Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)"

Transcript

1 Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così i quato a partire da ua equazioe itegro-differeziale che descrive u determiato feomeo fisico, itegrali e derivate, legate ad icremeti ifiitesimi soo sostituiti da differeze calcolate ad icremeti di tempo fiiti; esse coivolgoo u umero fiito di campioi dell'igresso e dell' uscita, combiati mediate semplici operazioi di somma e prodotto: N M a y[ ] = b x[ ] = = Le equazioi alle differeze fiite costituiscoo duque la versioe discreta delle equazioi differeziali e e rappresetao, sotto certe ipotesi, ua approssimazioe che si può spigere a piacere. Dall avveto del calcolo digitale esse hao ormai sostituito, dal puto di vista computazioale le equazioi itegro-differeziali, madado del tutto i soffitta i vecchi calcolatori aalogici. La teoria delle equazio i differeziali aturalmete cotiua ad essere sviluppata, ma el mometo i cui occorre fare delle simulazioi ovvero risolvere u problema dal puto di vista umerico, occorre ecessariamete ricorre alla discretizzazioe ed al cosiddetto calcolo agli elemeti fiiti, di cui le equazioi SDE soo u esempio. Per illustrare il pricipio su cui è basato il passaggio dal cotiuo al discreto, aalizziamo u caso semplice. Cosideriamo u circuito elettrico RC serie, i cui V è la tesioe di igresso e Vc quella di uscita, ai capi del codesatore: Le equazioi del circuito, detta i la correte i igresso, ed assumedo che l uscita o carichi il circuito cioè o derivi correte, soo: V = R i + V c equazioe della maglia q = C V c relazioe tra tesioe e carica el codesatore dq dvc i = = C dt dt relazioe tra carica e correte el codesatore Si ricava quidi l equazioe differeziale del circuito RC : Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

2 dq dv V = R + V c c = R C + Vc dt dt Se ora approssimiamo l itervallo ifiitesimo dt co u itervallo fiito ma piccolo?t, molto miore di quella che sappiamo essere la costate di tempo del circuito t=rc, approssimeremo allo stesso modo l ifiitesimo dv c co l icremeto fiito? V c. L equazioe differeziale diveta così ua equazioe alle differeze; se quidi V e V + soo i valori della tesioe i igresso all istate t e t+?t e Vc e Vc - quelli della tesioe i uscita, l equazioe sarà: Vc Vc V = R C + Vc t Usado la simbologia usuale fio ad ora, co le sostituzioi V x e Vc y, l equazioe diveta: y y x = R C + y t R C Se ora poiamo α = >> avremo t x = α ( y y ) + y = αy αy + y = ( + α) y αy ( + α ) y = x + αy α y = x + y + α + α α y = ax + by co a = e b = + α + α Ua semplice fuzioe Matlab per simulare il sistema x --->y è la seguete: % RC filter alfa=rc/dt; fuctio y=rc_filter(x,alfa) a=/(+alfa); b=alfa/(+alfa); y=zeros(,legth(x)); for =:legth(x) y()=a*x()+b*y(-); ed Se si dao i igresso al filtro vari tipi di segale si ottegoo le uscite riportate elle figure segueti; soo ache riportati gli spettri dei segali prodotti per verificare che tipo di filtraggio i frequeza viee realizzato dal sistema. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

3 gradio uitario La riposta i figura è la tipica risposta al gradio uitario di u partitore RC, cioè la carica del codesatore, seguita dalla sua scarica quado la tesioe i igresso viee portata a zero. Di seguito viee riportata la simulazioe relativa ad u segale i igresso costituito da rumore biaco. Questo el domiio della frequeza ha uo spettro praticamete piatto; il segale i uscita ivece ha chiaramete u adameto passa-basso; questo si può verificare acusticamete ascoltado il segale prodotto. Ifie se applichiamo u impulso uitario i igresso, otterremo i uscita la risposta all impulso uitario che come sappiamo, ell ipotesi LTI che verificheremo valida i questo caso, descrive completamete il sistema e permette di calcolare per covoluzioe l uscita del sistema per qualsiasi segale d igresso. Lo spettro di Fourier dell igresso è uo spettro piatto (cotiee tutte le frequeze), metre la risposta all impulso ha l aspetto di u filtro passa-basso. Il ostro sistema è quidi u filtro passa-basso. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

4 impulso uitario impulso uitario: risposta i frequeza Filtered Time domai sigal Frequecy domai Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 4

5 Se ora cosideriamo l equazioe alle differeze che descrive il sistema α y = x + y + α + α possiamo osservare che la costate che moltiplica x è ua semplice costate di + α proporzioalità; cosiderado allora ua copia scalata del segale d igresso (o d uscita) l equazioe si può più semplicemete riscrivere ella forma y = x + by i cui appare evidete che, scritta direttamete el domiio discreto, il parametro i gioco per il semplice sistema i esame è soltato la costate b. Ioltre si può verificare che risolvedo l equazioe a partire da = co igresso d[] e suppoedo che y-= si avrà la seguete risposta impulsiva: y = y =b y =b... y =b. Evidetemete la risposta impulsiva h =b ha durata ifiita. Per tale motivo questo sistema e la classe a cui appartiee si dice a risposta Impulsiva Ifiita (IIR Ifiite Impulse Respose) a differeza dei sistemi i cui la risposta impulsiva è ivece di durata fiita (FIR). Ioltre i geerale i sistemi ricorsivi soo di tipo IIR cioè hao risposta impulsiva ifiita, metre quelli o ricorsivi soo di tipo FIR. Da fare: Studiare il comportameto di questo sistema al variare di b sia reale che immagiario Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 5

6 Nel caso i cui il coefficiete b è egativo si può verificare che la risposta è passa-alto. Studiare il comportameto di questo sistema Nel caso i cui il coefficiete b è complesso si ottegoo i risultati che seguoo. Nel caso di impulso uitario la risposta y=b ricade ella tipologia di sequeze espoeziali già viste; essa è rappresetata ella figura seguete: si osserva che si tratta di ua risposta complessa ed oscillate co ua pulsazioe che dipede dall agolo del coefficiete complesso b. Poiché il segale i uscita dal filtro a coefficieti complessi è complesso, il segale el piao complesso ovvero e rappreseteremo la parte reale Time domai sigal Frequecy domai Filtered Time domai sigal Filtered Time domai sigal (real part) Frequecy domai Se poi mettiamo i igresso del rumore biaco osserviamo che esso viee filtrato lasciado passare ua bada di frequeze itoro alla frequeze cetrale che caratterizza la risposta impulsiva e quidi il sistema. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 6

7 Filtered Time domai sigal Filtered Time domai sigal (real part) Frequecy domai Il comportameto quidi è quello di u filtro accordato, cioè u filtro che lascia passare ua bada più o meo ampia itoro alla sua frequeza di accordo ed atteua le frequeze al di fuori di questa bada, come si vedrà più compiutamete els eguito imagiary part real part time Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 7

8 Nel caso complesso ua rappresetazioe tridimesioale dà meglio coto del segale filtrato; el caso della risposta impulsiva co parametro b complesso pari a b=.9995*exp(j*? )? =pi/8; al crescere di? aumeta la frequeza delle oscillazioi del segale, così come si puiò verificare che al crescere del modulo fio al valore uitario l atteuazioe relativa al decadimeto dell oscillazioe dimiuisce; elcaso b = l oscillazioe si sostiee ifiitamete, metre el caso b = il sistema o è più stabile e la risposta diverge. Nel caso di u igresso costituito da rumore biaco avremo la seguete figura 6 4 imagiary part real part time 6 8 Si osservi ache che la risposta i frequeza o è atisimmetrica rispetto a p; questo è dovuto al fatto che stiamo trasformado i frequeza u segale complesso: la simmetria per il modulo e l atisimmetria per la fase, valgoo solo per segali reali. Le figure soo state otteuta co c_iir.m Si può qui vedere come accoppiado due sezioi co b complessi coiugati il segale diveta reale ed abbiamo la coppia di poli complessi coiugati. Verificare cosa accade se i igresso al sistema si mette u rumore biaco Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 8

9 Il sistema visto è u filtro ricorsivo el seso che per il calcolo di u campioe utilizza o soltato campioi di igresso ma ache campioi precedeti dell uscita; u filtro o ricorsivo ivece utilizza soltato campioi dell igresso, al tempo o a tempi precedeti; è questo il caso della media, retta dall equazioe: y = x + x Ua descrizioe a blocchi dei due sistemi del primo ordie rede chiare le differeze: x[] b b x[] + y[] Delay z - x[-] b b x[-] Struttura o ricorsiva b x[] + y[] ay[-] y[-] Delay z - Struttura ricorsiva Dalla simulazioe diretta dei due filtri si osserva che el caso del filtro ricorsivo la risposta impulsiva ha durata ifiita, che se el caso i esame tede asitoticamete a zero. Nel casi o ricorsivo, ivece, la risposta impulsiva è h[]=d[]+d[-] ed ha quidi durata fiita. Questa caratteristica della durata della risposta impulsiva come vedremo vale i geerale per tutte le strutture ricorsive/o ricorsive Caso FIR Caso FIR bidimesioale: media iterata N+S+E+W Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 9

10 Si aticipa qui ua cosiderazioe che sarà siluppata i seguito ma che è bee teere presete fi d ora. Le Equazioi alle differeze fiite soo importati perché la loro trasformata (che verrà defiita i dettaglio più avati) è ua fuzioe razioale, particolarmete semplice da trattare; ioltre questa circostaza permette di ricavare immediatamete ua implemetazioe del sistema sottostate co operazioi elemetari el domiio digitale che soo somme, prodotti e ritardi, le stesse apputo che compaioo i ua SDE. Dato u segale discreto x[] si defiisce la trasformata Z di questo segale moltiplicado l equazioe della covoluzioe per z e sommado per <<. x[ ] X ( z) = x[ ] z = Si verificherà che vale la proprietà del ritardo x[ ] z X ( z) e che dato u sistema LTI retto quidi dall equazioe della covoluzioe y[ ] = x[ ] h[ ], tra le trasformate el domiio complesso z vale la = seguete semplice proprietà moltiplicativa: : Y ( z) = X ( z) H( z) Y ( z) e quidi: H ( z) = X ( z) Se ora H(z) è ua fuzioe razioale, cioè u rapporto tra due poliomi ella variabile z - razioale, si può atitrasformare e procededo all'iverso si ottiee ua equazioe SDE, i cui quidi soo coivolti u umero fiito di campioi dell igresso e dell uscita. Data duque ua fuzioe di trasferimeto desiderata, i forma razioale, basta ivertirla per ricavare l equazioe alle differeze co cui si può semplicemete implemetare esattamete il sistema co la risposta desiderata, mediate apputo somme, prodotti e ritardi. Le due codizioi Trasformata razioale e possibilità di descriverlo el tempo mediate equazioi alle differeze, co u umero fiito di termii, soo equivaleti. L'equazioe alle differeze fiite difatti potrebbe i geerale coivolgere u umero ifiito di campioi di igresso o di uscita e etrambe e o risultare di cosegueza passibile di ua implemetazioe esatta. Questo sarà il caso i cui la H(z) che caratterizza la risposta i frequeza del sistema o è ua fuzioe razioale; u esempio è quello della fuzioe z H ( z) = e. I tal caso o essedo possibile ua formulazioe della H(z) i termii di rapporto tra poliomi, o sarà emmeo possibile implemetare il relativo filtraggio mediate ua equazioe alle differeze fiite, cioè mediate semplici ritardi somme e moltplicazioi; occorrerà per fare questo implemetare ua approssimazioe razioale (rapporto tra poliomi) della H(z) co risultati quidi che sarao ache loro approssimati. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

11 Es. accumulatore y [ ] = x[ ] = I questa equazioe compaioo u umero ifiito di campioi; ciò oostate la relazioe di igresso/uscita per questo sistema si può riscrivere ella forma equivalete y [ ] = x + y[ ], da cui appare chiaro che si tratta di u equazioe di tipo SDE, co u umero quidi fiito di termii, realizzabile duque al fiito, esattamete. Del resto si può verificare che la relazioe igresso/uscita ella Y( z) variabile z è H ( z) = = X ( z) z La SDE può vedersi come ua eguagliaza tra covoluzioi di durata fiita Esistoo diverse forme di equazioi alle differeze equivaleti come si vedrà più avati el caso del sistema media (movig average) Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

12 Caratteristiche delle Equazioi alle Differeze Stadard (SDE Stadard Differece Equatio). No defiiscoo u solo sistema (codizioi iiziali). Difatti se y p [] è soluzioe dell'equazioe e y [ ] dell'omogeea associata ache p + ] è soluzioe. No garatiscoo la liearità (i particolare la omogeeita').eg. y[] y[ ] = 3. Garatiscoo l'additivita' 4. No garatiscoo l'ivariaza temporale. Nel caso y [ ] [ p + ], per igresso x [], per igresso x[ ] la compoete y [ ] dell'uscita rimarrà immutata 5. Possoo essere causali o o 6. Possoo essere stabili o o 7. Tutto dipede dalle codizioi iiziali, a partire dalle quali, assegato u igresso si può ricavare uivocamete l'uscita mediate ricorreza i avati ed all'idietro. 8. Scelte le codizioi iiziali per l'omogeeità e l'ivariaza temporale, il sistema diveta causale se e solo se le codizioi iiziali soo ulle 9. Il sistema così defiito può essere stabile o istabile. Questo è spesso defiito i base alla causalità: eg u sistema può essere causale ed istabile ovvero aticausale ma stabile. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

13 Proprietà delle SDE Additività Omogeeità: va garatita co le codizioi iiziali Ivariaza el tempo: va garatita co le codizioi iiziali Data la SDE N M a y[ ] = bx[ ] = = si può ricavare esplicitamete y[] M N y [ ] = bx[ ] - a y[ ] a = = i geerale l'uscita dipede sia dall'igresso che dalle uscite precedeti. Se N= sarà M b y [ ] = x[ ] = a e, cofrotado co la formula della covoluzioe: y[] = x[]h [ ] = (x h)[] = si ricava: b h[] =, =...M a come si può otteere ache per simulazioe diretta, cioè risposta impulsiva fiita FIR. (I tal caso o occorre defiire codizioi iiziali) Nell'altro caso la risposta impulsiva è ifiita (IIR Ifiite Impulse Respose) ed occorroo codizioi iiziali per specificarla. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

14 Sistemi LTI descritti da equazioi alle differeze: esempi M M + = M Media y[ ] = x[ ] h Risposta impulsiva fiita Trascurado il fattore moltiplicativo M M + = M [ ] = δ [ ] si ha: M + [ ] = u[ ] u[ M ] = u[ ] ( δ[ ] δ[ M ] ) Il sistema si può realizzare co la cascata dei due sistemi h ( δ [ ] δ[ M ] ) u[ ] e x[] y[]??(m+) Facedo commutare i due blocchi: x[]?(m+) + - x [] +? y[] x [] = x[]-x[-m-] y[] = x[]-y[-] x [] = x[]-x[-m-] y[] + y[-] = x[]-x[-m -] Questa versioe dell equazioe traduce i formule l algoritmo di calcolo della media ruig che cosiste el calcolare la media la passo utilizzado la media al passo -. sottraedo il cortributo del termie più lotao e sommado il cotributo del termie - mo, co il vataggio di eseguire u mior umero di operazioi. I geerale quidi vi soo diverse forme distite di equazioe alle differeze per lo stesso sistema. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 4

15 Il sistema accumulatore come si è visto è retto dall eq. [ ] y[ ] x[] y = x[] + + y[] y[-] D La risposta impulsiva ha durata ifiita: h [ ] = u[] Il sistema iverso y[ ] = x[ ] x[ ] ha risposta impulsiva: h[ ] = δ[ ] δ[ ], co durata fiita ed è quidi u FIR. x[] + + y[]? x[-] Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 5

16 L equazioe del primo ordie ricorsiva Per affrotare il problema geerale delle equazioi alla differeze fiite, della ricerca delle soluzioi e la relazioe co i sistemi Lieari Tempo Ivariati cioè per verificare quali codizioi garatiscoo che ua equazioe alle differeze fiite rappreseti u sistema LTI, partiremo dalla semplice equazioe del primo ordie; suppoiamo di volerla risolvere el caso particolare i cui il segale di igresso è l impulso uitario ; verificheremo che occorre defiire ache u valore iiziale dell uscita per calcolare il segale d igresso: L equazioe y[ ] = x[ ] + by[ ] possiamo riscriverla el ostro caso come: y[ ] = by[ ] + δ[ ] scritta per =,,. Naturalmete occorrerà cooscere il valore di y[-], quidi il valore iiziale dell uscita, che supporremo pari ad a y [ ] = by[ ] + δ[ ] = ba+ per = y[ ] = by[ ] + δ[ ] = by[ ] + = b( ba + ) = b a + b per = 3 y ] = by[ ] + δ[ ] = b a + b [ per = 4 3 y 3] = by[ ] = b a + b [ per =3 + y [ ] = b a + b per qualsiasi positivo Per completare la defiizioe di ua soluzioe particolare dell equazioe alle differeze occorre risolvere l equazioe di ricorreza ache per i valori ell itervallo [-if -]. L equazioe y[ ] = x[ ] + by[ ] verrà riscritta ella forma: by[ ] = y[ ] δ[ ] y[ ] = y[ ] δ[ ] b b a y[ ] = y[ ] δ[ ] = = ab per =- b b b a y[ 3] = y[ ] = = ab per =- b b. + y[ ] = y[ ] = ab per egativo qualsiasi b Le due formule trovate per positivo e egativo soo: + y[ ] = b a + b = b ( b + ) >= + y[ ] = ab < Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 6

17 Mettedole isieme avremo u uica formula per la y[] che i realtà è la risposta all impulso uitario h[]: h[ ] = u + [ ] b + b a A partire da questa soluzioe i cui compare u parametro a possiamo imporre le varie codizioi. ) Liearità: cosiderado di uovo l equazioe di parteza y[ ] = x[ ] + by[ ] se l igresso x[] è ideticamete ullo avremo y[ ] = by[ ] e la risposta del sistema all igresso ullo + sarebbe y[ ] = b y[ ]. Poiché l ipotesi di liearità richiede che l uscita sia ulla per igresso ullo, sarà ecessariamete y[-]= ; ) Causalità: poiché la parte u[ ] b è già ulla per < occorrerà porre a< per redere + ulla ache b a. Ache questo comporta codizioe iiziale y[-] ulla). ) Stabilità: la codizioe ecessaria e sufficiete per la stabilità el caso causale è che = h [ ] < cioè = b < ; dalla teoria delle serie di poteza ricordiamo che per la = = somma parziale vale la formula: N N α α = α complesso = α = N se α = e, passado al limite per N-> α = α : α < = α Occorrerà di cosegueza per la stabilità che sia b <. Queste cosiderazioi si possoo estedere a sistemi di ordie superiore: la causalità, che è ua codizioe soddisfatta i tutti i sistemi di iteresse è garatita da codizioi iiziali ulle. Queste garatiscoo i ogi caso liearità e ivariaza el tempo. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 7

18 La soluzioe di ua Equazioe Stadard alle Differeze Fiite SDE Il problema delle soluzioi di ua Equazioe Stadard alle Differeze Fiite SDE può essere affrotato i termii geerali per qualsiasi ordie, i modo sistematico, e co teciche aaloghe a quelle utilizzate ella soluzioe delle equazioi differeziali. La soluzioe si può otteere i forma chiusa, e si può dimostrare che la classe delle soluzioi costituiscoo ua opportua famiglia famiglia. Dall equazioe alle differeze si ricava ifatti l equazioe omogeea associata, i cui il segale i igresso è ideticamete ullo e si dimostra agevolmete il risultato seguete. Detta y p [] ua soluzioe particolare della SDE ed y o [] ua soluzioe dell'omogeea associata, ache yp [] + yo[] sarà soluzioe dell'equazioe. Per l equazioe di parteza vale la: N M a y p[ ] = b x[ ] = = per l equazioe omogeea si ha: N a y [ ] = = e sommado membro a membro: N M a(y p + y )[ ] = b x[ ] = = Aalogamete, Se y [] e y [] soo soluzioi dell'sde, y [] y [] è ua soluzioe dell'omogeea associata. come si può verificare sottraedo membro a membro le equazioi relative alle due soluzioi. Di cosegueza si ha che: Per otteere tutte le soluzioi dell'sde basta trovare ua soluzioe particolare y p[] e la classe di tutte le soluzioi dell'omogeea { y o i [ ] }. La famiglia i=... y [ ] + y [ ] delle soluzioi sarà { } p i o. i=... Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 8

19 Per caratterizzare la classe delle soluzioi dell omogeea associata di ua determiata SDE y + ay + a y a y = si defiisce il poliomio caratteristico p( z) = + a z + az a z = Questo poliomio avrà, per il teorema fodametale dell algebra, radici; di queste alcue possoo essere coicideti e quidi co molteplicità maggiore di uo. Si può verificare che: Per le radici di molteplicità λ i la sequeza y[ ] = λi è soluzioe dell omogeea associata, per le radici di molteplicità λ i lo è la sequeza y[ ] = λi, per le radici di molteplicità 3 λ i lo è la sequeza y[ ] = ( ) λi, e così via. Per redersee coto si moltiplichi il poliomio caratteristico per z : z p( z) = z + a z a z a z = e per z = λ λ p( λ) = λ + a λ + a λ aλ = ma questo, posto y[ ] = λ e quidi y[ ] = λ, y[ ] = λ etc. corrispode alla eguagliaza: y + a y + ay a y = cioè y[ ] = λ è soluzioe dell equazioe di parteza. I modo simile si può ragioare per le radici di molteplicità >. Dette y i [] queste sequeze, si ha che ogi loro combiazioe lieare è acora soluzioe dell omogeea associata yo[ ] = ci yi[ ] i= Si può poi dimostrare che tutte le soluzioi si trovao i tal modo. Le soluzioi dell omogeea associata formao uo spazio lieare di dimesioe di y [ ] costituisce ua base. cui la famiglia { } i i =...: Basti pesare che fissado codizioi iiziali ( puti per cui passa la sequeza) questa è uivocamete determiata costruttivamete operado la ricorreza per crescete e decrescete. Viceversa fissado - puti la sequeza o è determiata uivocamete. C è corrispodeza biuivoca tra -ple di puti (codizioi) iiziali ed i coefficieti c i dell equazioe yo[ ] = ci yi[ ] i= Per verificare i pratica questo procedimeto geerale, che porta a defiire la famiglia delle soluzioi di ua SDE i forma chiusa, possiamo aalizzare dei casi semplici. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 9

20 Il caso dell equazioe del primo ordie Cosideriamo il caso di equazioe del primo ordie: y ay = x [ ] [ ] [ ] il poliomio caratteristico è p( z) = az e l equazioe caratteristica è p z = ( ) az = Essa avrà ua sola radice z = a ; i tal caso la sequeza quidi y [ ] = a sarà ua soluzioe dell omogeea associata: y [ ] ay[ ] =. Questo risultato, già dimostrato el caso geerale per ricorreze di grado arbitrario può essere verificato direttamete a partire dall equazioe: basta osservare che vale la seguete uguagliaza: a aa = Naturalmete ache la sequeza valore di c, quidi. y c ] = ca [ è soluzioe della omogeea per qualsiasi Per ogi c sarao soluzioi dell omogeea associata tutte e solo le sequeze y c[ ] = ca Fissata ua codizioe iiziale (u puto y per cui passa la sequeza ad u tempo fissato ) questa è uivocamete determiata: ifatti sarà y = ca e da questa possiamo ricavare il valore della costate c. Per otteere ora la famiglia di tutte le soluzioi dell equazioe alle differeze co eccitazioe x[] o ulla occorre trovare ua sua soluzioe particolare y p. Se i particolare vogliamo caratterizzare la risposta impulsiva useremo come igresso al sistema l impulso uitario d[], l equazioe cioè sarà y[ ] ay[ ] = δ[ ] Possiamo risolvere direttamete l equazioe alle differeze elle due direzioi >= ed <. Per i termii da = i poi avremo dall equazioe geerale y[ ] ay[ ] = δ[ ] scritta per =,,. y p [ ] ay p[ ] = δ[ ] = y p [ ] ay p[ ] = δ[ ] = y p [ ] ayp [ ] = y c = a Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

21 y p [ 3] ay p[ ] =.. y p [ ] ay p[ ] = Queste equazioi divetao, el caso y p[ ] =, valore iiziale ullo y p [ ] = y p [ ] = ay p[ ] = a y p[ ] = ay p[ ] = a 3 y p[ 3] = ayp[ ] = a.. y p[ ] = ay p[ ] = a Per completare la defiizioe della soluzioe particolare occorre risolvere l equazioe di ricorreza ache per i valori ell itervallo [-if -]. Coverrà scrivere la ricorreza ella forma: ay[ ] = y[ ] δ[ ] y[ ] = y[ ] δ[ ] a a per =- y [ ] = y[ ] δ[ ] = a a per =- y [ 3] = y[ ] = a La soluzioe particolare scelta duque è ulla per < e si può scrivere come: [ ] a y p[ ] = u La famiglia completa delle soluzioi dell equazioe alle differeze fiite del primo ordie si può otteere dalla somma della soluzioe particolare dell equazioe completa e della famiglia delle soluzioi dell omogeea associata; si tratta quidi di ua famiglia idicizzata dal parametro c: [ ] a ca y c[ ] = u + L equazioe alle differeze ammette duque ua itera classe di soluzioi. Possiamo restrigere questa familgia impoedo ulteriori codizioi restrittive. Se la soluzioe ricercata è causale si avrà y - = quidi sarà c= e la soluzioe sarà [ ] a y [ ] = u. Se i aggiuta ricerchiamo ua soluzioe stabile dovrà essere ache a <. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

22 Si ritrovao duque i risultati già trovati mediate soluzioe iterata della relazioe di ricorreza. Esamiaiamo ora i due casi a< ed a> ) caso a< 5 Famiglia di soluzioi della omogeea a= red: c= gree: c= Soluzioe particolare a= Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p.

23 Famiglia delle soluzioi della equazioe completa a= red: c= gree: c= Dalla figure risulta chiaro che la soluzioe causale i questo caso cioè a< è quella per c=, che è ache stabile (curva i rosso). La soluzioe aticausale co c= - (curva i verde) evidetemete o è stabile. Tutte le altre o soo é causali é aticausali e soo istabili. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

24 ) caso a> 4 Famiglia di soluzioi della omogeea a=. 3 Soluzioe particolare a= red: c= gree: c= Famiglia delle soluzioi della equazioe completa a= red: c= gree: c= Dalla figure risulta chiaro che la soluzioe causale i questo caso cioè a> è quella per c=, che o è stabile. La soluzioe stabile è quella aticausale co c=-. Le figure soo state otteute co FamigliaPrimoOrdie.m Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 4

25 Scelta delle costati dell omogeea L equazioe stadard alle differeze ammette, ua volta fissato la sequeza d igresso o N y [ ] + y [ ] dove il C R è il set x[], ua famiglia di soluzioi, espressa come { p C } C... o di parametri ci dell espasioe ella base { y i [ ] } i=.... Il set C di costati si può determiare i base ad alcui criteri: causalità stabilità etrambi Ad esempio el caso visto y [ ] ay[ ] = x[ ] y c[ ] = a u[ ] + ca c= se a< si ha ache la stabilità, se a> la soluzioe o è stabile; c=- se a> si ha ache la stabilità, se a< la soluzioe o è stabile; si osservi che a< e causalità garatiscoo covergeza: siamo el caso i cui lo zero a del poliomio caratteristico è itero al cerchio uitario. Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 5

26 Ricapitolado [ ] a ca y c[ ] = u + L equazioe alle differeze ammette duque ua itera classe di soluzioi. Se la soluzioe ricercata è causale si avrà y - = e la soluzioe sarà y [ ] = a. Se i aggiuta ricerchiamo ua soluzioe stabile dovrà essere ache a <. Naturalmete il caso visto di a reale si può geeralizzare al caso a egativo ed al caso a complesso. Riferedosi al modello di parteza del circuito elettrico questo corrispoderebbe allo studio del circuito LR o di quello oscillate RLC. I coclusioe el caso usuale di causalità e stabilità avremo che: La soluzioe dell equazioe alle differeze fiite del primo ordie, co a <, a evetualmete complesso: y[ ] ay[ ] = δ[ ] sarà y [ ] = a per > Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 6

27 La risposta dell'equazioe alle differeze ad u espoeziale complesso Data l equazioe del primo ordie: [ ] ay[ ] x[ ] y = è possibile caratterizzare la risposta ad ua sequeza oscillate, ad esempio ad u jω espoeziale complesso di ampiezza uitaria x[ ] = e ; per ampiezza diversa la liearità del sistema ci permetterà di otteere semplicemete la risposta relativa. A questo fie suppoiamo che l uscita del sistema sia u espoeziale complesso [ ] e j ω y = ; sostituedo avremo: jω e jω ae ( ) = x[ ] jω ( ae jω ) e = x[ ] jω ( ae ) y[ ] = x[ ] y[ ] = x[ ] jω ae Sia la sequeza di igresso che quella di uscita soo duque espoeziali complessi. Moltiplicado per avremo jω ae jω y[ ] = e jω ae Duque per igresso espoeziale complesso l uscita sarà u espoeziale complesso di ampiezza, dipedete dalla pulsazioe. jω ae Questa fuzioe, detta H ( ω) caratterizza duque il sistema rispetto agli igressi di tipo espoeziale complesso. Se poi l igresso è ua siusoide o cosiusoide reale, avedo presete la relazioe cos ( ω ) ( j j = ω ω e + e ) e la liearità del sistema si può immediatamete otteere il risultato corrispodete. Per cooscere il comportameto del sistema al variare della pulsazioe?, basterà studiare questa fuzioe di trasferimeto: H ( ω) = jω ae Oltre che aaliticamete si può valutare qualitativamete, facedo riferimeto alla seguete figura i cui soo tracciati i vettori ae -j?, e la differeza - ae -j? Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 7

28 ae -jw -ae -jw Il valore che ci iteressa è il modulo di. Si osserva che al variare di w jω ae l adameto del modulo di questo vettore è crescete, a partire da u miimo per w=; il suo iverso quidi risulterò decrescete, ed avrà u massimo proprio per w=, come risulta dalla figura seguete.?=?=p/3?=p/5 Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 8

29 Soo di seguito riportati modulo e fase della risposta i frequeza Si osserva che la risposta del sistema è simmetrica i modulo rispetto a p/ ed atisimmetrica ella fase. Per questo motivo è sufficiete descrivere il comportameto del sistema ed il suo spettro per valori della pulsazioe? compresi ell itervallo [ p]. Per valori egativi del coefficiete a il filtro risultate è passa alto, come si può verificare ragioado sul cerchio uitario come el caso precedete.: Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 9

30 Nel caso poi che il coefficiete a sia complesso, co modulo a e fase?, avremo come risposta ad u espoeziale complesso di pulsazioe? Y ( ω ) = = jω jω j( ω ω ) ae e ae ma si verifica che Y ( ω ) = X ( ω ω ), quidi coicide co la risposta i frequeza già vista ma shiftata i frequeza di? ; il massimo duque ivece che per il valore?= si avrà per il valore?=?, dado così luogo ad ua risposta i frequeza accordata ad? figure otteute co plot_iir_respose.m Il caso a egativo può ricodursi a questo avedo presete che per a egativo si può jπ scrivere a = a = a e da cui è chiara la traslazioe di p ella risposta i frequeza già osservata Per quato riguarda la risposta impulsiva sempre el caso a< essa si ottiee semplicemete moltiplicado la risposta impulsiva del caso a> e cioè a per la Equazioi Stadard alle Differeze Fiite S.Cavaliere p. 3

Successioni. Grafico di una successione

Successioni. Grafico di una successione Successioi Ua successioe di umeri reali è semplicemete ua sequeza di ifiiti umeri reali:, 2, 3,...,,... dove co idichiamo il termie geerale della successioe. Ad esempio, discutedo il sigificato fiaziario

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

I appello - 29 Giugno 2007

I appello - 29 Giugno 2007 Facoltà di Igegeria - Corso di Laurea i Ig. Iformatica e delle Telecom. A.A.6/7 I appello - 9 Giugo 7 ) Studiare la covergeza putuale e uiforme della seguete successioe di fuzioi: [ ( )] f (x) = cos (

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi.

SERIE NUMERICHE Con l introduzione delle serie vogliamo estendere l operazione algebrica di somma ad un numero infinito di addendi. Serie SERIE NUMERICHE Co l itroduzioe delle serie vogliamo estedere l operazioe algebrica di somma ad u umero ifiito di addedi. Def. Data la successioe {a }, defiiamo la successioe {s } poedo s = a k.

Dettagli

5. Le serie numeriche

5. Le serie numeriche 5. Le serie umeriche Ricordiamo che ua successioe reale è ua fuzioe defiita da N, evetualmete privato di u umero fiito di elemeti, a R. Solitamete si idica ua successioe co la lista dei suoi valori: (a

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE LORENZO BRASCO. Teoremi di Cesaro Teorema di Stolz-Cesaro. Siao {a } N e {b } N due successioi umeriche, co {b } N strettamete positiva, strettamete crescete e ilitata. Se esiste

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagia Giovaa Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secodaria di secodo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioi del Quadrifoglio à t i U 2 Radicali I questa Uità affrotiamo

Dettagli

II-9 Successioni e serie

II-9 Successioni e serie SUCCESSIONI II-9 Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

V Tutorato 6 Novembre 2014

V Tutorato 6 Novembre 2014 1. Data la successioe V Tutorato 6 Novembre 01 determiare il lim b. Data la successioe b = a = + 1 + 1 8 6 + 1 80 + 18 se 0 se < 0 scrivere i termii a 0, a 1, a, a 0 e determiare lim a. Data la successioe

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x.

ANALISI MATEMATICA 1 Area dell Ingegneria dell Informazione. Appello del 5.02.2013 TEMA 1. f(x) = arcsin 1 2 log 2 x. ANALISI MATEMATICA Area dell Igegeria dell Iformazioe Appello del 5.0.0 TEMA Esercizio Si cosideri la fuzioe f(x = arcsi log x. Determiare il domiio di f e discutere il sego. Discutere brevemete la cotiuità

Dettagli

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni

Foglio di esercizi N. 1 - Soluzioni Foglio di esercizi N. - Soluzioi. Determiare il domiio della fuzioe f) = log 3 + log 3 3)). Deve essere + log 3 3) > 0, ovvero log 3 3) >, ovvero prededo l espoeziale i base 3 di etrambi i membri) 3 >

Dettagli

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02%

52. Se in una città ci fosse un medico ogni 500 abitanti, quale sarebbe la percentuale di medici? A) 5 % B) 2 % C) 0,2 % D) 0,5% E) 0,02% RISPOSTE MOTIVATE QUIZ D AMMISSIONE 2000-2001 MATEMATICA 51. L espressioe log( 2 ) equivale a : A) 2log B) log2 C) 2log D) log E) log 2 Dati 2 umeri positivi a e b (co a 1), si defiisce logaritmo i base

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Anno 5 Successioni numeriche

Anno 5 Successioni numeriche Ao 5 Successioi umeriche Itroduzioe I questa lezioe impareremo a descrivere e calcolare il limite di ua successioe. Ma cos è ua successioe? Come si calcola il suo limite? Al termie di questa lezioe sarai

Dettagli

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale

Calcolo della risposta di un sistema lineare viscoso a più gradi di libertà con il metodo dell Analisi Modale Calcolo della risposta di u sistema lieare viscoso a più gradi di libertà co il metodo dell Aalisi Modale Lezioe 2/2 Prof. Adolfo Satii - Diamica delle Strutture 1 La risposta a carichi variabili co la

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln

5 ln n + ln. 4 ln n + ln. 6 ln n + ln DOMINIO FUNZIONE Determiare il domiio della fuzioe f = l e e + e + e Deve essere e e + e + e >, posto e = t si ha t e + t + e = per t = e e per t = / Il campo di esisteza è:, l, + Determiare il domiio

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Ua fuzioe reale di ua variabile reale f di domiio A è ua legge che ad ogi x A associa u umero reale che deotiamo co f(x). Se A = N, la f è detta successioe di umeri reali. Se co si

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE

ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE ESERCIZI SULLE SERIE NUMERICHE a cura di Michele Scaglia RICHIAMI TEORICI Richiamiamo brevemete i pricipali risultati riguardati le serie umeriche. Teorema (Codizioe Necessaria per la Covergeza) Sia a

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1

SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioni cap3b.pdf 1 SUCCESSIONI e LIMITI DI SUCCESSIONI c Paola Gervasio - Aalisi Matematica 1 - A.A. 15/16 Successioi cap3b.pdf 1 Successioi Def. Ua successioe è ua fuzioe reale (Y = R) a variabile aturale, ovvero X = N:

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE 1. Dott.ssa Sandra Lucente

ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE 1. Dott.ssa Sandra Lucente Corso di Laurea i Matematica LEZIONI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA..2 A.A. 2007-2008 ARGOMENTO: SERIE NUMERICHE Dott.ssa Sadra Lucete Idice :. Prime geeralità sulle serie. 2. Serie a termii o egativi:

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Dispense di Analisi Matematica II

Dispense di Analisi Matematica II Dispese di Aalisi Matematica II Domeico Cadeloro (Prima Parte) Itroduzioe Queste dispese trattao la prima parte del corso di Aalisi Matematica II. Nel primo capitolo si discutoo gli itegrali geeralizzati

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:

Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge: Apputi sul corso di Aalisi Matematica complemeti (a) - prof. B.Bacchelli Apputi 03: Riferimeti: R.Adams, Calcolo Differeziale.- Si cosiglia vivamete di fare gli esercizi del testo. Covergeza assoluta e

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

Limiti di successioni

Limiti di successioni Argometo 3s Limiti di successioi Ua successioe {a : N} è ua fuzioe defiita sull isieme N deiumeriaturaliavalori reali: essa verrà el seguito idicata più brevemeteco{a } a èdettotermie geerale della successioe

Dettagli

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c.

che sono una l inversa dell altra; l insieme dei messaggi cifrati C i cui elementi sono indicati con la lettera c. I LEZIONE Il ostro iteto è aalizzare i dettaglio i metodi di cifratura che si soo susseguiti el corso della storia prestado particolare attezioe all impiato matematico che e cosete la realizzazioe Iiziamo

Dettagli

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia Itroduzioe Metodi diretti Elimiazioe di Gauss Decomposizioe LU Casi particolari Metodi Iterativi Geeralità e covergeza Metodi di base Cei sui metodi basati sul gradiete Cei sui metodi multigriglia 1 Itroduzioe

Dettagli

Serie numeriche: esercizi svolti

Serie numeriche: esercizi svolti Serie umeriche: esercizi svolti Gli esercizi cotrassegati co il simbolo * presetao u grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Dopo aver verificato la covergeza, calcolare la somma delle segueti serie:

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2006 ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS SPERIMENTALE P.N.I. 006 Il cadidato risolva uo dei due problemi e 5 dei 0 quesiti i cui si articola il questioario. PRBLEMA U filo metallico di lughezza l viee utilizzato

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile e Architettura Prova scritta di Analisi Matematica 1 del 6/02/2010. sin( x) log((1 + x 2 ) 1/2 ) = 1 3. Corsi di Laurea i Igegeria Edile e Architettura Prova scritta di Aalisi Matematica del 6// ) Mostrare che + si( ) cos () si( ) log(( + ) / ) = 3. Possibile soluzioe: Cosiderado dapprima il deomiatore otiamo

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA

Corso di Laurea in Ing. Edile Politecnico di Bari A.A. 2008-2009 Prof. ssa Letizia Brunetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA Corso di Laurea i Ig Edile Politecico di Bari AA 2008-2009 Prof ssa Letizia Bruetti DISPENSE DEL CORSO DI GEOMETRIA 2 Idice Spazi vettoriali Cei sulle strutture algebriche 4 2 Defiizioe di spazio vettoriale

Dettagli

ESERCIZI SULLE SERIE

ESERCIZI SULLE SERIE ESERCIZI SULLE SERIE Studiare la atura delle segueti serie. ) cos 4 + ; ) + si ; ) + ()! 4) ( ) 5) ( ) + + 6) ( ) + + + 7) ( log ) 8) ( ) + 9) log! 0)! Studiare al variare di x i R la atura delle segueti

Dettagli

1. UNA RAPIDA INTRODUZIONE 1 2. UNA RASSEGNA DI ESEMPI 2 3. QUANDO IL LIMITE E BANALE: LA CONTINUITÀ 10 4. LA DEFINIZIONE RIGOROSA DI LIMITE 24 8

1. UNA RAPIDA INTRODUZIONE 1 2. UNA RASSEGNA DI ESEMPI 2 3. QUANDO IL LIMITE E BANALE: LA CONTINUITÀ 10 4. LA DEFINIZIONE RIGOROSA DI LIMITE 24 8 I LIMITI. UNA RAPIDA INTRODUZIONE pag.. UNA RASSEGNA DI ESEMPI. QUANDO IL LIMITE E BANALE: LA CONTINUITÀ 4. IL LIMITE DAL PUNTO DI VISTA INTUITIVO: RICAPITOLIAMO 5. PSEUDO-UGUAGLIANZE E FORME DI INDECISIONE

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale.

Corso di laurea in Matematica Corso di Analisi Matematica 1-2 Dott.ssa Sandra Lucente 1 Funzioni potenza ed esponenziale. Corso di laurea i Matematica Corso di Aalisi Matematica -2 Dott.ssa Sadra Lucete Fuzioi poteza ed espoeziale. Teorema. Teorema di esisteza della radice -esima. Sia N. Per ogi a R + esiste uo ed u solo

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA

STATISTICA INFERENZIALE SCHEDA N. 2 INTERVALLI DI CONFIDENZA PER IL VALORE ATTESO E LA FREQUENZA Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.uige/pls_statistica Resposabili scietifici M.P. Rogati e E. Sasso (Dipartimeto di Matematica Uiversità di Geova) STATISTICA INFERENZIALE

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5

19 31 43 55 67 79 91 103 870,5 882,5 894,5 906,5 918,5 930,5 942,5 954,5 Il 16 dicembre 015 ero a Napoli. Ad u agolo di Piazza Date mi soo imbattuto el "matematico di strada", come egli si defiisce, Giuseppe Poloe immerso el suo armametario di tabelle di umeri. Il geiale persoaggio

Dettagli

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

DIDATTICA DI DISEGNO E DI PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI PROF. CARMELO MAJORANA ING. LAURA SGARBOSSA MODULO DUE

DIDATTICA DI DISEGNO E DI PROGETTAZIONE DELLE COSTRUZIONI PROF. CARMELO MAJORANA ING. LAURA SGARBOSSA MODULO DUE DIDTTIC DI DISEGNO E DI ROGETTZIONE DELLE COSTRUZIONI ROF. CRELO JORN ING. LUR SGRBOSS ODULO DUE IL ROBLE DELL TRVE DI DE SINT VENNT (RTE B) TERILE DIDTTICO D UTILIZZRE IN UL (SCUOL SUERIORE) Esempio di

Dettagli

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n

SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. 2 b) n=1. n n 2 +n SERIE NUMERICHE Esercizi risolti. Applicado la defiizioe di covergeza di ua serie stabilire il carattere delle segueti serie, e, i caso di covergeza, trovare la somma: = + b) = + +. Verificare utilizzado

Dettagli

( ) n > n. Ora osserviamo che 2 1. ( ) è vera. ( ) una proposizione riguardante il numero intero n. Se avviene che:

( ) n > n. Ora osserviamo che 2 1. ( ) è vera. ( ) una proposizione riguardante il numero intero n. Se avviene che: ARITMETICA 1 U importate ramo della matematica è l aritmetica, o teoria dei umeri, qui itesi come umeri iteri. Ci si poe il problema di stabilire se certe relazioi possao essere soddisfatte da umeri iteri,

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

3.1 Il principio di inclusione-esclusione

3.1 Il principio di inclusione-esclusione Capitolo 3 Calcolo combiatorio 3.1 Il pricipio di iclusioe-esclusioe Il calcolo combiatorio prede i cosiderazioe degli isiemi fiiti particolari e e cota il umero di elemeti. Questo può dar luogo ad iteressati

Dettagli

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre

, l'insieme dei numeri interi relativi: 0, 1, 1, 2, 2, infinito. m dove m e n sono elementi di. Le frazioni hanno tre Uiversità Boccoi. Ao accademico 00 00 Corso di Matematica Geerale Prof. Fabrizio Iozzi email: fabrizio.iozzi@ui-boccoi.it Lezioi / Gli isiemi umerici Gli isiemi umerici co i quali lavoreremo soo:, l'isieme

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Appunti sulle SERIE NUMERICHE

Appunti sulle SERIE NUMERICHE Apputi sulle SERIE NUMERICHE Michele Bricchi I queste ote iformali parleremo di serie umeriche, foredo i criteri stadard di covergeza che si è soliti itrodurre i ua trattazioe elemetare della materia.

Dettagli

Capitolo V : Successioni e serie numeriche

Capitolo V : Successioni e serie numeriche Liceo Lugao, 0-0 3N Luca Rovelli) Capitolo V : Successioi e serie umeriche La cosiddetta aalisi matematica, sviluppata iizialmete i maiera idipedete da Newto e Leibitz a partire dalla fie del XVII secolo,

Dettagli

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

12 SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA SECONDO PRINCIPIO DELL ERMODINMIC Il primo pricipio della termodiamica stabilisce l equivaleza fra calore scambiato e lavoro meccaico e quidi che il calore assorbito o ceduto da u sistema termodiamico

Dettagli

Statistica 1 A.A. 2015/2016

Statistica 1 A.A. 2015/2016 Corso di Laurea i Ecoomia e Fiaza Statistica 1 A.A. 2015/2016 (8 CFU, corrispodeti a 48 ore di lezioe frotale e 24 ore di esercitazioe) Prof. Luigi Augugliaro 1 / 19 Iterdipedeza lieare fra variabili quatitative

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci

INVENTORY CONTROL. Ing. Lorenzo Tiacci INVENTORY CONTRO Ig. orezo Tiacci Testo di riferimeto: Ivetory Maagemet ad Productio Plaig ad Cotrol - Third Ed. E.A. Silver, D.F. Pyke, R. Peterso Wiley, 998 Idice. POITICA (s, ) (order poit, order quatity)

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Le tante facce del numero e di Nepero

Le tante facce del numero e di Nepero Le tate facce del umero e di Nepero Paolo Tilli Dipartimeto di Matematica Politecico di Torio Premessa Questa breve ota raccoglie e i parte itegra il coteuto della cofereza da me teuta col medesimo titolo

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE

CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA 1. INTRODUZIONE CAPITOLO SETTIMO GLI INDICI DI FORMA SOMMARIO: 1. Itroduzioe. - 2. Asimmetria. - 3. Grafico a scatola (box plot). - 4. Curtosi. - Questioario. 1. INTRODUZIONE Dopo aver aalizzato gli idici di posizioe

Dettagli