Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)"

Transcript

1 Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così i quato a partire da ua equazioe itegro-differeziale che descrive u determiato feomeo fisico, itegrali e derivate, legate ad icremeti ifiitesimi soo sostituiti da differeze calcolate ad icremeti di tempo fiiti; esse coivolgoo u umero fiito di campioi dell'igresso e dell' uscita, combiati mediate semplici operazioi di somma e prodotto: N M a y[ ] = b x[ ] = = Le equazioi alle differeze fiite costituiscoo duque la versioe discreta delle equazioi differeziali e e rappresetao, sotto certe ipotesi, ua approssimazioe che si può spigere a piacere. Dall avveto del calcolo digitale esse hao ormai sostituito, dal puto di vista computazioale le equazioi itegro-differeziali, madado del tutto i soffitta i vecchi calcolatori aalogici. La teoria delle equazio i differeziali aturalmete cotiua ad essere sviluppata, ma el mometo i cui occorre fare delle simulazioi ovvero risolvere u problema dal puto di vista umerico, occorre ecessariamete ricorre alla discretizzazioe ed al cosiddetto calcolo agli elemeti fiiti, di cui le equazioi SDE soo u esempio. Per illustrare il pricipio su cui è basato il passaggio dal cotiuo al discreto, aalizziamo u caso semplice. Cosideriamo u circuito elettrico RC serie, i cui V è la tesioe di igresso e Vc quella di uscita, ai capi del codesatore: Le equazioi del circuito, detta i la correte i igresso, ed assumedo che l uscita o carichi il circuito cioè o derivi correte, soo: V = R i + V c equazioe della maglia q = C V c relazioe tra tesioe e carica el codesatore dq dvc i = = C dt dt relazioe tra carica e correte el codesatore Si ricava quidi l equazioe differeziale del circuito RC : Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

2 dq dv V = R + V c c = R C + Vc dt dt Se ora approssimiamo l itervallo ifiitesimo dt co u itervallo fiito ma piccolo?t, molto miore di quella che sappiamo essere la costate di tempo del circuito t=rc, approssimeremo allo stesso modo l ifiitesimo dv c co l icremeto fiito? V c. L equazioe differeziale diveta così ua equazioe alle differeze; se quidi V e V + soo i valori della tesioe i igresso all istate t e t+?t e Vc e Vc - quelli della tesioe i uscita, l equazioe sarà: Vc Vc V = R C + Vc t Usado la simbologia usuale fio ad ora, co le sostituzioi V x e Vc y, l equazioe diveta: y y x = R C + y t R C Se ora poiamo α = >> avremo t x = α ( y y ) + y = αy αy + y = ( + α) y αy ( + α ) y = x + αy α y = x + y + α + α α y = ax + by co a = e b = + α + α Ua semplice fuzioe Matlab per simulare il sistema x --->y è la seguete: % RC filter alfa=rc/dt; fuctio y=rc_filter(x,alfa) a=/(+alfa); b=alfa/(+alfa); y=zeros(,legth(x)); for =:legth(x) y()=a*x()+b*y(-); ed Se si dao i igresso al filtro vari tipi di segale si ottegoo le uscite riportate elle figure segueti; soo ache riportati gli spettri dei segali prodotti per verificare che tipo di filtraggio i frequeza viee realizzato dal sistema. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

3 gradio uitario La riposta i figura è la tipica risposta al gradio uitario di u partitore RC, cioè la carica del codesatore, seguita dalla sua scarica quado la tesioe i igresso viee portata a zero. Di seguito viee riportata la simulazioe relativa ad u segale i igresso costituito da rumore biaco. Questo el domiio della frequeza ha uo spettro praticamete piatto; il segale i uscita ivece ha chiaramete u adameto passa-basso; questo si può verificare acusticamete ascoltado il segale prodotto. Ifie se applichiamo u impulso uitario i igresso, otterremo i uscita la risposta all impulso uitario che come sappiamo, ell ipotesi LTI che verificheremo valida i questo caso, descrive completamete il sistema e permette di calcolare per covoluzioe l uscita del sistema per qualsiasi segale d igresso. Lo spettro di Fourier dell igresso è uo spettro piatto (cotiee tutte le frequeze), metre la risposta all impulso ha l aspetto di u filtro passa-basso. Il ostro sistema è quidi u filtro passa-basso. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

4 impulso uitario impulso uitario: risposta i frequeza Filtered Time domai sigal Frequecy domai Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 4

5 Se ora cosideriamo l equazioe alle differeze che descrive il sistema α y = x + y + α + α possiamo osservare che la costate che moltiplica x è ua semplice costate di + α proporzioalità; cosiderado allora ua copia scalata del segale d igresso (o d uscita) l equazioe si può più semplicemete riscrivere ella forma y = x + by i cui appare evidete che, scritta direttamete el domiio discreto, il parametro i gioco per il semplice sistema i esame è soltato la costate b. Ioltre si può verificare che risolvedo l equazioe a partire da = co igresso d[] e suppoedo che y-= si avrà la seguete risposta impulsiva: y = y =b y =b... y =b. Evidetemete la risposta impulsiva h =b ha durata ifiita. Per tale motivo questo sistema e la classe a cui appartiee si dice a risposta Impulsiva Ifiita (IIR Ifiite Impulse Respose) a differeza dei sistemi i cui la risposta impulsiva è ivece di durata fiita (FIR). Ioltre i geerale i sistemi ricorsivi soo di tipo IIR cioè hao risposta impulsiva ifiita, metre quelli o ricorsivi soo di tipo FIR. Da fare: Studiare il comportameto di questo sistema al variare di b sia reale che immagiario Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 5

6 Nel caso i cui il coefficiete b è egativo si può verificare che la risposta è passa-alto. Studiare il comportameto di questo sistema Nel caso i cui il coefficiete b è complesso si ottegoo i risultati che seguoo. Nel caso di impulso uitario la risposta y=b ricade ella tipologia di sequeze espoeziali già viste; essa è rappresetata ella figura seguete: si osserva che si tratta di ua risposta complessa ed oscillate co ua pulsazioe che dipede dall agolo del coefficiete complesso b. Poiché il segale i uscita dal filtro a coefficieti complessi è complesso, il segale el piao complesso ovvero e rappreseteremo la parte reale Time domai sigal Frequecy domai Filtered Time domai sigal Filtered Time domai sigal (real part) Frequecy domai Se poi mettiamo i igresso del rumore biaco osserviamo che esso viee filtrato lasciado passare ua bada di frequeze itoro alla frequeze cetrale che caratterizza la risposta impulsiva e quidi il sistema. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 6

7 Filtered Time domai sigal Filtered Time domai sigal (real part) Frequecy domai Il comportameto quidi è quello di u filtro accordato, cioè u filtro che lascia passare ua bada più o meo ampia itoro alla sua frequeza di accordo ed atteua le frequeze al di fuori di questa bada, come si vedrà più compiutamete els eguito imagiary part real part time Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 7

8 Nel caso complesso ua rappresetazioe tridimesioale dà meglio coto del segale filtrato; el caso della risposta impulsiva co parametro b complesso pari a b=.9995*exp(j*? )? =pi/8; al crescere di? aumeta la frequeza delle oscillazioi del segale, così come si puiò verificare che al crescere del modulo fio al valore uitario l atteuazioe relativa al decadimeto dell oscillazioe dimiuisce; elcaso b = l oscillazioe si sostiee ifiitamete, metre el caso b = il sistema o è più stabile e la risposta diverge. Nel caso di u igresso costituito da rumore biaco avremo la seguete figura 6 4 imagiary part real part time 6 8 Si osservi ache che la risposta i frequeza o è atisimmetrica rispetto a p; questo è dovuto al fatto che stiamo trasformado i frequeza u segale complesso: la simmetria per il modulo e l atisimmetria per la fase, valgoo solo per segali reali. Le figure soo state otteuta co c_iir.m Si può qui vedere come accoppiado due sezioi co b complessi coiugati il segale diveta reale ed abbiamo la coppia di poli complessi coiugati. Verificare cosa accade se i igresso al sistema si mette u rumore biaco Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 8

9 Il sistema visto è u filtro ricorsivo el seso che per il calcolo di u campioe utilizza o soltato campioi di igresso ma ache campioi precedeti dell uscita; u filtro o ricorsivo ivece utilizza soltato campioi dell igresso, al tempo o a tempi precedeti; è questo il caso della media, retta dall equazioe: y = x + x Ua descrizioe a blocchi dei due sistemi del primo ordie rede chiare le differeze: x[] b b x[] + y[] Delay z - x[-] b b x[-] Struttura o ricorsiva b x[] + y[] ay[-] y[-] Delay z - Struttura ricorsiva Dalla simulazioe diretta dei due filtri si osserva che el caso del filtro ricorsivo la risposta impulsiva ha durata ifiita, che se el caso i esame tede asitoticamete a zero. Nel casi o ricorsivo, ivece, la risposta impulsiva è h[]=d[]+d[-] ed ha quidi durata fiita. Questa caratteristica della durata della risposta impulsiva come vedremo vale i geerale per tutte le strutture ricorsive/o ricorsive Caso FIR Caso FIR bidimesioale: media iterata N+S+E+W Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 9

10 Si aticipa qui ua cosiderazioe che sarà siluppata i seguito ma che è bee teere presete fi d ora. Le Equazioi alle differeze fiite soo importati perché la loro trasformata (che verrà defiita i dettaglio più avati) è ua fuzioe razioale, particolarmete semplice da trattare; ioltre questa circostaza permette di ricavare immediatamete ua implemetazioe del sistema sottostate co operazioi elemetari el domiio digitale che soo somme, prodotti e ritardi, le stesse apputo che compaioo i ua SDE. Dato u segale discreto x[] si defiisce la trasformata Z di questo segale moltiplicado l equazioe della covoluzioe per z e sommado per <<. x[ ] X ( z) = x[ ] z = Si verificherà che vale la proprietà del ritardo x[ ] z X ( z) e che dato u sistema LTI retto quidi dall equazioe della covoluzioe y[ ] = x[ ] h[ ], tra le trasformate el domiio complesso z vale la = seguete semplice proprietà moltiplicativa: : Y ( z) = X ( z) H( z) Y ( z) e quidi: H ( z) = X ( z) Se ora H(z) è ua fuzioe razioale, cioè u rapporto tra due poliomi ella variabile z - razioale, si può atitrasformare e procededo all'iverso si ottiee ua equazioe SDE, i cui quidi soo coivolti u umero fiito di campioi dell igresso e dell uscita. Data duque ua fuzioe di trasferimeto desiderata, i forma razioale, basta ivertirla per ricavare l equazioe alle differeze co cui si può semplicemete implemetare esattamete il sistema co la risposta desiderata, mediate apputo somme, prodotti e ritardi. Le due codizioi Trasformata razioale e possibilità di descriverlo el tempo mediate equazioi alle differeze, co u umero fiito di termii, soo equivaleti. L'equazioe alle differeze fiite difatti potrebbe i geerale coivolgere u umero ifiito di campioi di igresso o di uscita e etrambe e o risultare di cosegueza passibile di ua implemetazioe esatta. Questo sarà il caso i cui la H(z) che caratterizza la risposta i frequeza del sistema o è ua fuzioe razioale; u esempio è quello della fuzioe z H ( z) = e. I tal caso o essedo possibile ua formulazioe della H(z) i termii di rapporto tra poliomi, o sarà emmeo possibile implemetare il relativo filtraggio mediate ua equazioe alle differeze fiite, cioè mediate semplici ritardi somme e moltplicazioi; occorrerà per fare questo implemetare ua approssimazioe razioale (rapporto tra poliomi) della H(z) co risultati quidi che sarao ache loro approssimati. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

11 Es. accumulatore y [ ] = x[ ] = I questa equazioe compaioo u umero ifiito di campioi; ciò oostate la relazioe di igresso/uscita per questo sistema si può riscrivere ella forma equivalete y [ ] = x + y[ ], da cui appare chiaro che si tratta di u equazioe di tipo SDE, co u umero quidi fiito di termii, realizzabile duque al fiito, esattamete. Del resto si può verificare che la relazioe igresso/uscita ella Y( z) variabile z è H ( z) = = X ( z) z La SDE può vedersi come ua eguagliaza tra covoluzioi di durata fiita Esistoo diverse forme di equazioi alle differeze equivaleti come si vedrà più avati el caso del sistema media (movig average) Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

12 Caratteristiche delle Equazioi alle Differeze Stadard (SDE Stadard Differece Equatio). No defiiscoo u solo sistema (codizioi iiziali). Difatti se y p [] è soluzioe dell'equazioe e y [ ] dell'omogeea associata ache p + ] è soluzioe. No garatiscoo la liearità (i particolare la omogeeita').eg. y[] y[ ] = 3. Garatiscoo l'additivita' 4. No garatiscoo l'ivariaza temporale. Nel caso y [ ] [ p + ], per igresso x [], per igresso x[ ] la compoete y [ ] dell'uscita rimarrà immutata 5. Possoo essere causali o o 6. Possoo essere stabili o o 7. Tutto dipede dalle codizioi iiziali, a partire dalle quali, assegato u igresso si può ricavare uivocamete l'uscita mediate ricorreza i avati ed all'idietro. 8. Scelte le codizioi iiziali per l'omogeeità e l'ivariaza temporale, il sistema diveta causale se e solo se le codizioi iiziali soo ulle 9. Il sistema così defiito può essere stabile o istabile. Questo è spesso defiito i base alla causalità: eg u sistema può essere causale ed istabile ovvero aticausale ma stabile. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

13 Proprietà delle SDE Additività Omogeeità: va garatita co le codizioi iiziali Ivariaza el tempo: va garatita co le codizioi iiziali Data la SDE N M a y[ ] = bx[ ] = = si può ricavare esplicitamete y[] M N y [ ] = bx[ ] - a y[ ] a = = i geerale l'uscita dipede sia dall'igresso che dalle uscite precedeti. Se N= sarà M b y [ ] = x[ ] = a e, cofrotado co la formula della covoluzioe: y[] = x[]h [ ] = (x h)[] = si ricava: b h[] =, =...M a come si può otteere ache per simulazioe diretta, cioè risposta impulsiva fiita FIR. (I tal caso o occorre defiire codizioi iiziali) Nell'altro caso la risposta impulsiva è ifiita (IIR Ifiite Impulse Respose) ed occorroo codizioi iiziali per specificarla. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

14 Sistemi LTI descritti da equazioi alle differeze: esempi M M + = M Media y[ ] = x[ ] h Risposta impulsiva fiita Trascurado il fattore moltiplicativo M M + = M [ ] = δ [ ] si ha: M + [ ] = u[ ] u[ M ] = u[ ] ( δ[ ] δ[ M ] ) Il sistema si può realizzare co la cascata dei due sistemi h ( δ [ ] δ[ M ] ) u[ ] e x[] y[]??(m+) Facedo commutare i due blocchi: x[]?(m+) + - x [] +? y[] x [] = x[]-x[-m-] y[] = x[]-y[-] x [] = x[]-x[-m-] y[] + y[-] = x[]-x[-m -] Questa versioe dell equazioe traduce i formule l algoritmo di calcolo della media ruig che cosiste el calcolare la media la passo utilizzado la media al passo -. sottraedo il cortributo del termie più lotao e sommado il cotributo del termie - mo, co il vataggio di eseguire u mior umero di operazioi. I geerale quidi vi soo diverse forme distite di equazioe alle differeze per lo stesso sistema. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 4

15 Il sistema accumulatore come si è visto è retto dall eq. [ ] y[ ] x[] y = x[] + + y[] y[-] D La risposta impulsiva ha durata ifiita: h [ ] = u[] Il sistema iverso y[ ] = x[ ] x[ ] ha risposta impulsiva: h[ ] = δ[ ] δ[ ], co durata fiita ed è quidi u FIR. x[] + + y[]? x[-] Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 5

16 L equazioe del primo ordie ricorsiva Per affrotare il problema geerale delle equazioi alla differeze fiite, della ricerca delle soluzioi e la relazioe co i sistemi Lieari Tempo Ivariati cioè per verificare quali codizioi garatiscoo che ua equazioe alle differeze fiite rappreseti u sistema LTI, partiremo dalla semplice equazioe del primo ordie; suppoiamo di volerla risolvere el caso particolare i cui il segale di igresso è l impulso uitario ; verificheremo che occorre defiire ache u valore iiziale dell uscita per calcolare il segale d igresso: L equazioe y[ ] = x[ ] + by[ ] possiamo riscriverla el ostro caso come: y[ ] = by[ ] + δ[ ] scritta per =,,. Naturalmete occorrerà cooscere il valore di y[-], quidi il valore iiziale dell uscita, che supporremo pari ad a y [ ] = by[ ] + δ[ ] = ba+ per = y[ ] = by[ ] + δ[ ] = by[ ] + = b( ba + ) = b a + b per = 3 y ] = by[ ] + δ[ ] = b a + b [ per = 4 3 y 3] = by[ ] = b a + b [ per =3 + y [ ] = b a + b per qualsiasi positivo Per completare la defiizioe di ua soluzioe particolare dell equazioe alle differeze occorre risolvere l equazioe di ricorreza ache per i valori ell itervallo [-if -]. L equazioe y[ ] = x[ ] + by[ ] verrà riscritta ella forma: by[ ] = y[ ] δ[ ] y[ ] = y[ ] δ[ ] b b a y[ ] = y[ ] δ[ ] = = ab per =- b b b a y[ 3] = y[ ] = = ab per =- b b. + y[ ] = y[ ] = ab per egativo qualsiasi b Le due formule trovate per positivo e egativo soo: + y[ ] = b a + b = b ( b + ) >= + y[ ] = ab < Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 6

17 Mettedole isieme avremo u uica formula per la y[] che i realtà è la risposta all impulso uitario h[]: h[ ] = u + [ ] b + b a A partire da questa soluzioe i cui compare u parametro a possiamo imporre le varie codizioi. ) Liearità: cosiderado di uovo l equazioe di parteza y[ ] = x[ ] + by[ ] se l igresso x[] è ideticamete ullo avremo y[ ] = by[ ] e la risposta del sistema all igresso ullo + sarebbe y[ ] = b y[ ]. Poiché l ipotesi di liearità richiede che l uscita sia ulla per igresso ullo, sarà ecessariamete y[-]= ; ) Causalità: poiché la parte u[ ] b è già ulla per < occorrerà porre a< per redere + ulla ache b a. Ache questo comporta codizioe iiziale y[-] ulla). ) Stabilità: la codizioe ecessaria e sufficiete per la stabilità el caso causale è che = h [ ] < cioè = b < ; dalla teoria delle serie di poteza ricordiamo che per la = = somma parziale vale la formula: N N α α = α complesso = α = N se α = e, passado al limite per N-> α = α : α < = α Occorrerà di cosegueza per la stabilità che sia b <. Queste cosiderazioi si possoo estedere a sistemi di ordie superiore: la causalità, che è ua codizioe soddisfatta i tutti i sistemi di iteresse è garatita da codizioi iiziali ulle. Queste garatiscoo i ogi caso liearità e ivariaza el tempo. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 7

18 La soluzioe di ua Equazioe Stadard alle Differeze Fiite SDE Il problema delle soluzioi di ua Equazioe Stadard alle Differeze Fiite SDE può essere affrotato i termii geerali per qualsiasi ordie, i modo sistematico, e co teciche aaloghe a quelle utilizzate ella soluzioe delle equazioi differeziali. La soluzioe si può otteere i forma chiusa, e si può dimostrare che la classe delle soluzioi costituiscoo ua opportua famiglia famiglia. Dall equazioe alle differeze si ricava ifatti l equazioe omogeea associata, i cui il segale i igresso è ideticamete ullo e si dimostra agevolmete il risultato seguete. Detta y p [] ua soluzioe particolare della SDE ed y o [] ua soluzioe dell'omogeea associata, ache yp [] + yo[] sarà soluzioe dell'equazioe. Per l equazioe di parteza vale la: N M a y p[ ] = b x[ ] = = per l equazioe omogeea si ha: N a y [ ] = = e sommado membro a membro: N M a(y p + y )[ ] = b x[ ] = = Aalogamete, Se y [] e y [] soo soluzioi dell'sde, y [] y [] è ua soluzioe dell'omogeea associata. come si può verificare sottraedo membro a membro le equazioi relative alle due soluzioi. Di cosegueza si ha che: Per otteere tutte le soluzioi dell'sde basta trovare ua soluzioe particolare y p[] e la classe di tutte le soluzioi dell'omogeea { y o i [ ] }. La famiglia i=... y [ ] + y [ ] delle soluzioi sarà { } p i o. i=... Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 8

19 Per caratterizzare la classe delle soluzioi dell omogeea associata di ua determiata SDE y + ay + a y a y = si defiisce il poliomio caratteristico p( z) = + a z + az a z = Questo poliomio avrà, per il teorema fodametale dell algebra, radici; di queste alcue possoo essere coicideti e quidi co molteplicità maggiore di uo. Si può verificare che: Per le radici di molteplicità λ i la sequeza y[ ] = λi è soluzioe dell omogeea associata, per le radici di molteplicità λ i lo è la sequeza y[ ] = λi, per le radici di molteplicità 3 λ i lo è la sequeza y[ ] = ( ) λi, e così via. Per redersee coto si moltiplichi il poliomio caratteristico per z : z p( z) = z + a z a z a z = e per z = λ λ p( λ) = λ + a λ + a λ aλ = ma questo, posto y[ ] = λ e quidi y[ ] = λ, y[ ] = λ etc. corrispode alla eguagliaza: y + a y + ay a y = cioè y[ ] = λ è soluzioe dell equazioe di parteza. I modo simile si può ragioare per le radici di molteplicità >. Dette y i [] queste sequeze, si ha che ogi loro combiazioe lieare è acora soluzioe dell omogeea associata yo[ ] = ci yi[ ] i= Si può poi dimostrare che tutte le soluzioi si trovao i tal modo. Le soluzioi dell omogeea associata formao uo spazio lieare di dimesioe di y [ ] costituisce ua base. cui la famiglia { } i i =...: Basti pesare che fissado codizioi iiziali ( puti per cui passa la sequeza) questa è uivocamete determiata costruttivamete operado la ricorreza per crescete e decrescete. Viceversa fissado - puti la sequeza o è determiata uivocamete. C è corrispodeza biuivoca tra -ple di puti (codizioi) iiziali ed i coefficieti c i dell equazioe yo[ ] = ci yi[ ] i= Per verificare i pratica questo procedimeto geerale, che porta a defiire la famiglia delle soluzioi di ua SDE i forma chiusa, possiamo aalizzare dei casi semplici. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 9

20 Il caso dell equazioe del primo ordie Cosideriamo il caso di equazioe del primo ordie: y ay = x [ ] [ ] [ ] il poliomio caratteristico è p( z) = az e l equazioe caratteristica è p z = ( ) az = Essa avrà ua sola radice z = a ; i tal caso la sequeza quidi y [ ] = a sarà ua soluzioe dell omogeea associata: y [ ] ay[ ] =. Questo risultato, già dimostrato el caso geerale per ricorreze di grado arbitrario può essere verificato direttamete a partire dall equazioe: basta osservare che vale la seguete uguagliaza: a aa = Naturalmete ache la sequeza valore di c, quidi. y c ] = ca [ è soluzioe della omogeea per qualsiasi Per ogi c sarao soluzioi dell omogeea associata tutte e solo le sequeze y c[ ] = ca Fissata ua codizioe iiziale (u puto y per cui passa la sequeza ad u tempo fissato ) questa è uivocamete determiata: ifatti sarà y = ca e da questa possiamo ricavare il valore della costate c. Per otteere ora la famiglia di tutte le soluzioi dell equazioe alle differeze co eccitazioe x[] o ulla occorre trovare ua sua soluzioe particolare y p. Se i particolare vogliamo caratterizzare la risposta impulsiva useremo come igresso al sistema l impulso uitario d[], l equazioe cioè sarà y[ ] ay[ ] = δ[ ] Possiamo risolvere direttamete l equazioe alle differeze elle due direzioi >= ed <. Per i termii da = i poi avremo dall equazioe geerale y[ ] ay[ ] = δ[ ] scritta per =,,. y p [ ] ay p[ ] = δ[ ] = y p [ ] ay p[ ] = δ[ ] = y p [ ] ayp [ ] = y c = a Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

21 y p [ 3] ay p[ ] =.. y p [ ] ay p[ ] = Queste equazioi divetao, el caso y p[ ] =, valore iiziale ullo y p [ ] = y p [ ] = ay p[ ] = a y p[ ] = ay p[ ] = a 3 y p[ 3] = ayp[ ] = a.. y p[ ] = ay p[ ] = a Per completare la defiizioe della soluzioe particolare occorre risolvere l equazioe di ricorreza ache per i valori ell itervallo [-if -]. Coverrà scrivere la ricorreza ella forma: ay[ ] = y[ ] δ[ ] y[ ] = y[ ] δ[ ] a a per =- y [ ] = y[ ] δ[ ] = a a per =- y [ 3] = y[ ] = a La soluzioe particolare scelta duque è ulla per < e si può scrivere come: [ ] a y p[ ] = u La famiglia completa delle soluzioi dell equazioe alle differeze fiite del primo ordie si può otteere dalla somma della soluzioe particolare dell equazioe completa e della famiglia delle soluzioi dell omogeea associata; si tratta quidi di ua famiglia idicizzata dal parametro c: [ ] a ca y c[ ] = u + L equazioe alle differeze ammette duque ua itera classe di soluzioi. Possiamo restrigere questa familgia impoedo ulteriori codizioi restrittive. Se la soluzioe ricercata è causale si avrà y - = quidi sarà c= e la soluzioe sarà [ ] a y [ ] = u. Se i aggiuta ricerchiamo ua soluzioe stabile dovrà essere ache a <. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

22 Si ritrovao duque i risultati già trovati mediate soluzioe iterata della relazioe di ricorreza. Esamiaiamo ora i due casi a< ed a> ) caso a< 5 Famiglia di soluzioi della omogeea a= red: c= gree: c= Soluzioe particolare a= Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

23 Famiglia delle soluzioi della equazioe completa a= red: c= gree: c= Dalla figure risulta chiaro che la soluzioe causale i questo caso cioè a< è quella per c=, che è ache stabile (curva i rosso). La soluzioe aticausale co c= - (curva i verde) evidetemete o è stabile. Tutte le altre o soo é causali é aticausali e soo istabili. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

24 ) caso a> 4 Famiglia di soluzioi della omogeea a=. 3 Soluzioe particolare a= red: c= gree: c= Famiglia delle soluzioi della equazioe completa a= red: c= gree: c= Dalla figure risulta chiaro che la soluzioe causale i questo caso cioè a> è quella per c=, che o è stabile. La soluzioe stabile è quella aticausale co c=-. Le figure soo state otteute co FamigliaPrimoOrdie.m Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 4

25 Scelta delle costati dell omogeea L equazioe stadard alle differeze ammette, ua volta fissato la sequeza d igresso o N y [ ] + y [ ] dove il C R è il set x[], ua famiglia di soluzioi, espressa come { p C } C... o di parametri ci dell espasioe ella base { y i [ ] } i=.... Il set C di costati si può determiare i base ad alcui criteri: causalità stabilità etrambi Ad esempio el caso visto y [ ] ay[ ] = x[ ] y c[ ] = a u[ ] + ca c= se a< si ha ache la stabilità, se a> la soluzioe o è stabile; c=- se a> si ha ache la stabilità, se a< la soluzioe o è stabile; si osservi che a< e causalità garatiscoo covergeza: siamo el caso i cui lo zero a del poliomio caratteristico è itero al cerchio uitario. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 5

26 Ricapitolado [ ] a ca y c[ ] = u + L equazioe alle differeze ammette duque ua itera classe di soluzioi. Se la soluzioe ricercata è causale si avrà y - = e la soluzioe sarà y [ ] = a. Se i aggiuta ricerchiamo ua soluzioe stabile dovrà essere ache a <. Naturalmete il caso visto di a reale si può geeralizzare al caso a egativo ed al caso a complesso. Riferedosi al modello di parteza del circuito elettrico questo corrispoderebbe allo studio del circuito LR o di quello oscillate RLC. I coclusioe el caso usuale di causalità e stabilità avremo che: La soluzioe dell equazioe alle differeze fiite del primo ordie, co a <, a evetualmete complesso: y[ ] ay[ ] = δ[ ] sarà y [ ] = a per > Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 6

27 La risposta dell'equazioe alle differeze ad u espoeziale complesso Data l equazioe del primo ordie: [ ] ay[ ] x[ ] y = è possibile caratterizzare la risposta ad ua sequeza oscillate, ad esempio ad u jω espoeziale complesso di ampiezza uitaria x[ ] = e ; per ampiezza diversa la liearità del sistema ci permetterà di otteere semplicemete la risposta relativa. A questo fie suppoiamo che l uscita del sistema sia u espoeziale complesso [ ] e j ω y = ; sostituedo avremo: jω e jω ae ( ) = x[ ] jω ( ae jω ) e = x[ ] jω ( ae ) y[ ] = x[ ] y[ ] = x[ ] jω ae Sia la sequeza di igresso che quella di uscita soo duque espoeziali complessi. Moltiplicado per avremo jω ae jω y[ ] = e jω ae Duque per igresso espoeziale complesso l uscita sarà u espoeziale complesso di ampiezza, dipedete dalla pulsazioe. jω ae Questa fuzioe, detta H ( ω) caratterizza duque il sistema rispetto agli igressi di tipo espoeziale complesso. Se poi l igresso è ua siusoide o cosiusoide reale, avedo presete la relazioe cos ( ω ) ( j j = ω ω e + e ) e la liearità del sistema si può immediatamete otteere il risultato corrispodete. Per cooscere il comportameto del sistema al variare della pulsazioe?, basterà studiare questa fuzioe di trasferimeto: H ( ω) = jω ae Oltre che aaliticamete si può valutare qualitativamete, facedo riferimeto alla seguete figura i cui soo tracciati i vettori ae -j?, e la differeza - ae -j? Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 7

28 ae -jw -ae -jw Il valore che ci iteressa è il modulo di. Si osserva che al variare di w jω ae l adameto del modulo di questo vettore è crescete, a partire da u miimo per w=; il suo iverso quidi risulterò decrescete, ed avrà u massimo proprio per w=, come risulta dalla figura seguete.?=?=p/3?=p/5 Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 8

29 Soo di seguito riportati modulo e fase della risposta i frequeza Si osserva che la risposta del sistema è simmetrica i modulo rispetto a p/ ed atisimmetrica ella fase. Per questo motivo è sufficiete descrivere il comportameto del sistema ed il suo spettro per valori della pulsazioe? compresi ell itervallo [ p]. Per valori egativi del coefficiete a il filtro risultate è passa alto, come si può verificare ragioado sul cerchio uitario come el caso precedete.: Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 9

30 Nel caso poi che il coefficiete a sia complesso, co modulo a e fase?, avremo come risposta ad u espoeziale complesso di pulsazioe? Y ( ω ) = = jω jω j( ω ω ) ae e ae ma si verifica che Y ( ω ) = X ( ω ω ), quidi coicide co la risposta i frequeza già vista ma shiftata i frequeza di? ; il massimo duque ivece che per il valore?= si avrà per il valore?=?, dado così luogo ad ua risposta i frequeza accordata ad? figure otteute co plot_iir_respose.m Il caso a egativo può ricodursi a questo avedo presete che per a egativo si può jπ scrivere a = a = a e da cui è chiara la traslazioe di p ella risposta i frequeza già osservata Per quato riguarda la risposta impulsiva sempre el caso a< essa si ottiee semplicemete moltiplicado la risposta impulsiva del caso a> e cioè a per la Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli