Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing)"

Transcript

1 UNITA FUNZIONALE SALUTE MENTALE ADULTI Scheda riassuntiva su: Le molestie morali sul luogo di lavoro (Mobbing) a cura di Giorgio Tazzioli Le molestie morali sul lavoro sono sicuramente un fenomeno antico,presente ogni volta entrano in gioco relazioni interpersonali. Nonostante questa diffusa presenza solo nell ultimo ventennio,ad opera di ricercatori del Nord Europa, si sono sviluppate ricerche che hanno permesso di uscire dall anedottica per dar luogo ad un approccio di studio di tipo scientifico DEFINIZIONE Heinz Leymann,il ricercatore svedese che per primo ha studiato il fenomeno delle violenze morali sul luogo di lavoro la ha definite con un termine,mobbing. tratto dall etologia. Mobbing, dall inglese to mobb che significa accerchiare in modo aggressivo, si riferisce al comportamento di alcune specie animali di esclusione di un componente del gruppo accerchiandolo ed espellendolo. In ambito lavorativo Leymann propone la seguente definizione : il mobbing o terrore psicologico sul posto di lavoro si riferisce ad una modalità di comunicazione ostile sistematicamente diretta da uno o più soggetti verso un solo individuo il quale, per mezzo di persistenti azioni di molestie morali, è spinto e mantenuto in una condizione di impotenza. Queste azioni avvengono con una elevata frequenza (almeno una volta alla settimana) e per periodi protratti( almeno sei mesi). A causa della frequenza e della durata del comportamento ostile, questo maltrattamento porta a sofferenza mentale,psicosomatica e sociale. TIPOLOGIE DI MOBBING Esistono due tipi di mobbing: il mobbing emozionale (prevalentemente trasversale) e quello strategico (prevalentemente verticale). Il M. emozionale deriva da una alterazione delle relazioni interpersonali e dall esasperazione dei comuni sentimenti di rivalità,gelosia,antipatia,diffidenza,paura ecc. sia tra colleghi che nella filiera gerarchica. Si verifica quando esistono nell organizzazione aziendale nicchie di conflitto che esorbitano dalla dimensione normale del conflitto sul luogo di lavoro,viene esercitato da pari grado (per eliminare eventuali ostacoli alle proprie ambizioni carrieristiche o da un superiore per tutelare la propria posizione gerarchica giudicata in pericolo E universalmente diffuso in ogni società ed in ogni tipo di organizzazione del lavoro e viene attuato con una molteplicità di comportamenti (vedi all.1) Il M. strategico corrisponde ad un preciso disegno di esclusione del lavoratore da parte dell azienda e/o del management aziendale che, con azioni premeditate e programmate, intende realizzare un ridimensionamento delle attività di un lavoratore o il suo allontanamento dal lavoro. Di solito viene attuato per mezzo di dequalificazione o delegittimazione o con comportamenti specificati nell all.1 DATI ITALIANI In Italia il tema delle violenze morali sul luogo di lavoro è giunto solo da poco con le indagini clinico-epidemiologiche condotte dalla Clinica del Lavoro di Milano nella metà degli anni

2 novanta rimanendo a tutt oggi un rischio lavorativo poco conosciuto e scarsamente considerato. Da una ricerca effettuata nel 96/ 97 da Harol Ege in Italia emergono i seguenti dati,confermati dalle ricerche svolte dalla clinica del Lavori di Milano: -Il Mobbing è un fenomeno pericoloso: Ege ad esempio riferisce che in Svezia il 10/20% dei suicidi sarebbe riconducibile al mobbing e in Italia tale percentuale sarebbe del 13% - Il Mobbing è un fenomeno molto diffuso: in Italia sarebbe realistica una stima di circa un milione e mezzo di vittime anche se con diverse incidenze nei vari settori lavorativi, La percentuale maggiore, 42%, si ritrova nel pubblico impiego(22%p.a, 12% scuola, 8% sanità), 38 industria e servizi, 20% altri -il mobbing è un fenomeno largamente ignorato sia per quanto riguarda la prevalenza che i suoi effetti sulla salute anche se si sta sviluppando una consapevolezza dell esistenza di una forma di violenza morale non più accettabile e non più occultabile dietro termini quali scontro di personalità, stile autocratico, incapacità nei rapporti interpersonali ecc -il mobbing differisce da altre forme di violenza in quanto non ha una connotazione sessuale -il mobbing strategico prevale su quello emozionale COMPORTAMENTI PERSECUTORI I dati tratti dall attività della Clinica del Lavoro di Milano riportano i seguenti comportamenti più diffusi che possono essere usati sia singolarmente che in sequenza. -vessazioni riguardanti la persona del lavoratore con apprezzamenti pesanti sulla vita personale e familiare;-inserimento in ambienti disagiati che rappresentano per il lavoratore un fattore di umiliazione oltre che un ulteriore rischio per uno stato di salute già compromesso -vessazioni riguardanti l attività lavorativa protratte per mesi o per anni sia nell ambito di specifici compiti lavorativi con continue interferenze(consegne volutamente confuse, contraddittorie e/o lacunose) rimproveri ingiustificati sino a veri e propri atti di sabotaggio con manomissione e falsificazione di documenti e false attribuzioni di responsabilità -drastico ridimensionamento e dequalificazione dei compiti precedentemente svolti proceduti talvolta da trasferimenti non giustificati in sedi lontane da raggiungere -azzeramento dell attività lavorativa e lo stabilizzarsi della situazione della scrivania vuota in totale isolamento dai flussi di comunicazione, senza spiegazioni, senza consegne. In tutti i casi di mobbing rilevati dalla Cinica del Lavoro di Milano sono stati riscontrati i seguenti fenomeni comuni: -totale assenza di comunicazione, al di fuori delle critiche e delle lettere di ammonizione, da parte dei responsabili diretti delle azioni di molestie e nemmeno da parte della dirigenza aziendale -silenzio-assenso dell ambiente in generale che, di fatto, avvalla il comportamento dell azienda o del mobber quando non addirittura la partecipazione diretta all azione di mobbing -il rendersi conto solo a posteriori di essere stati capro espiatorio o strumento di situazioni non cercate e non volute.infatti tutti questi comportamenti sono inizialmente incomprensibili alla vittima la quale inizialmente pensa ad un fenomeno passeggero dovuto alla malevolenza di un singolo, ad incomprensioni o a proprie difficoltà. Sulla base di queste erronee valutazioni la vittima sopporta il moltiplicarsi di attacchi e lascia passare del tempo durante il quale il fenomeno si consolida e si diffonde. FASI DEL MOBBING (modello italiano di Hege)

3 Condizione zero: si tratta di una prefase ed è caratterizzata dalla situazione di conflittualità normale e fisiologica all interno di una azienda. Si tratta di un conflitto generalizzato, che vede tutti contro tutti e non ha una vittima cristallizzata; non è del tutto latente e si fa notare di tanto in tanto con banali diverbi, discussioni, piccole accuse che sono manifestazioni del tentativo di emergere rispetto agli altri. Un aspetto fondamentale di questa situazione è che non c è da nessuna parte la volontà di distruggere ma solo quella di elevarsi sugli altri Questa situazione non costituisce di per se M. ma è un terreno sul quale si può sviluppare. Fase 1: il conflitto mirato. E la fase in cui si individua una vittima verso la quale dirigere la conflittualità. Il conflitto fisiologico si incanala in una determinata direzione e l obbiettivo non è più di emergere ma di distruggere l avversario. Inoltre il conflitto non è più legato al lavoro ma si allarga anche verso argomenti privati. Fase2: inizio del M. Gli attacchi pur non causando ancora sintomi o malattie di tipo psicosomatico sulla vittima, suscitano disagio e fastidio. La vittima percepisce un inasprimento delle relazioni con i colleghi ed è portata ad interrogarsi su tale mutamento. Fase3: primi sintomi soggettivi. Compaiono i primi sintomi che riguardano di solito senso di insicurezza, insonnia, sintomi digestivi. Fase4: errori e abusi dei responsabili. Il caso diventa conosciuto da chi gestisce il personale che, per valutazione errata o scelta premeditata, prende provvedimenti inquisitori o disciplinari in relazione alle ripetute assenze per malattia o al calo di rendimento innestando un circolo vizioso che aggrava la situazione Fase5: aggravamento della salute psicofisica della vittima. Gli errori o la volontà persecutori da parte dei dirigenti determinano provvedimenti che aggravano la situazione.il mobbizzato finisce per convincersi di essere causa di tutti i suoi guai o di vivere in un mondo di ingiustizie in cui nessuno può nulla ed entra in una situazione disperante sviluppando di solito forme depressive più o meno gravi. Fase6: espulsione. L esito ultimo è l uscita della vittima dal posto di lavoro tramite dimissioni volontarie, licenziamento, prepensionamento o esiti ancora più traumatici quali il suicidio o atti di vendetta sul mobber. IL RUOLO DELLA FAMIGLIA. La vittima del M generalmente tende a cercare aiuto e consigli in famiglia dove sfogherà la rabbia, l insoddisfazione o la depressione che ha accumulato. La famiglia,in linea di massima, darà sostegno, protezione comprensione rifugio. Il M.però non è un normale conflitto, un periodo di crisi che si conclude presto:il M. è un lento stillicidio di persecuzioni, attacchi, umiliazioni che perdura a lungo nel tempo. Il logorio attacca la famiglia che resisterà e compenserà le perdite per un certo tempo ma, quando le risorse saranno esaurite, entrerà anche essa in crisi. Se questo avviene, la situazione della vittima del M crolla: la famiglia, inizialmente protettrice e generosa, improvvisamente cambia atteggiamento cessando di proteggere la vittima e cominciando a proteggere se stessa rinchiudendosi e passando sulla difensiva. Il lavoratore è percepito in questa fase come una minaccia per l integrità e la salute del nucleo famigliare che ora pensa a proteggersi ed, eventualmente a contrattaccare.

4 Se ciò avviene si parla di doppio mobbing: la vittima è sempre bersagliato sul posto di lavoro in più privata della comprensione e dell aiuto della famiglia. LA VITTIMA, GLI EFFETTI, LA DIAGNOSI Ogni lavoratore,indipendentemente dalle caratteristiche della propria personalità, e dal proprio carattere, può essere oggetto di molestie morali Ci sono tuttavia alcune situazioni o caratteristiche individuali che possono favorirne l insorgenza in quanto si è verificato che sono potenziali bersagli soprattutto: - i lavoratori con elevato coinvolgimento nell attività svolta o con capacità innovative e creative; - i lavoratori con ridotte capacità lavorative o invalidi collocati obbligatoriamente al lavoro - i lavoratori che possono essere considerati diversi per religione, abitudini, provenienza geografica,preferenze sessuali; - i lavoratori rimasti volutamente estranei a pratiche illecite dei colleghi Dai dati clinici della Clinica del lavoro di Milano emergono delle costanti rilevabili in tutti i casi di mobbing: -l autocolpevolizzazione iniziale: tutti si sono posti la domanda in che cosa ho sbagliato o cosa non capisco di quanto sta succedendo -la solitudine in cui è stata vissuta la situazione,l impressione di unicità dell esperienza. La situazione appare alla vittima come unica in azienda e all esterno e la vittima spesso non ne parla perché si vergogna. Nei casi in cui si decidono di comunicare la situazione ai familiari a volte ne ricavano un ulteriore penalizzazione perché sono invitati a non drammatizzare oppure il problema viene letto come incapacità di adattamento. -la svalutazione personale non sono all altezza della situazione. Il protrarsi delle azioni persecutorie e lo stato di confusione e di depressione che ne deriva e il non capire gli scopi e i motivi delle azioni persecutorie crea uno stato che indubbiamente incide sulla quantità e qualità del lavoro svolto Le alterazioni del benessere complessivo della persona mobbizzata rilevate clinicamente e quantificate con l esame psicodiagnostico strumentale si manifestano a carico dell equilibrio socioemotivo,dell equilibrio psicofisiologico e a carico del comportamento Le alterazioni dell equilibrio socioemotivo sono presenti in tutti con tono dell umore depresso che si alterna a reazioni d ansia con sensazioni di pericolo incombente, crisi di pianto, ossessività ideativa che continua a ripercorrere gli eventi salienti della situazione mobbizzante, vissuti di depersonalizzazione, disinteresse per quanto attiene gli affetti familiari e/o sociali fino ad una specie di anestesia reattiva I disturbi psicofisiologici sono ugualmente significativi e si manifestano con alterazioni del sonno,cefalee,vertigini,disturbi gastrointestinali,senso di oppressione toracica,tachicardia, disturbi dermatologico, disturbi della sfera sessuale. I disturbi del comportamento si esprimono nei disturbi alimentari,nell aumento del consumo di alcol e di tabacco Conseguenze sociali

5 Le conseguenze sociali possono essere molto importanti in quanto la persistenza dei disturbi psicofisici porta ad assenze dal lavoro sempre più prolungate con sindrome da rientro al lavoro sempre più accentuata fino alle dimissioni o al licenziamento Più precisamente le conseguenze sociali riguardano tre condizioni: 1)difficile recupero dell inserimento occupazionale in un mercato fortemente selettivo. 2) Il coinvolgimento del nucleo familiare:la famiglia dopo un certo tempo non è più in grado di assorbire e metabolizza le tensioni che si ritorgono pericolosamente contro tutti i membri implicandola in comportamenti reattivi di natura patologica3 3) Coinvolgimento della vita di relazione che subisce una contrazione derivata da due fattori:- la perdita del ruolo sociale legata alla perdita del ruolo lavorativo che si traduce in una fuga dai contatti sociali tradizionali, -la pervasività delle problematiche legate al mobbing che determinano una progressiva caduta degli interessi sociali Non di secondaria importanza sono i costi per la società legati al mobbing che vengono pagati a livello aziendale in termini di ore di lavoro perse,scadimento della quantità e qualità del lavoro e a livello della collettività con l aumento dei prepensionamenti, delle invalidità civili,della spesa sanitaria. Se lo stimolo avverso è duraturo i sintomi possono organizzarsi nei quadri sindromici che rappresentano le risposte a condizioni esterne fortemente disturbanti ed in particolare nel Disturbo dell adattamento(da) e nel Disturbo post-traumatico da stress (DPTS) che sono comunque categorie diagnostiche aspecifiche rispetto al mobbing I dati della Clinica del Lavoro di Milano mostrano che la diagnosi di DA è prevalente su quella di DPTS nel rapporto di 70/30. Per quanto riguarda quest ultima categoria diagnostica nel volume Guida orientativa per la valutazione del danno biologico permanente si sostiene che L esordio sintomatico del DPTS segue il trauma fisico o l aggressione da mobbing con un periodo silente che può andare da qualche settimana a qualche mese. Mentre nei traumatizzati vi è una tendenza alla guarigione l evoluzione verso una cronicizzazione risulta evento menomativi frequente nei mobbizzati. La diagnosi presuppone un intervento multidisciplinare e comunque non può essere una diagnosi di mobbing ma di un quadro clinico compatibile con la situazione di mobbing: la determinazione dell eventuale nesso eziologico tra quadro clinico e molestie morali è compito degli organi preposti ( Medico Competente, Magistratura, INAIL). Per quanto riguarda la nostra USL l attuale equipe è costituita da un medico del lavoro, uno psichiatra e uno psicologo. Il medico del lavoro si occupa in modo particolare dell anamnesi lavorativa e dell analisi dell organizzazione del lavoro anche con l ausilio di apposite schede di rilevazione, lo psichiatra o lo psicologo della parte diagnostica avvalendosi,oltre del colloquio clinico, di strumenti psicodiagnostica. Il certificato finale viene compilato dal medico del lavoro con la dichiarazione di compatibilità o meno della sindrome rilevata con la condizione di mobbing. Nota A proposito di adattamento e dei suoi disturbi,crive D.Boccaletti, individuando anche caratteristiche di personalità del potenziale mobber Il mobber narcisista perverso.alla sensazione di vuoto e di noia e alla continua ricerca dei suoi sforzi per avere magnificenza,ricchezza,potere, si accompagnano deficit nella capacità di amare gli altri e di preoccuparsi per loro.questa mancanza di comprendere in modo empatico gli altri risulta sorprendente se si considera il loro adattanmneto sociale in superfice. Si potrebbe notare come paradossalmente il potenziale mobber appare,almeno superficialmente,ben adattato mentre la vittima viene diagnosticata spesso come affetto da disturbo da adattamento.

6 Ovviamente non tutte le persone che vivono conflitti all interno del mondo lavorativo sono vittime di mobbing. Ci sono situazioni che riguardano tutti i dipendenti di una azienda o di un settore e in questo caso si tratta di una discutibile cultura aziendale che consente ad un responsabile o ad un dipendente comportamenti incivili o persecutori, ma non di persecuzione individuale. Altre situazioni si tratta di disagi per trasferimenti che, pur penalizzando la vita del lavoratore, sono attribuibili all organizzazione del lavoro e non ad intenti vessatori Altre ancora riguardano anche casi in cui è evidenziabile una difficoltà di adattamento del soggetto antecedente all inserimento in azienda. Queste situazioni non sono ascrivibili al mobbing ma se le mettiamo assieme alle situazioni di mobbing si delinea, come scrive Maria Grazia Cassito della Clinica del Lavoro di Milano,.. l immagine di una organizzazione aziendale in cui le risorse umane non sono considerate patrimonio dell impresa da preservare al pari delle macchine e degli immobili. Emerge invece una cultura d impresa che potrebbe essere definita primitiva nel senso che non interviene per prevenire e risolvere i conflitti ma lascia che le situazioni si deteriorino sino a diventare irreversibili e talvolta li utilizza senza nemmeno valutare che il patrimonio umano è un bene anche economico da gestire in maniera professionale. Questa scheda riassuntiva è stata elaborata da consultando il seguente materiale: -AA.VV. 1999, Le molestie morali: atti del primo e del secondo seminario nazionale, ISPEL- Ministero della Sanità -Boccaletti D.,Aree di criticità nel fenomeno mobbing, poster dell intervento al corso di formazione Violenza morale e mobbing,maggio Bargana et altri: Guida orientativa per la valutazione del danno biologico permanente -Frey M, Sicurezza sul lavoro e trasformazioni organizzative EGEA-Bocconi Lazzari C.,2001, Il mobbing: conoscerlo, affrontarlo, prevenirlo, Edizioni Scientifiche Internazionali, -Giglioli e coll, 2001, Documento di consenso.un nuovo rischio all attenzione della medicina del lavoro: le molestie morali( mobbing), Medicina del Lavoro 2001 oltre ai siti internet di: CGIL, UIL, Clinica del lavoro di Milano, Associazione PRIMA, Istituto Medicina Legale dell Università di Roma

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774 Breve estratto dell intervento: Conseguenze cliniche e psicologiche del mobbing: malattie professionali, conseguenze sul nucleo familiare, ricadute sociali e individuali L intervento si propone un esposizione

Dettagli

I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO

I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO Dott.ssa Simona Codazzi Psicologa Esperta in Psicologia Giuridica Padova, 4 dicembre 2012 Mobbing e risarcimento Chiunque

Dettagli

Il Mobbing: come e perché

Il Mobbing: come e perché Il Mobbing: come e perché Cos è il mobbing Alcune definizioni: Etimologia: Il terrore psicologico o Mobbing lavorativo consiste in una comunicazione ostile e non etica diretta in maniera sistematica da

Dettagli

Quando nasce il mobbing e quali effetti produce?

Quando nasce il mobbing e quali effetti produce? Il mobbing: conoscere per prevenire Quando nasce il mobbing e quali effetti produce? Dina Gugliemi Dipartimento di Scienze dell Educazione Bologna, 27 marzo 2015 PARTIAMO DALL ORIGINE (1) Dal verbo to

Dettagli

La dinamica del mobbing secondo il MODELLO di LEYMANN in quattro fasi

La dinamica del mobbing secondo il MODELLO di LEYMANN in quattro fasi I primi in Europa a studiare questo fenomeno sono stati gli Svedesi, i quali hanno calcolato che circa il 15% dei suicidi in Svezia hanno come causa scatenante episodi di mobbing. Successivamente studi

Dettagli

LO STRAINING. Avvocato Cristina Ceci

LO STRAINING. Avvocato Cristina Ceci LO STRAINING Avvocato Cristina Ceci 1 Straining cos è Dal verbo inglese to strain: tendere, sforzare, distorcere, stringere, mettere sotto pressione. Strained è definita in inglese una persona leggermente

Dettagli

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO Spinea, 3 giugno 2010 IMPEGNO DEL COMITATO ANTI-MOBBING Sensibilizzare amministrazioni, dirigenti e dipendenti

Dettagli

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro Università degli Studi di Messina Sezione di Medicina del Lavoro Dipartimento di Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali Come riconoscere la violenza e le molestie

Dettagli

MOBBING e PSICOTERAPIA. Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE

MOBBING e PSICOTERAPIA. Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE MOBBING e PSICOTERAPIA Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE Definizione Dall inglese to mob, attaccare, accerchiare Termine usato per indicare un meccanismo

Dettagli

04-06-2009 Mobbing: tutto quello che c è da sapere su cosa fare e come difendersi

04-06-2009 Mobbing: tutto quello che c è da sapere su cosa fare e come difendersi 04-06-2009 Mobbing: tutto quello che c è da sapere su cosa fare e come difendersi a cura di ANNALISA ROSIELLO, AVVOCATO CONSULENTE DELLA CGIL DI MILANO Sempre più spesso si parla di mobbing, fenomeno spesso

Dettagli

Seminario. "Il rischio Mobbing negli ambienti di lavoro. Roma, 22 ottobre 2003 Ore 10.00-12.30 CNR - Aula "Arangio Ruiz P.le Aldo Moro, 7 - Roma

Seminario. Il rischio Mobbing negli ambienti di lavoro. Roma, 22 ottobre 2003 Ore 10.00-12.30 CNR - Aula Arangio Ruiz P.le Aldo Moro, 7 - Roma Seminario "Il rischio Mobbing negli ambienti di lavoro Roma, 22 ottobre 2003 Ore 10.00-12.30 CNR - Aula "Arangio Ruiz P.le Aldo Moro, 7 - Roma IL MOBBING Dott. Roberto Moccaldi Coordinatore Medicina del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010)

I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) 1 Isabella Corradini Docente di Psicologia Sociale Università degli Studi di L Aquila Presidente Centro Ricerche Themis

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing M OBBING M PARLIAMO DI Direzione Centrale Comunicazione P.le Giulio Pastore, 6-00144 ROMA e-mail: dccomunicazione@inail.it COMITATO PARITETICO PER IL FENOMENO

Dettagli

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE

IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE IL MOBBING: APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE DI GENERE Il mobbing si realizza attuando una sorta di terrorismo psicologico, che implica un atteggiamento ostile e non etico posto in essere in forma sistematica

Dettagli

Nelle imprese si punta sempre di più alla performance sia organizzativa che individuale

Nelle imprese si punta sempre di più alla performance sia organizzativa che individuale Nelle imprese si punta sempre di più alla performance sia organizzativa che individuale E a questa richiesta sempre maggiore si associa la precarietà del lavoro elariduzione dei legami di impiego con un

Dettagli

Newsletter 03/2013. Introduzione. Il modello italiano Ege a 6 fasi. La Condizione zero IL MOBBING COME FATTORE DI MALESSERE ORGANIZZATIVO

Newsletter 03/2013. Introduzione. Il modello italiano Ege a 6 fasi. La Condizione zero IL MOBBING COME FATTORE DI MALESSERE ORGANIZZATIVO Codroipo, lì 14 marzo 2013 Prot. 4913LM Newsletter 03/2013 Introduzione IL MOBBING COME FATTORE DI MALESSERE ORGANIZZATIVO Nella newsletter precedente abbiamo esposto il fenomeno del mobbing con particolare

Dettagli

QUANDO IL LAVORO DIVENTA

QUANDO IL LAVORO DIVENTA QUANDO IL LAVORO DIVENTA FATICA Riflessioni sul Mobbing Alessandra Anna Cineglosso Psicologa/Psicoterapeuta LAVORO : COSA VUOL DIRE? La parola lavoro (così come il corrispondente inglese labour) deriva

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

I MEDICI DI AZIENDA E IL MOBBING. Salvatore Taliercio. Segretario della Sezione laziale dell A.N.M.A.

I MEDICI DI AZIENDA E IL MOBBING. Salvatore Taliercio. Segretario della Sezione laziale dell A.N.M.A. I MEDICI DI AZIENDA E IL MOBBING Salvatore Taliercio Segretario della Sezione laziale dell A.N.M.A. 1 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni, l introduzione di nuove tecnologie nelle Aziende ha profondamente

Dettagli

A.A. 2008-2009 - Corso di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Prof. Claudio Cortese MOBBING E BOSSING. Aprile/Maggio 2009

A.A. 2008-2009 - Corso di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Prof. Claudio Cortese MOBBING E BOSSING. Aprile/Maggio 2009 A.A. 2008-2009 - Corso di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Prof. Claudio Cortese MOBBING E BOSSING Aprile/Maggio 2009 UNA DEFINIZIONE IL TERMINE MOBBING DERIVA DAL VERBO INGLESE TO MOB, IL

Dettagli

Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa

Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa CUG Ministero Infrastrutture e Trasporti Ex vice- presidente Comitato paritetico sul fenomeno mobbing Roma 17 dicembre 2012

Dettagli

Progetto di legge n 2143

Progetto di legge n 2143 Progetto di legge n 2143 D iniziativa del deputato Tarantino (Forza Italia) Presentata il 21 dicembre 2001 Disposizioni per la tutela dei lavoratori da molestie morali e violenze psicologiche Onorevoli

Dettagli

LUMSA Master in Psicologia Forense e. Criminologia

LUMSA Master in Psicologia Forense e. Criminologia LUMSA Master in Psicologia Forense e Prof.ssa Paula Benevene Criminologia MOBBING Il Mobbing Il termine mobbing è mutuato dalla lingua inglese. To mob significa: attaccare, assalire, malmenare, accalcarsi

Dettagli

CHE COSA E IL MOBBING

CHE COSA E IL MOBBING MOBBING ED ASPETTI SOCIOLOGICI Caparesi INTRODUZIONE di Cristina pedagogista Un giorno entri in una stanza ed i tuoi colleghi improvvisamente smettono di parlare, sempre più insistentemente ricevi critiche

Dettagli

IN-FORMAZIONE & PREVENZIONE

IN-FORMAZIONE & PREVENZIONE IN-FORMAZIONE & PREVENZIONE Progetto informativo e di indagine sui rischi occupazionali psicosociali ed in particolare sul rischio mobbing rivolto ai lavoratori della Giunta Regione Marche Mobbing & Rischi

Dettagli

LA VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL DISAGIO LAVORATIVO DA STRESS l esperienza di Padova

LA VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL DISAGIO LAVORATIVO DA STRESS l esperienza di Padova LA VALUTAZIONE E PREVENZIONE DEL DISAGIO LAVORATIVO DA STRESS l esperienza di Padova Padova, 28 novembre 2011 Vianello Liviano, medico del lavoro SPISAL Zanella Donata, psicologa del lavoro SPISAL Veronese

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

*Il mobbing. * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta

*Il mobbing. * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta *Il mobbing * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta Si tratta di un comportamento strategico che può verificarsi anche sul luogo di lavoro dove viene utilizzato per allontanare soggetti indesiderati

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE LA PREVENZIONE DEL RISCHIO PSICOSOCIALE Padova, 16 Giugno 2008 Vianello Liviano, medico del lavoro Sarto Franco, medico del lavoro Zanella Donata, psicologa del lavoro TESTO UNICO SICUREZZA LAVORO (Legge

Dettagli

Dott. Liliana La Torre - RELAZIONE SUL MOBBING, presentata al Distretto Nord Est ad aprile 2011, nell'ambito della giornata dedicata all'equal Pay Day

Dott. Liliana La Torre - RELAZIONE SUL MOBBING, presentata al Distretto Nord Est ad aprile 2011, nell'ambito della giornata dedicata all'equal Pay Day Dott. Liliana La Torre - RELAZIONE SUL MOBBING, presentata al Distretto Nord Est ad aprile 2011, nell'ambito della giornata dedicata all'equal Pay Day Partiamo da 2 articoli della nostra Costituzione,

Dettagli

Stress e mobbing: cause e conseguenze della disfunzionalità e del disagio nelle organizzazioni

Stress e mobbing: cause e conseguenze della disfunzionalità e del disagio nelle organizzazioni Stress e mobbing: cause e conseguenze della disfunzionalità e del disagio nelle organizzazioni Docente Dott.ssa Paola Spagnoli Ricercatrice in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, Seconda Università

Dettagli

Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in massa, malmenare, aggredire

Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in massa, malmenare, aggredire Termine inglese utilizzato per descrivere il fenomeno dell attacco e della eliminazione di un animale da parte di animali simili Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

STAI CON NOI INSIEME SAREMO PIU FORTI

STAI CON NOI INSIEME SAREMO PIU FORTI STAI CON NOI INSIEME SAREMO PIU FORTI IL MOBBING ECCO COME FAR AUMENTARE LA PRODUTTIVITA Depresso? Prendi delle pillole! Arrabbiato? Prendi delle pillole.confuso? Prendi delle pillole! Ti senti meglio?

Dettagli

LO STALKING. Avvocato Cristina Ceci

LO STALKING. Avvocato Cristina Ceci LO STALKING Avvocato Cristina Ceci 1 Stalking cos è Dal verbo inglese to stalk: appostarsi, avvicinarsi di soppiatto alla preda Avvocato Cristina Ceci 2 Stalking cos è Fenomeno descritto e studiato per

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili Disagio da lavoro analisi del fenomeno, azione e prevenzione Dott.ssa Sabina Sernia Obiettivo primario Medicina del Lavoro salvaguardia della salute dei lavoratori, la promozione di un lavoro sicuro e

Dettagli

causa ed effetto di malessere nei luoghi di lavoro

causa ed effetto di malessere nei luoghi di lavoro comune di trieste area risorse umane, comunicazione e servizi al cittadino Lavoro e/è salute Il MobbIng: causa ed effetto di malessere nei luoghi di lavoro 1. introduzione 2. importanza del lavoro nella

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica e medico/legale Si riferisce ad una serie di comportamenti

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Gestione delle risorse umane e prevenzione: un nuovo approccio

Gestione delle risorse umane e prevenzione: un nuovo approccio Gestione delle risorse umane e prevenzione: un nuovo approccio per l iniziativa sindacale. Dr. Luisa Benedettini Responsabile dell Ufficio Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro della CGIL nazionale in

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

MOBBING E INSEGNAMENTO: UNA PANORAMICA DEL FENOMENO

MOBBING E INSEGNAMENTO: UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DIREZIONE DIDATTICA DI PAVONE CANAVESE APPROFONDIMENTO SUL TEMA MOBBING E INSEGNAMENTO: UNA PANORAMICA DEL FENOMENO a. s. 2006 2007 CHE COSA INDICA IL TERMINE MOBBING? Deriva dal termine inglese to mob

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO IL RUOLO DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, DOPO IL D. LGS. N.626/94, È QUELLO DI ESPLORATORE

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

Donne dentro, oltre la violenza

Donne dentro, oltre la violenza Donne dentro, oltre la violenza VIOLENZA MORALE E DANNO PSICHICO ALLA LAVORATRICE Studio di un caso d'esperienza Studio Legale Avv. Rossella Di Costanzo - Via Torino, 2-20123 Milano LE DOMANDE DI FONDO

Dettagli

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI Sostegno 400 ore GRUPPO A modulo3 Mag-Giu 2009 Disturbi del comportamento (1) Disturbo da deficit dell attenzione Disturbo da iperattività Disturbo oppositivo-provocatorio

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

La Psicoterapia Breve: procedure ed esperienze del Servizio di Psicologia Territoriale

La Psicoterapia Breve: procedure ed esperienze del Servizio di Psicologia Territoriale La valutazione del rischio stress-lavoro correlato e la promozione del benessere organizzativo Verona 7 Luglio 2010 La Psicoterapia Breve: procedure ed esperienze del Servizio di Psicologia Territoriale

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

IL MOBBING mobile vulgus bullying bossing (spadroneggiamento b ossing

IL MOBBING mobile vulgus bullying bossing (spadroneggiamento b ossing IL MOBBING Il mobbing è un fenomeno sociale che viene definito molestie morali sul posto di lavoro. Esso è costituito da abusi, vessazioni, comportamenti negativi e psicologicamente violenti. E chiaro

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

proposta di legge n. 40

proposta di legge n. 40 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 40 a iniziativa dei Consiglieri Castelli, Ciccioli, D Anna, Pistarelli, Romagnoli presentata in data 3 agosto 2005 NORME PER IL CONTRASTO E LA

Dettagli

Mobbing, come uscirne

Mobbing, come uscirne MOLTI DIRIGENTI SOTTOVALUTANO IL MOBBING. LO CONSIDERANO UN FASTIDIO, MA ESSO DANNEGGIA CONSIDEREVOLMENTE ANCHE L AZIENDA. Secondo l ultimo monitoraggio effettuato dall ISPESL (Istituto Superiore per la

Dettagli

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT E BUONA NORMA NON SOTTOVALUTARE NESSUN CASO PERCHÉ: In una percentuale significativa di essi si potrebbe andare incontro a patologie ad insorgenza

Dettagli

La violenza alle donne. Pesaro, 27 novembre 2010

La violenza alle donne. Pesaro, 27 novembre 2010 La violenza alle donne Pesaro, 27 novembre 2010 Dati* e miti La violenza alle donne è limitata a pochi casi La violenza è perpetrata da sconosciuti Sono più a rischio le donne che non hanno legami stabili

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO?

COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? COME RILEVARE IL FENOMENO DEL BULLISMO? Perché cercare di prevenire il bullismo? Aggressività e passività sono condotte reattive, modalità inadeguate di rapportarsi agli altri. Nell immediato comportano

Dettagli

ESPERIENZE DI GESTIONE DEI CASI DI MOBBING NELLO SPISAL DI PADOVA

ESPERIENZE DI GESTIONE DEI CASI DI MOBBING NELLO SPISAL DI PADOVA IL DISAGIO PSICOLOGICO E LA COSTRITTIVITA ORGANIZZATIVA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO STRUMENTI DI PREVENZIONE POSSIBILI. RUOLO DEGLI SPISAL Padova, 15 novembre 2006 ESPERIENZE DI GESTIONE DEI CASI DI MOBBING

Dettagli

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver

Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Viaggio al cuore delle demenze Il caregiver Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti Cambiamenti familiari Le reazioni emotive nei caregiver di pazienti dementi hanno espressioni diverse a seconda: della

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014 INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI Belluno 5 novembre 2014 La valutazione del rischio SLC e ruolo del MC Legge Regione Veneto 22 gennaio 2010, n. 8 ~ sportelli di ascolto ~ centri di riferimento Attività

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

Studio Legale Associato

Studio Legale Associato Studio Legale Associato Avv. Amedeo Mazzocconi Avv. Loris Silenzi Avv. Stefano Massimiliano Ghio RELAZIONE SUL MOBBING NELLA GIURISPRUDENZA Convegno dell 11/ marzo / 2005 (Macerata) Il termine Mobbing

Dettagli

Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro

Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro COMUNE DI GENOVA COMUNE DI GENOVA Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro "Il lavoro non mi piace, non piace a nessuno, ma a me piace quello che c'è nel lavoro: la possibilità di trovare una

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

DATI ANAGRAFICI ANAMNESI. Tabaccologia 4/2010. NOME... COGNOME...data di nascita... LUOGO DI NASCITA...Residente in via... n...

DATI ANAGRAFICI ANAMNESI. Tabaccologia 4/2010. NOME... COGNOME...data di nascita... LUOGO DI NASCITA...Residente in via... n... Tabaccologia 4/2 STP for smoking cessation CARTELLA CLINICA DATI ANAGRAFICI NOME... COGNOME...data di nascita... LUOGO DI NASCITA...Residente in via... n... Città... Tel.... Nome del medico di base...

Dettagli

LAVORO E NON LAVORO Motivazione, incentivazione e mobbing

LAVORO E NON LAVORO Motivazione, incentivazione e mobbing LAVORO E NON LAVORO Motivazione, incentivazione e mobbing Università degli Studi di Milano Graduate School in Social Sciences Corso breve di diritto del lavoro per il Dottorato in Scienze del Lavoro -

Dettagli

COMMENTO SLIDE MOBBING

COMMENTO SLIDE MOBBING COMMENTO SLIDE MOBBING In inglese il sostantivo mob, di origine latina (mobile vulgus) indica una folla tumultuosa, una marmaglia, negli Stati Uniti si usa questo termine per parlare di criminalità organizzata.

Dettagli

Disturbi dell'umore. Depressione

Disturbi dell'umore. Depressione Disturbi dell'umore Depressione Probabilmente tutti nell'arco della propria hanno attraversato un periodo o anche un solo giorno in cui si sono "sentiti giù" e hanno pronunciato parole come: "Mi sento

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76.

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Dott. Marco Lipera Dott.ssa Alessandra Leucata Psicologo, Psicodiagnosta Psicologa Clinica e Giuridica Via Trieste n.19, Catania 95127 Psicodiagnosta

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

INTRODUZIONE 7. Introduzione

INTRODUZIONE 7. Introduzione INTRODUZIONE 7 Introduzione «Mi sento a pezzi», «Ho i nervi a fior di pelle», «Non ce la faccio più», «Non riesco a dormire»: probabilmente vi sarà capitato di usare espressioni di questo genere e certamente

Dettagli