UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI AGRARIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI AGRARIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI AGRARIA FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Classe delle Lauree Biotecnologie L-2) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Art. 1. Denominazione del Corso di studio 1. È istituito, presso le Facoltà di Agraria e Medicina Veterinaria dell Università degli Studi di Teramo, il Corso di Laurea in Biotecnologie, appartenente alla Classe L-2 delle lauree triennali in Biotecnologie. Art. 2. Requisiti per l ammissione 1. Il corso di laurea in Biotecnologie è istituito senza limitazioni di accesso che non siano quelle stabilite dalle Leggi in vigore e dai Decreti Ministeriali. Per iscriversi al Corso di laurea in Biotecnologie, occorre il possesso di un Diploma di Scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all estero e riconosciuto idoneo dai Regolamenti di Ateneo. 2. L ammissione, pur non prevedendo adempimenti preliminari, richiede il possesso, all atto dell immatricolazione, di un adeguata preparazione consistente in conoscenze di base relative all Area fisico-matematicostatistica (comprendente nozioni generali delle leggi della fisica, matematica e statistica) e all Area chimico-biologica (comprendente nozioni di base di chimica generale e biologia cellulare). Tale preparazione di base potrà essere verificata attraverso un test di autovalutazione per l accesso ai Corsi, in forma di questionario a risposte multiple, reperibile dalle prime settimane di Settembre presso gli Uffici Tutorato di entrambe le Facoltà ed on-line sul sito di Ateneo. 1

2 Eventuali carenze culturali, riscontrate per una o più materie oggetto della prova di verifica, potranno essere compensate mediante la partecipazione a specifiche attività formative, da svolgersi prima dell avvio dei corsi. Dette attività consistono in pre-corsi di recupero, organizzati dal Corso di Laurea, con durata di almeno una settimana su materie di base (matematica, fisica, statistica, chimica e biologia). La frequenza dei precorsi è fortemente consigliata a coloro che non abbiano superato il test di autovalutazione. I pre-corsi, tenuti dai docenti titolari dei rispettivi insegnamenti, si svolgeranno tra l ultima settimana di Settembre e la prima settimana di Ottobre. 3. Conformemente al Regolamento didattico di Ateneo, è consentito iscriversi al Corso di studio in Biotecnologie come studente part-time. Lo studente part-time svolge le attività didattiche e consegue i CFU di ciascun anno accademico al massimo in due anni. Il Consiglio del Corso di studio, sentita la Commissione didattica paritetica, approva il piano di studio dello studente part-time, con l indicazione del numero di CFU annui. 4. L iscrizione al corso di laurea in Biotecnologie è incompatibile con l iscrizione ad altro corso di laurea universitario. Art. 3. Obiettivi formativi 1. Obiettivi formativi qualificanti del Corso di Laurea Il corso di laurea in Biotecnologie è di durata triennale e si propone di formare laureati con una solida conoscenza di base dei sistemi biologici e in possesso di una professionalità operativa da spendere in ambito agroalimentare, ambientale, farmaceutico, industriale, medico e veterinario. Il laureato in Biotecnologie è una figura professionale dotata di una formazione culturale, scientifica e tecnologica di tipo universitario che gli consentirà di: - conoscere, fino a livello cellulare e molecolare, struttura e funzioni dei sistemi biologici; - possedere conoscenze di base nei settori culturali delle biotecnologie e competenze tecnico-operative per gli ambiti di interesse; - saper applicare le tecniche acquisite nel rispetto delle normative nazionali e comunitarie e degli aspetti deontologici e bioetici; 2

3 - essere in grado di utilizzare, oltre all italiano, l inglese ed eventualmente un altra lingua dell Unione Europea, per lo scambio di informazioni relative agli ambiti specifici di interesse; - conoscere le modalità e gli strumenti per comunicare e gestire correttamente le informazioni, anche mediante la stesura di rapporti tecnicoscientifici; - essere autonomo nell applicazione di protocolli sperimentali; - saper lavorare in gruppo e mostrare un adeguata capacità di inserimento nell ambiente di lavoro, anche in un contesto internazionale. Il percorso di studio si propone di sviluppare una solida formazione teorico-pratica attraverso un approccio multidisciplinare. In particolare, esso prevede un progressivo e parallelo approfondimento di tre principali linee tematiche: biomolecole, cellule e microrganismi. Tale percorso, in linea con gli incalzanti progressi della ricerca e delle applicazioni innovative in campo biotecnologico, fornirà allo studente le più attuali conoscenze scientifiche nel campo delle scienze omiche (genomica, proteomica, metabolomica), contestualizzandone le acquisizioni e le possibili applicazioni nel complesso quadro della regolamentazione nazionale e comunitaria e degli aspetti economici aziendali. In quest ottica, il percorso formativo sarà completato con aspetti inerenti la bioetica e la comunicazione scientifica, indispensabili per la corretta applicazione e il necessario trasferimento delle conoscenze in campo biotecnologico. L intento è quello di fornire, al termine del corso, un profilo culturale moderno ed aggiornato, che consenta al laureato non solo di poter analizzare i processi biologici, ma anche di intervenire su di essi. Di conseguenza, il biotecnologo può arrivare a modificare biomolecole, cellule e microrganismi, al fine di ottenere beni e servizi utili alla salute dell uomo, degli animali e dell ambiente, operando negli ambiti agro-alimentare, ambientale, farmaceutico, industriale, medico e veterinario, così come in quello della comunicazione scientifica. 2. Obiettivi formativi specifici del Corso di Laurea Il Corso di Laurea in Biotecnologie, realizzato con la partecipazione delle Facoltà di Agraria e Medicina Veterinaria dell Università degli Studi di Teramo, si propone di fornire conoscenze e formare professionalità che garantiscano una visione completa delle attività e delle problematiche relative alla produzione, analisi, rilevazione, gestione e commercializzazione dei prodotti biotecnologici, nonché la capacità di valutarne le implicazioni bioetiche e di darne una corretta comunicazione all opinione pubblica tramite i correnti mezzi d informazione e di 3

4 divulgazione scientifica. In questo contesto, le diverse competenze dei docenti, di cui il corso di laurea interfacoltà si avvale, consentono di offrire un progetto formativo che garantisce allo studente di biotecnologie di Teramo la trasmissione delle conoscenze fondamentali richieste nei diversi settori applicativi tipici della figura professionale del biotecnologo. Pertanto, il Corso di Laurea non prevede un articolazione in curricula od orientamenti, legati a specifici ambiti biotecnologici (industriale, agroalimentare, ambientale, farmaceutico, medico o veterinario), ma piuttosto intende formare un laureato in Biotecnologie con una preparazione di base molto ampia; conseguentemente, il profilo occupazionale del laureato teramano è polivalente. Questa multidisciplinarietà, ricevuta nel percorso formativo, consente al laureato teramano la prosecuzione degli studi e la possibilità di accesso ad uno spettro molto ampio di Lauree Magistrali. In questo contesto, presso l Ateneo teramano rappresentano una realtà già consolidata i corsi di laurea magistrale in Biotecnologie della Riproduzione e in Scienze e Tecnologie Alimentari. Inoltre, sono a disposizione del laureato in biotecnologie presso la sede teramana corsi di formazione superiore, mirati ad un ancora migliore inserimento nel mondo del lavoro, tra cui il corso di perfezionamento in Analisi e controllo di alimenti contenenti organismi geneticamente modificati. Relativamente al contatto con il mondo professionale ed al futuro inserimento in contesti lavorativi, il Corso di Laurea in Biotecnologie offre agli studenti, già durante il corso triennale, dei moduli professionalizzanti organizzati di concerto con la Regione, in cui i partecipanti possono prendere contatti con esperti delle aziende pubbliche e private e conoscere le metodologie più moderne ed applicative richieste dai principali centri di ricerca a livello nazionale ed europeo nel settore delle biotecnologie. Il Laureato in Biotecnologie svolge compiti tecnici di gestione e controllo nelle attività di produzione, analisi, rilevazione e gestione di prodotti biotecnologici. Obiettivo generale delle sue funzioni professionali, anche a supporto ed integrazione di altre, è la preparazione e l analisi di prodotti biotecnologici mediante tecniche molecolari e cellulari avanzate, che gli consentano anche di valutarne la presenza negli alimenti e, quindi, l impatto sulla loro qualità e sicurezza. Un aspetto peculiare e rilevante della formazione del Biotecnologo teramano è quello di saper comunicare tramite i moderni mezzi dell informazione e della divulgazione scientifica il valore socio-economico dei prodotti biotecnologici, spiegandone l impatto bioetico ed il valore commerciale in qualità di prodotti brevettabili, fonte di nuove attività produttive. La sua attività professionale si svolge in tutti gli ambiti deputati ad ottenere beni e servizi che contribuiscono al miglioramento della salute dell uomo e della qualità dell ambiente. Questi sono rappresentati dagli Enti pubblici e privati che conducono attività di produzione, analisi, 4

5 controllo, gestione e certificazione dei prodotti biotecnologici, dalle industrie biotecnologiche propriamente dette, da quelle farmaceutiche ed alimentari. Il Laureato esprime la sua professionalità anche nelle Società pubbliche o private che si occupano della brevettazione di invenzioni biotecnologiche e della creazione delle nuove attività commerciali che ne possono derivare. Il corso di laurea in Biotecnologie dell Ateneo teramano fornisce, quindi, conoscenze, capacità e competenze che portano alla formazione di un laureato che: - possiede adeguate conoscenze di base della matematica, della fisica, dell'informatica e della chimica, sapendole utilizzare nei loro aspetti applicativi lungo tutto il processo di creazione ed analisi dei prodotti biotecnologici; conosce, sa identificare e controllare i principali processi biochimici e biologico-molecolari, possedendo le basi teoriche per saper eseguire le principali metodologie della biologia e della genetica molecolare; sa isolare, caratterizzare e coltivare cellule e microrganismi; conosce i metodi di indagine molecolare e cellulare propri delle biotecnologie; - possiede una solida capacità di analizzare e gestire dati di tipo scientifico; quindi, è in grado di utilizzare i risultati della ricerca sperimentale per pianificare la sua attività professionale, nonché di finalizzare le proprie conoscenze alla soluzione dei molteplici problemi relativi alla creazione ed analisi di prodotti biotecnologici; - conosce il quadro normativo ed economico all interno del quale si sviluppa la ricerca e la commercializzazione dei prodotti biotecnologici; quindi, possiede una consapevolezza ed autonomia di giudizio che gli permettono di acquisire le informazioni necessarie e di valutarne le implicazioni in un contesto produttivo e di mercato, per attuare interventi atti a migliorare la qualità e l efficienza della creazione e dell analisi di prodotti biotecnologici, anche in termini di impatto etico e socio-economico e di sostenibilità ambientale; - possiede una buona conoscenza della lingua inglese e degli strumenti cognitivi di base per l'aggiornamento continuo delle conoscenze dello specifico settore, anche con strumenti che fanno uso delle nuove tecnologie della comunicazione e dell informatica; quindi, è in grado di comunicare efficacemente con persone di pari o inferiori competenze, servendosi dei correnti mezzi di comunicazione e divulgazione scientifica. Complessivamente, il corso di laurea in Biotecnologie intende fornire una preparazione teorico-pratica di ampio respiro, volta a fornire gli strumenti concettuali e tecnico-pratici per un operatività sperimentale che consente di analizzare ed utilizzare, anche modificandole, biomolecole, 5

6 cellule procariotiche ed eucariotiche (microbiche, animali o vegetali). Ciò al fine di ottenere beni e servizi che contribuiscono al miglioramento della salute dell uomo e della qualità dell ambiente. Un elenco dei principali risultati di apprendimento attesi, suddivisi per gli ambiti disciplinari in cui si articola la classe di laurea, è proposto nella tabella che segue. Attività formative Ambiti disciplinari Risultati di apprendimento attesi di base Discipline Piena comprensione del concetto di funzione. matematiche, fisiche, informatiche e statistiche: C.I. Matematica, Acquisizione dei principi basilari che regolano il calcolo differenziale ed il calcolo integrale per funzioni reali di una variabile, con particolare riferimento ai concetti di limite e di continuità. Familiarità nell uso fisica, informatica e delle grandezze fisiche secondo il Sistema statistica. Internazionale, capacità di analisi dimensionale e di analisi statistica dei dati sperimentali. Padronanza di principi e leggi della fisica di base (cinematica, leggi dei gas, ottica, elettromagnetismo e termodinamica). Abilità di impiego del computer e dei principali Discipline chimiche: C.I. Fondamenti di Chimica. pacchetti operativi. Conoscenza della struttura e della costituzione atomico-molecolare della materia e delle leggi che ne descrivono i comportamenti chimici secondo i rapporti ponderali definiti dalla stechiometria. Capacità di utilizzare in contesti riferibili alle biotecnologie gli equilibri in soluzione, le misure di ph e di concentrazione. Comprensione del ruolo della natura delle varie specie chimiche, dei legami che tra esse intercorrono e della struttura molecolare sulle proprietà dei composti inorganici ed organici. Comprensione dei meccanismi di reazione e dei fattori che governano le reazioni chimiche tipiche nelle principali classi di composti inorganici ed organici. Conoscenza delle principali metodologie per lo studio delle molecole, della loro struttura e della loro reazioni tipiche. Discipline biologiche: C.I. Biochimica generale; Comprensione degli aspetti fondamentali della biochimica e della biologia molecolare di organismi procariotici ed eucariotici. Abilità nel distinguere i componenti di tali organismi attraverso metodologie 6

7 C.I. Biochimica del Metabolismo; C.I. Metodologie Biochimiche; C.I. Biologia Molecolare; C.I. Biologia Molecolare Applicata alla Genetica; C.I. Struttura e funzione cellulare; C.I. Microbiologia. caratterizzanti Discipline per la regolamentazione, economia e bioetica C.I. Bioetica; C.I. Economia e gestione aziendale e disciplina dei brevetti biotecnologici. con finalità specifiche Discipline biotecnologiche agrarie C.I. Microbiologia; C.I. Microbiologia industriale e tecnologie alimentari. Discipline biotecnologiche mediche e terapeutiche C.I. Genetica; C.I. Biologia Molecolare Applicata alla Genetica; C.I. Biotecnologie cellulari; C.I. Fisiopatologia cellulare. Discipline scientifiche. Capacità di comprendere le relazioni struttura-funzione delle biomolecole (glucidi, lipidi, proteine ed acidi nucleici) e delle loro modificazioni nei processi cellulari. Capacità di cogliere gli aspetti fondamentali dell integrazione e regolazione dei flussi metabolici, sia catabolici che anabolici. Produzione di organismi geneticamente modificati e padronanza delle metodiche per la loro rilevazione. Conoscenza delle metodologie biochimiche per lo studio delle biomolecole. Acquisizione delle nozioni di base dell economia e gestione di laboratori ed attività produttive di tipo biotecnologico. Conoscenza delle norme legislative che consentono la protezione brevettuale e lo sfruttamento commerciale di un invenzione biotecnologica. Comprensione degli aspetti fondamentali relativi all organizzazione morfo-funzionale degli organismi microbici e vegetali. Acquisizione delle tecniche di isolamento e caratterizzazione di microrganismi. Sfruttamento di organismi microbici e vegetali per la creazione di prodotti biotecnologici. Apprendimento dei processi di trasformazione delle sostanze primarie per la produzione di alimenti. Abilità nell uso consapevole e proficuo di tecniche biologico-molecolari e genetiche necessarie per la diagnosi ed il trattamento di patologie umane ed animali. Apprendimento delle tecnologie ricombinanti e delle procedure di manipolazione cellulare, che consentono di correggere difetti genetici; capacità di analisi degli effetti di tali manipolazioni. Comprensione degli aspetti fondamentali relativi 7

8 affini o integrative biotecnologiche veterinarie C.I. Struttura e funzione cellulare; C.I. Fisiologia Cellulare ed Immunologia; C.I. Biotecnologie cellulari; C.I. Fisiopatologia cellulare. Discipline orientate all integrazione e/o completamento del percorso formativo con riferimento a specifiche culture di contesto C.I. Bioetica; C.I. Teorie e tecniche di comunicazione scientifica all organizzazione morfo-funzionale degli organismi animali. Acquisizione delle tecniche di manipolazione di colture cellulari e di prelievo, mantenimento ed analisi di cellule e tessuti animali. Padronanza delle tecniche di produzione di anticorpi mono- e policlonali e del loro impiego in ambito biotecnologico. Acquisizione delle conoscenze relative alla bioetica ed alla sua rilevanza in ambito biotecnologico. Apprendimento delle tecniche di comunicazione e padronanza del loro utilizzo per diffondere e valorizzare le attività biotecnologiche ed il loro impatto socio-economico. 3. Risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei (o di Dublino) del titolo di studio In linea con la raccomandazione del Parlamento europeo per l adozione di un quadro unico di riferimento per le qualifiche europee nel riguardo dei titoli universitari, il Corso di Laurea in Biotecnologie individua le competenze disciplinari e le abilità pratiche da conseguire, così come definite nel documento EQF (European Qualifications Framework-Quadro Europeo delle Qualifiche) il quale stabilisce, attraverso la definizione di un preciso framework, i risultati di apprendimento attesi. I descrittori di Dublino, utilizzati nella definizione dell offerta formativa, mirano al raggiungimento dei seguenti obiettivi: - Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding); - Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding); - Autonomia di giudizio (making judgements); - Abilità comunicative (communication skills); - Capacità di apprendere (learning skills). 8

9 Il Corso di Laurea in Biotecnologie intende quindi formare figure professionali caratterizzate dalle seguenti competenze: Conoscenza e capacità di comprensione Il Laureato in Biotecnologie dovrà acquisire una buona conoscenza e comprensione della struttura e funzioni dei sistemi biologici, dal livello molecolare a quello cellulare, e degli strumenti concettuali, tecnici, normativi, etici, ambientali ed economici implicati nella produzione di beni e servizi da questi sistemi. Dovranno inoltre essere sviluppate capacità di mantenere continuamente aggiornate e collegate tali conoscenze e capacità agli aspetti più innovativi ed avanzati nei contesti di esercizio della propria professione. Capacità di applicare conoscenza e comprensione Il Laureato in Biotecnologie dovrà acquisire capacità e competenze di problem solving, ovvero essere in grado di traslare le informazioni teoriche e le abilità operative acquisite, ai contesti scientifici e tecnologici previsti nelle operatività proprie delle varie applicazioni delle biotecnologie. Essere quindi in grado non solo di analizzare e descrivere i processi biologici, ma anche di utilizzarli e di intervenire su di essi con gli opportuni mezzi e strumenti scientifici e tecnologici al fine di ottenere beni e servizi utili. Dovrà, quindi: a) saper affrontare attivamente e creativamente problematiche nel proprio contesto lavorativo; b) saper intervenire nelle procedure di controllo e gestione delle procedure operative; c) saper pianificare e condurre autonomamente il proprio lavoro tecnico e/o di ricerca. Autonomia di giudizio Il Laureato in Biotecnologie dovrà essere in grado di raccogliere ed interpretare i dati derivanti dalla propria attività in modo autonomo, critico ed autorevole, individuandone i presupposti, analizzandone le dinamiche di trasformazione e descrivendone le conseguenze. Dovrà inoltre essere in grado di collegare tutti gli aspetti della propria operatività valutandone le conseguenze sociali, scientifiche, etiche ed economiche che ne risultano. Abilità comunicative Il Laureato in Biotecnologie dovrà sapersi esprimere correttamente e con rigore scientifico, anche in inglese, sia per la stesura di rapporti tecnicoscientifici in ambito aziendale che, più in generale, per comunicare in ambito accademico-scientifico e sociale i risultati del proprio lavoro tecnico e/o di ricerca, sia ad un pubblico esperto che, in termini adeguatamente comprensibili ma altrettanto rigorosi, ad un pubblico non specializzato. 9

10 Dovrà saper utilizzare tutte le modalità e gli strumenti tecnici ed informatici per la gestione della comunicazione e dovrà conoscere i processi e le logiche per una efficiente ed efficace comunicazione. Dovrà inoltre aver acquisito buone capacità relazionali nella gestione della propria attività lavorativa, sapendo lavorare in gruppo con adeguate capacità di inserimento nell ambiente di lavoro, anche in contesto internazionale. Capacità di apprendere Il Laureato in Biotecnologie dovrà aver acquisito non solo competenze e conoscenze adeguate al conseguimento del titolo di studio, ma soprattutto stimoli, capacità e metodi di apprendimento adeguati per l aggiornamento e l innalzamento continuo delle proprie competenze, quindi motivazioni e metodi per progredire a livelli di conoscenza sempre più avanzati mediante una adeguata autonomia operativa. Art. 4. Elenco delle attività formative Il Corso di studio in Biotecnologie, in conformità con l Ordinamento didattico approvato, prevede specifiche attività formative riportate nella allegata tabella B, parte integrante del Manifesto degli Studi. Il Manifesto degli Studi stabilisce annualmente la denominazione degli insegnamenti e l eventuale articolazione in moduli. Art. 5. Calendario e tipologia delle attività didattiche 1. Le attività didattiche del Corso di laurea in Biotecnologie si svolgono per bimestri, secondo quanto disposto dai Regolamenti di Facoltà, in base ad un calendario approvato annualmente dalle Facoltà di Agraria e di Medicina Veterinaria. Il Corso di laurea in Biotecnologie ha una durata di tre anni e corrisponde al conseguimento di 180 Crediti Formativi Universitari (CFU) e si conclude con il superamento della prova finale descritta al successivo art. 12. Il Corso di laurea in Biotecnologie prevede un percorso di studi articolato in un anno (il primo) comune a tutti gli studenti, utile all acquisizione delle competenze di base negli ambiti delle discipline matematiche, fisiche, informatiche, statistiche, chimiche e biologiche ed in un percorso successivo (di due anni), durante il quale gli studenti, pur mantenendo un forte impianto centrale e comune di discipline che caratterizzano la figura di un 10

11 biotecnologo ad ampio spettro di competenze, potranno diversificare e personalizzare il loro percorso formativo con insegnamenti a scelta che vengono formalizzati nella presentazione di un Piano di Studio la cui formulazione è descritta nel Regolamento Didattico di Corso di laurea. Nel corso degli ultimi due anni, infatti, vengono approfonditi aspetti inerenti le basi molecolari delle funzioni dei sistemi biologici parallelamente alle metodologie per la loro identificazione, caratterizzazione ed eventuale modificazione. 2. Le attività didattiche del Corso di laurea in Biotecnologie sono organizzate per ciascun anno di corso in tre cicli coordinati, convenzionalmente chiamati "bimestri" e pari a non meno di 8 settimane ciascuno. L articolazione in bimestri è utile al raggiungimento degli obiettivi didattici, consentendo agli studenti di affrontare gli esami subito dopo aver seguito i relativi corsi. Il curriculum del corso di laurea prevede insegnamenti di tipo teorico, con prevalenza di lezioni frontali, ed insegnamenti con attività pratiche con esercitazioni e corsi di laboratorio. Una quota dell attività didattica viene sviluppata all interno dei laboratori di ricerca dell Università o presso aziende, nazionali od europee, per consentire allo studente di sperimentare il metodo scientifico acquisito, di sviluppare una capacità critica nella lettura ed interpretazione dei risultati e di porre le basi per una progettualità, in relazione ad obiettivi specifici, per facilitare l inserimento nel mondo del lavoro. Il curriculum prevede inoltre un tirocinio obbligatorio, durante il quale lo studente deve dedicare almeno 150 ore ad attività di tipo pratico, svolte presso una struttura di ricerca universitaria o presso un Ente di ricerca pubblico o privato, oppure presso un azienda operante nel settore delle biotecnologie. Ognuna di queste realtà, in cui può essere svolto il periodo di tirocinio, deve essere riconosciuta idonea dal Consiglio del Corso di Laurea in Biotecnologie e può essere scelta sia in ambito nazionale che europeo. Il lavoro svolto durante il periodo di tirocinio potrà anche essere utilizzato per la produzione dell elaborato da discutere in sede di prova finale per il conseguimento della laurea (vedi Art. 12). Il tirocinio, corrispondente a 7 CFU, potrà essere iniziato solo dopo aver conseguito almeno 90 CFU edaver superato tutti gli esami previsti al primo anno. La scelta del tirocinio, l attività da svolgere, il riconoscimento dei CFU acquisibili, la verifica della frequenza del laboratorio e tutte le attività connesse e gli 11

12 adempimenti da compiere sono stabiliti dal Regolamento Didattico del Corso di Laurea. Per ogni insegnamento impartito nel corso di laurea è prevista la produzione di materiale didattico, reso disponibile per tutti gli studenti presso la biblioteca, sia in formato cartaceo che in supporto elettronico, ed accessibile anche a distanza previa registrazione degli studenti. 3. Gli insegnamenti, oltre che monodisciplinari, possono essere articolati in corsi integrati, comprendenti due o tre moduli distinti. I moduli didattici che compongono gli insegnamenti si svolgono in successione all interno del calendario bimestrale e possono essere svolti anche in forma integrata da più docenti. 4. Ciascun CFU corrisponde a 25 ore di attività formativa, comprensive: a) delle ore di lezione frontale (anche svolte in forma seminariale); b) delle ore di attività didattica tutoriale svolta in laboratorio; c) delle ore spese dallo studente nelle altre attività formative previste dall Ordinamento didattico; d) delle ore di studio autonomo necessarie per completare la sua formazione. Secondo quanto stabilito dal Regolamento didattico di Ateneo, la ripartizione (secondo i punti a, b, c, d del precedente paragrafo) dei CFU relativi ad ogni insegnamento è riportata in tabella (allegato 1). 6. L impegno complessivo medio di apprendimento svolto in un anno dallo studente a tempo pieno è convenzionalmente fissato in 60 CFU. 7. Previa delibera dei Consigli di Facoltà, il Corso di laurea in Biotecnologie può mutuare da altro corso di laurea, sia interi moduli d insegnamento, sia parte di essi, precisando in quest ultimo caso il corrispondente valore in CFU. Art. 6. Riconoscimento di Crediti Formativi Universitari Il riconoscimento di CFU (non superiore a 60) relativi a conoscenze ed abilità professionali certificate ai sensi della normativa vigente in materia, nonché le altre conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello postsecondario alla cui progettazione e realizzazione l Ateneo o altre istituzioni universitarie riconosciute abbiano concorso, viene effettuato mediante delibera del Consiglio del Corso di laurea, previa verifica da parte 12

13 della Commissione Didattica paritetica dei contenuti delle attività formative svolte, dei loro CFU e/o ore, e della loro congruità e compatibilità con gli obiettivi didattici del Corso di laurea in Biotecnologie. Art. 7. Attività a scelta dello studente Lo studente potrà acquisire 12 CFU a scelta, individuando, anche con l ausilio del Tutor individuale (definito dall Art. 14), qualsiasi insegnamento offerto dall Università degli Studi di Teramo, purché riconosciuto coerente con il percorso formativo da parte della Commissione Didattica paritetica del Corso di laurea. Per completare l offerta formativa, tenendo conto di nuove istanze e necessità professionali, lo studente potrà scegliere stage (art. 9) o altre attività formative attivate direttamente dall Università o alla cui attivazione l Ateneo abbia concorso. Art. 8. Manifesto degli Studi 1. Il Consiglio del Corso di laurea in Biotecnologie approva annualmente il Manifesto degli Studi, specificando quanto segue: a) indicazione delle conoscenze richieste per l accesso; b) insegnamenti attivati, articolazione temporale e obiettivi formativi degli stessi; c) propedeuticità e conoscenze richieste; d) eventuali obblighi di frequenza; e) CFU assegnati ad ogni insegnamento e ad ogni altra attività finalizzata al conseguimento della laurea in Biotecnologie; f) la previsione della figura dello studente part-time, con le relative modalità del percorso formativo. Art. 9. Tirocinio, stage, e periodi di studio all estero 1. Durante la propria carriera universitaria, lo studente del Corso di laurea in Biotecnologie dovrà svolgere il periodo obbligatorio di tirocinio presso i laboratori del polo scientifico dell Ateneo, o in alternativa, sempre sotto la responsabilità di un docente interno, presso Enti pubblici o privati (italiani o stranieri) convenzionati con l Ateneo. Nell ambito dello svolgimento del tirocinio, lo studente deve dedicare almeno 140 ore di attività pratica. La frequenza e l attività di tirocinio dovrà essere certificata dal docente responsabile e sarà riconosciuta come 7 CFU. 13

14 2. Lo studente del Corso di laurea in Biotecnologie, con le stesse modalità descritte al punto 1, potrà svolgere eventuali stage aggiuntivi. Lo stage rappresenta un esperienza formativa attraverso cui lo studente, oltre a maturare CFU acquisibili come crediti a scelta, può maturare un esperienza professionale nel mondo del lavoro e acquisire specifiche competenze professionali. 3. Secondo quanto previsto dai Programmi di Studio all estero (LLP/ERASMUS, Tirocini CRUI, etc), facendo riferimento ai diversi Regolamenti relativi alle specifiche iniziative, lo studente potrà altresì acquisire presso un Università straniera fino ad un massimo di 60 CFU per un periodo di permanenza annuale, o fino al corrispondente numero proporzionale di CFU, in caso di periodo inferiore all anno. Art. 10. Frequenza ed esami 1. La frequenza alle lezioni, anche se non obbligatoria, è fortemente raccomandata ed incentivata per tutte le attività didattiche. A questo scopo viene attivata l Iscrizione ai Corsi, ovvero allo studente che frequenta un insegnamento viene proposto, su base volontaria e nel rispetto delle prerogative della privacy, di Iscriversi allo stesso indicando, tra l altro, indirizzo postale ed . In questo modo, il docente titolare dell insegnamento può mettere più agevolmente a disposizione degli studenti iscritti il materiale didattico, anche in forma estemporanea, e può proporre prove di verifica del grado di apprendimento in itinere ed a distanza. Mediante tale approccio il docente può inoltre stabilire un contatto costante e puntuale volto allo scambio di materiale didattico e al monitoraggio dell efficacia del rapporto insegnamento/apprendimento. 2. I CFU attribuiti alle singole attività didattiche del Corso di laurea in Biotecnologie vengono acquisiti dallo studente con il superamento della relativa prova d esame. La prova può essere articolata in un esame scritto e/o orale, o in una relazione sull attività pratica di laboratorio. 3. Per ogni insegnamento sono previsti n. 10 appelli ordinari, la cui data va pubblicizzata con ampio anticipo. Nella stessa sessione, tra due successivi appelli d esame di uno stesso insegnamento devono intercorrere almeno 15 giorni. La prenotazione all esame è obbligatoria e va effettuata fino a 3 giorni lavorativi prima della data fissata per l appello. 14

15 Gli appelli di esame sono fissati negli intervalli tra i bimestri, periodo in cui è prevista l interruzione dell attività didattica. Gli studenti in corso non possono sostenere esami durante il periodo di svolgimento delle attività didattiche. Solo per gli studenti fuori corso, lavoratori o part-time è possibile accedere a tutti gli appelli di esame. 4. Lo studente, per gli insegnamenti articolati in più moduli, sostiene una sola prova finale nei normali appelli di esame, condotta collegialmente dai docenti che hanno impartito i diversi moduli, con una valutazione unica. 5. Per l accertamento della conoscenza di una lingua straniera è previsto un esame scritto e/o orale, in cui potrà essere valutata l eventuale congruità di altri diplomi. Per l accertamento delle abilità informatiche è previsto un esame scritto e/o orale, da svolgersi al termine di un corso impartito da docenti esperti del settore che utilizzeranno le aule informatiche presenti presso l Ateneo di Teramo. 6. Lo studente che non abbia conseguito almeno un terzo dei CFU previsti per ciascun anno di corso può iscriversi come studente part-time nel successivo anno di corso. 7. Lo studente che non abbia completato il suo percorso formativo entro il termine della durata normale prevista per il Corso di studio viene iscritto come studente fuori corso. Art. 11. Propedeuticità 1. Gli studenti sono tenuti al rispetto delle propedeuticità. Queste sono parte integrante del Manifesto degli Studi. Per ragioni di propedeuticità gli esami relativi agli insegnamenti elencati nella colonna B della Tabella seguente devono essere superati prima di sostenere quelli relativi agli insegnamenti riportati nella colonna A della stessa Tabella. 15

16 Tabella Propedeucità degli esami Insegnamento: Colonna A Insegnamento: Colonna B N Corsi Integrati/Monodisciplinari Corso integrati propedeutici 1 C.M. Biofisica 2 C.M. Istituzioni di Matematica 3 C.I. Informatica e statistica -C.M. Istituzioni di Matematica (2) 4 C.M. Chimica generale ed inorganica 5 C.M. Chimica organica -C.M.Chimica generale ed inorganica (4) 6 C.I. Biochimica -C.M.Chimica organica (5) 7 C.I. Microbiologia generale 8 C.I. Fisiologia cellulare I -C.I. Biochimica (6) -C.I. Citologia (9) 9 C.I. Citologia 10 C.M. Inglese 11 C. I. Biologia molecolare -C.M.Chimica organica (5) - C.I. Biochimica (6) 12 C.I. Metodologie biochimiche -C.I. Biochimica (6) -C.I. Microbiologia generale (7) 13 C.M. Biochimica del metabolismo -C.I. Biochimica (6) 14 C.I. Genetica -C.I. Citologia (9) -C.I. Biologia Molecolare (11) 15 C. I. Microbiologia applicata -C.I. Biochimica (6) -C.I. Microbiologia generale (7) 16 C.I. Fisiologia cellulare II -C.I. Fisiologia cellulare I (8) 17 C.I. Immunologia -C.I. Microbiologia Generale (7) -C.I. Fisiologia cellulare I (8) 18 C.M. Disciplina dei brevetti biotecnol. 19 C.M. Economia e gestione aziendale 20 C.I. Biologia molecolare applicata alla genetica -C.I. Genetica (14) 21 C.M. Biologia molecolare applicata -C.I. Biologia Molecolare (11) alla diagnostica -C.I. Metodologie biochimiche (12) 22 C.I. Fisiopatologia cellulare e -C.I. Immunologia (17) 16

17 tecniche per la produzione di anticorpi 23 -C.I. Biologia Molecolare (11) C.I. Biotecnologie dei microrganismi -C.I. Microbiologia Applicata (15) 24 C.M. Tecnologie per linee cellulari e cellule staminali -C.I. Fisiologia cellulare II (16) 25 C.M. Morfologia e fisiologia vegetale 26 C.M. Teorie e tecniche di comunicazione scientifica 27 C.M. Bioetica Art. 12. Prova finale e Commissione di laurea 1. La prova finale per il conseguimento della laurea in Biotecnologie consiste nella preparazione di un elaborato scritto e nella sua presentazione e discussione di fronte ad una Commissione di laurea. L elaborato deve essere inerente ad una delle tematiche specifiche del percorso formativo e deve rappresentare il resoconto di un momento di approfondimento individuale, da attuarsi mediante una delle seguenti attività da parte dello studente: a) attività sperimentali presso i laboratori del polo scientifico dell Ateneo, attraverso cui lo studente ha la possibilità di acquisire ulteriori abilità tecniche, e/o di mettere a punto particolari metodi e procedure, e/o di sviluppare un piccolo progetto di ricerca; b) attività sperimentali presso un Azienda o un Ente che abbia stipulato una Convenzione con l Ateneo, svolto sotto la responsabilità didatticoorganizzativa di un docente del Corso di laurea (Relatore/Correlatore), che dovrà certificare la validità dell elaborato svolto in strutture esterne all Università; c) indagini di approfondimento bibliografico e documentale su uno specifico argomento inerente ad una delle tematiche del percorso formativo. In tutti i casi l elaborato scritto deve essere preparato sotto la guida e la supervisione di un docente Relatore, secondo le caratteristiche definite nel Regolamento Didattico del Corso di Laurea. Lo studente acquisisce i 6 CFU, previsti per la prova finale, a seguito di una presentazione e discussione dell elaborato giudicato in modo soddisfacente da parte della Commissione di laurea, la quale attribuisce 17

18 anche il voto di laurea finale secondo i criteri definiti nel Regolamento Didattico del Corso di laurea. Per essere ammesso alla prova finale, lo studente deve aver conseguito tutti i CFU relativi alle attività formative previste dal Piano di Studio. 2. La votazione finale è espressa in centodecimi (ed eventuale lode) e deriva dalla conversione in centodecimi della media riportata negli esami di profitto, a cui va aggiunto il punteggio attribuito all elaborato finale. Come stabilito dal Regolamento Didattico di Corso di laurea, agli elaborati finali di tipo sperimentale la Commissione di laurea attribuirà un voto superiore rispetto a quelli di tipo bibliografico e compilativo. Art. 13. Trasferimento da altri Corsi di studio 1. Il Consiglio del Corso determina i criteri per il riconoscimento dei CFU in caso di trasferimento da altro Corso di studio. Il riconoscimento dei CFU acquisiti presso un altro Corso di studio dell Ateneo o in Corsi di altra Università viene effettuato mediante delibera del Consiglio del Corso di laurea, previa verifica da parte della Commissione Didattica paritetica dei contenuti delle attività formative svolte, dei loro CFU e/o ore, e della loro congruità e compatibilità con gli obiettivi didattici del Corso di laurea in Biotecnologie. Nel caso in cui il trasferimento dello studente sia effettuato tra Corsi di laurea appartenenti alla medesima classe, la quota di CFU relativi al medesimo settore scientifico-disciplinare direttamente riconosciuti allo studente non può essere inferiore al 50% di quelli già maturati. 2. Le domande di trasferimento al Corso di laurea in Biotecnologie sono esaminate dal Consiglio di Facoltà, sentito il parere del Consiglio del Corso, entro 30 giorni dalla presentazione delle domanda. Art. 14. Orientamento e tutorato 1. La responsabilità delle attività di orientamento e tutorato del Corso di studio è del Consiglio di Corso di laurea ed è esercitata tramite l Ufficio di Orientamento e Tutorato. 18

19 2. All atto dell iscrizione ad ogni studente viene assegnato un docente Tutor individuale, appartenente al corpo docente ed al quale lo studente potrà rivolgersi per orientamento di tipo organizzativo e culturale durante tutta la sua carriera universitaria. Il Tutor seguirà al massimo dieci studenti per l intera durata del percorso formativo, rappresentando un punto di riferimento per tutte le problematiche derivanti dalla programmazione delle attività di studio, dal corretto impiego dei servizi di Facoltà, nonché da quelle collegate all inserimento nel nuovo ambiente universitario con particolare attenzione alle metodologie di studio. In casi particolari, lo studente può richiedere al Presidente del Corso di essere assegnato ad un diverso docente Tutor. Art. 15 Consiglio del Corso di laurea 1. Il Consiglio di Corso di laurea è composto da tutti i docenti degli insegnamenti impartiti e da una rappresentanza degli studenti, secondo le proporzioni e le prerogative previste dalla normativa vigente. 2. Il Consiglio di Corso, nei limiti degli indirizzi generali fissati dal Senato Accademico e di quelli di coordinamento della programmazione fissati dal Consiglio di Facoltà, esercita le attribuzioni inerenti il funzionamento del Corso stesso. In particolare, propone: a) le attività formative da inserire nei Piani di Studio; b) la programmazione e la gestione della didattica rispetto agli obiettivi formativi, nei limiti delle risorse disponibili; c) le tipologie delle forme didattiche e delle prove di valutazione della preparazione degli studenti e gli eventuali obblighi di frequenza. 3. Per i corsi di studio che si svolgono con il concorso di altri Atenei, la convenzione istitutiva individua la composizione del Consiglio di corso e le modalità organizzative. 4. I Consigli dei Corsi di studio sono coordinati da un Presidente, che assume la responsabilità del Corso insieme al Preside di Facoltà. Art. 16. Commissione didattica paritetica 1. La Commissione Didattica paritetica è composta di otto membri, con rappresentanza paritetica di docenti (4) e studenti (4), ed è nominata con delibera del Consiglio di Facoltà su proposta del Consiglio di Corso di laurea. La Commissione elegge al suo interno un Presidente, tra i docenti che ne fanno parte. 19

20 2. La Commissione didattica paritetica esprime il proprio parere circa la coerenza tra i CFU assegnati alle attività formative ed i loro specifici obiettivi formativi, prima della delibera delle competenti strutture didattiche. 3. È compito della Commissione didattica paritetica collaborare con il Preside di Facoltà, allo scopo di monitorare il regolare svolgimento dell attività didattica in particolare per quanto attiene al rispetto degli obblighi didattici dei docenti, la regolarità delle lezioni e degli esami, l osservanza dei relativi orari, compresi quelli di ricevimento, di assistenza e di tutorato. 4. La Commissione didattica paritetica assicura un equilibrata regolamentazione del calendario didattico e degli orari delle singole attività, evitando che si determinino situazioni di squilibrio all interno dei semestri e di sovrapposizione tra i singoli moduli didattici. 5. Singoli docenti e studenti possono sottoporre alla Commissione didattica paritetica questioni attinenti alla didattica. La Commissione didattica paritetica è tenuta ad esaminare e deliberare sulle eventuali disfunzioni della didattica segnalate da studenti e docenti. 6. Alla Commissione didattica paritetica spetta anche la valutazione della qualità dell offerta formativa, attraverso la rielaborazione dei dati relativi al corso di studio, assumendo eventuali iniziative correttive delle disfunzioni riscontrate. Art. 17. Norme transitorie e finali 1. Modifiche al presente Regolamento sono proposte dal Consiglio di Corso ed approvate dal Consiglio di Facoltà. 2. Per quanto non previsto dal presente Regolamento di Corso di laurea si rinvia al Regolamento didattico di Ateneo. 20

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (abilitante alla professione sanitaria di Tecnico della prevenzione nell ambiente e nei luoghi

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it

Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE PER GLI STUDENTI Tutte le procedure on-line sono accessibili tramite il portale degli studenti https://studenti.unisalento.it REGOLE VALIDE PER I CORSI ATTIVATI AI SENSI DEL D.M. 270/04 Immatricolazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA PRESIDIO PER LA QUALITA DELLA FORMAZIONE LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SUA-CDS OSSERVAZIONI GENERALI 1) La Scheda Unica Annuale del (SUA-) e in particolare la sezione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002)

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) TITOLO PRIMO CAPO PRIMO Natura e caratteristiche del Dipartimento Articolo 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04

Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Roma, ottobre 2009 Guida pratica alla progettazione di un Corso di Studio ai sensi del D.M. 270/04 Interazioni con il processo di autovalutazione GUIDA PRATICA ALLA PROGETTAZIONE DI UN CORSO DI STUDIO

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233 ed in particolare l articolo 1, comma 8; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli