CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE"

Transcript

1 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto utore sul softwre onosere gli olighi i legge inerenti le lienze uso el softwre onosere le norme he rigurno l siurezz el softwre e l postzione i lvoro L ergonomi L ergonomi (l greo ergos = lvoro e nomos = ontrollo) è l isiplin he persegue l progettzione i prootti, mienti e servizi tti lle neessità ell utente, migliorno l siurezz, l slute, il omfort, il enessere e l prestzione umn. Si trtt i un sienz interisiplinre he oinvolge l ntomi, l ingegneri, l iologi, l fisiologi, l psiologi, l miente i lvoro e. Il suo oiettivo priniple è snito l ereto legisltivo n. 81 el 9/4/2008 (himto Testo Unio sull Siurezz). Tle ereto stilise le soluzioni in gro i tutelre l slute el lvortore, nell su interzione on le mhine e l miente, e i onseguenz resere l effiienz e l siurezz sul posto i lvoro, grnteno l integrità fisi e psiologi el lvortore e potenzinone le pità opertive. Tle testo è stto ulteriormente integrto l ereto legisltivo n. 106 el 3/8/2009. Sostnzilmente il suo oiettivo preliminre è quello i resere l effiienz el lvortore e i ontriuire l suo enessere. In seguito ll vvento e ll iffusione el omputer nel lvoro, un lrg prte ell ergonomi è eit i ontesti i lvoro in ui il omputer rppresent l elemento preponernte. Nei prgrfi seguenti imo riportto le norme prinipli he rigurno l uso egli strumenti informtii. 1

2 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion Le ttrezzture norm Shermo L risoluzione ello shermo eve essere tle grntire un uon efinizione, un form hir, un grnezz suffiiente ei rtteri e, inoltre, uno spzio eguto tr essi. L immgine sullo shermo eve essere stile, esente sfrfllmento, tremolio o ltre forme i instilità. L rillnz e/o il ontrsto i luminnz tr i rtteri e lo sfono ello shermo evono essere filmente regolili prte ell utilizztore el vieoterminle e filmente ttili lle onizioni mientli. Lo shermo eve essere orientile e inlinile liermente per egursi filmente lle esigenze ell utilizztore. È possiile utilizzre un sostegno seprto per lo shermo o un pino regolile. Sullo shermo non evono essere presenti riflessi e rivereri he possno usre isturi ll utilizztore urnte lo svolgimento ell propri ttività. Lo shermo eve essere posizionto i fronte ll opertore in mnier he, nhe geno su eventuli menismi i regolzione, lo spigolo superiore si posto un po più in sso ell orizzontle he pss per gli ohi ell opertore e un istnz gli ohi pri ir m per i posti i lvoro in ui v ssunt preferenzilmente l posizione seut. Tstier e mouse L tstier eve essere seprt llo shermo, filmente regolile e ott i menismo i vrizione ell penenz one onsentire l lvortore i ssumere un posizione onfortevole e tle non provore l fftimento elle ri e elle mni. Lo spzio sul pino i lvoro eve onsentire un ppoggio egli vmri vnti ll tstier nel orso ell igitzione, teneno onto elle rtteristihe ntropometrihe ell opertore. L tstier eve vere un superfiie op one evitre i riflessi. L isposizione ell tstier e le rtteristihe ei tsti evono gevolrne l uso. I simoli ei tsti evono presentre suffiiente ontrsto e essere leggiili ll normle posizione i lvoro. Il mouse, o qulsisi ispositivo i puntmento in otzione ll postzione i lvoro, eve essere posto sullo stesso pino ell tstier, in posizione filmente rggiungiile, e isporre i uno spzio eguto per il suo uso. Pino i lvoro Il pino i lvoro eve vere un superfiie sso inie i riflessione, essere stile, i imensioni suffiienti permettere un isposizione flessiile ello shermo, ell tstier, ei oumenti e el mterile essorio. L ltezz el pino i lvoro fiss o regolile eve essere initivmente ompres fr 70 e 80 m. Lo spzio isposizione eve permettere l lloggimento e il movimento egli rti inferiori nonhé, se presenti, l ingresso el seile e ei rioli. L profonità el pino i lvoro eve essere tle ssiurre un egut istnz visiv llo shermo. Il supporto per i oumenti eve essere stile e regolile e eve essere olloto in moo tle riurre l minimo i movimenti ell test e egli ohi. Seile i lvoro Il seile i lvoro eve essere stile e permettere ll utilizztore liertà nei movimenti, nonhé vere un posizione omo. Il seile eve vere ltezz regolile in mnier inipenente llo shienle e imensioni ell seut egute lle rtteristihe ntropome- 2

3 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 trihe ell utilizztore. Lo shienle eve fornire un eguto supporto ll regione orsolomre ell utente. Pertnto eve essere eguto lle rtteristihe ntropometrihe ell utilizztore e eve vere ltezz e inlinzione regolile. Nell mito i tli regolzioni l utilizztore ovrà poter fissre lo shienle nell posizione seleziont. Lo shienle e l seut evono vere ori smussti. I mterili evono presentre un livello i permeilità tli non ompromettere il omfort ell utente e evono poter essere puliili. Il seile eve essere otto i un menismo girevole per filitre i mi i posizione e eve poter essere spostto gevolmente seono le neessità ell utilizztore. Un poggipiei srà messo isposizione i oloro he lo esierino per fr ssumere un postur egut gli rti inferiori. Il poggipiei non eve spostrsi involontrimente urnte il suo uso. Computer porttili L impiego prolungto ei omputer porttili neessit ell fornitur i un tstier e i un mouse o ltro ispositivo i puntmento esterni nonhé i un ioneo supporto he onsent il orretto posizionmento ello shermo. Shermo m Line i visule m Angolo retto tr rio e vmrio, polsi in line rett Shienle regolile in ltezz Cose in posizione orizzontle Sei girevole 5 ruote Poggipiei L miente norm Spzio Il posto i lvoro eve essere en imensionto e llestito in moo he vi si spzio suffiiente per permettere mimenti i posizione e movimenti opertivi. Illuminzione L illuminzione generle e speifi (lmpe tvolo) eve grntire un illuminzione suffiiente e un ontrsto pproprito tr lo shermo e l miente irostnte, tenuto onto elle rtteristihe el lvoro e elle esigenze visive ell utilizztore. Riflessi sullo shermo, eessivi ontrsti i luminnz e glimenti ell opertore evono essere evitti 3

4 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion isponeno l postzione i lvoro in funzione ell uizione elle fonti i lue nturle e rtifiile. Si ovrà tenere onto ell esistenz i finestre, preti trsprenti o trsluie, preti e ttrezzture i olore hiro he possono eterminre fenomeni i glimento iretto e/o iniretto e/o riflessi sullo shermo. Le finestre evono essere munite i un opportuno ispositivo i opertur regolile per ttenure l lue iurn he illumin il posto i lvoro. Rumore Il rumore emesso lle ttrezzture presenti nel posto i lvoro non eve perturre l ttenzione e l omunizione verle. Rizioni Tutte le rizioni, eezione ell prte visiile ello spettro elettromgnetio, evono essere riotte livelli trsurili l punto i vist ell tutel ell siurezz e ell slute ei lvortori. Prmetri mirolimtii Le onizioni mirolimtihe non evono essere us i isomfort per i lvortori. Le ttrezzture in otzione l posto i lvoro non evono prourre un eesso i lore he poss essere fonte i isomfort per i lvortori. Interfi elortore/uomo All tto ell elorzione, ell selt, ell quisto el softwre, o llorhé questo veng moifito, ome nhe nel efinire le mnsioni he implino l utilizzzione i unità vieoterminli, il tore i lvoro terrà onto ei seguenti fttori: ) il softwre eve essere eguto ll mnsione svolgere; ) il softwre eve essere i file uso, eguto l livello i onosenz e i esperienz ell utilizztore. Inoltre nessun ispositivo i ontrollo quntittivo o qulittivo può essere utilizzto ll insput ei lvortori; ) il softwre eve essere strutturto in moo tle fornire i lvortori inizioni omprensiili sul orretto svolgimento ell ttività; ) i prinipi ell ergonomi evono essere ppliti in prtiolre ll elorzione ell informzione prte ell uomo. Le finestre sino en shermte (venezine) Gli shermi sino 90 e 1 m lle finestre Spzio suffiiente per muoversi Le lui rtifiili sino en shermte e ollote 4

5 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 Computer e slute L rtiolo 174 el ereto legisltivo n. 81 el 9/4/2008, ffront le prolemtihe e i rishi legti l lvoro svolto vnti un terminle. Generlmente, si evit i rimnere molte ore vnti l monitor i un PC, perhé si temono le rizioni emesse llo shermo. Tuttvi i rishi mggiori per l slute non sono le rizioni qunto le onseguenze sull vist, sull pprto musolre e sheletrio e sul sistem nervoso he possono erivre molte ore i lvoro l omputer. Trsorrere svrite ore vnti l monitor può usre isturi ell pprto visivo e re luogo iverse ptologie: isturi ell vist; sinrome fti visiv; ml i test o emirnie. Tli isturi hnno ome use prinipli: le ttive onizioni i illuminzione; lo sforzo ottio prolungto; eventuli ifetti ell vist già preesistenti. I isturi rio ell pprto musolre e sheletrio sono fonmentlmente provoti : neessità i ompiere movimenti ripetitivi (ri e mni); ssunzione i un postur stti e rigi inott spesso un lto livello i onentrzione (ollo, splle, olonn verterle, shien). Computer e miente Possimo iutre l miente, risors prezios ell nostr soietà, ttrverso luni pioli orgimenti ome: in so i puse prolungte impostre lo spegnimento utomtio ello shermo o il pssggio utomtio ell stmpnte llo stto i ttes; quno possiile utilizzre rt riilt; ririre le rtue vehie; utilizzre iruiti sso onsumo energetio. L siurezz e l protezione ei ti L espressione siurezz nei sistemi informtii f riferimento lle tenihe he impeisono l violzione ei ti presenti nei omputer. Come inito nel ereto legisltivo n. 196 el 30 giugno 2003 ogni zien eve ottre un politi i protezione ei ti zienli e eve inoltre istruire i ipenenti sulle proeure i emergenz pplire nel so i violzioni ll politi i siurezz, ininole in moo hiro in un oumento sull siurezz himto DPSS (Doumento Progrmmtio Sull Siurezz). Tr le prinipli misure i siurezz riorimo: l utilizzo i psswor o prole hive, ossi oii segreti per l ientifizione e l esso i un utente ll rete o un sistem protetto; 5

6 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion per eere lle informzioni protette psswor oorre inserire un ientifitivo ell utente e un psswor he verifi he tle ientifitivo viene utilizzto solmente l suo ssegntrio; per grntire l integrità ei ti possiili mlfunzionmenti è oligtorio effetture perioimente un kup, ovvero un opi i siurezz ei ti più importnti. Per un mggior siurezz l psswor ovree vere i seguenti requisiti: essere tenut segret e sostituit minimo ogni 60 giorni; non essere filmente intuiile prte i hi i onose; non essere un prol i uso omune (le migliori psswor sono ostituite un sequenz lternt i numeri, lettere miusole e minusole e simoli i punteggitur); l uso ell rittogrfi, ovvero i un teni i ifrtur he onsente i nsonere i ti renenoli eifrili solo l estintrio. Trmite l rittogrfi: le informzioni epositte sul proprio omputer vengono protette eventuli essi non utorizzti; le informzioni invite sull rete non possono essere lette soggetti non utorizzti; è possiile verifire l integrità i un oumento rievuto. Informti e iritti utore Gli utori i progrmmi softwre sono grntiti ll meesim legge he tutel gli utori i opere letterrie ttrverso l legge n. 633 sul iritto utore el 22/04/1941. Gli utori i softwre sono inoltre tutelti i sensi ell Convenzione i Bern sull protezione elle opere letterrie e rtistihe rtifit e res eseutiv on l legge n. 399 el 20/6/1978. Nel ereto legisltivo n. 518 el 29/12/1992 viene efinitivmente snito he nhe i softwre prootti un utore possieono l meesim tutel rionosiut lle ltre opere utore, nel Cpo III, sezione IV, rtiolo 64 is he reit: i iritti eslusivi onferiti ll presente legge sui progrmmi per elortore omprenono il iritto i effetture o utorizzre: ) l riprouzione, permnente o temporne, totle o przile, el progrmm per elortore on qulsisi mezzo o in qulsisi form. Nell misur in ui operzioni quli il rimento, l visulizzzione, l eseuzione, l trsmissione o l memorizzzione el progrmm per elortore rihieono un riprouzione, nhe tli operzioni sono soggette ll utorizzzione el titolre ei iritti; ) l truzione, l ttmento, l trsformzione e ogni ltr moifizione el progrmm per elortore, nonhé l riprouzione ell oper he ne risulti, senz pregiuizio ei iritti i hi moifi il progrmm; ) qulsisi form i istriuzione l pulio, ompres l lozione, el progrmm per elortore originle o i opie ello stesso. L prim venit i un opi nell Comunità Eonomi Europe prte el titolre ei iritti, o on il suo onsenso, esurise il iritto i istriuzione i ett opi ll interno ell Comunità, eezione el iritto i ontrollre l ulteriore lozione el progrmm o i un opi ello stesso. 6

7 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 I suessivi rtioli 64 ter e 64 quter stilisono he l utilizztore el progrmm può relizzre opi ell oper nhe in ssenz ell utorizzzione el titolre el progrmm quno tle opi: si neessri ll uso el progrmm; si effettut per lo stuio el progrmm, ostituis un opi i riserv; ostituis un opi per eompilre il progrmm per ottenere l interoperilità on ltri progrmmi. Infine il DPCM n. 244 el 3/2/1994, l fine i fornire un più effie protezione el softwre, h inito le molità i tenut el Registro pulio speile per i progrmmi per elortore. Solo oloro i quli è ttriuito il opyright (iritto utore) possono orre e oneere l iffusione i opie el softwre. Le ttività i quisto e venit i opie non utorizzte i softwre è un reto. Quno si quist un softwre si quist in reltà un lienz uso. L quisto integrle i un softwre vviene molto rrmente e impli il possesso ei file sorgenti i tle progrmm he sono molto ostosi. Aquistre i sorgenti i un progrmm è prgonile ll quisto i un revetto. Esistono tuttvi luni softwre he possono essere utilizzti senz lienz uso pgmento. I più importnti sono: Shrewre: softwre grtuitmente utilizzile solo per un reve perioo i tempo. Viene nhe himto softwre i vlutzione, in qunto per poter essere usto, l termine el perioo i vlutzione (normlmente 30 o 60 giorni), è neessrio quistrlo. Freewre: softwre utilizzile grtuitmente, senz limiti i tempo. Demo: softwre promozionle in versione riott e ompletmente grtuito. Nei vieogiohi, esempio, è onsuetuine rilsire l versione emo luni mesi prim ell usit sul merto el progrmm ompleto. Awre: softwre istriuito ome freewre. Rihieono tuttvi ll utente l visione i messggi puliitri per il loro utilizzo. Dontionwre: softwre istriuito grtuitmente ome freewre. L utore, tuttvi, hiee gli utenti el proprio softwre i fre un onzione folttiv. Anonwre: softwre osoleto he non viene più ommerilizzto lungo tempo, e è quini onsierto nonto. L lienz è pertnto i tipo freewre nhe se originrimente er proiit l riistriuzione. Tutti i softwre on lienz uso, quini nhe quelli grtuiti, sono operti lle leggi sui iritti utore, periò si possono utilizzre m non si possono rivenere. Informti e privy Il iritto ll privy nse per l prim volt in Itli on l legge n. 675 el 31/12/1996, he viene poi sostituit l ereto legisltivo n. 196 el 30/6/2003. L legge slvgur il iritto ll tutel ei ti personli, nhe informtii. In sintesi: per etenere e gestire i ti personli è neessri l utorizzzione ell person interesst; 7

8 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion tutti i ti riservti e personli etenuti enti o soietà evono essere protetti e onservti on ur; il trttmento ei ti personli eve essere grntito nel rispetto ei iritti, ell liertà e ell ignità elle persone, on prtiolre riguro ll riservtezz e ll ientità personle. ABBIAMO IMPARATO CHE... L ergonomi è un isiplin he persegue l progettzione i prootti, mienti e servizi siuri per l utente. Il ereto legisltivo n. 81 el 9/4/2008, noto ome Testo Unio sull Siurezz, nell rtiolo 174 stilise le regole he grntisono l slute ell utente nell uso ei omputer. Il ereto legisltivo n. 196 el 30/06/2003 olig le ziene ottre un politi i protezione ei ti zienli, pplire hirmente in un oumento sull siurezz himto DPSS (Doumento Progrmmtio Sull Siurezz). Gli utori i progrmmi softwre sono grntiti ll legge n. 633 sul iritto utore el 22/4/1941, reso eseutivo ll legge n. 399 el 20/6/1978 e integrto egunolo in tutto e per tutto l softwre nel ereto legisltivo n. 518 el 29/12/1992. Esistono iversi softwre rttere grtuito: Shrewre, Freewre, Demo, Awre, Dontionwre, Anonwre. L tutel ei ti riservti, on prtiolre riferimento quelli informtii, è ontenut nel ereto legisltivo n. 196 el 30/6/

9 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 Eserizi selt multipl VERIFICHIAMO LE CONOSCENZE 1. Qule tr le seguenti leggi ontiene l seguente norm? per etenere e gestire i ti personli è neessri l utorizzzione ell person interesst legge 626/1994 legge 399/1978 legge 633/1941. Lgs. n. 196/ Qule tr le seguenti norme è ontenut nell legge 196/2003? (ue risposte) reigere il DPSS effetture opie el softwre posseuto effetture perioii kup ei ti non effetture opie el softwre in lienz 3. Il ereto legisltivo n. 81 el 2008 ontiene norme in mpo i: privy iritti utore siurezz sul lvoro pronto soorso 4. Un progrmm può essere liermente opito sopo i luro quno è: freewre shrewre on lienz uso mi 5. Il ereto legisltivo n. 196 el 2003 ontiene norme he rigurno: l privy ei ti informtii il iritto utore l siurezz ell miente i lvoro limitzione el softwre 6. L legge sull privy grntise: l nonimto sull rete Internet he non veng onosiuto il nostro inirizzo i post elettroni he non si onos il softwre noi utilizzto he i ti vengno utilizzti solo per gli sopi per i quli sono stti rolti 7. Qule tr le seguenti operzioni non può effetture un soietà he possiee ei ti personli i un utente? (ue risposte) e nellrli senz l utorizzzione ell utente istriuirli on l utorizzzione ell utente nellrli on l utorizzzione ell utente istriuirli hiunque venerli on l utorizzzione ell utente 8. Qule operzione tr le seguenti non è viett ll legge sul opyright? fre un opi el softwre quistto hieenone l utorizzzione ll utore fre elle instllzioni su più loltori senz lienze speili opire il softwre sopo i luro rere ei progrmmi he permettono i opire i CD 9. Qule tr i seguenti requisiti eve posseere un psswor? (ue risposte) essere ivulgt essere tenut segret essere un prol i uso omune essere sostituit lmeno ogni 60 giorni 10. Trmite l rittogrfi (ue risposte): si è protetti essi non utorizzti nel proprio omputer le informzioni invite sull rete non possono essere lette soggetti non utorizzti si è protetti i virus le informzioni memorizzte sono protette eventuli essi non utorizzti 11. Qule elle seguenti ffermzioni reltive l opyright è ver? il opyright è il iritto legle eslusivo egli utori i softwre per l prouzione i opie el loro softwre 9

10 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion il opyright è utile nell protezione ei ishi ontro i virus informtii il opyright è stto progettto per prevenire le uplizioni ei file il opyright onsente e promuove l opi usiv e l iffusione el softwre 12. È legle mntenere, senz un onret neessità, ti riservti su persone senz l loro utorizzzione? sì, m solo per un reve perioo i tempo no sì, m solo se iò è segnlto ll Prour ell Repuli sì 13. Il DPSS i un zien ontiene (tre risposte): e f ogni qunto tempo le psswor vengono sostituite le psswor zienli le molità on le quli vengono effettuti i kup i firewll e gli ntivirus instllti le opie ei softwre quistti i ti sensiili ei lienti ell zien 14. In se qule legge eve essere sostituit perioimente l psswor i esso? legge 626/1994 legge 675/1996 legge 633/1941. Lgs. n.196/ Nel ereto legisltivo n. 518 el 1992 si fferm he un utilizztore i un softwre può effetturne un opi nhe senz l utorizzzione el titolre el progrmm solo quno: l opi è neessri per l uso el progrmm sempre mi l opi è ienti ll originle 16. Quli nni fisii sono usti ll non osservnz elle norme el testo unio sull slute? (ue risposte) isturi rio ell pprto riprouttivo isturi rio ell pprto respirtorio isturi rio ell pprto musolre e sheletrio isturi rio ell pprto visivo 17. Qule tr i seguenti softwre è utilizzile solo per 30 giorni? freewre emo shrewre nonwre 18. L legge n. 675 el 1996 è stt l prim legge in Itli inerente: il iritto utore l siurezz ell miente i lvoro l privy limitzione el softwre SOLUZIONI ESERCIZI A SCELTA MULTIPLA 1 2, , 8 9, 10, ,, ,

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)?

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)? 1. Qule ei metoi ell eleno è ppliile ll ossizione ell iio? Menio Iniezione Chimio A sintill 2. Qule elle seguenti frsi rigur l punzontur? È un lvorzione lo he non inue grne eformzione el pezzo È un lvorzione

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Controllo di Gestione (CdG)

Controllo di Gestione (CdG) Controllo di Gestione (CdG) Controllo di gestione (CdG) Controllo dei risultati a. Condizioni di fattiilità ed effiaia. Elementi. Grado di rigidità d. Potenzialità e. Svantaggi f. Profili istituzionali

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte. Risposta corretta: 1502 CHE COS'È UN BYTE?

1501 QUAL È L'UNITÀ DI MISURA PER MISURARE LA CAPIENZA DELL'HARD DISK? a) Bit b) Kbyte c) Gigabyte. Risposta corretta: 1502 CHE COS'È UN BYTE? 1501 QUL È L'UNITÀ DI MISUR PER MISURRE L PIENZ DELL'HRD DISK? a) it b) Kbyte c) Gigabyte 1502 HE OS'È UN YTE? a) Un insieme di 256 bit b) Un gruppo di 8 bit c) Un carattere che può assumere solo i valori

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Metering box MODULO DI CONTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA TERMICA, UNITA' MB2

Metering box MODULO DI CONTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA TERMICA, UNITA' MB2 Metering ox MODULO DI CONTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA TERMICA, UNITA' MB2 ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE, LA MESSA IN SERVIZIO E IL FUNZIONAMENTO Sommrio Fig. 1. Unità llo stto ell onsegn

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II

TEORIA DELLA PROBABILITÀ II TEORIA DELLA PROBABILITÀ II Diprtimento di Mtemti ITIS V.Volterr Sn Donà di Pive Versione [14-15] Indie 1 Clolo omintorio 1 1.1 Introduzione............................................ 1 1.2 Permutzioni...........................................

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a]

1 2-6 7-74 Commento * Continuazione riga! Viene ignorato tutto quello che viene scritto dopo questo carattere [etichett a] La programmazione è l'arte di far ompiere al omputer una suessione di operazioni atte ad ottenere il risultato voluto. Srivere un programma è un po' ome dialogare ol omputer, dobbiamo fornirgli delle informazioni

Dettagli

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno

Il linguaggio Pascal. Piero Gallo Fabio Salerno Il linguaggio Pasal Piero Gallo Fabio Salerno Introduzione alla programmazione in Pasal In ogni momento della nostra vita siamo hiamati a risolvere dei problemi. A volte operiamo senza riflettere, spinti

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

SISTEMA LUCI ESTERNE SECTION EXL CONTENTS CONTROLLI DEL CONDUCENTE EXL-1 ALOGENO COME USARE IL MANUALE... 5 PRECAUZIONI... 6 DESCRIZIONE SISTEMA...

SISTEMA LUCI ESTERNE SECTION EXL CONTENTS CONTROLLI DEL CONDUCENTE EXL-1 ALOGENO COME USARE IL MANUALE... 5 PRECAUZIONI... 6 DESCRIZIONE SISTEMA... ONTROLLI EL ONUENTE SETION EXL SISTEM LUI ESTERNE ONTENTS E LOGENO OME USRE IL MNULE... 5 PPLIILITÀ... 5 Informazione...5 PREUZIONI... 6 PREUZIONI... 6 Precauzioni relative al sistema di sicurezza passiva

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p =

+ t v. v 3. x = p + tv, t R. + t. 3 2 e passante per il punto p = 5. Rette e piani in R 3 ; sfere. In questo paragrafo studiamo le rette, i piani e le sfere in R 3. Ci sono due modi per desrivere piani e rette in R 3 : mediante equazioni artesiane oppure mediante equazioni

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

a) Sta di fatto, che la gran maggioranza di quel che ci è giunto dalle civiltà del passato viene dalle tombe.

a) Sta di fatto, che la gran maggioranza di quel che ci è giunto dalle civiltà del passato viene dalle tombe. Viett l pulizione, l riprouzione e l ivulgzione sopo i luro. RA00001 Iniviure l frse in ui l punteggitur NON è orrett. RA00002 Qule elle seguenti frsi ontiene un termine sritto in moo sorretto? RA00003

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DORO Analisi e verifia di sezioni in.a., preompresso/post-teso e miste aiaio-alestruzzo v. 3.01.29 del 17 marzo 2015 dott. ing. FERRARI Alberto www.ferrarialberto.it GUIDA DELL UTENTE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Ridefiniamo l Integrazione Verticale

Ridefiniamo l Integrazione Verticale Certifiazioni Ridefiniamo l Integrazione Vertiale Siliio Cristallino Siliio di prima selta garantise la qualità superiore dei prodotti finiti Certifiazioni Internazionali per la Siurezza del Prodotto Oggi

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Figura 2.1. A sottoinsieme di B

Figura 2.1. A sottoinsieme di B G Sammito, ernardo, Formulario di matematia Insiemi F Cimolin, L arletta, L Lussardi Insiemi Generalità Un insieme è una ollezione distinguibile di oggetti, detti elementi dell'insieme Quando un elemento

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Manuale di riferimento

Manuale di riferimento Manuale di riferimento Copyright 2011 2014 JetLab S.r.l. Tutti i diritti riservati è un marhio di JetLab S.r.l. Mirosoft, Windows, Windows NT, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e il logo di Windows

Dettagli

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ).

x = AP = AC PC = R (θ sen θ) y = PB = PQ + BQ = R (1 cos θ). L iloide L urv no oggi ome iloide fu onsider per primo d Glileo, he in un primo momeno ongeurò he l re dell figur rhius fosse re vole quell del erhio he l gener Più rdi, forse us di qulhe esperimeno ml

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta...

UBICAZIONE: Comune... località... Residenza... CAP posta... OMPILR PRT LL UTORIT' FISLI Numero progressive della lista delle dichiarazioni ricevute IHIRZION I FINI LL TRMINZION LL IMPOST SUL PTRIMONIO - unità di abitazione o alloggi, locali destinati al tempo libero

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli