Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato"

Transcript

1 TEST D IDONEITA FISICA A CUI VENGONO SOTTOPOSTI I VIGILI DEL FUOCO ALL INIZIO E NEL CORSO DELLA LORO ATTIVITA NELLA GRANDI, MEDIE E PICCOLE CITTA DEL MASSACHUSSETS, USA: LIMITI E PROBLEMI Carmelo Bazzano, Ed.D. Professore Emerito, Università del Massachussets/Boston, Boston, MA Scopo del presente documento è di riferire quanto avviene nello Stato del Massachussets in merito all assunzione, allo svolgimento del servizio e al congedo dei Vigili del Fuoco. In particolare, intendo soffermarmi sui test d idoneità fisica che vengono usati per selezionare i candidati che rispondono ai requisiti richiesti per l assunzione e per lo svolgimento di questa professione. Ci auguriamo che dall esperienza altrui sia possibile ricavare informazioni utili per giungere ad una maggiore sicurezza degli interventi. Da quanto mi ha comunicato il Prof. Lunetta, so che lo scopo di questa conferenza è rappresentato dallo scambio di esperienze che risulterà in una nuova visione d insieme e in nuovi modi di affrontare le problematiche relative all attività dei Vigili del Fuoco. Una conferenza dedicata al benessere dei lavoratori mi fa pensare alla nobile tradizione italiana nel settore della medicina del lavoro. Il lavoro avanguardistico di Bernardino Ramazzini De Morbis Artificum Diatriba, pubblicato nel 1700, ha segnato l inizio della preoccupazione da parte della società per la salute dei lavoratori. Negli Stati Uniti, l attività dei Vigili del Fuoco continua ad essere una delle industrie più rischiose. Il suo tasso di ferite/malattie e di incidenti sul lavoro supera quello della maggior parte delle industrie (1). Nel Massachussets, i Vigili del Fuoco sono professionisti o talvolta volontari assunti dalle città o dai paesi. Un tempo, i Vigili del Fuoco erano nominati dai politici e conseguentemente l assunzione costituiva un opportunità di clientelismo. Negli anni, divenne poi sempre più manifesta la necessità che quanti esercitavano questa professione fossero persone competenti. Così i Vigili del Fuoco divennero impiegati statali. Ciò significa che le città e i paesi devono attenersi a determinate norme fissate dalla legge. Pur tuttavia, non tutte le città e i paesi hanno accettato le norme relative agli standard d idoneità fisica suggeriti dallo stato. Vi sto dicendo ciò perché tengo a precisare che l ammissione alla professione dei Vigili del Fuoco ancora varia da una giurisdizione all altra e con essa i requisiti d idoneità fisica. I test d idoneità fisica sono anch essi cambiati per rispecchiare le nuove richieste.

2 Il primo test d idoneità fisica commissionato dallo Stato misurava la forza e la resistenza cardiovascolare. Le voci del test includevano la pressetta da banco e la corsa sulla distanza. Più forte o veloce era il candidato e più punti accumulava. Questa procedura continuò immutata finchè non intervenne il governo federale per conto delle donne e degli handicappati. Queste categorie, tradizionalmente escluse dalla professione dei Vigili del Fuoco, ora sfidavano il sistema ricorrendo al tribunale. In sostanza, esse sostenevano che non sembrava che i Vigili del Fuoco durante le loro missioni di soccorso dovessero avere la capacità di sollevare 300 libbre o di correre un miglio e mezzo in 10 minuti. Esse facevano notare inoltre che il test era semplicemente un mezzo di cui si servivano gli uomini per mantenere il monopolio della professione. Il Diritto Civile del 1991, la Legge sugli Americani Disabili (ADA) del 1991, e gli Emendamenti del 1996 alla Legge sulle Discriminazioni sul Lavoro basate sull Età (ADEA) misero fine a questa controversia stabilendo chiaramente che gli standard relativi al lavoro dovevano basarsi sulle funzioni essenziali per ciascuna specifica attività lavorativa. Il paragrafo 102 dell ADA prescrive che i datori di lavoro devono essere in grado di dimostrare che i test d idoneità fisica sono attinenti al tipo di lavoro e hanno a che fare con le necessità della professione. L intervento del tribunale ha chiarito in maniera inequivocabile che test attitudinali troppo rigidi, anche se il tipo di lavoro svolto dai Vigili del Fuoco richiede un intenso sforzo fisico, non rappresentano quanto richiesto dal tribunale stesso. E inoltre, il tribunale ha chiarito un altro punto, che più avanti verrà ripreso dalla nostra discussione, vale a dire quanto segue: Il parere legale e le leggi federali stabiliscono che i requisiti richiesti per un determinato lavoro devono essere gli stessi per chiunque potrebbe occupare quella posizione o la stia occupando. Ciò significa che sarebbe discriminante negare l accesso ad una persona sulla base di un test se un altra persona che svolge già quella professione non è in grado di superare quello stesso test. Le leggi federali stabiliscono che deve essere previsto un unico test sia d ammissione che successivo e che tale test debba basarsi sulle funzioni essenziali di quel lavoro. I Vigili del Fuoco non possono essere congedati a causa dell età. Se superano il test devono poter rimanere in servizio fino al raggiungimento dell età pensionabile. Così è stata affrontata la questione dell età e in tal senso sono state date indicazioni. È chiaro che questo aspetto rimanda ad un altra questione, ovvero che i Vigili del Fuoco per restare in servizio devono essere sottoposti regolarmente al test. Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato

3 possieda o meno i requisiti fisici necessari per lo svolgimento dei compiti fondamentali previsti dal suo lavoro sia quello di replicare il comportamento richiesto sul lavoro. Secondo la legge, non è tanto importante quanto una persona sia forte o agile, ma piuttosto se sia in grado di fare ciò che il lavoro richiede. Questo è stato un modo nuovo di considerare l attività dei Vigili del Fuoco che non veniva più vista come un lavoro da superuomini ma come un lavoro adatto a chiunque fosse in grado di superare un test che riflettesse quello che i Vigili del Fuoco fanno durante il loro lavoro. Come risultato di questa nuova tendenza, è iniziata la ricerca di un test più appropriato. Il primo passo da compiere nell elaborazione di un test d idoneità fisica consiste nell effettuare quella che viene chiamata un analisi dei compiti lavorativi (JTA). Si tratta della procedura usata nel processo di avvaloramento di un test. La JTA significa ridurre a parole quello che la gente fa. Vi sono molti modi per effettuare una JTA: osservare le persone mentre lavorano, registrare le attività lavorative, intervistare i lavoratori o i sorveglianti e utilizzare dei questionari per raccogliere dati, oppure usare una combinazione di questi metodi. Per il test d idoneità fisica (PAT) usato nel Massachussets venne inviato ad un certo numero di Vigili del Fuoco con molta esperienza e ad alcuni sorveglianti un questionario dettagliato che elencava tutte le operazioni che i Vigili del Fuoco compiono nel corso del loro lavoro. Il primo passo, ovvero la preparazione del questionario, è la più importante, in quanto, in caso di controversia in tribunale, è necessario essere in grado di dimostrare che sono stati presi in esame tutti i compiti più importante relativi al lavoro. Una volta preparato, il questionario deve essere sottoposto agli esperti, che nel nostro caso sono i Vigili del Fuoco e i sorveglianti. Non posso dirvi quale sia l effettiva procedura seguita per la preparazione del PAT poiché il test è il risultato di un accordo contrattuale tra lo stato e un privato. Le informazioni risultanti costituiscono una comunicazione privilegiata. È proprietà privata e per legge non più essere divulgata. Tuttavia, posso assicurarvi che in molte delle indagini riguardanti i PAT dei Vigili del Fuoco in tutto il Paese sono stati seguiti tutti i passi che vi ho detto, salvo lievi modifiche Gli incaricati di svolgere tale indagine sono arrivati a contare trentasei funzioni che i Vigili del Fuoco svolgono nel loro lavoro. Tuttavia, testare i candidati Vigili del Fuoco su trentasei funzioni sarebbe scomodo e impraticabile. Per risolvere la situazione, si è provveduto a ridurre tutte le funzioni ad alcune più rappresentative. Questo viene fatto attraverso un analisi dei fattori o qualche altra procedura. Da questo procedimento di

4 riduzione sono emerse le seguenti funzioni principali: (Diapositiva 1) trascinare una persona, sollevare una scala, guadagnarsi l entrata con l ausilio di una mazza, far avanzare una manichetta, sfondare un soffitto o un muro con un gancio per le parti pericolanti e procedere strisciando attraverso una zona chiusa buia alla ricerca di vittime. Tanto i sindacati dei Vigili del Fuoco che le loro associazioni e i loro rappresentanti concordano sul fatto che questi sono i compiti basilari che i Vigili del Fuoco svolgono nel loro lavoro (2). Le divergenze d opinione sorgono riguardo a ciò che viene chiamata la soglia minima, vale a dire il tempo massimo concesso per portare a termine la prova. Non si tratta infatti per i candidati soltanto di portare a termine la prova, ma anche di farlo in un determinato tempo. Se il candidato impiega più del tempo stabilito, fallisce il test. Attualmente, per superare il test di salita dei gradini ci vogliono non più di 200 secondi. La prova della scale richiede 35,56 secondi, lo stendimento della manichetta 20 secondi, l entrata di forza secondi, la ricerca delle persone 39 secondi, il salvataggio 36 secondi e il gancio 25 tentativi. Per giungere a questi tempi è stata seguita la seguente procedura. Ai soggetti coinvolti inizialmente nel progetto di ricerca è stato chiesto di effettuare le prove alla stessa velocità che avrebbero impiegato normalmente in un operazione di soccorso. I Vigili del Fuoco più anziani hanno tenuto sotto controllo i soggetti e hanno stabilito che la velocità impiegata nel corso delle esercitazioni era simile a quella mantenuta nel corso degli interventi. La media di molte prove è stata presa come indicazione della soglia minima. Questi punteggi sono però sufficientemente ragionevoli e servono davvero a distinguere i Vigili del Fuoco capaci da quelli non capaci? La capacità discriminatoria è un altro modo di giudicare la validità di un test. Per validità si intende la misura in cui un test riesce a misurare quello che deve misurare. Un test valido possiede una soglia minima che teoricamente è in grado di prevedere quali Vigili del Fuoco avranno successo nella loro professione. Il metodo appena descritto per definire la soglia minima è ragionevole ma non molto scientifico. Vi è comunque un altro metodo per valutare la validità della soglia minima, che consiste nel sottoporre al test persone già in servizio nella professione che, presumibilmente, hanno già svolto con successo le mansioni di Vigili del Fuoco. Sottoponendo al test dei veterani, è possibile stabilire la specificità del test, ovvero quale percentuale di Vigili del Fuoco è in grado di superare il test, dato che tutti sono in grado di svolgere il loro lavoro. Il problema con questo metodo è che la specificità del test può essere alterata, modificando la soglia minima.

5 Il lavoro di Sothaman et al. (diapositiva II) è utile per rendere la soglia minima più scientifica. L autore e i suoi collaboratori hanno misurato la risposta in termini di ritmo cardiaco (HR) e di consumo di ossigeno (VO 2 ) in dieci elementi maschili dei Vigili del Fuoco, durante gli interventi realizzati nel corso di reali emergenze. Quello che hanno scoperto è che i Vigili del Fuoco lavoravano a 157±8 battiti al minuto (bpm) per 15±7 minuti. Questo rappresentava l 88±6% del loro HR massimo precedentemente determinato. Basandosi sulla misurazione di routine, venne stabilito un rapporto tra l HR e il VO 2 per ciascun Vigile del Fuoco. E stato pronosticato che il VO 2 impiegato nelle emergenze reali era 25.6±8.7 ml/kg/min o 63± 14% del VO 2 massimo (40.0±6.5 ml/kg/min). (3) Questo tipo di misurazione può aiutare a stabilire la soglia minima. Sembra che i Vigili del Fuoco durante le operazioni di soccorso lavorino a circa 15±8 minuti: pertanto, per poter mantenere questo tipo d intensità per un tempo così lungo, è necessario che restino aerobici durante la prova. La prova stessa richiede in media 25.6±8.7 ml.kg.min. Questi valori non possono però essere presi in considerazione come soglia minima perché ciò vorrebbe dire che i Vigili del Fuoco dovrebbero lavorare al 100% del loro VO 2 massimo. D altro canto, è noto che è possibile mantenere per un lasso di tempo ragionevole un intensità corrispondente a circa il 75% del VO 2 massimo. Così la letteratura raccomanda da un minimo di 33.5 a 42.0 ml/kg/min che sembra essere ottimale. Cosa ha a che fare questa discussione con la soglia minima? Sembra ovvio che i Vigili del Fuoco debbano essere in grado di lavorare a 25.6±8.7 ml/kg/min senza eccessivo sforzo. Questa potrebbe essere la soglia minima, in quanto sembra essere abbastanza alta da garantire un livello minimo di accettabilità delle prestazioni di lavoro. Una volta noto il costo energetico di un compito, questo può essere trasformato in minuti e secondi. E questo infatti è quello che è stato fatto con il PAT. Questa soglia minima è la stessa anche per le donne e gli handicappati, dal momento che essa rappresenta il consumo d energia richiesto dal lavoro. Ma questo non risolve tutti i problemi. Come ho detto poc anzi, il PAT dovrebbe essere effettuato come test d accesso e anche come test a cui sottoporre periodicamente i Vigili del Fuoco in servizio. I compiti dei Vigili del Fuoco richiedono le stesse prestazioni fisiche con il passare degli anni ma l efficienza fisica diminuisce con l età, anche se un attento stile di vita gioca un ruolo fondamentale nel rallentamento del declino fisico. Sembra quindi che sarebbe più realistico fissare il VO 2 massimo iniziale a circa 45 ml/kg/min. Iniziando da un livello più alto, anche considerato l inevitabile declino, i Vigili del Fuoco potrebbero svolgere il loro lavoro

6 senza inutili sovraffaticamenti fino all età della pensione. Tuttavia, ciò che appare ragionevole può non essere accettato dal tribunale. Di sicuro, le donne obietterebbero, affermando di essere discriminate, anche se il requisito di un VO 2 massimo di 45 ml/kg/min, necessario per l ammissione, sembra basato sulla pura evidenza. L American College of Sports Medicine indica che 45 ml/kg/min vengono raggiunti solo dal 10% delle donne di età compresa fra i 20 e 29 anni. Esistono però altre avvertenze riguardo ai test basati sul lavoro reale di cui dovremmo essere a conoscenza. Secondo l Ayoub esistono almeno due limitazioni. La prima è la sicurezza. I candidati sono fortemente motivati ma possono non avere l efficienza fisica necessaria per svolgere la prova. Durante la prova potrebbero ferirsi. Ciò capita raramente nel test d idoneità fisica. Secondo, con questo tipo di test è impossibile capire la capacità massima di lavoro dei candidati perché il test o si passa o si fallisce. Con i tradizionali test d idoneità fisica, è facile stimare il VO 2 massimo. I test d ammissione per i Vigili del Fuoco si sono evoluti. Abbiamo visto come i test d idoneità fisica siano diventati test basati sul lavoro reale accettati dal Tribunale. Ho sottolineato come abbiamo proceduto ad avvalorare i test, in particolare il PAT, evidenziandone i punti di forza e le debolezze. In effetti, la tendenza è di rendere i test d accesso e quelli successivi discriminatori. Questo è giusto, ma non bisogna dimenticare che quello dei Vigili del Fuoco resta un lavoro rischioso. Il compito dei responsabili è di elaborare dei test che riescano a garantire che i Vigili del Fuoco siano in grado di svolgere i compiti che spettano loro, ovvero salvare se stessi, i cittadini della cui protezione sono responsabili, e, se possibile, le proprietà. In maniera empirica, una volta si riteneva che gli interventi dei Vigili del Fuoco richiedessero quasi il massimo sforzo. Pertanto, l idoneità fisica era considerata alla base del successo delle operazioni. All inizio venivano utilizzati test d idoneità fisica piuttosto rudimentali per scegliere gli elementi più capaci fra tutti i candidati. In seguito, con l interesse mostrato da parte delle donne e delle minoranze ad accedere alla professione e la conseguente opposizione in tribunale ai test d ammissione considerati discriminatori, abbiamo assistito allo sviluppo dei test ispirati al lavoro reale basati sulle funzioni essenziali. Questi test non sono perfetti. Ho già detto che è impossibile stabilire il consumo massimo d ossigeno da parte dei soggetti dal momento che i test ispirati al lavoro reale si limitano a provare che i candidati possiedono il livello minimo di capacità necessarie per essere ammessi alla professione. Questo grado d idoneità fisica è sufficiente per svolgere il lavoro?

7 Da un indagine in cui ai Vigili del Fuoco più esperti era richiesto di portare a termine le cinque prove simulate con gli espedienti utilizzati sulla scena dell incendio, è emerso che il ritmo cardiaco dei Vigili del Fuoco raggiungeva picchi di 178 bpm o il 97% del ritmo cardiaco massimo. Questo alto livello di sforzo veniva raggiunto lavorando in un ambiente normale. Con un carico aggiuntivo per il sistema cardiovascolare rappresentato dal calore che si produce di norma in un incendio, è evidente che le attività di spegnimento richiede il massimo sforzo. Così, l idoneità fisica può rappresentare la variabile che determina la differenza fra il successo e il fallimento di una missione di soccorso. Così, abbiamo quasi concluso il nostro discorso. Siamo partiti con l effettuazione dei test d idoneità fisica per l ammissione alla professione di Vigile del Fuoco. Successivamente, ci si è accorti che tali test, così come erano concepiti, erano discriminatori. Di conseguenza, abbiamo assistito allo sviluppo dei test basati sul lavoro reale e la consapevolezza che essi avevano dei limiti che avevano bisogno di essere corretti. Inoltre, veniva apprezzata sempre di più l idoneità fisica che svolgeva un ruolo fondamentale nell attività dei Vigili del Fuoco. Attualmente, è in corso una tendenza nella scarsa letteratura disponibile che tenta di definire con precisione quale aspetto o aspetti dell idoneità fisica siano fondamentali e, una volta stabilito questo punto, se sia possibile prevedere chi supererà con successo il test che riproduce le situazioni del lavoro reale sulla base dei test d idoneità fisica. Williford et al., nel loro lavoro innovativo, hanno inteso determinare il rapporto tra la prova di spegnimento di un incendio simulato e determinati parametri d idoneità fisica. Gli autori hanno inoltre sviluppato un equazione di regressione per poter predire uno dall altro questi due elementi. La tavola I mostra i dati descrittivi dei Vigili del Fuoco oggetto dello studio. La tavola II mostra i punteggi d idoneità secondo l età su ogni variabile (media±deviazioni standard). La tavola III mostra i tempi delle prestazioni delle prove di lavoro simulato (media±deviazioni standard). La tavola IV rappresenta il punto centrale dello studio. Questa tavola mostra la matrice di correlazione delle variabili della prestazione con le variabili descrittive e d idoneità. Sono emerse correlazioni notevolmente significative per il tempo totale impiegato per portare a termine il PAT e le percentuali relative al grasso corporeo, al peso della massa muscolare, ai sollevamenti, alle flessioni, alla corsa su 1 miglio e mezzo, alle flessioni da seduti, alla forza di presa totale, all altezza e al peso.

8 La matrice di correlazione indica che alcune variabili della prestazione sono collegate più strettamente con determinati punti del test di prestazioni fisiche. Ad esempio, la correlazione tra la corsa su 1.5 miglia e la salita delle scale era r = 0.56, mentre per lo stendimento della manichetta solo r = Ciò dimostra che per determinati tipi di prestazioni sono necessari tipi specifici di capacità fisiche. In generale, l insegnamento che se ne può trarre è che per riuscire bene nei test relativi al lavoro è necessaria una buona idoneità fisica. I Vigili del Fuoco più prestanti hanno a disposizione maggiori riserve di energia, e, cosa più importante, sono meno predisposti a ferirsi. Per rimanere in tale stato di prontezza sarebbe necessario che i Vigili del Fuoco si esercitassero nelle simulazioni dei loro compiti effettivi. Tuttavia, ciò non è praticabile, in quanto non tutti i comandi dei Vigili del Fuoco dispongono di corsi d addestramento e spostarsi periodicamente al centro d addestramento creerebbe problemi di carattere amministrativo. Pertanto, giacché è dimostrato che esistono sostanziali correlazioni tra l idoneità fisica e i tempi di prestazione nelle prove di simulazione del lavoro effettivo, è ragionevole supporre che migliorando l efficienza fisica è possibile aumentare le funzioni relative all attività lavorativa. In sintesi, ciò che intendo affermare è che l efficienza fisica è di fondamentale importanza nelle operazioni di soccorso dei Vigili del Fuoco e che essa può essere mantenuta e accresciuta per mezzo del regolare allenamento fisico facilmente esercitabile nei Comandi dei Vigili del Fuoco. Questa discussione era iniziata chiedendosi come poter misurare nel miglior modo possibile l efficienza dell operato dei Vigili del Fuoco e concludo ribadendo l importanza di un alto livello d idoneità fisica.

9 RIFERIMENTI 1. Reichelt, P.A., e K.M. Conrad Musculoskeletal Injury: Ergonomics and Physical Fitness in Firefighter. Occupational Medicine. 10: Massachussets Fire Departments Pyisical Ability Test. Commonwealth of Massachussets Human Resources Division: November, Sothman, M.S.., K. Saupe, D. Jasenof, e J. Blaney Heart Rate Response of Firefighters to Actual Emergencies. Journal of Occupational Medicine. 34: Williford, H.N., W.J. Duey, R. Howard, e N. Wang Ergonomics. 42:

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133. Misure urgenti per l apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l emergenza del

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Un progetto della Rete dei Comuni Solidali: 290 piccoli comuni italiani per la solidarietà e lo sviluppo Sahel: fra le terre

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10

Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 Soldato di professione nel Distaccamento d esplorazione dell esercito 10 1 2 3 4 5 6 7 8 Impiego & compito I Processo di selezione & requisiti I Istruzione I Attività lavorative I Contatto Il distaccamento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 Convenzione 78 CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli