Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato"

Transcript

1 TEST D IDONEITA FISICA A CUI VENGONO SOTTOPOSTI I VIGILI DEL FUOCO ALL INIZIO E NEL CORSO DELLA LORO ATTIVITA NELLA GRANDI, MEDIE E PICCOLE CITTA DEL MASSACHUSSETS, USA: LIMITI E PROBLEMI Carmelo Bazzano, Ed.D. Professore Emerito, Università del Massachussets/Boston, Boston, MA Scopo del presente documento è di riferire quanto avviene nello Stato del Massachussets in merito all assunzione, allo svolgimento del servizio e al congedo dei Vigili del Fuoco. In particolare, intendo soffermarmi sui test d idoneità fisica che vengono usati per selezionare i candidati che rispondono ai requisiti richiesti per l assunzione e per lo svolgimento di questa professione. Ci auguriamo che dall esperienza altrui sia possibile ricavare informazioni utili per giungere ad una maggiore sicurezza degli interventi. Da quanto mi ha comunicato il Prof. Lunetta, so che lo scopo di questa conferenza è rappresentato dallo scambio di esperienze che risulterà in una nuova visione d insieme e in nuovi modi di affrontare le problematiche relative all attività dei Vigili del Fuoco. Una conferenza dedicata al benessere dei lavoratori mi fa pensare alla nobile tradizione italiana nel settore della medicina del lavoro. Il lavoro avanguardistico di Bernardino Ramazzini De Morbis Artificum Diatriba, pubblicato nel 1700, ha segnato l inizio della preoccupazione da parte della società per la salute dei lavoratori. Negli Stati Uniti, l attività dei Vigili del Fuoco continua ad essere una delle industrie più rischiose. Il suo tasso di ferite/malattie e di incidenti sul lavoro supera quello della maggior parte delle industrie (1). Nel Massachussets, i Vigili del Fuoco sono professionisti o talvolta volontari assunti dalle città o dai paesi. Un tempo, i Vigili del Fuoco erano nominati dai politici e conseguentemente l assunzione costituiva un opportunità di clientelismo. Negli anni, divenne poi sempre più manifesta la necessità che quanti esercitavano questa professione fossero persone competenti. Così i Vigili del Fuoco divennero impiegati statali. Ciò significa che le città e i paesi devono attenersi a determinate norme fissate dalla legge. Pur tuttavia, non tutte le città e i paesi hanno accettato le norme relative agli standard d idoneità fisica suggeriti dallo stato. Vi sto dicendo ciò perché tengo a precisare che l ammissione alla professione dei Vigili del Fuoco ancora varia da una giurisdizione all altra e con essa i requisiti d idoneità fisica. I test d idoneità fisica sono anch essi cambiati per rispecchiare le nuove richieste.

2 Il primo test d idoneità fisica commissionato dallo Stato misurava la forza e la resistenza cardiovascolare. Le voci del test includevano la pressetta da banco e la corsa sulla distanza. Più forte o veloce era il candidato e più punti accumulava. Questa procedura continuò immutata finchè non intervenne il governo federale per conto delle donne e degli handicappati. Queste categorie, tradizionalmente escluse dalla professione dei Vigili del Fuoco, ora sfidavano il sistema ricorrendo al tribunale. In sostanza, esse sostenevano che non sembrava che i Vigili del Fuoco durante le loro missioni di soccorso dovessero avere la capacità di sollevare 300 libbre o di correre un miglio e mezzo in 10 minuti. Esse facevano notare inoltre che il test era semplicemente un mezzo di cui si servivano gli uomini per mantenere il monopolio della professione. Il Diritto Civile del 1991, la Legge sugli Americani Disabili (ADA) del 1991, e gli Emendamenti del 1996 alla Legge sulle Discriminazioni sul Lavoro basate sull Età (ADEA) misero fine a questa controversia stabilendo chiaramente che gli standard relativi al lavoro dovevano basarsi sulle funzioni essenziali per ciascuna specifica attività lavorativa. Il paragrafo 102 dell ADA prescrive che i datori di lavoro devono essere in grado di dimostrare che i test d idoneità fisica sono attinenti al tipo di lavoro e hanno a che fare con le necessità della professione. L intervento del tribunale ha chiarito in maniera inequivocabile che test attitudinali troppo rigidi, anche se il tipo di lavoro svolto dai Vigili del Fuoco richiede un intenso sforzo fisico, non rappresentano quanto richiesto dal tribunale stesso. E inoltre, il tribunale ha chiarito un altro punto, che più avanti verrà ripreso dalla nostra discussione, vale a dire quanto segue: Il parere legale e le leggi federali stabiliscono che i requisiti richiesti per un determinato lavoro devono essere gli stessi per chiunque potrebbe occupare quella posizione o la stia occupando. Ciò significa che sarebbe discriminante negare l accesso ad una persona sulla base di un test se un altra persona che svolge già quella professione non è in grado di superare quello stesso test. Le leggi federali stabiliscono che deve essere previsto un unico test sia d ammissione che successivo e che tale test debba basarsi sulle funzioni essenziali di quel lavoro. I Vigili del Fuoco non possono essere congedati a causa dell età. Se superano il test devono poter rimanere in servizio fino al raggiungimento dell età pensionabile. Così è stata affrontata la questione dell età e in tal senso sono state date indicazioni. È chiaro che questo aspetto rimanda ad un altra questione, ovvero che i Vigili del Fuoco per restare in servizio devono essere sottoposti regolarmente al test. Le leggi morali e le leggi giuridiche evidenziano chiaramente che il modo migliore per prevedere il successo e determinare se un candidato

3 possieda o meno i requisiti fisici necessari per lo svolgimento dei compiti fondamentali previsti dal suo lavoro sia quello di replicare il comportamento richiesto sul lavoro. Secondo la legge, non è tanto importante quanto una persona sia forte o agile, ma piuttosto se sia in grado di fare ciò che il lavoro richiede. Questo è stato un modo nuovo di considerare l attività dei Vigili del Fuoco che non veniva più vista come un lavoro da superuomini ma come un lavoro adatto a chiunque fosse in grado di superare un test che riflettesse quello che i Vigili del Fuoco fanno durante il loro lavoro. Come risultato di questa nuova tendenza, è iniziata la ricerca di un test più appropriato. Il primo passo da compiere nell elaborazione di un test d idoneità fisica consiste nell effettuare quella che viene chiamata un analisi dei compiti lavorativi (JTA). Si tratta della procedura usata nel processo di avvaloramento di un test. La JTA significa ridurre a parole quello che la gente fa. Vi sono molti modi per effettuare una JTA: osservare le persone mentre lavorano, registrare le attività lavorative, intervistare i lavoratori o i sorveglianti e utilizzare dei questionari per raccogliere dati, oppure usare una combinazione di questi metodi. Per il test d idoneità fisica (PAT) usato nel Massachussets venne inviato ad un certo numero di Vigili del Fuoco con molta esperienza e ad alcuni sorveglianti un questionario dettagliato che elencava tutte le operazioni che i Vigili del Fuoco compiono nel corso del loro lavoro. Il primo passo, ovvero la preparazione del questionario, è la più importante, in quanto, in caso di controversia in tribunale, è necessario essere in grado di dimostrare che sono stati presi in esame tutti i compiti più importante relativi al lavoro. Una volta preparato, il questionario deve essere sottoposto agli esperti, che nel nostro caso sono i Vigili del Fuoco e i sorveglianti. Non posso dirvi quale sia l effettiva procedura seguita per la preparazione del PAT poiché il test è il risultato di un accordo contrattuale tra lo stato e un privato. Le informazioni risultanti costituiscono una comunicazione privilegiata. È proprietà privata e per legge non più essere divulgata. Tuttavia, posso assicurarvi che in molte delle indagini riguardanti i PAT dei Vigili del Fuoco in tutto il Paese sono stati seguiti tutti i passi che vi ho detto, salvo lievi modifiche Gli incaricati di svolgere tale indagine sono arrivati a contare trentasei funzioni che i Vigili del Fuoco svolgono nel loro lavoro. Tuttavia, testare i candidati Vigili del Fuoco su trentasei funzioni sarebbe scomodo e impraticabile. Per risolvere la situazione, si è provveduto a ridurre tutte le funzioni ad alcune più rappresentative. Questo viene fatto attraverso un analisi dei fattori o qualche altra procedura. Da questo procedimento di

4 riduzione sono emerse le seguenti funzioni principali: (Diapositiva 1) trascinare una persona, sollevare una scala, guadagnarsi l entrata con l ausilio di una mazza, far avanzare una manichetta, sfondare un soffitto o un muro con un gancio per le parti pericolanti e procedere strisciando attraverso una zona chiusa buia alla ricerca di vittime. Tanto i sindacati dei Vigili del Fuoco che le loro associazioni e i loro rappresentanti concordano sul fatto che questi sono i compiti basilari che i Vigili del Fuoco svolgono nel loro lavoro (2). Le divergenze d opinione sorgono riguardo a ciò che viene chiamata la soglia minima, vale a dire il tempo massimo concesso per portare a termine la prova. Non si tratta infatti per i candidati soltanto di portare a termine la prova, ma anche di farlo in un determinato tempo. Se il candidato impiega più del tempo stabilito, fallisce il test. Attualmente, per superare il test di salita dei gradini ci vogliono non più di 200 secondi. La prova della scale richiede 35,56 secondi, lo stendimento della manichetta 20 secondi, l entrata di forza secondi, la ricerca delle persone 39 secondi, il salvataggio 36 secondi e il gancio 25 tentativi. Per giungere a questi tempi è stata seguita la seguente procedura. Ai soggetti coinvolti inizialmente nel progetto di ricerca è stato chiesto di effettuare le prove alla stessa velocità che avrebbero impiegato normalmente in un operazione di soccorso. I Vigili del Fuoco più anziani hanno tenuto sotto controllo i soggetti e hanno stabilito che la velocità impiegata nel corso delle esercitazioni era simile a quella mantenuta nel corso degli interventi. La media di molte prove è stata presa come indicazione della soglia minima. Questi punteggi sono però sufficientemente ragionevoli e servono davvero a distinguere i Vigili del Fuoco capaci da quelli non capaci? La capacità discriminatoria è un altro modo di giudicare la validità di un test. Per validità si intende la misura in cui un test riesce a misurare quello che deve misurare. Un test valido possiede una soglia minima che teoricamente è in grado di prevedere quali Vigili del Fuoco avranno successo nella loro professione. Il metodo appena descritto per definire la soglia minima è ragionevole ma non molto scientifico. Vi è comunque un altro metodo per valutare la validità della soglia minima, che consiste nel sottoporre al test persone già in servizio nella professione che, presumibilmente, hanno già svolto con successo le mansioni di Vigili del Fuoco. Sottoponendo al test dei veterani, è possibile stabilire la specificità del test, ovvero quale percentuale di Vigili del Fuoco è in grado di superare il test, dato che tutti sono in grado di svolgere il loro lavoro. Il problema con questo metodo è che la specificità del test può essere alterata, modificando la soglia minima.

5 Il lavoro di Sothaman et al. (diapositiva II) è utile per rendere la soglia minima più scientifica. L autore e i suoi collaboratori hanno misurato la risposta in termini di ritmo cardiaco (HR) e di consumo di ossigeno (VO 2 ) in dieci elementi maschili dei Vigili del Fuoco, durante gli interventi realizzati nel corso di reali emergenze. Quello che hanno scoperto è che i Vigili del Fuoco lavoravano a 157±8 battiti al minuto (bpm) per 15±7 minuti. Questo rappresentava l 88±6% del loro HR massimo precedentemente determinato. Basandosi sulla misurazione di routine, venne stabilito un rapporto tra l HR e il VO 2 per ciascun Vigile del Fuoco. E stato pronosticato che il VO 2 impiegato nelle emergenze reali era 25.6±8.7 ml/kg/min o 63± 14% del VO 2 massimo (40.0±6.5 ml/kg/min). (3) Questo tipo di misurazione può aiutare a stabilire la soglia minima. Sembra che i Vigili del Fuoco durante le operazioni di soccorso lavorino a circa 15±8 minuti: pertanto, per poter mantenere questo tipo d intensità per un tempo così lungo, è necessario che restino aerobici durante la prova. La prova stessa richiede in media 25.6±8.7 ml.kg.min. Questi valori non possono però essere presi in considerazione come soglia minima perché ciò vorrebbe dire che i Vigili del Fuoco dovrebbero lavorare al 100% del loro VO 2 massimo. D altro canto, è noto che è possibile mantenere per un lasso di tempo ragionevole un intensità corrispondente a circa il 75% del VO 2 massimo. Così la letteratura raccomanda da un minimo di 33.5 a 42.0 ml/kg/min che sembra essere ottimale. Cosa ha a che fare questa discussione con la soglia minima? Sembra ovvio che i Vigili del Fuoco debbano essere in grado di lavorare a 25.6±8.7 ml/kg/min senza eccessivo sforzo. Questa potrebbe essere la soglia minima, in quanto sembra essere abbastanza alta da garantire un livello minimo di accettabilità delle prestazioni di lavoro. Una volta noto il costo energetico di un compito, questo può essere trasformato in minuti e secondi. E questo infatti è quello che è stato fatto con il PAT. Questa soglia minima è la stessa anche per le donne e gli handicappati, dal momento che essa rappresenta il consumo d energia richiesto dal lavoro. Ma questo non risolve tutti i problemi. Come ho detto poc anzi, il PAT dovrebbe essere effettuato come test d accesso e anche come test a cui sottoporre periodicamente i Vigili del Fuoco in servizio. I compiti dei Vigili del Fuoco richiedono le stesse prestazioni fisiche con il passare degli anni ma l efficienza fisica diminuisce con l età, anche se un attento stile di vita gioca un ruolo fondamentale nel rallentamento del declino fisico. Sembra quindi che sarebbe più realistico fissare il VO 2 massimo iniziale a circa 45 ml/kg/min. Iniziando da un livello più alto, anche considerato l inevitabile declino, i Vigili del Fuoco potrebbero svolgere il loro lavoro

6 senza inutili sovraffaticamenti fino all età della pensione. Tuttavia, ciò che appare ragionevole può non essere accettato dal tribunale. Di sicuro, le donne obietterebbero, affermando di essere discriminate, anche se il requisito di un VO 2 massimo di 45 ml/kg/min, necessario per l ammissione, sembra basato sulla pura evidenza. L American College of Sports Medicine indica che 45 ml/kg/min vengono raggiunti solo dal 10% delle donne di età compresa fra i 20 e 29 anni. Esistono però altre avvertenze riguardo ai test basati sul lavoro reale di cui dovremmo essere a conoscenza. Secondo l Ayoub esistono almeno due limitazioni. La prima è la sicurezza. I candidati sono fortemente motivati ma possono non avere l efficienza fisica necessaria per svolgere la prova. Durante la prova potrebbero ferirsi. Ciò capita raramente nel test d idoneità fisica. Secondo, con questo tipo di test è impossibile capire la capacità massima di lavoro dei candidati perché il test o si passa o si fallisce. Con i tradizionali test d idoneità fisica, è facile stimare il VO 2 massimo. I test d ammissione per i Vigili del Fuoco si sono evoluti. Abbiamo visto come i test d idoneità fisica siano diventati test basati sul lavoro reale accettati dal Tribunale. Ho sottolineato come abbiamo proceduto ad avvalorare i test, in particolare il PAT, evidenziandone i punti di forza e le debolezze. In effetti, la tendenza è di rendere i test d accesso e quelli successivi discriminatori. Questo è giusto, ma non bisogna dimenticare che quello dei Vigili del Fuoco resta un lavoro rischioso. Il compito dei responsabili è di elaborare dei test che riescano a garantire che i Vigili del Fuoco siano in grado di svolgere i compiti che spettano loro, ovvero salvare se stessi, i cittadini della cui protezione sono responsabili, e, se possibile, le proprietà. In maniera empirica, una volta si riteneva che gli interventi dei Vigili del Fuoco richiedessero quasi il massimo sforzo. Pertanto, l idoneità fisica era considerata alla base del successo delle operazioni. All inizio venivano utilizzati test d idoneità fisica piuttosto rudimentali per scegliere gli elementi più capaci fra tutti i candidati. In seguito, con l interesse mostrato da parte delle donne e delle minoranze ad accedere alla professione e la conseguente opposizione in tribunale ai test d ammissione considerati discriminatori, abbiamo assistito allo sviluppo dei test ispirati al lavoro reale basati sulle funzioni essenziali. Questi test non sono perfetti. Ho già detto che è impossibile stabilire il consumo massimo d ossigeno da parte dei soggetti dal momento che i test ispirati al lavoro reale si limitano a provare che i candidati possiedono il livello minimo di capacità necessarie per essere ammessi alla professione. Questo grado d idoneità fisica è sufficiente per svolgere il lavoro?

7 Da un indagine in cui ai Vigili del Fuoco più esperti era richiesto di portare a termine le cinque prove simulate con gli espedienti utilizzati sulla scena dell incendio, è emerso che il ritmo cardiaco dei Vigili del Fuoco raggiungeva picchi di 178 bpm o il 97% del ritmo cardiaco massimo. Questo alto livello di sforzo veniva raggiunto lavorando in un ambiente normale. Con un carico aggiuntivo per il sistema cardiovascolare rappresentato dal calore che si produce di norma in un incendio, è evidente che le attività di spegnimento richiede il massimo sforzo. Così, l idoneità fisica può rappresentare la variabile che determina la differenza fra il successo e il fallimento di una missione di soccorso. Così, abbiamo quasi concluso il nostro discorso. Siamo partiti con l effettuazione dei test d idoneità fisica per l ammissione alla professione di Vigile del Fuoco. Successivamente, ci si è accorti che tali test, così come erano concepiti, erano discriminatori. Di conseguenza, abbiamo assistito allo sviluppo dei test basati sul lavoro reale e la consapevolezza che essi avevano dei limiti che avevano bisogno di essere corretti. Inoltre, veniva apprezzata sempre di più l idoneità fisica che svolgeva un ruolo fondamentale nell attività dei Vigili del Fuoco. Attualmente, è in corso una tendenza nella scarsa letteratura disponibile che tenta di definire con precisione quale aspetto o aspetti dell idoneità fisica siano fondamentali e, una volta stabilito questo punto, se sia possibile prevedere chi supererà con successo il test che riproduce le situazioni del lavoro reale sulla base dei test d idoneità fisica. Williford et al., nel loro lavoro innovativo, hanno inteso determinare il rapporto tra la prova di spegnimento di un incendio simulato e determinati parametri d idoneità fisica. Gli autori hanno inoltre sviluppato un equazione di regressione per poter predire uno dall altro questi due elementi. La tavola I mostra i dati descrittivi dei Vigili del Fuoco oggetto dello studio. La tavola II mostra i punteggi d idoneità secondo l età su ogni variabile (media±deviazioni standard). La tavola III mostra i tempi delle prestazioni delle prove di lavoro simulato (media±deviazioni standard). La tavola IV rappresenta il punto centrale dello studio. Questa tavola mostra la matrice di correlazione delle variabili della prestazione con le variabili descrittive e d idoneità. Sono emerse correlazioni notevolmente significative per il tempo totale impiegato per portare a termine il PAT e le percentuali relative al grasso corporeo, al peso della massa muscolare, ai sollevamenti, alle flessioni, alla corsa su 1 miglio e mezzo, alle flessioni da seduti, alla forza di presa totale, all altezza e al peso.

8 La matrice di correlazione indica che alcune variabili della prestazione sono collegate più strettamente con determinati punti del test di prestazioni fisiche. Ad esempio, la correlazione tra la corsa su 1.5 miglia e la salita delle scale era r = 0.56, mentre per lo stendimento della manichetta solo r = Ciò dimostra che per determinati tipi di prestazioni sono necessari tipi specifici di capacità fisiche. In generale, l insegnamento che se ne può trarre è che per riuscire bene nei test relativi al lavoro è necessaria una buona idoneità fisica. I Vigili del Fuoco più prestanti hanno a disposizione maggiori riserve di energia, e, cosa più importante, sono meno predisposti a ferirsi. Per rimanere in tale stato di prontezza sarebbe necessario che i Vigili del Fuoco si esercitassero nelle simulazioni dei loro compiti effettivi. Tuttavia, ciò non è praticabile, in quanto non tutti i comandi dei Vigili del Fuoco dispongono di corsi d addestramento e spostarsi periodicamente al centro d addestramento creerebbe problemi di carattere amministrativo. Pertanto, giacché è dimostrato che esistono sostanziali correlazioni tra l idoneità fisica e i tempi di prestazione nelle prove di simulazione del lavoro effettivo, è ragionevole supporre che migliorando l efficienza fisica è possibile aumentare le funzioni relative all attività lavorativa. In sintesi, ciò che intendo affermare è che l efficienza fisica è di fondamentale importanza nelle operazioni di soccorso dei Vigili del Fuoco e che essa può essere mantenuta e accresciuta per mezzo del regolare allenamento fisico facilmente esercitabile nei Comandi dei Vigili del Fuoco. Questa discussione era iniziata chiedendosi come poter misurare nel miglior modo possibile l efficienza dell operato dei Vigili del Fuoco e concludo ribadendo l importanza di un alto livello d idoneità fisica.

9 RIFERIMENTI 1. Reichelt, P.A., e K.M. Conrad Musculoskeletal Injury: Ergonomics and Physical Fitness in Firefighter. Occupational Medicine. 10: Massachussets Fire Departments Pyisical Ability Test. Commonwealth of Massachussets Human Resources Division: November, Sothman, M.S.., K. Saupe, D. Jasenof, e J. Blaney Heart Rate Response of Firefighters to Actual Emergencies. Journal of Occupational Medicine. 34: Williford, H.N., W.J. Duey, R. Howard, e N. Wang Ergonomics. 42:

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Sostanze energetiche 44. Non so 32. Sostanze che servono a integrare le carenze 23. Bevande che contengono vitamine e sali minerali 20

Sostanze energetiche 44. Non so 32. Sostanze che servono a integrare le carenze 23. Bevande che contengono vitamine e sali minerali 20 INDAGINE SU INTEGRATORI E DOPING Presentiamo i risultati del questionario realizzato presso la Medicina dello sport dell ASL 7 della Regione Piemonte allo scopo di raccogliere informazioni sulla conoscenza

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana

Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana Sicurezza in copertura: l importanza dell informazione, della formazione e dell addestramento dei lavoratori Loick Mattana Lavorare in cantiere richiede sempre un adeguato approccio nei confronti della

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

1.1) Il presente regolamento stabilisce i requisiti essenziali, i criteri e. le modalità generali di reclutamento del personale, con contratto di

1.1) Il presente regolamento stabilisce i requisiti essenziali, i criteri e. le modalità generali di reclutamento del personale, con contratto di REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI 1) AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1) Il presente regolamento stabilisce i requisiti essenziali, i criteri e le modalità generali di reclutamento del personale, con contratto di

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Gestione del conflitto o della negoziazione

Gestione del conflitto o della negoziazione 1. Gestione del conflitto o della negoziazione Per ognuna delle 30 coppie di alternative scegli quella che è più vera per te. A volte lascio che siano gli altri a prendersi la responsabilità di risolvere

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Modello di valutazione movimentazione manuale dei carichi (cod. 300.23) DIMOSTRATIVO MODELLI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Modello di

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Christopher N. Sciamanna, Scott P. Novak, Bess H. Marcus. International Journal of

Dettagli

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento.

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento. 1 Il Fondo Lento Benvenuto, oggi voglio parlarti del FONDO LENTO, uno dei principali mezzi d'allenamento che un atleta di qualsiasi livello ha a disposizione. Il fondo lento ha molteplici valenze: 1) serve

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione.

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione. IL FIT- TEST Chiunque abbia iniziato a praticare uno sport da qualche tempo si sarà chiesto quale sia il valore assoluto della sua prestazione. "Ho fatto 40 vasche in mezz'ora, è un buon risultato?" "Ho

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro

Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Scheda informativa gestione dei rischi per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Questa scheda informativa offre indicazioni generali per le persone che gestiscono un azienda o un iniziativa imprenditoriale

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI VALUTAZIONE DEL DA MOVIMENTI RIPETITIVI DEGLI ARTI SUPERIORI In fase di sopralluogo vengono utilizzate check-list, riprese cinematografiche, interviste ai lavoratori e colloqui con i responsabili per la

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale. di Mariangela Balestra

La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale. di Mariangela Balestra La sentenza TNT TRACO / POSTE ITALIANE SPA del 17 maggio 2001 (C-340/99) ed il finanziamento del servizio universale di Mariangela Balestra La sentenza della Corte di giustizia CE del 17 maggio scorso

Dettagli

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS.

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS. REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE Roma, 27/03/2007 2006 117RS Presentazione 02 PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Autore: Format Srl - ricerche di mercato

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica ARBITROCLUB SEZIONE A.I.A. AREZZO Linee Guida Programma di allenamento auto-diretto Caro Associato, di seguito troverai

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

corsi di preparazione ai test d ingresso per le facoltà a numero chiuso dell area sanitaria

corsi di preparazione ai test d ingresso per le facoltà a numero chiuso dell area sanitaria I CORSI DI TAXI1729 corsi di preparazione ai test d ingresso per le facoltà a numero chiuso dell area sanitaria L esame di maturità è un passaggio decisivo nella vita di ogni studente. Superato questo

Dettagli

Misura il tuo stato di forma con il 2Km walking test

Misura il tuo stato di forma con il 2Km walking test Misura il tuo stato di forma con il 2Km walking test Quante volte abbiamo pensato di verificare il nostro stato di forma e ci siamo messi alla ricerca di un metodo che ci potesse aiutare in questo? Ricerche

Dettagli

Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre2009

Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre2009 Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre29 A cura del Comitato Scientifico del Circolo Che Guevara PRC-Navile Con il sostegno del Comitato Salute Pubblica zona Obiettivi

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

Fogli Bis e autovalutazione finale

Fogli Bis e autovalutazione finale Laboratori di matematica di 2a elementare Fogli Bis e autovalutazione finale Informazioni e annotazioni per l insegnante Quest anno, oltre ai fogli Bis, così com erano previsti e proposti nei mini laboratori

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI N questionario (non compilare) MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI Con questo questionario le chiediamo di aiutarci a capire i suoi rapporti con il sistema bancario italiano: modalità, livello di soddisfazione,

Dettagli

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 La Buona Scuola in Toscana Vademecum per i Focus Group Il Focus Group (di seguito FG) è una tecnica di rilevazione basata

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi:

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi: Riassunto della perizia del Prof. dott. iur. Ueli Kieser sull avamprogetto relativo all ordinanza concernente la vigilanza sull assicurazione malattie (OVAMal) L Ufficio federale della sanità pubblica

Dettagli

a nuove opportunità Creatività ed inventiva per affrontare la crisi 8 e 10 aprile 2014 6 e 8 maggio 2014 3 e 5 giugno 2014

a nuove opportunità Creatività ed inventiva per affrontare la crisi 8 e 10 aprile 2014 6 e 8 maggio 2014 3 e 5 giugno 2014 Aprire la mente Corsi di specializzazione per agenti e rappresentanti di commercio Se non cambi, soccombi Nuove prospettive per la professione di agente di commercio in un mondo che cambia Aprirsi a nuove

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07

PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE -MATEMATICA 2006/2007 Modelli Matematici per la Società Incontro del 15.02.07 CODICI MONOALFABETICI E ANALISI DELLE FREQUENZE (organizzata da Francesca Visentin) Riprendiamo

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI

ALLEGATO B. Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI ALLEGATO B Sistema permanente di valutazione valutazione dell apporto individuale SCHEDE DI VALUTAZIONE INDIVIDUALI Il presente allegato rappresenta il risultato della procedura di concertazione di cui

Dettagli

Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro A dieci anni dall entrata in vigore del D.Lgs 494/96, (Attuazione della direttiva 92/57/CEE

Dettagli

QUESTIONARIO SICUREZZA

QUESTIONARIO SICUREZZA QUESTIONARIO SICUREZZA 1. Quale figura del D.Lgs. 81/08 ha l obbligo di osservare le misure generali per la sicurezza e la salute dei lavoratori? A. Il Datore di Lavoro B. Il lavoratore C. Il Rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Antonella Grasso matricola 42910 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

QUESTO E IL NOSTRO CUORE

QUESTO E IL NOSTRO CUORE QUESTO E IL NOSTRO CUORE Classe V Scuola Primaria Fase di engage Per comprendere meglio alcuni significati che collegano la pratica motoria alla salute del nostro cuore, in questa fase la classe viene

Dettagli

REGOLAMENTO RECLUTAMENTO PERSONALE

REGOLAMENTO RECLUTAMENTO PERSONALE REGOLAMENTO RECLUTAMENTO PERSONALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 17/02/2010 Con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17 febbraio 2010, nel rispetto dei principi di imparzialità,

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Premessa L'attenzione agli aspetti psicosociali è alla base della stessa missione di Croce Rossa, in quanto preparando gli interventi a favore delle persone

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

R E G O L A M E N T O R ICERCA E SELEZIONE DEL P E R S O N A L E

R E G O L A M E N T O R ICERCA E SELEZIONE DEL P E R S O N A L E R E G O L A M E N T O R ICERCA E SELEZIONE DEL P E R S O N A L E 1 1. A M B I T O D I A P P L I C A Z I O N E 1. Il presente regolamento stabilisce i requisiti essenziali, i criteri e le modalità generali

Dettagli

Fonti di energia non rinnovabili

Fonti di energia non rinnovabili Fonti di energia non rinnovabili envi.stromzivota.sk ENVI-MOBILE: Integration of mobile learning into environmental education fostering local communities development 2014-1-SK01-KA200-000481 ERAZMUS+ Programme

Dettagli

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE

MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE MEA SPA REGOLAMENTO ASSUNZIONE PERSONALE INDICE Premessa art. 1 Ambito di applicazione art. 2 Pari opportunità e protezione dati personali art. 3 Categorie protette art. 4 Tipologie di contratti art. 5

Dettagli