GINNASTICA AEROBICA. Prof. Samuele Marchese. Dispensa di studio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GINNASTICA AEROBICA. Prof. Samuele Marchese. Dispensa di studio"

Transcript

1 GINNASTICA AEROBICA Prof. Samuele Marchese Dispensa di studio Corso di laurea Attività Preventive ed Adattate della facoltà di Scienze Motorie dell Università di Perugia 1

2 Adattamenti a livello CARDIOVASCOLARE Adattamento ed aggiustamento Fattori centrali e fattori periferici Adattamenti a livello polmonare Adattamenti a livello cardiaco Adattamenti sistema circolatorio Adattamenti del sistema muscolare Adattamenti metabolici INDICE LA COMPOSIZIONE CORPOREA Androide Ginoide Massa magra e massa grassa Grasso primario e grasso di deposito Allenamento e calo ponderale Il bilancio calorico LA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA La plicometria I punti di repere Quando leggere lo strumento Regole e limiti Centimetria Bioimpedenziometria La pesata idrostatica Percentuali massa grassa di riferimento Body Mass Index o Indice di Massa Corporea WHR o rapporto vita fianchi Come calcolare il peso ideale LA VALUTAZIONE DELLA MASSIMA CAPACITA AEROBICA Caratteristiche del test La frequenza cardiaca IL VO2 max La scala di Borg Il talk test Metodi diretti Metodi indiretti Metodi indiretti submassimali Test indiretti massimali 2

3 L'ALLENAMENTO AEROBICO I principi dell'allenamento aerobico Carico interno e carico esterno Principali metodi di allenamento cardiovascolare IL QUESTIONARIO SPORTIVO I fattori di rischio Linee guida ACSM Caratteristiche del programma di allenamento CARATTERISTICHE DEI PRINCIPALI ATTREZZI CARDIOVASCOLARI Tappeto Bike Step Armoergometro Vogatore Ergometro a movimento ellittico Wave FITNESS SU BASE MUSICALE Attività di tonificazione Attività aerobiche Attività a basso impatto IL LAVORO DI FORZA Benefici del lavoro di forza Alcune parole importanti Principi dell'allenamento della forza Linee guida dell'allenamento della forza Gli adattamenti del lavoro di forza Adattamenti in funzione del movimento Differenti tipi di forza LA VALUTAZIONE DELLA FORZA Metodo diretto massimale Metodo indiretto submassimale Metodo diretto submassimale PROGRESSIONE E PERIODIZZAZIONE DELL'ALLENAMENTO DELLA FORZA Warm up e cool down Tipologie di esercizi I dolori muscolari 3

4 Metodi di intensificazione dell'allenamento LINEE GUIDA PER L'ATTIVITA' FISICA L'attività fisica nell'obesità L'attività fisica nell'anziano L'attività fisica nell'osteoporosi 4

5 ADATTAMENTI A LIVELLO CARDIOVASCOLARE Nel 1996 il Surgeon General s Report classifica l inattività fisica come il maggiore fattore di rischio per la possibilità di contrarre malattie cardiovascolari. Questa risulta avere un peso maggiore addirittura del fumo, dell ipercolesterolemia e dell ipertensione. Considerando poi che il colesterolo e la pressione risentono molto favorevolmente della pratica dell attività fisica, risulta evidente che questa acquisisce un ruolo estremamente importante nella vita di tutti. Da qui in avanti l attività fisica assume un ruolo paragonabile ad un nuovo, potentissimo farmaco senza effetti collaterali. Adattamento ed aggiustamento Nel valutare cosa succede a livello cardiovascolare durante e dopo ad un allenamento possiamo dividere in due categorie i cambiamenti della funzionalità di un organismo a seconda che siano più o meno persistenti. L Aggiustamento è una modificazione a rapida insorgenza ma temporanea che avviene in conseguenza di un esercizio. Per esempio, quando si inizia un allenamento la frequenza cardiaca (FC) incrementa a seconda dell intensità dallo sforzo, così come la temperatura corporea e la frequenza respiratoria. L Adattamento è una modificazione della funzione o della struttura di uno o più organi come effetto di una serie di stimoli (allenamenti) ripetuti nel tempo. Per esempio, dopo un serie di allenamenti aerobici correttamente programmati, la pressione arteriosa si abbassa come anche la FC minima per effetto di una aumentata gittata sistolica. Il risultato dell allenamento ripetuto non è altro che una serie di adattamenti che portano ad un miglioramento funzionale di un individuo. Fattori centrali e fattori periferici Gli effetti benefici dell allenamento riguardano sia il sistema di trasporto che il sistema di utilizzo dell ossigeno. Possiamo quindi distinguere in due principali categorie questi miglioramenti fisiologici. 5

6 Fattori centrali: Fattori periferici: Apparato circolatorio, cuore, polmoni. Sono responsabili del trasporto dell ossigeno. Fibre muscolari, rete capillare. Sono responsabili dell utilizzo dell ossigeno Adattamenti a livello polmonare L allenamento porta ad un miglioramento della ventilazione polmonare, con un aumento della frequenza e della profondità degli atti respiratori. L aumento di questi diminuisce la frequenza respiratoria sotto sforzo. La ventilazione massimale risulta aumentata. Adattamenti a livello cardiaco Si assiste ad un aumento del volume globale del muscolo cardiaco e ad un miglioramento della sua vascolarizzazione. Aumenta la gittata sistolica e conseguentemente la gittata cardiaca, a riposo e sotto sforzo, con una diminuzione della FC minima ed una FC di lavoro, a parità di carico, più bassa. Aumenta la forza di contrazione del muscolo cardiaco. Adattamenti sistema circolatorio Si assiste ad un aumento del volume ematico e della quantità totale di emoglobina. Il profilo lipidico del sangue migliora riducendo il colesterolo LDL, o cattivo ed i trigliceridi, a favore di un aumento del colesterolo HDL, o buono. Questo permette di ridurre il rischio di danni cardiovascolari. Adattamenti del sistema muscolare L allenamento aerobico aumenta la vascolarizzazione del muscolo per effetto dell aumento della rete capillare. Ciò comporta un abbassamento delle resistenze periferiche ed una conseguente diminuzione della pressione arteriosa. A livello delle fibre muscolari aumentano gli enzimi ossidativi ed i mitocondri (miglioramento della biochimica cellulare), con un miglioramento dell utilizzo dell ossigeno cui beneficia anche il VO 2 max. 6

7 Adattamenti metabolici Durante l allenamento il metabolismo viene incrementato e conseguentemente aumenta il consumo calorico. Questo aumento, al contrario di ciò che accade nell attività anaerobica, si protrae per poco tempo (2-3 ore) dalla fine dell esercizio, ma comunque favorisce il consumo dei depositi adiposi, tende a portare in passivo il bilancio calorico ed evita la perdita di massa magra nei muscoli interessati dall attività (in certi casi può addirittura aumentarla). L allenamento porta anche a dei benefici psicologici agendo come valvola di sfogo e diminuendo lo stress e le ansie della vita di tutti i giorni. Migliora inoltre la composizione corporea gratificando e motivando il soggetto. Stimola la produzione di endorfine note per il loro effetto euforizzante. Migliora la capacità volitiva. LA COMPOSIZIONE CORPOREA I test per la valutazione della composizione corporea sono uno strumento indispensabile a disposizione del tecnico per avere una reale valutazione della quantità di accumulo adiposo in una persona. Questi non solo possono dirci con sicurezza (al contrario della semplice bilancia) se una persona è in soprappeso o meno, ma possono anche darci un riscontro oggettivo che consente di quantificare questo soprappeso, ci permettono di monitorare con precisione i risultati che stiamo ottenendo e ci danno un idea più precisa su alcuni eventuali fattori di rischio. Occorre anzitutto avere presente le due tipiche forme di accumulo del grasso: quella androide (anche detta a mela ) e quella ginoide (detta a pera ). Queste sono contraddistinte da importanti differenze. 7

8 Androide La zona di accumulo è localizzata a livello della cintura addominale. Questo tipo di accumulo è correlato, al di sopra di certi valori ad un maggior rischio di patologie cardiovascolari. Tipicamente maschile, ma riscontrabile anche sulla donna, in genere non presenta grandi difficoltà nel trattamento finalizzato al dimagrimento, con la possibilità di raggiungere buoni risultati con relativa facilità. Ginoide In questo caso la zona di accumulo sono i fianchi e la parte prossimale della coscia. Non ci sono correlazioni statistiche legate a particolari rischi cardiovascolari, se non quelli normali caratterizzati dal soprappeso. Questa forma di accumulo è più tipica della donna, anche se in rari casi anche si manifesta anche negli uomini e si dimostra più resistente ai programmi finalizzati al calo ponderale. Massa magra e massa grassa Sono le due componenti di base in cui si scompone il corpo umano quando se ne valuta la composizione corporea. La massa magra è costituita da tutto il tessuto metabolicamente attivo, la struttura ossea, muscolo-tendinea e tutti gli organi del corpo. La massa grassa è costituita solo ed unicamente dal grasso di deposito. Grasso primario e grasso di deposito Al di là di quelli che possono essere gli obbiettivi estetici di una persona non dobbiamo dimenticarci che non è possibile, a rischio di compromettere la nostra salute, scendere sotto alcuni valori percentuali di massa grassa. Il grasso infatti ha anche un importante ruolo funzionale. Organi come cervello, reni e fegato ne sono in parte costituiti. Provare ad intaccare questa tipologia di grasso è un obiettivo particolarmente difficoltoso da raggiungere e sarebbe tuttavia un grave attentato alla salute di una persona. In questo caso si parla di grasso primario. Diverso il discorso riguardante il grasso di deposito ovvero quello che accumuliamo in maniera variabile, da persona a persona, a seconda del nostro stile di vita. Questo costituisce infatti una riserva quantificabile e sulla quale abbiamo ampio margine di intervento (3500kcal corrispondono a circa 450g di grasso). 8

9 Allenamento e calo ponderale Questi sono i punti dichiarati dall ACSM che un programma per il calo ponderale deve avere per essere efficace. 1. deve fornire un introito calorico non inferiore alle 1200 kcal quotidiane in soggetti adulti normali in modo tale da conservare una corretta varietà di cibi indispensabile per le richieste nutritive. 2. fornisca cibi accettabili dal soggetto in questione in termini di abitudini, gusti, costi, facilità di acquisto, preparazione e di retroterra socio-culturale. 3. determini una negatività nel bilancio calorico non superiore alle kcal al giorno (rispetto al fabbisogno) e si traduca in una perdita di peso graduale non superiore ad 1 kg alla settimana. 4. comprenda un programma di esercizi aerobici da eseguirsi minimo 3 volte alla settimana, della durata minima di minuti e di un intensità pari al 65%della FC max. 5. comprenda tecniche di modificazione del comportamento finalizzata ad identificare ed eliminare le abitudini alimentare errate 6. garantisca che le nuove abitudini alimentari vengano conservate per tutta la vita American College of Sports Medicine Recenti studi dimostrano che il soprappeso si manifesta non tanto per un eccesso calorico quanto per una spesa calorica giornaliera troppo bassa. Fondamentale quindi il nostro ruolo nel cercare di costruire un programma di allenamento che non rispecchi solo i requisiti minimi, ma che porti al raggiungimento di un benessere fisico totale lavorando non soltanto la Resistenza ma anche la Forza e la Flessibilità ed educando il nostro allievo al movimento. Il bilancio calorico Anche chiamata bilancia calorica spiega semplicemente come viene ad essere influenzato il rapporto tra massa magra e massa grassa considerando due variabili fondamentali: l introito calorico (quante calorie assumiamo) e la spesa calorica (quante calorie consumiamo) su base giornaliera. 9

10 Possiamo semplificare il concetto spiegando che il bilancio calorico è rappresentato dalla differenza tra le calorie assunte e quelle consumate. Se è in attivo (ne introduco più di quelle che consumo) ci sarà un accumulo di grasso. Se è in passivo (ne consumo più di quelle che introduco) ci sarà una mobilitazione dei grassi di deposito. Se è neutra (ne consumo quante ne introduco) la percentuale di massa grassa non subirà sostanziali modificazioni. L esperienza insegna che non è sempre tutto così semplice. Molto dipende dalla fonte alimentare da cui arrivano le calorie. Infatti, assumere con l alimentazione 1500 kcal di carboidrati (o meglio prevalentemente da carboidrati) è decisamente differente che assumere 1500 kcal di proteine, a parità di spesa calorica (1500 kcal). Questo esempio, ovviamente, rappresenta due casi-limite, utili solo alla comprensione del concetto. Far perdere massa grassa ad un soggetto (e non semplicemente peso corporeo) in certi casi può essere enormemente difficile. Bisogna infatti tener conto anche di altri fattori come: predisposizione genetica all accumulo ed al dimagrimento, tipologia della forma di accumulo e fattori psicologici del soggetto (questi ultimi rappresentano una caratteristica molto importante e delicata sulla quale non abbiamo alcuna possibilità di influenza). Bisogna anche considerare che nel caso di diete drastiche o addirittura del digiuno, la perdita di peso avviene principalmente per la perdita di acque e di tessuto magro. Cosa che rappresenta un netto pericolo per la salute ed un peggioramento delle capacità funzionali di un individuo, al contrario di quello che avviene quando il bilancio calorico viene portato in negativo da una leggera diminuzione dell introito calorico e in maniera più importante dall aumentato consumo giornaliero indotto dalla pratica di attività fisica. 10

11 I TEST PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPOSIZIONE CORPOREA Come abbiamo visto in precedenza il nostro corpo è schematicamente scindibile in due parti. Quella magra e quella grassa. Rimane di interesse da parte del tecnico conoscere il rapporto che c è tra queste per avere la possibilità di fare una serie di valutazioni preliminari come, nel caso, quanti chili cercare di perdere o guadagnare con l allenamento. Pesare tutto il corpo su una bilancia, senza poter scindere la componente magra da quella grassa, non può dare un riferimento attendibile riguardo il solo parametro della massa grassa. Noi stiamo pesando tutto il corpo, non i due elementi che lo compongono. In questo modo inoltre prestiamo il fianco ad un altra serie di inesattezze. L orario della giornata in cui ci pesiamo infatti può far variare anche di parecchio il risultato, lo stato di idratazione anche, idem per la presenza di urine e feci. La bilancia và intesa come uno strumento di misurazione con i suoi limiti, salirci sopra è un vero e proprio test, e come tale deve averne le caratteristiche. Il peso corporeo resta un parametro da utilizzare ma, per essere attendibile, deve essere affiancato da altre misurazioni. Bisogna comunque sempre ricordare che praticamente tutti i test da noi utilizzabili mantengono una percentuale di errore. A mio avviso è importante scegliere e specializzarsi nell uso di un test da campo con il minor margine di errore possibile, e ripeterlo seguendo scrupolosamente il protocollo in modo tale da avere sempre un valido dato comparativo per le successive misurazioni. I test per la misurazione della composizione corporea si dividono in: Metodica chimica diretta che può essere effettuata solo su cadaveri e consiste nella separazione anatomica della parte grassa da quella magra o nello scioglimento del corpo in acidi dai quali poi si risale alle due componenti. Metodica indiretta sono tutti i metodi più o meno conosciuti ed attendibili, parte dei quali verranno elencati di seguito che si basano sulla elaborazione delle misure di alcune parti del corpo alle quali applicare speciali formule e tabelle comparative. 11

12 La plicometria Questo rappresenta uno dei test da campo più utilizzati, con un basso margine di errore (anche se molto dipende dalla manualità dell operatore), e dai costi più bassi. Il plicometro deve essere visto come uno strumento di precisione e deve possedere una serie di caratteristiche. esercitare una pressione costante (10gr/mm 2 ) su tutto il raggio di apertura; essere munito di una vite per il registro della stessa (le molle che esercitano la compressione con il tempo tendono perdere il loro potere elastico quindi lo strumento và periodicamente tarato). essere munito di un display analogico o digitale per la lettura precisa del dato. Mi sento di sconsigliare l utilizzo di plicometri di plastica per le loro scarse caratteristiche qualitative (un test fatto male non serve a nulla...). I punti di repere Come detto l abilità dell operatore che effettua il test è di fondamentale importanza. Spesso accade che due operatori che prendono le pliche al medesimo soggetto abbiano due risultati differenti. L importante e che il protocollo che un operatore segue sia sempre scrupolosamente ripetuto ad ogni test. La misurazione anatomica dello spessore delle pliche di grasso avviene in precisi punti, detti punti di repere, che possono cambiare a seconda della formula che si applica per il calcolo percentuale della massa grassa. 12

13 I principali punti di repere per l uomo sono: pettorale in diagonale, lungo il decorso del muscolo a livello del cavo ascellare addominale in verticale, tre centimetri lateralmente all ombelico quadricipitale in verticale, a metà tra l origine del retto femorale e l inserzione sulla rotula I principali punti di repere per la donna sono: tricipitale in verticale, a metà tra l acromion e l olecrano sovrailiaca in verticale, a livello della spina iliaca antero-superiore quadricipitale in verticale, a metà tra l origine del retto femorale e l inserzione sulla rotula A queste si possono aggiungere: poplitea in verticale, a metà della gamba, in posizione laterale scapolare in verticale, a livello dell angolo inferiore della scapola ascella media in orizzontale Sommando il risultato delle pliche e applicando la formula desiderata si può risalire alla percentuale di massa grassa. Quando leggere lo strumento La compressione esercitata dal plicometro tende a schiacciare progressivamente lo strato di grasso modificando il dato. Uno studio dimostra che il 70% della compressione esercitata dal plicometro in 60 avviene nei primi 4. Ne consegue che nei primi 4 vedono un rapido modificarsi del dato. Consiglio di attendere che il plicometro si stabilizzi per poter prendere un dato più attendibile possibile (anche se in questo modo sarà leggermente falsato dal fenomeno della compressione). La lettura del dato dovrà quindi avvenire immediatamente dopo il 4 secondo. Regole e limiti Misurare ogni plica per tre volte e fare la media dei valori ottenuti 13

14 Le misure devono essere sempre prese sullo stesso lato del corpo Identificare con la massima precisione il punto da misurare Contrassegnare il punto da misurare con una matita dermografica Sincerarsi di aver preso con le dita tutto il tessuto adiposo escludendo quello muscolare Il più grande limite della plicometria è che la sua precisione è inversamente proporzionale alla massa grassa di un soggetto. Più una persona è in soprappeso e più questo metodo diventa, oltre che sgradevole, impreciso nel risultato. Nel caso si debba valutare la composizione corporea di un soggetto in netto soprappeso consiglio l attuazione di un altro test. Formule Le formule per il calcolo della percentuale di massa grassa sono un centinaio. Quella più usata in assoluto è stata elaborata da Jackson & Pollock nel 1985 che permette il calcolo con una minore percentuale di errore per la maggior parte della popolazione. Ne esiste una da applicare a solo tre pliche ed una a sette pliche. Tre pliche Uomo: pettorale, addominale, quadricipitale Donna: tricipitale, sovrailiaca, quadricipitale Uomini ( * S) + ( * S 2 ) ( * ETÀ) Donne ( * S) + ( * S 2 ) ( * ETÀ) Sette pliche Uomo e Donna: pettorale, sottoscapolare, ascella media, tricipitale, addominale, sovrailiaca, quadricipitale Uomini ( *S) + ( * S 2 ) ( *ETÀ) Donne ( *S) + ( * S 2 ) ( *ETÀ) S = somma delle pliche rilevate S 2 = S al quadrato 14

15 Centimetria Anche questo è un test da campo molto diffuso, economico e dalla facile attuazione. A differenza della plicometria risulta adatto a persone con un consistente accumulo di grasso ma risulta piuttosto impreciso nel caso di persone che hanno invece basse percentuali. La misurazione delle circonferenze deve avvenire in determinati distretti corporei, con la muscolatura rilassata, usando un metro da sarto ed avendo cura di non comprimere con il metro il distretto che si sta misurando. Anche in questo caso suggerisco di prendere tre rilievi e fare la media dei valori ottenuti. I segmenti dove si prende la misura sono: Braccio a metà tra acromion ed olecrano Addome a metà tra la cresta iliaca e l ultima costa Anche nel punto di maggiore circonferenza Torace a metà dello sterno in posizione di massima inspirazione, massima espirazione e neutro Coscia subito sotto la piega del gluteo Polpaccio nel punto di massima circonferenza I valori delle misurazioni si devono convertire con un apposita tabella e con una semplice formula si può risalire alla percentuale di massa grassa. Bioimpedenziometria L impedenziometria è un altro metodo abbastanza utilizzato per il calcolo della composizione corporea. Questo si basa sul principio che la parte magra, essendo più ricca di liquidi, conduce molto meglio la corrente elettrica, al contrario della parte grassa che conduce invece poco. L impedenziometria rileva la resistenza e la reattanza, grazie a speciali formule risale poi al livello di idratazione del soggetto, alla sua massa grassa ed alla sua massa magra. La corrente, a bassa frequenza e ad alta intensità, attraversa tutto il corpo viene emessa dagli elettrodi di riferimento per poi essere captata dagli elettrodi sensori che ne elaborano i dati finali. Il soggetto resta sdraiato senza sentire niente, con gli elettrodi sulle mani e sui piedi. 15

16 Si tratta di un metodo che per essere attendibile necessita di uno strumento di buona qualità ed in questo caso abbastanza costoso. Rimane sempre un certo margine di errore dovuto allo stato di idratazione della persona testata che può far variare enormemente il risultato (disidratazione = sovrastima il risultato, iper-idratazione = sottostima il risultato). La pesata idrostatica Questo è un metodo attendibile ma molto complesso per il quale necessita un attrezzatura di non facile reperibilità. La pesta idrostatica misura la composizione corporea partendo dalla sua densità (rapporto tra massa corporea e volume del corpo). Massa magra e massa grassa hanno infatti differente densità, e queste possono essere collegate alla densità totale del corpo mediante equazioni matematiche. La massa corporea è data dal rapporto fra peso corporeo ed accelerazione di gravità. Il volume corporeo si ottiene dalla misura del peso corporeo immerso in acqua. Infatti, la differenza tra il peso fuori dall acqua e quello in acqua equivale alla spinta di Archimede, cioè al peso del liquido spostato dal corpo. Tale quantità divisa per la densità dell acqua e per l accelerazione di gravità fornisce il volume corporeo. Ricavata la densità totale si calcola la percentuale di grasso mediante altre equazioni. Percentuali di massa grassa di riferimento Questi sono i valori di riferimento grazie ai quali possiamo inserire un soggetto in una categoria a seconda della sua percentuale di massa grassa. Categorie Uomini Donne Grasso essenziale Atleta Praticante Fitness Rischio potenziale Obeso > 25.0 >

17 Body Mass Index o Indice di Massa Corporea Il BMI non serve a stimare percentualmente la massa magra e quella grassa. Si tratta di un indice di riferimento dato dal rapporto tra peso ed altezza di un soggetto. Questo è un metodo che non tiene conto dell eventuale peso dovuto ad una grande massa muscolare o ad una struttura ossea molto pesante, quindi non sempre preciso. La sua utilità sta nel poter molto facilmente e velocemente classificare un soggetto senza nemmeno dover prendere direttamente delle misure. IMC/BMI = peso/altezza2 Esempio: 70kg/1,84*1,84 = 20.7 Valori Dell Indice di Massa Corporea relativi alla popolazione Italiana Categorie Uomini Donne Sottopeso <20 <18.7 Normale Soprappeso Obesità moderata Obesità grave >40 >40 WHR o rapporto vita fianchi Si tratta di un altro test semplice e veloce che ci dà un idea precisa della distribuzione corporea del tessuto adiposo e del potenziale rischio cui è sottoposto un soggetto che ha dei valori troppo alti. Le misure vanno prese nel punto più stretto della vita ed in quello più largo dei fianchi. La circonferenza vita non dovrebbe superare i 102 cm negli uomini e gli 88 cm nelle donne. Il rapporto vita/fianchi invece dovrebbe essere inferiore a 0,95 per gli uomini e 0,8 nelle donne. Comparando i risultati dell BMI con il WHR abbiamo la possibilità di stimare il rischio di contrarre ipertensione, diabete e problemi cardiovascolari. 17

18 Indice di rischio malattie collegate all obesità Categorie IMC Uomini < 102 Donne < 88 Sottopeso < 18.5 Normale Soprappeso Aumentato Obesità lieve Alto Obesità moderata Molto alto Obesità grave >40 Estremamente alto Come calcolare il peso ideale Abbiamo la possibilità di utilizzare alcune formule per la stima di quello che dovrebbe essere il peso corporeo ideale. Le prime tre (Lorenz, Broca e Wan Der Vael) tengono conto solo dei valori di peso ed altezza. L ultima, la più attendibile, valuta il peso ideale tenendo conto della percentuale di massa grassa precedentemente rilevata. Formula di Lorenz Non tiene conto né dell età né della struttura scheletrica, ma risulta quasi sempre abbastanza attendibile. Uomo Donna P = (S-100)-[(S-150)/4] P = (S-100)-[(S-150)/2] Formula di Broca Molto semplice ma tendenzialmente portata a sovrastimare il risultato. Uomo P = S-100 Donna P = S-104 Formula di Wan der Vael Molto simile a quella di Lorenz. Uomo P = (S-150) x Donna P = (S-150) x S = altezza in centimetri 18

19 Peso corporeo ideale in basa alla massa grassa Per calcolare in maniera attendibile il peso ideale è indispensabile essere risaliti prima alla percentuale di massa grassa. In questo caso dovremmo prima risalire al peso effettivo della massa grassa, poi a quello della massa magra ed infine a quello desiderato nel seguente modo. Massa magra Peso corporeo ideale = ( % MG) x peso corporeo = MM / ( % MG desiderata) Con questa semplice equazione abbiamo modo di risalire al peso della parte grassa, della parte magra ed quanti chili perdere per arrivare al peso desiderato conoscendo semplicemente la percentuale di massa grassa. Facciamo l esempio di un soggetto di 80 kg, con il 30% di massa grassa. Il suo primo obbiettivo è di arrivare al 25%. Massa magra = ( ) x 80 =56 kg Peso corporeo ideale = 56 kg / ( % 0.25 ) =74 kg Peso da perdere = 80 kg 74 kg =6 kg LA VALUTAZIONE DELLA MASSIMA CAPACITA AEROBICA L esigenza di valutare i parametri funzionale di un individuo (aerobici, anaerobici e di flessibilità) risiede nella necessità di acquisire determinati dati prima dell elaborazione di un programma di allenamento personalizzato. La valutazione funzionale aiuta a stimare, con specifici protocolli, il livello funzionale espresso dalla capacità che stiamo testando, quindi indirettamente anche lo stato di forma di una persona. Le valutazioni possono essere ripetute periodicamente per monitorare nel tempo i miglioramenti acquisiti con l allenamento con due effetti molto importanti. Uno è la motivazione che il soggetto riceve da un risultato migliore, anche se questo non riguarda 19

20 un suo specifico obbiettivo ma è solo legato al suo stare bene. L altro è un attendibile feed back che il tecnico riesce ad avere sull efficacia di un programma di allenamento (avvicinamento ai risultati = programmazione corretta, nessun miglioramento = necessità di correggere il programma di allenamento). I test possono avvalersi di metodi diretti od indiretti ed essere massimali o submassimali. L ergometro che meglio si presta all esecuzione del test è senza dubbio il tappeto. Questo sia perché è quello su cui si sono registrati i valori più elevati di VO 2 (+10-15%), sia perché, essendo il VO 2 max specificamente correlato al gesto atletico, si avvale del gesto più universalmente praticato da tutti. L unica controindicazione è per gli atleti, per i quali il test deve essere effettuato con ergometri specifici a seconda dello sport praticato (vista l alta correlazione del VO 2 max con il gesto tecnico abitualmente praticato). Un ciclista che esegue un test sul tappeto avrebbe sicuramente un risultato inattendibile. Prima dell elencazione dei principali test è indispensabile valutare le caratteristiche che questi devono possedere ed introdurre due parametri: Il massimo consumo di ossigeno (VO 2 max) e la frequenza cardiaca massima (FC max). Prenderemo in considerazione anche l utilizzo della scala di Borg e del Talk test come strumenti a disposizione del tecnico. Caratteristiche del test I test di nostro utilizzo si possono dividere in antropometrici e funzionali, dove nel primo caso siamo a valutare una parte fisica o anatomica del corpo del soggetto (come la massa grassa), nel secondo caso il suo livello funzionale di una specifica capacità condizionale. Quale che sia il dato che vogliamo rilevare è importante che il test che effettuiamo abbia le seguenti caratteristiche. Oggettività significa seguire scrupolosamente ogni volta che si ripete il test il suo protocollo affinché da una misurazione all altra differenti criteri non falsino il risultato. Validità è il rapporto che abbiamo tra la prova che svolgiamo e l effettivo valore che vogliamo rilevare 20

21 Attendibilità si riferisce al grado di precisione con cui vengono effettuate le misurazioni Ripetibilità deve naturalmente essere una prova che possiamo ripetere nel tempo per monitorare l andamento del valore testato Naturalmente noi dovremo esimerci dal praticare test massimali che prevedono l utilizzo di apparecchiature mediche. Questi non vanno fatti su persone con problemi cardiaci, metabolici, polmonari, nel caso di soggetti molto sedentari, o nel caso di qualsiasi complicanza possa risultare pericolosa. Di seguito altre importanti caratteristiche che il test deve possedere per essere attendibile e sicuro. Il soggetto non deve aver assunto nelle ore precedenti il test caffeina, cibo, non deve aver fumato e non deve trovarsi in una condizione di affaticamento. L esercizio oggetto della valutazione deve essere conosciuto ed eseguito correttamente. L ambiente dove si svolge il test non dovrebbe superare i 22 ed un umidità superiore al 60% Prima dell inizio del test il soggetto deve aver praticato minuti di riscaldamento a bassa intensità L intensità dell esercizio deve essere aumentata gradualmente Vanno rispettate le controindicazione all esecuzione del test Non svolgere il test se in dubbio sulla sua pericolosità Interrompere il test in caso di sforzo eccessivo, di risposta anomala dei parametri osservati o nel caso lo richieda il soggetto Monitorare costantemente la FC, la percezione dello sforzo (Borg, talk test) e l aspetto del soggetto (pallore, cianosi, eccessiva sudorazione, difficoltà nella coordinazione, respirazione troppo affannata) Mantenere sotto controllo il soggetto sottoposto al test almeno per i successivi 5-10 minuti dalla fine della prova, continuando a monitorare la FC e la percezione dello sforzo Il soggetto non deve mai essere lasciato solo durante il test 21

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS CALCOLO MASSIMA FREQUENZA CARDIACA Massima frequenza teorica: 220 - età Pregi: facilità operativa, larga diffusione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

LA CORSA Test e mezzi di allenamento

LA CORSA Test e mezzi di allenamento LA CORSA Test e mezzi di allenamento Tecnico FITri Raimondo Mantese 1 Introduzione Intraprendere uno sport multiforme quale il triathlon comporta la necessaria conoscenza delle proprie capacità fisiche.

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI La ginnastica aerobica è praticata da soggetti di età e caratteristiche fisiche differenti, in prevalenza di sesso femminile, sia a scopo esclusivamente ludico sia per

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA RESISTENZA AEROBICA Gli allenamenti per la resistenza aerobica (definita anche resistenza di base o generale), migliorano i fattori fisiologici che stanno alla base delle prestazioni di resistenza: efficienza

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

ATTIVITA' FISICA INDICE E ALIMENTAZIONE. ESEMPIO DI Pag. PROGRAMMA MOTORIO. Testi e commendi a cura di Dr.ssa Francesca Pavan

ATTIVITA' FISICA INDICE E ALIMENTAZIONE. ESEMPIO DI Pag. PROGRAMMA MOTORIO. Testi e commendi a cura di Dr.ssa Francesca Pavan FISICA INDICE FISICA Pag. 1 FISICA Pag. 8 E ALIMENTAZIONE ESEMPIO DI Pag. 9 PROGRAMMA MOTORIO Testi e commendi a cura di Dr.ssa Francesca Pavan Sessione Grafica a cura di Daiana Ormenese Immagini e disegni

Dettagli

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di Il metabolismo Metabolismo basale Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico

Dettagli

Corso Istruttori 2012. La valutazione in atletica leggera

Corso Istruttori 2012. La valutazione in atletica leggera Corso Istruttori 2012 La valutazione in atletica leggera LA VALUTAZIONE IN ED. FISICA Con tale valutazione possiamo avere delle indicazioni sulle caratteristiche dei soggetti che abbiamo di fronte per

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

I TEST ANTROPOMETRICI di D. Ercolessi (PV-SUPERVOLLEY 01-02/2006)

I TEST ANTROPOMETRICI di D. Ercolessi (PV-SUPERVOLLEY 01-02/2006) I TEST ANTROPOMETRICI di D. Ercolessi (PV-SUPERVOLLEY 01-02/2006) Il corpo umano cambia in continuazione, si trasforma, sollecitato dal clima, dall'attività fisica, dall'alimentazione e dal passare delle

Dettagli

. Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) INTENSITA DELL ESERCIZIO E CONSUMO DI OSSIGENO. Fattori limitanti il Massimo Consumo di Ossigeno

. Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) INTENSITA DELL ESERCIZIO E CONSUMO DI OSSIGENO. Fattori limitanti il Massimo Consumo di Ossigeno Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) Limite più elevato nell abilità di una persona di aumentare il consumo di ossigeno Buon indicatore della resistenza cardiorespiratoria e della fitness aerobica Può

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

Serata genitori. Movimento. Anno scolastico 2014-2015. Perché parlare di alimentazione equilibrata e di movimento?

Serata genitori. Movimento. Anno scolastico 2014-2015. Perché parlare di alimentazione equilibrata e di movimento? Serata genitori Movimento Anno scolastico 2014-2015 Perché parlare di alimentazione equilibrata e di movimento? Le malattie non trasmissibili, e principalmente le malattie cardiovascolari, i cancri, i

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

Congratulazioni per la scelta del vostro stepper Horizon fitness. Avete compiuto un passo molto

Congratulazioni per la scelta del vostro stepper Horizon fitness. Avete compiuto un passo molto Congratulazioni per la scelta del vostro stepper Horizon fitness. Avete compiuto un passo molto importante per sviluppare un programma fitness. Il vostro stepper è uno strumento molto efficace per ottenere

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE

ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE C O R S O I N T E C N I C A, T E O R I A E D I D A T T I C A D E L L E A T T I V I T À M O T O R I E R I C R E A T I V E E D E L T E M P O L I B E R O. S C I E N Z E E T E C

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre)

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) ADATTAMENTI METABOLICI INDOTTI DALL ALLENAMENTO Obiettivi della lezione Scoprire come l allenamento possa ottimizzare il rendimento dei sistemi energetici e sviluppare

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri SI può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, come spesso avviene, con la pesata idrostatica o la bioimpedenza,

Dettagli

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Si può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, il più comune, oppure usando la bilancia impedenziometrica, che tuttavia

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI CORSO CONI PER FEDERAZIONE ORIENTEERING 24.04.2010 Ivan Zadro, PhD PRIMA PARTE Le capacità condizionali LE CAPACITÀ CONDIZIONALI LA FORZA FORZA RAPIDA

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia «UN CUORE CHE AMA LA BC» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia Perché parlare di cuore e bici? Educazione Prevenzione Cura BENEFC

Dettagli

COMPOSIZIONE CORPOREA

COMPOSIZIONE CORPOREA COMPOSIZIONE CORPOREA MINIME QUANTITA DI VITAMINE GLUCIDI 1% La Composizione corporea è un'analisi quantitativa delle componenti del nostro corpo. 4 % MINERALI LIPIDI 17 % 19 % PROTIDI Si potrebbe pensare

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007. Adattamento aerobico. Simone Germano

Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007. Adattamento aerobico. Simone Germano Corso Preparatori Atletici Professionisti 2007 Adattamento aerobico Simone Germano Adattamento aerobico Alcune precisazioni. Capacità aerobica: E la capacità di sopportare il più a lungo possibile uno

Dettagli

GIULIO SERGIO ROI INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12. Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio...

GIULIO SERGIO ROI INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12. Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio... INDICE CAPITOLO I INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12 CAPITOLO II Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio...15 Il polmone e li vie aeree...15 Il cuore e l apparato

Dettagli

14/11/2012 Piero Ambretti 1

14/11/2012 Piero Ambretti 1 14/11/2012 Piero Ambretti 1 L efficienza funzionale degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio può essere valutata attraverso l effettuazione di specifici test. I parametri ricavati forniscono utili

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

VALUTAZIONI, LA BUSSOLA DEL NOSTRO CORPO

VALUTAZIONI, LA BUSSOLA DEL NOSTRO CORPO VALUTAZIONI, LA BUSSOLA DEL NOSTRO CORPO PLICOMETRIA, CIRCONFERENZE CORPOREE E VALUTAZIONE MOTORIA/SPORTIVA: cosa sono, importanza, e loro potenzialità Se non si conosce il punto di partenza, sarà difficile

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant)

Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant) Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant) Guida pratica combinata rev00 Pagina 1 di 17 Premessa Questa guida pratica è solamente indicativa e non sostituisce

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO MF_regìa 300 DPI NB.LE FOTO DELLO STUDIO CFSPORT SONO REALIZZATE DA MONICA F. VALUTATE SE MANTENERLE... centro

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

Il peso corporeo si misura con :

Il peso corporeo si misura con : Il peso corporeo si misura con : la bilancia elettronica la bilancia ad ago La bilancia a pesi mobili Bilancia a pesi mobili Standardizzazione : Operazioni da effettuare: 1-Contollare che la bilancia sia

Dettagli

COMPONENTE AEROBICA NELL ALLENAMENTO AD APPESANTIRE PROGRESSIVO

COMPONENTE AEROBICA NELL ALLENAMENTO AD APPESANTIRE PROGRESSIVO COMPONENTE AEROBICA NELL ALLENAMENTO AD APPESANTIRE PROGRESSIVO Professore VALENTIN Cristian Palestra AKTIVIA, Rogno Bergamo Estratto: Anni fa, gli esercizi di aerobica hanno attirato l attenzione degli

Dettagli

Allenarsi con la frequenza cardiaca (prima parte di 3)

Allenarsi con la frequenza cardiaca (prima parte di 3) Allenarsi con la frequenza cardiaca (prima parte di 3) Huber Rossi. Marathon Sport Medical Center www.marathoncenter.it Prima di porsi la domanda come utilizzare la frequenza cardiaca in allenamento? bisogna

Dettagli

SISTEMI DI ALLENAMENTO PER UN AMATORE IN GARE DI 10 KM., MEZZAMARATONA E MARATONA

SISTEMI DI ALLENAMENTO PER UN AMATORE IN GARE DI 10 KM., MEZZAMARATONA E MARATONA SISTEMI DI ALLENAMENTO PER UN AMATORE IN GARE DI 10 KM., MEZZAMARATONA E MARATONA Di: Federico Morelli Stefano Baldini ai campionati italiani di società di corsa campestre al Parco di Monza,17 febbraio

Dettagli

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO ON How Not to Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO IN Come non lasciare al caso L'OTTIMIZZAZIONE DELL'EFFETTO DI ALLENAMENTO. INDICE 5 INTRODUZIONE 6 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

L Attività Fisica come Farmaco

L Attività Fisica come Farmaco L Attività Fisica come Farmaco Journal of Applied Physiology 2005 Effetti dell esercizio e della dieta sulle malattie croniche (Roberts( e Barnard) Metanalisi di 424 pubblicazioni Conclusioni: Le malattie

Dettagli

SPORT di SQUADRA OVER 40:

SPORT di SQUADRA OVER 40: SPORT di SQUADRA OVER 40: Tempi e metodi Relatore: prof. MODESTO BONAN Sabato 3 dicembre 2011 Centro Congressi Belluno - Sala Teatro Centro Giovanni XXIII Componenti esterni Struttura delle componenti

Dettagli

Principi base dell allenamento

Principi base dell allenamento ALLENAMENTO DELLA FORZA (ACSM Resource Manual) A cura di: dr Luciano Bissolotti Definizione: rottura della fisiologica omeostasi dell organismo cui consegue un recupero ed un incremento delle capacità

Dettagli

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Contenuti formativi L obiettivo del corso è l acquisizione di conoscenze e competenze di misura, monitoraggio e valutazione degli

Dettagli

Preparazione fisica a cura del ComSubIn

Preparazione fisica a cura del ComSubIn Preparazione fisica a cura del ComSubIn PREMESSA Il seguente piano di allenamento è frutto dell'esperienza fatta dalla Scuola Incursori ed ha sempre dato buoni risultati. Esso è indirizzato agli individui,

Dettagli

Principi dell allenamento nella patologia cronica FtR Giuseppe Gaudiello

Principi dell allenamento nella patologia cronica FtR Giuseppe Gaudiello Giornata ARIR Falsi miti in Riabilitazione Respiratoria 25 ottobre 2014 Principi dell allenamento nella patologia cronica FtR Giuseppe Gaudiello Il 31% della popolazione conduce una vita sedentaria L'inattività

Dettagli

scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im

scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im scienze motorie e sportive classi prime e seconde B D im incorsa il CORPO in EQUILIBRIO l' EQUILIBRIO in CORPO BENESSERE BILANCIO ENERGETICO ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA PARAMETRI MISURARE l' EFFICIENZA INTEGRAZIONE

Dettagli

L ALLENAMENTO ORGANICO DEL CALCIATORE

L ALLENAMENTO ORGANICO DEL CALCIATORE L ALLENAMENTO ORGANICO DEL CALCIATORE di Domenico Borelli* L articolo che vi presento, è tratto dal IV convegno medico sportivo organizzato dall AIAC Calabria Modulo e Condizione Atletica tenutosi a Casole

Dettagli

Factsheet calore. Lucerna, 01.06.2006. 1. Introduzione

Factsheet calore. Lucerna, 01.06.2006. 1. Introduzione Lucerna, 01.06.2006 Factsheet calore 1. Introduzione Il lavoro nei giorni di canicola provoca un aumento della temperatura corporea, dovuto a fattori come il caldo, il lavoro fisico e, in alcuni casi,

Dettagli

Fabbisogno energetico e sue componenti

Fabbisogno energetico e sue componenti Fabbisogno energetico e sue componenti WHO (1985) come: l apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica

Dettagli

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione

INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione INDICE DI MASSA CORPOREA significato ed interpretazione Sembrerà strano ma essere in sovrappeso non necessariamente significa avere grasso in eccesso; allo stesso modo essere normopeso non è sinonimo di

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

II I Fitness un approccio scientifico

II I Fitness un approccio scientifico Indice Prefazione all edizione italiana L Autore Prefazione all edizione americana Ringraziamenti dell Autore Il curatore dell edizione italiana Introduzione all edizione italiana XIII XV XVII XXI XXIII

Dettagli

MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS

MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS Presentazione Introduzione PARTE I: ATTIVITÀ FISICA, FORMA FISICA E SALUTE Capitolo I: Attività fisica e salute I rapporti tra attività fisica e salute Cosa sappiamo

Dettagli

PROGRAMMA SPORT E SALUTE STAGIONE 2015-2016

PROGRAMMA SPORT E SALUTE STAGIONE 2015-2016 PROGRAMMA SPORT E SALUTE STAGIONE 2015-2016 Professional test propone un contributo concreto alle società sportive, attraverso un controllo ed un monitoraggio certificato. Un valore aggiunto per le società

Dettagli

Allenamenti di Qualità per chi ha poco tempo a disposizione

Allenamenti di Qualità per chi ha poco tempo a disposizione Allenamenti di Qualità per chi ha poco tempo Davide Petucco www.ciclismopassione.com Allenamenti di Qualità per chi ha poco tempo a disposizione Bonus omaggio riservato, ad integrazione dell ebook Tecniche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA ATTIVITA PER I GIOVANI MARCIATORI E L ATLETA EVOLUTO. Antonio La Torre

PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA ATTIVITA PER I GIOVANI MARCIATORI E L ATLETA EVOLUTO. Antonio La Torre PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA ATTIVITA PER I GIOVANI MARCIATORI E L ATLETA EVOLUTO QUALI FATTORI DETERMINANO LA PRESTAZIONE Alta capacità aerobica (VO 2 max) Rapporto favorevole peso/potenza potenza (poca

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile

Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Obesità: trattamento multidisciplinare ed educazione alimentare infantile Corsi di formazione professionale per medici, nutrizionisti, psicologi ed insegnanti Diretto e coordinato dal prof. Luca Pecchioli

Dettagli

Progetto CORRERE È BELLO

Progetto CORRERE È BELLO Progetto CORRERE È BELLO Acquisire buone abitudini igieniche è assai utile in quanto, come abbiamo visto, l igiene è molto importante per la prevenzione delle malattie. L igiene è diventata ima vera scienza,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Come preparare una. Preparare al meglio una maratona. Il lunghissimo Il lunghissimo è una seduta fondamentale per il maratoneta: correre

Come preparare una. Preparare al meglio una maratona. Il lunghissimo Il lunghissimo è una seduta fondamentale per il maratoneta: correre Come preparare una Preparare al meglio una maratona richiede particolare dedizione agli allenamenti: sono necessarie alcune settimane (mediamente una decina, ma anche di più per i podisti con limitata

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO

MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO MODULO 2 NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 2 CALCOLO DEL DISPENDIO ENERGETICO GIORNALIERO FABBISOGNO ENERGETICO Apporto di energia, di origine alimentare, necessario a compensare il dispendio energetico di individui

Dettagli