A-Plan. Glossario dei termini e degli acronimi. Core Syllabus Version 3.0 pag.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A-Plan. Glossario dei termini e degli acronimi. Core Syllabus Version 3.0 pag.1"

Transcript

1 A-Plan Glossario dei termini e degli acronimi Core Syllabus Version 3.0 pag.1

2 Il glossario è allineato ai contenuti del Core Syllabus Version 3.0 A Plan Knowledge Area Il glossario è stato assemblato utilizzando diverse fonti, fra cui: e Prince2 Glossary of Terms revisionato il 26.gennaio.2012 (s.r.) Core Syllabus Version 3.0 pag.2

3 A-Plan 1 A A matrice (Organizzazione) 13 Activity Based Costing (ABC) 13 ABS (Activity Breakdown Structure) Access provider Accessibilità Accountability ACID ACWP Adware Affidabilità Affiliate Marketing AFIS Aggregatore Allocazione standard Analisi costi-benefici Analisi degli scostamenti 15 Analisi dei rischi Analisi what-if ANSI API Assicurazione di qualità (Quality Assurance) ASP Assurance group Attività Autorità AVI Azioni correttive B B2C B2B B2G BAC Backdoor Trojans Back Office Balanced Score Card (BSC) 18 Bar-chart Banca dati Baseline Batch BCWP BCWS Best practices Bilancio BIS (Business Intelligence System) Core Syllabus Version 3.0 pag.3

4 Blog Body Rental Bot Bottom-up BPM Brainstorming Broadcasting Business Case Business critical Business intelligence Business Plan Business Process Reengineering (BPR) C CA CAD CAE Cammino critico (Critical Path) 24 Capital Cost Capitolato tecnico Capitolato speciale CASE Catalogo elettronico Catena del Valore CBA CBT cctld CD ROM Change Management Check point Ciclo produttivo dell impresa 27 CIM CIO CKO Click and Mortar Clickstream Analysis Cliente CMM (Capability Maturity Model) CMS (Content Management System) CobiT COCOMO Code Review Cookie Committente Concession Configuration management 31 Contingency plan Core Syllabus Version 3.0 pag.4

5 Controllo Controllo con la riserva 32 Controllo di progetto Copyright Core Business Costi fissi Costi marginali Costi variabili COTS CPM (Critical Path Method) 33 Criteri di accettazione 33 Critical Success Factor - Fattori Critici di Successo (CSF) Cracker CRM Crowdsourcing CSO CTO D Data base Data conferencing Data mart Data mining Data Warehouse DBMS Deliverable Demand Driven Supply 36 Denial of Service (DoS) 36 Deviazione Deployment DFD (Data Flow Diagram) 37 Diagramma di Gantt Diagrammi Pert Diagramma reticolare Digital divide Digital Signature Discounted Cash Flow 38 Distinta Base Distributed Systems Document imaging Document Management System 39 Down-time Drill Across Drill-down DSS (Decision Support System) 40 E EA (Enterprise Architecture) 41 Core Syllabus Version 3.0 pag.5

6 Earned value e-business e-commerce Efficacia Efficienza Egoless-programming-team 43 EIS (Executive Information System) e-procurement Embedded End User Computing ERM ERP (Enterprise Resource Planning) EUCIP Exception Extranet F Fasi Feasibility study File File sharing Finanza Firewall Fishbone Diagram Flessibilità libera Flessibilità massima Float Flusso Fornitore Front Office FSF Function point G Gantt Garanzia (o assicurazione) della qualità Gerarchia GERT Gestione Gestione della qualità Giorni uomo Grafico Granularità Group/team leader Groupware Gruppo H Hacker Core Syllabus Version 3.0 pag.6

7 hoax I Icon ICT ICT Law Impatto Impegno Incubatori Information based Input Intellectual Capital Internet worm Intranet IP IRR Ishikawa Diagram ISO ISO ISP Ispezione Istogramma di carico ITIL J Jargon Just in Time (JIT) K Kanban Metodo Kickoff Meeting KLOC Knowledge management 58 Knowledge workers Key Performance Indicators(KPI) L LAN Lead Time Legacy Legame logico Lessons Learned Report 60 Linea di codice Linear Responsability Chart (LRC) Logistica M Make or buy Mainframe Malware Core Syllabus Version 3.0 pag.7

8 Management Management by exception 62 Management Information System Marketing "uno a uno" 63 Marketplaces elettronici 63 Matrice di Boston MBO (Management By Objectives) MES Middleware Milestone Minicomputer Mission Critical Modello Modello a cascata Modello a consegne incrementali Modello a prototipi Modello a spirale Modello di Porter (le cinque forze) Mole Monitoraggio MOST MPEG MRP N Narrowcasting Negoziazione Network NPV O OBS Offerte OLAP OLTP One to One Marketing Open Source Organigramma Organizzazione Output Outsourcing P Paradigm Shift Pareto Diagram Patent Pay-back period PBS (Product Breakdown Structure) Penali Core Syllabus Version 3.0 pag.8

9 Per funzioni (Organizzazione) 72 Per obbiettivi (Organizzazione) 72 Percorso critico Performance factor PERT PESTLE Phishing Pianificazione Pianificazione iniziale 74 Piano della qualità Piano generale di progetto PIM (Personal Information Management) PIR (Post Implementation mentation Review) Planning PLM Pointing devices Portable Appliance Testing 75 POS Precedence Diagram Method (PDM) Preprogetto Preventivo (a vita intera) 76 PRINCE Processo Produttività Profilo (di una risorsa) 77 Progetto Project Assurance Project board Project Charter Project Manager Project Management Project Prioritisation Process 79 Project Support Office 80 Proof of Concept Prototipi Public Domain Software 80 Pull Push Q Qualità Quality assurance Quality management Query&Reporting System 82 R RACI Chart Real Time Core Syllabus Version 3.0 pag.9

10 Relazione di precedenza 84 Reporting Request for Change (RFC) 84 Request for Proposal (RFP) 84 Requisiti degli utenti Responsabilità Reti a banda larga Reticolo Reverse Engineering Revisione Revisione del contratto Ricerca operativa Rilascio o svincolo Ripianificazioni Rischio operativo Risk Risk shift Risorsa Road Map ROI ROCE Royalties Ruolo S SaaS Scalability Schedulazione delle risorse 89 Scheduling Scheduling standard Schema di impiego delle risorse 89 SCM Scope of work Scostamenti Segmentazione Senior User Service Provider SFA Shareware SID Sinergia Sistema di qualità Sistema informatico Sistema informativo Sistemi Legacy SLA service level agreements 92 Slack Core Syllabus Version 3.0 pag.10

11 SLOC Social Network Software di PM Software Piracy Spamming Specifiche Sponsor Spoofing Spyware SRM Stadi Stage Stakeholder Start-up company Statement of Work Stato di avanzamento Steering committee Strategia di leadership di costo 95 Streaming Struttura organizzativa 95 Studio di fattibilità Supply chain SWOT T Tacit Knowledge Tariffa Tayloristico TCO Team Team gerarchico Tecnologie dell'informazione 98 Tempestività Tempo standard Tempo relativo Tempo assoluto Time analysis Time index Time now Time to Market TLD Tolleranza Top-down TPS (Transaction Processing System) TQM Tracciabilità Tracking Core Syllabus Version 3.0 pag.11

12 Trademark Transazione Trojan Turn-Key U UML Utenti di riferimento Utenti finali V Validazione Valutazione Venture Capital Verifica Vincoli sulle attività Virtual Organisation (Virtual Enterprise) Virus W Walkthrough WBS Web-EDI Web personalization W.I.M.P Work Breakdown Element (WBE) Work Package (WP) Work-flow Workgroup Worm X XML Core Syllabus Version 3.0 pag.12

13 A A matrice (Organizzazione) Organizzazione che combina le caratteristiche di quelle per funzioni ni e per obbiettivi. Activity Based Costing (ABC) La Activity Based Costing (ABC) è un metodo di analisi dei costi di un'industria o impresa che fornisce dati sull'effettiva incidenza dei costi associati a ciascun prodotto e ciascun servizio venduto dalla ditta stessa, a prescindere da quale sia la sua struttura organizzativa. ABS (Activity Breakdown Structure) Acronimo di Activity Breakdown Structure; struttura gerarchica a più livelli (assume la forma di albero rovesciato) che rappresenta il complesso di attività operative che, nell'ambito di un progetto, devono essere espletate fino al definitivo completamento della fornitura. Le attività posizionate su di un qualsiasi livello confluiscono, a gruppi, in quelle che occupano il livello immediatamente superiore, per cui ai livelli inferiori compaiono le micro-attività, a quelli superiori le macro-attività. Access provider Compagnia che fornisce a singoli o aziende l'accesso a Internet (tramite la connessione fisica con un host di Internet). Si tratta di una sottoclasse dei Service Provider. Accessibilità Capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari. L' accessibilità è una delle tappe base nella progettazione di un sito Internet per garantire all'utente una facile fruibilità. L'accessibilità riguarda due aspetti: 1)l'accesso facilitato per le persone disabili; 2)Per le persone non disabili una buona accessibilità è garantita da vari elementi: dimensioni del testo adeguate, tipi di carattere leggibili, un buon contrasto testo-sfondo, una buona distribuzione del testo che riguarda l'organizzazione in capitoli, paragrafi, interlinee o in generale la formattazione della pagina, la possibilità di avere accesso alla pagina indipendentemente dal metodo utilizzato (computer, PDA, telefono cellulare). Core Syllabus Version 3.0 pag.13

14 Accountability Il subire le conseguenze di aver o meno soddisfatto le responsabilità assegnate. Nell'ambito della sicurezza informatica, è la capacità di un sistema di identificare un singolo utente, di determinarne le azioni e il comportamento o all'interno del sistema stesso. Per fare ciò è supportato dall'audit delle tracce e dal sistema di autenticazione (login). L'accountability è un aspetto del controllo di accesso e si basa sulla concezione che gli individui siano responsabili delle loro azioni all'interno del sistema. Tale aspetto è supportato dall'audit delle tracce degli eventi registrati all'interno del sistema e nella rete. L'audit delle tracce può essere utilizzato per il rilevamento di intrusioni e per il rilevamento di eventi passati. ACID Atomicità, consistenza, isolamento, durabilità. I requisiti per un serio sistema OLTP definiti dal Transaction Processing Performance Council. ACWP Acronimo di Actual Cost of Work Performed; rappresenta l'ammontare dei costi di progetto effettivamente sostenuti fino al time now (v.) a fronte della quantità di fornitura realmente prodotta alla stessa data. Adware L adware è un programma che mostra messaggi pubblicitari sul monitor del computer. L adware (in inglese, contrazione di advertising-supported supported software, ovvero software sovvenzionato da pubblicità ) mostra messaggi saggi pubblicitari (banner o finestre pop-up) direttamente sullo schermo dell utente quando viene utilizzata l applicazione. Non si tratta necessariamente di un azione dannosa. Queste pubblicità possono finanziare lo sviluppo di programmi utili che vengono poi distribuiti gratuitamente (ad esempio, il browser Opera). Affidabilità Garanzia di ottenere ogni volta un risultato che presenti un accettabile livello qualitativo. È misurata dalla probabilità che un qualsiasi dispositivo adempia, per un periodo di tempo prestabilito, alla funzione per la quale è stato progettato. Si definisce «disponibilità» la probabilità che un dispositivo sia in grado di adempiere alla propria funzione in un determinato istante. Affiliate Marketing L'Affiliate Marketing consiste in un accordo commerciale tra proprietari di siti web in cui figurano due entità: l'affiliante e l'affiliato. È uno strumento nel quale abbiamo un soggetto partner, che in genere è un editore o dal possessore di un sito, disposto a pubblicare sul proprio sito un annuncio pubblicitario di un secondo soggetto chiamato affiliato, che è l azienda inserzionista. Questa riconoscerà un compenso al partner per ogni visitatore che dal suo sito andrà a visitare il sito dell affiliato ed effettuerà un azione, in genere l acquisto. La differenza tra l'affiliate Marketing e il classico Marketing su Internet consiste nel ricevere un compenso soltanto dopo un azione effettuata ettuata sul sito dell'affiliato (CPA = Cost per Action, CPO = Cost per Order), al contrario del compenso per un click (CPC = Cost per Click) o un impression Core Syllabus Version 3.0 pag.14

15 (vista di un banner, CPM = Cost per Mille), che è la classica modalità di pubblicità su internet. Esistono diverse piattaforme online-based in grado di gestire tutte le operazioni connesse con l attività sono offerte da Tradedoubler e Zanox, le principali società che erogano servizi per l Affiliate in Italia. AFIS Automated Fingerprint Identification Systems, sistema di riconoscimento delle impronte digitali Aggregatore Sito o software che permette di riunire e mostrare in un unica interfaccia i contenuti di più blog. Esempi di software (detti feed aggregator o news aggregator) sono SharpReader, NetNewsWire, KlipFolio ecc. L aggregazione può anche essere una delle funzioni di un browser (Safari). Alcuni siti, come Blog Aggregator, forniscono un servizio di aggregazione generalistica e/o tematica. Allocazione standard Allocazione temporale che fa riferimento non al tempo di calendario, ma ad una successione (fittizia) di giorni lavorativi. Analisi costi-benefici Valutazione economica di un progetto di investimento per determinarne la convenienza e/o permettere il confronto tra soluzioni alternative. L'indagine viene condotta traducendo in unità monetaria sia i costi previsti che i benefici attesi; poiché la monetizzazione di questi ultimi presenta, in molti casi, grosse difficoltà, la valutazione dei benefici viene spesso integrata da un'analisi di tipo qualitativo. (Vedi anche CBA Cost Benefit Analysis) Analisi degli scostamenti Tecnica attraverso la quale si calcolano le differenze tra i valori previsti e quelli consuntivati, evidenziandone le cause, al fine di promuovere opportuni interventi correttivi e/o migliorativi. Analisi dei rischi È il documento che cerca di prevedere i rischi (vedi) valutandone l impatto sullo svolgimento del progetto e delineando possibili azioni di prevenzione o rimedio. Analisi what-if Elaborazione finalizzata alla determinazione dei diversi risultati finali derivanti da altrettante differenti ipotesi di partenza. ANSI American National Standards Institute, standard che definisce, fra l'altro, i codici usati per visualizzare le lettere a colori sullo schermo. Core Syllabus Version 3.0 pag.15

16 API Application to Program Interface, software che consente la comunicazione tra programmi altrimenti incompatibili. Assicurazione di qualità (Quality Assurance) L insieme di procedure e di standard per ottenere la qualità in un progetto. ASP Application Service Provider (se si indica il fornitore del servizio) o Application Service Provisioning (se si indica il tipo di servizio). Assurance group Struttura, indipendente dal project manager,che ha lo scopo di controllare il rispetto di standard. Attività Un elemento costituente parte del lavoro da svolgere durante il progetto. Un'attività è caratterizzata da una durata, da una costo e dall'insieme delle risorse (v.) allocate. Le attività sono spesso suddivise in Task o compiti elementari Autorità Espressione legittimata del potere di un organo (individuale o collettivo) di esercitare la propria influenza su altri organismi mediante decisioni e comportamenti che li orientino e/o li vincolino. AVI Audio Video Interleave : è un formato di file che contiene sia audio sia video e permette la sincronia tra i due media. È stato introdotto da Microsoft nel Novembre 1992 Azioni correttive Azioni per impedire difetti che si sono dimostrati ricorrenti. Core Syllabus Version 3.0 pag.16

17 B B2C Business to Consumer: indica le relazioni tra l impresa ed i suoi clienti per le attività di vendita o di assistenza clienti. B2B Business to Business: indica le relazioni che un impresa instaura con i propri fornitori per attività di approvvigionamento e di collaborazione nelle attività di sviluppo prodotto o di pianificazione e controllo della produzione. B2G business-togovernment. Transazioni tra imprese e consumatori finali condotte attraverso l'utilizzo di reti basate su protocollo Internet o altro tipo di rete. BAC Acronimo di Budget At Completion; rappresenta la valorizzazione totale dei costi di progetto stimata in sede di preventivazione iniziale. Backdoor Trojans Un backdoor Trojan è un programma che consente di prendere il controllo del computer di un utente senza il suo consenso tramite una connessione internet. Un backdoor Trojan può sembrare un software apparentemente innocuo, come gli altri Trojan, in modo che venga eseguito senza alcun sospetto. Sempre più spesso, gli utenti possono diventare vittime di un Trojan semplicemente cliccando sul link contenuto in una spam. Una volta eseguito, il Trojan si aggiunge alla routine di avvio del computer. Quindi può monitorare il PC finché l utente non si collega a Internet. Una volta eseguita la connessione Internet, la persona che ha inviato il Trojan può eseguire programmi sul computer infetto, accedere ai file personali, modificare e caricare file, registrare le digitazioni dell utente sulla tastiera oppure inviare spam. Back Office Il back office (letteralmente ufficio dietro) è quella parte di un'azienda (o di un'organizzazione) che comprende tutte le attività proprie dell'azienda, come il sistema di produzione o la gestione. Il back office comprende sia le attività di gestione dell'organizzazione (Affari Generali, Personale), sia quelle di gestione dei procedimenti amministrativi. In pratica, il back office è tutto ciò che il cliente (o l'utente) non vede, ma che consente la realizzazione dei prodotti o dei servizi a lui destinati. Core Syllabus Version 3.0 pag.17

18 Si contrappone al Front office, e può essere chiamato anche retrosportello o sistema di produzione. Il termine deriva dalla configurazione delle prime società, dove il Front office conteneva il reparto vendite e pochi settori legati all'assistenza ai clienti, mentre il back office conteneva i reparti solitamente preclusi al pubblico: produzione, sviluppo o amministrazione. Balanced Score Card (BSC) Il Balanced Scorecard (BSC), è uno strumento di supporto nella gestione strategica dell'impresa che permette di tradurre la mission e la strategia dell'impresa in un insieme coerente di misure di performance, facilitandone la misurabilità. Bar-chart diagramma di Gantt (v.). Banca dati Insieme di archivi elettronici centralizzati (v. Data Base) nei quali vengono memorizzate le informazioni (in forma strutturata). Gli utenti possono collegarsi alla banca dati tramite terminale. Baseline Base di riferimento per il progetto. Core Syllabus Version 3.0 pag.18

19 Batch In informatica, il termine batch viene utilizzato con significati specifici, tipicamente riferentisi a uno o più dei seguenti aspetti del batch processing: la non interattività dei programmi; l'esecuzione "accorpata" di più programmi; l'esecuzione non immediata ma rimandata nel tempo dei programmi; la modifica di più dati contemporaneamente. L'uso più diffuso del termine è probabilmente quello riferito a un insieme di comandi o programmi, tipicamente non interattivi, aggregati per l'esecuzione, come in uno script o un comando batch. BCWP Acronimo di Budget Cost of Work Performed; v. earned value. BCWS Acronimo di Budget Cost of Work Scheduled; rappresenta la valorizzazione della quantità dì prodotto del quale, in sede previsionale, era stato ipotizzato il completamento al time now (v.) effettuata ai costi unitari stimati in fase di preventivazione iniziale del progetto. Best practices Migliori pratiche lavorative, si intendono in genere le esperienze più significative o dai migliori risultati adottati in diversi contesti. A seconda dell'ambito le "migliori pratiche" possono essere definite e come raccolta di esempi opportunamente formalizzati in regole che possono essere osservate. Nell'ambito del business management, precedentemente all introduzione del sistema ISO 9001, molte aziende adottavano il sistema della Best Practice per la gestione dei processi produttivi. Questo concetto nato all inizio del secolo (Frederick Taylor The Principles of Scientific Management - Harper & Brothers Publishers New York 1911) è un'idea manageriale che asserisce l esistenza di una tecnica, un metodo, un processo o un'attività, che sono più efficaci nel raggiungere un particolare risultato, di qualunque altra tecnica, metodo, processo, ecc. Si afferma che con i processi adeguati, i giusti controlli e le corrette analisi, il risultato voluto può essere ottenuto evitando problemi e complicazioni impreviste. Le "migliori pratiche" possono essere definite come il metodo migliore per effettuare la produzione. Basandosi su quelle procedure ripetibili che nel tempo si sono dimostrate migliori sia per la loro efficienza (meno quantità di sforzo) sia per la loro efficacia (risultati migliori), la Best Practice garantisce il raggiungimento degli obiettivi nel massimo dell economia e della qualità. Il programma di progetto o Project Plan è parte integrante della Best Practice, così come il piano della qualità lo è per la ISO Bilancio È il compendio della situazione patrimoniale, economica e finanziaria di un ente. Nelle imprese industriali viene redatto in coincidenza con la chiusura di ciascun esercizio sociale, e si compone dello stato patrimoniale e del conto economico. Core Syllabus Version 3.0 pag.19

20 BIS (Business Intelligence System) Sigla per Business Intelligence System. Termine coniato da Gartner Group per indicare l insieme di applicazioni che permettono l analisi lisi e la pianificazione di rami di attività aziendale. Può essere intesa come l insieme di applicazioni di tipo EIS, DSS e Query&Reporting. Blog web LOG, un sito o una sezione di un sito dove gli utenti possono postare i loro pensieri e le loro riflessioni e tenerle aggiornate. Per esteso un BLOG e' anche uno dei suddetti post in cui si riflette la personalita' dell'autore. Body Rental Il Body Rental è una forma contrattuale utilizzata soprattutto nell'esecuzione di progetti software o nella gestione di servizi informativi che prevede la presenza di personale dell'azienda fornitrice (solitamente una società di consulenza o una software house) presso la sede della società cliente. Il Body Rental coinvolge solitamente personale tecnico specialistico o di alto profilo che può essere destinato, in maniera continuativa o a date fissate, a varie attività presso il cliente, manutenzione del sistema informativo, sviluppo, progetti di upgrade ecc. I vantaggi per la società cliente sono diversi: - riduzione dei costi del personale - maggiore flessibilità - possibilità di utilizzo di personale qualificato per tempi brevi I contratti di Body Rental rientrano nella categoria dei cosiddetti contratti "time and material" ovvero i contratti nei quali la tariffa pagata dalla società cliente è basata sui tempi di presenza/utilizzo delle risorse. A questi si contrappongono i contratti "a corpo" che prevedeno un prezzo fissato a fronte di un obiettivo da raggiungere o attività da svolgere. Dal punto di vista del soggetto che presta la sua opera con la modalità del body rental, uno degli svantaggi consiste nell'incertezza della situazione lavorativa (incertezza che quando è legata a basse retribuzioni diventa di fatto precarietà), dato che il lavoratore si trova a lavorare in un'organizzazione di cui non fa realmente parte. Bot Nelle terminologie legate all'informatica, il termine bot (abbreviazione di robot) si riferisce, in generale, a un programma che accede alla rete attraverso lo stesso tipo di canali utilizzati dagli utenti umani (per esempio che accede alle pagine Web, invia messaggi in una chat, si muove nei videogiochi, e così via). Programmi di questo tipo sono diffusi in relazione a molti diversi servizi in rete, con scopi vari ma in genere legati all'automazione di compiti che sarebbero troppo gravosi o complessi per gli utenti umani. Bottom-up Tecnica finalizzata alla rappresentazione di una qualsiasi entità complessa (materiale o immateriale) che consiste in un processo di sintesi progressiva (dal particolare al generale) che, partendo dalle singole componenti elementari (che compaiono al minimo livello di una struttura gerarchica ad albero rovesciato), tende a ricomporre l'unitarietà dell'entità analizzata (che occupa il massimo livello della struttura) mediante un ripetuto processo di confluenza delle voci di ciascun livello verso le rispettive voci aggreganti, posizionate al livello immediatamente superiore. Core Syllabus Version 3.0 pag.20

21 BPM Business Process Modeling : è l'attività di rappresentazione dei processi aziendali nelle due ottiche: o la situazione attuale, detta "as-is" o la situazione futura desiderata, detta "to-be" La mappatura dei processi reali ("as-is") e di quelli a tendere ("to-be") sono due attività di analisi nettamente distinte, che portano a definire i miglioramenti necessari per passare dai processi rilevati nell' "as-is" a quelli formalizzati nel "to-be". Gli interventi possono essere di tipo incrementale ed essere inclusi nell'ambito del BPM, oppure di tipo radicale, aprendo così la tematica della reingegnerizzazione dei processi aziendali (Business Process Reengineering o BPR). Gli interventi possono riguardare sia la tecnologia che l'organizzazione, e comportano normalmente anche una attività di formazione sui nuovi processi. I linguaggi possono essere uno strumento di rappresentazione dei processi e supporto decisionale ai manager, ed un potente tool di "programmazione". In questo caso, mentre il processo viene "pensato" e disegnato per via grafica, il tool genera parti del codice necessario all'automazione di processi esistenti (nell'ambito del Workflow e del Work Force Automation) o all'esecuzione del nuovo processo. Fra questi linguaggi, ricordiamo il Business Process Modeling Notation (BPMN), Business Process for Execution Language (BPEL), Unified Modeling Language (UML). Brainstorming Il brainstorming (letteralmente: tempesta cerebrale) è una tecnica di creatività di gruppo per far emergere idee volte alla risoluzione di un problema. Sinteticamente consiste, dato un problema, nel proporre ciascuno liberamente soluzioni di ogni tipo (anche strampalate o con poco senso apparente) senza che nessuna di esse venga minimamente censurata. La critica ed eventuale selezione interverrà solo in un secondo tempo, quando la seduta di brainstorming è finita. Il risultato principale di una sessione di brainstorming, che apparentemente sembra un metodo sciocco e quasi infantile, è invece in genere molto produttivo: può consistere in una nuova e completa soluzione del problema, in una lista di idee per un approccio ad una soluzione successiva, o in una lista di idee che si trasformeranno nella stesura di un programma di lavoro per trovare in seguito una soluzione. Uno strumento to metodologico che facilita l'impiego di questa tecnica è quello delle mappe mentali, che permettono di rappresentare graficamente gli spunti via via che emergono in chiave grafica. Essendo inoltre delle mappe creative, le mappe mentali stimolano il processo associativo e quindi la generazione di nuove idee. Broadcasting Diffusione a tutti gli ascoltatori di un messaggio uguale. Business Case Information that describes the justification for setting up and continuing a PRINCE2 project. It provides the reasons (and answers the question: Why? ) for the project. An outline Business Case should be in the Project Mandate. Its existence is checked as part of the Project Brief, and a revised, fuller version appears in the Project Initiation Document. It is updated at key points, such as end stage assessments, throughout the project. (Prince2 Glossary of Terms) Core Syllabus Version 3.0 pag.21

22 Business critical Vedi Mission critical. Business intelligence E l attività di analisi di dati contenuti nei sistemi informativi aziendali orientate a supportare le attività di controllo e di decisione svolte dai diversi livelli manageriali (attività relative, ad esempio, alla segmentazione della clientela in base ai loro bisogni ed alle loro caratteristiche generali, al controllo della rete di vendita e dei fornitori, all analisi dell impatto delle campagne promozionali). Business Plan Un business plan o piano di business è un riassunto di come un imprenditore o un manager intende organizzare un'attività imprenditoriale e implementare attività necessarie e sufficienti alla sua buona riuscita. Si tratta di una spiegazione scritta del modello di business dell'impresa. I business plan sono usati internamente per la pianificazione e gestione dell'azienda, e all'esterno per convincere terze parti come banche o altri investitori a finanziare l'impresa. I business plan possono diventare rapidamente obsoleti. Opinione comune è che abbiano poco valore effettivo (soprattutto se fatti solo per uso interno), ma comunque attraverso il processo di stesura del piano il management acquisisce una più profonda comprensione del funzionamento dell'impresa e delle opzioni disponibili. Un business plan da presentare a una finanziaria deve contenere: 1. Descrizione sommaria del progetto d'investimento ed illustrazione del tipo di impresa che si intende creare. 2. Presentazione dell'imprenditore e del management (esperienze pregresse e ruoli nella nuova iniziativa). 3. Indicazioni sul mercato, sulle caratteristiche della concorrenza e su fattori critici (punti di forza e punti di debolezza rispetto al mercato). Obiettivi di vendita ed organizzazione commerciale. 4. Descrizione della fattibilità tecnica del progetto d'investimento relativamente al processo produttivo, alla necessità sità di investimenti in impianti, alla disponibilità di manodopera e di servizi quali trasporti, energie, telecomunicazioni, ecc 5. Piano di fattibilità economico - finanziaria quadriennale con indicazione del fabbisogno finanziario complessivo (per investimenti enti tecnici, immateriali e per capitale circolante) e delle relative coperture. 6. Informazioni sulla redditività attesa dell'investimento e sui fattori di rischio che possono influenzarla negativamente, partendo da ipotesi realistiche e prudenziali. 7. Indicazione ione degli investitori coinvolti e la proposta di partecipazione richiesta alla Finanziaria. 8. Sintetica valutazione dell'impatto ambientale del progetto. 9. Piano temporale di sviluppo delle attività. Un business plan si compone di almeno tre parti fondamentali: una prima parte introduttiva in cui si presenta l'idea imprenditoriale e l'imprenditore stesso con le sue principali qualità; una seconda parte tecnico/operativa in cui si deve fornire un quadro chiaro di cosa si vuole fare, come e dove si vuole farlo; una terza parte in cui verranno inserite le previsioni economico/finanziarie. Core Syllabus Version 3.0 pag.22

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 5 Anno Scolastico 2015/16 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina: GESTIONE PROGETTO, ORGANIZZAZIONE D IMPRESA Classe 5^ DATI IN EVIDENZA

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 12: Metodologie: controllo qualità P.M. Fase 3-4: tracking di progetto, introduzione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

Esercizi per la redazione del Business Plan

Esercizi per la redazione del Business Plan Esercizi per la redazione del Business Plan Una società intende iniziare la sua attività l 1/1/2010 con un apporto in denaro di 20.000 euro. Dopo aver redatto lo Stato Patrimoniale iniziale all 1/1/2010

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI 1138A_03 Prime pagine 1-03-2004 17:16 Pagina v INDICE Prefazione.......................................................................... XI Capitolo 1 L era dell informazione in cui viviamo. Il nuovo

Dettagli

Processo di Project Management TenStep. a cura di. Vito Madaio, PMP, TSPM. Versione 13.0. Maggio 2016. Glossario. TenStep Italia

Processo di Project Management TenStep. a cura di. Vito Madaio, PMP, TSPM. Versione 13.0. Maggio 2016. Glossario. TenStep Italia Processo di Project Management TenStep a cura di Vito Madaio, PMP, TSPM Versione 13.0 Maggio 2016 Glossario TenStep Italia contatto info@tenstep.it +39-348 - 3974474 www.tenstep.it Metodologia TenStep

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3 Domanda: 1 In un gruppo di progetto si ha uno stato di crisi allorché Esiste una situazione di conflitto in cui non riescono ad essere utili e durature logiche di win-win Esiste una situazione di conflitto

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008)

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2008-2009 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 1 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Fondamenti di Informatica Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta Formazione Europea e Mediterranea

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 1 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Glossario dei termini e degli acronimi

Glossario dei termini e degli acronimi Glossario dei termini e degli acronimi Si riporta di seguito un glossario dei principali termini utilizzati nel Project Management. Alcune tra le definizioni utilizzate sono state tratte dalla bibliografia

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI PROFF. A. MION N. CECCON. Organizzazione d impresa. Unità Didattica 1 Economia e Microeconomia

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI PROFF. A. MION N. CECCON. Organizzazione d impresa. Unità Didattica 1 Economia e Microeconomia Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni

Processi gestionali. Sistemi Informativi Aziendali. Sistemi Informativi Aziendali. Umberto Nanni. Umberto Nanni DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INFORMATICA AUTOMATICA E GESTIONALE ANTONIO RUBERTI Processi gestionali 1 Informatizzazione per Sistemi Informativi 1. Elaborazione Dati, Automazione Industriale supporto EDP

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio di Sistemi Informativi Service Delivery and Support Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza ITIL.1 Relazioni con il.2 Pianificazione.3 Gestione

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda

Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Nell'era della Business Technology: il business e la tecnologia allineati per migliorare i risultati dell'azienda Giovanni Vecchio Marketing Program Manager - Hewlett Packard Italiana S.r.l. Treviso, 13

Dettagli

Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management

Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management ROMA 12-15 Maggio 2008 Master Diffuso sul Project Management Principali funzionalità delle soluzioni Microsoft nei processi di project & portfolio management KP.Net - SOCIETA E COMPETENZE Kelyan Project.Net

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

IT account case study Acraf

IT account case study Acraf IT account case study Acraf goal Le caratteristiche di un OBIETTIVO Specifico, misurabile, espresso in forma scritta e condivisibile con gli altri. Definito nella scala dei tempi, espresso in termini positivi.

Dettagli

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice

INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V. Indice INDICE 22-02-2005 15:25 Pagina V Indice Gli autori XIII XVII Capitolo 1 I sistemi informativi aziendali 1 1.1 INTRODUZIONE 1 1.2 IL MODELLO INFORMATICO 3 1.2.1. Il modello applicativo 3 Lo strato di presentazione

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 2 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Strumenti per il Project Management

Strumenti per il Project Management CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria Strumenti per il Project Management Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it AGENDA Strumenti per il Project Management

Dettagli

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER

Sistemi Informativi. Catena del valore di PORTER Sistemi Informativi Catena del valore di PORTER La catena del valore permette di considerare l'impresa come un sistema di attività generatrici del valore, inteso come il prezzo che il consumatore è disposto

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

Sistemi Informativi. Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Introduzione

Sistemi Informativi. Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Introduzione Sistemi Informativi Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna 1 Introduzione 1 Capire le aziende Ogni impresa o istituzione, sia pubblica sia privata, si struttura e si organizza

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI BPM SCG-L16 Pagina 0 di 37 OBIETTIVI DELLA LEZIONE Spiegare l evoluzione dei

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald M A N A G E M E N T Project La gestione di progetti e programmi complessi Russell D. Archibald FRANCOANGELI Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile

Dettagli

Supply Chain Operations Reference - SCOR

Supply Chain Operations Reference - SCOR easypoli Supply Chain Operations Reference - SCOR Definizioni e schema di funzionamento del modello SCOR e discussione sui fornitori www.easypoli.it facebook.com/easypoli contatti@easypoli.it Supply Chain

Dettagli

Economia e. Prof. Arturo Capasso

Economia e. Prof. Arturo Capasso Anno accademico 2007-2008 Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 2 Ciclo dell informazione PROGRAMMAZIONE Decisioni ESECUZIONE Informazioni CONTROLLO Risultati 3 Organizzazione e Sistema

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica Mobile & wireless Con applicazioni Mobile & Wireless si intendono le applicazioni a supporto dei processi aziendali che si basano su: rete cellulare, qualsiasi sia il terminale utilizzato (telefono cellulare,

Dettagli

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%)

ESAME CISA 2003: 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino in caso di calamità e continuità operativa (10%) ESAME CISA 2003: 1. Gestione, pianificazione ed organizzazione SI (11%) 2. Infrastrutture tecniche e prassi operative (13%) 3. Protezione del patrimonio dati e degli asset aziendali (25%) 4. Ripristino

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione

Introduzione ai software gestionali. Corso Gestione dei flussi di informazione Introduzione ai software gestionali Corso Gestione dei flussi di informazione 1 Integrazione informativa nelle aziende Problemi: frammentazione della base informativa aziendale crescente complessità organizzative

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica.

PrintVis LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA. PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. LA SOLUZIONE PER IL SETTORE DELL'INDUSTRIA GRAFICA PrintVis PrintVis è una soluzione integrata ERP/MIS per l industria grafica. PrintVis è integrato con Microsoft Dynamics NAV e, in qualità di prodotto

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it

Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it Project Risk Management Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it L effetto della gestione del rischio Resources Opportunity to Add Value Curve Cost of Modifying Curve Conception Planning Execution

Dettagli

Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional)

Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional) Industrial Management School Preparazione alla Certificazione PMP (Project Management Professional) - Ripercorrere le tematiche del PMBOK per acquisire le competenze necessarie e prepararsi all esame di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 3 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 3 Modulo 3 Costruire i Sistemi Informativi d Impresa: Decidere il Sistema d Impresa; Progettare il Sistema d Impresa;

Dettagli

L importanza di ITIL V3

L importanza di ITIL V3 6HUYLFH'HOLYHU\DQG3URFHVV$XWRPDWLRQ L importanza di ITIL V3 IBM - IT Strategy & Architecture Claudio Valant Le Migliori Prassi (Best Practice) ITIL ƒ ƒ ƒ ƒ,7,/ VWDSHU,QIRUPDWLRQ7HFKQRORJ\,QIUDVWUXFWXUH

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto.

Viene utilizzato in pratica anche per accompagnare e supportare adeguatamente le richieste di finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto. BUSINESS PLAN Un business plan o (piano di business, o progetto d'impresa) è una rappresentazione degli obiettivi e del modello di business di un'attività d'impresa. Viene utilizzato sia per la pianificazione

Dettagli

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie CARDINIS Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax: 049-88 95 780 e-mail: ost@ost.it web: www.ost.it 1 Nome e Logo

Dettagli

Gestione della supply chain e commercio collaborativo

Gestione della supply chain e commercio collaborativo Gestione della supply chain e commercio collaborativo Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it La supply chain

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master in Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Organizzazione dei Sistemi Informativi e outsourcing Insieme di strumenti automatici, manuali, procedure, risorse umane, flussi informativi,

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

Transforming for Results

Transforming for Results Transforming for Results Il nuovo paradigma per un efficace gestione del Capitale Umano 26 settembre 2013 Why deloitte? This is you This is you, Aligned This is you, Transformed Deloitte Business-Driven

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli