ELETTROCARDIOGRAFIA NELLE BRADIARITMIE. IL PACE-MAKER CARDIACO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELETTROCARDIOGRAFIA NELLE BRADIARITMIE. IL PACE-MAKER CARDIACO"

Transcript

1 ELETTROCARDIOGRAFIA NELLE BRADIARITMIE. IL PACE-MAKER CARDIACO

2 IPERCINETICHE IPOCINETICHE (TACHIARITMIE) (BRADIARTMIE)

3 L ECG è la registrazione grafica dell attività elettrica del cuore dalla superficie corporea

4 +

5 PROPRIETA ELETTROFISIOLOGICHE DELLE CELLULE MIOCARDICHE AUTOMATISMO ECCITABILITA CONDUCIBILITA CONTRATTILITA

6 SISTEMA NERVOSO AUTONOMO Sistema simpatico Sistema parasimpatico

7 SISTEMA SIMPATICO Effetto su atri e ventricoli Mediatore = noradrenalina Aumenta: Frequenza sinusale Velocità di conduzione AV Eccitabilità Forza di contrazione

8 SISTEMA PARASIMPATICO Effetto principalmente sugli atri Mediatore = Acetilcolina Riduce: Frequenza sinusale Velocità di conduzione AV Eccitabilità

9 VIE SPECIFICHE DI CONDUZIONE E COSTRUZIONE ECG

10 Elettrocardiografia di base Onda P = depolarizzazione (attivazione) atriale Tratto P-Q (tra 120 e 200 msec) QRS = depolarizzazione ventricolare (< 120 mses) Onda T = ripolarizzazione ventricolare

11 ARITMIE IPOCINETICHE - BRADICARDIE - (BAV I grado) - BAV II grado - BAV III grado - ASISTOLIA - MNSA - FA lenta - Sindrome bradi-tachi

12 IPOSSIEMIA GRAVE ACIDOSI MISTA GRAVE IPERCAPNIA GRAVE IPERTONO VAGALE - STIMOLAZIONE CENTRO CARDIO INIBITORE - ANNULLAMENTO EFFETTI VASCOLARI CATECOLAMINE - STIMOLAZIONE CENTRO VASODILATATORE - INIBIZIONE CENTRO VASOCOSTRITTORE - vasodilatazione periferica - bradicardia, - riduzione portata cardiaca - PVC

13 340 ms Prolungamento della conduzione AV PQ > 200msec, ad una normale frequenza cardiaca il QRS è stretto se il blocco è nodale il QRS può essere slargato nel blocco più distale o qualora coesista blocco di branca.

14 BAV I grado

15 ms ms ms No QRS Progressivo allungamento dell intervallo PR finchè un onda P è bloccata, con rapporto di conduzione AV > 3:2 o superiore Il PR più lungo è quello che precede la P bloccata, mentre il più corto è quello che la segue. Frequenza ventricolare = ciclicamente irregolare Intervallo PR = progressivo allungamento finchè un onda P non viene condotta Il blocco di Wenckebach può essere fisiologico nei giovani e negli atleti (soprattutto durante il sonno): è quasi sempre associato ad un normale complesso QRS

16

17 Blocco AV di II grado Tipo Mobitz II Assenza di allungamento dell intervallo PR prima del battito bloccato; rapporto di conduzione AV 3:2 o superiore Il PR e l RR dei battiti condotti si mantiene costante Spesso associato ad una patologia cardiaca sottostante, frequentemente progressivo Blocco generalmente a sede sotto-nodale.

18 BAV 2:1

19 Nessun impulso viene condotto dagli atri ai ventricoli Frequenza ventricolare = 37 bpm Frequenza atriale = 130 bpm Intervallo PR = variabile Indicazione ad impianto di PM

20 BAV III grado

21 Bassa risposta ventricolare

22 ASISTOLIA

23 1. Il paziente è stabile? 2. L Aritmia è minacciosa? 3. Quali possono essere le cause?

24 LE CONSEGUENZE EMODINAMICHE DELLE ARITMIE DIPENDONO DA: frequenza ventricolare durata dell aritmia perdita del contributo atriale presenza di una cardiopatia (effetti elettrofisiologici favorenti aritmie pericolose) presenza di concomitanti patologie non cardiache

25 NO Atropina 0,5 mg EV ALGORITMO BRADICARDIA Ossigeno linea venosa ECG 12 derivazioni monitoraggio parametri vitali STABILITA EMODINAMICA? SHOCK SINCOPE ISCHEMIA MIOCARDICA SCOMPENSO CARDIACO SI Risposta soddisfacente? NO Misure temporanee: Atropina 0,5 mg EV fino a 3 mg Adrenalina 2-10 g/min Pacing Trancutaneo SI SI RISCHIO ASISTOLIA? Asistolia recente BAV di II grado BAV completo Pausa ventricolare > 3 sec NO Richiedere assistenza specialistica cardiologica Predisporre per PM temporaneo OSSERVA ERC 2010

26 ATROPINA Farmaco di prima scelta nella bradicardia sintomatica. 0,5 mg ev, ripetibile ogni 3-5 fino ad una dose totale di 3 mg. Precauzioni: nell ischemia miocardica, nel blocco A-V 3 grado con QRS largo.

27 DOPAMINA Farmaco di seconda scelta nella bradicardia sintomatica Usare nell ipotensione con segni di shock Dose Bassa 1-5 mg/kg/min Dose Media 5-10 mg/kg/min Dose Alta mg/kg/min Effetto collaterale: tachiaritmie

28 STIMOLAZIONE TEMPORANEA: 1)TRANSCUTANEA 2)TRANSCATETERE (ENDOCAVITARIA)

29

30

31

32

33

34

35 Cattura elettrica

36 STIMOLAZIONE TEMPORANEA TRANSCATETERE Pace-Maker Temporaneo

37 Lead Types Endocardial/Transvenous lead Transvenous lead is introduced into a vein and advanced into the heart

38 Insertion Sites External Jugular Vein Internal Jugular Vein Subclavian Vein Brachial Vein Femoral Vein

39 Lead Types lead system The negative and positive electrodes are in contact with the heart

40 Cable Connectors (PM TEMPORANEO) Connector pins on the lead(s) must be fully inserted in the patient connector block Observe polarity Distal = negative Proximal = positive Finger tighten only no tools!

41 Pacing Rate Paced Interval Paced Interval

42 PACING/Capture Depolarization of cardiac muscle following an electrical stimulus

43 Sensitivity The lower the setting, the more sensitive the pacemaker is to intracardial signals

44 Chamber(s) Paced A = atrium 1st Letter V = ventricle D = dual (both atrium and ventricle) NBG Codes 2nd Letter Chamber(s) Sensed A = atrium V = ventricle D = dual O = none Chamber paced 3rd Letter Response to Sensing I = inhibit (Demand mode) T = triggerata D = dual (T + I) O = none (Asynch) Chamber sensed Action or response to a sensed event V V I

45 VVI Demand/Inhibited Pacemaker senses intrinsic depolarization Paces the heart when the patient s own rate becomes slower than the pacemaker

46 Asynchronous Modes AOO VOO DOO

47 VOO Asynchronous (Fixed) Pacemaker will emit an output at a fixed rate regardless of intrinsic activity

48 Ventricular Asynchronous Mode (VOO)

49 A V Sequential Pacing A Pace / V Pace DDD / 60 / 250 V A A V 750 ms 250 ms V V 1000 ms

50 A Pace / V Sense Atrial Pacing with Normal A V Conduction DDD / 60 / 200 Programmed Lower Rate 1000 ms Actual V V 960 ms

51 A Sense / V Pace (ritmo atrio-guidato) Atrial Synchronous Pacing Spontaneous Atrial Rate = 55 ppm Spontaneous Atrial Rate = 110 ppm DDD / 50 / 150

52 MALFUNZIONAMENTO PM

53 Loss of Capture

54 Undersensing Failure of the pacemaker to sense intrinsic R-waves or intrinsic P-waves

55 Undersensing

56 Oversensing Inhibition of the pacemaker by events the pacemaker should ignore, e.g: myopotential

57 Oversensing

58 Fusion/Pseudofusion Beats Intrinsic Beat Intrinsic Beat Paced Beat Paced Beat Fusion Beat Fusion Beat Pseudofusion Beat Pseudofusion Beat

59 Cuore & Elettrostimolazione

60 ARITMIE IPOCINETICHE - BRADICARDIE INDICAZIONI ALL IMPIANTO DI PACE-MAKER: - MNSA - BAV II grado - BAV III grado - ASISTOLIA - FA lenta - Sindrome bradi-tachi Con sintomi

61 Pace-Maker Con stimolazione Vent.

62 Pace-Maker Con stimolazione A-V

63 Ventricular Activation Sequence Normal Sequence Paced Sequence

64 Malattia del Nodo del Seno La Malattia del Nodo del Seno rappresenta circa il 40-50% delle indicazioni ad impianto di Pacemaker in Europa e negli Stati Uniti.

65 Malattia del Nodo del Seno Con questo termine si intende un deficit più o meno marcato della funzione segnapassi del nodo del seno, che si manifesta con una riduzione della sua frequenza di scarica associata ad una disfunzione della formazione e/o emissione degli impulsi.

66 EZIOLOGIA ARITMIE IPOCINETICHE CARDIOPATIA ISCHEMICA CARDIOPATIA ATEROSCLEROTICA MALATTIE SISTEMICHE (Amiloidosi,Emocromatosi ecc.) FORME CONGENITE FARMACI

67 SINTOMI Sincope e presincope Vertigini Insufficienza cardiaca Confusione mentale Dispnea Intolleranza allo sforzo

68 Indicazioni all impianto di un pacemaker Disfunzione del nodo del seno Bradicardia Sinusale Il nodo del seno funziona troppo lentamente Arresto Sinusale Il nodo del seno cessa di depolarizzare Blocco seno-atriale l impulso del nodo del seno è bloccato nella sua conduzione agli atri.

69 Sinus Node Dysfunction Sinus Bradycardia Persistent slow rate from the SA node. The parameters from this waveform include: Rate = 55 bpm PR interval = 180 ms (.18 seconds)

70 Sinus Node Dysfunction Sinus Arrest 2.8-second arrest Failure of sinus node discharge resulting in the absence of atrial depolarization and periods of ventricular asystole Rate = 75 bpm PR interval = 180 ms (.18 seconds) 2.8-second arrest

71 Sinus Node Dysfunction Bradycardia-Tachycardia (Brady-Tachy) Syndrome Intermittent episodes of slow and fast rates from the SA node or atria Rate during bradycardia = 43 bpm Rate during tachycardia = 130 bpm

72 Sindrome bradi-tachi

73 Indicazioni all impianto di un pacemaker CLASSE 1: Condizioni che devono essere trattate con il pacemaker: Pazienti sintomatici con documentata correlazione tra sintomi ed evidenza di bradicardia/bradiaritmie (BAV II /III) e/o frequenti pause sinusali e/o incompetenza cronotropa anche quando prodotte da una terapia farmacologica cronica per la quale (tipo e dosaggio) non esistano accettabili alternative.

74 Obiettivi dell elettrostimolazione Ottimizzare la frequenza cardiaca Stimolare l atrio Rispettare il normale sincronismo atrio-ventricolare

75 Modalità di stimolazione Sono generalmente utilizzati P.M.: - AAI - DDD. - VVI solo se atrio ineccitabile (FA).

76 - La stimolazione AAI (atriale) preserva sia il sincronismo atrio-ventricolare che la normale attivazione del ventricolo dx, ma non protegge dalla possibile comparsa di BAV. - La stimolazione DDD (atriale e ventricolare) preserva il sincronismo atrio-ventricolare ma altera il pattern di attivazione ventricolare dx, mentre la stimolazione VVI (ventricolare) altera sia il sincronismo A-V che il pattern di attivazione ventricolare. - Entrambe le modalità DDD e VVI prevengono la possibile comparsa di anomalie della conduzione atrio-ventricolare.

77 AAI

78 DDD

79 VVI

80 Fibrillazione atriale A BASSA RISPOSTA VENTRICOLARE CORRETTA CON IMPIANTO DI PM VVI

81 A Brief History of Pacemakers

82 Single-Chamber System The pacing lead is implanted in the atrium or ventricle, depending on the chamber to be paced and sensed

83 Paced Rhythm Recognition AAI / 60

84 Paced Rhythm Recognition VVI / 60

85 Dual-Chamber Systems Have Two Leads: One lead implanted in the atrium One lead implanted in the ventricle

86 Paced Rhythm Recognition DDD / 60 / 120

87 Cardiac Resynchronization Therapy Patient, Device & Lead Selection

88 Achieving Cardiac Resynchronization Mechanical Goal: Atrial-synchronized bi-ventricular pacing Transvenous Approach Standard pacing lead in RA Standard pacing lead in RV Specially designed left heart lead placed in a left ventricular cardiac vein via the coronary sinus Right Atrial Lead Left Ventricular Lead Right Ventricular Lead

89 Cardiac Resynchronization Click to Start/Stop

90 Indications for Cardiac Resynchronization for the reduction of HF symptoms in patients that meet the following criteria: Moderate to severe heart failure (NYHA Class III/IV) QRS 130 ms LV ejection fraction 35% Symptomatic despite stable, optimal medical therapy

91 CONCLUSIONE L approccio terapeutico ad ogni paziente con aritmia, inizia con un accurata interpretazione dell ECG, prosegue con la determinazione delle cause che l hanno determinata, della natura della cardiopatia di base (se presente) e della valutazione delle conseguenze dell aritmia. Occorre trattare il paziente aritmico piuttosto che l aritmia in sé.

92

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

ARITMIE IPOCINETICHE

ARITMIE IPOCINETICHE KROTON 2010 ARITMIE IPOCINETICHE D.Monizzi Cardiologia Territoriale ASP KR 18/09/2010 Cenni sull Attività Elettrica del Cuore Aritmie Ipocinetiche D.Monizzi 2010 Il Cuore atrio sx atrio dx valvola mitrale

Dettagli

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria Bradicardie estreme Specializzandi: Dr. Buttazzoni M. Dr.ssa Tarantino M. Tutor: Dr.ssa Costa M. G. Dr.ssa De Flaviis A. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi

Dettagli

Corso di elettrocardiografia essenziale

Corso di elettrocardiografia essenziale Lezione 2 Attività elettrica sopraventricolare Corso di elettrocardiografia essenziale L onda P normale Alterazioni della morfologia Alterazioni della frequenza ; aritmie sopraventricolari La conduzione

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli.

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. 1 La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. La contrazione è innescata dal potenziale d azione che nel cuore insorge spontaneamente

Dettagli

PACEMAKER BICAMERALI DDD RATE-RESPONSIVE CON RELATIVI CATETERI

PACEMAKER BICAMERALI DDD RATE-RESPONSIVE CON RELATIVI CATETERI ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE OGGETTO E CARATTERISTICHE DELLA FORNITURA L oggetto della presente gara è l acquisto di pacemakers, defibrillatori e monitor cardiaci impiantabili e relativi accessori

Dettagli

GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG

GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG GENERAZIONE E CONDUZIONE DELL ECCITAMENTO CARDIACO ed ECG cardiaco_3 Generazione e conduzione dell eccitamento cardiaco Il sincronismo di contrazione delle cellule miocardiche deriva da: - zone con attività

Dettagli

Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali. Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma

Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali. Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma infermieri impaginato 2 7-09-2009 15:11 Pagina 21 Sezione 2 Lettura e interpretazione dell elettrocardiogramma: nozioni fondamentali Ida Ginosa Elementi morfologici essenziali dell elettrocardiogramma

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE. www.fisiokinesiterapia.biz

LE ARITMIE CARDIACHE. www.fisiokinesiterapia.biz LE ARITMIE CARDIACHE www.fisiokinesiterapia.biz Nel cuore si trovano due tipi di cellule: Miocellule: cellule muscolari striate unite allo loro estremità dai dischi intercalari, che hanno una bassissima

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

Autore Bruno Pacifici. Il cuore. Il flusso del sangue. http://www.pacifici-net.it/biologia/fisiologia%20generale%20ii/il%20cuore.

Autore Bruno Pacifici. Il cuore. Il flusso del sangue. http://www.pacifici-net.it/biologia/fisiologia%20generale%20ii/il%20cuore. Pagina 1 di 12 Autore Bruno Pacifici Il cuore Il flusso del sangue Pagina 2 di 12 Contrazione: seno venoso atri ventricoli arterie Le valvole Il sistema di conduzione di natura miocardica Il cuore isolato

Dettagli

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

PARLIAMO DI. ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. PARLIAMO DI ECG Normale Agata Privitera U.O. di Cardiologia Pediatrica Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Lettura di Elettrocardiogramma a dodici derivazioni! Lettura di Elettrocardiogramma

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

Elettrologia. www.slidetube.it

Elettrologia. www.slidetube.it Elettrologia ECG : STORIA Sin dal XIX secolo è stato accertato che il cuore genera elettricità. I potenziali elettrici del cuore sono la somma di minime quantità di elettricità generata dalle cellule cardiache

Dettagli

Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker. Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) Dr M Gazzarata. Savona 12/11/2008

Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker. Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) Dr M Gazzarata. Savona 12/11/2008 Linee Guida Italiane Impianto di Pacemaker Dispositivi per la Resincronizzazione cardiaca (CRT) Defibrillatori automatici impiantabili (ICD) Dr M Gazzarata M. Lunati (Chairman) M.G. Bongiorni, G. Boriani,

Dettagli

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi

La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi La strategia diagnostica: indicazione e interpretazione dei principali test diagnostici di laboratorio invasivi e non invasivi Fabrizio Ammirati UOC Cardiologia GB Grassi ASL RM D Ostia Roma Introduzione

Dettagli

Sezione 1. Cenni di elettrofisiologia. Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco

Sezione 1. Cenni di elettrofisiologia. Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco Sezione 1 Cenni di elettrofisiologia Ida Ginosa Depolarizzazione e ripolarizzazione dei miociti e del sistema di conduzione cardiaco Il primo contatto con un elettrocardiogramma ci pone di fronte ad un

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE Ospedale san Giovanni Battista di Torino L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE cpsi Mazzini Diana cpsi Bonanno Vita s.c. cardiologia ospedaliera dott. Marra s.c. cardiologia universitaria prof. Gaita Il cuore:

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA

DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA DISTURBI DEL RITMO E DELLA CONDUZIONE (aritmie) MORTE IMPROVVISA 2 categorie principali 1)Disturbi del ritmo - Troppo lento o veloce (tachicardie o bradicardie) - origine anomala del battito cardiaco

Dettagli

HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org

HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org HackMed http://www.hackmed.org hackmed@hackmed.org ARITMOLOGIA Bradiaritmie ALTERAZIONI DELLA CONDUZIONE SA: -spesso associate ad amiloidosi senili e a malattie che determinano infiltrazione del miocardio

Dettagli

Interpretazione dell ECG in 5 minuti

Interpretazione dell ECG in 5 minuti Interpretazione dell ECG in 5 minuti L elettrocardiogramma è uno degli esami che vengono più spesso praticati nelle strutture sanitarie e consente di andare ad esplorare l attività elettrica del cuore

Dettagli

Aritmie peri-arresto (4f)

Aritmie peri-arresto (4f) Aritmie peri-arresto (4f) Nota dei curatori Questa sezione delle guidelines 2005 descrive i principi di trattamento delle aritmie periarresto e sostituisce il capitolo13 del precedente manuale ALS. Introduzione

Dettagli

ANOMALIE DELLA CONDUZIONE

ANOMALIE DELLA CONDUZIONE ANOMALIE DELLA CONDUZIONE Sistema di conduzione Il sistema di conduzione cardiaco è costituito da fibrocellule dotate della capacità di depolarizzarsi spontaneamente. E formato dal nodo seno-atriale, localizzato

Dettagli

Ritmi e Terapie nel periarresto

Ritmi e Terapie nel periarresto Ritmi e Terapie nel periarresto ASL CE 2013 Dott. Rossano Battista .di cosa parliamo Underlying Arrhythmia of Sudden Death Primary VF 8% Torsades de Pointes 13% VT 62% Bradycardia 17% Bayés de Luna A.

Dettagli

Emergenze emodinamiche in terapia intensiva

Emergenze emodinamiche in terapia intensiva 3 Meeting di Rianimazione-Emergenza e Terapia Intensiva Avezzano 8-9-10 Giugno 2006 Sala Conferenze ARSSA Corso di Aggiornamento Teorico-Pratico per Infermieri Professionali: Nursing in Area Critica Relazione

Dettagli

make the difference Health is Life 2000-2008 N.O.E.

make the difference Health is Life 2000-2008 N.O.E. COURSE IN Basic/Advanced ARRHYTHMIAS IN EMERGENCY RECOGNITION ( Corso di formazione in elettrocardiografia e aritmologia ) 1998-2009 N.O.E. All right reserved N.O.E. RN CEN Michele Angilletta Course Director

Dettagli

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO

APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO APPARATO CARDIOVASCOLARE ED ESERCIZIO FISICO Gli aggiustamenti cardiocircolatori all esercizio fisico possono essere distinti in: Periferici: riguardano la ridistribuzione del flusso sanguigno a livello

Dettagli

DISPOSITIVI CARDIACI IMPIANTABILI: PACEMAKER E DEFIBRILLATORI

DISPOSITIVI CARDIACI IMPIANTABILI: PACEMAKER E DEFIBRILLATORI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA SECONDA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA DISPOSITIVI CARDIACI IMPIANTABILI: PACEMAKER E DEFIBRILLATORI

Dettagli

LE MALATTIE CARDIACHE SPIEGATE AL PAZIENTE. che cosa sono

LE MALATTIE CARDIACHE SPIEGATE AL PAZIENTE. che cosa sono LE MALATTIE CARDIACHE SPIEGATE AL PAZIENTE LE ARITMIE CARDIACHE che cosa sono Le alterazioni della normale sequenza dei battiti cardiaci vengono dette aritmie. Quando si osserva un aumento anomalo dei

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI:

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI: IL CICLO CARDIACO LO SCHEMA ILLUSTRA L ANDAMENTO TEMPORALE DI PRESSIONE, FLUSSO E VOLUME VENTRICOLARE, I PRINCIPALI PARAMETRI EMODINAMICI, DURANTE IL CICLO CARDIACO. TRA LA CHIUSURA DELLA VALVOLA MITRALE

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio

L elettrocardiogramma nel paziente con soffio L elettrocardiogramma nel paziente con soffio Dott. Roberto Santilli Med.Vet., PhD, D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Samarate Varese - Italy Tecnica Elettrocardiografia Monitoraggio

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Il cuore ha la funzione di pompare sangue in quantità adeguata al fabbisogno

Dettagli

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test

Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test TILT TEST Due modi di valutazione della risposta all ortostatismo: -ortostatismo attivo -tilt test Dal 1986 TILT TEST Ricorso all ortostatismo sotto monitoraggio per riprodurre le sincopi neuromediate,

Dettagli

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM Gian Piero Carboni Il Prof Gian Piero Carboni lavora presso il Policlinico Universitario sin dalla sua fondazione risalente a primi

Dettagli

Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale

Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale Corso di elettrocardiografia lezione N 1 5 Maggio 2011 Fondamenti di elettrocardiografia, anatomia funzionale del sistema di conduzione, genesi elettrofisiologica dell ECG normale Dr. M. Zuccarello Dr.

Dettagli

Pace Maker Corso di Principi di Bioingegneria Prof. Marcello Bracale Lezione del 10 dicembre 2008 Indice degli argomenti Schema a blocchi Cenni di Elettrofisiologia Cardiaca Tipoligie e Classificazione

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA CORSO INFERMIERI 30 NOVEMBRE - 2013 ENNA DR LUIGI RUSSO COME PUOI DESCRIVERE A PAROLE L ANATOMIA DEL CUORE SENZA RIEMPIRE UN LIBRO INTERO? ANCORA, PIU DETTAGLI SCRIVI,

Dettagli

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo?

Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Giovane sportivo con tachiaritmia sopraventricolare: cosa fare, come seguirlo? Una gran parte della popolazione giovanile partecipa ad attività sportive ricreazionali o competitive Una regolare attività

Dettagli

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI:

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI: IL CICLO CARDIACO LO SCHEMA ILLUSTRA L ANDAMENTO TEMPORALE DI PRESSIONE, FLUSSO E VOLUME VENTRICOLARE, I PRINCIPALI PARAMETRI EMODINAMICI, DURANTE IL CICLO CARDIACO. TRA LA CHIUSURA DELLA VALVOLA MITRALE

Dettagli

Aggiornamenti Scientifici FADOI

Aggiornamenti Scientifici FADOI Sintesi delle linee guida AIAC (Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione) Franco Giada 1, Giuseppe Inama 2, Manuel Bertaglia 3, Claudio Pedrinazzi 2, Michele Gulizia 4, Renato Pietro Ricci

Dettagli

PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA

PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA PRINCIPI DI ELETTROCARDIOGRAFIA Nicola Propato INDICE INTRODUZIONE... 3 ELEMENTI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA... 5 L ELETTROCARDIOGRAMMA.... 9 LEGGERE UN ELETTROCARDIOGRAMMA.... 15 ELETTROCARDIOGRAMMA E MALATTIE....

Dettagli

Impianto di peacemaker in età pediatrica: Linee guida per l impianto

Impianto di peacemaker in età pediatrica: Linee guida per l impianto Impianto di peacemaker in età pediatrica: Linee guida per l impianto F. Drago Responsabile UOC di Aritmologia Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Palidoro PRIMO CONGRESSO DI ARITMOLOGIA PEDIATRICA Tra clinica

Dettagli

gestione della sincope

gestione della sincope 5 Convegno di Formazione Teorico Pratico Multidisciplinare: La Sincope e le Perdite Transitorie di Coscienza di Sospetta Natura Sincopale Royal Carlton Hotel, Bologna, 10 11 marzo 2011 Il ruolo degli infermieri

Dettagli

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto

Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Un tratto a rischio: La sindrome del QT corto Dr. Ruggero Tomei Divisione Clinicizzata di Cardiologia Direttore Prof. Corrado Vassanelli SDR Del QT corto Si caratterizza per la presenza sull ecg di base

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE

DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE Il nodo del seno è normalmente il segnapassi cardiaco grazie alla sua più alta frequenza di scarica intrinseca. L aumento della frequenza di scarica è dovuto

Dettagli

T-series. T-series VSF13 (Vitatron CareLink) Manuale di riferimento

T-series. T-series VSF13 (Vitatron CareLink) Manuale di riferimento T-series T70 DR T60 DR T20 SR T70A2 T60A2 T20A2 T-series VSF13 (Vitatron CareLink) Manuale di riferimento Contenuto 1 Introduzione... 7 1.1 Informazioni sul manuale... 7 1.2 Istruzioni relative alla programmazione...

Dettagli

TACHICARDIE O TACHIARITMIE

TACHICARDIE O TACHIARITMIE ARITMIE Luigi Aronne Il termine di aritmia indica ogni situazione non classificabile come ritmo cardiaco normale Un ritmo cardiaco è normale se: 1. Origina dal nodo seno-atriale 2. Risulta regolare 3.

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare

Nodo seno atriale Nodo atrio-ventricolare Nodo seno atriale Nodo atrioventricolare Da Silverthorn, Human Physiology 1 1 Depolarizzazione atriale 2 2 Depolarizzazione del setto 3 Depolarizzazione del ventricolo 3 Da Silverthorn, Human Physiology

Dettagli

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca

I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015. Dott.ssa Maia De Luca I CASO CLINICO 14 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Maia De Luca Scenario Bambino di 7 anni condotta in DEA per dolore toracico, respiro corto, palpitazioni VALUTAZIONE: impressione iniziale Stato di coscienza: AVPU:

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN

GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014. Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN GIORNATE MEDICHE DI SANTA MARIA NUOVA 2014 Dott.ssa Federica Giannotti Cardiologia SMN MONITORAGGIO REMOTO REMOTO il paziente non deve recarsi in ospedale MONITORAGGIO permette un flusso continuo di informazioni

Dettagli

LO STUDIO ELETTROFISIOLOGICO TRANSESOFAGEO: I RISCHI DELL ESTINZIONE DI UNA METODICA UTILE E A BASSO COSTO

LO STUDIO ELETTROFISIOLOGICO TRANSESOFAGEO: I RISCHI DELL ESTINZIONE DI UNA METODICA UTILE E A BASSO COSTO LO STUDIO ELETTROFISIOLOGICO TRANSESOFAGEO: I RISCHI DELL ESTINZIONE DI UNA METODICA UTILE E A BASSO COSTO Documento congiunto AIAC e SIC Sport Premessa Lo studio elettrofisiologico transesofageo (SETE)

Dettagli

LA SINCOPE: DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA

LA SINCOPE: DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA Introduzione LA SINCOPE: DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA Roberto A. Santilli Dr Med.Vet. D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Viale Marconi, 27 21017 Samarate Varese Tel. 0331-228155

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

WPW ASINTOMATICO NEL BAMBINO: ABLARE

WPW ASINTOMATICO NEL BAMBINO: ABLARE FABRIZIO DRAGO Responsabile U.O.C. di Aritmologia/ Sincope Unit DMCCP,Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Palidoro (RM) WPW ASINTOMATICO NEL BAMBINO: ABLARE Un po di storia Il termine Sindrome di Wolff-Parkinson-White

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici

Indice. Prima parte Test elettrocardiografici Prima parte Test elettrocardiografici 1 Elettrocardiogramma... 3 Introduzione... 3 Basi dell elettrocardiogramma... 3 Applicazioni cliniche dell ECG... 3 Ingrandimenti delle camere cardiache... 4 Disturbi

Dettagli

INTERPRETAZIONE DELL ECG

INTERPRETAZIONE DELL ECG INTERPRETAZIONE DELL ECG METODO PER OLIGOFRENICI DEL GIUNTA Il metodo per OLIGOFRENICI sviluppato dal Prof. Riccardo GIUNTA, è rivolto, con amore, a tutti i vari Sergio Coglionazzo che frequentano la Facoltà

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI:

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli Segretario Generale ANA-Aritmie

Dettagli

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro I beta bloccanti nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione d

Dettagli

Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori

Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori REGISTRI Registro Italiano Pacemaker e Defibrillatori Bollettino Periodico 2013 Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione Alessandro Proclemer 1, Massimo Zecchin 2, Antonio D Onofrio 3,

Dettagli

ARITMIE CARDIACHE. Carlo Menozzi. 14 Settembre 2011

ARITMIE CARDIACHE. Carlo Menozzi. 14 Settembre 2011 ARITMIE CARDIACHE Carlo Menozzi 14 Settembre 2011 Elettrofisiologia Cellulare Presupposto necessario della contrazione della fibrocellula miocardica è la sua attivazione elettrica: Accoppiamento Eccitazione-Contrazione

Dettagli

Elettrofisiologia del cuore

Elettrofisiologia del cuore Elettrofisiologia del cuore Meteor Cellule differenti: Potenziali d azione differenti Quattro importanti caratteristiche elettriche dei potenziali d azione cardiaci Depolarizzazione spontanea (potenz.

Dettagli

ALLEGATO A1 DISCIPLINARE TECNICO GARA PACEMAKERS

ALLEGATO A1 DISCIPLINARE TECNICO GARA PACEMAKERS ALLEGATO A1 DISCIPLINARE TECNICO GARA PACEMAKERS Per i lotti relativi a pacemakers l offerta dovrà comprendere il generatore e gli elettrocateteri (a fissazione attiva o passiva) necessari al sistema di

Dettagli

Fisiologia cardiovascolare

Fisiologia cardiovascolare Corso Integrato di Fisiologia Umana Fisiologia cardiovascolare L ElettroCardioGramma Anno accademico 2007-2008 1 L ElettroCardioGramma L elettrocardiogramma (ECG) è la registrazione alla superficie del

Dettagli

GC = F x Gs. Gli aumenti di GC sono possibili grazie ad aumenti della frequenza cardiaca e della gittata sistolica.

GC = F x Gs. Gli aumenti di GC sono possibili grazie ad aumenti della frequenza cardiaca e della gittata sistolica. Volume di sangue espulso dal cuore in un minuto. Dipende dalle esigenze metaboliche dell organismo e quindi dal consumo di O 2 Consumo O 2 medio in condizioni basali 250 ml/min GC = 5 l/min Consumo O 2

Dettagli

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana

Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana Da: Schmidt et al.. Fisiologia Umana 1 ASSE ELETTRICO CARDIACO Nella diagnostica è importante valutare l orientamento del vettore elettrico ventricolare (asse elettrico cardiaco), che dà un indicazione

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Aritmie cardiache. C. Menozzi. Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Azienda Ospedaliera S. Maria Nuova, Reggio Emilia

Aritmie cardiache. C. Menozzi. Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Azienda Ospedaliera S. Maria Nuova, Reggio Emilia Aritmie cardiache C. Menozzi Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Azienda Ospedaliera S. Maria Nuova, Reggio Emilia Reggio Emilia 18 Novembre 2009 Aritmie cardiache Che cos è un aritmia?

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

Perchè un dispositivo PROMRI Crescita degli Impianti Trend Impianti PM Italia Nel 2010: 17.153 impianti ICD (283 per milione di abitanti). + 14,7 % rispetto al 2009. GIAC. Vol. 5, n. 1 Gennaio-Marzo 2012

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori

Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Assistenza infermieristica alla persona sottoposta ad alcune procedure diagnostiche I bisogni infermieristici nella persona con problemi respiratori Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico 09/12/2014

Dettagli

Prima domanda da farsi

Prima domanda da farsi Prima domanda da farsi Vedo un normale QRS? Asistolia FV L egc normale QRS di solito meno 0,12 m sec il ritmo è regolare onde p prima di ogni QRS? ( possono essere dopo o nel QRS ) 1 cm =1 mv 1mm =0.04

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

Oggetto: relazione previsionale per la fornitura di elettrostimolatori e defibrillatori cardiaci con relativi accessori.

Oggetto: relazione previsionale per la fornitura di elettrostimolatori e defibrillatori cardiaci con relativi accessori. Direttore S.C. Provveditorato-Economato Oggetto: relazione previsionale per la fornitura di elettrostimolatori e defibrillatori cardiaci con relativi accessori. A seguito di Vostra richiesta, si invia

Dettagli

LE ARITMIE. Che cosa sono. Da sapere Sintomi Cause Prevenzione. Da sapere

LE ARITMIE. Che cosa sono. Da sapere Sintomi Cause Prevenzione. Da sapere LE ARITMIE A cura di: Centro aritmologico, Dipartimento di Cardiologia, Ospedali del Tigullio, Via Don Bobbio 25 16033 Lavagna (GE) e-mail: aritmo@asl4.liguria.it telefono: 0185 329532 0185 329569 (segreteria)

Dettagli

Manuale di Aritmologia Corso avanzato

Manuale di Aritmologia Corso avanzato Manuale di Aritmologia Corso avanzato AEFFE AGGIORNAMENTI INFORMAZIONE www.aeffetraining.it www.formazioneaeffe.it aeffe@aeffetraining.it Tel. 320/8331205 1 AEFFE per l Ambiente Questo è un libro elettronico,

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Principi fisici della stimolazione cardiaca e della defibrillazione. Giuseppe Stabile SISTEMA DI STIMOLAZIONE

Principi fisici della stimolazione cardiaca e della defibrillazione. Giuseppe Stabile SISTEMA DI STIMOLAZIONE Principi fisici della stimolazione cardiaca e della defibrillazione Giuseppe Stabile SISTEMA DI STIMOLAZIONE TERMINOLOGIA ELETTRICA UTILIZZATA NELL ELETTROSTIMOLAZIONE! Tensione! Corrente! Resistenza!

Dettagli

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE

LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE LA TERAPIA DELLA SINCOPE NEUROMEDIATA GUIDATA DAL LOOP RECORDER IMPIANTABILE Paolo Donateo per conto dello Steering Committee degllo studio ISSUE 2 (vedi appendice) Centro Aritmologico, Dipartimento di

Dettagli

Linee guida AIAC all impianto di pacemaker, dispositivi per la resincronizzazione cardiaca, defibrillatori automatici e loop recorder

Linee guida AIAC all impianto di pacemaker, dispositivi per la resincronizzazione cardiaca, defibrillatori automatici e loop recorder LINEE GUIDA Linee guida AIAC all impianto di pacemaker, dispositivi per la resincronizzazione cardiaca, defibrillatori automatici e loop recorder update 2011 Maurizio Lunati 1, Massimo Santini 2 (Co-chairmen)

Dettagli

sull ECG LIBRO L unico di cui avrai bisogno MALCOLM S. THALER, M.D. SETTIMA EDIZIONE

sull ECG LIBRO L unico di cui avrai bisogno MALCOLM S. THALER, M.D. SETTIMA EDIZIONE L unico LIBRO sull ECG di cui avrai bisogno SETTIMA EDIZIONE MALCOLM S. THALER, M.D. Edizione italiana a cura di Maurizio Chiaranda Professore Ordinario di Anestesiologia, Università degli Studi dell Insubria

Dettagli

IVREA 24 MARZO 2014 UNI3

IVREA 24 MARZO 2014 UNI3 IVREA 24 MARZO 2014 UNI3 IL CUORE E L LETTRICITA : TALVOLTA SON SCINTILLE! Paolo Musso responsabile terapia intensiva cardiologica Ospedale civile di Ivrea Alessandro Quilici coordinatore infermieristico

Dettagli

ARITMIE CARDIACHE. Opuscolo informativo a cura di: - PRESENTAZIONE - Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa

ARITMIE CARDIACHE. Opuscolo informativo a cura di: - PRESENTAZIONE - Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa Opuscolo informativo a cura di: Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa Silvia Siminelli Segreterio Generale ANA-Aritmie Porciani Franca Supervisione testo e grafica Paolo

Dettagli

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein

La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre. A. Einstein La mente écome un paracadute: funziona bene solo se si apre A. Einstein Esecuzione di un tracciato elettrocardiografico a 12 derivate 08 ottobre 2011 Scopo della giornata Aggiornare i partecipanti all

Dettagli