COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE"

Transcript

1 COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE Approvato con atto C.C. n 127 del 18/12/1996 Modificato con successivo atto C.C. n 76 del 16/11 /2000 Modificato con successivo atto C.C. n.59 /2004

2 TITOLO I Norme Generali Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento, predisposto in conformità alla legge n. 161/1963, modificata dalla legge n. 1142/1970, disciplina le attività di parrucchiere ovunque dette attività siano esercitate, in luogo pubblico o privato ed anche se a titolo gratuito. 2. Nel caso in cui dette attività vengano esercitate in palestre, club, circoli privati, case di cura, ricoveri per anziani, negozi di profumeria od in qualsiasi altro luogo, anche a titolo di prestazione gratuita per soci o per promozione di qualche prodotto, devono sottostare alle vigenti disposizioni di legge ed alla normativa di cui al presente regolamento. 3. Le attività suddette non possono svolgersi in forma ambulante o di posteggio, possono svolgersi presso il domicilio dell'esercente, a condizione che i locali siano separati da quelli adibiti ad abitazione, purché gli stessi vengano destinati ad uso artigianale. 4. Solo occasionalmente le suddette attività possono essere esercitate presso il domicilio del cliente, da parte dei titolari, soci, dipendenti o collaboratori di imprese autorizzate ad operare in sede fissa, in questo caso la prestazione deve avvenire esclusivamente a favore di persone inferme, o che abbiano difficoltà di deambulazione, o per particolari e straordinarie occasioni, opportunamente documentate, da valutare dal Comune. 5. I parrucchieri, nell esercizio della loro attività, possono avvalersi di collaboratori familiari e di personale dipendente, per l esclusivo svolgimento di prestazioni semplici di manicure e pedicure estetico. Art. 2 Tipologie delle autorizzazioni 1. Esiste una sola autorizzazione- Parrucchiere- senza alcuna distinzione per uomo o donna che ricomprende una o più delle seguenti attività: 2. taglio di capelli; 3. esecuzione di acconciature; 4. colorazione e decolorazione dei capelli; 5. applicazione di parrucche; 6. prestazioni semplici di manicure e pedicure estetica; 7. ogni altro servizio inerente o complementare al trattamento estetico del capello. 2. La specificità della prestazione è correlata al possesso del corrispondente certificato di qualificazione professionale, rilasciato dai competenti Organi. Art. 3 Autorizzazioni 1. Tutte le imprese, siano esse ditte individuali o società, che esercitano, nell ambito del territorio comunale, le attività disciplinate dal presente regolamento, devono essere in possesso di apposita autorizzazione, rilasciata dal Sindaco, previo parere della Commissione comunale di cui all art L autorizzazione è valida per l intestatario della stessa e per i locali ed attrezzature nelle stesse indicate. 3. L autorizzazione può essere concessa anche per l esercizio congiunto delle attività di parrucchiere e di estetista, in una stessa sede, compatibile con le disposizioni di cui al successivo articolo 7, purché, per ogni specifica attività, il titolare sia in possesso delle rispettive qualificazioni professionali. 4. I locali adibiti all attività di estetista devono essere separati da quelli destinati alla vendita di prodotti cosmetici, di cui all art. 7 secondo comma, della legge 1/ Nell autorizzazione d esercizio devono essere indicati: a) cognome e nome della persona autorizzata (ragione sociale per le società) e legale rappresentante; b) dati anagrafici delle persone in possesso della qualificazione professionale; c) codice fiscale / partita IVA della ditta autorizzata; d) tipo di attività, oggetto dell autorizzazione; e) via, numero civico, piano, dove ha sede l esercizio autorizzato. Art. 4 Criteri per il rilascio di autorizzazioni 1. Il rilascio di nuove autorizzazioni è subordinato: a) al rispetto del requisito della distanza, fissata in un minimo di ml.150, fra il nuovo esercizio e quelli preesistenti, la suddetta distanza minima viene accertata effettuando il percorso più breve, da ingresso ad ingresso, fra gli esercizi stessi, senza tener conto degli attraversamenti pedonali obbligatori, eventualmente esistenti sulla carreggiata; b) al rapporto esercizi-popolazione stabilito in n. 1 esercizio di parrucchiere ogni 450 abitanti. Art. 5 Requisiti professionali

3 1. Chi intende esercitare le attività disciplinate dal presente regolamento deve essere in possesso del certificato di qualificazione professionale, rilasciato dagli organi competenti. 2. Quando si tratta di impresa esercitata in forma di società, che ha i requisiti previsti dalla legge 8 agosto 1985 n. 443, il certificato di abilitazione professionale, deve essere posseduto dalla maggioranza dei soci; da uno solo, nel caso di due soci. 3. Quando si tratta di impresa societaria diversa da quelle previste dall art. 3 della legge 8 agosto 1985 n. 443, il certificato di qualificazione professionale deve essere posseduto, dalla persona che assume la direzione. Art. 6 Richiesta dell autorizzazione 1. La richiesta di autorizzazione deve essere redatta su carta da bollo, sottoscritta dall interessato ed indirizzata al Sindaco. La stessa deve contenere le seguenti indicazioni: a) cognome, nome, luogo e data di nascita, residenza, codice fiscale del richiedente, se si tratta di società che ha i requisiti previsti dalla L. n. 443/1985: ragione sociale, nonché cognome, nome, luogo e data di nascita, residenza di ciascun socio, codice fiscale/partita IVA; b) se si tratta di società, diversa da quelle previste dalla L. n. 443/1985: ragione sociale, cognome, nome, data di nascita e residenza del legale rappresentante e del direttore dell impresa, codice fiscale/partita IVA; c) attività che si intende esercitare; d) ubicazione dei locali oggetto della richiesta. 2. Alla domanda devono essere allegati, i seguenti documenti: a) documentazione relativa a:requisiti professionali di cui alla L. 161/1963 e successive modifiche ed integrazioni, per i richiedenti, l autorizzazione all esercizio di parrucchiere; b) detti requisiti sono relativi al titolare dell impresa individuale o ad ognuno dei soci partecipanti nell esercizio dell attività nel caso di società obbligata ad iscriversi all albo delle Imprese artigiane ovvero al direttore di azienda, in caso di società non artigiana. c) planimetria, in scala 1:100, dei locali sede dell attività d) copia dell atto costituivo nel caso di società Art. 7 Rilascio dell autorizzazione 1. Esauriti gli adempimenti istruttori il Sindaco rilascia, ove ne ricorrano i presupposti, l autorizzazione per l esercizio dell attività, entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda. 2. L attivazione deve essere effettuata, pena la revoca, entro mesi sei decorrenti dalla data dell avvenuta comunicazione notificata all interessato, nel rispetto delle vigenti norme, prescrizioni e autorizzazioni in materia edilizia, urbanistica e igienico sanitaria, nonché di quelle sulla destinazione d uso dei locali, previa comunicazione all Amministrazione Comunale. 2. La mancata comunicazione della decisione dell Amministrazione entro 60 giorni dalla presentazione della richiesta, equivale ad accoglimento della domanda. 4. L autorizzazione ha validità fino al 31 gennaio di ogni anno e dovrà essere rinnovata entro tale data, previa presentazione all ufficio. 5. Il mancato rinnovo entro i suddetti termini comporta la violazione alle norme del presente regolamento. Art. 8 Trasferimento di sede dell esercizio 1. Il trasferimento è consentito nel rispetto dei requisiti di cui all art. 4 lettera a) e di quelli contenuti nell art. 7, comma 2 di cui al presente regolamento. 2. In caso di sfratto esecutivo, esclusi quelli per morosità, o per cause di forza maggiore, il Sindaco può autorizzare il trasferimento temporaneo in deroga alle norme direttive del presente regolamento. L autorizzazione concessa in deroga, non può avere validità superiore ad anni due. Art. 9 Subingressi per atti tra vivi 1. Il subingresso nell esercizio delle attività di cui al presente regolamento, per atto tra vivi comporta di diritto il trasferimento dell autorizzazione a chi subentra nello svolgimento dell attività, sempre che sia provato l effettivo trasferimento dell esercizio ed il subentrante sia in possesso del requisito professionale di cui all art. 6 comma 2 del presente regolamento. 2. Il subentrante per atto tra vivi, munito dei requisiti anzidetti all atto del trasferimento dell esercizio, può iniziare l attività soltanto dopo aver chiesto l autorizzazione al Comune. 3. Qualora non inizi l attività entro il termine di sei mesi decorrenti dalla data di acquisto del titolo, decade dal diritto di esercitare le attività del dante causa. 4. Il subentrante per atto tra vivi, privo dei requisiti alla data del trasferimento dell esercizio, può iniziare l attività solo dopo aver acquisito i requisiti predetti e chiesta l autorizzazione al Comune. 5. Qualora non risulti in possesso dei suddetti requisiti entro un anno dalla data predetta, decade dal diritto di esercitare l attività del dante causa.

4 6. Tale termine è prorogato dal Sindaco, quando il ritardo non risulti imputabile all interessato. 7. Ai fini dell applicazione delle norme sul subingresso, è necessario che il dante causa sia lo stesso titolare dell attività od il soggetto al quale l esercizio è stato trasferito per donazione, e che il trasferimento dell esercizio avvenga entro i termini di cui sopra. 8. Nel caso di trasferimento della sola gestione dell azienda, l autorizzazione rilasciata al subentrante, è valida fino alla data in cui ha termine la gestione. 9. A gestione terminata il titolo originario è sostituito da una nuova autorizzazione intestata al titolare dell esercizio, che ha diritto ad ottenerla, semprechè ne faccia richiesta al Sindaco, entro sei mesi dalla data di cessazione della gestione. 10. La domanda presentata dal nuovo gestore dell azienda deve essere corredata da: a) qualificazione professionale; b) copia autentica dell atto di affitto di azienda registrato. Art. 10 Sospensione dell attività 1. Il titolare dell autorizzazione che intende sospendere l attività per più di un mese, deve far pervenire apposita comunicazione scritta al Sindaco, prima di provvedere alla chiusura dell esercizio e, nel caso in cui la sospensione debba protrarsi per oltre 60 giorni, depositare l autorizzazione, entro lo stesso termine, ai fini della sua conservazione presso il Comune. 2. Il termine massimo per cui l autorizzazione può essere depositata è di anni uno, salvo i casi determinati da comprovate ragioni di forza maggiore, per le quali la sospensione, potrà essere autorizzata per un a maggiore durata; se alla scadenza di tale termine l autorizzazione non è stata riattivata con comunicazione scritta, viene revocata con ordinanza del Sindaco. Art. 11 Cessazione dell attività 1. Il titolare dell attività che intenda cessarla, deve produrre all Ufficio Commercio di questo Comune l originale dell autorizzazione, nonché la dichiarazione di deposito dell autorizzazione stessa. Art. 12 Successione ereditaria Subingresso mortis causa 1. Nel caso di morte del titolare dell autorizzazione, gli eredi hanno facoltà di continuare l esercizio dell attività, per un periodo di anni cinque dalla data del decesso, a prescindere dal requisito della qualifica professionale, purché diano dimostrazione che l attività venga svolta da persona in possesso della prescritta qualificazione professionale. 2. Gli aventi diritto, per acquisire la titolarità dell autorizzazione, devono presentare domanda a norma del presente regolamento, entro 60 giorni dalla data dell avvenuto decesso, con allegati i seguenti documenti: a) atto notorio o dichiarazione sostitutiva di notorietà attestante la qualifica di coniuge superstite o, in mancanza, di eredi; b) autorizzazione del Giudice tutelare, nel caso che gli eredi siano minori; c) certificato dell avvenuta denuncia di successione, entro sei mesi dall avvenuto decesso. 3. L autorizzazione è soggetta a decadenza, trascorso il periodo di cinque anni dalla data del decesso, senza che gli eredi interessati abbiano comprovato il possesso della qualifica professionale richiesta ai sensi di legge. 4. Al caso di morte, è equiparata l interdizione e inabilitazione del titolare, dichiarata con sentenza. 5. Gli eredi possono fare domanda di sospensione dell attività con le modalità previste dall art. 15. Art. 13 Sospensione, revoca e decadenza dell autorizzazione 1. Il provvedimento di sospensione dell autorizzazione, è applicato dal Sindaco nei casi di particolare gravità o di recidiva sino ad un periodo di mesi tre. 2. La sospensione dell autorizzazione comporta la chiusura dell esercizio ove viene svolta l attività 3. L autorizzazione comunale viene revocata qualora: a) vengano a mancare al titolare dell autorizzazione i requisiti o le condizioni che hanno consentito il rilascio; b) non attivi l esercizio entro sei mesi dalla data del rilascio dell autorizzazione; c) sospenda per un periodo superiore ad un anno l attività dell esercizio; d) per fallimento del titolare. 4. L autorizzazione comunale decade: a) per rinuncia del titolare; b) per decesso del titolare, salvo i casi previsti di mortis causa. Art. 14 Diniego di autorizzazione Ricorso 1. Il diniego dell autorizzazione deve essere opportunamente motivato e notificato al richiedente, a cura del competente ufficio entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda.

5 2. Qualora ne sia richiesta l integrazione, detto termine decorre dalla data in cui l integrazione è avvenuta. 3. Nel provvedimento devono essere indicati i motivi, di fatto e di diritto, che hanno determinato la decisione dell amministrazione, in relazione alle risultanze istruttorie. 4. Entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento di diniego, gli interessati possono ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale. Art. 15 Attività didattiche 1. Le attività oggetto del presente regolamento, svolte a soli fini didattici, su soggetti diversi dagli allievi, esercitate temporaneamente, a fini promozionali con durata non superiore a gg. 15, sono sottoposte ad autorizzazione temporanea, da rilasciare dal Sindaco o suo delegato. 2. Il rilascio dell autorizzazione non è subordinato al rispetto del requisito delle distanze minime, ma soltanto alle seguenti condizioni: a) abilitazione professionale dei responsabili delle esercitazioni pratiche; b) idoneità sanitaria dei locali, ove vengono svolte le esercitazioni. 3. Al termine del periodo autorizzato, l originale dell autorizzazione deve essere riconsegnato all Ufficio Commercio del Comune, per l archiviazione. Art. 16 Orario 1. I negozi di parrucchiere devono osservare l orario di apertura e di chiusura stabilito dal Sindaco, sentite le organizzazioni di categoria. Art. 17 Esposizione dell orario al pubblico e delle tariffe 1. Il titolare dell autorizzazione è obbligato ad esporre nell esercizio, in modo ben visibile al pubblico, l autorizzazione di cui all art. 3, nonché un cartello che indica l orario di apertura e chiusura dell esercizio stesso. 2. Coloro che, esercitano l attività presso enti, istituti, associazioni e, eccezionalmente, presso il domicilio del cliente, devono recare con se copia dell autorizzazione, ed esibirla ad ogni richiesta degli organi di vigilanza. 3. E concessa la prosecuzione dell attività oltre i limiti di orario, a porte chiuse, per l ultimazione delle prestazioni in corso all ora prevista per la chiusura dell esercizio. 4. E fatto obbligo al titolare dell autorizzazione di esporre, in modo ben visibile al pubblico, il tariffario relativo alle prestazioni praticate nel locale. Art. 18 Sanzioni 1. Nei casi in cui le attività disciplinate dal presente regolamento siano esercitate senza la prescritta autorizzazione, il Sindaco ne dispone la cessazione immediata, ordinando, per lo scopo, la chiusura dell esercizio. 2. Qualora l ordine non venga rispettato, il Sindaco provvede a far chiudere coattivamente l esercizio, mediante apposizione di sigilli. 3. Fatta salva l applicazione delle norme del codice penale e delle altre leggi speciali, chiunque violi le prescrizioni contenute nel presente regolamento, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria così distinta: a) da un minimo di 10,00 ad un massimo di 52,00, con facoltà per il trasgressore di pagare in via breve la somma di 17,00, per l inosservanza degli artt. 11, 16 e 17; b) da un minimo di 516,00 ad un massimo di 1.033,00, per l inosservanza degli artt. 3, 8, 9, e Ai fini dell applicazione delle sanzioni si osserva la procedura di cui alla legge n. 689/1981. Art. 19 Norme transitorie 1. Coloro che alla data di entrata in vigore del presente regolamento, esercitano le attività dallo stesso disciplinate, muniti della prescritta autorizzazione, possono continuare ad esercitare l attività stessa alle condizioni di cui al precedente regolamento. 2. Gli adeguamenti alla normativa prevista nel presente regolamento avverranno, ove tecnicamente possibili, in occasione del cambio di titolarità della gestione dell attività, a seguito di trasferimento della stessa, per atto tra vivi od a causa di morte. 3. L adeguamento è comunque obbligatorio nel caso di trasferimento di sede dell esercizio. Art. 20 Disposizioni finali 1. Le attività indicate nel presente regolamento devono essere esercitate nel rispetto delle vigenti norme, prescrizioni e autorizzazioni in materia igienico sanitaria, nonché di quelle sulla destinazione d uso dei locali e degli edifici, fatta salva l irrogazione delle sanzioni relative alle norme e prescrizioni violate.

6 Art. 21 Validità del regolamento 1. Il presente regolamento abroga, a tutti gli effetti, quello precedente. 2. Entra in vigore dopo l approvazione e pubblicazione ai sensi di legge. 3. Fino alla sua entrata in vigore, continua ad applicarsi il regolamento precedente.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA CITTÀ DI MERATE PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA 1 CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento 1) Il

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ESTETISTA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in ottemperanza agli obblighi derivanti dalla legge 14.12.1963 n. 161

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

CITTA DI BUSTO ARSIZIO

CITTA DI BUSTO ARSIZIO CITTA DI BUSTO ARSIZIO Ufficio Gestione Attività Economiche REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 152 del 11.12.2003

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico

UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico ALLEGATO 1 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. DELL UNIONE N. DEL UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA

Dettagli

Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII

Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII Comune di Sotto il Monte Giovanni XXIII Regolamento comunale per l'esercizio dell'attività di estetista CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO R E P U B B L I C A I T A L I A N A CITTA DI FINALE LIGURE SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E SVILUPPO ECONOMICO Servizio Sportello Unico Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE Approvato con deliberazione di C.C. n. 6 del 30.01.2004 Modificato con deliberazione di C.C. n. 81 del 29.11.2004 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA INDICE CAPO I Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n.

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di acconciatore Legge 17 agosto 2005, n. 174 Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE

COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE COMUNE DI BRESCIA SETTORE SPORTELLI DELL EDILIZIA E DELLE IMPRESE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con deliberazione del

Dettagli

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

Comune di pontebba Provincia di Udine

Comune di pontebba Provincia di Udine Comune di pontebba Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DI PARRUCCHIERE MISTO Approvato con deliberazione consiliare del 20.12.2005 n. 66 IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 144 del 30.11.2000 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 102 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO ART. 1 Disposizioni generali L esercizio di una sala pubblica per biliardi o per altri giochi leciti, in seguito definita convenzionalmente

Dettagli

Regolamento attività barbiere e parrucchiere

Regolamento attività barbiere e parrucchiere Regolamento attività barbiere e parrucchiere Adottato con delibera C.C. n. 6793/458 del 20.12.2000 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE Approvato con deliberazione di C.C. n. 5 del 30.01.2004 Modificato con deliberazione di C.C. n. 80 del 29.11.2004 REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE E DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

Dettagli

Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO

Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO Comune di Vedano al Lambro PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA approvato con deliberazione di C.C. n. 23 del 20/06/2005 modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI.

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO DELLE SALE GIOCHI. approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 15 del 26 febbraio

Dettagli

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1).

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 29 novembre 2007, n. 104. Il Consiglio regionale ha approvato; Il Presidente della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETICA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETICA COMUNE DI COTIGNOLA PROVINCIA DI RAVENNA Piazza Vittorio Emanuele II n.31-48010 Cotignola (RA) Telefono: 0545/908811 - Telefax: 0545/41282 P.IVA 00148580392 e-mail: comunecotignola@racine.ra.it SETTORE

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E ESTETISTA

COMUNE DI MACCAGNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E ESTETISTA COMUNE DI MACCAGNO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E ESTETISTA 1 CAPO I OGGETTO DEL REGOLAMENTO E DEFINIZIONI Art. 1 (Oggetto del Regolamento) 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE

REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE REGOLAMENTO PER IL NOLEGGIO CICLI, CICLOMOTORI A DUE E TRE RUOTE, MOTOCICLI E QUADRICICLI PER IL TRASPORTO DI PERSONE Articolo 1 Dichiarazione inizio attività 1-L esercizio del noleggio di cicli, ciclomotori

Dettagli

ALLEGATO 1 COMUNE DI RUSSI. Servizio Sviluppo Economico e Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

ALLEGATO 1 COMUNE DI RUSSI. Servizio Sviluppo Economico e Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA ALLEGATO 1 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 16 DEL 04/03/2008 COMUNE DI RUSSI Servizio Sviluppo Economico e Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA I:\SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE Comune di BORGO VALSUGANA (Provincia di Trento) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ed ESTETISTA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 28 dd. 28.06.2005,

Dettagli

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i.

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

COMUNE DI FAEDO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE E DI ESTETISTA

COMUNE DI FAEDO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE E DI ESTETISTA COMUNE DI FAEDO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI PARRUCCHIERE E DI ESTETISTA Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 35 del 30.11.2005 INDICE ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DI SALE GIOCHI E FUNZIONAMENTO DI ALTRI GIOCHI LECITI ALL INTERNO DEI PUBBLICI ESERCIZI Art. 1 LICENZA D'ESERCIZIO La licenza per l esercizio di sale pubbliche o per altre giochi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING COMUNE DI PIZZIGHETTONE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE,ESTETISTA, CENTRO DI ABBRONZATURA (SOLARIUM), TATUAGGI E PIERCING APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

CASTELLO-MOLINA DI FIEMME (TN) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA

CASTELLO-MOLINA DI FIEMME (TN) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA CASTELLO-MOLINA DI FIEMME (TN) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA Approvato con deliberazione consiliare n. 20 di data 19.04.2004 In vigore dal 21.05.2004 Art.

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE ED AL MERITO CIVILE REGOLAMENTO ACCONCIATORI

COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE ED AL MERITO CIVILE REGOLAMENTO ACCONCIATORI COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE ED AL MERITO CIVILE REGOLAMENTO ACCONCIATORI TITOLO I ART. 1 ATTIVITA SOGGETTE AD AUTORIZZAZIONE Ai sensi della legge n 161 del 14.2.1963

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa

CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI. Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa CITTA DI SAN DANIELE DEL FRIULI Regolamento Comunale per l esercizio del servizio di noleggio con conducente con autobus da rimessa Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 99 del 26.10.2001 ART.

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli Approvato con deliberazione consiliare n. 25 del 25 novembre 2002 Ripubblicato dal 05.04.2003 al 19.04.2003 INDICE - SOMMARIO Art. 1 - Premessa Art. 2 - Autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani *****

COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani ***** COMUNE DI ALCAMO Provincia di Trapani ***** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA Titolo I Disposizioni Generali ART. 1 Oggetto del regolamento 1) Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso

COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Allegato alla delibera di C.C. n. 9 in data 21/03/2015 COMUNE DI RESANA Provincia di Treviso Regolamento disciplinante il procedimento per l apertura di medie strutture di vendita e altre procedure per

Dettagli

Comune di Rovigo Frazione di... C.A.P I_I_I_I_I_I. Indirizzo (Via, Piazza )... numero civico I_I_I_I_I_I

Comune di Rovigo Frazione di... C.A.P I_I_I_I_I_I. Indirizzo (Via, Piazza )... numero civico I_I_I_I_I_I Al Comune di Rovigo Sezione Commercio Piazza Vittorio Emanuele II, n. 1 45100 ROVIGO Dichiarazione Inizio Attività Artigianale di Estetista (ai sensi art. 19 legge 7/8/1990, n. 241 così modificato art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE UNISEX ED ESTETISTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE UNISEX ED ESTETISTA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI BARBIERE, PARRUCCHIERE UNISEX ED ESTETISTA APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 3 DEL 17 MARZO 2003 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA DI BARBIERE E PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE Servizio associato tra i Comuni di Albiolo, Binago, Bizzarone, Cagno, Castelnuovo Bozzente, Cavallasca, Drezzo, Faloppio, Gironico, Lurate Caccivio, Olgiate Comasco, Oltrona

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Servizio Commercio e Attività Produttive REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE ED ESTETISTA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.28 dell 11/3/2003 Comune di

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E BARBIERE

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E BARBIERE COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO ALL ARTIGIANATO SERVIZIO COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E BARBIERE - Approvato dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO CITTÀ DI BORGOMANERO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO APPROVATO CON ATTO C.C. N. 38 DEL 07/07/2008 Il presente Regolamento è entrato in vigore il 07/07/2008 INDICE Art. 1 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E DEI TRATTAMENTI DI TATUAGGIO E DI PIERCING. Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CHE DISCIPLINA L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETICA

REGOLAMENTO COMUNALE CHE DISCIPLINA L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETICA COMUNE DI TELVE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE CHE DISCIPLINA L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETICA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 3 DD. 29.01.2007 INDICE Art. 1 Ambito delle

Dettagli

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica

Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Comune di Arese Regolamento per l esercizio dell attività di Estetica Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 12 del 22.05.2007 Art. 1 Definizioni Il presente regolamento disciplina l attività

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUDCENTE CON AUTOBUS DA RIMESSA E PER LE MODALITA DI RILASCIO E DI RINNOVO DELLE RELATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SPERA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI SPERA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI SPERA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI PARRUCCHIERE ED ESTETISTA Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE (ACCONCIATORE UOMO), PARRUCCHIERE UOMO/ DONNA, ESTETISTA, TATUAGGIO, PIERCING

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE (ACCONCIATORE UOMO), PARRUCCHIERE UOMO/ DONNA, ESTETISTA, TATUAGGIO, PIERCING REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE (ACCONCIATORE UOMO), PARRUCCHIERE UOMO/ DONNA, ESTETISTA, TATUAGGIO, PIERCING INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 MODALITA' DI

Dettagli

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA

REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA Approvato dal Consiglio comunale con deliberazione n. 05 del 15.02.2005 - ART. 1 - AMBITO DELL ATTIVITÀ L attività di estetica comprende

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita comune di residenza provincia o stato estero di residenza C.A.P.

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita comune di residenza provincia o stato estero di residenza C.A.P. Al Comune di Rovigo Sezione Commercio Piazza Vittorio Emanuele II, n. 1 45100 ROVIGO Dichiarazione Inizio Attività di Acconciatore (ai sensi art. 19 legge 7/8/1990, n. 241 e sm.i. così modificato art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE ED ESTETISTA INDICE CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. INDICE SOMMARIO Titolo I PRINCIPI GENERALI 3 ARTICOLO 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL EGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE S O M M A R I O Art. 1 - Disciplina del servizio Art. 2 - Determinazione del numero degli autoveicoli da adibire al servizio

Dettagli

Regolamento per l attività di parrucchiere. per uomo donna - estetista

Regolamento per l attività di parrucchiere. per uomo donna - estetista COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per l attività di parrucchiere per uomo donna - estetista Approvato con deliberazione di C.C. n. 40 del 29.06.96 COMUNE DI CARNAGO c.a.p. 21040 Piazza

Dettagli

COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO (Provincia di Udine)

COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO (Provincia di Udine) COMUNE DI LIGNANO SABBIADORO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI ESTETISTA E DI PARRUCCHIERE MISTO (art. 29, L.r. n. 12/2002 Disciplina organica dell artigianato ) Approvato

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O C O M U N E DI M A L E T T O Prov. di Catania UFFICIO TECNICO COMUNALE R E G O L A M E N T O PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA, MESTIERI AFFINI Maletto, lì 21/11/2002

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING. COMUNE DI SCHIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, E TATUAGGI E PIERCING. Schio, novembre 2007 Approvato con deliberazione consiliare n. 164 del 19.12.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI BARBIERE DI PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA E MESTIERI AFFINI Approvato con D.C. n. 44 del 07/02/1972 Successivamente modificato dalle D.C. n. 80 del 21/12/1976-

Dettagli

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI.

COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI. COMUNE DI RIMINI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE LICENZE E PER L'ESERCIZIO DELL'ATTIVITÀ DEI LOCALI OVE SI DANNO PUBBLICI TRATTENIMENTI DANZANTI. Allegato Deliberazione di C.C. n. 263 del 18/3/1982 Modificato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DEL 16 LUGLIO 2004 N 2196 ALLEGATO A)

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DEL 16 LUGLIO 2004 N 2196 ALLEGATO A) pagina 1 di 9 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO DEL 16 LUGLIO 2004 N 2196 ALLEGATO A) Titolo: criteri, condizioni e procedure tecnico-amministrative per il conferimento del riconoscimento

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE

Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Regolamento per la disciplina dell' attività di sala giochi e per l installazione di apparecchi da gioco INDICE Art. 1 Disposizioni generali e definizione di sala giochi Art. 2 Sale giochi e pubblici esercizi

Dettagli

SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE (artt. 86 del T.U.L.P.S. 773/31) Al Sig. SINDACO del COMUNE DI RICCIONE SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE

SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE (artt. 86 del T.U.L.P.S. 773/31) Al Sig. SINDACO del COMUNE DI RICCIONE SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE SERVIZIO DI NOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE (artt. 86 del T.U.L.P.S. 773/31) Al Sig. SINDACO del COMUNE DI RICCIONE SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE l sottoscritt nato/a a il residente in Via N. cittadinanza

Dettagli

Regolamento per l esercizio delle attività di barbiere, parrucchiere per uomo e donna ed estetista 1

Regolamento per l esercizio delle attività di barbiere, parrucchiere per uomo e donna ed estetista 1 Regolamento per l esercizio delle attività di barbiere, parrucchiere per uomo e donna ed estetista 1 adottato con deliberazione del consiglio comunale n. 58 del 30.09.1997 modificato con deliberazione

Dettagli

Acconciatori ed Estetisti

Acconciatori ed Estetisti Acconciatori ed Estetisti Art. 2/2 c. Legge 17.08.2005 n 174 Attività di acconciatore, manicure, pedicure, svolta senza avere presentato la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (già DIAP) al comune

Dettagli

Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA

Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI BARBIERE, PARRUCCHIERE PER UOMO E DONNA ED ESTETISTA Approvato con atto consiliare n.115 del 20.10.1997 Esaminato e parzialmente annullato

Dettagli

REGOLAMENTO. per l esercizio delle. attività di barbiere, parrucchiere/a per uomo e. donna, estetista e mestieri. affini

REGOLAMENTO. per l esercizio delle. attività di barbiere, parrucchiere/a per uomo e. donna, estetista e mestieri. affini REGOLAMENTO per l esercizio delle attività di barbiere, parrucchiere/a per uomo e donna, estetista e mestieri affini 1 INDICE ART.1 -TIPI DI ATTIVITA pag. 3 ART.2 -ATTIVITA IN FORMA AMBULANTE E A DOMICILIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E DI ESTETISTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E DI ESTETISTA COMUNE DI SANT ANGELO DI PIOVE DI SACCO Provincia di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE E DI ESTETISTA APPROVATO con deliberazione C.C. n. 17 del 16/05/2008 REGOLAMENTO

Dettagli

UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico

UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico ALLEGATO 1 ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. DELL UNIONE N. DEL UNIONE DEICOMUNI DELLA BASSA ROMAGNA Area Sviluppo Economico Sportello Unico per le Attività Produttive REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO

UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI FUSIGNANO Servizio Attività Economiche Largo della Repubblica 12 48022 Lugo Tel. 0545 38541 Fax 0545 38371 I.D. 87461 sportellounico@unione.labassaromagna.it Allegato alla Determina n. 1333 del 01/12/2011 UNIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE SERVIZIO ANNONA AGRICOLTURA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.45742/261 del 23 ottobre 1997, controllata senza rilievi

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti

Comune di Pesaro. Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Comune di Pesaro Regolamento sale giochi, detenzione videogiochi e giochi leciti Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 61 del 3.6.2010 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2-Ambito di applicazione

Dettagli

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E MESTIERI AFFINI

COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E MESTIERI AFFINI COMUNE DI MALEO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ESTETISTA E MESTIERI AFFINI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n.9 del 19.2.2004 INDICE PER ARTICOLO

Dettagli

Attività artigianali Acconciatori. Descrizione

Attività artigianali Acconciatori. Descrizione Attività artigianali Acconciatori Descrizione L acconciatore, detto comunemente parrucchiere, lava, taglia, acconcia, colora o decolora i capelli ed esegue trattamenti estetici o tricologici, che non abbiano

Dettagli

LICENZA TAXI (L. 15.1.1992 n. 21)

LICENZA TAXI (L. 15.1.1992 n. 21) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO)

MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) MODELLO UNICO COMMERCIO AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO (FIERE E MERCATO) AL COMUNE DI BORGO A MOZZANO UFFICIO COMMERCIO AREE PUBBLICHE OGGETTO: Domanda per sub ingresso in autorizzazione/concessione decennale

Dettagli

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI

PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI PIANO COMUNALE DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI edicole PIANO ESCLUSIVE 1 20 marzo 2007 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Aspetti di carattere generale 1. Il presente

Dettagli

sez. A - APERTURA sez. B - APERTURA PER SUBENTRO sez. C - VARIAZIONI sez. C1 TRASFERIMENTO DEI LOCALI sez. C2 VARIAZIONE DEI LOCALI

sez. A - APERTURA sez. B - APERTURA PER SUBENTRO sez. C - VARIAZIONI sez. C1 TRASFERIMENTO DEI LOCALI sez. C2 VARIAZIONE DEI LOCALI SERVIZI ALLA PERSONA ESERCIZI DI TATUAGGIO E PIERCING S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita AL COMUNE DI Cod. ISTAT _ _ _ _ _ _ L.241/1990, DGR 2402/10...l... sottoscritt...: Cognome Nome

Dettagli

ATTIVITA DI TINTOLAVANDERIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90)

ATTIVITA DI TINTOLAVANDERIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) COMUNE DI MAGLIANO ALPI ATTIVITA DI TINTOLAVANDERIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Ai sensi della L. 22.02.2006 n 84, del D.Lgs. 25.03.2010 n. 59, Artt. 79 e dell art. 19

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE ALL'ELENCO SPECIALE DELLE ASSOCIAZIONI E ORGANISMI SENZA SCOPO DI LUCRO (L.R - 33/2002 art. 75)

RICHIESTA ISCRIZIONE ALL'ELENCO SPECIALE DELLE ASSOCIAZIONI E ORGANISMI SENZA SCOPO DI LUCRO (L.R - 33/2002 art. 75) IMPOSTA DI BOLLO DA ASSOLVERE VIRTUALMENTE Alla Provincia di Padova Settore Turismo Piazza Bardella, 2 35131 PADOVA RICHIESTA ISCRIZIONE ALL'ELENCO SPECIALE DELLE ASSOCIAZIONI E ORGANISMI SENZA SCOPO DI

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E LA DISCIPLINA DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Delibera del Consiglio Comunale n 1 del 09.01.2012 INDICE Art. 1 DEFINIZIONE e AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

S E G N A L A la seguente operazione:

S E G N A L A la seguente operazione: S.C.I.A. - Segnalazione Certificata di Inizio Attivita ACCONCIATORE ED ESTETISTA AL COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA Cod. ISTAT 0I7 4 0 1 9...l... sottoscritt...: Cognome Nome C.F. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÁ

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÁ Al Comune di Bolzano 5.4 Ufficio Attivitá Economiche Estetisti, Solarium, Acconciatori DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÁ ESTETISTE/I (L. P. 1/2008) Il/la sottoscritto/a SOLARIUM (D.P.P. 41/2010) ACCONCIATORI/TRICI

Dettagli

con sede legale in via/piazza n., partita i.v.a., c h i e d e

con sede legale in via/piazza n., partita i.v.a., c h i e d e Domanda di subingresso nell autorizzazione per l esercizio di noleggio con conducente (Regolamento comunale per il servizio di noleggio con conducente e ai sensi dell art.9 comma 1 della L.15 gennaio 1992

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI

REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI REGOLAMENTO MERCATINO DEI LIBRI Art. 1 Svolgimento 1. Il Mercatino dei libri è un mercatino specializzato, riservato alla vendita esclusiva di libri, che si svolge nel centro storico da ottobre a giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO AUTOBUS CON CONDUCENTE Aggiornato con le disposizioni della legge 218/2003 disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P.

REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P. REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P.- Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE E LA SOSTA DEI VEICOLI AL SERVIZIO DI PERSONE DISABILI (Approvato con Delibera di C.C. n. 2 del 28 Gennaio 2005) Art. 1 (Oggetto) -

Dettagli

ACCONCIATORI (L. 174/05 e D.L. 07/07)

ACCONCIATORI (L. 174/05 e D.L. 07/07) spazio per la protocollazione DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA ACCONCIATORI (L. 174/05 e D.L. 07/07) ESTETISTI (L. 1/90 e D.L. 07/07) AL COMUNE DI: OPPEANO come previsto dal Regolamento comunale per l

Dettagli