due + parole Bruxelles: la capitale d Europa p. 30 La tecnologia software del Business Process Management (BPM) p. 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "due + parole Bruxelles: la capitale d Europa p. 30 La tecnologia software del Business Process Management (BPM) p. 8"

Transcript

1 due + parole 41 luglio-ottobre 2009 La tecnologia software del Business Process Management (BPM) p. 8 Scuole e ospedali: la mappa dei siti a rischio p. 14 grafica Tif&Bit Il futuro del Paese nei Comuni p. 18 Bruxelles: la capitale d Europa p. 30

2 41 indice business e operazioni 3 Privatizzazione dell ATCM di Modena intervista 4 Dottorato in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari, intervista del Prof. Gustavo Piga news 5 Gli studi e le sudate carte 6 Quando la formazione incontra il gioco 8 La tecnologia software del Business Process Management (BPM) 11 Piccoli gesti per un futuro più verde eventi 12 Museo per un giorno 14 Scuole e ospedali: la mappa dei siti a rischio 18 Il futuro del Paese nei Comuni 20 WORLD MAGNETIC TOUR due+parole Anno IX - N 41 luglio - ottobre 2009 Responsabile della pubblicazione Daniela Condò Coordinamento editoriale Federica Nesta In redazione Fabio Attili, Alberto Brandolini, Floriana Filippini, Angelo Galasso, Andrea Longhi, Massimo Morgagni, Andrea Russo, Stefano Scaroina, Giancarlo Simoncini, Ugo Trenta. Hanno collaborato Anita Buffarini, Paola Di Sciullo e Charlotte Verdin. Redazione via XX Settembre, Roma Per qualunque suggerimento o consiglio potete contattarci: Ufficio Comunicazione Dexia Crediop S.p.A. tel fax due+parole libri 24 due+parole letture 26 due+parole ricette 28 dicono di noi 34 la meta... Bruxelles: la capitale d Europa 40 un saluto a calendario eventi 2

3 business e operazioni 41 Privatizzazione dell ATCM di Modena È il raggruppamento costituito da Ratp Dévéloppement e Ferrovie Emilia Romagna il partner industriale che gli Enti locali della Provincia di Modena, con l assistenza di Dexia Crediop, hanno selezionato per l ATCM S.p.A., società che gestisce il trasporto pubblico locale. L ATCM S.p.A. è la società che gestisce - con oltre 600 dipendenti ed una flotta di 400 bus e filobus - il servizio urbano ed extraurbano della Provincia di Modena. Nel corso degli ultimi anni, anche in considerazione del mancato adeguamento dei contributi regionali del Contratto di servizio e degli investimenti realizzati, l ATCM ha registrato un progressivo e significativo deterioramento dei risultati economici. La Provincia di Modena ed i 47 Comuni del bacino provinciale hanno costituito l Agenzia per la Mobilità e il Trasporto Pubblico locale di Modena S.p.A. (che detiene i beni essenziali all esercizio del servizio ed è incaricata del monitoraggio dell esercizio del servizio) ed hanno affidato alla stessa il compito di procedere alla selezione, mediante gara pubblica e secondo precise linee guida, di un partner industriale di minoranza per l ATCM. Si è optato per una modalità di ingresso del partner industriale in grado di assicurare all ATCM nuove risorse finanziarie; al partner, infatti, era riservato un aumento del capitale sociale di ATCM a pagamento al fine di acquisire il 49%. Ben cinque società hanno manifestato interesse alla procedura; oltre alle italiane ATM di Milano ed ATC di Bologna, si sono presentate le francesi Transdev (già aggiudicataria della gara del Comune di Genova) e RATP Dévéloppement (in cordata con Ferrovie Emilia Romagna), nonché il Gruppo inglese Arriva. Le cinque aziende hanno avuto modo di svolgere una completa analisi dell ATCM e di incontrare sia il Top Management della Società, sia i rappresentanti degli Enti locali. Le aziende sono state, infine, invitate a presentare un offerta vincolante, articolata in offerta tecnica (lo schema di Piano Industriale) e offerta economica. A seguito dell esame delle offerte da parte di apposita commissione di gara è risultato aggiudicatario il raggruppamento costituito tra RATP Dévéloppement e FER; oltre ad una buona offerta tecnica (37 su 50 punti), è risultata rilevante l offerta economica pari a 10,2 milioni di euro. Gli Enti locali hanno espresso la piena soddisfazione per l esito della gara considerato l ingresso nel capitale di ATCM di un partner di livello internazionale, nonché l ammontare dell aumento di capitale. L Agenzia di Modena e gli Enti Locali modenesi per strutturare ed attuare la selezione del partner si sono avvalsi dell assistenza di Dexia Crediop; la nostra Banca conferma, con tale operazione, la rilevante esperienza in operazioni di privatizzazione e valorizzazione di aziende pubbliche operative nel TPL. Analoghi incarichi, conclusi positivamente, sono stati svolti in anni recenti da Dexia Crediop per la Provincia di Lucca, il Comune di Genova e gli Enti locali di Mantova. Articolo a cura di Alberto Brandolini Immagini di Dexia Crediop 3

4 41 intervista Dottorato in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari, intervista al Prof. Gustavo Piga Il Centro Alberto Beneduce e Dexia Crediop investono nella formazione dei giovani talenti, collaborando con la Facoltà di Economia dell Università di Tor Vergata per lo sviluppo del dottorato. verifica che stimolano i candidati a terminare in tempo il loro lavoro. L anno scorso due dei nostri studenti sono entrati presso Banca Mondiale e FMI, mentre un terzo lavora oggi per Algorythmics ed altri ancora sono consulenti di successo». Prof. Gustavo Piga Direttore del Dottorato di Ricerca in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Monetari e Finanziari Professor Piga, può fornirci in poche righe una breve descrizione del Vostro profilo professionale? «In tutto il mondo i Dottorati coprono una nicchia di eccellenza formativa. In Italia fino a poco tempo fa venivano utilizzati spesso come parcheggio per gli assistenti dei docenti, privi di fondi. Ormai la realtà globalizzata ci spinge sempre più rapidamente a competere fornendo prodotti simili a quelli delle migliori esperienze, in particolare nel campo degli studi economici. Così, grazie anche all'importante aiuto di sostenitori di prestigio come Dexia Crediop e il Centro Alberto Beneduce, abbiamo strutturato con riflessione e impegno, in pochi anni, un programma che potesse aprire al meglio sbocchi in quei campi di eccellenza (World Bank, Fondo Monetario Internazionale, Banche Centrali, Società di Valutazione del Rischio di Credito, Banche Internazionali, Università) che richiedono una formazione avanzata. Il primo anno è, dunque, costituito da circa 500 ore di docenza, svolta da alcuni tra i più noti economisti finanziari al mondo, alcuni dei quali sono docenti di Tor Vergata, altri provenienti da diverse Università nazionali ed internazionali». Quali sono i progetti per il Dottorato di cui Vi occupate? E quali i risultati conseguiti? «Dopo il periodo di formazione di un anno, gli studenti devono completare nel corso di due anni una tesi di dottorato che permetta loro di ottenere visibilità internazionale, dimostrando di aver acquisito una qualità di ricerca sopra la media. Tutte le nostre tesi sono attentamente valutate prima di potere essere ammesse alla discussione. Nei due anni sono previsti momenti di Qual è la Vostra opinione del Sistema Universitario? Cosa pensate del rapporto tra mondo accademico e mondo del lavoro? «Il Sistema Universitario italiano manca dei giusti incentivi per fare qualità. I soldi arrivano, al contrario di quello che dicono molti, ma non seguono la qualità: sono spesso a pioggia. Il rapporto con il mondo del lavoro parte, dunque, con qualche pregiudizio perché la reputazione media non è eccellente e si fa fatica a convincere il mondo del lavoro. Tuttavia quest ultimo non è esente da colpe: è pigro, lento a cercare talenti, segue troppo l'umore dei vertici aziendali e non politiche di collaborazione strutturate. Dexia Crediop in questo modo si è rivelata un eccezione». In che modo state cercando di costruire relazioni con il mondo del lavoro? «Partiamo da Dexia Crediop, una delle poche realtà che invece di accontentarsi del logo pubblicitario, ha sfruttato quella che io considero la nostra maggiore merce di scambio nella collaborazione: la possibilità per i propri dipendenti di frequentare alcuni dei corsi, quelli tra i più operativi, ovviamente. I docenti che insegnano sono di calibro internazionale e seguire le loro lezioni è una preziosa opportunità per i discenti. Sfruttare questa possibilità dimostra un intelligente politica di formazione dell azienda». In che modo la collaborazione con Dexia Crediop può risultare per Voi proficua? «Senza Dexia Crediop non avremmo potuto portare a Roma alcuni tra i più qualificati docenti al mondo. Siamo forti anche grazie a Dexia Crediop e non finirò mai di essergliene grato. Quando vengo a sapere dove si trovano i miei ragazzi, con opportunità lavorative fantastiche, mi dico che valeva la pena collaborare in questo modo. Si costruisce il futuro di tanti giovani e ciò è bellissimo». Articolo a cura di Ugo Trenta Immagine di Dexia Crediop 4

5 news 41 Gli studi e le sudate carte L ufficio Strategie Commerciali realizza per Dexia Crediop degli studi, richiesti e apprezzati dalla clientela, dai rappresentanti del settore economico finanziario e dalla stampa. Nel mese di settembre sono stati pubblicati i numeri delle due ricerche di Dexia Crediop le Public Finance dedicate al Trasporto Pubblico Locale (TPL) e all analisi congiunturale degli Enti locali e territoriali. Quest ultimo studio è un appuntamento abituale poiché ogni anno segue la presentazione della Nota di Congiuntura, l analisi che Dexia Crediop svolge sull andamento aggregato dei bilanci di Comuni, Province e Regioni. Si tratta di uno strumento particolarmente apprezzato dagli operatori del settore e da quanti sono interessati al tema, perché rappresenta una delle poche analisi disponibili ed è la più aggiornata. Il numero sul TPL fa parte, invece, degli approfondimenti monografici che hanno la caratteristica di essere dedicati a temi d attualità nell ambito del settore pubblico e dei servizi pubblici. Gli argomenti scelti per la pubblicazione sono di supporto all affermazione della notorietà di Dexia Crediop presso la diversa clientela degli Enti territoriali, accompagnando e supportando la diversificazione commerciale. I numeri precedenti hanno ad esempio riguardato le Università, le Autorità Portuali e il Social Housing. Questi approfondimenti sono sviluppati con l intento di divulgare, su temi in dibattito, un quadro d insieme sintetico e quindi di rapida lettura, che sia accurato e si sforzi di mettere a fuoco gli aspetti principali. Le Public Finance sono un utile strumento anche per l impostazione di fascicoli a carattere completo, divulgativo e di formato snello. Spesso, infatti, sono disponibili studi e analisi molto ponderosi, focalizzati su aspetti particolari e specialistici, che danno già per acquisita la visione d insieme e sono rivolti ad un numero ristretto di addetti ai lavori. Le Public Finance sono inviate ai nostri clienti e a quanti sono interessati in vario modo alle attività della nostra Banca; sono distribuite in occasione dei nostri eventi e sono un veicolo d informazione sul nome Dexia Crediop, come banca specializzata nel finanziamento e consulenza agli Enti del settore pubblico e ai soggetti operanti nei pubblici servizi. La versione cartacea degli studi è disponibile per tutti i colleghi nei distributori di piano, mentre il file pdf può essere consultato online nella sezione Ricerche e Analisi di Mercato Public Finance dell Intranet Team Spirit. Articolo a cura di Angelo Musci Immagine di Dexia Crediop 5

6 41 news Quando la formazione incontra il gioco Giocare significa fare esperimenti col caso (Novalis). Nell intento di favorire la preparazione e la crescita professionale dei figli del personale dipendente, Dexia Crediop dal 1994 sponsorizza, annualmente, borse di studio finalizzate ad un introduzione qualificata nel mercato del lavoro. Stati Uniti, Inghilterra, Irlanda, Canada, Finlandia, Francia hanno ospitato, nel corso degli anni, giovani studenti di scuole superiori e universitari, che hanno avuto la possibilità di approfondire sia la conoscenza della lingua inglese 6

7 news 41 o francese sia la storia e la cultura del paese in cui hanno soggiornato. Quest anno, allo scopo di superare i confini della tradizionale definizione di vacanza studio, Risorse Umane ha optato per una formula innovativa rispetto ai classici corsi di lingua, tale da coniugare il perfezionamento della lingua inglese in modalità full immersion e lo sviluppo di competenze trasversali (team working, problem solving, creatività, autonomia, ), oggi sempre più ricercate nel mercato del lavoro e non immediatamente riconoscibili in un titolo di studio. Accanto alla classica formazione d aula dedicata allo studio della lingua straniera i sei partecipanti Mattia e Sara De Luca, Chiara Vittorini, Daniela D Andrea, Isabella Meineri e Giulia Di Turi inseriti in un contesto outdoor hanno sperimentato sul campo, con il supporto di docenti esperti nella formazione di tipo manageriale, le proprie capacità personali attraverso giochi di ruolo pensati e realizzati tenendo conto dell età, del percorso scolastico e delle attitudini dei ragazzi coinvolti. Il metodo seguito dai trainers nella formazione esperienziale è stato quello dell Edutainment - education + entertainment - che individua nell attività ludica lo strumento educativo più adatto a favorire l apprendimento, coniugando efficacemente pensiero e azione. Partecipanti e docenti sono stati ospiti della Tenuta di Cortevecchia, antica villa rinascimentale toscana di ettari, trasformata in moderna club house, che ha rappresentato la cornice ideale per la realizzazione delle diverse attività, formative e ludiche, che si sono svolte nell arco di due settimane, tra la fine di agosto e gli inizi di settembre. Il bilancio dell esperienza vissuta dai partecipanti si rispecchia nelle impressioni e nei commenti espressi al ritorno a casa: Giulia Di Turi: «Ho imparato anche qualcosa di nuovo sull inglese, che non conoscevo e che sicuramente mi servirà già da subito (i sinonimi, i diversi tipi di costruzione di una frase, le differenze tra linguaggio informale e formale) La disponibilità all ascolto da parte di tutti i tutor verso ogni ragazzo è stata importantissima e decisiva per il rafforzamento di tutti i legami Tutti si sono resi conto del valore del gruppo: da soli si può fare molto, ed è anche più facile, ma in gruppo, se il gruppo funziona, si lavora alla grande, si vince». I ragazzi al termine di una delle attività di Autdoor Chiara Vittorini: «Mi è servito molto anche l inglese che studiavo la mattina, perché ho imparato tante cose che non sapevo e ne ho rinfrescate altrettante che con il tempo avevo dimenticato. Il pomeriggio ci siamo tutti divertiti con gli outdoor grazie ai quali abbiamo appreso il vero significato del team building, del problem solving, dell importanza di un leader, della collaborazione e della comunicazione in un team. Personalmente io ho sempre preferito lavorare da sola, ma grazie a queste attività ho capito i molteplici vantaggi del lavorare in gruppo grazie al lavoro di squadra di giorno in giorno siamo riusciti a trovare una soluzione vincente in un tempo sempre più breve». Isabella Meineri: «L'insegnamento dell inglese è stato buono e abbastanza efficace. Oltre al ripasso di alcuni argomenti di grammatica sono state introdotte alcune forme lessicali per me nuove e non di uso comune, così come è stato fatto esercizio di lettura e pronuncia. I pomeriggi sono stati divertenti per le varie attività outdoor, che ci hanno istruito al lavoro in gruppo, su come si comunica e come ci si aiuta con il lavoro di squadra». Mattia e Sara De Luca: «Le attività erano improntate al lavoro di squadra e terminavano sempre con una spiegazione sui comportamenti personali o del gruppo e sugli obiettivi più o meno raggiunti. Per entrambi l esperienza fatta è stata sorprendente e molto costruttiva, utile sia dal punto di vista scolastico che umano». Competenze trasversali e conoscenze tecniche rappresentano oggi, più che in passato, un binomio inscindibile nella formazione di un giovane che, terminati gli studi, si troverà a confrontarsi con le richieste, sempre più pressanti, del mercato del lavoro e con le sfide che pone una società flessibile e multi-relazionale. Articolo a cura di Paola Di Sciullo Foto di Maria Travali e Chiara Vittorini 7

8 41 news La tecnologia software del Business Process Management (BPM) Negli ultimi anni nel campo delle tecnologie dell informazione si è andata affermando una categoria di nuovi prodotti software progettati per realizzare automazioni d interi processi di business. Di cosa si tratta e quali possibilità offrono nell ambito di un Sistema Informatico complesso? Il Sistema Informatico In un Sistema Informatico complesso possiamo riconoscere una pluralità di ambienti applicativi compositi, costituiti da un insieme coordinato di archivi e programmi che consentono a utenti del Sistema di gestire, attraverso specifiche funzionalità, il complesso delle informazioni relative ad un determinato dominio applicativo. Costituiscono esempi noti di applicazioni, ad esempio di un Sistema Informatico Gestionale, gli ambienti per la gestione della contabilità generale, oppure del ciclo passivo (gestione amministrativa dei rapporti commerciali con i fornitori), oppure ancora di gestione dell archivio anagrafico dei Clienti. Il coordinamento funzionale tra i diversi domini applicativi e le diverse elaborazioni è realizzato attraverso un altro elemento fondamentale che è rappresentato dall insieme delle interfacce dati, che permettono lo scambio delle informazioni tra i diversi processi elaborativi del Sistema nel suo complesso. I Processi di Business Nella pratica aziendale è altresì noto che la produzione del valore avviene elaborando informazioni nell ambito di processi di business articolati in diverse fasi ed attività, e nelle quali sono ricomprese, oltre che elaborazioni dati e automazioni applicative, anche azioni utente specifiche (relazioni con il cliente, approvazioni, validazioni e controlli, trasmissioni di , ). Lo svolgimento di uno specifico processo di business implica, nella generalità dei casi, interazioni con più applicazioni del Sistema Informatico e include una pluralità Figura 1 Figura 2 di azioni utente specifiche. Il tema della rappresentazione dei processi di business è stato storicamente affrontato, in materia d Organizzazione Aziendale, introducendo l uso di modelli, basati su formalismi di rappresentazione e che nel corso del tempo hanno trovato collocazione in apposite applicazioni informatiche capaci di offrire supporto d automazione alle attività di modellazione e rappresentazione grafica, archiviazione, simulazione. L analisi organizzativa del modello di processo abilita il raggiungimento di ottimizzazioni che consentano di perseguire vantaggi in termini d efficienza di lavorazione e qualità dei servizi resi. Parallelamente, l Information Technology, per ruolo proprio all interno dell organizzazione aziendale, si è occupata di applicare le tecnologie dell informazione per l automazione delle varie parti del processo di business attraverso l implementazione di programmi, applicazioni, workflow di processo e interfacce dati. 8

9 news 41 Figura 3 Figura 4 Da un lato, quindi, la vista statica di un modello del processo, familiare all utente di business, dall altro l automazione nel Sistema Informatico, realizzata dagli specialisti IT e solo da questi comprensibile nei suoi aspetti di relazione con i processi di business. Due espressioni della medesima sostanza, il processo di business, che la tecnologia software di BPM consente di portare a convergenza coniugando la rappresentazione business con la rappresentazione tecnica implementata nei Sistemi. Vediamo come. Le soluzioni di Business Process Management Le componenti software di una soluzione di BPM rendono possibile la gestione dei processi di business in modo consistente tra vista business e implementazione IT: Gli analisti di business possono gestire la rappresentazione di modelli di processo. Gli analisti IT completano il modello introducendo la rappresentazione degli elementi tecnici, che permettano di giungere ad una versione eseguibile nell ambito del Sistema Informatico, che realizzi l azione di coordinamento orchestrazione delle diverse fasi ed attività previste, siano esse costituite da elaborazioni o risultati resi da applicazioni, piuttosto che da task utente manuali. Costituisce caratteristica fondamentale di una soluzione BPM la possibilità di effettuare il monitoraggio del processo in fase esecutiva, per verificare lo stato d avanzamento del processo stesso e al fine di misurare gli indicatori fondamentali (Key Performance Indicators, come numero di pratiche lavorate e/o scartate in anomalia, tempi di completamento, situazioni di incaglio pratiche). L analisi degli indicatori consente di perseguire logiche d ottimizzazione dell esecuzione intervenendo con opportune azioni di reenginering del processo stesso. L utilizzo di un medesimo modello di riferimento per la rappresentazione sia funzionale che tecnica del processo, rende quindi possibile un migliore confronto tra analisti di business e analisti IT. I vantaggi ottenibili I vantaggi perseguibili nell adozione della tecnologia software del BPM nell automazione dei processi sono prevalentemente: controllo dei parametri di misura del livello di servizio erogato (Service Level Agreement) riferiti ai processi di business, con conseguente incremento della qualità del servizio reso (QoS - quality of service) nei confronti del Cliente finale, sia interno che esterno all Organizzazione; migliore allineamento tra le funzioni Business e l IT, sulla base di un confronto di migliore efficacia derivante dalla condivisione di modelli d analisi rappresentativi sia della vista business dei processi che di quella relativa alle automazioni; maggiore visibilità e controllo dei processi, nella loro interezza, per l utenza di Business; incremento della produttività ed efficienza nell esecuzione, derivanti dal fatto che l adozione della tecnologia BPM porta in generale ad incrementare il grado d automazione nei processi. La tecnologia BPM consente, inoltre, di orientare l intervento umano nei tasks di processo 9

10 41 news alla sola gestione delle situazioni d eccezione, consentendo quindi di governare al meglio elevati volumi (caratteristica di scalabilità) ed elevata complessità di processo. il miglior controllo e visibilità sui processi di business implementati è, inoltre, fattore abilitante nell incrementare la capacità dell Organizzazione nel gestire cambiamenti (change management) derivanti da nuove opportunità di business ovvero da vincoli di contesto, in modo agile, con riduzione del time to market nel delivery delle nuove soluzioni e servizi. L applicazione della tecnologia BPM in Dexia Crediop Nell ambito delle iniziative progettuali della nostra Banca, nel corso dell anno 2008 è stato identificato, come contesto specifico per l applicazione della tecnologia BPM, il progetto Automazione MtM / CVA. Il progetto è entrato in fase realizzativa nel corso del secondo semestre Attualmente sono in corso le verifiche di parallel run per l avvio operativo in produzione della soluzione d automazione. I processi di business di riferimento, propri dell area del Market Risk, riguardano i controlli giornalieri del valore di Mark to Market (MtM) per le operazioni Derivati e la valorizzazione dei flussi mensili sul MtM e CVA dei Derivati per l alimentazione della Staging Area. Si tratta della prima applicazione, nella nostra Banca, della nuova tecnologia. Nei prossimi mesi, anche sulla base della valutazione dei risultati ottenuti con la soluzione d automazione implementata, saranno analizzate, in termini di fattibilità, nuove opportunità d applicazione. Articolo a cura di Massimo Morgagni Immagini di Dexia Crediop 10

11 Piccoli gesti per un futuro più verde news 41 Se non agiamo rapidamente per tutelare l'ambiente che ci circonda, per salvaguardare le risorse naturali e per combattere i cambiamenti climatici, fra qualche decennio il mondo in cui viviamo sarà molto diverso. Ognuno di noi avrà più volte sentito, letto e forse percepito in prima persona, che la lotta ai cambiamenti climatici e, più in generale, la salvaguardia ambientale sono ormai problemi di importanza globale. Se non agiamo rapidamente per tutelare l'ambiente che ci circonda, per salvaguardare le risorse naturali e per combattere i cambiamenti climatici, fra qualche decennio il mondo in cui viviamo sarà molto diverso. Sarà più caldo, alcune isole e zone costiere scompariranno sotto il mare, il cui livello sta aumentando a causa dello scioglimento dei ghiacciai. Il clima sta cambiando principalmente a causa del modo in cui produciamo ed usiamo l'energia per produrre elettricità, riscaldare le nostre case e i nostri uffici, alimentare le nostre fabbriche e guidare le nostre automobili. Modificando questi modelli di comportamento ed utilizzando l energia in modo più responsabile, potremo sicuramente fornire il nostro piccolo grande contributo affinché il pianeta possa essere più accogliente per le generazioni future e semplicemente più vivibile per noi. Il contributo che ciascuno di noi può fornire in qualità di cittadino potrebbe essere ritenuto infinitesimale, ma mai come in questo caso noi crediamo che l unione faccia la forza ed è per questo che abbiamo pensato di fornirvi qualche piccolo e pratico consiglio (la brochure è disponibile sulla intranet aziendale, con accesso diretto al documento nel menù Immagini a destra) affinché le nostre giornate, in ufficio e a casa, siano sempre più "amiche" dell ambiente. News a cura di Angelo Galasso Immagine realizzata da Angelo Galasso Ci saranno maggiori ondate di calore e di siccità, più temporali e più inondazioni, e il nostro Paese sarà sempre più spesso interessato da eventi disastrosi, con pesanti ripercussioni sulla nostra vita quotidiana e sul destino delle generazioni future. La possibilità di evitare che tutto ciò accada è nelle nostre mani, ma ognuno di noi, e non solo le industrie e i governi di tutto il modo, deve dare il proprio contributo. 11

12 41 eventi Museo per un giorno Locandina della Mostra Corrispondenze il cui file è disponibile nella sezione Invito a Palazzo della intranet Team Spirit - Crediop Dexia Crediop ha aperto il suo caveau per mostrare i dieci tesori della collezione d arte, reinterpretati da altrettanti artisti contemporanei, che hanno così dato vita alla mostra Corrispondenze in occasione dell edizione 2009 di Invito a Palazzo. 12 Porte aperte, per un solo giorno in tutta Italia, delle sedi storiche delle banche. L appuntamento con l iniziativa Invito a Palazzo, giunta alla sua ottava edizione, è ormai divenuta una tradizione. «Nelle sale dove si tengono le riunioni dei Consigli di Amministrazione, le stipule finanziarie e le operazioni di borsa ha dichiarato Corrado Faissola, presidente dell ABI per un intera giornata ha regnato solo la cultura, punto di forza degli investimenti del sistema bancario, concentrati principalmente sui restauri, le pubblicazioni e le acquisizioni». Il 3 ottobre scorso le banche hanno svelato i segreti dei loro edifici storici: dai gioielli architettonici barocchi e rococò alle preziose collezioni d autore. Dexia Crediop era tra le banche aderenti all iniziativa. Per ricordare il 90 anniversario della sua fondazione, il nostro Istituto ha presentato un progetto, che ha segnato la ripresa dell attività volta alla promozione dell arte e dei giovani artisti: Corrispondenze, una mostra nata per valorizzare le dieci eccellenze della collezione d arte antica e moderna della Banca attraverso la rilettura di altrettanti artisti contemporanei. Il risultato di questo progetto, curato da Lorenzo Canova e dalla Commissione artistica della Banca, sono state dieci coppie artistiche, ognuna delle quali ha offerto, ed offre, particolari suggestioni: si è passati dall immediatezza della reinterpretazione della Veduta di I colleghi durante la visita guidata di Invito a Palazzo... Il giorno prima Castel Sant Angelo di Gaspar Van Wittel ad opera di Andrea Acquilanti, alle Torri del Van Elven trasformate dall ingegno di Marco Verrelli nelle metafisiche Ciminiere della Stazione Termini, agli energici Spargitori di Sale di Stefania Fabrizi, che rievocano la forza drammatica delle figure presenti ne Le opere e i giorni del suo maestro ed ispiratore Mario Sironi. Un altra opera interessante in cui l arte, concretizzata con il Ritratto dell atleta e modella Aimee Mullins, si è perfettamente amalgamata con la tecnologia è il quadro di Fabrice De Nola. Infatti, in esso è possibile leggere tramite il cellulare il codice QR (Quick Response) contenuto nei tre riquadri angolari del dipinto, per la cui realizzazione De Nola si è ispirato concettualmente al tema delle Metamorfosi di Ovidio, ritratto nell opera dell Ortolano. I dieci artisti hanno esposto le proprie opere con la volontà di testimoniare la vitalità ininterrotta dei linguaggi visivi attraverso il tempo, la loro misteriosa continuità declinata attraverso il rinnovamento e le trasformazioni nei secoli. Ognuno di loro ha, quindi, individuato nelle dieci opere di Dexia Crediop dei punti di comunicazione con il proprio mondo per la creazione di un nuovo lavoro. Non ha voluto essere né una copia né una banale rievocazione, ma un'esperienza autonoma e personale, che ha trovato evocative rispondenze nel quadro o nella scultura da cui è partita nel pieno rispetto delle proprie peculiarità e della propria visione. L iniziativa italiana si inserisce perfettamente all interno del programma Culture pour tous, esposizione della collezione privata di Dexia, che il Gruppo sta realizzando in Francia, in Belgio e in Lussemburgo, con l intento di condividere il fascino del proprio patrimonio artistico con il grande pubblico. L appuntamento culturale con l apertura dei palazzi storici delle banche è rinnovato al prossimo anno. Articolo a cura di Federica Nesta Foto di Dexia Crediop

13 eventi 41 Intervista a Floriana Filippini sulla Corrispondenza «Nel vitale dialogo tra passato e presente della mostra, il concetto latino di Metamorfosi è interpretato in chiave moderna come la capacità del progresso e della tecnologia di ribaltare gli svantaggi della disabilità». «Il programma Culture pour Tous inaugurato quest anno dal Gruppo Dexia ha l obiettivo di favorire la condivisione del patrimonio artistico della Banca con il grande pubblico e con i propri dipendenti: tale condivisione assume un ruolo importante ai fini dell integrazione delle diverse culture presenti all interno del Gruppo e della costituzione di una vera e propria identità culturale. Nell ambito di questo progetto, s inserisce l iniziativa della mostra Corrispondenze in cui dieci artisti italiani contemporanei hanno cercato e trovato in una delle opere classiche della collezione Dexia un idea e/o uno spunto per una loro nuova creazione: è nata così una mostra molto originale, in cui era anche divertente cercare di scoprire ed indovinare la liaison tra il classico e il moderno. La Corrispondenza che più mi ha colpita è stata quella tra il ritratto ad olio di Aimee Mullins, dipinto da Fabrice de Nola, ed il Ritratto ideale di Ovidio, attribuito a Gian Battista Benvenuto, detto l Ortolano. L opera classica della collezione raffigura, in alto sulla destra, la trasformazione in rane della dea Latona e dei suoi figli, tratta dal celebre racconto delle Metamorfosi di Ovidio: nel vitale dialogo tra passato e presente della mostra, il concetto latino di Metamorfosi è interpretato in chiave moderna come la capacità del progresso e della tecnologia di ribaltare gli svantaggi della disabilità. Così l evoluzione della medicina ha permesso ad Aimee Mullins, che ha perso le gambe ad un solo anno di vita, di diventare attrice, modella e, prima ancora, atleta. Ho trovato profondamente attuale questo tipo di collegamento metamorfosi evoluzione del corpo umano e delle sue potenzialità. Splendido il volto di Aimee Mullins: un bellissimo primo piano, quasi una foto, con uno sguardo vivace ed un sorriso intenso, che riflette una personalità dolce, ma allo stesso tempo determinata. Assolutamente moderno e d avanguardia lo stile della Pittura attiva, con l introduzione dei codici QR (Quick Response) fruibili dal cellulare: il ritratto di de Nola ne riporta tre, contenenti un testo della modella, un testo del pittore stesso ed un link alla pagina Wikipedia sulla modella». Contributo di Floriana Filippini. Foto di Charlotte Verdin, Internal Communication di Dexia Group 13

14 41 eventi Scuole e ospedali: la mappa dei siti a rischio L analisi delle strutture pubbliche, compiuta dal Cresme, evidenzia l elevato pericolo sismico ed idrologico a cui sono soggette, in particolare, le strutture scolastiche ed ospedaliere. Lo studio è stato presentato durante il 10 0 Incontro Finanziario dell Autonomia Locale, organizzato il 15 ottobre scorso nelle Sale di Palazzo Barberini a Roma. 14 Il tema che ha contraddistinto l annuale appuntamento organizzato da Dexia Crediop per e con i rappresentanti degli Enti territoriali era centrato sulla necessità degli investimenti finanziari al fine di garantire la sicurezza degli edifici pubblici, in particolare nel settore scolastico e sanitario. Ad aprire l incontro il saluto del presidente, Mario Sarcinelli, che ha invitato alla prevenzione dei disastri: «Il nostro Paese è soggetto a terremoti che sono spesso meno gravi di quelli che colpiscono zone come il Giappone. Da noi le vittime e i danni sono spesso maggiori. Chiediamoci perché e agiamo per prevenire. Piangere i morti è un atto di pietà, ma non previene i disastri: bisogna prevedere e provvedere in tempo. In un Paese con alta instabilità fisica del territorio è un dovere del settore pubblico, ma anche di quello privato, di ciascuno e di tutti». La parola è poi passata al Direttore del Cresme, Lorenzo Bellicini, che ha presentato l analisi dei rischi sismici e idrologici condotta dal suo Centro di Ricerca, nella quale si evidenziano i livelli di pericolosità, di vulnerabilità e di esposizione delle diverse zone territoriali soggette a rischi naturali e il livello di probabilità che avvenga una calamità. Nelle aree a rischio sismico potenzialmente elevato si trovano il 46% delle scuole ed il 41% degli ospedali, per un totale di oltre strutture e di 4,7 milioni di utenti. In quelle a rischio idrologico ricadono, invece, circa strutture in cui operano quasi addetti. Tra le Province italiane, quella di Napoli ha il maggior patrimonio scolastico ed ospedaliero esposto all alea sismica (unità locali pari all 89%) ed idrologica (circa il 19% del totale delle unità locali). Il tavolo dei relatori L elevata vulnerabilità del patrimonio edilizio italiano si deve far risalire alla costruzione degli edifici avvenuta prima del 1971, mentre la normativa antisismica è entrata in vigore nel La vetustà degli edifici non implica necessariamente un cattivo stato di conservazione delle strutture, ma è sicuramente indicativa delle tecniche di costruzione e del non utilizzo di tecnologie antisismiche. Si sono verificati anche casi di edifici costruiti dopo il 1974 e non conformi alla normativa antisismica vigente: questo uno dei motivi per il quale la mappa della pericolosità del territorio è stata aggiornata più volte nel corso del tempo. Numerosi gli interventi di ricostruzione nelle zone colpite da disastri naturali ed elevati gli investimenti finanziari, ma non ancora abbastanza. L ultimo suggerimento di Lorenzo Bellicini: «Si potrebbe avviare il piano di riqualificazione strutturale per le scuole e gli ospedali utilizzando i risultati dello studio del Cresme». Cuore dell incontro il dibattito, moderato dalla giornalista

15 eventi 41 Dati estrapolati dalla ricerca Cresme 15

16 41 eventi Da sinistra: Jean Le Naour, Mario Mantovani e Mario Sarcinelli Sarah Varetto e animato dagli interventi dei partecipanti alla Tavola Rotonda. La moderatrice ha dato inizio ai lavori introducendo brevemente l argomento del convegno, coinvolgendo quale primo relatore Angelo Di Paolo, assessore ai lavori pubblici della Regione Abruzzo, relativamente al sisma che ha colpito la Regione, causando l inagibilità di una delle principali strutture pubbliche: l ospedale dell Aquila. Si sono succeduti poi gli interventi di Antonio Pedone, presidente onorario di Dexia Crediop, e di Mario Di Costanzo, responsabile Edilizia Scolastica e Sicurezza del Ministero dell Istruzione. La parola è poi passata a Fabio Sturani, segretario generale di Federsanità, il quale ha evidenziato una contraddizione in seno all opera di riqualificazione, in particolare, del settore sanitario: «Se da un lato vi è l esigenza di risanare i settori ospedaliero e scolastico, dall altro abbiamo il Patto di Stabilità pubblico privato ed i tagli agli Enti locali, che riducono notevolmente i finanziamenti. Ad esempio nell edilizia scolastica solo il 10% degli investimenti viene dallo Stato, mentre il resto è ad opera del Comune e della Provincia. Sarebbe necessaria una maggiore responsabilità da parte dello Stato centrale». Sulla stessa linea è intervenuto Donato Gentile, sindaco di Biella e rappresentante dell ANCI, il quale ha caldamente sostenuto la tesi secondo cui «la spesa di finanziamento delle scuole deve essere esclusa dal Patto di Stabilità; gli stessi edifici scolastici devono avere il certificato di sicurezza, che tuttora molte scuole italiane non posseggono. I dirigenti scolastici aggiunge Donato Gentile devono 16

17 eventi 41 Intervista flash a Flavio Delbono, Sindaco di Bologna Che cosa pensa dell argomento del 10 Incontro Finanziario, proposto quest anno da Dexia Crediop? «Il convegno, come anche i precedenti, affronta temi di attualità ed utili per i clienti. È l occasione ideale d incontro e di confronto con gli altri miei colleghi». Lorenzo Bellicini Direttore del Cresme presenta i risultati dello studio commissionato da Dexia Crediop essere più responsabili, verificando costantemente il livello di sicurezza nelle scuole per evitare ogni rischio». Infine, è intervenuto Antonio Turicchi, rappresentante del Comune di Roma, il quale sostiene che «gestire e amministrare le macchina dei finanziamenti non è cosa facile. Il Comune di Roma fa un grande sforzo economico per finanziare le scuole con interventi di manutenzione straordinaria, ricorrendo anche ad enti esterni». Il convegno è poi giunto al termine con le ultime e rapide battute scambiate tra i relatori e le conclusioni della moderatrice Sarah Varetto, che ha egregiamente condotto il dibattito. L appuntamento con l Incontro Finanziario è rinnovato al prossimo anno! Articolo a cura di Federica Nesta Foto di Dexia Crediop E della banca? «Dexia Crediop è una banca che non fa hit and run È attenta al cliente e cerca di andare incontro alle sue richieste ed esigenze. Ciò che mi colpisce dell attività di Dexia Crediop è proprio questo: l impegno nella cura della clientela e della sua soddisfazione». Breve intervista a cura di Charlotte Verdin, Internal Communication di Dexia Group Fabio Sturani, Segretario Generale di Federsanità Nell incontro di quest anno Dexia Crediop stimola il confronto sul tema della sicurezza nella Sanità; cosa ne pensa? «L argomento è interessante, puntuale e centrato su una delle priorità del nostro Paese. Quella realizzata dal Cresme è una fotografia della situazione critica in cui versa il patrimonio immobiliare proprio del settore scolastico e sanitario. È necessario che si diffonda una Cultura della Responsabilità : verificare lo stato delle strutture scolastiche e sanitarie per tutelare i cittadini. Non è possibile prevedere un sisma, ma sicuramente è possibile impegnare delle risorse per risanare gli edifici più fatiscenti, che richiedono una ristrutturazione. Bisogna spendere bene le risorse che ci sono messe a disposizione». Breve intervista a cura di Federica Nesta 17

18 41 eventi Il futuro del Paese nei Comuni Sergio Chiamparino eletto all unanimità Presidente dell ANCI, Angelo Rughetti confermato Segretario Generale e Gianni Alemanno alla guida del Consiglio Nazionale. Questi i risultati all indomani dell incontro annuale dei rappresentanti degli Enti locali. Dexia Crediop era presente per i suoi clienti. Stand affollati e delegati provenienti da tutta l Italia accolti presso il Lingotto Fiere di Torino in occasione della XXVI Assemblea ANCI. Il programma è stato sviluppato nel corso di tre giornate dense di appuntamenti, durante le quali i congressisti hanno eletto i nuovi rappresentanti negli organi direttivi dell ANCI e si sono confrontati su temi d interesse per gli Enti locali: la sicurezza, l immigrazione, il federalismo, la qualità e l efficienza nella pubblica amministrazione, il ruolo dei Comuni per un economia sostenibile. Numerosi gli interventi dei relatori, che si sono susseguiti nelle giornate dei lavori dell Assemblea, durante le quali il sold out dei partecipanti ha costretto alcuni congressisti a rimanere in piedi occupando anche le ali dell Auditorium. La manifestazione è stata aperta con la lettura dei saluti del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: «La XXVI Assemblea Generale dell ANCI sul tema Identità, Autonomia ed Unità: i Comuni per il futuro del Paese costituisce una preziosa occasione di approfondimenti e di confronto fra i rappresentanti delle istituzioni centrali e locali. L attuazione del Titolo V della Costituzione esige un impegno forte e rinnovato di tutti i livelli di governo della Repubblica per attuare un modello di federalismo virtuoso. Deve essere rafforzato il ruolo dei Comuni quali Enti di riferimento più vicini ai cittadini, alle famiglie, alle imprese». I congressisti durante l intervento di apertura della XVI Assemblea ANCI 2009 Ospite istituzionale della prima giornata, Gianfranco Fini, Presidente della Camera dei Deputati, il cui intervento era centrato innanzitutto sul tema del federalismo: «Tutti gli Enti devono orientare l azione allo sviluppo senza una visione totalitaria e accentrata della vita pubblica». Sergio Chiamparino, neo eletto Presidente dell ANCI, ha spiegato quali saranno i punti caratterizzanti il programma del suo mandato. L obiettivo è lavorare affinché «i Comuni siano i protagonisti del processo di rinnovamento federalista nel quadro di un rafforzamento dell identità nazionale». Ha chiesto anche una maggiore autonomia fiscale, la cancellazione di alcune sanzioni economiche per i Comuni e l allentamento del Patto di Stabilità, questione sensibile sulla quale è intervenuto Michelino Davico, Sottosegretario del Ministero dell Interno con delega agli Enti locali, che ha parlato dal palco dell Assemblea ANCI: «Non possiamo togliere il Patto di Stabilità, possiamo smorzarlo tenendone sempre presente la virtuosità. Premiare chi fa bene e lasciare indietro i Comuni che non sono virtuosi». Il Sottosegretario ha poi aggiunto: «Nel Governo condividiamo la vostra battaglia. Tutto il lavoro svolto fino ad ora va verso il rinnovamento di tutti gli Enti intermedi per evitare che la riforma federale non produca un neocentralismo. E per fare questo serve un costante e costruttivo dialogo istituzionale». Infine, il Sottosegretario agli Interni annuncia che nella 18

19 eventi 41 Nel suo intervento conclusivo Chiamparino ha evidenziato le interessanti aperture che ci sono state a livello istituzionale e gli importanti riconoscimenti ricevuti, come quello di Renato Brunetta, Ministro per la Pubblica Amministrazione e per l Innovazione, le dichiarazioni di Roberto Calderoli, Ministro per la Semplificazione, e di Giuseppe Vegas, Vice Ministro presso il Ministero dell'economia e delle Finanze, su alcune questioni significative come la tassa dei servizi, la questione dell ICI e il federalismo demaniale. In occasione della manifestazione il Sindaco dell Aquila, Massimo Cialente, ha ricevuto dal presidente dell ANCI un assegno, quale testimonianza di solidarietà per la ricostruzione post terremoto in Abruzzo. «Il prossimo anno ha annunciato Sergio Chiamparino l assemblea nazionale si terrà proprio nel capoluogo abruzzese». Lo stand di Dexia Crediop e di Dexia DS Service prossima manovra finanziaria «saranno trasferiti ai Piccoli Comuni risorse per i fondi per l incidenza dei bambini e degli anziani, saranno restituiti trenta milioni in tre anni per il fondo di estinzione dei mutui degli Enti locali». Esiste un forte intreccio tra federalismo fiscale e federalismo istituzionale: tra compiti, funzioni e risorse, autonomia e responsabilità finanziarie. Il Sindaco di Bologna e Presidente ANCI Emilia Romagna, Flavio Delbono, nel suo intervento alla XXVI Assemblea ANCI ha fatto il punto su alcune questioni importanti in questo processo di riforme: «La prima questione ha detto attiene alla fase di transizione, ovvero al passaggio da un sistema ad un altro». Il Sindaco ha evidenziato che per nessun tributo può più accadere quello che è accaduto per l ICI: «La soppressione dell ICI per la prima casa è contraddittoria e sleale nell applicazione. Se la stessa sorte dovesse presentarsi anche per altri tributi lo scenario diventerebbe inquietante». Dexia Crediop ha accolto insieme a Dexia DS Services presso il proprio stand i clienti e i visitatori incuriositi ed interessati alla nostra attività. Continua, quindi, la sinergica collaborazione tra le due entità del Gruppo, sia in termini di ospitalità e d interazione, sia in termini di organizzazione. Articolo a cura di Federica Nesta Foto di Daniela Condò Infine, Sergio Chiamparino, Sindaco di Torino e Presidente dell ANCI, ha chiuso i lavori dell Assemblea Nazionale tracciando il nuovo percorso da seguire: presentare al Consiglio ANCI la Carta di Torino e redigere un Documento per il Governo, attraverso il quale ottenere delle risposte sulle questioni che interessano i Comuni. 19

20 41 eventi WORLD MAGNETIC TOUR Alcuni colleghi hanno partecipato al concerto dei Metallica il 24 giungo Andrea Russo ci racconta com è andata «Vi anticipo che se non siete amanti della musica rock questo articolo non vi piacerà 20

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli