Insufficienza della circolazione sanguigna e dei suoi obiettivi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insufficienza della circolazione sanguigna e dei suoi obiettivi."

Transcript

1 LO SHOCK LA SINCOPE LE ARITMIE Michele Gallina Situazione Shock Insufficienza della circolazione sanguigna e dei suoi obiettivi. 1

2 Del sistema può essere insufficiente: la pompa i vasi il contenuto insufficienza vascolare (per dilatazione da varie cause) 2

3 Shock distributivo Riguardo i vasi che si dilatano è alterata la distribuzione del sangue all organismo per: perdita dei riflessi vasocostrittivi SNP (trauma spinale, farmaci in anestesia) Shock neurogeno Shock distributivo liberazione di sostanze vasoattive (istamina, PAF, leucotrieni) Shock anafilattico azione di tossine gram- (LPL, TNF, IL) Shoch settico 3

4 COLONNA VERTEBRALE 4

5 Statistica: Shock Anafilattico allergia agli antibiotici nel 75% dei casi (penicillina da allergia in 1 caso su 5000 iniezioni) vaccini alimenti insetti 5

6 Prodromi di reazione allergica Prurito, Fatica a deglutire, Orticaria, Starnuti, Rinorrea, Dispnea. Shock settico Tempesta della flogosi Apertura di shunt arteriolari Aumenta gittata cardiaca Infezioni ospedaliere, tamponi vaginali con stafilococco 6

7 insufficienza del contenuto (perdita delle varie componenti) Stadi della Emorragia Primo: da 0 a 25% della quantità di sangue totale dell organismo Secondo: dal 25 a 50% della quantità di sangue totale dell organismo Terzo: dal 50 a 75% della quantità di sangue totale dell organismo Quarto: dal 75 al 100% della quantità di sangue totale dell organismo 7

8 Emorragia interna FUORIUSCITA DI SANGUE DALLE ORECCHIE O DAL NASO PRESENZA DI SANGUE NELL ESPETTORATO O NEL VOMITO LIVIDI TORACICI O SEGNI DI FRATTURA ALLE COSTE CONTUSIONI SULL ADDOME RIGIDITA O CONTRATTURA DELLA PARETE ADDOMINALE SANGUE NELL URINA EMORRAGIA RETTALE Diagnosi di Stadio BASTA MISURARE DUE PARAMETRI CLINICI, LA PRESSIONE ARTERIOSA E LA FREQUENZA CARDIACA, PER STADIARE LA EMORRAGIA. RICORDARE IL RAPPORTO INVERSO TRA LA FREQUENZA CARDIACA CHE SALE PER COMPENSO ALLA PRESSIONE ARTERIOSA CHE SCENDE. REGOLA DEL 20. 8

9 Diagnosi di Stadio Primo: la PA resta uguale La FC aumenta fino a 20 bpm in più Secondo: la PA scende di 20 mmhg La FC aumenta di ulteriori 20 bpm Terzo: la PA scende di ulteriori 20 mmhg; la FC aumenta di 20 bpm Quarto: la PA scende di ulteriori 20 mmhg; la FC aumenta di 20 bpm 9

10 Insufficienza di pompa cardiaca (per deficit oppure ostacolo) Shock extracardiaco ostruttivo Giugulari turgide + loro distensione e scomparsa dei polsi periferici in inspirazione + toni parafonici = Tamponamento cardiaco Giugulari turgide + deviazione trachea + abolizione FVT e MV + cianosi = Pneumotorace iperteso 10

11 Pneumotorace iperteso con sbandamento mediastinico Pneumotorace iperteso con sbandamento mediastinico 11

12 Pneumotorace iperteso con sbandamento mediastinico Shock extracardiaco ostruttivo Altre cause: Embolia polmonare massiva Dissezione aortica Cuore polmonare acuto in IMA dx Sempre: sintomi polmonari (tachipnea, dispnea, dolore toracico, cianosi) a polmone asciutto! 12

13 Respiro Paradosso LO SHOCK E LE SUE CONSEGUENZE 13

14 COMPENSO (solo iniziale) Meno nutrizione cellulare, utilizzo a scopo energetico della glicolisi anaerobia, acidosi metabolica, vasodilatazione Poi minore funzionamento della ATPasi sodio-potassio, perdita della permeabilità cellulare SCOMPENSO Danno cellulare è punto di non ritorno, perché la liberazione di sostanze vasoattive ed enzimi litici attua un circolo vizioso e peggiora lo shock ORGANI INTERESSATI Polmone (ARDS), intestino (sepsi), rene 14

15 Situazione Shock Capire (rapida diagnosi) tre domande fondamentali: 1. il paziente è in shock? (cerca i segni di ipoperfusione periferica) 2. è uno shock ad alta gittata o bassa gittata? 3. il riempimento cardiaco è sufficiente? 1. il paziente è in shock? Bassa pressione Polipnea Confusione Tachicardia (bradicardia in emorragia grave, ipossia grave, shock neurogeno, IMA inferiore, overdose di farmaci) 15

16 2. come vengono perfusi i tessuti? BASSA GITTATA Frequenza cardiaca: aumentata ALTA GITTATA diminuita Cute: pallida, fredda, sudata rosea, calda, asciutta Polso: piccolo ampio e schioccante Riempimento capillare: superiore a 2 secondi PA differenziale: ridotta inferiore a 2 sec. aumentata 2. clinica PVC alta PVC bassa ESTREMITA FREDDE Cardiogeno Extracardiaco ostruttivo Ipovolemico/emorragico ESTREMITA CALDE Settico Neurogeno Anafilattico LA PCV SI VALUTA ATTRAVERSO LE GIUGULARI! 16

17 3. come è il riempimento cardiaco? Insufficiente! E con giugulari collassate nello shock emorragico/ipovolemico Insufficiente! E con giugulari turgide e rantoli polmonari nello shock cardiogeno ed extracardiaco ostruttivo Buono! nello shock distributivo 1. il paziente è in shock? Si risponde con i sintomi, la FC, la PA 2. come vengono perfusi i tessuti? Si risponde vedendo la cute e le unghie 3. come è il riempimento cardiaco? Si risponde vedendo le giugulari 17

18 Terapia urgente Shock Neurogeno Liquidi e Ossigeno Inotropi: dopamina e dobutamina Vasocostrittori: efedrina (1-5mg ev) Metilprednisolone bolo di 30mg/kg poi in infusione a 5mg/kg/ora nelle 24 ore Shock Anafilattico Terapia urgente Liquidi e ossigeno Laccio emostatico o ghiaccio locale Adrenalina 0,3-0,5ml (i.m. o aerosol) Aminofillina e salbutamolo Antistaminici H1 e H2 Cricotiroidotomia Cortisonici (idrocortisone 500mg) Dopamina 18

19 POSIZIONE ANTISHOCK Sollevare le gambe del paziente (non a 90 ). IPOTENSIONE SOLITAMENTE NESSUN PROBLEMA, ANZI TALORA è solo ortostatica in soggetti sani 19

20 ALTRE VOLTE Da riduzione della gittata cardiaca Da aterosclerosi carotidea (recettori) Da riduzione del cortisolo (Addison) Da neuropatia autonomica (diabete) Da aritmie (sia bradi che tachi) IPOTENSIONE ORTOSTATICA: CAUSE PARAFISIOLOGICHE Farmaci - Diuretici, ACE-inibitori, Clonidina, Antidepressivi, Alcool Ipovolemia (assoluta o relativa) - Disidratazione, emorragie, varici, gravidanza 20

21 IPOTENSIONE ORTOSTATICA Clino Ortostatismo ml di sangue addome arti inf ritorno venoso al cuore (precarico) Stroke volume PA - GC COMPENSO ALL ORTOSTATISMO PA Barocettori aortici-carotidei PA GC precarico stroke volume Attivazione ortosimpatica Vasocostrizione arteriosa venosa FC contrattilità 21

22 IPOTENSIONE ORTOSTATICA Riduzione della PAs > 20 mmhg e/o della PAd > 10 mmhg nel passaggio da clino ad ortostatismo CONDIZIONI SCATENANTI Mantenimento prolungato stazione eretta Rapida assunzione stazione eretta IPOTENSIONE ORTOSTATICA: MANIFESTAZIONI Condizione asintomatica oppure: Vertigini Offuscamento visivo Debolezza Sincope Pallore Cardiopalmo Sudorazione 22

23 LIPOTIMIA, SINCOPE E COMA Lipotimia: malessere passeggero, capogiro, riduzione del tono muscolare, forte sensazione di perdere i sensi. Sincope: perdita di coscienza breve ed improvvisa, per riduzione del flusso cerebrale Coma: perdita di coscienza totale e prolungata senza risposta agli stimoli. LIPOTIMIA, caratteristiche Restringimento dello stato di coscienza con sensazione di imminente perdita della stessa Possono esser presenti sintomi di verosimile origine neurovegetativa: astenia intensa, obnubilamento del visus, difficoltà a conservare la stazione eretta 23

24 SINCOPE, caratteristiche Perdita di coscienza Breve durata Incapacità a mantenere il tono posturale Insorgenza più o meno improvvisa (con o senza prodromi) Risoluzione spontanea SINCOPE: Classificazione Sincopi Cardiovascolari Cardiache (aritmiche, meccaniche) Neuromediate Cerebrovascolari Sincopi non-cardiovascolari Metaboliche Neurologiche Psichiatriche Sincopi Indeterminate 24

25 SINCOPE: meccanismi Cardiaca Bradiaritmia, Tachiaritmia, Mixoma atriale, Stenosi aortica Vascolare Ortostatica, Vasomotoria, Riflesso vagale, Tosse, Valsalva Metabolica Neurologica Ictus, TIA Ipoglicemia, Ipossiemia, Iperventilazione SINCOPE ORTOSTATICA Mancato o incompleto funzionamento dei riflessi che mantengono la pressione arteriosa (quindi la pressione di perfusione cerebrale) durante la stazione eretta 25

26 SINCOPE VASOMOTORIA (SVENIMENTO COMUNE) Perdita di coscienza preceduta da: - pallore, sudorazione fredda, malessere epigastrico Fattori causali: - Stress emotivo, dolore, ambiente caldo, mal ventilato, stazione eretta prolungata SINCOPE VASOMOTORIA: FISIOPATOLOGIA Lieve deplezione volume Stress Contrazione energica cardiaca in presenza di deplezione di volume Attivazione meccanocettori ventricolari (soggetti predisposti) Riflesso vagale 26

27 SINCOPE DA RIFLESSO VAGALE TRIGGER: Minzione Deglutizione Manovre con stimolo della mucosa faringea, esofagea, bronchiale SINCOPE DA RIFLESSO VAGALE TRIGGER RAMO AFFERENTE IPOTENSIONE NUCLEO DEL VAGO SINCOPE RAMO EFFERENTE (VAGO) BRADICARDIA-VASODILATAZIONE 27

28 SINCOPE DA IPERSENSIBILITA DEL SENO CAROTIDEO Barocettori del seno carotideo (biforcazione della carotide comune) PALPAZIONE Risposta fisiologica: frequenza sinusale - conduzione A-V Risposta anomala (da ipersensibilità): - Cardioinibitoria (grave bradicardia) - Vasogenica (vasodilatazione massiva) - Mista SINCOPE DA TOSSE Tosse PVC (atriale dx) P perfusione cerebrale (PPC = PAm PVC) SINCOPE 28

29 SINCOPE DA MANOVRA DI VALSALVA M. di Valsalva: espirazione a glottide chiusa Aumento pressione intratoracica Riduzione ritorno venoso precarico Riduzione Stroke volume Ipotensione - Sincope SINCOPI CARDIACHE MECCANICHE da ostruzione (stenosi aortica, TEP) da deficit di pompa (IMA inferiore, mixoma) ARITMICHE bradiaritmie tachiaritmie 29

30 SINCOPI NEUROMEDIATE O RIFLESSE Vasovagale: anche dolore, emozione Situazionale o visceroriflessa: minzione, tosse, starnuto, deglutizione, postprandiale, gravidanza Seno-carotidea: Sick Sinus, aterosclerosi (radersi, cravatta) SINCOPE: Fisiopatologia (1) Riduzione generalizzata o circoscritta del flusso ematico cerebrale Disfunzione elettrica (epilessia) Alterazioni metaboliche (ipoglicemia, tossici) Disturbi psichiatrici 30

31 SINCOPE: Fisiopatologia (2) Sincope: ischemia cerebrale transitoria con durata di Per ischemia >15 si associano contrazioni tonico-cloniche cloniche e incontinenza sfinterica Diagnosi finale (intera popolazione, 781 pazienti) cardionvascolare non cardiovasc indeterminata 66% 9% 25% 31

32 Diagnosi finale (pazienti ricoverati, 450) 54% cardioascolare non cardiovasc indeterminata 12% 34% Indicatori di Rischio Anamnesi indicativa di malattia cardiaca (inclusa Ipertensione arteriosa) Anomalie elettrocardiografiche Sincope senza prodromi Età>65 anni N.B.: LA TC senza segni neurologici è INUTILE! 32

33 Le aritmie E alterata la fisiologica sequenza della attivazione atrioventricolare In aumento Tachiaritmie In difetto Bradiaritmie Nodo del seno irrorato nel 50% dei casi da CD nel 50% da CS Nodo AV irrorato sempre da CD Fascio di His irrorato Sempre da CS 33

34 Caratteristiche Eccitabilità + Conducibilità (entrano cariche + che tendono ad abbassare il potenziale di membrana) Refrattarietà (evita tetania) Automatismo (possono diventarlo anche miocellule in condizioni di ischemia che inattiva i canali Na e mantiene i canali Ca) Accoppiamento eccitazione-contrazione 34

35 I potenziali del cuore 35

36 Elettrocardio gramma ECG: tracciato Cause di aritmia Cioè: tutte le malattie del cuore possono causare aritmia! 36

37 Le aritmie ipocinetiche Minore eccitabilità del nodo del seno Altro PM lento ha il sopravvento Blocco della conduzione AV (Ricorda i ritmi di sfuggita) Le ipercinetiche, meccanismi 1. Aumento della frequenza propria del nodo del seno 2. Acquisizione da parte di un PM con frequenza di scarica maggiore del nodo del seno 3. Rientro 4. Triggered activity 37

38 Le ipercinetiche, cause 1. Cause extracardiache (catecolamine, farmaci, ormoni, sostanze tossiche) 2. Focus ectopico ipereccitabile (disionie) 3. Circuito anatomico o funzionale con vie comuni e vie a velocità diverse di conduzione (come in ischemia, cardiomiopatie) Normale A RIENTRO A B B C C C C 38

39 RIENTRO A A B B C C C C A A B B C C C C 39

40 Effetti delle aritmie dovuti a 1. modificazioni della frequenza cuore (e del riempimento ventricolare) 2. perdita della contrazione atriale (contributo del 20%, ma aumenta importanza in attività fisica e nella ipertrofia ventricolare) 3. aumento del consumo di ossigeno (cuore meno nutrito in diastole) 4. minore sincronismo della contrazione Caratteristiche di 1 aritmia 1. Costante 2. Frequente (evidenziare con Holter) 3. Rara (può scomparire o comparire con l esercizio fisico, evidenziare ciò con test ergometrico o studio elettrofisiologico). 40

41 SINTOMI 1. Cardiopalmo 2. Angina 3. Faticabilità 4. Dispnea 5. Vertigini 6. Sincope TERAPIA 1. Della causa (eliminare i fattori tossici, ormonali) 2. Farmacologica se la aritmia: a. è sintomatica b. compromette funzione di pompa c. anticipa aritmie più gravi 41

42 TERAPIA Ipocinetiche Atropina PM ICD Ipercinetiche Stimoli vagali Beta-bloccanti Amiodarone Lidocaina Overdrive Cardioversione TERAPIA Fondamentale concetto terapeutico: proteggere il cuore protegge dalle aritmie Dunque proteggere i vasi protegge dalle aritmie: uso di statine e antinfiammatori (aspirina). Si è osservato che l aumento degli indici di flogosi (PCR) PREDICE la fibrillazione atriale ricorrente dopo la cardioversione. 42

43 Ipercinetiche IPERCINETICHE Extrasistolia Atriale Giunzionale Ventricolare Differenza: se riesce o meno a provocare la contrazione atrio Pericolo: della R su T, cioè precocità. Tachicardia Sopraventricolare Atriale (con blocco) Giunzionale Parossistica SV Flutter atriale FA Causa: polmonare, vie anomale (WPW). Tachicardia Ventricolare R.I.V.A. TV Parossistica Torsione di punta FV Causa: ischemia. Effetto: riducono la gittata sistolica. 43

44 Tachicardia atriale e con blocco Vie anomale: fasci di Kent, Manhaim James 44

45 Fascio di Kent, da miociti atriali a miociti ventricolari Fascio di Manhaim, da nodo AV ai ventricoli Fascio di James, da atrio a nodo AV Clinica: TPSV Rischio: FA FV Conduzione dipende dalla frequenza Tachicardia atriale bloccata: Frequenza atriale è < a 200 b/min. Flutter atriale: Frequenza atriale è tra 220 e 360 b/min. Fibrillazione atriale Frequenza atriale è > 400 b/min. Frequenza cardiaca varia, circa 140 b/min. 45

46 Problema fibrillazione atriale Bassa gittata cardiaca Atrio fermo favorisce la presenza di trombi all interno della cavità, che possono partire al ripristino della contrazione atriale efficace Recidiva se atrio è grande Bradicardia sinusale Atleti Stimolo vago Ritmo giunzionale Bassa Fc P invertita IPOCINETICHE Malattia del nodo del seno Arresto senoatriale (senza P) Blocco senoatriale (P non condotta) Sindrome braditachi Blocchi AV: 1, 2, o 3 grado, la bradicardia NON si riduce in corso di attività fisica Blocco di Branca Destra : fisiologico o in ambito di patologie cardiache 46

47 Blocco di branca sinistra Completo o Incompleto Normale o di Significato patologico (branca non nutrita) Può cambiare nel tempo (intermittente) 47

48 Pacemaker Pace maker Dispositivo elettronico a batterie, applicato in alterazioni del nodo del seno o della conduzione AV Pacing/Sensing/Azioni (VVI, DDD) Inibito o inibito/stimolatore Elettrodo dipolo registra e stimola Evitare urti, campi magnetici e onde radar. 48

49 Perché si posiziona PM Rate Responsive 49

50 Rate-responsive Adatta la frequenza di stimolo alla attività fisica, grazie ad un rilevatore di Pressione ventricolare C è frequenza di stimolo programmata con paziente a riposo, e quella programmata appena il paziente comincia attività fisica. Prima pendenza per attività lieve e seconda pendenza programmata per attività intensa. Quando il livello di carica della batteria raggiungerà un determinato livello, il Medico stabilirà quando eseguire la sostituzione del Pacemaker con un nuovo dispositivo. Tale intervento è più semplice dell impianto in quanto si utilizzano i cateteri precedentemente impiantati; è pertanto necessario semplicemente aprire la tasca di alloggiamento del pacemaker, sconnettere il generatore e sostituirlo con uno nuovo. 50

51 PM Attività fisica Con il PM fare attività fisica basandosi sui sintomi. Quello a domanda dovrebbe intervenire solo se la frequenza si abbassa e non se si alza. Controindicati sport ad attività intensa! 51

52 Condizioni aritmiche in cui è controindicata attività fisica: Blocchi AV (III grado) QT lungo QT breve 52

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Il paziente è per terra

Il paziente è per terra ? SINCOPE Definizione: La sincope è una perdita di coscienza transitoria dovuta ad ipoperfusione cerebrale globale, caratterizzata da rapida insorgenza, breve durata, recupero rapido e spontaneo. COME

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

LA SINCOPE. Dott. Alberto Manzi MEDICO VETERINARIO

LA SINCOPE. Dott. Alberto Manzi MEDICO VETERINARIO LA SINCOPE Dott. Alberto Manzi MEDICO VETERINARIO Per SINCOPE si intende una perdita di coscienza transitoria ed a fine spontanea associata in genere a perdita del tono posturale. A volte si hanno spasmi

Dettagli

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella

Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia. Dott.ssa Burzacca Serenella Chi è lo specialista della sincope? Il ruolo del medico di famiglia Dott.ssa Burzacca Serenella 30/03/2012 Caso clinico Pz di anni 51 sesso femminile giunge nell ambulatorio del medico perché il giorno

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche)

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) Corso Base Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA Sono alterazioni neurologiche caratterizzate dalla perdita della consapevolezza di sé e del mondo esterno

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA CORSO INFERMIERI 30 NOVEMBRE - 2013 ENNA DR LUIGI RUSSO COME PUOI DESCRIVERE A PAROLE L ANATOMIA DEL CUORE SENZA RIEMPIRE UN LIBRO INTERO? ANCORA, PIU DETTAGLI SCRIVI,

Dettagli

La Sincope. Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese

La Sincope. Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese La Sincope Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese SINCOPE flow-chart clinico diagnostica Strategia di valutazione

Dettagli

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina Corso di Patologia Sistematica I Riconoscimento, fisiopatologia e clinica delle principali aritmie e dei blocchi cardiaci Dott.ssa Giulia Renda Cattedra di Cardiologia Direttore: Prof. Raffaele De Caterina

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA MALATTIE dell APPARATO CARDIO-VASCOLARE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL CARDIOPATICO ALLA GUIDA La letteratura internazionale fornisce indicazioni secondo le quali la maggior

Dettagli

Apparato cardio-circolatorio

Apparato cardio-circolatorio Apparato cardio-circolatorio Dott. Alberto Rossi L apparato cardio-circolatorio è costituito dal cuore e dai vasi sanguigni, che insieme sono responsabili del continuo flusso di sangue in tutto il corpo.

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

Cenni di anatomia e fisiologia

Cenni di anatomia e fisiologia APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Cenni di anatomia e fisiologia L'apparato cardiocircolatorio è come un sistema idraulico formato dal cuore, che funziona come una pompa, e da un complesso sistema di vasi che

Dettagli

Comitato Locale Catania Hinterland

Comitato Locale Catania Hinterland Comitato Locale Catania Hinterland LEZIONE N 6 Apparato respiratorio Turbe del respiro Apparato cardiocircolatorio Turbe del sistema cardiocircolatorio LA CELLULA nucleo ribosomi citoplasma mitocondrio

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI La vita di un organismo è assicurata da TRE funzioni essenziali

Dettagli

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.

Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact. Francesco De Luca, Agata Privitera U.O. C. di Cardiologia Pediatrica, Ospedale Santo Bambino CATANIA www.cardiologiapediatricact.com Il cuore ha la funzione di pompare sangue in quantità adeguata al fabbisogno

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

LE ARITMIE CARDIACHE. www.fisiokinesiterapia.biz

LE ARITMIE CARDIACHE. www.fisiokinesiterapia.biz LE ARITMIE CARDIACHE www.fisiokinesiterapia.biz Nel cuore si trovano due tipi di cellule: Miocellule: cellule muscolari striate unite allo loro estremità dai dischi intercalari, che hanno una bassissima

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI:

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli Segretario Generale ANA-Aritmie

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

CUORE D ATLETA. 30 ottobre 2015

CUORE D ATLETA. 30 ottobre 2015 CUORE D ATLETA 30 ottobre 2015 Gli atleti agonisti, per la preparazione, seguono rigorose schede d allenamento che comprendono sedute giornaliere di più ore e che portano a vari adattamenti sia a carico

Dettagli

APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO. Dr. Marco D Amato

APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO. Dr. Marco D Amato APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO Dr. Marco D Amato APPARATO CIRCOLATORIO OBIETTIVI: CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA - Il sangue - Il cuore - I vasi sanguigni - La circolazione sanguigna PRINCIPALI PATOLOGIE

Dettagli

MultiMedica. Per saperne di più sulle Aritmie. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. a Carattere Scientifico IRCCS

MultiMedica. Per saperne di più sulle Aritmie. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. a Carattere Scientifico IRCCS COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) Centralino 02.242091 MultiMedica Castellanza Viale Piemonte,

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA

SHOCK ANAFILATTICO. P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA SHOCK ANAFILATTICO P. Lorenzi FISIOPATOLOGIA E SINTOMATOLOGIA Lo shock anafilattico costituisce la più grave espressione clinica di una reazione anafilattica-anafilattoide ed è caratterizzato essenzialmente

Dettagli

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti

Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti REGIONE LAZIO Azienda Sanitaria Locale RIETI Ospedale San Camillo de Lellis Percorso diagnostico-terapeutico per la gestione dei Pazienti con sincope nell AUSL di Rieti Isabella Marchese Serafino Orazi

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - LE EMERGENZE MEDICHE

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - LE EMERGENZE MEDICHE CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - LE EMERGENZE MEDICHE INTRODUZIONE Le emergenze mediche sono determinate da: un difetto della struttura o nella funzione

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA:

LA PRESSIONE ARTERIOSA: I PARAMETRI VITALI LA PRESSIONE ARTERIOSA: La pressione del sangue sulle arterie è determinata dalla pompa cardiaca durante la fase di contrazione e rilasciamento del muscolo cardiaco. La pressione sanguigna

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in IL SISTEMA 118 E LA RETE CLINICA: una necessaria integrazione tra territorio e ospedale. da incentivare e concretizzare L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in arresto, periarresto o con

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE?

TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE? TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE? Dott. Davide Cordero ASL 5 Ospedali Riuniti UOA Anestesia Rianimazione Servizio Regionale Piemonte Elisoccorso

Dettagli

1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3.

1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3. 1. Ipertensione Arteriosa: definizione, classificazione, complicanze. 2. Diabete Mellito: classificazione, segni clinici, complicanze. 3. Disfunzioni della tiroide: ipotiroidismo ed ipertiroidismo. 4.

Dettagli

INSUFFICIENZA CARDIACA

INSUFFICIENZA CARDIACA INSUFFICIENZA CARDIACA Stato fisiopatologico in cui il cuore non riesce a pompare sangue in quantità adeguata alle richieste metaboliche dell organismo, oppure può farlo solo con un aumento della pressione

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Rianimazione Cardiopolmonare. Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma

Rianimazione Cardiopolmonare. Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma Rianimazione Cardiopolmonare Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma Cenni storici 1543, Vesalio: prima descrizione di tracheotomia e ventilazione artificiale

Dettagli

CARATTERISTICHE CLINICHE DEI PAZIENTI AFFERENTI ALL AMBULATORIO PER LO STUDIO DELLA SINCOPE E DELLE CADUTE NELL ANZIANO

CARATTERISTICHE CLINICHE DEI PAZIENTI AFFERENTI ALL AMBULATORIO PER LO STUDIO DELLA SINCOPE E DELLE CADUTE NELL ANZIANO Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina, Endocrinologia, Metabolismo e Geriatria

Dettagli

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE Simona Schraffl Infermiera Cardiologia di Cento Marina Franzoni Infermiera Cardiologia di Cento Regola delle 6 G G il GIUSTO FARMACO deve

Dettagli

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137

Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia per la sopravvivenza (del Medico di Medicina Generale) ISBN 88-8412-023-3 Proprietà letteraria riservata Editmabi.com s.r.l., Via Ausonio 4, 20123 Milano - tel. 02 4817137 Elettrocardiografia

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare

Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Principali Funzioni dell App. Cardiovascolare Distribuzione (ossigeno e sostanze nutritive) Rimozione (anidride carbonica e scorie del metabolismo) Trasporto (ormoni) Mantenimento (temperatura corporea,

Dettagli

Le valvulopatie. Valvola Mitrale. Insufficienza Mitralica - Eziologia. Insufficienza Mitralica. scaricato da www.sunhope.it

Le valvulopatie. Valvola Mitrale. Insufficienza Mitralica - Eziologia. Insufficienza Mitralica. scaricato da www.sunhope.it Le valvulopatie Parte I: Mitrale e Tricuspide Valvola Mitrale La mitrale separa atrio e ventricolo sinistri. È composta da due lembi: uno anterolaterale, e uno posteromediale. Nell adulto l area valvolare

Dettagli

Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO

Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO DEFINIZIONE Si definisce scompenso cardiaco la condizione in cui il cuore è incapace di pompare un flusso di sangue adeguato alle necessità dell organismo. Ciò produce

Dettagli

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni

Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM. Gian Piero Carboni Elettrocardiografia per Immagini: Rapido Apprendimento Tramite CD-ROM Gian Piero Carboni Il Prof Gian Piero Carboni lavora presso il Policlinico Universitario sin dalla sua fondazione risalente a primi

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE (ICD) FINALITÀ DELL INTERVENTO Il defibrillatore (Internal Cardioverter-Defibrillator - ICD) è in grado di trattare

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

ALTERAZIONI DEL RITMO CARDIACO

ALTERAZIONI DEL RITMO CARDIACO WWW.SLIDETUBE.IT ALTERAZIONI DEL RITMO CARDIACO Nell incontro precedente ci eravamo lasciati con una serie di alterazioni del miocardio come possibili cause di insufficienza cardiaca con conseguente scompenso.

Dettagli

Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano

Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano Le CAdute non SPIegaTe nell Anziano Linee Guida ESC Update 2004 Reale o apparente perdita di coscienza Anamnesi, esame obiettivo, PA clino e orto, ECG standard Sincope (ipoperfusione cerebrale globale)

Dettagli

Cos è lo Scompenso Cardiaco?

Cos è lo Scompenso Cardiaco? Cos è lo Scompenso Cardiaco? Testo elaborato da Gianfranco Sinagra e Marco Merlo Cardiologi* (12/2006) Il cuore è un muscolo, che funziona come una pompa in grado di far circolare il sangue in tutto il

Dettagli

L arresto cardiocircolatorio

L arresto cardiocircolatorio Michele Gallina L arresto cardiocircolatorio Definizione L arresto della attività cardiaca, dunque del circolo sanguigno, dovuto a condizione patologica meccanica (ischemia, scompenso), aritmica (fibrillazione,

Dettagli

ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS

ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS Congresso Nazionale IRC Expo Napoli Congress Palace, Napoli 6-7 Giugno 2008 INTEGRAZIONE DELL ECOGRAFIA ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS Gian A. CIBINEL Istruttore e Direttore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DISPENSE Servizi Integrati di prevenzione e protezione D6/2013 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE ISTRUZIONE

Dettagli

DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE

DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE DISTURBI DEL RITMO DISFUNZIONE SENO ATRIALE Il nodo del seno è normalmente il segnapassi cardiaco grazie alla sua più alta frequenza di scarica intrinseca. L aumento della frequenza di scarica è dovuto

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive

L apparato cardio-vascolare. Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardio-vascolare Dr.ssa Federica Sozio U.O. Malattie Infettive L apparato cardiovascolare è costituito dal cuore e dai vasi sanguigni, nelle cui cavità il sangue circola in continuazione. Il

Dettagli

IL CUORE. Alessia Natale Aurora Salubro Alessandro Debernardi Alessio Ienopoli. Che cosa è? INDICE

IL CUORE. Alessia Natale Aurora Salubro Alessandro Debernardi Alessio Ienopoli. Che cosa è? INDICE IL CUORE Alessia Natale Aurora Salubro Alessandro Debernardi Alessio Ienopoli INDICE IL CUORE : Funzione IL CUORE : Struttura del miocardio VALVOLE CARDIACHE : spiegazione principali valvole cardiache

Dettagli

CARDIOPALMO. Opuscolo informativo a cura di: - PRESENTAZIONE - Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie

CARDIOPALMO. Opuscolo informativo a cura di: - PRESENTAZIONE - Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Opuscolo informativo a cura di: CARDIOPALMO - PRESENTAZIONE - Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli

Dettagli

Interpretazione dell ECG in 5 minuti

Interpretazione dell ECG in 5 minuti Interpretazione dell ECG in 5 minuti L elettrocardiogramma è uno degli esami che vengono più spesso praticati nelle strutture sanitarie e consente di andare ad esplorare l attività elettrica del cuore

Dettagli

RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA

RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA MANUALE CPR AED FIRST RESPONDER CENNI DI ANATOMIA RITMOPATIA CARDIACA MALIGNA 1 FEMA Group ente di alta formazione professionale, dal 1998 opera nel settore della formazione del personale deputato ad intervenire

Dettagli

Interpretazione ECG nelle S.C.A.

Interpretazione ECG nelle S.C.A. SEZIONE PUGLIA IL DOLORE TORACICO E LE SINDROMI CORONARICHE ACUTE IN MEDICINA D URGENZA Settembre- ottobre 2010 Interpretazione ECG nelle S.C.A. Paola Caporaletti Domande chiave 1. E presente attività

Dettagli

IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE

IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE MODELLO INFORMATIVO Informazioni relative all intervento di IMPIANTO DI DEFIBRILLATORE IMPIANTABILE Io sottoscritto/a nato/a il. dichiaro di essere stato/a informato/a in data dal dr.. DI ESSERE AFFETTO

Dettagli

IMPIANTO DI PACE-MAKER DEFINITIVO CONSENSO INFORMATO

IMPIANTO DI PACE-MAKER DEFINITIVO CONSENSO INFORMATO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e Area Critica Cardiologia Interventistica Dott. Antonio Manari - Direttore CONSENSO INFORMATO IMPIANTO DI PACE-MAKER DEFINITIVO Gentile Signora/e, la valutazione della

Dettagli

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore

Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d varie parti del cuore Sequenza di insorgenza dei potenziali d azione d nelle varie parti del cuore NSA NAV NSA Atri NAV Fascio His Fibre Purkinje Miociti ventricoli ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG) L ECG è la registrazione, nel tempo,

Dettagli

INSUFFICIENZA MITRALICA

INSUFFICIENZA MITRALICA CORSO INTEGRATO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI E RESPIRATORIE VALVULOPATIE MITRALICHE Prof.ssa M. De Feo INSUFFICIENZA MITRALICA INSUFFICIENZA MITRALICA Incompleta chiusura dell ostio mitralico cui segue

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese

Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro. Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del Ventricolo Destro Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Varese Displasia Aritmogena del VDx Manifestazioni cliniche

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

LA SINCOPE: DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA

LA SINCOPE: DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA Introduzione LA SINCOPE: DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA Roberto A. Santilli Dr Med.Vet. D.E.C.V.I.M.-C.A. (Cardiology) Clinica Veterinaria Malpensa Viale Marconi, 27 21017 Samarate Varese Tel. 0331-228155

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE

L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE Ospedale san Giovanni Battista di Torino L ELETTROCARDIOGRAFIA DI BASE cpsi Mazzini Diana cpsi Bonanno Vita s.c. cardiologia ospedaliera dott. Marra s.c. cardiologia universitaria prof. Gaita Il cuore:

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz

L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici. www.fisiokinesiterapia.biz L Ascoltazione del Cuore Toni cardiaci fisiologici e patologici www.fisiokinesiterapia.biz FOCOLAI DI AUSCULTAZIONE ANATOMICI E ELETTIVI M- F. MITRALE > itto T- F.TRICUSPIDE > IV spazio intercostale (S.I.),

Dettagli

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere

Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli