Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato"

Transcript

1 TEST D IDONEITA FISICA A CUI VENGONO SOTTOPOSTI I VIGILI DEL FUOCO ALL INIZIO E NEL CORSO DELLA LORO ATTIVITA NELLA GRANDI, MEDIE E PICCOLE CITTA DEL MASSACHUSSETS, USA: LIMITI E PROBLEMI Carmelo Bazzano, Ed.D. Professore Emerito, Università del Massachussets/Boston, Boston, MA Scopo del presente documento è di riferire quanto avviene nello Stato del Massachussets in merito all assunzione, allo svolgimento del servizio e al congedo dei Vigili del Fuoco. In particolare, intendo soffermarmi sui test d idoneità fisica che vengono usati per selezionare i candidati che rispondono ai requisiti richiesti per l assunzione e per lo svolgimento di questa professione. Ci auguriamo che dall esperienza altrui sia possibile ricavare informazioni utili per giungere ad una maggiore sicurezza degli interventi. Da quanto mi ha comunicato il Prof. Lunetta, so che lo scopo di questa conferenza è rappresentato dallo scambio di esperienze che risulterà in una nuova visione d insieme e in nuovi modi di affrontare le problematiche relative all attività dei Vigili del Fuoco. Una conferenza dedicata al benessere dei lavoratori mi fa pensare alla nobile tradizione italiana nel settore della medicina del lavoro. Il lavoro avanguardistico di Bernardino Ramazzini De Morbis Artificum Diatriba, pubblicato nel 1700, ha segnato l inizio della preoccupazione da parte della società per la salute dei lavoratori. Negli Stati Uniti, l attività dei Vigili del Fuoco continua ad essere una delle industrie più rischiose. Il suo tasso di ferite/malattie e di incidenti sul lavoro supera quello della maggior parte delle industrie (1). Nel Massachussets, i Vigili del Fuoco sono professionisti o talvolta volontari assunti dalle città o dai paesi. Un tempo, i Vigili del Fuoco erano nominati dai politici e conseguentemente l assunzione costituiva un opportunità di clientelismo. Negli anni, divenne poi sempre più manifesta la necessità che quanti esercitavano questa professione fossero persone competenti. Così i Vigili del Fuoco divennero impiegati statali. Ciò significa che le città e i paesi devono attenersi a determinate norme fissate dalla legge. Pur tuttavia, non tutte le città e i paesi hanno accettato le norme relative agli standard d idoneità fisica suggeriti dallo stato. Vi sto dicendo ciò perché tengo a precisare che l ammissione alla professione dei Vigili del Fuoco ancora varia da una giurisdizione all altra e con essa i requisiti d idoneità fisica. I test d idoneità fisica sono anch essi cambiati per rispecchiare le nuove richieste.

2 Il primo test d idoneità fisica commissionato dallo Stato misurava la forza e la resistenza cardiovascolare. Le voci del test includevano la pressetta da banco e la corsa sulla distanza. Più forte o veloce era il candidato e più punti accumulava. Questa procedura continuò immutata finchè non intervenne il governo federale per conto delle donne e degli handicappati. Queste categorie, tradizionalmente escluse dalla professione dei Vigili del Fuoco, ora sfidavano il sistema ricorrendo al tribunale. In sostanza, esse sostenevano che non sembrava che i Vigili del Fuoco durante le loro missioni di soccorso dovessero avere la capacità di sollevare 300 libbre o di correre un miglio e mezzo in 10 minuti. Esse facevano notare inoltre che il test era semplicemente un mezzo di cui si servivano gli uomini per mantenere il monopolio della professione. Il Diritto Civile del 1991, la Legge sugli Americani Disabili (ADA) del 1991, e gli Emendamenti del 1996 alla Legge sulle Discriminazioni sul Lavoro basate sull Età (ADEA) misero fine a questa controversia stabilendo chiaramente che gli standard relativi al lavoro dovevano basarsi sulle funzioni essenziali per ciascuna specifica attività lavorativa. Il paragrafo 102 dell ADA prescrive che i datori di lavoro devono essere in grado di dimostrare che i test d idoneità fisica sono attinenti al tipo di lavoro e hanno a che fare con le necessità della professione. L intervento del tribunale ha chiarito in maniera inequivocabile che test attitudinali troppo rigidi, anche se il tipo di lavoro svolto dai Vigili del Fuoco richiede un intenso sforzo fisico, non rappresentano quanto richiesto dal tribunale stesso. E inoltre, il tribunale ha chiarito un altro punto, che più avanti verrà ripreso dalla nostra discussione, vale a dire quanto segue: Il parere legale e le leggi federali stabiliscono che i requisiti richiesti per un determinato lavoro devono essere gli stessi per chiunque potrebbe occupare quella posizione o la stia occupando. Ciò significa che sarebbe discriminante negare l accesso ad una persona sulla base di un test se un altra persona che svolge già quella professione non è in grado di superare quello stesso test. Le leggi federali stabiliscono che deve essere previsto un unico test sia d ammissione che successivo e che tale test debba basarsi sulle funzioni essenziali di quel lavoro. I Vigili del Fuoco non possono essere congedati a causa dell età. Se superano il test devono poter rimanere in servizio fino al raggiungimento dell età pensionabile. Così è stata affrontata la questione dell età e in tal senso sono state date indicazioni. È chiaro che questo aspetto rimanda ad un altra questione, ovvero che i Vigili del Fuoco per restare in servizio devono essere sottoposti regolarmente al test. Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato

3 possieda o meno i requisiti fisici necessari per lo svolgimento dei compiti fondamentali previsti dal suo lavoro sia quello di replicare il comportamento richiesto sul lavoro. Secondo la legge, non è tanto importante quanto una persona sia forte o agile, ma piuttosto se sia in grado di fare ciò che il lavoro richiede. Questo è stato un modo nuovo di considerare l attività dei Vigili del Fuoco che non veniva più vista come un lavoro da superuomini ma come un lavoro adatto a chiunque fosse in grado di superare un test che riflettesse quello che i Vigili del Fuoco fanno durante il loro lavoro. Come risultato di questa nuova tendenza, è iniziata la ricerca di un test più appropriato. Il primo passo da compiere nell elaborazione di un test d idoneità fisica consiste nell effettuare quella che viene chiamata un analisi dei compiti lavorativi (JTA). Si tratta della procedura usata nel processo di avvaloramento di un test. La JTA significa ridurre a parole quello che la gente fa. Vi sono molti modi per effettuare una JTA: osservare le persone mentre lavorano, registrare le attività lavorative, intervistare i lavoratori o i sorveglianti e utilizzare dei questionari per raccogliere dati, oppure usare una combinazione di questi metodi. Per il test d idoneità fisica (PAT) usato nel Massachussets venne inviato ad un certo numero di Vigili del Fuoco con molta esperienza e ad alcuni sorveglianti un questionario dettagliato che elencava tutte le operazioni che i Vigili del Fuoco compiono nel corso del loro lavoro. Il primo passo, ovvero la preparazione del questionario, è la più importante, in quanto, in caso di controversia in tribunale, è necessario essere in grado di dimostrare che sono stati presi in esame tutti i compiti più importante relativi al lavoro. Una volta preparato, il questionario deve essere sottoposto agli esperti, che nel nostro caso sono i Vigili del Fuoco e i sorveglianti. Non posso dirvi quale sia l effettiva procedura seguita per la preparazione del PAT poiché il test è il risultato di un accordo contrattuale tra lo stato e un privato. Le informazioni risultanti costituiscono una comunicazione privilegiata. È proprietà privata e per legge non più essere divulgata. Tuttavia, posso assicurarvi che in molte delle indagini riguardanti i PAT dei Vigili del Fuoco in tutto il Paese sono stati seguiti tutti i passi che vi ho detto, salvo lievi modifiche Gli incaricati di svolgere tale indagine sono arrivati a contare trentasei funzioni che i Vigili del Fuoco svolgono nel loro lavoro. Tuttavia, testare i candidati Vigili del Fuoco su trentasei funzioni sarebbe scomodo e impraticabile. Per risolvere la situazione, si è provveduto a ridurre tutte le funzioni ad alcune più rappresentative. Questo viene fatto attraverso un analisi dei fattori o qualche altra procedura. Da questo procedimento di

4 riduzione sono emerse le seguenti funzioni principali: (Diapositiva 1) trascinare una persona, sollevare una scala, guadagnarsi l entrata con l ausilio di una mazza, far avanzare una manichetta, sfondare un soffitto o un muro con un gancio per le parti pericolanti e procedere strisciando attraverso una zona chiusa buia alla ricerca di vittime. Tanto i sindacati dei Vigili del Fuoco che le loro associazioni e i loro rappresentanti concordano sul fatto che questi sono i compiti basilari che i Vigili del Fuoco svolgono nel loro lavoro (2). Le divergenze d opinione sorgono riguardo a ciò che viene chiamata la soglia minima, vale a dire il tempo massimo concesso per portare a termine la prova. Non si tratta infatti per i candidati soltanto di portare a termine la prova, ma anche di farlo in un determinato tempo. Se il candidato impiega più del tempo stabilito, fallisce il test. Attualmente, per superare il test di salita dei gradini ci vogliono non più di 200 secondi. La prova della scale richiede 35,56 secondi, lo stendimento della manichetta 20 secondi, l entrata di forza secondi, la ricerca delle persone 39 secondi, il salvataggio 36 secondi e il gancio 25 tentativi. Per giungere a questi tempi è stata seguita la seguente procedura. Ai soggetti coinvolti inizialmente nel progetto di ricerca è stato chiesto di effettuare le prove alla stessa velocità che avrebbero impiegato normalmente in un operazione di soccorso. I Vigili del Fuoco più anziani hanno tenuto sotto controllo i soggetti e hanno stabilito che la velocità impiegata nel corso delle esercitazioni era simile a quella mantenuta nel corso degli interventi. La media di molte prove è stata presa come indicazione della soglia minima. Questi punteggi sono però sufficientemente ragionevoli e servono davvero a distinguere i Vigili del Fuoco capaci da quelli non capaci? La capacità discriminatoria è un altro modo di giudicare la validità di un test. Per validità si intende la misura in cui un test riesce a misurare quello che deve misurare. Un test valido possiede una soglia minima che teoricamente è in grado di prevedere quali Vigili del Fuoco avranno successo nella loro professione. Il metodo appena descritto per definire la soglia minima è ragionevole ma non molto scientifico. Vi è comunque un altro metodo per valutare la validità della soglia minima, che consiste nel sottoporre al test persone già in servizio nella professione che, presumibilmente, hanno già svolto con successo le mansioni di Vigili del Fuoco. Sottoponendo al test dei veterani, è possibile stabilire la specificità del test, ovvero quale percentuale di Vigili del Fuoco è in grado di superare il test, dato che tutti sono in grado di svolgere il loro lavoro. Il problema con questo metodo è che la specificità del test può essere alterata, modificando la soglia minima.

5 Il lavoro di Sothaman et al. (diapositiva II) è utile per rendere la soglia minima più scientifica. L autore e i suoi collaboratori hanno misurato la risposta in termini di ritmo cardiaco (HR) e di consumo di ossigeno (VO 2 ) in dieci elementi maschili dei Vigili del Fuoco, durante gli interventi realizzati nel corso di reali emergenze. Quello che hanno scoperto è che i Vigili del Fuoco lavoravano a 157±8 battiti al minuto (bpm) per 15±7 minuti. Questo rappresentava l 88±6% del loro HR massimo precedentemente determinato. Basandosi sulla misurazione di routine, venne stabilito un rapporto tra l HR e il VO 2 per ciascun Vigile del Fuoco. E stato pronosticato che il VO 2 impiegato nelle emergenze reali era 25.6±8.7 ml/kg/min o 63± 14% del VO 2 massimo (40.0±6.5 ml/kg/min). (3) Questo tipo di misurazione può aiutare a stabilire la soglia minima. Sembra che i Vigili del Fuoco durante le operazioni di soccorso lavorino a circa 15±8 minuti: pertanto, per poter mantenere questo tipo d intensità per un tempo così lungo, è necessario che restino aerobici durante la prova. La prova stessa richiede in media 25.6±8.7 ml.kg.min. Questi valori non possono però essere presi in considerazione come soglia minima perché ciò vorrebbe dire che i Vigili del Fuoco dovrebbero lavorare al 100% del loro VO 2 massimo. D altro canto, è noto che è possibile mantenere per un lasso di tempo ragionevole un intensità corrispondente a circa il 75% del VO 2 massimo. Così la letteratura raccomanda da un minimo di 33.5 a 42.0 ml/kg/min che sembra essere ottimale. Cosa ha a che fare questa discussione con la soglia minima? Sembra ovvio che i Vigili del Fuoco debbano essere in grado di lavorare a 25.6±8.7 ml/kg/min senza eccessivo sforzo. Questa potrebbe essere la soglia minima, in quanto sembra essere abbastanza alta da garantire un livello minimo di accettabilità delle prestazioni di lavoro. Una volta noto il costo energetico di un compito, questo può essere trasformato in minuti e secondi. E questo infatti è quello che è stato fatto con il PAT. Questa soglia minima è la stessa anche per le donne e gli handicappati, dal momento che essa rappresenta il consumo d energia richiesto dal lavoro. Ma questo non risolve tutti i problemi. Come ho detto poc anzi, il PAT dovrebbe essere effettuato come test d accesso e anche come test a cui sottoporre periodicamente i Vigili del Fuoco in servizio. I compiti dei Vigili del Fuoco richiedono le stesse prestazioni fisiche con il passare degli anni ma l efficienza fisica diminuisce con l età, anche se un attento stile di vita gioca un ruolo fondamentale nel rallentamento del declino fisico. Sembra quindi che sarebbe più realistico fissare il VO 2 massimo iniziale a circa 45 ml/kg/min. Iniziando da un livello più alto, anche considerato l inevitabile declino, i Vigili del Fuoco potrebbero svolgere il loro lavoro

6 senza inutili sovraffaticamenti fino all età della pensione. Tuttavia, ciò che appare ragionevole può non essere accettato dal tribunale. Di sicuro, le donne obietterebbero, affermando di essere discriminate, anche se il requisito di un VO 2 massimo di 45 ml/kg/min, necessario per l ammissione, sembra basato sulla pura evidenza. L American College of Sports Medicine indica che 45 ml/kg/min vengono raggiunti solo dal 10% delle donne di età compresa fra i 20 e 29 anni. Esistono però altre avvertenze riguardo ai test basati sul lavoro reale di cui dovremmo essere a conoscenza. Secondo l Ayoub esistono almeno due limitazioni. La prima è la sicurezza. I candidati sono fortemente motivati ma possono non avere l efficienza fisica necessaria per svolgere la prova. Durante la prova potrebbero ferirsi. Ciò capita raramente nel test d idoneità fisica. Secondo, con questo tipo di test è impossibile capire la capacità massima di lavoro dei candidati perché il test o si passa o si fallisce. Con i tradizionali test d idoneità fisica, è facile stimare il VO 2 massimo. I test d ammissione per i Vigili del Fuoco si sono evoluti. Abbiamo visto come i test d idoneità fisica siano diventati test basati sul lavoro reale accettati dal Tribunale. Ho sottolineato come abbiamo proceduto ad avvalorare i test, in particolare il PAT, evidenziandone i punti di forza e le debolezze. In effetti, la tendenza è di rendere i test d accesso e quelli successivi discriminatori. Questo è giusto, ma non bisogna dimenticare che quello dei Vigili del Fuoco resta un lavoro rischioso. Il compito dei responsabili è di elaborare dei test che riescano a garantire che i Vigili del Fuoco siano in grado di svolgere i compiti che spettano loro, ovvero salvare se stessi, i cittadini della cui protezione sono responsabili, e, se possibile, le proprietà. In maniera empirica, una volta si riteneva che gli interventi dei Vigili del Fuoco richiedessero quasi il massimo sforzo. Pertanto, l idoneità fisica era considerata alla base del successo delle operazioni. All inizio venivano utilizzati test d idoneità fisica piuttosto rudimentali per scegliere gli elementi più capaci fra tutti i candidati. In seguito, con l interesse mostrato da parte delle donne e delle minoranze ad accedere alla professione e la conseguente opposizione in tribunale ai test d ammissione considerati discriminatori, abbiamo assistito allo sviluppo dei test ispirati al lavoro reale basati sulle funzioni essenziali. Questi test non sono perfetti. Ho già detto che è impossibile stabilire il consumo massimo d ossigeno da parte dei soggetti dal momento che i test ispirati al lavoro reale si limitano a provare che i candidati possiedono il livello minimo di capacità necessarie per essere ammessi alla professione. Questo grado d idoneità fisica è sufficiente per svolgere il lavoro?

7 Da un indagine in cui ai Vigili del Fuoco più esperti era richiesto di portare a termine le cinque prove simulate con gli espedienti utilizzati sulla scena dell incendio, è emerso che il ritmo cardiaco dei Vigili del Fuoco raggiungeva picchi di 178 bpm o il 97% del ritmo cardiaco massimo. Questo alto livello di sforzo veniva raggiunto lavorando in un ambiente normale. Con un carico aggiuntivo per il sistema cardiovascolare rappresentato dal calore che si produce di norma in un incendio, è evidente che le attività di spegnimento richiede il massimo sforzo. Così, l idoneità fisica può rappresentare la variabile che determina la differenza fra il successo e il fallimento di una missione di soccorso. Così, abbiamo quasi concluso il nostro discorso. Siamo partiti con l effettuazione dei test d idoneità fisica per l ammissione alla professione di Vigile del Fuoco. Successivamente, ci si è accorti che tali test, così come erano concepiti, erano discriminatori. Di conseguenza, abbiamo assistito allo sviluppo dei test basati sul lavoro reale e la consapevolezza che essi avevano dei limiti che avevano bisogno di essere corretti. Inoltre, veniva apprezzata sempre di più l idoneità fisica che svolgeva un ruolo fondamentale nell attività dei Vigili del Fuoco. Attualmente, è in corso una tendenza nella scarsa letteratura disponibile che tenta di definire con precisione quale aspetto o aspetti dell idoneità fisica siano fondamentali e, una volta stabilito questo punto, se sia possibile prevedere chi supererà con successo il test che riproduce le situazioni del lavoro reale sulla base dei test d idoneità fisica. Williford et al., nel loro lavoro innovativo, hanno inteso determinare il rapporto tra la prova di spegnimento di un incendio simulato e determinati parametri d idoneità fisica. Gli autori hanno inoltre sviluppato un equazione di regressione per poter predire uno dall altro questi due elementi. La tavola I mostra i dati descrittivi dei Vigili del Fuoco oggetto dello studio. La tavola II mostra i punteggi d idoneità secondo l età su ogni variabile (media±deviazioni standard). La tavola III mostra i tempi delle prestazioni delle prove di lavoro simulato (media±deviazioni standard). La tavola IV rappresenta il punto centrale dello studio. Questa tavola mostra la matrice di correlazione delle variabili della prestazione con le variabili descrittive e d idoneità. Sono emerse correlazioni notevolmente significative per il tempo totale impiegato per portare a termine il PAT e le percentuali relative al grasso corporeo, al peso della massa muscolare, ai sollevamenti, alle flessioni, alla corsa su 1 miglio e mezzo, alle flessioni da seduti, alla forza di presa totale, all altezza e al peso.

8 La matrice di correlazione indica che alcune variabili della prestazione sono collegate più strettamente con determinati punti del test di prestazioni fisiche. Ad esempio, la correlazione tra la corsa su 1.5 miglia e la salita delle scale era r = 0.56, mentre per lo stendimento della manichetta solo r = Ciò dimostra che per determinati tipi di prestazioni sono necessari tipi specifici di capacità fisiche. In generale, l insegnamento che se ne può trarre è che per riuscire bene nei test relativi al lavoro è necessaria una buona idoneità fisica. I Vigili del Fuoco più prestanti hanno a disposizione maggiori riserve di energia, e, cosa più importante, sono meno predisposti a ferirsi. Per rimanere in tale stato di prontezza sarebbe necessario che i Vigili del Fuoco si esercitassero nelle simulazioni dei loro compiti effettivi. Tuttavia, ciò non è praticabile, in quanto non tutti i comandi dei Vigili del Fuoco dispongono di corsi d addestramento e spostarsi periodicamente al centro d addestramento creerebbe problemi di carattere amministrativo. Pertanto, giacché è dimostrato che esistono sostanziali correlazioni tra l idoneità fisica e i tempi di prestazione nelle prove di simulazione del lavoro effettivo, è ragionevole supporre che migliorando l efficienza fisica è possibile aumentare le funzioni relative all attività lavorativa. In sintesi, ciò che intendo affermare è che l efficienza fisica è di fondamentale importanza nelle operazioni di soccorso dei Vigili del Fuoco e che essa può essere mantenuta e accresciuta per mezzo del regolare allenamento fisico facilmente esercitabile nei Comandi dei Vigili del Fuoco. Questa discussione era iniziata chiedendosi come poter misurare nel miglior modo possibile l efficienza dell operato dei Vigili del Fuoco e concludo ribadendo l importanza di un alto livello d idoneità fisica.

9 RIFERIMENTI 1. Reichelt, P.A., e K.M. Conrad Musculoskeletal Injury: Ergonomics and Physical Fitness in Firefighter. Occupational Medicine. 10: Massachussets Fire Departments Pyisical Ability Test. Commonwealth of Massachussets Human Resources Division: November, Sothman, M.S.., K. Saupe, D. Jasenof, e J. Blaney Heart Rate Response of Firefighters to Actual Emergencies. Journal of Occupational Medicine. 34: Williford, H.N., W.J. Duey, R. Howard, e N. Wang Ergonomics. 42:

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

510.211.3 Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento

510.211.3 Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento Ordinanza del DDPS concernente il servizio di volo dell Aggruppamento dell armamento del 15 maggio 2003 (Stato 3 giugno 2003) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO ON How Not to Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO IN Come non lasciare al caso L'OTTIMIZZAZIONE DELL'EFFETTO DI ALLENAMENTO. INDICE 5 INTRODUZIONE 6 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO

Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO Direzione centrale Organizzazione Direzione centrale Risorse Umane Indagine sul personale dipendente Questionario Benessere organizzativo ANAC REPORT CONCLUSIVO DICEMBRE 2014 1 A. Premessa La somministrazione

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE

BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE BENESSERE ORGANIZZATIVO I RISULTATI DELL INDAGINE CONOSCITIVA SPERIMENTALE La prima indagine in via sperimentale L indagine è stata avviata, su iniziativa del Responsabile della prevenzione della corruzione

Dettagli

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI -

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007 Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Cari Amici, come a tutti voi noto, presso la nostra sede nazionale

Dettagli

Formazione di gruisti addetti alla manovra di autogrù e gru a torre

Formazione di gruisti addetti alla manovra di autogrù e gru a torre Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Direttiva CFSL N. 6510 Formazione

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

LA PREVENZIONE E L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE ANTINCENDIO. Milano 26 Ottobre 2011 Relatori: Diego Ragni

LA PREVENZIONE E L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE ANTINCENDIO. Milano 26 Ottobre 2011 Relatori: Diego Ragni LA PREVENZIONE E L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE ANTINCENDIO Milano 26 Ottobre 2011 Relatori: Diego Ragni Massimiliano Malerba 1 La formazione, l informazione e l addestramento sono parte integrante e fondamentale

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico?

Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico? Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico? Alberto Martini alberto.martini@sp.unipmn.it Sintesi: La valutazione intende offrire ai decisori pubblici

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7)

CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7) CONSIDERAZIONI FINALI SUI DATI EMERSI DALLA RICERCA E IMPLICAZIONI PER LA FORMAZIONE NEL SETTORE EDILE (capitolo 7) Considerazioni finali sui risultati emersi dalla ricerca e implicazioni per la formazione

Dettagli

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria di Enzo Piccinni Variabilità cardiaca, Training Effect (TE), EPOC. Sono alcuni dei termini destinati a diventare (in breve)

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

Gestione del personale

Gestione del personale PROCEDURA PGSA 01 Gestione del personale Rev. Data Oggetto Redatto da Approvato da 01 30/09/212 Prima emissione Resp. RSGSA Direzione 1 Sommario 1. Scopo...... 3 2. Campo di applicazione...3 3. Riferimenti...3

Dettagli

Una proposta: l associazione delle scuole

Una proposta: l associazione delle scuole Una proposta: l associazione delle scuole Risultati di un sondaggio fra i dirigenti presentazione a cura di ARNALDO FERRARI NASI responsabile del Dipartimento Ricerche de La Fabbrica - Milano 28 L unione

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione PREMESSA METODOLOGIA Nell ambito del sistema di prevenzione e di tutela della Salute e Sicurezza

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Rispetto alle situazioni di inidoneità temporanea e/o parziale si domanda quale comportamento deve essere tenuto dall azienda che ha esaurito o

Rispetto alle situazioni di inidoneità temporanea e/o parziale si domanda quale comportamento deve essere tenuto dall azienda che ha esaurito o Quesito 4 Chiarimenti relativamente alle visite di cui alla lett. e-ter) del 2 comma dell art. 41 del D.lgs. n. 81/08 così come modificato con D.lgs. n. 106/09 (visita medica precedente alla ripresa del

Dettagli

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Contenuti formativi L obiettivo del corso è l acquisizione di conoscenze e competenze di misura, monitoraggio e valutazione degli

Dettagli

La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso

La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso La valutazione del personale nella P.A.: il sistema di valutazione applicato in un Pronto Soccorso di Antonio Busacca infermiere, AO San Carlo Borromeo, U.O.S. di Pronto Soccorso-DEA, Milano Introduzione

Dettagli

OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA PARTECIPAZIONE NEI SISTEMI SOCIALI E SANITARI

OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA PARTECIPAZIONE NEI SISTEMI SOCIALI E SANITARI OSSERVAZIONI IN MERITO ALLA PARTECIPAZIONE NEI SISTEMI SOCIALI E SANITARI - PER LA SENSIBILIZZAZIONE CONTRO LA VIOLENZA SUGLI ANZIANI - Basate sull articolo di Kathryn Roberts: Lungo la linea di divisione

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Compiti del medico del lavoro

Compiti del medico del lavoro Normativa in materia di igiene e sicurezza Compiti del medico del lavoro Oltre che dallo sviluppo della scienza medica, che ha visto sorgere e crescere la professionalità degli esperti delle malattie legate

Dettagli

NATIONAL FIRE BRIGADE: INDUSTRIAL ACCIDENTS OCCURRING TO FIRE-FIGHTERS

NATIONAL FIRE BRIGADE: INDUSTRIAL ACCIDENTS OCCURRING TO FIRE-FIGHTERS NATIONAL FIRE BRIGADE: INDUSTRIAL ACCIDENTS OCCURRING TO FIRE-FIGHTERS 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October

Dettagli

Un'indagine conoscitiva

Un'indagine conoscitiva Un'indagine conoscitiva Annalisa Santini* - Marcello Pedone** 1. Premessa Il confronto con gli altri paesi dell area Europea e mondiale ci ha portato a riconoscere il valore universale della cultura matematica

Dettagli

Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma

Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma Struttura del campione Il campione di 1425 individui intervistati è per il 48,7% costituito da persone di età compresa tra i 40 e i

Dettagli

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare

08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare 08.036 Contro il maltrattamento e per una migliore protezione giuridica degli animali (iniziativa sull'avvocato degli animali). Iniziativa popolare ARGUMENTI PRO ARGOMENTI PRO L AVVOCATO DEGLI ANIMALI

Dettagli

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013

Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano. A cura del Servizio del Personale. Anno 2013 Indagine conoscitiva sul livello di benessere organizzativo del Comune di Triggiano A cura del Servizio del Personale Anno 2013 Indice Introduzione 4 Obiettivi dell indagine 5 Note metodologiche 6 Caratteristiche

Dettagli

Bozza di progetto per le scuole:

Bozza di progetto per le scuole: Associazione Volontari Provinciale Via Tiraboschi, 36/f - tel. e fax 071.2867653 - e-mail: avisproan@tin.it - 60122 Ancona Bozza di progetto per le scuole: Educazione alla cittadinanza attiva, alla solidarietà,

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT

RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT 15 Maggio 2006 RELAZIONE FINALE DEL GRUPPO DI LAVORO CASE MANAGEMENT 1. Case Management (gestione del procedimento) costituisce un tema molto ampio; il gruppo di lavoro ha deciso, perciò, di restringere

Dettagli

Procedura Selezione del Personale

Procedura Selezione del Personale Pag. 1 di 9 PROCEDURA SELEZIONE DEL PERSONALE ISMEA Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare Pag. 2 di 9 SCOPO... 3 1. RESPONSABILITA... 4 2. BANCA DATI ISMEA LAVORA CON NOI... 4 3. MODALITA'...

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE.

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE. REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

Così ti controllo l azienda da acquistare

Così ti controllo l azienda da acquistare Così ti controllo l azienda da acquistare In occasione di cessione di imprese o quote di esse, è opportuno procedere ad un attento check-up. Vediamo che cosa suggerisce un esperto. Uno dei momenti in cui

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

Gestione delle generazioni

Gestione delle generazioni Gestione delle generazioni Helsana Business Health Il cambiamento demografico come opportunità Generazioni diverse: stimoli e sfide specifici Misure a livello di impresa «Il cambiamento demografico è inarrestabile.

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Previdenza e trasparenza Bologna, 19 ottobre 2012

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili

Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili CENTRO DI RIABILITAZIONE VIA BOLZANO 1 B GENOVA TEL. 010 3203600 www.gruppofides.it Guida sulla prevenzione delle cadute delle persone fragili Dott.ssa Renata Carro Fisioterapista Cadute in casa delle

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO

RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO 1. Premessa La legge n. 2 del 28 gennaio 2009 ha vietato la commissione di massimo scoperto (CMS)

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

La scelta appropriata dei testi ALT

La scelta appropriata dei testi ALT La scelta appropriata dei testi ALT Pubblicato da Michele Diodati il giorno 6 agosto 2002 Ha osservato Callie nella Pagina dei commenti: Molti autori non hanno capito esattamente cosa stanno cercando di

Dettagli

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di

Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore Conoscere le tecniche di valutazione dei parametri vitali Riconoscere le situazioni di Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI INSUFFICIENZA CARDIACA - RESPIRATORIA OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere i parametri vitali valutabili dal soccorritore

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO Elaborazione e presentazione dei risultati del QUESTIONARIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI V PRIMARIA E II A-II B SECONDARIA I GRADO A.S. 2012/2013

Dettagli

COMUNE DI TRENTO N. 10091/7 AVVISO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI A N. 2 POSTI DI OPERAIO QUALIFICATO (ELETTRICISTA), CATEGORIA B, BASE.

COMUNE DI TRENTO N. 10091/7 AVVISO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI A N. 2 POSTI DI OPERAIO QUALIFICATO (ELETTRICISTA), CATEGORIA B, BASE. COMUNE DI TRENTO N. 10091/7 AVVISO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI A N. 2 POSTI DI OPERAIO QUALIFICATO (ELETTRICISTA), CATEGORIA B, BASE. Il Dirigente del Servizio Personale rende noto che in esecuzione

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MODALITA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PER- SONALE

REGOLAMENTO PER LA MODALITA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PER- SONALE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA AMBITO DISTRETTUALE N. 3 - BRESCIA EST Sede Legale: Rezzato p.zza Vantini 21 - C.A.P. 25086 Sede Amministrativa: Rezzato, via Zanelli n. 30 Casella

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Per usare il tempo e le risorse nel modo più efficiente possibile, la valutazione deve essere concentrata sui problemi di grande interesse per i committenti

Dettagli

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5

Indice. 2 Il venir meno della esclusività della giurisdizione ecclesiastica. --------------------------------- 5 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE VIII LA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA MATRIMONIALE PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 Efficacia civile delle decisioni ecclesiastiche sui matrimoni canonici:

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

Requisiti per la stesura di un buon questionario

Requisiti per la stesura di un buon questionario Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2005-2006 Requisiti per la stesura di un buon questionario Alessandro Lubisco Requisiti per la stesura di un buon questionario Esperienza del ricercatore Conoscenza

Dettagli

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale:

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: dalla ricerca universitaria al sistema produttivo Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Ancona 14 novembre 2006 Alcuni concetti (luoghi comuni)

Dettagli