GINNASTICA AEROBICA. Prof. Samuele Marchese. Dispensa di studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GINNASTICA AEROBICA. Prof. Samuele Marchese. Dispensa di studio"

Transcript

1 GINNASTICA AEROBICA Prof. Samuele Marchese Dispensa di studio Corso di laurea Attività Preventive ed Adattate della facoltà di Scienze Motorie dell Università di Perugia 1

2 Adattamenti a livello CARDIOVASCOLARE Adattamento ed aggiustamento Fattori centrali e fattori periferici Adattamenti a livello polmonare Adattamenti a livello cardiaco Adattamenti sistema circolatorio Adattamenti del sistema muscolare Adattamenti metabolici INDICE LA COMPOSIZIONE CORPOREA Androide Ginoide Massa magra e massa grassa Grasso primario e grasso di deposito Allenamento e calo ponderale Il bilancio calorico LA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA La plicometria I punti di repere Quando leggere lo strumento Regole e limiti Centimetria Bioimpedenziometria La pesata idrostatica Percentuali massa grassa di riferimento Body Mass Index o Indice di Massa Corporea WHR o rapporto vita fianchi Come calcolare il peso ideale LA VALUTAZIONE DELLA MASSIMA CAPACITA AEROBICA Caratteristiche del test La frequenza cardiaca IL VO2 max La scala di Borg Il talk test Metodi diretti Metodi indiretti Metodi indiretti submassimali Test indiretti massimali 2

3 L'ALLENAMENTO AEROBICO I principi dell'allenamento aerobico Carico interno e carico esterno Principali metodi di allenamento cardiovascolare IL QUESTIONARIO SPORTIVO I fattori di rischio Linee guida ACSM Caratteristiche del programma di allenamento CARATTERISTICHE DEI PRINCIPALI ATTREZZI CARDIOVASCOLARI Tappeto Bike Step Armoergometro Vogatore Ergometro a movimento ellittico Wave FITNESS SU BASE MUSICALE Attività di tonificazione Attività aerobiche Attività a basso impatto IL LAVORO DI FORZA Benefici del lavoro di forza Alcune parole importanti Principi dell'allenamento della forza Linee guida dell'allenamento della forza Gli adattamenti del lavoro di forza Adattamenti in funzione del movimento Differenti tipi di forza LA VALUTAZIONE DELLA FORZA Metodo diretto massimale Metodo indiretto submassimale Metodo diretto submassimale PROGRESSIONE E PERIODIZZAZIONE DELL'ALLENAMENTO DELLA FORZA Warm up e cool down Tipologie di esercizi I dolori muscolari 3

4 Metodi di intensificazione dell'allenamento LINEE GUIDA PER L'ATTIVITA' FISICA L'attività fisica nell'obesità L'attività fisica nell'anziano L'attività fisica nell'osteoporosi 4

5 ADATTAMENTI A LIVELLO CARDIOVASCOLARE Nel 1996 il Surgeon General s Report classifica l inattività fisica come il maggiore fattore di rischio per la possibilità di contrarre malattie cardiovascolari. Questa risulta avere un peso maggiore addirittura del fumo, dell ipercolesterolemia e dell ipertensione. Considerando poi che il colesterolo e la pressione risentono molto favorevolmente della pratica dell attività fisica, risulta evidente che questa acquisisce un ruolo estremamente importante nella vita di tutti. Da qui in avanti l attività fisica assume un ruolo paragonabile ad un nuovo, potentissimo farmaco senza effetti collaterali. Adattamento ed aggiustamento Nel valutare cosa succede a livello cardiovascolare durante e dopo ad un allenamento possiamo dividere in due categorie i cambiamenti della funzionalità di un organismo a seconda che siano più o meno persistenti. L Aggiustamento è una modificazione a rapida insorgenza ma temporanea che avviene in conseguenza di un esercizio. Per esempio, quando si inizia un allenamento la frequenza cardiaca (FC) incrementa a seconda dell intensità dallo sforzo, così come la temperatura corporea e la frequenza respiratoria. L Adattamento è una modificazione della funzione o della struttura di uno o più organi come effetto di una serie di stimoli (allenamenti) ripetuti nel tempo. Per esempio, dopo un serie di allenamenti aerobici correttamente programmati, la pressione arteriosa si abbassa come anche la FC minima per effetto di una aumentata gittata sistolica. Il risultato dell allenamento ripetuto non è altro che una serie di adattamenti che portano ad un miglioramento funzionale di un individuo. Fattori centrali e fattori periferici Gli effetti benefici dell allenamento riguardano sia il sistema di trasporto che il sistema di utilizzo dell ossigeno. Possiamo quindi distinguere in due principali categorie questi miglioramenti fisiologici. 5

6 Fattori centrali: Fattori periferici: Apparato circolatorio, cuore, polmoni. Sono responsabili del trasporto dell ossigeno. Fibre muscolari, rete capillare. Sono responsabili dell utilizzo dell ossigeno Adattamenti a livello polmonare L allenamento porta ad un miglioramento della ventilazione polmonare, con un aumento della frequenza e della profondità degli atti respiratori. L aumento di questi diminuisce la frequenza respiratoria sotto sforzo. La ventilazione massimale risulta aumentata. Adattamenti a livello cardiaco Si assiste ad un aumento del volume globale del muscolo cardiaco e ad un miglioramento della sua vascolarizzazione. Aumenta la gittata sistolica e conseguentemente la gittata cardiaca, a riposo e sotto sforzo, con una diminuzione della FC minima ed una FC di lavoro, a parità di carico, più bassa. Aumenta la forza di contrazione del muscolo cardiaco. Adattamenti sistema circolatorio Si assiste ad un aumento del volume ematico e della quantità totale di emoglobina. Il profilo lipidico del sangue migliora riducendo il colesterolo LDL, o cattivo ed i trigliceridi, a favore di un aumento del colesterolo HDL, o buono. Questo permette di ridurre il rischio di danni cardiovascolari. Adattamenti del sistema muscolare L allenamento aerobico aumenta la vascolarizzazione del muscolo per effetto dell aumento della rete capillare. Ciò comporta un abbassamento delle resistenze periferiche ed una conseguente diminuzione della pressione arteriosa. A livello delle fibre muscolari aumentano gli enzimi ossidativi ed i mitocondri (miglioramento della biochimica cellulare), con un miglioramento dell utilizzo dell ossigeno cui beneficia anche il VO 2 max. 6

7 Adattamenti metabolici Durante l allenamento il metabolismo viene incrementato e conseguentemente aumenta il consumo calorico. Questo aumento, al contrario di ciò che accade nell attività anaerobica, si protrae per poco tempo (2-3 ore) dalla fine dell esercizio, ma comunque favorisce il consumo dei depositi adiposi, tende a portare in passivo il bilancio calorico ed evita la perdita di massa magra nei muscoli interessati dall attività (in certi casi può addirittura aumentarla). L allenamento porta anche a dei benefici psicologici agendo come valvola di sfogo e diminuendo lo stress e le ansie della vita di tutti i giorni. Migliora inoltre la composizione corporea gratificando e motivando il soggetto. Stimola la produzione di endorfine note per il loro effetto euforizzante. Migliora la capacità volitiva. LA COMPOSIZIONE CORPOREA I test per la valutazione della composizione corporea sono uno strumento indispensabile a disposizione del tecnico per avere una reale valutazione della quantità di accumulo adiposo in una persona. Questi non solo possono dirci con sicurezza (al contrario della semplice bilancia) se una persona è in soprappeso o meno, ma possono anche darci un riscontro oggettivo che consente di quantificare questo soprappeso, ci permettono di monitorare con precisione i risultati che stiamo ottenendo e ci danno un idea più precisa su alcuni eventuali fattori di rischio. Occorre anzitutto avere presente le due tipiche forme di accumulo del grasso: quella androide (anche detta a mela ) e quella ginoide (detta a pera ). Queste sono contraddistinte da importanti differenze. 7

8 Androide La zona di accumulo è localizzata a livello della cintura addominale. Questo tipo di accumulo è correlato, al di sopra di certi valori ad un maggior rischio di patologie cardiovascolari. Tipicamente maschile, ma riscontrabile anche sulla donna, in genere non presenta grandi difficoltà nel trattamento finalizzato al dimagrimento, con la possibilità di raggiungere buoni risultati con relativa facilità. Ginoide In questo caso la zona di accumulo sono i fianchi e la parte prossimale della coscia. Non ci sono correlazioni statistiche legate a particolari rischi cardiovascolari, se non quelli normali caratterizzati dal soprappeso. Questa forma di accumulo è più tipica della donna, anche se in rari casi anche si manifesta anche negli uomini e si dimostra più resistente ai programmi finalizzati al calo ponderale. Massa magra e massa grassa Sono le due componenti di base in cui si scompone il corpo umano quando se ne valuta la composizione corporea. La massa magra è costituita da tutto il tessuto metabolicamente attivo, la struttura ossea, muscolo-tendinea e tutti gli organi del corpo. La massa grassa è costituita solo ed unicamente dal grasso di deposito. Grasso primario e grasso di deposito Al di là di quelli che possono essere gli obbiettivi estetici di una persona non dobbiamo dimenticarci che non è possibile, a rischio di compromettere la nostra salute, scendere sotto alcuni valori percentuali di massa grassa. Il grasso infatti ha anche un importante ruolo funzionale. Organi come cervello, reni e fegato ne sono in parte costituiti. Provare ad intaccare questa tipologia di grasso è un obiettivo particolarmente difficoltoso da raggiungere e sarebbe tuttavia un grave attentato alla salute di una persona. In questo caso si parla di grasso primario. Diverso il discorso riguardante il grasso di deposito ovvero quello che accumuliamo in maniera variabile, da persona a persona, a seconda del nostro stile di vita. Questo costituisce infatti una riserva quantificabile e sulla quale abbiamo ampio margine di intervento (3500kcal corrispondono a circa 450g di grasso). 8

9 Allenamento e calo ponderale Questi sono i punti dichiarati dall ACSM che un programma per il calo ponderale deve avere per essere efficace. 1. deve fornire un introito calorico non inferiore alle 1200 kcal quotidiane in soggetti adulti normali in modo tale da conservare una corretta varietà di cibi indispensabile per le richieste nutritive. 2. fornisca cibi accettabili dal soggetto in questione in termini di abitudini, gusti, costi, facilità di acquisto, preparazione e di retroterra socio-culturale. 3. determini una negatività nel bilancio calorico non superiore alle kcal al giorno (rispetto al fabbisogno) e si traduca in una perdita di peso graduale non superiore ad 1 kg alla settimana. 4. comprenda un programma di esercizi aerobici da eseguirsi minimo 3 volte alla settimana, della durata minima di minuti e di un intensità pari al 65%della FC max. 5. comprenda tecniche di modificazione del comportamento finalizzata ad identificare ed eliminare le abitudini alimentare errate 6. garantisca che le nuove abitudini alimentari vengano conservate per tutta la vita American College of Sports Medicine Recenti studi dimostrano che il soprappeso si manifesta non tanto per un eccesso calorico quanto per una spesa calorica giornaliera troppo bassa. Fondamentale quindi il nostro ruolo nel cercare di costruire un programma di allenamento che non rispecchi solo i requisiti minimi, ma che porti al raggiungimento di un benessere fisico totale lavorando non soltanto la Resistenza ma anche la Forza e la Flessibilità ed educando il nostro allievo al movimento. Il bilancio calorico Anche chiamata bilancia calorica spiega semplicemente come viene ad essere influenzato il rapporto tra massa magra e massa grassa considerando due variabili fondamentali: l introito calorico (quante calorie assumiamo) e la spesa calorica (quante calorie consumiamo) su base giornaliera. 9

10 Possiamo semplificare il concetto spiegando che il bilancio calorico è rappresentato dalla differenza tra le calorie assunte e quelle consumate. Se è in attivo (ne introduco più di quelle che consumo) ci sarà un accumulo di grasso. Se è in passivo (ne consumo più di quelle che introduco) ci sarà una mobilitazione dei grassi di deposito. Se è neutra (ne consumo quante ne introduco) la percentuale di massa grassa non subirà sostanziali modificazioni. L esperienza insegna che non è sempre tutto così semplice. Molto dipende dalla fonte alimentare da cui arrivano le calorie. Infatti, assumere con l alimentazione 1500 kcal di carboidrati (o meglio prevalentemente da carboidrati) è decisamente differente che assumere 1500 kcal di proteine, a parità di spesa calorica (1500 kcal). Questo esempio, ovviamente, rappresenta due casi-limite, utili solo alla comprensione del concetto. Far perdere massa grassa ad un soggetto (e non semplicemente peso corporeo) in certi casi può essere enormemente difficile. Bisogna infatti tener conto anche di altri fattori come: predisposizione genetica all accumulo ed al dimagrimento, tipologia della forma di accumulo e fattori psicologici del soggetto (questi ultimi rappresentano una caratteristica molto importante e delicata sulla quale non abbiamo alcuna possibilità di influenza). Bisogna anche considerare che nel caso di diete drastiche o addirittura del digiuno, la perdita di peso avviene principalmente per la perdita di acque e di tessuto magro. Cosa che rappresenta un netto pericolo per la salute ed un peggioramento delle capacità funzionali di un individuo, al contrario di quello che avviene quando il bilancio calorico viene portato in negativo da una leggera diminuzione dell introito calorico e in maniera più importante dall aumentato consumo giornaliero indotto dalla pratica di attività fisica. 10

11 I TEST PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA Come abbiamo visto in precedenza il nostro corpo è schematicamente scindibile in due parti. Quella magra e quella grassa. Rimane di interesse da parte del tecnico conoscere il rapporto che c è tra queste per avere la possibilità di fare una serie di valutazioni preliminari come, nel caso, quanti chili cercare di perdere o guadagnare con l allenamento. Pesare tutto il corpo su una bilancia, senza poter scindere la componente magra da quella grassa, non può dare un riferimento attendibile riguardo il solo parametro della massa grassa. Noi stiamo pesando tutto il corpo, non i due elementi che lo compongono. In questo modo inoltre prestiamo il fianco ad un altra serie di inesattezze. L orario della giornata in cui ci pesiamo infatti può far variare anche di parecchio il risultato, lo stato di idratazione anche, idem per la presenza di urine e feci. La bilancia và intesa come uno strumento di misurazione con i suoi limiti, salirci sopra è un vero e proprio test, e come tale deve averne le caratteristiche. Il peso corporeo resta un parametro da utilizzare ma, per essere attendibile, deve essere affiancato da altre misurazioni. Bisogna comunque sempre ricordare che praticamente tutti i test da noi utilizzabili mantengono una percentuale di errore. A mio avviso è importante scegliere e specializzarsi nell uso di un test da campo con il minor margine di errore possibile, e ripeterlo seguendo scrupolosamente il protocollo in modo tale da avere sempre un valido dato comparativo per le successive misurazioni. I test per la misurazione della composizione corporea si dividono in: Metodica chimica diretta che può essere effettuata solo su cadaveri e consiste nella separazione anatomica della parte grassa da quella magra o nello scioglimento del corpo in acidi dai quali poi si risale alle due componenti. Metodica indiretta sono tutti i metodi più o meno conosciuti ed attendibili, parte dei quali verranno elencati di seguito che si basano sulla elaborazione delle misure di alcune parti del corpo alle quali applicare speciali formule e tabelle comparative. 11

12 La plicometria Questo rappresenta uno dei test da campo più utilizzati, con un basso margine di errore (anche se molto dipende dalla manualità dell operatore), e dai costi più bassi. Il plicometro deve essere visto come uno strumento di precisione e deve possedere una serie di caratteristiche. esercitare una pressione costante (10gr/mm 2 ) su tutto il raggio di apertura; essere munito di una vite per il registro della stessa (le molle che esercitano la compressione con il tempo tendono perdere il loro potere elastico quindi lo strumento và periodicamente tarato). essere munito di un display analogico o digitale per la lettura precisa del dato. Mi sento di sconsigliare l utilizzo di plicometri di plastica per le loro scarse caratteristiche qualitative (un test fatto male non serve a nulla...). I punti di repere Come detto l abilità dell operatore che effettua il test è di fondamentale importanza. Spesso accade che due operatori che prendono le pliche al medesimo soggetto abbiano due risultati differenti. L importante e che il protocollo che un operatore segue sia sempre scrupolosamente ripetuto ad ogni test. La misurazione anatomica dello spessore delle pliche di grasso avviene in precisi punti, detti punti di repere, che possono cambiare a seconda della formula che si applica per il calcolo percentuale della massa grassa. 12

13 I principali punti di repere per l uomo sono: pettorale in diagonale, lungo il decorso del muscolo a livello del cavo ascellare addominale in verticale, tre centimetri lateralmente all ombelico quadricipitale in verticale, a metà tra l origine del retto femorale e l inserzione sulla rotula I principali punti di repere per la donna sono: tricipitale in verticale, a metà tra l acromion e l olecrano sovrailiaca in verticale, a livello della spina iliaca antero-superiore quadricipitale in verticale, a metà tra l origine del retto femorale e l inserzione sulla rotula A queste si possono aggiungere: poplitea in verticale, a metà della gamba, in posizione laterale scapolare in verticale, a livello dell angolo inferiore della scapola ascella media in orizzontale Sommando il risultato delle pliche e applicando la formula desiderata si può risalire alla percentuale di massa grassa. Quando leggere lo strumento La compressione esercitata dal plicometro tende a schiacciare progressivamente lo strato di grasso modificando il dato. Uno studio dimostra che il 70% della compressione esercitata dal plicometro in 60 avviene nei primi 4. Ne consegue che nei primi 4 vedono un rapido modificarsi del dato. Consiglio di attendere che il plicometro si stabilizzi per poter prendere un dato più attendibile possibile (anche se in questo modo sarà leggermente falsato dal fenomeno della compressione). La lettura del dato dovrà quindi avvenire immediatamente dopo il 4 secondo. Regole e limiti Misurare ogni plica per tre volte e fare la media dei valori ottenuti 13

14 Le misure devono essere sempre prese sullo stesso lato del corpo Identificare con la massima precisione il punto da misurare Contrassegnare il punto da misurare con una matita dermografica Sincerarsi di aver preso con le dita tutto il tessuto adiposo escludendo quello muscolare Il più grande limite della plicometria è che la sua precisione è inversamente proporzionale alla massa grassa di un soggetto. Più una persona è in soprappeso e più questo metodo diventa, oltre che sgradevole, impreciso nel risultato. Nel caso si debba valutare la composizione corporea di un soggetto in netto soprappeso consiglio l attuazione di un altro test. Formule Le formule per il calcolo della percentuale di massa grassa sono un centinaio. Quella più usata in assoluto è stata elaborata da Jackson & Pollock nel 1985 che permette il calcolo con una minore percentuale di errore per la maggior parte della popolazione. Ne esiste una da applicare a solo tre pliche ed una a sette pliche. Tre pliche Uomo: pettorale, addominale, quadricipitale Donna: tricipitale, sovrailiaca, quadricipitale Uomini ( * S) + ( * S 2 ) ( * ETÀ) Donne ( * S) + ( * S 2 ) ( * ETÀ) Sette pliche Uomo e Donna: pettorale, sottoscapolare, ascella media, tricipitale, addominale, sovrailiaca, quadricipitale Uomini ( *S) + ( * S 2 ) ( *ETÀ) Donne ( *S) + ( * S 2 ) ( *ETÀ) S = somma delle pliche rilevate S 2 = S al quadrato 14

15 Centimetria Anche questo è un test da campo molto diffuso, economico e dalla facile attuazione. A differenza della plicometria risulta adatto a persone con un consistente accumulo di grasso ma risulta piuttosto impreciso nel caso di persone che hanno invece basse percentuali. La misurazione delle circonferenze deve avvenire in determinati distretti corporei, con la muscolatura rilassata, usando un metro da sarto ed avendo cura di non comprimere con il metro il distretto che si sta misurando. Anche in questo caso suggerisco di prendere tre rilievi e fare la media dei valori ottenuti. I segmenti dove si prende la misura sono: Braccio a metà tra acromion ed olecrano Addome a metà tra la cresta iliaca e l ultima costa Anche nel punto di maggiore circonferenza Torace a metà dello sterno in posizione di massima inspirazione, massima espirazione e neutro Coscia subito sotto la piega del gluteo Polpaccio nel punto di massima circonferenza I valori delle misurazioni si devono convertire con un apposita tabella e con una semplice formula si può risalire alla percentuale di massa grassa. Bioimpedenziometria L impedenziometria è un altro metodo abbastanza utilizzato per il calcolo della composizione corporea. Questo si basa sul principio che la parte magra, essendo più ricca di liquidi, conduce molto meglio la corrente elettrica, al contrario della parte grassa che conduce invece poco. L impedenziometria rileva la resistenza e la reattanza, grazie a speciali formule risale poi al livello di idratazione del soggetto, alla sua massa grassa ed alla sua massa magra. La corrente, a bassa frequenza e ad alta intensità, attraversa tutto il corpo viene emessa dagli elettrodi di riferimento per poi essere captata dagli elettrodi sensori che ne elaborano i dati finali. Il soggetto resta sdraiato senza sentire niente, con gli elettrodi sulle mani e sui piedi. 15

16 Si tratta di un metodo che per essere attendibile necessita di uno strumento di buona qualità ed in questo caso abbastanza costoso. Rimane sempre un certo margine di errore dovuto allo stato di idratazione della persona testata che può far variare enormemente il risultato (disidratazione = sovrastima il risultato, iper-idratazione = sottostima il risultato). La pesata idrostatica Questo è un metodo attendibile ma molto complesso per il quale necessita un attrezzatura di non facile reperibilità. La pesta idrostatica misura la composizione corporea partendo dalla sua densità (rapporto tra massa corporea e volume del corpo). Massa magra e massa grassa hanno infatti differente densità, e queste possono essere collegate alla densità totale del corpo mediante equazioni matematiche. La massa corporea è data dal rapporto fra peso corporeo ed accelerazione di gravità. Il volume corporeo si ottiene dalla misura del peso corporeo immerso in acqua. Infatti, la differenza tra il peso fuori dall acqua e quello in acqua equivale alla spinta di Archimede, cioè al peso del liquido spostato dal corpo. Tale quantità divisa per la densità dell acqua e per l accelerazione di gravità fornisce il volume corporeo. Ricavata la densità totale si calcola la percentuale di grasso mediante altre equazioni. Percentuali di massa grassa di riferimento Questi sono i valori di riferimento grazie ai quali possiamo inserire un soggetto in una categoria a seconda della sua percentuale di massa grassa. Categorie Uomini Donne Grasso essenziale Atleta Praticante Fitness Rischio potenziale Obeso > 25.0 >

17 Body Mass Index o Indice di Massa Corporea Il BMI non serve a stimare percentualmente la massa magra e quella grassa. Si tratta di un indice di riferimento dato dal rapporto tra peso ed altezza di un soggetto. Questo è un metodo che non tiene conto dell eventuale peso dovuto ad una grande massa muscolare o ad una struttura ossea molto pesante, quindi non sempre preciso. La sua utilità sta nel poter molto facilmente e velocemente classificare un soggetto senza nemmeno dover prendere direttamente delle misure. IMC/BMI = peso/altezza2 Esempio: 70kg/1,84*1,84 = 20.7 Valori Dell Indice di Massa Corporea relativi alla popolazione Italiana Categorie Uomini Donne Sottopeso <20 <18.7 Normale Soprappeso Obesità moderata Obesità grave >40 >40 WHR o rapporto vita fianchi Si tratta di un altro test semplice e veloce che ci dà un idea precisa della distribuzione corporea del tessuto adiposo e del potenziale rischio cui è sottoposto un soggetto che ha dei valori troppo alti. Le misure vanno prese nel punto più stretto della vita ed in quello più largo dei fianchi. La circonferenza vita non dovrebbe superare i 102 cm negli uomini e gli 88 cm nelle donne. Il rapporto vita/fianchi invece dovrebbe essere inferiore a 0,95 per gli uomini e 0,8 nelle donne. Comparando i risultati dell BMI con il WHR abbiamo la possibilità di stimare il rischio di contrarre ipertensione, diabete e problemi cardiovascolari. 17

18 Indice di rischio malattie collegate all obesità Categorie IMC Uomini < 102 Donne < 88 Sottopeso < 18.5 Normale Soprappeso Aumentato Obesità lieve Alto Obesità moderata Molto alto Obesità grave >40 Estremamente alto Come calcolare il peso ideale Abbiamo la possibilità di utilizzare alcune formule per la stima di quello che dovrebbe essere il peso corporeo ideale. Le prime tre (Lorenz, Broca e Wan Der Vael) tengono conto solo dei valori di peso ed altezza. L ultima, la più attendibile, valuta il peso ideale tenendo conto della percentuale di massa grassa precedentemente rilevata. Formula di Lorenz Non tiene conto né dell età né della struttura scheletrica, ma risulta quasi sempre abbastanza attendibile. Uomo Donna P = (S-100)-[(S-150)/4] P = (S-100)-[(S-150)/2] Formula di Broca Molto semplice ma tendenzialmente portata a sovrastimare il risultato. Uomo P = S-100 Donna P = S-104 Formula di Wan der Vael Molto simile a quella di Lorenz. Uomo P = (S-150) x Donna P = (S-150) x S = altezza in centimetri 18

19 Peso corporeo ideale in basa alla massa grassa Per calcolare in maniera attendibile il peso ideale è indispensabile essere risaliti prima alla percentuale di massa grassa. In questo caso dovremmo prima risalire al peso effettivo della massa grassa, poi a quello della massa magra ed infine a quello desiderato nel seguente modo. Massa magra Peso corporeo ideale = ( % MG) x peso corporeo = MM / ( % MG desiderata) Con questa semplice equazione abbiamo modo di risalire al peso della parte grassa, della parte magra ed quanti chili perdere per arrivare al peso desiderato conoscendo semplicemente la percentuale di massa grassa. Facciamo l esempio di un soggetto di 80 kg, con il 30% di massa grassa. Il suo primo obbiettivo è di arrivare al 25%. Massa magra = ( ) x 80 =56 kg Peso corporeo ideale = 56 kg / ( % 0.25 ) =74 kg Peso da perdere = 80 kg 74 kg =6 kg LA VALUTAZIONE DELLA MASSIMA CAPACITA AEROBICA L esigenza di valutare i parametri funzionale di un individuo (aerobici, anaerobici e di flessibilità) risiede nella necessità di acquisire determinati dati prima dell elaborazione di un programma di allenamento personalizzato. La valutazione funzionale aiuta a stimare, con specifici protocolli, il livello funzionale espresso dalla capacità che stiamo testando, quindi indirettamente anche lo stato di forma di una persona. Le valutazioni possono essere ripetute periodicamente per monitorare nel tempo i miglioramenti acquisiti con l allenamento con due effetti molto importanti. Uno è la motivazione che il soggetto riceve da un risultato migliore, anche se questo non riguarda 19

20 un suo specifico obbiettivo ma è solo legato al suo stare bene. L altro è un attendibile feed back che il tecnico riesce ad avere sull efficacia di un programma di allenamento (avvicinamento ai risultati = programmazione corretta, nessun miglioramento = necessità di correggere il programma di allenamento). I test possono avvalersi di metodi diretti od indiretti ed essere massimali o submassimali. L ergometro che meglio si presta all esecuzione del test è senza dubbio il tappeto. Questo sia perché è quello su cui si sono registrati i valori più elevati di VO 2 (+10-15%), sia perché, essendo il VO 2 max specificamente correlato al gesto atletico, si avvale del gesto più universalmente praticato da tutti. L unica controindicazione è per gli atleti, per i quali il test deve essere effettuato con ergometri specifici a seconda dello sport praticato (vista l alta correlazione del VO 2 max con il gesto tecnico abitualmente praticato). Un ciclista che esegue un test sul tappeto avrebbe sicuramente un risultato inattendibile. Prima dell elencazione dei principali test è indispensabile valutare le caratteristiche che questi devono possedere ed introdurre due parametri: Il massimo consumo di ossigeno (VO 2 max) e la frequenza cardiaca massima (FC max). Prenderemo in considerazione anche l utilizzo della scala di Borg e del Talk test come strumenti a disposizione del tecnico. Caratteristiche del test I test di nostro utilizzo si possono dividere in antropometrici e funzionali, dove nel primo caso siamo a valutare una parte fisica o anatomica del corpo del soggetto (come la massa grassa), nel secondo caso il suo livello funzionale di una specifica capacità condizionale. Quale che sia il dato che vogliamo rilevare è importante che il test che effettuiamo abbia le seguenti caratteristiche. Oggettività significa seguire scrupolosamente ogni volta che si ripete il test il suo protocollo affinché da una misurazione all altra differenti criteri non falsino il risultato. Validità è il rapporto che abbiamo tra la prova che svolgiamo e l effettivo valore che vogliamo rilevare 20

21 Attendibilità si riferisce al grado di precisione con cui vengono effettuate le misurazioni Ripetibilità deve naturalmente essere una prova che possiamo ripetere nel tempo per monitorare l andamento del valore testato Naturalmente noi dovremo esimerci dal praticare test massimali che prevedono l utilizzo di apparecchiature mediche. Questi non vanno fatti su persone con problemi cardiaci, metabolici, polmonari, nel caso di soggetti molto sedentari, o nel caso di qualsiasi complicanza possa risultare pericolosa. Di seguito altre importanti caratteristiche che il test deve possedere per essere attendibile e sicuro. Il soggetto non deve aver assunto nelle ore precedenti il test caffeina, cibo, non deve aver fumato e non deve trovarsi in una condizione di affaticamento. L esercizio oggetto della valutazione deve essere conosciuto ed eseguito correttamente. L ambiente dove si svolge il test non dovrebbe superare i 22 ed un umidità superiore al 60% Prima dell inizio del test il soggetto deve aver praticato minuti di riscaldamento a bassa intensità L intensità dell esercizio deve essere aumentata gradualmente Vanno rispettate le controindicazione all esecuzione del test Non svolgere il test se in dubbio sulla sua pericolosità Interrompere il test in caso di sforzo eccessivo, di risposta anomala dei parametri osservati o nel caso lo richieda il soggetto Monitorare costantemente la FC, la percezione dello sforzo (Borg, talk test) e l aspetto del soggetto (pallore, cianosi, eccessiva sudorazione, difficoltà nella coordinazione, respirazione troppo affannata) Mantenere sotto controllo il soggetto sottoposto al test almeno per i successivi 5-10 minuti dalla fine della prova, continuando a monitorare la FC e la percezione dello sforzo Il soggetto non deve mai essere lasciato solo durante il test 21

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc.

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc. La Training Guide CrossFit è un insieme di articoli del CrossFit Journal, scritti negli ultimi 10 anni principalmente dall allenatore Greg Glassman sui movimenti e i concetti fondamentali alla base del

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli