EDUCAZIONE FISICA(EF)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDUCAZIONE FISICA(EF)"

Transcript

1 M2-48s Pag 1 di 9 Educazione fisica classi prime Scuola Secondaria di 1 grado Francesco Anzani Anno Scolastico Progettazione annuale di EDUCAZIONE FISICA() Classe prima x Tutte le sezioni x Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno, attraverso le attività di gioco motorio e sportivo, che sono esperienze privilegiate dove si coniuga il sapere, il saper fare e il saper essere È consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che nei limiti. Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Ha la capacità di progettare, di mantenere l attenzione sulla meta e di assumersi responsabilità nei confronti delle proprie azioni. È capace di integrarsi nel gruppo, di condividerne e rispettarne le regole, di assumersi responsabilità nei confronti delle proprie azioni e di impegnarsi per il bene comune. Rispetta criteri base di sicurezza per sé e per gli altri. Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole.. Riconosce, ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello star bene in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione. Obiettivi di apprendimento Ob 1. ) Saper affrontare il lavoro in palestra sob a. ) Essere in grado di utilizzare lo spazio e gli attrezzi della palestra sob b. ) Saper modificare il proprio sforzo per raggiungere l obiettivo finale. sob c. ) Mantenere un impegno motorio nel tempo,. sob d. ) Saper portare attenzione nelle varie situazioni sob e. ) Saper lavorare con gli altri in situazioni semplici sob f. ) Saper assumere comportamenti e atteggiamenti adatti alla attività di palestra Ob 2. ) Saper praticare attività sportive di squadra sob g. ) Saper modificare i propri automatii per arrivare a padroneggiare diverse capacità coordinative adattandole alle situazioni richieste dal gioco anche in modo creativo. sob h. ) Saper affrontare le difficoltà, mantenere la tensione, l attenzione e la voglia di migliorare per raggiungere l obiettivo finale durante tutta la fase di preparazione sob i. ) Saper affrontare l errore e sapersi migliorare sob j. ) Saper gestire in modo consapevole alcuni aspetti della gara sob k. ) Saper comunicare correttamente con i compagni di squadra durante l allenamento e la gara sob l. ) Partecipare in forma attiva al gioco di squadra. sob m. ) Conoscere e applicare correttamente il regolamento tecnico dei giochi sportivi, assumendo anche il ruolo di arbitro e/o funzioni di giuria. sob n. ) Saper decodificare i gesti arbitrali in relazione all applicazione del regolamento di gioco. Ob 3. ) Saper affrontare prove ginnico-atletiche sob o. ) Sapersi mettere in gioco anche in situazioni di difficoltà sob p. ) Saper applicare schemi e azioni di movimento per risolvere un determinato problema motorio, riproducendo anche nuove forme di movimento. sob q. ) Utilizzare e correlare le variabili spazio-temporali funzionali alla realizzazione del gesto tecnico in ogni situazione sportiva.(ampiezza, direzione, intensità, durata) sob r. ) Saper osservare le situazioni, comprendere le differenze, provare a migliorare le proprie prestazioni mettendo in pratica le osservazioni di azioni che si sono dimostrate più efficaci. sob s. ) Saper accettare il proprio livello di partenza delle prestazioni e sapersi dare obiettivi possibili Contenuti del curricolo ( Argomenti, attività o Unità di apprendimento - Uda). Allegare eventualmente materiale di approfondimento (mappe e sintesi ecc) co 01. ) Uda Educazione motoria di base (vedi allegato 1) co 02. ) Uda Pallacambio (vedi allegato 2) co 03. ) Uda Giochi studenteschi (vedi allegato 3)

2 M2-48s Pag 2 di 9 Educazione fisica classi prime co 04. ) Uda palla tennis primo livello (vedi allegato 4) Metodi del curricolo Indicatori di frequenza Codice Quantificatore numerico Quantificatore verbale 0 (0 ore su 33) c.a Mai 1 (1-2 ore su 33) c.a Raramente 2 (Da 3 a 6 ore su 33) c.a A volte 3 (da 7 a 12 ore su 33) c.a Spesso 4 (oltre 12 ore su 33) c.a Molto spesso Lezione frontale Metodologie che ci si propone di utilizzare Metodologie di laboratorio in aule attrezzate PALESTRA Metodologie di laboratorio in aule non attrezzate Attività pratiche Ricerca individuale da parte degli alunni Frequenza d uso da 0 a 4 (vedi sopra) Lavoro cooperativo (gruppi con modalità di lavoro definite e predisposte)in 3 palestra Conduzione di dibattiti e interazioni verbali, soprattutto in palestra 2 Altre attività ( uscite, spettacoli, competizioni ) tornei istituto, gare comunali ed eventualmente provinciali Verifica -tipo di prove (almeno 4 valutazioni a quadrimestre) e criteri per la verifica, per la codificazione e la registrazione TEST INIZIALI :(vedi allegato 5): Non si valutano i test di ingresso ma si registrano e si comunicano solo le misurazioni. SUL REGISTRO ELETTRONICO vengono registrate con un codice letterale che indica il livello di prestazione e che non sarà conteggiato nella media della valutazione I docenti, nei singoli M2-49s Programmazione disciplinare- itinerario del docente sc. sec. descrivono quali dei test proposti nel repertorio di allegato 5 vengono attuati nelle singole classi. SUL REGISTRO ELETTRONICO: al numero 1 si registrer le valutazioni dei risultati delle performances: o Prove misurate (ad esempio la prova dei 6 minuti di corsa, i lanci, le prove di velocità ecc., n di saltelli alle funicelle ecc.) valutate secondo tabelle standardizzaste o secondo un calcolo ponderato a partire dalle medie della scuola o della classe o Prove di durata, secondo tabella 1 o Prove oggettive di conoscenza valutate secondo la I2-17 Osservazioni sistematiche durante il lavoro e durante il gioco (si vedatabella 2). SUL REGISTRO ELETTRONICO: al numero 2 si registrer le valutazioni delle osservazioni sistematiche: o Osservazioni sistematiche durante le performances individuali e collettive (giochi di squadra) vedi Tabella 2 o Osservazioni sistematiche durante il lavoro vedi Tabella 2 I docenti indicher sul registro la situazione che si è valutata e gli eventuali descrittori delle valutazioni. Peri criteri generali di valutazione si veda la I2-17s Criteri per la verifica e la valutazione TABELLA 1 Codice Descrittori specifici per Corsa di durata, raggiungimento dell obbiettivo previsto. (15, 25, 35 ). Prova controllata. numeri co 10 Raggiungimento dell obiettivo previsto L alunno/a sviluppa una performances molto intensa che sa sa controllare efficientemente 9 Raggiungimento dell obiettivo previsto. L alunno/a inserisce accellerazioni e intensificazioni che sa controllare efficacemente 8 Raggiungimento dell obiettivo previsto 7 Raggiungimento dell obiettivo previsto >90% 6 Raggiungimento dell obiettivo previsto >70% 5 Raggiungimento dell obiettivo previsto <70% 4 Rifiuto di misurarsi sull obiettivo

3 M2-48s Pag 3 di 9 Educazione fisica classi prime TABELLA 2 Codice Descrittori specifici per Osservazioni sistematiche durante il lavoro preparatorio all attività ludico agonistica numeri co 10 Lavora/gioca con attenzione e impegno, sa modificare le strategie che h notevole efficacia ed efficienza 9 Lavora/gioca con attenzione e impegno, sa modificare le strategie che h buona efficacia ed efficienza 8 Lavora/gioca in genere con attenzione e impegno, sa modificare le strategie che h una certa efficacia ed efficienza 7 Lavora/gioca con discreta attenzione e impegno, le strategie h una certa efficacia ed efficienza 6 Lavora/gioca con attenzione e impegno non del tutto adeguati, ha qualche difficoltà a modificare le strategie che h una qualche efficacia 5 Lavora/gioca con una certa attenzione e impegno, ma le strategie sono rigide e poco efficaci O lavora/gioca con poca attenzione e impegno 4 Lavora/gioca con poca attenzione e impegno, le strategie sono molto rigide e poco efficaci

4 M2-48s Pag 4 di 9 Allegato 1 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.1 Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A EDUCAZIONE MOTORIA DI BASE disciplinare settembre / ottobre 12 ore EDUCAZIONE FISICA Classi prime tutte Classi prime Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. I nuovi alunni, provenienti da vari plessi di scuola primaria, h vissuto diverse esperienze di approccio all attività motoria. In questa UdA sar guidati e motivati ad orientarsi nel nuovo contesto delle EDUCAZIONE FISICAdella nostra scuola: le regole sociali da rispettare, la cura per il proprio corpo, le modalità di lavoro, le finalità e il valore dell esperienza; man mano dovr saper cogliere gli aspetti schematici e quelli di invenzione di una attività proposta, per arrivare ad un primo approccio alla progettualità dell azione motoria. Il lavoro prevede la conoscenza degli alunni tramite le interazioni verbali collettive e durante il lavoro pratico. Il docente, attraverso la somministrazione di pochissime prove d ingresso e osservazioni sistematiche acquisirà informazioni sugli alunni e sulla classe e cercherà di aiutare gli alunni ad iniziare la riflessione sulle proprie modalità di lavoro in palestra, sulle proprie capacità e sulle proprie possibilità di miglioramento. Il docente incentiverà i seguenti atteggiamenti: desiderio di mettersi alla prova, messa in gioco di strategie di ricerca, attenzione e l ascolto dell altro, attenzione e ascolto del proprio corpo, rispetto dell altro e delle regole del contesto. L UdA prevede la possibilità di continuare l esperienza con la partecipazione facoltativa alla GARA DI CORSA CAMPESTRE, fase d Istituto e provinciale. A questo scopo i ragazzi affronter anche un test di Cooper dimezzato in cui si misurer non più sulla durata ma sulla capacità di percorrere più spazio possibile in 6 minuti. Sintesi delle attività previste Attività di organizzazione nello spazio, corsa, camminata, diverse deambulazioni. Discussione e organizzazione dei primi minuti in palestra di riscaldamento autonomo. Lavoro su ciò che è possibile e impossibile Test : discussione sul senso del test come prova per sé e non come gara o Test lanci prese / test funicella Primo lavoro sulla corsa di durata da 2minuti a 15 minuti Prova di durata su 15 minuti Prova di intensità della corsa sui 6 minuti con controllo dello spazio percorso Competenze attese Livello minimo: porta l occorrente, accetta di stare con gli altri in palestra, accetta le consegne, si mette alla prova, rispetta sostanzialmente le regole della palestra. Completa il test di durata ed ottiene accettabili risultati nei test di ingresso Livello di essenzialità : oltre al livello minimo, sa affrontare un semplice problema motorio singolarmente e insieme ad altri, riconosce differenti strategie possibili, discrimina alcuni semplici aspetti delle prassie dell altro, riconosce alcuni aspetti intenzionali, considera lo spazio come risorsa da usarsi intenzionalmente. Si rapporta in modo corretto con gli altri e sa collaborare Livello di eccellenza: oltre al livello precedente ottiene risultati superiori nei test e nella gara di corsa campestre

5 M2-48s Pag 5 di 9 Allegato 2 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.2 Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A disciplinare ottobre / gennaio 24 ore EDUCAZIONE FISICA Classi prime tutte LA PALLACAMBIO Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. La PALLACAMBIO. un gioco molto veloce che richiede, per ragazzi di prima, un notevole livello di concentrazione (sono tante le azioni da attuare durante il gioco) e buoni automatii di lancio e presa, ma è più semplice di altri per il livello delle decisioni (si tira a turno), per il tempo a disposizione nel lancio, per il fatto che le posizioni sono definite, che si tratta di uno sport senza contatto, che non è richiesta la scelta di chi far giocare due volte. Alla fine del percorso di apprendimento la classe si misura nel primo torneo della scuola secondaria di 1 grado:il torneo di pallacambio, appunto. Sintesi delle attività previste Apprendimento delle regole e lavoro preparatorio sui gesti fondamentali del gioco-sport. Giochi propedeutici (palla tabellone.-) La presa: da fermi, in movimento, in corsa, in caduta: alta, media bassa, frontale e laterale. Le tattiche di squadra della difesa Le strategie percettivo-motorie : l attenzione all inizio del lancio, il controllo dello spazio, la previsione della traiettoria, lo spostamento anticipato, il mantenimento dei rapporti spaziali tra la squadra, la previsione del possibile errore di un compagno e lo spostamento ad hoc; la chiamata della palla Le tattiche di squadra della rotazione e della disposizione in campo Il lancio da fermo ad una mano dal basso dall alto e dal lato. Il lancio con rincorsa in appoggio e in salto ad 1 e 2 mani, in gancio o frontale, con stacco ad 1 o 2 piedi, con rincorsa frontale o semicircolare. Le finte di direzione e di intensità Scelte a carico delle classi: formazione delle squadre, senza doppi; scelta delle tattiche di gioco e della disposizione in campo Verifica regolamento Interazione verbale in classe sulle problematiche emerse durante il periodo di preparazione e durante il torneo Effettuazione del torneo in ore curricolari di educazione fisica e in ore concordate con altre discipline Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e per sviluppare/ mantenere la motivazione Punti di attenzione del ruolo docente Mantiene la tensione sullo scopo; definisce la situazione e legittima l attività ludica; richiede agli alunni di lavorare con precisione; organizza situazioni più semplificate di gioco per poter cogliere la logica del gioco; porta l attenzione su strategie d aiuto, sia in attacco che in difesa Metodologia Definizione della situazione, del compito-problema da affrontare, prova, ricerca di soluzioni o indicazioni dell adulto, verifica, confronto guidato da domande, convenzionamento delle soluzioni. Competenze attese Il livello minimo di competenza a cui si mira sta nella conoscenza delle regole tale da permettere il gioco e nel possesso minimo di alcuni gesti fondamentali, ma il modello che può rappresentare l essenzialità della competenza in pallacambio è quello dello spostamento intenzionale nello spazio con continua attenzione alla palla e agli spazi da coprire, con previsione della traiettoria, spostamento anticipato e chiamata della palla. In attacco dovr essere capaci di diverse azioni miranti all errore degli avversari. I ragazzi dovr mettere in atto una serie di abilità sociali e relazionali e di atteggiamenti collaborativi in campo e fuori, per decidere le squadre, nella preparazione collettiva, per aiutare i compagni a mantenere l attenzione, a cambiare strategie, a sostenerne l azione. L eccellenza riguarda, a nostro avviso, oltre l essenzialità, l efficacia e l efficienza delle strategie motorie: in attacco le finte, il tiro in elevazione, il tiro in appoggio; in difesa, i salvataggi in caduta, gli spostamenti lunghi ecc. Fa parte integrante della competenza anche un metodo di lavoro preciso sia nell apprendimento del singolo gesto, sia nella volontà di lavorare intenzionalmente anche durante le partite di allenamento

6 M2-48s Pag 6 di 9 Allegato 3 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.3 Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A ATTIVITÀ GINNICO ATLETICHE disciplinare Gennaio / aprile 20 ore EDUCAZIONE FISICA Classi prime tutte Giochi della Gioventù Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. Prove ginnico-atletiche, concordate a livello comunale con altre scuole, articolate in più stazioni. Alla gara partecipano tutti gli alunni della classe tranne gli esonerati. Le stazioni sono costruite come problema da risolvere attraverso la scelta di diverse strategie, in modo da sollecitare la messa in gioco di varie soluzioni e la ricerca di quelle più adatte a sé. Ciò facilita la ricerca in campo motorio. Il regolamento è costruito per favorire sia la prestazione individuale che di squadra / classe. Competenze attese Livello minimo. Devono conoscere bene il regolamento e saper affrontare le varie prove in modo corretto Essenzialità. Devono sapersi migliorare, saper osservare gli altri, capire i propri errori, ricercare le soluzioni più adatte, continuare a provare autonomamente e a cambiare quello che si può cambiare. Occorre inoltre saper accettare ciò che (al momento) non si può cambiare, ad esempio una capacità condizionale o aspetti morfologici, come la corporature. Bisogna sapersi scambiare informazioni, darsi suggerimenti, richiedere agli altri le migliori prestazioni possibili. L eccellenza riguarda la creatività nelle soluzioni o l efficacia degli automatii motori o la capacità di osservazione, comprensione e comunicazione al gruppo. Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e per sviluppare/ mantenere la motivazione Costruisce il contesto narrativo della lezione in modo coinvolgente, lascia spazio alle emozioni. Porta attenzione sui problemi Non indica soluzioni alla sua classe, lascia la responsabilità della ricerca agli alunni Accetta e dà importanza alle azioni compiute Chiede di raccontare e spiegare, puntualizza, problematizza amplia le conoscenze con esempi e contro-esempi Considera l errore come strategia che ha un significato, Dà importanza all interazione verbale nell ambito dell azione Enfatizza ogni atteggiamento collaborativo Sintesi delle attività previste Apprendimento delle regole e lavoro preparatorio a tutte le stazioni, guidato dal docente Divisione in gruppi e, a rotazione, prove su tutte le stazioni Divisione in gruppi e, a rotazione, prove su tutte le stazioni con confronti cronometrici Divisione in gruppi e, a rotazione, prove su tutte le stazioni con confronti guidati sulle possibili strategie Organizzazione delle attività di assistenza, controllo e cronometraggio da parte dei ragazzi Prova e registrazione dei dati

7 M2-48s Pag 7 di 9 Allegato 4 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.4 LA PALLATENNIS Classi prime Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A disciplinare ottobre / gennaio 10 ore EDUCAZIONE FISICA Classi seconde tutte Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. La classe si misura nel passaggio dalla pallacambio, che è un gioco di presa, alla preparazione del torneo della pallatennis del prossimo. La pallatennis infatti è un gioco in cui il controllo della palla avviene attraverso colpi e non lanci. Per prima cosa si effettuera quindi un lavoro sui fondamentali individuali e sull applicazione delle regole in campo. Dal punto di vista del gioco si tratta di costruire azioni intenzionali in gruppo con la finalità di colpire l avversario con potenza e/o precisione e questo cambio di logica sarà al centro di tutto il lavoro di questa UDA. Competenze attese Il livello minimo di competenza a cui si mira sta nella conoscenza delle regole tale da permettere il gioco e nel possesso minimo di alcuni gesti fondamentali L essenzialità della competenza in pallatennis sta nella capacità di entrare nella logica del gioco: addomesticare il pallone avversario, attuando le tattiche provate. L eccellenza riguarda, oltre l essenzialità, l efficacia delle strategie motorie nelle azioni di attacco e difesa, Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e sviluppare/ mantenere la motivazione Il docente mantiene la tensione sullo scopo, definisce la situazione e legittima l attività ludica, accetta le condizioni di partenza della squadra, cerca sempre di porre obiettivi di miglioramento ma riconosce sempre i progressi. Richiede agli alunni non solo di provare a giocare, ma anche di osservare se stessi, i propri compagni e di dichiarare sia le difficoltà che h rilevato, sia i momenti positivi del gioco. Lo spirito di squadra incomincia a formarsi dall atteggiamento cognitivo di attenzione a sé e al gruppo. Gli errori sono eventi su cui lavorare, non colpe da attribuire a qualcuno ed è in primo luogo compito della squadra fare in modo che i singoli siano messi in condizione di non sbagliare. Sintesi delle attività previste Apprendimento delle regole e lavoro preparatorio sui gesti fondamentali del gioco sport Giochi propedeutici (ad esempio palla-rete, gare di palleggio ecc ) Approccio alle tecniche individuali: battuta, ricezione ad una mano, bagher, colpo con il piede, palleggio. Le prime attenzioni tattiche: chiamare la palla, contare i tocchi, controllare lo spazio, addomesticare la palla per la squadra Effettuazione delle prime partite

8 Repertorio standard di test Addominali In 30 Corsa a navetta Modalita di esecuzione Decubito supino, piedi in appoggio al terzo piolo della spalliera, braccia in alto; elevare il busto in avanti fino a toccare con le mani il piolo e ritorno nella posizione di partenza ripetendo il movimento per 30. Un cono posto a 6 mt. Dalla partenza: effettuare 3 corse di andata e 2 di ritorno per un totale di 30 mt. Valutazione (non se usati come test di ingresso) Vedi tabella n 1 Vedi tabella n 2 Mobilita del tronco Lungo da fermo In piedi, gambe unite, flettere lentamente il busto in avanti cercando di allungarsi il piu possibile senza piegare le gambe Saltare in lungo da fermo, partendo con i piedi leggermente divaricati. Vedi tabella n 3 Vedi tabella n 4 Funicella Eseguire il maggior numero di salti alla funicella in 2. Ad ogni errore ricominciare il conteggio; allo scadere del tempo se si st eseguendo i saltelli continuare fino all errore. Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Lancio e presa Classi 1^ Battuta e presa Classi 2^ Tiro di rigore Test di ruffier Coprire la distanza del campo di pallavolo con il minor numero di lanci e prese. Il lancio deve essere effettuato da fermo; segnare con un cerchio il punto in cui la palla e stata fermata. Ad ogni errore si ricomincia per un massimo di 3 volte Dalla linea di fondo campo eseguire una battuta dal basso e recuperare la palla senza farla cadere. Misurare la lunghezza dal punto di presa. Dalla linea di fondo tiro con gomito alto e regole del rigore in pallamano. Si indica la fascia in cui cade la palla. 5 nella metà campo. 10 prima della linea di fondo 15 fino al muro 20 muro oltre l altezza della spalliera A:misurare le pulsazioni a riposo in 1 b: eseguire dei piegamenti sugli arti inferiori ( uno ogni 2 ) e misurare le pulsazioni dopo lo sforzo c: misurare le pulsazioni dopo 1 di recupero Formula: a + b+ c - 200/10 Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Applicare formula e vedere tabella n 6 TABELLA N^1 - ADDOMINALI Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE >27 >29 >30 >28 >30 > >12 >13 >14 >14 >16 >17 5 TABELLA N^2 CORSA NAVETTA

9 Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE TABELLA N^3 MOBILITA DEL TRONCO Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE +15 cm cm cm Da -1 a-3 Da 3 a -2 6 Inferiore a Inferiore a 2 Inferiore a Inferiore a Inferiore a -3 Inferiore a TABELLA N^4 LUNGO DA FERMO Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE +170 cm cm cm cm TABELLA N^5 LANCIO E PRESA 1- BATTUTA E PRESA 2 - TIRO DI RIGORE 3 Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE TABELLA N^6 - TEST DI RUFFIER Data Settembre 2012 Docente/i Daniela Benfenati Alberto Lizzul Rosella Viganò Firma

10 M2-48s Pag 1 di 9 EDUCAZIONE FISICA classi seconde Scuola Secondaria di 1 grado Francesco Anzani Anno Scolastico Progettazione annuale di EDUCAZIONE FISICA () Classe seconda x Tutte le sezioni x Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno, attraverso le attività di gioco motorio e sportivo, che sono esperienze privilegiate dove si coniuga il sapere, il saper fare e il saper essere È consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che nei limiti. Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Ha la capacità di progettare, di mantenere l attenzione sulla meta e di assumersi responsabilità nei confronti delle proprie azioni. È capace di integrarsi nel gruppo, di condividerne e rispettarne le regole, di assumersi responsabilità nei confronti delle proprie azioni e di impegnarsi per il bene comune. Rispetta criteri base di sicurezza per sé e per gli altri. Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole.. Riconosce, ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello star bene in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione. Obiettivi di apprendimento Ob 1. ) Saper affrontare lo sforzo prolungato sob a. ) Mantenere un impegno motorio prolungato nel tempo, manifestando autocontrollo del proprio corpo nella sua funzionalità cardio-respiratoria e muscolare. sob b. ) Essere in grado di applicare piani di lavoro per raggiungere una ottimale efficienza fisica, migliorando le proprie performances motorie. sob c. ) Saper pianificare il proprio sforzo per raggiungere l obiettivo finale. Ob 2. ) Saper praticare attività sportive di squadra sob d. ) Saper modificare i propri automatii per arrivare a padroneggiare diverse capacità coordinative adattandole alle situazioni richieste dal gioco anche in modo creativo. sob e. ) Saper affrontare le difficoltà, mantenere la tensione, l attenzione e la voglia di migliorare per raggiungere l obiettivo finale durante tutta la fase di preparazione sob f. ) Saper utilizzare e trasferire le abilità coordinative acquisite per la realizzazione dei gesti tecnici sob g. ) Saper gestire in modo consapevole alcuni aspetti della gara sob h. ) Saper comunicare correttamente con i compagni di squadra durante l allenamento e la gara sob i. ) Partecipare in forma attiva alla scelta di strategie di gioco e alla loro realizzazione (tattica) adottate dalla squadra mettendo in atto comportamenti collaborativi. sob j. ) Conoscere e applicare correttamente il regolamento tecnico dei giochi sportivi, assumendo anche il ruolo di arbitro e/o funzioni di giuria. sob k. ) Saper decodificare i gesti arbitrali in relazione all applicazione del regolamento di gioco. Ob 3. ) Saper affrontare prove ginnico-atletiche sob l. ) Sapersi mettere in gioco anche in situazioni di difficoltà sob m. ) Saper applicare schemi e azioni di movimento per risolvere in forma originale e creativa un determinato problema motorio, riproducendo anche nuove forme di movimento. sob n. ) Utilizzare e correlare le variabili spazio-temporali funzionali alla realizzazione del gesto tecnico in ogni situazione sportiva.(ampiezza, direzione, intensità, durata) sob o. ) Saper osservare le situazioni, comprendere le differenze, provare a migliorare le proprie prestazioni mettendo in pratica le osservazioni di azioni che si sono dimostrate più efficaci. sob p. ) Saper accettare il proprio livello di partenza delle prestazioni e sapersi dare obiettivi possibili Contenuti del curricolo ( Argomenti, attività o Uda) - Allegato materiale di approfondimento co 01. ) Uda Sforzo Prolungato (vedi allegato 1) co 02. ) Uda Pallatennis (vedi allegato 2)

11 M2-48s Pag 2 di 9 EDUCAZIONE FISICA classi seconde co 03. ) Uda Giochi studenteschi (vedi allegato 3) co 04. ) Uda Pallamano 1 livello (vedo allegato 4) Metodi del curricolo Indicatori di frequenza Codice Quantificatore numerico Quantificatore verbale 0 (0 ore su 33) c.a Mai 1 (1-2 ore su 33) c.a Raramente 2 (Da 3 a 6 ore su 33) c.a A volte 3 (da 7 a 12 ore su 33) c.a Spesso 4 (oltre 12 ore su 33) c.a Molto spesso Metodologie che ci si propone di utilizzare Frequenza d uso da 0 a 4 (vedi sopra) Lezione frontale 1 Metodologie di laboratorio in aule attrezzate PALESTRA 4 Metodologie di laboratorio in aule non attrezzate 0 Attività pratiche 4 Ricerca individuale da parte degli alunni Lavoro cooperativo (gruppi con modalità di lavoro definite e predisposte)in palestra Conduzione di dibattiti e interazioni verbali, soprattutto in palestra Altre attività ( uscite, spettacoli, competizioni ) tornei istituto, gare comunali ed eventualmente provinciali Verifica -tipo di prove (almeno 4 valutazioni a quadrimestre) e criteri per la verifica, per la codificazione e la registrazione TEST INIZIALI :(vedi allegato 5): Non si valutano i test di ingresso ma si registrano e si comunicano solo le misurazioni. SUL REGISTRO ELETTRONICO vengono registrate con un codice letterale che indica il livello di prestazione e che non sarà conteggiato nella media della valutazione I docenti, nei singoli M2-49s Programmazione disciplinare- itinerario del docente sc. sec. descrivono quali dei test proposti nel repertorio di allegato 5 vengono attuati nelle singole classi. SUL REGISTRO ELETTRONICO: al numero 1 si registrer le valutazioni dei risultati delle performances: o Prove misurate (ad esempio la prova dei 6 minuti di corsa, i lanci, le prove di velocità ecc., n di saltelli alle funicelle ecc.) valutate secondo tabelle standardizzaste o secondo un calcolo ponderato a partire dalle medie della scuola o della classe o Prove di durata, secondo tabella 1 o Prove oggettive di conoscenza valutate secondo la I2-17 Osservazioni sistematiche durante il lavoro e durante il gioco (si vedatabella 2). SUL REGISTRO ELETTRONICO: al numero 2 si registrer le valutazioni delle osservazioni sistematiche: o Osservazioni sistematiche durante le performances individuali e collettive (giochi di squadra) vedi Tabella 2 o Osservazioni sistematiche durante il lavoro vedi Tabella 2 I docenti indicher sul registro la situazione che si è valutata e gli eventuali descrittori delle valutazioni. Peri criteri generali di valutazione si veda la I2-17s Criteri per la verifica e la valutazione TABELLA 1 Codice Descrittori specifici per Corsa di durata, raggiungimento dell obbiettivo previsto. (15, 25, 35 ). Prova controllata. numeri co 10 Raggiungimento dell obiettivo previsto L alunno/a sviluppa una performances molto intensa che sa sa controllare efficientemente 9 Raggiungimento dell obiettivo previsto. L alunno/a inserisce accellerazioni e intensificazioni che sa controllare efficacemente 8 Raggiungimento dell obiettivo previsto 7 Raggiungimento dell obiettivo previsto >90% 6 Raggiungimento dell obiettivo previsto >70% 5 Raggiungimento dell obiettivo previsto <70% 4 Rifiuto di misurarsi sull obiettivo

12 M2-48s Pag 3 di 9 EDUCAZIONE FISICA classi seconde TABELLA 2 Codice Descrittori specifici per Osservazioni sistematiche durante il lavoro preparatorio all attività ludico agonistica numeri co 10 Lavora/gioca con attenzione e impegno, sa modificare le strategie che h notevole efficacia ed efficienza 9 Lavora/gioca con attenzione e impegno, sa modificare le strategie che h buona efficacia ed efficienza 8 Lavora/gioca in genere con attenzione e impegno, sa modificare le strategie che h una certa efficacia ed efficienza 7 Lavora/gioca con discreta attenzione e impegno, le strategie h una certa efficacia ed efficienza 6 Lavora/gioca con attenzione e impegno non del tutto adeguati, ha qualche difficoltà a modificare le strategie che h una qualche efficacia 5 Lavora/gioca con una certa attenzione e impegno, ma le strategie sono rigide e poco efficaci O lavora/gioca con poca attenzione e impegno 4 Lavora/gioca con poca attenzione e impegno, le strategie sono molto rigide e poco efficaci

13 M2-48s Pag 4 di 9 Allegato Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.1 Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A LO SFORZO PROLUNGATO 1 livello Classi seconde disciplinare settembre / ottobre 12 ore EDUCAZIONE FISICA Classi seconde tutte Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. In questa UdA ogni alunno deve saper cogliere il proprio livello di competenza nelle attività di sforzo prolungato, nella progettazione della propria azione in funzione di un obiettivo da raggiungere, da soli e insieme: venticinque minuti di corsa per ciascuno con il superamento di venticinque rampe di scale da dieci gradini in salita e in discesa. I ragazzi si dovr dare strumenti e dei criteri di verifica del lavoro che st svolgendo. Lo sforzo, attuato in condizioni di steady state ci permetterà di lavorare sul piacere di correre, non è immediato: lo si può scoprire solo dopo l esperienza della fatica, della sofferenza e della noia, ma soprattutto della solitudine creata dalla lontananza dalla meta. Resistere un attimo al desiderio di scacciare le difficoltà, di scappare dai sintomi sgradevoli (fatica respiratoria, muscolare, cardio-circolatoria, sensazioni dolorose), potrà portare ad una maggior consapevolezza del proprio respiro, del proprio cuore, del proprio corpo. Ci si aiuterà a vicenda, ma alla fine ognuno sarà solo nel superare le difficoltà e nel provare un diversa percezione di sé e del suo sforzo. La prova finale prevede il controllo regolamentato dell andatura (non ci si deve fermare o camminare) da parte dell adulto, mentre tutta la fase di allenamento lascia possibilità di scelta di percorso agli alunni, in una specie di fartlek semplificato, in cui si decide quando affrontare le scale, quando correre all aperto o in palestra, quando aumentare l andatura, ecc. L UdA prevede la possibilità di continuare l esperienza con la partecipazione facoltativa alla GARA DI CORSA CAMPESTRE, fase d Istituto e provinciale. A questo scopo i ragazzi affronter anche un test di Cooper dimezzato in cui si misurer non più sulla durata ma sulla capacità di percorrere più spazio possibile in 6 minuti. Obiettivi formativi Competenze attese o Livello minimo: si mette seriamente alla prova, riesce a correre tenendo un ritmo adeguato, sa migliorare le proprie prestazioni e superare almeno in parte le difficoltà, sa calcolare il battito cardiaco. o Essenzialità: raggiunge il massimo obiettivo di durata, o migliora enormemente i suoi risultati, ha globalmente compreso il metodo e il senso del lavoro sullo sforzo prolungato, sa controllare il proprio ritmo di corsa, la respirazione, dispone di strategie efficaci (scelte di percorso e atteggiamenti) per affrontare il lavoro, sa collaborare con alcuni compagni durante il lavoro. o Eccellenza: oltre l essenzialità conosce bene la sua resistenza e la mette alla prova cercando i propri limiti. Sa gestire bene le scelte di percorso. Conosce e sa organizzare bene i dati delle sue corse Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e sviluppare/ mantenere la motivazione o Definisce la situazione, legittima ed enfatizza l obiettivo finale come sfida o Presenta la differenziazione dei percorsi come responsabilità personale dell atleta (compito di solito affidato ad atleti esperti) o Considera la difficoltà come un obiettivo, aiuta a cogliere i progressi o Supporta continuamente lo sforzo dei ragazzi indicando il tempo di corsa effettuato e quello rimasto. Dà importanza all interazione verbale nell ambito dell azione, da importanza agli aspetti cognitivi della fatica o Accetta e contiene l emotività derivante dalla fatica Sintesi delle attività previste Presentazione del lavoro sullo sforzo prolungato Predisposizione dei percorsi liberi, del modo di condurre le prove e Attività di corsa sulla durata dai 5 ai 25 minuti con tecniche di rilevazione e controllo del battito cardiaco Analisi globale dello sforzo e analisi globale della corsa e confronto sull economicità Analisi globale delle scelte di conduzione della prova finale e prove finali sui 30 minuti Bilancio dell attività e preparazione globale alla corsa campestre Prova sui 6 minuti di corsa sull intensità con controllo dello spazio percorso

14 M2-48s Pag 5 di 9 Allegato 2 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.2 LA PALLATENNIS Classi seconde Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A disciplinare ottobre / gennaio 24 ore EDUCAZIONE FISICA Classi seconde tutte Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. Dal punto di vista del gioco, nella pallatennis si tratta di costruire azioni intenzionali in gruppo con la finalità di colpire l avversario con potenza, sfruttando le difficoltà nel rispondere in tempi rapidi o cercando, attraverso le strategie di finta di guidare l interpretazione delle proprie mosse da parte dell avversario per poi sorprenderlo, Per fare ciò occorre addomesticare il pallone che arriva dal campo avversario e svolgere le azioni in funzione del tiro finale. Ciò si potrà anche esercitare in una serie di schemi d attacco e di difesa da preparare con percorsi d allenamento. La classe si misurerà nel Torneo di Istituto dove i ragazzi dovr poi affrontare alcune scelte importanti sul piano tattico: la formazione delle squadre,la decisione sui giocatori che devono giocare due volte, l ordine di presentazione in campo delle squadre Competenze attese Il livello minimo di competenza a cui si mira sta nella conoscenza delle regole tale da permettere il gioco e nel possesso minimo di alcuni gesti fondamentali L essenzialità della competenza in pallatennis sta nella capacità di entrare nella logica del gioco: addomesticare il pallone avversario, attuando le tattiche provate. Gli alunni devono saper prevedere la traiettoria, spostarsi in anticipo chiamando la palla. In attacco i ragazzi dovr essere capaci di compiere diverse azioni miranti all errore degli avversari. Dovr mettere in atto una serie di abilità sociali e relazionali e di atteggiamenti collaborativi in campo e fuori, per decidere le squadre, durante la preparazione collettiva, per aiutare i compagni a mantenere l attenzione, a cambiare strategie, a dare il massimo. L eccellenza riguarda, oltre l essenzialità, l efficacia delle strategie motorie nelle azioni di attacco e difesa, ma anche un metodo di lavoro preciso sia nell apprendimento del singolo gesto, sia nella volontà di lavorare intenzionalmente anche durante le partite di allenamento, mantenendo la tensione verso le mete da raggiungere per migliorare il gioco. Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e sviluppare/ mantenere la motivazione Il docente mantiene la tensione sullo scopo, definisce la situazione e legittima l attività ludica, accetta le condizioni di partenza della squadra, cerca sempre di porre obiettivi di miglioramento ma riconosce sempre i progressi. Richiede agli alunni non solo di provare a giocare, ma anche di osservare se stessi, i propri compagni e di dichiarare sia le difficoltà che h rilevato, sia i momenti positivi del gioco. Lo spirito di squadra incomincia a formarsi dall atteggiamento cognitivo di attenzione a sé e al gruppo. Gli errori sono eventi su cui lavorare, non colpe da attribuire a qualcuno ed è in primo luogo compito della squadra fare in modo che i singoli siano messi in condizione di non sbagliare. Sintesi delle attività previste Apprendimento delle regole e lavoro preparatorio sui gesti fondamentali del gioco sport Giochi propedeutici (ad esempio palla-rete) Le tecniche individuali: la battuta dall alto, dal basso e laterale; la ricezione ad una mano (diritto, rovescio, volè, salvataggi), in bagher, col piede, in palleggio. La ricezione a sette, a sei, a cinque, a quattro; il muro a uno, a due e a tre; l'alzata, dal lato, frontale, da dietro, in avanti e all indietro; la schiacciata; le finte Gli spostamenti di corsa, all indietro in avanti e lateralmente Le strategie percettivo - motorie : l attenzione all inizio della battuta, il controllo dello spazio, la previsione della traiettoria con e senza rimbalzo lo spostamento anticipato, il mantenimento dei rapporti spaziali tra la squadra, la previsione del possibile errore di un compagno e lo spostamento ad hoc; la chiamata della palla. Le tattiche di squadra nella disposizione in campo e in attacco e le tattiche di aiuto: chiamare la palla, contare i tocchi, controllare lo spazio, prevedere gli errori, coprire i compagni in difficoltà Scelte a carico delle classi: formazione delle squadre; disposizione in campo Ripasso schemi di attacco e di difesa Effettuazione del torneo

15 M2-48s Pag 6 di 9 Allegato 3 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.3 ATTIVITA GINNICO ATLETICHE Giochi studenteschi Classi seconde Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A disciplinare Gennaio / maggio 20 ore EDUCAZIONE FISICA Classi seconde tutte Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. Prove ginnico-atletiche, concordate a livello comunale con altre scuole, articolate in più stazioni. Alla gara partecipano tutti gli alunni della classe tranne gli esonerati. Le stazioni sono costruite come problema da risolvere attraverso la scelta di diverse strategie, in modo da sollecitare la messa in gioco di varie soluzioni e la ricerca di quelle più adatte a sé. Ciò facilita la ricerca in campo motorio. Il regolamento è costruito per favorire sia la prestazione individuale che di squadra / classe. Competenze attese Livello minimo. Devono conoscere bene il regolamento e saper affrontare le varie prove in modo corretto Essenzialità. Devono sapersi migliorare, saper osservare gli altri, capire i propri errori, ricercare le soluzioni più adatte, continuare a provare autonomamente e a cambiare quello che si può cambiare. Occorre inoltre saper accettare ciò che (al momento) non si può cambiare, ad esempio una capacità condizionale o aspetti morfologici, come la corporature. Bisogna sapersi scambiare informazioni, darsi suggerimenti, richiedere agli altri le migliori prestazioni possibili. L eccellenza riguarda la creatività nelle soluzioni o l efficacia degli automatii motori o la capacità di osservazione, comprensione e comunicazione al gruppo. Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e per sviluppare/ mantenere la motivazione - Costruisce il contesto narrativo della lezione in modo coinvolgente, lascia spazio alle emozioni - Porta attenzione sui problemi - Non indica soluzioni alla sua classe, lascia la responsabilità della ricerca agli alunni - Accetta e dà importanza alle azioni compiute, - Chiede di raccontare e spiegare, puntualizza, amplia le conoscenze con esempi e contro-esempi - Considera l errore come strategia che ha un significato, - Dà importanza all interazione verbale nell ambito dell azione - Enfatizza ogni atteggiamento collaborativo Sintesi delle attività previste Presentazione narrativa delle prove, del livello superiore delle sfide, dei compiti individuali e di squadra Apprendimento delle regole e lavoro preparatorio a tutte le stazioni, guidato dal docente Divisione in gruppi e, a rotazione, prove su tutte le stazioni Divisione in gruppi e, a rotazione, prove su tutte le stazioni con confronti cronometrici proposti dal docente od organizzate dai ragazzi Divisione in gruppi e, a rotazione, prove su tutte le stazioni con confronti guidati sulle possibili strategie Organizzazione delle attività di assistenza, controllo e cronometraggio Prova, registrazione dei dati e valutazione delle prestazioni

16 M2-48s Pag 7 di 9 Allegato 4 Titolo dell Unità di Apprendimento U.d.A.4 Tipo di U.d.A. Periodo Ore totali previste Insegnanti coinvolti Discipline interessate Ambito dell U.d.A LA PALLAMANO 1^ livello Classi seconde disciplinare Maggio / giugno 10 ore EDUCAZIONE FISICA Classi seconde tutte Sintesi, schema o mappa dell U.d.A. La classe si misura con la PALLAMANO maschile e femminile, attività che sarà approfondita e praticata nel terzo. Cambia la difficoltà della situazione, che impone una grande velocità di azione e di decisione, che implica il contatto e un grande dispendio di energie. Competenze attese Il livello minimo di competenza sta nell avere una visione globale del gioco, delle sue regole e delle sue tecniche. L essenzialità riguarda, l efficacia e l efficienza delle strategie motorie, un metodo di lavoro preciso sia nell apprendimento del singolo gesto, sia nella volontà di lavorare intenzionalmente anche durante le partite di allenamento. Metodi e/o strategie del docente per favorire l apprendimento e per sviluppare/ mantenere la motivazione Il docente mantiene la tensione sullo scopo definisce la situazione e legittima l attività ludica, accetta le condizioni di partenza della squadra, cerca sempre di porre obiettivi di miglioramento ma riconosce sempre i progressi,, richiede agli alunni non solo di provare a giocare, ma anche di osservare se stessi, i propri compagni e di dichiarare sia le difficoltà che h rilevato, sia i momenti positivi del gioco. Lo spirito di squadra incomincia a formarsi dall atteggiamento cognitivo di attenzione a sé e al gruppo. Gli errori sono eventi su cui lavorare, non colpe da attribuire a qualcuno ed è in primo luogo compito della squadra fare in modo che i singoli siano messi in condizione di non sbagliare. Questo è il significato principale che connota l intervento del docente in questa fase. Metodologia generale. Definizione della situazione, del compito-problema da affrontare, prova, verifica, confronto guidato da domande Sintesi delle attività previste Apprendimento delle regole e lavoro preparatorio sui gesti fondamentali del gioco - sport I movimenti con la palla Il palleggio Il tiro. Il passaggio e la ricezione Il tiro in elevazione Studio del regolamento teorico-pratico Partite di allenamento con le regole principali

17 M2-48s Pag 8 di 9 Allegato 5 Repertorio standard di test Addominali In 30 Corsa a navetta Modalita di esecuzione Decubito supino, piedi in appoggio al terzo piolo della spalliera, braccia in alto; elevare il busto in avanti fino a toccare con le mani il piolo e ritorno nella posizione di partenza ripetendo il movimento per 30. Un cono posto a 6 mt. Dalla partenza: effettuare 3 corse di andata e 2 di ritorno per un totale di 30 mt. Valutazione (non se usati come test di ingresso) Vedi tabella n 1 Vedi tabella n 2 Mobilita del tronco Lungo da fermo In piedi, gambe unite, flettere lentamente il busto in avanti cercando di allungarsi il piu possibile senza piegare le gambe Saltare in lungo da fermo, partendo con i piedi leggermente divaricati. Vedi tabella n 3 Vedi tabella n 4 Funicella Eseguire il maggior numero di salti alla funicella in 2. Ad ogni errore ricominciare il conteggio; allo scadere del tempo se si st eseguendo i saltelli continuare fino all errore. Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Lancio e presa Classi 1^ Battuta e presa Classi 2^ Tiro di rigore Test di ruffier Coprire la distanza del campo di pallavolo con il minor numero di lanci e prese. Il lancio deve essere effettuato da fermo; segnare con un cerchio il punto in cui la palla e stata fermata. Ad ogni errore si ricomincia per un massimo di 3 volte Dalla linea di fondo campo eseguire una battuta dal basso e recuperare la palla senza farla cadere. Misurare la lunghezza dal punto di presa. Dalla linea di fondo tiro con gomito alto e regole del rigore in pallamano. Si indica la fascia in cui cade la palla. 5 nella metà campo. 10 prima della linea di fondo 15 fino al muro 20 muro oltre l altezza della spalliera A:misurare le pulsazioni a riposo in 1 b: eseguire dei piegamenti sugli arti inferiori ( uno ogni 2 ) e misurare le pulsazioni dopo lo sforzo c: misurare le pulsazioni dopo 1 di recupero Formula: a + b+ c - 200/10 Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Media ponderata di istituto tra i migliori risultati Applicare formula e vedere tabella n 6 TABELLA N^1 - ADDOMINALI Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE >27 >29 >30 >28 >30 > >12 >13 >14 >14 >16 >17 5 TABELLA N^2 CORSA NAVETTA

18 M2-48s Pag 9 di 9 Allegato 5 Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE TABELLA N^3 MOBILITA DEL TRONCO Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE +15 cm cm cm Da -1 a-3 Da 3 a -2 6 Inferiore a Inferiore a 2 Inferiore a Inferiore a Inferiore a -3 Inferiore a TABELLA N^4 LUNGO DA FERMO Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE +170 cm cm cm cm TABELLA N^5 LANCIO E PRESA 1- BATTUTA E PRESA 2 - TIRO DI RIGORE 3 Primo Secondo Terzo Primo Secondo Terzo VALUTAZIONE TABELLA N^6 - TEST DI RUFFIER Data Settembre 2012 Docente/i Daniela Benfenati Alberto Lizzul Rosella Viganò Firma

19 M2-48s EDUCAZIONE FISICA classi terze Pag 1 di 10 Scuola Secondaria di 1 grado Francesco Anzani Anno Scolastico Progettazione annuale di EDUCAZIONE FISICA () Classe terze x Tutte le sezioni x Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno, attraverso le attività di gioco motorio e sportivo, che sono esperienze privilegiate dove si coniuga il sapere, il saper fare e il saper essere: È consapevole delle proprie competenze motorie sia nei punti di forza che nei limiti. Utilizza le abilità motorie e sportive acquisite adattando il movimento in situazione. Ha la capacità di progettare, di mantenere l attenzione sulla meta e di assumersi responsabilità nei confronti delle proprie azioni. È capace di integrarsi nel gruppo, di condividerne e rispettarne le regole, di assumersi responsabilità nei confronti delle proprie azioni e di impegnarsi per il bene comune. Rispetta criteri base di sicurezza per sé e per gli altri. Utilizza gli aspetti comunicativo-relazionali del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri, praticando, inoltre, attivamente i valori sportivi (fair play) come modalità di relazione quotidiana e di rispetto delle regole.. Riconosce, ricerca e applica a se stesso comportamenti di promozione dello star bene in ordine a un sano stile di vita e alla prevenzione. Obiettivi di apprendimento Ob 1. ) Saper affrontare lo sforzo prolungato sob a. ) Mantenere un impegno motorio prolungato nel tempo, manifestando autocontrollo del proprio corpo nella sua funzionalità cardio-respiratoria e muscolare. sob b. ) Essere in grado di rilevare i principali cambiamenti morfologici del corpo e applicare conseguenti piani di lavoro per raggiungere una ottimale efficienza fisica, migliorando le capacità condizionali (forza, resistenza, rapidità, mobilità articolare). sob c. ) Saper pianificare il proprio sforzo per raggiungere l obiettivo finale. sob d. ) Acquisire consapevolezza delle funzioni fisiologiche e dei loro cambiamenti conseguenti all attività motoria, in relazione ai cambiamenti fisici e psicologici tipici della preadolescenza. sob e. ) Assumere consapevolezza della propria efficienza fisica sapendo applicare principi metodologici utili e funzionali per mantenere un buono stato di salute (metodiche di allenamento, principi alimentari, ecc). Ob 2. ) Saper praticare attività sportive di squadra sob f. ) Saper modificare i propri automatii per arrivare a padroneggiare diverse capacità coordinative adattandole alle situazioni richieste dal gioco anche in modo creativo. sob g. ) Saper affrontare le difficoltà, mantenere la tensione, l attenzione e la voglia di migliorare per raggiungere l obiettivo finale durante tutta la fase di preparazione sob h. ) Saper utilizzare e trasferire le abilità coordinative acquisite per la realizzazione dei gesti tecnici sob i. ) Saper gestire in modo consapevole gli eventi della gara (le situazioni competitive) con autocontrollo e rispetto per l altro, accettando la sconfitta. sob j. ) Saper comunicare correttamente con i compagni di squadra durante l allenamento e la gara sob k. ) Partecipare in forma propositiva alla scelta di strategie di gioco e alla loro realizzazione (tattica) adottate dalla squadra mettendo in atto comportamenti collaborativi. sob l. ) Conoscere e applicare correttamente il regolamento tecnico dei giochi sportivi, assumendo anche il ruolo di arbitro e/o funzioni di giuria. sob m. ) Saper decodificare i gesti arbitrali in relazione all applicazione del regolamento di gioco. Ob 3. ) Saper affrontare prove ginnico-atletiche sob n. ) Sapersi mettere in gioco anche in situazioni di difficoltà sob o. ) Saper applicare schemi e azioni di movimento per risolvere in forma originale e creativa un determinato problema motorio, riproducendo anche nuove forme di movimento. sob p. ) Utilizzare e correlare le variabili spazio-temporali funzionali alla realizzazione del gesto tecnico in ogni situazione sportiva.(ampiezza, direzione, intensità, durata) sob q. ) Saper osservare le situazioni, comprendere le differenze, provare a migliorare le proprie prestazioni mettendo in pratica le osservazioni di azioni che si sono dimostrate più efficaci. sob r. ) Saper accettare il proprio livello di partenza delle prestazioni e sapersi dare obiettivi possibili Contenuti del curricolo ( Argomenti, attività o Uda). Allegato materiale di approfondimento co 01. ) Uda Sforzo Prolungato (vedi allegato 1) co 02. ) Uda Pallamano (vedi allegato 2) co 03. ) Uda Giochi studenteschi (vedi allegato 3)

20 M2-48s EDUCAZIONE FISICA classi terze Pag 2 di 10 co 04. ) Uda TchoukBall (vedi allegato 2) co 05. ) Attività di preparazione all esame (vedi M2-30 Programma d'esame) Metodi del curricolo Indicatori di frequenza Codice Quantificatore numerico Quantificatore verbale 0 (0 ore su 33) c.a Mai 1 (1-2 ore su 33) c.a Raramente 2 (Da 3 a 6 ore su 33) c.a A volte 3 (da 7 a 12 ore su 33) c.a Spesso 4 (oltre 12 ore su 33) c.a Molto spesso Lezione frontale Metodologie che ci si propone di utilizzare Frequenza d uso da 0 a 4 (vedi sopra) Metodologie di laboratorio in aule attrezzate PALESTRA 4 Metodologie di laboratorio in aule non attrezzate 0 Attività pratiche 4 Ricerca individuale da parte degli alunni 1 Lavoro cooperativo (gruppi con modalità di lavoro definite e predisposte)in 3 palestra Conduzione di dibattiti e interazioni verbali, soprattutto in palestra 2 Altre attività ( uscite, spettacoli, competizioni ) tornei istituto, gare comunali ed 3 eventualmente provinciali Verifica -tipo di prove (almeno 4 valutazioni a quadrimestre) e criteri per la verifica, per la codificazione e la registrazione TEST INIZIALI :(vedi allegato 5): Non si valutano i test di ingresso ma si registrano e si comunicano solo le misurazioni. SUL REGISTRO ELETTRONICO vengono registrate con un codice letterale che indica il livello di prestazione e che non sarà conteggiato nella media della valutazione I docenti, nei singoli M2-49s Programmazione disciplinare- itinerario del docente sc. sec. descrivono quali dei test proposti nel repertorio di allegato 5 vengono attuati nelle singole classi. SUL REGISTRO ELETTRONICO: al numero 1 si registrer le valutazioni dei risultati delle performances: o Prove misurate (ad esempio la prova dei 6 minuti di corsa, i lanci, le prove di velocità ecc., n di saltelli alle funicelle ecc.) valutate secondo tabelle standardizzaste o secondo un calcolo ponderato a partire dalle medie della scuola o della classe o Prove di durata, secondo tabella 1 o Prove oggettive di conoscenza valutate secondo la I2-17 Osservazioni sistematiche durante il lavoro e durante il gioco (si vedatabella 2). SUL REGISTRO ELETTRONICO: al numero 2 si registrer le valutazioni delle osservazioni sistematiche: o Osservazioni sistematiche durante le performances individuali e collettive (giochi di squadra) vedi Tabella 2 o Osservazioni sistematiche durante il lavoro vedi Tabella 2 I docenti indicher sul registro la situazione che si è valutata e gli eventuali descrittori delle valutazioni. Peri criteri generali di valutazione si veda la I2-17s Criteri per la verifica e la valutazione TABELLA 1 Codice Descrittori specifici per Corsa di durata, raggiungimento dell obbiettivo previsto. (15, 25, 35 ). Prova controllata. numeri co 10 Raggiungimento dell obiettivo previsto L alunno/a sviluppa una performances molto intensa che sa sa controllare efficientemente 9 Raggiungimento dell obiettivo previsto. L alunno/a inserisce accellerazioni e intensificazioni che sa controllare efficacemente 8 Raggiungimento dell obiettivo previsto 7 Raggiungimento dell obiettivo previsto >90% 6 Raggiungimento dell obiettivo previsto >70% 5 Raggiungimento dell obiettivo previsto <70% 4 Rifiuto di misurarsi sull obiettivo 1

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che 3. Tra riflessione e concretezza: la tecnica e gli altri fattori del calcio giovanile Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che rientrano nella definizione più specifica denominata

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli