ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA"

Transcript

1 ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato una tipologia di servizio prevista dall art. 70 della Legge 448/2001, dalla L.R. 32/2002 e dal successivo regolamento regionale denominata Nido d Infanzia a tempo corto come la più rispondente alle esigenze delle bambine e dei bambini presenti sul territorio. Si tratta di un servizio che si configura come luogo con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale, rivolto ai bambini e alle loro famiglie. Il Nido d infanzia è il più classico e sperimentato dei servizi pensati per la prima infanzia, ma possiede anche le potenzialità per offrire un servizio articolato alle famiglie, offrendo proposte flessibili e differenziate alle loro esigenze attraverso soluzioni diversificate sul piano strutturale e organizzativo. Il contesto nel quale il Nido si inserisce è quello del territorio del Comune di Firenze, con riferimento alla situazione dei servizi rivolti alla prima infanzia ed alla condizione delle madri e, più in generale delle famiglie, che di questi servizi usufruiscono per avere un valido supporto nell educazione e 1

2 nella cura dei propri bambini nella fascia di età compresa fra i 12 mesi ed i 3 anni. 2. Bambini frequentanti Il Nido d Infanzia è autorizzato per n. 26 bambini, considerando gli standard di massima frequenza l Asilo, fin dal suo inizio, ha accolto fino a 32 bambini, analizzando un impiego degli spazi a disposizione che rispetti gli standard minimi, un giusto rapporto tra risorse e benefici, ma che anche valorizzi al meglio la qualità dei servizi che verranno erogati. L ambiente, sufficientemente ampio ed articolato, è organizzato in modo da favorire sia attività per piccoli gruppi, sia attività di gioco libero, ma anche attività di accoglienza e spazi per la socializzazione tra le famiglie. 2.1 Gruppi di lavoro I bambini sono divisi in piccoli gruppi tenendo, conto dell età e dello sviluppo psicomotorio, anche se si propongono attività che permettono l interazione tra bambini di gruppi diversi, per favorire la socializzazione e in modo da far sperimentare loro una gamma di esperienze più vasta. Una particolare attenzione è dedicata alla continuità 0-6 anni come fattore di qualità riconosciuto e condiviso. Parimenti saranno sperimentate attività di scambio e interazione con realtà educative del territorio, con una particolare attenzione all integrazione tra diversi servizi all infanzia presenti nel territorio. I bambini che frequentano il Nido d Infanzia sono affidati alle cure di personale qualificato, che organizza la permanenza dei piccoli attraverso 2

3 attività individuali o di gruppo tese a sviluppare le loro capacità logiche e psicomotorie, favorendo la socializzazione e l apprendimento. 3. Calendario di apertura e orari di funzionamento del servizio I moduli di orario a disposizione delle famiglie sono i seguenti: un tempo parziale antimeridiano dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore 14:30; La struttura segue il calendario scolastico regionale e chiude soltanto durante i periodi delle festività natalizie e pasquali e rimane aperta durante il mese di luglio se vi sono un certo numero di richieste. 4. Gli operatori del servizio: il personale Nell ambito dell organizzazione del lavoro dello Nido d Infanzia, si prevede la partecipazione del personale alla programmazione educativa, a corsi di aggiornamento e di qualificazione promossi e gestiti in collaborazione con gli enti pubblici (Regione, Comuni, Centri di Documentazione, organismi scolastici ecc ) o promossi direttamente dalle Cooperative sociali attuatori delle attività, in una logica di formazione permanente e continua. A Gli educatori Il personale, a diretto contatto con i bambini, è qualificato e con esperienza di lavoro educativo alle spalle. La presenza degli educatori è articolata secondo le esigenze dei bambini, e secondo quanto espresso in tema 3

4 di rapporti numerici educatori-bambini 1, per garantire lo svolgimento dell attività attraverso un idoneo rapporto tra educatore e bambino. L educatrice operante presso il Nido deve essere in possesso del titolo di studio corrispondente all incarico ricoperto, in particolare il personale educativo deve essere provvisto di un titolo di studio legale tra quelli elencati al Titolo IV, Capo I Titolo di studio degli operatori dall art. 11 del Regolamento regionale n. 47 del Gli educatori presenti presso il nido, sono in numero tale da garantire sicurezza e qualità al servizio, secondo gli standard previsti dalla normativa regionale riguardo al rapporto numerico educatori/bambini. Il coordinamento e la collaborazione degli educatori è elemento centrale nella programmazione del Nido. E necessario che ognuno sia valorizzato e stimolato nelle proprie specifiche caratteristiche avendo cura che ogni iniziativa sia conosciuta e condivisa dal personale. Il coordinatore in particolare attraverso frequenti contatti, favorisce lo scambio d informazione e di opinioni tra gli educatori cercando di maturare ogni singola proposta come proposta al servizio di tutti. La divisione dei compiti, secondo 1 cfr. Regolamento Regionale Toscana n. 47/2003. Art art. 11 titoli per l esercizio della funzione di educatore. Per l esercizio della funzione di educatore presso i servizi educativi per la prima infanzia è necessario il possesso di uno dei seguenti titoli di studio o qualifiche professionali: a) diploma di dirigente di comunità infantile rilasciato dall istituto tecnico femminile; b) diploma di maturità magistrale rilasciato dall istituto magistrale; c) diploma di scuola magistrale di grado preparatorio; d) diploma di maturità rilasciato dal liceo socio-psico-pedagogico; e) diploma di assistente di comunità infantile rilasciato dall istituto professionale di Stato per assistente all infanzia; f) diploma di maestra di asilo; g) diploma di operatore dei servizi sociali; h) diploma di tecnico dei servizi sociali; i) titolo di studio universitario conseguito in corsi di laurea afferenti alle classi pedagogiche o psicologiche; j) master di primo o secondo livello avente ad oggetto la formazione della prima infanzia; k) attestato di qualifica rilasciato dal sistema della formazione professionale per un profilo professionale attinente ai servizi per la prima infanzia. 4

5 competenze e responsabilità, deve comunque favorire la percezione di un lavoro comune, nella consapevolezza che il nido è la struttura educativa che soddisfa i bisogni affettivi, relazionali, cognitivi dei bambini, li cura e li accudisce. Il servizio infatti presenta identità, strutturazione e modalità funzionali che rispettano i bisogni peculiari dei bambini sotto i tre anni, favorendo e proponendo occasioni di crescita per tutti. In questo contesto l educatore è cosciente che il bambino al Nido è una persona alla quale viene offerta la possibilità di vivere un rapporto significativo ed equilibrato con il mondo attraverso: - qualificate relazioni positive con gli adulti e il gruppo dei pari; - un ambiente che faciliti e stimoli la sua crescita psico-fisica. Le funzioni e le competenze del personale educativo sono principalmente rivolte alla: a. gestione del complesso delle relazioni con il bambino, con il gruppo dei bambini, con i genitori, con il personale del Nido; b. accoglienza, comprensione e valorizzazione delle esigenze sociocognitive, affettive, relazionali legate al percorso di crescita di ogni singolo bambino e del gruppo; c. programmazione, conduzione, osservazione, documentazione (diario dell esperienza) e valutazione di specifici interventi educativi e proposte di gioco rivolte al bambino e al gruppo; d. conduzione della comunicazione e del confronto con i genitori. B. Il personale ausiliario Il personale ausiliario dei servizi educativi riveste anch esso precise funzioni educative. La prospettiva di una sua implicazione nel progetto 5

6 educativo, implica la necessaria consapevolezze delle finalità e degli obiettivi, ma anche delle specifiche programmazioni ed attività proposte al fine di evidenziare la valenza delle mansioni da esso assolte all interno del servizio. Per questo sono necessari incontri specifici per favorire l informazione e l aggiornamento del personale ausiliario, secondo formule che prevedano la partecipazione alle riunioni del personale educativo o ad altri specificamente predisposti. Il personale ausiliario è impiegato per assicurare idonei requisiti igienico-sanitari; è presente presso la struttura in numero ed orari adeguati al bisogno e avrà il compito, oltre alla pulizia dell ambiente, di predisporre la merenda e il pranzo dei bambini. C. Il coordinamento pedagogico Il coordinamento pedagogico nel Nido ha una funzione importante per quanto riguarda l indirizzo e la verifica delle attività e della programmazione. Un coordinatore interno con il periodico ausilio di un coordinatore esterno e dell esperienza maturata nei servizi all infanzia dalla stessa Amministrazione Comunale, ha il compito di incontrarsi settimanalmente con gli educatori per esaminare il risultato dell attività del Nido e attraverso una supervisione durante il lavoro con i bambini, e per avere la possibilità di vedere sul campo il tipo di risposta da parte dei bambini. Una volta ogni due mesi, o con la periodicità che il monitoraggio costante suggerisce come più opportuna, è proposto un incontro con le famiglie per coinvolgere i genitori nelle attività del Nido, oltre alla realizzazione di incontri periodici individualizzati con i genitori per garantire una continuità educativa fra l intervento degli educatori e la famiglia. 6

7 E evidente come il coordinamento pedagogico è un patrimonio di esperienza messo al servizio del Nido, fattore di efficienza e competenza che non si sostituisce all attività quotidiana degli educatori, ma che ne qualifica l azione e mette in atto la valorizzazione in questa tipologia di intervento attraverso una progettazione pedagogica che attenga alla dimensione organizzativa, relazionale e culturale del servizio stesso. Il coordinatore ha cura di attivare e verificare i processi indispensabili alla buona riuscita del lavoro educativo che di seguito elenchiamo: 1. progettazione/riprogettazione organizzativa e pedagogica 2. modalità di ammissioni 3. lavoro di equipe 4. coinvolgimento dei genitori 5. alimentazione, sicurezza e igiene 6. rapporto con il territorio 7. rapporti e iniziative legate alla rete dei servizi all infanzia 8. formazione educatori 9. promozione/comunicazione degli obiettivi Coordinamento con il nido d infanzia Cometa Ogni anno a settembre le educatrici dello spazio gioco e quelle del nido fissano degli incontri bimestrali per organizzare gli spazi in modo da soddisfare le esigenze di tutti e due i servizi. Lo spazio gioco si svolge nella stessa sezione dove la mattina lavora la sezione dei grandi in modo che gli angoli risultino adeguati all età. Inoltre viene anche organizzato l uso delle pareti per quanto concerne la documentazione delle attività svolte. Ogni due 7

8 mesi le educatrici si incontrano per verificare l andamento delle attività e concordare eventuali miglioramenti. 4.1 Rispetto della normativa sul lavoro L Ente gestore garantisce il rispetto dei contratti di lavoro applicati a tutto il personale utilizzato per effettuare il servizio, della normativa vigente in materia lavoristica ed in particolare quella relativa alla sicurezza (exd.lgs 626/04 e successive modifiche ed integrazioni). E garantita l osservanza delle norme comportamentali in caso di sciopero a tutela dell utenza ex legge 146/90 e 83/ Formazione e aggiornamento Educatori e operatori parteciperanno ogni anno alle attività di formazione e aggiornamento organizzate dal Comune di Firenze per il personale impiegato nei servizi all infanzia, dal coordinamento tecnico pedagogico e con la supervisione del responsabile del servizio Educazione all infanzia del Comune di Firenze. L ente gestore garantisce la possibilità di partecipare a corsi di aggiornamento che costituiscono il necessario approfondimento di carattere pedagogico, didattico metodologico della professione. Sono previsti inoltri specifici corsi relativi agli adempimenti richiesti relativamente alla gestione della sicurezza (D.Lgs. 626) e all igiene alimentare (HACCP). Dal 2004 inoltre il personale ai tre momenti formativi organizzati dal Consorzio PAN annualmente. L anno scorso in particolare i corsi si sono svolti a Milano, Roma e Firenze sui seguenti temi: Programmazione e progettazione, 8

9 musicoterapia, psicomotricità, la relazione, il rapporto con la famiglia e l organizzazione degli spazi al nido. Inoltre il personale ha partecipato a laboratori sulla carta, sulla documentazione e sui mobile. Il totale di ore che ha impegnato gli educatori è di circa Inserimento al lavoro di persone svantaggiate Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, il soggetto gestore verificherà la possibilità di inserire personale svantaggiato in funzioni e compiti che garantiscano percorsi di promozione umana e inserimento attivo. 4.4 Organizzazione e orari di lavoro del personale L orario di lavoro è organizzato in modo da garantire ad ogni educatore un numero di ore medie settimanali non frontali pari a due e ad ogni operatore un numero di ore medie settimanali non frontali pari a una per attività quali la formazione, l aggiornamento professionale, le riunioni organizzative, la programmazione e gli incontri con le famiglie. 4.5 Monitoraggio e valutazione Per quanto riguarda il monitoraggio della qualità percepita ed erogata saranno somministrati alle famiglie dei test/questionari appositamente predisposti. Inoltre il servizio aderendo alla rete dei Servizi alla Prima Infanzia PAN utilizza gli strumenti di valutazione interna ed esterna predisposti dalla rete. 9

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione

LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità Art. 2 Ammissione LUDOTECA Equilibrio Art. 1 Definizione e Finalità La ludoteca, sia pubblica che privata, si configura come un luogo finalizzato alla promozione e alla diffusione della cultura del gioco. La ludoteca in

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA E PER L INFANZIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 19.06.2008 INDICE Art. 1 - Finalità generali

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE

CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE. Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI ARZERGRANDE Settore IV Demografico Sociale Via Roma 104 - Tel. 049 5800030 COSEP - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE Via Guido Reni 17/1 - Padova Tel. 049 611333 - Fax 049 611923

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI

COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI COMUNE DI MONTEBELLUNA ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI Approvata con DGC n. 180 del 20-09-2010 PREMESSA: PRINCIPI FONDAMENTALI: L Amministrazione Comunale definisce un sistema di regole e garanzie

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

CENTRO LAVORO E ARTE

CENTRO LAVORO E ARTE LIBERA ASSOCIAZIONE PRO-HANDICAPPATI Via 4 novembre 7 Lodi Vecchio Tel :0371 464188 e mail info@centrolavoroearte.it CENTRO LAVORO E ARTE Modulo A 1. SCHEMA GENERALE DEL CENTRO 2. TIPOLOGIA D UTENZA 3.

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori

Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione degli operatori Investire nei bambini in Italia: strumenti dell'ue e opportunità di finanziamento Il contributo del FSE per lo sviluppo dei Servizi per la prima infanzia nella Regione Friuli Venezia Giulia: la formazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare

Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare Città di Stradella Provincia di Pavia Assessorato al Welfare SERVIZIO: Attività Socio-Assistenziale Culturale Educativa Sportiva - Carta dei Servizi: ASILO NIDO Pag. 1 INDICE della Carta dei Servizi Che

Dettagli

CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA

CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA Asilo nido Scuola materna Ludoteca - Doposcuola Via San Francesco, 71 Latina CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA Pensato e creato per bambini da zero a dieci anni, è il luogo in cui il bambino apprende

Dettagli

COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO A COMUNE DI MOMBAROCCIO PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE ED IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE FRUITRICI DEL SERVIZIO SOCIO-EDUCATIVO SPERIMENTALE DENOMINATO NIDO IN FAMIGLIA

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori

Allegato D. Art. 13 Titoli di studio degli educatori. Art. 13 Titoli di studio degli educatori Allegato D Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 30 luglio 2013, n. 41/R (Regolamento di attuazione dell articolo 4 bis della legge regionale 26 luglio 2002,

Dettagli

Comune di Erba. Nido Magolibero. Gestito da. Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO

Comune di Erba. Nido Magolibero. Gestito da. Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO Comune di Erba Nido Magolibero Gestito da Cooperativa Sociale Lavoro e Solidarietà CARTA DEL SERVIZIO Per noi il nido è... Il nido è un servizio socio-educativo per la prima infanzia, aperto a tutti i

Dettagli

Carolina Isabel Catalano. Educatore Professionale

Carolina Isabel Catalano. Educatore Professionale Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Carolina Isabel Catalano Via G. Deledda, 4, 07041 Alghero (Italia) (+39) 331 703 13 67 (+39) 349 866 40 76 sarisabel@tiscali.it Sesso Femminile Data di nascita 27/02/1981

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani

4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA. 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani 4. EDUCAZIONE, FORMAZIONE, CULTURA 4.5 Politiche per l infanzia e per i giovani INDICE Inquadramento strategico.................... pag. 125 Risorse impiegate...................... pag. 126-127 Principali

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA

Città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA REQUISITI DI ACCREDITAMENTO PER LE UNITA D OFFERTA PER LA PRIMA INFANZIA Approvati dall Assemblea Distrettuale dei Sindaci deliberazione n. 3 del 9.2.2011 Premessa L accreditamento può essere richiesto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

N. 423 DEL 09.09.2008

N. 423 DEL 09.09.2008 N. 423 DEL 09.09.2008 ASILI NIDO - APPROVAZIONE PROGETTO PER L INSERIMENTO DI BAMBINI CON DISABILITÀ NEGLI ASILI NIDO COMUNALI - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 LA GIUNTA COMUNALE Vista la Legge Regionale 27/94

Dettagli

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini

Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Carta Servizi Asilo Nido comunale di Carini Contatti Capo Rip.ne III Pietro Migliore Tel. 091/8611341 Fax 091/8661459 email pietro.migliore@pec.comune.carini.pa.it Istruttore direttivo Antonina Ruffino

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO LA CULLA D ORO gestito da consorzio arcobaleno LA CARTA DEI SERVIZI 1 INDICE 1. LA CARTA DEI SERVIZI 1.1 Che cos è la Carta dei Servizi 1.2 Quali sono i principi a cui si ispira 2. IL SERVIZIO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle

Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle In cosa consiste il sevizio Il Centro Intercomunale di Servizi per la Prima Infanzia Le Coccinelle è un servizio socioeducativo per la

Dettagli

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito

Indicatori e Standard di qualità per la Carta dei Servizi Prima Infanzia di Ambito CENTRO STUDI ALSPES RICERCA SOCIALE VALUTAZIONE E SVILUPPO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Via Tagliamento, 2 20097 San Donato Milanese (MI) tel. 02.52.79.190 www.alspes.it Indicatori e Standard di qualità per

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE PROVINCIALE Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Via E. Mach, 2 38010 San Michele all Adige (TN) Tel. 0461 650314 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

Micronido BIM BUM BAM!!

Micronido BIM BUM BAM!! Micronido BIM BUM BAM!! Per i bimbi fino ai 3 anni aperto tutto l'anno dalle 07.30 alle 18.30 (orari e frequenze liberi!!) per info.: 049 9387559 via Dante, 5\B a Trebaseleghe CARTA DEI SERVIZI settembre

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

IQBAL MASIH VIA ITALIA 11 VEDANO AL LAMBRO

IQBAL MASIH VIA ITALIA 11 VEDANO AL LAMBRO CARTA DELL ASILO NIDO IQBAL MASIH VIA ITALIA 11 VEDANO AL LAMBRO Anno educativo 2012/2013 PREMESSA La Carta dell Asilo Nido vuole essere uno strumento ideato per fornire garanzie alle famiglie che utilizzano

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione

ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto. Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione ALLEGATO A) al capitolato speciale d appalto Indirizzi generali per la predisposizione del Progetto di gestione 1 PROGETTO ASILO NIDO GESTIONE DEL SERVIZIO ASILO NIDO E DEL POST-NIDO Premessa: La traccia

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30

LA CARTA DEL SERVIZIO. Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 IL NIDO DI CASA REBECCA VIA MAIOLO, 5 10044 PIANEZZA (TO) LA CARTA DEL SERVIZIO ORARI Dal lunedì al venerdì: 7,30 18,30 Pre-Nido 7,30-8,30 Tempo Pieno 8,30/9,30-16,15/16,30 Mattino corto 8,30-12,30/13,00

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ).

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ). A I S T I T U T O M A G I S T R A L E S T A T A L E T O M M A S O S T I G L I A N I con Indirizzi: LICEO SCIENZE UMANE - LICEO SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO SOCIALE LICEO LINGUISTICO LICEO MUSICALE Via

Dettagli

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia

TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia Un nido a dimensione familiare TAGESMUTTER - IL SORRISO Cooperativa sociale di Servizi per l Infanzia La Cooperativa sociale Tagesmutter del Trentino - Il Sorriso nasce per valorizzare il lavoro educativo

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

Capo IV - Strumenti a sostegno della scelta educativa delle famiglie Art. 17 - Carta dei servizi Art. 18 - Elenco comunale degli educatori

Capo IV - Strumenti a sostegno della scelta educativa delle famiglie Art. 17 - Carta dei servizi Art. 18 - Elenco comunale degli educatori Allegato A Regolamento di attuazione dell articolo 4 bis della legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 (Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento,

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

QUESTIONI GENERALI. 1) Riscrittura integrale del regolamento;

QUESTIONI GENERALI. 1) Riscrittura integrale del regolamento; QUESTIONI GENERALI 1) Riscrittura integrale del regolamento; 2) Nuova definizione della classificazione delle tipologie dei servizi educativi per la prima infanzia, sulla base del nomenclatore interregionale.

Dettagli

Progetto Organizzativo

Progetto Organizzativo Progetto Organizzativo CRITERI DI ACCESSO AL SERVIZIO Il bambino per il quale si richiede il servizio deve avere un età compresa dai 3 mesi e i 13 anni. Date le esigenze delle famiglie, punti di forza

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche

PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA La Cooperativa Koinè nasce nel luglio 1989, quando due socie dell originaria cooperativa Abacus, società di ricerche di mercato e sondaggi d opinione, ceduta a una neo costituita

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

I.P.A.B. - CASA DELL ACCOGLIENZA BALDO SPREA

I.P.A.B. - CASA DELL ACCOGLIENZA BALDO SPREA I.P.A.B. - CASA DELL ACCOGLIENZA BALDO SPREA Soggiorno per Anziani Villa Sprea Scuola Materna San Giuseppe P.zza B. Sprea, 18-37031 ILLASI (VR) Telefono 045/7834037 - Fax 045/6528770 Codice Fiscale/Partita

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA

REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA Anno educativo 2009/2010 ART. 1 Identità del Servizio L'asilo infantile Fausto Fumi è impegnato da 137 anni

Dettagli

CONFERENZA PER L ISTRUZIONE ZONA FIORENTINA NORD-OVEST

CONFERENZA PER L ISTRUZIONE ZONA FIORENTINA NORD-OVEST CONFERENZA PER L ISTRUZIONE ZONA FIORENTINA NORD-OVEST LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA DELLA ZONA FIORENTINA NORD OVEST 1 - LA CONFERENZA DI ZONA La

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MACCAGNI NADIA MATR. 395697 Data di nascita 22/12/1952 Qualifica FUNZIONARIO SERVIZI EDUCATIVI E CULTURALI Amministrazione COMUNE DI GENOVA Incarico attuale

Dettagli

CHIARA MORABITO: 12/10/84. Studi e formazione scolastica:

CHIARA MORABITO: 12/10/84. Studi e formazione scolastica: CHIARA MORABITO: 12/10/84 Studi e formazione scolastica: Novembre 2011 Laurea specialistica in Scienze Pedagogiche Facoltà di Scienze della formazione presso l Università degli Studi di Verona, voto: 107/110.

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO PROVINCIA DI ANCONA - INDICE - PREMESSA Pag. 2 Che cos è la carta del servizio Pag. 2 A chi si rivolge Pag. 2 Finalità Pag. 2 Valutazione ed aggiornamento della carta Pag. 2 1) FINALITA E PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

Comuni di LONDA - PELAGO PONTASSIEVE - RUFINA SAN GODENZO

Comuni di LONDA - PELAGO PONTASSIEVE - RUFINA SAN GODENZO Comuni di LONDA - PELAGO PONTASSIEVE - RUFINA SAN GODENZO (CONFERENZA PER L EDUCAZIONE, L ISTRUZIONE, L ORIENTAMENTO, LA FORMAZIONE E IL LAVORO ZONA UNIONE DI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE) PRONTO TATA

Dettagli

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Asilo nido ALBANO LAZIALE Carta dei servizi Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Premessa I servizi educativi rivolti alla prima infanzia rappresentano una delle priorità dell Amministrazione

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3 CARTA DEI SERVIZI RELATIVA A SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER GLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO STATALI E PARITARIE MILANESI

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

ASILO NIDO PROGETTO EDUCATIVO ROSA & CELESTE 2. Cooperativa Sociale DIDASKO Viale C. Battisti, 73 05100 TERNI. Pagina 1 di 5

ASILO NIDO PROGETTO EDUCATIVO ROSA & CELESTE 2. Cooperativa Sociale DIDASKO Viale C. Battisti, 73 05100 TERNI. Pagina 1 di 5 ASILO NIDO ROSA & CELESTE 2 Cooperativa Sociale DIDASKO Viale C. Battisti, 73 05100 TERNI PROGETTO EDUCATIVO Pagina 1 di 5 PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L asilo nido Rosa & Celeste 2 nasce da un indagine

Dettagli

MODALITA EDUCATIVE DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE

MODALITA EDUCATIVE DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE MODALITA EDUCATIVE DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE LE NORME REGOLAMENTARI SOCIO-EDUCATIVE DEL NIDO D INFANZIA PRIMAVERA Introduzione Il Nido d Infanzia Comunale Primavera è un servizio volto alla temporanea

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO Obiettivi e principi psico-pedagogici L istituzione dell asilo nido per bambine e bambini da tre mesi a tre anni di vita, rappresenta un ulteriore servizio rivolto al personale

Dettagli

CONVENZIONE FRA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA E AZIENDA CONVENZIONATA (DI SEGUITO DENOMINATA AZIENDA CONVENZIONATA )

CONVENZIONE FRA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA E AZIENDA CONVENZIONATA (DI SEGUITO DENOMINATA AZIENDA CONVENZIONATA ) All. 3 CONVENZIONE FRA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA E AZIENDA CONVENZIONATA (DI SEGUITO DENOMINATA AZIENDA CONVENZIONATA ) Art. 1 - OGGETTO DELLA CONVENZIONE 1. La presente convenzione ha per oggetto

Dettagli

Servizio all infanzia - Toscana - (centro gioco, centro bambini, nido d infanzia)

Servizio all infanzia - Toscana - (centro gioco, centro bambini, nido d infanzia) Coordinamento Sportelli Pag. 1 di 9 MODALITA PRESENTAZIONE COMUNICAZIONE DI RINNOVO 1) compilare il modello in ogni sua parte 2) pagare Euro 30,00 a titolo di diritti SUAP con la modalità preferita (vedi

Dettagli

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza (Approvata con Delibera di Giunta n. 220 del 09/12/2008) INDICE Parte I PRINCIPI GENERALI :Che cos è la Carta del Servizio? La sua validità Finalità

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. LABORATORIO SCUOLA COOPERATIVA SOCIALE Via Santa Maria, 17-33087 Azzanello di Pasiano

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO ASILO NIDO AZIENDALE INAIL IL NASO ALL INSU

CARTA DEL SERVIZIO ASILO NIDO AZIENDALE INAIL IL NASO ALL INSU CARTA DEL SERVIZIO ASILO NIDO AZIENDALE INAIL IL NASO ALL INSU 1. BENVENUTO AL LETTORE 2 2. CHI GESTISCE L ASILO NIDO INAIL 2 3. LA FINALITÀ 2 4. A CHI È RIVOLTO 3 5. L UBICAZIONE 3 6. LA SEDE 3 7. L ACCESSIBILITÀ

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001...

Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001... Febbraio 2015 Indice 1. CARTA DI IDENTITA... 3 MISSION... 3 VALORI... 3 CERTIFICAZIONE ISO 9001... 4 ORGANIGRAMMA... 5 2. IL SERVIZIO CENTRO DIURNO... 6 FINALITÀ... 6 DESTINATARI... 6 STRUTTURE E I RIFERIMENTI...

Dettagli

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4

1. NIDO D INFANZIA 1. 1.1. L attività 1. 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1. 1.3. Il personale 4 1. NIDO D INFANZIA 1 1.1. L attività 1 1.2. Caratt eristiche generali dell'area e della struttura 1 1.3. Il personale 4 1.4. Autorizzazione al funzionamento ed accreditamento 5 2. SERVIZI INTEGRATIVI 6

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI ASILO NIDO MATER PARTE I

CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI ASILO NIDO MATER PARTE I CARTA DEI SERVIZI EDUCATIVI ASILO NIDO MATER PRINCIPI FONDAMENTALI PARTE I La Carta dei Servizi scolastici ha come fonte di ispirazione fondamentale gli articoli 3-33 e 34 della Costituzione Italiana,

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

1. NORME COMUNI PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - artt. 12, c. 4; 14)

1. NORME COMUNI PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - artt. 12, c. 4; 14) 1. NORME COMUNI PER L AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO (L.R. 15/2013 - artt. 12, c. 4; 14) Per quanto riguarda i requisiti strutturali ed organizzativi stabiliti di seguito, si ricorda che i servizi educativi

Dettagli