IL SISTEMA TUBULARE RENALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA TUBULARE RENALE"

Transcript

1 Università degli studi di Verona Sede aggregata di Trieste Scuola di Specializzazione in Nefrologia Elisabetta Ermacora IL SISTEMA TUBULARE RENALE CASO CLINICO Donna di 44 anni, giunge in PS per gonalgia intensa ad entrambe le ginocchia con importante limitazione funzionale. APR: appendicectomia all età di 16 anni. Artrite realva al ginocchio destro all età di 30 anni. Nega allergie. Non assume terapia a domicilio. APP: la paziente presenta da due giorni gonalgia e febbricola ( TC 37.5 C ). Lieve dolore al movimenu del polso destro. Riferisce di aver assunto paracetamolo senza alcun beneficio. Nega tosse, nega faringodinia. Nega diarrea, nega disuria. Non segni di interessamento oculare. EO: evidente tumor, rubor, calor, ridowa mobilizzazione alva e passiva a livello di ambedue le ginocchia. ApireUca. PA 135/80 mmhg. FC 75 bpm. ALvità cardiaca ritmica. Per il resto quadro clinico nella norma.

2 Esami di laboratorio: Valori plasmauci V.N. Sodio 140 mmol/l Potassio 3.4 mmol/l Cloro 101 mmol/l Magnesio 1.2 mg/dl Calcio 9 mg/dl Hb 12 g/dl GB / mm3 (70% N. 25% L. 4% M. 0,8 % E. 0,2 % B) VES 50 mm/h <20(F) <15 (M) PCR 15 mg/dl < 1 fibrinogeno 500 mg/dl Nel sospewo di nuovo episodio di artrite realva, si richiede anche esecuzione di esame urine chimico- fisico e colturale, tampone uretrale e cervicale con esami colturali, tampone faringeo per streptococco beta- emoliuco, coprocoltura. Si somministrano FANS ( Indometacina 50 mg 2 volte al giorno) per il controllo del dolore e della flogosi arucolare, con scarso beneficio.

3 Esame radiologico a livello delle ginocchia e dei polsi, rivela calcificazioni a livello dei menischi e del legamento triangolare del carpo Si esegue artrocentesi All esame microscopico del liquido sinoviale si dimostrano cristalli di pirofosfato diidrato di calcio e presenza di numerosi polimorfonucleau ( mm3) Si formula quindi diagnosi di : CONDROCALCINOSI Viene prescriwa terapia con colchicina (1 mg ogni 8 ore per il primo giorno e successivamente 1 mg al giorno per un mese circa) e si olene una pronta remissione della sintomatologia flogisuca arucolare. TuWavia la paziente inizia a lamentare debolezza muscolare e mialgie, che vengono imputate inizialmente all uso della colchicina.

4 Si approfondisce l anamnesi, da cui emerge una storia di episodi di spasmo carpo- podalico all età di 27 anni, mialgie, artralgie, parestesie. Si inizia a sospeware una sindrome di Gitelman Agli esami di laboratorio: Valori plasmauci V.N. Potassio 2.90 mmol/l Magnesio 1.3 mg/dl VES 43 mm/h <20(F) <15(M) PCR 4.7 mg/dl <1 Renina (ortost) UI/mL Aldosterone (ortost) 450 pg/ml Valori urinari V.N. calcio 50 mg/ 24 ore PA 130/80 mmhg. Indici di funzionalità renale nella norma: creauninemia 0,8 mg/dl v.n (F) (M) urea plasmauca 30 mg/dl v.n mg/dl EGA arterioso V.N. ph pco2 46 mmhg po2 80 mmhg HCO3 32 mmol/l Alcalosi metabolica

5 Sulla base dei dau clinici e laboratorisuci, si pone diagnosi di: SINDROME DI GITELMAN A questo punto si instaura supplementazione orale con magnesio e potassio, con cui si olene successivamente normalizzazione degli elewroliu sierici, nonché miglioramento nel tempo dei disturbi muscolari. La paziente non riferisce, fino ad oggi, ulteriori episodi di artrite acuta. Nel corso dei mesi successivi si prosegue il trawamento orale con carbonato di magnesio (5,20 g/die) e potassio cloruro (1.8 g/die) SINDROME DI GITELMAN E CONDROCALCINOSI L ipomagnesemia è una condizione che si può associare alla deposizione di calcio pirofosfato diidrato. Il magnesio agisce da cofawore in numerose pirofosfatasi, tra cui la pirofosfatasi alcalina (che processa il pirofosfato inorganico, cosutuente dei cristalli); la sua carenza ridurrebbe l alvità dell enzima, favorendo la nucleazione dei cristalli di pirofosfato diidrato di calcio a livello di carulagine ialina, fibrocarulagine e membrana sinoviale

6 IL TUBULO RENALE La funzione principale del sistema tubulare è di processare l ultrafiltrato glomerulare in modo da soddisfare le necessità omeostauche dell organismo adawandole alle diverse condizioni ambientali. Lungo il tubulo avvengono processi di riassorbimento e secrezione che modificano significauvamente COMPOSIZIONE E VOLUME del fluido presente nel lume tubulare. Lungo i tubuli viene riassorbita la maggior parte dei soluu e dell acqua filtrau.

7 I MECCANISMI DI TRASPORTO TrasporU e canali sono espressi in modo variabile sulla membrana apicale e basolaterale delle varie porzioni del tubulo.

8 LA POMPA SODIO- POTASSIO Na-K-ATPase activity profile in rabbit, rat, and mouse nephron. Pierre Meneton et al. Am J Physiol Renal Physiol 2004;287:F593-F by American Physiological Society

9 Il tubulo renale può essere funzionalmente diviso in 4 porzioni : il tubulo contorto prossimale l ansa di Henle (cosutuita da una parte discendente e da una ascendente) il tubulo contorto distale il tubulo e dowo collewore

10 IL TUBULO CONTORTO PROSSIMALE Cuboidal cells with dense microvilli and large mitochondria Funzione di riassorbimento e secrezione Confinato alla corucale Il 67% della quanutà filtrata viene riassorbito Riassorbimento di Na+ e H20 iso- osmouco rispewo al plasma, non ci sono gradienu di concentrazione [Na+] nella preurina rimane costante Il TCP è composto da una parte convoluta ed una parte rellinea: morfologicamente viene divisa in 3 segmenu: - S1, che rappresenta i 2/3 della porzione convoluta - S2, rappresenta la zona di transizione tra porzione convoluta e pars recta - S3,rappresenta la pars recta fino all inizio dell ansa di henle ALCUNE CARATTERISTICHE IMPORTANTI DEL TCP: 1.I trasporu possono ridurre la concentrazione del soluto virtualmente fino a 0. 2.I trasporu alvi sono carawerizzau da Tmax. 3.Una proteina di trasporto è specifica soltanto per alcuni soluu, che devono competere per essere riassorbiu. 4.I trasportatori possono essere inibiu da farmaci, sostanze esogene e da malale monogeniche

11

12

13 POMPA PROTONICA TraWo S1 Il sodio viene riassorbito in scambio con protoni awraverso l azione di un anuporto, chiamato NHE3 o pompa protonica. L azione di questo trasportatore è fondamentale per il riassorbimento dei bicarbonau. RIASSORBIMENTO DEL GLUCOSIO TraWo S1 Il sodio viene riassorbito awraverso un simporto con il glucosio. Questo sistema di trasporto permewe di riassorbite tuwo il glucosio filtrato nel glomerulo. Il riassorbimento del glucosio è un Tmax system!

14 Cos è il Tm? Per le sostanze riassorbite con meccanismo alvo, esiste un limite alla velocità di riassorbimento (trasporto massimo, Tm) dovuto alla saturazione dei sistemi di trasporto. Si ha saturazione quando il carico tubulare (Ps x VFG) supera la disponibilità del trasportatore. Il valore di carico tubulare al quale si ha saturazione è dewo soglia renale. Riassorbimento substrato (mg/min) Trasporto massimo Saturazione Soglia renale Concentrazione plasmauca substrato (mg/100 ml)

15 Trasporto tempo- gradiente dipendente Le sostanze riassorbite passivamente (diffusione) non hanno un Tm e la velocità di trasporto dipende da: Gradiente elewrochimico Permeabilità selelva della membrana cellulare Tempo di permanenza nel tubulo del liquido contenente il soluto (dipendente dalla velocità di flusso tubulare e quindi VFG): velocità iassorbimento velocità riassorbimento Il trasporto di Na+ non ha Tm, perché la massima capacità di trasporto della pompa Na+- K+ è notevolmente superiore alla velocità di riassorbimento del Na+ e quindi non va incontro a saturazione. La velocità di riassorbimento del Na+ aumenta con: Na+] elocità di flusso del liquido tubulare RIASSORBIMENTO DI AMINOACIDI E ANIONI ORGANICI

16 TRASPORTO DI PEPTIDI

17 TRASPORTO DEL CLORO TraWo S2 Il riassorbimento del sodio è accoppiato a quello del cloro. TRASPORTO DEL CLORO Il cloro nella prima parte del tubulo prossimale non viene riassorbito per mancanza di trasportatori di membrana e per l impermeabilità delle Ught juncuons. Nella seconda metà del tubulo l aumentata concentrazione e l aumentata permeabilità delle giunzioni cellulari permewe il riassorbimento paracellulare. Inoltre sono presenu proteine di trasporto che permewono il riassorbimento transcellulare: i trasportatori Na- H e Cl- HCO3

18 RIASSORBIMENTO DEL BICARBONATO Per il mantenimento dell equilibrio acido- base è necessario che il bicarbonato che viene filtrato nel glomerulo venga riassorbito nel tubulo renale. Fondamentale è la presenza dell enzima ANIDRASI CARBONICA presente nell orlewo a spazzola delle cellule tubulari. VARIAZIONI COMPOSIZIONE FLUIDO TUBULARE Na+ e H2O vengono riassorbiu in maniera isosmouca col plasma, perciò la [Na+] nella preurina rimane costante. Glucosio, aminoacidi, bicarbonau e fosfau sono riassorbiu in quota superiore la loro concentrazione urinaria diminuisce Il cloro, nella prima parte del tubulo, non viene riassorbito con Na+ e H2O la sua concentrazione urinaria aumenta

19 LA SECREZIONE NEL TCP Amoxicillina FANS(es. indometacina) Captopril Losartan SimvastaUna

20 L ANSA DI HENLE Thin segment in descending limb Simple squamous epithelium Freely permeable to water Thick segment of ascending limb Cuboidal to columnar cells Organization of the nephron, showing both short-looped and long-looped nephrons. David B. Mount CJASN 2014;9: by American Society of Nephrology

21 ANSA DI HENLE TRATTO DISCENDENTE Questo trawo è permeabile a - Acqua ( dal lume all intersuzio) - Urea ( dall intersuzio al lume) Non ci sono sistemi di trasporto per i soluu Complessivamente viene riassorbito il 15-20% dell acqua filtrata. Aumento dell osmolalità del contenuto tubulare

22 ANSA DI HENLE TRATTO ASCENDENTE - - Impermeabilità all acqua Trasporto di soluu il principale trasportatore è il simporto Na- K- 2Cl Complessivamente riassorbito il 25% del Na+ filtrato 2) Ascendente spessa: cellule più alte, cubiche. Impermeabili all acqua. Presenza di NKCC. Trasporto a\vo di NaCl. 1) Parte ascendente solle: cellule piawe, impermeabili all acqua. Perde passivamente NaCl che va nell inters[zio.

23 Trasportatore NKCC SIMPORTO NKCC ( Na+- K+- 2Cl- ) POMPA Na+/K+ ROMK ( renal outer medullary K+) COTRASPORTATORE K+- Cl- a livello basale CANALI Cl- Kb e Cl- Ka associau a una proteina transmembrana, la BARTTINA TRASPORTO PARACELLULARE DI CALCIO E MAGNESIO RIASSORBIMENTO NETTO DI NaCl DIURETICI DELL ANSA

24 SINDROME DI BARTTER Sindrome congenita, rara, comprende un gruppo di disordini a trasmissione autosomica recessiva. I diversi fenoupi clinici di tale sindrome son determinau da diverse mutazioni che inalvano i trasportatori della branca ascendente dell ansa di Henle. Il mancato riassorbimento a livello dell ansa di Henle porta ad un aumento della delivery distale che supera le capacità del nefrone distale e conduce a perdita di acqua e soluu. È carawerizzata da alcalosi ipokaliemica, ipercalciuria, valori bassi o normali di pressione arteriosa sistemica, alvazione del sistema renina- angiotensina- aldosterone. Table 3 Clinical and biochemical features of Gitelman's syndrome and the various types of BarWer's syndrome Phillips DR et al. (2006) A serum potassium level above 10 mmol/l in a patient predisposed to hypokalemia Nat Clin Pract Neprol 2: doi: /ncpneph201

25 Clinicamente la sindrome di BarWer presenta due varianu: una forma prenatale/neonatale e una forma classica, in relazione all età di insorgenza. REGOLAZIONE DELL OSMOLALITA Il rene è deputato al controllo dell osmolalità e del volume dei liquidi corporei. La regolazione dell osmolalita plasmauca e il risultato della regolazione dell osmolalita delle urine. L osmolalità delle urine può variare da 50 a 1200 mosm/kgh2o. Ciò che permewe di owenere urine più o meno concentrate è la presenza di un GRADIENTE DI CONCENTRAZIO NE MIDOLLARE.

26 Formazione del gradiente osmouco midollare Il gradiente midollare viene a cosutuirsi per un meccanismo di MOLTIPLICAZIONE CONTROCORRENTE prodowo dall ansa di Henle. L organizzazione del flusso in controcorrente riguarda anche il sistema di perfusione (vasa recta) I meccanismi che determinano la formazione dell IPERTONICITA DELLA MIDOLLARE sono - Il trasporto alvo di soluu nella branca ascendente di Henle - Riassorbimento passivo di NaCl nel segmento solle della branca ascendente - Il ricircolo dell urea

27 IL RICIRCOLO DELL UREA A livello glomerulare viene filtrata liberamente. Nel tubulo contorto prossimale: viene riassorbito il 50% Nell ansa di Henle: rientra nel tubulo un analoga quanutà per secrezione per gradiente di concentrazione tra intersuzio e tubulo. Nel tubulo distale e dowo collewore midollare esterna: impermebilità all urea, che viene concentrata dal progressivo riassorbimento di acqua. Nel dowo collewore midollare interna: permeabilità all urea, che passa perciò in parte all intersuzio, una minima parte viene drenato dai vasa recta, il restante manuene il gradiente osmouco e in parte rientra nell ansa di Henle.

28 La moluplicazione controcorrente può proseguire all infinito? No! - Da un lato la branca ascendente dell ansa di Henle, con la sua conunua alvità riassorbente dei soluu tubulari, porterebbe ad un progressivo accumulo di osmoliu nell intersuzio midollare con un aumento incessante dell osmolalità. - Dall altro la branca discendente dell ansa di Henle, per la sua permeabilità all acqua, contribuirebbe invece a dissipare il gradiente, spostando acqua nell intersuzio che va a ridurre le concentrazioni degli osmoliu. MANTENIMENTO DEL GRADIENTE Lasciato a sé, il gradiente osmouco non rimarrebbe stabile nel tempo, ma oscillerebbe conunuamente tra momenu di aumento dell ipertonicità e momenu in cui il gradiente verrebbe dissipato. Il sistema vascolare renale si oppone a ques[ squilibri stabilizzando l ipertonicità midollare.

29 VASA RECTA VERI: Originano dalle arterie arcuate. Presentano P idrostauca ed oncouca plasmauca, flusso sanguigno rapido. Lungo il trawo discendente rimangono ipo- osmouci, lungo il trawo ascendente rimangono iperosmouci (325 mosm/kg). Contribuiscono al mantenimento del gradiente osmouco, rimuovendo i soluu in eccesso dall intersuzio midollare. VASA RECTA SPURI: Originano dall arteriola efferente dei nefroni iuxtamidollari. Presentano P idrostauca ridowa e oncouca aumentata per effewo della filtrazione glomerulare. Il flusso sanguigno è lento. La pressione oncouca aumentata richiama acqua dall intersuzio midollare evitando che l eccesso di solvente dissipi il gradiente osmouco.

30 TUBULO CONTORTO DISTALE DisUnguiamo - Una porzione iniziale del TCD - Una parte più distale del TCD Cuboidal cells with very few microvilli FuncUon more in secreuon than reabsorpuon Confined to the cortex Arohan R. Subramanya, and David H. Ellison CJASN 2014;9: TCD PORZIONE INIZIALE Essa è funzionalmente un prolungamento del segmento spesso dell ansa ascendente di Henle. CaraWerisUche: - Impermeabilità all acqua - Trasportatore NCC Qui diminuisce ulteriormente l osmolalità della preurina ulteriore diluizione del fluido tubulare.

31 TCD PORZIONE INIZIALE TRASPORTATORE NCC Canali del K+ su entrambi i lau cellulari Cotrasporto KCl verso il lume Canale per il Cl su lato intersuzio (ClC kb) Assorbimento di cauoni divalenu

32 DIURETICI TIAZIDICI L'aLvità farmacologica principale dei diureuci Uazidici consiste nell'inibizione del carrier di membrana che riassorbe sodio e cloro nel tubulo distale e nel segmento di connessione. Normalmente quesu segmenu del nefrone riassorbono fino ad un massimo del 5% del sodio filtrato, e di conseguenza l'alvità diureuca dei Uazidici è minore di quella dei diureuci dell'ansa. In assenza di ADH, il riassorbimento sodico distale è essenziale per la formazione di urine ipotoniche. Il blocco farmacologico di tale trasporto determina per conseguenza la perdita della capacità di diluire le urine. Il potere di concentrazione non viene invece influenzato da nessuno dei farmaci di questo gruppo.

33 Il riassorbimento del calcio è incrementato dai Uazidici con un duplice meccanismo: 1) un'azione direwa sul trasporto di questo ione nel tubulo distale 2) uno sumolo indirewo al riassorbimento lungo tuwo il nefrone conseguente alla deplezione del volume extracellulare. A ciò consegue riduzione della calciuria (uulizzabile a fini terapeuuci negli stau ipercalciurici) e talvolta ipercalcemia. CATIONI DIVALENTI ( Ca++, Mg++) Sia nella porzione ascendente dell ansa di Henle che nella parte iniziale del TCD, il potenziale transmembrana posiuvo facilita il riassorbimento PARACELLULARE di cauoni divalenu

34 SINDROME DI GITELMAN È una rara tubulopaua con perdita di sali a ereditarietà autosomica recessiva. È tra le tubulopaue la più frequente tra i caucasici. È carawerizzata da alcalosi metabolica ipokaliemica, ipomagnesemia con ipermagnesuria, ipocalciuria. Causata da mutazione (se ne conoscono più di 100) del gene SLC12A3 che codifica per la proteina di trasporto, sensibile ai Uazidici, del NaCl. Si presenta generalmente in età adulta, ma in alcuni casi può manifestarsi già durante l infanzia. Figure 2 A nephron in a pauent with Gitelman s syndrome Phillips DR et al. (2006) A serum potassium level above 10 mmol/l in a patient predisposed to hypokalemia Nat Clin Pract Neprol 2: doi: /ncpneph201

35 Salt loss Volume depleuon Renin/aldosterone secreuon / JGA hyperplasia Hyperreninemic hyperaldosteronism Enhanced K and H seceruon at the collecung tubule Hypokalemia and metabolic alkalosis result MANIFESTAZIONI CLINICHE e LABORATORISTICHE I sintomi si manifestano generalmente in età adulta, ma talvolta possono presentarsi già nell infanzia. - Debolezza muscolare, artralgie, mialgie - Parestesie, spasmi muscolari, tetania, rabdomiolisi - Dolore addominale - Nicturia, poliuria, polidipsia - VerUgini - Condrocalcinosi - Ritardo di crescita, ritardo puberale - Pressione arteriosa normale/bassa Dal punto di vista esami ematochimici - Alcalosi ipokaliemica ipocloremica - Ipomagnesemia A livello urinario - Ipermagnesuria - ipocalciuria IpertaLvazione del sistema renina- angiotensina

36 DIAGNOSI Si basa principalmente sulla clinica e sui dau di laboratorio La diagnosi di certezza si olene solo con il test geneuco (dimostrazione della mutazione su entrambi i loci del gene SLC12A3) DIAGNOSI DIFFERENZIALE Da disunguere dalla sindrome di BarWer. Essa si presenta generalmente in età più precoce, con decorso più severo (e con possibile ritardo di crescita), non presenta ipocalciuria né ipomagnesemia. Oltre a ciò presenta mutazioni geneuche differenu rispewo alla sindrome di Gitelman. TRATTAMENTO DELLA SINDROME DI GITELMAN - Supplementazione di Sali ( potassio, magnesio ) - Farmaci bloccanu l ENaC ( amiloride, spironolawone ) - FANS ( es. indometacina ) Personalizzazione della terapia Monitoraggio clinico e laboratorisuco COMPLICANZE DELLA SINDROME DI GITELMAN: Rischio di patologia tubulointersuziale e possibile conseguente compromissione della funzionalità renale a causa dell ipopotassiemia cronica!

37 PARTE DISTALE DEL TUBULO CONTORTO DISTALE E TUBULO COLLETTORE A questo livello riconosciamo due Upologie di cellule: Cellule PRINCIPALI Cellule INTERCALARI intensa alvità pompa Na+/k+ canale ENaC canali del K+ acquaporine CELLULE PRINCIPALI

38 CELLULE PRINCIPALI (2) Il riassorbimento di Na+ a questo livello è regolato da ALDOSTERONE ANP Aumenta trascrizione, sintesi, funzionalità del canale ENAC e della pompa Na/K Aumenta i livelli intracellulari di cgmp e ne diminuisce l alvità DIURETICI RISPARMIATORI DI POTASSIO

39 CELLULE INTERCALARI massimo gradiente di [H+] tra cellula e lume tubulare è di 700 volte valori di ph urinario fino a 4,5 A livello delle cellule intercalari l aldosterone promuove l escrezione di H+. ALDOSTERONE

40 Cellule intercalari alfa Le cellule intercalari alfa svolgono la funzione di secernere protoni nel lume tubulare, riassorbire il potassio e il bicarbonato. La secrezione di potassio si realizza awraverso una pompa protonica ATP dipendente e un anuporto con il potassio Cellule intercalari beta Le cellule intercalari beta sono specializzate nella secrezione di bicarbonato nel lume tubulare e di immewere nell intersuzio protoni. La loro alvità è importante in presenza di alcalosi metabolica, perché l eliminazione di bicarbonato rappresenta un tentauvo di compenso apical basolateral

41 SECREZIONE DI PROTONI E RIASSORBIMENTO DI BICARBONATO - nel TCP e nel TCD Nel TCP: l escrezione di H+ non serve tanto per secernere protoni quanto per riassorbire HCO3 filtrato dal glomerulo Nel TCD: protoni interagiscono con Sali deboli e Sali di ammonio e vengono eliminau; si accompagna produzione di HCO3 da H2O e CO2 rigenerazione di HCO3

42 DOTTO COLLETTORE A livello distale i sistemi di trasporto principali divengono l acquaporina 2 e i traportatori dell urea. LE ACQUAPORINE 2 sono canali per il passaggio dell acqua, normalmente espressi su vescicole citoplasmauche, che si fondono con la membrana in risposta alla sumolazione dell ADH. Presenza di ADH esocitosi vescicole Assenza di ADH endocitosi vescicole I trasportatori dell urea contribuiscono a mantenere il gradiente osmouco nella midollare. ADH Ormone prodowo dai nuclei ipotalamici sopraolco e paraventricolare e awraverso la neuroipofisi secreto nei capillari sistemici. Il rilascio avviene in risposta a sumoli provenienu da: 1.OSMOCETTORI CENTRALI ipotalamici 2.BAROCETTORI caroudei ed aoruci 3.VOLOCETTORI venosi centrali e atriali I recewori per questo ormone sono denominau V1 e V2, gli effel ormonali dipendono dal Upo di recewore presente sulla cellula. Nel nefrone, ADH ha diversi effel: Glomerulo (V1): contrazione mesangiale con conseguente riduzione GFR Vasa recta (V1): azione vasocostritrice con diminuzione del flusso sanguigno midollare per il mantenimento del gradiente osmouco coruco- midollare Segmento spesso della porzione ascendente dell ansa di Henle (V2): incremento del trasporto di elewroliu nell intersuzio IntersUzio midollare (V1): produzione di prostaglandine

43 L azione principale di questo ormone si esplica sul dowo collewore awraverso il legame con il recewore V2. In presenza di adiureuna nelle cellule di questo trawo del nefrone si ha la fusione di vescicole contenenu ACQUAPORINA 2 con la membrana apicale. In questo modo un trawo altrimenu impermeabile all acqua diventa un sito di riassorbimento. Sulla membrana basolaterale è sempre presente Acquaporina 1 che trasporta l acqua nell intersuzio GRAZIE PER L ATTENZIONEL

Bilancio Sodio e Potassio

Bilancio Sodio e Potassio Bilancio Sodio e Potassio Sodio E l elemento fondamentale per: Controllo osmolalità Mantenimento volume del LEC Mantenimento Pressione arteriosa L introduzione giornaliera di sodio con la dieta (200 meq/l)

Dettagli

Rene e bilancio idrico-salino

Rene e bilancio idrico-salino Rene e bilancio idrico-salino Alterazioni del bilancio idrico sono in genere conseguenza di squilibri nell introduzione ed escrezione di acqua ed elettroliti. Disfunzione Causa Alterazione Disidratazione

Dettagli

RIASSORBIMENTO PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia Speciale Veterinaria

RIASSORBIMENTO PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia Speciale Veterinaria RIASSORBIMENTO RIASSORBIMENTO TUBULO CONTORTO PROSSIMALE RIASSORBIMENTO OBBLIGATO (indipendente dai sistemi di regolazione) Quantitativamente la gran parte della funzione di riassorbimento avviene a questo

Dettagli

Rene: le funzioni tubulari

Rene: le funzioni tubulari Rene: le funzioni tubulari Riassorbimento del Na+ Riassorbimento dell HCO3-, secrezione dell H+ Riassorbimento del glucoso, a-a ecc Riassorbimento e secrezione del K+ Riassorbimento e secrezione dell urea

Dettagli

Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II. Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona

Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II. Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona Fisiologia Renale 7. Bilancio idro-elettrolitico II Carlo Capelli, Fisiologia Corso di Laurea in Scienze Motorie Università Verona Obiettivi Bilancio dell acqua Variazione del ACT e osmolalità Osmocettori

Dettagli

Alterazioni equilibrio acidobase

Alterazioni equilibrio acidobase Alterazioni equilibrio acidobase In base all equazione di HendersonHasselbalch ph = pk+ log [HCO 3 ] [CO 2 ] Acidosi: rapporto HCO 3 /CO 2 ph. Se diminuzione dipende da: HCO 3 acidosi metabolica (nonrespiratoria)

Dettagli

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

ph = log 1/[H+] = - log [H+]

ph = log 1/[H+] = - log [H+] ph = log 1/[H+] = log [H+] Sangue arterioso ph = 7.4 Sangue venoso ph = 7.35 ph inferiori = acidosi (limite ph = inizio 7,36 max 6.8) ph superiori = alcalosi (limite ph inizio 7,44 max 7.8) ph intracellulare

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Fisiologia Renale 5. Equilibrio acido-base: Fisiologia e fisiopatologia

Fisiologia Renale 5. Equilibrio acido-base: Fisiologia e fisiopatologia Fisiologia Renale 5. Equilibrio acidobase: Fisiologia e fisiopatologia Fisiologia Generale e dell Esercizio Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Produzione e bilancio

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

Acqua e bilancio idrico-salino

Acqua e bilancio idrico-salino Acqua e bilancio idrico-salino Acqua: aspetti chimici generali e fonti L acqua (H2O)è una sostanza inorganica formata da due atomi di idrogeno (H) e uno di ossigeno (O). E un ott imo solvente per sostanze

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi 2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Diffusione semplice e mediata da

Dettagli

Fisiologia dell apparato urinario

Fisiologia dell apparato urinario Fisiologia dell apparato urinario Il rene mantiene l ambiente interno (omeostasi): regola la composizione e il volume dei liquidi e allontana le scorie (urea, creatina, pigmenti biliari, creatinina, ecc.).

Dettagli

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover RENE 1 How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover most of it. Consider the work of the kidneys Artificial

Dettagli

Equilibrio idro-elettrolitico. ed acido-base. Diagnostica biochimico-clinica. clinica Lezione 6

Equilibrio idro-elettrolitico. ed acido-base. Diagnostica biochimico-clinica. clinica Lezione 6 Equilibrio idro-elettrolitico ed acido-base Diagnostica biochimico-clinica clinica Lezione 6 L equilibrio dei fluidi corporei I liquidi presenti nell organismo sono raccolti in due distretti principali:

Dettagli

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana. Membrana cellulare Proteine inserite nella membrana cellulare: Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Dettagli

20 Fisiologia. integrativa II: equilibrio idro-elettrolitico. Diabete insipido. Omeostasi idro-elettrolitica

20 Fisiologia. integrativa II: equilibrio idro-elettrolitico. Diabete insipido. Omeostasi idro-elettrolitica 20 Fisiologia integrativa II: equilibrio idro-elettrolitico ORGANIZZAZIONE DEL CAPITOLO 643 Omeostasi idro-elettrolitica 643 L osmolarità del LEC influisce sul volume cellulare 643 Il bilancio idro-elettrolitico

Dettagli

Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. prof. Filippo Quitadamo

Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. prof. Filippo Quitadamo Apparato urinario: il maggior depuratore del sangue. 1 2 3 4 Rene : 150 grammi, lungo 12 cm, largo 7 cm 5 INDICATORI Conoscenze: 1. Descrivere l apparato escretore. 2. Illustrare l organizzazione anatomica

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

Test diagnostici di funzionalità renale

Test diagnostici di funzionalità renale Test diagnostici di funzionalità renale Diagnostica biochimico-clinica clinica Lezione 5 Il rene Il rene presiede importanti funzioni che comprendono il mantenimento e la regolazione del bilancio idrico,

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

Volume liquidi corporei. Rene

Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volume ematico Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere

Dettagli

Diuretici (n.b. non solo antipertensivi)

Diuretici (n.b. non solo antipertensivi) ANTIPERTENSIVI Diuretici (n.b. non solo antipertensivi) Tecnicamente: DIURETICO: agente che aumenta il volume delle urine in un determinato periodo di tempo NATRIURETICO: agente che induce un aumento dell

Dettagli

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei L'acqua presente nei compartimenti corporei è ricca di sali o elettroliti un elettrolitita disciolto in acqua si separa in ioni si dividono

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

FISIOLOGIA RENALE 2. Funzioni tubulari, riassorbimento obbligatorio dell acqua

FISIOLOGIA RENALE 2. Funzioni tubulari, riassorbimento obbligatorio dell acqua FISIOLOGIA RENALE 2. Funzioni tubulari, riassorbimento obbligatorio dell acqua Fisiologia Generale e dell Esercizio Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi Verona Obiettivi Funzioni

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Versione: 001392_005259_RCP.doc Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Calcium Sandoz 1000 mg granulato effervescente

Dettagli

Dialisi e Analisi correlate

Dialisi e Analisi correlate Dialisi e Analisi correlate Nicole Marforio Progetto di Stage 2 semestre Laboratorio Synlab Savosa 01.2012-03.2012 1 Introduzione Ho deciso di fare il mio lavoro di stage sulla dialisi, perché nel laboratorio

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

EVOLUZIONE dell APPARATO ESCRETORE ed ELIMINAZIONE delle SCORIE AZOTATE

EVOLUZIONE dell APPARATO ESCRETORE ed ELIMINAZIONE delle SCORIE AZOTATE EVOLUZIONE dell APPARATO ESCRETORE ed ELIMINAZIONE delle SCORIE AZOTATE Gli organismi unicellulari diversamente dai pluricellulari non necessitano di un vero e proprio apparato escretore, ad esempio il

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA

DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA TERAPIA DIALITICA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Presidio Ospedaliero S. Maria del P. Incurabili S.C. Universitaria di Nefrologia e Dialisi DIALISI INDICAZIONI PER L INIZIO DELLA

Dettagli

Luigi Aronne Disordini dell equilibrio acido-base

Luigi Aronne Disordini dell equilibrio acido-base Luigi Aronne Disordini dell equilibrio acido-base Per acidosi s intende una condizione che determinerebbe acidemia (ph < 7,36) se non fosse compensata Per alcalosi s intende una condizione che determinerebbe

Dettagli

FISIOLOGIA CdL in Medicina e Chirurgia. Regolazione del ph. Dott.ssa Michela Anna Pia Ciliberti

FISIOLOGIA CdL in Medicina e Chirurgia. Regolazione del ph. Dott.ssa Michela Anna Pia Ciliberti FISIOLOGIA CdL in Medicina e Chirurgia Regolazione del ph Dott.ssa Michela Anna Pia Ciliberti FUNZIONI OMEOSTATICHE INTEGRATE regolazione della temperatura corporea; controllo del ph dell organismo; regolazione

Dettagli

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane www.fisiokinesiterapia.biz Membrana cellulare barriera al passaggio della maggior parte delle molecole polari Permette alla cellula di

Dettagli

www.slidetube.it Il nefrone è costituito dal corpuscolo renale e dal tubulo

www.slidetube.it Il nefrone è costituito dal corpuscolo renale e dal tubulo Il nefrone è costituito dal corpuscolo renale e dal tubulo Il corpuscolo renale è formato da : a) il glomerulo arterioso b) la capsula di Bowman www.slidetube.it Zona corticale Zona midollare Dall arteria

Dettagli

Regolazione della circolazione

Regolazione della circolazione Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

La pressione osmotica del plasma è 28mmHg

La pressione osmotica del plasma è 28mmHg PRESSIONE OSMOTICA capacità di una soluzione più concentrata di richiamare acqua attraverso una membrana semipermeabile (cioè permeabile solo all H 2 O). La pressione osmotica del plasma è 28mmHg 1 SPAZI

Dettagli

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA FUNZIONE E IL PROCESSO La funzione di un sistema o evento fisiologico è il perché il sistema esiste. Il processo indica la modalità attraverso

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I I TRASPORTI ATTRAVERSO MEMBRANE BIOLOGICHE Movimenti di piccoli soluti attraverso le membrane 2 categorie generali Trasporto

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La regolazione della circolazione è caratterizzata da:

La regolazione della circolazione è caratterizzata da: Per regolazione della circolazione si intendono tutti i meccanismi di controllo che assicurano il normale svolgimento delle funzioni circolatorie in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze.

Dettagli

Rene ed equilibrio acido-base

Rene ed equilibrio acido-base Rene ed equilibrio acidobase Produzione H Acidi volatili (15.000 mmol/dì) CO 2 H 2 O H 2 CO 3 H HCO 3 non costituisce guadagno H perché CO 2 (volatile) eliminata con la respirazione Acidi fissi, non volatili

Dettagli

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli.

CLEARANCE. Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. CLEARANCE Il concetto di clearance esprime la efficacia della globalità dei nefroni nella eliminazione dei metaboliti filtrati dai glomeruli. Clearance of a bridge CLEARANCE La funzione glomerulare

Dettagli

Quando nella pipì qualcosa mi preoccupa: la microematuria C.T. Carasi

Quando nella pipì qualcosa mi preoccupa: la microematuria C.T. Carasi HContatti Padova, 18 ottobre 2014 Il pediatra di famiglia incontra la nefrologia pediatrica Quando nella pipì qualcosa mi preoccupa: la microematuria C.T. Carasi CASI CLINICI Martina 3 aa e 6/12 A. Familiare

Dettagli

FARMACI PER LA TERAPIA DELL IPERTENSIONE

FARMACI PER LA TERAPIA DELL IPERTENSIONE FARMACI PER LA TERAPIA DELL IPERTENSIONE Controllo pressione - Aumento tono muscolatura liscia vasale periferica, aumento resistenza arteriolare e riduzione sistema venoso - 90% ipertensione essenziale

Dettagli

Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di

Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

Modellistica di sistemi fisiologici: aspetti didattici e prospettive di ricerca

Modellistica di sistemi fisiologici: aspetti didattici e prospettive di ricerca CIRA 2005 Modellistica di sistemi fisiologici: aspetti didattici e prospettive di ricerca A. Landi Università di Pisa Premessa Insegnamento di Controlli Automatici per Biomeccatronica (6 CFU) (Laurea Specialistica

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE Il glucoso ed il galattoso, gli aminoacidi e gli ioni utilizzano apposite proteine per attraversare la MP. L'H 2 O può attraversare con difficoltà lo strato lipidico

Dettagli

EMOGASANALISI ARTERIOSA

EMOGASANALISI ARTERIOSA EMOGASANALISI ARTERIOSA Prelievo arterioso Il prelievo arterioso può essere eseguito nelle arterie RADIALE, BRACHIALE o FEMORALE. Attualmente viene eseguito più frequentemente il prelievo dall arteria

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti.

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. FARMACOCINETICA 2 Farmacologia generale 1 ELIMINAZIONE DEI FARMACI L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. Le principali vie di escrezione sono:

Dettagli

MODALITA DI TRASPORTO ATTRAVERSO LE MEMBRANE BIOLOGICHE LA MEMBRANA CELLULARE E SELETTIVAMENTE PERMEABILE, CIOE SOLO DETERMINATI TIPI DI MOLECOLE POSSONO AT= TRAVERSARLA LIBERAMENTE (PICCOLE MOLECOLE POLARI;

Dettagli

Chetoacidosi diabetica (DKA)

Chetoacidosi diabetica (DKA) Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento dell Età evolutiva Prof. M. Vanelli Chetoacidosi diabetica (DKA) 1 È responsabile della maggior parte dei ricoveri nonché della

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACOCINETICA La farmacocinetica è quella branca della farmacologia che studia il destino del farmaco nell organismo, dal momento in cui entra fino a quando sarà eliminato.

Dettagli

Indice. Fisiologia cellulare 1 Bruce M. Koeppen e Bruce A. Stanton. Il sistema nervoso 53 Kalman Rubinson e Eric J. Lang

Indice. Fisiologia cellulare 1 Bruce M. Koeppen e Bruce A. Stanton. Il sistema nervoso 53 Kalman Rubinson e Eric J. Lang Indice Autori dei contributi Prefazione vii ix Il sistema nervoso centrale 60 Reazioni del tessuto nervoso alle lesioni 65 Concetti chiave 67 PARTE I Fisiologia cellulare 1 Bruce M. Koeppen e Bruce A.

Dettagli

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano

Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Domenica 21 Marzo 2010 Loc. Poggiardelli Montepulciano Pazienti in trattamento sostitutivo della funzione renale (USL 7 Zona Valdichiana) N Dialisi extracorporea 40 Dialisi peritoneale 10 Trapianto attivo

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze Continuous Renal Replacement Therapy Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze CRRT: principi fisici Ultrafiltrazione: movimento di acqua attraverso una membrana semipermeabile

Dettagli

Dichiarazione. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei.

Dichiarazione. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Per le lezioni del prof. P.P. Battaglini Schemi di Dichiarazione Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei. Queste immagini vengono utilizzate per l

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

Insufficienza Renale Cronica

Insufficienza Renale Cronica Insufficienza Renale Cronica Le nefropatie croniche si classificano in: - Nefropatia con filtrazione glomerulare (FG) normale [ > 90 ml/min/1,73 m²]; - Nefropatia con diminuzione lieve del FG [89-60 ML

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

www.fondazionedamico.org

www.fondazionedamico.org www.fondazionedamico.org COSA SONO Sono due organi situati nell addome, a forma di fagiolo, grandi poco più di un pugno, collegati alla vescica da un condotto chiamato uretere. L urina prodotta dai due

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 3 DI BASSANO DEL GRAPPA LABORATORIO DI ANALISI ELENCO DELLE PRESTAZIONI

AZIENDA ULSS N. 3 DI BASSANO DEL GRAPPA LABORATORIO DI ANALISI ELENCO DELLE PRESTAZIONI RAME, SIERO Provetta Tappo Blu Anello Giallo 6 ml (Gel Separatore Attivatore Coagulazione) Metodo: Assorbimento Atomico. Valori Riferimento: 70 170 mcg/dl Refertazione dopo giorni: 10 Codice Regionale:

Dettagli

Il consumo delle Pere contro l insorgenza delle patologie renali Dott. Fabio Fabbian, Dipartimento di Scienze Mediche - UNIFE

Il consumo delle Pere contro l insorgenza delle patologie renali Dott. Fabio Fabbian, Dipartimento di Scienze Mediche - UNIFE Il consumo delle Pere contro l insorgenza delle patologie renali Dott. Fabio Fabbian, Dipartimento di Scienze Mediche - UNIFE Storia della calcolosi La storia della calcolosi delle vie urinarie risale

Dettagli

La [H+], il PH e quello che l equazione di Kassirer- Bleich ci può dire nella pratica.

La [H+], il PH e quello che l equazione di Kassirer- Bleich ci può dire nella pratica. DISORDINI DELL EQUILIBRIO ACIDO-BASE : loro interpretazione Introduzione L interpretazione dei disordini dell equilibrio acido base (EAB) è stata spesso considerata dagli studenti del corso di laurea in

Dettagli

- WELKOME FITNESS 2013

- WELKOME FITNESS 2013 - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Equilibrio acido base una nuova esigenza per lo sport e per la salute Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato

Dettagli

Tumori della tiroide. Eziopatogenesi, diagnosi e terapia

Tumori della tiroide. Eziopatogenesi, diagnosi e terapia Tumori della tiroide Eziopatogenesi, diagnosi e terapia - PRIMITIVI benigni maligni -SECONDARI Tumori primitivi maligni Origine dalla cellula follicolare Differenziati (papillifero( e follicolare) Indifferenziati

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

Modello mono-compartimentale

Modello mono-compartimentale Modello mono-compartimentale Cinetica di invasione (cinetica di I ordine): [1] C ( t) D V D (1 e C (t) = concentrazione plasmatica al tempo t D=dose assorbibile K V D =volume di distribuzione all equilibrio

Dettagli

Faccia anteriore rene destro

Faccia anteriore rene destro Faccia anteriore rene destro estremità superiore margine mediale margine laterale ilo arteria renale vena renale estremità inferiore uretere Rene destro sezionato sostanza corticale sostanza midollare

Dettagli

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra Come funziona Patologie che possono colpirlo APPARATO ESCRETORE BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 RENI E l organo principale dell apparato escretore, costituito

Dettagli

:: Diabete insipido nefrogeno congenito

:: Diabete insipido nefrogeno congenito :: Diabete insipido nefrogeno congenito Queste raccomandazioni, tratte dalla versione francese pubblicata nel 2009, sono state adattate da Orphanet-Italia in collaborazione con il Dr. Salvatore Meola e

Dettagli

ANATOMIA dell APPARATO URINARIO

ANATOMIA dell APPARATO URINARIO ANATOMIA dell APPARATO URINARIO APPARATO URINARIO Insieme di organi il cui compito e e quello di filtrare il sangue dai cataboliti che vi si accumulano e di eliminarli all esterno RENI RENI VIE URINARIE

Dettagli

2. Fegato, particolarmente (ma non esclusivamente) specifico per le sostanze liposolubili che allontana attraverso la bile. Quindi intestino e feci.

2. Fegato, particolarmente (ma non esclusivamente) specifico per le sostanze liposolubili che allontana attraverso la bile. Quindi intestino e feci. Fisiologia I Prof Serapide Gli organi emuntori sono 3: 1. Rene, allontana i cataboliti che si possono sciogliere in acqua, ovvero idrosolubili e li allontana attraverso l urina. Le sostanze quindi devono

Dettagli

Bioingegneria Elettronica I

Bioingegneria Elettronica I Bioingegneria Elettronica I Cenni alla fisiologia delle cellule e dei sistemi biologici A. Bonfiglio La cellula struttura generale La cellula Struttura generale della cellula Composizione dei liquidi intracellulare

Dettagli

Cosa accade quando si verifica un danno a

Cosa accade quando si verifica un danno a FISIOPATOLOGIA RENALE Cosa accade quando si verifica un danno a livello renale? FUNZIONI RENALI 1. Regolazione bilancio idro-salino 2. Regolazione equilibrio acido-base 3. Escrezione prodotti metabolici

Dettagli

Allison Hale Mary Jo Hovey Fluidi ed elettroliti Notes Guida clinica per le professioni sanitarie Edizione italiana a cura di P. Ferri - N.

Allison Hale Mary Jo Hovey Fluidi ed elettroliti Notes Guida clinica per le professioni sanitarie Edizione italiana a cura di P. Ferri - N. Allison Hale Mary Jo Hovey Fluidi ed elettroliti Notes Guida clinica per le professioni sanitarie Edizione italiana a cura di P. Ferri - N. Panzera Edizione originale: Allison Hale Mary Jo Hovey Fluid

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli