CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE"

Transcript

1 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto utore sul softwre onosere gli olighi i legge inerenti le lienze uso el softwre onosere le norme he rigurno l siurezz el softwre e l postzione i lvoro L ergonomi L ergonomi (l greo ergos = lvoro e nomos = ontrollo) è l isiplin he persegue l progettzione i prootti, mienti e servizi tti lle neessità ell utente, migliorno l siurezz, l slute, il omfort, il enessere e l prestzione umn. Si trtt i un sienz interisiplinre he oinvolge l ntomi, l ingegneri, l iologi, l fisiologi, l psiologi, l miente i lvoro e. Il suo oiettivo priniple è snito l ereto legisltivo n. 81 el 9/4/2008 (himto Testo Unio sull Siurezz). Tle ereto stilise le soluzioni in gro i tutelre l slute el lvortore, nell su interzione on le mhine e l miente, e i onseguenz resere l effiienz e l siurezz sul posto i lvoro, grnteno l integrità fisi e psiologi el lvortore e potenzinone le pità opertive. Tle testo è stto ulteriormente integrto l ereto legisltivo n. 106 el 3/8/2009. Sostnzilmente il suo oiettivo preliminre è quello i resere l effiienz el lvortore e i ontriuire l suo enessere. In seguito ll vvento e ll iffusione el omputer nel lvoro, un lrg prte ell ergonomi è eit i ontesti i lvoro in ui il omputer rppresent l elemento preponernte. Nei prgrfi seguenti imo riportto le norme prinipli he rigurno l uso egli strumenti informtii. 1

2 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion Le ttrezzture norm Shermo L risoluzione ello shermo eve essere tle grntire un uon efinizione, un form hir, un grnezz suffiiente ei rtteri e, inoltre, uno spzio eguto tr essi. L immgine sullo shermo eve essere stile, esente sfrfllmento, tremolio o ltre forme i instilità. L rillnz e/o il ontrsto i luminnz tr i rtteri e lo sfono ello shermo evono essere filmente regolili prte ell utilizztore el vieoterminle e filmente ttili lle onizioni mientli. Lo shermo eve essere orientile e inlinile liermente per egursi filmente lle esigenze ell utilizztore. È possiile utilizzre un sostegno seprto per lo shermo o un pino regolile. Sullo shermo non evono essere presenti riflessi e rivereri he possno usre isturi ll utilizztore urnte lo svolgimento ell propri ttività. Lo shermo eve essere posizionto i fronte ll opertore in mnier he, nhe geno su eventuli menismi i regolzione, lo spigolo superiore si posto un po più in sso ell orizzontle he pss per gli ohi ell opertore e un istnz gli ohi pri ir m per i posti i lvoro in ui v ssunt preferenzilmente l posizione seut. Tstier e mouse L tstier eve essere seprt llo shermo, filmente regolile e ott i menismo i vrizione ell penenz one onsentire l lvortore i ssumere un posizione onfortevole e tle non provore l fftimento elle ri e elle mni. Lo spzio sul pino i lvoro eve onsentire un ppoggio egli vmri vnti ll tstier nel orso ell igitzione, teneno onto elle rtteristihe ntropometrihe ell opertore. L tstier eve vere un superfiie op one evitre i riflessi. L isposizione ell tstier e le rtteristihe ei tsti evono gevolrne l uso. I simoli ei tsti evono presentre suffiiente ontrsto e essere leggiili ll normle posizione i lvoro. Il mouse, o qulsisi ispositivo i puntmento in otzione ll postzione i lvoro, eve essere posto sullo stesso pino ell tstier, in posizione filmente rggiungiile, e isporre i uno spzio eguto per il suo uso. Pino i lvoro Il pino i lvoro eve vere un superfiie sso inie i riflessione, essere stile, i imensioni suffiienti permettere un isposizione flessiile ello shermo, ell tstier, ei oumenti e el mterile essorio. L ltezz el pino i lvoro fiss o regolile eve essere initivmente ompres fr 70 e 80 m. Lo spzio isposizione eve permettere l lloggimento e il movimento egli rti inferiori nonhé, se presenti, l ingresso el seile e ei rioli. L profonità el pino i lvoro eve essere tle ssiurre un egut istnz visiv llo shermo. Il supporto per i oumenti eve essere stile e regolile e eve essere olloto in moo tle riurre l minimo i movimenti ell test e egli ohi. Seile i lvoro Il seile i lvoro eve essere stile e permettere ll utilizztore liertà nei movimenti, nonhé vere un posizione omo. Il seile eve vere ltezz regolile in mnier inipenente llo shienle e imensioni ell seut egute lle rtteristihe ntropome- 2

3 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 trihe ell utilizztore. Lo shienle eve fornire un eguto supporto ll regione orsolomre ell utente. Pertnto eve essere eguto lle rtteristihe ntropometrihe ell utilizztore e eve vere ltezz e inlinzione regolile. Nell mito i tli regolzioni l utilizztore ovrà poter fissre lo shienle nell posizione seleziont. Lo shienle e l seut evono vere ori smussti. I mterili evono presentre un livello i permeilità tli non ompromettere il omfort ell utente e evono poter essere puliili. Il seile eve essere otto i un menismo girevole per filitre i mi i posizione e eve poter essere spostto gevolmente seono le neessità ell utilizztore. Un poggipiei srà messo isposizione i oloro he lo esierino per fr ssumere un postur egut gli rti inferiori. Il poggipiei non eve spostrsi involontrimente urnte il suo uso. Computer porttili L impiego prolungto ei omputer porttili neessit ell fornitur i un tstier e i un mouse o ltro ispositivo i puntmento esterni nonhé i un ioneo supporto he onsent il orretto posizionmento ello shermo. Shermo m Line i visule m Angolo retto tr rio e vmrio, polsi in line rett Shienle regolile in ltezz Cose in posizione orizzontle Sei girevole 5 ruote Poggipiei L miente norm Spzio Il posto i lvoro eve essere en imensionto e llestito in moo he vi si spzio suffiiente per permettere mimenti i posizione e movimenti opertivi. Illuminzione L illuminzione generle e speifi (lmpe tvolo) eve grntire un illuminzione suffiiente e un ontrsto pproprito tr lo shermo e l miente irostnte, tenuto onto elle rtteristihe el lvoro e elle esigenze visive ell utilizztore. Riflessi sullo shermo, eessivi ontrsti i luminnz e glimenti ell opertore evono essere evitti 3

4 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion isponeno l postzione i lvoro in funzione ell uizione elle fonti i lue nturle e rtifiile. Si ovrà tenere onto ell esistenz i finestre, preti trsprenti o trsluie, preti e ttrezzture i olore hiro he possono eterminre fenomeni i glimento iretto e/o iniretto e/o riflessi sullo shermo. Le finestre evono essere munite i un opportuno ispositivo i opertur regolile per ttenure l lue iurn he illumin il posto i lvoro. Rumore Il rumore emesso lle ttrezzture presenti nel posto i lvoro non eve perturre l ttenzione e l omunizione verle. Rizioni Tutte le rizioni, eezione ell prte visiile ello spettro elettromgnetio, evono essere riotte livelli trsurili l punto i vist ell tutel ell siurezz e ell slute ei lvortori. Prmetri mirolimtii Le onizioni mirolimtihe non evono essere us i isomfort per i lvortori. Le ttrezzture in otzione l posto i lvoro non evono prourre un eesso i lore he poss essere fonte i isomfort per i lvortori. Interfi elortore/uomo All tto ell elorzione, ell selt, ell quisto el softwre, o llorhé questo veng moifito, ome nhe nel efinire le mnsioni he implino l utilizzzione i unità vieoterminli, il tore i lvoro terrà onto ei seguenti fttori: ) il softwre eve essere eguto ll mnsione svolgere; ) il softwre eve essere i file uso, eguto l livello i onosenz e i esperienz ell utilizztore. Inoltre nessun ispositivo i ontrollo quntittivo o qulittivo può essere utilizzto ll insput ei lvortori; ) il softwre eve essere strutturto in moo tle fornire i lvortori inizioni omprensiili sul orretto svolgimento ell ttività; ) i prinipi ell ergonomi evono essere ppliti in prtiolre ll elorzione ell informzione prte ell uomo. Le finestre sino en shermte (venezine) Gli shermi sino 90 e 1 m lle finestre Spzio suffiiente per muoversi Le lui rtifiili sino en shermte e ollote 4

5 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 Computer e slute L rtiolo 174 el ereto legisltivo n. 81 el 9/4/2008, ffront le prolemtihe e i rishi legti l lvoro svolto vnti un terminle. Generlmente, si evit i rimnere molte ore vnti l monitor i un PC, perhé si temono le rizioni emesse llo shermo. Tuttvi i rishi mggiori per l slute non sono le rizioni qunto le onseguenze sull vist, sull pprto musolre e sheletrio e sul sistem nervoso he possono erivre molte ore i lvoro l omputer. Trsorrere svrite ore vnti l monitor può usre isturi ell pprto visivo e re luogo iverse ptologie: isturi ell vist; sinrome fti visiv; ml i test o emirnie. Tli isturi hnno ome use prinipli: le ttive onizioni i illuminzione; lo sforzo ottio prolungto; eventuli ifetti ell vist già preesistenti. I isturi rio ell pprto musolre e sheletrio sono fonmentlmente provoti : neessità i ompiere movimenti ripetitivi (ri e mni); ssunzione i un postur stti e rigi inott spesso un lto livello i onentrzione (ollo, splle, olonn verterle, shien). Computer e miente Possimo iutre l miente, risors prezios ell nostr soietà, ttrverso luni pioli orgimenti ome: in so i puse prolungte impostre lo spegnimento utomtio ello shermo o il pssggio utomtio ell stmpnte llo stto i ttes; quno possiile utilizzre rt riilt; ririre le rtue vehie; utilizzre iruiti sso onsumo energetio. L siurezz e l protezione ei ti L espressione siurezz nei sistemi informtii f riferimento lle tenihe he impeisono l violzione ei ti presenti nei omputer. Come inito nel ereto legisltivo n. 196 el 30 giugno 2003 ogni zien eve ottre un politi i protezione ei ti zienli e eve inoltre istruire i ipenenti sulle proeure i emergenz pplire nel so i violzioni ll politi i siurezz, ininole in moo hiro in un oumento sull siurezz himto DPSS (Doumento Progrmmtio Sull Siurezz). Tr le prinipli misure i siurezz riorimo: l utilizzo i psswor o prole hive, ossi oii segreti per l ientifizione e l esso i un utente ll rete o un sistem protetto; 5

6 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion per eere lle informzioni protette psswor oorre inserire un ientifitivo ell utente e un psswor he verifi he tle ientifitivo viene utilizzto solmente l suo ssegntrio; per grntire l integrità ei ti possiili mlfunzionmenti è oligtorio effetture perioimente un kup, ovvero un opi i siurezz ei ti più importnti. Per un mggior siurezz l psswor ovree vere i seguenti requisiti: essere tenut segret e sostituit minimo ogni 60 giorni; non essere filmente intuiile prte i hi i onose; non essere un prol i uso omune (le migliori psswor sono ostituite un sequenz lternt i numeri, lettere miusole e minusole e simoli i punteggitur); l uso ell rittogrfi, ovvero i un teni i ifrtur he onsente i nsonere i ti renenoli eifrili solo l estintrio. Trmite l rittogrfi: le informzioni epositte sul proprio omputer vengono protette eventuli essi non utorizzti; le informzioni invite sull rete non possono essere lette soggetti non utorizzti; è possiile verifire l integrità i un oumento rievuto. Informti e iritti utore Gli utori i progrmmi softwre sono grntiti ll meesim legge he tutel gli utori i opere letterrie ttrverso l legge n. 633 sul iritto utore el 22/04/1941. Gli utori i softwre sono inoltre tutelti i sensi ell Convenzione i Bern sull protezione elle opere letterrie e rtistihe rtifit e res eseutiv on l legge n. 399 el 20/6/1978. Nel ereto legisltivo n. 518 el 29/12/1992 viene efinitivmente snito he nhe i softwre prootti un utore possieono l meesim tutel rionosiut lle ltre opere utore, nel Cpo III, sezione IV, rtiolo 64 is he reit: i iritti eslusivi onferiti ll presente legge sui progrmmi per elortore omprenono il iritto i effetture o utorizzre: ) l riprouzione, permnente o temporne, totle o przile, el progrmm per elortore on qulsisi mezzo o in qulsisi form. Nell misur in ui operzioni quli il rimento, l visulizzzione, l eseuzione, l trsmissione o l memorizzzione el progrmm per elortore rihieono un riprouzione, nhe tli operzioni sono soggette ll utorizzzione el titolre ei iritti; ) l truzione, l ttmento, l trsformzione e ogni ltr moifizione el progrmm per elortore, nonhé l riprouzione ell oper he ne risulti, senz pregiuizio ei iritti i hi moifi il progrmm; ) qulsisi form i istriuzione l pulio, ompres l lozione, el progrmm per elortore originle o i opie ello stesso. L prim venit i un opi nell Comunità Eonomi Europe prte el titolre ei iritti, o on il suo onsenso, esurise il iritto i istriuzione i ett opi ll interno ell Comunità, eezione el iritto i ontrollre l ulteriore lozione el progrmm o i un opi ello stesso. 6

7 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 I suessivi rtioli 64 ter e 64 quter stilisono he l utilizztore el progrmm può relizzre opi ell oper nhe in ssenz ell utorizzzione el titolre el progrmm quno tle opi: si neessri ll uso el progrmm; si effettut per lo stuio el progrmm, ostituis un opi i riserv; ostituis un opi per eompilre il progrmm per ottenere l interoperilità on ltri progrmmi. Infine il DPCM n. 244 el 3/2/1994, l fine i fornire un più effie protezione el softwre, h inito le molità i tenut el Registro pulio speile per i progrmmi per elortore. Solo oloro i quli è ttriuito il opyright (iritto utore) possono orre e oneere l iffusione i opie el softwre. Le ttività i quisto e venit i opie non utorizzte i softwre è un reto. Quno si quist un softwre si quist in reltà un lienz uso. L quisto integrle i un softwre vviene molto rrmente e impli il possesso ei file sorgenti i tle progrmm he sono molto ostosi. Aquistre i sorgenti i un progrmm è prgonile ll quisto i un revetto. Esistono tuttvi luni softwre he possono essere utilizzti senz lienz uso pgmento. I più importnti sono: Shrewre: softwre grtuitmente utilizzile solo per un reve perioo i tempo. Viene nhe himto softwre i vlutzione, in qunto per poter essere usto, l termine el perioo i vlutzione (normlmente 30 o 60 giorni), è neessrio quistrlo. Freewre: softwre utilizzile grtuitmente, senz limiti i tempo. Demo: softwre promozionle in versione riott e ompletmente grtuito. Nei vieogiohi, esempio, è onsuetuine rilsire l versione emo luni mesi prim ell usit sul merto el progrmm ompleto. Awre: softwre istriuito ome freewre. Rihieono tuttvi ll utente l visione i messggi puliitri per il loro utilizzo. Dontionwre: softwre istriuito grtuitmente ome freewre. L utore, tuttvi, hiee gli utenti el proprio softwre i fre un onzione folttiv. Anonwre: softwre osoleto he non viene più ommerilizzto lungo tempo, e è quini onsierto nonto. L lienz è pertnto i tipo freewre nhe se originrimente er proiit l riistriuzione. Tutti i softwre on lienz uso, quini nhe quelli grtuiti, sono operti lle leggi sui iritti utore, periò si possono utilizzre m non si possono rivenere. Informti e privy Il iritto ll privy nse per l prim volt in Itli on l legge n. 675 el 31/12/1996, he viene poi sostituit l ereto legisltivo n. 196 el 30/6/2003. L legge slvgur il iritto ll tutel ei ti personli, nhe informtii. In sintesi: per etenere e gestire i ti personli è neessri l utorizzzione ell person interesst; 7

8 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion tutti i ti riservti e personli etenuti enti o soietà evono essere protetti e onservti on ur; il trttmento ei ti personli eve essere grntito nel rispetto ei iritti, ell liertà e ell ignità elle persone, on prtiolre riguro ll riservtezz e ll ientità personle. ABBIAMO IMPARATO CHE... L ergonomi è un isiplin he persegue l progettzione i prootti, mienti e servizi siuri per l utente. Il ereto legisltivo n. 81 el 9/4/2008, noto ome Testo Unio sull Siurezz, nell rtiolo 174 stilise le regole he grntisono l slute ell utente nell uso ei omputer. Il ereto legisltivo n. 196 el 30/06/2003 olig le ziene ottre un politi i protezione ei ti zienli, pplire hirmente in un oumento sull siurezz himto DPSS (Doumento Progrmmtio Sull Siurezz). Gli utori i progrmmi softwre sono grntiti ll legge n. 633 sul iritto utore el 22/4/1941, reso eseutivo ll legge n. 399 el 20/6/1978 e integrto egunolo in tutto e per tutto l softwre nel ereto legisltivo n. 518 el 29/12/1992. Esistono iversi softwre rttere grtuito: Shrewre, Freewre, Demo, Awre, Dontionwre, Anonwre. L tutel ei ti riservti, on prtiolre riferimento quelli informtii, è ontenut nel ereto legisltivo n. 196 el 30/6/

9 Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 Eserizi selt multipl VERIFICHIAMO LE CONOSCENZE 1. Qule tr le seguenti leggi ontiene l seguente norm? per etenere e gestire i ti personli è neessri l utorizzzione ell person interesst legge 626/1994 legge 399/1978 legge 633/1941. Lgs. n. 196/ Qule tr le seguenti norme è ontenut nell legge 196/2003? (ue risposte) reigere il DPSS effetture opie el softwre posseuto effetture perioii kup ei ti non effetture opie el softwre in lienz 3. Il ereto legisltivo n. 81 el 2008 ontiene norme in mpo i: privy iritti utore siurezz sul lvoro pronto soorso 4. Un progrmm può essere liermente opito sopo i luro quno è: freewre shrewre on lienz uso mi 5. Il ereto legisltivo n. 196 el 2003 ontiene norme he rigurno: l privy ei ti informtii il iritto utore l siurezz ell miente i lvoro limitzione el softwre 6. L legge sull privy grntise: l nonimto sull rete Internet he non veng onosiuto il nostro inirizzo i post elettroni he non si onos il softwre noi utilizzto he i ti vengno utilizzti solo per gli sopi per i quli sono stti rolti 7. Qule tr le seguenti operzioni non può effetture un soietà he possiee ei ti personli i un utente? (ue risposte) e nellrli senz l utorizzzione ell utente istriuirli on l utorizzzione ell utente nellrli on l utorizzzione ell utente istriuirli hiunque venerli on l utorizzzione ell utente 8. Qule operzione tr le seguenti non è viett ll legge sul opyright? fre un opi el softwre quistto hieenone l utorizzzione ll utore fre elle instllzioni su più loltori senz lienze speili opire il softwre sopo i luro rere ei progrmmi he permettono i opire i CD 9. Qule tr i seguenti requisiti eve posseere un psswor? (ue risposte) essere ivulgt essere tenut segret essere un prol i uso omune essere sostituit lmeno ogni 60 giorni 10. Trmite l rittogrfi (ue risposte): si è protetti essi non utorizzti nel proprio omputer le informzioni invite sull rete non possono essere lette soggetti non utorizzti si è protetti i virus le informzioni memorizzte sono protette eventuli essi non utorizzti 11. Qule elle seguenti ffermzioni reltive l opyright è ver? il opyright è il iritto legle eslusivo egli utori i softwre per l prouzione i opie el loro softwre 9

10 Moulo 1 Come è ftto un omputer e ome rgion il opyright è utile nell protezione ei ishi ontro i virus informtii il opyright è stto progettto per prevenire le uplizioni ei file il opyright onsente e promuove l opi usiv e l iffusione el softwre 12. È legle mntenere, senz un onret neessità, ti riservti su persone senz l loro utorizzzione? sì, m solo per un reve perioo i tempo no sì, m solo se iò è segnlto ll Prour ell Repuli sì 13. Il DPSS i un zien ontiene (tre risposte): e f ogni qunto tempo le psswor vengono sostituite le psswor zienli le molità on le quli vengono effettuti i kup i firewll e gli ntivirus instllti le opie ei softwre quistti i ti sensiili ei lienti ell zien 14. In se qule legge eve essere sostituit perioimente l psswor i esso? legge 626/1994 legge 675/1996 legge 633/1941. Lgs. n.196/ Nel ereto legisltivo n. 518 el 1992 si fferm he un utilizztore i un softwre può effetturne un opi nhe senz l utorizzzione el titolre el progrmm solo quno: l opi è neessri per l uso el progrmm sempre mi l opi è ienti ll originle 16. Quli nni fisii sono usti ll non osservnz elle norme el testo unio sull slute? (ue risposte) isturi rio ell pprto riprouttivo isturi rio ell pprto respirtorio isturi rio ell pprto musolre e sheletrio isturi rio ell pprto visivo 17. Qule tr i seguenti softwre è utilizzile solo per 30 giorni? freewre emo shrewre nonwre 18. L legge n. 675 el 1996 è stt l prim legge in Itli inerente: il iritto utore l siurezz ell miente i lvoro l privy limitzione el softwre SOLUZIONI ESERCIZI A SCELTA MULTIPLA 1 2, , 8 9, 10, ,, ,

Sondaggio piace l eolico?

Sondaggio piace l eolico? Songgio pie l eolio? Durnte l inugurzione i Stell sono stti istriuiti ei questionri per vlutre l inie i grimento ell eolio prte ell popolzione Sono stti ompilti e quini nlizzti 50 questionri Quest presentzione

Dettagli

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli.

Componenti per l elaborazione binaria dell informazione. Sommario. Sommario. Approfondimento del corso di reti logiche. M. Favalli. Sommrio Componenti per l elorzione inri ell informzione Approfonimento el orso i reti logihe M. Fvlli Engineering Deprtment in Ferrr Porte logihe 2 Il livello swith 3 Aspetti tenologii 4 Reti logihe omintorie

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Millenium 3 Interfaccia di comunicazione M3MOD Guida all'uso della Directory operativa 04/2006

Millenium 3 Interfaccia di comunicazione M3MOD Guida all'uso della Directory operativa 04/2006 Millenium 3 Interfi i omunizione M3MOD Gui ll'uso ell Diretory opertiv 04/2006 160633105 Pnormi AGui ll'uso ell Diretory opertiv Introuzione L Diretory opertiv è un file i testo generto l softwre i progrmmzione

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO Eseritzioni svolte 2010 Suol Duemil 1 Eseritzione n. 2 Aspetti eonomii e lusole el ontrtto i omprvenit Risultti ttesi Spere: gli spetti tenii, giuriii e eonomii el ontrtto i omprvenit. Sper fre: eterminre

Dettagli

Calcolo del costo unitario FASE 1

Calcolo del costo unitario FASE 1 ESERCIZIO Definizione el pino ei entri i osto e eterminzione el osto unitrio i prootto Clolo el osto unitrio FASE 1 Azien i prouzione: proue i eni,,, Il proesso prouttivo prevee 3 fsi o proessi prinipli:

Dettagli

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi www.scuolaazienda.it MRIO FLORES L OPERTORE 4 TURISTIO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi VERO O FLSO? MOULO 1 1 V, 2 V, 3 F, 4 F 1 V, 2 V, 3 V, 4 F 1 V, 2 F, 3 F, 4 V 1 F, 2 F,

Dettagli

Allegato 3 Elenco BAT ed esempio interventi efficientamento

Allegato 3 Elenco BAT ed esempio interventi efficientamento Allegto 3 Eleno BAT e esempio interventi effiientmento LINEE GUIDA per l onuzione ell ignosi energeti nel settore rtrio Pg. 1 i 6 Riepilogo BAT sul onsumo e sull effiienz energetii estrtte ll DECISIONE

Dettagli

Icone, finestre e strutture dati

Icone, finestre e strutture dati u t o n e n i t à i m r e n i p p Ione, finestre e strutture ti Competenze speifihe Il signifito elle prinipli ione, il loro spostmento e orinmento sul esktop I prinipli elementi elle finestre elle pplizioni

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

d coulomb d volt b trasformatore d alternatore b amperometro d reostato

d coulomb d volt b trasformatore d alternatore b amperometro d reostato ppunti 7 TEST DI VERIFICA 1 Unità i misur ell ri elettri: henry weer volt oulom 2 Unità i misur ell pità elettri: oulom henry fr volt 3 Gener orrente lternt: umultore resistenz 4 Misur l tensione: resistometro

Dettagli

AVVERTENZA indica una situazione potenzialmente pericolosa che, se non evitata, può causare la morte o lesioni gravi.

AVVERTENZA indica una situazione potenzialmente pericolosa che, se non evitata, può causare la morte o lesioni gravi. Gui i instllzione rpi Inizio DCP-7055 / DCP-7057 DCP-7060D / DCP-7065DN Prim i onfigurre l pprehio, leggere l opusolo Siurezz e restrizioni legli. Leggere poi l Gui i instllzione rpi per l onfigurzione

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5

REGOLAMENTO REGIONALE 5 DICEMBRE 2014, n.5 5 DICEMBRE 0, n.5 Regolmento di ttuzione di ui l rtiolo 7 dell legge regionle 7 settemre 0, n.6 (Norme in mteri dute dll lto) delle ttività nell mito dell edilizi. Assessorto ll Siurezz nei Cntieri Politihe

Dettagli

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta

Analisi dei dati ottenuti dalla raccolta dei Questionari consegnati al Tessuto Imprenditoriale e Commerciale della Città di Magenta QUESTIONRIO PINO GENERLE DEL TRFFIO URNO ITTÀ DI MGENT nlisi dei dti ottenuti dll rolt dei Questionri onsegnti l Tessuto Imprenditorile e ommerile dell ittà di Mgent Relizzt d onfommerio Mgent e stno Primo

Dettagli

AVVERTENZA indica una situazione potenzialmente pericolosa che, se non evitata, può causare la morte o lesioni gravi.

AVVERTENZA indica una situazione potenzialmente pericolosa che, se non evitata, può causare la morte o lesioni gravi. Gui i instllzione rpi Inizio MFC-7360N MFC-7460DN Prim i onfigurre l pprehio, leggere l opusolo Siurezz e restrizioni legli. Leggere poi l Gui i instllzione rpi per l onfigurzione e l'instllzione orrette.

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cartucce d inchiostro iniziali

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cartucce d inchiostro iniziali Gui i instllzione rpi Inizio MFC-J5910DW Leggere l Gui i siurezz prootto prim i onfigurre l pprehio. Quini, leggere l presente Gui i instllzione rpi per onfigurre e instllre orrettmente il ispositivo.

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Gui i instllzione rpi Inizio MFC-J6520DW MFC-J6720DW Leggere l Gui i siurezz prootto prim i onfigurre l pprehio. Quini, leggere l presente Gui i instllzione rpi per onfigurre e instllre orrettmente il

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE TECNICO CORSO PER L ABILITAZIONE AD ALLENATORE PROFESSIONISTA DI 1^ CATEGORIA 2005 2006

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE TECNICO CORSO PER L ABILITAZIONE AD ALLENATORE PROFESSIONISTA DI 1^ CATEGORIA 2005 2006 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE TECNICO CORSO PER L ABILITAZIONE AD ALLENATORE PROFESSIONISTA DI 1^ CATEGORIA 2005 2006 L INSEGNAMENTO DEI FONDAMENTALI TATTICI: DALL UNO CONTRO UNO AL QUATTRO

Dettagli

T16 Protocolli di trasmissione

T16 Protocolli di trasmissione T16 Protoolli di trsmissione T16.1 Cos indi il throughput di un ollegmento TD?.. T16.2 Quli tr le seguenti rtteristihe dei protoolli di tipo COP inidono direttmente sul vlore del throughput? Impossiilità

Dettagli

IL CONTRATTO RISTORATIVO

IL CONTRATTO RISTORATIVO IL CONTRATTO RISTORATIVO ATTIVITÀ E LABORATORIO i Pol LOBINA PREMESSA L rtiolo nlizz l ntur giurii el ontrtto i ristorzione osì ome viene elinet l Coie el onsumo e è orreto un primo test i verifi sui ontrtti.

Dettagli

! è l'insieme A degli attributi di ! $ B IL PROBLEMA DELLE VISTE MATERIALIZZATE: PROBLEMI IL PROBLEMA DELLE VISTE MATERIALIZZATE

! è l'insieme A degli attributi di ! $ B IL PROBLEMA DELLE VISTE MATERIALIZZATE: PROBLEMI IL PROBLEMA DELLE VISTE MATERIALIZZATE IL PROBLEMA DELLE VISTE MATERIALIZZATE IL PROBLEMA DELLE VISTE MATERIALIZZATE: PROBLEMI Le viste nei DBMS relzionli Utilità elle viste mterilizzte per l'eseuzione i interrogzioni Venite(ProutI, NegozioI,

Dettagli

Modulo 4. Lo scambio economico. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 4. Lo scambio economico. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 46 Moulo 4 Lo smio eonomio I estintri i questo moulo sono gli llievi ell lsse prim he ino superto l verifi sommtiv ssegnt l termine el terzo moulo imostrno i: onosere il sistem zien nei suoi spetti fonmentli,

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica

Convenzione del Consiglio d Europa sulla contraffazione dei prodotti sanitari e reati affini che rappresentano una minaccia per la salute pubblica Convenzione del Consiglio d Europ sull ontrffzione dei prodotti snitri e reti ffini he rppresentno un mini per l slute puli Mos, 28/X/2011 1 Premess Gli Stti memri del Consiglio d Europ e gli ltri firmtri

Dettagli

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo)

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo) Ctlogo ettglito elle prestzioni 2015 (cfr. rt. 14 el regolmento el fono) Prestzioni e gli OML reg. e cnt. (Slute e) Socile : Sviluppo e mntenimento i un sistem completo i formzione professionle i bse e

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Le proprietà fondamentali del campo magnetico

Le proprietà fondamentali del campo magnetico 1) Ftti sperimentli. Le proprietà fonmentli el mpo mgnetio Riportimo ue ftti sperimentli: ) Un filo rettilineo infinito perorso orrente I gener un mpo mgnetio on le seguenti proprietà: l intensità ument

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO ASSESSORATO AL TURISMO CONCORSO ACCOMPAGNATORE TURISTICO TEST DI VERIFICA A

PROVINCIA DI VITERBO ASSESSORATO AL TURISMO CONCORSO ACCOMPAGNATORE TURISTICO TEST DI VERIFICA A 1. L VN È L PITLE I: PROVINI I VITERO SSESSORTO L TURISMO ONORSO OMPGNTORE TURISTIO TEST I VERIFI U REPULI OMININ GIMI PNM 2. L RI SUIT È GNT L: MR NERO MR ROSSO MR MEITERRNEO MR SPIO 3. FTIM, NOT PER

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

I test d ingresso ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI ATTIVITÀ DI PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ DI RECUPERO. Test d ingresso 15

I test d ingresso ACCERTAMENTO DEI PREREQUISITI ATTIVITÀ DI PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ DI RECUPERO. Test d ingresso 15 I test ingresso I test ingresso possono essere utilizzti l oente, he, prim i efinire l progrmmzione itti e gli oiettivi isiplinri, ritiene opportuno ertre il possesso i luni prerequisiti prte egli llievi.

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cavo di alimentazione CA Foglio di supporto/ Foglio di supporto schede in plastica DVD-ROM Guid di instllzione rpid Inizio ADS-2100 Leggere l Guid di siurezz prodotto prim di onfigurre l pprehio. Quindi, leggere l presente Guid di instllzione rpid per onfigurre e instllre orrettmente il dispositivo.

Dettagli

Piero Gallo Fabio Salerno. Task. Corso di informatica. Gli archivi sequenziali. il libro si estende sul web

Piero Gallo Fabio Salerno. Task. Corso di informatica. Gli archivi sequenziali. il libro si estende sul web Piero Gllo Fio Slerno Tsk Corso i informti 2 il liro si estene sul we Gli rhivi sequenzili il liro si estene sul we LEZIONE L orgnizzzione sequenzile L orgnizzzione logi sequenzile Con rhivio logio sequenzile

Dettagli

RICCARDO NIKOLASSY PAOLO CAMAGNI. Informatica. Per il primo biennio degli Istituti tecnici settore Economico EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

RICCARDO NIKOLASSY PAOLO CAMAGNI. Informatica. Per il primo biennio degli Istituti tecnici settore Economico EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO RICCARDO NIKOLASSY PAOLO CAMAGNI Informti Per il primo iennio egli Istituti tenii settore Eonomio EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Inie Inie MODULO 1 Come è ftto un omputer e ome rgion 1 Conosimo il omputer

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY CORSO DI INFORMATICA. Per il nuovo liceo scientifico opzione scienze applicate VOLUME 1 HOEPLI

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY CORSO DI INFORMATICA. Per il nuovo liceo scientifico opzione scienze applicate VOLUME 1 HOEPLI PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY CORSO DI INFORMATICA Per il nuovo lieo sientifio opzione sienze pplite VOLUME 1 HOEPLI PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY Corso i Informti Per il nuovo lieo sientifio opzione

Dettagli

La piattaforma Next Generation Guida rapida

La piattaforma Next Generation Guida rapida Gui rpi Quest gui rpi è stt ret on l oiettivo i iutrti fmilirizzre rpimente on le numerose rtteristihe e strumenti isponiili sull pittform Next Genertion. Sopri ove trovre i prootti isponiili e le notizie

Dettagli

Serie WL76* Digital Serie YL76* Digital

Serie WL76* Digital Serie YL76* Digital Serie WL76* Digitl Serie YL76* Digitl EUROPEAN UNION ECOLABEL Awre to goos or servies whih meet the environmentl requirements of the EU eolelling sheme Itlino Sommrio INSTALLAZIONE DEL TELEVISORE Preuzioni

Dettagli

PROVE DI CARICO SU SOLAIO

PROVE DI CARICO SU SOLAIO .5. PROVE DI CARICO SU SOAIO Pg. di PROVE DI CARICO SU SOAIO. Sopo prov intende testre le strutture orizzontli, in termini di resistenz e di rispost elsti, sottoponendole lle mssime solleitzioni possiili

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO Il sottosritto rihiedente l ssegnzione dell lloggio: Cognome e nome Codie Fisle Stto di nsit Comune di nsit Dt di nsit Provini di residenz

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cartucce d inchiostro iniziali Cavo di alimentazione

l apparecchio dalla confezione e controllare i componenti Cartucce d inchiostro iniziali Cavo di alimentazione Guid di instllzione rpid Inizio DCP-J140W Leggere l Guid di siurezz prodotto prim di onfigurre l pprehio. Quindi, leggere l presente Guid di instllzione rpid per onfigurre e instllre orrettmente il dispositivo.

Dettagli

Risolvere il seguente caso aziendale

Risolvere il seguente caso aziendale Risolvere il seguente so zienle Un lergo on 80 oppie nel mese i Giugno e Luglio h registrto un gro i oupzione mere el 40% i ui il 75% iit mer oppi mentre il restnte 25% mer singol. Gli rrivi i perioo sono

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLSR 8 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 08-2014/08 602066-01 A 2 LS 14m 10-30 V DC 200 Hz Fotoellul rrier di siurezz on lue ross visiile, fino ll t. 2 seondo

Dettagli

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del

Questo materiale è stato prodotto dal progetto Programma di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare Salute del Questo mterile è stto prodotto dl progetto Progrmm di informzione e omunizione sostegno degli oiettivi di Gudgnre Slute del Ministero dell Slute /CCM, in ollorzione ol Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali

L attività bancaria. Unità didattiche che compongono il modulo. L intermediazione creditizia e il mercato dei capitali Modulo L ttività nri I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno he si pprestno llo studio delle rtteristihe fondmentli dell ttività delle ziende di redito. Al fine di inqudrre il ontesto dell

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA Agire in modo utonomo e responsile CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA COMPETENZE DI CITTADINANZA E TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLA

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31

SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31 SICUREZZA SUL LAVORO SAFETY AT WORK R 290 31 R 290 31 Segnli di siurezz per fontnelle e doe di emergenz per l deontminzione UNI 7546/3. Symols for sfety signs-eyes wshing - emergeny shower. 332 Normtive

Dettagli

D.A.M.S. Legge sulla privacy D.Lgs 196/2003 e Codice della Privacy in merito alle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali

D.A.M.S. Legge sulla privacy D.Lgs 196/2003 e Codice della Privacy in merito alle misure di sicurezza per la protezione dei dati personali D.A.M.S. Legge sull privcy D.Lgs 196/2003 e Codice dell Privcy in merito lle misure di sicurezz per l protezione dei dti personli Il presente documento intende fornire un prim vlutzione sui criteri tecnici

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Automazione INFORMATICA INDUSTRIALE Appello COGNOME E NOME. 11 febbraio 2008 RIGA COLONNA MATRICOLA

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Automazione INFORMATICA INDUSTRIALE Appello COGNOME E NOME. 11 febbraio 2008 RIGA COLONNA MATRICOLA Politecnico i Milno Fcoltà i Ingegneri ell Automzione INFORMATICA INDUSTRIALE Appello COGNOME E NOME ebbrio 2008 RIGA COLONNA MATRICOLA Il presente plico pinzto, composto i quttro ogli (ronte/retro)eve

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO ASSESSORATO AL TURISMO CONCORSO ACCOMPAGNATORE TURISTICO TEST DI VERIFICA C

PROVINCIA DI VITERBO ASSESSORATO AL TURISMO CONCORSO ACCOMPAGNATORE TURISTICO TEST DI VERIFICA C PROVINI I VITERO SSESSORTO L TURISMO ONORSO OMPGNTORE TURISTIO TEST I VERIFI 1. IL STELLO I SHÖNRUNN, LEGTO L MITO ELL PRINIPESS SISSI SI TROV IN: UNGHERI GERMNI USTRI SOZI 2. IL VULNO I STROMOLI È SITUTO

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE PER AUTOBUS INTERURBANI E CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI ALLEGATO 6/lotto 1

PARAMETRI DI VALUTAZIONE PER AUTOBUS INTERURBANI E CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI ALLEGATO 6/lotto 1 PARAMETRI DI VALUTAZIONE PER AUTOBUS INTERURBANI E CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI ALLEGATO 6/lotto 1 PUNTEGGIO PARAMETRI INTERURBANO NORMALE Punteggio Vlutzioni 1 PREZZO DEL VEICOLO COMPLETO (vesi

Dettagli

CONTROLLI E CARATTERISTICHE

CONTROLLI E CARATTERISTICHE Serie RL83* Digitl Itlino Sommrio INSTALLAZIONE DEL TELEVISORE Preuzioni i siurezz... 4 Instllzione e informzioni importnti... 5 Teleomno... 7 Inserimento elle tterie e portt effettiv... 7 COLLEGAMENTO

Dettagli

SELLACTION WEB SERVICES PRINT E AFTER PRINT GOLF & EVENTS

SELLACTION WEB SERVICES PRINT E AFTER PRINT GOLF & EVENTS S WEB SERVCES PRN E AFER PRN WEB SERVCES PRN E AFER PRN E l soluzione he integr i servizi per le ziende in un uni reltà. utti i professionisti di riferimento, un unio interloutore e un unio fornitore WEB

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental

Ricostruzione della cresta in zona 1.1. e 2.1 con lembo palatino a scorrimento coronale e posizionamento di due impianti Prima di Keystone Dental CASO CLINICO Riostruzione dell rest in zon 1.1. e 2.1 on lemo pltino sorrimento oronle e posizionmento di due impinti Prim di Keystone Dentl Andre Grssi, Odontoitr e liero professionist in Reggio Emili

Dettagli

Istruzioni per l'uso originali

Istruzioni per l'uso originali Istruzioni per l'uso originli SLS 78 M/P-1730 Fotoellule rrier di siurezz Disegno quotto it 03-2010/11 602042 0 150m 24 V DC 300 Hz Alloggimento rousto di metllo on lente in vetro, grdo di protezione IP

Dettagli

Le avvertenze indicano precauzioni da osservare per evitare possibili infortuni.

Le avvertenze indicano precauzioni da osservare per evitare possibili infortuni. Gui i instllzione rpi Inizio MFC-790CW MFC-990CW Prim i poter utilizzre l'pprehio, leggere l presente Gui i instllzione rpi per l orrett proeur i impostzione e i instllzione. AVVERTENZA Le vvertenze inino

Dettagli

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici

Verifica del modulo: Il marketing dei prodotti turistici di Alessndro Siviero doente di Eonomi, mrketing e omunizione Strumenti APRILE/MAGGIO 00 Verifi del modulo: Il mrketing dei prodotti turistii Metodi di verifi e l pproio dello studente Nell rtiolo Il mrketing

Dettagli

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito:

] + [ ] [ ] def. ] e [ ], si ha subito: OPE OPERAZIONI BINARIE Definizione di operzione inri Dto un insieme A non vuoto, si him operzione (inri) su A ogni pplizione di A in A In generle, un'operzione su A viene indit on il simolo Se (x, y) è

Dettagli

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it)

Robotica industriale. Motori a magneti permanenti. Prof. Paolo Rocco (paolo.rocco@polimi.it) Rooti industrile Motori mgneti permnenti Prof. Polo Roo (polo.roo@polimi.it) Generzione di oppi L legge di Lorentz i die he un ri elettri q in moto on veloità v in un mpo mgnetio di intensità B è soggett

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 3. del mercato dei capitali. e la Borsa valori. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario Modulo Il merto dei pitli e l Bors vlori I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno; essi, dopo ver ppreso quli differenti forme giuridihe un impres può ssumere e, on riferimento lle soietà

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città

d.bisogno c. mi ss io ne iso gni Valorizzare la Villa reale 1 Rendere nuovamente la Villa Reale polo di attrazione e di promozione della città nome politio deleghe od. ontesto polit i. d.sse finlità C. sse iso gni d.isogno. mi ss io ne d.missioni.p ro gr m m d.progrmm inditori Dirigente ssegntri o Progrmm.Pr d.progetto oget to resp. Progetto

Dettagli

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere

Modulo 9. Gli scambi con l estero. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario. Obiettivi specifici di sapere 8 Modulo 9 Gli smi on l estero I destintri del modulo sono gli studenti del qurto nno he, dopo ver pprofondito le proprie onosenze rigurdo lle rtteristihe e lle funzioni delle ziende merntili, e in prtiolre

Dettagli

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari

L operatività in titoli e in cambi e i servizi bancari Moulo 8 L operatività in titoli e in ambi e i servizi banari 7 I estinatari el Moulo sono gli stuenti he, opo aver analizzato e appreso le aratteristihe fonamentali ell attività elle aziene i reito, le

Dettagli

Monomi e polinomi. Verifica per la classe prima COGNOME... NOME... Classe... Data...

Monomi e polinomi. Verifica per la classe prima COGNOME... NOME... Classe... Data... Cpitolo Monomi e polinomi Monomi Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Veneziane e tende tecniche

Veneziane e tende tecniche DECORAZIONE 04 Montre Venezine e tende tenihe 1 Gli ttrezzi LIVELLA A BOLLA RIGHELLO METRO TRAPANO VITI E TASSELLI MATITA CACCIAVITE SEGA PER METALLO TAGLIALAMELLE PER VENEZIANE FORBICI PER TENDE A RULLO

Dettagli

- Titolario anno 2015 -

- Titolario anno 2015 - 05/11/2015 Pgin 1 i 11 - Titolrio nno 2015 - Titolo: A Desrizione Titolo: AFFARI GENERALI Clssi reltive l Titolo A: Co. Clsse: 1 Desrizione Clsse: Rpporti on l Provini Utilizzzione Plestr e loli solstii

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA

UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA ŠIFRA DRŽAVNO TAKMIČENJE IX rzred UKUPAN BROJ OSVOJENIH BODOVA Test pregledl/pregledo...... Podgori,... 2010. godine ASCOLTO I Asolt un volt il testo. Leggi ttentmente l prov propost. Asolt di nuovo il

Dettagli

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVISIBILI PERIMETER

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVISIBILI PERIMETER ITEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVIIBILI P R O T E Z I O N I P E R I M E T R A L I I N V I I B I L I Immunità lle conizioni climtiche Neve istemi i protezione PERIMETRALE INVIIBILI Pioggi Grnine I sistemi

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitinmpgn.it Edizioni L Informtore Agrrio Tutti i diritti riservti, norm dell Legge sul Diritto d Autore e le sue suessive modifizioni. Ogni utilizzo di quest oper per usi diversi d quello personle

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

Disequazioni di primo grado

Disequazioni di primo grado Cpitolo Disequzioni i primo gro Risoluzione lgeri Verifi per l lsse seon COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Operare con i file. 3.1 Come operare sull unità di memorizzazione. t à. p p. r e n d. t o i m. Competenze specifiche

Operare con i file. 3.1 Come operare sull unità di memorizzazione. t à. p p. r e n d. t o i m. Competenze specifiche u n i t à i p p Operre on i file t o e n i m r e n Competenze speifihe Lo spostmento, l opi, l rienominzione e l nellzione ei file L stmp i un file i testo 3.1 Come operre sull unità i memorizzzione Floppy

Dettagli

13. Caratterizzazione sperimentale

13. Caratterizzazione sperimentale B. Zurello rogettzione meni on mterili non onvenzionli 13.1. Generlità 13. Crtterizzzione sperimentle Nell progettzione on mterili ompositi è prssi piuttosto onsolidt vlutre le rtteristihe dell singol

Dettagli

PREZZI INFORMATIVI DELL EDILIZIA. Materiali ed opere compiute dal 1959 NUOVE COSTRUZIONI AGOSTO 2012

PREZZI INFORMATIVI DELL EDILIZIA. Materiali ed opere compiute dal 1959 NUOVE COSTRUZIONI AGOSTO 2012 Mterili e opere ompiute l 1959 AGOSTO 2012 PREZZI INFORMATIVI DELL EDILIZIA NUOVE COSTRUZIONI Sistem Qulità Azienle ertifito ISO 9001:2008 OC OPERE COMPIUTE PROCEDURE PER EDILIZIA E URBANISTICA t. 03 f.to

Dettagli

Inizio. Guida di installazione rapida. la macchina dalla confezione e verificare i componenti

Inizio. Guida di installazione rapida. la macchina dalla confezione e verificare i componenti Guid di instllzione rpid Inizio HL-3140CW / HL-3150CDN HL-3150CDW / HL-3170CDW Grzie per ver selto Brother, il vostro supporto è importnte per noi e tenimo in grnde onsiderzione l vostr ttività. Il vostro

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

TIMER. Cliccando qui si può vedere il video del circuito su breadboard in cui si potrà notare:

TIMER. Cliccando qui si può vedere il video del circuito su breadboard in cui si potrà notare: 6 TIMER Il iruito proposto è un pproonimento personle sopo ittio per mettere in prti le nozioni ino or quisite (pssno nhe l mierto SUPERCAR qui rppresentto i CD07B), iò non tolie he non poss essere utile.

Dettagli

Sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN ISO 13849-1

Sistemi di comando per la sicurezza delle macchine Norma EN ISO 13849-1 Sistemi i omano per la siurezza elle mahine Norma EN ISO 13849-1 Gianfrano Ceresini www.elektro.it Aprile 2010 Valutazione el rishio All interno ella proeura per la maratura CE i una mahina, il ostruttore

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali

Lezione. Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali Lezione Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

Le avvertenze indicano precauzioni da osservare per evitare possibili infortuni.

Le avvertenze indicano precauzioni da osservare per evitare possibili infortuni. Guid di instllzione rpid Inizio MFC-6490CW Prim di poter utilizzre l'pprehio, leggere l presente Guid di instllzione rpid per l orrett proedur di impostzione e di instllzione. AVVERTENZA Le vvertenze indino

Dettagli

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO RAPIDO FRIMEDA EDILIZIA

SISTEMA DI SOLLEVAMENTO RAPIDO FRIMEDA EDILIZIA SISTEMA DI SOLLEVAMENTO RAPIDO RIMEDA EDILIZIA SISTEMA DI SOLLEVAMENTO RAPIDO RIMEDA Il sistem i sollevmento rpio rime è un sistem siuro, file usre, ompleto e verstile. È inoltre possibile ontrollre immeitmente

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014

RIEPILOGO per TIPOLOGIA SPESA Esercizio finanziario 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e dell Rier Eserizio finnzirio 2014 Pgin n. 1 Desrizione Progrm mzione definitiv impegnte 01 Personle 138.826,94 41.707,73 41.707,73 0,00 97.119,21 0,00 0,00

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

Cometa. 3 max. 50 C OK! NO! Guida all utilizzo. b TSP 4x30

Cometa. 3 max. 50 C OK! NO! Guida all utilizzo. b TSP 4x30 Comet Gui ll utilizzo Pg. 1 Fissre prete il progrmmtore in un lole hiuso, riprto genti tmosferii e shizzi qu e on temperture i 0 i 50 C. Non instllre l pprehitur ll perto o ll interno i pozzetti interrti.

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Da quali punti della casa passano i rumori. Materiali e tecniche per ridurre l inquinamento acustico

Da quali punti della casa passano i rumori. Materiali e tecniche per ridurre l inquinamento acustico I rumori in s vi dnno fstidio? È possiile porvi rimedio L inquinmento ustio è un prolem he tlor oinvolge le nostre itzioni. Vedimo ome eliminrlo qundo il rumore non pss ttrverso infissi insuffiienti, m

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets

Lezione 21 Investimenti Diretti Esteri (FDI) e Imprese Multinazionali 1) Definizioni. 5) Il modello ``knowledge based specific assets Lezione 1 Investimenti Diretti Esteri FDI e Imprese Multinzionli 1 Definizioni Dimensione del fenomeno 3 Tipi di IDE 4 Il prdigm OLI 5 Il modello ``knowledge sed speifi ssets 6 Un modello di selt tr esportzione

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza

Immobile di via Bagnoli ex scuola elementare di Bagnoli ed area di pertinenza ino delle Alienzioni e delle Vlorizzzioni Immobiliri Vrinte Art.58 L. 133/2008 Immobile di vi Bgnoli ex suol elementre di Bgnoli ed re di pertinenz Aree in Zon Industrile Relzione r Vigente e Vrinte Uiio

Dettagli

Equazioni di primo grado

Equazioni di primo grado Cpitolo Equzioni i primo gro Equzioni i primo gro erifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli