IL RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT"

Transcript

1 IL RUOLO DELLA MEDICINA DELLO SPORT La tutela sanitaria delle attività sportive. Il supporto specialistico alle attività che utilizzano gli effetti preventivi e terapeutici dell esercizio fisico e dell attività sportiva. Prescrizione e somministrazione dell esercizio fisico quale prevenzione e terapia di patologie croniche (esercizio e sport-terapia). Programmi di sanità pubblica per la promozione dell attività motoria nella popolazione in generale. Prevenzione del Doping. La valutazione clinica in Medicina dello Sport e dell esercizio 1

2 Lo screening preliminare Physical Activity Readiness- Questionnaire 2

3 PAR-Q Fonte PhysicalActivity Readiness Questionnaire (PAR-Q). L anamnesi in medicina dello sport 3

4 Anamnesi familiare Anamnesi personale 4

5 Anamnesi personale Anamnesi sportiva 5

6 Anamnesi fisiologica Palpitazioni e cardiopalmo 6

7 Palpitazioni e cardiopalmo Clinical Classification of Chest Pain Typical angina (definite) 1. Substernal chest discomfort with a characteristic quality and duration that is 2. Provoked by exertion or emotional stress and 3. Relieved by rest or nitroglycerin Atypical angina (probable) Meets 2 of the above characteristics Noncardiac chest pain Meets 1 or none of the typical anginal characteristics 7

8 Esami Cardiologici di Primo Livello ECG di base (ECG dopo step test) (Test da sforzo cardiovascolare massimale) Esami Cardiologici di Secondo Livello Test da Sforzo cardiovascolare massimale ElettroCardioGramma dinamico nelle 24h (Holter elettrocardiografico) Ecocolordoppler cardiaco Monitoraggio della pressione Arteriosa nelle 24h (Holter pressorio) 8

9 Esami Cardiologici di Terzo Livello EcoCardioGrafia TransEsofagea Studio Potenziali Tardivi Ventricolari Studio Elettrofisiologico TransEsofageo Studio Elettrofisiologico Endocavitario Scintigrafia miocardica Risonanza Magnetica Angio TAC coronarica Elettrocardiogramma e test da sforzo cardiovascolare 9

10 Premesse fisiologiche Esercizio e frequenza cardiaca Fino ad una certa intensità, la frequenza cardiaca aumenta in modo proporzionale all intensità dell esercizio 10

11 Risposta cardiovascolare all esercizio FREQUENZA CARDIACA Presenta un plateau con l esaurimento (intensità massimali) - Frequenza cardiaca massimale: sono oggi utilizzate due formule per calcolarla FC max = età (±10-12 bpm) FC max = 208 (0,7 x età) [sembra più attendibile rispetto alla precedente per età <20 anni e > di 50 anni]. Entrambe le formule sono delle approssimazioni della reale FC max. Es. di calcolo: Soggetto di 40 anni. FC max = = 180 ± 12. Significa che circa il 68% dei soggetti di 40 anni presenterà una FC max compresa tra 168 e 192bpm [ Media ± 1 Deviazione Standard ], mentre il 95% avrà una FC max compresa tra 156 e 204 bpm[ Media ± 2 Deviazioni Standard]. Frequenza cardiaca massimale teorica (220-età) (Distribuzione Gauss) 11

12 Gittata sistolica ed Esercizio FISIOLOGIA DELL ESERCIZIO Nel soggetto sedentario, nelle fasi precoci dell esercizio eseguito in posizione eretta, la gittata cardiaca aumenta sia per l incremento del volume sistolico (meccanismo di Frank-Starling e aumento dell inotropismo cardiaco), che per l aumento della frequenza cardiaca. Quando l esercizio diventa più intenso, l incremento della gittata cardiaca dipende primariamente dall incremento della frequenza cardiaca. Nel soggetto allenato l incremento della gittata sistolica avviene anche ad intensità elevate di esercizio. 12

13 PORTATA CARDIACA Frequenza Cardiaca Gittata sistolica Volume telediastolico Volume telesistolico Pressione di riempimento Compliance Contrattilità Post-carico Determinanti della massima portata cardiaca Da: Myers & Froelicher. Ann Int Med,1991. RISPOSTA DEI PARAMETRI CIRCOLATORI ALL ESERCIZIO FISICO Gittata cardiaca (quantità di sangue pompata dal cuore al minuto): aumenta da 4-6 volte Pressione arteriosa sistolica: aumenta Pressione arteriosa diastolica: costante o si riduce Portata sanguigna polmonare: aumenta di 4-6 volte senza incremento della pressione polmonare Differenza artero-venosa per l O 2 : aumenta di almeno 2-3 volte 13

14 Portata cardiaca a riposo e durante esercizio massimale in sedentari ed atleti Riposo Massimo dello sforzo Sedentario Atleta endurance Sedentario Atleta endurance FC 70bpm 50bpm 195bpm 195bpm GS 71ml 100ml 113ml 179ml GC 5000 ml/min 5000 ml/min ml/min ml/min Es. Soggetti di 25aa di età. Risposta cardiovascolare all esercizio PRESSIONE ARTERIOSA 14

15 PRESSIONE ARTERIOSA ED ESERCIZIO CONSUMO DI OSSIGENO MIOCARDICO (MO 2 ) Esprime il lavoro interno del cuore e indica di quanto debba essere il grado di incremento del flusso ematico miocardico (l apporto di ossigeno e metaboliti) durante lo sforzo. I principali determinanti del MO 2 sono: Pressione Vt Sin Volume telediast.ventr. Sin. a) Tensione parietale = Spessore parietale b) Frequenza cardiaca c) Contrattilità 15

16 Doppio prodotto (RPP) Da un punto di vista pratico il doppio prodotto (RPP, prodotto frequenza cardiaca (HR) x pressione sistolica (SBP) rappresenta un buon indice di MO 2. RPP = HR SBP = HR CO TPR = HR (HR SV) TPR = HR 2 SV TPR Normalmente al picco dello sforzo varia tra (10 percentile) a (90 percentile) FLUSSO CORONARICO Normalmente il flusso coronarico può aumentare di almeno 5 volte grazie alla vasodilatazione sia delle piccole arteriole periferiche, che dei grandi rami coronarici (flusso di riserva coronarico). Si ritiene che vi sia ischemia quando l aumento del flusso non supera le 2 volte (Heller <1.7). Modesti gradi di aterosclerosi possono alterare la normale risposta vasodilatatoria delle coronarie epicardiche, determinando vasocostrizione invece che vasodilatazione. N.B.: la comparsa di ischemia miocardica si realizza generalmente allo stesso doppio prodotto piuttosto che allo stesso carico di lavoro. 16

17 Il test da sforzo cardiovascolare Scopo: Ogni prova da sforzo richiede un accurata azione di invidualizzazione della procedura, affinchè essa sia personalizzata alle necessità e alle caratteristiche del soggetto. Perché ciò avvenga è indispensabile come prima cosa la conoscenza dello scopo primario del test, ovvero delle motivazioni per le quali la prova da sforzo è stata richiesta. 17

18 Scopo: In secondo luogo vanno determinate le potenzialità lavorative nel singolo individuo, per individuare il miglior protocollo ergometrico. La personalizzazione di ogni prova da sforzo, permette di selezionare gli endpoints del test, di massimizzare sia la sicurezza d esecuzione, che le informazioni diagnostiche e prognostiche ottenibili. Indicazioni (1) : La prova da sforzo è stata utilizzata per oltre 6 decadi come test provocativo per l identificazione d ischemia miocardica. In seguito sono emersi altri campi applicativi, che a tutt oggi comprendono: 18

19 Indicazioni (2) : Identificazione di malattia coronarica su base aterosclerotica o di altre patologie coronariche (congenite o acquisite) in pazienti con dolore toracico o sintomi potenzialmente equivalenti. Valutazione del grado di severità anatomica e funzionale (ischemia residua) della malattia coronarica su base aterosclerotica: Pazienti coronaropatici non infartuati Pazienti coronaropatici infartuati Pazienti dopo PTCA Pazienti dopo CABG Pazienti con cardiomiopatia ischemica cronica Indicazioni (3) : Valutazione di sintomi correlati all esercizio (dolore toracico, cardiopalmo, dispnea, sincope) Determinazione della competenza cronotropa e dromotropa del sistema di conduzione cardiaco Identificazione di relazione (eventuali effetti soppressivi o scatenanti) tra l esercizio fisico e aritmie Valutazione del rischio aritmico da sforzo di patologie cardiache potenzialmente aritmogene (cardiomiopatie, canalopatie, vie anomale di conduzione, esiti di miopericarditi) 19

20 Indicazioni (4) : Valutazione della funzionalità di device impiantati (pace-maker o ICD) Valutazione funzionale di valvulopatie aortiche (insufficienza, stenosi) Valutazione dell efficacia di terapie mediche, chirurgiche, interventistiche (ad esempio ablative) sulla tolleranza all esercizio fisico e di prevenzione del rischio aritmico da sforzo Valutazione e scatenamento del broncospasmo indotto dallo sforzo Indicazioni (5) : Valutazione della capacità funzionale e della tolleranza allo sforzo (meglio se associata alla determinazione di ventilazione e gas ventilatori prova cardiopolmonare) Paziente con insufficienza cardiaca in fase di compenso Paziente operato o non operato per cardiopatia congenita Pazienti con patologie croniche (diabete, polmonari, oncologiche, reumatologiche, etc) Pazienti asintomatici con probabilità elevata a priori per malattia coronarica (ad esempio diabetici) che desiderano intraprendere un attività fisica ad elevato impegno cardiovascolare Atleti agonisti in Medicina dello Sport 20

21 ECG DA SFORZO (APPLICAZIONE A SPECIFICHE POPOLAZIONI: sintesi) Malattia coronarica Scompenso cardiaco Valvulopatie Arteriopatia periferica Portatori di pacemakers Cardiopatie congenite Malattie croniche ostruttive polmonari Altre patologie polmonari Qualsiasi patologia cronica che limiti il consumo di ossigeno Soggetti asintomatici non atleti Atleti agonisti e non agonisti CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE E RELATIVE In ogni singolo paziente va bilanciato il rischio del test con i potenziali benefici diagnostici derivanti dalle informazioni conseguenti alla sua esecuzione, al fine di ottimizzare la condotta terapeutica e di programmare correttamente il follow-up del paziente. Qualora il rischio per la salute del paziente risulti maggiore dei benefici derivanti dalle informazioni diagnostiche ottenibili, si procederà alla non esecuzione del test. Qualora invece i potenziali benefici risultino significativamente maggiori rispetto al rischio, si procederà alla sua esecuzione. 21

22 CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE E RELATIVE Risulta fondamentale prima dell esecuzione del test, la conoscenza approfondita della motivazione/scopo del test e le caratteristiche fisio-patologiche del singolo paziente, in modo che gli eventuali sintomi o segni clinico-strumentali da ricercare sia per la diagnosi, che per la sua sospensione, siano per gran parte prevedibili già prima della sua esecuzione. CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE Infarto acuto del miocardio (entro 2 giorni dalla sua insorgenza) Angina instabile ingravescente Aritmia cardiaca non controllabile con instabilità emodinamica Endocardite in fase attiva Stenosi aortica di grado severo, sintomatica Insufficienza cardiaca non compensata Embolia polmonare acuta Infarto polmonare Trombosi venosa profonda Mio-pericardite in fase acuta Dissezione aortica Disabilità fisica o psichica che preclude la sicurezza e l attendibilità del test 22

23 CONTROINDICAZIONI RELATIVE Stenosi ostruttiva (già conosciuta) dell arteria coronaria di sinistra Stenosi aortica di grado moderato-severo in cui vi sia relazione incerta con la sintomatologia del paziente Tachiaritmie con frequenza ventricolare non controllabile Blocco cardiaco acquisito di grado avanzato o completo Cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva con gradiente pressorio a riposo di grado severo Ictus o TIA di recente insorgenza Disabilità mentale con limitata capacità di collaborazione Ipertensione arteriosa con pressione sistolica >200 mmhg, o diastolica >110 mmhg Condizioni mediche non corrette: anemia significativa, squilibrio idro-elettrolico, ipertiroidismo. Preparazione del soggetto (1) Lo scopo della prova da sforzo deve essere chiaro sia al fine di massimizzare il suo valore diagnostico, che per assicurare la sua sicurezza. Qualora l indicazione non fosse chiara, il medico richiedente dovrà essere contattato per ulteriori informazioni. Il soggetto o il paziente non deve aver mangiato almeno per 3 ore precedentemente alla prova. Eventuali farmaci dovrebbero essere assunti con piccole quantità d acqua. I soggetti devono indossare un abbigliamento comodo o sportivo con scarpe confortevoli. Il soggetto o il paziente deve ricevere una dettagliata spiegazione della procedura del test da sforzo, includendo gli eventuali sintomi o segni clinici che obbligano la sua interruzione, comprese le possibili complicanze. 23

24 Preparazione del soggetto (2) Quando la prova da sforzo viene eseguita per diagnosi d ischemia miocardica, alcuni farmaci (specialmente i beta-bloccanti) dovranno essere interrotti, perché in grado di attenuare la risposta all esercizio della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa. Non sono disponibili linee guida formali che stabiliscano i criteri di sospensione dei singoli farmaci, ma in genere 24 o più ore di sospensione potrebbero essere necessarie soprattutto per farmaci a lento rilascio. Il paziente dovrebbe essere informato ed istruito alla riassunzione del farmaco, qualora fenomeni di rebound post-sospensione dovessero accadere. Qualora il paziente non abbia sospeso il farmaco, si dovrà valutare il reperto diagnostico del test, considerando l effetto farmacologico del farmaco assunto. Preparazione del soggetto (3) Una breve storia clinica del paziente ed un esame obiettivo risultano essenziali per escludere eventuali controindicazioni al test e per evidenziare importanti segni clinici, come ad esempio soffi cardiaci, ritmi di galoppo, rantoli, fischi, sibili in ambito polmonare. Un ECG a 12 derivazioni a riposo in posizione supina dovrà essere eseguito prima della prova da sforzo, eventualmente confrontandolo con ECG ottenuti in precedenza, per evidenziare possibili modificazioni avvenute nel tempo. Successivamente andrà eseguito un ECG a riposo in posizione ortostatica. 24

25 Preparazione del soggetto (4) Gli elettrodi delle periferiche andranno posizionati sul tronco del paziente. L elettrodo R (di colore rosso) andrà posizionato nella parte supero-laterale destra del torace. L elettrodo L (di colore giallo) andrà posizionato nella parte supero-laterale sinistra del torace. Per entrambi verrà cercata una superficie piana; potranno essere posizionati sia anteriormente, evitando il ventre muscolare del gran pettorale, che posteriormente. La posizione anteriore è preferibile in caso di prova da sforzo al nastro trasportatore, quella posteriore in caso di prova da sforzo al cicloergometro o nel caso di pazienti (ad esempio bambini) di bassa statura con toraci di strette dimensioni. L elettrodo N (di colore nero) andrà posizionato in posizione infero-laterale destra, mentre l elettrodo L (di colore verde) andrà posizionato in posizione infero-laterale sinistra. Entrambi verranno posizionati nella parte posteriore del tronco, possibilmente al di sotto della linea ombelicale. Preparazione del soggetto (5) La pressione arteriosa andrà misurata in posizione ortostatica prima dell inizio del test. Qualora precedenti misurazioni pressorie abbiano evidenziato differenze di pressione significative tra le due braccia (superiori a 10 mmhg), la pressione arteriosa andrà determinata sul braccio che presentasse la pressione arteriosa maggiore. Nel caso di pazienti operati di coartazione aortica la pressione arteriosa andrà determinata esclusivamente sul braccio destro. 25

26 Derivazioni elettrocardiografiche per la prova da sforzo: in generale maggiore è il numero di derivazioni applicate, maggiore è la sensibilità dell esame nella diagnosi d ischemia miocardica. In pratica le derivazioni precordiali antero-laterali (V4-V6) sono in grado di individuare il 90% di tutti i sottoslivellamenti osservabili. La monitorizzazione elettrocardiografica standard prevede l utilizzo di 12 derivazioni (D1, D2, D3, avr, avl, avf; V1-V6). L estensione della monitorizzazione alle precordiali destre (V3R, V4R, V5R) è stata riportata da alcuni autori utile nell aumentare la sensibilità del test nell individuazione d ischemia miocardica da sforzo, specialmente per le zone miocardiche dipendenti da coronaria destra e circonflessa. Elettrocardiogramma 26

27 Posizionamento degli elettrodi Posizionamento degli elettrodi precordiali a livello del 4 e 5 spazio intercostale: V1: a destra 4 spazio intercostale V2: a sinistra 4 spazio intercostale V3: a metà strada tra V2 e V4 V4: a sinistra sul 5 spazio intercost., sulla linea emiclav. V5: orizzontale rispetto a V4, sulla linea ascellare anteriore V6: orizzontale rispetto a V5, sulla linea ascellare media 27

28 Posizione degli elettrodi: II III Angolo di Louis IV V1 V2 V3 V4 V5 V6 (più gli elettrodi sulle gambe) Visione frontale del cuore avr avl I III avf II 28

29 Gli ergometri Tipologie di test da sforzo utilizzate in Medicina dello Sport Step Test secondo Montoye Test sub-massimale al cicloergometro Test massimale al cicloergometro o treadmill Test con ergometro a braccia (per soggetti disabili) 29

30 TREADMILL CICLOERGOMETRO 30

31 ERGOMETRO A MANOVELLA STEP TEST 31

32 Comparazione tra l uso del treadmill e del cicloergometro per un test da sforzo Caratteristiche Treadmill Ciclo Maggior carico di lavoro Simili max F.C. e ventilazione ++ + Familiarità con l esercizio ++ + Quantificazione del carico di lavoro + ++ Misurazione pressione arteriosa Assenza di artefatti all ECG + ++ Sicurezza (meno infortuni muscoloscheletrici) Minor ingombro, costo e rumore Paziente in età pediatrica Soggetti con deficit dell equilibrio - ++ La scelta dell ergometro negli atleti Deve riprodurre nel modo più simile possibile l attività sportiva svolta dall atleta. Treadmill: calcio, basket, rugby, atletica leggera Cicloergometro o rulli con la propria bici: ciclismo Ergometro a remo/pagaia: canottaggio, canoa, kajak Vasca contro-corrente: nuoto Ergometri specifici per Sci da fondo Ergometro a manovella: disabili, sport a remo 32

33 I protocolli più comunemente usati: SCELTA DEL PROTOCOLLO DI ESERCIZIO Il protocollo d esercizio dovrebbe essere individualizzato in modo che gli incrementi di carico siano piccoli e graduali e che la durata del test sia compresa tra gli 8 e i 12 minuti. Per gli incrementi con metodica ramp si ottengono potenze massimali più strettamente correlate con il calcolo indiretto della massima potenza aerobica (VO 2 indiretta). Protocolli che prevedano grandi incrementi da uno stadio al successivo tendono a non stimare correttamente la misura indiretta del consumo massimale di ossigeno 33

34 PROTOCOLLI Test a carico costante Test incrementale discontinuo Test incrementale continuo (a rampa) 34

35 Relazioni tra classi funzionali, stato clinico, VO 2, METs e protocolli al treadmill, al cicloergometro. 1 Watt = 6 Kpm/min 1 MET 17 watts 35

36 QUESTIONARIO DI ATTIVITÁ SPECIFICA PER GLI ANZIANI (VETERANS SPECIFIC ACTIVITY QUESTIONNAIRE) J. Myers et al., Am Heart J 2001;142: e P. McAuley et al., Am Heart J 2006;151:890.e1-890.e7 L elenco seguente è una lista di attività che presentano un intensità progressivamente crescente. Scorra la lista dall alto verso il basso e, riflettendo attentamente, metta una croce in corrispondenza del gruppo di attività che, se dovesse eseguire per un periodo di tempo prolungato, Le causerebbero la comparsa di fatica, fiatone, o dolore al torace. Se Lei non esegue normalmente una delle attività elencate, tenti di immaginare come potrebbe essere se dovesse compierla. 36

37 METs e ATTIVITA QUOTIDIANE 1 MET: mangiare, vestirsi, lavorare alla scrivania. 2 METs: fare una doccia, fare compere, cucinare, fare 8 gradini in discesa. 3 METs: Camminare lentamente sul piano per m. 4 METs: Lavoro leggero in giardino (rastrellare le foglie, spingere una falciatrice a motore), dipingere uno steccato. 5 METs: Camminare velocemente, ballare, lavare l automobile. 6 METs: Giocare 9 buche a golf trasportandosi le proprie mazze. 7 METs: Sollevare 25 kg, scavare in giardino, camminare in salita. 8 METs: trasportare la spesa sulle scale, muovere mobili pesanti, fare jogging lentamente su di una superficie piana, salire le scale velocemente. 9 METs: Andare in bicicletta ad una velocità moderata (20 Km/h), segare la legna, saltare la corda lentamente. 10 METs: Nuotare velocemente, andare in bicicletta in salita, fare jogging a 6 miglia (10.8 km/h). 11 METs: Portare un carico pesante per due rampe di scale, fare sci da fondo o bicicletta ad andatura sostenuta. 12 METs: Correre ad andatura sostenuta (5 minuti al km). 13 METs: Qualsiasi attività competitiva, come corsa, canottaggio, o sports calcio ed altre attività con attività intermittenti di sprint Equazione di stima della massima capacità funzionale: METs massimali = 4,7 + (0,97 xmets riferiti) (età x 0,06) 37

38 PROBABILITA PRE-TEST DI CAD (Età, Sesso, Sintomatologia) Età Sesso Angina Pectoris Tipica/Certa Angina Pectoris Atipica/Probabile Dolore Toracico Non-anginoso Asintomatico Uomo Intermedia Intermedia Bassa Molto bassa Donna Intermedia Molto bassa Molto bassa Molto bassa Uomo Alta Intermedia Intermedia Bassa Donna Intermedia Bassa Molto bassa Molto bassa Uomo Alta Intermedia Intermedia Bassa Donna Intermedia Intermedia Bassa Molto bassa Uomo Alta Intermedia Intermedia Bassa Donna Alta Intermedia Intermedia Bassa Alta: >90%. Intermedia: 10-90%. Bassa: <10%. Molto bassa: <5%. TEST DA SFORZO MASSIMALE AL TREADMILL Prevede un test da sforzo massimale interrotto per esaurimento ad una intensità pari almeno all 85% della FC calcolata per l età (220-età) ed al raggiungimento di un intensità di sforzo percepito a 18/20 secondo la scale di Borg. Il protocollo è di tipo ramp con incremento progressivo della velocità e della pendenza del tappeto. Si esegue la monitorizzazione ECG continua per l intera prova da sforzo (esercizio + recupero) Tempo esecuzione: circa 9 (6-12 min) esercizio rec. 38

39 MISURAZIONI DI FREQUENZA CARDIACA, PRESSIONE ARTERIOSA, RPE ED ECG DURANTE TEST DA SFORZO PRETEST ECG a 12 derivazioni in posizione supina e in ortostatismo. Pressione arteriosa in posizione supina e in ortostatismo. ESERCIZIO ECG registrato durante gli ultimi 15 secondi di ogni stadio e al picco dell esercizio. Pressione arteriosa durante l ultimo minuto di ogni stadio. RPE: alla fine di ogni stadio. POST-ESERCIZIO ECG immediatamente dopo l esercizio; poi ogni 1-2 minuti per almeno 5 minuti per permettere il completo ripristino nel recupero. Pressione arteriosa immediatamente dopo l esercizio, poi ogni 1 o 2 minuti fino che si sia quasi stabilizzata a livelli basali. ISTRUZIONI UTILIZZO SCALA DI BORG Mentre esegue il test, vogliamo che quantifichi la tua percezione dello sforzo, ovvero quanto pesante ed estenuante le sembra che l'esercizio sia, combinando tutte le sensazioni di sforzo e di fatica che percepisce, senza concentrarsi solamente sul dolore alle gambe o sulla mancanza di fiato, ma sulla sensazione di sforzo complessiva. Mentre sta svolgendo il test, guardi questa scala numerata, che va da 6 a 20: 6 significa "nessuno sforzo" e 20 significa "sforzo massimo. Scelga il numero che meglio descrive il livello di intensità del suo sforzo. 6 nessuno sforzo 7 estremamente leggero 8 9 molto leggero leggero un po pesante pesante molto pesante estremamente pesante 20 massimo sforzo 39

40 Scala dell angina per test da sforzo PROVA DA SFORZO (Criterio di Interruzione) Comunemente >85% della F.C. max (220-età in anni). Ampio spettro individuale lungo la linea di regressione per la frequenza cardiaca massimale (alcuni ben oltre il limite, altri a livello della sottomassimale). Si consiglia di integrare con la Scala di Borg (percezione dell intensità di esercizio). 40

41 PRESSIONE ARTERIOSA DURANTE L ESERCIZIO (MISURAZIONE) Nonostante i numerosi metodi automatici, sono ancora consigliati i manometri a mercurio manuali. Se la pressione sistolica sembra ridursi con l esercizio, va rimisurata immediatamente (escludendo i potenziali errori nella misurazione). Se con incremento del carico avviene una caduta di 10mmHg o maggiore o se la caduta avviene al di sotto dei valori misurati a riposo in ortostatismo, il test va fermato soprattutto se associato ad altri segni avversi (ad esempio di ischemia). La PAO dovrebbe ritornare ai valori basali entro il 6 di recupero. Risposta in percentili della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa sistolica e diastolica all esercizio fisico nelle varie fasce di età 41

42 Percentili della risposta pressoria ad un esercizio massimale Hypertension 39, 2002 POTENZIALI ERRORI NELLA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA DURANTE LO SFORZO Sfigmomanometro inadeguato Altezza scorretta dello sfigmomanometro Dimensioni inadeguate della cuffia del bracciale Esperienza ed acuità uditiva del tecnico Velocità di inflazione o deflazione della pressione del bracciale Posizionamento improprio del fonendoscopio Rumore di disturbo ambientale Sostegno con le braccia alle barre di sostegno Anormalità del decorso del sistema arterioso (compressione dell a. brachiale, anormalità di decorso, sindrome da furto della succlavia) 42

43 CRITERI ASSOLUTI D INTERRUZIONE DELL ESERCIZIO Caduta della pressione arteriosa sistolica oltre 10 mmhg rispetto alla pressione arteriosa di base, nonostante un incremento nel carico di lavoro, con associate altre prove di ischemia. Angina ingravescente da moderata a severa. Sintomatologia neurologica (atassia, vertigini, stato presincopale) ingravescente. Segni di scarsa perfusione (cianosi o pallore). Difficoltà tecniche di monitorizzazione elettrocardiografica o della pressione arteriosa sistolica. Tachicardia ventricolare sostenuta. Sopraslivellamento ( 1.0 mm) in derivazioni (tranne V1 o avr) prive di onde Q diagnostiche. Desiderio del soggetto di fermarsi. CRITERI RELATIVI D INTERRUZIONE DELL ESERCIZIO Dolore toracico ingravescente. Caduta della pressione arteriosa sistolica oltre 10 mmhg rispetto alla pressione arteriosa di base, nonostante un incremento nel carico di lavoro, in assenza di altre prove di ischemia. Marcate alterazioni del tratto ST (>2 mm di sottoslivellamento ad andamento orizzontale o discendente) o del QRS (importante deviazione assiale). Aritmie complesse come PVC multifocali, triplette di PVC, tachicardia sopraventricolare, blocco cardiaco o bradiaritmie. Comparsa di blocco di branca o ritardi della conduzione atrioventricolare non distinguibili dalla tachicardia ventricolare. Risposta ipertensiva* (>250/115 mmhg) * in assenza di evidenze certe si suggeriscono come limiti superiori una pressione sistolica di 250 mm Hg e/o una diastolica di

44 PRECAUZIONI E SICUREZZA DELLA PROVA DA SFORZO La prova da sforzo è una procedura sicura. Dati che comprendono pazienti critici indicano 0.8 complicanze cardiovascolari ogni test. Pazienti critici: rischio massimo riportato in letteratura 1:2.500 test. Pazienti non a rischio: rischio bassissimo < 1: E comunque opportuno che nell ambulatorio vi sia il necessario per l emergenza e che il personale sia addestrato all intervento (corso BLS o ACLS). Complicanze secondarie al test da sforzo 44

45 POSIZIONE NEL POST-ESERCIZIO Se si vuole ottenere la massima sensibilità per la determinazione d ischemia miocardica, il paziente dovrebbe assumere posizione supina nel post-esercizio. Un periodo di defaticamento può attenuare l entità del sottoslivellamento del tratto ST. La posizione supina permette una valutazione più standardizzata della riduzione della frequenza cardiaca nel recupero (Heart Rate Recovery). Può essere utile monitorizzare l ECG nei primi 10 secondi nel post-esercizio in posizione ortostatica (al treadmill in presenza di artefatti). Quando il test non ha finalità diagnostiche (ischemia) è preferibile un periodo di defaticamento. Se il paziente è gravemente dispnoico, o in caso di severa risposta ipertensiva sistolica, si preferisce la posizione seduta, invece che quella supina. Parametri misurabili durante il test da sforzo 45

46 Parametri misurabili durante il test da sforzo Le variabili elettrocardiografiche 46

47 Valore diagnostico dell ECG nell identificazione della coronaropatia Una meta-analisi della letteratura sulla capacità diagnostica del test da sforzo nell evidenziare una coronaropatia è stata calcolata pari a: Sensibilità: % di individui con patologia con test positivo 68% (range %) Può essere influenzata dal grado di patologia, livello dello sforzo, uso di farmaci anti-ischemici Specificità: % di individui senza patologia con test negativo 77% (range %) Può essere influenzata da: farmaci (digossina), alterazioni all ECG di base, ipertrofia del ventricolo sx 47

48 Valore diagnostico dell ECG nell identificazione della coronaropatia in individui di differenti età La capacità diagnostica del test da sforzo nell evidenziare una coronaropatia è stata calcolata pari a: Sensibilità: % di individui con patologia con test positivo età <40aa.: 56% - età >60aa: 84% Specificità: % di individui senza patologia con test negativo età <40aa.: 84% - età >60aa: 70%. Hlatky MA et al., 1984 Diagnos(c Accuracy Diagnos(c accuracy is commonly represented by the terms sensi%vity and specificity, which are calculated by comparing test results to the gold standard of the results of invasive coronary angiography. The sensi(vity of any noninvasive test to diagnose SIHD expresses the frequency that a pa(ent with angiographic IHD will have a posi(ve test result. The specificity measures the frequency that a pa(ent without IHD will have a nega(ve result. 48

49 Diagnos(c Accuracy Predic(ve accuracy represents the frequency that a pa(ent with a posi(ve test does have IHD (posi(ve predic(ve value) or that a pa(ent with a nega(ve test truly does not have IHD (nega(ve predic(ve value). The predic(ve accuracy may be used for both diagnos(c and prognos(c accuracy analyses; in the laier case, the comparison is to subsequent cardiovascular events. Predittività del test da sforzo in soggetti anziani Nell ambito delle variabili rilevate in un test da sforzo, in soggetti anziani cardiopatici, la mortalità ad 1 anno era meglio predetta dall incremento della pressione arteriosa sistolica: <30 mmhg 15% di mortalità ad 1 anno >30 mmhg 1.8% di mortalità ad 1 anno In anziani di età >70aa la mortalità era inferiore del 45% in quelli con una capacità di esercizio tra i 5 e i 6 METs, rispetto a quelli con capcaità <4 METs. In anziani >70aa che avevano avuto un IMA, la mortalità cardiovascolare era significativamente aumentata nel gruppo con: Picco di potenza al cicloergometro <60 Watt Durata dell esercizio <5 minuti Incremento del doppio prodotto <

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE CAPITOLO 1 CORONAROPATIE INTRODUZIONE Per vivere e per svolgere la sua funzione di pompa, contraendosi e rilasciandosi ritmicamente, il muscolo cardiaco (miocardio) ha bisogno del continuo, incessante

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE Ospedale san Giovanni Battista di Torino L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE cpsi Mazzini Diana cpsi Bonanno Vita s.c. cardiologia ospedaliera dott. Marra s.c. cardiologia universitaria prof. Gaita Il cuore:

Dettagli

CUORE D ATLETA. 30 ottobre 2015

CUORE D ATLETA. 30 ottobre 2015 CUORE D ATLETA 30 ottobre 2015 Gli atleti agonisti, per la preparazione, seguono rigorose schede d allenamento che comprendono sedute giornaliere di più ore e che portano a vari adattamenti sia a carico

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

RUOLO DELL ATTIVITA FISICA

RUOLO DELL ATTIVITA FISICA CORSO DI FORMAZIONE PER MMG DIABETE MELLITO TRA MEDICO DI MEDICINA GENERALE E DIABETOLOGO. PROPOSTA PER UNA GESTIONE CONDIVISA RUOLO DELL ATTIVITA FISICA Dott. F. Giada F, Dott.ssa E. Brugin, ULSS 13,

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3.

1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3. 1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3. Disfunzioni della tiroide: ipotiroidismo ed ipertiroidismo. 4.

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIACA

INSUFFICIENZA CARDIACA INSUFFICIENZA CARDIACA Stato fisiopatologico in cui il cuore non riesce a pompare sangue in quantità adeguata alle richieste metaboliche dell organismo, oppure può farlo solo con un aumento della pressione

Dettagli

IL PROLASSO DELLA MITRALE

IL PROLASSO DELLA MITRALE IL PROLASSO DELLA MITRALE In collaborazione con ANMCO - Lazio L A V O R I A M O I N S I E M E P E R D I F E N D E R E I L T U O C U O R E IL PROLASSO DELLA MITRALE Copertina e illustrazioni a cura degli

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA MALATTIE dell APPARATO CARDIO-VASCOLARE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL CARDIOPATICO ALLA GUIDA La letteratura internazionale fornisce indicazioni secondo le quali la maggior

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

Assistenza Riabilitativa e Rieducazione Cardiologica per utenti Cardiopatici in fase post-acuta o cronica

Assistenza Riabilitativa e Rieducazione Cardiologica per utenti Cardiopatici in fase post-acuta o cronica The project is co-funded by the European Union, Instrument for Pre-Accession Assistance Titolo del progetto Oggetto: Capofila LOVE YOUR HEART (codice: 2 ord./0087/0) Cooperazione transfrontaliera Adriatica

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014. Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport

Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014. Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport Casalecchio di Reno, 22 Febbraio 2014 Dr. Sergio Sgarzi AUSL di Bologna UOSD Medicina dello Sport La prescrizione in Emilia-Romagna Viene messa in atto attraverso l integrazione Tre Progetti Gli Invianti:

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM Gian Piero Carboni Il Prof Gian Piero Carboni lavora presso il Policlinico Universitario sin dalla sua fondazione risalente a primi

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1

PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 PROGETTO DI RICERCA SU ATTIVITA MOTORIA ADATTATA E DIABETE TIPO 1 I l termine diabete mellito indica un insieme di malattie metaboliche, diverse fra loro per eziopatogenesi, caratterizzate da iperglicemia

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita Circolo cuoreinsalute MIP «Medico In Pra+ca» Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : 24 giugno 2015 Gravesano Osteria del Reno Il Cardiopa+co con Comorbilita

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini

Ecocolordoppler. scheda 01.03 Diagnostica per immagini scheda 01.03 Diagnostica per immagini Cos è L ecocolordoppler è l esame di prima scelta per la diagnosi di patologie dei vasi sanguigni arteriosi e venosi. I vantaggi di questa metodica sono rappresentati

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA

IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA IMPARARE A LEGGERE: L ELETTROCARDIOGRAMMA come essere un bravo infermiere senza fare il medico Inf. Paola Arseni UOC di Medicina Interna SO Poggiardo Palazzo della Cultura Poggiardo12 Ottobre 2013 L ECG

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG.

Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. Gli errori più comuni nell interpretazione dell ECG. La corretta esecuzione della registrazione ECGrafica Il corretto settaggio dell elettrocardiografo

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

Tetralogia di Fallot

Tetralogia di Fallot Tetralogia di Fallot Mortalità 0-5% - sindromici,, anomalie associate Reinterventi 10% (?) - Insufficienza polmonare - Stenosi residue / ricorrenti - DIV residuo - Endocarditi - Aritmie (blocco AV 2%)

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Contenuti formativi L obiettivo del corso è l acquisizione di conoscenze e competenze di misura, monitoraggio e valutazione degli

Dettagli

www.slidetube.it b. ELETTROCARDIOGRAMMA

www.slidetube.it b. ELETTROCARDIOGRAMMA b. ELETTROCARDIOGRAMMA Le fibrocellule miocardiche sono polarizzate in condizioni di riposo, cioè possiedono una elettronegatività sulla faccia interna della membrana cellulare, mentre la faccia esterna

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it Programma di lavoro Dott. Rodolfo Malberti illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it 2013 - rudydoc@tin.it La necessità di essere in forma è ormai una consuetudine nel gergo comune. Ci si incontra

Dettagli

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE -respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOPATIE NON OPERATE IMA Cardiopatia ischemica post-ima Scompenso cardiaco Arteriopatia obliterante cronica periferica Valvulopatia CARDIOPATIE CHIRURGICHE Cardiopatia

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

La prevenzione dell Arresto Cardiaco. Napoli 6 Giugno 2008

La prevenzione dell Arresto Cardiaco. Napoli 6 Giugno 2008 La prevenzione dell Arresto Cardiaco Napoli 6 Giugno 2008 Prevenzione delle morti improvvise nel giovane e nello sport Giuseppe Palazzo Obiettivi Epidemiologia morte improvvisa ed attività fisica Prevenzione

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

Scompenso Cardiaco in pediatria

Scompenso Cardiaco in pediatria - Disease management in primary care - Workshop per pediatri, medici di medicina generale e cardiologi DI ANTONIO SCORLETTI Classificazione di Ross I Classe II Classe III Classe IV Classe -Asintomatico

Dettagli

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER

Piano della Prevenzione 2010-2012 RER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO COME STRUMENTO DI PREVENZIONE E TERAPIA La realtà di Parma RELATORE: Alberto Anedda Responsabile ff Unità Operativa Complessa di Medicina dello Sport AUSL PARMA Piano

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

Informazioni per il PAZIENTE SPECT miocardica di perfusione a riposo o dopo stimolo cod. 92.05.4

Informazioni per il PAZIENTE SPECT miocardica di perfusione a riposo o dopo stimolo cod. 92.05.4 Informazioni per il PAZIENTE SPECT miocardica di perfusione a riposo o dopo stimolo cod. 92.05.4 Che cos è la SPET miocardica di perfusione? E una indagine diagnostica che permette di studiare quanto sangue

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare La funzione cardiaca: accoppiamento funzionale tra cuore e sistema vascolare Anno accademico 2007-2008 1 Il lavoro del cuore Il lavoro del

Dettagli

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del VDx Manifestazioni cliniche

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Dott. Federico Bontardelli Medico in Formazione in Medicina Generale CR, 89 anni Viene in Ambulatorio il

Dettagli