Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica"

Transcript

1 conomia Aziendale Eserciziario di Ragioneria metodologica

2 INDICE Le informazioni finanziarie ed economiche... 3 Il metodo della partita doppia... 4 Gli acquisti nel mercato nazionale... 5 Acquisto di beni e servizi nei mercati esteri... 7 Acquisti di servizi nel mercato nazionale ed estero Acquisto di Immobilizzazioni Vendite di prodotti e servizi nel mercato nazionale e relative rettifiche Vendite estere e acconti da clienti Incassi e pagamenti nel mercato nazionale ed estero Calcolo e versamento dell IVA Le retribuzioni ai dipendenti Operazioni di finanziamento a breve termine I finanziamenti: operazioni a m/l termine Dalla costituzione al primo bilancio di verifica

3 Obiettivo: Esercitazione n 1 Le informazioni finanziarie ed economiche Individuazione delle informazioni economico-finanziarie di alcuni fatti amministravi. Contenuto: L impresa Valentaine produce capi di abbigliamento per il mercato italiano. In particolare, per svolgere la propria attività ha effettuato le seguenti operazioni: 1) acquisto di tessuti per Euro Il pagamento è immediato; 2) vendita di capi di abbigliamento per Euro L incasso è immediato; 3) acquisto di bottoni per Euro Il pagamento è immediato; 4) vendita di capi di abbigliamento per Euro L incasso è immediato; 5) si sostengono spese di consulenza per Euro. Il pagamento è immediato. Si analizzino, sotto il profilo finanziario ed economico, le singole operazioni. 3

4 Obiettivo: Esercitazione n 2 Il metodo della partita doppia Rilevazione di alcuni fatti amministrativi d impresa attraverso l applicazione del metodo della partita doppia. Contenuto: CASO 1 Un impresa industriale effettua le seguenti operazioni: 13 settembre: vendita di merci per euro, incasso immediato; 13 settembre: acquisto di merci per euro, pagamento immediato; 14 settembre: vendita di prodotti finiti per euro, incasso a 30 giorni; 15 settembre: acquisto di materie prime per euro, pagamento a 30 giorni; 14 ottobre: incasso relativo alla vendita effettuata il 14/09; 15 ottobre: pagamento relativo all acquisto effettuato in data 15/09. A) Si analizzino, sotto il profilo finanziario ed economico, le singole operazioni. B) Si rilevino, a libro mastro ed a libro giornale, le singole operazioni. CASO 2 La FadWel S.p.A. ha iniziato l attività il 1 gennaio dell anno 1. L attività principale riguarda la commercializzazione di prodotti di abbigliamento, su tutto il territorio nazionale. Durante i primi mesi di attività sono state effettuale le seguenti operazioni di esercizio: 3 aprile: acquisto di cancelleria per un importo di euro, il pagamento è dilazionato; 16 aprile: acquisto di merci (abbigliamento di vario genere) per euro, la dilazione di pagamento è di 30 giorni; 24 aprile: vendita di merci per complessivi euro ad un centro commerciale, la dilazione di pagamento è di 150 giorni; 16 maggio: pagamento delle merci acquistate il 16 aprile attraverso un bonifico bancario; 24 settembre: incasso, tramite ricevimento del bonifico bancario, della vendita effettuata il 24 aprile; viene concesso uno sconto del 5%; 21 ottobre: vendita di merci per euro con incasso a 60 giorni; 21 ottobre: acquisto di merci per euro; successivo pagamento ottenendo uno sconto dell 8%; A) Si analizzino, sotto il profilo finanziario ed economico, le singole operazioni. B) Si rilevino, a libro mastro ed a libro giornale, le singole operazioni. C) Si costruisca il primo bilancio di verifica. 4

5 Obiettivo: Esercitazione n 3 Gli acquisti nel mercato nazionale L esercitazione si propone di verificare l apprendimento delle problematiche collegate alle operazioni di acquisto di beni nel mercato nazionale. Contenuto: 1) Lo studente dopo aver individuato il fatto amministrativo che ha generato la seguente scrittura contabile, inserisca i relativi codici del conto e determini le possibili operazioni ad essa collegate. Diversi Acquisti di merci Iva a credito a Debito vs. fornitori ) Si indichi la natura dei conti rilevati nella seguente tabella: CONTO NUMERARIO/FINANZIARIO ECONOMICO DI REDDITO DEBITI VERSO FORNITORI MATERIE PRIME C/ACQUISTI IVA A CREDITO BANCA C/C 3) Alla data del 15/11, l impresa ALFA, operante nel settore degli articoli sportivi, presenta alcuni conti movimentati, tra i quali quelli indicati di seguito: Merci c/acquisti Debiti v/fornitori Successivamente l'impresa effettua le seguenti operazioni contabili: a) acquisto di articoli sportivi del valore di (+ IVA 20%); b) acquisto di merci per (+ IVA 20%). Il pagamento è immediato. Qual è il saldo dei conti Debiti verso Fornitori e Merci c/acquisti dopo aver rilevato le operazioni sopra riportate? 4) Si rilevino a libro giornale i seguenti fatti amministrativi: a) Acquisto di beni per un importo di Euro. L operazione non è imponibile ai fini IVA. 5

6 b) Ricevimento di una fattura di acquisto così strutturata: Prodotto X Spese di trasporto Base imponibile IVA 20% Totale c) Acquisto di beni per (+ IVA 20%). L iva non è detraibile d) Acquisto di beni da un privato per 500 Euro 6

7 Esercitazione n 4 Acquisto di beni e servizi nei mercati esteri Obiettivo: L esercitazione si propone di approfondire la tematica degli acquisti nei mercati esteri. Si affrontano, inoltre, gli acquisti di servizi nel mercato nazionale ed estero. Contenuto: A) Si descrivano i fatti amministrativi che hanno generato le seguenti movimentazioni a Libro mastro, indicando, laddove assenti, il nome e l importo di movimentazione degli ulteriori mastrini. 1. Merci c/acquisti Debiti v/fornitore francese Iva a credito Deb. v/fornit. USA

8 3. Spese di consulenza

9 Dazi doganali Deb. v/ spediz. 50 Spese di trasporto 100 N.b. La fattura dello spedizioniere si riferisce all importazione di merci soggette ad IVA del 20% del valore di $ (cambio /$ 1,42) 9

10 Esercitazione n 5 Acquisti di servizi nel mercato nazionale ed estero Obiettivo: L esercitazione si propone di verificare l'apprendimento delle rilevazioni contabili relative all acquisto di servizi. Contenuto: L azienda BETA SPA ha effettuato la seguente rilevazione contabile: 4 2 Costi per servizi a Fornitori A) Lo studente segnali quali dei seguenti fatti amministrativi possono essere alla base della rilevazione sopra riportata: 1. Acquisto di servizi da un fornitore estero che non è riconosciuto dal Fisco italiano per Euro; 2. Acquisto di servizi non imponibili IVA da un fornitore italiano per Euro; 3. Acquisto di servizi imponibili IVA da un fornitore estero con stabile organizzazione in Italia per Euro; 4. Acquisto di servizi esenti IVA da un fornitore italiano per Euro; 5. Acquisto di servizi per Euro + IVA 20%; 6. Acquisto di servizi non inerenti l attività di impresa per Euro + IVA 20%. Successivamente l azienda riceve la fattura riportata nell'allegato 1. B) Lo studente effettui le rilevazioni contabili riferite a: a) liquidazione della fattura; b) pagamento del fornitore. 10

11 Allegato n.1 Unit ed Shipping ITALIA S.p.a. Originale per il Cliente Tipo di documento FATTURA N /ASdel 12/05/2007 Cliente Riferimenti Denominazione BETA SPA Numero Ordine Indirizzo Via Unione Sovietica 218bis Data Ordine 07/5/2007 Località Torino Prov. TO CAP Codice Fiscale - Part Cod. Articolo Descrizione Cod. IVA Q.tà P. Unit Eur TOTALE Eur Shipping A01 Trasporto n (route Torino-Milano) Ord , ,00 Shipping EU01 Trasporto n (route Chiasso-Lubeck) Ni , ,00 TOTALE 8.500,00 IVA 1.200,00 TOTALE FATTURA 9.700,00 Modalità di pagamento : Bonifico bancario Distinta IVA 30 gg DF Cod. IVA Imponibile Importo IVA Ord 6.000, ,00 Ni 2.500,00 - Contributo CONAI Cod. IVA Descrizione Ord IVA 20% Ni Non imponibile IVA - art. 8, 8-bis DPR n. 633, 23 ottobre 1972 Note : Pagina 1 di 1 United Shipping ITALIA SpA Torino - Via Orte, 24 - tel fax Cap.Soc ,00 i.v. - R.E.A. n C.C.I.A.A. - Registro delle imprese Torino e P.IVA

12 Obiettivo: Esercitazione n 6 Acquisto di Immobilizzazioni L esercitazione si propone di verificare l'apprendimento relativo alla contabilizzazione degli acquisti di immobilizzazioni. Contenuto: A) Completare la rilevazione contabile dei seguenti fatti amministrativi avendo cura di indicare i codici dei conti movimentati. 1) Si acquista un tornio del costo di euro Iva 20%. Il fornitore richiede il versamento di un anticipo di euro Iva 20% ed emette regolare fattura relativa all anticipo. Alla ricezione della fattura: Diversi a ) Si versa l anticipo al fornitore tramite bonifico bancario.. 3) Il fornitore consegna il tornio ed emette fattura. Alla ricezione della fattura di anticipo: Diversi a Diversi ) Il fornitore effettua lavori di installazione e collaudo del tornio ed emette fattura per euro Iva 20%. Alla ricezione della fattura: 12

13 Diversi a Iva a ) Si salda il debito verso il fornitore mediante bonifico bancario. Debiti v/fornitori a 13

14 Esercitazione n 7 Vendite di prodotti e servizi nel mercato nazionale e relative rettifiche Obiettivo: L esercitazione si propone di trattare le problematiche legate alle vendite nel mercato nazionale e alle relative rettifiche. Contenuto: Esercizio 1 Data la seguente vendita, si commentino adeguatamente i conti che sono stati movimentati: Crediti verso clienti Ricavi di vendita Rimborso spese di trasporto Iva a debito

15 Esercizio 2 La società GSN S.p.A. che si occupa della produzione e commercializzazione di salumi, presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Crediti verso Clienti Ricavi di vendita Iva a debito Considerando le operazioni sotto riportate compiute dall impresa, si indichi il saldo dei conti movimentati, avendo cura di rilevare per ciascuna operazione anche le relative scritture contabili: 1) L impresa vende salumi al cliente A per Euro, soggetti ad Iva al 20%; 2) L impresa vende salumi al cliente Z per Euro, soggetti ad Iva al 20%; 3) L impresa vende salumi ad un esportatore abituale, per Euro; Esercizio 3 Sulla base del seguente documento emesso dalla società IDES ITALIA S.p.A., si determini il fatto amministrativo e si rilevi la scrittura contabile corrispondente. IDES ITALIA S.p.A. Via Crispi Milano P.Iva Spett. K.R. S.r.l. Corso Vinzaglio, TORINO Fattura n. 100 del 25/10/anno 1 Pagamento: 30 giorni data fattura, mediante bonifico su c/c n (Banca di Credito del Piemonte) P.Iva Cliente QUANTITA DESCRIZIONE PREZZO UNITARIO VALORE COMPLESSIVO 1000 Q. Bulloni modello K Euro 1,00 Euro 1.000,00 IVA 20% Euro 200,00 TOTALE Euro 1.200,00 15

16 Obiettivo: Esercitazione n 8 Vendite estere e acconti da clienti L esercitazione si propone di verificare l apprendimento delle problematiche collegate alle operazione di vendita di beni e servizi nel mercato estero e agli acconti ricevuti da clienti. Contenuto: 1) Si indichi la natura dei conti indicati nella tabella di seguito riportata: CONTO CREDITI VERSO CLIENTI RICAVI DI VENDITA IVA A DEBITO RIMBORSO SPESE DI TRASPORTO CLIENTI C/ANTICIPI SU MERCI NUMERARIO/FINANZIARIO ECONOMICO DI REDDITO 2) Alla data del 30/10, l impresa ALFA, operante nel settore degli articoli da giardinaggio, presenta, tra gli altri, i seguenti saldi dei conti movimentati: CONTO DARE AVERE BANCA C/C COSTI PER ACQUISTO ARTICOLI DA GIARDINAGGIO CREDITI VERSO CLIENTI DEBITI VERSO FORNITORI IVA A CREDITO IVA A DEBITO RICAVI DI VENDITA Totale.. Si rilevino a libro giornale e a libro mastro i fatti amministrativi che hanno generato la situazione contabile sopra riportata. 16

17 3) Si rilevino contabilmente e si commentino adeguatamente i seguenti fatti amministrativi: Emissione della fattura relativa all acconto ricevuto da un cliente tedesco per un importo di Euro. Vendita di prodotti finiti di cui al punto precedente. Il valore dei prodotti finiti è di Euro

18 Esercitazione n 9 Incassi e pagamenti nel mercato nazionale ed estero Obiettivo: L esercitazione si propone di affrontare le tipiche problematiche che emergono in sede di contabilizzazione degli incassi e pagamenti sia nel mercato nazionale sia nel mercato estero. Contenuto: 1. Ricevimento di fattura da parte di un professionista per Euro (+ IVA 20%). 2. Pagamento della fattura di cui al punto precedente, operando una ritenuta fiscale del 20%. 3) INCASSI DA CLIENTI E PAGAMENTI A FORNITORI NEL MERCATO ESTERO IN PAESI DELL UEM: 3 a) Incasso da cliente: incasso di un credito di euro da cliente spagnolo. 3 b) Pagamento a fornitore: pagamento di un debito di euro a un fornitore portoghese. 4) INCASSI DA CLIENTI E PAGAMENTI A FORNITORI NEL MERCATO ESTERO IN PAESI NON ADERENTI ALL UEM: 4 a) Incasso da cliente: incasso di un credito estero di dollari USA al cambio euro/$ 1,34: il credito era stato iscritto al cambio EUR/USD 1,39; incasso di un credito estero di sterline (GBP) al cambio euro/gbp 0,90: il credito era stato iscritto al cambio EUR/GBP 0,85. 4 b) Pagamento a fornitore: pagamento di un debito estero di franchi svizzeri (CHF) al cambio euro/chf 1,51: il debito era stato iscritto al cambio EUR/CHF 1,45; pagamento di un debito estero di dollari USA al cambio euro/$ 1,36: il debito era stato iscritto al cambio EUR/USD 1,42. Si rilevino a libro mastro e a libro giornale le operazioni contabili sopra riportate. 18

19 Esercitazione n 10 Calcolo e versamento dell IVA Obiettivo: L esercitazione si propone di testare la conoscenza riguardante la modalità di liquidazione e versamento dell IVA. A supporto di ciò viene allegato il modello F24 che le imprese utilizzano per effettuare il versamento all'erario. Contenuto: Nella pagina successiva si presenta il modello F24 utilizzato in data 16 aprile dall impresa ALFA SRL per il versamento IVA del mese di marzo. Sapendo che l IVA a credito di marzo è ,00 Euro e la liquidazione IVA del mese precedente faceva emergere un credito IVA per 4.500, lo studente effettui le rilevazioni contabili riferite a: a) liquidazione IVA di marzo; b) versamento effettuato con il modello F24 in data 16 aprile (vedi allegato). 19

20 DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITY OF F TURIN 20

21 Esercitazione n 11 Le retribuzioni ai dipendenti Obiettivo L esercitazione si propone di trattare le problematiche modalità relative alla rilevazione del costo del personale attraverso l utilizzo di alcuni esercizi specifici. Contenuto: Esercizio 1 Si determinino i fatti amministrativi e si rilevino le scritture contabili a libro giornale che hanno generato le movimentazioni rappresentate nei seguenti conti: Retribuzioni Dipendenti c/retribuzioni INPS Erario c/ritenute su reddito da lavoro dipendente Oneri sociali Esercizio 2 La società Alfa S.p.A. al 4 febbraio 2009, presenta, tra gli altri, i seguenti conti: Banca c/c Dipendenti c/retribuzioni INPS Erario c/ritenute su reddito da lavoro dipendente Oneri sociali Considerando le operazioni sotto riportate compiute dall azienda, si indichi il saldo dei conti movimentati, avendo cura di rilevare per ciascuna operazione anche le relative scritture contabili (a libro giornale e a libro mastro): 5 febbraio 2009: l impresa paga, tramite c/c, le retribuzioni ai dipendenti; 16 febbraio 2009: l impresa paga, mediante banca, gli oneri fiscali e gli oneri previdenziali ed assistenziali; 21

22 28 febbraio 2009: l impresa liquida retribuzioni per un importo di Euro. Le ritenute previdenziali ed assistenziali a carico dei dipendenti ammontano a Euro, mentre le ritenute I.R.Pe.F ammontano a Euro. 28 febbraio 2009: L impresa liquida gli oneri previdenziali ed assistenziali a suo carico per un importo di Euro. Esercizio 3 Sulla base del seguente documento emesso dalla società PA & CO S.p.A., si individui il fatto amministrativo e si rilevino le scritture contabili corrispondenti. Matricola INPS Filiale Reparto N. dipendenti C. Contabile Azienda AMMIN. 30 PA & CO S.p.A Codice Fiscale Matricola Cognome e nome Sesso Luogo di nascita Luogo di residenza Data nascita Prov. Lavoro Qualifica Livello Telefono Impiegati Data licenziamento Prossimo Data assunzione Scatti Data scadenza contratto Decorrenza Ore lavorate Giorni lavorati Ore lavorabili Settimane Mensilità 4800 ore ore 4 Novembre anno 1 Descrizione Tempo Valore unitario Competenze Trattenute Retribuzioni ordinarie 4.800,00 11, ,00 Ritenute previdenziali ed assistenziali 4.932,00 Ritenute fiscali ,6 Totale Totale , ,60 Netto pagato ,40 Oneri sociali a carico della PA & CO S.p.A ,00 22

23 Esercitazione n 12 Operazioni di finanziamento a breve termine Obiettivo: L esercitazione si propone di analizzare le differenti operazioni di finanziamento a breve termine, con particolare riferimento: a) all'utilizzo del conto corrente; b) alle ricevute bancarie Salvo Buon fine. Contenuto: 1. Utilizzo del conto corrente a) Ricevimento dell estratto conto trimestrale da parte della banca. I dati riportati sono i seguenti: Commissioni bancarie 20,00 Euro Interessi passivi su conto corrente 1.200,00 Euro Saldo finale su conto corrente ,00 Euro b) Ricevimento dell estratto conto trimestrale da parte della banca. I dati riportati sono i seguenti: Commissioni bancarie 18,00 Euro Interessi attivi su conto corrente 200,00 Euro Ritenuta fiscale (27%) 54,00 Euro Saldo finale su conto corrente ,00 Euro 2. Ricevute bancarie salvo buon fine Emissione di una fattura di vendita per Euro (+ IVA 20%). Successivamente si rilascia la ricevuta bancaria che viene trasferita alla banca: accredito salvo buon fine, commissioni di incasso pari a 95 Euro. Quale delle seguenti scritture a libro giornale rappresenta l effettivo incasso da parte della banca della ricevuta bancaria accreditata salvo buon fine? a 2 1 Banca c/riba a Crediti v/clienti 8.040,00 b 1 2 Banca c/c a Banca c/riba 8.040,00 c 2 1 Banca c/riba a Banca c/c 8.040,00 23

24 Esercitazione n 13 I finanziamenti: operazioni a m/l termine Obiettivo: L esercitazione si propone di trattare le problematiche legate alle operazioni di finanziamento a medio/lungo termine, in particolare mutui, leasing e aumenti di capitale sociale a pagamento. Contenuto: Esercizio 1 a) Si indichi il fatto amministrativo che ha generato la seguente movimentazione, indicando la natura dei conti: 1 2 Banca c/c a Mutui passivi b) Ipotesi: ottenimento del mutuo stipulato in data 7 novembre dell anno 1, pari a ; il rimborso del capitale avviene attraverso il pagamento di 10 quote annuali (a partire dall anno 2) costanti. Il tasso d interesse applicato è pari a 3,5% annuo. 1. si effettui la scrittura contabile con riferimento al pagamento della prima rata del mutuo; 2. si determini il valore del debito residuo e le movimentazioni del conto mutui passivi" fino al 1 gennaio dell anno 4. Mutui passivi 24

25 Esercizio 2 Un impresa stipula un contratto di leasing su un macchinario del valore di ,00 euro (+ IVA 20%) della durata di 5 anni. Il contratto prevede il pagamento di 10 canoni periodici semestrali pari a ,00 euro ed un valore di riscatto di 4.000,00 euro (+ IVA 20%) come riportato nella tabella seguente. La decorrenza del contratto di leasing è dal 1 gennaio dell anno 1. CANONE DATA SCADENZA IMPORTO DEBITO VS. SOCIETA' DI LEASING 1 01-ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , , ANNO , ,00 RISCATTO 4.000,00 0 TOTALE ,00 1. Al momento della stipulazione del contratto di leasing occorre rilevare la fattura di acquisto del macchinario in quanto trattasi di fattore produttivo pluriennale (Immobilizzazione)? Motivare la risposta, illustrando la corretta rilevazione contabile. 2. Si rilevino a libro giornale le scritture relative al canone n Al termine del contratto di leasing la società opta per il riscatto del bene. Si effettui le relative scritture contabili a libro giornale. 25

26 4. Quale scrittura contabile occorrerebbe fare se l impresa decidesse di non riscattare il bene? Esercizio 3 Si indichi, nell'apposito spazio sotto riportato, il fatto amministrativo che origina la seguente scrittura contabile: Azionisti Capitale sociale c/sottoscrizione Banca c/c Riserva sovrapprezzo emissione azioni

27 Esercizio 4 Sulla base delle informazioni contenute nell'estratto del verbale della società T.P.G. S.p.a, si indichi il fatto amministrativo in oggetto e si rilevi la scrittura contabile corrispondente negli spazi sotto riportati. Estratto dal Verbale dell assemblea straordinaria dei soci della T.P.G. S.p.a. del 30 giugno anno 1 E stata deliberata l operazione di aumento di capitale a sostegno del processo di consolidamento delle varie aree di business sulle quali la T.P.G. S.p.A. e le società da essa controllate si sono impegnate nel corso del Nel complesso è stato deliberata l emissione di nuove azioni del valore nominale di 1,00 Euro con godimento 1 gennaio 2009, al prezzo di 1,20 per un controvalore complessivo di Euro. Nota: Il capitale sociale pre-aumento ammonta a suddiviso in n azioni ordinarie del valore nominale di 1 ciascuna. 27

28 Esercitazione n 14 Dalla costituzione al primo bilancio di verifica Obiettivo: L esercitazione si propone come obiettivo quello di procedere alla costruzione di un I bilancio di verifica partendo dalla rilevazione contabile di alcuni fatti amministrativi. Contenuto: Si commentino adeguatamente e si rilevino contabilmente a libro giornale e a libro mastro le seguenti operazioni d esercizio. - Costituzione di una società con un capitale sociale di Euro. Successivamente, i soci versano, sul conto corrente aziendale, l intero ammontare del capitale sociale sottoscritto. - Ricevimento di una fattura di acquisto di merci per Euro IVA 20%. Il pagamento è immediato per il 50% del debito e differito per la restante parte. - Emissione di fattura relativa ad una vendita di prodotti finiti per Euro + IVA 20%. L incasso è differito. - Liquidazione e pagamento di retribuzioni per Euro. Le ritenute IRPEF ammontano a Euro e le ritenute INPS a Euro. - L azienda ottiene un mutuo da una banca per l importo di Euro L impresa effettua la liquidazione dell IVA. Si proceda, inoltre, a redigere il primo bilancio di verifica tenendo conto delle sole operazioni sopra riportate, compilando la tabella di seguito riportata. I BILANCIO DI VERIFICA DENOMINAZIONE CONTI DARE AVERE ESERCITAZIONE IL BILANCIO Dato il seguente secondo bilancio di verifica, redigere il Bilancio d Esercizio. 28

29 2 Bilancio di verifica COD. DENOMINAZIONE CONTI DARE AVERE Marchi ,00 Fondo Ammortamento Marchi 4.600,00 Fabbricato ,00 Fondo Ammortamento Fabbricati 5.600,00 Rimanenze Materie Prime 2.000,00 Rimanenze Prodotti Finiti 5.600,00 Crediti v/clienti ,00 Fondo Svalutazione Crediti 2.450,00 Cassa 1.000,00 Banca c/c ,00 Capitale Sociale ,00 Riserve 6.950,00 Fondo per rischi di garanzia 6.050,00 Debiti v/banche ,00 Fornitori ,00 Debiti tributari 3.430,00 Ratei passivi 1.400,00 Ricavi di vendita ,00 Variazione Rimanenze Prodotti Finiti 1.300,00 Affitti attivi 6.800,00 Acquisti ,00 Spese per energia elettrica 5.090,00 Salari e stipendi ,00 Ammortamento Marchi 3.900,00 Ammortamento Fabbricati 5.000,00 Svalutazione Crediti 340 Variazione Rimanenze Materie Prime 2.300,00 Accantonamento per Rischi e Oneri 3.000,00 Interessi attivi su c/c 1.900,00 Interessi passivi su c/c 1.300,00 Imposte sul reddito 2.400,00 TOTALE , ,00 29

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli