DOMANDE PIU FREQUENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDE PIU FREQUENTI"

Transcript

1 DOMANDE PIU FREQUENTI REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA PER LE IMPRESE ALIMENTARI ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Regolamento CE 852/2004, Decreto legislativo n. 193/2007, Delibera Giunta Regione Veneto n. 3710/2007 modificata dal Decreto n. 140 del 5 marzo 2008 Chi deve presentare la dichiarazione di inizio attività (DIA) per la registrazione? Chi invece NON deve presentare la dichiarazione di inizio attività (DIA)? Chi esamina la DIA o la Comunicazione di variazione della attività? Dove si trovano i moduli per presentare una DIA? Qual è la documentazione necessaria per presentare una DIA? Come consegnare la documentazione? Quando si deve inviare la documentazione di DIA al SIAN? Quando invece al SIAOA? Se si sbaglia ad individuare il Servizio ULSS competente cosa succede? E se si svolgono attività in tema di alimenti di competenza di entrambi i Servizi? Quando inoltrare la DIA per la registrazione? È possibile iniziare l attività subito dopo aver consegnato i documenti per la registrazione? Cosa capita durante i 30 giorni che intercorrono? Cosa succede dopo la verifica? Possono essere fatte verifiche anche dopo i 30 giorni? E se nei 30 giorni non arrivano né lettere né ispezioni dei Servizi della ULSS? Possono essere usati modelli alternativi a quelli della Delibera Regionale? Si riceve conferma dell avvenuta registrazione? Cosa succede se, a seguito di una richiesta di integrazione della documentazione da parte del Servizio incaricato, non si risponde nei termini previsti? Posso realizzare un attività in un qualsiasi stabile affittato o di proprietà? La registrazione vale anche per i bar e i ristoranti? Se si esercitano più attività in campo alimentare quante registrazioni si devono ottenere e quante DIA si devono presentare? Gli stand gastronomici in corso di feste popolari sono soggetti a registrazione e quindi a DIA? L attività di trasporto di alimenti è soggetta a registrazione? Una ditta che fa solo trasporto di alimenti confezionati anche per conto terzi è soggetta a registrazione?

2 Si hanno conseguenze se vengono fatte dichiarazioni non vere nei documenti per la DIA? Ci sono dei costi per la registrazione? Chi deve presentare la dichiarazione di inizio attività (DIA) per la registrazione? Tutte le ditte che decidono di intraprendere una nuova attività in campo alimentare devono presentare la Dichiarazione di Inizio Attività (DIA). Chi invece NON deve presentare la dichiarazione di inizio attività (DIA)? NON sono soggetti a registrazione: La cessione occasionale di piccoli quantitativi di prodotti primari ottenuti in azienda dal produttore al consumatore finale o al titolare di un esercizio di commercio al dettaglio oppure di un laboratorio annesso ad un esercizio di commercio al dettaglio, a condizione che la cessione avvenga nel territorio della provincia in cui insiste l azienda o nel territorio delle province contermini; Le imprese alimentari già autorizzate, poiché saranno automaticamente registrate a meno che non intervengano modifiche riguardanti: ragione sociale, chiusura, modifiche strutturali, impiantistiche, produttive e dismissione o acquisizione automezzi. In questi casi la comunicazione di variazione attività è obbligatoria. Chi esamina la DIA o la Comunicazione di variazione della attività? A seconda dei prodotti alimentari trattati, l autorità competente ad esaminare le DIA e le Comunicazioni di Variazione delle attività sono: - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale (SIAOA) del Dipartimento di Prevenzione della Azienda ULSS. Dove si trovano i moduli per presentare una DIA? I moduli B1 e B2, rispettivamente per la presentazione della DIA e della Comunicazione di variazione di attività, sono disponibili: - Presso il Dipartimento di Prevenzione, via Borgo Ruga n. 30 Feltre, nel seguente orario: dal lunedì al giovedì dalle ore 08,30 alle ore 13,30 venerdì dalle ore 08,30 alle ore 12,30 - Alla pagina Web dell ULSS n. 2 Feltre

3 Qual è la documentazione necessaria per presentare una DIA? È necessario: - Compilare completamente il modulo pertinente all attività svolta: 1. modulo per la Dichiarazione di Inizio Attività (per le nuove attività) 2. modulo Comunicazione Variazione Attività (per variazione di attività esistente) - allegare tutta la documentazione richiesta che è specificata nel modulo stesso e che può variare in funzione dell attività svolta. Come consegnare la documentazione? Le DIA e le Comunicazioni di Variazione possono essere: - consegnate direttamente al Dipartimento di Prevenzione, via Borgo Ruga n. 30 Feltre, nel seguente orario: dal lunedì al giovedì dalle ore 08,30 alle ore 13,30 venerdì dalle ore 08,30 alle ore 12,30 - inviate per posta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo Dipartimento di Prevenzione dell Azienda ULSS 2 - Feltre via Borgo Ruga n FELTRE. È importante che le richieste pervengano direttamente all ULSS senza intermediazione degli uffici comunali e secondo le modalità illustrate allo scopo di non generare ritardi: infatti i trenta giorni scattano dall avvenuto protocollo all ULSS 2. Quando si deve inviare la documentazione di DIA al SIAN? Quando invece al SIAOA? La comunicazione di DIA va inviata al SIAN quando l attività è inerente: commercio al dettaglio (negozi di alimentari, rivendite di pane, supermercati con o senza macelleria e/o pescheria); ristorazione (bar, pizzerie, trattorie, ristoranti, agriturismi che preparano pasti); commercio all ingrosso di alimenti; produzioni artigianali: pasticcerie, panifici, gelaterie, gastronomie e rosticcerie, pizza da asporto ed al taglio; produzioni industriali di prodotti non di origine animale: conserve vegetali, produzione vino, produzione farine, produzione di verdure di quarta gamma, bevande in genere comprese quelle alcoliche, acque minerali naturali ed artificiali, additivi alimentari; trasporto di alimenti non di origine animale; ambulanti che vendono alimenti ed autospacci; prodotti dietetici. La comunicazione di DIA va inviata al SIAOA (Servizi Veterinari) quando l attività è inerente:

4 macellerie, pescherie; laboratori per la produzione di alimenti di origine animale annessi a locali di vendita; produzioni finalizzate alla vendita al dettaglio di prodotti alimentari di origine animale, quali: carni e loro derivati, prodotti ittici, uova e derivati, latte, prodotti lattiero-caseari trasformati, miele; trasporti di alimenti di origine animale (carne, prodotti ittici, latte crudo e prodotti lattiero caseari trasformati); autospacci con macelleria o pescheria o con collegato laboratorio di preparazione di prodotti di origine animale. Se si sbaglia ad individuare il Servizio ULSS competente, che cosa succede? Nulla di grave: il Servizio che riceve la DIA provvede direttamente ad inviare la documentazione al servizio competente. Vale sempre la data del protocollo ULSS e non la data di arrivo al Servizio corretto. E se si svolgono attività in tema di alimenti di competenza di entrambi i Servizi? È bene individuare quali sono le attività prevalenti e il relativo Servizio competente. Il Servizio che riceve la documentazione si fa carico di coinvolgere l altro servizio. È importante inviare una sola DIA. Quando inoltrare la DIA per la registrazione? La DIA deve essere inoltrata quando i locali e le attrezzature sono stati ultimati. È possibile iniziare l attività subito dopo aver consegnato i documenti per la registrazione? No, l attività può iniziare dopo 30 giorni: la ricevuta dell Ufficio Protocollo o la ricevuta di ritorno della raccomandata costituiscono notifica dell avvio del provvedimento e la data riportata è utile per il conteggio dei 30 giorni previsti per iniziare l attività. Prima dei 30 giorni, l attività potrà iniziare non appena la Ditta sia entrata in possesso del certificato di registrazione che viene in tal caso rilasciato dopo sopralluogo di verifica effettuato dal Servizio competente. In caso di urgenza la Ditta, al fine di iniziare l attività prima dei previsti 30 giorni, può formulare richiesta scritta di sopralluogo; in tal caso, oltre alla tariffa di Registrazione, è previsto il pagamento del sopralluogo sulla base degli importi previsti dal tariffario regionale. Cosa capita durante i 30 giorni che intercorrono? 1. il Servizio preposto esamina la documentazione. Se questa risulta incompleta, vengono richieste per iscritto le necessarie integrazioni. In questo caso i termini del procedimento si interrompono e l attività non può iniziare fino alla risoluzione delle carenze e solo secondo le indicazioni fornite dai Servizi preposti dell ULSS. 2. entro 30 giorni il Servizio preposto può effettuare un sopralluogo di verifica in merito a quanto dichiarato nella documentazione.

5 Cosa succede dopo la verifica? I risultati della verifica potranno essere: Verifica favorevole: l attività può iniziare immediatamente dopo l esito della verifica ed il rilascio del certificato di Registrazione. Riscontro di minime irregolarità: l attività può iniziare secondo le prescrizioni impartite, che saranno successivamente verificate. Riscontro di gravi mancanze: l Az. ULSS notifica l esito del sopralluogo all operatore, non consentendo l inizio dell attività. Alla risoluzione delle non conformità l operatore richiede un nuovo sopralluogo all Az. ULSS che lo programma entro e non oltre 15 giorni lavorativi. Se le non conformità non sono state rimosse, l Az. ULSS provvederà a restituire l intera pratica di registrazione. Possono essere fatte verifiche anche dopo i 30 giorni? Si. Il Servizio competente può effettuare verifiche con un sopralluogo sul posto anche dopo i 30 giorni e ad attività avviata, secondo un criterio di valutazione del rischio per la salute. Cosa succede dopo questa verifica? I risultati potranno essere: Verifica favorevole: l attività può continuare. Minime irregolarità: l attività può continuare secondo le prescrizioni impartite; sarà valutata l applicazione delle sanzioni previste dal Decreto Legislativo 193/2007. Gravi irregolarità: in relazione al rischio per la salute pubblica, sarà valutata la necessità di sospendere l attività o di continuarla secondo le prescrizioni impartite. Seguirà l applicazione delle sanzioni previste dal Decreto Legislativo 193/2007 e, nel caso di dichiarazioni mendaci, la denuncia all Autorità Giudiziaria per falso. E se nei 30 giorni non arrivano né lettere né ispezioni dei Servizi della ULSS? Se non intervengono comunicazioni scritte e/o verifiche da parte dei Servizi competenti l attività può iniziare a partire dal trentunesimo giorno della avvenuta comunicazione. Possono essere usati modelli alternativi a quelli della Delibera Regionale? Tutte le pratiche devono pervenire con l utilizzo della modulistica prevista dalla normativa regionale, sia per quanto riguarda la notifica di un nuovo insediamento, sia per quanto riguarda modifiche di un insediamento già avviato ed in precedenza autorizzato. Si riceve conferma dell avvenuta registrazione? Il Servizio incaricato risponde con l attestazione di registrazione. Una seconda copia, corredata da copia della planimetria e della relazione tecnica, viene trasmessa al Comune, secondo quanto previsto dal Decreto Regionale n. 140/08.

6 Che cosa succede se, a seguito di una richiesta di integrazione della documentazione da parte del Servizio incaricato, non si risponde nei termini previsti? L ULSS provvede alla restituzione della pratica; ciò significa che la richiesta è respinta e non è possibile iniziare nessuna attività. E possibile realizzare un attività in un qualsiasi stabile affittato o di proprietà? È sempre necessario rispettare la destinazione d uso dell immobile rilasciata dal Comune dove è localizzato l insediamento. I negozi di alimentari al dettaglio sono soggetti a registrazione e quindi a DIA? Sono soggette a registrazione anche le attività di commercio al dettaglio di alimenti, mentre con la normativa antecedente non erano soggette ad autorizzazione sanitaria. Se si esercitano più attività in campo alimentare quante registrazioni si devono ottenere e quante DIA si devono presentare? Per uno stesso esercizio/insediamento/locale è necessario presentare una sola DIA specificando le varie attività svolte anche se alcune sono di competenza del SIAN ed altre del Servizio Veterinario (SIAOA). Gli stand gastronomici in corso di sagre e feste popolari sono soggetti a registrazione e quindi a DIA? Si, sono soggette a registrazione anche le attività di preparazione, vendita e somministrazione di alimenti in corso di feste popolari. I tempi per la presentazione della DIA per la registrazione sono ridotti a 10 giorni prima della manifestazione. Alla Domanda devono essere allegati gli specifici allegati. La registrazione ha carattere permanente: qualora non intervengano variazioni relative a titolarità, strutturali o di attività, ad ogni ripresa di attività è sufficiente l invio della comunicazione con l allegato B2 della data di inizio e termine della manifestazione. In caso di variazioni al modello B2 è necessario allegare la documentazione prevista. L attività di trasporto di alimenti è soggetta a registrazione? Scompare l autorizzazione per automezzi soggetta a scadenza biennale. È sostituita con la registrazione di attività di trasporto di alimenti con validità permanente. Qualora un operatore disponga di più automezzi la registrazione sarà unica per tutti i veicoli. Ogni variazione (acquisizione, dismissione di automezzi) dovrà essere notificata con l utilizzo del modulo B2. Una ditta che fa solo trasporto di alimenti confezionati anche per conto terzi è soggetta a registrazione?

7 Si, tutte le imprese che trasportano alimenti devono provvedere alla registrazione, anche se in precedenza questo non era necessario. Si hanno conseguenze se vengono fatte dichiarazioni non vere nei documenti per la DIA? L apposizione della firma nella pratica di DIA da parte dell operatore del Settore Alimentare comporta l assunzione di responsabilità in merito a quanto dichiarato anche sotto il profilo penale. Ci sono dei costi per la registrazione? Devono essere pagati i diritti di registrazione secondo le tariffe regionali specificate nell allegato H del Decreto Regionale n. 140/08.

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O

S C R I V E R E I N S T A M P A T E L L O ALL.2 All ufficio Dipartimento di Prevenzione della ASL di e p.c. Al Comune di NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art.

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di Modello A Timbro protocollo ufficio ricevente Data Al SUAP del Comune di Oggetto: Dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna

Dettagli

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008)

Oggetto: Denuncia di Inizio attività (D.I.A.) ai sensi dell art. 6 del Reg. (CE) 852/2004 (Allegato B DDR n. 140 del 5.3.2008) Pag. 1 di 7 Al Sig. Direttore UOC Veterinaria Area B (Igiene degli Alimenti di Origine Animale) Az.ULSS n.12 Dipartimento di Prevenzione P.le San Lorenzo Giustiniani, 11/d 30174 Zelarino Venezia (VE) Modello

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA

RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. in qualità di della ditta/società con sede legale in Via Codice fiscale

Dettagli

1. Operatore del settore alimentare

1. Operatore del settore alimentare Spazio per apporre il timbro di protocollo Allegato 2 alla D.G.R. 79-7605 del 26/11/2007 Data Prot. Al Comune di.. Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 (da presentare

Dettagli

ISTRUZIONI PER L OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) CHE NOTIFICA

ISTRUZIONI PER L OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) CHE NOTIFICA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Direttore Dott.ssa Marina Scotto Via Collodi, 13 17100 ISTRUZIONI PER L OPERATORE DEL SETTORE ALIMENTARE (OSA) CHE NOTIFICA L ATTIVAZIONE DI UNO STABILIMENTO (*) DEL SETTORE

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna MODELLO A1 Data Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna Oggetto: Notifica ai fini della registrazione ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna n. 9223

Dettagli

106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2. Allegato A

106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2. Allegato A 106 13.1.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Allegato A LINEE DI INDIRIZZO PER IL CONTROLLO UFFICIALE DELLE IMPRESE ALIMENTARI SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO EMANATO

Dettagli

LA NORMATIVA IN ITALIA. Registrazioni e Riconoscimenti. Facibeni Fusco PRATO 07 Aprile 2010

LA NORMATIVA IN ITALIA. Registrazioni e Riconoscimenti. Facibeni Fusco PRATO 07 Aprile 2010 LA NORMATIVA IN ITALIA Registrazioni e Riconoscimenti Facibeni Fusco PRATO 07 Aprile 2010 1 Aprire una attività alimentare in Italia: 1. La Normativa Dal 01/01/2006 si applica il così detto Pacchetto Igiene

Dettagli

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA

NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA NOTIFICA - SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) ART. 6 REG. CE 852/2004 PER IMPRESE ALIMENTARI CHE OPERANO IN SEDE FISSA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.12.2010 N. 21-1278 PER I SEGUENTI

Dettagli

NOTIFICA TRASMESSA PER IL TRAMITE DEL SINDACO DEL. COMUNE DI (dove ha sede legale l impresa)

NOTIFICA TRASMESSA PER IL TRAMITE DEL SINDACO DEL. COMUNE DI (dove ha sede legale l impresa) NOTIFICA TRASMESSA PER IL TRAMITE DEL SINDACO DEL COMUNE DI (dove ha sede legale l impresa) SI TRASMETTE AL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL AZIENDA U.S.L. N. 106 DI TERAMO LA NOTIFICA DI MODIFICA SIGNIFICATIVA

Dettagli

PARTE RISERVATA AL COMUNE/SUAP Ricevuta in data...n. protocollo... Trasmessa copia al S.I.A.N. S.VETERINARI dell'azienda U.S.L n.

PARTE RISERVATA AL COMUNE/SUAP Ricevuta in data...n. protocollo... Trasmessa copia al S.I.A.N. S.VETERINARI dell'azienda U.S.L n. PARTE RISERVATA AL COMUNE/SUAP Ricevuta in data...n. protocollo... Trasmessa copia al S.I.A.N. S.VETERINARI dell'azienda U.S.L n. di in data / / da Al Comune /SUAP di Comunicazione ai sensi dell'art. 6

Dettagli

e-mail @ Residenza: Comune Provincia Via/Piazza N C.A.P. Tel. Recapito telefonico Con sede legale nel Comune di Provincia Via/Piazza N C.A.P. Tel.

e-mail @ Residenza: Comune Provincia Via/Piazza N C.A.P. Tel. Recapito telefonico Con sede legale nel Comune di Provincia Via/Piazza N C.A.P. Tel. Le denunce dovranno essere consegnate presso gli Uffici Protocollo di: Borgo Cavalli 42 31100 Treviso - dal LUN al VEN 8.30 12.30 e LUN e MER 15.00 17.00 MOD. B1 Al Servizio dell'azienda ULSS n. 9 di Treviso

Dettagli

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2)

Attività di produzione primaria: (Riquadro 2) Denuncia di inizio attività ai fini della registrazione ai sensi dell art. 6 del Regolamento CE n. 852/2004 e dell art. 10 della Delibera del Presidente della Giunta Regionale Toscana n. 40/R del 01/ agosto

Dettagli

NOTIFICA SANITARIA ALIMENTI E BEVANDE (Nuova attività alimentare)

NOTIFICA SANITARIA ALIMENTI E BEVANDE (Nuova attività alimentare) NOTIFICA SANITARIA ALIMENTI E BEVANDE (Nuova attività alimentare) Ai sensi del Regolamento CE 852/2004 e DPGR Toscana 40/R/2006 mod. con DPGR Toscana 41/R/2008 Spazio per il protocollo Al SUAP Del Comune

Dettagli

Spazio per apporre il timbro di protocollo

Spazio per apporre il timbro di protocollo Modello DIA semplice/differita Mod. 2 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. [ ] Consegna a mano ufficio protocollo [ ] Posta raccomandata [ ] Consegna a mano altro ufficio preposto Al Comune

Dettagli

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000

DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 DELIBERE REGIONALI SULLA SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE HACCP Situazione aggiornata ad ottobre 2000 L' articolo 10, comma 5, della legge 21 dicembre 1999 n. 526 " Legge comunitaria per il 1999 ", prevede

Dettagli

REGISTRAZIONE 852/04 REGIONE PIEMONTE. Di seguito è riportata la documentazione per la registrazione al Regolamento 852/04.

REGISTRAZIONE 852/04 REGIONE PIEMONTE. Di seguito è riportata la documentazione per la registrazione al Regolamento 852/04. REGISTRAZIONE 852/04 REGIONE PIEMONTE Di seguito è riportata la documentazione per la registrazione al Regolamento 852/04. Ulteriori specifiche sono disponibili al seguente indirizzo: http://www.regione.piemonte.it/sanita/sanpub/vigilanza/legislaz.htm

Dettagli

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ADEGUAMENTI NORMATIVI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Con il Decreto Interministeriale del 30 Novembre 2012 sono state recepite le PROCEDURE STANDARDIZZATE per l effettuazione della valutazione dei rischi (art.

Dettagli

Modulo B4.02 Mod.ASP_2_SCIA_Sanitaria_modifica Vers. 01 del 27/02/2015. significativa della unità d impresa del settore alimentare (1)

Modulo B4.02 Mod.ASP_2_SCIA_Sanitaria_modifica Vers. 01 del 27/02/2015. significativa della unità d impresa del settore alimentare (1) ALL. 2 Spazio per apportare il timbro di protocollo Data Prot. [ ] Inserita nel Sistema informativo regionale SUAP [ ] Posta elettronica certificata AL SUAP del Comune di.. Oggetto: notifica ai sensi dell

Dettagli

NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (art. 6 del Reg.

NOTIFICA UNITA D IMPRESA DEL SETTORE ALIMENTARE CON PROCEDURA DI DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (art. 6 del Reg. MOD 2 1 l Dipartimento Prevenzione della S FOGGI Di SN SEVERO e p.c. l Comune di SN GIOVNNI ROTONDO NOTIFIC UNIT D IMPRES DE SETTORE IMENTRE CON PROCEDUR DI DENUNCI INIZIO TTIVIT I FINI DE REGISTRZIONE

Dettagli

All Azienda Sanitaria Locale di Ambito territoriale ex A.S.L. n di. Dipartimento di Prevenzione S.B.A. C.S.U.

All Azienda Sanitaria Locale di Ambito territoriale ex A.S.L. n di. Dipartimento di Prevenzione S.B.A. C.S.U. Oppure OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA E Modello Segnalazione Allegato 2a Al SUAP di.. VIA......(.) Al Comune di.. Via...(.) All Azienda Sanitaria Locale di Ambito territoriale ex A.S.L. n di. Dipartimento

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) Art. 19 Legge 7 Agosto 1990, n. 241 Attività di laboratorio artigianale alimentare con annessa vendita La presente SCIA deve essere inviata in modalità

Dettagli

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004)

SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività - Notifica Registrazione Sanitaria (ai sensi del Regolamento CE n. 852/853/854 del 2004) Al Dipartimento di Prevenzione Azienda USL di Frosinone S.S Ispezione degli alimenti di o.a Distretto per il tramite dello SUAP in forma Associata della XIV Comunità Montana Valle di Comino SCIA Segnalazione

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Al Comune di DENUNCIA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 339 DEL

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome:

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Controlli ufficiali sulle imprese (tipologie e modalità sono elencate negli schemi e nei documenti allegati)

IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Controlli ufficiali sulle imprese (tipologie e modalità sono elencate negli schemi e nei documenti allegati) Dipartimento Sanità Pubblica UO Igiene degli limenti di Origine nimale IGIENE LIMENTI E NUTRIZIONE Controlli ufficiali sulle imprese (tipologie e modalità sono elencate negli schemi e nei documenti allegati).

Dettagli

Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004

Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Alimenti e bevande - notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Spett.le SPORTELLO UNICO ASSOCIATO Comuni di Monteriggioni e Castellina in Chianti Marca da bollo NON DOVUTA Il Sottoscritto: Cognome Nome Data

Dettagli

Tale registrazione avviene tramite NOTIFICA. NOTIFICHE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER: Inizio attività:

Tale registrazione avviene tramite NOTIFICA. NOTIFICHE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER: Inizio attività: ADEMPIMENTI DI CARATTERE SANITARIO PER L APERTURA/SUBENTRO/VARIAZIONE DI ATTIVITA A CARATTERE ALIMENTARE Sono soggette a registrazione: 1. Tutte quelle attività del settore alimentare in cui esistono fasi

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato.. Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) Via/Piazza... N C.A.

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato.. Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) Via/Piazza... N C.A. BOLLO REGIONE PIEMONTE Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Corso Stati Uniti, 1 10128 TORINO per il tramite dell ASL. SC Servizio di Igiene degli Alimenti Nutrizione (SIAN) e della Oggetto:

Dettagli

Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004

Oggetto: Denuncia di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 Spazio per apportare il timbro di protocollo Data Prot. ALL.1 [ ] Consegna a mano ufficio protocollo [ ] Posta raccomandata [ ] Consegna a mano altro ufficio preposto AL Dipartimento di Prevenzione Azienda

Dettagli

L acqua rappresenta la base della vita.

L acqua rappresenta la base della vita. LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO SANITARIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE H 2 O L acqua rappresenta la base della vita. L acqua deve pertanto detenere tutti i requisiti di sicurezza sanitaria necessari

Dettagli

Alimenti e bevande notifica ai sensi del reg CE 852/2004

Alimenti e bevande notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Alimenti e bevande notifica ai sensi del reg CE 852/2004 Spett.le SPORTELLO UNICO ASSOCIATO Comuni di Monteriggioni e Castellina in Chianti ( 4 copie in carta semplice comprensive degli allegati + Domanda

Dettagli

SUBENTRO comunica che la presente è in sostituzione della AUT/DIA/Notifica n. (denominazione della ditta precedente)

SUBENTRO comunica che la presente è in sostituzione della AUT/DIA/Notifica n. (denominazione della ditta precedente) Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009

Dettagli

PROCEDURE PER IL RICONOSCIMENTO, AI SENSI DEL REG. (CE) N. 853/2004, DEGLI STABILIMENTI CHE TRATTANO ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE.

PROCEDURE PER IL RICONOSCIMENTO, AI SENSI DEL REG. (CE) N. 853/2004, DEGLI STABILIMENTI CHE TRATTANO ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE. PROCEDURE PER IL RICONOSCIMENTO, AI SENSI DEL REG. (CE) N. 853/2004, DEGLI STABILIMENTI CHE TRATTANO ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE. Premessa La normativa vigente su tutto il territorio comunitario sull'igiene

Dettagli

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER)

COMMERCIO AL MINUTO, ALL INGROSSO, AL DETTAGLIO DI CARNI FRESCHE E PRODOTTI ITTICI (MOD. A1 A1 BIS DISTRIBUTORI - A1 TER) RELAZIONE TECNICA da allegare a NOTIFICA/COMUNICAZIONE con modelli A1 A1 BIS DISTRIBUTORI A1 TER Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta:

Dettagli

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010

Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Allegato 2 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Spazio per apporre il timbro di protocollo ASL TO3 All ASL TO3 Data Prot. ASL TO3 Servizio/S.C.... Oggetto: Notifica di inizio o variazione di attività ai

Dettagli

Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE

Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE Qualità igienico-nutrizionale del pasto nella mensa scolastica CONVEGNO AGIDAE Chianciano,, giugno 2008 dott. Alessandra Mauti - Dietista NUOVI MODELLI DI CONSUMO CRESCITA DELLA RISTORAZIONE EXTRADOMESTICA

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

COMUNE DI CARPI Settore A8 SPORTELLO UNICO - Commercio e Attività Economiche Via S. Manicardi 41 41012 CARPI (Modena)

COMUNE DI CARPI Settore A8 SPORTELLO UNICO - Commercio e Attività Economiche Via S. Manicardi 41 41012 CARPI (Modena) COMUNE DI CARPI Settore A8 SPORTELLO UNICO - Commercio e Attività Economiche Via S. Manicardi 41 41012 CARPI (Modena) DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Regolamento ce 852/2004 e della

Dettagli

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele)

Produzione primaria per uso domestico. Preparazione, manipolazione origine animale. conservazione domestica (eccetto di alimenti miele) Ogni operatore del settore alimentare notifica Produzione primaria per uso domestico privato alimenti di Preparazione, manipolazione origine animale che esegua e conservazione domestica (eccetto di alimenti

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DELLE INPRESE ALIMENTARI (REGOLAMENTO CE N. 852/2004) Il/la sottoscritto/a

ALLEGATO ALLA DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DELLE INPRESE ALIMENTARI (REGOLAMENTO CE N. 852/2004) Il/la sottoscritto/a Scheda 1M Allegato 1 ALLEGATO ALLA DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) AI FINI DELLA REGISTRAZIONE DELLE INPRESE ALIMENTARI (REGOLAMENTO CE N. 852/2004) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive del

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05. Al Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda Sanitaria Locale di per il tramite del Comune DENUNCIA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n.

Dettagli

Prime note esplicative relative all applicazione della DGR n. 16-4910 del 14.11.2012 e della DD n. 799 del 15.11.2012.

Prime note esplicative relative all applicazione della DGR n. 16-4910 del 14.11.2012 e della DD n. 799 del 15.11.2012. Allegato I Prime note esplicative relative all applicazione della DGR n. 16-4910 del 14.11.2012 e della DD n. 799 del 15.11.2012. 1 - Premessa Sul supplemento Ordinario n. 227/L alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Al del Comune di CAPURSO Servizio Attività Produttive Largo S. Francesco 22

Al del Comune di CAPURSO Servizio Attività Produttive Largo S. Francesco 22 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA DI CIRCOLO PRIVATO CON LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE RISERVATA AI SOCI DEL CIRCOLO/ASSOCIAZIONE ADERENTE AD ENTE O ORGANIZZAZIONE NAZIONALE AVENTE

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO)

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) AL COMUNE DI BORGO A MOZZANO UFFICIO COMMERCIO AREE PUBBLICHE OGGETTO: Domanda per sub ingresso in autorizzazione/concessione decennale

Dettagli

Modulo notifica attività alimentare soggetta a registrazione (art.6 Reg. CE 852/2004) aggiornato al 1.3.2011

Modulo notifica attività alimentare soggetta a registrazione (art.6 Reg. CE 852/2004) aggiornato al 1.3.2011 Modulo notifica attività alimentare soggetta a registrazione (art.6 Reg. CE 852/2004) aggiornato al 1.3.2011 Spazio riservato al Comune per il protocollo A.S.L. Salerno (ex ASL Sa 2) - Dipartimento di

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Marche Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N.

Dettagli

DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 Regolamento CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05.

DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 Regolamento CE n. 852/04 e D.G.R. n. 275 del 16.05. Al Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda USL per il tramite del Comune di DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 Regolamento CE n. 852/04

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia Tipologia atto Dichiarazione di inizio attività produttiva, ai sensi della legge regionale n. 1/2007 e n. 8/2007

Dettagli

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio Tel/ 0884\550310-552435 Fax 559870 AL SINDACO

Dettagli

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE

Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Al Responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell Azienda per I Assistenza Sanitaria n.1 Triestina via de Ralli, 3 34128 TRIESTE Marca da bollo MODELLO RIC data: 02.01.2015 Rev: 01 Oggetto:Istanza di

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona Allegato A alla deliberazione C.C. n. 22 in data 14.6.2011. Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI SAGRE GASTRONOMICHE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA

I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA I CONTROLLI SULLA QUALITA DELLA REFEZIONE SCOLASTICA Oltre ai controlli già stabiliti dalla Legge rispetto alla normativa igienico sanitaria, le proposte per un controllo sui pasti della refezione scolastica

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

Nuova attività Modifica attività

Nuova attività Modifica attività Sportello per l Esercizio delle Attività Produttive del Comune di Genova Via di Francia 1-16149 Genova seap@comune.genova.it ANAGRAFICA Rettifica ragione sociale Subentro (igiene) Nuova attività Modifica

Dettagli

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 L'entrata in vigore dei recenti regolamenti europei in materia di sicurezza degli alimenti, il cosiddetto "Pacchetto igiene", sta avviando una profonda

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune di OSTRA NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Modulo E7.02 mod. COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 02 del 09/04/2015

Modulo E7.02 mod. COM_38_scia_vend corrispondenza vers. 02 del 09/04/2015 Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ FORME SPECIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO Vendita per Corrispondenza, Radio, Televisione o altri sistemi di

Dettagli

A Cosenza: Corso per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO)

A Cosenza: Corso per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO) A Cosenza: Corso per alimentaristi categoria A che richiedono per la prima volta l attestato di formazione (CORSO DI APPROFONDIMENTO) Scuola Sede di svolgimento del corso Segreteria Organizzativa DESTINATARI

Dettagli

OGGETTO: Domanda/Comunicazione per

OGGETTO: Domanda/Comunicazione per MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE (TIP. B) (La marca da bollo deve essere applicata solamente nel caso di richiesta di nuova autorizzazione) Marca da bollo da 14.62 AL COMUNE di

Dettagli

approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 59 del 29/10/2015

approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 59 del 29/10/2015 Regolamento Comunale delle Sagre e delle attività di somministrazione di alimenti e bevande in forma temporanea (ai sensi dell art. 10 della Legge Regionale 14/2003 come modificato dalla L.R. 27/6/2014

Dettagli

IGIENE DEGLI ALIMENTI

IGIENE DEGLI ALIMENTI SERVIZIO AZIENDA SICURA IGIENE DEGLI ALIMENTI Assiste ed informa il Responsabile sui temi dell Igiene degli Alimenti (Adempimenti previsti dalle disposizioni normative vigenti) Realizza il Manuale Aziendale

Dettagli

Dir. DB2000 Sett. DB20.17 Allegato n. 1 di 5 Pag. 1. Oggetto: Notifica relativa alle attività Registrate ai sensi dell art. 6 Reg.

Dir. DB2000 Sett. DB20.17 Allegato n. 1 di 5 Pag. 1. Oggetto: Notifica relativa alle attività Registrate ai sensi dell art. 6 Reg. Dir. DB2000 Sett. DB20.17 Allegato n. 1 di 5 Pag. 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Dat Allegato 1 alla DD n. del Data Prot. Oggetto: Notifica relativa alle attività Registrate ai sensi dell

Dettagli

*AI SUAP di., Via. Via. Numero di registrazione/autorizzasione

*AI SUAP di., Via. Via. Numero di registrazione/autorizzasione Modello "Segnalazione" - Allegato 2a *AI SUA di., Via OURE *A1 Comune di Via e All'Azienda Sanitaria Locale di...,..,.,. ambito territoriale ex A.S.L. n,,.,.., di,.... Dipartimento di revenzione n S.B.A,

Dettagli

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI

LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI LINEE GUIDA APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO SULL IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Le presenti linee-guida, predisposte in collaborazione con le Regioni

Dettagli

Ministero della Salute D.G.I.S.A.N. Ufficio VII ex DGSAN Prodotti fitosanitari

Ministero della Salute D.G.I.S.A.N. Ufficio VII ex DGSAN Prodotti fitosanitari Rilascio permessi di commercio parallelo per un prodotto fitosanitario Pagina 1 di 7 Emessa il: da: Verificata il: da: Approvata il: da: In vigore dal: Copia controllata n.: Lista di distribuzione: Storia

Dettagli

DICHIARAZIONE SUBINGRESSO / CESSAZIONE / SOSPENSIONE E RIPRESA / CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITA' PRODUTTIVA

DICHIARAZIONE SUBINGRESSO / CESSAZIONE / SOSPENSIONE E RIPRESA / CAMBIAMENTO RAGIONE SOCIALE DI ATTIVITA' PRODUTTIVA MODULISTICA REGIONALE UNIFICATA MODELLO B Spazio per apposizione protocollo Inserire qui stemma del Comune Al Comune di Cognome Codice Fiscale Nome Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Data

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ LABORATORIO ARTIGIANALE PRODUZIONE E VENDITA CIBI DA ASPORTO Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda

Dettagli

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 Alberto Grossi Direttore della Direzione Consumatori e Qualità del Servizio Questa presentazione non è un

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ LABORATORIO ARTIGIANALE PRODUZIONE E VENDITA DOLCI E GELATI Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda

Dettagli

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA INDICE 1. Funzioni...2 2. Costituzione e composizione della commissione...2

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività di somministrazione di alimenti e bevande. Codice Fiscale TEL FAX

Segnalazione certificata di inizio attività di somministrazione di alimenti e bevande. Codice Fiscale TEL FAX AREA COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Timbro Protocollo MOD. 311 ESERCIZI PUBBLICI Servizio Attività economiche e di servizio SUAP Pianificazione Commerciale COMPILARE

Dettagli

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI VOLVERA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA CARTA DEI SERVIZI PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA 1 Sommario 1 CARTA DEL SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL'INFANZIA STATALI E COMUNALI 3 1.1 LA PRODUZIONE DEI PASTI 3 1.2 LA TABELLA ETETICA

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.009223 BOLOGNA 01/08/2008

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.009223 BOLOGNA 01/08/2008 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.009223 BOLOGNA 01/08/2008 OGGETTO: PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA' E IL RICONOSC

Dettagli

NOTIFICA IMPRESA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. Lazio n.

NOTIFICA IMPRESA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. Lazio n. Azienda Unità Sanitaria Locale di Viterbo Dipartimento di Prevenzione U.O.S.D. Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Via E. Fermi, 15 01100 Viterbo Per tramite il SUAP del Comune di NOTIFICA IMPRESA SETTORE

Dettagli

1. CLASSIFICAZIONE DELLE MANSIONI A RISCHIO AI FINI DELL INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE TENUTO ALLA FREQUENZA DEI CORSI DI FORMAZIONE:

1. CLASSIFICAZIONE DELLE MANSIONI A RISCHIO AI FINI DELL INDIVIDUAZIONE DEL PERSONALE TENUTO ALLA FREQUENZA DEI CORSI DI FORMAZIONE: CRITERI E MODALITÀ PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E PER IL RILASCIO DEL RELATIVO ATTESTATO, AI SENSI DELL ART. 3 DELLA L.R. N. 11/2003

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO COMUNALE DELLE SAGRE E DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN FORMA TEMPORANEA (ai sensi dell art.

Dettagli

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA 1) Che cos è la SCIA? La SCIA - Segnalazione di Inizio Attività (Produttiva) - è la dichiarazione che, correttamente compilata e consegnata, consente di iniziare, modificare

Dettagli

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in

..l.. sottoscritt... nat a... il.. residente in SCIA - subingresso esercizio di somministrazione alimenti e bevande a seguito reintestazione per risoluzione contratto di affitto di azienda. Al Comune di CARCARE Ufficio Commercio..l.. sottoscritt...

Dettagli

via/piazza n. tel. fax e-mail N.di iscrizione al Registro Imprese N. REA CCIAA di

via/piazza n. tel. fax e-mail N.di iscrizione al Registro Imprese N. REA CCIAA di Scheda 8 Peca S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Al Dipartimento SUAP Sportello Unico Attività Produttive Comune Di Messina l sottoscritt

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ LABORATORIO ARTIGIANALE PRODUZIONE E VENDITA CIBI DA ASPORTO 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

COMUNICA. che presso i locali o negli spazi (stands) posti in Radda in Chianti / Gaiole in Chianti Via/Piazza/Loc...

COMUNICA. che presso i locali o negli spazi (stands) posti in Radda in Chianti / Gaiole in Chianti Via/Piazza/Loc... SERVIZIO ASSOCIATO COMUNI DI RADDA E GAIOLE IN CHIANTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ PER SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE DI CUI AGLI ARTT. 42 e 45 DELLA L.R. 28/2005 l SOTTOSCRITT

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

Allegato 1 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010

Allegato 1 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 Allegato 1 alla DGR n. 21-1278 del 23/12/2010 INDICAZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 852/2004/CE E DELL ACCORDO TRA IL MINISTRO DELLA SALUTE, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO

Dettagli

Oggetto: Costituzione Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche. Il Direttore del Servizio

Oggetto: Costituzione Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche. Il Direttore del Servizio Oggetto: Costituzione Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche. Il Direttore del Servizio VISTA la legge regionale 8 agosto 2006 n.13 di Riforma degli enti agricoli e riordino delle

Dettagli

Al Comune di GROTTAMMARE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009) Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Al Comune di GROTTAMMARE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009) Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 (modello x manifestazioni temporanee) Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n 12 dell ASUR Al Comune di GROTTAMMARE di SAN BENEDETTO DEL TRONTO NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA

Dettagli

Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009.

Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009. Modello A Raccomandata AR Marca da bollo 16,00 Richiesta di autorizzazioni fitosanitarie ai sensi del D.Lgs. n. 214/05 e Decreto MIPAAF n. 12/11/2009. QUADRO A-1 Prima iscrizione Variazione IL/LA SOTTOSCRITTO/A...........

Dettagli