BILANCIO ECONOMICO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO ECONOMICO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2002"

Transcript

1 BILANCIO ECONOMICO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE

2 2 BILANCIO ECONOMICO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2002 INDICE Relazione sulla gestione di bilancio d'esercizio al 31/12/ LA MISSION 3 LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 4 LA DIREZIONE 5 I SETTORI, LE FINALITA' E GLI SVILUPPI POTENZIALI 8 Settore Agenti Fisici 8 Settore Aria 9 Settore Suolo, Rifiuti e Bonifiche 11 Settore Risorse Idriche e Naturali 12 Settore Amministrativo 13 Settore Promozione e Sviluppo 13 COSTI 14 RICAVI 15 Ricavi ARIA 17 Ricavi ACQUA 18 Ricavi SOTTOSUOLO 19 Ricavi AGENTI FISICI 20 INDICI DI BILANCIO 21 EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE 23 BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/ STATO PATRIMONIALE 26 ATTIVO 26 PASSIVO 28 CONTO ECONOMICO 30 NOTA INTEGRATIVA 34 PREMESSA 34 CRITERI DI REDAZIONE 35 CRITERI DI VALUTAZIONE, DI RETTIFICA E CONVERSIONE DELLE VOCI DI BILANCIO 35 ANALISI E COMMENTO DELLE VOCI DI STATO PATRIMONIALE 37 ANALISI E COMMENTO DELLE VOCI DI CONTO ECONOMICO 42 INFORMAZIONI AGGIUNTIVE 45

3 3 RELAZIONE SULLA GESTIONE DI BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31/12/2002 Il bilancio relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre 2002, redatto secondo le modalità privatistiche della contabilità economico-patrimoniale, e quindi facendo riferimento alle norme regolamentate dagli articoli 2423 eseguenti del Codice Civile, evidenzia un risultato positivo di euro dopo aver accantonato ammortamenti pari a euro Tale utile d esercizio, pur apparendo inferiore rispetto al corrispondente risultato del 2001, deve essere analizzato alla luce delle seguenti considerazioni: la prima relativa al fatto che nell'esercizio 2001 era stata appena avviata la attività dell Agenzia, il che aveva comportato uno sfasamento temporale in termini di minor utilizzo delle risorse rese inizialmente disponibili; la seconda riguarda il fatto che l incremento della attività realizzato nel 2002 di fatto ha permesso, oltre che di esprimere appropriatamente in termini di progetti ed interventi realizzati il ruolo che l agenzia sta acquisendo, anche di utilizzare efficacemente tutte le risorse che le sono state attribuite confermando la vocazione sua propria di ente avente finalità pubbliche e come tale con obiettivi di pareggio economico e finanziario, almeno con riferimento alle attività istituzionali e comunque nella fase di consolidamento del proprio ruolo. La differenza del risultato economico rispetto all avanzo di amministrazione finanziario trova giustificazione nel differente trattamento contabile di voci quali gli ammortamenti di periodo e di tutte quelle voci relative ad accantonamento di costi, che, come noto, nella contabilità economico patrimoniale perseguono il principio della competenza economica rispetto a quella finanziaria tipica della contabilità pubblica. L utile di esercizio 2002, congiuntamente all utile portato a nuovo relativo all esercizio precedente, sarà destinato per il 5% a riserva legale e per la residua quota a una riserva facoltativa (parte integrante del patrimonio netto), rimarcando in tal modo la funzione di autofinanziamento che caratterizza tali voci. LA MISSION L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente nasce dal processo di sviluppo e innovazione nel campo della prevenzione, protezione e tutela ambientale avviato con il Referendum popolare del 18 aprile 1993 e concretizzatosi con la L. 61/1994 istitutiva del sistema delle Agenzie ambientali, di cui l ARPA Lombardia, istituita con Legge regionale n.16 del 14 agosto 1999 ed operativa dal 1 dicembre 1999, è parte integrante. Il percorso di crescita è in continuo sviluppo e si orienta sempre più verso il monitoraggio e la prevenzione delle problematiche ambientali peculiari di ogni territorio, affiancandosi così al più tradizionale approccio di tutela sanitaria strettamente legata all ambiente. Tale orientamento si rispecchia nella Legge regionale 4/2002 che ha modificato il quadro istituzionale e gestionale che regola l Agenzia, richiedendo adeguamenti della organizzazione, delle procedure gestionali, e dei modelli di comportamento che hanno però offerto l opportunità alla struttura di inserirsi in maniera sempre più significativa nel contesto nazionale e internazionale. Anche a seguito dell approvazione della legge regionale di riforma, A.R.P.A. Lombardia si caratterizza quale ente tecnico-scientifico di diritto pubblico, dotato di autonomia amministrativa, organizzativa, tecnica e contabile, che: svolge attività, servizi e funzioni volte a migliorare le scelte di politica ambientale degli enti territoriali di riferimento; esercita funzioni di controllo e monitoraggio ambientale; informa la cittadinanza sullo stato dell ambiente e ne promuove la sensibilizzazione;

4 4 promuove la tutela ambientale anche mediante forme innovative di coinvolgimento attivo del sistema produttivo; favorisce la semplificazione amministrativa. A.R.P.A. Lombardia attua la propria mission ispirandosi a tre fondamentali principi: competenza tecnico-scientifica, che la differenzia da altri enti amministrativi, potendo fornire un valido e necessario supporto specialistico alla attività decisionale delle istituzioni di riferimento; autonomia gestionale e competenza pubblica, che costituisce la garanzia per tutti gli utenti della valenza tecnico professionale e della scientificità metodologica dei servizi dell ARPA; multireferenzialità, che rappresenta la capacità di sapersi rapportare, integrandosi, comunicando ed interagendo, contemporaneamente con i diversi gradi delle istituzioni, con le imprese e con i cittadini. LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Nel 2002 l ARPA ha ultimato la sua riorganizzazione, modificando la struttura sia centrale che periferica, al fine di superare il tradizionale modello organizzativo inizialmente ereditato dal sistema Sanitario Regionale. Il percorso organizzativo ha portato ad individuare una struttura centrale, suddivisa in Settori tecnico tematici, e in strutture periferiche denominate Dipartimenti. Il decreto 63/2002 ha conferito ai Dipartimenti e ai Settori operativi una articolazione interna in strutture organizzative denominate Unità Organizzative, che meglio adempiono all obiettivo di una più moderna e funzionale organizzazione del lavoro. Il grafico che segue evidenzia l articolazione della struttura centrale in settori: La struttura periferica dell Agenzia è stata invece organizzata in 11 Dipartimenti Provinciali corrispondenti agli ambiti territoriali provinciali e in ulteriori tre Dipartimenti sub-provinciali per quanto riguarda l area milanese (Città di Milano, Monza e Parabiago). Ogni Dipartimento è organizzato in Unità Organizzative sul modello della struttura centrale.

5 5 Dipartimento provinciale di MILANO: - Dipartimento sub provinciale della Città di Milano - Dipartimento sub provinciale di Monza - Dipartimento sub provinciale di Parabiago STRUTTURE OPERATIVE PERIFERICHE Via Juvara, 22 Via Solferino, 16 Via Spagliardi, 19 Dipartimento provinciale di BERGAMO Via C. Maffei, 4 Dipartimento provinciale di BRESCIA Via Cantore, 20 Dipartimento provinciale di COMO Via Cadorna, 8 Dipartimento provinciale di CREMONA Via S. M. in Betlem, 1 Dipartimento provinciale di LECCO Via 1 Maggio, 21/B Dipartimento provinciale di LODI Via S. Francesco, 13 Dipartimento provinciale di MANTOVA V.le Risorgimento, 43 Dipartimento provinciale di PAVIA Via. N. Bixio, 13 Dipartimento provinciale di SONDRIO V. le Stelvio, 35/A Dipartimento provinciale di VARESE Via Caretti, 5 LA DIREZIONE La Direzione dell ARPA è il centro verso cui convergono tre importanti progetti organizzativi interni: lo sviluppo del sistema di controllo di gestione; l implementazione del sistema di gestione per la qualità; la definizione del sistema di sicurezza dell Ente. Il Sistema di gestione per la Qualità Il progetto di certificazione, voluto dalla Direzione dell Agenzia, ha avuto inizio nel gennaio 2002 secondo un piano di lavoro che prevede la verifica da parte di un ente di certificazione accreditato entro il 2003, in ottemperanza alla normativa relativa alla certificazione UNI EN ISO 9001:2000. Le Aree sottoposte attualmente al processo di certificazione sono le seguenti: Alta Direzione - Sede Centrale Settori - Sede Centrale Dipartimento Provinciale di Como

6 6 Dipartimento Provinciale di Lecco Dipartimento Sub-provinciale di Parabiago Il progetto è stato suddiviso in tre fasi: la fase documentale, nella quale ogni area ha provveduto a predisporre i documenti necessari; la fase di applicazione delle procedure, nella quale sono state implementate le procedure descritte per verificarne l adeguatezza e l applicabilità; la fase delle verifiche, nella quale, dopo opportuno addestramento, il personale ha svolto le verifiche rispettive interne con l obiettivo di verificare che tutti applicassero le procedure. In generale il progetto si è sviluppato con un livello di motivazione e di adesione da parte del personale coinvolto che è cresciuto nel tempo e che oggi ha raggiunto un grado adeguato. Nonostante la complessità della organizzazione il livello di applicazione del sistema qualità appare tale da poter sostenere la verifica di certificazione con una ragionevole tranquillità. La Direzione dell Agenzia considera importante avviare il ciclo del miglioramento continuo partendo da un punto fisso rappresentato in questo momento dalla certificazione ISO 9001:2000. Alla luce di quanto esposto e dagli elementi evidenziati dal Responsabile del Sistema di gestione per la Qualità, la Direzione dell Agenzia ha proposto come periodo per la certificazione la prima metà del mese di novembre prossimo. Inoltre, la Direzione ritiene anche l accreditamento delle prove svolte presso i laboratori chimici ARPA secondo le normative UNI CEI EN ISO/IEC come prioritario e a tale scopo verrà preparato entro il c.a. un piano di accreditamento. Il Sistema di gestione per la sicurezza Nel corso del 2002 l'attività svolta dalla U. O. Servizi o di Prev e nzio ne e Pro t e zi o ne si è sviluppata essenzialmente su due direttrici: 1. stesura di documenti e regolamenti per l implementazione di un sistema sicurezza governato dal Direttore Generale attraverso la U.O. servizio di Prevenzione e Protezione; 2. stesura del documento di valutazione dei rischi di cui all art. 4 del d.lgs 626/94. I documenti elaborati in merito al sistema di sicurezza sono i seguenti: Regolamento interno per l attuazione delle prescrizioni in tema di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al D.Lgs. 626/94 approvato con Decreto n 105 del 26/03/2002 il Direttore Generale; "Tutela delle lavoratrici gestanti, puerpere ed in periodo di allattamento (con cui si da seguito alla valutazione dei rischi per dette lavoratrici); Procedura PP.DG.002 Lavoratrici gestanti, puerpere ed in periodo di allattamento ; Con Decreto del Direttore Generale n 3 del 15/01/2002 è stato affidato al Consorzio per lo sviluppo della medicina occupazionale e ambientale di Monza l incarico di effettuare il Servizio relativo alla sorveglianza sanitaria (D.Lgs. 626/94) e sorveglianza medica (D.Lgs. 230/95) per il personale Arpa della Lombardia ; Con Decreto del Direttore Generale n 134 del 29/03/2002 è stato affidato il Servizio relativo alla Sorveglianza Fisica sulle sorgenti di radiazioni ionizzanti detenute presso i Dipartimenti provinciali e sub Provinciali (D.Lgs. 230/95) ed alla dosimetria personale ; Procedura PP.DG.001 "Gestione della Sorveglianza Sanitaria e Medica dei lavoratori dell'agenzia"; Piano di formazione dei lavoratori in merito ai rischi specifici a cui sono esposti;

7 7 Raccomandazioni per il trasporto di merci pericolose di cui all Accordo Europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose su strada ADR; Descrizione tecnica dei DPI e relative norme di riferimento; Individuazione dei DPI in relazione agli specifici rischi presenti nelle diverse attività svolte; Regolamento interno relativo al divieto di fumo presso le sedi dell Arpa Lombardia; Regolamento interno per lo smaltimento dei rifiuti prodotti nelle strutture dell ARPA Lombardia. In merito al secondo punto scorso mese di dicembre è stata conclusa la redazione del documento di valutazione dei rischi di cui all art.4 del d.lgs. 626/94 che contiene: la valutazione dei rischi per la sicurezza e salute durante il lavoro; l individuazione delle misure di prevenzione e protezione e l indicazione dei dispositivi di protezione individuale; il programma delle misure ritenute opportune a garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Il sistema di pianificazione e controllo di gestione L U.O. Pianificazione e Controllo di gestione svolge attività di coordinamento delle funzioni di pianificazione e programmazione dell Agenzia, supportando il Direttore Generale nella predisposizione sia del piano di lavoro pluriennale che del programma di lavoro annuale dell ARPA. L attività di supporto al Direttore Generale in relazione alle politiche dell'organizzazione e del personale, si è concretizzata nel corso del 2002: con il contributo alla realizzazione del regolamento organizzativo dell ARPA; con l intervento utile alla definizione delle modifiche determinate dalla ristrutturazione degli organigrammi di Settori e Dipartimenti; con l'attivazione del sistema di valutazione della dirigenza, attraverso il supporto al Nucleo di Valutazione nella verifica degli obiettivi delle strutture per il 2001 e attraverso il coordinamento delle operazioni di assegnazione degli obiettivi per il 2002 ai Direttori e ai Dirigenti. ALCUNI EVENTI DEL 2002 Presentazione del Rapporto sulla Valutazione ambientale Strategica Convegno sulle norme e gli adempimenti contro l'inquinamento acustico Seminario su "Bonifica dell'amianto in MOCF, confronto tra laboratori Convegno Agenda 21 e Sviluppo sostenibile Seminario sulla radioattività delle acque Partecipazione alla Fiera del Bovino di Cremona Partecipazione alla Fiera Ricicla di Rimini Partecipazione alle manifestazioni Expo Scuolambiente con il progetto "il riciclatoio" Partecipazione alla 6 conferenza delle agenzie ambientali di Palermo Presentazione all'italian Business Day-Repubblica Ceca Partecipazione al viaggio istituzionale della Regione Lombardia nella Repubblica Popolare Cinese Una parte consistente delle attività dell esercizio 2002 si è concentrata nel sistema di controllo di gestione, attraverso la definizione e presentazione, in collaborazione della U.O. Bilancio e Contabilità, del piano dei Centri di Responsabilità e dei Centri di Costo. Inoltre, di concerto con la U.O. Bilancio e Contabilità per quanto riguarda la contabilità analitica, è stata definita la struttura

8 8 di reporting omogenea per sede centrale e dipartimentali,con l elaborazione mensile dei costi. Si è inoltre avviato, con idoneo supporto consulenziale, analogo lavoro per quanto riguarda il monitoraggio delle attività, ricostruendo i volumi di attività 1999 e 2002 e definendo le griglie di reporting sulla base del cd. metodo Quantum in uso presso le ASL. Infine l esercizio 2002 ha visto l avvio del progetto di benchmarking in fragenziale promosso dall'osservatorio ANPA/ARPA, con la raccolta e confronto dati sui tre oggetti del benchmarking ("attività e funzioni", "modelli organizzativi" e "programmazione e controllo"), e con assunzione della responsabilità di coordinamento del progetto per la linea "programmazione e controllo". Il rapporto finale è stato predisposto e pubblicato da APAT, nonché presentato al Forum della PA a Roma. Formazione e comunicazione ambientale Questa attività istituzionale riguarda gli aspetti legati alla comunicazione e divulgazione delle attività aziendali, oggi sempre più orientata verso una attività di educazione ambientale ed ecologica. A tal fine l ente partecipa con propri stand ed altri spazi espositi via fiere, mostre, esposizioni ed altri eventi legati alle tematiche ambientali in generale. In tali ambiti vengono fornite informazioni mediante la presentazione di mostre e la distribuzione di poster, depliant, opuscoli ed altro materiale informativo pubblicato dall Azienda. Vengono inoltre sviluppati progetti didattici, lezioni, incontri e visite studio nel corso dei quali si forniscono istruzioni ed informazioni tecnico scientifiche a scopi didattici. I SETTORI, LE FINALITA' E GLI SVILUPPI POTENZIALI Settore Agenti Fisici 848 indagini a carattere ambientale 143 indagini con rilievi sul posto 12 indagini in siti aeroportuali 65 pareri sul clima acustico 1975 pareri per installazione di stazioni radiobase SETTORE AGENTI FISICI Rumore e Vibrazioni Radiazioni Il Settore Agenti Fisici è una delle strutture tecniche a supporto delle attività della Direzione Generale della programmazione e del controllo di gestione, per la quale le strutture tematiche poste nei Dipartimenti Provinciali svolgono i controlli e le verifiche ambientali, nonché l attività di analisi su campioni. Nel 2002 tale settore ha sviluppato in particolare attività: di supporto alla predisposizione dei piani regionali di monitoraggio delle radiazioni; di individuazione dei protocolli di misura e valutazione del radon;

9 9 di raccolta dei dati utili alla realizzazione del catasto degli impianti di radio frequenza; di monitoraggio del rumore aeroportuale. I dati più significativi relativi alle Unità Operative del rumore e delle radiazioni si evincono dai grafici seguenti che evidenziano quanto è stato realizzato rispetto alla programmazione per il Settore Aria 217 relazioni sui contaminanti aerodispersi analisi chimiche sopralluoghi relazioni sulle emissioni in atmosfera verifiche amministrative su impianti 18 pareri per il rilascio di autorizzazioni alla detenzione e all'uso di gas tossici SETTORE ARIA Qualità dell'aria Emissioni Modellistica

10 10 Il Settore della qualità dell aria e della protezione dall inquinamento atmosferico ha rappresentato anche per il 2002 una delle aree di lavoro più impegnative per l ARPA sia in relazione agli interventi di emergenza a supporto delle amministrazioni pubbliche, che in relazione all affinamento delle metodologie di misurazione, studio e ricerca finalizzate al miglioramento delle strategie regionali per il miglioramento della qualità dell aria. Nel corso del 2002 è stato garantito il supporto tecnico-scientifico per la definizione delle politiche finalizzate al contenimento delle immissioni del PM10 e al monitoraggio degli episodi inquinanti legati all ozono. Inoltre è stata acquisita la rete di monitoraggio della qualità dell aria prima di competenza provinciale e comunale. Particolare attenzione è stata attribuita alla formazione del personale di ogni dipartimento al fine di creare una progressiva diffusione e condivisione sia di conoscenze di base che degli strumenti di modellistica relativi alla qualità dell aria. ARPA Lombardia è stata incaricata per il 2002/ 2003 del coordinamento del Centro Tematico Nazionale Atmosfera, Clima, Emissioni (CTN-ACE), per dirigere la quale collabora attivamente con ARPA Basilicata e ARPA Lazio. Alcuni dati relativi alle attività strettamente operative di questo settore sono descritte nei grafici sottostanti.

11 11 Settore Suolo, Rifiuti e Bonifiche 972 indagini e pareri sulle aree dismesse, siti contaminati e piani di bonifica campionamenti di terreni inquinati 974 sopralluoghi per vigilanza sui rifiuti 744 pareri e sopralluoghi sui depositi di amianto SETTORE SUOLO, RIFIUTI E BONIFICHE Servizio geologico Rifiuti e bonifiche Rischi industriali Il Settore fornisce un supporto tecnico-scientifico ai livelli istituzionali competenti in materia di rischi geologici, idrogeologici e sismici, di tutela del suolo, dei corpi idrici sotterranei, di smaltimento e recupero rifiuti, di recupero ambientale con particolare riferimento alla bonifica dei siti contaminati, di aziende a rischio di incidente rilevante. Le principali attività svolte nel corso del 2002 sono state: la definizione della banca dati e del Sistema informativo geografico (GIS) finalizzato al monitoraggio di diversi fattori ambientali; il censimento delle aree contaminate; la messa a regime dell attività di istruttoria tecnica in materia di rifiuti trasferita all ARPA dalla Regione, e la riorganizzazione delle attività dell Osservatorio regionale dei rifiuti. Alcune delle attività di vigilanza e controllo che meglio possono sintetizzare i risultati del settore sono evidenziati qui di seguito:

12 12 Settore Risorse Idriche e Naturali analisi di scarichi industriali analisi di impianti di depurazione analisi di acque per il consumo umano SETTORE RISORSE IDRICHE E NATURALI Risorse idriche Risorse naturali Il Settore Risorse idriche e naturali nel corso del 2002 ha sviluppato diverse attività nel campo della ricerca applicata, nell individuare e nel divulgare le migliori tecnologie in tema di monitoraggio e analisi delle risorse idriche, nel fornire un supporto innovativo in materia di prevenzione e protezione dell'ambiente e della salute umana, nel sostegno e nella proposizione tecnica in materia di pianificazione e gestione delle risorse idriche e naturali che rappresentano un aspetto importante del sistema ambientale lombardo. Tra le principali attività avviate nel 2002, gran parte delle quali sono anche state concluse, le più significative sono state: la realizzazione della seconda fase relativa al monitoraggio delle acque intorno al sito Caffaro di Brescia; la progettazione del depuratore di Nosedo; il censimento dei depuratori lombardi, i cui dati confluiranno in un catasto delle acque; il proseguimento delle attività del programma Sentinel 2 finalizzato alla attivazione di tre centraline fisse per l analisi della qualità dell acqua in chiusura di bacino dei fiumi Ticino, Lambro e Oglio. I dati più significativi relativi ad alcune rilevazioni del settore sono evidenziati nei grafici seguenti.

13 13 Settore Amministrativo 14 delibere del C.D.A. 77 decreti del Presidente 944 decreti del Direttore Generale SETTORE AMMINISTRATIVO Personale e organizzazione Bilancio e Contabilità Tecnico patrimoniale Affari generali e legali Provveditorato e Economato Il 2002 ha richiesto all ARPA grandi sforzi nella gestione delle risorse umane e patrimoniali, della contabilità e nella predisposizione dell assetto logistico/organizzativo. Le attività di configurazione dei servizi amministrativi, di gestione dei contratti, degli approvvigionamenti, delle forniture informatiche e dei sistemi informativi, della manutenzione degli immobili sono state velocemente portate a regime consentendo di ottenere importanti risultati quali: l affiancamento alla contabilità finanziaria della contabilità economico-patrimoniale; la predisposizione e l adeguamento del Regolamento Organizzativo e del Regolamento Contabile. Settore Promozione e Sviluppo Collaborazione con il sistema produttivo lombardo Collaborazione con il mondo ambientalista Collaborazione con il mondo scientifico Collaborazione con organizzazioni internazionali SETTORE PROMOZIONE E SVILUPPO Promozione tecnologica Informazione ambientale Educazione e formazione Il Settore produce prevalentemente attività di studio e ricerca dell innovazione tecnologica, svolge attività di sperimentazione, attiva fortemente nel promuovere l utilizzo di tecnologie ecocompatibili e i sistemi di produzione a ridotto impatto ambientale,sostiene le imprese che intendono ottenere la certificazione ambientale,e che si orientano verso l uso di metodologie produttive in grado di migliorare la qualità dell ambiente. Le aree e le interazioni con il mondo amministrativo, il mondo produttivo, il mondo formativo e informativo, nonché le realtà internazionali sono molteplici e si sono concretizzate nel 2002 con:

14 14 la realizzazione della Rete Territoriale per la diffusione di EMAS/ISO 14001, supportando la realizzazione di progetti pilota; il supporto alle amministrazioni locali per l attivazione e la gestione in materia di Sviluppo Sostenibile, del processo Agende 21 Locali ; il supporto tecnico scientifico alla Regione Lombardia per l attuazione dei criteri applicativi della Autorizzazione Ambientale Integrata-IPPC; la definizione delle politiche regionali in tema di risparmio energetico, efficienza energetica e promozione delle fonti rinnovabili nell ambito degli obblighi conseguenti alla sottoscrizione del Protocollo di Kyoto e dei programmi definiti dopo Johannesburg; lo sviluppo del progetto STARNET per la raccolta e la diffusione on line dei dati ambientali prodotti dagli operatori della struttura tecnico scientifica del sistema delle Agenzie. COSTI I principali costi relativi alla gestione operativa sono evidenziati nella tabella di seguito riportata: Costi della produzione 2002 Composizione Acquisti per materie prime ,14% Godimento beni di terzi ,81% Servizi ,77% Personale ,75% Ammortamenti ,46% Oneri diversi di gestione ,07% Totale % Nel grafico esposto, i costi vengono ripartiti in base al peso in percentuale che ciascuna voce ha sul costo totale di produzione. Come evidenziato dalle percentuali di composizione l ARPA si caratterizza per essere una struttura cosiddetta labour intensive proprio perché tipicamente le attività di anali di laboratorio, di verifiche e controlli, di supporto tecnico alle Istituzioni e ai privati, di ricerca, studio e progettazione richiedono un elevato utilizzo di risorse umane.

15 15 RICAVI ricavi realizzati nel corso dell esercizio sono stati di euro relativi alle attività che rientrano nella cosiddetta attività commerciale e di euro attribuibili all attività Istituzionale e rappresentati dai contributi in conto esercizio (alimentati principalmente dal Fondo Sanitario Regionale, così come previsto nella norma istitutiva dell Ente) che sono trasferiti all ARPA dalla regione per lo svolgimento delle proprie funzioni. Il grafico seguente evidenzia la composizione percentuale dei ricavi. Da esso si denota come la componente delle prestazioni contributi e altri ricavi risulta essere predominante rispetto alle altre. Composizione dei ricavi della produzione Valore della produzione 2002 Incidenza Ricavi delle vendite e delle prestazioni ,83% Contributi in conto esercizio ,56% Contributi in conto capitale (quote di competenza) ,42% Altri ricavi ,20% Totale % La distribuzione sul territorio dei servizi richiesti ai dipartimenti distribuiti in tutta la regione sono evidenziati nella tabella seguente e riportate nel grafico successivo. Composizione dei ricavi delle vendite e delle prestazioni Ricavi delle vendite e delle prestazioni 2002 Incidenza Settore aria ,73% Settore acqua ,14% Settore sottosuolo ,73% Settore agenti fisici ,84% Prestazioni diverse ,71% Proventi per convenzioni attive ,18% Progetti commissionati da Enti ,66% Totale %

16 Si riportano di seguito le ripartizioni per provincia dei servizi offerti da ogni settore dell ARPA. 16

17 17 Ricavi ARIA Ripartizione settore aria per provincia 2002 Incidenza Milano ,80% Milano 1 Parabiago ,30% Milano ,46% Bergamo ,68% Brescia ,38% Como 291 0,12% Cremona 75 0,03% Sondrio 910 0,38% Varese ,76% Lodi 217 0,09% Lecco ,00% Totale %

18 18 Ricavi ACQUA Ripartizione settore acqua per provincia 2002 Incidenza Milano ,19% Milano 1 Parabiago ,85% Milano ,07% Bergamo ,90% Brescia ,40% Como ,87% Cremona ,67% Mantova ,88% Pavia ,21% Sondrio ,66% Varese ,49% Lodi ,10% Lecco ,71% Totale %

19 19 Ricavi SOTTOSUOLO Ripartizione settore sottosuolo per provincia 2002 Incidenza Milano ,49% Milano 1 Parabiago ,31% Milano ,55% Bergamo ,30% Brescia ,76% Como ,97% Cremona ,23% Mantova ,66% Pavia ,25% Sondrio ,99% Vallecamonica ,76% Varese ,45% Lodi ,77% Lecco ,51% Totale %

20 20 Ricavi AGENTI FISICI Ripartizione settore agenti fisici per provincia 2002 Incidenza Milano ,53% Milano 1 Parabiago ,77% Milano ,44% Bergamo ,97% Brescia ,84% Como ,54% Cremona ,84% Mantova ,46% Pavia ,52% Sondrio ,61% Varese ,02% Lodi ,23% Lecco ,22% Totale %

21 21 INDICI DI BILANCIO Al fine di determinare alcuni indicatori di bilancio che meglio ci consentano di valutare la gestione dell esercizio appena trascorso, è necessario operare una riclassificazione delle voci del bilancio, sia di Stato Patrimoniale che di Conto Economico, così come illustrato nelle tabelle seguenti: Attivo 2002 Passivo 2002 Imm. immateriali Capitale sociale Imm. materiali Riserve Imm. finanziarie - Utile dell'esercizio Attivo Imm Patrimonio Netto Crediti Fondi per rischi Disponibilità liquide Debiti a m/l termine Ratei e Risconti Attivi Passività consolidate Attivo Circolante Debiti vs. fornitori Deb. tributari e vs. istituti di previdenza Altri debiti Passività correnti TOT. ATTIVO TOT. PASSIVO Conto Economico 2002 Valore della produzione Costi della produzione Margine di contribuzione lordo (Mol) Ammortamenti e svalutazioni Reddito operativo (EBIT) Saldo gestione finanziaria Saldo gestione straordinaria Reddito Ante Imposte (EBT) Imposte dell'esercizio REDDITO NETTO Gli indicatori che si ritengono interessanti ai fini della nostra analisi si possono raggruppare in due macrogruppi: A) gli indici patrimoniali: Indici patrimoniali Indice Formula Risultato Solidità patrimoniale Indice di indipendenza finanziaria PN/P 57% Indice di omogeneitià CI9(PN+DI) 40%

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli