INTERVISTA 1 del 31 luglio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERVISTA 1 del 31 luglio 2014"

Transcript

1 Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro INTERVISTA 1 del 31 luglio 2014 Intervista al Prof. Valerio Onida, Presidente della Scuola Superiore di Magistratura 31 luglio Abbiamo intervistato Valerio Onida, professore emerito di diritto costituzionale all'università Statale di Milano e Presidente emerito della Corte costituzionale, attualmente Presidente della Scuola Superiore di Magistratura per illustrare gli obiettivi e le attività della Scuola Il Progetto Diffusione delle best practices negli uffici giudiziari italiani (DBP) ha, tra i suoi obiettivi, la crescita di capacità direzionali e manageriali nelle strutture del sistema giudiziario. Inoltre, ha anche lo scopo di realizzare buone pratiche in tema di miglioramento organizzativo, specie se collegate a risultati espliciti rispetto alle esigenze degli utenti esterni, siano essi utenti professionali (come gli avvocati) oppure cittadini e imprese. D altra parte, il Progetto Miglioramento Performance Giustizia (MPG) sta operando per valutare, comunicare e diffondere le esperienze di successo emerse. Per questo risulta interessante evidenziare gli elementi di coerenza tra quanto sviluppato, da un lato, nell ambito sia di DBP sia di MPG/Risorse per la giustizia; e, dall altro lato, l attività della Scuola Superiore di Magistratura in tema di formazione sull organizzazione degli uffici giudiziari, sui programmi di modernizzazione in corso e sulla preparazione degli attuali e futuri capi degli uffici. Le risposte fornite dal Prof. Onida forniscono una chiara sintesi sul dibattito in corso all interno della magistratura e pensiamo siano particolarmente interessanti in questa direzione. D. Lei è il Presidente della Scuola superiore di magistratura, una struttura di recente costituzione e operatività. Ci può delineare sinteticamente i presupposti della nascita della Scuola nell'ambito della funzione di formazione e aggiornamento dei magistrati? R. La Scuola Superiore della Magistratura nasce, sulla carta, con un decreto legislativo del 2006, poi modificato nel 2007, a seguito della legge delega del 2005 sulla riforma dell ordinamento giudiziario; ma nei fatti nasce solo molto più tardi, con l insediamento del comitato direttivo nel novembre Anzi, la sua effettiva operatività comincia solo quando essa viene disporre della sede di Villa Castel Pulci a Scandicci (Firenze), oltre che della sede amministrativa a Roma abbandonando l idea iniziale di tre sedi, al nord, al centro e al sud - e viene messa in grado di spendere la dotazione finanziaria assegnatale dal bilancio dello Stato (circa 13 milioni di euro all anno): vale a dire solo nell ottobre Le Interviste sono prodotti editoriali realizzati nell ambito delle attività del portale PAQ (Per una Pubblica Amministrazione di Qualità) del Dipartimento della Funzione Pubblica. 1

2 Prima di allora alla formazione dei magistrati provvedeva il Consiglio Superiore della magistratura (di seguito CSM), con corsi brevi di formazione permanente aperti ai magistrati in servizio (quasi solo quelli togati, pochissimo a quelli onorari), mentre la formazione iniziale dei magistrati che vincevano il concorso di accesso era affidata essenzialmente ai diciotto mesi del tirocinio presso gli uffici giudiziari, prima dell assegnazione delle funzioni. La formazione dei magistrati onorari era affidata a commissioni apposite in sede decentrata. La Scuola è invece un ente pubblico autonomo, ancorché governato da un direttivo di cui fanno parte sette componenti designati dal CSM (un professore e sei magistrati) e cinque componenti designati dal Ministro della giustizia (un magistrato, due professori e due avvocati). Ad essa è affidato complessivamente il compito della formazione di tutti i magistrati ordinati non di quelli amministrativi e contabili - compresi gli onorari (giudici di pace e giudici onorari con funzioni di giudici di Tribunale e di vice procuratori). La Scuola osserva le linee guida sulla formazione deliberate dal CSM e dal Ministro, ma organizza e svolge la propria attività in piena indipendenza dagli organi che nominano i membri del direttivo. L idea sottostante è che la formazione dei giudici e dei pubblici ministeri (unitaria pur se poi anche specializzata) non debba essere esclusivo appannaggio dell organo di autogoverno (il CSM) e debba dunque essere impostata avendo riguardo non alle sole vedute e interessi della categoria professionale interessata, ma alle attese della società nei confronti di coloro che esercitano o eserciteranno le funzioni giurisdizionali, cioè a quella che si potrebbe definire la domanda di giustizia che si rivolge agli apparati della giurisdizione. La Scuola, in ogni caso, + oggi per legge competente per l intero ambito della formazione dei magistrati ordinari professionali e onorari (formazione iniziale, permanente, dei dirigenti e degli aspiranti dirigenti, decentrata, internazionale, in collaborazione con organismi di altre categoria professionali). Un altra novità rilevante è che la formazione iniziale dopo l accesso alla magistratura dei magistrati togati, attraverso il tirocinio di diciotto mesi, non è più affidata quasi per intero agli uffici giudiziari, ma fa capo, per una sessione di sei mesi anche non continuativi, alla Scuola. Questo compito è risultato subito di grande impegno, dato che solo dal 2012 al 2014 sono stati nominati circa mille nuovi magistrati di carriera (su un organico di circa 9000), ai quali la Scuola ha dovuto fornire la prevista formazione iniziale. Questa si svolge sia attraverso sessioni presso la sede centrale della Scuola (a Scandicci), sia attraverso stage di formazione in sede decentrata presso strutture e organismi diversi dagli uffici giudiziari (Istituti penitenziari, strutture delle forze dell ordine, amministrazioni pubbliche, altri organismi). Resta invece estranea alla Scuola la preparazione di coloro che si preparano ad accedere alla magistratura: dopo la laurea, oggi sono previste come condizioni per accedere al concorso, alternativamente, la frequenza di scuole di specializzazione post-universitarie o il conseguimento dell abilitazione all esercizio dell avvocatura o esperienze in altre amministrazioni pubbliche (in proposito si può constatare come la preparazione al concorso venga perseguita quasi sempre anche attraverso la frequenza volontaria di una delle numerose scuole private sorte in tutta Italia, segno che i meccanismi pubblici di formazione non sono soddisfacenti). Il tema dell accesso alla magistratura è peraltro oggi ampiamente in discussione in sede politico-legislativa. A parte l attività di formazione iniziale, che riguarda tutti i magistrati nominati a seguito di vittoria in un determinato concorso o a seguito di altra procedura di selezione (per gli onorari), che hanno quindi l obbligo di parteciparvi, la formazione cosiddetta permanente, che ha essenzialmente finalità di aggiornamento, è seguita, con moduli di corsi brevi di 2

3 quattro sessioni di mezza giornata ciascuna, dai magistrati che vi sono ammessi dalla Scuola su loro domanda. Poiché le domande di ammissione sono usualmente più dei posti disponibili (di solito fra i 50 e i 90 per ciascun corso), la Scuola adotta dei criteri di ammissione (applicati automaticamente in via informatica) basati in generale sulla equilibrata distribuzione territoriale delle provenienze e sulla preferenza per la minore anzianità di servizio. Per legge i magistrati hanno l obbligo di partecipare ad almeno un corso ogni quattro anni; ma di fatto le richieste sono molto più frequenti, e nel giro al massimo di due anni tutti coloro che chiedono di partecipare vengono ammessi ad almeno un corso fra quelli richiesti. Nel 2013 si sono avute quasi 6000 domande, circa 5300 magistrati sono stati ammessi ai corsi e circa 4200 hanno effettivamente partecipato ad essi. Nel 2014 si sono avute 6500 domande, e quasi 6000 ammissioni (fra cui quelle di tutti i richiedenti che l anno prima non erano stati ammessi ad alcun corso). Va notato che la partecipazione ai corsi è totalmente a spese della Scuola, che provvede sia al pagamento del viaggio, sia all alloggio e al vitto durante i corsi medesimi. La Scuola non ha una propria struttura didattica permanente. Si avvale di docenti selezionati volta per volta, in occasione delle singole attività formative, tra magistrati, professori, avvocati o altri esperti. L unico organo di governo della Scuola, oltre al segretario generale preposto alla struttura amministrativa, è il comitato direttivo, che assomma in sé le funzioni tipiche di un consiglio di amministrazione e quelle di organizzazione e direzione delle attività formative. A tal proposito si manifesta un certo squilibrio nascente dal fatto che i componenti magistrati sono collocati fuori ruolo e quindi esercitano la funzione a tempo pieno e in via esclusiva, mentre i membri laici (professori e avvocati) devono inserire questa funzione all interno delle loro normali attività, dedicando quindi ad essa un tempo assai più limitato. Si può osservare che Scuole analoghe di altri paesi possiedono invece una robusta struttura di direzione, con personale stabile. D. In questi ultimi anni il fattore delle competenze organizzative dei dirigenti degli uffici giudiziari è emerso in modo rilevante. I dati sull'utilizzo del Processo Civile Telematico (PCT) e sui progetti di miglioramento mostrano come in molti casi la motivazione e le competenze messe in campo dai capi degli uffici costituisca una risorsa indispensabile. Che spazi di intervento ha la Scuola superiore di magistratura su questo fronte e quali corsi ha realizzato oppure ha in programma di realizzare? R. Un altra rilevante novità introdotta dal legislatore a proposito della Scuola è la previsione di appositi corsi per i magistrati che aspirano a dirigere uffici giudiziari di primo livello (Tribunali e Procure) e di secondo livello (Corti d Appello e Procure Generali). I corsi dovranno promuovere le competenze sui criteri di gestione di organizzazioni complesse e sugli strumenti anche informatici sviluppati dal Ministero della Giustizia per il funzionamento dei propri servizi. Ad esito dei corsi dovranno essere forniti al CSM (cui spetta deliberare l attribuzione dei posti di dirigente, sulla base di proposte formulate dalla apposita commissione di concerto col Ministro) elementi di valutazione che saranno tenuti in conto nei processi deliberativi in materia. La frequenza ai corsi è condizione per poter concorrere ai posti direttivi. La Scuola ha formato un gruppo di lavoro con esperti di organizzazione giudiziaria per mettere a punto programmi concreti in questo campo, e ha già organizzato un corso sperimentale privo ancora di valore legale. Il problema è che potenzialmente gli aspiranti dirigenti sono migliaia; mentre i corsi, per essere seri, dovranno avere una durata minima 3

4 congrua ed essere proposti, ciascuno, a un numero limitato di partecipanti (in linea di massima non più di quaranta). La legge non definisce criteri di priorità nell ammissione a tali corsi. Poiché la Scuola in questa materia ha esclusivamente un compito di formazione, e non di selezione degli aspiranti (ancorché sia chiamata a fornire al CSM elementi di valutazione all esito dei corsi), è evidente che la selezione dei magistrati che chiedano di partecipare ai corsi al fine di poter aspirare alla nomina a dirigente dovrà essere fatta dall organo di governo dei magistrati, il CSM, in relazione a singole procedure di nomina di capi di uffici o genericamente, in via preventiva. Soprattutto in questo secondo caso sarà un compito assai delicato, almeno fino a quando, col tempo, tutti i magistrati che ad un certo momento aspirano a concorrere a posti di dirigente avranno potuto frequentare un corso (gli elementi d valutazione hanno validità per cinque anni). Le capacità e le abilità organizzative sono solo in piccola parte legate al possesso di specifiche nozioni teoriche attinenti alle scienze dell organizzazione. Per lo più esse dipendono da qualità della persona (si pensi alle qualità relazionali, di evidente importanza ai fini di realizzare costruttivi rapporti fra gli addetti allo stesso ufficio), da una buona conoscenza dei mondi con i quali gli interessati dovranno interagire (dal mondo dell amministrazione a quello della comunicazione e dei mass media), e dall acquisizione di una cultura dell organizzazione. Tradizionalmente il lavoro dei magistrati è visto come legato essenzialmente ad una corretta, indipendente e imparziale applicazione della legge nei casi concreti (pur se questo compito sia anche condizionato da fattori relazionali : si pensi al rapporto del giudice con gli avvocati e con le parti). E tradizionalmente la direzione di uffici giudiziari era vista essenzialmente come un traguardo professionale per il bravo e sperimentato magistrato (prevaleva del resto, nelle scelte del CSM, il criterio dell anzianità). Nell epoca più recente le cose sono cambiate e stanno cambiando, come risulta anche dalla novità legislativa di cui stiamo parlando. E aumentata la consapevolezza che l efficienza del servizio giustizia dipende in buona misura da fattori organizzativi; che la capacità di organizzare il proprio lavoro in vista di risultati di efficienza fa parte del bagaglio professionale che ogni magistrato deve avere; che, tanto più, chi guida un ufficio deve saper organizzare anche il lavoro degli altri e porre in essere al meglio le condizioni materiali e organizzative perché l intero ufficio consegua i risultati voluti in termini di efficienza oltre che di validità e correttezza intrinseca del prodotto giustizia, utilizzando le risorse umane e strumentali di cui si dispone e stimolando l auto-organizzazione degli addetti; che, ai fini del buon funzionamento degli uffici, è importante il modo in cui si rapportano e collaborano fra di loro da un lato i magistrati, dall altro il personale amministrativo e ausiliario dell ufficio. Di qui l accresciuta attenzione ai modi e criteri per l assegnazione degli affari, ai flussi di pratiche in entrata e in uscita, ai carichi di lavoro esigibili. Del resto anche dal punto di vista della validità intrinseca del prodotto, e cioè dei provvedimenti adottati dai magistrati dell ufficio, è tutt altro che indifferente il ruolo del dirigente: al di là dell influsso che esercita quando presiede i collegi giudicanti, basti pensare ai modi in cui egli può, provocando e stimolando occasioni di discussione e di confronto fra i magistrati, favorire la formazione di prassi e di indirizzi giurisprudenziali condivisi, evitando per quanto possibile quelle disparità di soluzioni nell ambito dello stesso ufficio che per gli utenti della giustizia costituiscono un fenomeno difficilmente accettabile. La Scuola può e deve avere un ruolo trainante nella diffusione e nello sviluppo da parte dei magistrati di questa cultura, sia attraverso gli appositi corsi per gli aspiranti dirigenti, sia 4

5 attraverso le altre attività formative rivolte ai dirigenti e più in generale a tutti i magistrati. D. La formazione tradizionale del magistrato non contemplava, fino agli anni recenti, l'acquisizione di competenze in materia di competenze direzionali/manageriali. Quali sono i temi che ritiene siano oggi prioritari da sviluppare per iniziare a colmare questa lacuna? E quali sono gli aspetti che nel dibattito tra magistrati risultano fonte di discussione e, a volte, di rifiuto? Ad esempio, l'interazione tra magistrati ed esperti esterni è accettato o pone difficoltà? R. Quando in Italia si parla di competenze manageriali normalmente si pensa ai manager di un azienda industriale o di servizi, che opera avendo come parametro fondamentale il miglior risultato economico della gestione, ottenibile attraverso l efficiente organizzazione dei fattori della produzione, il governo di una struttura caratterizzata all interno da rapporti di tipo gerarchico, l uso di tecniche di marketing. E naturale allora che la realtà degli uffici giudiziari venga considerata la più lontana possibile da questi parametri: perché il prodotto giustizia è fatto di elementi per lo più non misurabili in termini economico-quantitativi e non è offerto su un mercato, ma è espressione di una funzione pubblica autoritativa e necessaria; perché i fattori della produzione corrispondono ad una serie di realtà anche organizzative complesse e fra loro indipendenti (ad esempio l apparato giudiziario, l avvocatura, le parti dei processi); perché l obiettivo non è quello di espandere il consumo e la produzione, ma semmai quello di contenere la domanda e di ridurre il consumo (riduzione del contenzioso civile; riduzione dell esigenza di repressione penale); perché la soddisfazione degli utenti deve fare i conti col carattere autoritativo e vincolante delle prestazioni e con il carattere di reciproca contrapposizione degli interessi in gioco; perché all interno dell apparato giudiziario il criterio base dell organizzazione non è la gerarchia ma piuttosto l indipendenza anche interna dei magistrati e la specializzazione funzionale ( i magistrati si distinguono fra loro solo per diversità di funzioni recita l art. 107 della Costituzione): e si potrebbe continuare nell elenco delle ragioni che differenziano radicalmente l apparato della giustizia da una azienda. Ecco perché negli ambienti giudiziari si manifesta spesso una non ingiustificata diffidenza verso la prospettiva della riproposizione al loro interno di dottrine e di tecniche proprie della scienza e della prassi dell organizzazione aziendale; e il rapporto fra magistrati ed esperti esterni non è sempre facile. Tuttavia è cresciuta la consapevolezza, all interno della magistratura, delle esigenze e delle problematiche di tipo organizzativo che condizionano l efficienza del sistema giustizia, e quindi della necessità per tutti i protagonisti, ma in ispecie per i titolari di uffici direttivi, di specifiche competenze e abilità organizzative. Non sono pochi i segnali in tal senso: dal superamento del criterio privilegiato dell anzianità nella selezione dei nuovi dirigenti e dalla introdotta temporaneità degli incarichi direttivi (quattro anni confermabili per altri quattro previa specifica valutazione), all accresciuta attenzione al tema dei tempi della giustizia, anche sotto la pressione dei richiami della Corte europea di Strasburgo sul diritto alla ragionevole durata del processo, in sede sia penale sia civile, e al dovere disciplinare di rispettare i termini per il deposito dei provvedimenti; agli sforzi crescenti per ampliare l utilizzo degli strumenti informatici nel lavoro del magistrato, fino a configurare l obbligo di celebrare i processi civili in via telematica; all avvio in alcuni uffici giudiziari di esperienze che danno vita ad annuali bilanci di responsabilità sociale degli uffici medesimi. 5

6 Oggi, dunque, non manca la consapevolezza dell esigenza di sviluppare la cultura organizzativa tra i magistrati: da ultimo lo testimonia proprio la scelta legislativa di imporre come requisito per accedere agli uffici direttivi la frequenza di un corso della Scuola a ciò espressamente dedicato. E evidente peraltro che la crescita della cultura organizzativa fra i magistrati richiede anche la diffusione di valori etico-professionali contrari ad atteggiamenti di accentuato individualismo che portino a coltivare un malinteso ed esasperato senso dell autonomia e dell indipendenza interna, molte pretese rivendicative, contestazioni formali e pratiche di contenzioso nei rapporti con i propri dirigenti e con i colleghi, e a trascurare o sottovalutare il dovere di farsi carico non solo dei propri compiti specifici ma anche della collaborazione necessaria per promuovere il buon funzionamento del servizio giustizia in tutto l ufficio e nell intera struttura. Di converso sono andati sviluppandosi gli studi e le ricerche di tipo organizzativo che prendono in specifica considerazione proprio l organizzazione giudiziaria e concrete esperienze giudiziarie, le cui peculiarità richiedono anche da parte degli esperti una conoscenza approfondita e l elaborazione di contenuti e metodi didattici ad hoc, che tengano conto adeguato di tali peculiarità. Dal felice incontro fra queste due tendenze la Scuola si attende la spinta per adempiere sempre meglio alla sua funzione formativa. Per saperne di più consulta i seguenti link Sito web della Scuola Superiore della Magistratura Banca dati RisorsePerLaGiustizia.it Contatti Staff "Miglioramento delle performance per la Giustizia" Dipartimento della Funzione Pubblica Ufficio per la Modernizzazione delle Pubbliche Amministrazioni (UMPA) Via del Sudario, Roma (RM) Siti web: - 6

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI Il presente articolato è stato depositato alla Camera dei Deputati in sede di audizione dalla dott.ssa Barbara Fabbrini.. TESTO DA EMENDARE PROPOSTA DI EMENDAMENTO

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

MAGISTRATURA E AUTORITA INDIPENDENTI

MAGISTRATURA E AUTORITA INDIPENDENTI E AUTORITA INDIPENDENTI Nei paesi di Civil law i giudici applicano il diritto, composto in prevalenza da fonti atto, e sono stati tradizionalmente visti come bocca della legge. Precedenti non vincolanti.

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L.

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO ART. 73 D.L. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE BANDO PER LA SELEZIONE DI CANDIDATI A TIROCINIO FORMATIVO EX ART. 73 D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98, e ss.mm.) DECRETO N. 118/14 IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 5 Regolamento ai sensi dell art. 22 L. n. 247/12 sui corsi per l iscrizione all Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori IL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

NUMERO AFFARE 02926/2013

NUMERO AFFARE 02926/2013 Numero 03850/2013 e data 12/09/2013 Spedizione REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 25 luglio 2013 NUMERO AFFARE 02926/2013 OGGETTO:

Dettagli

ud unità democratica giudici di

ud unità democratica giudici di ud unità democratica giudici di pace.it INTERVENTO AL XIX CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA di Diego Loveri In occasione del XIX Congresso Nazionale di Magistratura Democratica Unità Democratica

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento Milano, 15 febbraio 2013 Il Libro Bianco sul Turismo per Tutti in Italia è il risultato di un processo di lunga deriva, che ha presupposti, basi e svolgimento, attualità e certamente anche futuro. Perché

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26

Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Decreto Legislativo 30 gennaio 2006, n. 26 Istituzione della scuola superiore della magistratura, nonché disposizioni in tema di tirocinio e formazione dei magistrati ordinari aggiornamento professionale

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso avanzato Guidare con efficacia gli uomini

Dettagli

Ufficio per il processo: uno staff per il magistrato, uno strumento per migliorare il servizio. Roma, 2 ottobre 2015

Ufficio per il processo: uno staff per il magistrato, uno strumento per migliorare il servizio. Roma, 2 ottobre 2015 Ufficio per il processo: uno staff per il magistrato, uno strumento per migliorare il servizio Roma, 2 ottobre 2015 L Ufficio per il processo L ufficio per il processo non è più un ipotesi. Da oggi ogni

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 20 novembre 2006 La Commissione europea propone un divieto totale del commercio

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI L'art. 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) ha introdotto la possibilità per i laureati in Giurisprudenza

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR E LA SOCIETA DANTE ALIGHIERI Protocollo d'intesa Tra

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri

Corso RSPP Modulo C. Ing. Vincenzo Staltieri TEST VERIFICA INTERMEDIO 1. Il Datore di Lavoro è: a. La persona che in azienda paga gli stipendi b. La persona che dispone di pieni poteri decisionali e di spesa c. Il capoufficio, il capofficinao colui

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2473 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Disposizioni per l inquadramento di soggetti incaricati di funzione dirigenziale

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato.

Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. CONSIGLIO DI STATO CONCORSO (scad. 13 giugno 2011) Concorso, per titoli ed esami, a tre posti di Consigliere di Stato. IL PRESIDENTE Visto il regio decreto 26 giugno 1924, n. 1054, che approva il Testo

Dettagli

Leggere la riforma Sostenere i diritti

Leggere la riforma Sostenere i diritti Leggere la riforma Sostenere i diritti La scheda di analisi dei provvedimenti del Governo a cura della Uil Scuola 1 Con l anno scolastico 2015/2016 entra in vigore per alcune parti importanti la legge

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Indice: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa 2015-2017......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma...4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali

Direzione Centrale del Personale. Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali RU 2015/124055 Direzione Centrale del Personale Selezione per il conferimento di incarichi dirigenziali IL DIRETTORE DELL AGENZIA in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0

SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA. Versione A.D. 1.0 SISTEMA DI PESATURA DELLE AREE DIRIGENZIALI DEL COMUNE DI VENEZIA Versione A.D. 1.0 INDICE 1 - INTRODUZIONE 3 2 - PESATURA DELLA POSIZIONE 4 3 - SISTEMA DI PESATURA DEL COMUNE DI VENEZIA 5 4 - ALLEGATO

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO Corso universitario di formazione in LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL LAVORO NEL PUBBLICO IMPIEGO Tema del corso La nuova disciplina del lavoro pubblico Obiettivi Continua senza sosta il processo di riforma

Dettagli

LA FONDAZIONE PER IL SUD

LA FONDAZIONE PER IL SUD LA FONDAZIONE PER IL SUD Sostiene la costituzione di Fondazioni di Comunità nelle Regioni del Sud Italia che rientrano nelle regioni ammissibili all obiettivo prioritario 1 come da regolamento CE n. 1260

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007 DIPARTIMENTO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.420.35.91 FAX 06.484.704 e-mail: dssl@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

DELIBERA PER LA DEFINIZIONE DEGLI AMMONTARI DELLE GARANZIE E COPERTURE ASSICURATIVE DELLE SOCIETA DI REVISIONE ISCRITTE NELL ALBO SPECIALE

DELIBERA PER LA DEFINIZIONE DEGLI AMMONTARI DELLE GARANZIE E COPERTURE ASSICURATIVE DELLE SOCIETA DI REVISIONE ISCRITTE NELL ALBO SPECIALE DELIBERA PER LA DEFINIZIONE DEGLI AMMONTARI DELLE GARANZIE E COPERTURE ASSICURATIVE DELLE SOCIETA DI REVISIONE ISCRITTE NELL ALBO SPECIALE DISCIPLINA DELLA REVISIONE CONTABILE (PARTE IV, TITOLO III, SEZIONE

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

MASTER IN FINANZA INTERNAZIONALE La gestione degli aspetti fiscali, doganali, finanziari e legali.

MASTER IN FINANZA INTERNAZIONALE La gestione degli aspetti fiscali, doganali, finanziari e legali. MASTER IN FINANZA INTERNAZIONALE La gestione degli aspetti fiscali, doganali, finanziari e legali. Operazioni con l estero: analisi delle problematiche in materia di IVA, dogane, contratti, incoterms,

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

BANCA DATI. Brochure di presentazione. Entra in RisorsePerLaGiustizia.it INDICE. Presentazione. Ambiti di attività.

BANCA DATI. Brochure di presentazione. Entra in RisorsePerLaGiustizia.it INDICE. Presentazione. Ambiti di attività. BANCA DATI Brochure di presentazione INDICE 1 Presentazione 2 Contenuti RisorsePerLaGiustizia.it è la banca dati dedicata ai progetti di innovazione organizzativa e gestionale negli uffici giudiziari,

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Incarico attuale RESPONSABILE U.O. VERTENZE E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI MATURITA CLASSICA CONSEGUITA NEL 1983 CON VOTAZIONE DI 60 /60

Incarico attuale RESPONSABILE U.O. VERTENZE E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI MATURITA CLASSICA CONSEGUITA NEL 1983 CON VOTAZIONE DI 60 /60 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI CAMPISI GIUSEPPE matr. 09194 Data di nascita 14 04 1965 Qualifica DIRIGENTE AMMIINISTRATIVO Amministrazione AUSL 6 PALERMO Incarico attuale RESPONSABILE

Dettagli