PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO. C. Lisi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO. C. Lisi"

Transcript

1 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO C. Lisi

2 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO La fase di condizionamentodel programma di esercizio include Esercizi aerobici Eserrcizi di resistenza Esercizi sport relati

3 BENEFICI GENERALI DELLA GINNASTICA CON PESI (esercizi contro resistenza) SVILUPPO della FORZA, MASSA E RESISTENZA MUSCOLARE con facilitazione alla vita di relazione e risoluzione di alcune problematiche cliniche di lieve entità (es lombalgia posturo ipocinetica) ELEVAZIONE del CONSUMO METABOLICO BASALE AUMENTO della SENSIBILITA PERIFERICA ALL INSULINA

4 BENEFICI GENERALI DELLA GINNASTICA CON PESI (esercizi contro resistenza) Durante l esercizio con pesi: IL VOLUME SISTOLICO rimane immodificato (PUO DIMINUIRE PER TENSIONI >50% CVM) LA PORTATA CARDIACA aumenta moderatamente per lieve aumento della FC IL FLUSSO SANGUIGNO nei muscoli che lavorano non aumenta (RIFLESSO DI VASOCOSTRIZIONE) Sia ha un aumento DI PAS, PAD E PAM di entità proporzionali al SOVRACCARICO che favorisce LA PERFUSIONE dei muscoli in contrazione

5 Physiological Changes Induced by Cardiorespiratory Endurance Training Increases Decreases CARDIORESPIRATORY SISTEM Heart size and volume Resting heart rate Blood volume and total hemoglobin Submaximal exercise heart rate Stroke volume rest and exercise Blood pressure( if high ) Cardiac output maximum VO2max Oxygen extraction of blood Lung volume MUSKOLOSKELETAL SYSTEM Mitochondria number and size Myoglobin stores Triglyceride stores Oxidative phosphorylation OTHER SYSTEMS Strenght of connetive tissue Heat acclimatation High-density lipoprotein cholesterol Body weight (if overweight Body fat Total cholesterol Low-density lipoprotein cholesterol

6 VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI ATTIVITA FISICA DI PARTENZA Questionari / Indagine anamnestica IPAQ long form IPAQ short form Contapassi passi /g livello minimo passi/g attivo passi/g high active Accelerometri

7

8 U.O. ina PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Una volta valutato lo stato individuale di fitness cardiovascolare dell individuo si può pianificare un programma di esercizio aerobico per sviluppare e mantenere l endurance cardiorespiratoria. Un programma disegnato per incontrare gli interessi e le necessità individuali deve tenere conto dell età, del sesso, del livello di fitness e l abitudine all esercizio. Nel disegnare l esercizio dobbiamo tenere presente che alcuni soggetti si impegnano in un esercizio aerobico per migliorare il loro stato di salute o ridurre il rischio di malattia, mentre altri sono interessati nel potenziare il loro livello di fitness fisica(vo2). Poiché la quantità di esercizio necessaria a promuovere la salute è minore di quella necessaria per sviluppare e mantenere un livello più alto di fitness fisico, dobbiamo aggiustare la prescrizione in accordo con l obiettivo primario del nostro soggetto.

9 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Quando l obiettivo primario per la prescrizione dell esercizio è migliorare la salute il riferimento sono guidelines for exercise prescription for improved health U.S. Department of Health and Human Service (1996) Dall altra parte se l obiettivo per la prescrizione dell esercizio è il miglioramento della fitness cardiorespiratoria il riferimento è ACSM guidelines for exercise prescription for cardiorespiratory fitness (2006)

10 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Si raccomanda l inclusione durante o immediatamente dopo la fase di condizionamento di attività ricreazionali. Giochi e sport piacevoli possono incoraggiare l aderenza al programma di esercizio. I giochi dovrebbero essere modificati per ridurre la richiesta di abilità, la competizione e il costo energetico. ACSM 2006

11 PRINCIPI GENERALI della PRESCRIZIONE dell ESERCIZIO FISICO Ogni esercizio di allenamento nella prescrizione di una attività aerobica o di un programma dovrebbe includere Warm Up Serve per incrementare il flusso sanguigno per il lavoro cardiaco e muscolo scheletrico, per incrementare la temperatura corporea, diminuire la possibilità di ingiurie articolari e muscolari, e ridurre la possibilità di aritmie cardiache. Durante questa fase il tempo di esercizio è aumentato per preparare il corpo ad una più alta intensità di esercizio durante la fase di condizionamento. Comincia con 5-10 di lavoro aerobico a bassa intensità (10%-30% VO2R), seguono 5-10 di esercizi di stretching e flessibilità che coinvolgono gambe, spalle, addome, anca, inguine. Endurance Conditioning durante questa fase il lavoro aerobico è svolto in accordo alla prescrione effettuata. Questa fase dura almeno da 20 a 60 e dipende dall intensità indicata. Cool-down Questa fase segue immediatamente alla fase precedente per ridurre il rischio di complicazioni cardiovascolari causate dallo stop improvviso dell esercizio. Il soggetto continua l esercizio a bassa intensità per almeno Questo permette alla HR e alla pressione arteriosa di ritornare alla normalità, prevenendo il sequestro di sangue alle estremità prevenendo vertigini e svenimenti. L azione della pompa muscolare aumenta il ritorno venoso e velocizza il recupero. Lo stretching può essere ripetuto in questa fase per ridurre la possibilità dei crampi e dolori muscolari.

12 PER PRESCRIVERE CORRETTAMENTE UN ESERCIZIO FISICO AEROBICO 1. Valutazione del livello di attività fisica di partenza 2. Valutazione clinica 3. Valutazione funzionale 4. Prescrizione dell esercizio

13 PER PRESCRIVERE CORRETTAMENTE UN ESERCIZIO FISICO AEROBICO Nella prescrizione dell esercizio seguiamo il principio Frequenza Intensità Tempo Tipo

14 INTENSITA dell ESERCIZIO Il tratto caratteristico dell arte della prescrizione dell esercizio fisico sta nella capacità di selezionare una intensità di esercizio adeguata a stressare il sistema cardiovascolare e osteo-tendineo-muscolare senza sovraccaricarlo. Secondo l ACSM (2006) l intensità iniziale di un esercizio per adulti apparentemente sani va dal 40%-50% VO2R al l 85% VO2R. Esercizi di intensità più bassa (30% VO2R) possono essere sufficienti per fornire importanti benefici di salute per soggetti sedentari e per persone anziane con livelli di fitness cardiorespiratoria iniziali bassi. Per la maggior parte degli individui intensità di esercizio dal 60% al 80% VO2R sono sufficienti per aumentare la fitness cardiorespiratoria. Come regola generale, maggiore è l allenamento individuale, più alta deve essere l intensità dell esercizio per produrre un ulteriore miglioramento della fitness cardiorespiratoria.

15 INTENSITA dell ESERCIZIO Con l aumentare della intensità dell esercizio c è un continuum positivo di benefici per la salute e la forma fisica (concetto della progressività del carico). Esiste una soglia minima di intensità di esercizio che dà benefici in salute e forma fisica per molte persone con l eccezione di coloro che sono decondizionati fisicamente. Un esercizio di intensità almeno moderata (p.e. dal 40% a < 60% VO2R, che incrementa in maniera evidente la HR e la respirazione) è raccomandato come esercizio di intensità minima per coloro che vogliono raggiungere benefici in termini di salute e forma fisica. Tuttavia una combinazione di un esercizio di intensità moderata e vigorosa (>= 60% VO2R, che determina un sostanziale incremento di HR e respirazione) è l ideale per il raggiungimento di un miglioramento in termini di salute e forma fisica per la maggior parte degli adulti.

16 Come fare a definire l intensità dell esercizio PERCENT AGE-PREDICTED MAXIMUM HR (HRmax) HR RESERVE (HRR) method: Target HR (THR) = [( Hrmax-HRrest) x % intensity desidered] + HRrest VO2 RESERVE (VO2R) method: Target VO2R = [(VO max VO2rest) x % intensity desidered] + VO2rest PEAK HR method: Target HR = Hrmax x % intensitydesidered PEAK MET (%MET) method: Target MET = [(VO2max / 3,5 ml/kg/min] x % intensity desidered RATING of PERCEPTION of EXERTION (RPE): scala di Borg OMNI scale (descrittore pittorico e verbale con numeri) Lactate 6 min. walking test

17 VO2 RESERVE (MET) METHOD Tradizionalmente l intensità dell esercizio è stata espressa come pura percentuale sia del VO2max che del VO2peak. La ricerca ha suggerito che %VO2max non è equivalente (ratio 1:1) alla %HRR per l esercizio al cicloergometro e al treadmill. Perciò l ACSM ha cambiato le sue raccomandazioni riguardanti il metodo usato per calcolare l intensità dell esercizio nella prescrizione dell esercizio aerobico. Invece di esprimere l intensità relativa come una pura percentuale del VO2max (%VO2max) l ACSM ora raccomanda di usare la percentuale della riserva di VO2max (%VO2R). VO2R= VO2max VO2rest Con questa modificazione il valore percentuale per il metodo %VO2R e il metodo %HRR per la prescrizione dell intensità dell esercizio sono approssimativamente uguali. Ciò migliora l accuratezza per calcolare il VO2 Target particolarmente per soggetti che sono coinvolti in un esercizio aerobico di bassa intensità.

18 VO2 RESERVE (MET) METHOD La misura della capacità aerobica dell individuo si effettua con Test da Sforzo Incrementale. Il VO2max del soggetto è espresso in termini relativi ovvero ml/kg/min oppure in METs (equivalenti metabolici). 1 MET = 3,5 ml/kg/min Questo corrisponde alla spesa metabolica a riposo. C èuna equivalenza tra VO2 e MET: p.e. VO2max = 35 ml/kg/minequivale a 10 METs (35/3,5 = 10 METs) Il VO2R è calcolato dalla differenza fra il VO2max e ilvo2rest: VO2R = VO2max VO2rest La percentuale di VO2R dipende dal livello iniziale di fitness cardiorespiratorio del soggetto.

19 VO2 RESERVE (MET) METHOD Per calcolare il Target VO2(in METs) basato sul VO2R dobbiamo: Target VO2 = [relative exercise intensity (%) x VO2R ] + VO2rest p.e. il Target VO2 corrispondente al 50% VO2R di un soggetto che ha un VO2max di 10 METs si calcola Target VO2 = [0,50 x (10 1 MET)] + 1 MET = (0,50 x 9 METS) + 1 MET = 4,5 + 1 MET = 5,5 METs L intensità dell esercizio (METs ) per le attività come walking, jogging, running, cycling e bench stepping è direttamente correlata alla velocità del movimento, potenza sviluppata o massa sollevata. Per questo per la prescrizione dell esercizio vengono utilizzate le Equazioni dell ACSM per calcolare la velocità o il carico di lavoro corrispondente ad una specifica intensità in METs. Quando usiamo VO2 or METs per prescivere l esercizio si possono identificare le attività entro il range di VO2 o MET desiderato per mezzo di Compendium of Physical Activity, Gross energy expenditure for conditioning exercise, sport, and recreational activity o Calcoli Metabolici (equazioni ACSM).

20

21 Il costo energetico delle varie attività è espresso in multipli del livello a riposo Es. Camminare piano in pianura 2 MET bicicletta 16 km/h 4 MET jogging 7 MET Per convenzione una attività si considera LIEVE 1,1 2,9 MET MODERATA 3,0 5,9 MET INTENSA 6,0 MET

22 1 MET = 1 Kcal x kg x ora Soggetto di 80 Kg che Pedala a 16 Km/h in pianura per un ora e mezzo 4 (MET) x 80 (KG) x 1,5 (ore) = 480 Kcal fa jogging per un ora 7 (MET) x 80 (Kg) x 1 (ora) = 560 Kcal SI CONSUMA MOLTO MENO DI QUELLO CHE SI PENSA

23 VO2 RESERVE (MET) METHOD ll Metododei METshadei limiti. I costi calorici (p.e. i valori medi di MET) di esercizi condizionanti sono soltanto stime della spesa energetica. Il costo calorico di certe attività varia grandemente con il livello di abilità individuale. Sebbene i METs forniscano un punto di partenza per prescrivere l intensità dell esercizio i fattori ambientali possono alterare la risposta in HR e RPE all esercizio. Pertanto si dovrebbero usare i metodi HR e RPE con il metodo dei METs per garantire che la intensità dell esercizio non ecceda i limiti di sicurezza.

24 HEART RATE / VO2 METHOD Un metodo diretto di prescrizione dell esercizio che usa la relazione fra HR e VO2può essere usato quando HReVO2sonomisurate durante un test da sforzo incrementale. Più aumenta l intensità dell esercizio più aumenta la HR. Questo metodo può essere particolarmente utile quando la prescrizione dell esercizio riguarda persone che prendono farmaci come B-bloccanti o che hanno una malattia cronica come diabete mellito o malattia cardivascolare aterosclerotica (CVD) che alterano la risposta in frequenza all esercizio. Ci sono tre modi di prescrivere l intensità dell esercizio usando la frequenza cardiaca.

25 HEART RATE / VO2 METHOD Nel grafico sono stati plottati i valori di F.C. e VO2 ottenuti con un esercizio in cui il VO2max era 38 ml/kg/min e laf.cmaxera184bpm. Il range della F.C. Target è determinato trovando la F.C che corrisponde al 50% e 85% del VO2 max % VO2 max: 50% VO2 max= 19 ml/kg/min 80% VO2 max= 32 ml/kg/min Il target di F.C. corrisponde 50% =130 bpm 80% = 168 bpm

26 HEART RATE VS MET GRAPHING METHOD Quando viene effettuato un test da sforzo incrementale sottomassimale o massimale la risposta in HR allo steady-state di ciascun step sforzo può essere plottato. La HRmax è la massima HR osservata all acme dell intensità del test da sforzo massimale. Nel caso di test sottomassimale la HRmax può essere ottenuta usando la formula 220 età. Dal grafico possiamo ottenere la HRs ad una data percentuale della capacità funzionale stimata (%VO2max). Nell esempio la capacità funzionale massima è 7,4 METSelaHRmaxè195bpm. La risposta in HR al test da sforzo dipende in qualche misura dalle modalità del test da sforzo. P.e. Rispetto ad un test al treadmill, l esercizio su uno step elettronico suscita una HRs più alta, e il test da sforzo con la bicicletta risulta in una HRs più bassa alla stessa intensità di esercizio relativa. Quando usiamo questo metodo per la prescrizione dell esercizio, dobbiamo cercare di incrociare il test da sforzo e il tipo di esercizio attraverso la selezione di un tipo di test che provochi una risposta in HR che sia simile a quella ottenuta per il tipo di allenamento. P.e. se il nostro soggetto sceglie in line skating come tipo di allenamento, dovremmo somministrare un test da sforzo al treadmill, dato che la relazione fra HR e VO2 ad intensità di esercizio sottomassimali è simile per questi due tipi di esercizio.

27 Plotting target HR zone using graded exercise test data (HR vs METS) TARGET HEART RATE ZONE VO2max = 7,4 METS F.C. 160 ( bpm) HR max = 195 BPM TARGET MET ZONE 110 (60%-85% VO2R) 100 M METS

28 MISURAZIONE DEL CONSUMO DI OSSIGENO Attraverso la misurazione del consumo di ossigeno si valuta globalmente il sistema aerobico, nel funzionamento integrato di sistema muscolare, cardiocircolatorio e respiratorio.

29 MISURAZIONE DEL VO2 FORMULA FISIOLOGICA VO2 = GC x (Diff. A-V O2) VO2 = FC x VS x (Diff. A-V O2) FORMULA FISICA VO2 = O2 insp O2 esp VO2=(VEi x FiO2) - (VEe x FeO2) VO2 = VE x (FiO2 FeO2)

30 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE A VO2 100% VO2max MASSIMALE

31 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE AL VO2 100% VO2max 40-60% AT AER. LEGGERO MASSIMALE

32 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE A VO2 100% VO2max 70-90% PCV 40-60% AT AER. AER-AN LEGGERO MODERATO PESANTE MASSIMALE

33 FC DI ALLENAMENTO IN BASE AL CONSUMO DI OSSIGENO FC corrispondente a: X % di VO2 di picco Oppure Sotto AT = esercizio leggero Tra AT ed PCV = moderato Oltre PCV = pesante

34 METODO di KARVONEN o % HEART RATE RESERVE (%HRR) Quando non è disponibile un Test da Sforzo Massimaleche cifornisceunvalore difc possiamo usare questo metodo per determinare il Target di FC per la prescrizione della Intensità di un Esercizio. Il metodo della Riserva della FC(HRR) considera la FC a riposo e la FC max. La Riserva dellafc(hrr)èladifferenza tralafcmaxelafcriposo. Per determinare il Target della FC per l Esercizio si aggiunge la FC riposo alla Percentuale della Riserva della FC: FC target = [ % intensità esercizio x ( Fcmax Fc rip.] + FC rip. I valori percentuali del metodo HRR sono approssimativamente uguali ai valori percentuali del metodo VO2R. Questo perché vale l assunto che la FC è una funzione lineare della intensità dell esercizio. L ACSM (2006) raccomanda l utilizzo di percentuali dal 40%/50% a 85% del HRR.

35 METODO della PERCENTUALE DELLA F.C. MAX (% HR max) Si può usare anche la percentuale esatta della FC maxper stimare l Intensità dell Esercizio e determinare il Target di FC. Storicamente per predire la FC maxsi è usata, sia nei maschi che nelle femmine, la formula 220- età Questa è molto semplice ma presenta un discreto grado di variabilità sottostimando la Fcmax in entrambi i sessi al di sotto dei 40 anni e sovrastimandola sopra i 40 annidietà. Recentemente sono stati introdotti predittori della FC max più accurati. Laformuladi Gellish et al.èilpiùaccurato: FC max = (0.67 x età) Quando dobbiamo decidere l equazione da usare per il calcolo della % HR max si deve scegliere tra la facilità di calcolo e la precisione.

36 COMPARAZIONE dei METODI di PRESCRIZIONE dell INTENSITA dell ESERCIZIO Intensità relativa Classificazine %VO2R o% HRR % Hrmax RPE(6-20 scale) Very Light <20 <35 <10 Light Moderate Hard Very Hard >= 85 >= Maximal

37 METODO della PERCENTUALE DELLA F.C. MAX (% HR max) Questo metodo è basato sul fatto che la % Fcmax (% HR max) è correlata al % VO2R e % HRR. Come si vede dalla tab. il 55% e il 90% HRmax corrispondono a intensità di esercizio del 40% e 85% VO2RoHRR. L ACSM (2006) raccomanda Target HRs di prescrizione fra 64%-70% e 94% HRmax dipendendo dal livello di fitness del soggetto

38 METODO della FREQUENZA CARDIACA Con l uso di questo metodo la Fc max deve essere conosciuta oppure deve essere derivata dalla formula 220- età. P. e.lafcmaxpredettaconl etàè180bpm; l intensità dell esercizio è pari al 70% FCmax; Target della intensità dell esercizio espressa in %Fcmax = 126 bpm; lafcrip.è80bpm; l intensità dell esercizio determinata con la formula di Karvonen è: [ 0,70 x (180-80) + 80 ] = 150 bpm Comparando i due risultati vediamo che, pur in presenza di una stessa intensità relativa dell esercizio, il metodo % Hr max dà un valore più basso. L ACSM (2006) raccomanda di usare il metodo della % Hr max per prescrivere l intensità dell esercizio nei soggetti older. Il metodo % HRmax fornisce una stima più accurata della % VO2 peak degli adulti più anziani rispetto al metodo di Karvonen. Comunque dovremmo misurare non predire la HR max per due ordini di motivi. I soggetti più anziani hanno una grande variabilità in Fcmax e hanno probabilmente fatto uso di medicazioni che interessano il picco di FC.

39 LIMITAZIONI del METODO della FC L uso esclusivo di questo metodo nel calcolo della intensità raccomandata per l esercizio può condurre ad errori, per alcuni individui, nella stima della intensità relativa dell esercizio [%VO2R]. Questo è particolarmente vero quando la HR max è predetta con la formula 220 età invece di essere misurata direttamente. In circa il 30% della popolazione, una prescrizione età predetta del 60% dihrrpuòvariaredal70%all 80%dellarealeHRmax. Hr max varia con il modo di esercizio. Perciò, lo sforzo percepito dal soggetto può differire fra alcuni modi di esercitarsi seppure alla stessa HR submassimale. Anche emozioni, medicazioni, e fattori ambientali (p.e. temperatura, umidità, e inquinamento dell aria) possono condizionare l allenamento. Quindi dovremo usare RPE per aggiustare l intensità dell esercizio in alcune situazioni.

40 RATING of PERCEIVED EXERTION METHOD Alla luce delle limitazioni associate con l uso della HR per regolare l intensità dell esercizio, dobbiamo considerare l uso di una combinazione di HR e RPEs nel dosare l intensità dell esercizio nella prescrizione. Possiamo usare la RPE per prescrivere e monitorizzare l intensità dell esercizio. Le scale di RPE sono un valido strumento realizzabile per la valutazione del livello di sforzo fisico durante l esercizio aerobico continuo. Durante il test da sforzo il soggetto sceglie, riferisce, l intensità di ciascun step usando la Scala RPE(p.e.lascaladiBorg). Per scegliere la minima e massima intensità per la prescrizione dell esercizio si usa l intensità (METS) corrispondente al livello di 12 (alquanto Hard) e 16 (Hard). Comparato con il metodo % HRR, il RPEs fra 12 e 16 é strettamente approssimato rispettivamentea40% e 84% HRR. Con la pratica l individuo può imparare ad associare RPEs ad uno specifico target HHR in particolare per le intensità di esercizio più alte. Così RPEs può essere usato invece di HR o in combinazione con HR, per monitorizzare l intensità dell allenamento e aggiustare la prescrizione dell esercizio per condizionarne gli effetti. Un vantaggio di RPEs come mezzo per monitorizzare l intensità dell esercizio è che il soggetto non ha bisogno di interrompere l esercizio per controllare la HRs.

41 PERCEZIONE SOGGETTIVA dell INTENSITA di ESERCIZIO SCALA DI BORG

42 PERCEZIONE SOGGETTIVA dell INTENSITA dell ESERCIZIO STIMA DELLO SFORZO PERCEPITO ( RPE RATING OF PERCEIVED EXERTION) SCALA DI BORG: 6 nessuna fatica 7-8 fatica molto molto lieve 9-10 fatica molto lieve fatica abbastanza lieve proporzionali a MVO2 e FC fatica abbastanza intensa fatica intensa fatica molto intensa 19 fatica molto molto intensa 20 massima fatica N.B.:Esistono differenze anche notevoli di percezione di fatica durante lo stesso sforzo tra un individuo e l altro

43 VALUTAZIONE MEDIANTE MISURAZIONE LATTACIDEMIA L aumento della lattacidemia indica un innesco del metabolismo anaerobico, indice di un superamento del limite del sistema aerobico La soglia anaerobica corrisponde alla massima intensità di lavoro sostenibile senza incremento della lattacidemia (test di Mader) OBLA : Onset of Blood Lactate Accumulation

44 IN UN TEST INCREMENTALE E DIFFICILE CAPIRE DOVE SI POSIZIONA L OBLA Iniziale incremento? Fase di incremento rapido? Si è visto che approssimativamente: 2 Mmoli = LIMITE AER. 4 Mmoli = LIMITE AN. LA 14, , , , ,5 10 9,5 9 8,5 8 7,5 7 6,5 6 5,5 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 km/h 2,16 2,2 2,23 2,27 2,3 2,34 2,38 2,41 2,45 2,48 2,52 2,56 2,59 2,63 2,66 2,7 2,74 2,77 2,81 2,84 2,88 2,92 2,95 2,99 3,02 3,06 3,1 3,13 3,17 3,2 3,24 3,28 3,31 3,35 (m/s)*

45 INTENSITA ESERCIZIO IN BASE A LA 100% VO2max 70-90% 40-60% AT 2 Mmoli PCV 4 Mmoli AER. AER-AN LEGGERO MODERATO PESANTE MASSIMALE

46 SIX MINUTE WALK TEST È un test pratico e semplice da eseguire, non richiede una formazione particolare o un equipaggiamento particolare. Fornisce una valutazione obiettiva della tolleranza all esercizio o della capacità funzionale. Esiste un protocollo standardizzato e delle linee guida sono state recentemente sviluppate per l esecuzione. Gli strumenti di monitorizzazione sono un cronometro, un pulsiossimetro e uno sfigmomanometro. Sono rilevate la HR di base, la pressione arteriosa, livello di dispnea ed ossiemoglobina. Gli stessi parametri sonovalutatiallafineinsiemeadun RPE. Sono stati costruiti valori di riferimento per adulti sani ma anche in popolazioni particolari come gli obesi. Ha una buona riproducibilità e correlazione e con altre misure della capacità tanto che è stato adoperato in luogo del CPET. Buonacorrelazione tra 6mwteVO2 maxèstatamostratainpazienticon COPD. È un test sottomassimale e motivazionale alternativo rispetto al CPET. È stato utilizzato applicato alla valutazione della capacità funzionale, del trattamento medicale, della risposta nella riabilitazione polmonare e predizione di morbidità. La minima differenza clinicamente importante(mcid) per il 6mwt è stata valutata in 54 metri.

47 TIPO di ESERCIZIO ATTIVTA del GRUPPO I Quando l obiettivo primario del programma di esercizio è sviluppare e mantenere la fitness cardiorespiratoria si devono usare attività aerobiche che coinvolgono grandi gruppi muscolari in maniera continua e ritmica. Negli stadi iniziali e nel perfezionamento del programma di esercizio è importante monitorizzare l intensità del medesimo. Perciò è utile scegliere tipi di esercizio che permettano di mantenere una intensità costante e non richiedano una altissima abilità da parte dell individuo. Le attività di questo gruppo sono le più adatte per questo scopo. ATTIVITA del GRUPPO II Esercizi come aerobic dance, step aerobics and swinning, hanno un costo energetico che dipende molto dalla abilità individuale. Le attività di questo gruppo possono essere prescritte negli stadi iniziali e di perfezionamento solo per individui con particolare abilità, capaci di mantenere costante l intensità dell esercizio mentre svolgono l attività. ATTIVITA del GRUPPO III Le attività come basketball, raketball and volleyball, variano molto in termini di abilità e intensità. Queste attività sono adoperate solo in casi limitati, negli stadi di mantenimento per apportare varietà e simpatia al programma di esercizio. È bene non enfatizzare l aspetto agonistico di queste attività soprattutto per i soggetti ad l alto rischio e per i soggetti sintomatici.

48 MONITORAGGIO dell INTENSITA Un attento monitoraggio del programma di esercizio è importante per la sicurezza del soggetto e per essere sicuri che egli si sta allenando a/o vicino alla intensità prescritta. La HRela RPE methodsonoutiliaquestoscopo. Si deve insegnare all individuo a monitorizzare la intensità dell esercizio usando latecnicadipalpazionedellahr, il monitoraggio della HHR lascalarpe Alcuni preferiscono il Talk Test per monitorizzare lo sforzo. Questo non è altro che la capacità del soggetto a conversare tranquillamente mentre si allena. Si basa sulla relazione fra intensità di esercizio e la ventilazione polmonare. La ventilazione polmonare aumenta linearmente con l intensità sforzo (VO2) fino ad un certo punto (soglia ventilatoria o PCR) in corrispondenza del quale la ventilazione polmonare comincia ad aumentare in maniera esponenziale nei confronti dell intensità dell esercizio e del tasso di ossigeno consumato. Alla soglia ventilatoria la capacità di parlare durante l esercizio diventa difficile. Studi su studenti nell età del college, pazienti cardiaci clinicamente stabili e atleti riportano che se riescono nel talk test si stanno esercitando ad intensità che rientrano entro le linee guida per la prescrizione dell esercizio. Quelli che non riescono a completare il Talk Test si stanno allenando ad intensità che eccedono il livello prescritto. Il talk test fornisce un metodo abbastanza preciso e consistente per monitorare l esercizio durante stationary cycling e treadmill.

49 TIPO di ESERCIZIO CLASSIFICATION of AEROBIC EXERCISE MODALITIES Group I activities Group II activities Group III activities Cycling(indoors) Aerobic dancing Basketball Jogging Bench step aerobics Country and western dancing Running Cycling(Outdoos) Hanball Walking Hiking Raket sports Rowing ₒ In-line skating Volleyball Stair-climbingₒ Nordik sking(outdoors) Super circuit weight training Simulated climbingₒ Rope skipping Nordik skingₒ Swinning Elliptical trainingₒ Water aerobics Aerobic ridingₒₓ Gruppo I: intensità costante, abilità indipendente; Gruppo II: intensità costante o variabile, abilità dipendente; Gruppo III: intensità variabile, molto dipendenti dalla abilità ₒ Attività basata sull uso di macchine ₓPossono fornire intensità non adeguate per livelli di fitness sopra la media

50 TIPO di ESERCIZIO Oltre al jogging, walking e running ci sono altre modalità di esercizio che forniscono una sufficiente stimolo cardiorespiratorio per migliorare la fitness aerobica. Modalità di esercizio come bench step aerobics, attività basate sull uso di macchine (stair-climbing, elliptical training, rowing), offrono una varietà di opzioni per la prescrizione dell esercizio. Molti preferiscono un cross-train aggiungere varietà e piacere al loro allenamento aerobico. Questi esercizi sono altrettanto efficaci come le attività tradizionali del Gruppo I? Qual è il modo per mettere sullo stesso piano differenti modalità di esercizio?

51 TIPO di ESERCIZIO Durante un esercizio di intensità espressa in % VO2max, 6 diversi tipi di esercizio aerobico producevano risposte cardiovascolari relativamente simili, ma il ciclismo dava un tasso di percezione sforzo (RPE) più alto rispetto agli altri. Ugualmente (Fig. 1) la relazione HR/VO2 ad intensità di sforzo costante e sottomassimale era simile per treadmill joggingein line skatingeaerobic dancingconbracciasopralatestaosottolespalle.percontro, la HR media allo steady state, durante un esercizio di intensità pari al 60%VO2max, era più alta nell aerobic dance che al treadmill jogging. Allo stesso modo, la risposta in HR durante un esercizio, alla stessa intensità sottomassimale di VO2, con l electronic stepping ergometer era più alta che con l esercizio al treadmill. Quando gli esercizi sono messi a confronto usando RPEs (Fig. 2), la ricerca suggerisce che il treadmill jogging può essere superiore agli altri tipi di esercizio aerobico in termini di VO2 totale e spesa energetica. Soggetti che utilizzano 7 differenti tipi di esercizio ad una intensità piuttosto Hard (RPE = 13-14), per min, esprimono un VO2 maggiore con il treadmill jogging rispetto a stepping, rowing, Nordik skiing, cycling e aerobic riding. Il tasso di energia speso durante treadmill era il 20%-40% maggiore che durante stationary cycling e il 57% più grande che con l aerobic riding. Inoltre la HRS allo stato stazionario era più alta per il treadmill jogging comparato con il cycling e l aerobic riding.

52 TIPO di ESERCIZIO 200 Fig. 1 HR 50% VO2max 60% VO2max AerobicDancing Treadmill In Line Skating Stair Climbing 100 Nordic Sking Cycling Rowing 0 Exercise Modes Comparison of steady state HR responce at submax. exercise intensities for various aerobic exercise modes

53 TIPO di ESERCIZIO Fig. 2 HR RPE intesity = 13 to Treadmill 150 Strair Climbing Nordik Sking 100 Rowing Cycling Aerobic Riding 50 0 Exercise Modes Comparison of steady state HR response at somewath hard intensity (RPE) for various aerobic exercise modes

54 TIPO di ESERCIZIO La scelta del tipo di esercizio aerobico nella prescrizione deve tenere presente la facilità con cui può essere modulata l intensità dell esercizio in rapporto al sovraccarico del sistema cardiorespiratorio per tutta la durata step. P.e. Con aerobic dance e bench step aerobic il carico di lavoro può essere incrementato per mezzo della cadenza, variando l altezza scalino, e usando pesi leggeri alla estremità degli arti. Con in line skating si può agire sulla velocità. Con il rowing, stair climbing, simulated whole body climbing l intensità può essere modificata progressivamente usando una varietà di macchine da esercizio. Il rope-skipping deve essere prescritto con cautela in quanto è un esercizio intenso che mal modulabile nella intensità. L intensità alla frequenza di 60-80saltialminutoècirca 9 METS,intensitàquestacheeccedelamassimacapacitàdimolti individui sedentari. Raddoppiando il numero di salti l energia richiesta aumenta di soli 2 o 3 METS. È stata calcolata una spesa energetica media da 11,7 a 12,5 METS per frequenze di 125, 135 e 145 skips/min.

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA

CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA QUALE CARICO? COME ALLENARE? Per definire il modello di allenamento è necessario conoscere i fenomeni fisiologici che si verificano in risposta allo

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

. Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) INTENSITA DELL ESERCIZIO E CONSUMO DI OSSIGENO. Fattori limitanti il Massimo Consumo di Ossigeno

. Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) INTENSITA DELL ESERCIZIO E CONSUMO DI OSSIGENO. Fattori limitanti il Massimo Consumo di Ossigeno Massimo Consumo di Ossigeno (VO 2 max) Limite più elevato nell abilità di una persona di aumentare il consumo di ossigeno Buon indicatore della resistenza cardiorespiratoria e della fitness aerobica Può

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI La ginnastica aerobica è praticata da soggetti di età e caratteristiche fisiche differenti, in prevalenza di sesso femminile, sia a scopo esclusivamente ludico sia per

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE

ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE C O R S O I N T E C N I C A, T E O R I A E D I D A T T I C A D E L L E A T T I V I T À M O T O R I E R I C R E A T I V E E D E L T E M P O L I B E R O. S C I E N Z E E T E C

Dettagli

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi

Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Corso integrato: Monitoraggio e valutazione III Dott.ssa Silvia Pogliaghi Contenuti formativi L obiettivo del corso è l acquisizione di conoscenze e competenze di misura, monitoraggio e valutazione degli

Dettagli

LA CORSA Test e mezzi di allenamento

LA CORSA Test e mezzi di allenamento LA CORSA Test e mezzi di allenamento Tecnico FITri Raimondo Mantese 1 Introduzione Intraprendere uno sport multiforme quale il triathlon comporta la necessaria conoscenza delle proprie capacità fisiche.

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

Attività fisica: strumenti per la

Attività fisica: strumenti per la Attività fisica: strumenti per la rilevazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28

Dettagli

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA Dott.ssa Alessandra Ardizzone Medicina Interna Ospedale di Fossano Dipartimento di Medicina Antiinvalidante Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 278.000 residenti di età 18-69 anni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Principi base dell allenamento

Principi base dell allenamento ALLENAMENTO DELLA FORZA (ACSM Resource Manual) A cura di: dr Luciano Bissolotti Definizione: rottura della fisiologica omeostasi dell organismo cui consegue un recupero ed un incremento delle capacità

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

L Attività Fisica come Farmaco

L Attività Fisica come Farmaco L Attività Fisica come Farmaco Journal of Applied Physiology 2005 Effetti dell esercizio e della dieta sulle malattie croniche (Roberts( e Barnard) Metanalisi di 424 pubblicazioni Conclusioni: Le malattie

Dettagli

Principi dell allenamento nella patologia cronica FtR Giuseppe Gaudiello

Principi dell allenamento nella patologia cronica FtR Giuseppe Gaudiello Giornata ARIR Falsi miti in Riabilitazione Respiratoria 25 ottobre 2014 Principi dell allenamento nella patologia cronica FtR Giuseppe Gaudiello Il 31% della popolazione conduce una vita sedentaria L'inattività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

Fitness e risposte affettive

Fitness e risposte affettive Federazione Ginnastica d Italia C.R. Lombardia CORSO di FORMAZIONE ATTIVITA MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI MILANO, sabato 5 ottobre 2013 Fitness e risposte affettive Matteo Vandoni Ricercatore

Dettagli

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre)

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) ADATTAMENTI METABOLICI INDOTTI DALL ALLENAMENTO Obiettivi della lezione Scoprire come l allenamento possa ottimizzare il rendimento dei sistemi energetici e sviluppare

Dettagli

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO

SUUNTO ON. How Not. Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO ON How Not to Rely on Luck WHEN OPTIMIZING YOUR TRAINING EFFECT. GUIDA ALL ALLENAMENTO SUUNTO IN Come non lasciare al caso L'OTTIMIZZAZIONE DELL'EFFETTO DI ALLENAMENTO. INDICE 5 INTRODUZIONE 6 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria di Enzo Piccinni Variabilità cardiaca, Training Effect (TE), EPOC. Sono alcuni dei termini destinati a diventare (in breve)

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

19627426.00 DEU/ITA A ITA GUIDA PRATICA ALLA FORMA FISICA

19627426.00 DEU/ITA A ITA GUIDA PRATICA ALLA FORMA FISICA GUIDA PRATICA ALLA FORMA FISICA 19627426.00 DEU/ITA A ITA SOMMARIO 1. Lasciate che sia il cuore a guidarvi!... 3 2. Un mondo di scelte... 4 3. La zona personale di frequenza cardiaca... 6 4. L allenamento

Dettagli

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS CALCOLO MASSIMA FREQUENZA CARDIACA Massima frequenza teorica: 220 - età Pregi: facilità operativa, larga diffusione

Dettagli

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo

Effetti dell attivita fisica. Dott. Pietro Palermo Effetti dell attivita fisica Dott. Pietro Palermo Perché fare attività fisica? Ad ognuno il proprio spazio Fare attività fisica non vuol dire solo evitare di ingrassare! Determinanti della Capacità di

Dettagli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli

I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ. Marco Cambielli I MIEI ASSISTITI E LA SEDENTARIETÀ Marco Cambielli Un medico di famiglia della nostra Regione con 1500 assistiti ha in carico Circa 300 pazienti con s. metabolica ( ATP III)( con lieve prevalenza maschile)

Dettagli

Zhepyr BioHarness 3.0

Zhepyr BioHarness 3.0 Zhepyr BioHarness 3.0 CHE COSA È BIOHARNESS 3.0 CHE COSA È Body Sensor Network Sensore indossabile Non invasivo Multiparametrico Algoritmi di calcolo Fornisce Carico dell atleta Stato psicofisico Preparazione

Dettagli

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). 57 Congresso Nazionale SIGG Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Milano, 21-24 Novembre 2012 Valutazione di efficacia di due diversi protocolli di attività fisica adattata in persone affette da

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica ARBITROCLUB SEZIONE A.I.A. AREZZO Linee Guida Programma di allenamento auto-diretto Caro Associato, di seguito troverai

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Programma di

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI CORSO CONI PER FEDERAZIONE ORIENTEERING 24.04.2010 Ivan Zadro, PhD PRIMA PARTE Le capacità condizionali LE CAPACITÀ CONDIZIONALI LA FORZA FORZA RAPIDA

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

14/11/2012 Piero Ambretti 1

14/11/2012 Piero Ambretti 1 14/11/2012 Piero Ambretti 1 L efficienza funzionale degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio può essere valutata attraverso l effettuazione di specifici test. I parametri ricavati forniscono utili

Dettagli

MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS

MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS MANUALE PER L ISTRUTTORE DI FITNESS Presentazione Introduzione PARTE I: ATTIVITÀ FISICA, FORMA FISICA E SALUTE Capitolo I: Attività fisica e salute I rapporti tra attività fisica e salute Cosa sappiamo

Dettagli

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 7. Risposte all allenamento: effetti su V O 2max e sistema cardiovascolare

Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 7. Risposte all allenamento: effetti su V O 2max e sistema cardiovascolare Bioenergetica e fisiologia dell esercizio 7. Risposte all allenamento: effetti su V O 2max e sistema cardiovascolare Prof. Carlo Capelli, Fisiologia Generale e dell Esercizio, Facoltà di Scienze Motorie,

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

Test dei 5 scatti (Dal Monte)

Test dei 5 scatti (Dal Monte) Test dei 5 scatti (Dal Monte) 5 prove di corsa alla massima velocità su di una distanza di 50 m (per gli adulti) intervallate da pause di 60 s Si registrano i tempi e le FC (anche alla fine della prova)

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Bibliografia. Verona - 22.01.13

Bibliografia. Verona - 22.01.13 Bibliografia Capelli C, Zamparo P. Energy expenditure. In Encyclopedia of Exercise Medicine in Health and Disease, ed. Mooren FC, Springer ref. Heildelberg, D, 2012, pp. 290-293. di Prampero PE. The energy

Dettagli

Considerazioni energetiche sull attività motoria

Considerazioni energetiche sull attività motoria Considerazioni energetiche sull attività motoria [La maggior parte dei dati, figure e tabelle riportati nel seguito sono tratti da: R. Margaria, Fisiologia muscolare e meccanica del movimento, Mondadori,

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

IL FITNESS METABOLICO

IL FITNESS METABOLICO Esercizio fisico e fattori di rischio cardiovascolari : dalla teoria alla pratica IL FITNESS METABOLICO Dott.ssa C. Baggiore L'esercizio fisico è parte integrante del piano di trattamento del Diabete Mellito.

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Corso Istruttori 2012. La valutazione in atletica leggera

Corso Istruttori 2012. La valutazione in atletica leggera Corso Istruttori 2012 La valutazione in atletica leggera LA VALUTAZIONE IN ED. FISICA Con tale valutazione possiamo avere delle indicazioni sulle caratteristiche dei soggetti che abbiamo di fronte per

Dettagli

distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m

distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m 12 LEZIONE I TEST PER VALUTARE LE QUALITA AEROBICHE (SECONDA PARTE) IL B.A.S. TEST (Bisciotti, Arcelli Sagnol) Test misto: soglia/vam 2 prove massimali su 2 diverse distanze: 2000 3000 metri Si può avere

Dettagli

I test di valutazione funzionale. www.fisiokinesiterapia.biz

I test di valutazione funzionale. www.fisiokinesiterapia.biz I test di valutazione funzionale www.fisiokinesiterapia.biz LA PRESTAZIONE Fattori che la determinano: Anagrafici (età) Antropometrici (statura, peso, biotipo) Psicologici (attitudine, motivazione) Ambientali

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

2 CONVEGNO INTERREGIONALE LA MONTAGNA PER TUTTI. Allenamento e preparazione fisica: bambini e anziani in montagna

2 CONVEGNO INTERREGIONALE LA MONTAGNA PER TUTTI. Allenamento e preparazione fisica: bambini e anziani in montagna Commissione Interregionale Medica Veneto Friulana - Giuliana 2 CONVEGNO INTERREGIONALE LA MONTAGNA PER TUTTI Passo Pordoi, 9 10 ottobre 2004 Allenamento e preparazione fisica: bambini e anziani in montagna

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

MASSIMO CONSUMO D OSSIGENO E SOGLIA ANAEROBICA. COSTO ENERGETICO SU DIVERSI TIPI DI ERGOMETRI. dott.ssa Elisa Dussin OBIETTIVO PREREQUISITI

MASSIMO CONSUMO D OSSIGENO E SOGLIA ANAEROBICA. COSTO ENERGETICO SU DIVERSI TIPI DI ERGOMETRI. dott.ssa Elisa Dussin OBIETTIVO PREREQUISITI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Laboratorio di Fisiologia dello Sport A.A. 2005-2006 MASSIMO CONSUMO D OSSIGENO E SOGLIA ANAEROBICA. COSTO ENERGETICO SU DIVERSI TIPI

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running)

Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running) Programmi d allenamento per la maratona (da Ryffel Running) Quale regola di base vale: per essere tra i Finisher servono 3-4 allenamenti la settimana (4-6 ore), che corrispondono a 30-50 km. Chi vuole

Dettagli

Insert Your Chapter Title Here

Insert Your Chapter Title Here chapter?? Insert Your Chapter Title Here Protocolli per la Valutazione Funzionale Author name here for Edited books Stato del soggetto prima del test A digiuno da almeno 2 ore Evitare in particolare tè

Dettagli

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia

«UN CUORE CHE AMA LA BICI» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia «UN CUORE CHE AMA LA BC» Dr. Michele Rizzotti Dirigente Medico - Cardiologia Ospedale Civile di Vigevano Az. Ospedaliera Provincia di Pavia Perché parlare di cuore e bici? Educazione Prevenzione Cura BENEFC

Dettagli

IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA. Donato Zocchi MMG

IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA. Donato Zocchi MMG IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE LA MOTIVAZIONE ALL ATTIVITA FISICA Donato Zocchi MMG La medicina perfetta Proviamo a sognare e immaginiamo la medicina perfetta per il diabete o ancora meglio

Dettagli

GIULIO SERGIO ROI INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12. Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio...

GIULIO SERGIO ROI INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12. Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio... INDICE CAPITOLO I INTRODUZIONE...11 IL CARDIOFITNESS...12 CAPITOLO II Cenni di anatomia e fisiologia degli appartai respiratorio e cardiocircolatorio...15 Il polmone e li vie aeree...15 Il cuore e l apparato

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

ATTIVITA IN PISCINA. Iscrizione stagionale 23.00 (validità dal 17 settembre al 13 luglio)

ATTIVITA IN PISCINA. Iscrizione stagionale 23.00 (validità dal 17 settembre al 13 luglio) - 1 - ATTIVITA IN PISCINA Iscrizione stagionale 23.00 (validità dal 17 settembre al 13 luglio) *ACQUATICITA per BABY 0-3 anni: TESSERE AD ABBONAMENTO Quote: 4 lezioni 43.00 Sabato ore 9.20 ore 10.00 ore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Definizione Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo

Dettagli

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche

Sedentarietà. Un adeguata attività fisica è fondamentale per prevenire l epidemia mondiale di malattie croniche Sedentarietà Almeno il 60% della popolazione mondiale è al di sotto dei livelli di attività raccomandati di attività motoria (30 minuti al giorno di attività moderata) Un adeguata attività fisica è fondamentale

Dettagli

Zhepyr BioHarness 3.0

Zhepyr BioHarness 3.0 Zhepyr BioHarness 3.0 CHE COSA È BIOHARNESS 3.0 CHE COSA È Body Sensor Network Sensore indossabile Non invasivo Multiparametrico Algoritmi di calcolo Fornisce Carico dell atleta Stato psicofisico Preparazione

Dettagli

LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO. Tecnico Nazionale Maurizio Castagna

LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO. Tecnico Nazionale Maurizio Castagna LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO Tecnico Nazionale Maurizio Castagna CAPACITÀ FISICHE E SVILUPPO LE CAPACITÀ FISICHE SONO: FORZA, RESISTENZA, RAPIDITÀ. La mobilità articolare è una capacità

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA RESISTENZA AEROBICA Gli allenamenti per la resistenza aerobica (definita anche resistenza di base o generale), migliorano i fattori fisiologici che stanno alla base delle prestazioni di resistenza: efficienza

Dettagli

&RPLWDWR3URYLQFLDOH0HVVLQD FRQVLGHUD]LRQLSHULOPH]]RIRQGRYHORFH

&RPLWDWR3URYLQFLDOH0HVVLQD FRQVLGHUD]LRQLSHULOPH]]RIRQGRYHORFH &RPLWDWR3URYLQFLDOH0HVVLQD 0$66,02&216802',266,*(12 (0$66,0$9(/2&,7$ 9(/2&,7$ $(52%,&$ *(1(5$/,7$ (,1',&$=,21,3(5,//25269,/8332 FRQVLGHUD]LRQLSHULOPH]]RIRQGRYHORFH 6DOYDWRUH/D)DXFLDXFL up}lyzp{h GGklnspGz{

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 CATEGORIE Junior Alta Specializzazione, femminile e maschile TABELLA DI CONTROLLO DEL CARICO DI ALLENAMENTO

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE ANATOMIA DEL CUORE Il cuore è un organo cavitario dell app. cardiovascolare situato nella cavità toracica tra i due polmoni e

Dettagli

PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI

PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Programma Pre-Campionato Arbitri CRA Caro Arbitro, Il programma di allenamento che trovi in questo allegato ha come obiettivo

Dettagli

FIF ANNUAL CONVENTION. Bologna 27 Ottobre 2012

FIF ANNUAL CONVENTION. Bologna 27 Ottobre 2012 FIF ANNUAL CONVENTION Bologna 27 Ottobre 2012 LA PROGRAMMAZIONE Ricordiamoci che nelle attività di fitness vi sono sostanziali differenze rispetto agli sport di prestazione dove l atleta utilizza il proprio

Dettagli

Sviluppo della forza in soggetti in età evolutiva: prevenzione e rischi

Sviluppo della forza in soggetti in età evolutiva: prevenzione e rischi Gruppo sciatori Fiamme Gialle Convegno Nazionale I Giovani e lo Sport della Montagna Predazzo 24 Aprile 2009 Sviluppo della forza in soggetti in età evolutiva: prevenzione e rischi Renato Manno, Istituto

Dettagli

PROGETTARE ATTIVITÀ MOTORIE PER LA SALUTE: IL CAMMINO

PROGETTARE ATTIVITÀ MOTORIE PER LA SALUTE: IL CAMMINO Corso di aggiornamento per Laureati in Scienze Motorie impegnati nella conduzione di attività motorie per la salute rivolte alla popolazione adulta ed anziana Verona, 3 4 giugno 2010 PROGETTARE ATTIVITÀ

Dettagli

Esercizio Fisico e Prevenzione del Sovrappeso in Età Evolutiva

Esercizio Fisico e Prevenzione del Sovrappeso in Età Evolutiva Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Efficienza Fisica Esercizio Fisico

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre

Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Gruppo AMD Campania Diabete e Attivita Fisica Gravidanza e diabete: i benefici dell attività fisica per la madre Dr. Marisa Conte MODIFICHE METABOLICHE DURANTE LA GRAVIDANZA Lattogeno placentare Compenso

Dettagli

corsi e spinning digital training dalle 6 alle 22

corsi e spinning digital training dalle 6 alle 22 corsi e spinning digital training dalle 6 alle 22 corsi lunedì YogaFit GAG TotalBody CountryFitness SuperAbdominal Basic GAG YogaFit TotalBody Basic GAG CountryFitness TotalBody Basic 1 1 GAG 1 CountryFitness

Dettagli

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione.

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione. IL FIT- TEST Chiunque abbia iniziato a praticare uno sport da qualche tempo si sarà chiesto quale sia il valore assoluto della sua prestazione. "Ho fatto 40 vasche in mezz'ora, è un buon risultato?" "Ho

Dettagli

l Allenamento ad Alta Intensità: Nuove Acquisizioni

l Allenamento ad Alta Intensità: Nuove Acquisizioni l Allenamento ad Alta Intensità: Nuove Acquisizioni Carlo Castagna Corso di Laurea in Scienze Motorie Università di Roma Tor Vergata, Rome, Italy Carlo Castagna castagnac@libero.it www.carlocastagna.com

Dettagli

L ALLENAMENTO ORGANICO DEL CALCIATORE

L ALLENAMENTO ORGANICO DEL CALCIATORE L ALLENAMENTO ORGANICO DEL CALCIATORE di Domenico Borelli* L articolo che vi presento, è tratto dal IV convegno medico sportivo organizzato dall AIAC Calabria Modulo e Condizione Atletica tenutosi a Casole

Dettagli