PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO"

Transcript

1 PAESI D IRPINIA 1 PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Progetto di sviluppo promosso dalla Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione che la Regione Campania promuove riguarda diffusamente il territorio irpino e coinvolge i 18 Comuni della Provincia di Avellino segnalati nell immagine di questa pagina. Obiettivo primario delle azioni proposte è quello di raggiungere una maggiore qualità e visibilità dell Irpinia come meta turistica favorendo la costruzione di una rete di strutture e servizi di ospitalità, anche attraverso il coinvolgimento di operatori privati che partecipino al processo di recupero e rifunzionalizzaizone dei beni di proprietà dei Comuni interessati. Il programma operativo elaborato dalla Regione si prefigge di ottimizzare e mettere a sistema l offerta del territorio in tutte le sue espressioni: ricettività, ristorazione, servizi, cultura e produzioni agricole e artigianali. Rispetto a tale programma, i tre casi pilota descritti nelle schede allegate Comune di Bisaccia, Comune di Calabritto, Comune di Taurasi costituiscono un primo ambito di applicazione del progetto e un iniziale avvio del percorso di sviluppo che la Regione intende perseguire.

2 2 PAESI D IRPINIA Il programma operativo elaborato dalla Regione si declina in una serie di fattori strategici, i quali costituiscono l ossatura dell intera strategia di sviluppo e si esplicano più specificamente nelle azioni per i tre progetti pilota. FATTORI CHIAVE DELLA STRATEGIA TERRITORIALE Definizione di un Brand Irpinia, con conseguente adozione di misure per la condivisione delle linee guida da parte di attori pubblici e privati e popolazione residente. Accompagnamento dei paesi verso la certificazione associazioni e club di qualità, Bandiere Arancioni, Borghi più belli d Italia, etc. Creazione di una rete di ospitalità luxury in immobili di pregio storico di proprietà pubblica (castelli e monasteri) e affidamento della gestione a operatori privati. Creazione di una rete di alberghi diffusi in immobili proprietà pubblica e privata ed eventuale affidamento in gestione. Integrazione dell offerta ricettiva con il sistema di ristorazione, produzione vitivinicola e rete di cantine. Integrazione dell offerta ricettiva con una rete di piccole botteghe destinate a commercializzare le produzioni tipiche con brand Irpinia. Recupero e riqualificazione delle variegate produzioni tradizionali destinate ai pellegrini in prossimità dei santuari. Integrazione dell offerta ricettiva in un più articolato sistema di ambienti rurali, naturali (parchi) e culturali (siti archeologici). Allestimento di una Greenway lungo il tracciato ferroviario dismesso che collega molti dei Comuni interessati. Ideazione e realizzazione di azioni di comunicazione a livello locale, regionale, nazionale e internazionale. Accordi con tour operator e operatori attivi sul golfo di Napoli e nelle regioni meridionali per una migliore integrazione della proposta turistico-ricettiva in un mercato turistico di livello nazione e internazionale.

3 PAESI D IRPINIA COMUNE DI BISACCIA 3 COMUNE DI BISACCIA UN CASTELLO IN ALTO NEL SILENZIO DELL ORIZZONTE Il Comune di Bisaccia è proprietario dell antico Castello che ospita il Museo Civico, spazi per la convegnistica e aree per eventi ricettivi e dell albergo diffuso realizzato all interno del borgo, di cui l Amministrazione è anche gestore. Castello e albergo diffuso, entrambi in buono stato di conservazione, costituiscono gli attrattori intorno ai quali articolare la proposta di intervento del Comune di Bisaccia nell ambito del più generale programma di valorizzazione turistica. In effetti, l Amministrazione comunale intende partecipare al progetto della Regione potenziando la propria capacità ricettiva attraverso due modalità: 1. Ampliamento e riqualificazione del sistema di ricettività diffuso esistente; 2. Valorizzazione delle potenzialità del Castello come struttura di ospitalità luxury nella più articolata rete di strutture ricettive proposta dalla Regione; 3. Potenziamento della capacità dell albergo diffuso il Comune si rende disponibile ad affidarne la gestione a soggetti privati, al tempo stesso promuovendo la massima integrazione con strutture e servizi già attivati all interno del Castello. Il Comune di Bisaccia, in provincia di Avellino, è situato su un altura di 860 metri sul livello del mare. La particolare conformazione territoriale e la varietà altimetrica offrono condizioni climatiche diverse con un picco minimo di 428 metri fino a 989 metri sull altopiano del Formicoso. La superficie territoriale è di 101,41 Kmq e gli abitanti complessivi sono Bisaccia fa parte della Comunità Montana Alta Irpinia e del Consorzio Servizi Sociali Alta Irpinia.

4 4 PAESI D IRPINIA COMUNE DI BISACCIA GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO L obiettivo delle azioni proposte è quello di prendere parte al progetto avviato dalla Regione attraverso la costituzione di un sistema di strutture che consenta di fruire autenticamente dell esperienza di ospitalità diffusa e, al tempo stesso, di risiedere in un patrimonio storico-culturale di pregio, integrando un offerta ricettiva attualmente poco differenziata. Nel rispondere a una domanda ricettiva alternativa, che vede nell integrazione con il contesto uno dei principali valori di ospitalità, la proposta progettuale del Comune di Bisaccia intende allinearsi ad alte prestazioni ricettive e turistiche: la valorizzare della storia locale e del patrimonio architettonico, naturalistico e delle tradizioni si combina con elevati standard di qualità di vita, orientati alla massima ecosostenibilità delle azioni valori che il Comune intende promuovere come fattore qualificante dell offerta turistica. LE POTENZIALITÀ DEL TERRITORIO Articolata offerta culturale e strutture differenziate (Castello Ducale, Museo Civico Archeologico, consistente patrimonio storico-architettonico). Albergo diffuso e servizi correlati. Prodotti tipici e artigianali, rete di sentieri e risorse naturalistiche di pregio. Positiva compenetrazione territoriale con Puglia e Basilicata. Quiete e vita di comunità. LE ASPETTATIVE Per favorire i conseguimento degli obiettivi progettuali si ricercano operatori privati e partner interessati alla realizzazione del progetto, eventualmente anche in collaborazione con i soggetti pubblici coinvolti, per la costruzione di un sistema di ospitalità innovativa che consenta di caratterizzare l offerta ricettiva complessiva in termini di ospitalità diffusa e di lusso. Si cercano partner per la gestione della struttura ricettiva diffusa da realizzare e da potenziare anche attraverso la realizzazione di spazi comuni all interno del convento, e, parallelamente, operatori interessati alla conversione del Castello in struttura ricettiva di lusso.

5 PAESI D IRPINIA COMUNE DI BISACCIA 5 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Ubicazione e accessibilità Fattori di attrattività di livello locale Bisaccia occupa una posizione centrale tra Campania, Basilicata e Puglia, a 10Km dal casello di Lacedonia (autostrada A16) e a 15 Km dall Ofantina, che collega Avellino-Candela-Melfi e la Salerno-Reggio Calabria. Il territorio si contraddistingue per un ambiente incontaminato e un patrimonio storico-architettonico molto curato; a ciò si unisce un artigianato di eccellenza, con la lavorazione della pietre, della ceramica e dei tessuti. La gastronomia piuttosto ricca presenta prodotti molto apprezzati e l intero territorio comunale vanta una fama indiscussa per la caccia alla selvaggina migratoria. Da alcuni anni, infine, sono interessante motivo di attrazione il Festival Musicale Internazionale Gramatio Metallo, giunto alla quarta edizione, e il Festival AriaEvento, dedicato all energia verde. LOCATION Qualità e tipologia del patrimonio immobiliare Stato di fatto e livello di utilizzo del patrimonio immobiliare Possibilità di rifunzionalizzazione e/o riconversione Il Comune dispone di un congruo numero di immobili di edilizia minore, in molti casi sfitti e per i quali possono essere previste procedure di acquisizione, oltre a un certo numero di emergenze monumentali e di edifici di pregio (tra cui il Castello, al cui interno sono stati gi realizzati un museo, una sala convegni e spazi comuni). Le unità immobiliari già inserite nell albergo diffuso potranno essere potenziate grazie a interventi di manutenzione ordinaria e mediante l integrazione di 10 unità recentemente ristrutturate, nonché utilizzando il Convento recentemente restaurato per la realizzazione degli spazi comuni dell albergo diffuso. Il patrimonio edilizio si contraddistingue per uno stato generalmente buono; il centro storico è stato ristrutturato e adeguato sismicamente con i contributi post-terremoto; semplici interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria saranno sufficienti per l adeguamento delle strutture. Le attuali destinazioni d uso degli immobili, sia di pregio che di edilizia minore, possono essere modificati con qualsiasi altra destinazione d uso compatibile con gli indirizzi operativi per il centro storico.

6 6 PAESI D IRPINIA COMUNE DI BISACCIA ASSETTO PROPRIETARIO E VINCOLISTICO Disponibilità delle aree e/o degli immobili Vincoli di edificabilità, acquisizione, conversione, etc. e compatibilità con gli strumenti urbanistici vigenti Presenza di autorizzazioni o tempi autorizzativi attesi L albergo diffuso dispone di 18 abitazioni, cui si aggiungono circa 10 unità immobiliari di proprietà comunale, recentemente ristrutturate, ma non ancora arredate. Gli immobili di pregio di proprietà pubblica sono oggetto di vincolo architettonico ai sensi del Codice dei Beni culturali, mentre le abitazioni dell edilizia minore non sono oggetto di limitazioni o vincolo. Ogni intervento di edilizia nel centro storico è disciplinato dal vigente Piano di Recupero, rispetto al quale la proposta è del tutto compatibile. Eventuali procedure autorizzative possono essere concluse mediamente in 45gg. Il Comune di Bisaccia si rende disponibile a stabilire contatti con: a) Operatori interessati al potenziamento dell albergo diffuso e alla sua gestione anche alla luce della realizzazione di spazi comuni all interno del Convento. b) Operatori interessati alla conversione del Castello in residenza di lusso. Riferimenti e contatti possono essere consultati alla pagina seguente.

7 PAESI D IRPINIA COMUNE DI BISACCIA 7 CONTATTI COMUNE DI BISACCIA Corso Romuleo, Bisaccia (AV) Tel: Fax: Referenti FRULLONE SALVATORE Sindaco: FRASCIONE VITO Assessore al Turismo: GALLICCHIO PASQUALE Consigliere delegato Beni culturali: REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO AL TURISMO Via Santa Lucia, 81 Napoli (vicepresidenza) Centro Direzionale Is. C5 Napoli (assessorato turismo) Tel: Fax:

8

9 PAESI D IRPINIA COMUNE DI CALABRITTO 9 COMUNE DI CALABRITTO LOCALITA QUAGLIETTA UNA ROCCIA ABITATA DALLA STORIA Il Comune di Calabritto è unico proprietario del borgo di Quaglietta, un insediamento medievale posto sulla sommità di un altura che svetta dal fondovalle del fiume Sele e il cui profilo netto e caratteristico è elemento di attrazione e richiamo. La proposta progettuale che il Comune intende avviare è articolata intorno alla volontà di costruire un sistema di ricettività diffusa che, recuperando e rifunzionalizzando un patrimonio immobiliare in buono stato di conservazione, sappia coniugare la valorizzazione dell edilizia minore e il potenziamento dell offerta ricettiva locale eventualmente puntando alla differenziazione delle proposte e alla realizzazione di strutture di ospitalità luxury. Le valenze di valorizzazione della proposta ricettiva potranno beneficiare non solo della posizione strategica del borgo, ma anche della presenza del vicino centro termale di Contursi Terme, della facile raggiungibilità della costa salernitana del sito archeologico di Paestum, ma anche della presenza delle località montane invernali di Laceno a Bagnoli Irpino e del santuario San Gerardo, meta di numerosi pellegrini. Il fortilizio di Quaglietta è di origine longobarda, mentre l'insediamento urbano risale ai normanni; attualmente il borgo è una frazione del Comune di Calabritto, in provincia di Avellino, da cui dista 7 km. Il borgo, situato su un altura di 284 metri sul livello del mare, sorge sul versante di una suggestiva altura dalla cui sommità si gode di una vista completa della valle del medio fiume Sele

10 10 PAESI D IRPINIA COMUNE DI CALABRITTO GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il borgo di Quagllietta può aspirare a divenire interessante meta di residenzialità in relazione alla presenza nelle immediate vicinanze di attrattori e mete turistiche di fama locale e nazionale. L obiettivo delle azioni proposte è quello di prendere parte al progetto avviato dalla Regione attraverso la costituzione di un sistema di strutture che consenta di fruire autenticamente dell esperienza di ospitalità diffusa e, al tempo stesso, di risiedere in un patrimonio storico-culturale di pregio, integrando un offerta ricettiva attualmente poco differenziata. LE POTENZIALITÀ Presenza di numerose attrattività geografiche e raggiungibilità di turisticamente interessanti (costa salernitana, altopiano del Laceno, area archeologica di Paestum, Santuario di San Gerardo) Presenza di una vision univoca per la valorizzazione del borgo Proprietà unica del borgo Buono stato di conservazione delle strutture edilizie LE ASPETTATIVE L Amministrazione comunale ricerca operatori privati e partner interessati alla gestione degli immobili e delle strutture di ricettività diffusa localizzate all interno del borgo e già ampiamente ristrutturate, con l obiettivo di caratterizzare l offerta ricettiva complessiva in termini di ospitalità diffusa.. Il Programma Regionale descritto alle pagine precedenti si configura come visione di supporto per la costruzione di un modello virtuoso di gestione dei suoi beni, implementando la strategia del paese albergo.

11 PAESI D IRPINIA COMUNE DI CALABRITTO 11 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Ubicazione e accessibilità Fattori di attrattività di livello locale Il borgo è facilmente accessibile poiché situato in una posizione strategica rispetto all autostrada SA-RC a 10 km dall uscita Contursi Terme, la Fondovallesele e la S.S.Contursi-Barletta. Gli aereoporti di Salerno e Napoli, rispettivamente 35 e 70 km, garantiscono la raggiungibilità di località nazionali e internazionali. Oltre all unicità paesaggistica e naturale, si segnala una radicata tradizione artigianale e agricola connessa ad alcune rarissime eccellenze. I principali flussi turistici per l area di riferimento sono legati a eventi religiosi estivi e sagre paesane. LOCATION Qualità e tipologia del patrimonio immobiliare Stato di fatto e livello di utilizzo del patrimonio immobiliare Possibilità di rifunzionalizzazione e/o riconversione Sormontato dai resti del Torrione e del Castello Signorile, il borgo medievale esprime un notevole valore paesaggistico. All interno del borgo sono localizzati numerosi immobili di edilizia minore in buono stato di conservazione ed esemplari delle tecniche costruttive tradizionali; gli immobili ristrutturati e utilizzabili ammontano a 54 appartamenti e 10 botteghe artigianali. L intero borgo dispone di opere di urbanizzaizone primaria. Il borgo è usufruibile per circa il 60%, mentre la restante parte è ancora in fase di recupero. Gli immobili recuperati non sono stati ancora utilizzati. Le attuali destinazioni d uso degli immobili coincidono con la previsione di albergo diffuso prevista per la valorizzazione del borgo e con la forte vocazione alla ricettività turistica.

12 12 PAESI D IRPINIA COMUNE DI CALABRITTO ASSETTO PROPRIETARIO E VINCOLISTICO Disponibilità delle aree e/o degli immobili Possibilità di acquisizione degli immobili e/o delle aree Vincoli di edificabilità, acquisizione, conversione, etc. e compatibilità con gli strumenti urbanistici vigenti Presenza di autorizzazioni o tempi autorizzativi attesi L intero patrimonio edilizio del borgo è di proprietà del Comune di Calabritto. Il Comune sta ampliando la propria disponibilità attraverso ulteriore acquisizione di circa il 20% del patrimonio immobiliare privato, attualmente oggetto di compravendita. Il complesso è sottoposto a vincolo di Tutela Storico Ambientale da parte della Soprintendenza della B.A.A.S. di Avellino e Salerno. Eventuali procedure autorizzative possono essere concluse mediamente in 45gg. Il Comune di Calabritto si rende disponibile a stabilire contatti con quanti siano interessati all avvio e alla gestione dell albergo diffuso. Riferimenti e contatti possono essere consultati alla pagina seguente.

13 PAESI D IRPINIA COMUNE DI CALABRITTO 13 CONTATTI COMUNE DI CALABRITTO Via S. Allende, Calabritto (AV) Tel: Fax: Referenti Prof. GELSOMINO CENTANNI Sindaco: REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO AL TURISMO Via Santa Lucia, 81 Napoli (vicepresidenza) Centro Direzionale Is. C5 Napoli (assessorato turismo) Tel: Fax:

14

15 PAESI D IRPINIA COMUNE DI TAURASI 15 COMUNE DI TAURASI UN ROSSO CHE APPASSIONA IL MONDO Il Comune di Taurasi propone un programma complesso di interventi orientato alla fruizione del proprio territorio all insegna della sostenibilità e alla valorizzazione dell offerta ricettiva; attraverso una gestione innovativa del patrimonio immobiliare del centro storico e la differenziazione delle formule di ospitalità, l Amministrazione si propone il duplice obiettivo di utilizzare dimore storiche e castelli per un target luxury e, parallelamente, di messa a sistema gli immobili di edilizia minore in un ottica di ricettività diffusa. L Amministrazione Comunale ha già avviato iniziative di recupero del patrimonio immobiliare; tra queste si segnalano il recupero del Castello, acquistato di recente e al cui interno è stato realizzato il Museo del Vino, e del Convento che attualmente ospita la sede comunale. All interno del borgo medievale esiste un vasto patrimonio immobiliare di proprietà pubblica da valorizzare nell'ambito della progettualità di sviluppo turistico avviata dalla Regione. Se da una parte il Comune intende individuare operatori turistici e immobiliari disponibili ad acquisire il patrimonio minuto distribuito all interno del borgo, dall altra intende individuare operatori che sostengano la gestione delle strutture e dei servizi comuni dell albergo diffuso, ma anche operatori interessati alla realizzazione di strutture ricettive di lusso all interno del Convento. Taurasi è posizionata nel cuore della valle del fiume Calore, che comprende i 17 Comuni dell area produttiva del pregiatissimo vino Taurasi D.O.C.G. Il paesaggio, formato da dolci declivi e aree collinari coltivate a vigneto, è un unicum antropizzato di grande autenticità, nel quale la cultura tradizionale delle comunità rurali si intreccia con l alta specializzazione della produzione vitivinicola. Completano il paesaggio numerose aree naturalisticamente rilevanti e una rete di strade secondarie che collega i centri abitati e gli insediamenti sparsi.

16 16 PAESI D IRPINIA COMUNE DI TAURASI GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il principale obiettivo di sviluppo è quello di mettere a sistema il patrimonio immobiliare pubblico per la costruzione di un sistema ricettivo differenziato e diffuso, proiettando al suo interno la qualità della consolidata tradizione enogastronomica e vitivinicola dell area. A partire da elementi di rilievo come il Museo Enologico e sfruttando gli edifici di pregio e le emergenze monumentali presenti, si intende sviluppare una convinta sinergia territoriale nella Valle del Fiume Calore per rendere fortemente riconoscibili e attrattivi i valori esperenziali e i luoghi dell antica ruralità che sottende la produzione vitivinicola di pregio che caratterizza il territorio. LE POTENZIALITÀ Brand Vino Taurasi, noto e riconoscibile sui mercati nazionali e internazionali; Patrimonio immobiliare di pregio storico-architettonico che consente diverse opportunità di utilizzo (turismo, allestimenti, eventi, musei, mostre, etc.); Permanenza di una cultura rurale e di relazioni di comunità ancora intense. LE ASPETTATIVE L Amministrazione comunale intende cedere il patrimonio immobiliare non di pregio di sua proprietà (circa mq, per un ricavo totale di circa 3 mln di euro) per favorirne il recupero, in linea con gli obiettivi di valorizzazione e promozione turistica previsti dalla Regione. Al tempo stesso, poiché Taurasi si propone quale punto di forza dell intero progetto di sviluppo rappresentando già uno specifico fattore di attrazione grazie al maturo sistema di produzione enologica, ampiamente conosciuta e apprezzata nel mondo il Comune ricerca operatori e partner per la realizzazione di una struttura ricettiva di lusso all interno del Convento e operatori interessati alla gestione dell albergo diffuso e di strutture e servizi comuni all interno del Castello.

17 PAESI D IRPINIA COMUNE DI TAURASI 17 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Ubicazione e accessibilità Fattori di attrattività di livello locale Posto nel mezzo della valle del fiume Calore, il Comune di Taurasi dista circa 70 Km dall aeroporto di Napoli Capodichino e risulta comunqeu facilmente accessibile dalle principali località del centro Italia. Il principale fattore di attrattività è rappresentato dalla radicata e importante tradizione agricola, che sostiene non solo l enologia, ma anche una gastronomia di grande pregio. LOCATION Qualità e tipologia del patrimonio immobiliare Stato di fatto e livello di utilizzo del patrimonio immobiliare Possibilità di rifunzionalizzazione e/o riconversione Oltre a emergenze monumentali significative (Castello di fondazione normanna e complesso conventuale), il Comune dispone di circa 30 immobili di edilizia minore (per una superficie complessiva di mq) con tipologia in cortina di due o tre livelli. Castello e convento sono già restaurati e richiedono solo modesti interventi di manutenzione e adeguamento funzionale. Gli immobili distribuiti all interno del centro storico, invece, di cui si propone la cessione, richiedono interventi di manutenzione straordinaria e di risanamento conservativo. Le attuali destinazioni d uso degli immobili (residenziali e in alcuni casi artigianali/botteghe) coincidono con il profilo di funzionalizzazione del programma di ricettività proposto.

18 18 PAESI D IRPINIA COMUNE DI TAURASI ASSETTO PROPRIETARIO E VINCOLISTICO Disponibilità delle aree e/o degli immobili Possibilità di acquisizione degli immobili e/o delle aree Le unità abitative localizzate nel borgo sono di proprietà comunale, quindi risultano immediatamente disponibili. L Amministrazione comunale è disposta a cedere gli immobili residenziali non di pregio. Vincoli di edificabilità, acquisizione, conversione, etc. e compatibilità con gli strumenti urbanistici vigenti Presenza di autorizzazioni o tempi autorizzativi attesi Il paese, di impianto medievale, è sottoposto a vincolo di tutela storicoambientale da parte della Soprintendenza B.A.A.S. di Avellino e Salerno. Eventuali procedure autorizzative possono essere concluse mediamente in 60 gg. Il Comune di Taurasi si rende disponibile a stabilire contatti con: a) Quanti siano interessati all avvio e alla gestione dell albergo diffuso e alla valorizzazione della proposta ricettiva nel suo insieme. b) Quanti intendano acquistare il patrimonio residenziale localizzato nel borgo. c) Quanti intendano partecipare alla realizzazione di una struttura ricettiva di lusso all interno del Convento. Riferimenti e contatti possono essere consultati alla pagina seguente.

19 PAESI D IRPINIA COMUNE DI TAURASI 19 CONTATTI COMUNE DI TAURASI Via del Convento, Taurasi (AV) Tel: Fax: Referenti ANTONIO BUONO Sindaco DOMENICO CAPUTO Responsabile U. T. C. REGIONE CAMPANIA ASSESSORATO AL TURISMO Via Santa Lucia, 81 Napoli (vicepresidenza) Centro Direzionale Is. C5 Napoli (assessorato turismo) Tel: Fax:

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE

RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE 1 OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO RICCIA: IL BORGO DEL BENESSERE Un innovativa formula di ospitalità turistica per la Terza Età e di valorizzazione immobiliare del patrimonio

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

Programma di azioni. Per il turismo nelle aree interne della Regione Campania. L Irpinia

Programma di azioni. Per il turismo nelle aree interne della Regione Campania. L Irpinia Programma di azioni Per il turismo nelle aree interne della Regione Campania. L Irpinia INDICE Programma di azioni... 1 Per il turismo nelle aree interne della Regione Campania. L Irpinia... 1 1.Premessa...

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

A relazione degli Assessori Casoni, Coppola, Quaglia: Premesso che:

A relazione degli Assessori Casoni, Coppola, Quaglia: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU21 24/05/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 8 maggio 2012, n. 31-3835 Programma di intervento per la valorizzazione integrata delle strutture regionali del Parco naturale La Mandria

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 1 COMUNE DI OTRICOLI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 Presso il centro storico di Otricoli dal 07 al 09 settembre 2012 si terrà OTRICOLI MUSIC FESTIVAL Eventi e Antiche Tradizioni, in Terra di Otricoli,

Dettagli

L ITALIA DEI BORGHI. Francesco Quagliuolo Amministratore Delegato Borghi Srl UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA.

L ITALIA DEI BORGHI. Francesco Quagliuolo Amministratore Delegato Borghi Srl UN PROGETTO PER LE AREE INTERNE DELL ITALIA. L ITALIA DEI BORGHI 15 Dicembre 2012 Francesco Quagliuolo Amministratore Delegato Borghi Srl quagliuolo@iborghisrl.it LA VALORIZZAZIONE DI BORGHI E CENTRI STORICI Valorizzazione e riqualificazione dei

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale

Stefania Cerutti. Università degli Studi del Piemonte Orientale Marketing territoriale, l approccio integrato delle filiere Stefania Cerutti Università degli Studi del Piemonte Orientale Agenda il territorio come sistema il marketing del territorio i prodotti turistici

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico

2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del settore turistico ELENCO PROGETTI 1 Progetto A.I.1 Progetti finalizzati alla concertazione del piano di sviluppo turistico provinciale 2 Progetto A.II.1 Progetti diretti ad orientare le scelte strategiche pubbliche del

Dettagli

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Settore Assetto del Territorio ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI

Dettagli

BORGHI SRL Iniziative Sviluppo Locale. Company Profile

BORGHI SRL Iniziative Sviluppo Locale. Company Profile BORGHI SRL Iniziative Sviluppo Locale Company Profile Il profilo Societario Costituita a luglio del 2008, BORGHI Srl ha come obiettivo la promozione e lo sviluppo di progetti di valorizzazione turistico

Dettagli

COMUNE DI CASTELPOTO Provincia di Benevento www.comunedicastelpoto.it

COMUNE DI CASTELPOTO Provincia di Benevento www.comunedicastelpoto.it COMUNE DI CASTELPOTO Provincia di Benevento www.comunedicastelpoto.it Piazza Garibaldi - 82030 Castelpoto (BN) - Tel 0824 59008-59200 Fax 0824 59031 - email : utc@comunedicastelpoto.it Settore Tecnico

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Nell ambito di. Borghi&CentriStorici: PRESENTAZIONE EVENTO. MADEexpo Fiera Milano-Rho Pero

Nell ambito di. Borghi&CentriStorici: PRESENTAZIONE EVENTO. MADEexpo Fiera Milano-Rho Pero Borghi&CentriStorici: PRESENTAZIONE EVENTO MADEexpo Fiera Milano-Rho Pero 17 20 Ottobre 2012 IL PROGETTO L Italia si distingue per la ricchezza del proprio patrimonio insediativo e per la varietà e l ampia

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO

MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO MARKETING TERRITORIALE PER LA MESSA IN RETE DELLA QUALITA PAESAGGISTICA, AGRO-CULTURALE E ALIMENTARE DEL COMUNE DI SONDRIO Facoltà di Architettura e società Laurea triennale in Urbanistica A.A. 2013/2014

Dettagli

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino.

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino Introduzione Mara Manente Sala Europa, Unioncamere del Veneto Venezia 1 Marzo 2013 Il quadro di riferimento

Dettagli

MGTM_MASTERPLAN / ABSTRACT

MGTM_MASTERPLAN / ABSTRACT Le Vie dell Acqua Progetto di ampliamento, riqualificazione ambientale ed integrazione paesaggistica della ricettività e dei servizi dell Hotel Terme delle Nazioni. Montegrotto Terme (PD) MGTM_MASTERPLAN

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

Villa Sperling. Comune di Vernio. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione.

Villa Sperling. Comune di Vernio. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Scheda di valutazione Sezione 1 - Sommario Mappa dell area Nome: Location: Vernio,

Dettagli

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis.

Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis. ALLEGATO 1 Programma di eventi culturali finalizzato alla promozione turistica del territorio ed alla valorizzazione del Carignano del Sulcis Relazione 1 PREMESSA Il settore turistico rappresenta per il

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 Scheda riassuntiva Mappa

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta

Giunta Regionale della Campania. Delibera di Giunta Giunta Regionale della Campania Delibera di Giunta Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali N 792 Del A.G.C. Settore Servizio 21/12/2012 13 2 3 Oggetto: Regolamento "albergo diffuso"

Dettagli

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo GIORNATE BANDIERA ARANCIONE 2011 Progetto di Sviluppo Sostenibile: economia, Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo identità, integrazione. Il QTR/P individua i Territori

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero A cura del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Dott. Geom. Alessio Gallo Iscritto al collegio dei Geometri e dei Geometri

Dettagli

Borgo Cuore Del Vino

Borgo Cuore Del Vino Vista del lago e di Monte Isola Monastero di S.Pietro in Lamosa e Torbiere del Sebino Cantina in Franciacorta Una vista del Parco Nazionale Delle Torbiere Vigneti a Provaglio d'iseo Un progetto dalle soluzioni

Dettagli

Sapori e Profumi della Campania

Sapori e Profumi della Campania Sapori e Profumi della Campania UN ITINERARIO TURISTICO DI 5 GIORNI: 16-20 SETTEMBRE Sapori e Profumi della Campania Sarete accompagnati alla scoperta del gusto, dei colori e degli odori della gastronomia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

IL SISTEMA TURISTICO

IL SISTEMA TURISTICO IL SISTEMA TURISTICO LA SUBLIMAZIONE DELL ACQUA Sviluppo, valorizzazione e promozione del turismo integrato come modello di responsabilizzazione sociale dei territori a vocazione turistica INDICE IL SISTEMA

Dettagli

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla

Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Giuseppe Scanu Il marketing territoriale per un possibile sviluppo del turismo in Marmilla Setzu, 17 Ottobre 2015 LA MARMILLA: UNA GEOGRAFIA COMPLESSA 2 Sub regioni 44 Comuni 950 Kmq di superficie 37.322

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Torre Annunziata, la filiera termale e il Parco Nazionale del Vesuvio. (Laboratorio di integrazione di strumenti)

Torre Annunziata, la filiera termale e il Parco Nazionale del Vesuvio. (Laboratorio di integrazione di strumenti) REGIONE CAMPANIA Torre Annunziata, la filiera termale e il Parco Nazionale del Vesuvio. (Laboratorio di integrazione di strumenti) Arturo Polese ( ), Elvira Sacco (*), ( ) Nucleo di Valutazione e Verifica

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

Verso il. Il bene torna a essere comune

Verso il. Il bene torna a essere comune Verso il Bando Storico Artistico e Culturale 2014 Il bene torna a essere comune giugno 2014 Verso il Bando Storico-Artistico e Culturale 2014 1 Spett.le Ente, la Fondazione CON IL SUD ( Fondazione ), giunta

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE

REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE REGIONE LAZIO Assessorato Ambiente e Cooperazione tra i Popoli PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI DELLE AREE PROTETTE Agenzia Regionale Parchi Fabio Brini PIT aree protette Condizioni e opportunità per la

Dettagli

«Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma»

«Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma» «Il riclassamento delle Unità Immobiliari di Roma» Arch. Daniela Proietti Consigliere Ordine Architetti Pianificatori e Paesaggisti di Roma e Provincia Indice degli argomenti: 1) ACCERTAMENTO CATASTALE

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008

TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008 TABELLE ONERI CONCESSORI APPROVATE CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N 42 DEL 18/03/2008 DESTINAZIONE RESIDENZIALE importi in euro a metro cubo ZONA A CENTRO STORICO URB. 1 URB. 2 TOTALE RISTRUTT. EDILIZIA

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA TURISTICA A.S. 2013/2014 CLASSE 3 D TURISMO ISTITUTO TECNICO BRANCHINA ADRANO PROF. MASSIMO RICCARDO COSTANZO Presentazione Da qualche anno il turismo è diventato in quasi tutto

Dettagli

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE Allegato parte integrante Criteri di coerenza per la selezione della progettualità privata ALLEGATO B) PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE CRITERI DI COERENZA PER LA SELEZIONE DELLA PROGETTUALITA

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri Milano 2 h 30 m Venezia 2 h 30 m Firenze 20 MIN Pisa H San Gimignano CHIANTI CLASSICO Arezzo Siena 30 MIN Toscana Roma 2 h 30 m SAN RAFFAELLO CASTELLO DEL NERO SAN LUIGI SAN MICHELE Composta da 300 ettari

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

L ALBERGO DIFFUSO DI SPECCHIA

L ALBERGO DIFFUSO DI SPECCHIA LA MICRORICETTIVITÀ A LIVELLO TERRITORIALE Arezzo 14 Novembre 2009 L ALBERGO DIFFUSO DI SPECCHIA Maurizio Antonazzo (GAL Capo S. Maria di Leuca) SPECCHIA (LECCE) L Albergo Diffuso di Specchia è un insieme

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PASQUALE RICCI VIA BOSCO VICO 83018 SAN MARTINO VALLE CAUDINA (AV) Telefono 0824/841214 Fax 0824/841333

Dettagli

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio Criticità/stress rischio idraulico accessibilità/mobilità carenza di servizi /luoghi aggregazione mancata valorizzazione patrimonio Attuazione PRG 2008 Rischi consumo/impermeabilizzazione suolo aumento

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI. NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI. NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI PER L ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI NEL COMPARTO NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto INDICE 1. Contesto di riferimento 2. Obiettivi del progetto 3. Gli

Dettagli

PROGRAMMA TELEVISIVO BUON VENTO NELLE TERRE DEL SUD

PROGRAMMA TELEVISIVO BUON VENTO NELLE TERRE DEL SUD PROGRAMMA TELEVISIVO BUON VENTO NELLE TERRE DEL SUD SINOSSI Dal mare alle terre del Sud. Il programma nasce come naturale evoluzione di BUON VENTO NEL MARE DEL SUD, dedicato alla promozione e alla valorizzazione

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO

PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO per un dialogo rinnovato tra sviluppo urbano e produzione vitivinicola Arch. Valeria Lingua Università di Firenze valeria.lingua@unifi.it PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO LE

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità E stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, dopo un attesa di ben 2 settimane e tante modifiche, il Decreto Sblocca Italia, D.L. 133/2014. Dall analisi

Dettagli

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec.

I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. MARTA MATTIOLO CHIARA ROTA MARIA CRIPPA -PROGETTO 21- I NUOVI PROGETTI DEL XXI sec. Negli ultimi anni numerosi sono stati gli interventi architettonici all' interno della città di Lecco. Alcuni di questi

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

DENOMINAZIONE DATI STATISTICI (*) ATTIVITÀ DI RAZIONALIZZAZIONE TEMPI DI ATTUAZIONE E RISPARMI DA CONSEGUIRE Azienda Multiutility Acqua e gas AMAG

DENOMINAZIONE DATI STATISTICI (*) ATTIVITÀ DI RAZIONALIZZAZIONE TEMPI DI ATTUAZIONE E RISPARMI DA CONSEGUIRE Azienda Multiutility Acqua e gas AMAG PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE DENOMINAZIONE DATI STATISTICI (*) ATTIVITÀ DI RAZIONALIZZAZIONE TEMPI DI ATTUAZIONE E RISPARMI DA CONSEGUIRE Azienda Multiutility Acqua e

Dettagli

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese

DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO Agricoltura, ambiente e turismo tra Villoresi, Ticino e Naviglio Pavese Manifesto per l adesione delle aziende Il Distretto Neorurale delle tre acque di Milano

Dettagli

PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA. Report

PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA. Report PROGETTO DELLA RETE RICETTIVA RURALE DI QUALITÀ A FINI TURISTICI IN PUGLIA Report Agenda I presupposti del progetto Approccio metodologico Analisi di benchmarking di casi di studio di interesse Censimento

Dettagli

Aspetti geomorfologici e caratteristiche del territorio

Aspetti geomorfologici e caratteristiche del territorio Comunità Montana Partenio Aspetti geomorfologici e caratteristiche del territorio Le caratteristiche morfologiche dell area presentano piani carsici causati da depressioni tettoniche, come i pianori di

Dettagli

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 13 luglio 2015, n. 13-1729 Piano regionale delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare - Proposta di nuove destinazioni

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE RELAZIONE. Premessa

PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE RELAZIONE. Premessa PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE RELAZIONE Premessa Il presente documento, redatto ai sensi dell art. 1, comma 612, L. 190/2014, illustra il piano di razionalizzazione delle

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea con Lode alla Facoltà di Architettura della Università di Napoli, in data 22/7/86. Tesi: Piano di recupero di Pozzuoli (Na);

CURRICULUM VITAE. Laurea con Lode alla Facoltà di Architettura della Università di Napoli, in data 22/7/86. Tesi: Piano di recupero di Pozzuoli (Na); CURRICULUM VITAE Giandomenico Donato INGLESE nato a: Pesco Sannita (Bn) il: 24/9/58 residente in: Pesco Sannita (Bn), via Macchia Diavoli, 27 telefono: 0824-981480 e-mail: giandomenicoinglese@gmail.com

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova Palazzo di proprietà e sede sociale in Genova Via Assarotti 17A 1 Sede sociale in Genova via Assarotti 17/A Capitale sociale uro 5.460.000,00 La

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO Quartiere S.Elia a Cagliari. Sardegna Italia. Contesto e potenzialità del quartiere Il quartiere di Sant Elia, collocato tra lo stadio, che da esso prende il nome,

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

IL BILANCIO DI MANDATO

IL BILANCIO DI MANDATO IL BILANCIO DI MANDATO 19 20 3. LINEE GUIDA PRINCIPALI DEL PROGRAMMA DI MANDATO Il mandato 2004-2009, si è aperto nel segno della continuità per la realizzazione di opere importanti che erano state individuate

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli