CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA di LAURIA Provincia di Potenza"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo perché il servizio possa istituirsi è di n. 15 iscritti. Degli iscritti, la frequenza media giornaliera rapportata ad anno deve essere non inferiore a n. 10. ART. 2 FINALITÀ Il diritto alla formazione, a partire dai primi anni di vita, viene assunto da questa Amministrazione come principio irrinunciabile per la realizzazione di una Società civile che garantisca pari opportunità. Sulla base di questo assunto e in sintonia con le normative regionali di riferimento, viene attivato il servizio per l Asilo Nido. L offerta a tutti i bambini di uguali opportunità educative si configura come finalità prioritaria; l attivazione dei processi formativi individualizzati tenderà a prevenire ogni forma di discriminazione e di selezione, considerando la differenza quale connotazione personale e risorsa da valorizzare. L Asilo Nido è un servizio sociale di interesse pubblico ed ha lo scopo di favorire l equilibrato sviluppo fisico e psichico del bambino e la sua socializzazione nel quadro di un completo sistema di sicurezza sociale che, prestando adeguata assistenza alla famiglia, faciliti l accesso della donna al lavoro. 1

2 L Asilo, eliminando i dislivelli, dovuti a differenze di stimolazione ambientale e culturale, tende ad offrire al bambino uguali possibilità di sviluppo ed i mezzi per sviluppare in modo armonico le potenzialità e capacità. L Asilo Nido si pone come obiettivo prioritario quello di corrispondere alle esigenze psico pedagogiche del bambino, e suo compito è quello di favorire e stimolare lo sviluppo delle facoltà linguistiche, cognitive, delle abilità motorie, del processo di autonomia e di autoidentificazione, di integrazione fra i coetanei e adulti. L Asilo offre esperienze di confronto tra bambini e occasioni di rapporti con persone adulte che stimolano la collaborazione, la vita di gruppo e nel contempo stimoli provenienti da diversi contesti sociali e culturali. L Asilo Nido intende anche proporsi come luogo privilegiato di aiuto e di crescita culturale per le famiglie. ART: 3 ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO L affidamento della gestione del servizio di cui al presente Regolamento avviene mediante Società o Cooperativa operanti nel settore di attività di Asilo Nido ed in possesso dei requisiti di legge, a seguito di apposita procedura di gara. È oggetto, altresì, dell affidamento del servizio l attività di pulizia dell intero plesso scolastico, la preparazione e la distribuzione dei pasti. ART. 4 AREA DI UTENZA L area di utenza, la zona territoriale che l Asilo Nido deve servire, corrisponde all intero territorio comunale. La non residenza nel territorio del Comune non costituisce di per sé, causa di esclusione. 2

3 La precedenza è comunque data ai residenti. L utenza da accogliere non deve superare il numero di 30 (trenta) bambini di età dai tre mesi ai tre anni. ART. 5 ORARIO DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO L annata di apertura all utenza dell asilo nido decorre, indicativamente, dal 1 settembre di ogni anno e termina il 31 luglio dell anno successivo. L attività dell Asilo Nido si svolge dal LUNEDÌ al SABATO, per un minimo di sei ore continuative fino ad un massimo di dieci ore. L orario giornaliero è dalle ore 7.30 alle ore di ciascun giorno feriale. Si osserverà la chiusura totale nei giorni festivi, il giorno 24 ed il giorno 31 dicembre. ART. 6 MODALITÀ DI AMMISSIONE E FREQUENZA DEI BAMBINI Sono ammessi i bambini che abbiano compiuto i tre mesi fino a quelli che compiono i tre anni dopo il 31 gennaio, purché abbiano adempiuto agli obblighi previsti dalle leggi sanitarie e che per certificazione medica, risultano esenti da malattie infettive. A tal uopo, il Dirigente del Settore competente entro il 31 maggio di ogni anno redigerà apposito bando per informare le famiglie dei tempi e dei modi per la presentazione delle domande di ammissione. Il bando sarà esposto all Albo Pretorio del Comune. Le domande di ammissione al nido dovranno essere presentate all Ufficio Comunale competente entro il termine stabilito nel bando. Per l ammissione al Nido sarà stilata apposita graduatoria che terrà conto dell ordine di presentazione delle domande al Protocollo dell Ente. 3

4 Sono possibili ammissioni al nido anche nel corso dell anno fermo restante i requisiti previsti dal presente Regolamento, purché vengano prima inseriti coloro che già sono collocati nella graduatoria formata prima dell avviamento del servizio. Non può costituire motivo di esclusione la presenza di difficoltà psicomotorie e sensoriali. La regolarità di frequenza da parte dei bambini al nido, è premessa necessaria per assicurare un buon inserimento. Le assenze dovranno essere sempre giustificate per iscritto altrimenti verranno considerate ingiustificate. Se l assenza è dovuta a malattia e si protrae oltre cinque giorni, il bambino potrà essere riammesso a frequentare l Asilo Nido dietro presentazione di certificato medico che comprovi la sua guarigione. In caso di malattia infettiva è richiesto il certificato di ammissione rilasciato dal competente Servizio di Igiene pubblico dell A.U.S.L. Nel caso di assenze ingiustificate, se queste superano quindici giorni, sia in forma continuativa o alternata nello spazio di un mese, a decorrere dal primo giorno di assenza, è data facoltà al Dirigente del IV Settore di dimettere il bimbo, sentito il parere dell affidatario del servizio. I bambini per i quali verrà presentata formale rinuncia scritta, verranno dimessi col primo del mese successivo. In caso di ritiro di un bambino l Ufficio comunale competente provvederà alla sostituzione fino all esaurimento della graduatoria dei richiedenti. L Asilo Nido, in relazione all età dei bambini, si organizza in sezioni possibilmente omogenee per età. ART: 7 RETTE DI FREQUENZA Le rette di frequenza sono fissate dal Consiglio Comunale e saranno versate alla Tesoreria Comunale entro il quindici di ogni mese a cura dell affidatario del servizio. 4

5 ART. 8 GESTIONE ECONOMICA L Asilo Nido è amministrato dal Comune nelle forme e nei modi prescritti dalle vigenti disposizioni di legge. Alle spese necessarie per il funzionamento si provvede, oltre con stanziamenti del bilancio comunale e con le rette versate dalle famiglie anche con eventuali contributi conferiti da altri Enti pubblici. ART. 9 GESTIONE SOCIALE : ORGANISMI E FINALITÀ L Asilo Nido realizza il collegamento con le famiglie nella reciproca corresponsabilizzazione sull educazione del bambino attraverso la partecipazione dei genitori agli organismi della gestione così articolati: 1) COMITATO DI GESTIONE. 2) ASSEMBLEA DEI GENITORI. La gestione Sociale costituisce lo strumento in grado di favorire: - la realizzazione di scelte educative e pedagogiche condivise; - un lavoro collegiale ed una partecipazione competente e responsabile; - una collaborazione attiva fra Ente Locale e cittadini, operatori e genitori e tessuto sociale. Attraverso gli organi di gestione sociale tutti i soggetti coinvolti nei processi formativi possono sentirsi protagonisti delle scelte educative e collaborare al miglioramento e alla qualificazione costante dell offerta formativa. 5

6 ART. 10 COMITATO DI GESTIONE Il Comitato di gestione è nominato entro il mese di ottobre dal Consiglio Comunale, mediante presa d atto delle designazioni pervenute dagli organismi interessati. Esso è composto: a) n. 2 genitori eletti dall Assemblea dei genitori; b) n. 2 rappresentanti della ditta affidataria del servizio (una Assistente una Ausiliaria); c) n. 3 rappresentanti del Consiglio Comunale (di cui uno della minoranza); d) n. 1 in rappresentanza delle tre organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale; e) n. 1 pediatra; f) n. 1 psicologo; g) n. 1 Assistente sociale; h) n. 1 dirigente del IV Settore del Comune di Lauria. Nella prima riunione il Comitato di gestione, elegge a maggioranza dei componenti il Presidente ed il Vice Presidente che devono essere genitori ed il Segretario che dovrà redigere resoconto scritto, da tenersi agli atti, di ciò che si tratterà nelle riunioni. Il Comitato si riunisce una volta ogni tre mesi ed ogni volta che sia richiesto da almeno un terzo dei suoi componenti o dalla Amministrazione Comunale. Il Presidente convoca le adunanze, ne fissa l ordine del giorno, vigila sulla puntuale esecuzione delle decisioni. In caso di temporanea assenza o impedimento, il Presidente sarà sostituito dal Vice Presidente. La convocazione scritta sarà inviata a cura del competente servizio del Comune, con preavviso di almeno tre giorni, salvo casi di urgenza per cui sarà sufficiente un preavviso di 24 ore. Le riunioni del Comitato sono di norma aperte al pubblico. 6

7 Possono essere invitati esperti, per particolari problemi in discussione. Le sedute del Comitato di gestione sono valide se risultano presenti la metà più uno dei componenti. ART. 11 COMPITI DEL COMITATO DI GESTIONE Al Comitato di gestione sono affidati i seguenti compiti: a) convocare almeno due volte l anno l Assemblea dei genitori per informare sui programmi e sul funzionamento dell Asilo e per discutere sui vari problemi riguardanti l infanzia. Il Comitato valuterà e proporrà all Amministrazione le opportune iniziative; b) elaborare e proporre gli indirizzi organizzativi, pedagogici, assistenziali, dell attività e vigilare sulla loro applicazione; c) esprimere all Amministrazione Comunale parere sulla determinazione delle rette di frequenza; d) proporre l acquisto del materiale occorrente al funzionamento ed alle attività educative e proporre opere e provvedimenti di carattere straordinario; e) realizzare tutte le iniziative atte a favorire la partecipazione delle famiglie alla gestione del Nido. ART. 12 DURATA IN CARICA DEL COMITATO DI GESTIONE Il Comitato di gestione durerà in carica per un anno eccezion fatta per i rappresentanti comunali i quali rimarranno in carica per il periodo del mandato amministrativo. La Giunta Comunale con proprio atto, provvederà a ricomporre annualmente il Comitato di Gestione, sulla base delle designazioni proposte dai sindacati e dai genitori. 7

8 ART. 13 ASSEMBLEA DEI GENITORI L Assemblea è composta da tutti i genitori e si riunisce con il Comitato di Gestione. Di norma si riunisce due volte l anno ed inoltre quando sia richiesto per iscritto da almeno un terzo dei genitori o dall Amministrazione Comunale o dal Comitato di Gestione. Alla convocazione provvede il Presidente del Comitato di Gestione secondo le solite modalità. L Assemblea deve eleggere annualmente, tra i genitori che lo compongono, i propri rappresentanti nel Comitato di Gestione. Hanno diritto al vuoto entrambi i genitori e solo loro. ART. 14 PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO Il personale deve essere distinto in unità Assistenti ed unità ausiliarie. Deve essere garantita la presenza di: - n. 1 (una) unità per ogni 6 (sei) bambini fino ad un massimo di 10 (dieci) bambini, se questi sono solo divezzi; - n. 2 (due) unità ausiliarie, distribuite nei servizi di cucina, guardaroba, lavanderia e pulizia. Il personale Assistente deve essere in possesso del diploma di vigilatrice d infanzia o puericultrice o maestra d asilo o di assistente sanitaria visitatrice o di assistente sociale o di altro diploma ai sensi dell art. 11 della L.R. 4 maggio 1973, n. 6. La Ditta aggiudicataria prima dell inizio delle attività dovrà presentare all Ente il quadro organico del suo personale distinti per qualifica, ruoli, nonché il progetto ed una programmazione socio educativa per l attuazione della gestione del servizio, che 8

9 dovranno essere adeguati agli indirizzi forniti dal Comitato di Gestione di cui al precedente art. 10. Tutto il personale in servizio dovrà mantenere il segreto d Ufficio ed il massimo riserbo su fatti o circostanze concernenti gli utenti e le loro famiglie nel rispetto di cui alle legge 675/96 e successive modificazioni sulla riservatezza dei dati. ART. 15 ASSISTENZA SANITARIA ALIMENTARE Le relative tabelle dietetiche saranno stabilite dal servizio pediatria dell A.U.S.L. in collaborazione, per casi particolari, con i pediatri di fiducia. Per ogni bambino sarà tenuta apposita cartella sanitaria personale e riservata. Eventuale somministrazione di farmaci avverrà solo su prescrizione medica e detti farmaci saranno forniti dai genitori. In ogni caso non sarà praticata terapia iniettiva. ART. 16 VIGILANZA IGIENICO SANITARIA La vigilanza igienico sanitaria è affidata all Unità Sanitaria Locale, la quale, in accordo con l Amministrazione e sulla base dei suggerimenti dell Ufficio Comunale competente, provvederà a periodici controlli sullo stato di salute dei bambini, sullo stato igienico dei locali, sulle vaccinazioni. 9

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino Approvato con atto C.C. n. 11 del 30.3.2006 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 RICETTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA CON I COMUNI DI TROFARELLO, MONCALIERI E CARMAGNOLA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA CON I COMUNI DI TROFARELLO, MONCALIERI E CARMAGNOLA COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n. 3 Tel. 011 8609218/9- Fax 011 8609073 e mail: info@pec.comune.pecetto.to.it - info@comune.pecetto.to.it Partita

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO

COMUNE DI ALBIGNASEGO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 61 DEL 30.07.2004 MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL 18.06.2009 MODIFICATO

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007 Titolo I Principi Generali Il presente Regolamento stabilisce, nel rispetto delle normative nazionali e regionali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale Regolamento di gestione dell asilo nido comunale 1 ART. 1 FINALITÀ L asilo nido è un servizio educativo di interesse pubblico che favorisce l armonico sviluppo psico-fisico e sociale del bambino nei primi

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO. Asilo Nido Aziendale

Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO. Asilo Nido Aziendale Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO Asilo Nido Aziendale 1 Asilo Nido Aziendale Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO Art. 1 Finalità L asilo nido

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 I N D I C E ART. 1 - FINALITA ART. 2 - UTENZA ART. 3 - FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ART. 4 - ACCESSO

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del.

CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA. L anno..il giorno..del. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MEDICINA E LA SEZIONE PRIMAVERA ANNESSA ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI VILLA FONTANA L anno..il giorno..del mese di.. fra 1) la Dott.ssa Bruna Cimatti, nata a Medicina

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Regolamento per il funzionamento dell asilo nido Testo approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 25.5.2005 Modificato con Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 La Scuola d Infanzia Fondazione Pietro Caprettini ebbe origine su donazione

Dettagli

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE di BREMBATE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO PASTI A DOMICILIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.25 DEL 29.05.2010 1 Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Finalità del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 29.07.2010 ART. 1 - FINALITÀ' DEL SERVIZIO La refezione scolastica è un servizio comunale

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL MELOGRANO ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL NIDO

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano 20061 Carugate (MI) - via XX settembre 4 tel. 02921581 fax 029253207 C.F. 02182060158 P.I. 00730970969 COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA

REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA REGOLAMENTO INTERNO Servizi Educativi Asilo Infantile Fausto Fumi ASILO NIDO E SEZIONE PRIMAVERA Anno educativo 2009/2010 ART. 1 Identità del Servizio L'asilo infantile Fausto Fumi è impegnato da 137 anni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 29.02.2012) Art. 1 Finalità del servizio L asilo nido è un servizio di interesse

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE Settore Socio-Culturale Approvato con Del. Del Consiglio Comunale n. 10 del 05/03/2010 Art. 1 FINALITÀ 1. Il Centro Gioco Educativo

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Regolamento approvato delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 30.06.2008 e modificato con delibera di C.C. n. 12 del 9.03.2010, delibera di C.C. n.

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari -

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - UFFICIO SERVIZI SOCIALI 1^ Ripartizione REGOLAMENTO CENTRO SOCIALE POLIVALENTE PER ANZIANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.67 del 14.12.2010) Regolamento generale Centro Sociale Polivalente

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA CITTA' DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 20.05.2005 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 16 del

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. Premesso: Che l articolo 33, comma 4 della Costituzione assicura un trattamento equipollente

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ASILI-NIDO COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ASILI-NIDO COMUNALI COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI ASILI-NIDO COMUNALI Approvato con deliberazione Consiliare del 28/10/88, n.837/c. Pubblicato dal 20/11/88 al 05/12/88. Riscontrato dal CORECO Sezione Centrale

Dettagli

ASILO NIDO MAGA MAGO

ASILO NIDO MAGA MAGO ASILO NIDO MAGA MAGO REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA L Asilo Nido Maga Magò di Roccagorga è ubicato in via Borgo Madonna. E un servizio socioeducativo di interesse pubblico rivolto ai bambini nei primi tre

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA ASILO INFANTILE DI SIZIANO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA PARTE PRIMA FINALITA E CARATTERI DELLA SCUOLA MATERNA Art. 1 La Scuola dell Infanzia Paritaria gestita dall Ente Morale Asilo Infantile di Siziano

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO Premesso che copia integrale del regolamento comunale deli Asilo Nido è depositato presso l asilo nido e l ufficio servizi sociali ed è a disposizione

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO Approvato con Deliberazione consiliare n. 49 del 2012 in vigore dal 30 luglio 2012 REGOLAMENTO ASILI NIDO TITOLO I : FINALITA E ACCESSO

Dettagli

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Regolamento del Registro Comunale delle Associazioni e delle Consulte di Settore TITOLO I ISTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Articolo 1 ISTITUZIONE 1. E istituito il Registro Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

Regolamento. per la Commissione Mensa. del servizio. di ristorazione scolastica

Regolamento. per la Commissione Mensa. del servizio. di ristorazione scolastica Regolamento per la Commissione Mensa del servizio di ristorazione scolastica Delibera di Giunta Comunale n 20 del 27/01/2011 Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO La Commissione Mensa esercita, nell interesse

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 15 in data 31.03.2009 Esecutivo dal 19 aprile 2009 1 REGOLAMENTO

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO

ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO ART. 1 ASSOCIAZIONE LAZZATE COMMERCIO STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA E costituita un associazione denominata: Associazione Commercianti - Pubblici Esercizi - Attività di Servizi - Ausiliari del Commercio

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Regolamento Asilo Nido (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 33 del 3.05.2007) Art. 1 Finalità del Servizio

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Comune di Povegliano Veronese Piazza IV Novembre, 3 - CAP 37064 - Codice Fiscale e Partita IVA 00658760236 Settore Servizi alla Popolazione Servizio Sociale tel. 045/6334126 fax 045/6334119 e-mail: sociale@comune.poveglianoveronese.vr.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n.4 in data 10.03.2003 In vigore dal 01.04.2003 Il Sindaco: Alberto Bartesaghi

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

DELL ASILO NIDO COMUNALE

DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 6 del 14/0/201 1 FINALITA E GESTIONE Art. 1Finalità L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

La voce dei bambini. Asilo nido bilingue ad indirizzo montessoriano accreditato con il Comune di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO > pag. 1 di 6 Allegato 3 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO In vigore dall anno educativo 2014/2015 e tuttora valido Art. 1 L asilo Nido La voce dei bambini è un servizio socio-educativo di interesse pubblico, che

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO. Provincia di Roma

COMUNE DI MONTEROTONDO. Provincia di Roma COMUNE DI MONTEROTONDO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE L AQUILONE - approvato con delibera Consiglio Comunale n.51 del 19.06.2008 ARTICOLO 1 FINALITA A. L asilo nido

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel.

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. 0297204201-210 REGOLAMENTI ASILO NIDO GIANNI RODARI ART.1 - FINALITÀ DELL ASILO NIDO

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2 STATUTO Articolo 1 Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita l Associazione LINEA ROSA. L associazione ha sede in Ravenna, Via Garatoni n. 12. Articolo 2 Finalità ed attività dell Associazione.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione scolastica Scuola Elementare E.Fermi Approvato con deliberazione di C.C. n. 44 del 20.12.2005 e modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

Regolamento dei soggiorni residenziali per vacanza rivolti a bambini e ragazzi fino a 18 anni ex art. 11 della LR 14 aprile 1999, n. 22.

Regolamento dei soggiorni residenziali per vacanza rivolti a bambini e ragazzi fino a 18 anni ex art. 11 della LR 14 aprile 1999, n. 22. COMUNE DI GAVORRANO Provincia di Grosseto Regolamento dei soggiorni residenziali per vacanza rivolti a bambini e ragazzi fino a 18 anni ex art. 11 della LR 14 aprile 1999, n. 22. TITOLO I - Oggetto Art.

Dettagli

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA

STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA STATUTO DEL CENTRO DI FIRENZE PER LA MODA ITALIANA ART. 1 DENOMINAZIONE SEDE 1. Il Centro di Firenze per la Moda Italiana, in forma abbreviata CENTRO MODA, costituito il 6 novembre 1954, è una Associazione

Dettagli

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547 Allegato delib. C.C. n. 145 del 19.08.1999 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO E DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA MODIFICHE: - Delib. Consiglio Comunale n. 111 del 22.09.2003 -

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

Requisiti per la presentazione delle domande

Requisiti per la presentazione delle domande CITTA DI LEGNAGO Provincia di Verona BANDO PER L ISCRIZIONE AGLI ASILI NIDO COMUNALI Anno educativo 2016/2017 Si rende noto che dal 1 febbraio 2016 saranno aperte le iscrizioni per l ammissione all Asilo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA L Associazione ABILMENTE CON TUTTI vuole essere una risposta alla situazione di profondo disagio in cui vengono a trovarsi le persone

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO

COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO 1 Art. 1 ISTITUZIONE E istituito dall Amministrazione Comunale, con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 17

Dettagli

COMUNE DI FAVARA (PROVINCIA DI AGRIGENTO)

COMUNE DI FAVARA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) COMUNE DI FAVARA (PROVINCIA DI AGRIGENTO) REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE ART. 1- FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di pubblico interesse che il Comune

Dettagli