L altra faccia della luna Casi clinici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L altra faccia della luna Casi clinici"

Transcript

1 13 marzo 2010 L altra faccia della luna Casi clinici Dr Pietro Grechi Medicina Interna 1 Presido di Garbagnate

2 G. S. sesso femminile, 46 anni, impiegata. Anamnesi familiare positiva per ipertensione arteriosa (sia padre che madre). Padre deceduto a 66 aa per IMA. Madre vivente. Dieta ricca in grassi (formaggio), non fuma, pratica attività fisica 2 volte/sett (palestra, attività aerobica). Due figli, gravidanze normali, ciclo mestruale regolare. Pregressa assunzione di estroprogestinici orali per circa 10 anni, fino a due anni fa. Riscontro di valori di PA elevati in più occasioni, (intorno a 150/95 mmhg, ripetutamente da una amica, talvolta in farmacia).

3 RR for Hypertension among Never, Past, and Current Users of Oral Contraceptives OC use Hypertension Never Past Current Person-years Age-adjusted RR Multivariate RR Chasan-Taber L et al., Circulation 1996; 94:

4 RR for Hypertension according to Duration of Current Use of Oral Contraceptives Duration of current OC use, y Hypertension Never < <4 4 - <6 6+ Person-years Age-adjusted RR Multivariate RR Chasan-Taber L et al., Circulation 1996; 94:

5 FARMACI/SOSTANZE CHE INCREMENTANO LA PA STEROIDI ANABOLIZZANTI SIMPATICOMIMETICI FANS,COMPRESI COX-2 INIBITORI CICLOSPORINA ERITROPOIETINA ESTROPROGESTINICI ORALI COCAINA ANFETAMINE PRODOTTI DI ERBORISTERIA (GINSENG) ETANOLO NICOTINA LIQUIRIZIA FENOTIAZINE E TRICICLICI (OCCASIONALMENTE) CLONIDINA (ALLA SOSPENSIONE) INIBITORI DELLE MAO (PER INTERAZIONE)

6 Esame obiettivo: Eupnoica, non edemi declivi, non dispnea. Cm 163, Kg 66, IMC 25.2 kg/m2, circonferenza addominale 78 cm, FC 68 bpm. PA 156/98 mmhg (media di 3 mis) (146/98 in ortostatismo). Soffio sistolico alla punta 2/6, irradiato in direzione dell ascella. Non edemi

7 Esami di laboratorio disponibili al momento della visita

8 Esami di laboratorio Emocromo nella norma. Creatinina 0.8 mg/dl, egfr 82 ml/min/1.73 m2 (MDRD), ac urico 4,2 mg/dl, potassio 4.7 mmol/l. Es urine normale. Glicemia 95 mg/dl, Colesterolo Totale 187 mg/dl, Colesterolo HDL 47 mg/dl, Trigliceridi 138 mg/dl, Colesterolo-LDL 112 mg/dl (formula di Friedwald).

9 Fattori che influenzano la prognosi Fattori di rischio Pressione sistolica e diastolica Pressione pulsatoria (anziani) Età (M > 55anni; F > 65 anni) Abitudine al fumo Dislipidemia - CT > 5.0 mmol/l (190 mg/dl) oppure: - C-LDL > 3.0 mmol/l (115 mg/dl) oppure: - C-HDL: M < 1.0 mmol/l (40 mg/dl), F < 1.2 mmol/l (46 mg/dl) oppure: - TG > 1.7 mmol/l (150 mg/dl) Glicemia a digiuno: mmol/l ( mg/dl) Glicemia da carico alterata Obesità addominale [circonferenza addominale > 102 cm (M), > 88 cm (F)] Familiarità per malattie cardiovascolari precoci (M età < 55 anni; F età < 65 anni) Linee Guida ESH/ESC 2007

10 Altri dati disponibili ECG: RS (60 b/min); Sokolow 30 mm, non alterazioni della ripolarizzazione. Eco addome (eseguito otto mesi fa per colica Eco addome (eseguito otto mesi fa per colica addominale ): nulla di significativo

11 Fattori che influenzano la prognosi Danno d organo subclinico Evidenza elettrocardiografica di IVS (Sokolow-Lyon > 38 mm; Cornell pr> 2440 mm*ms) oppure: Evidenza ecocardiografica di IVS (IMVS M 125 g/m 2, F 110 g/m 2 ) * Ispessimento della parete carotidea (IM > 0.9 mm) o placche ateromasiche Velocità dell onda di polso carotidea - femorale >12 m/sec Indice pressorio arti inferiori/arti superiori < 0.9 Lieve incremento della creatinina plasmatica: M: mg/dl; F: mg/dl Riduzione del filtrato glomerulare (< 60 ml/min/1.73m 2 ) o della clearance della creatinina (< 60 ml/min) Microalbuminuria mg/24h o rapporto albumina-creatinina urin.: 22 (M) o 31 (F) mg/g *rischio maggioreper IVS concentrica; formula di Cockroft Gault; formula MDRD; Linee Guida ESH/ESC 2007

12 ECG: RS (60 b/min) Sokolow 28 mm (v.n. < 38) Prodotto Cornell 1720 mm*msec (v.n. < 2440) non alterazioni della ripolarizzazione v.

13 Modificazioni dello stile di vita e rinvio dell inizio di terapia? Iniziare terapia farmacologica?

14 Linee Guida ESH/ESC 2007

15 Stratificazione del rischio CV Pressione arteriosa (mmhg) Altri Fattori di rischio, danno d organo o presenza di patologia concomitante Normale PAS Normale alta PAS Grado 1 PAS Grado 2 PAS Grado 3 PAS 180 o PAD o PAD o PAD o PAD o PAD 110 Nessun fattore di rischio aggiunto Rischio nella media Rischio nella media Rischio aggiunto basso Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto elevato 1-2 fattori di rischio Rischio aggiunto basso Rischio aggiunto basso Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto molto elevato 3 o più fattori di rischio, SM, Danno d organo o Diabete Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto elevato Rischio aggiunto elevato Rischio aggiunto elevato Rischio aggiunto molto elevato Malattia CV o renale Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Paziente G.S. Linee Guida ESH/ESC 2007

16 Paziente G.S. Linee Guida ESH/ESC 2007

17 Una miglior definizione del rischio cardiovascolare globale potrebbe essere utile?

18 Esami di laboratorio gia valutati Emocromo nella norma. Creatinina 0.8 mg/dl, egfr 82 ml/min/1.73 m2 (MDRD), ac urico 4,2 mg/dl, potassio 4.7 mmol/l. Es urine normale. Glicemia 95 mg/dl, Colesterolo Totale 187 mg/dl, Colesterolo HDL 47 mg/dl, Trigliceridi 138 mg/dl, Colesterolo-LDL 112 mg/dl (formula di Friedwald). Altri esami di laboratorio?

19 Esami di laboratorio Emocromo nella norma. Creatinina 0.8 mg/dl, egfr 82 ml/min/1.73 m2 (MDRD), ac urico 4,2 mg/dl, potassio 4.7 mmol/l. Es urine normale. Glicemia 95 mg/dl, Colesterolo Totale 187 mg/dl, Colesterolo HDL 47 mg/dl, Trigliceridi 138 mg/dl, Colesterolo-LDL 112 mg/dl (formula di Friedwald). Microalbuminuria: 20 mg/24h

20 DEFINITIONS OF URINARY ALBUMIN EXCRETION CATEGORIES J Karalliedde and G Viberti, Am J Hypertens 2004

21 DEFINITIONS OF URINARY ALBUMIN EXCRETION CATEGORIES J Karalliedde and G Viberti, Am J Hypertens 2004

22 Causes of false positive proteinuria Urinary Tract Infection Sepsis Strenous exercise Heavy protein intake Menses

23 Quali altre indagini? Ecocardiogramma Eco color doppler TSA Indice pressorio arti inferiori/arti superiori (ABI)? Velocità dell onda di polso carotido femorale (PWV)?

24

25 Linee Guida ESH/ESC 2007 Danno d organo subclinico Evidenza elettrocardiografica di IVS (Sokolow-Lyon > 38 mm; Cornell > 2440 mm*ms) oppure: Evidenza ecocardiografica di IVS (IMVS M 125 g/m2, F 110 g/m2) * Ispessimento della parete carotidea (IM > 0.9 mm) o placche ateromasiche Velocità dell onda di polso carotidea - femorale >12 m/sec Indice pressorio arti inferiori/arti superiori < 0.9 Lieve incremento della creatinina plasmatica: M: mg/dl; F: mg/dl Riduzione del filtrato glomerulare (< 60 ml/min/1.73m2) o della clearance della creatinina (< 60 ml/min) Microalbuminuria mg/24h o rapporto albumina-creatinina urin.: 22 (M) o 31 (F) mg/g *rischio maggioreper IVS concentrica; formula di Cockroft Gault; formula MDRD;

26 Ecocardiogramma Normale massa e geometria del ventricolo sinistro (IMVS 34 gr/m 2.7 ). Spessore parietale relativo EF 60%; MFS 20.5 Atrio sinistro: normali dimensioni lineari (32 mm) (e normale volume atriale/bsa). Insufficienza mitralica lieve; E/A transmitralico 1.1, T dec 190 msec; IVRT 82 msec. Rapporto E/E (TDI) 6.6

27 ECO COLOR DOPPLER TSA Placca iperecogena, con superficie liscia sulla parete distale della biforcazione carotidea

28 Stratificazione del rischio CV Pressione arteriosa (mmhg) Altri Fattori di rischio, danno d organo o presenza di patologia concomitante Normale PAS Normale alta PAS Grado 1 PAS Grado 2 PAS Grado 3 PAS 180 o PAD o PAD o PAD o PAD o PAD 110 Nessun fattore di rischio aggiunto Rischio nella media Rischio nella media Rischio aggiunto basso Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto elevato 1-2 fattori di rischio Rischio aggiunto basso Rischio aggiunto Rischio aggiunto basso moderato Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto molto elevato 3 o più fattori di rischio, SM, Danno d organo o Rischio aggiunto moderato Rischio aggiunto elevato Rischio aggiunto elevato Rischio aggiunto elevato Rischio aggiunto molto elevato Diabete Malattia CV o renale Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Rischio aggiunto molto elevato Paziente G.S. Linee Guida ESH/ESC 2007

29 Paziente G.S. Linee Guida ESH/ESC 2007

30 TERAPIA CONSIGLIATA ALLA PAZIENTE Amlodipina 5 mg Dieta ricca in verdura e frutta, moderatamente iposodica. Attività fisica. Misurazione domiciliare della PA e dal curante. Controllo ambulatoriale fra 3 mesi. Controllo assetto lipidico fra 6 mesi.

31 La paziente non viene rivista per 6 anni. Torna per un controllo una amica si doveva sottoporre a visita presso il vostro Centro e mi ha convinta. In realtà negli ultimi 4-5 anni non si è più sottoposta a controlli nemmeno dal Medico di Medicina Generale perché quando andavo da lui la pressione era sempre alta perche mi metteva ansia, mentre a casa, con il mio apparecchio da polso, la pressione era perfetta, sempre sui 140/90 mmhg. E poi non ho mai tempo.

32

33 Linee Guida SIIA 2008 per la misurazione della pressione arteriosa

34 E in menopausa da un anno e mezzo. PA 146/94 mmhg (media di 3 mis pos seduta) Netto aumento ponderale (cm 163, Kg 75, IMC 28.2 kg/m2, circonferenza addominale 88 cm). Nessuna attività fisica. Agli esami ematochimici: Glicemia 100 mg/dl, Colesterolo Totale 240 mg/dl, Colesterolo HDL 45 mg/dl, Colesterolo-LDL (Friedwald)167 mg/dl, Trigliceridi 140 mg/dl. Creatinina 0.9 mg/dl egfr 70 ml/min/1.73 m2 (MDRD),,potassio 4.3 mmol/l, es urine: normale, albuminuria: 40 mg/24 h e 50 mg/24 h in due raccolte separate

35 In base agli elementi disponibili: a) Non è presente danno d organo renale b) E presente danno d organo renale

36 In base agli elementi disponibili: a) Non è presente danno d organo renale b) E presente danno d organo renale

37 DEFINITIONS OF URINARY ALBUMIN EXCRETION CATEGORIES J Karalliedde and G Viberti, Am J Hypertens 2004

38 1.00 La microalbuminuria è un predittore di mortalità cardiovascolare nel paziente iperteso : lo studio HOORN Normoalbuminuria % pazienti viventi n= 247, p < Microalbuminuria anni Jager A et al. Atheroscler Thromb Vasc Biol 1999;19:617-24

39 ECO COLOR DOPPLER TSA L esame evidenzia netta progressione della placca, localizzata alla biforcazione carotidea e nel tratto iniziale dell ACI, disomogenea, con comparsa di componente ipo-anecogena (placca potenzialmente instabile )

40 Effetti antiaterogeni degli estrogeni Riduzione della proliferazione delle cellule muscolari liscie Ridotta proliferazione neointimale secondaria alle lesioni endoteliali Ridotta formazione di collagene ed elastina Modulazione della vasomotilità mediata dai fattori endoteliali ad azione dilatante Ripristino della normale reattività coronarica agli stimoli vasodilatatori Aumento della produzione di prostaciclina da parte delle cellule muscolari liscie arteriose Inibizione della crescita della placca aterosclerotica Riduzione dei livelli di omocisteina plasmatica

41 Per raggiungere un miglior controllo pressorio in questo paziente cosa è meglio fare: a) aumentare la dose del calcio antagonista? b) associare un diuretico? b) associare un beta bloccante? c) sostituire il calcio antagonsita con un farmaco appartenente ad altra classe? d) associare un farmaco ad azione sul sistema RA?

42 TERAPIA CONSIGLIATA ALLA PAZIENTE Amlodipina 5 mg Olmesartan 20 mg ASA 100 mg Simvastatina 20 mg

43 22 trials published between 1996 and 2005: - 8 trials antihypertensive drugs vs placebo or no-treatment - 9 trials new with old drug classes - 5 trials ACE inhibitors and CCBs Conclusions: Calcium channel blockers reduce carotid intima-media thickening. This mechanism might contribute to their superior protection against stroke. Stroke online June 8, 2006

44 Mean changes from baseline in volume of larger carotid plaques at 28-, 52- and 104-weeks of follow-up Change in PV (µl) Baseline PV 33.7 µl (median) Baseline PV 50 µl (mean) p = Atenolol p = Olmesartan p = p = p = p = Week of Study Week of Study

45 Forty-nine studies involving 6181 participants Randomized therapy Over 1-4 mo Over 5-12 mo ARBs vs placebo 0.57 ( ) 0.66 ( ) ARBs vs ACE-I 0.99 ( ) 1.08 ( ) ARBs vs CCBs 0.69 ( ) 0.62 ( ) ARB+ACE-I vs ARBs 0.76 ( ) 0.75 ( ) ARB+ACE-I vs ACE-I 0.78 ( ) 0.82 ( )

46 Adding OLM to AML 10 mg gives a dose-dependent reduction in oedema 40% 36,8% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 26,5% 25,6% 23,5% Placebo + AML 10 mg OLM 10 + AML 10 mg OLM 20 + AML 10 mg OLM 40 + AML 10 mg Chrysant et al. Clinic Ther, volume 30, number 4, 2008

47 Alimentazione

48 Stile di vita Dieta a basso contenuto lipidico, ricca in verdura e frutta moderatamente iposodica. Incremento dell attività fisica.

49 26 studies, incorporating individuals ( CHD events), followed up for 4 25 years. Results: Individuals who reported performing a high level of leisure time physical activity had significant protection against CHD [RR 0.73 (95% CI ), p < ]. A similar significant protection against CHD, for individuals who practised a moderate level of LTPA, has been also demonstrated [RR 0.88 (95% CI ), P< ] European Journal of Cardiovascular Prevention and Rehabilitation 2008

50 JNC VII Lifestyle Modifications for BP Control Modification Recommendation Approximate SBP Reduction Range Weight reduction Adopt DASH eating plan Maintain normal body weight (BMI= ) Diet rich in fruits, vegetables, low fat dairy and reduced in fat 5-20 mmhg/10 kg weight lost 8-14 mmhg Restrict sodium intake <2.4 grams of sodium per day 2-8 mmhg Physical activity Regular aerobic exercise for at least 30 minutes on most days of the week 4-9 mmhg Moderate alcohol consumption <2 drinks/day for men and <1 drink/day for women 2-4 mmhg BMI=Body mass index, SBP=Systolic blood pressure Chobanian AV et al. JAMA. 2003;289:

51 EFFETTI BENEFICI DELL ATTIVITA FISICA NELLA PREVENZIONE DELL ATS riduzione del grasso viscerale riduzione della pressione arteriosa riduzione della trigliceridemia aumento del colesterolo HDL aumento della sensibilita insulinica miglioramento della funzione endoteliale effetti antitrombotici riduzione dei markers dell infiammazione prevenzione del diabete di tipo 2

52 Esiste un rischio attribuibile soltanto all obesità?

53 Obesità come aumento di peso INDICE DI MASSA CORPOREA Body Mass Index - BMI Peso in Kg altezza (in mt2) v.n Sovrappeso Obesità lieve e mod. > 40 Obesità grave

54 Da 3 a 13 anni di meno The Framingham Study:Peeters A : Ann Intern Med 2003;138:24

55 Controllo dopo 40 giorni (questa volta si ripresenta ) - PA 136/82 mmhg (media di tre mis, pos seduta da 5 m) - iniziale calo ponderale (cm 163, Kg 72.5, IMC 27.3 kg/m2) (BMI 27 kg/m2). - Ha iniziato attività fisica, 3 volte alla settimana, 25 minuti. - Si sente più ottimista ed in forma - PA automisurata con apparecchio automatico da braccio validato (media di 6 gg di misurazione, nella sett che precede la visita, con esclusione del 1 giorno, al mattino ed alla sera alle 18 circa): 128/76 mmhg

56 Caso Clinico: Ipertensione resistente

57 Sintesi Anamnestica (I) Donna ipertesa di 65 anni, con familiarità ipertensiva, in terapia con diuretico tiazidico e calcio-antagonista diidropiridinico da circa 6 anni. Viene inviata per visita specialistica in relazione alla comparsa da alcuni mesi di dispnea per attività fisica moderata e brevi episodi di cardiopalmo occasionale, in un contesto di insufficiente controllo pressorio. Non precedenti patologici di rilievo ad eccezione di un unico episodio di FA parossistica associato a colica biliare a 54 anni e colecistectomia l anno successivo.

58 Sintesi Anamnestica (II) Abitudini alimentari irregolari ; funzioni fisiologiche regolari; in menopausa da 5 anni; scarsa attività fisica; non fumatrice. Non assume abitualmente FANS, nega utilizzo di liquirizia e spray nasali. Intollerante ad ACE-inibitori (tosse) Compliance terapeutica generalmente buona. Controlli pressori occasionali solo presso il curante (non pratica l auto-misurazione).

59 Gender as Important Determinant of ACE-induced Cough (n = 828) Men Women Lis. Nif. Lis. Nif. Incidence of cough (%) * Os I et al., Lancet 1992; 339: 372

60 Esami prescritti dal curante Ematosierologici: glicemia 102 mg/dl, col. tot. 201, col. HDL 54 mg/dl, trigl. 145 mg/dl; funzionalità renale (creat. 1.1 mg/dl e quadro elettrolitico nella norma (K 4.0 meq/l). Esame delle urine: negativo. Microalbuminuria: 63 mg/24 h. Fundus oculi: riduzione del calibro arteriolare e presenza di incroci artero-venoso.

61 Esame obiettivo Peso corporeo 77 kg; altezza 162; BMI 29.4 Kg/m2 PA: 168/108 mmhg in posizione seduta Cuore: toni ritmici, soffio sistolico 2/6 mesocardio e aorta Torace: MV fisiologico su tutto l ambito Addome: globoso, Murphy negativo, Giordano negativo, non soffi vascolari Arti inferiori: non edemi declivi, polsi normosfigmici, non soffi vascolari

62 Elettrocardiogramma Sokolow-Lyon = 37 mm

63 Problemi clinici attivi Raggiungimento target pressorio Significato della dispnea

64 Indagini diagnostiche aggiuntive Questa paziente richiede ulteriori indagini mirate ad escludere 1) Ipertensione clinica isolata 2) Causa secondaria di ipertensione 3) Nessuna delle precedenti opzioni

65 Indagini diagnostiche aggiuntive Non giustificate in questa fase dal contesto clinico 1. La presenza di danno d organo tende ad escludere l ipotesi di ipertensione clinica isolata. 2. L insufficiente controllo terapeutico da parte di una duplice associazione in assenza di specifici elementi di sospetto non costituisce una indicazione alla ricerca di cause secondarie di ipertensione ( JNC 7, 2003).

66 Indagini per sospetta dispnea cardiaca 1. Rx- torace 2. Ecocardiogramma- Doppler 3. Dosaggio BNP 4. ECG da sforzo 5. RMN cardiaca

67 Funzione sistolica conservata FE=60%

68 Ipertrofia concentrica del VS MVSI =156 g/m2 SPR=0.51

69 Alterata funzione diastolica E/A Ratio = 0.6 DT=459 ms E/e Ratio = 16

70 Trattamento Modifiche stile di vita (riduzione introito calorico e sale) Aggiunta alla terapia in atto di un terzo farmaco antiipertensivo : Beta-bloccante? Alfa-bloccante? Antagonista recettoriale?

71 Trattamento farmacologico Diuretico tiazidico Calcio antagonista antagonista Angio II antagonista

72 Follow-up 6 settimane Calo ponderale di 2 kg PA 160/100 mmhg (valori analoghi riscontrati dal curante), FC 60 b/min Persistenza di dispnea per sforzi moderati Aggiunta alla terapia in atto di un quarto farmaco antiipertensivo : Beta-bloccante? Alfa-bloccante? Clonidina? Antialdosteronico?

73 Follow-up 12 settimane Calo ponderale ulteriore di 3 kg (BMI 27 Kg/m2) PA 155/100 mmhg FC 66 b/min (4 farmaci) Tendenzialmente ridotta la dispnea Controllo funzione renale : creatinina 1.5, K 4.6 Cosa fare?

74 Eco-Doppler Arterie Renali

75 Arteriografia Renale

76 Italian Group for the Study of Renovascular Hypertension Relationship among Age, Gender and Etiology of RAS No-RAS (n = 218) % patients 40 AS-RAS (n = 176) FM-RAS (n = 65) Females Males < > 70 yrs (n = 44) (n = 77) (n = 93) (n = 92) (n = 88) (n = 64)

77 Risultato Angioplastica I

78 Risultato Angioplastica II

79 Eco-Doppler Renale di Controllo I

80 Eco-Doppler Renale di Controllo II

81 Follow-up dopo la procedura (1 settimana) PA: 135/80 mmhg Laboratorio: creatininemia 1.2 mg/dl Terapia: angio II antagonista

82 Variabili cliniche basali e dopo 6 mesi dall angioplastica renale BASALE 6 MESI PA mmhg 155/ /80 IMC kg/m MA mg/24 h F.O. grado II II Dispnea da sforzo si no Test da sforzo normale*

83 PARAMETRI ECOCARDIOGRAFICI BASALI E DOPO 6MESI BASALE 6 MESI MVSI g/m SPR E/A RATIO TD msec E/Ei RATIO 16 9 BROAD BAND

84 Il caso della signora F. che credeva di essere sana

85 Presentazione la sig.ra F. è una informatrice del farmaco che gira per tutta l Italia del Nord con la sua auto. Ha 52 anni, sposata, con due figli maschi ormai grandi, in menopausa da tre anni, fuma dieci quindici sigarette al giorno dall età di 18 anni, e non ha mai avuto nessuna malattia nella sua vita, a parte le solite influenze stagionali e l appendicite a dodici anni. Ogni tanto le manca un po il fiato, specie se cammina un po, ma pensa che siano le sigarette e i chili di troppo.

86 Qualche dato storico la mamma, ormai 80enne, è stata purtroppo amputata della gamba destra per una complicanza del diabete che porta con sé da quando ne aveva cinquanta. È anche quasi cieca. Anche un suo fratello più grande, G, ha scoperto di avere il diabete, ma si cura con attenzione.

87 La signora F si sente benissimo A pensarci bene non è mai stata nemmeno una volta dal dottore di casa; quando ha un po di influenza si mette a letto e prende qualche aspirina. Adesso è un po seccata perché la Ditta da cui dipende le ha mandato una lettera in cui le chiede di sottoporsi a visita di controllo con tutta una serie di esami del sangue ed un elettrocardiogramma. Una vera seccatura.

88 La visita del medico è davvero accurata Ecco cosa scrive il medico: Sig.ra F., anni 52, caucasica Due figli, in menopausa da tre anni Fumatrice (15/die da oltre 30 anni) Due bicchieri di vino/die; superalcolici occasionali; dieci caffè zuccherati al dì Totalmente sedentaria BMI 29 Kg/mq Circonferenza vita : 106 cm PA: 155/100 (media di tre misurazioni) ABI: 0.9 a destra; 0.8 a sinistra II tono aortico accentuato; soffio sistolico 2/6 sul focolaio mitralico MV aspro diffuso, con rari ronchi Addome globoso per eccesso di adipe, trattabile, fegato palpabile a due cm dall arco costale; non si palpa lo splene. Polsi periferici presenti. Non soffi carotidei

89 Laboratorio: Emocromo: normale Glicemia basale: 110 mg/dl Creatininemia: 1.2 mg/dl Colesterolemia totale: 220 mg/dl Colesterolo HDL: 30 mg/dl Trigliceridi: 250 mg/dl Colesterolo LDL calcolato 140 mg/dl GOT 42 GPT 54 Gamma GT : 60 Esame urine: presenza di leucociti e batteri ECG: Ritmo sinusale, regolare freq 88 bpm. Alterazioni aspecifiche della FRV

90 Conclusioni Paziente con sindrome metabolica, ipertesa, ad alto rischio cardiovascolare. Si consigliano ulteriori accertamenti per la valutazione del danno d organo e per la diagnosi precoce di diabete mellito e di cardiopatia ischemica.

91 Questa è la lista degli accertamenti programmati: OGTT HbA1c Glicemia basale e post prandiale Elettrocardiogramma a riposo Ecocardiogramma Microalbuminuria (rapporto A/C) Ecografia addominale (fegato e reni) Ecocolordoppler dei TSA e degli Arti Inferiori Ecocolordoppler delle arterie renali Esame del fundus oculi in midriasi Radiografia del Torace Dosaggio di FT3, FT4, TSH Dosaggio dell insulinemia basale ECG da sforzo al Cicloergometro

92 I risultati degli esami sono completi tre giorni dopo: OGTT : FBG 108 mg/dl; mg/dl HbA1c : 7.1% Ecocardiogramma: Iniziale Ipertrofia del setto; ipocinesia della parte anteriore Microalbuminuria : 252 mcg Ecocolordoppler dei TSA e degli Arti Inferiori: placca fibrosa alla CID con stenosi non emodinamicamente significativa. Ispessimento medio intimale a tutti i distretti esaminati. Placca fibrotica stenosante alla femorale superficiale di sinistra.

93 I risultati degli esami sono completi tre giorni dopo: Esame del fundus oculi in midriasi: rari microaneurismi al polo posteriore destro ore 11 Dosaggio dell insulinemia basale: 45 mui/l Elettrocardiogramma da sforzo al CE: Prova interrotta al 75% del massimale per comparsa di sottoslivellamento del tratto ST superiore a 2 mm asintomatica per dolore toracico. Risposta ipertensiva accentuata. Si consiglia esecuzione di esame angiografico.

94 Due giorni dopo la sig.ra F, che credeva di essere sana, esegue un angiografia coronarica che dimostra stenosi al 75% della discendente anteriore, al 60% della coronaria destra, ed al 50% della circonflessa. Le vengono applicati due stents, e il giorno dopo torna a casa.

95

96

97 Lo schema di cure farmacologiche prescritte alla sig.ra F è il seguente: ASA 100 mg / die Metformina 1000 mg due volte al dì Olmesartan 20 mg/die Simvastatina 40 mg/die

98 Dopo tre mesi la Sig.ra. F. ha perso sei Kg di peso, ha smesso di fumare, ha preso l abitudine di lasciare l auto in un parcheggio che dista un chilometro da casa sua. I controlli della Pressione, che esegue da sola, rilevano valori medi di 130/80 mm Hg, le glicemie basali variano tra 90 e 100 mg/dl, quelle dopo i pasti tra 110 e 150 mg/dl, l HbA1c eseguita al controllo clinico è 6.2%, il Colesterolo totale è ora di 190 mg/dl, con HDL 40%, i TG 150 mg/dl, il C-LDL calcolato è 120 mg/dl. La circonferenza della vita è scesa a 99 cm. Il suo profilo di rischio attuale è inferiore al 20% a 10 anni.

99 Domande: Quali tra questi fattori di rischio ha il maggior peso nel paziente diabetico di tipo II? 1. HbA1c 2. Ipertensione arteriosa 3. LDL Colesterolo

100

101

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3.

1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3. 1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3. Disfunzioni della tiroide: ipotiroidismo ed ipertiroidismo. 4.

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Accordo Aziendale 2009-2010 per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia

Accordo Aziendale 2009-2010 per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia Accordo Aziendale 2009-2010 per il Governo Clinico dei Medici di Medicina Generale dell ASL di Brescia Al fine di applicare nell ASL di Brescia i contenuti dell articolo 1 della Preintesa con le rappresentanze

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG

IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG IL DIABETE MELLITO NON INSULINODIPENDENTE (NIDDM) GESTIONE DA PARTE DEL MMG A cura di Marco Pietro Mazzi e Maria Chiara Cressoni (SIMG-FIMMG ASL 22) PREMESSA Nella gestione del paziente diabetico l obiettivo

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE

Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE Piano Sanitario Regionale 2008-2010 LA SANITA DI INIZIATIVA IN AMBITO TERRITORIALE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI CON DIABETE MELLITO TIPO II Versione III Maggio 2013 1 FASE

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO COME STRUMENTO DI PREVENZIONE E TERAPIA La realtà di Parma RELATORE: Alberto Anedda Responsabile ff Unità Operativa Complessa di Medicina dello Sport AUSL PARMA Piano

Dettagli

Società scientifiche LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELL IPERTENSIONE

Società scientifiche LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELL IPERTENSIONE Società scientifiche Vol. 99, N. 1, Gennaio 2008 Pagg. 53-58 LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DELL IPERTENSIONE La European Society of Hypertension (ESH) e la European Society of Cardiology (ESC) hanno pubblicato

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Lega Friulana per il Cuore IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE GLOBALE: IL CRUSCOTTO DEL CUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004

STORIA NOTA 13 14/11/2012 26/03/2013 04/01/2007 19/06/2014 23/02/2007 06/06/2012 O DETERMINA 29/10/2004 STORIA NOTA 13 O DETERMINA 29/10/2004 O DETERMINA 04/01/2007 O DETERMINA 23/02/2007 O DETERMINA 06/06/2012 O DETERMINA 14/11/2012 O DETERMINA 26/03/2013 O DETERMINA 19/06/2014 il target per la terapia

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE Dr. Alessandro Bernardini HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE La pressione arteriosa aumenta con l'età nelle società occidentalizzate e l'ipertensione è quindi sostanzialmente

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia

Programma di Valutazione Esterna di Qualità. Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia Programma di Valutazione Esterna di Qualità Prof A Gaddi: Paziente con iperlipoproteinemia In epidemiologia, che cosa vediamo? Eventi Cardiovascolari Diabete tipo 2 Sindrome Metabolica Iperlipidemia familiare

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA

PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PROGETTO DI CLINICAL GOVERNANCE DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2 IN FRIULI VENEZIA GIULIA PRIMO REPORT ELABORAZIONE DATI NOVEMBRE 2007 dati aggregati DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RAPPRESENTATA, PER SESSO

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE

PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE Segnali d allarme Gran parte delle malattie renali si possono comportare come killer silenziosi : operano indisturbate, senza sintomi, per anni e, quando i loro effetti si

Dettagli

Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art

Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art 6 workshop nazionale CISAI Genova, 8 febbraio 2013 Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art Bonato M, Bossolasco

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE

DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE LE COMPLICANZE ADIPOSA DELL OBESITA IN RELAZIONE ALLA LOCALIZZAZIONE E sempre più chiaro che non è tanto l entità della massa adiposa a incidere negativamente sulla salute, quanto la distribuzione del

Dettagli

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini. 28-03-2015, ore 9,00-13 Rimini, Sala Conferenze SGR via Chiabrera 34

Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini. 28-03-2015, ore 9,00-13 Rimini, Sala Conferenze SGR via Chiabrera 34 Aggiornamento Continuo MMG Asl della Romagna- Ambito di Rimini Titolo Evento: Nuove prospettive terapeutiche per epatite C Ambulatorio piede diabetico: punto della situazione Diabete Mellito II: le regole

Dettagli

Studio Medico Associato - Via S. Billardello, 9 - Marsala (TP) 18/05/2013 RAZIONALE

Studio Medico Associato - Via S. Billardello, 9 - Marsala (TP) 18/05/2013 RAZIONALE LE DISLIPIDEMIE ED IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE: IL RUOLO DEI NUTRACEUTICI. IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE INCONTRA LO SPECIALISTA Studio Medico Associato - Via S. Billardello, 9 - Marsala (TP) 18/05/2013

Dettagli

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico

La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie. Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico La sindrome metabolica: gestione infermieristica post acuzie Dr Paola Massucco SCDU Medicina Interna 3 ad Indirizzo Metabolico Caso clinico Sig.ra G.A di 66 anni : entra per dolore stenocardico protratto

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE

I GRUPPI DI CURE PRIMARIE I GRUPPI DI CURE PRIMARIE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ASL Pavia Dr. Guido FONTANA - Dr.ssa Simonetta NIERI Milano, 21 settembre 2011 GRUPPI DI CURE PRIMARIE Struttura Nel giugno 2004 nell ASL della provincia

Dettagli

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica

Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Cuneo 8-9 ottobre 2004 La Sindrome Metabolica: una sfida per l area endocrino-metabolica Diabete Mellito di tipo 2 e Sindrome Metabolica Luca Monge SOC MM e Diabetologia AO CTO-CRF-ICORMA Torino 1. Contratto

Dettagli

LA NEFROPATIA DIABETICA

LA NEFROPATIA DIABETICA Università degli Studi di Catania LA NEFROPATIA DIABETICA Docente di Nefrologia corso di laurea e Sc. Spec nefrologia Definizione: Per Diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE

STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE INFORMATI E COMPETENTI: PERCORSI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 6 maggio 2010 STILI DI VITA SANI PER COMBATTERE I FATTORI DI RISCHIO E PREVENIRE LE PATOLOGIE CRONICHE Pasquale Strazzullo Dipartimento

Dettagli

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE CAPITOLO 1 CORONAROPATIE INTRODUZIONE Per vivere e per svolgere la sua funzione di pompa, contraendosi e rilasciandosi ritmicamente, il muscolo cardiaco (miocardio) ha bisogno del continuo, incessante

Dettagli

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2

GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 GUIDE AI PAZIENTI GESTIONE DELLA GLICEMIA GUIDA PER ADULTI CON DIABETE DI TIPO 2 RIGUARDO QUESTA INFORMATIVA Questa informativa: è dedicata ai soggetti adulti con diabete di tipo 2, ai loro parenti e a

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

IO SCELGO DI AGIRE Dott. Giuseppe Del Prete Dott.ssa Romina Giordano Dott.ssa Elisa Langone

IO SCELGO DI AGIRE Dott. Giuseppe Del Prete Dott.ssa Romina Giordano Dott.ssa Elisa Langone IO SCELGO DI AGIRE Capire come funziona il cuore e come posso proteggermi dalla malattia. INDICE 1. IL CUORE p. 3 2. LA PRESSIONE ARTERIOSA p. 4 3. LE MALATTE CARDIOVASCOLARI p. 5 4. I FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015

VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015 VobisNewSMagazinE Anno V - Febbraio 2015 Linee Guida NICE 2014: denso affollamento in area RCV (ESC/EAS, AHA/ACC, Nota 13 ) A cura di: Luigi Santoiemma MMG Modugno (BA) Lora Accettura Corso di Formazione

Dettagli

Gli aspetti diagnostici delle dislipidemie

Gli aspetti diagnostici delle dislipidemie 7 Gli aspetti diagnostici delle dislipidemie L inquadramento diagnostico delle dislipidemie comprende l anamnesi personale con la valutazione delle abitudini alimentari e dello stile di vita, la storia

Dettagli

Le note AIFA 2007 approfondimenti nota 13

Le note AIFA 2007 approfondimenti nota 13 Le note AIFA 2007 approfondimenti nota 13 Note AIFA e appropriatezza prescrittiva Como, 30/06/2007 Dott. Giovanni Veronesi Università degli Studi dell Insubria - Varese AIFA Nota 13 Revisione novembre

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza

OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI. Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBESITA, DIABETE E IPERTENSIONE : I MATTONI DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Costanza Grasso Cardiologia 2 - AO Città della Salute e della Scienza OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE Malattia cardiovascolare:

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA

INVESTIRE IN SALUTE. Progetto: TU SEI NEL CUORE DI. AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE E DI PREVENZIONE DELLA SINDROME METABOLICA ASSOCIAZIONE PRO SENECTUTE DI PEIA-ONLUS via Don Brozzoni n 32 24020 Peia (BG) cod. fiscale 90017120164 (Iscritta nel Registro Generale Regionale del Volontariato al n. 26038 dal 24.10.2000) e-mail prosenectute_peia@virgilio.it

Dettagli

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO

LINEE GUIDA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE DIABETICO Il documento è finalizzato ad individuare modalità operative che consentano una più agevole integrazione tra assistenza

Dettagli

Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014. Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport

Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014. Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014 Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport La prescrizione in Emilia-Romagna Viene messa in atto attraverso l integrazione Tre Progetti Gli Invianti:

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione

Avvio progetto sindrome metabolica. Adesione Avvio progetto sindrome metabolica Adesione 1. i medici associati in super rete, super gruppo e CPT sono obbligati ad aderire e NON devono comunicare l'adesione al distretto di competenza; 2. I medici

Dettagli

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria

La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria La telemedicina a supporto del paziente: nuove prospettive di assistenza sanitaria Antonio Nicolucci Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia Consorzio Mario Negri Sud Santa Maria Imbaro (CH)

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

Università degli studi di Genova

Università degli studi di Genova Università degli studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di laurea specialistica in Medicina e Chirurgia Rischio Cardiovascolare: i dati dei medici di medicina generale su 80.000 pazienti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

VADEMECUM PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

VADEMECUM PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA 1 VADEMECUM PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA a cura di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio 2 Presentazione L Associazione ANCE Cardiologia Italiana del Territorio propone questo Vademecum

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco e le Aziende Ospedaliere e IRCCS elencati nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco Dicembre 2011 NB: le seguenti note

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2

L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 L ASSISTENZA INTEGRATA ALLA PERSONA CON DIABETE MELLITO TIPO 2 La patologia diabetica mostra una chiara tendenza, in tutti i paesi industrializzati, ad un aumento sia dell incidenza sia della prevalenza.

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

Utilizzo reale delle statine nel controllo del rischio cardiovascolare: analisi dei database amministrativi e della Medicina Generale O.

Utilizzo reale delle statine nel controllo del rischio cardiovascolare: analisi dei database amministrativi e della Medicina Generale O. Utilizzo reale delle statine nel controllo del rischio cardiovascolare: analisi dei database amministrativi e della Medicina Generale O. Brignoli Rapporto OsMed 2006 1. PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD

Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti. Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD Le complicanze del diabete in Italia. Lo studio DAI e altre fonti Carlo B. Giorda Centro Studi e Ricerche AMD I numeri del diabete in Italia Prevalenza nella popolazione (Torino, Firenze 2003) ~4,3 % Prevalenza

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni

Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni Gestione appropriata del Target LDL nel paziente ad alto rischio cardiovascolare. Simone Mininni Log-Linear Relationship Between LDL-C Levels and Relative Risk for CHD 3.7 2.9 Relative Risk for Coronary

Dettagli

La molla che fa saltare il cuore.

La molla che fa saltare il cuore. L ipertensione arteriosa Ipertensione arteriosa Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: La molla che fa saltare il

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita Circolo cuoreinsalute MIP «Medico In Pra+ca» Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : 24 giugno 2015 Gravesano Osteria del Reno Il Cardiopa+co con Comorbilita

Dettagli

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana

perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lingua italiana Le complicanze perchè vengono, QUali sono, Come possiamo evitarle lilly Le cause delle complicanze Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da elevati valori di zucchero nel sangue, elevata glicemia,

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA

IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA Registro Informatizado de Enfermedad Trombo Embólica (RIETE) IV FORUM SULLA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA RIETE ITALIAN INVESTIGATORS MEETING MILAN, NOVEMBER 30th 2013 Registro Informatizado de Enfermedad

Dettagli

Dott.ssa Felicita Andreotti Ricercatrice presso Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dott.ssa Felicita Andreotti Ricercatrice presso Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Dott.ssa Felicita Andreotti Ricercatrice presso Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IN UN OTTICA DI MEDICINA DI GENERE Oggi nel mondo siamo 7

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA

NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA NCP NUCLEI DI CURE PRIMARIE PROGETTO COSENZA MARIO SANTELLI SEGRETARIO PROVINCIALE COSENZA ASP COSENZA L AZIENDA

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

CArPeDIAB.O. CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana. Responsabile del Progetto Prof.

CArPeDIAB.O. CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana. Responsabile del Progetto Prof. CArPeDIAB.O CAmpagna di Prevenzione del DIABete Mellito nella Popolazione Adulta della Toscana Responsabile del Progetto Prof. Stefano Del Prato Centro Regionale di Riferimento per il Diabete Mellito in

Dettagli