! "# $%%$&""! "#$%%$&""!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! "# $%%$&""! "#$%%$&""!"

Transcript

1 ! "# $%%$&""! "#$%%$&""!

2 TITOLO I FINALITA DEL SERVIZIO Art. 1 Premessa Art. 2 Caratteristiche INDICE Art. 3 Sistema territoriale dei servizi Art. 4 Disagio e integrazione TITOLO II MODALITA ED ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE E GESTIONE Art. 5 Gestione sociale Art. 6 Composizione della Commissione Consultiva Art. 7 Compiti Art. 8 Validità delle sedute della Commissione Art. 9 Durata Art. 10 Elezione dei rappresentanti delle famiglie Art. 11 Assemblea dei genitori TITOLO III ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO E COORDINAMENTO PEDAGOGICO Art. 12 Organizzazione in sezioni Art. 13 L Ufficio referente Art. 14 Il coordinamento pedagogico Art. 15 L équipe degli educatori TITOLO IV RAPPORTI CON LE FAMIGLIE PARTE PRIMA: ASPETTI AMMINISTRATIVI Art. 16 Modalità di ammissione e di frequenza Art. 17 Criteri di ammissione Art. 18 Rette PARTE SECONDA: ASPETTI EDUCATIVI Art. 19 Colloquio e inserimento Art. 20 Incontri con i genitori Art. 21 Calendario scolastico e orario di servizio 2

3 TITOLO V PERSONALE E COMPETENZE Art. 22 Educatore Art. 23 Personale addetto ai servizi generali Art. 24 Formazione professionale TITOLO VI NORME TRANSITORIE E FINALI Art. 25 Abrogazione Art. 26 Rinvio alla normativa Art. 27 Decorrenza Art. 28 Norma transitoria 3

4 TITOLO I FINALITA'DEL SERVIZIO Art. 1. Premessa Nel Comune di Limbiate è istituito e gestito il servizio Asilo Nido e dei servizi educativi integrativi per la prima infanzia. Tali servizi si collocano all'interno del Settore Area Servizi alla Persona. Art. 2. Caratteristiche L'Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse pubblico che accoglie i bambini e le bambine in età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni. Questo servizio ha lo scopo di promuovere la salute e il benessere di ogni bambino. La proposta educativa ha la finalità di aiutare i bambini a seguire percorsi equilibrati di socializzazione, a superare ogni forma di difficoltà e ad acquisire le abilità, le conoscenze, e le dotazioni affettive e relazionali utili per costruirsi un esperienza di vita ricca, originale ed armonica. Il progetto educativo generale dei nidi accompagna ed integra l opera della famiglia in un rapporto costante con questa, promuovendo esperienze di partecipazione dei genitori alla vita dei servizi, di aggregazione sociale e scambio culturale attorno ai temi dell educazione dei bambini e delle bambine. Il servizio si propone di svolgere un ruolo attivo per la piena affermazione del significato e del valore dell infanzia secondo i principi di uguaglianza e pari opportunità, rispetto della diversità, libertà e solidarietà. Ampliano l'azione dei Nidi, garantendo risposte flessibili e differenziate all'esigenza delle famiglie e dei bambini, i servizi integrativi. Art. 3. Sistema territoriale dei servizi L'Asilo nido si pone come una delle possibili risposte ai nuovi bisogni della coppia e della famiglia, in collaborazione con gli altri servizi presenti sul territorio finalizzati all educazione, alla 4

5 prevenzione e alla tutela della salute dei bambini formazione, informazione e confronto tra educatori e genitori. e delle bambine attraverso un percorso di Art. 4. Disagio e integrazione Nel rispetto dei diritti di tutte le bambine e i bambini e nella prospettiva della prevenzione di ogni forma di svantaggio e discriminazione, viene garantita la frequenza e l integrazione all interno dei nidi dei bambini e delle bambine diversamente abili o che vivono particolari condizioni di disagio sociale. L attenzione ai bisogni di questi bambini/e arricchisce la riflessione sul progetto educativo nel suo complesso. Il servizio opera anche in coordinamento con gli altri servizi presenti sul territorio finalizzati all educazione, alla prevenzione e alla tutela della salute. L integrazione di un bambino o bambina con disabilità si svolge attraverso un piano di azioni che comprende: supporto di personale adeguato e competente; possibilità di ridurre il rapporto numerico educatori-bambini/e; intervento educativo che ha cura dei genitori con il loro bambino/a incrementando e sostenendo le capacità parentali generali e ampliando e supportando anche le risposte ai bisogni specifici, derivanti dalla presenza di un deficit. TITOLO li MODALITA E ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE E GESTIONE Art. 5. Gestione sociale Per gestione sociale si intende la partecipazione dei genitori alla gestione degli aspetti educativi, sociali ed organizzativi, nell'ambito dei compiti definiti all'art. 7,delle istituzioni rivolte all'infanzia. Viene così garantita la più ampia informazione e partecipazione quale strumento di condivisione delle scelte educative e di verifica delle attività. Essa si realizza anche attraverso la Commissione Consultiva. 5

6 Art. 6. Composizione della Commissione Consultiva La Commissione consultiva è nominata dalla Giunta Comunale. Essa è composta da 9 persone: Sindaco o Assessore delegato che la presiede; 2 consiglieri comunali, di cui 1 almeno in rappresentanza delle minoranze; 2 rappresentanti delle famiglie utenti (1 per ciascun nido) eletti dall'assemblea dei genitori; 2 rappresentanti del personale educativo (1 per ciascun nido) designati dal Servizio Sociale; coordinatore pedagogico; Responsabile dell Area o suo delegato. Art. 7. Compiti La Commissione consultiva promuove la partecipazione delle diverse componenti alla qualità dei servizi educativi ed è chiamata a discutere progetti inerenti gli aspetti organizzativi e culturali della vita del nido. La Commissione esprime parere consultivo in merito a: a. criteri generali per l'ammissione agli Asili Nido; b. criteri generali relative alle tariffe; c. modifiche al presente Regolamento; La commissione può formulare proposte in merito a: iniziative culturali sulle tematiche infantili rivolte alla cittadinanza; Art. 8. Validità delle sedute della Commissione Le riunioni sono convocate dal Presidente e su richiesta motivata di almeno 1/3 dei componenti Le sedute sono valide: a. in prima convocazione con la presenza di almeno 5 componenti; b. in seconda convocazione con la presenza di almeno 4 componenti; In caso di assenza del Presidente presiede il Responsabile di Area o un suo delegato. 6

7 Art. 9. Durata La Commissione consultiva dura in carica per un periodo di tempo pari a quello dell' amministrazione che l'ha nominata. La componente dei genitori, invece, viene eletta annualmente (entro dicembre). Art. l0. Elezione dei rappresentanti delle famiglie Il Responsabile dell Area convoca l assemblea dei genitori, mediante avviso scritto, per eleggere i propri rappresentanti. I rappresentanti dei genitori nella Commissione verranno eletti con voto segreto. Le candidature verranno proposte durante l assemblea, per ciascun nido verranno eletti 2 rappresentanti, di cui uno effettivo e uno supplente. In caso di dimissioni il rappresentante supplente subentrerà nella commissione consultiva. Art. 11. Assemblea dei genitori L'assemblea dei genitori è un ulteriore momento di partecipazione alla vita del Servizio e può essere convocata per iscritto dai propri rappresentanti eletti nella Commissione Consultiva e/o dal Responsabile dell Area per discutere temi e problemi inerenti la qualità del Servizio. TITOLO III. ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO E COORDINAMENTO PEDAGOGICO Art. 12. Organizzazione in sezioni Gli Asili nido sono organizzati in sezioni che accolgono, per quanto possibile, bambini e bambine in gruppi omogenei per età. La ricettività dei nidi varia in relazione all'articolazione degli spazi, al 7

8 rapporto numerico educatore-bambino/a previsto dalle normative vigenti e alle specifiche esigenze educative. Art. 13. L'Ufficio referente Gli asili nido fanno riferimento al Coordinatore Area Minori afferente all Area Servizi alla Persona, che ne cura gli aspetti organizzativi e gestionali e che si avvale della collaborazione del coordinamento pedagogico e del supporto amministrativo. Art. 14. Il coordinamento pedagogico Il coordinamento pedagogico, è un gruppo di lavoro che ha la funzione di favorire, stimolare, programmare il progetto educativo insieme alle équipe degli educatori e degli operatori, sostiene la formazione permanente attraverso corsi di aggiornamento garantisce la realizzazione degli obiettivi del nido e vigila sul buon funzionamento del servizio. Fanno parte del coordinamento pedagogico:. a. il coordinatore Area Minori; b. un'educatrice referente per ciascun Asilo Nido; c. un pedagogista all'uopo incaricato. Il coordinamento pedagogico può avvalersi di figure professionali specifiche in relazione agli argomenti trattati. Art. 15. L'Equipe degli educatori L'équipe è un gruppo di lavoro composto dal personale educativo del nido. Costituisce il fulcro della riflessione, elaborazione e disposizione della programmazione educativa. L équipe formula i programmi di lavoro, sulla base del progetto educativo generale, che si possono trasformare in progetti individualizzati,compie verifiche e confronti continui sulle esperienze e sui diversi aspetti dei progetti in atto, favorisce incontri con i genitori, sostiene la formazione per mantenere uno scambio e un confronto continui sulle esperienze didattico-pedagogiche. 8

9 L equipe individua un suo referente che risponde al Coordinatore Area Minori e partecipa ai lavori del coordinamento pedagogico. TITOLO IV. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE -PARTE PRIMA: ASPETTI AMMINISTRATIVI- Art. 16. Modalità di ammissione e di frequenza L'accesso al nido è aperto alle bambine e ai bambini dai tre mesi (compiuti all inizio dell anno educativo) fino ai 3 anni di età residenti nel Comune, senza distinzione alcuna. Anche i non residenti potranno presentare domanda di ammissione e potranno fruire del servizio solo ad esaurimento della graduatoria dei residenti. Solo ai fini della graduatoria i figli dei dipendenti comunali sono equiparati ai residenti. La domanda deve essere presentata dal genitore o da chi esercita la potestà genitoriale secondo i termini e le modalità stabilite dal bando annuale. Le liste d attesa potranno essere aggiornate con le domande giacenti. I bambini ammessi hanno diritto alla frequenza fino al termine dell'intero ciclo. Per i minori con disabilità, su richiesta dei servizi territoriali competenti o dello specialista di riferimento, può essere autorizzato il prolungamento della frequenza oltre il terzo anno d'età. Art. 17. Criteri di ammissione I bambini e le bambine con handicap riconosciuto dall apposita commissione o con certificazione sanitaria, laddove l èquipe medico-specialistica che li segue consigli la frequenza al nido, vengono ammessi con priorità e con progetto educativo individualizzato condiviso con la famiglia e l èquipe. Al fine di garantire a livello cittadino uniformità di valutazione, le graduatorie saranno predisposte secondo i punteggi definiti nell allegata tabella (TAB. 1), che tiene conto dei seguenti criteri: a. la condizione familiare; b. la condizione lavorativa; c. la situazione reddituale secondo indicatore ISEE; d. la condizione di forte disagio sociale; e. la giacenza delle domande; 9

10 I non residenti saranno inseriti in coda alla graduatoria dei residenti con priorità ai casi in cui almeno uno dei genitori svolge la sua attività nel territorio comunale o in presenza di un familiare residente che collabora alla cura del minore. Eventuali istanze di revisione della graduatoria possono essere richieste entro 7 giorni consecutivi dalla pubblicazione della stessa presso le sedi degli Asili. La rinuncia al servizio da parte del genitore o esercente la potestà deve essere compiuta per iscritto con almeno 15 giorni di preavviso, in caso contrario il calcolo della quota fissa comprenderà il mancato preavviso, salvo gravi e comprovati motivi. I bambini che senza documentato motivo restino assenti per almeno 15 giorni consecutivi possono essere dimessi d ufficio, dopo gli opportuni accertamenti. Il servizio potrà procedere a dimissioni d ufficio nel caso in cui il genitore o l esercente la potestà non provveda al pagamento della retta, senza giustificato motivo, entro due mesi dalla scadenza indicata. Art. 18. Rette La retta si configura come quota di compartecipazione al costo del servizio. L assegnazione al posto è subordinata al versamento di una quota di cauzione 180,00. A coloro che usufruiranno del Servizio Asilo Nido per almeno un anno educativo sarà riconosciuto a conguaglio un importo pari alla quota di cauzione. La stessa quota non sarà rimborsata in caso di rinuncia all inserimento o ritiro anticipato, ad eccezione delle situazioni per le quali il ritiro avviene per cause di forza maggiore. Il mancato pagamento della quota di iscrizione, nei termini richiesti, sarà considerato come rinuncia formale al servizio. Gli utenti concorrono alla copertura del costo del servizio mediante il pagamento di una tariffa la cui entità è determinata annualmente dall Amministrazione Comunale. Le rette vengono predisposte sulla base di fasce di reddito secondo l'indicatore ISEE. Per i non residenti verrà applicata la tariffa massima. Alla tariffa viene aggiunto il costo del pasto, determinato annualmente dall Amministrazione Comunale, conteggiato sull effettiva frequenza. Nel caso di fratelli frequentanti si applica la riduzione del 30% sulla quota fissa, a partire dal secondo bambino o bambina frequentante. 10

11 Per i bambini e bambine disabili che utilizzano orario ridotto rispetto alle fasce previste, si applica una riduzione del 10% sulla quota fissa determinata. La retta va pagata entro la scadenza fissata, il ritardo oltre due mesi comporta la sospensione del servizio (cfr. art. 18). La riammissione è subordinata al preventivo pagamento dell arretrato e alla disponibilità di posti. Sono previste riduzioni della quota fissa nel caso in cui l inserimento e la dimissione non coincidano con il primo e l ultimo giorno del mese, e per cause di forza maggiore determinate dal Servizio. Non sono previste riduzioni per le vacanze e festività da calendario, né per il periodo dell inserimento, anche quando la permanenza del bambino o della bambina è limitata a poche ore. Per le assenze, giustificate, superiori o pari a 30 giorni consecutivi si applica la riduzione del 30% sulla quota fissa. La quota giornaliera del servizio per le riduzioni previste è quantificata in 1/30 della quota fissa mensile. -PARTE SECONDA: ASPETTI EDUCATIVI - Art. 19. Colloquio e inserimento Il periodo dell'ambientamento coinvolge sia il bambino e la bambina che la sua famiglia; prevede,quindi, un piano d'azioni che consentano un graduale avvicinamento al nido: 1.Assemblea Nel corso dell'assemblea le educatrici incontrano le famiglie e presentano il periodo dell ambientamento'dando spazio ai genitori per domande, richieste, chiarimenti. 2.Primi incontri/merende Hanno lo scopo di favorire una prima conoscenza del nuovo ambiente ai bambini e alle bambine accompagnati da figure familiari di riferimento. 3.Colloquio iniziale Avviene tra l'educatrice di riferimento e le figure genitoriali. Lo scopo principale è che mamma e papà "raccontino" il proprio bambino/a 4.Ambientamento 11

12 Ha la durata di quindici giorni ed è il periodo in cui i bambini e le bambine, accompagnati da una persona affettivamente significativa, possono esplorare il nuovo ambiente. L'allontanamento del genitore avviene in modo graduale. I tempi di permanenza al nido sono brevi e vanno gradualmente aumentando. 5.Consolidamento In questo periodo, che ha la durata di due settimane, il bambino/a, di norma, è in grado di frequentare il nido senza più avere accanto a sé il genitore. L orario di permanenza viene concordato con l educatrice di riferimento. Art. 20. Incontri con i genitori Sono previsti diversi momenti di incontro con lo scopo di aiutare la conoscenza reciproca tra educatori e genitori per condividere le esperienze del bambino/a nei due ambienti. Il nido incontra la famiglia sia nei momenti istituzionali come colloqui, assemblee sia in contesti più informali come le feste e le serate di lavoro. I principali momenti di incontro sono: Il primo colloquio individuale, che avviene nella fase di ambientamento dei bambini/e. Altri possono essere attivati in qualsiasi momento dell anno su richiesta dei genitori e degli educatori. Le assemblee, che hanno lo scopo di raccontare le attività educative e illustrare il progetto educativo. Le serate di lavoro, che coinvolgono le famiglie per la realizzazione di un azione concreta: addobbi saletta, preparazione feste ecc.. In alcuni momenti come il Natale e la fine dell anno educativo vengono organizzati momenti di festa per divertirsi, incontrarsi e giocare insieme adulti e bambini. Art. 21. Calendario scolastico e orario di servizio Il servizio è in funzione da lunedì a venerdì per un minimo di 47 settimane all anno, secondo il calendario determinato dal Responsabile dell Area di riferimento. È prevista la chiusura nel mese di agosto e nei periodi di Natale e Pasqua. L orario di apertura all utenza è dalle 7.30 alle 16,15, con uscita dalle 15,45. 12

13 Modalità organizzative di entrata e uscita dovranno essere rispettate dalle famiglie per il buon funzionamento del servizio Sono previste 2 entrate: I entrata dalle 7,30 alle 9,15; II entrata, previa telefonata entro le 9,30, dalle 10,45 alle 11,00. È prevista, su richiesta, la riduzione del tempo di frequenza (part-time) con uscita dalle 12,30 alle 13,30. La riduzione del tempo di frequenza è obbligatoria nel caso in cui almeno uno dei genitori non svolga attività lavorativa. È previsto un servizio aggiuntivo di post nido, su richiesta motivata dei genitori, dalle 16,15 alle 18,00. L eventuale richiesta di variazione dell orario di permanenza del bambino e della bambina va concordato con l ufficio servizi sociali, previo accordo con l educatore di riferimento. TITOLO V. PERSONALE E COMPETENZE Art. 22. Educatore Il personale educativo è assegnato al servizio nel rispetto delle normative legislative e contrattuali, nel rispetto del rapporto numerico personale/bambini/e e tenendo conto del complessivo orario di apertura e dell'articolazione dei turni. I compiti specifici degli educatori sono definiti dalle finalità del progetto educativo, dalla gestione sociale e dalla normativa contrattuale. In particolare gli educatori hanno la funzione di: realizzare tutte le attività con i bambini e le bambine necessarie all attuazione del progetto educativo, curando a tal fine anche l organizzazione dei tempi della giornata e degli spazi del nido. Le attività educative sono organizzate privilegiando situazioni di piccolo gruppo e sono tese alla valorizzazione delle diversità individuali; curare l alimentazione, l igiene personale e il riposo di ogni bambino nel rispetto dei suoi ritmi e bisogno psicologici e fisiologici naturali; vigilare sulla sicurezza dei bambini; 13

14 realizzare colloqui individuali con i genitori dei bambini e incontri di gruppo per discutere temi specifici relativi allo sviluppo e all educazione dei bambini. Agli educatori è affidato il compito di elaborare collegialmente la programmazione educativa degli interventi in linea con il progetto educativo generale concordato nell'ambito del Coordinamento pedagogico. Tutto il personale è tenuto ad affrontare collegialmente i problemi del servizio in cui opera e a concorrere al raggiungimento di obiettivi comuni con spirito collaborativo a prescindere dalle singole mansioni ed ai ruoli che ciascuno ricopre all'interno degli asili nido. Art. 23. Personale addetto ai servizi generali In ogni nido, oltre al personale educativo, operano un/una cuoco/a e gli ausiliari addetti ai servizi generali. Il/la cuoco/a si occupa dell approvvigionamento delle derrate e della preparazione dei pasti, secondo le tabelle dietetiche, nonché del riordino e di pulizia della cucina. Gli ausiliari garantiscono l assolvimento delle funzioni di pulizia e di riordino degli ambienti. Il personale addetto ai servizi generali collabora con il personale educativo per la realizzazione delle iniziative previste dalla programmazione educativa. Art. 24. Formazione professionale E' prevista una formazione professionale permanente da realizzarsi all'interno dell'orario di lavoro che a tale scopo prevede un monte ore specifico al di fuori dell' attività con i bambini. La formazione professionale, può essere realizzata con modalità differenziate, prevedendo sia momenti all'interno del Servizio che partecipazione a occasioni formative esterne. I temi della formazione professionale vengono proposti dall équipe degli educatori e discussi successivamente dal coordinamento pedagogico. Queste iniziative sono finalizzate al miglioramento delle competenze professionali del personale e della qualità del servizio. 14

15 TITOLO VI. NORME TRANSITORIE E FINALI Art. 25. Abrogazione Questo Regolamento abroga e sostituisce il precedente e può essere rivisto anche su proposta della Commissione Consultiva. Art. 26. Rinvio alla normativa Per quanto non espressamente previsto dal presente Regolamento si rinvia alle vigenti disposizioni regionali e nazionali in materia. Art. 27. Decorrenza Il presente regolamento entrerà in vigore a partire dall'anno-scolastico Art. 28 Norma transitoria L articolo 21 per quanto concerne le settimane di apertura entrerà in vigore a partire dal 2008 salvo diverse disposizioni normative. 15

16 ASILI NIDO COMUNALI Applicazione dei criteri per la formazione delle graduatorie I bambini con handicap riconosciuto dall apposita commissione o con certificato sanitario, laddove l équipe medica specialistica che li segue consigli la frequenza al nido, vengono ammessi con priorità e con progetto personalizzato. VALUTAZIONE CONDIZIONE FAMILIARE (RISULTANTE DA SCHEDA ANAGRAFICA) punti Nucleo familiare monogenitoriale (1) 8 Presenza di un portatore di handicap nella famiglia del bambino (2): - se genitore, fratello o sorella 6 - se altro familiare 2 Presenza di altri figli (età considerata alla data di presentazione della domanda) - età da 0 a 3 anni (per ogni figlio) 1 - eta da 4 a 17 anni (per ogni figlio) 0,5 VALUTAZIONE CONDIZIONE LAVORATIVA (RISULTANTE DA CERTIFICAZIONE DEL DATORE DI LAVORO) Genitore lavoratore - Tempo lavoro full-time o superiore alle 25 ore settimanali e autonomi per ogni genitore Punti Nucleo familiare monogenitoriale Punti Tempo lavoro part-time 3 6 Non occupato 0 0 VALUTAZIONE REDDITO SECONDO INDICATORE ISEE Fascia ISEE Punti 1^ Isee fino a ,5 2 Isee fino a ^ Isee fino a ,5 4^ Isee oltre a o non presentata 0 GIACENZA IN GRADUATORIA DELL ANNO PRECEDENTE Punti 2 (qualora non abbia ricevuto l offerta del posto) VALUTAZIONE SITUAZIONE PARTICOLARI Punti da 1 a 8 Punteggio attribuibile solo a situazione in carico ai Servizi Sociali ove esistano particolari condizioni psicosociali e/o relazionali non ricomprese nelle casistiche già previste: sulla base della relazione valutativa dell Assistente Sociale. Il punteggio è proposto dal Servizio Sociale e atttribuito dal Responsabile del Servizio. CASI DI PARITA In caso di parità di punteggio tra diverse situazioni sarà favorita l età maggiore dei bambini nella sala piccoli e l età minore nelle sale medi e grandi. 16

17 GRADUATORIA I bambini saranno collocati nella graduatoria di saletta in base all età anagrafica, (come da modulo iscrizione); sarà in ogni modo possibile per il servizio, spostare i bambini in età di passaggio tra una saletta e l altra, rispettando la precedenza di graduatoria in modo da soddisfare il maggior numero di richieste possibili I posti che si renderanno disponibili, in seguito a rinunce e ritiri, saranno attribuiti seguendo l ordine della lista d attesa con verifica della permanenza dei requisiti. Dal 15/06 le liste d attesa potranno essere aggiornate con le domande giacenti nel rispetto dei criteri stabiliti. Se entro due giorni dalla chiamata del servizio la famiglia non sarà rintracciabile telefonicamente, si procederà a contattare il successivo in lista d attesa NON RESIDENTI I non residenti saranno inseriti comunque in coda alla graduatoria dei residenti preceduti dai casi in cui almeno uno dei genitore lavoratori svolge la propria attività nel territorio comunale o in presenza di un familiare residente che collabori alla cura del minore. Note: 1) riconosciuto da un solo genitore o riconosciuto ma di fatto assente (confermato dalla relazione dell assistente sociale) 2) invalidità/handicap riconosciuto superiore al 46% dalla competente commissione sanitaria- 17

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

Comune di Castelnuovo di Garfagnana

Comune di Castelnuovo di Garfagnana Comune di Castelnuovo di Garfagnana REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA Indice ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART. 2 - FINALITA' DEL SISTEMA... 2 ART. 3 - ELEMENTI SOSTITUTIVI DEL SISTEMA... 2 ART. 4 -

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 15 in data 31.03.2009 Esecutivo dal 19 aprile 2009 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007 Titolo I Principi Generali Il presente Regolamento stabilisce, nel rispetto delle normative nazionali e regionali

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS. Regolamento. per il funzionamento del servizio di asilo nido

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS. Regolamento. per il funzionamento del servizio di asilo nido COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS Regolamento per il funzionamento del servizio di asilo nido Approvato con deliberazione del Consiglio dei Sindaci n. 28 in data 14/04/2014 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Asilo nido ALBANO LAZIALE Carta dei servizi Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Premessa I servizi educativi rivolti alla prima infanzia rappresentano una delle priorità dell Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L

c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L >, " c::=:::> REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELL'ASILO NIDO 1 L 1111111111111111I111111111111111111111111111111111I1111111 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Terrilorio,e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Regolamento per il funzionamento dell asilo nido Testo approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 25.5.2005 Modificato con Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n 30 del 30.05.2007 Articolo 1 - OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Articolo 2 - CAPIENZA

Dettagli

Requisiti per la presentazione delle domande

Requisiti per la presentazione delle domande CITTA DI LEGNAGO Provincia di Verona BANDO PER L ISCRIZIONE AGLI ASILI NIDO COMUNALI Anno educativo 2016/2017 Si rende noto che dal 1 febbraio 2016 saranno aperte le iscrizioni per l ammissione all Asilo

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO

REGOLAMENTO ASILO NIDO REGOLAMENTO ASILO NIDO (ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 3 DEL 24/1/2011 ) TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Finalità del servizio 1. L asilo nido è un luogo di accoglienza e cura, di crescita,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 30.3.2015 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO Il nido d infanzia è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ approvato con delibera consiliare n. 41 del 28/07/2003 modificato con delibera consiliare

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

L asilo nido comunale di via Monte Nero

L asilo nido comunale di via Monte Nero Comune di Casale sul Sile Provincia di Treviso L asilo nido comunale di via Monte Nero Per le iscrizioni ed informazioni gli interessati possono rivolgersi direttamente all asilo nido (tel. 0422.821773)

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI

Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI Area 2 - Servizi alla Persona Assessorato alla scuola e istruzione CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI CARTA DEI SERVIZI CENTRI RICREATIVI ESTIVI PAG. 1 di 6 Che cos è la Carta dei Servizi La Carta

Dettagli

SERVIZIO DOPOSCUOLA E LUDOTECA DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO E D'ACCESSO

SERVIZIO DOPOSCUOLA E LUDOTECA DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO E D'ACCESSO Art. 1 Oggetto SERVIZIO DOPOSCUOLA E LUDOTECA DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO E D'ACCESSO Il presente disciplinare regola l'organizzazione del servizio denominato Doposcuola ludoteca ARCOBALENO che si svolge

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8 BANDO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALE PER LA PRIMA INFANZIA Art. 1 - Oggetto L Ambito Territoriale Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve, in attuazione della DGR n. 20943 del 16

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

Avviso Pubblico per l accreditamento ai fini del convenzionamento di Nidi privati autorizzati all apertura ed al funzionamento nel Comune di Formia.

Avviso Pubblico per l accreditamento ai fini del convenzionamento di Nidi privati autorizzati all apertura ed al funzionamento nel Comune di Formia. Avviso Pubblico per l accreditamento ai fini del convenzionamento di Nidi privati autorizzati all apertura ed al funzionamento nel Comune di Formia. Art. 1 Obiettivi È intenzione del Comune di Formia procedere

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLE GRADUATORIE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO NELLE SCUOLE DELL INFANZIA - ASILI NIDO SEDI COMUNALI

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLE GRADUATORIE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO NELLE SCUOLE DELL INFANZIA - ASILI NIDO SEDI COMUNALI ALLEGATO A MODALITÀ DI UTILIZZO DELLE GRADUATORIE PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO NELLE SCUOLE DELL INFANZIA - ASILI NIDO SEDI COMUNALI 1. GRADUATORIE Sono gestite con le presenti modalità le graduatorie

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Art. 1 (Istituzione del servizio) Il Comune di Fossalto promuove il benessere dei propri cittadini, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 08.07.2009) PARTE I - OGGETTO, DESTINATARI,

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO. Asilo Nido Aziendale

Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO. Asilo Nido Aziendale Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO Asilo Nido Aziendale 1 Asilo Nido Aziendale Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri - Roma REGOLAMENTO Art. 1 Finalità L asilo nido

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ART. 1. DEFINIZIONE Per trasporto comunale sociale si intende il servizio di trasporto a favore di persone in condizione di fragilità presso centri sanitari,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE TITOLO I FINALITÀ, STRUTTURA ED ORGANIZZAZIONE ART. 1 FINALITÀ L'asilo nido, è un servizio educativo e sociale d interesse pubblico che il Comune

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL MELOGRANO ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL NIDO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASILI NIDO Nuovo testo coordinato (deliberazioni di C.C. n. 149/2004, 5/2009 e 26/2011) CAPO I PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASILI NIDO Nuovo testo coordinato (deliberazioni di C.C. n. 149/2004, 5/2009 e 26/2011) CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASILI NIDO Nuovo testo coordinato (deliberazioni di C.C. n. 149/2004, 5/2009 e 26/2011) CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE E NATURA Il Comune di Aosta, in conformità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

CAPO I NORME GENERALI

CAPO I NORME GENERALI COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione C.C. n. 30 del 21.04.2009 Modificato con deliberazione C.C. n. 43

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. Premesso: Che l articolo 33, comma 4 della Costituzione assicura un trattamento equipollente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI.

CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI. Settore Servizi educativi CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI. I criteri per la formazione delle graduatorie prendono in esame il contesto in cui è inserito

Dettagli

ASSOCIAZIONE TEATRALE PISTOIESE OGGETTO E FINALITA

ASSOCIAZIONE TEATRALE PISTOIESE OGGETTO E FINALITA ASSOCIAZIONE TEATRALE PISTOIESE SCUOLA DI MUSICA E DANZA TEODULO MABELLINI REGOLAMENTO D ORGANIZZAZIONE OGGETTO E FINALITA Art. 1 oggetto Il Comune di Pistoia e l Associazione Teatrale Pistoiese favoriscono

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEGLI ASILI NIDO DEL COMUNE DI SALERNO. ART. 1 Oggetto del Regolamento TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento disciplina la gestione ed il funzionamento

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Definizione del Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani Il Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani è costituito dal complesso di prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai nove mesi fino a tre anni, quale primo

Dettagli

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547 Allegato delib. C.C. n. 145 del 19.08.1999 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO E DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA MODIFICHE: - Delib. Consiglio Comunale n. 111 del 22.09.2003 -

Dettagli

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Regolamento Asilo Nido (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 33 del 3.05.2007) Art. 1 Finalità del Servizio

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.58 del 03.12.2012 In vigore dal 22.01.2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE I N D I C E CAPO I - PRINCIPI GENERALI... ART. 1 - FINALITÀ... ART. 2 - UTENZA... ART. 3 - INTEGRAZIONE UTENTI DISABILI... CAPO II - AMMISSIONE AL SERVIZIO... ART. 4 - INSERIMENTI...

Dettagli

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO Approvato con Deliberazione consiliare n. 49 del 2012 in vigore dal 30 luglio 2012 REGOLAMENTO ASILI NIDO TITOLO I : FINALITA E ACCESSO

Dettagli

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA CITTA' DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 20.05.2005 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 16 del

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO E SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 68 DEL 30/07/2009 IN VIGORE

Dettagli

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO Premesso che copia integrale del regolamento comunale deli Asilo Nido è depositato presso l asilo nido e l ufficio servizi sociali ed è a disposizione

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali.

Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali. Settore Servizi educativi Criteri per la formazione delle graduatorie per l accesso agli asili nido comunali. I bambini sono accolti al nido, compatibilmente con le disponibilità dei posti, tenendo conto

Dettagli