1. Funzioni (a che cosa serve)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Funzioni (a che cosa serve)"

Transcript

1 Scaletta intervento sulla valutazione La valutazione da sempre utilizzata SOLO per certificare il livello di apprendimento, invece... Perchè valutiamo, a cosa serve (funzioni) Quale tipologia di prove somministrare (verifica) Come misurare e con quali modalità (valutazione) Come comunicare i risultati (pubblicizzazione) 1. Funzioni (a che cosa serve) a. Diagnostica : informare sulle capacità iniziali, definire un quadro completo dell alunno e /o della classe (s.m.base, condizionali, coordinative, autonomia...) contributo per definire gli obiettivi della programmazione, (eventualmente anche i contenuti) contributo per migliorare le modalità organizzative delle lezioni (lavori individuali, di gruppo, quali gruppi in base alle capacità...) b. Sommativa : informare e certificare sul livello di apprendimento c. Formativa : informare sull azione didattica, sul processo di insegnamento-apprendimento 2. Cosa rilevare (obiettivi motori, cognitivi, emotivo-affettivi, relazionali) a. Motori : Schemi motori di base Capacità coordinative e controllo dei movimenti Sviluppo organico e capacità condizionali Capacità di risolvere problemi (nei giochi presportivi e non)... b. Cognitivi : Conoscenze disciplinari Conoscenza e utilizzo del linguaggio specifico Capacità di osservazione e memorizzazione visiva... c. Emotivo- affettivi : Sviluppo dell autonomia Capacità di valutare e autovalutarsi... d. Relazionali :... giorgio marconi novembre 2009

2 Scaletta intervento sulla valutazione 3. Come rilevare (quali variabili) e con quali prove (test, circuiti...) a. Rilevazione quantitativa : (quanto fai) risultato raggiunto in una determinata prova b. Rilevazione qualitativa : (come lo fai) giusto/sbagliato livello del comportamento atteso (tassonomia del comportamento osservabile) c. Rilevazione mista (quanto e come) d. Rilevazione dei progressi: (quanto migliori) Può essere standardizzato e ciò determina indirettamente una scelta sulla tipologia (funzione) della valutazione: se non si utilizza voglio certificare il livello di apprendimento se si utilizza voglio valutare anche il processo di apprendimento 4. Chi rileva a. Insegnante : attraverso tabulati e/o griglie di osservazione misurazioni dirette b. Alunni : autocontrollo controllo e rilevazione tra compagni 5. Come comunicare i risultati proposta di modello da compilare giorgio marconi novembre 2009

3

4 conoscenza dell'ambiente azione pedagocica conoscenza obiettivi decidere conoscenza alunno conoscenza attività motorie informarsi realizzare conoscenza dell'attività di insegnamento valutare

5 valutazione d'ingresso DIAGNOSTICA recupero dei prerequisiti comunicazione didattica (obiettivo, metodo iniziale) valutazione in itinere FORMATIVA riadattare obiettivo metodologie comunicazione didattica (obiettivo successivo fino alla valutazione SOMMATIVA)

6 L'INSEGNANTE CERTIFICA VALUTA LE ACQUISIZIONI PER L'ISTITUZIONE CHE DECIDE (promozione) INFORMA (alunno, famiglia)

7 MODIFICARE OBIETTIVI SE' STESSO INDIVIDUALIZZARE ADATTARE METODI L'INSEGNANTE VALUTA PER ESSERE INFORMATO L'ALUNNO ESSERE GUIDATO ESSERE CONSAPEVOLE

8 (CARATTERISTICHE DELLA VALUTAZIONE DIAGNOSTICA, SOMMATIVA E FORMATIVA) ESECUTORE DESTINATARIO VALUTAZIONE DIAGNOSTICA INSEGNANTE EVENTUALMENTE ALUNNO INSEGNANTE ALUNNO FAMIGLIA SCOPO INFORMARE SULLE CAPACITÀ INIZIALI, DEFINIRE UN QUADRO COMPLETO DELL ALUNNO E /O DELLA CLASSE CONTRIBUTO PER DEFINIRE GLI OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE CONTRIBUTO PER MIGLIORARE LE MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLE LEZIONI VALUTAZIONE SOMMATIVA INSEGNANTE ISTITUZIONE FAMIGLIA ALUNNO DEFINIRE DEI BILANCI FORNIRE INFORMAZIONI SUL LIVELLO DI RENDIMENTO DEGLI ALUNNI VALUTAZIONE FORMATIVA INSEGNANTE ALUNNO INSEGNANTE ALUNNO ADATTARE LE STRATEGIE DIDATTICHE ALLA REALTÀ DELLA CLASSE RACCOGLIERE INFORMAZIONI SUI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DEGLI ALUNNI FUNZIONI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO REGOLAZIONE RUOLO PREREQUISITI ALLA PROGRAMMAZIONE MOMENTO MODALITÀ DI CONTROLLO ALL INIZIO DI UNA FASE DI APPRENEDIMENTO RICHIESTE VERBALI AGLI ALUNNI GRIGLIE DI OSSERVAZIONE TEST SPECIFICI RELATIVI AL LIVELLO DELLA CLASSE E/O DI CLASSI PARALLELE PROBLEMI COMPRENSIONE DA PARTE DEGLI ALUNNI DEGLI OBIETTIVI E DEI CRITERI DI VALUTAZIONE CERTIFICARE L APPRENDIMENTO ALLA FINE DI UNA FASE DI APPRENEDIMENTO TABELLE DI RIFERIMENTO, PRODOTTE A LIVELLO NAZIONALE REPERIRE TABELLE DI RIFERIMENTO AGGIORNATE E AFFIDABILI MODIFICARE E REGOLARE I PROCESSI DI APPRENDIMENTO DURANTE L APPRENDIMENTO RICHIESTE VERBALI AGLI ALUNNI GRIGLIE DI OSSERVAZIONE TEST SPECIFICI RELATIVI AL LIVELLO DELLA CLASSE E/O DI CLASSI PARALLELE COMPRENSIONE DA PARTE DEGLI ALUNNI DEGLI OBIETTIVI E DEI CRITERI DI VALUTAZIONE

9 La valutazione di tipo sommativo definisce il PRODOTTO dell azione motoria e può essere identificabile con il concetto di PERFORMANCE riscontrabile e misurabile nel soggetto; La valutazione di tipo formativo definisce invece il PROCESSO di elaborazione dell azione motoria, e in questo caso è assimilabile al concetto di LIVELLO DI ABILITA espresso dal soggetto. Il prodotto dell azione e la valutazione sommativa. La valutazione sommativa misura le acquisizioni ed ha essenzialmente una funzione di controllo; sovente costituisce il metodo essenziale di una valutazione terminale. Tiene conto dei risultati dell azione, valutati in un preciso momento M che è logico individuare alla fine di un apprendimento. Essa consente, controllando il livello di apprendimento, di rendere conto alla società sportiva, alle istituzioni, dei risultati dell insegnamento. Ha quindi come obiettivo principale quello di misurare delle acquisizioni, raggiunte o non raggiunte; questo tipo di valutazione ha cioè una funzione di controllo. Permette di gestire il sistema secondo una logica binaria: accede o non accede alla classe superiore, supera o non supera l esame. I suoi effetti sono delle informazioni (generalmente sotto forma di giudizi e/o voti) per l allievo, la famiglia, per prendere delle decisioni (orientamento, acquisizione di un diploma) Inoltre focalizzare la propria attenzione sul prodotto nel caso di un attività sportiva,può scaturire nella richiesta di riprodurre un modello di riferimento stereotipato, che poi in alcuni casi viene superato dall evoluzione tecnica, tecnologica e scientifica, mantenendo poi bloccati i processi evolutivi. Tale attitudine è stata chiamata tecnicistica o in termini più generali materiocentrista. Anche per questi motivi molti insegnanti e pedagogisti si sono rivolti maggiormente verso l attore della prestazione (colui che deve apprendere) ed hanno cercato di comprendere meglio e valutare quindi con maggiore efficacia i processi, i modi di agire.

10 Il processo e la valutazione formativa. Il concetto di valutazione formativa è stato impiegato per rafforzare questa tendenza. Si cerca cioè di conoscere, regolarmente, se l allievo progredisce, se si avvicina e come all obiettivo prestabilito; la nozione di base è quella di osservare l evolversi dell apprendimento, la dinamicità del processo. Ciò determina inoltre una doppia retro-azione: Da una parte l alunno, per indicargli chiaramente le tappe che ha raggiunto nel suo percorso di apprendimento e le difficoltà che ha incontrato; Dall altra l insegnante, per indicargli come si sta svolgendo il suo programma e l azione didattica, quali sono gli ostacoli che incontra La valutazione formativa informa l insegnante e gli alunni sulle tappe raggiunte durante una fase di apprendimento e sulle difficoltà incontrate; si può realizzare in itinere, durante lo svolgimento di un percorso di apprendimento-insegnamento, ma anche nella fase terminale dello stesso. Permette quindi all insegnante di migliorare la propria didattica e di facilitare il raggiungimento degli obiettivi prefissati, modificando le strategie didattiche che ancora devono essere predisposte. L effetto è quello di prendere decisioni pedagogiche: l'insegnate rivede il lavoro, torna indietro, propone obiettivi intermedi più adeguati alla situazione, diversifica le richieste, varia metodi e mezzi durante l attività... quindi lo scopo è di differenziare l azione pedagogica. È un sistema di regolazione che permette di: Riconoscere e individuare la riuscita del lavoro Riconoscere ed individuare gli errori Modificare le strategie di apprendimento Da questo si evince come non è possibile che vi sia un apprendimento senza avere una conoscenza dei risultati, una valutazione del lavoro svolto. La rapidità e la qualità dell apprendimento dipendono dalla precisione e dalla comprensione di tali informazioni; la volontà di far emergere agli occhi dell alunno le difficoltà da superare e le diverse possibilità che gli si offrono per raggiungere un obiettivo, costituiscono sicuramente il punto di partenza obbligato per una pedagogia individualizzata e differenziata. Sul piano educativo, si cerca di far progredire tutti, e ciò non è certamente in contraddizione con la selezione dei migliori, con la ricerca e la valorizzazione dei talenti; non significa quindi massificare i comportamenti, ma ricercare per ognuno un aspetto positivo e gratificante, che possa produrre un evoluzione personale in un contesto di massa.

11 EDUCAZIONE FISICA AREE AFFETTIVA MOTORIA RELAZIONALE COGNITIVA SAPER FARE SAPER ESSERE SAPER ESSERE CON... SAPERE MIGLIORARE LA FUNZIONALITA' MIGLIORARE LE CAPACITA' DI MIGLIORARE LE CAPACITA' DI UTILIZZARE LE INFORMAZIONI DI ORGANI E APPARATI, IN PAR- RELAZIONARE CON SE STESSI RELAZIONARE CON GLI ALTRI NTERNE ED ESTERNE E ELA- TICOLARE DI QUELLO NEURO- BORARLE, PER RISOLVERE DEI MUSCOLARE PROBLEMI OBIETTIVI - CAPACITA' SENSO-PERCETTIVE - SVILUPPO FUNZIONI EMOTIVE: - RISPETTO DELLE REGOLE - INFORMAZIONE, CONOSC. - SCHEMI MOTORI DI BASE * CONTROLLO EMOTIVO - COLLABORAZIONE - MEMORIZZAZIONE - CAPACITA' CONDIZIONALI * VINCERE LA PAURA (ANSIA) - RELAZIONE D'AIUTO - COMPRENSIONE - CAPACITA' COORDINATIVE * CAPACITA' DI RISCHIARE - LAVORARE IN GRUPPO - ESECUZIONE. APPLICAZ. - SVILUPPO MOTIVAZIONI: - ANALISI - SVILUPPO CAPACITA' VOLITIVE - SINTESI * CONOSCENZA PROPRI LIMITI - VALUTAZIONE * AUTOSTIMA (FIDUCIA IN SE') * PERSEVERANZA

12 LE FASI SENSIBILI Fasi di maggior sensibilità delle diverse capacità motorie e qualità psicofisiche nelle età dai sei ai quindici anni secondo Martin (1982). anni capacità di apprendimento motorio capacità di differenziazione e controllo capacità coordinative capacità di reazione acustico ottica capacità di orientamento spaziale capacità di ritmo capacità di equilibrio

13 anni resistenza forza capacità condizionali rapidità mobilità articolare

14 La linea conduttrice della lezione potrebbe essere quella definita da Maccario e sintetizzata di seguito: un decalogo da utilizzare come guida pratico-teorica, o meglio, un questionario che deve essere riempito di contenuti per dare sostanza alla professione dell insegnante. DA MACCARIO (MODIFICATO MARCONI) 1. A quale scopo saranno utilizzati i dati ottenuti dalle rilevazioni? Diagnostico - preditivo Per classificare - categorizzare Per certificare l apprendimento Per orientare e riorientare il lavoro dell insegnante 2. L obiettivo della valutazione è: Definire un livello (quali sono i miei livelli prestativi) Dare un giudizio (quale livello ho raggiunto) Fare un bilancio del lavoro svolto (quali risultati si sono raggiunti nel complesso) Fornire un interpretazione didattica (quali sono le cause e i rimedi per migliorare) 3. L oggetto della valutazione è coerente con quello che si vuole misurare attraverso l apprendimento-insegnamento? 4. La performance da analizzare è complessa: quali sono gli aspetti principali che si devono verificare? 5. Gli strumenti impiegati nella valutazione rispondono ai seguenti parametri: Obiettività Attendibilità Validità 6. Le condizioni di riuscita sono precisate e inequivocabili, oppure possono essere soggette ad interpretazioni personali? 7. Le intenzioni dell insegnante ed il linguaggio utilizzato è sufficientemente chiaro agli alunni; sono stati precisati i significati della valutazione? 8. Sono certo di saper utilizzare e gestire le metodologie scelte, o è meglio che mi affidi ad un organizzazione più semplice, anche se meno scientifica? 9. Ho pensato che vi è la possibilità di coinvolgere direttamente gli alunni in ogni tappa del processo valutativo? 10. Al termine della valutazione, sono disposto a modificare le strategie didattico-pedagogiche impiegate?

15 RILEVAZIONE QUANTITATIVA (QUANTO FAI)

16 VERIFICHE RESISTENZA INDIVIDUALI: fissare tempo/spazio da correre (meglio il tempo) in modo continuativo, lungo un percorso prefissato (a) il tempo può essere uguale per tutti gli alunni (5, 6,...) (b) differenziato in base alle capacità individuate (test ingresso, osservazioni sistematiche, attività sportiva praticata...): si possono allora individuare tre fasce di livello: A) 10 /12 B) 8 /9 C) 5 /6 La valutazione finale in questi casi sarà POSITIVA / NEGATIVA (prova riuscita/non) altra modalità è quella di fissare tempi diversi per il raggiungimento di valutazioni crescenti LIVELLO VALUTAZIONE S B D O C B A in questo caso va dichiarato prima da ogni alunno quale contratto vuole rispettare fissare sul medesimo percorso (per un tempo stabilito 5, 6...) un range di f.c. da rispettare ( per esempio). Gli alunni partono distanziati di 20 / 30 e alla chiamata dell insegnante (concluso il tempo previsto) si fanno misurare la f.c. Si possono avere due tipi di valutazione: POSITIVA / NEGATIVA (prova riuscita/non) differenziata secondo la f.c. raggiunta: POSITIVA f.c PARZIALE f.c oppure NEGATIVA f.c. 100 oppure + 180

17 DI GRUPPO: Può essere meno discriminante per i ragazzi con minori capacità, anche se una verifica individuale è bene proporla: fissare un tempo (5, 6...) che a gruppi (3 / 6... alunni) devono correre contemporaneamente con cambio del conduttore della fila al segnale dell insegnante. fissare un tempo (15 ) che a gruppi di 3 alunni si devono suddividere, regolandosi in base alle capacità di ognuno (determinare un tempo min. e max. di corsa) La valutazione finale in questi casi è di gruppo e sarà POSITIVA / NEGATIVA (prova riuscita/non)

18 VERIFICHE VELOCITA velocità di reazione prova dei 3m con partenza supina, arti superiori alla nuca, gomiti appoggiati sulla linea di partenza velocità di esecuzione (8 / 10 ) arti inferiori: saltelli a dx / sx di una linea / fune / ostacoletto con cinesini a piedi pari; arti superiori: lanci della palla a due mani dal petto alla parete da distanza fissa (2m); globale: saltelli della funicella sul posto (possibili varianti la tipologia di salto: piedi pari, corsa sul posto, abbinati...) sopra / sotto ostacolo formato da coni + nastro / bacchetta (in questo caso il tempo di 10 deve aumentare a 20 -tempi pausa- ) velocità di traslocazione 30m con partenza libera esercizio a stella con i coni nella zona di difesa del campo da pallavolo

19 Attraverso i punteggi grezzi di un test è possibile effettuare le prime considerazioni, rispetto alla prova somministrata (vedi media e mediana). Tuttavia una valutazione più precisa è possibile conoscendo la misura della variabilità, cioè la deviazione standard (DS). La DS è alla base dei principali metodi di standardizzazione dei punteggi, come la distribuzione pentenaria o il calcolo dei punti z (PZ).

20

21 ESEMPI E APPLICAZIONI Un alunno ha ottenuto i seguenti voti grezzi: TIPOLOGIA DI PROVE PUNTI GREZZI PUNTI MAX. MEDIA (1) capacità coordinative (2) capacità condizionali (3) conoscenza regole di gioco calcolo PZ: PZ=(x M) / DS PZ=(22-15) / 2.5 PZ=2.8 DS utilizzando la DS e il calcolo dei PZ si ottengono due importanti risultati: (A) Si possono confrontare risultati ottenuti in prove che verificano abilità/capacità diverse (B) Si possono confrontare alunni di classi ed età diverse

22

23 Scuola Media di Zogno Valutazione CAPACITA CONDIZIONALI (capacità organiche) CLASSI PRIME 2007/ LUNGO PALLA FEMMINE FLESSIONE M 5,99 5,95 5,90 5,85 5,78 5,70 5,62 5,54 5,46 5,38 5,30 5,22 5,14 5,06 4,98 4,90 4,82 4,75 4,70 4,65 4,61 COOPER LUNGO PALLA MASCHI FLESSIONE M 5,74 5,71 5,66 5,61 5,56 5,48 5,41 5,34 5,27 5,20 5,12 5,04 4,97 4,90 4,83 4,76 4,68 4,63 4,58 4,53 4,50 COOPER VALUTAZIONE SINGOLO TEST PUNTI FASCIA VALUTAZIONE 0-2 BASSA 3-7 MEDIO BASSA 8-12 MEDIA SUFFICIENTE BUONO MEDIO ALTA DISTINTO ALTA OTTIMO NON SUFFICIENTE VALUTAZIONE COMPLESSIVA PUNTI FASCIA VALUTAZIONE 0-10 BASSA MEDIO BASSA MEDIA SUFFICIENTE BUONO MEDIO ALTA DISTINTO ALTA OTTIMO NON SUFFICIENTE

24 RILEVAZIONE QUALITATIVA (COME FAI) GIUSTO/SBAGLIATO

25

26 LIVELLO 1 (6/7 anni)

27

28 Istituto Comprensivo di Zogno - educazione motoria - TEST MOTORI DI PASSAGGIO a.s / 2010 La commissione educazione motoria dell Istituto Comprensivo propone ai docenti delle classi interessate (III^ anno materna e V^ primaria) una batteria di test motori, per supportare il lavoro dell insegnante nel: orientare e scegliere i contenuti da proporre durante le lezioni (lettura verticale o di classe); verificare i progressi conseguiti da ogni alunno nel corso dell anno scolastico ed eventualmente integrare la valutazione quadrimestrale (lettura orizzontale o individuale); utilizzare strumenti comuni ai tre ordini di scuola e indirizzare le scelte per produrre una programmazione in continuità. Per l applicazione pratica dei test e le modalità di rilevazione, ogni insegnante può rivolgersi ai componenti della commissione, oppure direttamente alla funzione strumentale. Si ringrazia in anticipo per la collaborazione. LA FUNZIONE STRUMENTALE

29 Test ingresso / uscita classe III^ infanzia PROVA CON N.5 ESERCIZI Istituto Comprensivo di Zogno - educazione motoria - (A) corsa di 5m e successivamente curvare in modo perpendicolare per altri 5m (corridoio largo 30cm). Ripetere all indietro. controllo motorio / equilibrio dinamico controllo spaziale (B) quadrupedia prona sotto n.2 ostacoli (h= 60cm) strutturazione schema corporeo (C) equilibrio statico con n.3 battute di mani sopra il capo e davanti al busto, sia con ginocchio dx che sx. equilibrio statico (D) saltare un ostacoletto (h=10 / 20 cm) staccando con un piede e atterrando su due, ripetere due volte. controllo segmentario / lateralità (E) lancio palla alla parete + bloccaggio (distanza 2.5m), da ripetere n.3 volte coordinazione oculo-manuale controllo spaziale giorgio marconi anno 2009/2010

30 Test ingresso / uscita classe V^ primaria PROVA CON N.5 ESERCIZI Istituto Comprensivo di Zogno - educazione motoria - (A) corsa sul posto a ginocchia alte + movimenti alternati arti superiori in quattro tempi (n.2 slanci avanti, n.2 slanci in alto, n.2 slanci un arto avanti + uno in alto, idem contrario) coordinazione intersegmentaria (B) quadrupedia prona con ginocchia sollevate superando un ostacoletto alto 20 cm e una gabbia formata da n.3 cerchi (diametro 60cm) controllo intersegmentario strutturazione schema corporeo (C) equilibrio statico su ceppo con n.3 rotazioni della pallina da tennis sotto il ginocchio sia a dx che sx equilibrio statico (D) corsa tra 4 ostacoletti (d=2,5 / 3m / h=20cm) alternando il piede di stacco (sx / dx / dx / sx oppure contrario) controllo lateralità (E) lancio della palla + bloccaggio dopo una linea posta a 3.5m sopra un tappeto (2m x 1m) coordinazione oculo-manuale controllo spaziale giorgio marconi anno 2009/2010

31 Educazione Motoria TEST D'INGRESSO - USCITA SCUOLA PRIMARIA classe : V^ periodo : nomi A B C D E VALUTAZIONE 1 / 5 2 / 5 3 / 5 4 / 5 5 / 5 6 / 5 7 / 5 8 / 5 9 / 5 10 / 5 11 / 5 12 / 5 13 / 5 14 / 5 15 / 5 16 / 5 17 / 5 18 / 5 19 / 5 20 / 5 21 / 5 22 / 5 23 / 5 24 / 5 25 / 5 26 / 5 27 / 5 28 / 5 29 / 5 30 / 5 31 / 5 32 / 5 33 / 5 / 33 / 33 / 33 / 33 / 33 A = corsa sul posto + movimenti alternati arti superiori B = quadrupedia prona con ostacoletto e gabbia (cerchi da 60cm) C = equilibrio statico su ceppo con 3 rotazioni pallina tennis dx/sx D = corsa tra 4 ostacoletti (d=2,5m / h=20cm) alternando il piede di stacco (sx/dx/dx/sx) E = lancio palla + bloccaggio dopo linea posta a 3,5m su tappeto

32 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZOGNO Anno sc. 2008/09 PROVE DI INGRESSO CL.1 SVILUPPO MOTORIO ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DI Abbassa il braccio sinistro Abbassa il braccio destro Guarda verso sinistra Guarda verso destra Segui il percorso, camminando in avanti:2 m rettilinei + 1 m curvato ( larghezza sentiero 30 cm) Segui il percorso, camminando in avanti: 2 m Rettilinei + 1 m curvato ( sentiero di una sola linea) Segui il percorso di prima ( larghezza 30 cm) all indietro Segui il percorso di prima ( una linea) all indietro Salta la cordicella a piedi pari uniti ( altezza cordicella 40 cm) Con la matita fai una linea lungo la strada indicata sul foglio ( all 1) Piega un foglio bianco a metà senza far uscire i bordi Taglia a metà il foglio con le forbici lungo la piegatura Passa sotto il banco senza muoverlo e senza toccarlo Dai un calcio alla palla con il piede sinistro CL.1

33 RILEVAZIONE QUALITATIVA (COME FAI) LIVELLO DEL COMPORTAMENTO ATTESO

34 ESEGUE LE CAPOVOLTE CON I SEGUENTI ARRIVI, UTILIZZANDO IL TAPPETO INCLINATO PER FAVORIRE IL ROTOLAMENTO LIVELLO 5 CAPOVOLTE AVANTI RACCOLTA E SQUADRA ROTOLAMENTI CAPOVOLTE INDIETRO DIVARICATA E GINOCCHIO 4 SQUADRA GINOCCHIO CON INTERVENTO ATTIVO DELL INSEGNANTE CON ARRIVO LIBERO / ROTOLAMENTO SULLA SPALLA ROTOLAMENTO SU ASSE LONGITUDINALE NON RIECE AD ESEGUIRE I ROTOLAMENTI AVANTI CON INTERVENTO ATTIVO DELL INSEGNANTE CON ARRIVO LIBERO / ROTOLAMENTO SULLA SPALLA ESEGUE IL DONDOLO SUL TAPPETO NON RIECE AD ESEGUIRE I ROTOLAMENTI INDIETRO VALUTAZIONE LIVELLO OTTIMO 5 DISTINTO 4 BUONO 3 SUFFICIENTE 2 QUASI SUFFICIENTE 1 NON SUFFICIENTE 0 SI SCALA DI UN LIVELLO VERSO L ALTO SE IL ROTOLAMENTO È ESEGUITO SU TAPPETO ORIZZONTALE

35

36

37

38 QUANDO RIESCI AD ESEGUIRE UN ESERCIZIO COLORA L IMMAGINE MI SO IMMERGERE IL MAESTRO O LA MAESTRA CONTROLLERANNO SE SAI ESEGUIRE

39

40 TATTICA PALLA SOPRA LA CORDA OBIETTIVO : capacità di scegliere la posizione e l azione più efficace alunno controllore classe : : : V^ INDICARE CON X IL COMPORTAMENTO OSSERVATO ABILITÀ COMPORTAMENTO OSSERVATO RILEVAZIONE ZONA DI COMPETENZA (difesa) LANCIO DELLA PALLA (attacco) OCCUPAZIONE SPAZIO (attacco) LASCIA CADERE LA PALLA NELLA SUA ZONA DI COMPETENZA CERCA DI RICEVERE / RICEVE LA PALLA NELLA SUA ZONA DI COMPETENZA RICEVE OPPURE CHIAMA LA PALLA ( MIA ) NELLE ZONE DI INTERFERENZA LANCIA INDIRIZZANDO NEGLI SPAZI OCCUPATI DALL AVVERSARIO CERCA DI LANCIARE INDIRIZZANDO NEGLI SPAZI VUOTI RIMANE FERMO NELLA SUA ZONA CERCA DI OCCUPARE / OCCUPA GLI SPAZI VUOTI NEL SUO CAMPO Gioco palla sopra la corda con due varianti: 3 c. 3 e rotazione chiamata dall insegnante / compagno che lancia 2+1 c. 2+1 e rotazione continua

41 GIOCHI DI SQUADRA OBIETTIVO : capacità di scegliere l azione più efficace in attacco ABILITÀ NELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI MOTORI alunno controllore classe : : : INDICARE CON X IL COMPORTAMENTO OSSERVATO ABILITÀ COMPORTAMENTO OSSERVATO RILEVAZIONE CASUALMENTE O NON SA COSA FARE - PASSAGGIO (passa la palla...) O AL COMPAGNO MARCATO + AL GIOCATORE SMARCATO (ANCHE SE IL PASSAGGIO VIENE INTERCETTATO) SMARCAMENTO (riceve la palla...) - O + RIMANE FERMO SOLLEVANDO LE BRACCIA / CHIAMANDO LA PALLA CORRE TROPPO VICINO AL COMPAGNO MA TROPPO LONTANO DAL COMPAGNO MA IN LINEA CON IL DIFENSORE SI SPOSTA NEGLI SPAZI VUOTI E IN SITUAZIONE FAVOREVOLE esercitazioni : gioco dei 10 passaggi 4 c. 4 note per la rilevazione: inizialmente far rilevare solo l azione del giocatore con la palla (eventualmente smarcamento osservato dall insegnante); nella successiva/e lezioni rilevare anche il gioco senza palla; ogni controllore può utilizzare un colore diverso;

42 GIOCHI DI SQUADRA IL TRIANGOLO VALUTATIVO OBIETTIVO : capacità di scegliere l azione più efficace in attacco e in difesa ABILITÀ NELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI MOTORI alunno controllore classe : : : INDICARE CON X IL COMPORTAMENTO OSSERVATO ABILITÀ COMPORTAMENTO OSSERVATO RILEVAZIONE CASUALMENTE O NON SA COSA FARE 1 PASSAGGIO (passa la palla...) 2 AL COMPAGNO MARCATO 3 AL GIOCATORE SMARCATO (ANCHE SE IL PASSAGGIO VIENE INTERCETTATO) SMARCAMENTO (riceve la palla...) RIMANE FERMO SOLLEVANDO LE BRACCIA / CHIAMANDO LA PALLA CORRE TROPPO VICINO AL COMPAGNO MA TROPPO LONTANO DAL COMPAGNO MA IN LINEA CON IL DIFENSORE SI SPOSTA NEGLI SPAZI VUOTI E IN SITUAZIONE FAVOREVOLE DIFESA 1 SI SPOSTA CASUALMENTE / RIMANE FERMO 2 CORRE SEMPRE VERSO LA PALLA E CREA CONFUSIONE 3 MARCA UN GIOCATORE, SEGUENDOLO NEGLI SPOSTAMENTI esercitazioni : gioco dei 10 passaggi 4 c. 4

43 FO RMA DEL TRIANGOLO PROFILO DEL GIOCATORE OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE triangolo equilatero GIOCATORE COMPLET O OBIETTI VO FINALE DA RAGGIUNGERE triangolo isoscele GIOCATORE PIUTTOSTO DIFENSIVO ALLARGARE LA BASE DEL TRIANGOLO. SOLLECITARE IL GIOCATORE NELLE FASI DI ATTACCO triangolo isoscele triangolo rettangolo punta sx GIOCATORE CHE CERCA SOP RATT UTT O LA FASE D ATTACCO STIMOLARE L ALUNNO AD UTILIZZARE ANCHE I RUOLI DI DIFENSORE

44 GIOCO DEI DIECI PASSAGGI Cerchia le risposte esatte. DISPOSIZIONE DEI GIOCATORI come si organizza la classe per eseguire il gioco? tre squadre due squadre due file tutti in campo contemporaneamente alcuni giocatori in campo e gli altri a guardare alcuni giocatori in campo e gli altri a contare i passaggi REGOLE DI GIOCO quali sono le regole di gioco che abbiamo utilizzato? il passaggio è valido se la palla non cade a terra chi ha la palla in mano deve palleggiare chi commette fallo viene espulso per tutto l incontro chi effettua 10 passaggi guadagna un punto chi effettua 10 passaggi consecutivi guadagna un punto chi fa cadere la palla viene eliminato il giocatore con la palla può correre TATTICA DI GIOCO è più efficace passare: al compagno marcato al compagno smarcato al compagno che chiama la palla per ricevere la palla è più efficace: correre in tutto lo spazio correre negli spazi vuoti correre velocemente, cambiando direzione correre velocemente se possibile è più efficace effettuare un passaggio teso, perchè: il compagno vede meglio la palla la palla arriva al compagno in minor tempo il compagno riesce a ricevere meglio la palla

45 RILEVAZIONE MISTA (QUANTO E COME)

46 CAPACITA COORDINATIVE GENERALI DENOMINAZIONE: STANDARDIZZAZIONE CIRCUITO DI DESTREZZA CONI-CAS CIR. DESTREZ RICERCA CONI-CAS Capacità motorie dominanti: COORDINAZIONE GENERALE E RAPIDITÀ. Impianto consigliato: PALESTRA MATERIALE 6 bacchette a sezione rotonda. 6 paletti (h = 1.20 mt. ca.). 2 materassini. 4 Ostacoli (h = 50 cm.). 1 cronometro DESCRIZIONE Il ragazzo si schiera alla partenza; quando è pronto parete e corre alternando i piedi negli spazi fra le bacchette, senza saltarne nessuna; quindi corre a slalom tra i paletti; effettua una capovolta avanti ed una indietro, supera il primo ostacolo e poi passa sotto al medesimo, supera quindi i due ostacoli, compie una corsa a navetta toccando con una mano i due ostacoli che delimitano lo spazio della corsa a navetta ed infine corre in velocità fino all'arrivo. COMPORTAMENTO DEI RILEVATORI Verificare l'esattezza del percorso facendo ripetere la prova in caso di errore. MISURAZIONE Si effettuano due prove con registrazione della migliore con approssimazione al centesimo di secondo. OSSERVAZIONI Verificare le misure del circuito far eseguire parti del circuito ed almeno una prova completa a velocità ridotta.

47

48

49

50 Risultati orienteering zogno V^ elementare Cortile elementari e parco belotti. V^ A NOME ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 2 B 1 D OT 4 S 2 B 3 ESATTI NS OT D OT OT OT 3 S 3 S 1 D OT V^ B NOME ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 4 ESATTI NS 2 B 1 D D OT 1 D OT OT OT 1 D 2 B 1 D 1 D D V^ C NOME ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 3 S D 1 D 1 D 1 D 2 B OT 2 B 1 D 1 D 1 D 1 D D OT 3 S 3 S OT OT

51 VALUTAZIONE ORIENTEERING PROVA CORTILE ELEMENTARI E PARCO BELOTTI 2003 ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 0 - di OTTIMO 0 da in poi 1 DISTINTO 2 BUONO 3-4 SUFFICIENTE + 4 NON SUFFICIENTE

52 RILEVAZIONE DEI PROGRESSI (QUANTO MIGLIORI)

53 ++ + o/+ o - PROGRESSI AVER MIGLIORATO NOTEVOLMENTE LE PROPRIE CAPACITA' AVER MIGLIORATO LE PROPRIE CAPACITA' AVER MIGLIORATO SOLO IN PARTE LE PROPRIE CAPACITA NON AVER MIGLIORATO LE PROPRIE CAPACITA' AVER PEGGIORATO LE PROPRIE CAPACITA VALUTAZIONE SCALARE DI UNA FASCIA VALUTATIVA O PIU SCALARE DI MEZZA FASCIA VALUTATIVA O PIU SCALARE DI MEZZA FASCIA VALUTATIVA NON SCALARE NESSUNA FASCIA passare da > a UN MOVIMENTO CONTINUAMENTE CONTROLLATO DALLA VISTA ( LA TESTA SUI PIEDI ) > UN CONTROLLO CINESTESICO : LO SGUARDO NON È PIÙ INDISPENSABILE PER INFORMARE SUI MOVIMENTI DEL CORPO, MA PER OSSERVARE PARTICOLARI SIGNIFICATIVI NELLO SPAZIO UN MOVIMENTO GLOBALE DOVE TUTTO IL CORPO PARTECIPA ALL AZIONE MOTORIA (MOLTO FATICOSO!) > LA CAPACITÀ DI FAR INTERVENIRE SOLO UNA PARTE DEI DISTRETTI CORPOREI, SELEZIONANDO INFORMAZIONI E COMANDI (ECONOMIA DEL GESTO) UN MOVIMENTO DOVE I DIFFERENTI ELEMENTI ESECUTIVI SONO DISARTICOLATI, REALIZZATI SPESSO CON TEMPI DI PAUSA: LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI SONO GLI SCATTI IMPROVVISI E LE ESITAZIONI > UN MOVIMENTO DOVE LE FASI ESECUTIVE SI SUSSEGUONO IN MODO CONTINUATIVO: SCIOLTEZZA, FLUIDITÀ ARMONIOSITÀ SONO LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009 Istituto Comprensivo di LORIA Educazione Motoria Attività di aggiornamento Secondo incontro Loria, 2 marzo 2009 1 ARGOMENTI: Parte Teorica Sintesi primo incontro Programmazione: definizione degli obiettivi

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU

DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI: 1SU IST. SUP. STAT. F.GONZAGA. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE A.S.: 2014-2015 INDIRIZZO: LICEO SCIENZE UMANE DOCENTE: PROF.ssa PAOLA M. TIZIANA MAZZARELLA CLASSI:

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015

Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 Regolamento attività Esordienti A stagione estiva 2015 PERCHE PROPORRE UN MODELLO DI MANIFESTAZIONI A SQUADRE E PERCORSI? Elaborare un modello di gara per bambini basato su tre requisiti fondamentali:

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO

IL CORPO E IL MOVIMENTO IL CORPO E IL MOVIMENTO COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare abilità motorie di base in situazioni Partecipare alle attività di gioco e di sport, rispettandone le regole; assumere responsabilità delle proprie

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3. N.26 DICEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

L Atletica va a scuola Giocosport

L Atletica va a scuola Giocosport L Atletica va a scuola Giocosport La Federazione La scuola e l atletica leggera Obiettivi del progetto Proposta per la scuola primaria Aggiornamento continuo degli insegnanti attraverso il sito Fidal 1

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

MATERIA SCIENZE MOTORIE

MATERIA SCIENZE MOTORIE MATERIA SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO: 2014_-2015 INSEGNANTE: TROMBONE MICHELE CLASSE: 1D SETTORE: SC INDIRIZZO: FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

SOTTO-DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE

SOTTO-DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE SOTTO-DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE GENERALE L'insegnamento delle Scienze motorie nei primi due bienni della scuola secondaria superiore deve costituire il naturale proseguimento di quello

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

ROBERTA ( 4 ) 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) di GIUSTI ROBERTA ( bambini di 4 anni ) Anno Scolastico 2008-2009 LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! da Gennaio

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 AMBITO DI: SCIENZE MOTORIE ED. FISICA A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. Marcello Cesaroni L AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO MICHELANGELO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO SCIENTIFICO MICHELANGELO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO SCIENTIFICO MICHELANGELO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE L'insegnamento delle scienze motorie nei primi due anni della scuola secondaria superiore deve costituire

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Noi, il gioco e la scuola

Noi, il gioco e la scuola Noi, il gioco e la scuola Indice Presentazione pag. 5 Principi educativi e metodologici giocosport calcio pag. 7 Modello psicologico pag. 11 Elementi e fasi della programmazione pag. 15 Progetto a cura

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

Dettaglio Lezione 63 Totale ore 63

Dettaglio Lezione 63 Totale ore 63 Programma svolto - 1G SCIENTIFICO - per la materia SCIENZE MOTORIE E Dettaglio Lezione 63 Totale ore 63 Ore Classe Materia Giorno Ora Docente Argomento 10/06/2015 Lezione : Passeggiata conclusiva fino

Dettagli

Giochi e proposte per un BASKET GIOVANILE creativo. Palazzetto di Valenza giovedì 8 dicembre 2011. per ragazzi nati nell anno 2000

Giochi e proposte per un BASKET GIOVANILE creativo. Palazzetto di Valenza giovedì 8 dicembre 2011. per ragazzi nati nell anno 2000 8 dicembre 2011 Palazzetto di Valenza giovedì 8 dicembre 2011 PROPOSTE TECNICHE: A) Ball-Handling (dimostratore Fabio Grugnetti Scugnizzo ): -usiamo una progressione precisa con obiettivi identificabili,

Dettagli

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno. Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10153 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.it PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

Dettagli

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive

Aspetti cognitivi ed emozionali inscindibile relazione Aspetti motori Considerati separatamente solo per esigenze espositive MODULO 3 LEZIONE 27 L EVOLUZIONE MOTORIA UMANA (PRIMA PARTE) ETA PRESCOLARE Contenuti Motricità sportiva Maestria sportiva Lo sviluppo motorio Evoluzione motoria Giochi funzionali e di esercizio Caratteristiche

Dettagli

GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001. 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla in mano

GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001. 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla in mano GIOCHI PRESENTATI AL CORSO ISTRUTTORI MINIBASKET 2000 e 2001 DISPENSA 2000 e 2001 prof. Piergiorgio Manfrè - aggiornamento novembre 2001 1 regola Il PALLEGGIO Non si può camminare e correre con la palla

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1a (Programmazione) LABORATORIO RIMICO - MOTORIO ( bambini di 3 anni ) di VISCONTI Ileana Anno Scolastico 2007-2008 Da Gennaio 2009 a Maggio 2009 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO

Dettagli

MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI

MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI UNITA DI APPRENDIMENTO n. 1c LABORATORIO MOTORIO MI PIACE CHE TI MUOVI, MI PIACE QUEL CHE MUOVI e allora MUOVI! ( bambini di 5 anni ) di GIUSTI ROBERTA Anno Scolastico 2009-2010 Da Gennaio 2010 a Maggio

Dettagli

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare.

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare. Dagli 8 ai 10 ani anni il ragazzo apprende il linguaggio del proprio corpo ed è in grado di rapportarsi con l attrezzo palla. Io, il mio corpo,la palla, sono quelle le parole che il ragazzo utilizzerà.

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE DELLA DISCIPLINA Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI BEATRICE NERVO TESINA DI ATLETICA LEGGERA - CORSO ISTRUTTORI FIDAL 2009-2010 TITOLO: PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI COS E L ALLENAMENTO? L

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento OBIETTIVI GENERALI Il progetto offre a tutti gli alunni, l'opportunità di praticare attività motoria nella scuola dell infanzia, secondo itinerari e processi organici graduali di apprendimento commisurati

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141)

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Nell arco della Stagione Sportiva in corso il Venezia Mestre Junior Team si prefigge di offrire a tutti

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA(EF)

EDUCAZIONE FISICA(EF) M2-48s Pag 1 di 9 Educazione fisica classi prime Scuola Secondaria di 1 grado Francesco Anzani Anno Scolastico 2013-2014 Progettazione annuale di EDUCAZIONE FISICA() Classe prima x Tutte le sezioni x Traguardi

Dettagli

NUOVI PROGRAMMI DI PSICOCINETICA APPLICATI AL CALCIO

NUOVI PROGRAMMI DI PSICOCINETICA APPLICATI AL CALCIO NUOVI PROGRAMMI DI PSICOCINETICA APPLICATI AL CALCIO L esigenza di rifarsi a schemi di gioco è tipico del calcio da adulti, quando è insufficiente ricorrere al gioco di base per poter ottenere risultati

Dettagli

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 09131 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ALFANO DA TERMOLI E-mail ministeriale: cbis022008@istruzione.it Pec: cbis022008@pec.istruzione.it Sito: www.liceoalfano.gov.it e-mail: segreteria@liceoalfano.it

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

PERCORSO PROGRAMMATICO Classe QUARTA. Progetto Pilota Alfabetizzazione Motoria

PERCORSO PROGRAMMATICO Classe QUARTA. Progetto Pilota Alfabetizzazione Motoria PERCORSO PROGRAMMATICO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Il corpo e le funzioni senso-percettive -Acquisire consapevolezza delle funzioni fisiologiche (cardio-respiratorie e muscolari) e dei loro cambiamenti

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Livelli ed obiettivi didattici

Livelli ed obiettivi didattici I Corsi di nuoto per bambini si svolgono tutto l'anno e sono finalizzati all'apprendimento graduale e personalizzato dei quattro stili canonici. L'insegnamento è impartito da istruttori qualificati, brevettati

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale Federazione Ginnastica d Italia Settore Ginnastica Generale PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni per problemi

Dettagli