1. Funzioni (a che cosa serve)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Funzioni (a che cosa serve)"

Transcript

1 Scaletta intervento sulla valutazione La valutazione da sempre utilizzata SOLO per certificare il livello di apprendimento, invece... Perchè valutiamo, a cosa serve (funzioni) Quale tipologia di prove somministrare (verifica) Come misurare e con quali modalità (valutazione) Come comunicare i risultati (pubblicizzazione) 1. Funzioni (a che cosa serve) a. Diagnostica : informare sulle capacità iniziali, definire un quadro completo dell alunno e /o della classe (s.m.base, condizionali, coordinative, autonomia...) contributo per definire gli obiettivi della programmazione, (eventualmente anche i contenuti) contributo per migliorare le modalità organizzative delle lezioni (lavori individuali, di gruppo, quali gruppi in base alle capacità...) b. Sommativa : informare e certificare sul livello di apprendimento c. Formativa : informare sull azione didattica, sul processo di insegnamento-apprendimento 2. Cosa rilevare (obiettivi motori, cognitivi, emotivo-affettivi, relazionali) a. Motori : Schemi motori di base Capacità coordinative e controllo dei movimenti Sviluppo organico e capacità condizionali Capacità di risolvere problemi (nei giochi presportivi e non)... b. Cognitivi : Conoscenze disciplinari Conoscenza e utilizzo del linguaggio specifico Capacità di osservazione e memorizzazione visiva... c. Emotivo- affettivi : Sviluppo dell autonomia Capacità di valutare e autovalutarsi... d. Relazionali :... giorgio marconi novembre 2009

2 Scaletta intervento sulla valutazione 3. Come rilevare (quali variabili) e con quali prove (test, circuiti...) a. Rilevazione quantitativa : (quanto fai) risultato raggiunto in una determinata prova b. Rilevazione qualitativa : (come lo fai) giusto/sbagliato livello del comportamento atteso (tassonomia del comportamento osservabile) c. Rilevazione mista (quanto e come) d. Rilevazione dei progressi: (quanto migliori) Può essere standardizzato e ciò determina indirettamente una scelta sulla tipologia (funzione) della valutazione: se non si utilizza voglio certificare il livello di apprendimento se si utilizza voglio valutare anche il processo di apprendimento 4. Chi rileva a. Insegnante : attraverso tabulati e/o griglie di osservazione misurazioni dirette b. Alunni : autocontrollo controllo e rilevazione tra compagni 5. Come comunicare i risultati proposta di modello da compilare giorgio marconi novembre 2009

3

4 conoscenza dell'ambiente azione pedagocica conoscenza obiettivi decidere conoscenza alunno conoscenza attività motorie informarsi realizzare conoscenza dell'attività di insegnamento valutare

5 valutazione d'ingresso DIAGNOSTICA recupero dei prerequisiti comunicazione didattica (obiettivo, metodo iniziale) valutazione in itinere FORMATIVA riadattare obiettivo metodologie comunicazione didattica (obiettivo successivo fino alla valutazione SOMMATIVA)

6 L'INSEGNANTE CERTIFICA VALUTA LE ACQUISIZIONI PER L'ISTITUZIONE CHE DECIDE (promozione) INFORMA (alunno, famiglia)

7 MODIFICARE OBIETTIVI SE' STESSO INDIVIDUALIZZARE ADATTARE METODI L'INSEGNANTE VALUTA PER ESSERE INFORMATO L'ALUNNO ESSERE GUIDATO ESSERE CONSAPEVOLE

8 (CARATTERISTICHE DELLA VALUTAZIONE DIAGNOSTICA, SOMMATIVA E FORMATIVA) ESECUTORE DESTINATARIO VALUTAZIONE DIAGNOSTICA INSEGNANTE EVENTUALMENTE ALUNNO INSEGNANTE ALUNNO FAMIGLIA SCOPO INFORMARE SULLE CAPACITÀ INIZIALI, DEFINIRE UN QUADRO COMPLETO DELL ALUNNO E /O DELLA CLASSE CONTRIBUTO PER DEFINIRE GLI OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE CONTRIBUTO PER MIGLIORARE LE MODALITÀ ORGANIZZATIVE DELLE LEZIONI VALUTAZIONE SOMMATIVA INSEGNANTE ISTITUZIONE FAMIGLIA ALUNNO DEFINIRE DEI BILANCI FORNIRE INFORMAZIONI SUL LIVELLO DI RENDIMENTO DEGLI ALUNNI VALUTAZIONE FORMATIVA INSEGNANTE ALUNNO INSEGNANTE ALUNNO ADATTARE LE STRATEGIE DIDATTICHE ALLA REALTÀ DELLA CLASSE RACCOGLIERE INFORMAZIONI SUI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DEGLI ALUNNI FUNZIONI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO REGOLAZIONE RUOLO PREREQUISITI ALLA PROGRAMMAZIONE MOMENTO MODALITÀ DI CONTROLLO ALL INIZIO DI UNA FASE DI APPRENEDIMENTO RICHIESTE VERBALI AGLI ALUNNI GRIGLIE DI OSSERVAZIONE TEST SPECIFICI RELATIVI AL LIVELLO DELLA CLASSE E/O DI CLASSI PARALLELE PROBLEMI COMPRENSIONE DA PARTE DEGLI ALUNNI DEGLI OBIETTIVI E DEI CRITERI DI VALUTAZIONE CERTIFICARE L APPRENDIMENTO ALLA FINE DI UNA FASE DI APPRENEDIMENTO TABELLE DI RIFERIMENTO, PRODOTTE A LIVELLO NAZIONALE REPERIRE TABELLE DI RIFERIMENTO AGGIORNATE E AFFIDABILI MODIFICARE E REGOLARE I PROCESSI DI APPRENDIMENTO DURANTE L APPRENDIMENTO RICHIESTE VERBALI AGLI ALUNNI GRIGLIE DI OSSERVAZIONE TEST SPECIFICI RELATIVI AL LIVELLO DELLA CLASSE E/O DI CLASSI PARALLELE COMPRENSIONE DA PARTE DEGLI ALUNNI DEGLI OBIETTIVI E DEI CRITERI DI VALUTAZIONE

9 La valutazione di tipo sommativo definisce il PRODOTTO dell azione motoria e può essere identificabile con il concetto di PERFORMANCE riscontrabile e misurabile nel soggetto; La valutazione di tipo formativo definisce invece il PROCESSO di elaborazione dell azione motoria, e in questo caso è assimilabile al concetto di LIVELLO DI ABILITA espresso dal soggetto. Il prodotto dell azione e la valutazione sommativa. La valutazione sommativa misura le acquisizioni ed ha essenzialmente una funzione di controllo; sovente costituisce il metodo essenziale di una valutazione terminale. Tiene conto dei risultati dell azione, valutati in un preciso momento M che è logico individuare alla fine di un apprendimento. Essa consente, controllando il livello di apprendimento, di rendere conto alla società sportiva, alle istituzioni, dei risultati dell insegnamento. Ha quindi come obiettivo principale quello di misurare delle acquisizioni, raggiunte o non raggiunte; questo tipo di valutazione ha cioè una funzione di controllo. Permette di gestire il sistema secondo una logica binaria: accede o non accede alla classe superiore, supera o non supera l esame. I suoi effetti sono delle informazioni (generalmente sotto forma di giudizi e/o voti) per l allievo, la famiglia, per prendere delle decisioni (orientamento, acquisizione di un diploma) Inoltre focalizzare la propria attenzione sul prodotto nel caso di un attività sportiva,può scaturire nella richiesta di riprodurre un modello di riferimento stereotipato, che poi in alcuni casi viene superato dall evoluzione tecnica, tecnologica e scientifica, mantenendo poi bloccati i processi evolutivi. Tale attitudine è stata chiamata tecnicistica o in termini più generali materiocentrista. Anche per questi motivi molti insegnanti e pedagogisti si sono rivolti maggiormente verso l attore della prestazione (colui che deve apprendere) ed hanno cercato di comprendere meglio e valutare quindi con maggiore efficacia i processi, i modi di agire.

10 Il processo e la valutazione formativa. Il concetto di valutazione formativa è stato impiegato per rafforzare questa tendenza. Si cerca cioè di conoscere, regolarmente, se l allievo progredisce, se si avvicina e come all obiettivo prestabilito; la nozione di base è quella di osservare l evolversi dell apprendimento, la dinamicità del processo. Ciò determina inoltre una doppia retro-azione: Da una parte l alunno, per indicargli chiaramente le tappe che ha raggiunto nel suo percorso di apprendimento e le difficoltà che ha incontrato; Dall altra l insegnante, per indicargli come si sta svolgendo il suo programma e l azione didattica, quali sono gli ostacoli che incontra La valutazione formativa informa l insegnante e gli alunni sulle tappe raggiunte durante una fase di apprendimento e sulle difficoltà incontrate; si può realizzare in itinere, durante lo svolgimento di un percorso di apprendimento-insegnamento, ma anche nella fase terminale dello stesso. Permette quindi all insegnante di migliorare la propria didattica e di facilitare il raggiungimento degli obiettivi prefissati, modificando le strategie didattiche che ancora devono essere predisposte. L effetto è quello di prendere decisioni pedagogiche: l'insegnate rivede il lavoro, torna indietro, propone obiettivi intermedi più adeguati alla situazione, diversifica le richieste, varia metodi e mezzi durante l attività... quindi lo scopo è di differenziare l azione pedagogica. È un sistema di regolazione che permette di: Riconoscere e individuare la riuscita del lavoro Riconoscere ed individuare gli errori Modificare le strategie di apprendimento Da questo si evince come non è possibile che vi sia un apprendimento senza avere una conoscenza dei risultati, una valutazione del lavoro svolto. La rapidità e la qualità dell apprendimento dipendono dalla precisione e dalla comprensione di tali informazioni; la volontà di far emergere agli occhi dell alunno le difficoltà da superare e le diverse possibilità che gli si offrono per raggiungere un obiettivo, costituiscono sicuramente il punto di partenza obbligato per una pedagogia individualizzata e differenziata. Sul piano educativo, si cerca di far progredire tutti, e ciò non è certamente in contraddizione con la selezione dei migliori, con la ricerca e la valorizzazione dei talenti; non significa quindi massificare i comportamenti, ma ricercare per ognuno un aspetto positivo e gratificante, che possa produrre un evoluzione personale in un contesto di massa.

11 EDUCAZIONE FISICA AREE AFFETTIVA MOTORIA RELAZIONALE COGNITIVA SAPER FARE SAPER ESSERE SAPER ESSERE CON... SAPERE MIGLIORARE LA FUNZIONALITA' MIGLIORARE LE CAPACITA' DI MIGLIORARE LE CAPACITA' DI UTILIZZARE LE INFORMAZIONI DI ORGANI E APPARATI, IN PAR- RELAZIONARE CON SE STESSI RELAZIONARE CON GLI ALTRI NTERNE ED ESTERNE E ELA- TICOLARE DI QUELLO NEURO- BORARLE, PER RISOLVERE DEI MUSCOLARE PROBLEMI OBIETTIVI - CAPACITA' SENSO-PERCETTIVE - SVILUPPO FUNZIONI EMOTIVE: - RISPETTO DELLE REGOLE - INFORMAZIONE, CONOSC. - SCHEMI MOTORI DI BASE * CONTROLLO EMOTIVO - COLLABORAZIONE - MEMORIZZAZIONE - CAPACITA' CONDIZIONALI * VINCERE LA PAURA (ANSIA) - RELAZIONE D'AIUTO - COMPRENSIONE - CAPACITA' COORDINATIVE * CAPACITA' DI RISCHIARE - LAVORARE IN GRUPPO - ESECUZIONE. APPLICAZ. - SVILUPPO MOTIVAZIONI: - ANALISI - SVILUPPO CAPACITA' VOLITIVE - SINTESI * CONOSCENZA PROPRI LIMITI - VALUTAZIONE * AUTOSTIMA (FIDUCIA IN SE') * PERSEVERANZA

12 LE FASI SENSIBILI Fasi di maggior sensibilità delle diverse capacità motorie e qualità psicofisiche nelle età dai sei ai quindici anni secondo Martin (1982). anni capacità di apprendimento motorio capacità di differenziazione e controllo capacità coordinative capacità di reazione acustico ottica capacità di orientamento spaziale capacità di ritmo capacità di equilibrio

13 anni resistenza forza capacità condizionali rapidità mobilità articolare

14 La linea conduttrice della lezione potrebbe essere quella definita da Maccario e sintetizzata di seguito: un decalogo da utilizzare come guida pratico-teorica, o meglio, un questionario che deve essere riempito di contenuti per dare sostanza alla professione dell insegnante. DA MACCARIO (MODIFICATO MARCONI) 1. A quale scopo saranno utilizzati i dati ottenuti dalle rilevazioni? Diagnostico - preditivo Per classificare - categorizzare Per certificare l apprendimento Per orientare e riorientare il lavoro dell insegnante 2. L obiettivo della valutazione è: Definire un livello (quali sono i miei livelli prestativi) Dare un giudizio (quale livello ho raggiunto) Fare un bilancio del lavoro svolto (quali risultati si sono raggiunti nel complesso) Fornire un interpretazione didattica (quali sono le cause e i rimedi per migliorare) 3. L oggetto della valutazione è coerente con quello che si vuole misurare attraverso l apprendimento-insegnamento? 4. La performance da analizzare è complessa: quali sono gli aspetti principali che si devono verificare? 5. Gli strumenti impiegati nella valutazione rispondono ai seguenti parametri: Obiettività Attendibilità Validità 6. Le condizioni di riuscita sono precisate e inequivocabili, oppure possono essere soggette ad interpretazioni personali? 7. Le intenzioni dell insegnante ed il linguaggio utilizzato è sufficientemente chiaro agli alunni; sono stati precisati i significati della valutazione? 8. Sono certo di saper utilizzare e gestire le metodologie scelte, o è meglio che mi affidi ad un organizzazione più semplice, anche se meno scientifica? 9. Ho pensato che vi è la possibilità di coinvolgere direttamente gli alunni in ogni tappa del processo valutativo? 10. Al termine della valutazione, sono disposto a modificare le strategie didattico-pedagogiche impiegate?

15 RILEVAZIONE QUANTITATIVA (QUANTO FAI)

16 VERIFICHE RESISTENZA INDIVIDUALI: fissare tempo/spazio da correre (meglio il tempo) in modo continuativo, lungo un percorso prefissato (a) il tempo può essere uguale per tutti gli alunni (5, 6,...) (b) differenziato in base alle capacità individuate (test ingresso, osservazioni sistematiche, attività sportiva praticata...): si possono allora individuare tre fasce di livello: A) 10 /12 B) 8 /9 C) 5 /6 La valutazione finale in questi casi sarà POSITIVA / NEGATIVA (prova riuscita/non) altra modalità è quella di fissare tempi diversi per il raggiungimento di valutazioni crescenti LIVELLO VALUTAZIONE S B D O C B A in questo caso va dichiarato prima da ogni alunno quale contratto vuole rispettare fissare sul medesimo percorso (per un tempo stabilito 5, 6...) un range di f.c. da rispettare ( per esempio). Gli alunni partono distanziati di 20 / 30 e alla chiamata dell insegnante (concluso il tempo previsto) si fanno misurare la f.c. Si possono avere due tipi di valutazione: POSITIVA / NEGATIVA (prova riuscita/non) differenziata secondo la f.c. raggiunta: POSITIVA f.c PARZIALE f.c oppure NEGATIVA f.c. 100 oppure + 180

17 DI GRUPPO: Può essere meno discriminante per i ragazzi con minori capacità, anche se una verifica individuale è bene proporla: fissare un tempo (5, 6...) che a gruppi (3 / 6... alunni) devono correre contemporaneamente con cambio del conduttore della fila al segnale dell insegnante. fissare un tempo (15 ) che a gruppi di 3 alunni si devono suddividere, regolandosi in base alle capacità di ognuno (determinare un tempo min. e max. di corsa) La valutazione finale in questi casi è di gruppo e sarà POSITIVA / NEGATIVA (prova riuscita/non)

18 VERIFICHE VELOCITA velocità di reazione prova dei 3m con partenza supina, arti superiori alla nuca, gomiti appoggiati sulla linea di partenza velocità di esecuzione (8 / 10 ) arti inferiori: saltelli a dx / sx di una linea / fune / ostacoletto con cinesini a piedi pari; arti superiori: lanci della palla a due mani dal petto alla parete da distanza fissa (2m); globale: saltelli della funicella sul posto (possibili varianti la tipologia di salto: piedi pari, corsa sul posto, abbinati...) sopra / sotto ostacolo formato da coni + nastro / bacchetta (in questo caso il tempo di 10 deve aumentare a 20 -tempi pausa- ) velocità di traslocazione 30m con partenza libera esercizio a stella con i coni nella zona di difesa del campo da pallavolo

19 Attraverso i punteggi grezzi di un test è possibile effettuare le prime considerazioni, rispetto alla prova somministrata (vedi media e mediana). Tuttavia una valutazione più precisa è possibile conoscendo la misura della variabilità, cioè la deviazione standard (DS). La DS è alla base dei principali metodi di standardizzazione dei punteggi, come la distribuzione pentenaria o il calcolo dei punti z (PZ).

20

21 ESEMPI E APPLICAZIONI Un alunno ha ottenuto i seguenti voti grezzi: TIPOLOGIA DI PROVE PUNTI GREZZI PUNTI MAX. MEDIA (1) capacità coordinative (2) capacità condizionali (3) conoscenza regole di gioco calcolo PZ: PZ=(x M) / DS PZ=(22-15) / 2.5 PZ=2.8 DS utilizzando la DS e il calcolo dei PZ si ottengono due importanti risultati: (A) Si possono confrontare risultati ottenuti in prove che verificano abilità/capacità diverse (B) Si possono confrontare alunni di classi ed età diverse

22

23 Scuola Media di Zogno Valutazione CAPACITA CONDIZIONALI (capacità organiche) CLASSI PRIME 2007/ LUNGO PALLA FEMMINE FLESSIONE M 5,99 5,95 5,90 5,85 5,78 5,70 5,62 5,54 5,46 5,38 5,30 5,22 5,14 5,06 4,98 4,90 4,82 4,75 4,70 4,65 4,61 COOPER LUNGO PALLA MASCHI FLESSIONE M 5,74 5,71 5,66 5,61 5,56 5,48 5,41 5,34 5,27 5,20 5,12 5,04 4,97 4,90 4,83 4,76 4,68 4,63 4,58 4,53 4,50 COOPER VALUTAZIONE SINGOLO TEST PUNTI FASCIA VALUTAZIONE 0-2 BASSA 3-7 MEDIO BASSA 8-12 MEDIA SUFFICIENTE BUONO MEDIO ALTA DISTINTO ALTA OTTIMO NON SUFFICIENTE VALUTAZIONE COMPLESSIVA PUNTI FASCIA VALUTAZIONE 0-10 BASSA MEDIO BASSA MEDIA SUFFICIENTE BUONO MEDIO ALTA DISTINTO ALTA OTTIMO NON SUFFICIENTE

24 RILEVAZIONE QUALITATIVA (COME FAI) GIUSTO/SBAGLIATO

25

26 LIVELLO 1 (6/7 anni)

27

28 Istituto Comprensivo di Zogno - educazione motoria - TEST MOTORI DI PASSAGGIO a.s / 2010 La commissione educazione motoria dell Istituto Comprensivo propone ai docenti delle classi interessate (III^ anno materna e V^ primaria) una batteria di test motori, per supportare il lavoro dell insegnante nel: orientare e scegliere i contenuti da proporre durante le lezioni (lettura verticale o di classe); verificare i progressi conseguiti da ogni alunno nel corso dell anno scolastico ed eventualmente integrare la valutazione quadrimestrale (lettura orizzontale o individuale); utilizzare strumenti comuni ai tre ordini di scuola e indirizzare le scelte per produrre una programmazione in continuità. Per l applicazione pratica dei test e le modalità di rilevazione, ogni insegnante può rivolgersi ai componenti della commissione, oppure direttamente alla funzione strumentale. Si ringrazia in anticipo per la collaborazione. LA FUNZIONE STRUMENTALE

29 Test ingresso / uscita classe III^ infanzia PROVA CON N.5 ESERCIZI Istituto Comprensivo di Zogno - educazione motoria - (A) corsa di 5m e successivamente curvare in modo perpendicolare per altri 5m (corridoio largo 30cm). Ripetere all indietro. controllo motorio / equilibrio dinamico controllo spaziale (B) quadrupedia prona sotto n.2 ostacoli (h= 60cm) strutturazione schema corporeo (C) equilibrio statico con n.3 battute di mani sopra il capo e davanti al busto, sia con ginocchio dx che sx. equilibrio statico (D) saltare un ostacoletto (h=10 / 20 cm) staccando con un piede e atterrando su due, ripetere due volte. controllo segmentario / lateralità (E) lancio palla alla parete + bloccaggio (distanza 2.5m), da ripetere n.3 volte coordinazione oculo-manuale controllo spaziale giorgio marconi anno 2009/2010

30 Test ingresso / uscita classe V^ primaria PROVA CON N.5 ESERCIZI Istituto Comprensivo di Zogno - educazione motoria - (A) corsa sul posto a ginocchia alte + movimenti alternati arti superiori in quattro tempi (n.2 slanci avanti, n.2 slanci in alto, n.2 slanci un arto avanti + uno in alto, idem contrario) coordinazione intersegmentaria (B) quadrupedia prona con ginocchia sollevate superando un ostacoletto alto 20 cm e una gabbia formata da n.3 cerchi (diametro 60cm) controllo intersegmentario strutturazione schema corporeo (C) equilibrio statico su ceppo con n.3 rotazioni della pallina da tennis sotto il ginocchio sia a dx che sx equilibrio statico (D) corsa tra 4 ostacoletti (d=2,5 / 3m / h=20cm) alternando il piede di stacco (sx / dx / dx / sx oppure contrario) controllo lateralità (E) lancio della palla + bloccaggio dopo una linea posta a 3.5m sopra un tappeto (2m x 1m) coordinazione oculo-manuale controllo spaziale giorgio marconi anno 2009/2010

31 Educazione Motoria TEST D'INGRESSO - USCITA SCUOLA PRIMARIA classe : V^ periodo : nomi A B C D E VALUTAZIONE 1 / 5 2 / 5 3 / 5 4 / 5 5 / 5 6 / 5 7 / 5 8 / 5 9 / 5 10 / 5 11 / 5 12 / 5 13 / 5 14 / 5 15 / 5 16 / 5 17 / 5 18 / 5 19 / 5 20 / 5 21 / 5 22 / 5 23 / 5 24 / 5 25 / 5 26 / 5 27 / 5 28 / 5 29 / 5 30 / 5 31 / 5 32 / 5 33 / 5 / 33 / 33 / 33 / 33 / 33 A = corsa sul posto + movimenti alternati arti superiori B = quadrupedia prona con ostacoletto e gabbia (cerchi da 60cm) C = equilibrio statico su ceppo con 3 rotazioni pallina tennis dx/sx D = corsa tra 4 ostacoletti (d=2,5m / h=20cm) alternando il piede di stacco (sx/dx/dx/sx) E = lancio palla + bloccaggio dopo linea posta a 3,5m su tappeto

32 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ZOGNO Anno sc. 2008/09 PROVE DI INGRESSO CL.1 SVILUPPO MOTORIO ALUNNI SCUOLA PRIMARIA DI Abbassa il braccio sinistro Abbassa il braccio destro Guarda verso sinistra Guarda verso destra Segui il percorso, camminando in avanti:2 m rettilinei + 1 m curvato ( larghezza sentiero 30 cm) Segui il percorso, camminando in avanti: 2 m Rettilinei + 1 m curvato ( sentiero di una sola linea) Segui il percorso di prima ( larghezza 30 cm) all indietro Segui il percorso di prima ( una linea) all indietro Salta la cordicella a piedi pari uniti ( altezza cordicella 40 cm) Con la matita fai una linea lungo la strada indicata sul foglio ( all 1) Piega un foglio bianco a metà senza far uscire i bordi Taglia a metà il foglio con le forbici lungo la piegatura Passa sotto il banco senza muoverlo e senza toccarlo Dai un calcio alla palla con il piede sinistro CL.1

33 RILEVAZIONE QUALITATIVA (COME FAI) LIVELLO DEL COMPORTAMENTO ATTESO

34 ESEGUE LE CAPOVOLTE CON I SEGUENTI ARRIVI, UTILIZZANDO IL TAPPETO INCLINATO PER FAVORIRE IL ROTOLAMENTO LIVELLO 5 CAPOVOLTE AVANTI RACCOLTA E SQUADRA ROTOLAMENTI CAPOVOLTE INDIETRO DIVARICATA E GINOCCHIO 4 SQUADRA GINOCCHIO CON INTERVENTO ATTIVO DELL INSEGNANTE CON ARRIVO LIBERO / ROTOLAMENTO SULLA SPALLA ROTOLAMENTO SU ASSE LONGITUDINALE NON RIECE AD ESEGUIRE I ROTOLAMENTI AVANTI CON INTERVENTO ATTIVO DELL INSEGNANTE CON ARRIVO LIBERO / ROTOLAMENTO SULLA SPALLA ESEGUE IL DONDOLO SUL TAPPETO NON RIECE AD ESEGUIRE I ROTOLAMENTI INDIETRO VALUTAZIONE LIVELLO OTTIMO 5 DISTINTO 4 BUONO 3 SUFFICIENTE 2 QUASI SUFFICIENTE 1 NON SUFFICIENTE 0 SI SCALA DI UN LIVELLO VERSO L ALTO SE IL ROTOLAMENTO È ESEGUITO SU TAPPETO ORIZZONTALE

35

36

37

38 QUANDO RIESCI AD ESEGUIRE UN ESERCIZIO COLORA L IMMAGINE MI SO IMMERGERE IL MAESTRO O LA MAESTRA CONTROLLERANNO SE SAI ESEGUIRE

39

40 TATTICA PALLA SOPRA LA CORDA OBIETTIVO : capacità di scegliere la posizione e l azione più efficace alunno controllore classe : : : V^ INDICARE CON X IL COMPORTAMENTO OSSERVATO ABILITÀ COMPORTAMENTO OSSERVATO RILEVAZIONE ZONA DI COMPETENZA (difesa) LANCIO DELLA PALLA (attacco) OCCUPAZIONE SPAZIO (attacco) LASCIA CADERE LA PALLA NELLA SUA ZONA DI COMPETENZA CERCA DI RICEVERE / RICEVE LA PALLA NELLA SUA ZONA DI COMPETENZA RICEVE OPPURE CHIAMA LA PALLA ( MIA ) NELLE ZONE DI INTERFERENZA LANCIA INDIRIZZANDO NEGLI SPAZI OCCUPATI DALL AVVERSARIO CERCA DI LANCIARE INDIRIZZANDO NEGLI SPAZI VUOTI RIMANE FERMO NELLA SUA ZONA CERCA DI OCCUPARE / OCCUPA GLI SPAZI VUOTI NEL SUO CAMPO Gioco palla sopra la corda con due varianti: 3 c. 3 e rotazione chiamata dall insegnante / compagno che lancia 2+1 c. 2+1 e rotazione continua

41 GIOCHI DI SQUADRA OBIETTIVO : capacità di scegliere l azione più efficace in attacco ABILITÀ NELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI MOTORI alunno controllore classe : : : INDICARE CON X IL COMPORTAMENTO OSSERVATO ABILITÀ COMPORTAMENTO OSSERVATO RILEVAZIONE CASUALMENTE O NON SA COSA FARE - PASSAGGIO (passa la palla...) O AL COMPAGNO MARCATO + AL GIOCATORE SMARCATO (ANCHE SE IL PASSAGGIO VIENE INTERCETTATO) SMARCAMENTO (riceve la palla...) - O + RIMANE FERMO SOLLEVANDO LE BRACCIA / CHIAMANDO LA PALLA CORRE TROPPO VICINO AL COMPAGNO MA TROPPO LONTANO DAL COMPAGNO MA IN LINEA CON IL DIFENSORE SI SPOSTA NEGLI SPAZI VUOTI E IN SITUAZIONE FAVOREVOLE esercitazioni : gioco dei 10 passaggi 4 c. 4 note per la rilevazione: inizialmente far rilevare solo l azione del giocatore con la palla (eventualmente smarcamento osservato dall insegnante); nella successiva/e lezioni rilevare anche il gioco senza palla; ogni controllore può utilizzare un colore diverso;

42 GIOCHI DI SQUADRA IL TRIANGOLO VALUTATIVO OBIETTIVO : capacità di scegliere l azione più efficace in attacco e in difesa ABILITÀ NELLA SOLUZIONE DI PROBLEMI MOTORI alunno controllore classe : : : INDICARE CON X IL COMPORTAMENTO OSSERVATO ABILITÀ COMPORTAMENTO OSSERVATO RILEVAZIONE CASUALMENTE O NON SA COSA FARE 1 PASSAGGIO (passa la palla...) 2 AL COMPAGNO MARCATO 3 AL GIOCATORE SMARCATO (ANCHE SE IL PASSAGGIO VIENE INTERCETTATO) SMARCAMENTO (riceve la palla...) RIMANE FERMO SOLLEVANDO LE BRACCIA / CHIAMANDO LA PALLA CORRE TROPPO VICINO AL COMPAGNO MA TROPPO LONTANO DAL COMPAGNO MA IN LINEA CON IL DIFENSORE SI SPOSTA NEGLI SPAZI VUOTI E IN SITUAZIONE FAVOREVOLE DIFESA 1 SI SPOSTA CASUALMENTE / RIMANE FERMO 2 CORRE SEMPRE VERSO LA PALLA E CREA CONFUSIONE 3 MARCA UN GIOCATORE, SEGUENDOLO NEGLI SPOSTAMENTI esercitazioni : gioco dei 10 passaggi 4 c. 4

43 FO RMA DEL TRIANGOLO PROFILO DEL GIOCATORE OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE triangolo equilatero GIOCATORE COMPLET O OBIETTI VO FINALE DA RAGGIUNGERE triangolo isoscele GIOCATORE PIUTTOSTO DIFENSIVO ALLARGARE LA BASE DEL TRIANGOLO. SOLLECITARE IL GIOCATORE NELLE FASI DI ATTACCO triangolo isoscele triangolo rettangolo punta sx GIOCATORE CHE CERCA SOP RATT UTT O LA FASE D ATTACCO STIMOLARE L ALUNNO AD UTILIZZARE ANCHE I RUOLI DI DIFENSORE

44 GIOCO DEI DIECI PASSAGGI Cerchia le risposte esatte. DISPOSIZIONE DEI GIOCATORI come si organizza la classe per eseguire il gioco? tre squadre due squadre due file tutti in campo contemporaneamente alcuni giocatori in campo e gli altri a guardare alcuni giocatori in campo e gli altri a contare i passaggi REGOLE DI GIOCO quali sono le regole di gioco che abbiamo utilizzato? il passaggio è valido se la palla non cade a terra chi ha la palla in mano deve palleggiare chi commette fallo viene espulso per tutto l incontro chi effettua 10 passaggi guadagna un punto chi effettua 10 passaggi consecutivi guadagna un punto chi fa cadere la palla viene eliminato il giocatore con la palla può correre TATTICA DI GIOCO è più efficace passare: al compagno marcato al compagno smarcato al compagno che chiama la palla per ricevere la palla è più efficace: correre in tutto lo spazio correre negli spazi vuoti correre velocemente, cambiando direzione correre velocemente se possibile è più efficace effettuare un passaggio teso, perchè: il compagno vede meglio la palla la palla arriva al compagno in minor tempo il compagno riesce a ricevere meglio la palla

45 RILEVAZIONE MISTA (QUANTO E COME)

46 CAPACITA COORDINATIVE GENERALI DENOMINAZIONE: STANDARDIZZAZIONE CIRCUITO DI DESTREZZA CONI-CAS CIR. DESTREZ RICERCA CONI-CAS Capacità motorie dominanti: COORDINAZIONE GENERALE E RAPIDITÀ. Impianto consigliato: PALESTRA MATERIALE 6 bacchette a sezione rotonda. 6 paletti (h = 1.20 mt. ca.). 2 materassini. 4 Ostacoli (h = 50 cm.). 1 cronometro DESCRIZIONE Il ragazzo si schiera alla partenza; quando è pronto parete e corre alternando i piedi negli spazi fra le bacchette, senza saltarne nessuna; quindi corre a slalom tra i paletti; effettua una capovolta avanti ed una indietro, supera il primo ostacolo e poi passa sotto al medesimo, supera quindi i due ostacoli, compie una corsa a navetta toccando con una mano i due ostacoli che delimitano lo spazio della corsa a navetta ed infine corre in velocità fino all'arrivo. COMPORTAMENTO DEI RILEVATORI Verificare l'esattezza del percorso facendo ripetere la prova in caso di errore. MISURAZIONE Si effettuano due prove con registrazione della migliore con approssimazione al centesimo di secondo. OSSERVAZIONI Verificare le misure del circuito far eseguire parti del circuito ed almeno una prova completa a velocità ridotta.

47

48

49

50 Risultati orienteering zogno V^ elementare Cortile elementari e parco belotti. V^ A NOME ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 2 B 1 D OT 4 S 2 B 3 ESATTI NS OT D OT OT OT 3 S 3 S 1 D OT V^ B NOME ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 4 ESATTI NS 2 B 1 D D OT 1 D OT OT OT 1 D 2 B 1 D 1 D D V^ C NOME ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 3 S D 1 D 1 D 1 D 2 B OT 2 B 1 D 1 D 1 D 1 D D OT 3 S 3 S OT OT

51 VALUTAZIONE ORIENTEERING PROVA CORTILE ELEMENTARI E PARCO BELOTTI 2003 ERRORI TEMPO VALUTAZIONE 0 - di OTTIMO 0 da in poi 1 DISTINTO 2 BUONO 3-4 SUFFICIENTE + 4 NON SUFFICIENTE

52 RILEVAZIONE DEI PROGRESSI (QUANTO MIGLIORI)

53 ++ + o/+ o - PROGRESSI AVER MIGLIORATO NOTEVOLMENTE LE PROPRIE CAPACITA' AVER MIGLIORATO LE PROPRIE CAPACITA' AVER MIGLIORATO SOLO IN PARTE LE PROPRIE CAPACITA NON AVER MIGLIORATO LE PROPRIE CAPACITA' AVER PEGGIORATO LE PROPRIE CAPACITA VALUTAZIONE SCALARE DI UNA FASCIA VALUTATIVA O PIU SCALARE DI MEZZA FASCIA VALUTATIVA O PIU SCALARE DI MEZZA FASCIA VALUTATIVA NON SCALARE NESSUNA FASCIA passare da > a UN MOVIMENTO CONTINUAMENTE CONTROLLATO DALLA VISTA ( LA TESTA SUI PIEDI ) > UN CONTROLLO CINESTESICO : LO SGUARDO NON È PIÙ INDISPENSABILE PER INFORMARE SUI MOVIMENTI DEL CORPO, MA PER OSSERVARE PARTICOLARI SIGNIFICATIVI NELLO SPAZIO UN MOVIMENTO GLOBALE DOVE TUTTO IL CORPO PARTECIPA ALL AZIONE MOTORIA (MOLTO FATICOSO!) > LA CAPACITÀ DI FAR INTERVENIRE SOLO UNA PARTE DEI DISTRETTI CORPOREI, SELEZIONANDO INFORMAZIONI E COMANDI (ECONOMIA DEL GESTO) UN MOVIMENTO DOVE I DIFFERENTI ELEMENTI ESECUTIVI SONO DISARTICOLATI, REALIZZATI SPESSO CON TEMPI DI PAUSA: LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI SONO GLI SCATTI IMPROVVISI E LE ESITAZIONI > UN MOVIMENTO DOVE LE FASI ESECUTIVE SI SUSSEGUONO IN MODO CONTINUATIVO: SCIOLTEZZA, FLUIDITÀ ARMONIOSITÀ SONO LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie

Facoltà di Scienze Motorie UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Motorie Corso di Laurea in Scienze Motorie, Sport e Salute Organizzazione e gestione del settore giovanile (dai 6 ai 15 anni) nell atletica leggera Relatore:

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli