Allegato relativo alle direttive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato relativo alle direttive"

Transcript

1 Allegato relativo alle direttive Programma a moduli e descrizione dei moduli per la preparazione dell'esame professionale superiore Tecnico di laboratorio in scienze naturali Organo responsabile scienceindustries Fachverband Laborberufe FLB Segreteria d'esame Verein Weiterbildung Laborberufe QSK-Sekretariat Haldenweg 6 CH-444 Füllinsdorf Telefono: ++4 (0)

2 Indice Introduzione.... Funzione del programma a moduli.... Temi centrali.... Partecipanti Prestatario del modulo Strumenti pedagogici... 4 Moduli Panoramica moduli Organizzazione, esecuzione e qualità dei moduli Controlli degli obiettivi di apprendimento Ammissione Iscrizione Tasse Condizioni di superamento del modulo Ripetizione Certificato del modulo Ricorsi giuridici... 7 Esame finale Certificati di fine modulo necessari Esame finale Disposizioni transitorie Certificati di fine modulo secondo la vecchia legislazione Ripetenti Entrata in vigore e validità Allegato : descrizioni dei moduli Informazioni generali sui moduli Moduli di base Moduli di approfondimento Moduli specialistici... Seite von 6

3 Introduzione. Funzione del programma a moduli. Il presente programma a moduli per la preparazione al diploma federale di tecnico di laboratorio in scienze naturali è un complemento al regolamento d'esame e alle direttive. Questo programma a moduli consente ai partecipanti di prepararsi accuratamente e specificatamente agli esami modulari richiesti.. Conformemente alle direttive, punto., la commissione GQ (commissione per la garanzia della qualità) all'occorrenza rielabora questo programma a moduli adeguandolo alle esigenze.. Temi centrali I temi centrali sono suddivisi in quattro settori di competenza:. Matematica, scienze naturali e tecnica. Lingua e comunicazione. Organizzazione aziendale 4. Management. Matematica, scienze naturali e tecnica Biologia: biologia cellulare, farmacologia, tossicologia, ingegneria genetica, rami specialistici della biologia (i contenuti dipendono dall'attività professionale) Chimica: nozioni di base di chimica generale e chimica organica, approfondimenti di chimica organica, spettroscopia applicata, rami specialistici della chimica (i contenuti dipendono dall'attività professionale) Analisi: basi fisiche di analisi fisica, spettroscopia, cromatografia, bioanalisi, rami specialistici dell'analisi Matematica: nozioni di base di matematica, test statistici. Lingua e comunicazione Inglese: livello B del portfolio europeo delle lingue, comprensione orale e scritta, analisi e composizione di testi specialistici in inglese Documentazione scientifica: efficiente acquisizione e preparazione di informazioni e composizioni appropriate di documenti articolati e pertinenti Tecniche di lavoro e di presentazione: tecniche di lavoro e di apprendimento, presentazione qualificata e per gruppi target specifici. Organizzazione aziendale Gestione dei progetti: pianificazione, realizzazione, controllo, valutazione, ottimizzazione e documentazione di progetti. Promozione dei fattori di successo importanti all'interno di un team di progetto Sanità, sicurezza & ambiente / Gestione della qualità (QM): rischi professionali di settore, legge sui prodotti chimici, sistemi ecologici, sistemi di gestione della qualità, garanzia di qualità, sviluppo della qualità, norme, GMP, GLP Economia aziendale: principi basilari di economia aziendale per la gestione economica di un laboratorio Seite von 6

4 .4 Direzione dei collaboratori Formazione: assistenza competente agli apprendisti durante il loro percorso di formazione Direzione: introduzione di nuovi collaboratori in un team, criteri e stili di direzione, autoriflessione. Partecipanti. Il programma a moduli di preparazione per il diploma federale di tecnico di laboratorio in scienze naturali è rivolto a quegli assistenti di laboratorio AFC (Attestato federale di capacità) che vogliono ampliare ed acquisire ulteriori competenze professionali, tecniche, metodiche e sociali nella loro professione. Un diploma federale conseguito dopo aver superato un esame finale pratico certifica le loro ampie e approfondite competenze. In tal modo sono in grado di svolgere funzioni di maggiore responsabilità.. I requisiti per l'ammissione all'esame finale sono descritti nel regolamento d'esame, punto... Per la riuscita di ciascun modulo è indispensabile un apprendimento autonomo. Si calcola generalmente un tempo di apprendimento individuale che corrisponda almeno al tempo di apprendimento formale..4 Con il controllo degli obiettivi di apprendimento di un modulo, i partecipanti dimostrano di aver acquisito le competenze richieste per il relativo modulo. Questo a prescindere se le competenze sono state acquisite con il supporto di un modulo o in altro modo..5 Se i partecipanti, relativamente ad un modulo, dispongono di competenze equipollenti acquisite in altre sedi e adeguatamente attestabili, per es. con un certificato di formazione professionale a livello terziario, questi possono far richiesta di riconoscimento di equivalenza presso la commissione GQ. (Vedi punto. delle direttive).6 A prescindere dal superamento dell'esame professionale superiore (EPS), i moduli sono accessibili a tutti partecipanti interessati ad ampliare le proprie competenze in modo finalizzato..7 Tutti i partecipanti sono obbligati a soddisfare realmente i requisiti descritti per frequentare il modulo, anche se non hanno intenzione di sostenere l'esame professionale superiore (EPS) (vedi punto 6)..4 Prestatario del modulo Soltanto i prestatari autorizzati possono organizzare e creare moduli, inclusi i rispettivi controlli degli obiettivi di apprendimento. L'Associazione di formazione continua per laboratoristi autorizza il prestatario mediante contratto..5 Strumenti pedagogici I prestatari rendono pubblici a tempo debito gli strumenti pedagogici raccomandati affinché sia garantita l'attualità. Seite 4 von 6

5 Moduli. Panoramica moduli a. 9 moduli di base BN Analisi BN Biologia BN Chimica BN4 Matematica BB Gestione progetti BB Salute, sicurezza, protezione ambiente BK Inglese BK Tecnica di lavoro e di presentazione BF Formazione professionale b. 9 moduli di approfondimento VN Analisi VN Biologia cellulare o VN5 Delucidazione strutturale VN Tossicologia o VN4 Chimica organica VN6 Matematica e statistica VB Economia aziendale VB Gestione della qualità VK Inglese specialistico VK Documentazione scientifica VF Tecniche di gestione c. Moduli specialistici (moduli opzionali) FN Modulo specialistico Analisi FN Modulo specialistico Biologia FN Modulo specialistico Chimica FN4 Modulo specialistico Colori e vernici Per informazioni dettagliate sui moduli vedi punto 6.. Organizzazione, esecuzione e qualità dei moduli La commissione GQ controlla costantemente la qualità dell'insegnamento dei prestatari dei moduli e controlla la dimensione, la forma nonché la profondità dei controlli degli obiettivi di apprendimento. Garantisce l'osservanza delle direttive prestabilite dall'unione di formazione continua per laboratoristi. Seite 5 von 6

6 . Controlli degli obiettivi di apprendimento. I controlli degli obiettivi di apprendimento comprendono funzioni che controllano le competenze e gli obiettivi di apprendimento. Ogni modulo viene elaborato e controllato come unità completa.. I candidati presentano le competenze richieste al momento del controllo degli obiettivi di apprendimento e dimostrano la capacità di creare contesti in modo autonomo.. I prestatari dei moduli decidono la forma dei controlli degli obiettivi di apprendimento. I prestatari sono responsabili dell'organizzazione ed esecuzione dei moduli..4 I punti chiave di un controllo degli obiettivi di apprendimento si riferiscono alle competenze e agli obiettivi di apprendimento definiti nella relativa descrizione del modulo (vedi punto 6)..4 Ammissione Tutti coloro che, conf. al punto 6., soddisfano i requisiti di ammissione per frequentare il modulo, possono prendere parte al controllo degli obiettivi di apprendimento..5 Iscrizione L'iscrizione al controllo degli obiettivi di apprendimento deve avvenire presso i prestatari dei moduli in modo conforme ai termini e alle scadenze da essi prestabiliti. Valgono le condizioni generali di contratto dei prestatari..6 Tasse L'importo delle tasse per i controlli degli obiettivi di apprendimento viene stabilito dai prestatari dei moduli. Valgono le condizioni generali di contratto dei prestatari..7 Condizioni di superamento del modulo.7 Il modulo è superato se la nota di esame del controllo degli obiettivi di apprendimento è almeno I prestatari comunicano ad ogni candidata e ad ogni candidato il risultato del controllo degli obiettivi di apprendimento. Da questa informazione si può dedurre con sicurezza: a. la nota del controllo degli obiettivi di apprendimento; b. il superamento o il non superamento del modulo; c. informazioni sui rimedi giuridici in caso di non conferimento del certificato del modulo..8 Ripetizione I prestatari sono responsabili dell'organizzazione e dell'esecuzione di ripetizioni di controlli degli obiettivi di apprendimento. Seite 6 von 6

7 .9 Certificato del modulo.9 Dopo aver superato con successo il controllo degli obiettivi di apprendimento, i prestatari rilasciano alle candidate e ai candidati un certificato di fine modulo..9 Il certificato di fine modulo, conformemente al regolamento d'esame punto., per la prima iscrizione all'esame finale ha una validità di 6 anni a partire dalla data di rilascio..0 Ricorsi giuridici.0 Contro la decisione di non rilasciare il certificato di fine modulo da parte del prestatario, si può presentare ricorso presso la Commissione per la garanzia della qualità entro 0 giorni dopo sua notifica. Il ricorso deve contenere le richieste del ricorrente e relative motivazioni..0 La commissione GQ decide in prima istanza se ammettere il ricorso. Contro la decisione della commissione GQ è ammesso ricorso da presentare per iscritto presso il consiglio direttivo dell'unione di formazione continua per laboratoristi entro 0 giorni dopo pubblicazione. Seite 7 von 6

8 Esame finale. Certificati di fine modulo necessari Per ottenere l'ammissione all'esame finale occorre presentare i certificati di fine modulo necessari o relative conferme di equipollenza conformemente al punto. del regolamento d'esame.. Esame finale L'esame finale è regolamentato nell'ordinamento d'esame e nelle relative direttive. Seite 8 von 6

9 4 Disposizioni transitorie 4. Certificati di fine modulo secondo la vecchia legislazione 4. Ai partecipanti attuali che possiedono certificati di fine modulo regolamentati secondo la vecchia legislazione, dopo aver presentato la relativa documentazione della commissione GQ dell'associazione di formazione continua per laboratoristi, vengono comunicati i moduli che devono frequentare conformemente al nuovo programma a moduli, per adempiere ai requisiti del nuovo ordinamento d'esame. 4. La commissione della garanzia di qualità dell'associazione di formazione continua per laboratoristi decide in che modo valutare nel nuovo programma a moduli i moduli finora frequentati. Al momento dell'iscrizione all'esame finale secondo la nuova legislazione, la commissione GQ rilascia un documento che vale come certificato di fine modulo per i suddetti moduli. 4. L'emissione di questo documento non comporta spese per i partecipanti. Queste spese sono a carico dell'associazione di formazione continua per laboratoristi. 4.4 È possibile presentare ricorso contro le decisioni della commissione GQ relative a questo documento presso il consiglio direttivo dell'associazione di formazione continua per laboratoristi entro 0 giorni dopo ricevimento del documento. Il ricorso deve contenere le richieste della ricorrente o del ricorrente e relative motivazioni. 4.5 Con l'entrata in vigore del nuovo regolamento d'esame, i prestatari possono offrire moduli soltanto se conformi a questo programma a moduli. L'Associazione di formazione continua per laboratoristi conclude un accordo con i prestatari su come deve procedere concretamente la transizione. 4. Ripetenti I ripetenti, secondo l'ordinamento finora vigente, hanno la possibilità, conformemente al regolamento d'esame punto 9., di ripetere una prima e una seconda volta l'esame finale secondo disposizioni della vecchia legislazione entro il.. 04 Seite 9 von 6

10 5 Entrata in vigore e validità Il presente allegato di direttive guida entra in vigore il º agosto 0. Commissione per la garanzia della qualità Il Presidente Basilea, xxx Gebhard Hug Seite 0 von 6

11 6 Allegato : descrizioni dei moduli Lo schema dei moduli è consultabile nel punto. di questo programma a moduli. I dettagli organizzativi e le condizioni per i moduli sono definiti nei punti Informazioni generali sui moduli 6. La formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC oppure una formazione professionale equipollente secondo International Standard Classification of Education 97 dell'unesco al livello ISCED sono una condizione preliminare generale per frequentare i moduli. 6. Il programma a moduli corrisponde al livello ISCED 5b. I corsi di insegnamento si svolgono su questo livello. 6. I moduli di base sono collegati alla formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC. I moduli di approfondimento si basano su questi moduli di base. I moduli specialistici servono infine per l'approfondimento di conoscenze specifiche, richiedono un metodo di lavoro largamente autonomo e ampliano competenze importanti per l'esame finale. 6. L'attestato di competenza si ottiene, come descritto nel punto. di questo programma a moduli, mediante un controllo degli obiettivi di apprendimento. 6.4 Il controllo degli obiettivi di apprendimento può essere effettuato a prescindere dalla frequenza di un determinato corso. 6.5 Se il controllo degli obiettivi di apprendimento è stato portato a termine con successo (punto.7 di questo programma a moduli), i partecipanti ricevono un certificato di fine modulo (punto.9 di questo programma a moduli). Il certificato di fine modulo è una condizione preliminare per l'ammissione all'esame finale. Seite von 6

12 6.6 La tassonomia indica a quale livello devono essere le competenze richieste dei candidati dopo che questi hanno portato a termine con successo il modulo. Quanto più alto è il livello di tassonomia, tanto più approfondite e ampliate sono le conoscenze specialistiche acquisite. Livello di tassonomia. Livello Conoscenza e comprensione. Livello Applicazione Spiegazione Il candidato deve comprendere la materia d'esame e soprattutto - citare fatti - spiegare termini tecnici - spiegare correlazioni Il candidato deve applicare la conoscenza a situazioni concrete e risolvere i problemi basandosi su quanto appreso in un precedente contesto di apprendimento. Deve soprattutto - risolvere esercizi di una materia di insegnamento - utilizzare i metodi richiesti Esempi - Nominare - I metodi conosciuti - Enumerare i più importanti - Spiegare - Calcolare in funzione di - Attuare la direttiva X sul posto di lavoro - Mettere in pratica la teoria Y. Livello Pratica (Analisi e sintesi) Il candidato deve analizzare problemi, sviluppare e valutare proposte di soluzioni applicabili in un contesto pratico. Deve soprattutto - esaminare le situazioni e unire le parti in un tutto - confrontare e valutare le alternative - Analizzare il presente problema - Rappresentare gli strumenti scelti con l'aiuto di un esempio pratico - Interpretare questa situazione e dedurne la rilevanza per il proprio lavoro - Spiegare le conclusioni personali e motivarle dettagliatamente Seite von 6

13 6. Moduli di base 6.. Modulo di base Analisi BN Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC e modulo BN4 VN I partecipanti approfondiscono e ampliano le loro conoscenze delle leggi fisiche e dei principi di analisi. Calcolano le grandezze di base e spiegano le correlazioni principali. Spiegare con esempi i principi fondamentali dei metodi fisici della spettroscopia molecolare Descrivere i metodi fisici basilari della spettroscopia atomica Esporre i principi fondamentali della termodinamica chimica 4 Spiegare i principi fondamentali della calorimetria e calcolare i bilanci energetici delle reazioni chimiche 5 Spiegare la teoria del gas e calcolare con l'equazione di stato dei gas reali. 6 Calcolare le energie di fasi condensate e spiegare i principi dei solidi cristallini 7 Calcolare le grandezze basilari di soluzioni e descrivere i loro principi fondamentali 8 Illustrare i principi del processo di separazione mediante cromatografia ed estrazione 9 Spiegare i principi della cinetica di reazione e delle sue grandezze 0 Spiegare i principi fondamentali di elettrochimica ed eseguire calcoli Presentare i principi fondamentali dell'analisi con sostanze radioattive Seite von 6

14 6.. Modulo di base Chimica BN Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC e modulo BN4 VN4 I partecipanti approfondiscono e ampliano le loro conoscenze di chimica. Inquadrano i quesiti di chimica nei vari rami specialistici della chimica e spiegano i processi e correlazioni basilari. Spiegare la struttura degli atomi e del sistema periodico degli elementi Descrivere la struttura e lo svolgimento di reazioni chimiche basandosi su esempi rappresentativi e calcolare gli equilibri chimici Presentare i tipi di legami chimici basandosi su esempi tipici 4 Spiegare le ossidazioni e riduzioni di reazioni chimiche selezionate 5a Chiarire i concetti di acidi e basi 5b Dedurre mediante calcolo la forza di acidi e basi 6 Descrivere e calcolare la funzione, il significato e la produzione di soluzioni tampone per un determinato valore ph 7 Discutere con il supporto di esempi i tipi di reazione fra i tipi di atomo degli elementi dei gruppi principali 8 Descrivere i composti chimici e classificare le loro condizioni di legame 9a Rappresentare e nominare in modo sistematico gli idrocarburi 9b Dedurre le proprietà degli idrocarburi in base alla loro struttura molecolare 0 Nominare in modo sistematico gli idrocarburi con gruppi funzionali e presentare con il supporto di esempi le proprietà di classi di sostanze chimiche Esporre con il supporto di esempi i meccanismi di reazione basilari della chimica organica Determinare l'isomeria e stereochimica di legami chimici Seite 4 von 6

15 6.. Modulo di base Biologia BN Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC VN e modulo BN4 I partecipanti consolidano ed ampliano le loro conoscenze specialistiche in biologia cellulare. Dispongono di un'ampia capacità di comprensione dei quesiti di biologia e spiegano con il supporto di esempi selezionati i processi e le correlazioni basilari. Capire e indicare le caratteristiche dell'essere vivente Comprendere e descrivere i principi basilari della sistematica degli organismi Descrivere le strutture chimiche basilari e la funzione delle biomolecole. Illustrare l'importanza delle molecole chirali nella biologia 4 Descrivere la struttura e la funzione di una cellula procariotica. Descrivere la struttura di base di involucri cellulari dei procarioti e spiegare il loro significato 5 Spiegare con supporto di esempi selezionati l'utilità e la nocività dei batteri 6 Definire la struttura e la funzione di cellule eucariotiche e dei loro componenti 7 Distinguere le cellule animali da quelle vegetali e dei funghi e illustrarne le rispettive particolarità 8 Descrivere a grandi linee il metabolismo energetico aerobico e anaerobico 9 Comprendere e spiegare con il supporto di esempi le caratteristiche e il meccanismo di azione degli enzimi 0 Nominare i tipi di acidi nucleici, descrivere la loro struttura e spiegare le loro funzioni specifiche Descrivere i meccanismi di mitosi, meiosi e divisione cellulare e spiegare l'importanza di questi processi Seite 5 von 6

16 6..4 Modulo di base Matematica BN4 Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC VN6, BN, BN, BN e VB I partecipanti consolidano e approfondiscono le loro conoscenze di base in matematica. Risolvono e interpretano correttamente equazioni, sistemi d'equazione e operazioni matematiche rilevanti per il loro campo professionale. Disegnano grafi, li interpretano e calcolano le funzioni inerenti. Applicare le regole per il calcolo con potenze, radici e logaritmi Formulare e risolvere equazioni e sistemi di equazione lineari semplici Definire in corretti termini matematici i concetti più importanti di funzioni 4 Spiegare e applicare le funzioni matematiche più importanti 5 Impostare le equazioni funzionali per relazioni lineari, quadratiche ed esponenziali 6 Calcolare i valori di funzione per potenze, funzioni lineari, quadratiche, esponenziali e logaritmiche nonché rappresentare i loro grafi 7 Utilizzare mediante computer un programma di calcolo per la rappresentazione di grafi e di funzioni 8 Spiegare i concetti derivazione e integrazione di una curva 9 Applicare le leggi più importanti collegate con il simbolo di sommatoria ( ) Seite 6 von 6

17 6..5 Modulo di base Tecniche di lavoro e di presentazione BK Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC e conoscenze basilari di software di presentazione VK I partecipanti ampliano le loro tecniche di programmazione, di esecuzione e di riflessione sul loro apprendimento e lavoro gestendo così in modo autonomo il proprio sviluppo professionale e individuale. Presentano le proprie prestazioni con metodi adeguati e le espongono appropriatamente ad un pubblico esperto. Studiare tipi e meccanismi di apprendimento e utilizzare le nozioni acquisite per il proprio apprendimento Indicare l'efficacia di lavori di gruppo, processi di gruppo nonché partnership di apprendimento e applicarne i metodi Sviluppare l'apprendimento e il lavoro durante le fasi di programmazione, esecuzione e riflessione 4 Sviluppare la tecnica di presentazione e utilizzarla adeguatamente per le proprie esposizioni 5 Comporre ed esporre le proprie presentazioni 6 Discutere le diverse presentazioni e fornire reciprocamente feedback dettagliati conf. a regole prestabilite Seite 7 von 6

18 6..6 Modulo di base Inglese BK Conoscenze di base in inglese corrispondenti al livello A del quadro comune europeo di riferimento VK I partecipanti ripassano e approfondiscono le loro conoscenze di base della lingua inglese. Migliorano e ampliano la loro comprensione orale e scritta in importanti situazioni di vita quotidiana, in viaggio e in semplici situazioni dell'ambito professionale. Capire la comunicazione quotidiana nell'ambiente di lavoro e nel tempo libero Sviluppare la competenza linguistica nello scambio reciproco in situazioni fittizie, come ad es. in situazioni che possono verificarsi durante soggiorni nei paesi di lingua inglese Esprimersi con un linguaggio appropriato e attinente al tema su argomenti, avvenimenti, interessi ed esperienze personali 4 Nella comunicazione utilizzare il congiuntivo e il futuro I per la coniugazione di verbi 5 Spiegare e motivare progetti ed opinioni 6 Identificare i contenuti principali di testi complessi riguardo a temi concreti e astratti e riprodurli analogamente rispettando il senso 7 Comporre testi propri attuali Seite 8 von 6

19 6..7 Modulo di base Gestione di progetti BB Formazione professionale di base VK, VF e VB I partecipanti pianificano l'impiego di risorse secondo gli standard di progetto vigenti, controllano e documentano lo svolgimento del progetto e promuovono in un team di progetto i fattori di successo importanti. Conoscono i più importanti strumenti di pianificazione di progetti e li applicano nell'ambito di un lavoro a progetto. Nominare e caratterizzare gli elementi e le fasi di progetti (pianificazione, organizzazione, gestione, documentazione e valutazione) Nominare e spiegare gli standard di progetto più importanti in vigore nella propria azienda Indicare gli strumenti e i metodi di pianificazione comuni per l'impiego di risorse e applicarli nell'ambito di un progetto 4 Trasporre le varie fasi di progetto dalla teoria alla pratica e documentare in modo appropriato 5 Valutare i progetti considerando il grado di raggiungimento degli obiettivi 6 Nominare i fattori di successo significativi di team di progetto ben riusciti 7 Realizzare un progetto scelto autonomamente partendo dalla pianificazione, realizzazione, valutazione fino ad arrivare alla conclusione e presentazione 8 Spiegare la struttura e lo svolgimento dell'esame finale Seite 9 von 6

20 6..8 Modulo di base Protezione della salute - Sicurezza sul lavoro- Protezione dell'ambiente BB Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC VB I partecipanti mettono in pratica le disposizioni di legge e le disposizioni aziendali in merito a sicurezza sul lavoro, protezione della salute e dell'ambiente. Descrivono le caratteristiche fondamentali di misure di sicurezza tecniche, organizzative e riferite a persone, utilizzandole nel loro ambito di responsabilità a seconda della situazione. Descrivere i pericoli specifici professionali e dedurne misure di sicurezza per situazioni di lavoro concrete Nominare misure di sicurezza tecniche, organizzative e personali e descriverne dettagliatamente il loro impiego nel lavoro quotidiano Spiegare approfonditamente le disposizioni legali e le misure di sicurezza in merito a salute, sicurezza e ambiente 4 Formulare misure preventive per evitare incidenti e descrivere il corretto comportamento in caso di incidenti 5 Contribuire a illustrare l'avvenimento, dedurre e motivare misure di sicurezza per minimizzare i rischi di incidente 6 Spiegare dettagliatamente il sistema di classificazione e di etichettatura dei prodotti chimici durante la loro produzione, trasporto e messa in circolazione 7 Descrivere l'effetto di prodotti chimici e biologici su sistemi ambientali 8 Spiegare le problematiche connesse ai prodotti chimici e biologici in relazione all'inquinamento ambientale 9 Formulare e motivare misure concrete per promuovere nella propria azienda comportamenti di lavoro a favore della tutela ambientale Seite 0 von 6

21 6..9 Modulo di base Formazione professionale BF Formazione professionale di base VF I partecipanti sviluppano competenze per la formazione professionale di apprendisti e collaboratori e per la loro integrazione in un team esistente. Elaborano le condizioni personali necessarie per preparare gli apprendisti, in collaborazione con luoghi di apprendimento quali scuola professionale e corso interaziendale, al diploma professionale e di conseguenza all'attività professionale dopo il periodo di formazione. Conoscere il sistema di formazione professionale svizzero e spiegare i suoi aspetti rilevanti Essere in grado di formare gli apprendisti conf. alle condizioni quadro legali attualmente in vigore Pianificare, fare e valutare colloqui personali con cognizione di causa, orientati verso precisi obiettivi e adeguati alla situazione 4 Programmare, giudicare e valutare conformemente alle direttive la formazione aziendale sul posto di lavoro 5 Istruire e guidare gli apprendisti in modo stimolante 6 Conoscere i requisiti della procedura di qualificazione e tenere conto di questa durante la formazione degli apprendisti in azienda 7 Individuare comportamenti e capacità individuali degli apprendisti e prendere spunto da ciò per seguirli adeguatamente 8 Individuare metodi di prevenzione degli incidenti e di prevenzione sanitaria 9 Spiegare le misure applicate per garantire il rispetto nell'azienda delle direttive di sicurezza vigenti Seite von 6

22 6. Moduli di approfondimento 6.. Modulo di approfondimento Analisi VN Moduli BN e VN6 VN5, FN e moduli specialistici I partecipanti consolidano e aumentano le loro conoscenze di analisi in relazione a metodi e processi biologici e chimici. Scelgono metodi e apparecchi adatti secondo criteri e requisiti di analisi consolidati e programmano la determinazione analitica dalla fase di campionamento fino a quella dei risultati. Riconoscere le varie fasi del processo di una validazione sistematica e calcolare le grandezze corrispondenti Dimostrare con l'aiuto di esempi selezionati l'importanza del campionamento in merito alla correttezza dei risultati di analisi Individuare i principi fondamentali della spettroscopia ottica e differenziare le possibilità di utilizzo di metodi di analisi di spettroscopia ottica e di spettroscopia di assorbimento atomico 4 Interpretare gli spettri di analisi di spettroscopia molecolare 5 Spiegare le possibilità di impiego e la base teoretica di metodi di analisi radiochimici, elettrochimici e termici 6 Dedurre dalla teoria della cromatografia le possibilità di impiego nell'analisi e stabilire con il supporto di esempi le condizioni di separazione 7 Illustrare gli effetti di parametri importanti su un cromatogramma e calcolare le grandezze cromatografiche 8 Spiegare l'analisi delle proteine con esempi selezionati di purificazione delle proteine e di determinazione delle proteine mediante spettroscopia e cromatografia 9 Esaminare i metodi dell'analisi strutturale in D di biomolecole e descriverne i principi di misura inerenti 0 Suddividere in settori specifici l'analisi degli acidi nucleici e spiegare i relativi principi fondamentali teorici Spiegare i metodi dell'analisi funzionale sistematica e le sue applicazioni Seite von 6

23 6.. Modulo di approfondimento Spettroscopia applicata VN5 Moduli VN4 e VN Moduli specialistici I partecipanti ampliano le loro conoscenze di applicazione di metodi spettroscopici. Tenendo in considerazione i processi di base e gli aspetti correlati, interpretano gli spettri e ne deducono prodotti di reazione, stati di equilibrio e cinetiche di reazione. Interpretare gli spettri di massa e i loro modelli di frammentazione e proporre metodi adatti per esaminare campioni con metodi di spettroscopia di massa Spiegare la struttura e l'applicazione della spettroscopia di massa e valutarle con il supporto di esempi Con l'aiuto di esempi illustrare speciali tecniche di campionamento della spettroscopia IR e i loro campi di applicazione 4 Dedurre lo stato di equilibrio e la cinetica di reazione da spettri UV/VIS 5 Discutere con il supporto di esempi gli spettri NMR unodimensionali e bi-dimensionali e dedurne le strutture molecolari 6 Individuare le strategie per definire la struttura di molecole sconosciute combinando metodi diversi Seite von 6

Regolamento d'esame. per l'esame Professionale Superiore di. Tecnico di laboratorio in scienze naturali. Fachverband Laborberufe

Regolamento d'esame. per l'esame Professionale Superiore di. Tecnico di laboratorio in scienze naturali. Fachverband Laborberufe Fachverband Laborberufe Regolamento d'esame per l'esame Professionale Superiore di (modulare con esame finale) Organo responsabile scienceindustries Fachverband Laborberufe FLB Segreteria d'esame Verein

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 6 Disciplina CHIMICA ORGANICA Quinto anno Chimica e materiali Competenze acquisire i dati ed esprimere qualitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni

Dettagli

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO: 2008/09 CLASSE: IV A MATERIA:Chimica Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: Benedet Giuseppe SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio;

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio; Obiettivi minimi di apprendimento, area chimico biologica, da raggiungere al termine dell'a.s. da parte degli alunni per l'ammissione alla classe successiva L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

Direttive concernente l esame federale di professione di. Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento. Versione del 29 maggio 2015

Direttive concernente l esame federale di professione di. Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento. Versione del 29 maggio 2015 .. Direttive concernente l esame federale di professione di Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Versione del 9 maggio 015 Organo responsabile Unione svizzera dei mestieri della moda (USMM)

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web Anno scolastico 2012-13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (Articolazione: Biotecnologie sanitarie) PROGRAMMA PREVENTIVO MATERIA Biologia, Microbiologia e

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

REGOLAMENTO D' ESAME per l esame federale di professione di. Libraia / Libraio. (sistema modulare con esame finale)

REGOLAMENTO D' ESAME per l esame federale di professione di. Libraia / Libraio. (sistema modulare con esame finale) REGOLAMENTO D' ESAME per l esame federale di professione di Libraia / Libraio (sistema modulare con esame finale) Sommario 1 Disposizioni generali...3 1.1 Scopo dell esame...3 1.2 Organo responsabile...3

Dettagli

SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CHIMICA. Programmazione dell'attività didattica

SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CHIMICA. Programmazione dell'attività didattica SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CHIMICA Programmazione dell'attività didattica SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CLASSE III Finalità dell insegnamento Nel 3 anno il corso si pone le seguenti finalità generali:

Dettagli

Direttive Esame professionale per Specialista del personale

Direttive Esame professionale per Specialista del personale Direttive Esame professionale per Specialista del personale Opzioni A Gestione del personale B Consulente del personale secondo il Regolamento 2000, versione 2.0 Organo svizzero responsabile degli esami

Dettagli

Formazione nel commercio al dettaglio in Svizzera FCS

Formazione nel commercio al dettaglio in Svizzera FCS Formazione nel commercio al dettaglio in Svizzera FCS REGOLAMENTO D'ESAME per l esame federale di professione di specialista del commercio al dettaglio del 20 octobre 2009 Visto l articolo 28 capoverso

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA SCIENZE COMPETENZE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA SCIENZE COMPETENZE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA SCIENZE COMPETENZE - L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di guardare il mondo che lo stimolano a cercare spiegazioni di quello che vede succedere. - Esplora i

Dettagli

Piano di Lavoro. di SCIENZE NATURALI. Primo Biennio

Piano di Lavoro. di SCIENZE NATURALI. Primo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ALDO MORO Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro di SCIENZE NATURALI

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

SCIENZE NATURALI. Linee generali e competenze. Pagina di 7 1

SCIENZE NATURALI. Linee generali e competenze. Pagina di 7 1 SCIENZE NATURALI Linee generali e competenze Le scienze naturali indagano la natura nei suoi molteplici aspetti: dallo studio della materia nelle sue svariate strutture e funzioni fino alla complessità

Dettagli

l esame professionale superiore di responsabile di formazione

l esame professionale superiore di responsabile di formazione REGOLAMENTO per l esame professionale superiore di responsabile di formazione del 12 aprile 2010 (modulare con esame finale) Considerato l'articolo 28 capoverso 2 della legge federale del 13 dicembre 2002

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Scienze Naturali CLASSE Quinta SEZIONE C INDIRIZZO Liceo delle Scienze Applicate DOCENTE Virtuoso Assunta ORE DI LEZIONE Cinque OBIETTIVI **************** Spiegare

Dettagli

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA ELEMENTARE E SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO. LICEO SCIENTIFICO "Edoardo AmaldiI"

ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA ELEMENTARE E SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO. LICEO SCIENTIFICO Edoardo AmaldiI ISTITUTO ITALIANO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA ELEMENTARE E SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO LICEO SCIENTIFICO "Edoardo AmaldiI" Pasaje Mendez Vigo 8 08009 Barcellona (Spagna) Programmazione di Chimica,

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Chimica Analitica

Dettagli

Operatore bancario/ Operatrice bancaria

Operatore bancario/ Operatrice bancaria AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Operatore bancario/ Operatrice bancaria Ordinamento formativo per l'apprendistato professionalizzante 1. Descrizione del profilo

Dettagli

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I Dipartimenti Disciplinari, costituiti dai docenti della stessa disciplina, rappresentano, in base alla legge sull autonomia scolastica, una suddivisione del Collegio dei docenti

Dettagli

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani

Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Formarsi oggi per costruire le imprese di domani Impresario costruttore diplomato Formazione a moduli in preparazione all Esame superiore di Impresario costruttore diplomato Centro di formazione professione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE NATURALI CHIMICA GEOGRAFIA GENERALE Anno scolastico 4/5 Docenti: Tiziana Duranti, Antonella Marmora, PatriziaPetrini, Roberta Pratesi,

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Liceo Scientifico Statale V. De Caprariis Atripalda ( AV ) www.scientificoatripalda.it

Liceo Scientifico Statale V. De Caprariis Atripalda ( AV ) www.scientificoatripalda.it Liceo Scientifico Statale V. De Caprariis Atripalda ( AV ) www.scientificoatripalda.it DIPARTIMENTO DI SCIENZE NATURALI, CHIMICA E GEOGRAFIA Biologia Chimica Scienze della Terra DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^A CMB. Materia: Biologia, microbiologia e biotecnologie

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^A CMB. Materia: Biologia, microbiologia e biotecnologie Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^A CMB Materia: Biologia, microbiologia e biotecnologie Situazione della classe Accordi con la classe Accordi con le altre discipline Correlazione con

Dettagli

Laurea Magistrale in Biologia Vegetale. Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Laurea Magistrale in Biologia Vegetale. Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali a.a. 2008-09 MANIFESTO DEGLI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA VEGETALE Il corso di laurea magistrale in Biologia

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Elettronica multimediale / Elettronico multimediale con attestato federale di capacità (AFC) del 1 novembre 2013 47006 Elettronica multimediale

Dettagli

REGOLAMENTO. dell esame professionale per specialisti in manutenzione 24.3.2006

REGOLAMENTO. dell esame professionale per specialisti in manutenzione 24.3.2006 REGOLAMENTO dell esame professionale per specialisti in manutenzione 24.3.2006 versione 2 modificato traduzione 25.01.2010 Con riferimento all articolo 28 capoverso 2 della Legge Federale sulla Formazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Docenti Materia Classi Alessandra Cattaneo Erminia Palma Scienze Integrate (Chimica) biennio PIANO DI LAVORO ANNUALE 1. Finalità Promuovere negli allievi lo sviluppo e il perfezionamento delle capacità

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base delle professioni nel campo professionale dell involucro edilizio del.. Progetto 2 del settembre 2015 51919 Addetta alle impermeabilizzazioni

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ENRICO DE NICOLA P I A N O D I L A V O R O INDIRIZZO: professionale agrario PROF.: MATERIA: CLASSE: SEZIONE: ANNO SCOLASTICO: 2010-2011 PRIVITERA Franco FINOTTO Mauro CHIMICA E LABORATORIO 2^ AsA DATA DI PRESENTAZIONE:

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2001/2002

ANNO ACCADEMICO 2001/2002 ANNO ACCADEMICO 2001/2002 A partire dall anno accademico 2001/2002 verrà attivata la laurea triennale in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche. Contemporaneamente verrà disattivato il DU in Viticoltura

Dettagli

Esame professionale superiore sistema modulare con esame finale

Esame professionale superiore sistema modulare con esame finale Esame professionale superiore sistema modulare con esame finale REGOLAMENTO D'ESAME concernente il rilascio di un diploma quale Maestro/maestra tessile del Visto l'articolo 28 della legge federale del

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2014/2015 Materia SCIENZE INTEGRATE:

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Elettronica multimediale / Elettronico multimediale con attestato federale di capacità (AFC) Avamprogetto del 10 febbraio 2012 47006 Elettronica

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof.

II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. II ISTITUTO COMPRENSIVO ARDIGO PADOVA PLESSO MAMELI CLASSE 1^ C anno 2011-2012 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA E SCIENZE prof. Francesca Rosati MATEMATICA NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola:professionale DISCIPLINA: Scienze integrate( Scienze della Terra e Biologia) RESPONSABILE: Meri Teti CLASSI SECONDE SEZIONE B INDIRIZZO: Grafico CONOSCENZE/CONTENUTI:

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Perito / Perita in assicurazione con attestato professionale federale

Perito / Perita in assicurazione con attestato professionale federale Perito / Perita in assicurazione con attestato professionale federale Regolamento d esame Dok Regolamento d esame attestato professionale Dat / Vers 26.09.2008 / 1.0 Status / Klass Regolamento d esame

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 53107 Pittrice di scenari AFC/Pittore di scenari AFC Theatermalerin EFZ/Theatermaler EFZ Peintre

Dettagli

DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA. TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL.

DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA. TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL. DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL. 3^ primaria) Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l'aiuto dell'insegnante

Dettagli

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado

Modulo PROGETTAZIONE E PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Scuola Secondaria di Primo Grado 1 di 6 AREA Matematico scientifica MATERIE COINVOLTE Matematica - Scienze DOCENTI Patrizia Lualdi - Silvia Colombo RIFERIMENTO AI DOCUMENTI NAZIONALI E DI ISTITUTO P.E.C.U.P L allievo utilizza le conoscenze

Dettagli

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione ARGOMENTO STRUTTURA CELLULARE CONCETTO DI REGOLAZIONE GENICA REGOLAZIONE GENICA PROCARIOTI REGOLAZIONE GENICA EUCARIOTI trascrizione e maturazione RNA trasporto nucleo-citoplasma sintesi proteica via secretiva

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 DSA Indirizzo:

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

- 1 - REGOLAMENTO D ESAME. per l esame professionale di. Consulente finanziaria / Consulente finanziario. con sistema modulare ed esame finale

- 1 - REGOLAMENTO D ESAME. per l esame professionale di. Consulente finanziaria / Consulente finanziario. con sistema modulare ed esame finale - 1 - REGOLAMENTO D ESAME per l esame professionale di Consulente finanziaria / Consulente finanziario con sistema modulare ed esame finale Valido dal 9 ottobre 2008 - 2 - Visto l art. 28, cpv. 2 della

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

Guida metodica per il regolamento degli esami. Esame professionale superiore per parrucchiera e parrucchiere

Guida metodica per il regolamento degli esami. Esame professionale superiore per parrucchiera e parrucchiere Guida metodica per il regolamento degli esami Esame professionale superiore per parrucchiera e parrucchiere Indice 1 Introduzione 3 1.1 Scopo della guida metodica 3 1.2 Ambito di lavoro 3 1.3 Organizzazione

Dettagli

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1

INDICE. VOLUME 1 Cellula. VOLUME 2 Genetica. Capitolo 9 Comunicazione cellulare 181. Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 00PrPag_Vol_02_BROOKER 30/07/10 11:22 Pagina V VOLUME 1 Cellula Capitolo 1 Introduzione alla biologia 1 PARTE I Capitolo 2 Chimica Basi chimiche della vita I: atomi, molecole e acqua 19 Capitolo 3 Basi

Dettagli

Operatore bancario/ Operatrice bancaria

Operatore bancario/ Operatrice bancaria Operatore bancario/ Operatrice bancaria Ordinamento formativo per l'apprendistato di II livello 1. Descrizione del profilo professionale 2. Requisiti di accesso all'apprendistato 3. dell'apprendistato

Dettagli

- 1 - REGOLAMENTO D ESAME. per l esame professionale superiore di. Esperta finanziaria per PMI Esperto finanziario per PMI

- 1 - REGOLAMENTO D ESAME. per l esame professionale superiore di. Esperta finanziaria per PMI Esperto finanziario per PMI - 1 - REGOLAMENTO D ESAME per l esame professionale superiore di Esperta finanziaria per PMI Esperto finanziario per PMI secondo il sistema modulare con esame finale Valido dal 9 ottobre 2008 - 2 - Visto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO - DIDATTICA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO M i n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a I. I. S. J. T O R R I A N I I S T I T U T O T E C N I C O - S E T T O R E T E C N O L O G I C O L I

Dettagli

Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio

Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio Validazione degli apprendimenti acquisiti Profilo di qualificazione per impiegata/impiegato di commercio AFC 68705 Basato sull'ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Impiegata/ Impiegato

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Telematica/Telematico con attestato federale di capacità (AFC) del 27 aprile 2015 47420 Telematica AFC/Telematico AFC Telematikerin EFZ/Telematiker

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 24 agosto 2011 21605 Tecnologa del latte AFC/Tecnologo del latte AFC Milchtechnologin EFZ/Milchtechnologe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea interclasse ed interfacoltà in Scienze e Tecnologie

Dettagli

Sezione 1: Oggetto e durata. del 1 novembre 2013 (Stato 1 gennaio 2014)

Sezione 1: Oggetto e durata. del 1 novembre 2013 (Stato 1 gennaio 2014) Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Addetta alla cucitura/addetto alla cucitura con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 1 novembre 2013 (Stato 1 gennaio 2014)

Dettagli

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento

Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Direttive concernenti l esame professionale superiore Creatrice d abbigliamento Creatore d abbigliamento Versione del 29 maggio 2015 Organo responsabile Unione svizzera dei mestieri della moda (USMM) Segreteria

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Disegnatrice/Disegnatore con attestato federale di capacità (AFC) nel campo professionale pianificazione del territorio e della costruzione del

Dettagli

Sezione 1: Oggetto e durata. del 27 aprile 2015 (Stato 1 giugno 2015)

Sezione 1: Oggetto e durata. del 27 aprile 2015 (Stato 1 giugno 2015) Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Pianificatrice elettricista/pianificatore elettricista con attestato federale di capacità (AFC) del 27 aprile 2015 (Stato 1 giugno 2015) 64505

Dettagli

Regolamento d esame per I esame di professione di Soccorritrice ausiliaria d ambulanza / Soccorritore ausiliario d ambulanza

Regolamento d esame per I esame di professione di Soccorritrice ausiliaria d ambulanza / Soccorritore ausiliario d ambulanza Regolamento d esame per I esame di professione di Soccorritrice ausiliaria d ambulanza / Soccorritore ausiliario d ambulanza Modifica del 2 2 FEB. 2012 Lorgano responsabile, visto Iarticolo 28 capoverso

Dettagli

Guida al regolamento 1 d'esame per l esame federale professionale per Consulente in disturbi della respirazione e tubercolosi.

Guida al regolamento 1 d'esame per l esame federale professionale per Consulente in disturbi della respirazione e tubercolosi. Guida al regolamento 1 d'esame per l esame federale professionale per Consulente in disturbi della respirazione e tubercolosi 1 Introduzione 1.1 Scopo della guida La Lega polmonare svizzera (LPS) e la

Dettagli

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ MOTORIE E SPORTIVE Narrare esperienze personali ed i contenuti di brevi racconti rispettando l'ordine logico e cronologico. Acquisire le prime regole di lettura e scrittura.

Dettagli

CLASSE I classico A e B

CLASSE I classico A e B LICEO SCIENTIFICO "A. APROSIO" VENTIMIGLIA CLASSE I classico A e B Anno scolastico 2011-2012 UNITA' DIDATTICA N 1 METODI ED ORGANIZZAZIONE DEI CONCETTI IN BIOLOGIA 1.1 LE CARATTERISTICHE COMUNI A TUTTI

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. A. Prof.ssa Maria Luisa Smorto

PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. A. Prof.ssa Maria Luisa Smorto PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. A A.S. 2014/2015 Prof.ssa Maria Luisa Smorto Conoscenze chimiche e fisiche di base per le Scienze della Terra - Le unità di misura nel Sistema Internazionale

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

Identificazione di modulo B 1

Identificazione di modulo B 1 Identificazione di modulo B 1 Titolo Condizioni Competenza Certificato di competenza Livello Obiettivi Distinzione Durata Processi Attestato del livello secondario II o di una formazione equivalente Conoscenze

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Mugnaia/Mugnaio con attestato federale di capacità (AFC) del 4 novembre 2011 21005 Mugnaia AFC/Mugnaio AFC Müllerin EFZ/Müller EFZ Meunière CFC/Meunier

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI 12 CFU 1 e 2 Semestre Prof.ssa Milena Rizzo A.A. 2013-2014 Obiettivi Il corso fornisce gli strumenti teorici

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

NELLA STESSA COLLANA. N.1 TEORIA Come prepararsi al test. Manuale completo, Nozioni illustrate ed essenziali, Prove di verifica su quiz ministeriali

NELLA STESSA COLLANA. N.1 TEORIA Come prepararsi al test. Manuale completo, Nozioni illustrate ed essenziali, Prove di verifica su quiz ministeriali N.2 QUIZ E COMMENTI per gli esami di ammissione a MEDICINA, ODONTOIATRIA E VETERINARIA e ai corsi di laurea in Biologia - Biotecnologie - Farmacia - CTF NELLA STESSA COLLANA Per gli esami di ammissione

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Polimeccanica/Polimeccanico con attestato federale di capacità (AFC) del 3 novembre 2008 (Stato: ) 45705 Polimeccanica AFC/Polimeccanico AFC

Dettagli

Direttive. Esame professionale superiore di Fotodesigner del 2 novembre 2009

Direttive. Esame professionale superiore di Fotodesigner del 2 novembre 2009 Direttive Pagina 1 di 28 Esame professionale superiore di Fotodesigner del 2 novembre 2009 Visto il punto 2.21 lettera a del regolamento relativo all esame professionale superiore di Fotodesigner del 2

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Disciplina: STATISTICA MEDICA Docente: Prof. Marco FERRARIO Processo induttivo e deduttivo della conoscenza: definizione di popolazioni, campione e unità statistiche, nozioni di teoria del campionamento;

Dettagli

Piano di lavoro Matematica e Fisica IVD Liceo Scientifico Anno Scolastico 2012/2013

Piano di lavoro Matematica e Fisica IVD Liceo Scientifico Anno Scolastico 2012/2013 PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE CLASSE IV D LICEO SCIENTIFICO "V.IMBRIANI"- POMIGLIANO D ARCO PROF. ANNALISA MAUCIONI MATERIA: MATEMATICA E FISICA - A.S. 2012/2013 TESTO ADOTTATO: Dodero Baroncini - Manfredi:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO

ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) Macro Competenza A: Utilizzare gli strumenti

Dettagli

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE),

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), 4.2.2.5. Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie in logopedia e dei diplomi delle scuole universitarie in terapia psicomotoria del 3 novembre 2000 La Conferenza

Dettagli