PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO. C. Lisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO. C. Lisi"

Transcript

1 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO C. Lisi

2 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO La fase di condizionamentodel programma di esercizio include Esercizi aerobici Eserrcizi di resistenza Esercizi sport relati

3 BENEFICI GENERALI DELLA GINNASTICA CON PESI (esercizi contro resistenza) SVILUPPO della FORZA, MASSA E RESISTENZA MUSCOLARE con facilitazione alla vita di relazione e risoluzione di alcune problematiche cliniche di lieve entità (es lombalgia posturo ipocinetica) ELEVAZIONE del CONSUMO METABOLICO BASALE AUMENTO della SENSIBILITA PERIFERICA ALL INSULINA

4 BENEFICI GENERALI DELLA GINNASTICA CON PESI (esercizi contro resistenza) Durante l esercizio con pesi: IL VOLUME SISTOLICO rimane immodificato (PUO DIMINUIRE PER TENSIONI >50% CVM) LA PORTATA CARDIACA aumenta moderatamente per lieve aumento della FC IL FLUSSO SANGUIGNO nei muscoli che lavorano non aumenta (RIFLESSO DI VASOCOSTRIZIONE) Sia ha un aumento DI PAS, PAD E PAM di entità proporzionali al SOVRACCARICO che favorisce LA PERFUSIONE dei muscoli in contrazione

5 Physiological Changes Induced by Cardiorespiratory Endurance Training Increases Decreases CARDIORESPIRATORY SISTEM Heart size and volume Resting heart rate Blood volume and total hemoglobin Submaximal exercise heart rate Stroke volume rest and exercise Blood pressure( if high ) Cardiac output maximum VO2max Oxygen extraction of blood Lung volume MUSKOLOSKELETAL SYSTEM Mitochondria number and size Myoglobin stores Triglyceride stores Oxidative phosphorylation OTHER SYSTEMS Strenght of connetive tissue Heat acclimatation High-density lipoprotein cholesterol Body weight (if overweight Body fat Total cholesterol Low-density lipoprotein cholesterol

6 VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI ATTIVITA FISICA DI PARTENZA Questionari / Indagine anamnestica IPAQ long form IPAQ short form Contapassi passi /g livello minimo passi/g attivo passi/g high active Accelerometri

7

8 U.O. ina PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Una volta valutato lo stato individuale di fitness cardiovascolare dell individuo si può pianificare un programma di esercizio aerobico per sviluppare e mantenere l endurance cardiorespiratoria. Un programma disegnato per incontrare gli interessi e le necessità individuali deve tenere conto dell età, del sesso, del livello di fitness e l abitudine all esercizio. Nel disegnare l esercizio dobbiamo tenere presente che alcuni soggetti si impegnano in un esercizio aerobico per migliorare il loro stato di salute o ridurre il rischio di malattia, mentre altri sono interessati nel potenziare il loro livello di fitness fisica(vo2). Poiché la quantità di esercizio necessaria a promuovere la salute è minore di quella necessaria per sviluppare e mantenere un livello più alto di fitness fisico, dobbiamo aggiustare la prescrizione in accordo con l obiettivo primario del nostro soggetto.

9 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Quando l obiettivo primario per la prescrizione dell esercizio è migliorare la salute il riferimento sono guidelines for exercise prescription for improved health U.S. Department of Health and Human Service (1996) Dall altra parte se l obiettivo per la prescrizione dell esercizio è il miglioramento della fitness cardiorespiratoria il riferimento è ACSM guidelines for exercise prescription for cardiorespiratory fitness (2006)

10 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Si raccomanda l inclusione durante o immediatamente dopo la fase di condizionamento di attività ricreazionali. Giochi e sport piacevoli possono incoraggiare l aderenza al programma di esercizio. I giochi dovrebbero essere modificati per ridurre la richiesta di abilità, la competizione e il costo energetico. ACSM 2006

11 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Ogni esercizio di allenamento nella prescrizione di una attività aerobica o di un programma dovrebbe includere Warm Up Serve per incrementare il flusso sanguigno per il lavoro cardiaco e muscolo scheletrico, per incrementare la temperatura corporea, diminuire la possibilità di ingiurie articolari e muscolari, e ridurre la possibilità di aritmie cardiache. Durante questa fase il tempo di esercizio è aumentato per preparare il corpo ad una più alta intensità di esercizio durante la fase di condizionamento. Comincia con 5-10 di lavoro aerobico a bassa intensità (10%-30% VO2R), seguono 5-10 di esercizi di stretching e flessibilità che coinvolgono gambe, spalle, addome, anca, inguine. Endurance Conditioning durante questa fase il lavoro aerobico è svolto in accordo alla prescrione effettuata. Questa fase dura almeno da 20 a 60 e dipende dall intensità indicata. Cool-down Questa fase segue immediatamente alla fase precedente per ridurre il rischio di complicazioni cardiovascolari causate dallo stop improvviso dell esercizio. Il soggetto continua l esercizio a bassa intensità per almeno Questo permette alla HR e alla pressione arteriosa di ritornare alla normalità, prevenendo il sequestro di sangue alle estremità prevenendo vertigini e svenimenti. L azione della pompa muscolare aumenta il ritorno venoso e velocizza il recupero. Lo stretching può essere ripetuto in questa fase per ridurre la possibilità dei crampi e dolori muscolari.

12 PER PRESCRIVERE CORRETTAMENTE UN ESERCIZIO FISICO AEROBICO 1. Valutazione del livello di attività fisica di partenza 2. Valutazione clinica 3. Valutazione funzionale 4. Prescrizione dell esercizio

13 PER PRESCRIVERE CORRETTAMENTE UN ESERCIZIO FISICO AEROBICO Nella prescrizione dell esercizio seguiamo il principio Frequenza Intensità Tempo Tipo

14 INTENSITA dell ESERCIZIO Il tratto caratteristico dell arte della prescrizione dell esercizio fisico sta nella capacità di selezionare una intensità di esercizio adeguata a stressare il sistema cardiovascolare e osteo-tendineo-muscolare senza sovraccaricarlo. Secondo l ACSM (2006) l intensità iniziale di un esercizio per adulti apparentemente sani va dal 40%-50% VO2R al l 85% VO2R. Esercizi di intensità più bassa (30% VO2R) possono essere sufficienti per fornire importanti benefici di salute per soggetti sedentari e per persone anziane con livelli di fitness cardiorespiratoria iniziali bassi. Per la maggior parte degli individui intensità di esercizio dal 60% al 80% VO2R sono sufficienti per aumentare la fitness cardiorespiratoria. Come regola generale, maggiore è l allenamento individuale, più alta deve essere l intensità dell esercizio per produrre un ulteriore miglioramento della fitness cardiorespiratoria.

15 INTENSITA dell ESERCIZIO Con l aumentare della intensità dell esercizio c è un continuum positivo di benefici per la salute e la forma fisica (concetto della progressività del carico). Esiste una soglia minima di intensità di esercizio che dà benefici in salute e forma fisica per molte persone con l eccezione di coloro che sono decondizionati fisicamente. Un esercizio di intensità almeno moderata (p.e. dal 40% a < 60% VO2R, che incrementa in maniera evidente la HR e la respirazione) è raccomandato come esercizio di intensità minima per coloro che vogliono raggiungere benefici in termini di salute e forma fisica. Tuttavia una combinazione di un esercizio di intensità moderata e vigorosa (>= 60% VO2R, che determina un sostanziale incremento di HR e respirazione) è l ideale per il raggiungimento di un miglioramento in termini di salute e forma fisica per la maggior parte degli adulti.

16 Come fare a definire l intensità dell esercizio PERCENT AGE-PREDICTED MAXIMUM HR (HRmax) HR RESERVE (HRR) method: Target HR (THR) = [( Hrmax-HRrest) x % intensity desidered] + HRrest VO2 RESERVE (VO2R) method: Target VO2R = [(VO max VO2rest) x % intensity desidered] + VO2rest PEAK HR method: Target HR = Hrmax x % intensitydesidered PEAK MET (%MET) method: Target MET = [(VO2max / 3,5 ml/kg/min] x % intensity desidered RATING of PERCEPTION of EXERTION (RPE): scala di Borg OMNI scale (descrittore pittorico e verbale con numeri) Lactate 6 min. walking test

17 VO2 RESERVE (MET) METHOD Tradizionalmente l intensità dell esercizio è stata espressa come pura percentuale sia del VO2max che del VO2peak. La ricerca ha suggerito che %VO2max non è equivalente (ratio 1:1) alla %HRR per l esercizio al cicloergometro e al treadmill. Perciò l ACSM ha cambiato le sue raccomandazioni riguardanti il metodo usato per calcolare l intensità dell esercizio nella prescrizione dell esercizio aerobico. Invece di esprimere l intensità relativa come una pura percentuale del VO2max (%VO2max) l ACSM ora raccomanda di usare la percentuale della riserva di VO2max (%VO2R). VO2R= VO2max VO2rest Con questa modificazione il valore percentuale per il metodo %VO2R e il metodo %HRR per la prescrizione dell intensità dell esercizio sono approssimativamente uguali. Ciò migliora l accuratezza per calcolare il VO2 Target particolarmente per soggetti che sono coinvolti in un esercizio aerobico di bassa intensità.

18 VO2 RESERVE (MET) METHOD La misura della capacità aerobica dell individuo si effettua con Test da Sforzo Incrementale. Il VO2max del soggetto è espresso in termini relativi ovvero ml/kg/min oppure in METs (equivalenti metabolici). 1 MET = 3,5 ml/kg/min Questo corrisponde alla spesa metabolica a riposo. C èuna equivalenza tra VO2 e MET: p.e. VO2max = 35 ml/kg/minequivale a 10 METs (35/3,5 = 10 METs) Il VO2R è calcolato dalla differenza fra il VO2max e ilvo2rest: VO2R = VO2max VO2rest La percentuale di VO2R dipende dal livello iniziale di fitness cardiorespiratorio del soggetto.

19 VO2 RESERVE (MET) METHOD Per calcolare il Target VO2(in METs) basato sul VO2R dobbiamo: Target VO2 = [relative exercise intensity (%) x VO2R ] + VO2rest p.e. il Target VO2 corrispondente al 50% VO2R di un soggetto che ha un VO2max di 10 METs si calcola Target VO2 = [0,50 x (10 1 MET)] + 1 MET = (0,50 x 9 METS) + 1 MET = 4,5 + 1 MET = 5,5 METs L intensità dell esercizio (METs ) per le attività come walking, jogging, running, cycling e bench stepping è direttamente correlata alla velocità del movimento, potenza sviluppata o massa sollevata. Per questo per la prescrizione dell esercizio vengono utilizzate le Equazioni dell ACSM per calcolare la velocità o il carico di lavoro corrispondente ad una specifica intensità in METs. Quando usiamo VO2 or METs per prescivere l esercizio si possono identificare le attività entro il range di VO2 o MET desiderato per mezzo di Compendium of Physical Activity, Gross energy expenditure for conditioning exercise, sport, and recreational activity o Calcoli Metabolici (equazioni ACSM).

20

21 Il costo energetico delle varie attività è espresso in multipli del livello a riposo Es. Camminare piano in pianura 2 MET bicicletta 16 km/h 4 MET jogging 7 MET Per convenzione una attività si considera LIEVE 1,1 2,9 MET MODERATA 3,0 5,9 MET INTENSA 6,0 MET

22 1 MET = 1 Kcal x kg x ora Soggetto di 80 Kg che Pedala a 16 Km/h in pianura per un ora e mezzo 4 (MET) x 80 (KG) x 1,5 (ore) = 480 Kcal fa jogging per un ora 7 (MET) x 80 (Kg) x 1 (ora) = 560 Kcal SI CONSUMA MOLTO MENO DI QUELLO CHE SI PENSA

23 VO2 RESERVE (MET) METHOD ll Metododei METshadei limiti. I costi calorici (p.e. i valori medi di MET) di esercizi condizionanti sono soltanto stime della spesa energetica. Il costo calorico di certe attività varia grandemente con il livello di abilità individuale. Sebbene i METs forniscano un punto di partenza per prescrivere l intensità dell esercizio i fattori ambientali possono alterare la risposta in HR e RPE all esercizio. Pertanto si dovrebbero usare i metodi HR e RPE con il metodo dei METs per garantire che la intensità dell esercizio non ecceda i limiti di sicurezza.

24 HEART RATE / VO2 METHOD Un metodo diretto di prescrizione dell esercizio che usa la relazione fra HR e VO2può essere usato quando HReVO2sonomisurate durante un test da sforzo incrementale. Più aumenta l intensità dell esercizio più aumenta la HR. Questo metodo può essere particolarmente utile quando la prescrizione dell esercizio riguarda persone che prendono farmaci come B-bloccanti o che hanno una malattia cronica come diabete mellito o malattia cardivascolare aterosclerotica (CVD) che alterano la risposta in frequenza all esercizio. Ci sono tre modi di prescrivere l intensità dell esercizio usando la frequenza cardiaca.

25 HEART RATE / VO2 METHOD Nel grafico sono stati plottati i valori di F.C. e VO2 ottenuti con un esercizio in cui il VO2max era 38 ml/kg/min e laf.cmaxera184bpm. Il range della F.C. Target è determinato trovando la F.C che corrisponde al 50% e 85% del VO2 max % VO2 max: 50% VO2 max= 19 ml/kg/min 80% VO2 max= 32 ml/kg/min Il target di F.C. corrisponde 50% =130 bpm 80% = 168 bpm

26 HEART RATE VS MET GRAPHING METHOD Quando viene effettuato un test da sforzo incrementale sottomassimale o massimale la risposta in HR allo steady-state di ciascun step sforzo può essere plottato. La HRmax è la massima HR osservata all acme dell intensità del test da sforzo massimale. Nel caso di test sottomassimale la HRmax può essere ottenuta usando la formula 220 età. Dal grafico possiamo ottenere la HRs ad una data percentuale della capacità funzionale stimata (%VO2max). Nell esempio la capacità funzionale massima è 7,4 METSelaHRmaxè195bpm. La risposta in HR al test da sforzo dipende in qualche misura dalle modalità del test da sforzo. P.e. Rispetto ad un test al treadmill, l esercizio su uno step elettronico suscita una HRs più alta, e il test da sforzo con la bicicletta risulta in una HRs più bassa alla stessa intensità di esercizio relativa. Quando usiamo questo metodo per la prescrizione dell esercizio, dobbiamo cercare di incrociare il test da sforzo e il tipo di esercizio attraverso la selezione di un tipo di test che provochi una risposta in HR che sia simile a quella ottenuta per il tipo di allenamento. P.e. se il nostro soggetto sceglie in line skating come tipo di allenamento, dovremmo somministrare un test da sforzo al treadmill, dato che la relazione fra HR e VO2 ad intensità di esercizio sottomassimali è simile per questi due tipi di esercizio.

27 Plotting target HR zone using graded exercise test data (HR vs METS) TARGET HEART RATE ZONE VO2max = 7,4 METS F.C. 160 ( bpm) HR max = 195 BPM TARGET MET ZONE 110 (60%-85% VO2R) 100 M METS

28 MISURAZIONE DEL CONSUMO DI OSSIGENO Attraverso la misurazione del consumo di ossigeno si valuta globalmente il sistema aerobico, nel funzionamento integrato di sistema muscolare, cardiocircolatorio e respiratorio.

29 MISURAZIONE DEL VO2 FORMULA FISIOLOGICA VO2 = GC x (Diff. A-V O2) VO2 = FC x VS x (Diff. A-V O2) FORMULA FISICA VO2 = O2 insp O2 esp VO2=(VEi x FiO2) - (VEe x FeO2) VO2 = VE x (FiO2 FeO2)

30 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE A VO2 100% VO2max MASSIMALE

31 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE AL VO2 100% VO2max 40-60% AT AER. LEGGERO MASSIMALE

32 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE A VO2 100% VO2max 70-90% PCV 40-60% AT AER. AER-AN LEGGERO MODERATO PESANTE MASSIMALE

33 FC DI ALLENAMENTO IN BASE AL CONSUMO DI OSSIGENO FC corrispondente a: X % di VO2 di picco Oppure Sotto AT = esercizio leggero Tra AT ed PCV = moderato Oltre PCV = pesante

34 METODO di KARVONEN o % HEART RATE RESERVE (%HRR) Quando non è disponibile un Test da Sforzo Massimaleche cifornisceunvalore difc possiamo usare questo metodo per determinare il Target di FC per la prescrizione della Intensità di un Esercizio. Il metodo della Riserva della FC(HRR) considera la FC a riposo e la FC max. La Riserva dellafc(hrr)èladifferenza tralafcmaxelafcriposo. Per determinare il Target della FC per l Esercizio si aggiunge la FC riposo alla Percentuale della Riserva della FC: FC target = [ % intensità esercizio x ( Fcmax Fc rip.] + FC rip. I valori percentuali del metodo HRR sono approssimativamente uguali ai valori percentuali del metodo VO2R. Questo perché vale l assunto che la FC è una funzione lineare della intensità dell esercizio. L ACSM (2006) raccomanda l utilizzo di percentuali dal 40%/50% a 85% del HRR.

35 METODO della PERCENTUALE DELLA F.C. MAX (% HR max) Si può usare anche la percentuale esatta della FC maxper stimare l Intensità dell Esercizio e determinare il Target di FC. Storicamente per predire la FC maxsi è usata, sia nei maschi che nelle femmine, la formula 220- età Questa è molto semplice ma presenta un discreto grado di variabilità sottostimando la Fcmax in entrambi i sessi al di sotto dei 40 anni e sovrastimandola sopra i 40 annidietà. Recentemente sono stati introdotti predittori della FC max più accurati. Laformuladi Gellish et al.èilpiùaccurato: FC max = (0.67 x età) Quando dobbiamo decidere l equazione da usare per il calcolo della % HR max si deve scegliere tra la facilità di calcolo e la precisione.

36 COMPARAZIONE dei METODI di PRESCRIZIONE dell INTENSITA dell ESERCIZIO Intensità relativa Classificazine %VO2R o% HRR % Hrmax RPE(6-20 scale) Very Light <20 <35 <10 Light Moderate Hard Very Hard >= 85 >= Maximal

37 METODO della PERCENTUALE DELLA F.C. MAX (% HR max) Questo metodo è basato sul fatto che la % Fcmax (% HR max) è correlata al % VO2R e % HRR. Come si vede dalla tab. il 55% e il 90% HRmax corrispondono a intensità di esercizio del 40% e 85% VO2RoHRR. L ACSM (2006) raccomanda Target HRs di prescrizione fra 64%-70% e 94% HRmax dipendendo dal livello di fitness del soggetto

38 METODO della FREQUENZA CARDIACA Con l uso di questo metodo la Fc max deve essere conosciuta oppure deve essere derivata dalla formula 220- età. P. e.lafcmaxpredettaconl etàè180bpm; l intensità dell esercizio è pari al 70% FCmax; Target della intensità dell esercizio espressa in %Fcmax = 126 bpm; lafcrip.è80bpm; l intensità dell esercizio determinata con la formula di Karvonen è: [ 0,70 x (180-80) + 80 ] = 150 bpm Comparando i due risultati vediamo che, pur in presenza di una stessa intensità relativa dell esercizio, il metodo % Hr max dà un valore più basso. L ACSM (2006) raccomanda di usare il metodo della % Hr max per prescrivere l intensità dell esercizio nei soggetti older. Il metodo % HRmax fornisce una stima più accurata della % VO2 peak degli adulti più anziani rispetto al metodo di Karvonen. Comunque dovremmo misurare non predire la HR max per due ordini di motivi. I soggetti più anziani hanno una grande variabilità in Fcmax e hanno probabilmente fatto uso di medicazioni che interessano il picco di FC.

39 LIMITAZIONI del METODO della FC L uso esclusivo di questo metodo nel calcolo della intensità raccomandata per l esercizio può condurre ad errori, per alcuni individui, nella stima della intensità relativa dell esercizio [%VO2R]. Questo è particolarmente vero quando la HR max è predetta con la formula 220 età invece di essere misurata direttamente. In circa il 30% della popolazione, una prescrizione età predetta del 60% dihrrpuòvariaredal70%all 80%dellarealeHRmax. Hr max varia con il modo di esercizio. Perciò, lo sforzo percepito dal soggetto può differire fra alcuni modi di esercitarsi seppure alla stessa HR submassimale. Anche emozioni, medicazioni, e fattori ambientali (p.e. temperatura, umidità, e inquinamento dell aria) possono condizionare l allenamento. Quindi dovremo usare RPE per aggiustare l intensità dell esercizio in alcune situazioni.

40 RATING of PERCEIVED EXERTION METHOD Alla luce delle limitazioni associate con l uso della HR per regolare l intensità dell esercizio, dobbiamo considerare l uso di una combinazione di HR e RPEs nel dosare l intensità dell esercizio nella prescrizione. Possiamo usare la RPE per prescrivere e monitorizzare l intensità dell esercizio. Le scale di RPE sono un valido strumento realizzabile per la valutazione del livello di sforzo fisico durante l esercizio aerobico continuo. Durante il test da sforzo il soggetto sceglie, riferisce, l intensità di ciascun step usando la Scala RPE(p.e.lascaladiBorg). Per scegliere la minima e massima intensità per la prescrizione dell esercizio si usa l intensità (METS) corrispondente al livello di 12 (alquanto Hard) e 16 (Hard). Comparato con il metodo % HRR, il RPEs fra 12 e 16 é strettamente approssimato rispettivamentea40% e 84% HRR. Con la pratica l individuo può imparare ad associare RPEs ad uno specifico target HHR in particolare per le intensità di esercizio più alte. Così RPEs può essere usato invece di HR o in combinazione con HR, per monitorizzare l intensità dell allenamento e aggiustare la prescrizione dell esercizio per condizionarne gli effetti. Un vantaggio di RPEs come mezzo per monitorizzare l intensità dell esercizio è che il soggetto non ha bisogno di interrompere l esercizio per controllare la HRs.

41 PERCEZIONE SOGGETTIVA dell INTENSITA di ESERCIZIO SCALA DI BORG

42 PERCEZIONE SOGGETTIVA dell INTENSITA dell ESERCIZIO STIMA DELLO SFORZO PERCEPITO ( RPE RATING OF PERCEIVED EXERTION) SCALA DI BORG: 6 nessuna fatica 7-8 fatica molto molto lieve 9-10 fatica molto lieve fatica abbastanza lieve proporzionali a MVO2 e FC fatica abbastanza intensa fatica intensa fatica molto intensa 19 fatica molto molto intensa 20 massima fatica N.B.:Esistono differenze anche notevoli di percezione di fatica durante lo stesso sforzo tra un individuo e l altro

43 VALUTAZIONE MEDIANTE MISURAZIONE LATTACIDEMIA L aumento della lattacidemia indica un innesco del metabolismo anaerobico, indice di un superamento del limite del sistema aerobico La soglia anaerobica corrisponde alla massima intensità di lavoro sostenibile senza incremento della lattacidemia (test di Mader) OBLA : Onset of Blood Lactate Accumulation

44 IN UN TEST INCREMENTALE E DIFFICILE CAPIRE DOVE SI POSIZIONA L OBLA Iniziale incremento? Fase di incremento rapido? Si è visto che approssimativamente: 2 Mmoli = LIMITE AER. 4 Mmoli = LIMITE AN. LA 14, , , , ,5 10 9,5 9 8,5 8 7,5 7 6,5 6 5,5 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 km/h 2,16 2,2 2,23 2,27 2,3 2,34 2,38 2,41 2,45 2,48 2,52 2,56 2,59 2,63 2,66 2,7 2,74 2,77 2,81 2,84 2,88 2,92 2,95 2,99 3,02 3,06 3,1 3,13 3,17 3,2 3,24 3,28 3,31 3,35 (m/s)*

45 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE A LA 100% VO2max 70-90% 40-60% AT 2 Mmoli PCV 4 Mmoli AER. AER-AN LEGGERO MODERATO PESANTE MASSIMALE

46 SIX MINUTE WALK TEST È un test pratico e semplice da eseguire, non richiede una formazione particolare o un equipaggiamento particolare. Fornisce una valutazione obiettiva della tolleranza all esercizio o della capacità funzionale. Esiste un protocollo standardizzato e delle linee guida sono state recentemente sviluppate per l esecuzione. Gli strumenti di monitorizzazione sono un cronometro, un pulsiossimetro e uno sfigmomanometro. Sono rilevate la HR di base, la pressione arteriosa, livello di dispnea ed ossiemoglobina. Gli stessi parametri sonovalutatiallafineinsiemeadun RPE. Sono stati costruiti valori di riferimento per adulti sani ma anche in popolazioni particolari come gli obesi. Ha una buona riproducibilità e correlazione e con altre misure della capacità tanto che è stato adoperato in luogo del CPET. Buonacorrelazione tra 6mwteVO2 maxèstatamostratainpazienticon COPD. È un test sottomassimale e motivazionale alternativo rispetto al CPET. È stato utilizzato applicato alla valutazione della capacità funzionale, del trattamento medicale, della risposta nella riabilitazione polmonare e predizione di morbidità. La minima differenza clinicamente importante(mcid) per il 6mwt è stata valutata in 54 metri.

47 TIPO di ESERCIZIO ATTIVTA del GRUPPO I Quando l obiettivo primario del programma di esercizio è sviluppare e mantenere la fitness cardiorespiratoria si devono usare attività aerobiche che coinvolgono grandi gruppi muscolari in maniera continua e ritmica. Negli stadi iniziali e nel perfezionamento del programma di esercizio è importante monitorizzare l intensità del medesimo. Perciò è utile scegliere tipi di esercizio che permettano di mantenere una intensità costante e non richiedano una altissima abilità da parte dell individuo. Le attività di questo gruppo sono le più adatte per questo scopo. ATTIVITA del GRUPPO II Esercizi come aerobic dance, step aerobics and swinning, hanno un costo energetico che dipende molto dalla abilità individuale. Le attività di questo gruppo possono essere prescritte negli stadi iniziali e di perfezionamento solo per individui con particolare abilità, capaci di mantenere costante l intensità dell esercizio mentre svolgono l attività. ATTIVITA del GRUPPO III Le attività come basketball, raketball and volleyball, variano molto in termini di abilità e intensità. Queste attività sono adoperate solo in casi limitati, negli stadi di mantenimento per apportare varietà e simpatia al programma di esercizio. È bene non enfatizzare l aspetto agonistico di queste attività soprattutto per i soggetti ad l alto rischio e per i soggetti sintomatici.

48 MONITORAGGIO dell INTENSITA Un attento monitoraggio del programma di esercizio è importante per la sicurezza del soggetto e per essere sicuri che egli si sta allenando a/o vicino alla intensità prescritta. La HRela RPE methodsonoutiliaquestoscopo. Si deve insegnare all individuo a monitorizzare la intensità dell esercizio usando latecnicadipalpazionedellahr, il monitoraggio della HHR lascalarpe Alcuni preferiscono il Talk Test per monitorizzare lo sforzo. Questo non è altro che la capacità del soggetto a conversare tranquillamente mentre si allena. Si basa sulla relazione fra intensità di esercizio e la ventilazione polmonare. La ventilazione polmonare aumenta linearmente con l intensità sforzo (VO2) fino ad un certo punto (soglia ventilatoria o PCR) in corrispondenza del quale la ventilazione polmonare comincia ad aumentare in maniera esponenziale nei confronti dell intensità dell esercizio e del tasso di ossigeno consumato. Alla soglia ventilatoria la capacità di parlare durante l esercizio diventa difficile. Studi su studenti nell età del college, pazienti cardiaci clinicamente stabili e atleti riportano che se riescono nel talk test si stanno esercitando ad intensità che rientrano entro le linee guida per la prescrizione dell esercizio. Quelli che non riescono a completare il Talk Test si stanno allenando ad intensità che eccedono il livello prescritto. Il talk test fornisce un metodo abbastanza preciso e consistente per monitorare l esercizio durante stationary cycling e treadmill.

49 TIPO di ESERCIZIO CLASSIFICATION of AEROBIC EXERCISE MODALITIES Group I activities Group II activities Group III activities Cycling(indoors) Aerobic dancing Basketball Jogging Bench step aerobics Country and western dancing Running Cycling(Outdoos) Hanball Walking Hiking Raket sports Rowing ₒ In-line skating Volleyball Stair-climbingₒ Nordik sking(outdoors) Super circuit weight training Simulated climbingₒ Rope skipping Nordik skingₒ Swinning Elliptical trainingₒ Water aerobics Aerobic ridingₒₓ Gruppo I: intensità costante, abilità indipendente; Gruppo II: intensità costante o variabile, abilità dipendente; Gruppo III: intensità variabile, molto dipendenti dalla abilità ₒ Attività basata sull uso di macchine ₓPossono fornire intensità non adeguate per livelli di fitness sopra la media

50 TIPO di ESERCIZIO Oltre al jogging, walking e running ci sono altre modalità di esercizio che forniscono una sufficiente stimolo cardiorespiratorio per migliorare la fitness aerobica. Modalità di esercizio come bench step aerobics, attività basate sull uso di macchine (stair-climbing, elliptical training, rowing), offrono una varietà di opzioni per la prescrizione dell esercizio. Molti preferiscono un cross-train aggiungere varietà e piacere al loro allenamento aerobico. Questi esercizi sono altrettanto efficaci come le attività tradizionali del Gruppo I? Qual è il modo per mettere sullo stesso piano differenti modalità di esercizio?

51 TIPO di ESERCIZIO Durante un esercizio di intensità espressa in % VO2max, 6 diversi tipi di esercizio aerobico producevano risposte cardiovascolari relativamente simili, ma il ciclismo dava un tasso di percezione sforzo (RPE) più alto rispetto agli altri. Ugualmente (Fig. 1) la relazione HR/VO2 ad intensità di sforzo costante e sottomassimale era simile per treadmill joggingein line skatingeaerobic dancingconbracciasopralatestaosottolespalle.percontro, la HR media allo steady state, durante un esercizio di intensità pari al 60%VO2max, era più alta nell aerobic dance che al treadmill jogging. Allo stesso modo, la risposta in HR durante un esercizio, alla stessa intensità sottomassimale di VO2, con l electronic stepping ergometer era più alta che con l esercizio al treadmill. Quando gli esercizi sono messi a confronto usando RPEs (Fig. 2), la ricerca suggerisce che il treadmill jogging può essere superiore agli altri tipi di esercizio aerobico in termini di VO2 totale e spesa energetica. Soggetti che utilizzano 7 differenti tipi di esercizio ad una intensità piuttosto Hard (RPE = 13-14), per min, esprimono un VO2 maggiore con il treadmill jogging rispetto a stepping, rowing, Nordik skiing, cycling e aerobic riding. Il tasso di energia speso durante treadmill era il 20%-40% maggiore che durante stationary cycling e il 57% più grande che con l aerobic riding. Inoltre la HRS allo stato stazionario era più alta per il treadmill jogging comparato con il cycling e l aerobic riding.

52 TIPO di ESERCIZIO 200 Fig. 1 HR 50% VO2max 60% VO2max AerobicDancing Treadmill In Line Skating Stair Climbing 100 Nordic Sking Cycling Rowing 0 Exercise Modes Comparison of steady state HR responce at submax. exercise intensities for various aerobic exercise modes

53 TIPO di ESERCIZIO Fig. 2 HR RPE intesity = 13 to Treadmill 150 Strair Climbing Nordik Sking 100 Rowing Cycling Aerobic Riding 50 0 Exercise Modes Comparison of steady state HR response at somewath hard intensity (RPE) for various aerobic exercise modes

54 TIPO di ESERCIZIO La scelta del tipo di esercizio aerobico nella prescrizione deve tenere presente la facilità con cui può essere modulata l intensità dell esercizio in rapporto al sovraccarico del sistema cardiorespiratorio per tutta la durata step. P.e. Con aerobic dance e bench step aerobic il carico di lavoro può essere incrementato per mezzo della cadenza, variando l altezza scalino, e usando pesi leggeri alla estremità degli arti. Con in line skating si può agire sulla velocità. Con il rowing, stair climbing, simulated whole body climbing l intensità può essere modificata progressivamente usando una varietà di macchine da esercizio. Il rope-skipping deve essere prescritto con cautela in quanto è un esercizio intenso che mal modulabile nella intensità. L intensità alla frequenza di 60-80saltialminutoècirca 9 METS,intensitàquestacheeccedelamassimacapacitàdimolti individui sedentari. Raddoppiando il numero di salti l energia richiesta aumenta di soli 2 o 3 METS. È stata calcolata una spesa energetica media da 11,7 a 12,5 METS per frequenze di 125, 135 e 145 skips/min.

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc.

Copyright CrossFit, Inc. All Rights Reserved. CrossFit is a registered trademark of CrossFit, Inc. La Training Guide CrossFit è un insieme di articoli del CrossFit Journal, scritti negli ultimi 10 anni principalmente dall allenatore Greg Glassman sui movimenti e i concetti fondamentali alla base del

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA NEI PAZIENTI CON TRAPIANTO DI RENE

ATTIVITÀ FISICA NEI PAZIENTI CON TRAPIANTO DI RENE G Ital Nefrol 2011; 28 (2): 174-187 RASSEGNA ATTIVITÀ FISICA NEI PAZIENTI CON TRAPIANTO DI RENE GIN FAD Giovanni Mosconi 1, Giulio Sergio Roi 2, Alessandro Nanni Costa 3, Sergio Stefoni 1 1 Unità Operativa

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham

Guida per i velisti. all allenamento con l Indoor Rower. Di Eddie Fletcher. Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham Guida per i velisti all allenamento con l Indoor Rower Di Eddie Fletcher Con la collaborazione di Dr Pete Cunningham RYA Exercise Physiologist, componente della Squadra Olimpica di Vela della Gran Bretagna.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Polar CS200. Manuale d uso

Polar CS200. Manuale d uso Polar CS200 Manuale d uso SOMMARIO Le informazioni che riguardano l uso del prodotto con il sensore di cadenza sono in blu. 1. INTRODUZIONE AL CYCLING COMPUTER POLAR...7 1.1 COMPONENTI DEL PRODOTTO...7

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Fai partire il tuo anno migliore EXTRA

Fai partire il tuo anno migliore EXTRA in allenamento! ALLORA, COSA VUOI FARE? PERDERE PESO, ANDARE PIÙ FORTE, EVITARE L INFORTUNIO? QUALUNQUE SIA IL TUO OBIETTIVO, LE DIECI PROPOSTE CHE TI PERMETTERANNO DI USCIRE DALLA ROUTINE Fai partire

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Carta del rischio cardiovascolare

Carta del rischio cardiovascolare donne diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. donne non diabetiche Identificato il colore, leggere nella legenda a fianco il livello di rischio. uomini

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Documento per il Processo di Accreditamento EHFA (EAD 01)

Documento per il Processo di Accreditamento EHFA (EAD 01) Documento per il Processo di Accreditamento EHFA (EAD 01) Nome dell Ente di Formazione: Copyright EHFA 2009 Tutti i diritti sono riservati. Senza porre limiti ai diritti riservati in virtù del copyright

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli