RATEI ATTIVI E PASSIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RATEI ATTIVI E PASSIVI"

Transcript

1 RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno però la loro manifestazione finanziaria solamente in esercizi successivi. La registrazione contabile di tali oneri e proventi è rinviata al futuro, al momento del loro incasso o pagamento; tuttavia, il rispetto del principio di competenza impone la rilevazione della quota maturata fino alla fine dell esercizio. rappresentano, quindi, la contropartita finanziaria delle quote dei componenti reddituali maturati. RATEI ATTIVI RATEI PASSIVI Crediti rilevati in contropartita di proventi di competenza di più esercizi, per la quota maturata fino al termine del periodo di imposta. Debiti rilevati in contropartita di oneri di competenza di più esercizi, per la quota maturata fino al termine del periodo di imposta. L obbligo di rilevazione dei ratei attivi e passivi trova espressione nella normativa civilistica solo in via indiretta, attraverso la generica enunciazione del principio di competenza, di cui all art bis C.c.: 3) si deve tener conto dei proventi e degli oneri di competenza dell esercizio, indipendentemente dalla data dell incasso o del pagamento. alla quale si accompagnano: nell art C.c., l obbligo di indicare ratei e risconti, attivi e passivi, in apposite voci dello Stato patrimoniale (D-Ratei e risconti attivi ed E-Ratei e risconti passivi); nell art C.c., la necessità di indicare in Nota integrativa la composizione delle voci Ratei e risconti attivi e Ratei e risconti passivi, quando il loro ammontare sia significativo. REVISIONE PRINCIPI CONTABILI: La bozza del Principio contabile OIC n. 18, elimina la distinzione del valore dei ratei da quello dei risconti nello Stato patrimoniale quando il loro ammontare è apprezzabile, in quanto l obbligo di scindere i valori avviene in Nota integrativa. La normativa civilistica è integrata, sul piano della sua interpretazione e concreta applicazione, alla luce dei principi contabili. Questi ultimi, ed in particolare l attuale Principio contabile OIC n. 18, precisano che: La rilevazione dei ratei attivi e passivi costituisce una tipica scrittura di integrazione da redigere alla fine dell esercizio nell ambito di quelle di assestamento, che consentono di trasformare i valori di conto in valori di bilancio. La loro contropartita contabile è costituita, rispettivamente, dalla quota di proventi o di oneri da imputare al conto economico, sulla base del principio della competenza dell esercizio in chiusura, purché ricorrano le condizioni di cui all ultimo periodo del 6 comma dell art bis. Gli oneri e i proventi cui i ratei si riferiscono devono necessariamente essere comuni a due o più esercizi e ripartibili in base al tempo. Il tempo utilizzato per determinare la quota di oneri e proventi di competenza dell esercizio e quindi l entità del rateo, è normalmente il tempo fisico. 174 Le scritture di assestamento

2 REVISIONE PRINCIPI CONTABILI: Il nuovo Principio contabile OIC n. 18 chiarisce che l applicazione del criterio del tempo fisico ricorre tipicamente nei contratti di durata nei quali l addebito dei relativi corrispettivi avviene per ricorrenti, uguali periodi, uno dei quali è a cavallo di due esercizi consecutivi. Il periodo di competenza viene individuato attraverso i giorni compresi fra: l inizio degli effetti economici del contratto di durata fino alla data di chiusura dell esercizio, e da tale data fino al termine degli effetti del contratto. Nei casi, tuttavia, in cui le prestazioni contrattuali non hanno contenuto economico costante nel tempo (ovvero non sono proporzionali al tempo fisico), va fatto invece riferimento al concetto di tempo economico, in modo da riflettere il reale contenuto economico dell operazione. In caso contrario, infatti, non sarebbe rispettato il principio della correlazione fra costi e ricavi e della veritiera e corretta rappresentazione in bilancio. REVISIONE PRINCIPI CONTABILI: Con la proposta di modifica al Principio contabile OIC n. 18 si mira a dare rilievo alle società di piccole dimensioni, le quali redigono il bilancio in forma abbreviata, ai sensi dell art bis, comma 2, C.c. Per esse: la voce D dell attivo (Ratei e risconti attivi) può essere ricompresa nella voce C.II dell attivo (Crediti); la voce E del passivo (Ratei e risconti passivi) può essere ricompresa nella voce D (Debiti). Nelle voci C.II dell attivo e D del passivo sono separatamente indicati i crediti e i debiti esigibili oltre l esercizio successivo. REQUISITI PER LA RILEVAZIONE REVISIONE PRINCIPI CONTABILI: Il nuovo Principio contabile OIC n. 18, ricorda che il comma 6, art bis, C.c., quanto ai requisiti per l iscrizione di un rateo, prevede: Nella voce ratei e risconti attivi devono essere iscritti i proventi di competenza dell esercizio esigibili in esercizi successivi, e i costi sostenuti entro la chiusura dell esercizio ma di competenza di esercizi successivi. Nella voce ratei e risconti passivi devono essere iscritti i costi di competenza dell esercizio esigibili in esercizi successivi e i proventi percepiti entro la chiusura dell esercizio ma di competenza di esercizi successivi. Possono essere iscritte in tali voci soltanto quote di costi e proventi, comuni a due o più esercizi, l entità dei quali vari in ragione del tempo. Da tale disposizione emerge che, per la rilevazione di un rateo, è necessario che: il contratto cominci in un esercizio e termini in uno successivo; il corrispettivo delle prestazioni sia contrattualmente dovuto in via anticipata o posticipata rispetto a prestazioni comuni a due o più esercizi consecutivi; l entità dei ratei e risconti non sia costante, ma vari con il trascorrere del tempo. REVISIONE PRINCIPI CONTABILI: Il nuovo Principio contabile OIC n. 18, riporta, inoltre, le operazioni che, non rispettando le condizioni sopra indicate, non danno origine a ratei e risconti: si tratta di proventi e oneri la cui competenza è maturata per intero nell esercizio cui si riferisce il bilancio. Le scritture di assestamento 175

3 A titolo esemplificativo, si tratta di: crediti verso clienti e debiti verso fornitori per fatture da emettere e fatture da ricevere; interessi attivi e passivi, non ancora accreditati/addebitati, maturati a fine esercizio su depositi e conti correnti bancari o su crediti e debiti finanziari; debiti verso agenti e rappresentanti per provvigioni da corrispondere; debiti per utenze relative a periodi già scaduti alla data di bilancio le cui bollette sono emesse nell esercizio successivo; crediti per premi da ricevere da fornitori. Alla luce di quanto appena detto, si propongono di seguito, in dettaglio, le principali componenti reddituali che generano ratei attivi o passivi. INTERESSI PASSIVI Tra le componenti reddituali suscettibili di dar vita a ratei passivi si ricordano, innanzitutto, gli interessi passivi. L obbligo di rilevazione contabile, secondo il principio di competenza, trova riscontro normativo: a livello civilistico, nell art bis, C.c.; a livello contabile, nel documento OIC n. 18; a livello fiscale, nell art. 109, TUIR, per il principio generale della competenza. Gli interessi passivi maturati a fine esercizio possono essere distinti in: A) interessi passivi in scadenza al 31 dicembre (ad esempio conti correnti bancari): 31/12/... CE C.17 SP C.IV.1 Interessi passivi v/banche a Banca x c/c 100,00 B) interessi passivi a cavallo di più esercizi: in tal caso è necessario rilevare, a fine esercizio, un rateo passivo, ovvero un risconto attivo, a seconda che l addebito sia posticipato ovvero anticipato. ATTENZIONE: Nell ipotesi in cui gli interessi vengano addebitati nei primi giorni di gennaio, si registre- il 31/12 a fronte di un debito verso ranno banca. Quota di interessi passivi che verranno corrisposti nel 2012 ma che in parte sono di competenza dell esercizio 2011: CE C.17 SP E Interessi passivi a Ratei passivi 4.850,00 Nell esercizio 2012 si rileverà il pagamento degli interessi passivi:.../.../2012 SP C.IV.1 Diversi a Banca x c/c 6.350,00 CE C.17 Interessi passivi 1.500,00 SP E Ratei passivi 4.850, Le scritture di assestamento

4 A decorrere dal 2008 (periodo d imposta successivo a quello in corso al 31/12/2007), la Finanziaria 2008 ha radicalmente modificato la disciplina fiscale per la deducibilità degli interessi passivi: sia ai fini della determinazione del reddito dei soggetti IRES; sia ai fini della determinazione del reddito dei soggetti IRPEF. Per ulteriori approfondimenti si rinvia al capitolo Disciplina degli interessi passivi. INTERESSI DI MORA AUTOMATICI Il D.Lgs. n. 231/2002, ha introdotto una previsione di automatica maturazione degli interessi di mora, nell ipotesi di mancato pagamento a scadenza dei crediti commerciali. A fine esercizio, pertanto, può essere necessario rilevare la maturazione di interessi moratori a carico di clienti che non hanno saldato il proprio debito a scadenza. In data 30 novembre 2011 la società Roatan Spa rileva il mancato pagamento di un proprio credito per l importo di 2.600,00. La maturazione degli interessi di mora è automatica; pertanto al 31 dicembre 2011, non essendo ancora pervenuto il pagamento della relativa fattura, si procede al calcolo e alla registrazione del rateo interessi maturato. Il tasso di interesse moratorio è pari all 8,25%. Rateo interessi maturato al : 2.600,00 x 8,25% x 31 = 18, La relativa scrittura è: SP D CE C.17 Ratei attivi a Interessi attivi di mora 18,22 Si rinvia al capitolo Accantonamento per interessi di mora per ulteriori approfondimenti. ALTRE COMPONENTI REDDITUALI Tra le altre componenti reddituali suscettibili di dar vita a ratei attivi e passivi si ricordano, in particolare: canoni di locazione; canoni di leasing; nell ipotesi in cui il pagamento sia posticipato ed il periodo cui tali componenti sono riferibili cada a cavallo di due o più esercizi. N. 1 Supponiamo che a dicembre 2011 venga stipulato un contratto di leasing con le seguenti caratteristiche (per semplicità si ipotizzi che non sia richiesta l anticipazione di un maxi-canone al momento della stipulazione del contratto): Le scritture di assestamento 177

5 Data di inizio del contratto: 01/12/2011 Numero canoni 20 Importo canone 500,00 Pagamento bimestrale posticipato Totale mesi di durata del contratto: 40 Importo complessivo dei canoni: 500,00 x 20 = ,00 Importo unitario mensile: ,00 : 40 = 250,00 Costo di competenza del 2011: 250,00 x 1 = 250,00 CE B.8 SP E Canoni di leasing a Ratei passivi 250,00 In sede di apertura dei conti si provvederà allo storno del canone di competenza 2011, già rilevato con la scrittura precedente: 01/01/2012 SP E CE B.8 Ratei passivi a Canoni di leasing 250,00 N. 2 La società Beta Spa ha stipulato in data 1 settembre 2011 un contratto di affitto di durata annuale per un fabbricato industriale con la società Alfa Spa, appartenente al medesimo gruppo. Le condizioni contrattuali prevedono il pagamento di un canone annuale posticipato pari ad ,00. Canone di competenza del 2011: ( ,00 : 12) x 4 = 4.000,00 CE B.8 SP E Fitti passivi a Ratei passivi 4.000,00 cui seguirà la scrittura di storno in sede di apertura dei conti: 01/01/2012 SP E CE B.8 Ratei passivi a Fitti passivi 4.000,00 NOVITÀ: DEDUCIBILITÀ DI COSTI NON SUPERIORI A NEL MEDESIMO PERIODO D IMPOSTA L articolo 7, comma 2, lett. s), D.L. n. 70/2011, è intervenuto a modifica dell articolo 66, comma 3, TUIR, disponendo quanto segue: I costi, concernenti contratti a corrispettivi periodici, relativi a spese di competenza di due periodi d imposta, [...], sono deducibili nell esercizio nel quale è stato ricevuto il documento probatorio. Tale disposizio- 178 Le scritture di assestamento

6 ne si applica solo nel caso in cui l importo del costo indicato dal documento di spesa non sia di importo superiore a euro In base alla nuova disposizione le imprese in contabilità semplificata possono dedurre interamente nel periodo d imposta di ricevimento della fattura le spese riferite a contratti a corrispettivi periodici. A tal fine, tuttavia, dette spese devono essere: di competenza di 2 periodi d imposta; di ammontare non superiore a 1.000,00. Sostanzialmente si fa riferimento ai costi concernenti contratti a corrispettivi periodici, relativi a spese di competenza di due periodi d imposta (tipico esempio, costi per energia elettrica, affitti, ecc). Viene prevista, quindi, una deroga al principio generale di competenza, di cui all art. 109, comma 2, lett. d), TUIR. Infatti, il costo relativo a due esercizi, se di importo pari o inferiore ad 1.000,00, può essere interamente imputato all esercizio in cui è stato ricevuto il documento attestante il costo (es. fattura della società erogatrice dell energia elettrica). I soggetti in contabilità ordinaria, quindi, continueranno a contabilizzare i costi a cavallo di più esercizi rilevando un rateo passivo o un risconto attivo anche se questi sono di importo non superiore ad 1.000,00. Si ritiene che con il termine costo debba intendersi il costo del servizio: al netto dell IVA se questa risulta detraibile; comprensivo dell IVA parzialmente o totalmente indetraibile. ATTENZIONE: La disposizione in esame riguarda solamente costi di importo non superiore ad 1.000,00. In caso di ricavi (es. interessi attivi) di competenza di due periodi di imposta, occorrerà imputarli ad entrambi per la loro quota di competenza, rilevando un rateo attivo o un risconto passivo. Inoltre, la semplificazione introdotta dalla norma riguarda esclusivamente i soggetti in contabilità semplificata. La ditta Alpha, in contabilità semplificata, riceve nel 2012 una fattura (datata 17 aprile 2012) da parte della società che fornisce l energia elettrica. Il periodo fatturato è quello compreso tra il 12 dicembre 2011 e 10 gennaio Totale imponibile: 961,60 IVA 21%: 201,99 Totale: 1.163,59 Dal momento che il costo del servizio ( 961,60) è inferiore ad 1.000,00 (in quanto l IVA è totalmente detraibile e quindi non costituisce un costo), è possibile imputarlo per intero nell esercizio di ricevimento della relativa fattura, cioè nel Se, invece, il costo del servizio, fosse stato pari o superiore ad 1000,01, la ditta, entro il termine di presentazione di UNICO 2012 (relativo al 2011) dovrebbe calcolare il rateo passivo (cioè la quota di costo di competenza del 2011) nel seguente modo: 961,60 x 18/31 = 558,35 e indicarlo nel registro degli acquisti. Le scritture di assestamento 179

7 REGISTRO DEGLI ACQUISTI Data Importi RETTIFICHE 2011 FATTURE DA RICEVERE AMMORTAMENTI ---- ACCANTONAMENTO T.F.R MINUSVALENZA PER CESSIONE RATEO PASSIVO 558,35 RISCONTO ATTIVO (Costo di assicurazione) RIMANENZE FINALI Valutazione al costo medio ponderato (vedere allegato descrittivo) Per le scritture di fine esercizio che i soggetti in contabilità semplificata devono predisporre si rimanda al capitolo Contabilità semplificata: annotazioni di fine anno. 180 Le scritture di assestamento

8 Debiti e crediti da liquidare DEBITI E CREDITI DA LIQUIDARE Alla data di chiusura dell esercizio risultano effettuate operazioni per le quali non necessariamente è già stato ricevuto o è già stato emesso il documento giustificativo (fattura, parcella, nota o altro). Tali operazioni, comunque, anche ai fini fiscali, sono di competenza dell esercizio che si chiude, e necessitano, pertanto, di opportune rilevazioni contabili. La normativa civilistica (art bis, C.c.), al fine di individuare il momento di competenza delle singole operazioni, e della conseguente imputazione contabile, si limita ad asserire che costi e ricavi devono essere imputati all esercizio in cui giungono a maturazione, a prescindere dalla loro manifestazione finanziaria, e senza, peraltro, dettare regole specifiche cui fare riferimento. Criteri più precisi sono individuati nei principi contabili, ma soprattutto nella normativa fiscale. Il comma 2, art. 109, TUIR, precisa che: OPERAZIONE CESSIONE DI BENI MOBILI CESSIONE DI BENI IMMOBILI VENDITA A RATE PRESTAZIONI DI SERVIZI MOMENTO DELLA REALIZZAZIONE Consegna o spedizione dei beni all altra parte. Data in cui si verifica l effetto traslativo, se diverso e successivo. Data di stipulazione dell atto notarile. Data in cui si verifica l effetto traslativo o costitutivo della proprietà o di altro diritto reale, se diverso e successivo. Consegna del bene (non pagamento dell ultima rata). Momento di ultimazione della prestazione. Data di maturazione del corrispettivo, per le prestazioni dipendenti da contratti a corrispettivi periodici. FATTURE DA EMETTERE La società Black Srl, specializzata nell attività di commercio all ingrosso di articoli sportivi, ha consegnato, in data 22 dicembre 2011, una partita di merci per un valore di 5.000,00, emettendo regolare DDT. La fattura differita, ai sensi del comma 4, art. 21, D.P.R. n. 633/1972, va emessa entro il 15 gennaio Essendo già avvenuta la consegna dei beni al cliente, l operazione è di competenza del periodo d imposta La relativa scrittura contabile, al 31 dicembre 2011 è, quindi: SP C.II.1 CE A.1 Clienti c/fatture da emettere a Merci c/vendite 5.000,00 ATTENZIONE: La registrazione non comporta alcuna rettifica in dichiarazione, in quanto coerente con il principio di competenza fiscale, di cui all art. 109, TUIR. Ai fini IVA, l imposta sarà evidenziata nella fattura emessa a gennaio, tuttavia, essa dovrà essere inclusa nella liquidazione periodica relativa al mese di dicembre Le scritture di assestamento 181

9 Debiti e crediti da liquidare Al momento di emissione della fattura, l impresa provvederà alla sua rilevazione contabile, attraverso lo storno del conto Clienti c/fatture da emettere. ATTENZIONE: In tale ipotesi non viene rilevata alcuna componente reddituale, in quanto già imputata a Conto economico nell esercizio /01/2012 SP C.II.1 Crediti v/clienti a Diversi 6.050,00 SP C.II.1 Clienti c/fatture da emettere 5.000,00 SP D.12 IVA ns. debito 1.050,00 ATTENZIONE: Qualora l impresa non applichi correttamente il principio di competenza, ovvero non provveda alla rilevazione del ricavo di vendita al 31 dicembre 2011, gli uffici tributari rettificano in aumento, applicando le relative sanzioni, il reddito per il periodo di imposta FATTURE DA RICEVERE La società White Spa, in data 14 dicembre 2011, ha acquistato merci, per il valore di 8.000,00, come risultante dal DDT rilasciato dalla ditta venditrice. Il 31 dicembre, non essendo ancora pervenuta la fattura (che ai sensi del comma 4, art. 21, D.P.R. n. 633/1972 può essere emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello della consegna), occorre rilevare contabilmente il debito sorto: CE B.6 SP D.7 Merci c/acquisti Fornitori c/fatture da ricevere a 8.000,00 Quando, nel corso del mese successivo, sarà ricevuta la fattura d acquisto, la White procederà alla rilevazione della stessa, evidenziando l IVA: 10/01/2012 SP D.7 Diversi a Debiti v/fornitori 9.680,00 SP D.7 Fornitori c/fatture da ricevere 8.000,00 SP C.II.4bis IVA ns. credito 1.680,00 PREMI SUL FATTURATO DA LIQUIDARE Nella pratica commerciale, è frequente che i fornitori riconoscano ai propri clienti, nell ipotesi in cui venga superata una determinata soglia di fatturato, dei premi fedeltà. Tali premi, spesso riconosciuti come sconti sul prezzo di future commissioni, vengono solitamente riconosciuti in periodi di imposta successivi a quello della loro maturazione. Se a livello contabile, in ottemperanza al principio generale di competenza, tali premi vanno in ogni caso a rettificare i costi delle operazioni cui sono riferiti, è necessario, a livello fiscale, tener conto del principio di certezza ed oggettiva determinabilità, di cui all art. 109, TUIR. 182 Le scritture di assestamento

10 Debiti e crediti da liquidare La società Green Srl, a fine esercizio 2011, procede alla rilevazione di premi da fornitori per 2.000,00, non ancora materialmente liquidati. SP C.II.5 CE B.6 Crediti v/fornitori a Premi da fornitori 2.000,00 Supponendo che il premio concesso sia oggetto di successiva compensazione finanziaria su una fornitura di marzo 2012, la rilevazione contabile risulterà: 31/03/2012 SP D.7 SP C.II.5 Debiti v/fornitori a Crediti v/fornitori 2.000,00 ATTENZIONE: I premi sul fatturato sono esclusi da IVA, per mancanza del presupposto oggettivo del tributo. Essi possono, infatti, essere inquadrati tra le semplici cessioni di denaro (comma 3, lett. a), art. 2, D.P.R. n. 633/1972), non rappresentando corrispettivi per la prestazione di servizi a titolo oneroso. FATTURE DA RICEVERE PER ATTIVITÀ DI CONSULENZA L attività di consulenza è inquadrabile, ai fini IVA, tra le prestazioni di servizi, ai sensi dell art. 3, D.P.R. n. 633/1972. Il momento di competenza dell operazione va, dunque, individuato nel momento di pagamento del corrispettivo. Ai fini reddituali, e conseguentemente anche ai fini contabili, la competenza va invece individuata in relazione all ultimazione della prestazione. Capita quindi frequentemente che, alla data di chiusura dell esercizio, si renda necessario procedere alla rilevazione di costi relativi a prestazioni di consulenza già eseguite, ma non ancora pagate, e pertanto non ancora fatturate. Particolare attenzione deve, inoltre, essere posta sul concetto di ultimazione della prestazione. Considerando, ad esempio, l attività di un membro del collegio sindacale della società, l attività di controllo si esplica in diverse tipologie di controlli, molti dei quali effettuati in periodi diversi rispetto a quello cui l oggetto del controllo è riferito. Pertanto, se il sindaco partecipa ad assemblee e riunioni nel corso del 2011, non vi è dubbio che il relativo compenso sia di competenza del medesimo periodo. Tuttavia, il compenso per l attività di controllo del bilancio del 2011, materialmente eseguita nel periodo successivo, sarà di competenza del Il conteggio dei costi di competenza dell esercizio in corso è oggettivamente determinabile solo quando si è già in possesso dei dati relativi ai servizi forniti, cioè quando il professionista ha già emesso fattura (quanto meno proforma) riportante l esatta indicazione dei servizi resi e del compenso richiesto. La registrazione contabile alla chiusura dell esercizio, pertanto, è materialmente eseguibile solo dopo il 31 dicembre, purché il relativo documento giustificativo pervenga prima della data di predisposizione del bilancio d esercizio. In caso contrario non è ammessa la deduzione nell esercizio di competenza, ai sensi dell art. 109, TUIR e l eventuale rilevazione contabile del costo, comporta la necessità di effettuare la relativa rettifica in dichiarazione. Si riceve, in data 30 marzo 2012, la fattura di un libero professionista, membro del collegio sindacale: Controllo bilancio 2011 (competenza 2012) 2.000,00 + Verifiche primi 3 trimestri (competenza 2011) 200,00 + Verifica ultimo trimestre (competenza 2012) 60,00 + Partecipazioni ad assemblee (competenza 2011) 80,00 = Le scritture di assestamento 183

11 Debiti e crediti da liquidare Totale compensi 2.340,00 + Contributo integrativo (4% di 2.340,00) 93,60 = Imponibile ( 2.340, ,60) 2.433,60 + IVA (21% di 2.433,60) 511,06 = Totale fattura 2.944,66 Ritenuta d acconto (20% di 2.340,00) 468,00 = Netto a pagare 2.476,66 I costi di competenza del 2011 sono: Verifiche primi 3 trimestri 200,00 + Partecipazioni ad assemblee 80,00 = Totali compensi di competenza ,00 + Contributo integrativo (4% di 280,00) 11,20 = Totali costi competenza ,20 La scrittura di chiusura eseguibile con data 31 dicembre 2011 è: CE B.7 SP D.7 Compensi collegio sindacale a Fornitori c/fatture da ricevere 291,20 La registrazione della fattura al 31 marzo 2012, sarà, invece: 30/03/2012 SP D.7 Diversi a Debiti v/fornitori 2.944,66 SP D.7 Fornitori c/fatture da 291,20 ricevere CE B.7 Compensi collegio sindacale 2.142,40 (*) SP C.II.4bis IVA ns. credito 511,06 (*) (2.000, ,00) + 4% 30/03/2012 SP D.7 SP C.II.4bis Debiti v/fornitori a Erario c/ritenute 468,00 PROVVIGIONI DA LIQUIDARE Le provvigioni ad agenti e rappresentanti di commercio, in ottemperanza ai contratti collettivi vigenti, vanno liquidate entro il termine di 30 giorni dalla fine di ciascun trimestre solare. Relativamente all ultimo trimestre dell anno, per le merci già vendute, è necessario rilevare il corrispondente costo per provvigioni, in modo tale da contrapporre a Conto economico i ricavi di vendita con i costi sostenuti per il loro ottenimento. L Agenzia delle Entrate, con Risoluzione 8 agosto 2005, n. 115, e con Risoluzione 12 luglio 2006, n. 91 ha chiarito il corretto trattamento contabile e fiscale delle provvigioni passive, quando in anni diversi si verifichino la conclusione del contratto e la spedizione o la consegna della merce al cliente. Infatti: per l agente, il ricavo è di competenza dell anno in cui si conclude la prestazione con la conclusione del contratto; per la casa mandante, il ricavo sorge solo nel momento in cui i beni sono consegnati o spediti al cliente. 184 Le scritture di assestamento

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio

Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio Gli interessi moratori, il principio della compentenza ed il bilancio di esercizio di Tiziano Sesana (*) Gli interessi legali di mora ex D.Lgs. n. 231/2002 così come modificato dal D.Lgs. n. 192/2012 sono

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli