Trasmissione a mezzo fax e/o

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trasmissione a mezzo fax e/o e-mail"

Transcript

1 Spett.le Manutencoop Facility Management S.p.A. c.a. Dott. Guido Maria Dealessi c.a. Dott. Claudio Levorato Manutencoop Private Sector Solution S.p.A. c.a. Dott. Stefano Donati c.a. Dott. Simone D Auria Telecom Italia S.p.A. c.a. Dott. Onofrio Capogrosso c.a. Dott. Domenico Cipolletta c.a. Dott. Eduardo Perone Ministero Lavoro e Politiche Sociali Direzione Generale delle Relazioni Industriali e dei Rapporti di Lavoro fax: 06/ OO.SS Nazionali e Territoriali SLC CGIL Segreteria Nazionale FISTEL CISL Segreteria Nazionale UILCOM UIL Segreteria Nazionale UGL Telecomunicazioni Segreteria Nazionale SLC CGIL Segreteria Territoriale FISTEL CISL Segreteria Territoriale UILCOM UIL Segreteria Nazionale UGL Telecomunicazioni Segreteria Territoriale SNATER Segreteria @: UIR fax: 06/85546 A.N.L.E. Trasmissione a mezzo fax e/o 1

2 c.a. Dott. Partito Democratico Matteo Filippo Marianna : Davide : Movimento 5 Stelle On. Gessica Carmen : - Presa - Piazza LAGABBIA quinta colonna L osservatore Romano Il resto del carlino La nazione Oggetto: Manutencoop Private Sector Solution S.p.A. Commessa Telecom Procedura di Licenziamento Collettivo legge 223/91. Inviamo il documento in allegato, redatto dai lavoratori di Manutencoop Private Sector Solution S.p.A. assegnati alla gestione della Commessa Telecom Italia, ex dipendenti della stessa Telecom coinvolti nel 2004, loro malgrado, a Cessione di Ramo d Azienda ed ora in Cassa Integrazione, ma con la prospettiva di essere definitivamente licenziati. Con il citato documento si vuole portare all attenzione delle aziende in indirizzo, delle rappresentanze datoriali, sindacali e politiche e dell opinione pubblica, la strategia del lavoro attuata da Manutencoop, con l avallo di Telecom Italia, che ha avuto esclusivamente l obiettivo di espellere i lavoratori ex Telecom dall Azienda. 2

3 I LAVORATORI MPSS EX TELECOM MANUTENCOOP SCRIVE L EPILOGO DEI LAVORATORI MPSS DEL FACILITY EX TELECOM Il presente documento viene redatto dai lavoratori di MPSS - Manutencoop Private Sector Solutions lavoratori ex Telecom assegnati alla lavorazione dell appalto dei servizi di facility di Telecom, per denunciare la politica lavorativa praticata dalla soc. MPSS sotto la regia ed il coordinamento della sua capogruppo Manutencoop Facility Management S.p.A. (in seguito chiamata MFM) il gigante italiano della cooperazione, operante nel facility, ai danni dei lavoratori citati, in una delle sue controllate, allo scopo di espellere centinaia di lavoratori e così migliorare la sua efficienza, i suoi risultati ed i suoi bilanci aziendali. Noi lavoratori di MPSS ex Telecom avviati dall azienda sulla strada del licenziamento attraverso il ricorso alla legge 223/91, dichiariamo alla MFM e alla MPSS, alla Telecom e alle OO.SS. che siamo fermamente decisi a lottare per: difendere il nostro posto di lavoro; difendere il nostro diritto al lavoro; riprenderci le attività della nostra commessa Telecom, sottrattaci per garantire lavoro e carriere ai lavoratori della capogruppo MFM; riprenderci le responsabilità di coordinamento, controllo e d interfacciamento sottratte ai Responsabili di Aree Operative, Facility Manager e Building Manager; riprenderci l interfaccia con il Cliente Telecom, per le attività manutentive/adeguative, sottratte ai lavoratori MPSS ex Telecom e affidate a personale MFM per la loro riqualificazione; riprenderci da MFM la nuova commessa Telecom appositamente rinnovata a 28 milioni di euro per assicurare il proseguimento del lavoro agli ex Telecom; Per inquadrare compiutamente l agonia lavorativa dei lavoratori iniziata con il gruppo Telecom 10 anni fa, la grave crisi in cui versano e la cancellazione di ogni possibilità lavorativa futura, è necessario ripercorre sinteticamente alcuni passaggi pianificati e realizzati, ripartendo dalle cessioni di ramo di azienda con cui la Telecom S.p.A. ha ceduto centinaia di lavoratori, il loro arrivo nella soc. MP Facility S.p.A. (dal denominazione sociale variata in Manutencoop Private Sector Solutions S.p.A.), la nascita e l evoluzione di MP Facility prima e MP Sector poi, fino alle ultime modificazioni e decisioni. In origine, tutti i lavoratori MPSS oggetto delle attenzioni di espulsione della società erano ex dipendenti del gruppo Telecom. Dopo la scalata a debito della Telecom effettuata dalla Pirelli al prezzo di decine di miliardi di euro, per il nuovo azionista Pirelli è esplosa la necessità di rimborsare il debito e pagare gli interessi. La soluzione più elementare ed immediata è stata quella di aumentare i dividendi agli azionisti (leggi Pirelli e Tronchetti Provera). Occorreva ridurre i costi o incrementare i ricavi (più impegnativo) così da aumentare gli utili da distribuire in dividendi a Pirelli. Il nuovo padrone pensò bene di tagliare gli investimenti e ridurre il costo del lavoro anche scaricando migliaia di lavoratori con studiate cessioni di ramo d azienda con annessi i relativi lavoratori. A parte i progetti economico/ finanziari e i risultati attesi dimostratisi puri sogni riempiti di errori, il gruppo Telecom - facilitato dalla modifica dell art c.c. - procedeva così alla riduzione del costo del lavoro riducendo gli organici come sopradetto, grazie alle opache cessioni di ramo d azienda e di lavoratori alla ex MP Facility attuale MPSS. 3

4 Le cessioni erano effettuate in data per i lavoratori del facility di TIM, IT Telecom e Finsiel alla riesumata Emsa Servizi S.p.A.(100% Telecom) e poi da questa, in data nuova cessione a Facility; sempre in data veniva ceduto il ramo di azienda ed i lavoratori del facility di Telecom. In contropartita della cessione di ramo e dei lavoratori ad Emsa, in data Telecom Italia Mobile assegnava a Emsa un contratto di appalto per la fornitura e la gestione di servizi integrati immobiliari e di funzionamento del valore annuo di euro 38,5 aggiornabili e della durata di anni 5 rinnovabili in ulteriori 5 anni, con il fine non dichiarato di voler garantire ai suoi ex dipendenti ceduti il proseguimento del rapporto di lavoro ed un reddito per 10 anni nella nuova società cessionaria. A luglio 2004 Pirelli (azionista di maggioranza di Telecom ) e Manutencoop Facility Management S.p.A. costituivano la joint venture paritetica al 50% MP Facility S.p.A. per gestire gli immobili del Gruppo Telecom Italia, un vasto patrimonio distribuito a rete sul territorio nazionale. Vedremo che MP Facility costituirà il contenitore entro il quale racchiudere rami di azienda e lavoratori ritenuti in sovrannumero dal gruppo Telecom, sempre dietro importanti contropartite in appalti per enne anni, che alla scadenza giustificheranno MPSS a cassa integrare e licenziare gli ex lavoratori Telecom ancora rimasti. Il Gruppo MFM- Manutencoop Facility Management la capogruppo della MP Facility - nostra attuale società - nasce nel dicembre 2003, a seguito del conferimento da parte della Manutencoop Società Cooperativa (MSC) del proprio ramo di azienda focalizzato nei servizi di facility management, oltre che di alcune partecipazioni in società attive nello stesso settore: BSM-Building Service Management S.r.l., MCB S.p.A., Gico System S.r.l., Archimede 1 S.p.A., ed altre piccole società e consorzi. Manutencoop Facility Management S.p.A ha raccolto l eredità di una parte importante della cooperativa, la ex divisione servizi integrati. Nel dicembre 2008, MFM acquisisce da Pirelli Real Estate e Intesa Sanpaolo la Pirelli RE Integrated Facility Management S.p.A., capogruppo di società specializzate nel settore dei servizi di Facility e Project Management. Con l acquisto diventa proprietaria anche dell altro 50% di MP Facility. A questo punto è importante soffermarsi su MCB S,p.A. in quanto, già agli inizi degli anni 2000 seppur con dimensioni ed affari ridotti - costituiva un vero pioniere nel segmento del facility management per le imprese a rete e di fatto l attività di facility del gruppo nasce come MCB. Dal 1 gennaio 2010 MCB (controllata da Manutencoop) viene fusa per incorporazione in MP Facility S.p.A la società del Gruppo Manutencoop costituita nel 2004per gestire gli immobili del Gruppo Telecom Italia, un vasto patrimonio distribuito a rete sul territorio nazionale e pertanto del tutto affine al core business dell allora MCB. La fusione di MCB in MP Facility comportava l aggregazione dei lavoratori delle due società, che svolgevano come detto le stesse attività di gestione immobili su commesse diverse: gli ex Telecom per le commesse pubbliche (Telecom) e gli ex MCB per quelle private ( banche etc ). Richiamata la provenienza dei lavoratori MP Facility, e gli ex MCB alle commesse di privati, osserviamo che la nuova realtà così determinata, suggeriva alla capogruppo Manutencoop Facility Management S.p.A. una strumentale riorganizzazione da realizzare con nuovi modelli organizzativi, casse integrazioni, mobilità, incentivazioni all esodo e di fatto il trasferimento alla capogruppo MFM ed ai lavoratori ex MCB delle responsabilità fino ad allora attribuite ai lavoratori ex Telecom. Anche le interfaccia con il Cliente Telecom, per le attività manutentive/adeguative, non sono le 133 dipendenti MPSS che lavorano sulla commessa, bensì personale MFM, come dimostrato dalla modifica software all applicativo CRM di Telecom Italia interfacciato direttamente con quello Manutencoop MP2, in modo che gli interventi richiesti dal cliente Telecom Italia venivano acquisiti e lavorati direttamente da MFM. L attuale organizzazione prevede nei 4

5 ruoli di responsabili personale già con la medesima qualifica in MFM, quindi con lo stesso ruolo in ambedue le società, svuotando così i lavoratori della sola MPSS dei ruoli più qualificanti. Osserviamo che i dipendenti di MCB saranno privilegiati e garantiti, forse anche perché dipendenti storici e probabilmente erano o sono tutti soci della Manutencoop cooperativa posta al vertice della piramide e del controllo. Sempre dal 1 gennaio 2010 è avvenuta la fusione in Manutencoop Facility Management delle società Altair IFM S.p.A. (già Pirelli RE Integrated Facility Management S.p.A.) e Teckal S.p.A. Dal MP Facility ha modificato la denominazione sociale in MPSS. Manutencoop Private Sector Solutions S.p.A., società alla quale appartengono i lavoratori della presente vertenza, è la società del Gruppo specializzata nel facility per aziende private con articolazione a rete (filiali bancarie, catene di negozi, sedi operative) e si occupa della gestione in outsourcing dell intero patrimonio immobiliare del Gruppo Telecom Italia. E dichiarato ufficialmente prima ancora di tutte le riorganizzazioni ed accordi sindacali che la gestione del patrimonio Telecom viene effettuata in outsourcing e che la MPSS gestisce il facility di privati a rete. Comunque sia, nelle more delle cessioni di ramo di azienda effettuati da Telecom molti lavoratori si erano appellati al Giudice sostenendo la inefficacia e/o la illegittimità della cessione del proprio rapporto di lavoro a Emsa e/o a MP Facility per inapplicabilità alla fattispecie della disciplina recata dall art c.c., altri avevano rinunciato a proporre azioni legali ed in alcuni casi addirittura a ritirare le azioni già avviate, soltanto dietro richieste, promesse e pressioni della Emsa prima, e MP Facility dopo. Altri ancora avevano rinunciato per tranquillità, per non affrontare spese legali, o perché credevano nella nuova società cooperativa. In molti casi i Tribunali hanno riconosciuto la fondatezza delle denunce, dichiarata la nullità della cessione del contratto di lavoro a Emsa e/o MP Facility e confermata la prosecuzione del rapporto di lavoro nella Telecom, e condannata la stessa Telecom a reintegrare nel posto di lavoro i lavoratori ceduti illegittimamente. Telecom procede alla riammissione nei propri quadri dei lavoratori reintegrati dal Giudice soltanto dopo il passaggio in giudicato delle sentenze (leggi Cassazione) per cui ancora oggi ci sono molti lavoratori nella attuale MPSS vincitori nel 2^ grado di giudizio, che attendono la sentenza definitiva per essere reintegrati. Riprendiamo l oggetto della attuale vertenza illustrando le attività e le procedure sindacali avviate dall azienda quasi in contemporanea alle ultime fusioni e incorporazioni. Primo passo o atto ufficiale è l incontro sindacale all UIR Unione Industriali di Roma del MP Facility S.p.A. ha illustrato in perfetto stile dottrinario o politichese - le linee guida del nuovo piano industriale, consistenti nell abbandono della logica della commessa monocliente ed in altri obiettivi legati alla gestione del portafoglio clienti, al posizionamento sul mercato ed al controllo più accurato della performance lavorativa. Nel contesto del processo di riorganizzazione del Gruppo Manutencoop, viene realizzata la nuova struttura operativa CLIENTI A RETE risultante dalla riorganizzazione delle precedenti strutture presenti in vari settori aziendali ; essa è stata societarizzata in MP Facility S.p.A. e concentra tutte le attività svolte in precedenza nei vari segmenti territoriali. Tralasciati i fini dichiarati in un burocratese tale da non lasciare spazi alla comprensione di ciò che si andava realizzando, si richiamano due dei principali obiettivi della riorganizzazione riallocazione del nuovo perimetro - eliminazione delle sovrapposizioni delle attività e delle responsabilità. 5

6 Tali obiettivi, a nostro parere creano le premesse e anticipano il modo e la volontà di come migliorare efficienza, produttività e risultati aziendali, eliminando le figure che dopo le ultime acquisizioni (leggi MCB) si sovrapponevano o duplicavano. Di fatto dovevano essere eliminati i lavoratori ex Telecom (lavoratori mono commessa) che svolgevano la stessa attività di gestione immobili dei lavoratori di MCB, assegnando loro le attività e la parte più qualificata di coordinamento. Infatti, a corollario di quanto dichiarato, l Azienda comunicava che l attuazione del programma di riorganizzazione comportava il sorgere di insaturazioni di personale. Le OO.SS. richiedevano all azienda di ricorrere agli ammortizzatori sociali, la quale accoglieva immediatamente la proposta in quanto perno e snodo del suo piano industriale e di riorganizzazione strutturale. Veniva concordata la CIGS per un massimo di n. 130 lavoratori a zero ore per 24 mesi a rotazione a partire dal 1^ febbraio 2011 ed un programma di formazione e riqualificazione professionale da svolgersi nel biennio di cassa con il fine di preparare il cambiamento dei ruoli e dell approccio lavorativo. Il tutto era completato dalla gestione degli esuberi con la mobilità per un massimo di 85 persone, dimissioni incentivate, trasferimenti volontari e ricollocazione in ambito extra M.P. Facility. Così, in applicazione degli accordi sottoscritti con verbale del e documento MP Facility alle OO.SS. del , sono stati collocati in CIGS a zero ore i 130 lavoratori individuati dall azienda senza comunicare e/o applicare alcun criterio di scelta. Manutencoop ha proseguito il suo piano, attuando un processo di integrazione e concentrazione delle attività prestate al cliente Telecom, affidando le attività ad altri lavoratori, sia di MPSS che della capogruppo Manutencop a questi ultimi principalmente quelli di coordinamento e controllo, i più qualificanti, a loro dire giustificato dalla necessità di una maggiore focalizzazione sul servizio reso a Telecom e da una migliore efficacia nella gestione della commessa. L abbandono della mono commessa Telecom e l obiettivo di utilizzare il personale su più commesse o clienti, invece di migliorare la professionalità e le possibilità di tutti i lavoratori, compresi quelli ex Telecom, ha consentito artatamente all azienda di trasferire a lavoratori del gruppo storico di Manutencoop gli ex MCB, le attività delle commesse Telecom, l accentramento delle attività in una unica struttura operativa Manutencoop e la conseguente sottrazione di attività delle commesse a chi le aveva sempre svolte. Approfittando dell assenza dei lavoratori ex Telecom cassaintegrati, sono state trasferite attività delle commesse Telecom fin ad allora sempre da loro svolte, per affidarle per sempre a Responsabili e lavoratori Manutencoop, attuando una vera e propria spoliazione delle attività dei lavoratori MPSS ex Telecom, che nel tempo doveva giustificare la mancanza di attività e la loro messa in mobilità. Dal 2010 ci sono state più riorganizzazioni o ristrutturazioni, che hanno sempre perseguito l obiettivo di trasferire attività, specialmente le più qualificanti, da MPSS a MCB o Manutencoop, anche quelle del personale building. Dopo due anni di Cassa integrazione, ecco il tentativo di collocare in mobilità i lavoratori cassintegrati, per l azienda giustificato dal persistere della riduzione delle commesse. La mobilitazione dei lavoratori e la richiesta di misure alternative ha avviato la solidarietà difensiva al 20% per il periodo / interessando come solito malgrado le richieste di rotazione - i soli lavoratori di MPSS commesse Telecom. Rientrati in azienda, causa la riorganizzazione e la spoliazione come sopradetto, ci siamo trovati alcuni con minori e meno qualificate attività, altri senza alcuna attività da gestire ed altri ancora ricollocati in attività anche totalmente diverse da quelle svolte in precedenza. 6

7 Siamo andati avanti per qualche mese, credendo di aver superato il momento più brutto, invece in data MPSS ha avviato la procedura di licenziamento collettivo per riduzione di personale, legge 223/91 per n. 133 lavoratori operanti sul territorio nazionale nella commessa Telecom scadente il , alla quale procedura i lavoratori e le OO.SS. si sono fermamente opposti. Nelle more della discussione sulla CIGS, Telecom ha assegnato a MPSS una nuova commessa del valore di euro 28 milioni, per consentire ai suoi ex lavoratori Telecom ceduti ed ancora impegnati sulla commessa Telecom a stralcio e sulla nuova commessa, di poter continuare a svolgere il proprio lavoro eliminando o riducendo i motivi che potevano sollecitare la mobilità. Buon senso e correttezza avrebbero voluto che Manutencoop rivisitasse la procedura di ammortizzatori sociali in corso, e restituisse le attività anche a chi ne era stato privato, ma di contro, la società ha invitato quei pochi lavoratori ex Telecom ancora impegnati sulle commesse Telecom, a trasferire a lavoratori di Manutencoop le attività fino a quel momento da loro svolte, escludendo anche gli ultimi mohicani definitivamente dal processo produttivo. Si sono aperti in sede ministeriale gli incontri congiunti Azienda Sindacati previsti dalla procedure 223/91 e MPSS ha proposto di richiedere l impegno di Telecom a ricollocare n. 43 lavoratori MPSS presso i nuovi aggiudicatari di commesse Telecom nelle regioni ove MPSS aveva perso totalmente l appalto. I restanti 90 lavoratori si sarebbero dovuti collocare in una newco con tutte le commesse MPSS del mondo TLC, oppure in attività di data entry da parte di Telecom attraverso un ciclo di ammortizzatori sociali per la formazione del personale sulle diversificate attività appaltate da Telecom. All incontro del 30 dicembre 2013 è intervenuta Telecom che si è dichiarata disponibile ad impegnarsi per fare assorbire dai nuovi assegnatari delle commesse i 43 lavoratori in discussione, ma si è detta altresì indisponibile per riassegnare a MPSS altre attività, vista la politica di reinternalizzazione in atto alla Telecom. Tanto più che la stessa si considera del tutto esente da responsabilità nei confronti delle vicende provocate dalle sue precedenti esternalizzazioni. In mancanza di impegni concreti e a procedura 223 quasi scaduta le OO.SS. con la disponibilità del Ministero del Lavoro, avevano pensato a ulteriori 6 mesi di Cassa integrazione, per maturare il reale coinvolgimento di Telecom e predisporre un piano con MPSS per la piena occupazione del personale ex Telecom sulla ridotta acquisita commessa. Su queste ipotesi in data 7 gennaio 2014 si sono svolte in tutta Italia le assemblee del personale MPSS ex Telecom, ma malgrado la presenza di mozioni presentate dai lavoratori con la richiesta di Cassa integrazione a rotazione per tutti i lavoratori di MPSS, la comunicazione dei criteri di scelta del personale, sono state approvate le proposte sindacali, in particolar modo la concessione della cassa per 6 mesi. Nel successivo incontro MPSS- Telecom e OO.SS. tenutosi l 8 gennaio 2014 al Ministero del Lavoro del quale non abbiamo un verbale o un documento sindacale, veniva concessa la Cassa in deroga a n. 116 lavoratori fino al 7 febbraio 2014 in modo da raggiungere nel quinquennio il periodo massimo di 36 mesi previsti per la concessione della CIGS e l assegnazione ad altre commesse o ad altre sedi di lavoro di n.15 lavoratori. I numeri non sono stati ufficializzati in modo trasparente ma sono stati ricavati da noi lavoratori dalla lista ufficiale del personale in forza sulla commessa Telecom, suddivisa per aree territoriali. Nel frattempo dall apertura della procedura 2 lavoratori avevano dato le dimissioni. MPSS si impegnava a erogare a ogni lavoratore in cassa una integrazione mensile di euro 300, per il mese concordato e per i futuri mesi di cassa in deroga che potranno essere ancora concessi. Inoltre si impegnava ad anticipare l indennità di cassa dovuta dall INPS. L azienda si impegnava esplicitamente ad utilizzare il residuo mese di CIGS per esplorare tutte le possibilità alternative e trovare le soluzioni più morbide e meno traumatiche nel superamento delle difficoltà aziendali. Complessivamente non ci sono stati risultati concreti ma solo promesse. Inoltre, seppur soddisfatti per i 15 lavoratori cancellati dalla procedura di CIGS e riutilizzati su altre sedi ed attività, denunciamo il 7

8 comportamento discrezionale ed antisindacale praticato dall azienda nella individuazione dei lavoratori da salvare, che ci risulta effettuata senza informazione o accordo sindacale alcuno. Restano inconciliabili le posizioni di MPSS e di Telecom che si addebitano vicendevolmente le responsabilità della crisi attuale. MPSS richiede alla Telecom aumenti di commesse per garantire il lavoro ai suoi ex dipendenti, e nel contempo attribuisce alla politica di reinternalizzazioni delle attività della Telecom l effetto delle diminuite assegnazioni di attività. Da parte sua, Telecom, non si ritiene responsabile dell attuale situazione per aver ceduto i rami di azienda del facility ed i suoi lavoratori, non ritiene possibile un aumento delle commesse, valuta che il nuovo appalto sia sufficiente per garantire il proseguimento dell attività ai suoi ex dipendenti, non intende ipotizzare un loro reinserimento nei propri quadri aziendali, ma è disponibile soltanto a favorire il ricollocamento presso i nuovi aggiudicatari della commessa Telecom di n. 43 lavoratori impiegati nelle regioni dove MPSS ha totalmente perso la commessa. Noi lavoratori di MPSS in cassa, riteniamo che gli esuberi di personale di MPSS siano la conseguenza delle esternalizzazioni effettuate dal gruppo Telecom Italia nel 2004 e dell interesse di Manutencoop all acquisto di rami di azienda e dei lavoratori con essa ceduti, esclusivamente per acquisire gli appalti di facility di una grande azienda come Telecom e così allargare il perimetro della attività della società allora priva di una massa critica di ordini e di fatturato. Ripercorsi i più significativi passaggi aziendali e lavorativi, con particolare riferimento alle ultime decisioni sul come migliorare i conti aziendali dopo le preparatorie riorganizzazioni della MFM, ed in vista della pianificata quotazione della società capogruppo (la solleciteranno senz altro i fondi di investimento e di private equity già soci della Manutencoop Facility Management), rifiutiamo l utilizzo della cassa in deroga come ammortizzatore sociale provvisorio, finalizzato ai licenziamenti collettivi. Rammentiamo all azienda che siamo indisponibili ad accettare la mobilità legge 223/91 per il forte impatto sociale che comporterebbe sulla nostra vita in un momento di così grave crisi economica, che ben difficilmente ci consentirebbe di sperare in altre opportunità di lavoro. Sorprende che certe operazioni effettuate sulla pelle dei lavoratori siano pianificate e realizzate da una società cooperativa la cui Mission pone al centro della sua azione la valorizzazione e la tutela del lavoro stesso, non certo solo il lavoro dei suoi soci lavoratori. La MFM orgogliosamente oggi rappresenta il principale operatore italiano nel settore dell Integrated Facility Management e uno dei principali player a livello europeo, con ricavi consolidati pari a oltre 1,1 miliardi di euro. Per questo, riteniamo che i principali attori del sistema produttivo ed industriale italiano debbano coraggiosamente e solidaristicamente farsi carico delle situazioni, sostenere gli impegni e i sacrifici necessari, partecipare in prima persona al rilancio della crescita, dell economia e dell occupazione. Soltanto con questo operare si adempie un preciso dovere etico e sociale e si contribuisce realmente al superamento delle attuali difficoltà di tutto il Paese, non certo con le azioni mirate ad irrigare il proprio orticello con l acqua della collettività. I LAVORATORI MPSS EX TELECOM Roma, 28/01/2014 8

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI

ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI ACCORDO QUADRO SINDACALE PROVINCIALE SULLA MATERIA DEI CONTRATTI PART TIME INTEGRATIVO AL CCNL TURISMO PARTE SPECIALE PUBBLICI ESERCIZI Il giorno 4 Febbraio 2003 presso la sede dell Ascom Provinciale in

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli