IL SISTEMA TUBULARE RENALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SISTEMA TUBULARE RENALE"

Transcript

1 Università degli studi di Verona Sede aggregata di Trieste Scuola di Specializzazione in Nefrologia Elisabetta Ermacora IL SISTEMA TUBULARE RENALE CASO CLINICO Donna di 44 anni, giunge in PS per gonalgia intensa ad entrambe le ginocchia con importante limitazione funzionale. APR: appendicectomia all età di 16 anni. Artrite realva al ginocchio destro all età di 30 anni. Nega allergie. Non assume terapia a domicilio. APP: la paziente presenta da due giorni gonalgia e febbricola ( TC 37.5 C ). Lieve dolore al movimenu del polso destro. Riferisce di aver assunto paracetamolo senza alcun beneficio. Nega tosse, nega faringodinia. Nega diarrea, nega disuria. Non segni di interessamento oculare. EO: evidente tumor, rubor, calor, ridowa mobilizzazione alva e passiva a livello di ambedue le ginocchia. ApireUca. PA 135/80 mmhg. FC 75 bpm. ALvità cardiaca ritmica. Per il resto quadro clinico nella norma.

2 Esami di laboratorio: Valori plasmauci V.N. Sodio 140 mmol/l Potassio 3.4 mmol/l Cloro 101 mmol/l Magnesio 1.2 mg/dl Calcio 9 mg/dl Hb 12 g/dl GB / mm3 (70% N. 25% L. 4% M. 0,8 % E. 0,2 % B) VES 50 mm/h <20(F) <15 (M) PCR 15 mg/dl < 1 fibrinogeno 500 mg/dl Nel sospewo di nuovo episodio di artrite realva, si richiede anche esecuzione di esame urine chimico- fisico e colturale, tampone uretrale e cervicale con esami colturali, tampone faringeo per streptococco beta- emoliuco, coprocoltura. Si somministrano FANS ( Indometacina 50 mg 2 volte al giorno) per il controllo del dolore e della flogosi arucolare, con scarso beneficio.

3 Esame radiologico a livello delle ginocchia e dei polsi, rivela calcificazioni a livello dei menischi e del legamento triangolare del carpo Si esegue artrocentesi All esame microscopico del liquido sinoviale si dimostrano cristalli di pirofosfato diidrato di calcio e presenza di numerosi polimorfonucleau ( mm3) Si formula quindi diagnosi di : CONDROCALCINOSI Viene prescriwa terapia con colchicina (1 mg ogni 8 ore per il primo giorno e successivamente 1 mg al giorno per un mese circa) e si olene una pronta remissione della sintomatologia flogisuca arucolare. TuWavia la paziente inizia a lamentare debolezza muscolare e mialgie, che vengono imputate inizialmente all uso della colchicina.

4 Si approfondisce l anamnesi, da cui emerge una storia di episodi di spasmo carpo- podalico all età di 27 anni, mialgie, artralgie, parestesie. Si inizia a sospeware una sindrome di Gitelman Agli esami di laboratorio: Valori plasmauci V.N. Potassio 2.90 mmol/l Magnesio 1.3 mg/dl VES 43 mm/h <20(F) <15(M) PCR 4.7 mg/dl <1 Renina (ortost) UI/mL Aldosterone (ortost) 450 pg/ml Valori urinari V.N. calcio 50 mg/ 24 ore PA 130/80 mmhg. Indici di funzionalità renale nella norma: creauninemia 0,8 mg/dl v.n (F) (M) urea plasmauca 30 mg/dl v.n mg/dl EGA arterioso V.N. ph pco2 46 mmhg po2 80 mmhg HCO3 32 mmol/l Alcalosi metabolica

5 Sulla base dei dau clinici e laboratorisuci, si pone diagnosi di: SINDROME DI GITELMAN A questo punto si instaura supplementazione orale con magnesio e potassio, con cui si olene successivamente normalizzazione degli elewroliu sierici, nonché miglioramento nel tempo dei disturbi muscolari. La paziente non riferisce, fino ad oggi, ulteriori episodi di artrite acuta. Nel corso dei mesi successivi si prosegue il trawamento orale con carbonato di magnesio (5,20 g/die) e potassio cloruro (1.8 g/die) SINDROME DI GITELMAN E CONDROCALCINOSI L ipomagnesemia è una condizione che si può associare alla deposizione di calcio pirofosfato diidrato. Il magnesio agisce da cofawore in numerose pirofosfatasi, tra cui la pirofosfatasi alcalina (che processa il pirofosfato inorganico, cosutuente dei cristalli); la sua carenza ridurrebbe l alvità dell enzima, favorendo la nucleazione dei cristalli di pirofosfato diidrato di calcio a livello di carulagine ialina, fibrocarulagine e membrana sinoviale

6 IL TUBULO RENALE La funzione principale del sistema tubulare è di processare l ultrafiltrato glomerulare in modo da soddisfare le necessità omeostauche dell organismo adawandole alle diverse condizioni ambientali. Lungo il tubulo avvengono processi di riassorbimento e secrezione che modificano significauvamente COMPOSIZIONE E VOLUME del fluido presente nel lume tubulare. Lungo i tubuli viene riassorbita la maggior parte dei soluu e dell acqua filtrau.

7 I MECCANISMI DI TRASPORTO TrasporU e canali sono espressi in modo variabile sulla membrana apicale e basolaterale delle varie porzioni del tubulo.

8 LA POMPA SODIO- POTASSIO Na-K-ATPase activity profile in rabbit, rat, and mouse nephron. Pierre Meneton et al. Am J Physiol Renal Physiol 2004;287:F593-F by American Physiological Society

9 Il tubulo renale può essere funzionalmente diviso in 4 porzioni : il tubulo contorto prossimale l ansa di Henle (cosutuita da una parte discendente e da una ascendente) il tubulo contorto distale il tubulo e dowo collewore

10 IL TUBULO CONTORTO PROSSIMALE Cuboidal cells with dense microvilli and large mitochondria Funzione di riassorbimento e secrezione Confinato alla corucale Il 67% della quanutà filtrata viene riassorbito Riassorbimento di Na+ e H20 iso- osmouco rispewo al plasma, non ci sono gradienu di concentrazione [Na+] nella preurina rimane costante Il TCP è composto da una parte convoluta ed una parte rellinea: morfologicamente viene divisa in 3 segmenu: - S1, che rappresenta i 2/3 della porzione convoluta - S2, rappresenta la zona di transizione tra porzione convoluta e pars recta - S3,rappresenta la pars recta fino all inizio dell ansa di henle ALCUNE CARATTERISTICHE IMPORTANTI DEL TCP: 1.I trasporu possono ridurre la concentrazione del soluto virtualmente fino a 0. 2.I trasporu alvi sono carawerizzau da Tmax. 3.Una proteina di trasporto è specifica soltanto per alcuni soluu, che devono competere per essere riassorbiu. 4.I trasportatori possono essere inibiu da farmaci, sostanze esogene e da malale monogeniche

11

12

13 POMPA PROTONICA TraWo S1 Il sodio viene riassorbito in scambio con protoni awraverso l azione di un anuporto, chiamato NHE3 o pompa protonica. L azione di questo trasportatore è fondamentale per il riassorbimento dei bicarbonau. RIASSORBIMENTO DEL GLUCOSIO TraWo S1 Il sodio viene riassorbito awraverso un simporto con il glucosio. Questo sistema di trasporto permewe di riassorbite tuwo il glucosio filtrato nel glomerulo. Il riassorbimento del glucosio è un Tmax system!

14 Cos è il Tm? Per le sostanze riassorbite con meccanismo alvo, esiste un limite alla velocità di riassorbimento (trasporto massimo, Tm) dovuto alla saturazione dei sistemi di trasporto. Si ha saturazione quando il carico tubulare (Ps x VFG) supera la disponibilità del trasportatore. Il valore di carico tubulare al quale si ha saturazione è dewo soglia renale. Riassorbimento substrato (mg/min) Trasporto massimo Saturazione Soglia renale Concentrazione plasmauca substrato (mg/100 ml)

15 Trasporto tempo- gradiente dipendente Le sostanze riassorbite passivamente (diffusione) non hanno un Tm e la velocità di trasporto dipende da: Gradiente elewrochimico Permeabilità selelva della membrana cellulare Tempo di permanenza nel tubulo del liquido contenente il soluto (dipendente dalla velocità di flusso tubulare e quindi VFG): velocità iassorbimento velocità riassorbimento Il trasporto di Na+ non ha Tm, perché la massima capacità di trasporto della pompa Na+- K+ è notevolmente superiore alla velocità di riassorbimento del Na+ e quindi non va incontro a saturazione. La velocità di riassorbimento del Na+ aumenta con: Na+] elocità di flusso del liquido tubulare RIASSORBIMENTO DI AMINOACIDI E ANIONI ORGANICI

16 TRASPORTO DI PEPTIDI

17 TRASPORTO DEL CLORO TraWo S2 Il riassorbimento del sodio è accoppiato a quello del cloro. TRASPORTO DEL CLORO Il cloro nella prima parte del tubulo prossimale non viene riassorbito per mancanza di trasportatori di membrana e per l impermeabilità delle Ught juncuons. Nella seconda metà del tubulo l aumentata concentrazione e l aumentata permeabilità delle giunzioni cellulari permewe il riassorbimento paracellulare. Inoltre sono presenu proteine di trasporto che permewono il riassorbimento transcellulare: i trasportatori Na- H e Cl- HCO3

18 RIASSORBIMENTO DEL BICARBONATO Per il mantenimento dell equilibrio acido- base è necessario che il bicarbonato che viene filtrato nel glomerulo venga riassorbito nel tubulo renale. Fondamentale è la presenza dell enzima ANIDRASI CARBONICA presente nell orlewo a spazzola delle cellule tubulari. VARIAZIONI COMPOSIZIONE FLUIDO TUBULARE Na+ e H2O vengono riassorbiu in maniera isosmouca col plasma, perciò la [Na+] nella preurina rimane costante. Glucosio, aminoacidi, bicarbonau e fosfau sono riassorbiu in quota superiore la loro concentrazione urinaria diminuisce Il cloro, nella prima parte del tubulo, non viene riassorbito con Na+ e H2O la sua concentrazione urinaria aumenta

19 LA SECREZIONE NEL TCP Amoxicillina FANS(es. indometacina) Captopril Losartan SimvastaUna

20 L ANSA DI HENLE Thin segment in descending limb Simple squamous epithelium Freely permeable to water Thick segment of ascending limb Cuboidal to columnar cells Organization of the nephron, showing both short-looped and long-looped nephrons. David B. Mount CJASN 2014;9: by American Society of Nephrology

21 ANSA DI HENLE TRATTO DISCENDENTE Questo trawo è permeabile a - Acqua ( dal lume all intersuzio) - Urea ( dall intersuzio al lume) Non ci sono sistemi di trasporto per i soluu Complessivamente viene riassorbito il 15-20% dell acqua filtrata. Aumento dell osmolalità del contenuto tubulare

22 ANSA DI HENLE TRATTO ASCENDENTE - - Impermeabilità all acqua Trasporto di soluu il principale trasportatore è il simporto Na- K- 2Cl Complessivamente riassorbito il 25% del Na+ filtrato 2) Ascendente spessa: cellule più alte, cubiche. Impermeabili all acqua. Presenza di NKCC. Trasporto a\vo di NaCl. 1) Parte ascendente solle: cellule piawe, impermeabili all acqua. Perde passivamente NaCl che va nell inters[zio.

23 Trasportatore NKCC SIMPORTO NKCC ( Na+- K+- 2Cl- ) POMPA Na+/K+ ROMK ( renal outer medullary K+) COTRASPORTATORE K+- Cl- a livello basale CANALI Cl- Kb e Cl- Ka associau a una proteina transmembrana, la BARTTINA TRASPORTO PARACELLULARE DI CALCIO E MAGNESIO RIASSORBIMENTO NETTO DI NaCl DIURETICI DELL ANSA

24 SINDROME DI BARTTER Sindrome congenita, rara, comprende un gruppo di disordini a trasmissione autosomica recessiva. I diversi fenoupi clinici di tale sindrome son determinau da diverse mutazioni che inalvano i trasportatori della branca ascendente dell ansa di Henle. Il mancato riassorbimento a livello dell ansa di Henle porta ad un aumento della delivery distale che supera le capacità del nefrone distale e conduce a perdita di acqua e soluu. È carawerizzata da alcalosi ipokaliemica, ipercalciuria, valori bassi o normali di pressione arteriosa sistemica, alvazione del sistema renina- angiotensina- aldosterone. Table 3 Clinical and biochemical features of Gitelman's syndrome and the various types of BarWer's syndrome Phillips DR et al. (2006) A serum potassium level above 10 mmol/l in a patient predisposed to hypokalemia Nat Clin Pract Neprol 2: doi: /ncpneph201

25 Clinicamente la sindrome di BarWer presenta due varianu: una forma prenatale/neonatale e una forma classica, in relazione all età di insorgenza. REGOLAZIONE DELL OSMOLALITA Il rene è deputato al controllo dell osmolalità e del volume dei liquidi corporei. La regolazione dell osmolalita plasmauca e il risultato della regolazione dell osmolalita delle urine. L osmolalità delle urine può variare da 50 a 1200 mosm/kgh2o. Ciò che permewe di owenere urine più o meno concentrate è la presenza di un GRADIENTE DI CONCENTRAZIO NE MIDOLLARE.

26 Formazione del gradiente osmouco midollare Il gradiente midollare viene a cosutuirsi per un meccanismo di MOLTIPLICAZIONE CONTROCORRENTE prodowo dall ansa di Henle. L organizzazione del flusso in controcorrente riguarda anche il sistema di perfusione (vasa recta) I meccanismi che determinano la formazione dell IPERTONICITA DELLA MIDOLLARE sono - Il trasporto alvo di soluu nella branca ascendente di Henle - Riassorbimento passivo di NaCl nel segmento solle della branca ascendente - Il ricircolo dell urea

27 IL RICIRCOLO DELL UREA A livello glomerulare viene filtrata liberamente. Nel tubulo contorto prossimale: viene riassorbito il 50% Nell ansa di Henle: rientra nel tubulo un analoga quanutà per secrezione per gradiente di concentrazione tra intersuzio e tubulo. Nel tubulo distale e dowo collewore midollare esterna: impermebilità all urea, che viene concentrata dal progressivo riassorbimento di acqua. Nel dowo collewore midollare interna: permeabilità all urea, che passa perciò in parte all intersuzio, una minima parte viene drenato dai vasa recta, il restante manuene il gradiente osmouco e in parte rientra nell ansa di Henle.

28 La moluplicazione controcorrente può proseguire all infinito? No! - Da un lato la branca ascendente dell ansa di Henle, con la sua conunua alvità riassorbente dei soluu tubulari, porterebbe ad un progressivo accumulo di osmoliu nell intersuzio midollare con un aumento incessante dell osmolalità. - Dall altro la branca discendente dell ansa di Henle, per la sua permeabilità all acqua, contribuirebbe invece a dissipare il gradiente, spostando acqua nell intersuzio che va a ridurre le concentrazioni degli osmoliu. MANTENIMENTO DEL GRADIENTE Lasciato a sé, il gradiente osmouco non rimarrebbe stabile nel tempo, ma oscillerebbe conunuamente tra momenu di aumento dell ipertonicità e momenu in cui il gradiente verrebbe dissipato. Il sistema vascolare renale si oppone a ques[ squilibri stabilizzando l ipertonicità midollare.

29 VASA RECTA VERI: Originano dalle arterie arcuate. Presentano P idrostauca ed oncouca plasmauca, flusso sanguigno rapido. Lungo il trawo discendente rimangono ipo- osmouci, lungo il trawo ascendente rimangono iperosmouci (325 mosm/kg). Contribuiscono al mantenimento del gradiente osmouco, rimuovendo i soluu in eccesso dall intersuzio midollare. VASA RECTA SPURI: Originano dall arteriola efferente dei nefroni iuxtamidollari. Presentano P idrostauca ridowa e oncouca aumentata per effewo della filtrazione glomerulare. Il flusso sanguigno è lento. La pressione oncouca aumentata richiama acqua dall intersuzio midollare evitando che l eccesso di solvente dissipi il gradiente osmouco.

30 TUBULO CONTORTO DISTALE DisUnguiamo - Una porzione iniziale del TCD - Una parte più distale del TCD Cuboidal cells with very few microvilli FuncUon more in secreuon than reabsorpuon Confined to the cortex Arohan R. Subramanya, and David H. Ellison CJASN 2014;9: TCD PORZIONE INIZIALE Essa è funzionalmente un prolungamento del segmento spesso dell ansa ascendente di Henle. CaraWerisUche: - Impermeabilità all acqua - Trasportatore NCC Qui diminuisce ulteriormente l osmolalità della preurina ulteriore diluizione del fluido tubulare.

31 TCD PORZIONE INIZIALE TRASPORTATORE NCC Canali del K+ su entrambi i lau cellulari Cotrasporto KCl verso il lume Canale per il Cl su lato intersuzio (ClC kb) Assorbimento di cauoni divalenu

32 DIURETICI TIAZIDICI L'aLvità farmacologica principale dei diureuci Uazidici consiste nell'inibizione del carrier di membrana che riassorbe sodio e cloro nel tubulo distale e nel segmento di connessione. Normalmente quesu segmenu del nefrone riassorbono fino ad un massimo del 5% del sodio filtrato, e di conseguenza l'alvità diureuca dei Uazidici è minore di quella dei diureuci dell'ansa. In assenza di ADH, il riassorbimento sodico distale è essenziale per la formazione di urine ipotoniche. Il blocco farmacologico di tale trasporto determina per conseguenza la perdita della capacità di diluire le urine. Il potere di concentrazione non viene invece influenzato da nessuno dei farmaci di questo gruppo.

33 Il riassorbimento del calcio è incrementato dai Uazidici con un duplice meccanismo: 1) un'azione direwa sul trasporto di questo ione nel tubulo distale 2) uno sumolo indirewo al riassorbimento lungo tuwo il nefrone conseguente alla deplezione del volume extracellulare. A ciò consegue riduzione della calciuria (uulizzabile a fini terapeuuci negli stau ipercalciurici) e talvolta ipercalcemia. CATIONI DIVALENTI ( Ca++, Mg++) Sia nella porzione ascendente dell ansa di Henle che nella parte iniziale del TCD, il potenziale transmembrana posiuvo facilita il riassorbimento PARACELLULARE di cauoni divalenu

34 SINDROME DI GITELMAN È una rara tubulopaua con perdita di sali a ereditarietà autosomica recessiva. È tra le tubulopaue la più frequente tra i caucasici. È carawerizzata da alcalosi metabolica ipokaliemica, ipomagnesemia con ipermagnesuria, ipocalciuria. Causata da mutazione (se ne conoscono più di 100) del gene SLC12A3 che codifica per la proteina di trasporto, sensibile ai Uazidici, del NaCl. Si presenta generalmente in età adulta, ma in alcuni casi può manifestarsi già durante l infanzia. Figure 2 A nephron in a pauent with Gitelman s syndrome Phillips DR et al. (2006) A serum potassium level above 10 mmol/l in a patient predisposed to hypokalemia Nat Clin Pract Neprol 2: doi: /ncpneph201

35 Salt loss Volume depleuon Renin/aldosterone secreuon / JGA hyperplasia Hyperreninemic hyperaldosteronism Enhanced K and H seceruon at the collecung tubule Hypokalemia and metabolic alkalosis result MANIFESTAZIONI CLINICHE e LABORATORISTICHE I sintomi si manifestano generalmente in età adulta, ma talvolta possono presentarsi già nell infanzia. - Debolezza muscolare, artralgie, mialgie - Parestesie, spasmi muscolari, tetania, rabdomiolisi - Dolore addominale - Nicturia, poliuria, polidipsia - VerUgini - Condrocalcinosi - Ritardo di crescita, ritardo puberale - Pressione arteriosa normale/bassa Dal punto di vista esami ematochimici - Alcalosi ipokaliemica ipocloremica - Ipomagnesemia A livello urinario - Ipermagnesuria - ipocalciuria IpertaLvazione del sistema renina- angiotensina

36 DIAGNOSI Si basa principalmente sulla clinica e sui dau di laboratorio La diagnosi di certezza si olene solo con il test geneuco (dimostrazione della mutazione su entrambi i loci del gene SLC12A3) DIAGNOSI DIFFERENZIALE Da disunguere dalla sindrome di BarWer. Essa si presenta generalmente in età più precoce, con decorso più severo (e con possibile ritardo di crescita), non presenta ipocalciuria né ipomagnesemia. Oltre a ciò presenta mutazioni geneuche differenu rispewo alla sindrome di Gitelman. TRATTAMENTO DELLA SINDROME DI GITELMAN - Supplementazione di Sali ( potassio, magnesio ) - Farmaci bloccanu l ENaC ( amiloride, spironolawone ) - FANS ( es. indometacina ) Personalizzazione della terapia Monitoraggio clinico e laboratorisuco COMPLICANZE DELLA SINDROME DI GITELMAN: Rischio di patologia tubulointersuziale e possibile conseguente compromissione della funzionalità renale a causa dell ipopotassiemia cronica!

37 PARTE DISTALE DEL TUBULO CONTORTO DISTALE E TUBULO COLLETTORE A questo livello riconosciamo due Upologie di cellule: Cellule PRINCIPALI Cellule INTERCALARI intensa alvità pompa Na+/k+ canale ENaC canali del K+ acquaporine CELLULE PRINCIPALI

38 CELLULE PRINCIPALI (2) Il riassorbimento di Na+ a questo livello è regolato da ALDOSTERONE ANP Aumenta trascrizione, sintesi, funzionalità del canale ENAC e della pompa Na/K Aumenta i livelli intracellulari di cgmp e ne diminuisce l alvità DIURETICI RISPARMIATORI DI POTASSIO

39 CELLULE INTERCALARI massimo gradiente di [H+] tra cellula e lume tubulare è di 700 volte valori di ph urinario fino a 4,5 A livello delle cellule intercalari l aldosterone promuove l escrezione di H+. ALDOSTERONE

40 Cellule intercalari alfa Le cellule intercalari alfa svolgono la funzione di secernere protoni nel lume tubulare, riassorbire il potassio e il bicarbonato. La secrezione di potassio si realizza awraverso una pompa protonica ATP dipendente e un anuporto con il potassio Cellule intercalari beta Le cellule intercalari beta sono specializzate nella secrezione di bicarbonato nel lume tubulare e di immewere nell intersuzio protoni. La loro alvità è importante in presenza di alcalosi metabolica, perché l eliminazione di bicarbonato rappresenta un tentauvo di compenso apical basolateral

41 SECREZIONE DI PROTONI E RIASSORBIMENTO DI BICARBONATO - nel TCP e nel TCD Nel TCP: l escrezione di H+ non serve tanto per secernere protoni quanto per riassorbire HCO3 filtrato dal glomerulo Nel TCD: protoni interagiscono con Sali deboli e Sali di ammonio e vengono eliminau; si accompagna produzione di HCO3 da H2O e CO2 rigenerazione di HCO3

42 DOTTO COLLETTORE A livello distale i sistemi di trasporto principali divengono l acquaporina 2 e i traportatori dell urea. LE ACQUAPORINE 2 sono canali per il passaggio dell acqua, normalmente espressi su vescicole citoplasmauche, che si fondono con la membrana in risposta alla sumolazione dell ADH. Presenza di ADH esocitosi vescicole Assenza di ADH endocitosi vescicole I trasportatori dell urea contribuiscono a mantenere il gradiente osmouco nella midollare. ADH Ormone prodowo dai nuclei ipotalamici sopraolco e paraventricolare e awraverso la neuroipofisi secreto nei capillari sistemici. Il rilascio avviene in risposta a sumoli provenienu da: 1.OSMOCETTORI CENTRALI ipotalamici 2.BAROCETTORI caroudei ed aoruci 3.VOLOCETTORI venosi centrali e atriali I recewori per questo ormone sono denominau V1 e V2, gli effel ormonali dipendono dal Upo di recewore presente sulla cellula. Nel nefrone, ADH ha diversi effel: Glomerulo (V1): contrazione mesangiale con conseguente riduzione GFR Vasa recta (V1): azione vasocostritrice con diminuzione del flusso sanguigno midollare per il mantenimento del gradiente osmouco coruco- midollare Segmento spesso della porzione ascendente dell ansa di Henle (V2): incremento del trasporto di elewroliu nell intersuzio IntersUzio midollare (V1): produzione di prostaglandine

43 L azione principale di questo ormone si esplica sul dowo collewore awraverso il legame con il recewore V2. In presenza di adiureuna nelle cellule di questo trawo del nefrone si ha la fusione di vescicole contenenu ACQUAPORINA 2 con la membrana apicale. In questo modo un trawo altrimenu impermeabile all acqua diventa un sito di riassorbimento. Sulla membrana basolaterale è sempre presente Acquaporina 1 che trasporta l acqua nell intersuzio GRAZIE PER L ATTENZIONEL

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI

IL POTASSIO IN DIALISI AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI IL POTASSIO IN DIALISI Dott. Francesco Cosa AZIENDA OSPEDALIERA SAN PAOLO POLO UNIVERSITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI RESPONSABILE PROF. DANIELE CUSI METABOLISMO

Dettagli

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover

How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover RENE 1 How the kidneys function is way more interesting than you may have thought. Summarizing, they throw the baby out with the bath water, then recover most of it. Consider the work of the kidneys Artificial

Dettagli

Argomenti di Patologia Clinica Esami della funzione renale Rene e laboratorio Perché esaminare la funzionalità renale? Per identificare le disfunzioni renali Per diagnosticare le patologie renali Per monitorare

Dettagli

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore

NEFROLITIASI ACUTA. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI ACUTA Dolore costante e non colico, localizzato al fianco eo irradiato all inguine. Micro-macroematuria. Sovente nausea e vomito. Più raro dolore addominale prevalemtemete anteriore NEFROLITIASI

Dettagli

Diuretici (n.b. non solo antipertensivi)

Diuretici (n.b. non solo antipertensivi) ANTIPERTENSIVI Diuretici (n.b. non solo antipertensivi) Tecnicamente: DIURETICO: agente che aumenta il volume delle urine in un determinato periodo di tempo NATRIURETICO: agente che induce un aumento dell

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Valori di riferimento per la Bioimpedenza

Valori di riferimento per la Bioimpedenza Valori di riferimento per la Bioimpedenza L Acqua Corporea Totale (TBW = Total Body Water) L acqua totale è il maggior componente dell organismo, per questo la corretta determinazione, in percentuale e

Dettagli

Riassunto delle caratteristiche del prodotto

Riassunto delle caratteristiche del prodotto Riassunto delle caratteristiche del prodotto 1 DENOMINAZIONE DELLA SPECIALITÀ MEDICINALE Calcio Carbonato + vitamina D3 ABC 1000 mg/880 U.I. granulato effervescente 2 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Chetoacidosi diabetica (DKA)

Chetoacidosi diabetica (DKA) Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento dell Età evolutiva Prof. M. Vanelli Chetoacidosi diabetica (DKA) 1 È responsabile della maggior parte dei ricoveri nonché della

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACOCINETICA La farmacocinetica è quella branca della farmacologia che studia il destino del farmaco nell organismo, dal momento in cui entra fino a quando sarà eliminato.

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia

SINDROME NEFROSICA. Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA SINDROME NEFROSICA Sindrome clinica caratterizzata da: - Edema (volto, piedi, mani) - Proteinuria (>3 g/die) - Ipoalbuminemia - Ipercolesterolemia SINDROME NEFROSICA - EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze Continuous Renal Replacement Therapy Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze CRRT: principi fisici Ultrafiltrazione: movimento di acqua attraverso una membrana semipermeabile

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11

APPARATO ESCRETORE. Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra. Come funziona. Patologie che possono colpirlo BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 Formato da: Reni Canali escretori (ureteri) Vescica Uretra Come funziona Patologie che possono colpirlo APPARATO ESCRETORE BEI ALICE, 3 C, 10/01/11 RENI E l organo principale dell apparato escretore, costituito

Dettagli

Le iponatremie: problemi diagnostici e terapeutici, semplici e complessi

Le iponatremie: problemi diagnostici e terapeutici, semplici e complessi Suppl 2 vol2 workshop i-70 ok 7-05-2003 9:54 Pagina 8 Giornale Italiano di Medicina Interna Le iponatremie: problemi diagnostici e terapeutici, semplici e complessi F. Sgambato, S. Prozzo Ospedale Sacro

Dettagli

:: Diabete insipido nefrogeno congenito

:: Diabete insipido nefrogeno congenito :: Diabete insipido nefrogeno congenito Queste raccomandazioni, tratte dalla versione francese pubblicata nel 2009, sono state adattate da Orphanet-Italia in collaborazione con il Dr. Salvatore Meola e

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

scaricatoda www.sunhope.it

scaricatoda www.sunhope.it Membrana citoplasmatica è sede di scambio di materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. TRASPORTI NELLA

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

CdL in INFERMIERISTICA LE MALATTIE RENALI

CdL in INFERMIERISTICA LE MALATTIE RENALI CdL in INFERMIERISTICA Medicina Generale e Specialistica Dr Claudio Pagano Dip di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Padova LE MALATTIE RENALI IL RENE: ANATOMIA 1 IL RENE: ANATOMIA IL RENE NORMALE

Dettagli

Calcio, fosforo e magnesio

Calcio, fosforo e magnesio Calcio, fosforo e magnesio Calcio (Ca 2+) elemento più abbondante del corpo umano (dopo O, C, H, N) 1200 g in totale nell uomo adulto di cui 99% nello scheletro Fosforo (P) 850 g totali nel corpo umano

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA

INSUFFICIENZA RENALE ACUTA - alterazione funzione renale con quadro clinico molto vario da muto a gravissimo - patogenesi varia, distinta in tre forme: 1. pre-renale (funzionale) 2. renale (organica) 3. post-renale (ostruttiva)

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Diploma per Infermiere

Università degli Studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Diploma per Infermiere Università degli Studi di Bologna Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Diploma per Infermiere Emodialisi: La sostituzione della funzionalità di un organo. Implicazione infermiereristiche per fronteggiare

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Le membrane. Struttura e funzione

Le membrane. Struttura e funzione Le membrane Struttura e funzione Le membrane fungono da barriere selettive La membrana plasmatica è importante per molte funzioni Il doppio strato lipidico Molecole anfipatiche FOSFOLIPIDI STEROLI GLICOLIPIDI

Dettagli

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI I farmaci possono essere introdotti nell organismo per via enterale e per via parenterale.. Con la somministrazione enterale (enteron = intestino), il farmaco

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Determinazione Risultato Unità Limiti di riferimento

Determinazione Risultato Unità Limiti di riferimento METABOLITI SIERICI E URINARI P-Lattato 1,00 mmol/l 0,62-2,35 P-Ammonio 80 µg/dl 25-94 S-Bilirubina totale 1,80 mg/dl Fino a 1,20 S-Bilirubina esterificata 0,40 mg/dl Fino a 0,30 S-Bilirubina non esterificata

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

TERAPIA DELL IPERTENSIONE ARTERIOSA

TERAPIA DELL IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia Tesina di Farmacologia TERAPIA DELL IPERTENSIONE ARTERIOSA Chiar.mo Prof. PIERFRANCO

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2

Ogni globina ha una tasca in cui lega un gruppo EME, quindi l Hb può legare e trasportare 4 molecole di O 2 Emoglobina (Hb): tetramero (le globine si associano formando due copie di dimeri αβ (α 1 β 1 e α 2 β 2 ) che si associano a formare un tetramero attraverso interazioni idrofobiche, legami H e ponti salini

Dettagli

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio

Sancta Maria Spes Nostra Ancilla Domini Sedes Sapientiae Ora Pro Nobis Dott. Carmelo Debilio Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de iva: indennizzo negato Polimialgia Reumatica

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani. Nefrologia e Dialisi

Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani. Nefrologia e Dialisi Dipartimento Medicine Specialistiche Direttore: dr. Giovanni Q.Villani Nefrologia e Dialisi Direttore: Roberto Scarpioni Parliamo di reni Ambulatorio di Predialisi Dr. Sergio Ballocchi A.F.D.Loredana Scalambra

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA OMEOSTASI DEL CALCIO E SUA REGOLAZIONE TRE ORMONI: PARATORMONE /PTH CALCITRIOLO CALCITONINA Klinke cap 11.7 Le paratiroidi L ormone paratiroideo o PTH

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

EQUILIBRIO ACIDO-BASE. ACIDI, BASI e ph SISTEMI TAMPONE

EQUILIBRIO ACIDO-BASE. ACIDI, BASI e ph SISTEMI TAMPONE EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDI, BASI e ph Acido: sostanza che in acqua è capace di cedere H + HA + H 2 O H 3 O + + A - ; HA H + + A - Base: sostanza che in acqua è capace di accettare H + 1 B + H 2 O BH +

Dettagli

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria

Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria 1 Da un caso clinico considerazioni sulla fisiologia/fisiopatologia respiratoria Marco Confalonieri Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Struttura Complessa PNEUMOLOGIA-UTIR Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

GUIDA PER PAZIENTI IN EMODIALISI

GUIDA PER PAZIENTI IN EMODIALISI SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza GUIDA PER PAZIENTI IN EMODIALISI A CURA DEL PERSONALE INFERMIERISTICO DELLA DIALISI DI PIACENZA con questa guida intendiamo

Dettagli

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa

Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa Complicanze Mediche dell Anoressia Nervosa E semplice individuare le pazienti a rischio clinico? Parametri di laboratorio: ad es albuminemia : raramente alterata (ridotto catabolismo dell albumina e disidratazione).

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Metalli in medicina. L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il

Metalli in medicina. L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il Metalli in medicina L utilizzo dei metalli in medicina ha radici ben antiche. Il ferro ed il rame, per esempio, erano utilizzati nella Grecia antica. Già da secoli il Hg 2+ era utilizzato nel trattamento

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che Canali ionici Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che permette il passaggio selettivo di ioni.

Dettagli

Vieste (FG), 30 maggio 2014

Vieste (FG), 30 maggio 2014 GIORNATE PNEUMOLOGICHE Vieste (FG), 30 maggio 2014 ULTRAFILTRAZIONE E SCOMPENSO CARDIACO Dott.ssa Stefania Pietanza U.O. Nefrologia e Dialisi Ospedale Masselli-Mascia - San Severo ASL Foggia SCOMPENSO

Dettagli

K. RANJIT femmina, 48 anni

K. RANJIT femmina, 48 anni CASO CLINICO Dott.ssa Carlotta Farinelli -Corso di formazione MMG 2011/2014 - K. RANJIT femmina, 48 anni ANAMNESI PATOLOGICA REMOTA: In Italia da 11 aa ultimo viaggio in India 2011 Nessun ricovero, nessun

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Colture Cellulari: introduzione

Colture Cellulari: introduzione Colture Cellulari: introduzione! Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

FISIOLOGIA RENALE CASO CLINICO

FISIOLOGIA RENALE CASO CLINICO FISIOLOGIA RENALE Scuola di Specializzazione in Nefrologia Università di Verona (sede aggregata di Trieste; Coordinatore Locale: Prof. Michele Carraro) S.C. di Nefrologia e Dialisi, Ospedale di CaFnara

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dal greco diaita Dieta: ieri - modo di vivere volto alla salute - stile

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Distribuzione (ossigeno e sostanze nutritive) Rimozione (anidride carbonica e scorie del metabolismo) Trasporto (ormoni) Mantenimento (temperatura corporea,

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

Caso Clinico. Ipertensione arteriosa, in trattamento con Atenololo/Clortalidone. Rantoli crepitanti prevalentemente ai campi medio-basale sinistra

Caso Clinico. Ipertensione arteriosa, in trattamento con Atenololo/Clortalidone. Rantoli crepitanti prevalentemente ai campi medio-basale sinistra Caso Clinico Sintomi APR Esame obiettivo RB, donna di anni 74, si reca dal proprio Medico Curante per la comparsa da circa una settimana di astenia marcata, episodi fugaci di dolore toracico non irradiato

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 GUIDE AI PAZIENTI GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 RIGUARDO QUESTA INFORMATIVA Questa informativa: è dedicata ai soggetti adulti con diabete di tipo 2, ai loro parenti e a

Dettagli

33. Fisiopatologia renale

33. Fisiopatologia renale Lezioni di Patologia generale Capitolo 33. isiopatologia renale. 1 33. isiopatologia renale I edizione In collaborazione con il prof. Enrico Strocchi (vale per tutto il capitolo) 33. isiopatologia renale...1

Dettagli

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Perchè una sostanza ha una determinata azione o tossicità? Farmacodinamica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA

DIPARTIMENTO DI EMERGENZA DIPARTIMENTO DI EMERGENZA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE Accettazione, Pronto Soccorso ed Osservazione Breve Responsabile Dott. Felice ROTA Via Martiri della Liberta - 17014 Cairo Montenotte (SV) Tel

Dettagli

DIALISI: da sapere LA DIALISI. Sommario:

DIALISI: da sapere LA DIALISI. Sommario: DIALISI: da sapere A cura di Domenico Santoro, Annamaria Bruzzese e Rossella Siligato UOC Nefrologia e Dialisi Dip. di Medicina Clinica e Sperimentale Azienda Ospedaliera Universitaria G. Martino, Messina

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Angina esofagea Angina esofagea Angina pectoris DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Nella diagnosi differenziale del dolore di origine coronarica il ruolo principale spetta al dolore toracico di origine

Dettagli

Trasporto O 2 nel sangue

Trasporto O 2 nel sangue Trasporto O 2 nel sangue 97% legato all Hb nei globuli rossi 3% fisicamente disciolto, determina il valore di po 2 Trasporto O 2 nel plasma Trasporto O 2 legato ad Hb SaturazioneHb 97% 0.3 ml/100ml 19.4

Dettagli

Si parla di insufficienza respiratoria quando il polmone non è in grado di procedere ad un adeguata ossigenazione del sangue arterioso o non è in

Si parla di insufficienza respiratoria quando il polmone non è in grado di procedere ad un adeguata ossigenazione del sangue arterioso o non è in 14 Aprile 2009 Ossigenoterapia e Ventiloterapia Prof. Lorenzo Corbetta (Firenze) lorenzo.corbetta@unifi.it it www.med.unifi.it DEFINIZIONE Si parla di insufficienza respiratoria quando il polmone non è

Dettagli