Allegato relativo alle direttive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato relativo alle direttive"

Transcript

1 Allegato relativo alle direttive Programma a moduli e descrizione dei moduli per la preparazione dell'esame professionale superiore Tecnico di laboratorio in scienze naturali Organo responsabile scienceindustries Fachverband Laborberufe FLB Segreteria d'esame Verein Weiterbildung Laborberufe QSK-Sekretariat Haldenweg 6 CH-444 Füllinsdorf Telefono: ++4 (0)

2 Indice Introduzione.... Funzione del programma a moduli.... Temi centrali.... Partecipanti Prestatario del modulo Strumenti pedagogici... 4 Moduli Panoramica moduli Organizzazione, esecuzione e qualità dei moduli Controlli degli obiettivi di apprendimento Ammissione Iscrizione Tasse Condizioni di superamento del modulo Ripetizione Certificato del modulo Ricorsi giuridici... 7 Esame finale Certificati di fine modulo necessari Esame finale Disposizioni transitorie Certificati di fine modulo secondo la vecchia legislazione Ripetenti Entrata in vigore e validità Allegato : descrizioni dei moduli Informazioni generali sui moduli Moduli di base Moduli di approfondimento Moduli specialistici... Seite von 6

3 Introduzione. Funzione del programma a moduli. Il presente programma a moduli per la preparazione al diploma federale di tecnico di laboratorio in scienze naturali è un complemento al regolamento d'esame e alle direttive. Questo programma a moduli consente ai partecipanti di prepararsi accuratamente e specificatamente agli esami modulari richiesti.. Conformemente alle direttive, punto., la commissione GQ (commissione per la garanzia della qualità) all'occorrenza rielabora questo programma a moduli adeguandolo alle esigenze.. Temi centrali I temi centrali sono suddivisi in quattro settori di competenza:. Matematica, scienze naturali e tecnica. Lingua e comunicazione. Organizzazione aziendale 4. Management. Matematica, scienze naturali e tecnica Biologia: biologia cellulare, farmacologia, tossicologia, ingegneria genetica, rami specialistici della biologia (i contenuti dipendono dall'attività professionale) Chimica: nozioni di base di chimica generale e chimica organica, approfondimenti di chimica organica, spettroscopia applicata, rami specialistici della chimica (i contenuti dipendono dall'attività professionale) Analisi: basi fisiche di analisi fisica, spettroscopia, cromatografia, bioanalisi, rami specialistici dell'analisi Matematica: nozioni di base di matematica, test statistici. Lingua e comunicazione Inglese: livello B del portfolio europeo delle lingue, comprensione orale e scritta, analisi e composizione di testi specialistici in inglese Documentazione scientifica: efficiente acquisizione e preparazione di informazioni e composizioni appropriate di documenti articolati e pertinenti Tecniche di lavoro e di presentazione: tecniche di lavoro e di apprendimento, presentazione qualificata e per gruppi target specifici. Organizzazione aziendale Gestione dei progetti: pianificazione, realizzazione, controllo, valutazione, ottimizzazione e documentazione di progetti. Promozione dei fattori di successo importanti all'interno di un team di progetto Sanità, sicurezza & ambiente / Gestione della qualità (QM): rischi professionali di settore, legge sui prodotti chimici, sistemi ecologici, sistemi di gestione della qualità, garanzia di qualità, sviluppo della qualità, norme, GMP, GLP Economia aziendale: principi basilari di economia aziendale per la gestione economica di un laboratorio Seite von 6

4 .4 Direzione dei collaboratori Formazione: assistenza competente agli apprendisti durante il loro percorso di formazione Direzione: introduzione di nuovi collaboratori in un team, criteri e stili di direzione, autoriflessione. Partecipanti. Il programma a moduli di preparazione per il diploma federale di tecnico di laboratorio in scienze naturali è rivolto a quegli assistenti di laboratorio AFC (Attestato federale di capacità) che vogliono ampliare ed acquisire ulteriori competenze professionali, tecniche, metodiche e sociali nella loro professione. Un diploma federale conseguito dopo aver superato un esame finale pratico certifica le loro ampie e approfondite competenze. In tal modo sono in grado di svolgere funzioni di maggiore responsabilità.. I requisiti per l'ammissione all'esame finale sono descritti nel regolamento d'esame, punto... Per la riuscita di ciascun modulo è indispensabile un apprendimento autonomo. Si calcola generalmente un tempo di apprendimento individuale che corrisponda almeno al tempo di apprendimento formale..4 Con il controllo degli obiettivi di apprendimento di un modulo, i partecipanti dimostrano di aver acquisito le competenze richieste per il relativo modulo. Questo a prescindere se le competenze sono state acquisite con il supporto di un modulo o in altro modo..5 Se i partecipanti, relativamente ad un modulo, dispongono di competenze equipollenti acquisite in altre sedi e adeguatamente attestabili, per es. con un certificato di formazione professionale a livello terziario, questi possono far richiesta di riconoscimento di equivalenza presso la commissione GQ. (Vedi punto. delle direttive).6 A prescindere dal superamento dell'esame professionale superiore (EPS), i moduli sono accessibili a tutti partecipanti interessati ad ampliare le proprie competenze in modo finalizzato..7 Tutti i partecipanti sono obbligati a soddisfare realmente i requisiti descritti per frequentare il modulo, anche se non hanno intenzione di sostenere l'esame professionale superiore (EPS) (vedi punto 6)..4 Prestatario del modulo Soltanto i prestatari autorizzati possono organizzare e creare moduli, inclusi i rispettivi controlli degli obiettivi di apprendimento. L'Associazione di formazione continua per laboratoristi autorizza il prestatario mediante contratto..5 Strumenti pedagogici I prestatari rendono pubblici a tempo debito gli strumenti pedagogici raccomandati affinché sia garantita l'attualità. Seite 4 von 6

5 Moduli. Panoramica moduli a. 9 moduli di base BN Analisi BN Biologia BN Chimica BN4 Matematica BB Gestione progetti BB Salute, sicurezza, protezione ambiente BK Inglese BK Tecnica di lavoro e di presentazione BF Formazione professionale b. 9 moduli di approfondimento VN Analisi VN Biologia cellulare o VN5 Delucidazione strutturale VN Tossicologia o VN4 Chimica organica VN6 Matematica e statistica VB Economia aziendale VB Gestione della qualità VK Inglese specialistico VK Documentazione scientifica VF Tecniche di gestione c. Moduli specialistici (moduli opzionali) FN Modulo specialistico Analisi FN Modulo specialistico Biologia FN Modulo specialistico Chimica FN4 Modulo specialistico Colori e vernici Per informazioni dettagliate sui moduli vedi punto 6.. Organizzazione, esecuzione e qualità dei moduli La commissione GQ controlla costantemente la qualità dell'insegnamento dei prestatari dei moduli e controlla la dimensione, la forma nonché la profondità dei controlli degli obiettivi di apprendimento. Garantisce l'osservanza delle direttive prestabilite dall'unione di formazione continua per laboratoristi. Seite 5 von 6

6 . Controlli degli obiettivi di apprendimento. I controlli degli obiettivi di apprendimento comprendono funzioni che controllano le competenze e gli obiettivi di apprendimento. Ogni modulo viene elaborato e controllato come unità completa.. I candidati presentano le competenze richieste al momento del controllo degli obiettivi di apprendimento e dimostrano la capacità di creare contesti in modo autonomo.. I prestatari dei moduli decidono la forma dei controlli degli obiettivi di apprendimento. I prestatari sono responsabili dell'organizzazione ed esecuzione dei moduli..4 I punti chiave di un controllo degli obiettivi di apprendimento si riferiscono alle competenze e agli obiettivi di apprendimento definiti nella relativa descrizione del modulo (vedi punto 6)..4 Ammissione Tutti coloro che, conf. al punto 6., soddisfano i requisiti di ammissione per frequentare il modulo, possono prendere parte al controllo degli obiettivi di apprendimento..5 Iscrizione L'iscrizione al controllo degli obiettivi di apprendimento deve avvenire presso i prestatari dei moduli in modo conforme ai termini e alle scadenze da essi prestabiliti. Valgono le condizioni generali di contratto dei prestatari..6 Tasse L'importo delle tasse per i controlli degli obiettivi di apprendimento viene stabilito dai prestatari dei moduli. Valgono le condizioni generali di contratto dei prestatari..7 Condizioni di superamento del modulo.7 Il modulo è superato se la nota di esame del controllo degli obiettivi di apprendimento è almeno I prestatari comunicano ad ogni candidata e ad ogni candidato il risultato del controllo degli obiettivi di apprendimento. Da questa informazione si può dedurre con sicurezza: a. la nota del controllo degli obiettivi di apprendimento; b. il superamento o il non superamento del modulo; c. informazioni sui rimedi giuridici in caso di non conferimento del certificato del modulo..8 Ripetizione I prestatari sono responsabili dell'organizzazione e dell'esecuzione di ripetizioni di controlli degli obiettivi di apprendimento. Seite 6 von 6

7 .9 Certificato del modulo.9 Dopo aver superato con successo il controllo degli obiettivi di apprendimento, i prestatari rilasciano alle candidate e ai candidati un certificato di fine modulo..9 Il certificato di fine modulo, conformemente al regolamento d'esame punto., per la prima iscrizione all'esame finale ha una validità di 6 anni a partire dalla data di rilascio..0 Ricorsi giuridici.0 Contro la decisione di non rilasciare il certificato di fine modulo da parte del prestatario, si può presentare ricorso presso la Commissione per la garanzia della qualità entro 0 giorni dopo sua notifica. Il ricorso deve contenere le richieste del ricorrente e relative motivazioni..0 La commissione GQ decide in prima istanza se ammettere il ricorso. Contro la decisione della commissione GQ è ammesso ricorso da presentare per iscritto presso il consiglio direttivo dell'unione di formazione continua per laboratoristi entro 0 giorni dopo pubblicazione. Seite 7 von 6

8 Esame finale. Certificati di fine modulo necessari Per ottenere l'ammissione all'esame finale occorre presentare i certificati di fine modulo necessari o relative conferme di equipollenza conformemente al punto. del regolamento d'esame.. Esame finale L'esame finale è regolamentato nell'ordinamento d'esame e nelle relative direttive. Seite 8 von 6

9 4 Disposizioni transitorie 4. Certificati di fine modulo secondo la vecchia legislazione 4. Ai partecipanti attuali che possiedono certificati di fine modulo regolamentati secondo la vecchia legislazione, dopo aver presentato la relativa documentazione della commissione GQ dell'associazione di formazione continua per laboratoristi, vengono comunicati i moduli che devono frequentare conformemente al nuovo programma a moduli, per adempiere ai requisiti del nuovo ordinamento d'esame. 4. La commissione della garanzia di qualità dell'associazione di formazione continua per laboratoristi decide in che modo valutare nel nuovo programma a moduli i moduli finora frequentati. Al momento dell'iscrizione all'esame finale secondo la nuova legislazione, la commissione GQ rilascia un documento che vale come certificato di fine modulo per i suddetti moduli. 4. L'emissione di questo documento non comporta spese per i partecipanti. Queste spese sono a carico dell'associazione di formazione continua per laboratoristi. 4.4 È possibile presentare ricorso contro le decisioni della commissione GQ relative a questo documento presso il consiglio direttivo dell'associazione di formazione continua per laboratoristi entro 0 giorni dopo ricevimento del documento. Il ricorso deve contenere le richieste della ricorrente o del ricorrente e relative motivazioni. 4.5 Con l'entrata in vigore del nuovo regolamento d'esame, i prestatari possono offrire moduli soltanto se conformi a questo programma a moduli. L'Associazione di formazione continua per laboratoristi conclude un accordo con i prestatari su come deve procedere concretamente la transizione. 4. Ripetenti I ripetenti, secondo l'ordinamento finora vigente, hanno la possibilità, conformemente al regolamento d'esame punto 9., di ripetere una prima e una seconda volta l'esame finale secondo disposizioni della vecchia legislazione entro il.. 04 Seite 9 von 6

10 5 Entrata in vigore e validità Il presente allegato di direttive guida entra in vigore il º agosto 0. Commissione per la garanzia della qualità Il Presidente Basilea, xxx Gebhard Hug Seite 0 von 6

11 6 Allegato : descrizioni dei moduli Lo schema dei moduli è consultabile nel punto. di questo programma a moduli. I dettagli organizzativi e le condizioni per i moduli sono definiti nei punti Informazioni generali sui moduli 6. La formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC oppure una formazione professionale equipollente secondo International Standard Classification of Education 97 dell'unesco al livello ISCED sono una condizione preliminare generale per frequentare i moduli. 6. Il programma a moduli corrisponde al livello ISCED 5b. I corsi di insegnamento si svolgono su questo livello. 6. I moduli di base sono collegati alla formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC. I moduli di approfondimento si basano su questi moduli di base. I moduli specialistici servono infine per l'approfondimento di conoscenze specifiche, richiedono un metodo di lavoro largamente autonomo e ampliano competenze importanti per l'esame finale. 6. L'attestato di competenza si ottiene, come descritto nel punto. di questo programma a moduli, mediante un controllo degli obiettivi di apprendimento. 6.4 Il controllo degli obiettivi di apprendimento può essere effettuato a prescindere dalla frequenza di un determinato corso. 6.5 Se il controllo degli obiettivi di apprendimento è stato portato a termine con successo (punto.7 di questo programma a moduli), i partecipanti ricevono un certificato di fine modulo (punto.9 di questo programma a moduli). Il certificato di fine modulo è una condizione preliminare per l'ammissione all'esame finale. Seite von 6

12 6.6 La tassonomia indica a quale livello devono essere le competenze richieste dei candidati dopo che questi hanno portato a termine con successo il modulo. Quanto più alto è il livello di tassonomia, tanto più approfondite e ampliate sono le conoscenze specialistiche acquisite. Livello di tassonomia. Livello Conoscenza e comprensione. Livello Applicazione Spiegazione Il candidato deve comprendere la materia d'esame e soprattutto - citare fatti - spiegare termini tecnici - spiegare correlazioni Il candidato deve applicare la conoscenza a situazioni concrete e risolvere i problemi basandosi su quanto appreso in un precedente contesto di apprendimento. Deve soprattutto - risolvere esercizi di una materia di insegnamento - utilizzare i metodi richiesti Esempi - Nominare - I metodi conosciuti - Enumerare i più importanti - Spiegare - Calcolare in funzione di - Attuare la direttiva X sul posto di lavoro - Mettere in pratica la teoria Y. Livello Pratica (Analisi e sintesi) Il candidato deve analizzare problemi, sviluppare e valutare proposte di soluzioni applicabili in un contesto pratico. Deve soprattutto - esaminare le situazioni e unire le parti in un tutto - confrontare e valutare le alternative - Analizzare il presente problema - Rappresentare gli strumenti scelti con l'aiuto di un esempio pratico - Interpretare questa situazione e dedurne la rilevanza per il proprio lavoro - Spiegare le conclusioni personali e motivarle dettagliatamente Seite von 6

13 6. Moduli di base 6.. Modulo di base Analisi BN Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC e modulo BN4 VN I partecipanti approfondiscono e ampliano le loro conoscenze delle leggi fisiche e dei principi di analisi. Calcolano le grandezze di base e spiegano le correlazioni principali. Spiegare con esempi i principi fondamentali dei metodi fisici della spettroscopia molecolare Descrivere i metodi fisici basilari della spettroscopia atomica Esporre i principi fondamentali della termodinamica chimica 4 Spiegare i principi fondamentali della calorimetria e calcolare i bilanci energetici delle reazioni chimiche 5 Spiegare la teoria del gas e calcolare con l'equazione di stato dei gas reali. 6 Calcolare le energie di fasi condensate e spiegare i principi dei solidi cristallini 7 Calcolare le grandezze basilari di soluzioni e descrivere i loro principi fondamentali 8 Illustrare i principi del processo di separazione mediante cromatografia ed estrazione 9 Spiegare i principi della cinetica di reazione e delle sue grandezze 0 Spiegare i principi fondamentali di elettrochimica ed eseguire calcoli Presentare i principi fondamentali dell'analisi con sostanze radioattive Seite von 6

14 6.. Modulo di base Chimica BN Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC e modulo BN4 VN4 I partecipanti approfondiscono e ampliano le loro conoscenze di chimica. Inquadrano i quesiti di chimica nei vari rami specialistici della chimica e spiegano i processi e correlazioni basilari. Spiegare la struttura degli atomi e del sistema periodico degli elementi Descrivere la struttura e lo svolgimento di reazioni chimiche basandosi su esempi rappresentativi e calcolare gli equilibri chimici Presentare i tipi di legami chimici basandosi su esempi tipici 4 Spiegare le ossidazioni e riduzioni di reazioni chimiche selezionate 5a Chiarire i concetti di acidi e basi 5b Dedurre mediante calcolo la forza di acidi e basi 6 Descrivere e calcolare la funzione, il significato e la produzione di soluzioni tampone per un determinato valore ph 7 Discutere con il supporto di esempi i tipi di reazione fra i tipi di atomo degli elementi dei gruppi principali 8 Descrivere i composti chimici e classificare le loro condizioni di legame 9a Rappresentare e nominare in modo sistematico gli idrocarburi 9b Dedurre le proprietà degli idrocarburi in base alla loro struttura molecolare 0 Nominare in modo sistematico gli idrocarburi con gruppi funzionali e presentare con il supporto di esempi le proprietà di classi di sostanze chimiche Esporre con il supporto di esempi i meccanismi di reazione basilari della chimica organica Determinare l'isomeria e stereochimica di legami chimici Seite 4 von 6

15 6.. Modulo di base Biologia BN Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC VN e modulo BN4 I partecipanti consolidano ed ampliano le loro conoscenze specialistiche in biologia cellulare. Dispongono di un'ampia capacità di comprensione dei quesiti di biologia e spiegano con il supporto di esempi selezionati i processi e le correlazioni basilari. Capire e indicare le caratteristiche dell'essere vivente Comprendere e descrivere i principi basilari della sistematica degli organismi Descrivere le strutture chimiche basilari e la funzione delle biomolecole. Illustrare l'importanza delle molecole chirali nella biologia 4 Descrivere la struttura e la funzione di una cellula procariotica. Descrivere la struttura di base di involucri cellulari dei procarioti e spiegare il loro significato 5 Spiegare con supporto di esempi selezionati l'utilità e la nocività dei batteri 6 Definire la struttura e la funzione di cellule eucariotiche e dei loro componenti 7 Distinguere le cellule animali da quelle vegetali e dei funghi e illustrarne le rispettive particolarità 8 Descrivere a grandi linee il metabolismo energetico aerobico e anaerobico 9 Comprendere e spiegare con il supporto di esempi le caratteristiche e il meccanismo di azione degli enzimi 0 Nominare i tipi di acidi nucleici, descrivere la loro struttura e spiegare le loro funzioni specifiche Descrivere i meccanismi di mitosi, meiosi e divisione cellulare e spiegare l'importanza di questi processi Seite 5 von 6

16 6..4 Modulo di base Matematica BN4 Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC VN6, BN, BN, BN e VB I partecipanti consolidano e approfondiscono le loro conoscenze di base in matematica. Risolvono e interpretano correttamente equazioni, sistemi d'equazione e operazioni matematiche rilevanti per il loro campo professionale. Disegnano grafi, li interpretano e calcolano le funzioni inerenti. Applicare le regole per il calcolo con potenze, radici e logaritmi Formulare e risolvere equazioni e sistemi di equazione lineari semplici Definire in corretti termini matematici i concetti più importanti di funzioni 4 Spiegare e applicare le funzioni matematiche più importanti 5 Impostare le equazioni funzionali per relazioni lineari, quadratiche ed esponenziali 6 Calcolare i valori di funzione per potenze, funzioni lineari, quadratiche, esponenziali e logaritmiche nonché rappresentare i loro grafi 7 Utilizzare mediante computer un programma di calcolo per la rappresentazione di grafi e di funzioni 8 Spiegare i concetti derivazione e integrazione di una curva 9 Applicare le leggi più importanti collegate con il simbolo di sommatoria ( ) Seite 6 von 6

17 6..5 Modulo di base Tecniche di lavoro e di presentazione BK Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC e conoscenze basilari di software di presentazione VK I partecipanti ampliano le loro tecniche di programmazione, di esecuzione e di riflessione sul loro apprendimento e lavoro gestendo così in modo autonomo il proprio sviluppo professionale e individuale. Presentano le proprie prestazioni con metodi adeguati e le espongono appropriatamente ad un pubblico esperto. Studiare tipi e meccanismi di apprendimento e utilizzare le nozioni acquisite per il proprio apprendimento Indicare l'efficacia di lavori di gruppo, processi di gruppo nonché partnership di apprendimento e applicarne i metodi Sviluppare l'apprendimento e il lavoro durante le fasi di programmazione, esecuzione e riflessione 4 Sviluppare la tecnica di presentazione e utilizzarla adeguatamente per le proprie esposizioni 5 Comporre ed esporre le proprie presentazioni 6 Discutere le diverse presentazioni e fornire reciprocamente feedback dettagliati conf. a regole prestabilite Seite 7 von 6

18 6..6 Modulo di base Inglese BK Conoscenze di base in inglese corrispondenti al livello A del quadro comune europeo di riferimento VK I partecipanti ripassano e approfondiscono le loro conoscenze di base della lingua inglese. Migliorano e ampliano la loro comprensione orale e scritta in importanti situazioni di vita quotidiana, in viaggio e in semplici situazioni dell'ambito professionale. Capire la comunicazione quotidiana nell'ambiente di lavoro e nel tempo libero Sviluppare la competenza linguistica nello scambio reciproco in situazioni fittizie, come ad es. in situazioni che possono verificarsi durante soggiorni nei paesi di lingua inglese Esprimersi con un linguaggio appropriato e attinente al tema su argomenti, avvenimenti, interessi ed esperienze personali 4 Nella comunicazione utilizzare il congiuntivo e il futuro I per la coniugazione di verbi 5 Spiegare e motivare progetti ed opinioni 6 Identificare i contenuti principali di testi complessi riguardo a temi concreti e astratti e riprodurli analogamente rispettando il senso 7 Comporre testi propri attuali Seite 8 von 6

19 6..7 Modulo di base Gestione di progetti BB Formazione professionale di base VK, VF e VB I partecipanti pianificano l'impiego di risorse secondo gli standard di progetto vigenti, controllano e documentano lo svolgimento del progetto e promuovono in un team di progetto i fattori di successo importanti. Conoscono i più importanti strumenti di pianificazione di progetti e li applicano nell'ambito di un lavoro a progetto. Nominare e caratterizzare gli elementi e le fasi di progetti (pianificazione, organizzazione, gestione, documentazione e valutazione) Nominare e spiegare gli standard di progetto più importanti in vigore nella propria azienda Indicare gli strumenti e i metodi di pianificazione comuni per l'impiego di risorse e applicarli nell'ambito di un progetto 4 Trasporre le varie fasi di progetto dalla teoria alla pratica e documentare in modo appropriato 5 Valutare i progetti considerando il grado di raggiungimento degli obiettivi 6 Nominare i fattori di successo significativi di team di progetto ben riusciti 7 Realizzare un progetto scelto autonomamente partendo dalla pianificazione, realizzazione, valutazione fino ad arrivare alla conclusione e presentazione 8 Spiegare la struttura e lo svolgimento dell'esame finale Seite 9 von 6

20 6..8 Modulo di base Protezione della salute - Sicurezza sul lavoro- Protezione dell'ambiente BB Formazione professionale di base per assistente di laboratorio AFC VB I partecipanti mettono in pratica le disposizioni di legge e le disposizioni aziendali in merito a sicurezza sul lavoro, protezione della salute e dell'ambiente. Descrivono le caratteristiche fondamentali di misure di sicurezza tecniche, organizzative e riferite a persone, utilizzandole nel loro ambito di responsabilità a seconda della situazione. Descrivere i pericoli specifici professionali e dedurne misure di sicurezza per situazioni di lavoro concrete Nominare misure di sicurezza tecniche, organizzative e personali e descriverne dettagliatamente il loro impiego nel lavoro quotidiano Spiegare approfonditamente le disposizioni legali e le misure di sicurezza in merito a salute, sicurezza e ambiente 4 Formulare misure preventive per evitare incidenti e descrivere il corretto comportamento in caso di incidenti 5 Contribuire a illustrare l'avvenimento, dedurre e motivare misure di sicurezza per minimizzare i rischi di incidente 6 Spiegare dettagliatamente il sistema di classificazione e di etichettatura dei prodotti chimici durante la loro produzione, trasporto e messa in circolazione 7 Descrivere l'effetto di prodotti chimici e biologici su sistemi ambientali 8 Spiegare le problematiche connesse ai prodotti chimici e biologici in relazione all'inquinamento ambientale 9 Formulare e motivare misure concrete per promuovere nella propria azienda comportamenti di lavoro a favore della tutela ambientale Seite 0 von 6

21 6..9 Modulo di base Formazione professionale BF Formazione professionale di base VF I partecipanti sviluppano competenze per la formazione professionale di apprendisti e collaboratori e per la loro integrazione in un team esistente. Elaborano le condizioni personali necessarie per preparare gli apprendisti, in collaborazione con luoghi di apprendimento quali scuola professionale e corso interaziendale, al diploma professionale e di conseguenza all'attività professionale dopo il periodo di formazione. Conoscere il sistema di formazione professionale svizzero e spiegare i suoi aspetti rilevanti Essere in grado di formare gli apprendisti conf. alle condizioni quadro legali attualmente in vigore Pianificare, fare e valutare colloqui personali con cognizione di causa, orientati verso precisi obiettivi e adeguati alla situazione 4 Programmare, giudicare e valutare conformemente alle direttive la formazione aziendale sul posto di lavoro 5 Istruire e guidare gli apprendisti in modo stimolante 6 Conoscere i requisiti della procedura di qualificazione e tenere conto di questa durante la formazione degli apprendisti in azienda 7 Individuare comportamenti e capacità individuali degli apprendisti e prendere spunto da ciò per seguirli adeguatamente 8 Individuare metodi di prevenzione degli incidenti e di prevenzione sanitaria 9 Spiegare le misure applicate per garantire il rispetto nell'azienda delle direttive di sicurezza vigenti Seite von 6

22 6. Moduli di approfondimento 6.. Modulo di approfondimento Analisi VN Moduli BN e VN6 VN5, FN e moduli specialistici I partecipanti consolidano e aumentano le loro conoscenze di analisi in relazione a metodi e processi biologici e chimici. Scelgono metodi e apparecchi adatti secondo criteri e requisiti di analisi consolidati e programmano la determinazione analitica dalla fase di campionamento fino a quella dei risultati. Riconoscere le varie fasi del processo di una validazione sistematica e calcolare le grandezze corrispondenti Dimostrare con l'aiuto di esempi selezionati l'importanza del campionamento in merito alla correttezza dei risultati di analisi Individuare i principi fondamentali della spettroscopia ottica e differenziare le possibilità di utilizzo di metodi di analisi di spettroscopia ottica e di spettroscopia di assorbimento atomico 4 Interpretare gli spettri di analisi di spettroscopia molecolare 5 Spiegare le possibilità di impiego e la base teoretica di metodi di analisi radiochimici, elettrochimici e termici 6 Dedurre dalla teoria della cromatografia le possibilità di impiego nell'analisi e stabilire con il supporto di esempi le condizioni di separazione 7 Illustrare gli effetti di parametri importanti su un cromatogramma e calcolare le grandezze cromatografiche 8 Spiegare l'analisi delle proteine con esempi selezionati di purificazione delle proteine e di determinazione delle proteine mediante spettroscopia e cromatografia 9 Esaminare i metodi dell'analisi strutturale in D di biomolecole e descriverne i principi di misura inerenti 0 Suddividere in settori specifici l'analisi degli acidi nucleici e spiegare i relativi principi fondamentali teorici Spiegare i metodi dell'analisi funzionale sistematica e le sue applicazioni Seite von 6

23 6.. Modulo di approfondimento Spettroscopia applicata VN5 Moduli VN4 e VN Moduli specialistici I partecipanti ampliano le loro conoscenze di applicazione di metodi spettroscopici. Tenendo in considerazione i processi di base e gli aspetti correlati, interpretano gli spettri e ne deducono prodotti di reazione, stati di equilibrio e cinetiche di reazione. Interpretare gli spettri di massa e i loro modelli di frammentazione e proporre metodi adatti per esaminare campioni con metodi di spettroscopia di massa Spiegare la struttura e l'applicazione della spettroscopia di massa e valutarle con il supporto di esempi Con l'aiuto di esempi illustrare speciali tecniche di campionamento della spettroscopia IR e i loro campi di applicazione 4 Dedurre lo stato di equilibrio e la cinetica di reazione da spettri UV/VIS 5 Discutere con il supporto di esempi gli spettri NMR unodimensionali e bi-dimensionali e dedurne le strutture molecolari 6 Individuare le strategie per definire la struttura di molecole sconosciute combinando metodi diversi Seite von 6

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica

isomeria di struttura isomeria di posizione isomeria di catena stereoisomeria isomeria di conformazione isomeria di configurazione 'isomeria ottica ISOMERIA L'isomeria di struttura è connessa al diverso modo in cui gli atomi di due o più composti si legano tra loro in sequenza. Ci sono due forme: isomeria di posizione e isomeria di catena. La stereoisomeria

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA

Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA certificati in studi avanzati (cas) per formatori di adulti Percorsi per l ottenimento del livello 1 e 2 FSEA IUFFP Formazione continua INTRODUZIONE L Istituto Universitario Federale per la Formazione

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico

7.9 Reazioni che introducono un centro Stereogenico 7.9 eazioni che introducono un centro tereogenico Molte reazioni convertono reagenti achirali a prodotti chirali. E importante ricordare, comunque che se tutti i i componenti iniziali (reagenti, catalizzatori,

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino

ISISS BUONARROTI CE. Dall Uva al Vino. Dall'uva al vino Dall Uva al Vino In questa attività didattica abbiamo dimostrato come in un ambiente scolastico cittadino si può sviluppare nei giovani la cultura del territorio, della vite, dell uva e del vino. In questa

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia CHIMICA ORGANICA Appunti di Lezione Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Autore: Roberto Zanrè A.A. 2009/2010 1 Atomo di C e ibridizzazione sp 2 Nel suo stato fondamentale l atomo di C presenta

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli