responsabile Sede INAIL di Brindisi Lunedì 22 Giugno 2015

ACCORDO ATTUATIVO PREVENZIONE INAIL-CGIL-CISL-UIL. Intervento: Dr. Francesco PICCI Responsabile Sede INAIL di Brindisi Lunedì 22 Giugno 2015 ACCORDO ATTUATIVO PREVENZIONE INAIL-CGIL-CISL-UIL Intervento: Dr. Francesco PICCI Responsabile Sede INAIL di Brindisi Lunedì 22 Giugno 2015 Infortuni sul lavoro 2 INFORTUNI SUL LAVORO DENUNCIATI NEGLI

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

a) Determinazione Quote Associative e corrispettivi AssAP Servizi S.r.l. b) Procedura per ammissione in più settori della comunicazione.

a) Determinazione Quote Associative e corrispettivi AssAP Servizi S.r.l. b) Procedura per ammissione in più settori della comunicazione. REGOLAMENTO QUOTE ASSOCIATIVE Approvato dall Assemblea Straordinaria AssoComunicazione del 15 dicembre 2000 a) Determinazione Quote Associative e corrispettivi AssAP Servizi S.r.l. b) Procedura per ammissione

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio

Assegnazione Destinatari del Piano Società Controllate Gruppo Piaggio Piano di assegnazione di diritti di opzione su azioni proprie riservato al top management del Gruppo Piaggio e autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie previa revoca delle deliberazioni

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014

ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Comunicato Stampa ASSEMBLEA DEI SOCI 2014 Approvato il bilancio dell esercizio 2013 di Atlantia S.p.A. Deliberata la distribuzione di un dividendo per l esercizio 2013 pari a complessivi euro 0,746 per

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

PERSONA. con il Cliente

PERSONA. con il Cliente con il Cliente inprima PERSONA La necessità degli imprenditori di trasferire una quantità sempre maggiore di rischi, deve essere supportata da una continua evoluzione del prodotto assicurativo. La vera

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli