IL RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT"

Transcript

1 IL RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT La tutela sanitaria delle attività sportive. Il supporto specialistico alle attività che utilizzano gli effetti preventivi e terapeutici dell esercizio fisico e dell attività sportiva. Prescrizione e somministrazione dell esercizio fisico quale prevenzione e terapia di patologie croniche (esercizio e sport-terapia). Programmi di sanità pubblica per la promozione dell attività motoria nella popolazione in generale. Prevenzione del Doping. La valutazione clinica in Medicina dello Sport e dell esercizio 1

2 Lo screening preliminare Physical Activity Readiness- Questionnaire 2

3 PAR-Q Fonte PhysicalActivity Readiness Questionnaire (PAR-Q). L anamnesi in medicina dello sport 3

4 Anamnesi familiare Anamnesi personale 4

5 Anamnesi personale Anamnesi sportiva 5

6 Anamnesi fisiologica Palpitazioni e cardiopalmo 6

7 Palpitazioni e cardiopalmo Clinical Classification of Chest Pain Typical angina (definite) 1. Substernal chest discomfort with a characteristic quality and duration that is 2. Provoked by exertion or emotional stress and 3. Relieved by rest or nitroglycerin Atypical angina (probable) Meets 2 of the above characteristics Noncardiac chest pain Meets 1 or none of the typical anginal characteristics 7

8 Esami Cardiologici di Primo Livello ECG di base (ECG dopo step test) (Test da sforzo cardiovascolare massimale) Esami Cardiologici di Secondo Livello Test da Sforzo cardiovascolare massimale ElettroCardioGramma dinamico nelle 24h (Holter elettrocardiografico) Ecocolordoppler cardiaco Monitoraggio della pressione Arteriosa nelle 24h (Holter pressorio) 8

9 Esami Cardiologici di Terzo Livello EcoCardioGrafia TransEsofagea Studio Potenziali Tardivi Ventricolari Studio Elettrofisiologico TransEsofageo Studio Elettrofisiologico Endocavitario Scintigrafia miocardica Risonanza Magnetica Angio TAC coronarica Elettrocardiogramma e test da sforzo cardiovascolare 9

10 Premesse fisiologiche Esercizio e frequenza cardiaca Fino ad una certa intensità, la frequenza cardiaca aumenta in modo proporzionale all intensità dell esercizio 10

11 Risposta cardiovascolare all esercizio FREQUENZA CARDIACA Presenta un plateau con l esaurimento (intensità massimali) - Frequenza cardiaca massimale: sono oggi utilizzate due formule per calcolarla FC max = età (±10-12 bpm) FC max = 208 (0,7 x età) [sembra più attendibile rispetto alla precedente per età <20 anni e > di 50 anni]. Entrambe le formule sono delle approssimazioni della reale FC max. Es. di calcolo: Soggetto di 40 anni. FC max = = 180 ± 12. Significa che circa il 68% dei soggetti di 40 anni presenterà una FC max compresa tra 168 e 192bpm [ Media ± 1 Deviazione Standard ], mentre il 95% avrà una FC max compresa tra 156 e 204 bpm[ Media ± 2 Deviazioni Standard]. Frequenza cardiaca massimale teorica (220-età) (Distribuzione Gauss) 11

12 Gittata sistolica ed Esercizio FISIOLOGIA DELL ESERCIZIO Nel soggetto sedentario, nelle fasi precoci dell esercizio eseguito in posizione eretta, la gittata cardiaca aumenta sia per l incremento del volume sistolico (meccanismo di Frank-Starling e aumento dell inotropismo cardiaco), che per l aumento della frequenza cardiaca. Quando l esercizio diventa più intenso, l incremento della gittata cardiaca dipende primariamente dall incremento della frequenza cardiaca. Nel soggetto allenato l incremento della gittata sistolica avviene anche ad intensità elevate di esercizio. 12

13 PORTATA CARDIACA Frequenza Cardiaca Gittata sistolica Volume telediastolico Volume telesistolico Pressione di riempimento Compliance Contrattilità Post-carico Determinanti della massima portata cardiaca Da: Myers & Froelicher. Ann Int Med,1991. RISPOSTA DEI PARAMETRI CIRCOLATORI ALL ESERCIZIO FISICO Gittata cardiaca (quantità di sangue pompata dal cuore al minuto): aumenta da 4-6 volte Pressione arteriosa sistolica: aumenta Pressione arteriosa diastolica: costante o si riduce Portata sanguigna polmonare: aumenta di 4-6 volte senza incremento della pressione polmonare Differenza artero-venosa per l O 2 : aumenta di almeno 2-3 volte 13

14 Portata cardiaca a riposo e durante esercizio massimale in sedentari ed atleti Riposo Massimo dello sforzo Sedentario Atleta endurance Sedentario Atleta endurance FC 70bpm 50bpm 195bpm 195bpm GS 71ml 100ml 113ml 179ml GC 5000 ml/min 5000 ml/min ml/min ml/min Es. Soggetti di 25aa di età. Risposta cardiovascolare all esercizio PRESSIONE ARTERIOSA 14

15 PRESSIONE ARTERIOSA ED ESERCIZIO CONSUMO DI OSSIGENO MIOCARDICO (MO 2 ) Esprime il lavoro interno del cuore e indica di quanto debba essere il grado di incremento del flusso ematico miocardico (l apporto di ossigeno e metaboliti) durante lo sforzo. I principali determinanti del MO 2 sono: Pressione Vt Sin Volume telediast.ventr. Sin. a) Tensione parietale = Spessore parietale b) Frequenza cardiaca c) Contrattilità 15

16 Doppio prodotto (RPP) Da un punto di vista pratico il doppio prodotto (RPP, prodotto frequenza cardiaca (HR) x pressione sistolica (SBP) rappresenta un buon indice di MO 2. RPP = HR SBP = HR CO TPR = HR (HR SV) TPR = HR 2 SV TPR Normalmente al picco dello sforzo varia tra (10 percentile) a (90 percentile) FLUSSO CORONARICO Normalmente il flusso coronarico può aumentare di almeno 5 volte grazie alla vasodilatazione sia delle piccole arteriole periferiche, che dei grandi rami coronarici (flusso di riserva coronarico). Si ritiene che vi sia ischemia quando l aumento del flusso non supera le 2 volte (Heller <1.7). Modesti gradi di aterosclerosi possono alterare la normale risposta vasodilatatoria delle coronarie epicardiche, determinando vasocostrizione invece che vasodilatazione. N.B.: la comparsa di ischemia miocardica si realizza generalmente allo stesso doppio prodotto piuttosto che allo stesso carico di lavoro. 16

17 Il test da sforzo cardiovascolare Scopo: Ogni prova da sforzo richiede un accurata azione di invidualizzazione della procedura, affinchè essa sia personalizzata alle necessità e alle caratteristiche del soggetto. Perché ciò avvenga è indispensabile come prima cosa la conoscenza dello scopo primario del test, ovvero delle motivazioni per le quali la prova da sforzo è stata richiesta. 17

18 Scopo: In secondo luogo vanno determinate le potenzialità lavorative nel singolo individuo, per individuare il miglior protocollo ergometrico. La personalizzazione di ogni prova da sforzo, permette di selezionare gli endpoints del test, di massimizzare sia la sicurezza d esecuzione, che le informazioni diagnostiche e prognostiche ottenibili. Indicazioni (1) : La prova da sforzo è stata utilizzata per oltre 6 decadi come test provocativo per l identificazione d ischemia miocardica. In seguito sono emersi altri campi applicativi, che a tutt oggi comprendono: 18

19 Indicazioni (2) : Identificazione di malattia coronarica su base aterosclerotica o di altre patologie coronariche (congenite o acquisite) in pazienti con dolore toracico o sintomi potenzialmente equivalenti. Valutazione del grado di severità anatomica e funzionale (ischemia residua) della malattia coronarica su base aterosclerotica: Pazienti coronaropatici non infartuati Pazienti coronaropatici infartuati Pazienti dopo PTCA Pazienti dopo CABG Pazienti con cardiomiopatia ischemica cronica Indicazioni (3) : Valutazione di sintomi correlati all esercizio (dolore toracico, cardiopalmo, dispnea, sincope) Determinazione della competenza cronotropa e dromotropa del sistema di conduzione cardiaco Identificazione di relazione (eventuali effetti soppressivi o scatenanti) tra l esercizio fisico e aritmie Valutazione del rischio aritmico da sforzo di patologie cardiache potenzialmente aritmogene (cardiomiopatie, canalopatie, vie anomale di conduzione, esiti di miopericarditi) 19

20 Indicazioni (4) : Valutazione della funzionalità di device impiantati (pace-maker o ICD) Valutazione funzionale di valvulopatie aortiche (insufficienza, stenosi) Valutazione dell efficacia di terapie mediche, chirurgiche, interventistiche (ad esempio ablative) sulla tolleranza all esercizio fisico e di prevenzione del rischio aritmico da sforzo Valutazione e scatenamento del broncospasmo indotto dallo sforzo Indicazioni (5) : Valutazione della capacità funzionale e della tolleranza allo sforzo (meglio se associata alla determinazione di ventilazione e gas ventilatori prova cardiopolmonare) Paziente con insufficienza cardiaca in fase di compenso Paziente operato o non operato per cardiopatia congenita Pazienti con patologie croniche (diabete, polmonari, oncologiche, reumatologiche, etc) Pazienti asintomatici con probabilità elevata a priori per malattia coronarica (ad esempio diabetici) che desiderano intraprendere un attività fisica ad elevato impegno cardiovascolare Atleti agonisti in Medicina dello Sport 20

21 ECG DA SFORZO (APPLICAZIONE A SPECIFICHE POPOLAZIONI: sintesi) Malattia coronarica Scompenso cardiaco Valvulopatie Arteriopatia periferica Portatori di pacemakers Cardiopatie congenite Malattie croniche ostruttive polmonari Altre patologie polmonari Qualsiasi patologia cronica che limiti il consumo di ossigeno Soggetti asintomatici non atleti Atleti agonisti e non agonisti CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE E RELATIVE In ogni singolo paziente va bilanciato il rischio del test con i potenziali benefici diagnostici derivanti dalle informazioni conseguenti alla sua esecuzione, al fine di ottimizzare la condotta terapeutica e di programmare correttamente il follow-up del paziente. Qualora il rischio per la salute del paziente risulti maggiore dei benefici derivanti dalle informazioni diagnostiche ottenibili, si procederà alla non esecuzione del test. Qualora invece i potenziali benefici risultino significativamente maggiori rispetto al rischio, si procederà alla sua esecuzione. 21

22 CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE E RELATIVE Risulta fondamentale prima dell esecuzione del test, la conoscenza approfondita della motivazione/scopo del test e le caratteristiche fisio-patologiche del singolo paziente, in modo che gli eventuali sintomi o segni clinico-strumentali da ricercare sia per la diagnosi, che per la sua sospensione, siano per gran parte prevedibili già prima della sua esecuzione. CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE Infarto acuto del miocardio (entro 2 giorni dalla sua insorgenza) Angina instabile ingravescente Aritmia cardiaca non controllabile con instabilità emodinamica Endocardite in fase attiva Stenosi aortica di grado severo, sintomatica Insufficienza cardiaca non compensata Embolia polmonare acuta Infarto polmonare Trombosi venosa profonda Mio-pericardite in fase acuta Dissezione aortica Disabilità fisica o psichica che preclude la sicurezza e l attendibilità del test 22

23 CONTROINDICAZIONI RELATIVE Stenosi ostruttiva (già conosciuta) dell arteria coronaria di sinistra Stenosi aortica di grado moderato-severo in cui vi sia relazione incerta con la sintomatologia del paziente Tachiaritmie con frequenza ventricolare non controllabile Blocco cardiaco acquisito di grado avanzato o completo Cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva con gradiente pressorio a riposo di grado severo Ictus o TIA di recente insorgenza Disabilità mentale con limitata capacità di collaborazione Ipertensione arteriosa con pressione sistolica >200 mmhg, o diastolica >110 mmhg Condizioni mediche non corrette: anemia significativa, squilibrio idro-elettrolico, ipertiroidismo. Preparazione del soggetto (1) Lo scopo della prova da sforzo deve essere chiaro sia al fine di massimizzare il suo valore diagnostico, che per assicurare la sua sicurezza. Qualora l indicazione non fosse chiara, il medico richiedente dovrà essere contattato per ulteriori informazioni. Il soggetto o il paziente non deve aver mangiato almeno per 3 ore precedentemente alla prova. Eventuali farmaci dovrebbero essere assunti con piccole quantità d acqua. I soggetti devono indossare un abbigliamento comodo o sportivo con scarpe confortevoli. Il soggetto o il paziente deve ricevere una dettagliata spiegazione della procedura del test da sforzo, includendo gli eventuali sintomi o segni clinici che obbligano la sua interruzione, comprese le possibili complicanze. 23

24 Preparazione del soggetto (2) Quando la prova da sforzo viene eseguita per diagnosi d ischemia miocardica, alcuni farmaci (specialmente i beta-bloccanti) dovranno essere interrotti, perché in grado di attenuare la risposta all esercizio della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa. Non sono disponibili linee guida formali che stabiliscano i criteri di sospensione dei singoli farmaci, ma in genere 24 o più ore di sospensione potrebbero essere necessarie soprattutto per farmaci a lento rilascio. Il paziente dovrebbe essere informato ed istruito alla riassunzione del farmaco, qualora fenomeni di rebound post-sospensione dovessero accadere. Qualora il paziente non abbia sospeso il farmaco, si dovrà valutare il reperto diagnostico del test, considerando l effetto farmacologico del farmaco assunto. Preparazione del soggetto (3) Una breve storia clinica del paziente ed un esame obiettivo risultano essenziali per escludere eventuali controindicazioni al test e per evidenziare importanti segni clinici, come ad esempio soffi cardiaci, ritmi di galoppo, rantoli, fischi, sibili in ambito polmonare. Un ECG a 12 derivazioni a riposo in posizione supina dovrà essere eseguito prima della prova da sforzo, eventualmente confrontandolo con ECG ottenuti in precedenza, per evidenziare possibili modificazioni avvenute nel tempo. Successivamente andrà eseguito un ECG a riposo in posizione ortostatica. 24

25 Preparazione del soggetto (4) Gli elettrodi delle periferiche andranno posizionati sul tronco del paziente. L elettrodo R (di colore rosso) andrà posizionato nella parte supero-laterale destra del torace. L elettrodo L (di colore giallo) andrà posizionato nella parte supero-laterale sinistra del torace. Per entrambi verrà cercata una superficie piana; potranno essere posizionati sia anteriormente, evitando il ventre muscolare del gran pettorale, che posteriormente. La posizione anteriore è preferibile in caso di prova da sforzo al nastro trasportatore, quella posteriore in caso di prova da sforzo al cicloergometro o nel caso di pazienti (ad esempio bambini) di bassa statura con toraci di strette dimensioni. L elettrodo N (di colore nero) andrà posizionato in posizione infero-laterale destra, mentre l elettrodo L (di colore verde) andrà posizionato in posizione infero-laterale sinistra. Entrambi verranno posizionati nella parte posteriore del tronco, possibilmente al di sotto della linea ombelicale. Preparazione del soggetto (5) La pressione arteriosa andrà misurata in posizione ortostatica prima dell inizio del test. Qualora precedenti misurazioni pressorie abbiano evidenziato differenze di pressione significative tra le due braccia (superiori a 10 mmhg), la pressione arteriosa andrà determinata sul braccio che presentasse la pressione arteriosa maggiore. Nel caso di pazienti operati di coartazione aortica la pressione arteriosa andrà determinata esclusivamente sul braccio destro. 25

26 Derivazioni elettrocardiografiche per la prova da sforzo: in generale maggiore è il numero di derivazioni applicate, maggiore è la sensibilità dell esame nella diagnosi d ischemia miocardica. In pratica le derivazioni precordiali antero-laterali (V4-V6) sono in grado di individuare il 90% di tutti i sottoslivellamenti osservabili. La monitorizzazione elettrocardiografica standard prevede l utilizzo di 12 derivazioni (D1, D2, D3, avr, avl, avf; V1-V6). L estensione della monitorizzazione alle precordiali destre (V3R, V4R, V5R) è stata riportata da alcuni autori utile nell aumentare la sensibilità del test nell individuazione d ischemia miocardica da sforzo, specialmente per le zone miocardiche dipendenti da coronaria destra e circonflessa. Elettrocardiogramma 26

27 Posizionamento degli elettrodi Posizionamento degli elettrodi precordiali a livello del 4 e 5 spazio intercostale: V1: a destra 4 spazio intercostale V2: a sinistra 4 spazio intercostale V3: a metà strada tra V2 e V4 V4: a sinistra sul 5 spazio intercost., sulla linea emiclav. V5: orizzontale rispetto a V4, sulla linea ascellare anteriore V6: orizzontale rispetto a V5, sulla linea ascellare media 27

28 Posizione degli elettrodi: II III Angolo di Louis IV V1 V2 V3 V4 V5 V6 (più gli elettrodi sulle gambe) Visione frontale del cuore avr avl I III avf II 28

29 Gli ergometri Tipologie di test da sforzo utilizzate in Medicina dello Sport Step Test secondo Montoye Test sub-massimale al cicloergometro Test massimale al cicloergometro o treadmill Test con ergometro a braccia (per soggetti disabili) 29

30 TREADMILL CICLOERGOMETRO 30

31 ERGOMETRO A MANOVELLA STEP TEST 31

32 Comparazione tra l uso del treadmill e del cicloergometro per un test da sforzo Caratteristiche Treadmill Ciclo Maggior carico di lavoro Simili max F.C. e ventilazione ++ + Familiarità con l esercizio ++ + Quantificazione del carico di lavoro + ++ Misurazione pressione arteriosa Assenza di artefatti all ECG + ++ Sicurezza (meno infortuni muscoloscheletrici) Minor ingombro, costo e rumore Paziente in età pediatrica Soggetti con deficit dell equilibrio - ++ La scelta dell ergometro negli atleti Deve riprodurre nel modo più simile possibile l attività sportiva svolta dall atleta. Treadmill: calcio, basket, rugby, atletica leggera Cicloergometro o rulli con la propria bici: ciclismo Ergometro a remo/pagaia: canottaggio, canoa, kajak Vasca contro-corrente: nuoto Ergometri specifici per Sci da fondo Ergometro a manovella: disabili, sport a remo 32

33 I protocolli più comunemente usati: SCELTA DEL PROTOCOLLO DI ESERCIZIO Il protocollo d esercizio dovrebbe essere individualizzato in modo che gli incrementi di carico siano piccoli e graduali e che la durata del test sia compresa tra gli 8 e i 12 minuti. Per gli incrementi con metodica ramp si ottengono potenze massimali più strettamente correlate con il calcolo indiretto della massima potenza aerobica (VO 2 indiretta). Protocolli che prevedano grandi incrementi da uno stadio al successivo tendono a non stimare correttamente la misura indiretta del consumo massimale di ossigeno 33

34 PROTOCOLLI Test a carico costante Test incrementale discontinuo Test incrementale continuo (a rampa) 34

35 Relazioni tra classi funzionali, stato clinico, VO 2, METs e protocolli al treadmill, al cicloergometro. 1 Watt = 6 Kpm/min 1 MET 17 watts 35

36 QUESTIONARIO DI ATTIVITÁ SPECIFICA PER GLI ANZIANI (VETERANS SPECIFIC ACTIVITY QUESTIONNAIRE) J. Myers et al., Am Heart J 2001;142: e P. McAuley et al., Am Heart J 2006;151:890.e1-890.e7 L elenco seguente è una lista di attività che presentano un intensità progressivamente crescente. Scorra la lista dall alto verso il basso e, riflettendo attentamente, metta una croce in corrispondenza del gruppo di attività che, se dovesse eseguire per un periodo di tempo prolungato, Le causerebbero la comparsa di fatica, fiatone, o dolore al torace. Se Lei non esegue normalmente una delle attività elencate, tenti di immaginare come potrebbe essere se dovesse compierla. 36

37 METs e ATTIVITA QUOTIDIANE 1 MET: mangiare, vestirsi, lavorare alla scrivania. 2 METs: fare una doccia, fare compere, cucinare, fare 8 gradini in discesa. 3 METs: Camminare lentamente sul piano per m. 4 METs: Lavoro leggero in giardino (rastrellare le foglie, spingere una falciatrice a motore), dipingere uno steccato. 5 METs: Camminare velocemente, ballare, lavare l automobile. 6 METs: Giocare 9 buche a golf trasportandosi le proprie mazze. 7 METs: Sollevare 25 kg, scavare in giardino, camminare in salita. 8 METs: trasportare la spesa sulle scale, muovere mobili pesanti, fare jogging lentamente su di una superficie piana, salire le scale velocemente. 9 METs: Andare in bicicletta ad una velocità moderata (20 Km/h), segare la legna, saltare la corda lentamente. 10 METs: Nuotare velocemente, andare in bicicletta in salita, fare jogging a 6 miglia (10.8 km/h). 11 METs: Portare un carico pesante per due rampe di scale, fare sci da fondo o bicicletta ad andatura sostenuta. 12 METs: Correre ad andatura sostenuta (5 minuti al km). 13 METs: Qualsiasi attività competitiva, come corsa, canottaggio, o sports calcio ed altre attività con attività intermittenti di sprint Equazione di stima della massima capacità funzionale: METs massimali = 4,7 + (0,97 xmets riferiti) (età x 0,06) 37

38 PROBABILITA PRE-TEST DI CAD (Età, Sesso, Sintomatologia) Età Sesso Angina Pectoris Tipica/Certa Angina Pectoris Atipica/Probabile Dolore Toracico Non-anginoso Asintomatico Uomo Intermedia Intermedia Bassa Molto bassa Donna Intermedia Molto bassa Molto bassa Molto bassa Uomo Alta Intermedia Intermedia Bassa Donna Intermedia Bassa Molto bassa Molto bassa Uomo Alta Intermedia Intermedia Bassa Donna Intermedia Intermedia Bassa Molto bassa Uomo Alta Intermedia Intermedia Bassa Donna Alta Intermedia Intermedia Bassa Alta: >90%. Intermedia: 10-90%. Bassa: <10%. Molto bassa: <5%. TEST DA SFORZO MASSIMALE AL TREADMILL Prevede un test da sforzo massimale interrotto per esaurimento ad una intensità pari almeno all 85% della FC calcolata per l età (220-età) ed al raggiungimento di un intensità di sforzo percepito a 18/20 secondo la scale di Borg. Il protocollo è di tipo ramp con incremento progressivo della velocità e della pendenza del tappeto. Si esegue la monitorizzazione ECG continua per l intera prova da sforzo (esercizio + recupero) Tempo esecuzione: circa 9 (6-12 min) esercizio rec. 38

39 MISURAZIONI DI FREQUENZA CARDIACA, PRESSIONE ARTERIOSA, RPE ED ECG DURANTE TEST DA SFORZO PRETEST ECG a 12 derivazioni in posizione supina e in ortostatismo. Pressione arteriosa in posizione supina e in ortostatismo. ESERCIZIO ECG registrato durante gli ultimi 15 secondi di ogni stadio e al picco dell esercizio. Pressione arteriosa durante l ultimo minuto di ogni stadio. RPE: alla fine di ogni stadio. POST-ESERCIZIO ECG immediatamente dopo l esercizio; poi ogni 1-2 minuti per almeno 5 minuti per permettere il completo ripristino nel recupero. Pressione arteriosa immediatamente dopo l esercizio, poi ogni 1 o 2 minuti fino che si sia quasi stabilizzata a livelli basali. ISTRUZIONI UTILIZZO SCALA DI BORG Mentre esegue il test, vogliamo che quantifichi la tua percezione dello sforzo, ovvero quanto pesante ed estenuante le sembra che l'esercizio sia, combinando tutte le sensazioni di sforzo e di fatica che percepisce, senza concentrarsi solamente sul dolore alle gambe o sulla mancanza di fiato, ma sulla sensazione di sforzo complessiva. Mentre sta svolgendo il test, guardi questa scala numerata, che va da 6 a 20: 6 significa "nessuno sforzo" e 20 significa "sforzo massimo. Scelga il numero che meglio descrive il livello di intensità del suo sforzo. 6 nessuno sforzo 7 estremamente leggero 8 9 molto leggero leggero un po pesante pesante molto pesante estremamente pesante 20 massimo sforzo 39

40 Scala dell angina per test da sforzo PROVA DA SFORZO (Criterio di Interruzione) Comunemente >85% della F.C. max (220-età in anni). Ampio spettro individuale lungo la linea di regressione per la frequenza cardiaca massimale (alcuni ben oltre il limite, altri a livello della sottomassimale). Si consiglia di integrare con la Scala di Borg (percezione dell intensità di esercizio). 40

41 PRESSIONE ARTERIOSA DURANTE L ESERCIZIO (MISURAZIONE) Nonostante i numerosi metodi automatici, sono ancora consigliati i manometri a mercurio manuali. Se la pressione sistolica sembra ridursi con l esercizio, va rimisurata immediatamente (escludendo i potenziali errori nella misurazione). Se con incremento del carico avviene una caduta di 10mmHg o maggiore o se la caduta avviene al di sotto dei valori misurati a riposo in ortostatismo, il test va fermato soprattutto se associato ad altri segni avversi (ad esempio di ischemia). La PAO dovrebbe ritornare ai valori basali entro il 6 di recupero. Risposta in percentili della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa sistolica e diastolica all esercizio fisico nelle varie fasce di età 41

42 Percentili della risposta pressoria ad un esercizio massimale Hypertension 39, 2002 POTENZIALI ERRORI NELLA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA DURANTE LO SFORZO Sfigmomanometro inadeguato Altezza scorretta dello sfigmomanometro Dimensioni inadeguate della cuffia del bracciale Esperienza ed acuità uditiva del tecnico Velocità di inflazione o deflazione della pressione del bracciale Posizionamento improprio del fonendoscopio Rumore di disturbo ambientale Sostegno con le braccia alle barre di sostegno Anormalità del decorso del sistema arterioso (compressione dell a. brachiale, anormalità di decorso, sindrome da furto della succlavia) 42

43 CRITERI ASSOLUTI D INTERRUZIONE DELL ESERCIZIO Caduta della pressione arteriosa sistolica oltre 10 mmhg rispetto alla pressione arteriosa di base, nonostante un incremento nel carico di lavoro, con associate altre prove di ischemia. Angina ingravescente da moderata a severa. Sintomatologia neurologica (atassia, vertigini, stato presincopale) ingravescente. Segni di scarsa perfusione (cianosi o pallore). Difficoltà tecniche di monitorizzazione elettrocardiografica o della pressione arteriosa sistolica. Tachicardia ventricolare sostenuta. Sopraslivellamento ( 1.0 mm) in derivazioni (tranne V1 o avr) prive di onde Q diagnostiche. Desiderio del soggetto di fermarsi. CRITERI RELATIVI D INTERRUZIONE DELL ESERCIZIO Dolore toracico ingravescente. Caduta della pressione arteriosa sistolica oltre 10 mmhg rispetto alla pressione arteriosa di base, nonostante un incremento nel carico di lavoro, in assenza di altre prove di ischemia. Marcate alterazioni del tratto ST (>2 mm di sottoslivellamento ad andamento orizzontale o discendente) o del QRS (importante deviazione assiale). Aritmie complesse come PVC multifocali, triplette di PVC, tachicardia sopraventricolare, blocco cardiaco o bradiaritmie. Comparsa di blocco di branca o ritardi della conduzione atrioventricolare non distinguibili dalla tachicardia ventricolare. Risposta ipertensiva* (>250/115 mmhg) * in assenza di evidenze certe si suggeriscono come limiti superiori una pressione sistolica di 250 mm Hg e/o una diastolica di

44 PRECAUZIONI E SICUREZZA DELLA PROVA DA SFORZO La prova da sforzo è una procedura sicura. Dati che comprendono pazienti critici indicano 0.8 complicanze cardiovascolari ogni test. Pazienti critici: rischio massimo riportato in letteratura 1:2.500 test. Pazienti non a rischio: rischio bassissimo < 1: E comunque opportuno che nell ambulatorio vi sia il necessario per l emergenza e che il personale sia addestrato all intervento (corso BLS o ACLS). Complicanze secondarie al test da sforzo 44

45 POSIZIONE NEL POST-ESERCIZIO Se si vuole ottenere la massima sensibilità per la determinazione d ischemia miocardica, il paziente dovrebbe assumere posizione supina nel post-esercizio. Un periodo di defaticamento può attenuare l entità del sottoslivellamento del tratto ST. La posizione supina permette una valutazione più standardizzata della riduzione della frequenza cardiaca nel recupero (Heart Rate Recovery). Può essere utile monitorizzare l ECG nei primi 10 secondi nel post-esercizio in posizione ortostatica (al treadmill in presenza di artefatti). Quando il test non ha finalità diagnostiche (ischemia) è preferibile un periodo di defaticamento. Se il paziente è gravemente dispnoico, o in caso di severa risposta ipertensiva sistolica, si preferisce la posizione seduta, invece che quella supina. Parametri misurabili durante il test da sforzo 45

46 Parametri misurabili durante il test da sforzo Le variabili elettrocardiografiche 46

47 Valore diagnostico dell ECG nell identificazione della coronaropatia Una meta-analisi della letteratura sulla capacità diagnostica del test da sforzo nell evidenziare una coronaropatia è stata calcolata pari a: Sensibilità: % di individui con patologia con test positivo 68% (range %) Può essere influenzata dal grado di patologia, livello dello sforzo, uso di farmaci anti-ischemici Specificità: % di individui senza patologia con test negativo 77% (range %) Può essere influenzata da: farmaci (digossina), alterazioni all ECG di base, ipertrofia del ventricolo sx 47

48 Valore diagnostico dell ECG nell identificazione della coronaropatia in individui di differenti età La capacità diagnostica del test da sforzo nell evidenziare una coronaropatia è stata calcolata pari a: Sensibilità: % di individui con patologia con test positivo età <40aa.: 56% - età >60aa: 84% Specificità: % di individui senza patologia con test negativo età <40aa.: 84% - età >60aa: 70%. Hlatky MA et al., 1984 Diagnos(c Accuracy Diagnos(c accuracy is commonly represented by the terms sensi%vity and specificity, which are calculated by comparing test results to the gold standard of the results of invasive coronary angiography. The sensi(vity of any noninvasive test to diagnose SIHD expresses the frequency that a pa(ent with angiographic IHD will have a posi(ve test result. The specificity measures the frequency that a pa(ent without IHD will have a nega(ve result. 48

49 Diagnos(c Accuracy Predic(ve accuracy represents the frequency that a pa(ent with a posi(ve test does have IHD (posi(ve predic(ve value) or that a pa(ent with a nega(ve test truly does not have IHD (nega(ve predic(ve value). The predic(ve accuracy may be used for both diagnos(c and prognos(c accuracy analyses; in the laier case, the comparison is to subsequent cardiovascular events. Predittività del test da sforzo in soggetti anziani Nell ambito delle variabili rilevate in un test da sforzo, in soggetti anziani cardiopatici, la mortalità ad 1 anno era meglio predetta dall incremento della pressione arteriosa sistolica: <30 mmhg 15% di mortalità ad 1 anno >30 mmhg 1.8% di mortalità ad 1 anno In anziani di età >70aa la mortalità era inferiore del 45% in quelli con una capacità di esercizio tra i 5 e i 6 METs, rispetto a quelli con capcaità <4 METs. In anziani >70aa che avevano avuto un IMA, la mortalità cardiovascolare era significativamente aumentata nel gruppo con: Picco di potenza al cicloergometro <60 Watt Durata dell esercizio <5 minuti Incremento del doppio prodotto <

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/075/CR9c/C7 IL NUOVO RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT RIVISITAZIONE DEI PROTOCOLLI DI IDONEITA ALL ATTIVITA SPORTIVOAGONISTICA E NON AGONISTICA 24

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli