Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing)"

Transcript

1 UNITA FUNZIONALE SALUTE MENTALE ADULTI Scheda riassuntiva su: Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing) a cura di Giorgio Tazzioli Le molestie morali sul lavoro sono sicuramente un fenomeno antico,presente ogni volta entrano in gioco relazioni interpersonali. Nonostante questa diffusa presenza solo nell ultimo ventennio,ad opera di ricercatori del Nord Europa, si sono sviluppate ricerche che hanno permesso di uscire dall anedottica per dar luogo ad un approccio di studio di tipo scientifico DEFINIZIONE Heinz Leymann,il ricercatore svedese che per primo ha studiato il fenomeno delle violenze morali sul luogo di lavoro la ha definite con un termine,mobbing. tratto dall etologia. Mobbing, dall inglese to mobb che significa accerchiare in modo aggressivo, si riferisce al comportamento di alcune specie animali di esclusione di un componente del gruppo accerchiandolo ed espellendolo. In ambito lavorativo Leymann propone la seguente definizione : il mobbing o terrore psicologico sul posto di lavoro si riferisce ad una modalità di comunicazione ostile sistematicamente diretta da uno o più soggetti verso un solo individuo il quale, per mezzo di persistenti azioni di molestie morali, è spinto e mantenuto in una condizione di impotenza. Queste azioni avvengono con una elevata frequenza (almeno una volta alla settimana) e per periodi protratti( almeno sei mesi). A causa della frequenza e della durata del comportamento ostile, questo maltrattamento porta a sofferenza mentale,psicosomatica e sociale. TIPOLOGIE DI MOBBING Esistono due tipi di mobbing: il mobbing emozionale (prevalentemente trasversale) e quello strategico (prevalentemente verticale). Il M. emozionale deriva da una alterazione delle relazioni interpersonali e dall esasperazione dei comuni sentimenti di rivalità,gelosia,antipatia,diffidenza,paura ecc. sia tra colleghi che nella filiera gerarchica. Si verifica quando esistono nell organizzazione aziendale nicchie di conflitto che esorbitano dalla dimensione normale del conflitto sul luogo di lavoro,viene esercitato da pari grado (per eliminare eventuali ostacoli alle proprie ambizioni carrieristiche o da un superiore per tutelare la propria posizione gerarchica giudicata in pericolo E universalmente diffuso in ogni società ed in ogni tipo di organizzazione del lavoro e viene attuato con una molteplicità di comportamenti (vedi all.1) Il M. strategico corrisponde ad un preciso disegno di esclusione del lavoratore da parte dell azienda e/o del management aziendale che, con azioni premeditate e programmate, intende realizzare un ridimensionamento delle attività di un lavoratore o il suo allontanamento dal lavoro. Di solito viene attuato per mezzo di dequalificazione o delegittimazione o con comportamenti specificati nell all.1 DATI ITALIANI In Italia il tema delle violenze morali sul luogo di lavoro è giunto solo da poco con le indagini clinico-epidemiologiche condotte dalla Clinica del Lavoro di Milano nella metà degli anni

2 novanta rimanendo a tutt oggi un rischio lavorativo poco conosciuto e scarsamente considerato. Da una ricerca effettuata nel 96/ 97 da Harol Ege in Italia emergono i seguenti dati,confermati dalle ricerche svolte dalla clinica del Lavori di Milano: -Il Mobbing è un fenomeno pericoloso: Ege ad esempio riferisce che in Svezia il 10/20% dei suicidi sarebbe riconducibile al mobbing e in Italia tale percentuale sarebbe del 13% - Il Mobbing è un fenomeno molto diffuso: in Italia sarebbe realistica una stima di circa un milione e mezzo di vittime anche se con diverse incidenze nei vari settori lavorativi, La percentuale maggiore, 42%, si ritrova nel pubblico impiego(22%p.a, 12% scuola, 8% sanità), 38 industria e servizi, 20% altri -il mobbing è un fenomeno largamente ignorato sia per quanto riguarda la prevalenza che i suoi effetti sulla salute anche se si sta sviluppando una consapevolezza dell esistenza di una forma di violenza morale non più accettabile e non più occultabile dietro termini quali scontro di personalità, stile autocratico, incapacità nei rapporti interpersonali ecc -il mobbing differisce da altre forme di violenza in quanto non ha una connotazione sessuale -il mobbing strategico prevale su quello emozionale COMPORTAMENTI PERSECUTORI I dati tratti dall attività della Clinica del Lavoro di Milano riportano i seguenti comportamenti più diffusi che possono essere usati sia singolarmente che in sequenza. -vessazioni riguardanti la persona del lavoratore con apprezzamenti pesanti sulla vita personale e familiare;-inserimento in ambienti disagiati che rappresentano per il lavoratore un fattore di umiliazione oltre che un ulteriore rischio per uno stato di salute già compromesso -vessazioni riguardanti l attività lavorativa protratte per mesi o per anni sia nell ambito di specifici compiti lavorativi con continue interferenze(consegne volutamente confuse, contraddittorie e/o lacunose) rimproveri ingiustificati sino a veri e propri atti di sabotaggio con manomissione e falsificazione di documenti e false attribuzioni di responsabilità -drastico ridimensionamento e dequalificazione dei compiti precedentemente svolti proceduti talvolta da trasferimenti non giustificati in sedi lontane da raggiungere -azzeramento dell attività lavorativa e lo stabilizzarsi della situazione della scrivania vuota in totale isolamento dai flussi di comunicazione, senza spiegazioni, senza consegne. In tutti i casi di mobbing rilevati dalla Cinica del Lavoro di Milano sono stati riscontrati i seguenti fenomeni comuni: -totale assenza di comunicazione, al di fuori delle critiche e delle lettere di ammonizione, da parte dei responsabili diretti delle azioni di molestie e nemmeno da parte della dirigenza aziendale -silenzio-assenso dell ambiente in generale che, di fatto, avvalla il comportamento dell azienda o del mobber quando non addirittura la partecipazione diretta all azione di mobbing -il rendersi conto solo a posteriori di essere stati capro espiatorio o strumento di situazioni non cercate e non volute.infatti tutti questi comportamenti sono inizialmente incomprensibili alla vittima la quale inizialmente pensa ad un fenomeno passeggero dovuto alla malevolenza di un singolo, ad incomprensioni o a proprie difficoltà. Sulla base di queste erronee valutazioni la vittima sopporta il moltiplicarsi di attacchi e lascia passare del tempo durante il quale il fenomeno si consolida e si diffonde. FASI DEL MOBBING (modello italiano di Hege)

3 Condizione zero: si tratta di una prefase ed è caratterizzata dalla situazione di conflittualità normale e fisiologica all interno di una azienda. Si tratta di un conflitto generalizzato, che vede tutti contro tutti e non ha una vittima cristallizzata; non è del tutto latente e si fa notare di tanto in tanto con banali diverbi, discussioni, piccole accuse che sono manifestazioni del tentativo di emergere rispetto agli altri. Un aspetto fondamentale di questa situazione è che non c è da nessuna parte la volontà di distruggere ma solo quella di elevarsi sugli altri Questa situazione non costituisce di per se M. ma è un terreno sul quale si può sviluppare. Fase 1: il conflitto mirato. E la fase in cui si individua una vittima verso la quale dirigere la conflittualità. Il conflitto fisiologico si incanala in una determinata direzione e l obbiettivo non è più di emergere ma di distruggere l avversario. Inoltre il conflitto non è più legato al lavoro ma si allarga anche verso argomenti privati. Fase2: inizio del M. Gli attacchi pur non causando ancora sintomi o malattie di tipo psicosomatico sulla vittima, suscitano disagio e fastidio. La vittima percepisce un inasprimento delle relazioni con i colleghi ed è portata ad interrogarsi su tale mutamento. Fase3: primi sintomi soggettivi. Compaiono i primi sintomi che riguardano di solito senso di insicurezza, insonnia, sintomi digestivi. Fase4: errori e abusi dei responsabili. Il caso diventa conosciuto da chi gestisce il personale che, per valutazione errata o scelta premeditata, prende provvedimenti inquisitori o disciplinari in relazione alle ripetute assenze per malattia o al calo di rendimento innestando un circolo vizioso che aggrava la situazione Fase5: aggravamento della salute psicofisica della vittima. Gli errori o la volontà persecutori da parte dei dirigenti determinano provvedimenti che aggravano la situazione.il mobbizzato finisce per convincersi di essere causa di tutti i suoi guai o di vivere in un mondo di ingiustizie in cui nessuno può nulla ed entra in una situazione disperante sviluppando di solito forme depressive più o meno gravi. Fase6: espulsione. L esito ultimo è l uscita della vittima dal posto di lavoro tramite dimissioni volontarie, licenziamento, prepensionamento o esiti ancora più traumatici quali il suicidio o atti di vendetta sul mobber. IL RUOLO DELLA FAMIGLIA. La vittima del M generalmente tende a cercare aiuto e consigli in famiglia dove sfogherà la rabbia, l insoddisfazione o la depressione che ha accumulato. La famiglia,in linea di massima, darà sostegno, protezione comprensione rifugio. Il M.però non è un normale conflitto, un periodo di crisi che si conclude presto:il M. è un lento stillicidio di persecuzioni, attacchi, umiliazioni che perdura a lungo nel tempo. Il logorio attacca la famiglia che resisterà e compenserà le perdite per un certo tempo ma, quando le risorse saranno esaurite, entrerà anche essa in crisi. Se questo avviene, la situazione della vittima del M crolla: la famiglia, inizialmente protettrice e generosa, improvvisamente cambia atteggiamento cessando di proteggere la vittima e cominciando a proteggere se stessa rinchiudendosi e passando sulla difensiva. Il lavoratore è percepito in questa fase come una minaccia per l integrità e la salute del nucleo famigliare che ora pensa a proteggersi ed, eventualmente a contrattaccare.

4 Se ciò avviene si parla di doppio mobbing: la vittima è sempre bersagliato sul posto di lavoro in più privata della comprensione e dell aiuto della famiglia. LA VITTIMA, GLI EFFETTI, LA DIAGNOSI Ogni lavoratore,indipendentemente dalle caratteristiche della propria personalità, e dal proprio carattere, può essere oggetto di molestie morali Ci sono tuttavia alcune situazioni o caratteristiche individuali che possono favorirne l insorgenza in quanto si è verificato che sono potenziali bersagli soprattutto: - i lavoratori con elevato coinvolgimento nell attività svolta o con capacità innovative e creative; - i lavoratori con ridotte capacità lavorative o invalidi collocati obbligatoriamente al lavoro - i lavoratori che possono essere considerati diversi per religione, abitudini, provenienza geografica,preferenze sessuali; - i lavoratori rimasti volutamente estranei a pratiche illecite dei colleghi Dai dati clinici della Clinica del lavoro di Milano emergono delle costanti rilevabili in tutti i casi di mobbing: -l autocolpevolizzazione iniziale: tutti si sono posti la domanda in che cosa ho sbagliato o cosa non capisco di quanto sta succedendo -la solitudine in cui è stata vissuta la situazione,l impressione di unicità dell esperienza. La situazione appare alla vittima come unica in azienda e all esterno e la vittima spesso non ne parla perché si vergogna. Nei casi in cui si decidono di comunicare la situazione ai familiari a volte ne ricavano un ulteriore penalizzazione perché sono invitati a non drammatizzare oppure il problema viene letto come incapacità di adattamento. -la svalutazione personale non sono all altezza della situazione. Il protrarsi delle azioni persecutorie e lo stato di confusione e di depressione che ne deriva e il non capire gli scopi e i motivi delle azioni persecutorie crea uno stato che indubbiamente incide sulla quantità e qualità del lavoro svolto Le alterazioni del benessere complessivo della persona mobbizzata rilevate clinicamente e quantificate con l esame psicodiagnostico strumentale si manifestano a carico dell equilibrio socioemotivo,dell equilibrio psicofisiologico e a carico del comportamento Le alterazioni dell equilibrio socioemotivo sono presenti in tutti con tono dell umore depresso che si alterna a reazioni d ansia con sensazioni di pericolo incombente, crisi di pianto, ossessività ideativa che continua a ripercorrere gli eventi salienti della situazione mobbizzante, vissuti di depersonalizzazione, disinteresse per quanto attiene gli affetti familiari e/o sociali fino ad una specie di anestesia reattiva I disturbi psicofisiologici sono ugualmente significativi e si manifestano con alterazioni del sonno,cefalee,vertigini,disturbi gastrointestinali,senso di oppressione toracica,tachicardia, disturbi dermatologico, disturbi della sfera sessuale. I disturbi del comportamento si esprimono nei disturbi alimentari,nell aumento del consumo di alcol e di tabacco Conseguenze sociali

5 Le conseguenze sociali possono essere molto importanti in quanto la persistenza dei disturbi psicofisici porta ad assenze dal lavoro sempre più prolungate con sindrome da rientro al lavoro sempre più accentuata fino alle dimissioni o al licenziamento Più precisamente le conseguenze sociali riguardano tre condizioni: 1)difficile recupero dell inserimento occupazionale in un mercato fortemente selettivo. 2) Il coinvolgimento del nucleo familiare:la famiglia dopo un certo tempo non è più in grado di assorbire e metabolizza le tensioni che si ritorgono pericolosamente contro tutti i membri implicandola in comportamenti reattivi di natura patologica3 3) Coinvolgimento della vita di relazione che subisce una contrazione derivata da due fattori:- la perdita del ruolo sociale legata alla perdita del ruolo lavorativo che si traduce in una fuga dai contatti sociali tradizionali, -la pervasività delle problematiche legate al mobbing che determinano una progressiva caduta degli interessi sociali Non di secondaria importanza sono i costi per la società legati al mobbing che vengono pagati a livello aziendale in termini di ore di lavoro perse,scadimento della quantità e qualità del lavoro e a livello della collettività con l aumento dei prepensionamenti, delle invalidità civili,della spesa sanitaria. Se lo stimolo avverso è duraturo i sintomi possono organizzarsi nei quadri sindromici che rappresentano le risposte a condizioni esterne fortemente disturbanti ed in particolare nel Disturbo dell adattamento(da) e nel Disturbo post-traumatico da stress (DPTS) che sono comunque categorie diagnostiche aspecifiche rispetto al mobbing I dati della Clinica del Lavoro di Milano mostrano che la diagnosi di DA è prevalente su quella di DPTS nel rapporto di 70/30. Per quanto riguarda quest ultima categoria diagnostica nel volume Guida orientativa per la valutazione del danno biologico permanente si sostiene che L esordio sintomatico del DPTS segue il trauma fisico o l aggressione da mobbing con un periodo silente che può andare da qualche settimana a qualche mese. Mentre nei traumatizzati vi è una tendenza alla guarigione l evoluzione verso una cronicizzazione risulta evento menomativi frequente nei mobbizzati. La diagnosi presuppone un intervento multidisciplinare e comunque non può essere una diagnosi di mobbing ma di un quadro clinico compatibile con la situazione di mobbing: la determinazione dell eventuale nesso eziologico tra quadro clinico e molestie morali è compito degli organi preposti ( Medico Competente, Magistratura, INAIL). Per quanto riguarda la nostra USL l attuale equipe è costituita da un medico del lavoro, uno psichiatra e uno psicologo. Il medico del lavoro si occupa in modo particolare dell anamnesi lavorativa e dell analisi dell organizzazione del lavoro anche con l ausilio di apposite schede di rilevazione, lo psichiatra o lo psicologo della parte diagnostica avvalendosi,oltre del colloquio clinico, di strumenti psicodiagnostica. Il certificato finale viene compilato dal medico del lavoro con la dichiarazione di compatibilità o meno della sindrome rilevata con la condizione di mobbing. Nota A proposito di adattamento e dei suoi disturbi,crive D.Boccaletti, individuando anche caratteristiche di personalità del potenziale mobber Il mobber narcisista perverso.alla sensazione di vuoto e di noia e alla continua ricerca dei suoi sforzi per avere magnificenza,ricchezza,potere, si accompagnano deficit nella capacità di amare gli altri e di preoccuparsi per loro.questa mancanza di comprendere in modo empatico gli altri risulta sorprendente se si considera il loro adattanmneto sociale in superfice. Si potrebbe notare come paradossalmente il potenziale mobber appare,almeno superficialmente,ben adattato mentre la vittima viene diagnosticata spesso come affetto da disturbo da adattamento.

6 Ovviamente non tutte le persone che vivono conflitti all interno del mondo lavorativo sono vittime di mobbing. Ci sono situazioni che riguardano tutti i dipendenti di una azienda o di un settore e in questo caso si tratta di una discutibile cultura aziendale che consente ad un responsabile o ad un dipendente comportamenti incivili o persecutori, ma non di persecuzione individuale. Altre situazioni si tratta di disagi per trasferimenti che, pur penalizzando la vita del lavoratore, sono attribuibili all organizzazione del lavoro e non ad intenti vessatori Altre ancora riguardano anche casi in cui è evidenziabile una difficoltà di adattamento del soggetto antecedente all inserimento in azienda. Queste situazioni non sono ascrivibili al mobbing ma se le mettiamo assieme alle situazioni di mobbing si delinea, come scrive Maria Grazia Cassito della Clinica del Lavoro di Milano,.. l immagine di una organizzazione aziendale in cui le risorse umane non sono considerate patrimonio dell impresa da preservare al pari delle macchine e degli immobili. Emerge invece una cultura d impresa che potrebbe essere definita primitiva nel senso che non interviene per prevenire e risolvere i conflitti ma lascia che le situazioni si deteriorino sino a diventare irreversibili e talvolta li utilizza senza nemmeno valutare che il patrimonio umano è un bene anche economico da gestire in maniera professionale. Questa scheda riassuntiva è stata elaborata da consultando il seguente materiale: -AA.VV. 1999, Le molestie morali: atti del primo e del secondo seminario nazionale, ISPEL- Ministero della Sanità -Boccaletti D.,Aree di criticità nel fenomeno mobbing, poster dell intervento al corso di formazione Violenza morale e mobbing,maggio Bargana et altri: Guida orientativa per la valutazione del danno biologico permanente -Frey M, Sicurezza sul lavoro e trasformazioni organizzative EGEA-Bocconi Lazzari C.,2001, Il mobbing: conoscerlo, affrontarlo, prevenirlo, Edizioni Scientifiche Internazionali, -Giglioli e coll, 2001, Documento di consenso.un nuovo rischio all attenzione della medicina del lavoro: le molestie morali( mobbing), Medicina del Lavoro 2001 oltre ai siti internet di: CGIL, UIL, Clinica del lavoro di Milano, Associazione PRIMA, Istituto Medicina Legale dell Università di Roma

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO

STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO STRUTTURA DEL SERVIZIO DI MEDICINA DEL LAVORO NORMATIVA: S.P.P. medico competente RLS SORVEGLIANZA SANITARIA TUTELA MATERNITA RISCHIO VDT RISCHIO ALCOL E TOSSICODIPENDENZE RISCHIO STRESS MOBBING Assessorato

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Conoscere, comprendere e reagire al fenomeno del mobbing

Conoscere, comprendere e reagire al fenomeno del mobbing Comitato delle Pari Opportunità dell Università degli Studi di Firenze Conoscere, comprendere e reagire al fenomeno del mobbing a cura di Tiziana Bartalucci Firenze University Press 2010 Nota del Comitato

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA

LO STRESS NELLA PSICOLOGIA LO STRESS NELLA PSICOLOGIA Sempre più spesso si sente parlare di stress, di persone stressate, di società stressata. La parola inglese stress significa anche pressione, sollecitazione, ed è stata introdotta

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Le patologie stress lavoro- correlate

Le patologie stress lavoro- correlate Le patologie stress lavoro- correlate Alfonso Cristaudo U.O Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Lo Stress Cenni Storici HHans Selye (Vienna, 1907 Montreal, 1982) contribuì

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia?

PERCHE CI ARRABIAMO. Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Perché un automobile che ci impedisce di uscire da un parcheggio ci fa diventare folli di rabbia? Certamente è una cosa che ci infastidisce, ma a meno che non stiamo vivendo una situazione di emergenza,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale

Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale Università degli Studi di Ferrara Psicologia di Comunità (modulo) a.a. 2011/2012 Comunicazione interculturale Comunicazione interculturale Prof. Marcella Ravenna Cap. 4 Le relazioni tra i comunicanti La

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Mobbing e altri comportamenti molesti Tutela dell integrità personale sul posto di lavoro

Mobbing e altri comportamenti molesti Tutela dell integrità personale sul posto di lavoro Mobbing e altri comportamenti molesti Tutela dell integrità personale sul posto di lavoro SECO Condizioni di lavoro La nostra organizzazione Editore: SECO Direzione del lavoro Condizioni di lavoro ab.sekretariat@seco.admin.ch

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

La depressione può colpire chiunque

La depressione può colpire chiunque La depressione può colpire chiunque Italienisch, italien, italiano Traduzione: UFSP/CRS Croce Rossa Svizzera Foto: Martin Volken La depressione può colpire chiunque «Mi sento sfinito e ho male dappertutto.

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli