Come variano le risposte affettive e fisiologiche nell attività di gruppo? Studio su giovani fisicamente attivi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come variano le risposte affettive e fisiologiche nell attività di gruppo? Studio su giovani fisicamente attivi."

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Interfacoltà di Medicina e Chirurgia, Ingegneria Corso di Laurea in Educazione Motoria Preventiva ed Adattata Come variano le risposte affettive e fisiologiche nell attività di gruppo? Studio su giovani fisicamente attivi. Relatore: Dott. Matteo Vandoni Correlatore: Dott. Erwan Codrons Tesi di Laurea di: Elena RICAGNO Matricola Anno Accademico 2012/2013 1

2 1. INTRODUZIONE L attività fisica regolare è essenziale per prevenire e ridurre i rischi di patologie e di morte prematura e per godere di un miglior stile di vita ( Warburton, Nicol & Bredin, 2006). Nonostante ciò l inattività presenta da sempre un grave problema di salute pubblica in diversi paesi. Secondo quanto riportato dal World Health Organization (2004) circa l 1,9 milioni di persone in tutto il mondo muoiono ogni anno per malattie legate alla mancanza di attività fisica. Per tale motivo diversi paesi hanno cercato di adottare strategie contro l inattività, definendo delle linee guida, come quelle create dall American College of Sport Medicine, secondo le quali si raccomanda di svolgere attività fisica moderata o vigorosa per almeno 30 minuti a sessione, per 5-7 giorni a settimana (American College of Sports Medicine, 2009). Una delle cause di mancanza di attività fisica è il basso tasso di adesione ai vari programmi di esercizio, infatti Dishman e Buckworth (1996) hanno rilevato che il tasso di drop out è elevato soprattutto nei soggetti che si avvicinano ad un nuovo protocollo di allenamento. Evidenziano che circa il 50% di soggetti che si approcciano all esercizio fisico si ritirano entro i primi sei mesi senza perciò riuscire a trarre dal lavoro svolto dei veri e propri benefici e guadagni a livello fisiologico. L abbandono appare un fenomeno non semplice da risolvere. Secondo Parfitt et al.(2006), riuscire ad identificare i fattori che contribuiscono alla scarsa partecipazione ai programmi d esercizio, è stata una della più grandi sfide negli ultimi anni per i ricercatori di scienze motorie. Il fenomeno dell inattività potrebbe essere spiegato dal basso livello di piacere provato durante l esercizio e da un alterata percezione dello sforzo durante la sessione di allenamento (Ekkekakis, et al., 2005; Parfitt, et al., 2006; Williams, et al., 2008). Il grado di piacere quindi, provato in ogni singola esperienza durante 2

3 l esercizio, potrebbe giocare un ruolo importante in una futura partecipazione, dello stesso soggetto, all attività fisica in questione. Nel 1953 Young pose i presupposti di questa ipotesi con la teoria edonistica o anche chiamata Teoria della Motivazione. Essa si basa sull ipotesi che se le persone traggono piacere, energia positiva, divertimento durante la loro partecipazione all attività fisica, è probabile che cercheranno di ripetere questa esperienza. D altra parte se invece i sentimenti provati sono di tipo negativo, come il dispiacere, la stanchezza, dolore o disagio durante l attività, le possibilità che questi soggetti possano ripeterla saranno scarse. Le esperienze, quindi, che portano a sensazioni individuali di benessere facilitano la partecipazione, mentre le attività che suscitano sensazioni negative provocano la cessazione dell attività stessa (Parfitt, et al., 2006). L adesione al programma di allenamento può essere correlabile al livello di piacevolezza o affettività dell esercizio come ci dimostrano nel loro studio William et al.(2008). Essi hanno correlato l adesione all esercizio con l affettività e con la percezione dello sforzo misurata tramite le scala di Borg (Rate of Perceived Exertion o RPE). Seguendo la teoria di Benthon ( il piacere porta a continuare, il dispiacere porta all abbandono ), essi scoprirono che i soggetti che riportavano alti livelli di piacere durante una sessione di camminata, mantenevano anche un più alto livello di partecipazione ad un programma di attività fisica dopo sei mesi e dodici mesi. Queste teorie si basano sull assunto che l intensità dell esercizio possa influenzare la percezione di gradimento generale della seduta di allenamento. Generalmente l intensità di esercizio moderata piuttosto che la vigorosa è stata correlata con maggiori livelli di piacevolezza in soggetti sedentari (Ekkekakis e Petruzzello, 1999). Questi studi sono alla base delle recenti raccomandazioni dell ACSM (2009) per cui la valenza affettiva può essere utilizzata come un metodo aggiuntivo del monitoraggio dell intensità dell esercizio. 3

4 Un altro fattore che può influenzare le risposte affettive è l autonomia che se ricondotta all attività fisica è intesa come la capacità di un individuo di poter scegliere indipendentemente l intensità di esercizio a cui allenarsi. Di norma, un soggetto che sceglie di allenarsi ad una intensità autoregolata sceglie di mantenere un ritmo associabile al conseguimento di benefici per la salute (ACSM, 2010). Numerosi studi hanno dimostrato che il fatto di imporre l intensità di esercizio (ridotta autonomia) provoca delle risposte affettive peggiori rispetto ad un esercizio di uguale intensità ma auto-regolato (elevata autonomia) ( Ekkekakis, Parfitt, Petruzzello, 2011). Nella maggior parte dei casi, il livello dell intensità d esercizio auto-regolato rientra nei range di raccomandazione generale dell esercizio fisico. Di contro, l equilibrio del livello di autonomia e delle risposte affettive è molto precario infatti se l intensità viene modificata incrementandola, anche parzialmente, le risposte affettive peggiorano. Ipotizzando questo concetto, Lind (2008) fece uno studio con soggetti di mezza età che partecipavano individualmente a un allenamento di cammino su treadmill della durata di 20 minuti a due differenti intensità: la prima auto-regolata, la seconda più intensa del 10% rispetto all auto-regolata. Si scoprì tramite l utilizzo delle scale affettive Feeling Scale (FS) e di percezione dell attivazione Felt Arousal Scale (FAS), che nell intensità auto-regolata i livelli di risposta positiva era più alti rispetto ai livelli di risposta dell intensità imposta (più 10%). Ciò significa che la perdita di autonomia condiziona la risposta emozionale del soggetto durante un allenamento individuale. Questo principio sembra non essere totalmente associabile a giovani soggetti allenati in quanto è stato riscontrato (Ekkekakis et al. 2011) che il legame inversamente proporzionale tra intensità e risposte affettive non è così automatico. Infatti nei soggetti allenati questo fenomeno si sviluppa soltanto quando l intensità auto-regolata di un soggetto supera la soglia ventilatoria (V t ). 4

5 In conclusione la valenza affettiva può essere utilizzata come un metodo aggiuntivo dell auto-monitoraggio dell intensità dell esercizio. Fino ad oggi gli studi hanno analizzato soggetti che intraprendevano un attività fisica individuale e non soggetti che si allenavano collettivamente. Il fitness di gruppo, molto diffuso nei centri wellness, permette l avvicinamento di soggetti inattivi ad uno stile di vita meno sedentario, unisce diverse categorie sociali, classi di età ed entrambi i sessi. L ambiente della palestra favorisce la socializzazione e lo spirito cooperativo. Una tipologia di allenamento di gruppo che si sta sviluppando attualmente è il functional training. Uno studio di Weiss et al. (2010) indica che l allenamento funzionale permette di raggiungere risultati in termini di forza, endurance ed equilibrio comparabili a quelli ottenibili con un allenamento tradizionale. L allenamento funzionale consente inoltre di allenarsi nel rispetto della fisiologia del sistema osteo-articolare e in modo causale al gesto da compiere (Weiss et all, 2010). Dato che l allenamento funzionale è utile al mantenimento della salute e al raggiungimento della performance sportiva è un ottimo mezzo per sviluppare un training di gruppo. Nel functional training ha un ruolo importante la musica (Crust, 2004). Essa contribuisce a potenziare gli effetti del fitness di gruppo. Diversi studi hanno dimostrato che provoca effetti positivi sullo stato motivazionale degli atleti che praticano attività fisica. Inoltre migliora il controllo dell attivazione, riduce la percezione dello sforzo e incrementa in maniera positiva la predisposizione all esercizio (Crust L, Clough P.J, 2006). Nel tempo la musica utilizzata come mezzo di motivazione può aumentare la partecipazione ai programmi di esercizio e ottimizza la preparazione alla prestazione negli atleti. 5

6 2. OBIETTIVI E interessante notare che nessuno degli studi sopracitati riguarda le risposte affettive e percettive nell attività del fitness di gruppo. Il presente studio è stato progettato per colmare questo vuoto. In particolare l obiettivo principale è valutare le componenti affettive e percettive, oltre che le risposte fisiologiche durante un allenamento di fitness di gruppo. Inoltre per analizzare se la condizione di allenamento in autonomia abbia un influenza sulle risposte affettive e percettive durante l allenamento collettivo verrà confrontato con allenamenti supervisionati a intensità moderata o vigorosa. Verranno poi valutate le modificazioni apportate dalle differenti sedute di allenamento sulle risposte affettive e percettive precedentemente e successivamente l attività. 3. APPROCCIO SPERIMENTALE ALLO STUDIO Per investigare le risposte psicofisiologiche sono stati reclutati giovani soggetti attivi e sottoposti a sessioni di allenamento di gruppo. I soggetti hanno eseguito tre differenti lezioni di allenamento funzionale a diverse intensità: moderata (MOD), elevata (HIGH) e auto- regolata (SELF). La frequenza cardiaca è stata registrata continuamente durante la seduta mentre le risposte affettive e percettive dei partecipanti sono state indagate in specifici momenti di pausa tra le differenti fasi dell allenamento. Sono stati somministrati specifici questionari per la valutazione dello stato percettivo ed affettivo pre e post esercizio. 6

7 4. MATERIALI E METODI 4.1 Partecipanti A questo studio hanno preso parte 35 soggetti di entrambi i sessi, 20 maschi e 15 femmine, di età compresa da i 19 ai 27 anni, non precedentemente allenati su protocolli functional training. Le caratteristiche descrittive dei partecipanti sono evidenziate nella tabella 1. Il consenso al trattamento delle informazioni è stato ottenuto da tutti i partecipanti e le procedure sperimentali, i possibili rischi e benefici dello studio sono stati resi noti a tutti. Tutti i soggetti erano in buona salute, fisicamente attivi, non in sovrappeso o obesi e non facevano uso di farmaci che potevano influire sulle funzioni metaboliche e/o cognitive. Il reclutamento di questi soggetti è avvenuto tramite annuncio esposto sulla bacheca della segreteria studenti e sul sito della facoltà di scienze motorie dell Università Degli Studi di Pavia. Il periodo di Attività si è svolto nell'arco di un mese più precisamente dal 4 febbraio 2013 al 4 marzo Dati preliminari Ai partecipanti sono stati rilevati i seguenti parametri prima di cominciare le sedute di allenamento: Valutazione del livello di attività fisica tramite il questionario Godin Leisure-time Exercise Questionnaire. Valutazione delle capacità aerobiche tramite il Test incrementale di Bruce. 7

8 GODIN LEISURE TIME EXERCISE QUESTIONNAIRE Tramite il GODIN LEISURE TIME EXERCISE QUESTIONNAIRE si è analizzato il livello di attività fisica dei soggetti. Il questionario è composto da due parti e solo la prima è stata utilizzata al fine dello studio. La prima parte comprende tre items che misurano la frequenza di attività fisica di intensità alta, moderata e bassa per un tempo di più di 15 minuti al giorno nel corso di una settimana tipica. Queste frequenze sono state poi moltiplicate per tre equivalenti metabolici, la prima per nove, la seconda per cinque e la terza per tre e sommate per arrivare ad un punteggio totale. Un alto punteggio totale indica un alto livello di attività fisica. Il questionario è stato compilato una sola volta durante il primo incontro. TEST INCREMENTALE DI BRUCE Il test di Bruce è stato sviluppato dal DR. Robert. A. Bruce nel 1963 per diagnosticare i problemi cardiaci dei suoi pazienti. Questo test viene anche utilizzato in ambito sportivo per valutare la prestazione aerobica degli atleti valutando il massimo consumo di ossigeno (VO 2 max). Per effettuare questo test è stato utilizzato un analizzatore di ossigeno Fitmate PRO (Cosmed s.r.l., Roma, Italia), un tapis roulant Runrace (Techogym, Gambettole, Italia) e un cardiofrequenzimetro T31 coded (Polar, Kempele, Finland). Il Test di Bruce prevede un protocollo di step incrementali combinati di velocità e pendenza. Ad ogni step è stato richiesto al soggetto di esprimere i valori delle scale psicologiche Feeling Scale (FS), Felt Arousal Scale (FAS) e Scala di Borg (RPE). Prima dell esecuzione del test è stata calcolata la frequenza cardiaca di riposo e il consumo di ossigeno (VO 2 ) a riposo per un periodo di dieci minuti. Ogni cinque minuti, è stato richiesto di esprimere i valori delle scale affettive e percettive. Il valore minore della 8

9 frequenza cardiaca e del VO 2 sono stati utilizzati per calcolare la frequenza cardiaca (HRR) e il VO 2 di riserva utile in seguito allo studio. PROTOCOLLO DI ESECUZIONE DEL TEST: Step Tempo (min) V km/h P (%) % % % % % % % % % % Tabella 1. Stage incrementali del test di Bruce (A. Bruce 1963) 9

10 Dopo una fase di riscaldamento ad andatura blanda, il tapis roulant viene impostato ad una velocità di 2,7 Km/h e ad una pendenza di 10 gradi (primo step). La prova è composta da determinati stage o livelli della durata di 3 minuti ciascuno, ad ogni livello vi è un incremento combinato di velocità e pendenza.(come indicato nella tabella 1) Il test termina quando il soggetto non è in grado di sopportare un ulteriore incremento di velocità e pendenza. L'analisi dei risultati stabilisce il VO 2max dell'atleta, che permette di valutare il suo livello di attività fisica (scarso, medio, buono, ottimo, eccellente). I risultati ottenuti sono stati comparati con i valori riportati in due tabelle, una per i maschi e una per le femmine (vedi allegato F). 4.3 Procedure dell allenamento Lo studio è stato condotto presso gli impianti sportivi del Centro Universitario di Pavia (CUS). Si è deciso di proporre agli atleti due sedute di allenamento supervisionate da un istruttore (moderata e alta intensità) e una seduta non supervisionata (intensità auto-regolata). Le prime due intensità sono state imposte dall istruttore e tutti i soggetti hanno seguito il ritmo stabilito, mentre nella seduta ad intensità auto-regolata ogni soggetto è stato libero di eseguire gli esercizi ad un ritmo di esecuzione autonomo. 10

11 Tabella 2. Intensità delle sedute del Gruppo 1, Gruppo 2 e Gruppo 3 divise nei tre diversi giorni di allenamento. GRUPPO LEZIONE 1 LEZIONE 2 LEZIONE 3 Gruppo 1 Bassa Intensità Alta Intensità Autoregolata Gruppo 2 Alta Intensità Autoregolata Bassa Intensità Gruppo 3 Autoregolata Bassa Intensità Alta Intensità I partecipanti allo studio, sono stati divisi ed assegnati in maniera randomizzata a tre gruppi. Il primo gruppo si è allenato alle 8.30, il secondo alle e il terzo alle Nel corso della giornata di allenamento i tre gruppi sono stati sottoposti ad uno stesso protocollo di esercizi ma di intensità differente. Le modalità di lezione sono state proposte in tempi differenti ai diversi gruppi (cross check), per evitare effetti legati all apprendimento dell intensità. I soggetti non conoscevano la tipologia della lezione a cui sarebbero stati sottoposti nelle giornate di studio. a. 4.4 Procedure pre-allenamento I soggetti arrivati al Centro Sportivo sono stati muniti della strumentazione per il monitoraggio della frequenza cardiaca. Per la rilevazione in continuo della frequenza cardiaca è stato utilizzato il metodo della Telemetria (Hosand Team System). La strumentazione con cui sono stati equipaggiati i soggetti comprende un cardiofrequenzimetro T31 coded (Polar, Kempele, Finland) e un 11

12 giubbino nel quale viene inserito il trasmettitore del segnale di frequenza cardiaca. HOSAND TEAM SYSTEM La Telemetria è un sistema che permette di monitorare a distanza la frequenza cardiaca di una o più persone durante l allenamento, in totale libertà, senza limitarne il movimento con collegamenti a macchinari. Questa strumentazione visualizza la frequenza cardiaca (battiti per minuto BPM) in tempo reale e fornisce una valutazione immediata della performance. Il sistema è composto da un trasmettitore indossato dalla persona in abbinamento ad una fascia toracica cardiofrequenzimetro che misura la frequenza cardiaca, da un ricevitore, da un box di sincronizzazione e dal software. Il trasmettitore intercetta la frequenza cardiaca misurata dalla fascia toracica ed in tempo reale invia i dati al ricevitore e da questo, al computer dove il software li elabora e li visualizza. Al termine della seduta d allenamento il ricevitore memorizza le registrazioni di frequenza cardiaca di tutti i soggetti contemporaneamente, senza dover scaricare ed elaborare singolarmente i dati di ogni individuo. 12

13 In seguito i soggetti sono stati accompagnati alle proprie postazioni dove erano predisposti due questionari da compilare pre-allenamento: Positive And Negative Affective Scale (PANAS) e Activation Deactivation Adjective Check List (ADACL). POSITIVE AND NEGATIVE AFFECTIVE SCALE (PANAS) Il questionario PANAS consiste in dieci affects (aggettivi che descrivono uno stato d animo) positivi e dieci affects negativi, ognuno con cinque punti che vanno da 1 (molto poco o per niente) a 5 (molto). I soggetti hanno compilato la scheda indicando un valore da 1 a 5 che in quel momento descriveva l affect richiesto. ACTIVATION DEACTIVATION ADJECTIVE CHECK LIST (ADACL) Questo questionario è una misurazione multi-item che integra due dimensioni, una che riguarda l Energetic Arousal (EA), l altra che riguarda la Tense Arousal (TA). Ogni dimensione è composta da dieci items. L Energetic Arousal ha un range che va da Energia a Stanchezza, mentre la seconda ha un range che va da Agitazione a Calma. Vi è una scala di 4 livelli di confidenza per descrivere ogni item. Thayer ed Ekkekakis hanno riscontrato informazioni valide e credibili in questo tipo di scala che è conforme al contesto dell attività fisica (Thayer 1978; Ekkekakis 2005). 4.5 L allenamento Dopo la compilazione dei questionari pre-allenamento e la preparazione della strumentazione l allenamento ha avuto inizio. Il protocollo di allenamento prevedeva una fase di riscaldamento, tre fasi centrali (di lavoro allenante) da minuti con 8 esercizi 13

14 di durata di 45 secondi ripetuti due volte, 5 minuti di defaticamento attivo e 10 minuti (suddivisi in due periodi da 5 minuti) di defaticamento passivo. Tutto l allenamento è stato eseguito con una base musicale. Il riscaldamento prevedeva cinque minuti di corsa più altri cinque minuti di condizionamento generale con l aggiunta del riscaldamento delle braccia e del tronco. La prima fase allenante è stata maggiormente incentrata sulla stimolazione degli arti inferiori tramite esercizi quali squat, mezzo squat, affondi frontali e laterali che variavano la loro profondità e intensità a seconda dell intensità generale della lezione. Nella seconda fase allenante la stimolazione si è concentrata più sulle braccia e sull addome. Quasi tutti gli esercizi sono stati eseguiti in posizione di plank (prono in appoggio sugli avambracci), con diverse varianti, tutte dinamiche, dalla rotazione del busto alternando l appoggio della mano, al passaggio dell appoggio dell avambraccio alla mano. Nella terza e ultima fase sono stati stimolati tutti i distretti muscolari senza dare enfasi a nessuna muscolatura in particolare quindi sono stati eseguiti ancora esercizi di squat e affondi (proposti sempre con modalità differenti), un esercizio specifico per l addome e uno per i tricipiti. Nella fase di defaticamento sono stati inseriti esercizi di stretching e allungamento per la 14

15 durata di circa cinque minuti. Alla fine di ogni fase la musica è stata interrotta e gli atleti sono stati invitati a compilare una griglia di valutazione con il valore delle scale affettive e percettive. La prima scala è la Feeling Scale (FS), la seconda è la Felt Arousal Scale (FAS) e la terza è la scala di Borg o anche chiamata RPE. La compilazione è avvenuta anche nella fase dei dieci minuti di recupero dopo il defaticamento (prima dopo cinque minuti poi dopo dieci minuti). Le risposte fisiologiche, registrate, di FC sono la media degli ultimi 60 secondi per ogni fase di 15 minuti di allenamento. Per ogni seduta di allenamento si ottengono 7 valori diversi di FC cardiaca corrispondenti alle diverse fasi del training: riscaldamento, fase 1, fase 2, fase 3, defaticamento, 5 minuti post e 10 minuti post. FEELING SCALE (FS) 15

16 Alcune persone trovano che l'esercizio sia piacevole, mentre altre pensano che sia sgradevole. Quando si pratica un attività fisica è facile cambiare stato d'animo. Ciò significa che durante l'allenamento si possono alternare sensazioni piacevoli e spiacevoli. Hardy CJ e Rejeski WJ (1989) hanno creato la Feeling Scale per misurare lo stato d animo delle persone durante l attività fisica. Questa scala ha 11 punti a singolo elemento con misura bipolare che vanno da -5 a +5. I valori negativi indicano sensazioni spiacevoli e vanno da -5 (molto male) a -1 (abbastanza male). I valori positivi invece, indicano sensazioni piacevoli e vanno da +1 (abbastanza bene) a + 5 (molto bene). Lo zero è considerato neutro (normale). (vedi allegato B) +5 Molto Bene Bene Abbastanza Bene 0 Normale -1 Abbastanza Male -2-3 Male -4-5 Molto Male FELT AROUSAL SCALE (FAS) 16

17 La Felt Arousal Scale valuta il livello di attivazione del soggetto. La scala va da uno a sei (1 poco attivato, 6 molto attivato). Il concetto di Arousal può essere comparato al momento in cui si provano emozioni. Un soggetto può essere in uno stato di arousal elevato ad esempio quando prova ansia, rabbia o eccitazione o può essere in uno stato di arousal modesto quando prova rilassamento, noia o calma(vedi allegato C). 1 Poco Attivato Molto Attivato RPE BORG SCALE La Scala di Borg o Rate of Perceived Exertion (RPE), in richiamo al suo inventore Gunnar Borg, è una scala che serve a valutare la percezione soggettiva dello sforzo in relazione all'intensità dello sforzo stesso durante l'attività fisica. Essa può essere applicata come sistema integrativo assieme alla misurazione diretta dell'intensità dello sforzo nelle attività cardiovascolari, riconoscibile con i parametri della frequenza cardiaca massima (% FCmax o HRmax) e del % VO 2 max (massimo consumo di ossigeno). Poiché la misurazione della frequenza cardiaca (FC) durante l'esercizio può risultare spesso imprecisa a causa di metodi di rilevazione poco accurati, viene comunque suggerito che la 17

18 RPE possa essere usata come strumento integrativo assieme alla FC per stimare lo sforzo percepito indipendentemente dai battiti cardiaci. Dal momento che la valutazione dello sforzo percepito (RPE) è correlabile alla percentuale del VO 2max, è stata creata una linea guida per risalire indicativamente all'intensità dell'esercizio. Sono stati impostati una serie di 15 numeri dal 6 al 20, relazionandoli con i valori della frequenza cardiaca durante uno sforzo fisico. Il valore più basso della scala corrisponde indicativamente ai battiti a riposo (circa 60 bpm), mentre il valore più alto corrisponderebbe ad una frequenza cardiaca massima, indicativamente 200 bpm. La RPE viene spesso utilizzata per stabilire l'intensità dell'esercizio associandone le percezioni e le risposte generali in base al grado di fatica. Essa infatti dispone di ulteriori indicatori soggettivi per aiutare i praticanti a capire come utilizzare questa valutazione in modo più efficace. (vedi allegato D) 4.6 Procedure post-allenamento Terminato i minuti di defaticamento ad ogni soggetto è stata disattivata l unità di trasmissione telemetrica e sono stati forniti loro nuovamente i due questionari compilati nel pre-allenamento, il Positive And Negative Affective Scale (PANAS) e l Activation Deactivation Adjective Check List (ADACL). Al termine della compilazione dei questionari la seduta di allenamento è stata terminata. 4.7 L IMPORTANZA DELLA MUSICA 18

19 In tutti e tre gli allenamenti di intensità diversa sono state utilizzate le stesse tracce musicali nello stesso ordine per evitare effetti differenti della musica sui partecipanti. Sono stati scelti 14 brani della durata totale di 45 minuti a cui sono state applicate differenti battute al minuto (bpm) utilizzando il programma Speedshifte. Nello specifico sono stati utilizzati 125 bpm per l allenamento di intensità moderata e auto-selezionata, e 138 bpm per l intensità alta. 4.8 ANALISI STATISTICA 19

20 I dati sono stati mostrati come media (M) ± deviazioni standard (DS). T-test indipendenti sono stati utilizzati per esaminare le differenze di genere in base alle caratteristiche antropometriche e alle risposte fisiologiche, affettive e percettive durante test da sforzo massimale (P < 0.05). Analisi di varianza con misure ripetute (ANOVA) di 3 fattori: genere (maschi e femmine) intensità (riscaldamento,15-min, 30-min, 45-min e defaticamento) è stata condotta sulla percentuale della FC R, sforzo percepito, valenza affettiva e attivazione percepita. Inizialmente, il genere dei partecipanti era stato incluso come un fattore tra i soggetti in tutte le analisi condotte sulle variabili dipendenti (cioè percentuale della FC R, sforzo percepito, e valenza affettiva). Siccome nessuno degli effetti principali o di interazione (cioè genere intensità, genere tempo, genere x intensità tempo) del genere ha avuto una significatività statistica, il genere è stato rimosso. Il valore di P nelle analisi post hoc è stato regolato in base alla correzione di Bonferroni da 0.05/4 = Tutti i dati sono stati analizzati con SPSS 17.0 x Windows (SPSS, Inc., Chicago, USA). 5. RISULTATI 20

21 Le caratteristiche descrittive dei partecipanti sono indicate in Tabella 3. TABELLA 3. Caratteristiche fisiologiche, antropometriche in base al test da sforzo massimale dei partecipanti. Uomini (n=20) Donne (n=15) M ES M ES Età (anni) 22,4 0,4 22,6 0,7 Peso (kg) 74,7 1,8 57 1,7** Altezza (m) 1,80 0,01 1,68 0,01** BMI (kg m -2 ) 23,3 0,5 20,3 0,6**. O2max (ml kg. -1 min. -1 ) 51,8 1,4 37,1 2,7** FC max (battiti min -1 ) 182,9 2,1 174,2 6,7 Note. M: media; ES: Errore Standard; BMI: indice della massa corporea;. O 2max : massimo consumo di ossigeno; FC max : frequenza cardiaca massima; Differenza significativa, * P < 0.05, ** P < HEART RATE RESERVE (HRR) 21

22 FIGURA 1.Risposte fisiologiche (%HRR) durante le 3 condizioni di allenamento. * Alta Vs Moderata (p < 0.01) # Auto-regolata Vs Moderata (p < 0.01) Le risposte fisiologiche dei 3 differenti allenamenti sono rappresentate in Figura 1. La curva blu rappresenta l intensità auto-regolata, la curva rossa l alta intensità e la curva nera l intensità moderata. Ogni curva rappresenta l andamento della percentuale della frequenza cardiaca di riserva di tutti i soggetti ad una stessa intensità. I punti rappresentano il campionamento degli ultimi 60 secondi alla fine di ogni fase. Le tre intensità hanno lo stesso andamento ma a frequenze differenti. Notiamo come la frequenza cardiaca aumenta nella fase 1, diminuisce nella fase 2 e rimane costante nella fase 3. E presente una differenza significativa nelle fase 2, ma non ci sono stati effetti significativi nelle altre fasi. 22

23 In generale le risposte fisiologiche sono state più elevate nell alta intensità e auto-regolata rispetto alla moderata. I dati della FIGURA 1 sono esplicitati in TABELLA 4. TABELLA 4. FC Intensità Moderata % HRR Intensità Vigorosa % HRR Intensità Autoselezionata % HRR RISCALDAMENTO 136,21 57,7 136, ,16 62,6 FASE 1 160,83 80,8 168,68 92,4 169,78 92,1 FASE 2** 141,38 63,9 160,36 82,7 160,78 84,6 FASE 3** 140,69 62,4 160,38 77,3 153,78 83,7 STRETCHING 119,93 44,8 126,83 51,7 125,44 53,7 DEFATICAMENTO 1 95,76 21,7 102,07 28,8 100,41 30,8 DEFATICAMENTO 2 91,86 19,7 97,55 22,7 95,11 26,3 Differenza significativa, * P < 0.05, ** P < TABELLA 4. Andamento medio delle frequenze cardiache nelle 3 intensità di allenamento Nella tabella sono presenti tutte le medie delle frequenze cardiache e la media della percentuale della frequenza cardiaca di riserva (HRR) e della frequenza cardiaca massima rilevate durante ogni fase dell allenamento. 23

24 SCALA DI BORG E PERCEZIONE DELLO SFORZO (RPE) FIGURA 2. Risposte percettive (6-20) durante le 3 condizioni di allenamento. I dati sono indicati come media ± SE. Note * Alta Vs Moderata (p < 0.01) # Auto-regolata Vs Moderata (p < 0.01) Le risposte percettive nelle 3 differenti condizioni allenamento sono rappresentate in Figura 2. Ci sono stati effetti significativi nelle tre fasi centrali dell attività (fase 1, 2 e 3). In particolare lo sforzo è stato percepito maggiormente nell intensità alta e autoregolata 24

25 rispetto a quella moderata. L alta intensità e l auto-regolata hanno dato valori simili di risposte percettive. Il range dei valori registrati è compreso tra 8 del riscaldamento fino ad un valore massimo di 16 nella terza fase di allenamento dell alta intensità. Durante la fase di defaticamento, i valori scendono drasticamente. Tutte le intensità hanno uno stesso andamento ma con differenti valori. I dati del GRAFICO 2. sono meglio riassunti in TABELLA 5. TABELLA 5. RPE MODERATA ALTA AUTOREGOLATA RISCALDAMENTO 8±0,33 8,07±0,30 8,11±0,48 FASE 1** 11±0,42 13,82±0,38 12,93±0,42 FASE 2** 10,93±0,43 14,21±0,40 14,19±0,44 FASE 3** 10,62±0,43 14,72±0,41 14,41±0,50 STRETCHING 8,03±0,32 8,97±0,44 8,78±0,51 DEFATICAMENTO 1 6,69±0,22 7,86±0,45 7,41±0,40 DEFATICAMENTO 2 6,65±0,21 7,21±0,41 6,77±0,32 Differenza significativa, * P < 0.05, ** P < TABELLA 5. Media dei valori della Scala di Borg (RPE) durante le tre intensità di allenamento.. 25

26 FEELING SCALE (FS) FIGURA 3. Risposte affettive ( ) durante le 3 condizioni di allenamento. I dati sono indicati come media ± SE. Note * Alta Vs Moderata (p < 0.01) # Auto-regolata Vs Moderata (p < 0.01) In FIGURA 3. sono riassunte le risposte affettive della Feeling Scale nelle tre diverse intensità di allenamento. Il grafico parte nella fase di riscaldamento da valori 3(bene) e 4 (tra bene e molto bene) e termina con gli stessi valori. L intensità moderata non scende a valori inferiori al 2 (tra bene e abbastanza bene) mentre le intensità alta e auto-regolata non scendono a valori inferiori dello 0 (normale). 26

27 Ciò significa che le risposte affettive e quindi lo stato d animo dei soggetti è sempre stato positivo anche se con gradi differenti. Nella fase 3 è presente una differenza significativa tra intensità alta e auto-regolata e l intensità moderata. I dati della FIGURA 3. sono esplicitati in TABELLA 6. TABELLA 6. FS MODERATA ALTA AUTOREGOLATA RISCALDAMENTO 3,21±0,25 3,48±0,25 3,33±0,37 FASE 1 2,41±0,33 1,75±0,40 1,85±0,44 FASE 2 1,79±0,42 0,5±0,48 0,33±0,53 FASE 3 2,07±0,36 0,31±0,52 0,04±0,60 STRETCHING 3,14±0,31 2,55±0,32 2,04±0,44 DEFATICAMENTO 1 3,79±0,26 3,1±0,34 3,11±0,32 DEFATICAMENTO 2 3,9±0,29 3,55±0,33 3,28±0,36 Differenza significativa, * P < 0.05, ** P < 0.01 TABELLA 6. Media dei valori della Feeling Scale (FS) durante le tre intensità di allenamento. 27

28 FELT AROUSAL SCALE (FAS) FIGURA 4. Risposte Arousal percepite (0- +6) durante le 3 condizioni di allenamento. I dati sono indicati come media ± SE. Note La FIGURA 4. riassume gli andamenti delle tre intensità di allenamento in riferimento alla Felt Arousal Scale. La curva della modalità alta intensità presenta i valori più elevati del grafico. Le tre intensità iniziano il loro andamento dal valore 3 (medio), aumentano di valore nelle fasi centrali (quasi al massimo) e discendono fino al valore 2 alla fine del defaticamento passivo (dopo i 10 minuti di recupero). I dati della FIGURA 4. sono esplicitati in TABELLA 7. 28

29 TABELLA 7. FAS MODERATA ALTA AUTOREGOLATA RISCALDAMENTO 3,45±0,292 3,27±0,216 3,30±0,324 FASE 1 4,45±0,202 4,69±0,180 4,52±0,202 FASE 2 4,38±0,224 4,83±0,238 4,74±0,259 FASE 3 4,17±0,238 4,83±0,258 4,52±0,258 STRETCHING 3,38±0,224 3,69±0,186 3,52±0,258 DEFATICAMENTO 1 2,69±0,244 3,14±0,226 2,67±0,233 DEFATICAMENTO 2 2,24±0,266 2,66±0,245 2,50±0,273 TABELLA 7. Media dei valori della Felt Arousal Scale (FAS) durante le tre fasi di allenamento 29

30 RISPOSTE PRE E POST DEL QUESTIONARIO POSITIVE AND NEGATIVE AFFECTIVE SCALE (PANAS) FIGURA 5. Risposte positive e negative del questionario PANAS pre (azzurro) e post (blu) allenamento. Gli affect positivi, partendo da un valore di pre-allenamento comunque positivo, aumentano dopo che i soggetti si allenano ad alta intensità (fino al valore 16,9), rimangono praticamente invariati quando si allenano ad intensità moderata e diminuiscono ad intensità auto-selezionata (fino a 15,8). 30

31 Gli affect negativi, che come massimo arrivano a valori di 7,5 nell intensità moderata del pre-allenamento, diminuiscono in tutte e tre le intensità nel post-allenamento, fino ad un minimo di 5,5. Ciò significa che i soggetti hanno tratto giovamento dalla seduta di allenamento. Inoltre le risposte negative sono state limitate al termine del training. RISPOSTE PRE E POST QUESTIONARIO ACTIVATIONE AND DEACTIVATION CHECK LIST (ADACL) FIGURA 6. Risposte affettive di energia e di stanchezza del questionario ADACL pre (azzurro) e post (blu) allenamento. 31

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

Fitness e risposte affettive

Fitness e risposte affettive Federazione Ginnastica d Italia C.R. Lombardia CORSO di FORMAZIONE ATTIVITA MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI MILANO, sabato 5 ottobre 2013 Fitness e risposte affettive Matteo Vandoni Ricercatore

Dettagli

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini

Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Università dell età libera 2014-2015 Conferenze di informazione salute e movimento Nordic Walking: la salute cammina con i bastoncini Indice INTRODUZIONE 23 ore e mezzo L ATTIVITA FISICA IL NORDIC WALKING

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DOTTORATO DI RICERCA IN Aspetti biomedici e metodologici delle attività fisiche preventive e adattate Coordinator: Prof.ssa Laura Guidetti XXIII CICLO TESI DI

Dettagli

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica ARBITROCLUB SEZIONE A.I.A. AREZZO Linee Guida Programma di allenamento auto-diretto Caro Associato, di seguito troverai

Dettagli

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE LO YOGA Nel novembre del 2013 è stato attivato un corso sperimentale di YOGA presso il presidio di Chiari. Il corso si è svolto presso l Aula Magna dell Azienda, al di fuori dell orario di servizio. Sono

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - campionato, rappresenta una fase fondamentale per

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - raduno, rappresenta una fase fondamentale per creare i presupposti

Dettagli

Come fare attività fisica nella vita quotidiana

Come fare attività fisica nella vita quotidiana Come fare attività fisica nella vita quotidiana 1 OMS - Regional Office for Europe Cammino e bicicletta http://www.euro.who.int/eprise/main/who/progs/trt /modes/20021009_1 In Europa la maggior parte degli

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

- Scheda tecnica - * BMI: rapporto tra peso e altezza. L Età Wii Fit di questa persona è 21 anni

- Scheda tecnica - * BMI: rapporto tra peso e altezza. L Età Wii Fit di questa persona è 21 anni - Scheda tecnica - Sistema: Nintendo Wii Sviluppatore: Nintendo Distributore: Nintendo Genere: fitness Numero di giocatori: 1 Data di lancio: 24 aprile (in Italia) 25 aprile (resto Europa) Prezzo indicativo

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Conclusioni Dopo aver stabilito quale è in termini di forza, controllo e coordinazione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

19627426.00 DEU/ITA A ITA GUIDA PRATICA ALLA FORMA FISICA

19627426.00 DEU/ITA A ITA GUIDA PRATICA ALLA FORMA FISICA GUIDA PRATICA ALLA FORMA FISICA 19627426.00 DEU/ITA A ITA SOMMARIO 1. Lasciate che sia il cuore a guidarvi!... 3 2. Un mondo di scelte... 4 3. La zona personale di frequenza cardiaca... 6 4. L allenamento

Dettagli

Protocollo numero 1 - recupero breve, scatti

Protocollo numero 1 - recupero breve, scatti Protocolli di lavoro a corpo libero Il lavoro ad alta intensità a corpo libero: 6 protocolli di allenamento ad alta intensità da svolgere a corpo libero. 6 diverse schede di allenamento ad alta intensità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

14/11/2012 Piero Ambretti 1

14/11/2012 Piero Ambretti 1 14/11/2012 Piero Ambretti 1 L efficienza funzionale degli apparati cardiocircolatorio e respiratorio può essere valutata attraverso l effettuazione di specifici test. I parametri ricavati forniscono utili

Dettagli

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO LO STEP L allenamento con lo step è una delle attività cardiovascolari che offre maggiori benefici muscolari. Questo grazie ad un azione ciclica caratterizzata dal continuo salire e scendere dal gradino

Dettagli

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento.

Il Fondo Lento. Analizziamo ora le singole valenze perché voglio che tu capisca bene quali benefici puoi trarre correndo correttamente il fondo lento. 1 Il Fondo Lento Benvenuto, oggi voglio parlarti del FONDO LENTO, uno dei principali mezzi d'allenamento che un atleta di qualsiasi livello ha a disposizione. Il fondo lento ha molteplici valenze: 1) serve

Dettagli

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Programma di

Dettagli

PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI

PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Programma Pre-Campionato Arbitri CRA Caro Arbitro, Il programma di allenamento che trovi in questo allegato ha come obiettivo

Dettagli

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager La mente nella Peak Performance Come gestire la nostra energia Marzio Zanato HR & Performance Manager Fisiologia della Performance 2 Marzio Zanato HR & Performance Manager Velocità del processo (frequenza)

Dettagli

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria

Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria Al Cuore dell Allenamento Firstbeat - Un Software nato dalla ricerca universitaria di Enzo Piccinni Variabilità cardiaca, Training Effect (TE), EPOC. Sono alcuni dei termini destinati a diventare (in breve)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Misura il tuo stato di forma con il 2Km walking test

Misura il tuo stato di forma con il 2Km walking test Misura il tuo stato di forma con il 2Km walking test Quante volte abbiamo pensato di verificare il nostro stato di forma e ci siamo messi alla ricerca di un metodo che ci potesse aiutare in questo? Ricerche

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI

COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI COSTO ENERGETICO NEGLI ISTRUTTORI La ginnastica aerobica è praticata da soggetti di età e caratteristiche fisiche differenti, in prevalenza di sesso femminile, sia a scopo esclusivamente ludico sia per

Dettagli

Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics. Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila

Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics. Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila Introduzione Da diversi anni la pratica dello stretching viene studiata e gode

Dettagli

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione.

IL FIT- TEST. Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione. IL FIT- TEST Chiunque abbia iniziato a praticare uno sport da qualche tempo si sarà chiesto quale sia il valore assoluto della sua prestazione. "Ho fatto 40 vasche in mezz'ora, è un buon risultato?" "Ho

Dettagli

Preparazione fisica a cura del ComSubIn

Preparazione fisica a cura del ComSubIn Preparazione fisica a cura del ComSubIn PREMESSA Il seguente piano di allenamento è frutto dell'esperienza fatta dalla Scuola Incursori ed ha sempre dato buoni risultati. Esso è indirizzato agli individui,

Dettagli

Settore Tecnico A.I.A.

Settore Tecnico A.I.A. Settore Tecnico A.I.A. Corso Arbitro di Calcio Stagione Sportiva 2008/09 Associazione Italiana Arbitri: Corso Arbitro di Calcio Lezione n. 5 5.1. Proposta Routine Riscaldamento Pre-Gara 5.2. Valutazione

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE I documenti di www.mistermanager.it Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE Le Ripetute sono una delle forme di allenamento che caratterizzano i corridori più evoluti, in quanto partono

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di laurea interfacoltà in Scienze delle Attività Motorie e Sportive effettuate all inizio dell attività, durante i controlli predefiniti

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA

CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA CONTROLLO DELL ALLENAMENTO NELLA PALLACANESTRO MODERNA QUALE CARICO? COME ALLENARE? Per definire il modello di allenamento è necessario conoscere i fenomeni fisiologici che si verificano in risposta allo

Dettagli

ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE

ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE ATTIVITÀ FISICA E BENESSERE C O R S O I N T E C N I C A, T E O R I A E D I D A T T I C A D E L L E A T T I V I T À M O T O R I E R I C R E A T I V E E D E L T E M P O L I B E R O. S C I E N Z E E T E C

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza

h a' b b' media mantenuta. Come puoi notare le velocità ottenute in questo test sono B g' g 9,00 m partenza In palestra TR 1 Seven minutes running test (SMRT) Ideato dagli autori, questo test può esserti utile per verificare le capacità di resistenza nella corsa con una prova al coperto. Può servirti anche come

Dettagli

CRA TOSCANA Stagione Sportiva PROGRAMMA ARBITRI EFFETTIVI CALCIO A 11 PERIODO: PAUSA NATALIZIA E DA GENNAIO AD APRILE

CRA TOSCANA Stagione Sportiva PROGRAMMA ARBITRI EFFETTIVI CALCIO A 11 PERIODO: PAUSA NATALIZIA E DA GENNAIO AD APRILE CRA TOSCANA Stagione Sportiva PROGRAMMA ARBITRI EFFETTIVI CALCIO A 11 PERIODO: PAUSA NATALIZIA E DA GENNAIO AD APRILE Carissimo, grazie alla collaborazione tra il Presidente CRA Toscana Matteo Trefoloni

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO

CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Allenamento ciclismo CICLISMO: PRINCIPI DI METODOLOGIA DI ALLENAMENTO Le basi della supercompensazione nel ciclista Il carico di allenamento (o sollecitazione) di un ciclista tende a sfruttare la propria

Dettagli

MOVIMENTO UMANO E COLONNA VERTEBRALE: ALGIE E PATOLOGIE DEL RACHIDE IN ETÀ EVOLUTIVA

MOVIMENTO UMANO E COLONNA VERTEBRALE: ALGIE E PATOLOGIE DEL RACHIDE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÁ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Interfacoltà di Scienze della Formazione Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport MOVIMENTO UMANO E COLONNA VERTEBRALE: ALGIE E

Dettagli

PROGRAMMA SPORT E SALUTE STAGIONE 2015-2016

PROGRAMMA SPORT E SALUTE STAGIONE 2015-2016 PROGRAMMA SPORT E SALUTE STAGIONE 2015-2016 Professional test propone un contributo concreto alle società sportive, attraverso un controllo ed un monitoraggio certificato. Un valore aggiunto per le società

Dettagli

La preparazione per le gare di 10-12 Km

La preparazione per le gare di 10-12 Km I documenti di www.mistermanager.it La preparazione per le gare di 10-12 Km Introduzione: le gare di 10-12 Km, sono le più frequenti nei calendari provinciali; la loro distanza, non impegnativa, rende

Dettagli

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Attività fisica: strumenti per la

Attività fisica: strumenti per la Attività fisica: strumenti per la rilevazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Obiettivo del preparatore fisico Economizzare il più possibile il gesto tecnico

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Quesito 1: Un ricercatore intende studiare la comunicazione delle emozioni nell interazione madrebambino in bambini di età inferiore a un anno.

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

L attivita fisica come strumento di un migliore stile di vita. Dott.Italo Guido Ricagni Dott.Antonio Verginelli

L attivita fisica come strumento di un migliore stile di vita. Dott.Italo Guido Ricagni Dott.Antonio Verginelli L attivita fisica come strumento di un migliore stile di vita. Dott.Italo Guido Ricagni Dott.Antonio Verginelli STILI DI VITA Lo stile di vita è un modo di vivere che ci permette attraverso l alimentazione

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1

VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 VALUTAZIONE DEI RISCHI COLLEGATI ALLO STRESS LAVORO- CORRELATO (D. Lgs. 81/08, art. 28 e s.m.i.) gennaio 2013 1 INDICE Premessa Le fasi del progetto di valutazione Indagine e divulgazione dei dati (Fase

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale

Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto. Alessandro Sale Programma della Back School ed esercizi di ginnastica antalgica in acqua: risultati a confronto Alessandro Sale Valutazione dell efficacia della Back School in soggetti affetti da rachialgia cronica In

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

L attività fisica per guadagnare Salute

L attività fisica per guadagnare Salute ADCS Associazione Diabetici Camuno Sebina L attività fisica per guadagnare Salute edizione 2012 in collaborazione con Città di Darfo Boario Terme Comune di Lovere Comune di Rogno L ATTIVITÀ FISICA PER

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Discrepancy between objective and subjective measures of job stress and sickness absence

Discrepancy between objective and subjective measures of job stress and sickness absence Discrepancy between objective and subjective measures of job stress and sickness absence by David H Rehkopf, ScD, MPH, Hannah Kuper, ScD, Michael G Marmot, PhD, MD Scand J Work Environ Health 2010;36(6):449

Dettagli

Esercizio Fisico e Prevenzione del Sovrappeso in Età Evolutiva

Esercizio Fisico e Prevenzione del Sovrappeso in Età Evolutiva Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Efficienza Fisica Esercizio Fisico

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1

FARE MOVIMENTO. Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA. Risultati PASSI 2007\2009 ASLCN1 STILI DI VITA E MALATTIA Dott.ssa Alessandra Ardizzone Medicina Interna Ospedale di Fossano Dipartimento di Medicina Antiinvalidante Risultati PASSI 2007-2009 ASLCN1 278.000 residenti di età 18-69 anni

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Il training fisico nel paziente scompensato

Il training fisico nel paziente scompensato Il training fisico nel paziente scompensato Il training nel paziente con scompenso cardiaco stabile: Migliora la funzione vascolare periferica, muscolare e metabolica Migliora la funzione respiratoria

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

PILATES WELLNESS YOGA DYNAMIC GAG CARDIO COMBAT TOTAL BODY STEP COREOGRAFICO ABDOMINAL KILLER

PILATES WELLNESS YOGA DYNAMIC GAG CARDIO COMBAT TOTAL BODY STEP COREOGRAFICO ABDOMINAL KILLER Let s fitness Welcome Il successo è un viaggio non una meta e non c è posto migliore per iniziare e continuare questo percorso verso una più attiva, salutare vita di successo. Le Palme fitness & wellness

Dettagli

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre)

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) ADATTAMENTI METABOLICI INDOTTI DALL ALLENAMENTO Obiettivi della lezione Scoprire come l allenamento possa ottimizzare il rendimento dei sistemi energetici e sviluppare

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

Apprendimenti motori e sviluppo psicofisico. Prevenire l abbandono. Francesca Vitali. CeRiSM - Università degli Studi di Verona

Apprendimenti motori e sviluppo psicofisico. Prevenire l abbandono. Francesca Vitali. CeRiSM - Università degli Studi di Verona Apprendimenti motori e sviluppo psicofisico Prevenire l abbandono Francesca Vitali CeRiSM - Università degli Studi di Verona DROPOUT Abbandono prematuro della carriera sportiva (prima che un atleta abbia

Dettagli

Regala un programma di allenamento

Regala un programma di allenamento (ti) Regala un programma di allenamento a) pensi alla SALUTE? b) vuoi RINCOMINCIARE a correre? c) vuoi migliorare le tue PRESTAZIONI? Regala(ti) un programma di allenamento È una nuova forma per regalare

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

Principi base dell allenamento

Principi base dell allenamento ALLENAMENTO DELLA FORZA (ACSM Resource Manual) A cura di: dr Luciano Bissolotti Definizione: rottura della fisiologica omeostasi dell organismo cui consegue un recupero ed un incremento delle capacità

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli